QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO. Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO. Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma Suolo@iss."

Transcript

1 QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma

2 Qualità del dato Le risultanze ottenute da analisi chimiche sono spesso la base per decisioni in merito a: Problematiche ambientali. Problematiche di salute pubblica. Valutazione del Rischio igienico-sanitario. Problematiche di sicurezza alimentare. Problematiche d interesse legale. Quindi perché i dati siano accettati come validi è necessario dimostrare l adeguatezza delle metodiche analitiche scelte nonché l attendibilità dei risultati.

3 GLI OBIETTIVI DI QUALITÀ Definire l errore accettabile e quindi un piano di qualità (requisiti legislativi) Definire gli Obiettivi della Qualità dei Dati DQO S (Data Quality Objectives)

4 Obiettivi di qualità del dato (DQOs) Misure degli obiettivi di qualità(mqos) Sono dichiarazioni numeriche di performance degli obiettivi della qualità dei Dati Si riferiscono specificatamente ai requisiti analitici desiderati da un particolare metodo analitico Sono test di verifica di accettazione per gli Attributi della qualità dei Dati, misurati solitamente mediante i DQIs

5 Indicatori della Qualità dei Dati (DQI s ) PARCCS - Precisione - Accuratezza (deviazione della misura o esattezza) - Rappresentatività - Completezza - Comparabilità - Sensibilità

6 Indicatori di Qualità dei Dati Gli DQIs sono misure quantitative e qualitative degli attributi principali della qualità Indicatori Quantitativi - precisione, deviazione della misura e sensibilità Indicatori Qualitativi - rappresentatività, comparabilità, e completezza

7 INDICATORI Quantitativi

8 PRECISIONE La precisione è la misura di accordo fra misure ripetute della stessa proprietà nelle identiche circostanze o in circostanze sostanzialmente simili è un componente dell incertezza di misura Si esprime come range, %RPD o come deviazione standard dei risultati ottenuti Determinazione Repliche di CRM possono essere utilizzate per la determinazione della precisione di un metodo analitico

9 Deviazione della misura (BIAS) Bias è la distorsione sistematica o persistente di un processo di misura che causa l'errore in un unica direzione Il Bias è un indicatore quantitativo della grandezza dell'errore sistematico derivante da diverse cause Si esprime come % di recupero

10 Verifica del bias Calibrazione strumentale Bianchi Campioni Materiale di riferimento

11 Calibrazione strumentale Punti richiesti almeno 3 Bianco del punto zero trattamento del campione possibilmente quello di Concentrazione del campione ove possibile deve essere a circa metà della retta di calibrazione Linearità della taratura Coefficiente di correlazione più vicino a 1

12 Controllo dei bianchi Il controllo dei bianchi può aiutare a definire il bias Bianco strumentale Bianco dell intera procedura analitica Bianco di calibrazione

13 Bianchi di Strumento Servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti all effetto memoria strumentale - (freq. su esigenza, dopo campioni inquinanti) Consiste nell analizzare un bianco del solvente usato per l analisi I Bianchi strumentali sono sotto controllo quando: - il loro valore è inferiore al limite di quantificazione

14 Bianchi del Metodo Servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti a vetreria, reagenti e laboratorio - ogni 20 campioni Consiste nell analizzare un bianco del solvente usato per l analisi sottoposto a tutte le operazioni del metodo I Bianchi del metodo sono sotto controllo quando: - il loro valore è inferiore al limite di quantificazione

15 Bianchi di Calibrazione Servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti all effetto memoria strumentale riscontrati dopo il controllo della calibrazione Consiste nell analizzare un bianco del solvente usato per l analisi I Bianchi di calibrazione sono sotto controllo quando: - Il loro valore è inferiore al limite di quantificazione

16 Controllo dei Campioni Sui campioni va eseguito un controllo iniziale per definire: eventuali diluizioni; verifica delle interferenze; verifica delle scelte dei parametri strumentali;

17 Materiale di riferimento Usato in tutte le procedure che caratterizzano l attività del QA e QC. Nel caso specifico i materiali di riferimento servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti al metodo eseguito su una matrice reale seppur omogenea. I MCR sono sotto controllo quando il loro valore trovato è nei limiti definiti

18 ACCURATEZZA È una misura complessiva della precisione (errori statistici) e del bias (errori sistematici) durante l esecuzione del metodo L accuratezza si compone di precisione e di bias

19 L influenza del Bias e della precisione sull accuratezza generale Imprecisi e deviati poco preisi e poco deviati Precisi e deviati Precisi e non deviati

20 QUALITA DEL DATO MATERIALI DI RIFERIMENTO La funzione dei materiali di riferimento è rivolte alla: - calibrazione della strumentazione; - sviluppo e valutazione dei metodi; - qualificazione della riferibilità della misura; - ed a tutte quelle funzioni che caratterizzano l'attività di Quality Assurance (QA) e Quality Control (QC).

21 CASO STUDIO Nel Laboratorio di Igiene Ambientale dell Istituto Superiore di Sanità è stato condotto uno studio approfondito sulla determinazione del contenuto totale di arsenico in una matrice solida. Per lo studio in questione è stato utilizzato un materiale di riferimento del tipo BCR n. 141R rappresentato da un suolo calcareo.

22 SCHEMA OPERATIVO Prove di Recupero Mineralizzazione di due soluzioni standard con concentrazione di As pari a 50 e 100 µg/l rispettivamente Letture strumentali mediante ICP-AES, ETAAS con correttori di fondo Zeeman e lampada al Deuterio Prova sul materiale di riferimento Mineralizzazione del campione in sei vessels Lettura strumentale in triplo per ogni vessel con gli stessi strumenti sopra elencati

23 PROVE DI RECUPERO RISULTATI Le prove di recupero non hanno evidenziato particolari problemi né durante il processo di mineralizzazione né, tantomeno, durante l'analisi strumentale in entrambe le tecniche saggiate. I risultati sono stati soddisfacenti poiché il recupero è stato del 95% nella soluzione standard da 100 µg/l e del 108% nella soluzione standard da 50 µg/l per entrambe le due diverse tecniche strumentali.

24 PROVE DI RECUPERO LETTURA ICP-AES

25 PROVE SUL BCR RISULTATI Sulla matrice suolo sono stati riscontrati interferenze di riga durante le determinazioni in ICP-AES e di matrice durante le analisi in ETAAS (con correttore di fondo con lampada al Deuterio). Per entrambe le tecniche strumentali è stato necessario cambiare la lunghezza d onda, passando da una più sensibile ( nm) ma con interferenti, ad una meno sensibile ( nm) priva di interferenze.

26 LETTURA ICP-AES 193,696 nm As line

27 LETTURA ICP-AES 188,979 nm As line

28 LETTURA ETAAS (Deuterium) 193,696 nm As line

29 LETTURA ETAAS (Deuterium) 188,979 nm As line

30 LETTURA ETAAS (Zeeman) 193,696 nm As line

31 RING TEST Lo stesso materiale di riferimento è stato utilizzato per uno studio di intercalibrazione. I partecipanti alla prova hanno usato, oltre alle tecniche strumentali precedentemente descritte, altre due tecniche spettroscopiche, in particolare spettroscopia in assorbimento atomico con sviluppo d idruri e spettroscopia in ICP-MS.

32 Valori trovati nel materiale di riferimento BCR 141 R determinati con le due lunghezze d onda con le diverse tecniche di assorbimento atomico (mg/kg s.s.) ETAAS Deuterio ETAAS Zeeman HAAS 188,98 nm 193,70 nm 188,98 nm 193,70 nm 188,98 nm 193,70 m VESSEL 1 9,13 42,1 n.d. 10,7 n.d. 7,33 VESSEL 2 8,45 37,2 n.d. 8,89 n.d. 7,68 VESSEL 3 8,14 35,4 n.d. 9,00 n.d. 14,9 VESSEL 4 8,07 40,4 n.d. 10,5 n.d. 8,45 VESSEL 5 9,38 36,7 n.d. 10,3 n.d. 6,60 VESSEL 6 8,01 37,8 n.d. 8,87 n.d. 8,88 Valore trovato 8,53 ± 0,53 38,3 ± 2,5-9,71 ± 0,80-8,97 ± 2,75 Valore certificato 8,84 ± 0,43 n.d. = non determinato perché non necessario

33 Valori trovati nel materiale di riferimento BCR 141 R determinati mediante ICP-AES e ICP-MS (mg/kg s.s.) ICP-AES ICP-MS 188,98 nm 193,70 nm VESSEL 1 10,5 n.d. 8,6 VESSEL 2 11,6 n.d. 11,2 VESSEL 3 10,2 n.d. 11,6 VESSEL 4 11,4 n.d. 13,1 VESSEL 5 10,9 n.d. 13,3 VESSEL 6 10,3 n.d. 10,3 Valore trovato 10,8 ± 0,56-11,6 ± 1,90 Valore certificato 8,84 ± 0,43

34 Grafico comparativo dei valori medi e deviazioni standard dei risultati di As ottenuti mediante diverse tecniche di spettroscopia (mg/kg ss) Valori trovati Valore di riferimento 12 mg/kg ss ETAAS Deuterium 188,98 nm ETAAS Zeeman 193,70 nm HAAS 193,70 nm ICP-AES 188,98 nm ICP-MS

35 CONCLUSIONI Non è del tutto semplice determinare i microinquinanti inorganici, soprattutto in matrici ambientali complesse ed eterogenee. L uso routinario del materiale di riferimento permette di risolvere problemi che non sarebbero neanche evidenziati, garantendo la qualità del dato finale. La partecipazione a studi di intercalibrazione o ring-test si rivela molto utile, in alcuni casi risolutiva, poiché permette di valutare, mediante elaborazione statistica dei risultati, alcune criticità legate alle metodiche stesse di analisi e non ad errori dell operatore. La possibilità di scelta della tecnica strumentale più idonea è molto ampia, purché si prenda coscienza dei pregi e dei difetti di ogni tecnica strumentale.

36 SENSIBILITÀ La sensibilità è la possibilità di un metodo o di uno strumento di discriminare fra le risposte di misura La sensibilità può essere considerata come il limite di rivelabilità - ma questo termine è usato spesso senza definire che cosa si intende (rivelazione o quantificazione minima) DQI la sensibilità descrive la possibilità di misurazione del costituente ai bassi livelli - un livello pratico di quantificazione descrive la capacità di misurare un costituente con la certezza conosciuta

37 Limiti di rivelabilità Limite di rivelabilità strumentale E la minima concentrazione misurata da cui si possa dedurre con ragionevole certezza statistica la presenza dell analita. E numericamente uguale a tre volte la deviazione standards del valore medio della soluzione standards dell analita più prossima al bianco, sottratto del bianco stesso. Il calcolo deve essere effettuato su almeno dieci repliche di soluzione standards e dieci repliche di bianco. Il bianco è definito come il procedimento analitico completo, con omissione del campione di prova. Limite di rivelabilità del metodo E la minima concentrazione misurata da cui si possa dedurre con ragionevole certezza statistica la presenza dell analita tenendo conto dell intera procedura analitica. E numericamente uguale al limite di rivelabilità strumentale per il fattore di diluizione. Limite di quantificazione E il più basso tenore di analita misurabile con ragionevole certezza statistica. Qualora sia l accuratezza che la precisione siano costanti in un campo di concentrazione intorno al limite di rivelazione. Il limite di qualificazione sarà numericamente uguale a dieci volte la deviazione standards del valore medio della soluzione standards dell analita più prossima al bianco, sottratto del bianco stesso. Il bianco è definito come il procedimento analitico completo, con omissione del campione di prova.

38 Quality Associated with Calibration Regions Zero Analyte Concentration Approximate MDL Level Approximate PQL Level Region of high uncertainty Region of certain detection Region of less certain quantification Region of certain quantification Matrix/method blank 3σ LOD LOQ 10 σ LOD = limit of detection LOQ = limit of quantitation σ = population standard deviation Instrument signal, standard deviation units

39 VERIFICA La verifica di dati si riferisce alle procedure necessarie per accertarsi se un insieme di dati sia una riflessione fedele di tutti i processi e le procedure seguite per generare i dati la verifica è un processo di valutazione che richiede l'esame obiettivo della complessità, correttezza e conformità di uno specifico set di dati, rispetto ai metodi, alle procedure e alle condizioni progettuali precedentemente definite

40 Attività tipiche di verifica -Confermare che le pratiche richieste dal metodo, dalla procedura o dai requisiti del progetto, siano state realmente impiegate -Effettuare indipendentemente il doppio controllo dei calcoli -Confermare che le note del laboratorio o di campo siano costanti con i rapporti convenzionali -Valutazione analitica e incertezza del campo -Controllare le operazioni sistema di gestione informativo del laboratorio

41 INDICATORI Quantitativi

42 DQIs da considerare nelle verifica Completezza: Abbiamo ottenuto il numero voluto di punti di riferimenti dei campioni, con i metà dati corrispondenti? Comparabilità: Possiamo confermare che tutti i campioni sono stati analizzati usando i metodi paragonabili? Rappresentatività: Lo schema di campionamento previsto è stato seguito giustamente?

43 COMPLETEZZA La completezza è una misura della quantità di dati validi ottenuti da un sistema di misura, espresso come percentuale del numero di misure valide che dovrebbero essere raccolte il DQI per la completezza è spesso espresso come percentuale Completezza % = numero di risultati validi/numero di possibili risultati

44 COMPARABILITÀ La comparabilità è la confidenza con la quale un set di dati può essere comparato con un altro set di dati. I set di dati da confrontare devono avere la stessa seguenza di analiti/varibili da ricercare Le unità di misura usate devono essere le stesse Le procedure analitiche usate devono essere equiparabili ed avere lo stesso tipo di performance: Precisione, Bias, Limiti di Rivelabilità, Standard utilizzati I protocolli di assicurazione della qualità dei dati devono essere gli stessi (stessi QC) Le regole per escludere certi dati dai set devono essere uguali Il campionamento deve essere fatto in modo ed in tempistiche paragonabili e in posti uguali (dove possibile) Le variabili macroscopiche dei set devono essere paragonabili

45 RAPPRESENTATIVITÀ La rappresentatività è la misura del grado con cui i dati adeguatamente rappresentano una caratteristica di una popolazione di campioni o di una matrice d interesse Si misura mediante un appropriato programma di prelievo dei campioni (tecniche e procedure definite) Si valuta mediante la valutazione dei dati relativi ai QC di campo Influenze: l omogeneità del sito l omogeneità del campione rispetto ad un punto preciso dell area campionata Carenza di informazioni nel piano di campionamento. L utilizzo di metodiche analitiche non omogenee o con diversi DQO

46 VALIDAZIONE E la conferma che deriva da un controllo dove si evidenzia il raggiungimento di obiettivi specifici richiesti, per un uso predefinito.

47 DQIs da considerare nella validazione Sensibilità: I limiti di rivelabilità voluti sono stati realizzati? Accuratezza: Sono stati raggiunti I recuperi prefissati? Precisione: Sono stati raggiunti gli obiettivi delle prestazioni stabiliti nel programma dell assicurazione della qualità?

48 INTEGRITÀ La mancanza di integrità interessa tutte le funzioni dell'interpretazione di dati. La mancanza di integrità include : manipolazione delle misure di QC la falsificazione dei dati manipolazione dei risultati durante l'analisi omissione di condurre i punti analitici richiesti alterazione delle analisi dei risultati

49 RIFERIMENTI US-EPA Sito: QA/G-4 Guidance for the Data Quality Objectives Process QA/G-5 EPA Guidance for Quality Assurance Project Plans QA/G-5I Guidance for the Data Quality Indicators QA/G-8 Guidance on Environmental Data Verification and Validation

50 SUGGERIMENTI ISS Si ritiene che sussista una difformità non accettabile nel confronto tra i dati analitici dei laboratori a vario titolo coinvolti quando si verificano i seguenti casi: Parametri inorganici: (metalli e non metalli): intervallo di variabilità tra i dati > ± 20% Parametri organici: intervallo di variabilità tra i dati >±50% Se si è in presenza di un caso del genere, si ritiene che si debba procedere nel seguente modo

51 SCENARIO A Si procede ad una intercalibrazione, dalle risultanze di tale intercalibrazione si possono prospettare alcune situazioni: 1) entrambi i laboratori determinano correttamente i valori di concentrazione relativi al materiale di riferimento, e quindi dimostrano di lavorare con procedure idonee. In tal caso ripetere di nuovo le analisi dei due campioni, uniformando, ove necessario, i protocolli operativi adottati. Eventualmente operare uno scambio dei campioni al fine di verificare l omogeneità degli stessi.

52 SCENARIO A 2) uno dei due laboratori non determina correttamente i valori certificati. In tal caso sarebbe opportuno per ulteriore conferma ripetere l analisi da parte dell altro laboratorio coinvolto, in presenza di un rappresentante del primo laboratorio. I valori determinati e confermati in questa fase saranno quelli da prendere per validi. 3) entrambi i laboratori non determinano correttamente i valori di concentrazione certificati. In tal caso prioritariamente andranno verificate le procedure analitiche adottate, al fine di produrre un protocollo condivisibile da entrambi i laboratori e ripetere le analisi. Qualora l esito sia ancora negativo, si dovranno analizzare soluzioni ad hoc caso per caso in funzione delle procedure analitiche adottate, sia di preparazione del campione sia di tecnica strumentale.

53 SCENARIO B Nel caso in cui sia impossibile reperire in commercio un materiale di riferimento in matrice suolo per lo specifico analita/i in questione, si può ipotizzare di produrne uno ad hoc, in cui l analita/i è presente a concentrazione nota solo dall Ente supervisore. Dopodiché si avranno gli stessi scenari ipotizzati al punto A).

54 SCENARIO C Nel caso in cui non sia possibile reperire o produrre un materiale che presenta le stesse caratteristiche di matrice e concentrazioni confrontabili di analita, si possono fare le seguenti ipotesi: 1. prioritariamente procedere ad uno scambio dei 2 campioni originali e ripetere le analisi. Ciò permetterà una prima valutazione sulla omogeneità dei due campioni. Nel caso di esito ancora discorde si dovrà utilizzare il terzo campione di suolo, fermo restando che il terzo campione sia da considerarsi rappresentativo della massa di suolo campionato, e facente parte dello stesso campione primario. Tale 3 campione andrà suddiviso in tre aliquote, di cui una conservata ancora come testimone da utilizzare eventualmente per una ulteriore indagine di dettaglio, e ripetere le analisi sulle aliquote del terzo campione

55 SCENARIO C come ultima soluzione nell ipotesi in cui si hanno anche sulle due aliquote del terzo campione di suolo dati discordanti, si propone di utilizzare la terza aliquota (qualora sufficiente in termini quantitativi per una analisi esaustiva) da analizzare congiuntamente, da parte di tutti i tecnici dei due laboratori interessati, dopo aver messo a punto concordemente un preciso protocollo operativo. I risultati ottenuti saranno considerati validi ai fini della caratterizzazione.

Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati

Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati Metodi di analisi e criteri di validazione dei dati Eleonora Beccaloni Istituto Superiore di Sanità Eleonora Beccaloni 1 Piano Analisi SOSTANZE DA ANALIZZARE Per qualsiasi tipologia di area andranno esaminati

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

Materiali di Riferimento nella Chimica Analitica

Materiali di Riferimento nella Chimica Analitica Materiali di Riferimento nella Chimica Analitica Definizioni e Classificazione 1 IL RUOLO DEI MATERIALI DI RIFERIMENTO NEL CONSEGUIMENTO DELLA QUALITA IN CHIMICA ANALITICA E facile immaginare come l impatto

Dettagli

Criteri applicativi ed esperienze relative alla verifica della conduzione delle prove chimiche

Criteri applicativi ed esperienze relative alla verifica della conduzione delle prove chimiche AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l accreditamento I.S.S. - Roma, 13-14 Dicembre

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Il punto sulla direttiva IPPC Palazzo Medici Riccardi Firenze 27 novembre 2013 Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Mauro Rotatori Direttiva IED (2010/75/CE) La

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

Gaia Piccini. Validazione dei metodi di prova e stima dell incertezza di misura Teramo 3-4,10-11/12/2008

Gaia Piccini. Validazione dei metodi di prova e stima dell incertezza di misura Teramo 3-4,10-11/12/2008 Validazione dei metodi di prova e stima dell incertezza di misura Teramo 3-4,10-11/12/2008 1 VALIDAZIONE DEI METODI DI PROVA PROVE CHIMICHE/FISICHE 2 La norma ISO 17025 prevede al punto 5.4.5, che : Il

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Chimica Analitica

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3220. Nichel Il nichel è abbastanza diffuso in natura e risulta uniformemente distribuito nell ambiente; a seconda delle diverse fonti bibliografiche esso occupa una posizione compresa tra il 23 ed il

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre

1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Ugo Marchesi 1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre Riferibilità del risultato analitico

Dettagli

Da Eurachem e Nordtest linee guida per la terminologia e il controllo di qualità interno

Da Eurachem e Nordtest linee guida per la terminologia e il controllo di qualità interno Da Eurachem e Nordtest linee guida per la terminologia e il controllo di qualità interno Michela Sega Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica - INRiM Marina Patriarca Istituto Superiore di Sanità - ISS

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3160. Ferro Il ferro è il quarto elemento per abbondanza nella crosta terrestre. Si trova raramente allo stato nativo, mentre i minerali più importanti del ferro sono FeS 2, Fe 3 O 4, FeCO 3, Fe 2 O 3.

Dettagli

Linea Guida UNICHIM. Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE. Bologna, 5 giugno 2014

Linea Guida UNICHIM. Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE. Bologna, 5 giugno 2014 Linea Guida UNICHIM Marta Ranieri ArpaER SGI:SQE Bologna, 5 giugno 2014 1 Linea Guida UNICHIM La Qualità del dato analitico in campo ambientale Bozza in Revisione 7 del 14/02/14 2 In campo ambientale La

Dettagli

Criteri di elaborazione delle linee guida

Criteri di elaborazione delle linee guida Criteri di elaborazione delle linee guida Maurizio Bettinelli Convegno sul tema: Linee guida UNICHIM per l armonizzazione dei metodi di prova in campo ambientale. Prove interlaboratorio e stato di avanzamento

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR

Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR 1 Introduzione I metodi analitici conventionali sono stati usati per monitorare i principali parametri del caffé. Normalmente, i costi ed il lavoro necessario

Dettagli

LA VALIDAZIONE DEI METODI ANALITICI

LA VALIDAZIONE DEI METODI ANALITICI Ancona 7 ottobre 003 Validazione dei metodi ed incertezza di misura nei laboratori di prova: le linee guida della Agenzie Ambientali. LA VALIDAZIONE DEI METODI ANALITICI Graziano Bonacchi ARPAT Agenzia

Dettagli

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l Limiti di legge Acque Potabili (D.Lgs 3/00): 5 ug/l A. Superficiali e Sotterranee(D.Lgs 5/999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 008 (Decreto 367/003): 0, ug/l La stima della ripetibilità intermedia (S I )

Dettagli

Corso di Metrologia applicata alla Meteorologia 20 Marzo 2013 Nozioni di metrologia Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica INRiM Torino g.lopardo@inrim.it Sommario Riferibilità Metrologica Incertezza

Dettagli

Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD. Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna

Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD. Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna Controllo Qualità L'analisi è un procedimento metrologico che ha lo

Dettagli

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005

L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 L 143/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.6.2005 DIRETTIVA 2005/38/CE DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 relativa ai metodi di campionamento e di analisi per il controllo ufficiale del tenore

Dettagli

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro

I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro I sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni (SMCE) Sandro Garro Dal BREF Monitoring : 2.1 Perché monitorare? - per controllare che le emissioni rientrino nei VLE e quindi per la valutazione di

Dettagli

VALIDAZIONE, STIMA DELL INCERTEZZA E ASSICURAZIONE DEL DATO ANALITICO ALLA LUCE DEI REGOLAMENTI EUROPEI

VALIDAZIONE, STIMA DELL INCERTEZZA E ASSICURAZIONE DEL DATO ANALITICO ALLA LUCE DEI REGOLAMENTI EUROPEI VALIDAZIONE, STIMA DELL INCERTEZZA E ASSICURAZIONE DEL DATO ANALITICO ALLA LUCE DEI REGOLAMENTI EUROPEI Corso ACCREDIA ISS Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai laboratori accreditati

Dettagli

5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2.

5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2. 5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2.01] CAMPIONE DI RIFERIMENTO Campione, generalmente della migliore

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3050. Alluminio L alluminio, con un contenuto di circa l 8% nella crosta terrestre rappresenta il metallo più abbondante sulla Terra e il terzo elemento della litosfera dopo l Ossigeno e il Silicio. Il

Dettagli

ESPRESSIONE DEL DATO ANALITICO

ESPRESSIONE DEL DATO ANALITICO ESPRESSIONE DEL DATO ANALITICO E impossibile effettuare una analisi chimica con risultati privi di incertezza, è quindi necessario determinare il grado di incertezza associato alla misura per ogni campione

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 10 Angelo Bonomi CONSIDERAZIONI SUL MONITORAGGIO Un monitoraggio ottimale dipende dalle considerazioni seguenti:

Dettagli

Linee guida per la validazione dei metodi analitici e per il calcolo dell incertezza di misura

Linee guida per la validazione dei metodi analitici e per il calcolo dell incertezza di misura Linee guida per la validazione dei metodi analitici e per il calcolo dell incertezza di misura I. Scaroni Eccellenza Microinquinanti Organici ARPA Emilia-Romagna - Sezione di Ravenna Gruppo di lavoro chimici

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 419B-2012 METODI SPECIFICI PER L ANALISI DELLO ZUCCHERO D UVA (MOSTI D UVA CONCENTRATI RETTIFICATI)

RISOLUZIONE OIV-OENO 419B-2012 METODI SPECIFICI PER L ANALISI DELLO ZUCCHERO D UVA (MOSTI D UVA CONCENTRATI RETTIFICATI) RISOLUZIONE OIV-OENO 419B-2012 METODI SPECIFICI PER L ANALISI DELLO ZUCCHERO D UVA (MOSTI D UVA CONCENTRATI RETTIFICATI) L ASSEMBLEA GENERALE, VISTO l'articolo 2, Paragrafo 2 iv, dell'accordo del 3 aprile

Dettagli

Le analisi dei suoli per la realizzazione della carta pedogeochimica

Le analisi dei suoli per la realizzazione della carta pedogeochimica Le analisi dei suoli per la realizzazione della carta pedogeochimica Amorosi Alessandro, Billi Laura, Guermandi Marina, Marchi Nazaria, Sammartino Irene Bologna, 28 aprile 2010 Carta pedogeochimica della

Dettagli

Modulo della PGQ 13 Revisione: 13 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5

Modulo della PGQ 13 Revisione: 13 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5 PREMESSA Il laboratorio metrologico della Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo del CTG, di seguito denominato CENTRO, è accreditato

Dettagli

Valutazione dell incertezza nelle misure analitiche: metodo metrologico

Valutazione dell incertezza nelle misure analitiche: metodo metrologico Bologna 25 novembre 2004 Valutazione dell incertezza nelle misure analitiche: metodo metrologico Maria Belli Dipartimento Stato Ambiente & Metrologia Ambientale Servizio Metrologia Ambientale Definizioni

Dettagli

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI Pag. 1 di 12 7. REQUISITI TECNICI L ispettore tecnico deve compilare l intestazione della propria check list con i dati pertinenti dell organizzazione. A fine visita, deve consegnare all ispettore di sistema

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

La validazione dei metodi di analisi: una garanzia per la qualità dei risultati analitici

La validazione dei metodi di analisi: una garanzia per la qualità dei risultati analitici Università degli Studi di Cagliari 4 Marzo 2011 La validazione dei metodi di analisi: una garanzia per la qualità dei risultati analitici Elio Desimoni Università degli Studi di Milano elio.desimoni@unimi.it

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE 25.6.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 166/9 REGOLAMENTO (UE) N. 619/2011 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2011 che fissa i metodi di campionamento e di analisi per i controlli ufficiali degli

Dettagli

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Andrea Gallonzelli Stazione Sperimentale per i Combustibili www.ssc.it 1 Metodi di prova prodotti petroliferi I metodi di prova sono utilizzati

Dettagli

La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica

La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica Protocollo regionale ed esperienze a confronto Baggiovara (MO), 26/11/2010 PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL CONTROLLO DI QUALITÀ

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010

Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010 Roma, 30 novembre 2 dicembre 2010 ? FIT FOR PURPOSE SAMPLING T R A C E A B I L I T Y along Food and Feed Chain Whys and Wherefores of a reliable sampling Official control Legal disputes Coexistence Compliance

Dettagli

Corso di laurea in Scienze Motorie. Corso di Statistica. Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 2: Misurazione, tabelle

Corso di laurea in Scienze Motorie. Corso di Statistica. Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 2: Misurazione, tabelle Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione : Misurazione, tabelle 1 Misurazione Definizione: La misura è l attribuzione di un valore numerico

Dettagli

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. 20.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 364/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1882/2006 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2006 che stabilisce metodi di campionamento ed analisi per il controllo ufficiale

Dettagli

A = bc. Spettroscopia atomica di assorbimento. Assorbimento (AAS)

A = bc. Spettroscopia atomica di assorbimento. Assorbimento (AAS) Spettroscopia atomica di assorbimento Nella spettroscopia atomica di assorbimento l assorbimento di una radiazione da parte degli atomi di un elemento viene sfruttato per la quantificazione Assorbimento

Dettagli

Campionamento e analisi delle micotossine

Campionamento e analisi delle micotossine Campionamento e analisi delle micotossine Emma Tealdo, Veneto Agricoltura 5.1 Introduzione Un corretto campionamento è il presupposto essenziale per un metodo analitico affidabile, tenendo presente che

Dettagli

Contaminazione dell olio di girasole con prodotti di oli minerali

Contaminazione dell olio di girasole con prodotti di oli minerali Contaminazione dell olio di girasole con prodotti di oli minerali Conclusioni del Gruppo esperti del 6 Giugno 2008 e del 20 Giugno 2008, approvate dal Comitato Permanente del 20 Giugno 2008 Requisiti dei

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE. indice

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE. indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o

Dettagli

La metrologia ed il controllo di qualità

La metrologia ed il controllo di qualità ACCREDIA L ente italiano di accreditamento La metrologia ed il controllo di qualità Torino, martedì 21 Gennaio 2014 Funzionario Tecnico di ACCREDIA DT Rosalba Mugno 1-36 Perché è importante la Riferibilità

Dettagli

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva Introduzione L accuratezza del sistema è stata valutata in base allo standard ISO 15197:2003. Il sangue capillare di soggetti a cui è

Dettagli

METALLI E SPECIE METALLICHE

METALLI E SPECIE METALLICHE 3250. Rame Il rame è abbastanza diffuso nella crosta terrestre con una concentrazione media valutata tra 23,6 e 47 mg/kg e si può trovare sia allo stato elementare che associato con altri elementi in minerali

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT Mario Mosca SIT-IMGC/CNR e-mail: m.mosca@imgc.to.cnr.it 5.4 METODI DI TARATURA E LORO VALIDAZIONE 5.4.1 Generalità 5.4.2 Scelta dei metodi

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle 5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle tarature eseguite. I dati risultanti devono essere registrati

Dettagli

Come calcolare il costo "vero" del prodotto

Come calcolare il costo vero del prodotto Come calcolare il costo "vero" del prodotto In questi tempi di crisi o di lenta ripresa è molto importante riuscire a valutare nel modo corretto il costo reale del prodotto, soprattutto per la piccola

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto e/o contenenti Amianto

Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto e/o contenenti Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti Amianto: situazione italiana 12 dicembre 2013 Aula Pocchiari, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto

Dettagli

Dr. Francesco Beccari. Diessechem Srl, Via Meucci 61/b, 20128 Milano

Dr. Francesco Beccari. Diessechem Srl, Via Meucci 61/b, 20128 Milano RAMAN SORS per l identificazione delle materie prime attraverso il contenitore originale e RAMAN TRS per la misura spettrofotometrica della content uniformity Dr. Francesco Beccari Diessechem Srl, Via

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 05/10/2010 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 05/10/2010 31 58046 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Esercizi di valutazione di qualità delle analisi sulle diverse matrici biologiche utilizzate nell' analisi di farmaci e sostanze d' abuso

Esercizi di valutazione di qualità delle analisi sulle diverse matrici biologiche utilizzate nell' analisi di farmaci e sostanze d' abuso Esercizi di valutazione di qualità delle analisi sulle diverse matrici biologiche utilizzate nell' analisi di farmaci e sostanze d' abuso Simona Pichini, Ilaria Palmi, Rita di Giovannandrea Dipartimento

Dettagli

Real Time Control (RTC)

Real Time Control (RTC) Real Time Control (RTC) Controllo di Qualità Interno (CQI) e Valutazione Esterna di Qualità (VEQ) Il controllo di qualità in Medicina di laboratorio si articola nell esecuzione del Controllo di Qualità

Dettagli

Nuova procedura di misurazione degli idrocarburi nelle acque: sviluppo e convalida Paolo de Zorzi Servizio Metrologia Ambientale - ISPRA Roma, 26 novembre 2014 Un processo condiviso a) Costituzione Gruppo

Dettagli

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica negli esperimenti reali si effettuano sempre un numero finito di misure, ( spesso molto limitato ) l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica descrittiva

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB

Associazione Italiana Allevatori RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB Pagina 1 di 40 RELAZIONE DEI TEST FUNZIONALI ESEGUITI SULLO STRUMENTO FOOD LAB Nel periodo di luglio-ottobre 2001 sono state eseguite 2500 prove per verificare il funzionamento dello strumento FoodLab,

Dettagli

Errori di una misura e sua rappresentazione

Errori di una misura e sua rappresentazione Errori di una misura e sua rappresentazione Il risultato di una qualsiasi misura sperimentale è costituito da un valore numerico (con la rispettiva unità di misura) ed un incertezza (chiamata anche errore)

Dettagli

Incertezza delle misure e metodi di controllo

Incertezza delle misure e metodi di controllo Corso di Formazione APC MONITORAGGIO DI SPOSTAMENTI NEL SOTTOSUOLO E PRESSIONI INTERSTIZIALI SOTTO FALDA Incertezza delle misure e metodi di controllo Lucia Simeoni Università degli Studi dell Aquila Dipartimento

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Seminario L ACCREDITAMENTO: SIGNIFICATO PER I LABORATORI ED APPLICAZIONE NEI CONTROLLI DEGLI ALIMENTI

Seminario L ACCREDITAMENTO: SIGNIFICATO PER I LABORATORI ED APPLICAZIONE NEI CONTROLLI DEGLI ALIMENTI Seminario L ACCREDITAMENTO: SIGNIFICATO PER I LABORATORI ED APPLICAZIONE NEI CONTROLLI DEGLI ALIMENTI Accreditamento di una prova per un laboratorio pubblico: l esperienza dell IZSUM nella validazione

Dettagli

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI

VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI VALIDAZIONE SECONDO LE NORME ISO ED UNI-ENV-ISO DEL METODO COLORIMETRICO QUANTITATIVO MBS CONTA DI COLIFORMI IN ACQUE SUPERFICIALI Le metodiche sperimentali e le analisi statistiche che vengono applicate

Dettagli

Risultati accurati grazie all'assicurazione della qualità analitica

Risultati accurati grazie all'assicurazione della qualità analitica REPORT APPLICATIVO ANALISI DI LABORATORIO & ANALISI DA PROCESSO ASSICURAZIONE QUALITA ANALITICA Risultati accurati grazie all'assicurazione della qualità analitica Qualità garantita ed analisi costituiscono

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani Giuristi&diritto.it dirittoi fattori che influenzano il risultato derivante da test preliminari su matrice

Dettagli

ISO 15189 2007: Laboratori Medici particolari requisiti per la qualità e la competenza

ISO 15189 2007: Laboratori Medici particolari requisiti per la qualità e la competenza ISO 15189 2007: Laboratori Medici particolari requisiti per la qualità e la competenza Dr.ssa Eletta Cavedoni Cosmolab srl Tortona Corso di Controllo e Gestione Qualità Università degli Studi di Pavia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SQ UNI EN ISO 9001:2000 - Certificato CSQ 9122 ASLB. LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina 1 di 25

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SQ UNI EN ISO 9001:2000 - Certificato CSQ 9122 ASLB. LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina 1 di 25 LABORATORIO DI SANITÀ PUBBLICA Pagina di 5 INDICE. SCOPO pag.. CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3. DEFINIZIONI pag. 4. RESPONSABILITÀ pag. 5 5. MODALITÀ OPERATIVE pag. 6 5. Validazione primaria pag. 7 5. Validazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI PRINCIPIO DI REVISIONE 002 (CNDCEC PR 002) MODALITA DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE DI CONTROLLO CONTABILE AI SENSI DELL ART. 2409

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento.

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento. ISO 7218:2007 Microbiology of food and animal feeding stuffs-general requirements and guidance for microbiological examinations. Implicazioni per il laboratorio e per la conduzione degli audit S. Morabito

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

PERKINELMER DEI CORSI 2010 PRESENTAZIONE

PERKINELMER DEI CORSI 2010 PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE DEI CORSI 2010 PERKINELMER Il Servizio di Supporto Analitico PerkinElmer Italia presenta il calendario dei corsi per l anno 2010, che si terranno presso la sede di Monza, se non diversamente

Dettagli

Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile ALLEGATO C SERVIZI DI R A D I O P R O T E Z I O N E

Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile ALLEGATO C SERVIZI DI R A D I O P R O T E Z I O N E Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile ALLEGATO C SERVIZI DI R A D I O P R O T E Z I O N E Febbraio 2012 Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

GPL e odorizzanti: il contributo SSC per migliorare la sicurezza dell utente finale

GPL e odorizzanti: il contributo SSC per migliorare la sicurezza dell utente finale GPL e odorizzanti: il contributo SSC per migliorare la sicurezza dell utente finale Nuovo metodo UNICHIM per la determinazione gascromatografica del t-butilmercaptano nella fase gassosa del GPL Paola COMOTTI

Dettagli

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dott. Stefano De Martin ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Valutazione dell incertezza di misura: esperienza di un laboratorio accreditato per gli OGM ARPA Friuli Venezia Giulia RGQ Dipartimento di Pordenone L accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Dettagli