E-Inclusion: accessibilità nella società dell informazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E-Inclusion: accessibilità nella società dell informazione"

Transcript

1 I quaderni di di Daniela D aloisi e Susanna Ragazzini E-Inclusion: accessibilità nella società dell informazione La tecnologia può migliorare la qualità della vita, ma anche creare delle barriere nel caso in cui prodotti e servizi non siano ben progettatati e realizzati. Questo può provocare fenomeni di esclusione digitale (digital exclusion) estromettendo intere categorie di individui dai benefici offerti delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni (ICT per Information and Communication Technology). Per superare questi ostacoli sono necessarie delle azioni volte ad assicurare un totale accesso da parte di tutti alle tecnologie digitali, senza distinzione di abilità, conoscenze, età, cultura, stato sociale ed economico, etc. Lo scopo della società dell informazione è quello di realizzare una totale e-inclusione (o e-inclusion), superando di fatto qualsiasi esclusione dal mondo delle tecnologie che dovranno invece essere utilizzate per migliorare le nostre vite e il nostro approccio con il mondo. Supplemento al numero 263 febbraio 2009 di

2 I n d I C e E-inclusion per una tecnologia accessibile l accessibilità sul posto di lavoro delle persone disabili accessibilità dei servizi sul web e-accessibility e e-inclusion nei servizi online accessibilità dei servizi online per l apprendimento a distanza Il quaderno di Telèma è stato realizzato dalla Fondazione Ugo Bordoni. presidente enrico manca direttore delle ricerche l ing. mario frullone Curatrici del Quaderno: daniela d aloisi e Susanna ragazzini, fondazione ugo bordoni. Hanno collaborato: teodoro ambrogio, germano carella, raffaele nicolussi, fondazione ugo bordoni. SONO USCITI NEL 2008/2009: l importanza dello spettro radio per un mondo senza fili dicembre 2007/gennaio Società dell informazione e contenuti digitali: tutela dei diritti in un mondo che cambia febbraio il mondo gestito da una rete di sensori invisibili marzo utente senza segreti informazione personalizzata aprile nuove piattaforme di diffusione terrestre e satellitare della tv digitale: gli standard dvb-t2 e dvb-s2 maggio piattaforme e contenuti in un mondo in movimento giugno la tecnologie fotoniche per la larga banda e per le ngn luglio/agosto robot con noi, tra noi e dentro di noi Settembre robot: tra realtà e fantasia ottobre passaggio al digitale: il modello Sardegna novembre tv digitale terrestre in Sardegna: ecco i primi bilanci dicembre 2008/gennaio Iquadernidi

3 E-inclusion per una tecnologia accessibile La tecnologia sta assumendo un ruolo sempre più preminente nelle attività economiche e sociali; pur troppo e troppo spesso, persone con difficoltà fisiche o socialmente disagiate, che sono quelle che potrebbero trarre il maggiore beneficio dall utilizzo dell ICT (Information and Communication Technology) applicata alla vita quotidiana, sono anche quelle che maggiormente soffrono per la carenza di servizi accessibili, di strutture adeguate e di occasioni di inserimento. La loro inclusione nella società digitale, la e-inclusion appunto, dovrebbe permettere a tutti di trarre vantaggio delle oppor tunità offer te dalle nuove tecnologie, ma l esistenza di barriere tecnologiche, sociali ed economiche non permette una completa integrazione. Ci sono alcuni dati da cui partire quando si parla di inclusione digitale, come riportato in una recente Comunicazione della Commissione Europea: si contano circa 74 milioni di europei con qualche forma di disabilità; entro il 2020, il 25% degli europei avrà più di 60 anni; circa il 20% delle persone sopra i 50 anni soffre di qualche grave forma di disabilità; a partire da circa il 1995, la popolazione in un quarto delle regioni europee sta diminuendo con la conseguenza di avere poche persone giovani che si possano prendere cura dei più anziani; è prevista una rapida crescita delle spese per pensioni, sanità e cure a lungo termine nei prossimi 20 anni, corrispondente a circa il 4%-8% del prodotto interno lordo. Questo è però solo una parte del problema, in quanto ci sono altri aspetti da considerare, soprattutto con riferimento a come le persone usano le nuove tecnologie dell informazione e delle comunicazioni rispetto alla loro categoria sociale di appartenenza (vedi anche articolo di S. Ragazzini). Il contesto generale non è quindi positivo e senza delle azioni specifiche e coordinate le nuove tecnologie creeranno barriere digitali invece di risolvere problemi. La Commissione Europea sta cercando delle soluzioni specifiche per creare i presupposti per una società realmente inclusiva. Sebbene la tematica della e-inclusion abbia assunto rilevanza propria abbastanza recentemente, le iniziative ad essa legate sono numerose e hanno contribuito a creare una comunità abbastanza vivace a livello europeo. A partire dal 2006, alcune iniziative ed eventi hanno fortemente caratterizzato lo sviluppo delle politiche di e-inclusion: Giugno 2006, Dichiarazione Ministeriale di Riga La Conferenza Ministeriale di Riga ICT for an inclusive society, promossa tra gli altri dalla Commissione Europea, segna la nascita delle politiche di e-inclusion in quanto tali, prima trattate nell ambito dell agenda di Lisbona. Uno dei risultati rilevanti è stata l approvazione della cosiddetta Carta di Riga che lega lo sviluppo dell ICT a politiche di inclusione, e vincola i Paesi Membri al rispetto di alcuni principi legislativi, economici, sociali e di neutralità tecnologica. Giugno 2007, Piano di azione Ageing Well in the Information Society Per rispondere ai bisogni di un Europa sempre più anziana, la Commissione ha adottato un piano d azione accompagnato da un stanziamento di un miliardo di euro per finanziare la ricerca sull ICT finalizzata a migliorare la vita degli anziani, creando al contempo nuove opportunità per il mercato. Novembre 2007, Iniziativa Be part of it! La Commissione ha presentato al Consiglio Europeo la sua proposta di attività sull inclusione digitale costituita da diverse azioni chiave, tra cui una campagna per aumentare la consapevolezza del problema, denominata E-Inclusion. Be part of it! che si è tenuta per tutto il Alla base i dati di un analisi economica: una società più inclusiva, siti web più accessibili e larga banda disponibile per tutti i cittadini europei genererebbero benefici per circa miliardi di euro entro i prossimi cinque anni. La campagna Be part of it! è stata chiusa a Vienna (20 novembre-2 dicembre) con una conferenza alla presenza circa 1500 delegati, rappresentan- FEBBRAIO

4 E-INCLUSION: accessibilità nella Società dell informazione ti degli Stati Membri, ospiti da paesi extra-europei, autorità della Commissione in cui sono stati mostrati i risultati raggiunti e lo stato dell ar te: molto è stato fatto, ma si è ancora ben lontani dagli obiettivi posti da i2010. La conclusione è stata abbastanza lapidaria: e-inclusion, more necessary now than ever Dicembre 2008, Verso una società dell informazione accessibile Durante la Conferenza di Vienna, la Commissione ha lanciato la versione definitiva della Comunicazione, Verso una società dell informazione accessibile. La preparazione del documento era stata preceduta anche da una consultazione pubblica che aveva prodotto a sua volta numerosi rapporti e analisi. La comunicazione analizza la situazione attuale, indica le ragioni che giustificano le varie iniziative comuni europee, enumera i passi fondamentali da intraprendere stabilendo così un quadro di riferimento per gli sviluppi futuri dell attività sull e-inclusion, con particolare riferimento all accessibilità. Infatti, la commissione dichiara che è necessario ed urgente definire un approccio più omogeneo, comune ed efficace alla e-accessibilità, in particolare all accessibilità al web, per accelerare l avvento di una società dell informazione accessibile, come annunciato della Agenda sociale rinnovata. Già dopo Riga, la Commissione Europea aveva individuato sei aree tematiche su cui articolare le sue iniziative a favore dell e-inclusion: e-accessibility (e-accessibilità), per rendere l ICT accessibile a tutti, incontrando le esigenze di un largo spettro di persone, in particolare quelle con bisogni speciali; Ageing (invecchiamento della popolazione), per dare anche alle persone più anziane la possibilità di partecipare attivamente alla vita sociale ed economica, permettendogli di mantenersi indipendenti e di migliorare la loro qualità di vita; e-competence (competenze digitali o e-competenze), per trasmettere ai cittadini le conoscenze e gli skill, anche attraverso un educazione permanente (il cosiddetto lifelong learning) per aumentare la loro inclusione sociale, la capacità lavorativa e di conseguenza prolungata la durata di vita attiva; Socio-Cultural e-inclusion (e-inclusione socio-culturale), per aiutare le minoranze, i migranti e i giovani emarginati ad integrarsi pienamente e partecipare alla vita sociale tramite l uso dell ICT; Geographical e-inclusion (e-inclusione geografica), per migliorare il tenore di vita, sia in senso sociale che economico, di comunità rurali o situate in zone isolate o economicamente svantaggiate tramite l uso dell ICT; Inclusive egovernment (governo digitale inclusivo), per fornire a tutti servizi pubblici migliori e diversificati usando l ICT, incoraggiando inoltre una sempre maggiore partecipazione alla vita pubblica. A partire dal 2006, alcune di queste tematiche sono state oggetto di bandi per la presentazione di progetti di ricerca e sviluppo, con molta attenzione anche alla produzione di strumenti pronti per essere lanciati sul mercato. Come abbiamo visto, l accessibilità, o se si preferisce la e-accessibilità, è uno dei cardini delle attività legate all area della e-inclusion. L analisi del documento Verso una società dell informazione accessibile ci mostra la rilevanza dell argomento, a partire dal titolo stesso. La comunicazione parte da una considerazione semplice. Nonostante la crescente attenzione ai temi della e-accessibilità, uno studio del 2007 ha mostrato che l Europa è ben lontana a centrare gli obiettivi prefissati nella Dichiarazione di Riga. L analisi di questi stessi dati ci permettono di dettare le priorità per il La rapida diffusione di Internet rende rilevante risolvere il problema dell accessibilità del web, ma per un effettiva partecipazione di tutti alla società dell informazione è necessario che siano accessibili tutti i prodotti e servizi basati sulle tecnologie informatiche: computer, telefoni, amministrazione on-line, acquisti on-line, call center, terminali self-service come i distributori automatici di biglietti di banca (ATM) e le macchine distributrici di biglietti. A questo possiamo aggiungere anche le piattaforme televisive digitali e le comunicazioni elettroniche. La televisione ha un elevata priorità anche in vista dello switch-off previsto in Europa per 48 Iquadernidi

5 e-inclusion per una tecnologia accessibile il Sarà possibile infatti implementare soluzioni accessibili con maggiore facilità: audio descrizioni, sottotitoli e traduzioni con il linguaggio dei segni. Per le comunicazioni elettroniche, un esempio impor tante è l accessibilità del numero di emergenza europeo, il 112, in un ottica di conversazione totale (total conversation). Il lavoro da fare è ancora molto, ma i numeri richiedono uno sforzo in direzione di una società più accessibile: circa il 15% della popolazione europea soffre di una qualche forma di disabilità e una persona su cinque necessità di soluzioni accessibili. Quindi un miglioramento dell accessibilità porterà benefici a tre persone su cinque, senza considerare l impatto positivo sull usabilità in generale. L impatto socio-economico che deriva dall adozione di soluzioni accessibili è notevole. Possiamo elencarne alcuni: possibilità di lavoro a distanza tra i lavoratori più anziani o disabili, adozione di servici pubblici on-line, possibilità di adozione di soluzioni di e-health, web-learning per un educazione permanente. Si noti che l ottica non è solo quella di aiutare chi ha bisogno, ma di fronteggiare i crescenti costi per gli Stati causati da popolazione sempre più anziana oltre che una diminuzione delle spese per alcuni servizi. Non solo l e-accessibilità, ma tutte le ICT sono un elemento chiave della politica europea in materia di e-inclusione. Più in generale, le ICT rientrano nel campo d applicazione di una futura direttiva sulla parità di trattamento che fa riferimento ad una effettiva non discriminazione nell accesso ai beni e ai servizi a disposizione del pubblico. Inoltre, l Europa deve rispettare gli obblighi imposti dalla recente convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità in relazione all accessibilità dei beni e servizi ICT. Alcuni atti legislativi dell UE riguardano già direttamente o indirettamente problemi connessi alla e-accessibilità. Molti paesi europei, tra cui l Italia, hanno adottato misure legislative ma manca una politica comune, anche se l e-accessibilità è oggetto di varie comunicazioni e direttive a livello europea. La Commissione propone alcune azioni, riassumibili in cinque punti: 1. Cambiare la situazione: rafforzare le priorità programmatiche, il coordinamento e la cooperazione tra soggetti interessati È necessaria una maggiore sinergia e coordinamento tra tutte le attività europee, in modo da avere un maggiore impatto e una crescente omogeneità. Oltre agli Stati, anche l industria, gli utenti e le loro associazioni, il mondo dei servizi e delle tecnologie di assistenza, la ricerca e le autorità competenti dovranno intensificare le proprie iniziative e la loro collaborazione. Saranno dati degli orientamenti comuni ai gruppi incaricati della supervisione sull attuazione di i2010, sui problemi di normalizzazione, sugli aspetti connessi alle telecomunicazioni e sul piano d azione per i disabili. Le priorità in materia di e-accessibilità sono, nell ordine, il web, la televisione digitale e le comunicazioni elettroniche, i terminali self-service e la banca elettronica. 2. Controllo dei progressi e rafforzamento delle buone pratiche Saranno avviati dei monitoraggi sui progressi nel campo dell e-accessibilità e sarà rafforzata la rete di scambi, con l istituzione di apposite iniziative. 3. Sostenere l innovazione e l applicazione Per il 2009, sono previsti vari strumenti di finanziamento oltre che quelli relativi al settimo programma quadro, come fondi strutturali e anche programmi nazionali. 4. Facilitare le attività di normalizzazione La Commissione ha dato mandato alle organizzazioni europee di normalizzazione di mettere rapidamente a punto norme europee in materia di e-accessibilità, in collaborazione con le parti interessate, nel corso del 2009 e negli anni successivi. Il raggiungimento di questo obiettivo costituirebbe un enorme passo in avanti per una effettiva inclusione. FEBBRAIO

6 E-INCLUSION: accessibilità nella Società dell informazione 5. Utilizzare la normativa vigente e prospettarne una nuova Sebbene a livello di Paesi Membri esistano delle leggi a favore dell e-accessibilità, c è il rischio di una frammentazione giuridica nell UE dovuta alla divergenza delle misure legislative. È quindi necessaria un impostazione legislativa di carattere più generale. L impegno è di recepire adeguate disposizioni in materia nella revisione della normativa europea e di sollecitare gli stati a sfruttare la normativa attuale per rafforzare la e-accessibilità. La Comunicazione presta particolare attenzione al web, a causa dell enorme crescita di informazioni on-line e dei servizi interattivi: servizi online nel settore bancario, degli acquisti, della pubblica amministrazione; le comunicazioni on-line, i social network. Malgrado questa ampia diffusione e i conseguenti risvolti economici, alcune indagini sia a livello europeo che a livello di singola nazione mostrano che la maggioranza dei siti sia pubblici che privati non rispettano neanche i requisiti minimi. Solo il 5,3% dei siti delle pubbliche amministrazioni e quasi nessuno dei siti commerciali osservano i requisiti di base. Eppure a livello europeo le indicazioni erano state chiare. Una comunicazione del 2001 chiedeva ai paesi membri di approvare le linee guida del W3C, le WCAG 1.0, a cui facevano seguito due risoluzioni in cui si spingeva ad accelerare l accessibilità del web e dei suoi contenuti. Nel 2002 il Parlamento europeo proponeva la piena accessibilità del siti pubblici entro il La dichiarazione di Riga aveva spostato la data al Per ottenere dei risultati unitari ed evitare la frammentazione di leggi e iniziative, sono necessarie delle azioni a livello europeo. La Commissione propone alcune azioni: 1. Facilitare la rapida adozione ed attuazione di orientamenti internazionali in Europa Entro il 2010 si dovrà realizzare l obiettivo di avere l accessibilità al 100% dei siti web pubblici. Inoltre si dovrà preparare una rapida transizione aggiornando le specifiche in materia di accessibilità del web in maniera comune ed omogenea. Tutte le organizzazioni di normalizzazione e tutte le parti interessate dovrebbero mettere rapidamente a punto norme UE per l accessibilità del web ad ulteriore elaborazione del WCAG 2.0, pubblicate nel dicembre Promuovere l accessibilità del web e migliorarne la comprensione C è bisogno di una maggiore consapevolezza circa le problematiche e le soluzioni in materia di accessibilità del web. È necessario che ogni stato assuma un ruolo attivo attraverso varie azioni: sostenendo ampiamente l accessibilità dei siti web; varando piani di formazione e scambi di buone pratiche; chiedendo siti e strumenti accessibili nei loro appalti pubblici. Negli articoli che seguono saranno affrontate alcune delle tematiche relative all accessibilità anche dal punto di vista di una persona direttamente coinvolta. Altri argomenti saranno trattati in un secondo Quaderno, data l ampiezza e la rilevanza sociale, economica, tecnica e politica del tema. Daniela D Aloisi Fondazione Ugo Bordoni 50 Iquadernidi

7 l accessibilità Sul posto di lavoro delle persone disabili L accessibilità sul posto di lavoro delle persone disabili Una delle domande che spesso ci si pone, è se una persona disabile possa lavorare al pari dei suoi colleghi. Nel 1992 viene promulgata dal governo la legge n.68 che prevede l impiego delle persone disabili nelle attività produttive delle aziende. É infatti possibile assumere le persone disabili secondo le loro capacità ed effettive qualifiche, anziché assegnare loro mansioni di ripiego, quali ad esempio quelle di semplici operatori telefonici (o centralinisti come si usa nel gergo comune). Fino ad ora, infatti, esisteva una sola legge che prevedeva l obbligo di assumere persone cieche come operatori telefonici, precludendo loro la possibilità di fare carriera all interno dell azienda. I ciechi venivano assunti in blocchi di due o tre, a seconda delle capacità aziendali. Relegati al centralino, la loro carriera si fermava, con uno stipendio minimo e nella totale indifferenza di chi li aveva assunti. La legge n.68 segna una svolta: i disabili possono finalmente lavorare al pari dei loro colleghi, dimostrare di avere capacità e fare carriera come tutti, a patto naturalmente di avere delle postazioni di lavoro adeguate alle loro esigenze. Ed è proprio questo punto che ancora oggi non trova una facile attuazione; la legge, infatti, non basta a risolvere un problema se, assieme ad essa, non si fa un adeguata campagna informativa. Dopo 17 anni, il livello di disinformazione è talmente alto che le aziende non sanno precisamente come impiegare i disabili, perchè non si conosce quasi nulla delle loro possibilità e delle modalità di lavoro. Spesso le aziende non conoscono nemmeno la legge 68 che prevede l obbligo di assumere una percentuale di personale disabile a seconda del numero di dipendenti nell azienda. Inoltre, le aziende che assumono disabili hanno moltissime agevolazioni nell adeguamento delle postazioni di lavoro; non sono quindi costrette a sostenere costi aggiuntivi per mettere in condizioni lavorative accettabili queste persone. Rendere accessibile una postazione di lavoro dipende dal tipo di disabilità che si ha di fronte; ogni disabile ha le proprie esigenze, ma ciò che è importante sottolineare è che la tecnologia è in grado, oggi come oggi, di rispondere in maniera adeguata ad una vasta gamma di richieste. Esistono almeno tre tipologie di disabilità: motoria, sensoriale e cognitiva. La disabilità motoria riguarda quelle persone che hanno difficoltà parziali o totali di movimento. L accessibilità consiste nel potersi muovere all interno dell azienda in maniera agevole, senza dover dipendere da colleghi od accompagnatori. Atte allo scopo sono pedane, fisse o mobili, ascensori e, laddove la disabilità lo richiede, l utilizzo di tastiere particolari per computer e mouse che possono essere mossi con gli occhi o con la bocca. Le potenzialità di impiego sono ovviamente le più disparate, che non richiedano sforzo fisico: progettazione e sviluppo software, lavori amministrativi d ogni sorta, relazioni con il pubblico etc. Figura 1. Una tastiera braille. FEBBRAIO

8 E-INCLUSION: accessibilità nella Società dell informazione La seconda tipologia riguarda tutte quelle persone affette da disabilità visiva ed uditiva. Per adeguare le postazioni di lavoro, le aziende possono avvalersi delle molteplici opzioni che la tecnologia mette a disposizione. Gli ipovedenti, persone affette da visione ridotta, possono avvalersi di video ingranditori. Si tratta di strumenti, software o hardware, che ingrandiscono lettere o immagini. I video ingranditori hardware sono costituiti da un monitor, sotto il quale è posta una lente ed un ripiano mobile, su cui viene fatto scorrere un foglio. La lente ingrandisce ciò che vede e lo invia al monitor. Sono presenti anche pulsanti per regolare il livello di ingrandimento e il contrasto della luminosità. Il costo di questi apparecchi non è inferiore ai mille euro. I video ingranditori software sono dei programmi che ingrandiscono il contenuto dello schermo del computer; oltre allo Screen Magnifier di Windows si possono citare Zoom Text, Lunar e Supernova. Tutti si possono considerare più o meno allo stesso livello, tutto dipende dalle conoscenze dell ipovedente che ne fa richiesta. I costi, anche in questo caso, non scendono al di sotto dei mille euro. I ciechi possono avvalersi di numerosi prodotti messi loro a disposizione: esistono i lettori di schermo, programmi in grado di leggere il contenuto di una pagina web o di una finestra, ed inviare l output ad una voce artificiale, detta anche sintesi vocale. Questi software sono dotati di linguaggi di programmazione proprietari che permettono agli sviluppatori di creare applicazioni, chiamate script, capaci di dialogare con i programmi del sistema operativo, come Microsoft Word, Excel, Visual Studio e molte altre ancora. Se il disabile conosce il lettore di schermo ed il suo linguaggio di programmazione, può egli stesso creare degli script per le applicazioni che gli servono per lavorare. Fra i lettori di schermo più conosciuti si possono citare Jaws, che è il programma maggiormente utilizzato in Italia, Windoweyes, Hal e Virgo. Il costo di questi software non è inferiore alle mille e cinquecento euro. In rete si possono trovare anche lettori di schermo gratuiti, con meno funzionalità degli altri, pur tuttavia degni di nota. NVDA (Non-Visual Desktop Access) è il software gratuito più funzionale: utilizza una sintesi vocale, anch essa gratuita, che però risulta molto metallica all orecchio. In ultimo esiste un applicazione vocale, chiamata WinGuido, che permette a ciechi meno Germano Carella è un non-vedente, e in queste righe ci spiega gli strumenti che ha usato per scrivere gli articoli che compaiono in questo Quaderno. Per la stesura degli articoli, ho utilizzato Microsoft Office Word 2003 in combinazione con il programma di lettura schermo Jaws. Infatti, esso ha una sottoapplicazione che si collega a Word, permettendo all operatore di redigere e revisionare i suoi testi. Ovviamente, prima di poter affrontare la scrittura e la formattazione per una buona leggibilità di un documento, sia esso un articolo od un progetto da consegnare, l operatore deve apprendere tutte le nozioni che riguardano l applicativo con cui intende redigere il testo. Occorre intanto considerare quali sono le applicazioni che Jaws può controllare, quindi apprendere tutti i comandi atti alla scrittura, la formattazione del testo e infine la lettura. Io ho utilizzato il Microsoft Word, poiché al momento è l applicazione che più si presta a questo tipo di compito. Inoltre, dopo aver redatto il testo, è buona norma stamparlo in formato braille e rileggerlo, in congiunzione con il display braille. Questo tipo di approccio assicura che l operatore consegni un lavoro su cui i suoi colleghi non debbano intervenire per renderlo presentabile per chi deve leggerlo e valutarlo. Per la mia postazione di lavoro, costituita dal lettore di schermo Jaws, dal display braille e dalla stampante braille, i costi si sono aggirati complessivamente intorno ai sette mila euro. 52 Iquadernidi

9 l accessibilità Sul posto di lavoro delle persone disabili esperti di utilizzare il computer con numerose facilitazioni. In pochissimi comandi sono racchiuse moltissime funzionalità, tra cui l utilizzo della posta elettronica, la navigazione del web, il foglio di calcolo, la gestione di una banca dati, l elaboratore di testi Microsoft Word, l utilizzo dello scanner e molte altre ancora. Sebbene WinGuido non possa essere considerato un lettore di schermo a tutti gli effetti, permette anche a ciechi meno esperti di essere impiegati con profitto. In combinazione con i lettori di schermo, i lavoratori ciechi dovrebbero essere dotati di display braille (figura 1). Sono degli apparecchi in grado di convertire il contenuto dello schermo in codifica braille. La scrittura braille è molto importante per una persona che non vede. Codificata da Louis Braille, verso la metà del 1800, permise ai ciechi francesi e poi a quelli di tutto il mondo, di studiare e di uscire dall oscurità in cui la società li emarginava. Oggigiorno il braille tende a sparire, nonostante la tecnologia. I risultati sono che gli scolari ciechi non lo imparano e molto spesso non riescono a controllare la stesura dei propri testi, commettendo, spesso e volentieri, errori di scrittura. Ecco perché il lavoratore cieco deve utilizzare i display braille; in combinazione con la sintesi vocale è il modo migliore per visionare testi, tabelle etc. In commercio si trovano davvero tantissimi display braille, con singola riga da quaranta o ottanta caratteri. Il costo è di circa duemila euro, ma si arriva anche a cinquemila. Un altro importantissimo ausilio è la stampante braille; un apparecchio in grado di stampare su carta braille i testi. I documenti di uso più comune, Microsoft Word, pagine html o pdf possono essere convertiti in braille attraverso programmi atti allo scopo. Le stampanti braille sono generalmente corredate di software proprietari, ma in commercio ne esistono alcuni anche molto costosi, come il Duxbury Braille Translator, che si aggira intorno ai seicento euro. Esiste in Italia un software gratuito, Italbra, che converte file testuali in codifica braille e invia l output alle stampanti. Purtroppo non funziona con stampanti USB. Le stampanti braille sono forse gli apparecchi più costosi e ingombranti. Sono dotate, per attutire il rumore di armadietti chiamati fonoassorbenti. Il costo complessivo non è inferiore ai tremila euro. In ultimo abbiamo gli scanner: apparecchi in grado di scansionare un documento cartaceo e, attraverso dei programmi chiamati OCR (Optical Charatter Recognition), convertirlo in formato testuale e quindi leggibile con sintesi vocale, display braille o stampato su carta. Microsoft Office mette a disposizione uno strumento, il Microsoft Document Scanning, ma in commercio abbiamo molti programmi OCR, più o meno costosi, però più prestanti: il Finereader, l Omnipage e il Textbridge. Il costo degli scanner parte da euro; molto dipende dalla marca, dalla risoluzione massima utilizzata e dalle funzionalità aggiuntive, che non sono necessarie per un lavoratore non vedente. Per quanto riguarda le potenzialità di impiego, molto dipende dal tipo di disabilità e dal software utilizzato. Per i ciechi, non tutti i software sono ancora accessibili, tuttavia sono numerosi e permettono i lavori più disparati: progettazione e sviluppo software, gestione banche dati, gestione di stazioni radiofoniche, montaggio audio, relazione con il pubblico e molto altro. Naturalmente le modalità di adeguamento vanno valutate caso per caso, essendo la sensoriale una tipologia di disabilità che può presentare difficoltà ed esigenze differenti, a seconda delle persone. La tipologia cognitiva è probabilmente quella meno conosciuta; riguarda quelle persone che hanno difficoltà di cognizione, come suggerisce il termine. Queste persone possono comunque lavorare, molto dipende dalla capacità cognitiva; tuttavia vi sono già associazioni che li impiegano nei lavori manuali, come la comunità di Capo D arco ad esempio. Inoltre va ricordato che vi sono dei locali dove persone affette dalla sindrome di Down vengono impiegate con profitto come camerieri. In conclusione si può affermare senza alcun dubbio che lavorare non è soltanto un diritto ma anche, e soprattutto, un dovere di tutti. I disabili devono lavorare per essere di aiuto alla società di cui fanno parte e per non cadere nella spirale del povero bisognoso di aiuto. La tecnologia esiste e deve essere utilizzata al meglio. È quindi un diritto-dovere del disabile lavorare e un diritto-dovere delle aziende pretendere che il disabile svolga il suo lavoro senza avere sconti. Solo così sarà possibile cambiare la mentalità della società e si potrà parlare di integrazione sociale, ossia di e-inclusion. Germano Carella Fondazione Ugo Bordoni FEBBRAIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 1.12.2008 COM(2008) 804 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE E AL COMITATO

Dettagli

Accessibilità / Usabilità dei sistemi informatici

Accessibilità / Usabilità dei sistemi informatici Accessibilità / Usabilità dei sistemi informatici Bologna, Handimatica 2014 03/02/2015 E.Paiella - ASPHI 1 Alcuni numeri IBM Corporation - 2014 Accessibilità / Usabilità ICT Barriere Architettoniche Accesso

Dettagli

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Massimo Amendola slide 1 di 33 Sommario 1. ACCESSIBILITÀ e USABILITÀ 2. IL LABORATORIO 3. ATTIVITÀ 4. IL PROGETTO MEDIACCESS slide 2

Dettagli

ABEL (AccessiBle E-Learning)

ABEL (AccessiBle E-Learning) ABEL (AccessiBle E-Learning) Target: non vedenti e ipovedenti Metodologia: Apprendimento tramite materiali online Keywords: Vantaggi e svantaggi dell online learning per non vedenti e ipovedenti Accessibilità

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

Teoria ed esperienza sull accessibilità digitale

Teoria ed esperienza sull accessibilità digitale Teoria ed esperienza sull accessibilità digitale Informazione e formazione. a cura di Stefania Leone abruzzo@disabilivisivi.it s.leone@almaviva.it 1 Mi presento Sono Socio e Consigliere direttivo dell

Dettagli

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 15 novembre 2014 Daniela Sangiovanni Comunicazione e Ufficio stampa Policlinico S,Orsola ACCESSIBILITÀ Gli Stati dovrebbero riconoscere l importanza

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive Studio di Consulenza Stefano Persichino Consulenza, valutazione,

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali ASPHI Fondazione Onlus Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive 2 Introduzione Ausili per disabilità

Dettagli

L a c c e s s ibilit à dig ita le : pre s e nte e futuro

L a c c e s s ibilit à dig ita le : pre s e nte e futuro L a c c e s s ibilit à dig ita le : pre s e nte e futuro Il punto di vis ta de lla FIS H ra c c onta to da una pe rs ona non ve de nte A c ura di : S te fa nia Le one VEDETE QUALCOSA? Buongiorno a tutti

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

Eldy, il computer diventa facile per ipovedenti/ciechi

Eldy, il computer diventa facile per ipovedenti/ciechi Eldy, il computer diventa facile per ipovedenti/ciechi Progetto Sentiamoci in rete www.eldy.org ELDY ONLUS L'associazione no profit Eldy promuove azioni concrete per l'inclusione sociale di anziani e disabili.

Dettagli

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO USO DEL MANUALE "SCRIVERE CON DIECI DITA" E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO PRIME LEZIONI Senza alcuna pretesa di volersi sostituire all abilità di ogni insegnante nel presentare l approccio alla scrittura

Dettagli

Internet senza barriere

Internet senza barriere Internet senza barriere Convegno Abi Internet e la Banca 2003 1-2 dicembre 2003 Roberto Fonso Direttore Information Technology We@service S.p.a. Agenda La banca di tutti Capire l accessibilità Il contesto

Dettagli

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE

1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Software 1.2 1.2.1.1 DEFINIZIONE DI SOFTWARE Il computer non è in grado di svolgere alcun compito autonomamente Esso può eseguire svariati compiti soltanto se viene opportunamente istruito Ciò avviene

Dettagli

Il computer e l alunno con disabilità visiva. Metodologia, strumenti e percorsi specifici.

Il computer e l alunno con disabilità visiva. Metodologia, strumenti e percorsi specifici. Il computer e l alunno con disabilità visiva. Metodologia, strumenti e percorsi specifici. dott.ssa Francesca Piccardi di Assisi Un cieco o un ipovedente non usa un computer speciale, costruito appositamente

Dettagli

Jay The Active Reader

Jay The Active Reader Jay The Active Reader Jay è un lettore di documenti che puoi controllare usando la tua voce in modo semplice e naturale. Jay è, infatti, il primo lettore di documenti che si avvale di un interfaccia multimodale

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER

E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER Sommario E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER L ACCESSIBILITÀ 1. all improvviso non vedessi più? 2. all improvviso non sentissi più? 3. all improvviso non parlassi più? 4. all improvviso non mi muovessi più? 5.

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Progettare un sito web

Progettare un sito web Progettare un sito web Problematiche di accessibilità (Capitolo 2) (materiale illustrativo degli esempi gentilmente messo a disposizione da R. Polillo) Accessibilità La capacità dei sistemi informatici,

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche Le biblioteche offrono dei servizi pubblici Accessibilità dei siti Web delle biblioteche 1 Il loro patrimonio: informazioni conoscenza Requisito essenziale del servizio: Maurizio Vittoria - Biblioteca

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW Il progetto SEACW, co-finanziato dalla Commissione Europea, ha creato un Ecosistema Digitale destinato a diventare un punto di incontro per tutti coloro che sono interessati

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

DISLESSIA. Cos è? La dislessia e' una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. http://www.aiditalia.

DISLESSIA. Cos è? La dislessia e' una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. http://www.aiditalia. DISLESSIA Cos è? La dislessia e' una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. http://www.aiditalia.org La definizione più recente, approvata dall'international

Dettagli

Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti.

Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti. Associazione Nazionale Subvedenti sede operativa L.go Volontari del Sangue, 1 - Milano tel/fax: 02 70 63 28 50 e-mail: info@subvedenti.it Web: www.subvedenti.it Panoramica sulle tecnologie assistive e

Dettagli

Il ruolo degli ausili nella costruzione del progetto di vita delle persone disabili. I.T.T. Mazzotti - Treviso 12 gennaio 2007

Il ruolo degli ausili nella costruzione del progetto di vita delle persone disabili. I.T.T. Mazzotti - Treviso 12 gennaio 2007 Il ruolo degli ausili nella costruzione del progetto di vita delle persone disabili I.T.T. Mazzotti - Treviso 12 gennaio 2007 ...e per gli alunni con disabilità sensoriale? AUSILI E DISABILITÀ VISIVA Angelo

Dettagli

Riconoscimento tramite OCR di testi presentati sullo schermo in forma grafica

Riconoscimento tramite OCR di testi presentati sullo schermo in forma grafica Sie befin Un nuovo e rivoluzionario Screen Reader! Che cosa c è di speciale in COBRA? Lo screen reader COBRA ha come obiettivo principale il lavoro e la completa accessibilità delle persone cieche e ipovedenti

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone 1 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili Valerio Gower 3 4 Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry (RIM) Windows Phone

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori

Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori Andrea Mangiatordi - 29 marzo 2008 Tecnologia Funzionalità Vantaggi Svantaggi Può essere utile anche a Combinata con un chi ha problemi di qualunque

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili 1 Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili Valerio Gower 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone 3 I principali sistemi operativi Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

Il lavoro condotto ha portato alla realizzazione di tre sistemi: - Ingranditore e Lettore di testi - Controller digitale - Comunicatore

Il lavoro condotto ha portato alla realizzazione di tre sistemi: - Ingranditore e Lettore di testi - Controller digitale - Comunicatore Il progetto Freedom è nato dalla volontà di applicare alcune moderne ed innovative tecnologie alle semplici attività giornaliere. L obiettivo del progetto è stato quello di fornire nuovi e semplici strumenti

Dettagli

CAPO I: OGGETTO ED AMMONTARE DELL'APPALTO, DESCRIZIONE, STRUTTURA E REQUISITI DEL PRODOTTO Art. 1 Oggetto dell appalto Oggetto del presente appalto è la realizzazione della Intranet dell Amministrazione

Dettagli

AUTOAGGIORNAMENTO DOCUMENTI ACCESSIBILI e USABILI

AUTOAGGIORNAMENTO DOCUMENTI ACCESSIBILI e USABILI AUTOAGGIORNAMENTO DOCUMENTI ACCESSIBILI e USABILI Cosa è l accessibilità? Legge Stanca del 9 gennaio 2004 che regola la forma e i contenuti dei siti web delle P.A L «accessibilità» è la capacità dei sistemi

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione

Capitolo 1 Introduzione Capitolo 1 Introduzione ZoomText 9.1 è una potente applicazione che favorisce l utilizzo del computer a individui con difficoltà visive. Utilizza due tecnologie versatili ingrandimento dello schermo e

Dettagli

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA I CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE PARALIMPICO L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA Mauro Esposito Uff. Ed. Fisica e Sportiva

Dettagli

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale

Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale IP/08/1397 Bruxelles, 25 settembre 2008 Internet a banda larga per tutti gli europei: la Commissione avvia un dibattito sul futuro del servizio universale In che modo l'unione europea potrà garantire l'accesso

Dettagli

Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti

Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti Paolo Graziani CNR - Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara, Firenze Fondaz. Don Gnocchi, Milano 2008 1 Dai principi della Progettazione Universale

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Primo della Camera dei deputati L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Gli indicatori dell agenda digitale europea La posizione

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Tecnologie e Disabilità

Tecnologie e Disabilità Tecnologie e Disabilità Sostenere la lettura con il digitale Andrea Mangiatordi, 12 Aprile 2014 Tecnologie per l accesso Di cosa parleremo? ogni oggetto, strumento o prodotto, sia esso acquistato, modificato

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

FACILITATORE DIGITALE

FACILITATORE DIGITALE Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Oggi in Europa circa il 30-40% delle persone anziane, dei disabili, delle donne, delle persone con

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

CENTRO DI.RE. (DIVERSAMENTE ABILI IN RETE) QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEL FABBISOGNO DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

CENTRO DI.RE. (DIVERSAMENTE ABILI IN RETE) QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEL FABBISOGNO DI TECNOLOGIE ASSISTIVE CENTRO DI.RE. (DIVERSAMENTE ABILI IN RETE) QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEL FABBISOGNO DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Il presente questionario ha come obiettivo principale quello di indagare il fabbisogno

Dettagli

1.2 - Un archivio per il software didattico

1.2 - Un archivio per il software didattico 1.2 - Un archivio per il software didattico Valerio Mezzogori Il quadro di riferimento E difficile prescindere dall utilizzo degli ausili tecnologici nel trattamento delle situazioni di handicap. Pur con

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

sophigraphic p. iva 04489850281

sophigraphic p. iva 04489850281 sophigraphic p. iva 04489850281 Padova, Maggio 2013 Trascrizioni braille/caratteri ingranditi stampati o su supporto informatico Buongiorno, mi chiamo Giorgio Callegari e sono il titolare di un'impresa

Dettagli

VIP PDF-Reader. Indice. (for Visually Impaired People)

VIP PDF-Reader. Indice. (for Visually Impaired People) VIP PDF-Reader (for Visually Impaired People) Indice 1. Introduzione... 2 1.1. Documenti PDF accessibili... 2 2. Guida all installazione/disinstallazione... 2 2.1. Requisiti del sistema... 2 2.2. Installazione...

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER SDA. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA: WEB-VISUM: semplificazione siti web NVDA: Non Visual Desktop Access

GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER SDA. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA: WEB-VISUM: semplificazione siti web NVDA: Non Visual Desktop Access GUIDA ALL UTILIZZO DEL ACCESSO ALLA PIATTAFORMA: WEB-VISUM: semplificazione siti web NVDA: Non Visual Desktop Access ACCESSO ALLE LEZIONI ADOBE READER X: funzione «Leggi a voce alta» INTRODUZIONE Al fine

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA CIRCOLARE 13 marzo 2001, n.3/2001 Linee guida per l'organizzazione, l'usabilita' e l'accessibilita' dei siti Web delle pubbliche

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Relazione illustrativa degli Obiettivi di accessibilità

Relazione illustrativa degli Obiettivi di accessibilità COMUNE DI PORTOSCUSO Provincia di Carbonia-Iglesias Comune di Portoscuso Relazione illustrativa degli Obiettivi di accessibilità Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012,

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 25.03.2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Repubblica Italiana - Regione Siciliana Istituto Comprensivo Statale Federico II di Svevia Via Del Sole Massannunziata - 95030 Mascalucia (CT) Tel. 095-910718 C. F. 93105190875 - C.M. CTIC83400C - Codice

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR

Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali di base in soggetti in età scolare (8-13 anni) rappresentano, a tutt oggi, una fra

Dettagli

Un iphone più accessibile

Un iphone più accessibile Appendice B Un iphone più accessibile Libero accesso Con due dita tutto gira meglio A p p e n d i c e B Conto che questo viaggio nei segreti e nelle meraviglie di iphone sia stato divertente oltre che

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI BRUSAPORTO PROV. DI BG Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto A MARZO 2014 Sommario Obiettivi

Dettagli

VINCENZO IAVAZZO CREA IL TUO SOFTWARE

VINCENZO IAVAZZO CREA IL TUO SOFTWARE VINCENZO IAVAZZO CREA IL TUO SOFTWARE Imparare a programmare e a realizzare software con i più grandi linguaggi di programmazione 2 Titolo CREA IL TUO SOFTWARE Autore Vincenzo Iavazzo Editore Bruno Editore

Dettagli

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione

Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Unità didattica 2: Ausili specifici per la comunicazione Introduzione Nell ambito delle strategie di comunicazione adottate (più o meno complesse), possiamo introdurre l utilizzo di specifici ausili che

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione

riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione Giornata Aperta 2009 Atomi e gomitoli: riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione dell'incontro dell'11 maggio 2009. Mario Ciao Daniela, il che dici, dii parlo del dl sito www.odorisuonicolori.it

Dettagli

Accessibilità digitale

Accessibilità digitale Accessibilità digitale Guido Gelatti guido.gelatti@itiscastelli.it Brixia Generazione Digitale - 6 Dicembre 2013 The power of the Web is in its universality Tim Berners-Lee afferma che il web "deve consentire

Dettagli

Microsoft DCCN. Digital Commerce & Campaign Network. Guida operativa per i Partner

Microsoft DCCN. Digital Commerce & Campaign Network. Guida operativa per i Partner Microsoft DCCN Digital Commerce & Campaign Network Guida operativa per i Partner Edizione Marzo 2012 Introduzione La straordinaria evoluzione dei comportamenti dei consumatori nell era digitale ha senza

Dettagli

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net nasce dal recepimento degli stimoli e delle indicazioni prodotte a livello nazionale, europeo e internazionale in tema di accessibilità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 595 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI GIOVEDÌ 3 MAGGIO 2001 Risoluzione del Parlamento europeo sull

Dettagli

Riassunto primo focus (senior)

Riassunto primo focus (senior) Riassunto primo focus (senior) Il focus group si è svolto giovedì 25 marzo dalle 17.00 alle 18.30. I partecipanti erano persone in pensione appartenenti all associazione Amici della biblioteca. Sebbene

Dettagli

Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana

Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana 1 Accessibilità dei siti Web e P.A. italiana Internet, 25 giugno 2013 Immagine: http://miriadna.com/preview/653 Cos è l accessibilità Fonte: http://www.sustainablesushi.net/wp-content/uploads/2009/07/hair-out-714605.jpg

Dettagli

Information Technology and Comunication (ITC) e ipovisione

Information Technology and Comunication (ITC) e ipovisione Information Technology and Comunication (ITC) e ipovisione Relatore Paolo Mura ICT è l'acronimo di Information and Communication Technology, (cioè Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione). Nella

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 Adottato con D.R. n. 1165 del 31 Marzo 2014 1 1 Su

Dettagli

GUIDOAUSILI SRL Produzione, sviluppo e vendita di software per le disabilità visive

GUIDOAUSILI SRL Produzione, sviluppo e vendita di software per le disabilità visive WINGUIDO PROGRAMMA MULTIFUNZIONE PER NON VEDENTI Il programma per non vedenti WinGuido () è stato realizzato dall Ing. Guido Ruggeri ed è concepito per consentire un semplice utilizzo del personal computer

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia

domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia domotica, tutto comincia con un tocco... e continua con la tua fantasia FACCIAMO SOLO CIO IN CUI SIAMO BRAVI: LA DOMOTICA MISSION Fin dal suo esordio, il marchio Easydom ha fatto della domotica il suo

Dettagli

Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL MINISTRO VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante le disposizioni legislative

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

PORTALE ITALIA.GOV: i servizi e la sezione di formazione online Finsiel - Marcella Anna Pignatiello

PORTALE ITALIA.GOV: i servizi e la sezione di formazione online Finsiel - Marcella Anna Pignatiello PORTALE ITALIA.GOV: i servizi e la sezione di formazione online Finsiel - Marcella Anna Pignatiello Abstract 2.000 pagine di contenuti tra Guide ed Eventi 7.000 link a pagine di siti istituzionali 1.000

Dettagli

Mexal SAR. SAR (Servizio Assistenza Remota) TARGET DEL MODULO

Mexal SAR. SAR (Servizio Assistenza Remota) TARGET DEL MODULO SAR (Servizio Assistenza Remota) TARGET DEL MODULO Il modulo SAR, destinato ad Aziende e Professionisti, è stato progettato per fornire assistenza e consulenza a distanza. Se da una parte, i professionisti

Dettagli

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006

La CNS e l accessibilità Progetto presentato dal Comune di Argenta, premiato durante il ForumPA 2006 Premio alle migliori azioni per rendere accessibili le amministrazioni e i servizi ai disabili e alle fasce deboli una iniziativa promossa da Commissione Interministeriale Permanente per l'impiego delle

Dettagli

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 + BANDO Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO. www.liceonomentano.net Via della Bufalotta,229-00139 Roma (RM) Italia. per l anno 2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO. www.liceonomentano.net Via della Bufalotta,229-00139 Roma (RM) Italia. per l anno 2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO www.liceonomentano.net Via della Bufalotta,229-00139 Roma (RM) Italia Cod.meccanografico rmps44000b telefono +39 06121122012 Fax +39 0687137660 rmps44000b@istruzione.it

Dettagli

Sintesi normativa accessibilità nazionale ed internazionale Federico Barraco - CNIPA

Sintesi normativa accessibilità nazionale ed internazionale Federico Barraco - CNIPA Sintesi normativa accessibilità nazionale ed internazionale Federico Barraco - CNIPA Esposizione sintetica della normativa nazionale ed internazionale, evidenziando gli elementi caratterizzanti della normativa

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale dei sistemi Informativi, dell innovazione tecnologica e della comunicazione Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi

Dettagli