PROGRAMMI WORKSHOP FORMATIVI COM-PA martedì 3 novembre 2009 L IMPATTO DEL WEB 2.0 E DEI SOCIAL MEDIA NELLA COMUNICAZIONE DELLA P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMI WORKSHOP FORMATIVI COM-PA 2009. martedì 3 novembre 2009 L IMPATTO DEL WEB 2.0 E DEI SOCIAL MEDIA NELLA COMUNICAZIONE DELLA P.A."

Transcript

1 PROGRAMMI WORKSHOP FORMATIVI COM-PA 2009 martedì 3 novembre 2009 In collaborazione con: ASSOREL L IMPATTO DEL WEB 2.0 E DEI SOCIAL MEDIA NELLA COMUNICAZIONE DELLA P.A. Martedì 3 novembre DIEGO BIASI Gli obiettivi formativi del workshop partono dall analisi di come si possa colmare la distanza derivante dall arretratezza digitale della PA per ripensarne la comunicazione e proiettare la PA verso le performance d impresa attraverso un approccio più strutturato e moderno alla comunicazione con il cittadino. I Digital Media e il Web 2.0 rappresentano la nuova frontiera della comunicazione one to one, mentre emerge la richiesta sempre più pressante da parte del cittadino/cliente di un livello di servizio adeguato ai tempi di risposta guidato dalle nuove tecnologie e richiede alla PA una nuova configurazione della propria organizzazione nel comunicare in modo mirato e personalizzato. - L impatto del Web 2.0 e i cambiamenti di scenario nell e-government e nel dialogo tra istituzioni e cittadino: aspettative, opportunità e casi di successo - I nuovi info-mediari e il loro ruolo nella comunicazione tra PA e cittadino: giornali online, social media e blogosfera - Comunicare in modo efficace con giornalisti e blogger attraverso l ufficio stampa online Operatori della comunicazione di enti pubblici e istituzioni. Il Seminario ha come destinatari principali tutti gli addetti che operano nella comunicazione, sia dalla parte delle agenzie che hanno l occasione di confrontarsi con la PA come utenza, sia da parte degli addetti che lavorano nelle Pubbliche Amministrazioni e che devono confrontarsi con i cambiamenti nella comunicazione imposti dall avvento delle nuove tecnologie. In collaborazione con: FONDAZIONE POLITECNICO DI MILANO

2 I BISOGNI DI COMUNICAZIONE E COLLABORAZIONE EMERGENTI DALLA PA: VERSO NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI PER LA PROMOZIONE DELL INFORMAZIONE E DELLA PARTECIPAZIONE DEGLI STAKEHOLDER Martedì 3 novembre STEFANO MAINETTI La comunicazione, intesa come strumento di condivisione della conoscenza, rappresenta uno dei fattori abilitanti alla creazione di un nuovo modello di Pubblica Amministrazione che punti a valorizzare la relazione con i cittadini, in pieno accordo con quanto indicato dal piano egov 2012, oltre che a migliorare il funzionamento stesso dell Ente Pubblico. Il workshop ha l obiettivo di ripercorrere i cambiamenti che stanno attraversando l ecosistema della comunicazione partendo dall analisi di due grandi processi di cambiamento in atto. Il cambiamento dell ecosistema della comunicazione on line che con i nuovi modelli sociali di impiego delle ICT, il cosiddetto fenomeno del Web 2.0, sta modificando il modo di operare delle organizzazioni: le forme di governo centralizzate stanno lasciando spazio a strutture più aperte e decentrate. Il cambiamento della Pubblica Amministrazione che, coinvolta in un progressivo processo di decentramento amministrativo, è chiamata a cogliere obiettivi di efficienza interna e di efficacia nella gestione delle relazioni con il cittadino e le imprese. Gli impatti che le nuove modalità di impiego dei diversi strumenti di comunicazione possono avere sulla Pubblica Amministrazione sono molteplici: le reti sociali, la condivisione delle informazioni e la collaborazione emergente possono rappresentare una notevole opportunità per l integrazione con gli altri Enti, per l erogazione di servizi ai cittadini e per il loro coinvolgimento attivo nella vita pubblica, stimolando nuove forme di partecipazione. Molteplici sono le iniziative in corso di sviluppo, anche se non pochi sono gli ostacoli con cui le organizzazioni devono confrontarsi per attuarle: per il ruolo e le specificità di funzionamento dell Ente Pubblico e per la natura delle informazioni gestite, questa forma innovativa di utilizzo delle ICT comporta una valutazione attenta dei vincoli e dei rischi. Nell ambito del workshop, avvalendosi dei risultati prodotti dall Osservatorio Enterprise 2.0 della School of Management del Politecnico di Milano su un campione di indagine ristretto al settore della Pubblica Amministrazione, saranno illustrate le opportunità per la PA legate all impiego collaborativo delle ICT, evidenziandone le problematiche e proponendone una modalità di valutazione e gestione. Il workshop sarà articolato in 5 moduli principali. - I bisogni di comunicazione e collaborazione emergenti interni ed esterni alla PA - I nuovi modelli organizzativi per una PA partecipata ed efficiente - Il quadro di attuazione italiano dei progetti di PA I principali percorsi di attuazione dei progetti - Le tecnologie come fattore abilitante Il corso si rivolge agli Amministratori ed ai Dirigenti della PA, agli operatori della comunicazione pubblica (uffici stampa, comunicatori, operatori Urp, web content manager), a professionisti e specialisti del mercato dell offerta e alle persone che possono promuovere o influenzare lo sviluppo di iniziative innovative all interno delle Pubbliche Amministrazioni.

3 PUBBLICITA E COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Martedì 3 novembre MAURO FERRARESI (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) Il Workshop ha lo scopo di esplicitare lo specifico della comunicazione pubblicitaria istituzionale, evidenziando i punti di convergenza e i punti di differenza con la pubblicità classica. Si tratta di comprendere meglio il modo di comunicare tipico delle amministrazioni, centrali, locali e periferiche. Struttura del programma - Introduzione al corso - Analisi e discussione di alcuni casi di comunicazione pubblicitaria istituzionale e classica - Approfondimenti teorici - Elaborazioni in aula - Conclusioni Il corso è destinato a tutti gli operatori della pubblicità e della comunicazione e in particolare a coloro che svolgono questa professione all interno della istituzione e delle amministrazioni, centrali, locali e periferiche.

4 In collaborazione con: FONDAZIONE POLITECNICO DI MILANO TECNOLOGIE OPEN SOURCES NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: IL RUOLO CHIAVE DELLA COMMUNITY Martedì 3 novembre EUGENIO CAPRA Il workshop mira a mettere in luce i reali vantaggi garantiti dall adozione di soluzioni open source nell ambito della Pubblica Amministrazione. Il fenomeno in questione è in forte crescita, basti pensare che i software repository liberamente accessibili online, cioè i collettori di progetti Open Source, stanno fiorendo con nuove comunità di utenti e sviluppatori (per esempio SourceForge conta ormai più di progetti), le più grandi aziende software del pianeta stanno investendo nell Open Source, e sempre più aziende stanno costruendo il loro business attorno all Open Source. Anche la pubblica amministrazione è molto interessata all Open Source. Basti pensare che circa il 60% del software in uso nelle PA è di questo tipo. In particolare, le applicazioni Open Source sono sempre più utilizzate come tool di sviluppo o come sottocomponenti di altre applicazioni. Il mondo Open Source ha infatti una grande prerogativa: quella di favorire lo sviluppo di strumenti simili ed interpretabili, grazie agli standard aperti, che permettono la creazione di servizi omogenei e integrati fra le diverse Pubbliche Amministrazioni. Il software Open Source inoltre fa sì che chi fornisce il software non sia più solamente un fornitore, ma diventi un partner del cliente e quindi della Pubblica Amministrazione. Si è soliti ritenere che uno dei principali vantaggi dell open source sia da individuare nella sua maggiore economicità in termini di minori costi di sviluppo, come conseguenza dei contributi volontari da parte della comunità. Uno degli obiettivi del workshop è quello di sfatare tale assunto, in quanto in realtà il software Open Source non è gratis per chi lo sviluppa. La progettazione e la gestione di applicazioni complesse, così come la scrittura di codice per funzioni altamente specifiche, richiedono sicuramente molto tempo e soprattutto un ingente sforzo di coordinamento. Infatti, come risulta da una ricerca recentemente condotta dal Dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano, le applicazioni sviluppate in contesti più open hanno, a parità di dimensione, costi di sviluppo più elevati rispetto a quelle sviluppate in contesti più tradizionali. Tale maggior costo è determinato principalmente dal peso degli oneri organizzativi necessari per gestire la comunità e per coordinare tra loro gli sviluppatori. Pertanto i vantaggi dell Open Source vanno ricercati più in termini di efficacia che non di efficienza. In particolare l adozione dell Open Source induce un cambiamento culturale all interno dell organizzazione e stimola le persone a collaborare attivamente allo sviluppo di un progetto, facendo leva sul concetto di comunità. Quest ultimo elemento rappresenta infatti una preziosa fonte di feedback per gli sviluppatori e uno strumento di marketing molto efficace. Al contrario di quanto si possa pensare, il contributo in termini di codice che arriva dalla comunità è solitamente molto contenuto. La maggior parte del codice viene scritta da un nucleo molto ristretto di sviluppatori core, mentre i membri della comunità contribuiscono testando l applicazione, segnalando bachi, proponendo patch per chiudere i bachi aperti, traducendo nelle varie lingue le interfacce, gestendo il sito web e soprattutto fornendo feedback immediati sulle funzionalità e sui requisiti del progetto. Infatti i forum delle comunità più attive pullulano di commenti, discussioni, suggerimenti. Ciò permette un interazione rapida ed efficace fra utenti e sviluppatori producendo effetti positivi in termini di:

5 un coinvolgimento diretto ed una maggiore soddisfazione degli utenti una maggiore motivazione e gratificazione di sviluppatori ed amministratori Il workshop sarà articolato in 4 moduli principali: - Introduzione all Open Source - I vari modelli di progetti Open Source - Come cogliere i vantaggi della comunità di utenti - Esercitazione guidata su alcuni significativi progetti Open Source Il corso si rivolge ai Dirigenti della PA, a professionisti e specialisti del mercato dell offerta e alle persone che possono promuovere o influenzare lo sviluppo di iniziative innovative all interno delle Pubbliche Amministrazioni.

6 LOGICHE E STRUMENTI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Martedì 3 novembre GUIDO DI FRAIA (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) L ascolto dell utenza e la rilevazione della qualità percepita dei servizi rappresenta una delle indicazioni più qualificanti e innovative, rispetto alle tradizionali logiche di funzionamento della Pubblica Amministrazione, tra quelle contenute nelle disposizioni istitutive degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico. Ma tale funzione risulta tra quelle concretamente meno attivate o svolte in modo più occasionale e meno pianificato. Alla base di questo stato delle cose, vi sono numerosi fattori, tra cui la molteplicità delle funzioni più generali a cui l ufficio è preposto a fronte di una generalizzata scarsità delle risorse (umane, formative, ecc.) su cui può contare; ma tra essi, un posto non secondario è anche rappresentato dalla difficoltà (culturale e organizzativa) di integrare quella che continua ad essere ritenuta una funzione collaterale e accessoria (secondaria rispetto al core business percepito dell ufficio) all interno delle prassi operative quotidiane degli Urp. L obiettivo del workshop è quello di presentare gli strumenti utilizzabili per la misurazione del grado di qualità percepita da parte dell utenza e di fornire gli skills necessari per effettuare rilevazioni continuative e ad hoc della stessa, in una logica di costante ottimizzazione dei servizi e fine tuning con l utenza. In modo particolare, attraverso la discussione di alcune best practies relative ad URP presenti sul territorio nazionale, verranno individuate e analizzate le possibili linee guida per la costruzione e la gestione di un sistema di ascolto e di rilevazione strutturata della qualità percepita dei servizi. Nel corso del work shop saranno affrontati i seguenti temi: - I fattori di qualità del servizio pubblico - Logiche dell ascolto e progettazione di strumenti per la rilevazione della qualità percepita delle attività e dei servizi nel settore pubblico - Presentazione di best practices riproducibili di strumenti e modelli organizzativi finalizzati alle attività di ascolto e di rilevazione del grado di soddisfazione dell utenza realizzati da Uffici Relazioni con il Pubblico della PA locale e centrale. - Amministratori e operatori pubblici, in particolare addetti URP - Studenti o Neolaureati di primo/secondo livello, provenienti in particolare da corsi di laurea in discipline della comunicazione pubblica o del marketing.

7 In collaborazione con: Gruppo Humanitas UFFICIO STAMPA 2.0: COME CAMBIA LA COMUNICAZIONE SANITARIA NELL'ERA INTERNET Martedì 3 novembre WALTER BRUNO LAURA CAPARDONI Nuove tecnologie, motori di ricerca, social network, portali e giornali on line hanno di fatto cambiato il contesto in cui ospedali e aziende sanitarie agiscono e comunicano con pazienti, media e stakeholder. Conoscere le opportunità di questi strumenti è fondamentale per pianificare attività di comunicazione e media relation efficaci. - Salute on-line: qualità dell informazione e fattore tempo - Blog e forum: i pazienti si confrontano e parlano di te - Caro dottore ti scrivo - Tempo di video - Uffici comunicazione e di staff di Asl, Aziende ospedaliere pubbliche e private - Urp - Studenti di discipline umanistiche orientati a lavorare nel settore sanitario

8 mercoledì 4 novembre 2009 COMUNICAZIONE INTERNA E RELAZIONI ORGANIZZATIVE Mercoledì 4 novembre ALESSANDRA MAZZEI (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) Gli obiettivi del workshop sono: 1) stimolare nei partecipanti l acquisizione di una prospettiva dinamica della comunicazione interna sempre più focalizzata sulle relazioni organizzative e orientata a: - supportare lo sviluppo della conoscenza e delle relazioni di alleanza - governare l insieme di iniziative e di strumenti di relazione e di interazione - attivare comportamenti di comunicazione proattivi in tutta l organizzazione 2) proporre un metodo di riflessione e di autodiagnosi sul sistema di comunicazione dell organizzazione di provenienza 3) sviluppare nei partecipanti competenze per impostare un piano di azioni per sviluppare le interazioni e le relazioni organizzative - Un modello di comunicazione interna orientato a generare risorse di conoscenza e a sviluppare relazioni di alleanza attiva con i collaboratori: finalità, interlocutori, processi, pratiche - Diagnosi del modello di comunicazione prevalente in un organizzazione - Impostazione di un piano di azioni per migliorare il sistema di comunicazione Il seminario è rivolto a professionisti che operano nell area della comunicazione in generale e della comunicazione interna in particolare che vogliano approfondire le proprie competenze nel settore specifico; a professionisti che operano in aree contigue alla comunicazione interna, come la gestione delle risorse umane, che vogliano estendere le proprie competenze in un settore che può rappresentare un ambito di evoluzione professionale.

9 In collaborazione con: FONDAZIONE POLITECNICO DI MILANO LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI NELLA NUOVA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PARTECIPATA ED EFFICIENTE Mercoledì 4 novembre STEFANO MAINETTI La raccolta, la gestione e la condivisione delle informazioni è uno dei temi su cui sempre più si sta focalizzando l attenzione delle organizzazioni. Una delle leve per aumentare l efficienza e l efficacia della prestazione è proprio quella di recuperare e distribuire contenuti prima inesistenti (conoscenza implicita) o accessibili a poche persone (isole applicative). L obiettivo del workshop è quello di analizzare il tema dell Enterprise Information Management (EIM) individuando possibili modelli di utilizzo ottimale delle informazioni all interno della Pubblica Amministrazione, a partire dal supporto ai processi decisionali interni fino all utilizzo di conoscenza per erogare servizi operativi. Una gestione delle informazioni evoluta, per essere attuata all interno degli Enti Pubblici, richiede una delicata combinazione di scelte strategiche, organizzative e tecnologiche, che è importante pianificare attraverso un percorso consapevole: a partire dall analisi delle attività e delle procedure da cui i flussi informativi nascono, alla definizione delle strutture organizzative che li gestiscono fino ad arrivare alla progettazione dei sistemi informativi che li supportano (portali Intranet e Internet). Nell ambito del workshop, avvalendosi dei risultati prodotti dall Osservatorio Enterprise 2.0 della School of Management del Politecnico di Milano su un campione di indagine ristretto al settore della Pubblica Amministrazione, verrà fornito il quadro di attuazione dei progetti EIM evidenziando le migliore pratiche ad oggi presenti sul tema, saranno illustrate le principali opportunità e criticità legate all attuazione dei progetti di questo tipo proponendone una metodologia per il loro sviluppo e gestione. Il workshop sarà articolato in 5 moduli principali. - La gestione delle informazioni nella PA - Le tipologie di progetti: Intranet ed Internet - Il quadro di riferimento - Una metodologia per lo sviluppo e la gestione dei progetti - I casi di successo Il corso si rivolge agli Amministratori ed ai Dirigenti della PA, agli operatori della comunicazione pubblica (uffici stampa, comunicatori, operatori Urp, web content manager), a professionisti e specialisti del mercato dell offerta e alle persone che possono promuovere o influenzare lo sviluppo di iniziative innovative all interno delle Pubbliche Amministrazioni.

10 In collaborazione con: Università L. Bocconi Milano SPA E SRL SENZA DISTRIBUZIONE DI UTILI E COMUNI: COMUNICARE LA SUSSIDIARIETA ORIZZONTALE Mercoledì 4 novembre GIORGIO FIORENTINI ROBERTO RANDAZZO Il workshop si propone di declinare la sussidiarietà orizzontale in logica comunicativa e descrivere gli strumenti di comunicazione utili per la filiera sussidiaria. Il corso presterà particolare attenzione al ruolo della comunicazione pubblica e alla valorizzazione comunicativa della funzione dell impresa sociale come spa e srl senza distribuzione di utili. - La filiera sussidiaria e la filiera aziendale - L impresa sociale come spa e srl senza distribuzione di utili - Strumenti di comunicazione - Comunicatori pubblici dei comuni e delle regioni - Responsabili comunicazione imprese sociali

11 TECNICHE DI COMUNICAZIONE POLITICA DIGITALE. DAL SITO INTERNET ALL E-DEM 2.0 Mercoledì 4 novembre ALESSANDRO PAPINI (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) Il workshop verrà concentrato sulla visione analitica della comunicazione dei principali partiti nelle elezioni politiche degli ultimi due anni, in modo che i partecipanti possano verificare i diversi format comunicativi. Emergeranno le immagini, gli argomenti e i linguaggi utilizzati per colpire il cuore dell elettorato, rassicurandone le paure e le incertezze con toni forti o, al contrario, estremamente pacati e confidenziali. Il panorama delle campagne illustrate verte unicamente sulle campagne realizzate sui media classici, in quanto diversamente dai new media fruibili da tutto il pubblico dei potenziali elettori e destinatarie dei maggiori investimenti. Il workshop tratterà le seguenti tematiche: - La rivoluzione internet: dalla comunicazione all interazione digitale - Processi di politics: website methodology, web positioning, web advertising, - Il web 2.0 per la politica. - Tecniche ed esperienze di successo a confronto. Il seminario è rivolto ai portavoce, responsabile comunicazione, consulenti politici, responsabili relazioni esterne di PA e organizzazioni di pubblica utilità.

12 BRANDING A PRESIDENT. LA COMUNICAZIONE VINCENTE DI BARACK OBAMA. Mercoledì 4 novembre EMANUELE GABARDI (Università degli Studi di Milano) GIUSEPPE STIGLIANO La campagna elettorale di Obama è stata caratterizzata da numerose novità non soltanto in un uso accorto ed efficace dei new media. L immagine di Obama è stata costruita come quella di una marca di successo, a partire dal logo e da claim molto efficaci. Il workshop si propone quindi di analizzare i diversi aspetti di una grande operazione di marketing politico destinata ad influenzare il futuro delle competizioni elettorali per la sua capacità di impiegare coerentemente tutte le più moderne tecnologie della comunicazione. - Eisenhower, Kennedy e gli altri. Gli Stati Uniti come innovatori della comunicazione politica. - Il Brand Obama - L uso innovativo dei new media per Obama - La corsa alla Casa Bianca: le principali mosse di Obama e dei suoi concorrenti - La comunicazione di Obama presidente: Organizing for America. Professionisti della comunicazione che operano all interno dei partiti o che collaborano con essi in vari ruoli (pubblicitari, giornalisti, ecc.), studenti di Scienze politiche e di Scienze della comunicazione con interesse specifico alla propaganda politica.

13 COMUNICAZIONE INTERNA E SVILUPPO ORGANIZZATIVO: CRESCITA, CRISI, RIPRESA Mercoledì 4 novembre ALESSANDRA MAZZEI (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) Il corso parte dalla constatazione che le organizzazioni sono in continua evoluzione e che i cicli di cambiamento sono sempre più rapidi e talvolta repentini. L obiettivo del corso è favorire nei partecipanti lo sviluppo di competenze gestionali e relazionali per governare i processi di cambiamento che possono essere sia espansivi sia di riduzione. In tutte le fasi del cambiamento è necessario gestire l incertezza e le preoccupazioni dei collaboratori e favorire il realizzarsi del cambiamento stesso. - Sviluppo organizzativo e cambiamento: rischi, opportunità, resistenze, risorse - La comunicazione interna e la gestione delle relazioni organizzative per il cambiamento - Il processo di cambiamento: attivare le energie positive verso il fare - Le competenze di comunicazione e di gestione del manager e dei leader nei processi di cambiamento Responsabili Comunicazione interna, Risorse Umane, Formazione, Sviluppo organizzativo, Relazioni esterne impegnati a gestire progetti di cambiamento organizzativo.

14 TECNOLOGIE, SERVIZI E APPLICAZIONI DI ULTIMA GENERAZIONE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA Mercoledì 4 novembre GUIDO DI FRAIA (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) Ciò che maggiormente caratterizza la rivoluzione digitale è la straordinaria accelerazione dei processi di innovazione in tutti i settori coinvolti dal processo. Tale accelerazione rende oggettivamente difficile riuscire a cogliere le opportunità che essa offre in tempi sufficientemente rapidi per poter beneficiare effettivamente delle stesse prima che divengano obsolete, distinguendo, al contempo, tra quelle effettivamente in grado di offrire benefici significativi e quelle che invece, col senno di poi finiranno per apparire mode passeggere. Queste difficoltà presenti anche nel settore privato, rischiano di accentuarsi in ambito pubblico tradizionalmente meno rapido nel rispondere alle sollecitazioni dell ambiente. Muovendo da queste considerazioni, sul piano metodologico il workshop prende spunto da modelli di relazione (meno diffusi nel nostro paese di quanto non siano in altri contesti internazionali) finalizzati alla disseminazione dell innovazione tecnologica, che vedono l università come intermediatore qualificante tra i settori più avanzati della ricerca privata e la PA potenziale beneficiaria di tali innovazioni. Più nello specifico, esso è finalizzato a presentare i servizi di informazione, comunicazione e relazione con l utenza resi possibili da alcune tecnologie di ultima generazione connesse rispettivamente con l analisi semantica dei testi, e gli applicativi sviluppati per l Enterprise2.0. Il workshop sarà articolato secondo i seguenti 4 punti: breve presentazione degli aspetti teorico concettuali di due ambiti particolarmente interessanti dell innovazione tecnologica per la PA connessi rispettivamente con: o l analisi semantica del linguaggio naturale o la gestione globale dell informazione e della comunicazione (interna ed esterna) attraverso le logiche dell Enterprise web 2.0. approfondimento sugli strumenti e gli applicativi e i servizi implementabili a partire dalle innovazioni tecnologiche sopra ricordate in relazione, rispettivamente, a: o la messa a punto di servizi informativi multipiattaforma (mobile, internet, ecc.) a partire dagli applicativi di analisi automatizzata del linguaggio naturale o la gestione della comunicazione interna esterna e della relazione con il cittadino attraverso logiche di Enterprise 2.0 descrizione di alcune best practices di utilizzo avanzato delle tecnologie sopra ricordate nel settore pubblico, finalizzate ad evidenziarne le potenzialità e far emergere i modelli di implementazione e le logiche di gestione esportabili alle diverse realtà della PA.

15 esercitazione/discussione con i partecipanti rivolta a esplorare le possibilità di applicazione e gli step necessari ad implementare le soluzioni presentate all interno dei loro rispettivi contesti operativi. Il corso si rivolge a: - Dirigenti della PA - Operatori e responsabili Urp Operatori e responsabili di servizi informativi delle PPAA

16 giovedì 5 novembre 2009 CRISIS MANAGEMENT IN SANITÀ: ASPETTI RELAZIONALI E DI COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA Giovedì 5 novembre VINCENZO RUSSO (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) GABRIELLA PRAVETTONI (Università degli Studi di Milano) La finalità del corso è di fornire indicazioni pratiche e professionali relative alla gestione delle situazioni di crisi in sanità ed alla relativa comunicazione interna ed esterna. Spesso le aziende sanitarie rischiano di trovarsi impreparate nella gestione delle situazioni di crisi. Ancora troppo spesso, di fronte a situazioni impreviste e di crisi, si assiste ad una generale condizione di incomprensione, di impotenza e nel peggiore dei casi di negazione o di fuga (professionale ed organizzativa), lasciando il campo all arbitrarietà ed all improvvisazione delle azioni. La preparazione nella prevenzione e gestione delle condizioni di crisi richiede specifiche competenze professionali e relazionali, oltre che un adeguata preparazione organizzativa. La gestione delle situazioni di rischio prevede infatti un approfondita capacità di rilevamento dei segnali premonitori e (diagnosi), un adeguata pianificazione delle attività di prevenzione e di intervento (organizzazione) e una corretta abilità comunicativa. Il corso intende affrontare queste tematiche come singoli step per la gestione delle situazioni di crisi, soffermandosi prevalentemente sugli aspetti di gestione della comunicazione interna ed esterna e sulla gestione delle relazioni con pazienti e famiglie di pazienti coinvolti in particolari situazioni di crisi. - La gestione strategica delle crisi: aspetti organizzativi e gestionali - La comprensione dell origine delle crisi e degli errori per una corretta comunicazione - La gestione della comunicazione interna in caso di crisi - Il ruolo dell Ufficio Relazioni Pubbliche - Aspetti relazionali nella gestione delle situazioni di crisi con i pazienti e le famiglie dei pazienti - Aspetti strategici e pratici della comunicazione esterna in situazione di crisi Il corso è rivolto a Dirigenti di aziende sanitarie pubbliche e private, responsabili di dipartimenti, responsabili ed operatori di Uffici di Reazioni Pubbliche, responsabili ufficio stampa di aziende sanitarie.

17 BE-COM IL PIANO DI COMUNICAZIONE Mercoledì 4 novembre ALESSANDRA MAZZEI (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) La comunicazione è una funzione organizzativa e in quanto tale per massimizzarne l efficacia è indispensabile che venga gestita secondo metodi e tecniche manageriali quali la pianificazione. L obiettivo del corso è presentare approccio alla pianificazione come un processo organizzativo, che implica la gestione di relazioni e di impegni impiegando specifiche tecniche e metodi. - Le fasi del processo di pianificazione - I metodi e le tecniche utili in ciascuna fase - I principali aspetti organizzativi, gestionali e relazionali - Discussione di esempi Responsabili e operatori della comunicazione interna e ed esterna.

18 L EVENTO COME MOTORE DELLA COMUNICAZIONE Giovedì 5 novembre MAURO PECCHENINO L evento è oggi considerato uno degli strumenti più efficaci della comunicazione d impresa. Il Corso intende illustrare le modalità e le tecniche per organizzare un evento di successo nella Pubblica Amministrazione così come in qualsiasi altra impresa. Il Corso presenta i principali aspetti della ideazione e gestione di un evento: - Costruzione dell idea - Ricerca della sede - Scenografia - Grafica di un evento - Gestione del budget - L evento come contenitore della comunicazione - Il full communication event (FCE) - Le varie tipologie di evento - L evento a livello dei mercati internazionali Il workshop è destinato sia a coloro che vogliono lavorare nell ambito dell organizzazione degli eventi che a coloro che già lavorano in questo campo e vogliono approfondire le problematiche e il confronto tra Pubblica Amministrazione e privato in merito a questo strumento di comunicazione.

19 URP: STRUMENTI E STRATEGIE INNOVATIVE PER LA COMMUNICAZIONE E LA RELAZIONE COL CITTADINO Giovedì 5 novembre GUIDO DI FRAIA (Libera Università di Lingue e Comunicazione Iulm) Le trasformazioni che hanno caratterizzato e continuano ad interessare il mondo della Rete hanno rivoluzionato il modo di fare e di negoziare le comunicazioni e le relazioni a vario livello. Tali cambiamenti interessano da vicino anche il mondo delle PPAA che necessitano di aggiornarsi e utilizzare al meglio, nella comunicazione con i cittadini e, più in generale, con l utenza finale, i mezzi, i canali e soprattutto gli ambienti interattivi di ultima generazione. Per rispondere a questa esigenza diventa fondamentale conoscere logiche, dinamiche e modalità di utilizzo di questi strumenti anche e in special modo nella relazione con il cittadino. Obiettivo del workshop è quello di offrire un inquadramento concettuale rispetto allo scenario attuale connesso all uso e alla pervasività dei social media - e più in generale alla realtà del web e di fornire agli operatori Urp gli skill necessari per la progettazione e la pianificazione di strategie di comunicazione rivolte ai cittadini attraverso l uso degli strumenti offerti dalla Rete. Il workshop sarà articolato secondo i seguenti tre punti: breve presentazione degli aspetti teorico concettuali connessi alle logiche di socializzazione, condivisione e costruzione dei contenuti nei media di ultima generazione e negli ambienti interattivi che li caratterizzano (user generated content, ambienti di condivisione e collaborazione wiki, ecc.); approfondimento sugli strumenti e sulle principali utilities disponibili nel Web (2.0) utilizzabili nell ambito delle pubbliche amministrazioni, con particolare riguardo ai software open-source (blog, piattaforme di interazione wiki, myspace, SL etc) utilizzabili da parte degli uffici Urp per ottimizzare i processi informativi comunicativi e di relazione con gli utenti; descrizione delle best practices di uso e applicazioni delle logiche del web 2.0 nel settore pubblico finalizzate a far emergere i punti di forza e le aree di problematicità, i processi di implementazione all interno degli uffici Urp e le logiche di gestione esportabili ad altre PPAA. Il corso si rivolge a: - Dirigenti della PA - Operatori e responsabili di servizi rivolti all utenza - Dirigenti e operatori Urp - Operatori e responsabili di servizi informativi delle PPAA

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli