QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO. Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO. Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma Suolo@iss."

Transcript

1 QUALITÀ, VERIFICA E VALIDAZIONE DEL DATO Eleonora Beccaloni Reparto Suolo e Rifiuti Istituto Superiore di Sanità Roma

2 Qualità del dato Le risultanze ottenute da analisi chimiche sono spesso la base per decisioni in merito a: Problematiche ambientali. Problematiche di salute pubblica. Valutazione del Rischio igienico-sanitario. Problematiche di sicurezza alimentare. Problematiche d interesse legale. Quindi perché i dati siano accettati come validi è necessario dimostrare l adeguatezza delle metodiche analitiche scelte nonché l attendibilità dei risultati.

3 GLI OBIETTIVI DI QUALITÀ Definire l errore accettabile e quindi un piano di qualità (requisiti legislativi) Definire gli Obiettivi della Qualità dei Dati DQO S (Data Quality Objectives)

4 Obiettivi di qualità del dato (DQOs) Misure degli obiettivi di qualità(mqos) Sono dichiarazioni numeriche di performance degli obiettivi della qualità dei Dati Si riferiscono specificatamente ai requisiti analitici desiderati da un particolare metodo analitico Sono test di verifica di accettazione per gli Attributi della qualità dei Dati, misurati solitamente mediante i DQIs

5 Indicatori della Qualità dei Dati (DQI s ) PARCCS - Precisione - Accuratezza (deviazione della misura o esattezza) - Rappresentatività - Completezza - Comparabilità - Sensibilità

6 Indicatori di Qualità dei Dati Gli DQIs sono misure quantitative e qualitative degli attributi principali della qualità Indicatori Quantitativi - precisione, deviazione della misura e sensibilità Indicatori Qualitativi - rappresentatività, comparabilità, e completezza

7 INDICATORI Quantitativi

8 PRECISIONE La precisione è la misura di accordo fra misure ripetute della stessa proprietà nelle identiche circostanze o in circostanze sostanzialmente simili è un componente dell incertezza di misura Si esprime come range, %RPD o come deviazione standard dei risultati ottenuti Determinazione Repliche di CRM possono essere utilizzate per la determinazione della precisione di un metodo analitico

9 Deviazione della misura (BIAS) Bias è la distorsione sistematica o persistente di un processo di misura che causa l'errore in un unica direzione Il Bias è un indicatore quantitativo della grandezza dell'errore sistematico derivante da diverse cause Si esprime come % di recupero

10 Verifica del bias Calibrazione strumentale Bianchi Campioni Materiale di riferimento

11 Calibrazione strumentale Punti richiesti almeno 3 Bianco del punto zero trattamento del campione possibilmente quello di Concentrazione del campione ove possibile deve essere a circa metà della retta di calibrazione Linearità della taratura Coefficiente di correlazione più vicino a 1

12 Controllo dei bianchi Il controllo dei bianchi può aiutare a definire il bias Bianco strumentale Bianco dell intera procedura analitica Bianco di calibrazione

13 Bianchi di Strumento Servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti all effetto memoria strumentale - (freq. su esigenza, dopo campioni inquinanti) Consiste nell analizzare un bianco del solvente usato per l analisi I Bianchi strumentali sono sotto controllo quando: - il loro valore è inferiore al limite di quantificazione

14 Bianchi del Metodo Servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti a vetreria, reagenti e laboratorio - ogni 20 campioni Consiste nell analizzare un bianco del solvente usato per l analisi sottoposto a tutte le operazioni del metodo I Bianchi del metodo sono sotto controllo quando: - il loro valore è inferiore al limite di quantificazione

15 Bianchi di Calibrazione Servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti all effetto memoria strumentale riscontrati dopo il controllo della calibrazione Consiste nell analizzare un bianco del solvente usato per l analisi I Bianchi di calibrazione sono sotto controllo quando: - Il loro valore è inferiore al limite di quantificazione

16 Controllo dei Campioni Sui campioni va eseguito un controllo iniziale per definire: eventuali diluizioni; verifica delle interferenze; verifica delle scelte dei parametri strumentali;

17 Materiale di riferimento Usato in tutte le procedure che caratterizzano l attività del QA e QC. Nel caso specifico i materiali di riferimento servono a verificare gli eventuali errori sistematici dovuti al metodo eseguito su una matrice reale seppur omogenea. I MCR sono sotto controllo quando il loro valore trovato è nei limiti definiti

18 ACCURATEZZA È una misura complessiva della precisione (errori statistici) e del bias (errori sistematici) durante l esecuzione del metodo L accuratezza si compone di precisione e di bias

19 L influenza del Bias e della precisione sull accuratezza generale Imprecisi e deviati poco preisi e poco deviati Precisi e deviati Precisi e non deviati

20 QUALITA DEL DATO MATERIALI DI RIFERIMENTO La funzione dei materiali di riferimento è rivolte alla: - calibrazione della strumentazione; - sviluppo e valutazione dei metodi; - qualificazione della riferibilità della misura; - ed a tutte quelle funzioni che caratterizzano l'attività di Quality Assurance (QA) e Quality Control (QC).

21 CASO STUDIO Nel Laboratorio di Igiene Ambientale dell Istituto Superiore di Sanità è stato condotto uno studio approfondito sulla determinazione del contenuto totale di arsenico in una matrice solida. Per lo studio in questione è stato utilizzato un materiale di riferimento del tipo BCR n. 141R rappresentato da un suolo calcareo.

22 SCHEMA OPERATIVO Prove di Recupero Mineralizzazione di due soluzioni standard con concentrazione di As pari a 50 e 100 µg/l rispettivamente Letture strumentali mediante ICP-AES, ETAAS con correttori di fondo Zeeman e lampada al Deuterio Prova sul materiale di riferimento Mineralizzazione del campione in sei vessels Lettura strumentale in triplo per ogni vessel con gli stessi strumenti sopra elencati

23 PROVE DI RECUPERO RISULTATI Le prove di recupero non hanno evidenziato particolari problemi né durante il processo di mineralizzazione né, tantomeno, durante l'analisi strumentale in entrambe le tecniche saggiate. I risultati sono stati soddisfacenti poiché il recupero è stato del 95% nella soluzione standard da 100 µg/l e del 108% nella soluzione standard da 50 µg/l per entrambe le due diverse tecniche strumentali.

24 PROVE DI RECUPERO LETTURA ICP-AES

25 PROVE SUL BCR RISULTATI Sulla matrice suolo sono stati riscontrati interferenze di riga durante le determinazioni in ICP-AES e di matrice durante le analisi in ETAAS (con correttore di fondo con lampada al Deuterio). Per entrambe le tecniche strumentali è stato necessario cambiare la lunghezza d onda, passando da una più sensibile ( nm) ma con interferenti, ad una meno sensibile ( nm) priva di interferenze.

26 LETTURA ICP-AES 193,696 nm As line

27 LETTURA ICP-AES 188,979 nm As line

28 LETTURA ETAAS (Deuterium) 193,696 nm As line

29 LETTURA ETAAS (Deuterium) 188,979 nm As line

30 LETTURA ETAAS (Zeeman) 193,696 nm As line

31 RING TEST Lo stesso materiale di riferimento è stato utilizzato per uno studio di intercalibrazione. I partecipanti alla prova hanno usato, oltre alle tecniche strumentali precedentemente descritte, altre due tecniche spettroscopiche, in particolare spettroscopia in assorbimento atomico con sviluppo d idruri e spettroscopia in ICP-MS.

32 Valori trovati nel materiale di riferimento BCR 141 R determinati con le due lunghezze d onda con le diverse tecniche di assorbimento atomico (mg/kg s.s.) ETAAS Deuterio ETAAS Zeeman HAAS 188,98 nm 193,70 nm 188,98 nm 193,70 nm 188,98 nm 193,70 m VESSEL 1 9,13 42,1 n.d. 10,7 n.d. 7,33 VESSEL 2 8,45 37,2 n.d. 8,89 n.d. 7,68 VESSEL 3 8,14 35,4 n.d. 9,00 n.d. 14,9 VESSEL 4 8,07 40,4 n.d. 10,5 n.d. 8,45 VESSEL 5 9,38 36,7 n.d. 10,3 n.d. 6,60 VESSEL 6 8,01 37,8 n.d. 8,87 n.d. 8,88 Valore trovato 8,53 ± 0,53 38,3 ± 2,5-9,71 ± 0,80-8,97 ± 2,75 Valore certificato 8,84 ± 0,43 n.d. = non determinato perché non necessario

33 Valori trovati nel materiale di riferimento BCR 141 R determinati mediante ICP-AES e ICP-MS (mg/kg s.s.) ICP-AES ICP-MS 188,98 nm 193,70 nm VESSEL 1 10,5 n.d. 8,6 VESSEL 2 11,6 n.d. 11,2 VESSEL 3 10,2 n.d. 11,6 VESSEL 4 11,4 n.d. 13,1 VESSEL 5 10,9 n.d. 13,3 VESSEL 6 10,3 n.d. 10,3 Valore trovato 10,8 ± 0,56-11,6 ± 1,90 Valore certificato 8,84 ± 0,43

34 Grafico comparativo dei valori medi e deviazioni standard dei risultati di As ottenuti mediante diverse tecniche di spettroscopia (mg/kg ss) Valori trovati Valore di riferimento 12 mg/kg ss ETAAS Deuterium 188,98 nm ETAAS Zeeman 193,70 nm HAAS 193,70 nm ICP-AES 188,98 nm ICP-MS

35 CONCLUSIONI Non è del tutto semplice determinare i microinquinanti inorganici, soprattutto in matrici ambientali complesse ed eterogenee. L uso routinario del materiale di riferimento permette di risolvere problemi che non sarebbero neanche evidenziati, garantendo la qualità del dato finale. La partecipazione a studi di intercalibrazione o ring-test si rivela molto utile, in alcuni casi risolutiva, poiché permette di valutare, mediante elaborazione statistica dei risultati, alcune criticità legate alle metodiche stesse di analisi e non ad errori dell operatore. La possibilità di scelta della tecnica strumentale più idonea è molto ampia, purché si prenda coscienza dei pregi e dei difetti di ogni tecnica strumentale.

36 SENSIBILITÀ La sensibilità è la possibilità di un metodo o di uno strumento di discriminare fra le risposte di misura La sensibilità può essere considerata come il limite di rivelabilità - ma questo termine è usato spesso senza definire che cosa si intende (rivelazione o quantificazione minima) DQI la sensibilità descrive la possibilità di misurazione del costituente ai bassi livelli - un livello pratico di quantificazione descrive la capacità di misurare un costituente con la certezza conosciuta

37 Limiti di rivelabilità Limite di rivelabilità strumentale E la minima concentrazione misurata da cui si possa dedurre con ragionevole certezza statistica la presenza dell analita. E numericamente uguale a tre volte la deviazione standards del valore medio della soluzione standards dell analita più prossima al bianco, sottratto del bianco stesso. Il calcolo deve essere effettuato su almeno dieci repliche di soluzione standards e dieci repliche di bianco. Il bianco è definito come il procedimento analitico completo, con omissione del campione di prova. Limite di rivelabilità del metodo E la minima concentrazione misurata da cui si possa dedurre con ragionevole certezza statistica la presenza dell analita tenendo conto dell intera procedura analitica. E numericamente uguale al limite di rivelabilità strumentale per il fattore di diluizione. Limite di quantificazione E il più basso tenore di analita misurabile con ragionevole certezza statistica. Qualora sia l accuratezza che la precisione siano costanti in un campo di concentrazione intorno al limite di rivelazione. Il limite di qualificazione sarà numericamente uguale a dieci volte la deviazione standards del valore medio della soluzione standards dell analita più prossima al bianco, sottratto del bianco stesso. Il bianco è definito come il procedimento analitico completo, con omissione del campione di prova.

38 Quality Associated with Calibration Regions Zero Analyte Concentration Approximate MDL Level Approximate PQL Level Region of high uncertainty Region of certain detection Region of less certain quantification Region of certain quantification Matrix/method blank 3σ LOD LOQ 10 σ LOD = limit of detection LOQ = limit of quantitation σ = population standard deviation Instrument signal, standard deviation units

39 VERIFICA La verifica di dati si riferisce alle procedure necessarie per accertarsi se un insieme di dati sia una riflessione fedele di tutti i processi e le procedure seguite per generare i dati la verifica è un processo di valutazione che richiede l'esame obiettivo della complessità, correttezza e conformità di uno specifico set di dati, rispetto ai metodi, alle procedure e alle condizioni progettuali precedentemente definite

40 Attività tipiche di verifica -Confermare che le pratiche richieste dal metodo, dalla procedura o dai requisiti del progetto, siano state realmente impiegate -Effettuare indipendentemente il doppio controllo dei calcoli -Confermare che le note del laboratorio o di campo siano costanti con i rapporti convenzionali -Valutazione analitica e incertezza del campo -Controllare le operazioni sistema di gestione informativo del laboratorio

41 INDICATORI Quantitativi

42 DQIs da considerare nelle verifica Completezza: Abbiamo ottenuto il numero voluto di punti di riferimenti dei campioni, con i metà dati corrispondenti? Comparabilità: Possiamo confermare che tutti i campioni sono stati analizzati usando i metodi paragonabili? Rappresentatività: Lo schema di campionamento previsto è stato seguito giustamente?

43 COMPLETEZZA La completezza è una misura della quantità di dati validi ottenuti da un sistema di misura, espresso come percentuale del numero di misure valide che dovrebbero essere raccolte il DQI per la completezza è spesso espresso come percentuale Completezza % = numero di risultati validi/numero di possibili risultati

44 COMPARABILITÀ La comparabilità è la confidenza con la quale un set di dati può essere comparato con un altro set di dati. I set di dati da confrontare devono avere la stessa seguenza di analiti/varibili da ricercare Le unità di misura usate devono essere le stesse Le procedure analitiche usate devono essere equiparabili ed avere lo stesso tipo di performance: Precisione, Bias, Limiti di Rivelabilità, Standard utilizzati I protocolli di assicurazione della qualità dei dati devono essere gli stessi (stessi QC) Le regole per escludere certi dati dai set devono essere uguali Il campionamento deve essere fatto in modo ed in tempistiche paragonabili e in posti uguali (dove possibile) Le variabili macroscopiche dei set devono essere paragonabili

45 RAPPRESENTATIVITÀ La rappresentatività è la misura del grado con cui i dati adeguatamente rappresentano una caratteristica di una popolazione di campioni o di una matrice d interesse Si misura mediante un appropriato programma di prelievo dei campioni (tecniche e procedure definite) Si valuta mediante la valutazione dei dati relativi ai QC di campo Influenze: l omogeneità del sito l omogeneità del campione rispetto ad un punto preciso dell area campionata Carenza di informazioni nel piano di campionamento. L utilizzo di metodiche analitiche non omogenee o con diversi DQO

46 VALIDAZIONE E la conferma che deriva da un controllo dove si evidenzia il raggiungimento di obiettivi specifici richiesti, per un uso predefinito.

47 DQIs da considerare nella validazione Sensibilità: I limiti di rivelabilità voluti sono stati realizzati? Accuratezza: Sono stati raggiunti I recuperi prefissati? Precisione: Sono stati raggiunti gli obiettivi delle prestazioni stabiliti nel programma dell assicurazione della qualità?

48 INTEGRITÀ La mancanza di integrità interessa tutte le funzioni dell'interpretazione di dati. La mancanza di integrità include : manipolazione delle misure di QC la falsificazione dei dati manipolazione dei risultati durante l'analisi omissione di condurre i punti analitici richiesti alterazione delle analisi dei risultati

49 RIFERIMENTI US-EPA Sito: QA/G-4 Guidance for the Data Quality Objectives Process QA/G-5 EPA Guidance for Quality Assurance Project Plans QA/G-5I Guidance for the Data Quality Indicators QA/G-8 Guidance on Environmental Data Verification and Validation

50 SUGGERIMENTI ISS Si ritiene che sussista una difformità non accettabile nel confronto tra i dati analitici dei laboratori a vario titolo coinvolti quando si verificano i seguenti casi: Parametri inorganici: (metalli e non metalli): intervallo di variabilità tra i dati > ± 20% Parametri organici: intervallo di variabilità tra i dati >±50% Se si è in presenza di un caso del genere, si ritiene che si debba procedere nel seguente modo

51 SCENARIO A Si procede ad una intercalibrazione, dalle risultanze di tale intercalibrazione si possono prospettare alcune situazioni: 1) entrambi i laboratori determinano correttamente i valori di concentrazione relativi al materiale di riferimento, e quindi dimostrano di lavorare con procedure idonee. In tal caso ripetere di nuovo le analisi dei due campioni, uniformando, ove necessario, i protocolli operativi adottati. Eventualmente operare uno scambio dei campioni al fine di verificare l omogeneità degli stessi.

52 SCENARIO A 2) uno dei due laboratori non determina correttamente i valori certificati. In tal caso sarebbe opportuno per ulteriore conferma ripetere l analisi da parte dell altro laboratorio coinvolto, in presenza di un rappresentante del primo laboratorio. I valori determinati e confermati in questa fase saranno quelli da prendere per validi. 3) entrambi i laboratori non determinano correttamente i valori di concentrazione certificati. In tal caso prioritariamente andranno verificate le procedure analitiche adottate, al fine di produrre un protocollo condivisibile da entrambi i laboratori e ripetere le analisi. Qualora l esito sia ancora negativo, si dovranno analizzare soluzioni ad hoc caso per caso in funzione delle procedure analitiche adottate, sia di preparazione del campione sia di tecnica strumentale.

53 SCENARIO B Nel caso in cui sia impossibile reperire in commercio un materiale di riferimento in matrice suolo per lo specifico analita/i in questione, si può ipotizzare di produrne uno ad hoc, in cui l analita/i è presente a concentrazione nota solo dall Ente supervisore. Dopodiché si avranno gli stessi scenari ipotizzati al punto A).

54 SCENARIO C Nel caso in cui non sia possibile reperire o produrre un materiale che presenta le stesse caratteristiche di matrice e concentrazioni confrontabili di analita, si possono fare le seguenti ipotesi: 1. prioritariamente procedere ad uno scambio dei 2 campioni originali e ripetere le analisi. Ciò permetterà una prima valutazione sulla omogeneità dei due campioni. Nel caso di esito ancora discorde si dovrà utilizzare il terzo campione di suolo, fermo restando che il terzo campione sia da considerarsi rappresentativo della massa di suolo campionato, e facente parte dello stesso campione primario. Tale 3 campione andrà suddiviso in tre aliquote, di cui una conservata ancora come testimone da utilizzare eventualmente per una ulteriore indagine di dettaglio, e ripetere le analisi sulle aliquote del terzo campione

55 SCENARIO C come ultima soluzione nell ipotesi in cui si hanno anche sulle due aliquote del terzo campione di suolo dati discordanti, si propone di utilizzare la terza aliquota (qualora sufficiente in termini quantitativi per una analisi esaustiva) da analizzare congiuntamente, da parte di tutti i tecnici dei due laboratori interessati, dopo aver messo a punto concordemente un preciso protocollo operativo. I risultati ottenuti saranno considerati validi ai fini della caratterizzazione.

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Protocollo Operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli dei siti d interesse nazionale

Protocollo Operativo per la determinazione dei valori di fondo di metalli/metalloidi nei suoli dei siti d interesse nazionale Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Istituto Superiore di Sanità Giugno 006 (Revisione 0) SOMMARIO 1 PREMESSA... 1 DEFINIZIONI... 1 3 INTRODUZIONE... 4 CRITERI GENERALI... 5

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Quantificazione dell incertezza nelle misure analitiche. Seconda edizione (2000) della Guida EURACHEM / CITAC CG 4

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Quantificazione dell incertezza nelle misure analitiche. Seconda edizione (2000) della Guida EURACHEM / CITAC CG 4 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Quantificazione dell incertezza nelle misure analitiche Seconda edizione (000) della Guida EURACHEM / CITAC CG 4 Traduzione italiana a cura di Marina Patriarca (a), Ferdinando

Dettagli

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C.

DI MISURAZIONE CON CMM. di Gianfranco Costelli. stagionali di ± 1 C, a cui si sovrappongono oscillazioni giornaliere di ± 1 C. P R O B I N G ARTICOLO SELEZIONATO DA PROBING N 10 Notiziario semestrale di tecnica ed informazione dell Associazione CMM Club Italia STIMA DELL INCERTEZZA DI UN PROCESSO DI MISURAZIONE CON CMM di Gianfranco

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEL FONDO NATURALE NELL AMBITO DELLA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEL FONDO NATURALE NELL AMBITO DELLA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEL FONDO NATURALE NELL AMBITO DELLA BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI Direzione centrale

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO

Agenzia Sanitaria Regione Emilia-Romagna Sussidi per l autovalutazione e l accreditamento 4 (revisione settembre 2001) LO STANDARD DI PRODOTTO LO DI PRODOTTO Le ragioni e lo scopo Il percorso dell accreditamento intende fornire garanzia della qualità dei prodotti che le aziende sanitarie, attraverso elementi di tipo strutturale ed organizzativo,

Dettagli

Annotazioni: eliminato errore nel calcolo dell incertezza della differenza di volumi 8.3.3.1, formula 28 bis

Annotazioni: eliminato errore nel calcolo dell incertezza della differenza di volumi 8.3.3.1, formula 28 bis Identificazione: SIT/Tec-004/03 Revisione: 1 Data 004/05/5 Pagina 1 di 36 Annotazioni: eliminato errore nel calcolo dell incertezza della differenza di volumi 8.3.3.1, formula 8 bis COPIA CONTROLLATA N

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA)

Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 14: Analisi della varianza (ANOVA) Corso di laurea in Scienze Motorie Corso di Statistica Docente: Dott.ssa Immacolata Scancarello Lezione 4: Analisi della varianza (ANOVA) Analisi della varianza Analisi della varianza (ANOVA) ANOVA ad

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software

Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software Gennaio 2014 Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software DigiCamere 2013 1 1. Obiettivi 2013 Nel corso del 2013 si è proceduto alla ridefinizione del processo di passaggio in produzione degli

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli