Nuovi orientamenti nei disturbi dell alimentazione : dall anoressia al Binge Eating Disorder

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi orientamenti nei disturbi dell alimentazione : dall anoressia al Binge Eating Disorder"

Transcript

1 Nuovi orientamenti nei disturbi dell alimentazione : dall anoressia al Binge Eating Disorder ISTITUTO DI PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE (I.P.F.R.) Direttore: Prof. Pasquale Chianura Il mangiatore di fagioli di Annibale Carracci ( ) 1

2 I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) sono spesso identificati nella sola AN, che è prevalente particolarmente nella infanzia e nella pre-adolescenza, mentre verso i anni compaiono i sintomi dell altro importante disturbo denominato Bulimia nervosa (BN). In entrambe queste condizioni si possono mantenere comportamenti che sono definiti: restrittivi o con condotte di eliminazione nella AN, con o senza condotte di eliminazione nella BN. Tali disturbi hanno assunto negli ultimi cinque anni la dimensione di una vera e propria emergenza sanitaria e sociale: in particolare la richiesta da parte degli utenti si è progressivamente spostata verso i servizi pubblici che sono stati colti impreparati a fronteggiarla. Ricerche epidemiologiche relativamente recenti (2,3) indicherebbero che la incidenza della AN, nei paesi industrializzati e per la popolazione femminile, è intorno allo 0.4 1% in età fra i 13 e i 19 anni e lo 0.8% fra i 15 e i 34 anni. Per quanto riguarda la Bulimia Nervosa (BN) i dati si aggirano intorno al 2.8%, fra i 16 e i 24 anni. Vi è comunque da sottolineare che circa nell 80% dei casi l età di esordio dei sintomi, purtroppo spesso misconosciuti, resta quella adolescenziale, cioè fra i 13 e i 18 anni 2

3 Con la locuzione Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) si designano oggi l insieme delle patologie caratterizzate da un'alterazione del comportamento alimentare e da un alterata percezione della propria immagine Venere e Cupido di Diego Velazquez (1648) corporea. 3

4 Nell ultimo quindicennio si è assistito ad un significativo aumento dell incidenza dei disturbi del comportamento alimentare nei paesi occidentali ed in quelli a più elevato livello di industrializzazione. Secondo la classificazione nosografica del DSM-IV-TR i suddetti disturbi vengono distinti in: Anoressia nervosa Bulimia nervosa Disturbi alimentari non altrimenti specificati (NAS). Inoltre nell ambito di questi ultimi disturbi i NAS si annoverano alcuni quadri specifici, ben caratterizzati, come il Disturbo da alimentazione incontrollata (BED) e il Night Eating Disorder. Il pranzo di Diego Velàzquez (1617) 4

5 I disturbi del comportamento alimentare rappresentano quadri sindromici a patogenesi multifattoriale, concorrendovi fattori eredo-costituzionali ed ambientali in senso lato. Con riferimento all anoressia nervosa, ad esempio, l osservazione clinica sembrerebbe suggerire una sorta di imprinting patoplastico esercitato dagli stereotipi sociali che nell Occidente esaltano la magrezza del corpo femminile. La malattia infatti è assai rara nei paesi in via di sviluppo. L'uva di Luciano Regoli (1999) 5

6 I disturbi del comportamento alimentare esordiscono più frequentemente fra la prima e la terza decade di vita, con due picchi durante l adolescenza, 14 e 18 anni, sebbene negli ultimi anni si assista ad un aumento sempre maggiore di forme ad esordio tardivo. Prevalgono nettamente nel sesso femminile. Malinconia di Alberto Sughi (2006) 6

7 Un primo significativo aumento dell incidenza dei disturbi del comportamento alimentare è stato registrato verso la fine degli anni Sessanta dello scorso secolo in concomitanza con l accresciuta disponibilità di generi alimentari nei paesi occidentali. E pertanto verosimile che la maggiore disponibilità di cibo possa aver facilitato l abuso e la dipendenza. The Buffet di Jean Louis Forain (1884) 7

8 Per giunta l osservazione clinica suggerisce che diversi livelli di sofferenza psichica trovano la loro espressione psicopatologica in un disturbo del comportamento alimentare. Melancholy di Edgar Degas ( 1874 ca) 8

9 L anoressia nervosa viene considerata un disturbo psicopatologico con una sua dignità nosografica soltanto da alcuni decenni. Caratteristiche salienti sono: il rifiuto di mantenere il proprio peso corporeo entro i limiti inferiori della norma per età ed altezza, l intensa paura di aumentare di peso, la percezione errata del proprio corpo e della propria forma fisica. L amenorrea costituisce un tratto preminente dell anoressia nervosa nel sesso femminile. Nudo disteso con collana di Pablo Picasso (1968 ) 9

10 CARATTERISTICHE DI PERSONALITA PREMORBOSE La malattia si manifesta in brave bambine che hanno speso tutta la loro vita a compiacere i genitori; si tratta di ragazze perfezioniste, molto brave a scuola, accondiscendenti, volenterose,gentili, coscienziose, ben integrate con il contesto familiare di cui costituiscono motivo di orgoglio, capaci di assumersi compiti e responsabilità superiori alla loro età. Con il passare del tempo l aggravarsi della malattia, le relazioni, soprattutto quelle familiari, cambiano progressivamente : divengono negativiste, oppositive, e testarde. Il digiuno diventa strumento di potere e di controllo sui genitori. Il cibo viene caricato di significati e messaggi, che esulano dalla sua funzione primaria. Non vi è consapevolezza di malattia da parte della anoressica, che anzi gioisce nel sentirsi dire che è troppo magra ed è felice di strare al centro delle attenzioni; il rifiuto di ogni cura e il clima di ostilità e tensione isola sempre più la paziente nella sua malattia. 10

11 DAL PUNTO DI VISTA PSICOLOGICO E PSICODINAMICO, E STATO SEGNALATO CHE: 1. Il rifiuto della femminilità, del proprio corpo e del ruolo adulto e quindi il desiderio di rimanere sempre piccole bambine alla ricerca di protezione; 2. Si tratterebbe di pazienti, che cercano disperatamente la propria identità e la propria autonomia, basate sul rispetto di sé attraverso un rabbioso isolamento, il rifiuto del cibo e il dominio sul senso della fame. Attraverso il sintomo viene espressa una grande sofferenza psicologica 11

12 Perfezionismo, bassa autostima, tendenza al controllo delle emozioni, sono tratti comuni alla maggioranza delle adolescenti agli esordi della malattia. Mentre gli stereotipi che tendono ad esaltare ed a valorizzare la magrezza del corpo femminile sembrano favorirne lo sviluppo. 12

13 L esordio della malattia, caratterizzata dalla costante preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le forme corporee, fa seguito ad eventi scatenanti come lutti, separazioni, e malattie fisiche all inizio della pubertà. La morte del padre di Alberto Sughi (1981) 13

14 La costante preoccupazione per il peso corporeo e la forma fisica spinge le adolescenti ad adottare una dieta ipocalorica ferrea che porta a breve ad un forte dimagramento. The virgin di Egon Schiele (1913) 14

15 I fattori psicologici hanno un ruolo fondamentale nel determinismo dell anoressia nervosa. L esordio in età adolescenziale rimanda alle problematiche tipiche dell età. Solitamente le anoressiche sono adolescenti con difficoltà di adattamento e bassi livelli di autostima. "Peasant Girl with a Straw Hat" di Pissarro Camille (1881 ) 15

16 Secondo la Bruch, il nucleo della sindrome è costituito da un estrema fragilità dell autostima e da sensazioni di inefficienza e di inconsistenza. Queste sensazioni, corrispondenti ad una percezione delirante della propria immagine corporea, deriverebbero dall incapacità di riconoscere come propri gli stimoli espressione delle diverse necessità istintuali provenienti dal corpo, comprese le più evolute esigenze sessuali. Come conseguenza di questa sostanziale inefficienza le anoressiche tenderebbero a controllare tutte le proprie esigenze istintive, in primis la fame. Attraverso questa singolare modalità Seated male nude with black di controllo del proprio corpo e hair delle proprie funzioni esse tentano di Egon Schiele di guadagnare l autonomia ed il senso della propria identità. (1909) 16

17 La Selvini Palazzoli (1963) ha evidenziato che le pazienti affette da anoressia nervosa non riescono ad acquisire un senso stabile del proprio corpo come conseguenza della loro incapacità di separarsi psicologicamente dalla madre. Il corpo allora viene percepito come posseduto da un cattivo introietto materno il cui predominio può essere compromesso Incubo di J. Heinrich Fussli (1781) dal digiuno. 17

18 La maggioranza delle elaborazione sulla psicogenesi dell anoressia è fortemente centrata sula diade madrefiglia. Bemporad e Ratey (1985) hanno invece descritto un modello di psicogenesi basato sulla relazione padre-figlia. Il padre tipico, secondo la rappresentazioni dei suddetti Autori, è, all apparenza, interessato e supportivo nei confronti della figlia, ma, in realtà, tende a disinteressarsene nei momenti di reale bisogno della figlia. Molti di questi padri cercherebbero addirittura sostegno emotivo nella figlia. Inoltre, abbastanza spesso entrambi i genitori manifestano profonda insoddisfazione per la loro relazione e tendono a ricercare sostegno e consolazione nella figlia. La crisi dei sentimenti di Alberto Sughi (1961) 18

19 La fase di stato è caratterizzata dal controllo del peso e delle misure del corpo ottenuto attraverso una forte restrizione dietetica, fino all esclusione dell introito proteico, l attività motoria frenetica ed intensa, l uso di anoressizzanti, lassativi e diuretici. Durante questa fase compaiono amenorrea e, nella forma tipica, gli impulsi iperfagici responsabili delle abbuffate seguite dal vomito autoindotto. Black girls di Egon Schiele (1911) 19

20 Il decadimento fisico e la sofferenza psichica di questa fase condizionano un progressivo scadimento delle prestazioni lavorative e compromettono la vita affettiva e sociale. Frequenti sono le alterazioni del tono dell umore, i sintomi ossessivo-compulsivi, i rituali riguardanti il cibo, lo scarso controllo degli impulsi e le condotte autolesive. Female nude with black hair and blue cloth over the hip di Egon Schiele (1912) 20

21 La prognosi è generalmente infausta in assenza di adeguati trattamenti. In alcuni casi, la malattia tende ad una remissione stabile; in altri si slatentizzano disturbi psichiatrici diversi. A volte si assiste a recrudescenze, dopo un lungo periodo di remissione, a seguito di eventi di vita particolarmente stressanti. Le forme di anoressia con durata di malattia superiore a 15 anni vengono definite croniche e condizionano generalmente una notevole disabilità che comporta un progressivo ritiro ed isolamento sociale. In questi casi è costante il riscontro di una condizione di sottopeso e di condotte di eliminazione. Secondo un recente studio il tasso di mortalità per anoressia nervosa è pari al 5%. Sempre secondo questo stesso studio il 46% dei pazienti guarisce, il 29% mostra segni di miglioramento e il 20% tende alla cronicizzazione. Crouching female nude with hand at the cheek di Egon Schiele (1917) 21

22 Nella fase florida le pazienti presentano un aspetto emaciato ma dissimulato dall abbigliamento e dal comportamento. L introito alimentare viene progressivamente ridotto oppure, a fronte di un alimentazione nutritiva, aumentano fortemente il dispendio energetico attraverso un attività motoria frenetica ed eccessiva. Il cibo viene consumato di nascosto, sminuzzato, leccato, ruminato e i pasti sono preceduti ed accompagnati da rituali. Diete, conteggi delle calorie introdotte con gli alimenti, pesate e misurazioni del peso corporeo caratterizzano le fasi iniziali della malattia od anche la fase di stato nelle pazienti con personalità ossessiva. Negli altri casi queste condotte vengono sostituite da altre modalità di controllo del peso corporeo, come l uso di lassativi e di diuretici. Le abbuffate generano una sensazione di ripienezza intollerabile, ma il vomito diventa in alcune forme una condotta di Moa the dancer eliminazione del cibo che consente di di Egon Schiele controllare il peso. (1911) 22

23 Il trattamento dell anoressia nervosa e più in generale dei disturbi del comportamento alimentare esige un approccio di tipo multidisciplinare integrato (internista, nutrizionista, dietista, psichiatra, psicologo). La valutazione iniziale consente di stabilire la modalità di presa in carico più idonea. L ospedalizzazione viene riservata ai casi in cui esiste una severa compromissione delle condizioni cliniche generali, importanti alterazioni ematochimiche e una condizione di notevole sottopeso (BMI< 17). 23

24 Gli psicofarmaci vengono abitualmente impiegati nella cura dell anoressia nervosa fondamentalmente per il trattamento dei sintomi addizionali. Negli ultimi quindici anni, vari studi open label hanno evidenziato risultati discreti con l impiego degli SSRI. Citalopram e paroxetina hanno dimostrato una certa efficacia anche in assenza di comorbilità depressiva. In particolare, il trattamento con fluoxetina, protratto per almeno due anni, si è dimostrato efficace per il mantenimento del peso e per la prevenzione delle ricadute. Gli antipsicotici, sia di prima che di nuova generazione, invece non sembrano in alcun modo in grado di correggere le turbe del pensiero riguardo al corpo; il risperidone e l olanzapina, in particolare, però riducono significativamente l angoscia, l agitazione psicomotoria e l impulsività. I neurolettici, inoltre, migliorano la compliance. Il farmacista di Pietro Antonio Longhi (1752 ) 24

25 La psicoterapia individuale ha un indicazione assoluta in tutte le forme di anoressia nervosa e rappresenta un integrazione terapeutica al trattamento multidisciplinare. I pazienti anoressici tuttavia mostrano grande ambivalenza o netto rifiuto nei confronti di qualunque trattamento psicoterapico. Talvolta, invece, manifestano un adesione formale al trattamento ma oppongono atteggiamenti di manipolazione e di controllo. Porträt von Wally di Egon Schiele (1912) 25

26 L obiettivo della psicoterapia è quello di sostenere l anoressica nella ricerca della propria autonomia ed identità, facilitandole la consapevolezza delle proprie pulsioni, dei sentimenti e dei bisogni personali inespressi. Seated woman in underwear di Egon Schiele (1917) 26

27 Migliori risultati si osservano quando l approccio terapeutico comprende una combinazione di psicoterapia familiare e psicoterapia psicodinamica individuale, rispetto al semplice controllo del peso corporeo attraverso misure educative (Dare, 1995; Hall, Crisp, 1983). Warning di George Grosz (1927 ) 27

28 La bulimia nervosa (: fame da bue ) è caratterizzata da episodi ricorrenti di abbuffate di cibo seguiti da condotte compensatorie inappropriate per impedire l aumento di peso. E stata descritta per la prima volta nel 1979 da Russel in un lavoro dal titolo Bulimia nervosa: un inquietante variante dell anoressia nervosa. A lungo considerata una variante dell obesità o un sottotipo dell anoressia nervosa, dal 1980 ha acquisito un autonomia nosografica. Ragazza con fiori di Fernando Botero 28

29 L aumento della frequenza della bulimia nervosa è simile a quella dei restanti disturbi del comportamento alimentare. Si stima che una percentuale compresa fra l 1 ed il 3% delle giovani donne sia affetta da bulimia nervosa. La malattia esordisce in due caratteristiche fasce d età: intorno al 18 e dopo il 25 anno di età. Si riscontra prevalentemente nel sesso femminile. Gli studi di prevalenza in Italia indicano una distribuzione diversificata per aree regionali: Nord 0,5-1%, Centro 1 1,5%, Sud 1,7%. La durata media della malattia al momento della prima richiesta di cure è in media di circa 5 anni. Kneeling female nude di Egon Schiele (1914) 29

30 Le pazienti bulimiche, come quelle anoressiche, presentano difficoltà di adattamento e bassa autostima. Non di rado sono state vittime di abusi fisici e sessuali. I vissuti delle pazienti bulimiche esprimono rifiuto e disprezzo per se stesse ed un insostenibile senso di inferiorità verso le coetanee. Intrattengono con le madri un rapporto competitivo con forti accenti di conflittualità ed aspetti di dipendenza regressiva. Molte pazienti bulimiche manifestano difficoltà di svincolo e di affermazione della propria autonomia e sembrano vivere il proprio corpo come un oggetto transizionale. La difficoltà a separarsi dalla figura materna è rivelata dalla forte ambivalenza verso il cibo: l abbuffata potrebbe esprimere il desiderio di fusione con la figura materna; il vomito, al contrario, il desiderio di separarsi. Mujer Sentada di Fernando Botero 30

31 Le pazienti bulimiche sono solitamente giovani donne in condizioni di normopeso o di sovrappeso preoccupate per il loro disturbato comportamento nei confronti del cibo che vivono in maniera egodistonica soprattutto per l incapacità di controllo. La quantità di cibo ingerita nel corso di un abbuffata è sempre elevata (dalle alle Kcalorie). Prediletti sono i cibi ipercalorici ricchi di grassi e carboidrati. L ingestione è vorace, Il bagno caotica, compulsiva e di Fernando Botero solitamente solitaria. 31

32 Nella forma più tipica le abbuffate hanno una cadenza settimanale, nei casi gravi, quotidiana. In alcuni casi, si ripetono addirittura più volte nel corso della giornata. Le crisi iperfagiche sono sempre precedute da uno stato di eccitamento ed accompagnate da una sensazione di totale perdita del controllo e forte restringimento della coscienza. All abbuffata fa seguito un momentaneo sollievo che rapidamente si tramuta in prostrazione e sconforto. Costanti sono il senso di fallimento, la rabbia e l intensa preoccupazione per l aumento di peso. Tra le condotte compensatorie prevalgono il vomito spontaneo da sovradistensione gastrica, più spesso indotto. Altre condotte compensatorie sono le restrizioni dietetiche, i digiuni, l uso di anoressizzanti e più raramente di lassativi. Nudo di Fernando Botero 32

33 Nelle forme ad esordio adolescenziale, il disturbo si manifesta a seguito ad eventi stressanti che minacciano l autostima come insuccessi scolastici, crisi sentimentali, difficoltà interpersonali e ripetuti commenti sprezzanti da parte di coetanei o adulti riguardo il proprio aspetto fisico. Nelle epoche successive il disturbo compare caratteristicamente dopo esperienze di perdita, lutti, sradicamenti, separazioni. Naufragio di Alberto Sughi (2006) 33

34 Queste persone si presentano, in genere, ansiose spesso irascibili ed aggressive. Abitualmente evitano incontri o situazioni conviviali, a causa della consapevolezza delle loro patologiche condotte alimentari. A volte, per alleviare la tensione, agiscono comportamenti autolesivi o fanno uso di stupefacenti. Con l aggravarsi del disturbo tendono ad isolarsi. Costanti sono il senso di vergogna per il proprio aspetto fisico ed il senso di colpa per l incapacità di controllare le loro condotte. Giorni tristi di Alberto Sughi (2006) 34

35 Il trattamento farmacologico della bulimia nervosa è prevalentemente basato sull impiego degli antidepressivi serotoninergici che curano lo stato depressivo, frequentemente associato, e controllano l impulso iperfagico. In particolare, viene impiegata la Fluoxetina a dosaggio superiori a quelli usati per la cura della depressione (60-80 mg/die). Anche la Reboxetina, un inibitore selettivo del reuptake della Noradrenalina, usata più recentemente ha dato buoni risultati. Gli ansiolitici e gli stabilizzatori del tono dell umore sono efficaci per il controllo degli impulsi. La cura di una malata Tacuina sanitatis (XIV century) 35

36 Gli interventi psicoterapeutici vengono distinti in interventi mirati alla risoluzione del comportamento bulimico di tipo cognitivo-comportamentale; interventi mirati alla modificazione della struttura psichica che comprendono approcci psicoterapeutici di tipo psicodinamico, individuale, familiare e di gruppo. Si stima che circa un terzo delle pazienti bulimiche, rappresenta un sottotipo relativamente sano che può avvantaggiarsi di un trattamento psicoterapico breve cognitivo-comportamentale. Le pazienti che di norma non rispondono al trattamento presentano spesso importanti comorbilità psichiatriche come disturbi di personalità. 36

37 IN CONCLUSIONE IL COMPORTAMENTO ANORESSICO O BULIMICO della ragazza è spesso la spia di un sistema che non funziona, è il livello più alto di un allarme e di una richiesta di aiuto che è per sé e per tutta la famiglia. Il sintomo è anche la difesa più forte e decisa che la famiglia mette in campo contro un cambiamento che sente angoscioso ed impossibile. La ragazza anoressica in definitiva assume il ruolo della sentinella, controlla e mantiene l equilibrio della famiglia e sviluppa nel tempo la funzione di soggetto di competenza, nel senso che diventa il punto di sintesi dell insieme dei problemi ma anche il punto più alto di consapevolezza e difficoltà e resistenze che la famiglia porta. 37

38 PRIME INTUIZIONI Si deve a Charles Lasègue (1800) l osservazione relazionale di maggior rilievo. Da questa osservazione derivano conclusioni strutturali che ancora oggi rappresentano l ipotesi di base più soddisfacente per spiegare la disfunzionalità familiare ed i modelli di relazione prevalenti nei Disturbi dell Alimentazione. Lasègue, infatti, aveva colto una peculiarità nel comportamento dei genitori della anoressica,che gli consentì di affermare che questi agiscono sempre come se conoscessero soltanto due possibili atteggiamenti nei confronti della figlia: quello basato sulle suppliche e quello basato sulle minacce. 38

39 Secondo l ipotesi che abbiamo mutuato dalle osservazioni di Lasègue i Disturbi della alimentazione si fondano su una peculiare negazione della complessità attraverso la posizione dell aut/aut. Abbiamo in precedenza definito questa posizione di aut/aut una sorta di disturbo fondamentale che accompagna le sindromi alimentari psicogene, sottolineando che : La tendenza a non tener conto della complessità della malattia è anche caratteristica del sistema in cui si sviluppa questo tipo di sindrome 39

40 La stessa nosografia delle patologie alimentari rispetta questa tendenza all estremizzazione che costituisce il nucleo fondamentale del disturbo: alla anoressia si contrappone la bulimia, ed entrambe possono sconfinare in comportamenti ancora più estremi, come la Anoressia Restrittiva da un lato e il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Binge Eating Disorder)dall altro. La continua oscillazione tra posizioni estreme non s limita ai soli sintomi della patologia alimentare, ma riguarda anche l organizzazione di personalità e i modelli di relazione dell intero sistema familiare. 40

41 La tendenza alla posizione dell aut/aut è così pervasiva da non risparmiare praticamente nessuna delle possibili aree di comportamento e da riguardare direttamente o indirettamente tutti i componenti del sistema familiare. Sul piano delle relazioni interpersonali, l incapacità a considerare posizioni intermedie influisce fortemente sulla possibilità di sviluppare relazioni equilibrate e costruttive. Infatti, poiché la tendenza all aut/aut produce la perdita della capacità negoziale, non saranno possibili relazioni capaci di consentire ad entrambi i componenti di trarre vantaggio dalla reciproca interazione. 41

42 42

43 Se l Anoressia Nervosa di Tipo Restrittivo si presenta come il confine caratterizzato dal disperato ma tenace tentativo di controllare nella forma più completa la propria alimentazione riducendola al minimo, il Binge Eating Disorder si dimostra, a ridosso del confine opposto, la perdita più completa di questo controllo, il fallimento di ogni possibile forma di restrizione fino alla più completa rassegnazione. Ancora una volta, una doppia polarità, due sindromi che si contrappongono in forma autentica di aut/aut, e che sembrano apparentemente inconciliabili. 43

44 Tendenzialmente il passaggio da una sindrome all altra tende ad avere un andamento più frequente a partire dalle forme più restrittive verso quelle più incontrollate. Il decorso dei Disturbi dell Alimentazione tende a procedere dalla sinistra alla destra dello schema, molto più spesso che in senso contrario. Il passare del tempo favorisce un passaggio da una condizione di controllo esasperato ad una condizione di perdita assoluta di controllo nei confronti del peso e dell alimentazione. Infatti, il Binge Eating Disorder viene diagnosticato più frequentemente tra gli adulti nella fascia di età tra i 30 e i 40 anni : nella grande maggioranza di questi casi si riscontra nell anamnesi la precedenza presenza di altri disturbi dello spettro alimentare, in media attorno ai anni. 44

45 Comorbilità psichiatrica nei DCA DOC DISTURBI D ANSIA DISTURBI DELL UMORE USO DI SOSTANZE OPPOSIVITA ANORESSIA BULIMIA DIST.EVITANTE PENSIERO PREVALENTE BORDERLINE ANTISOCIALE AGGRESSIVITA

46 Diagnosi (1) Medico di Base Dietologo Nutrizionista - Conoscenze necessarie per porre diagnosi DCA - Diagnosi differenziale con patologie organiche - Riconoscimento delle possibili complicanze mediche - Trattamento adeguato delle complicanze mediche - Monitoraggio delle condizioni clinico-nutrizionali Psichiatra Internista 46

47 Diagnosi (2) Tra gli obbiettivi primari della osservazione vi è quello di definire la diagnosi del disturbo e della personalità onde poter meglio indirizzare il successivo trattamento che, naturalmente, è incentrato sulla psicoterapia. Accanto a questa vanno considerati gli interventi nutrizionali veri e propri sostenuti, talora, da accessi per via parentale e da interventi farmacologici 47

48 PERCORSO ASSISTENZIALE Il percorso assistenziale è caratterizzato da un intervento di tipo organico e psicologico integrati, anche in condizioni fisiche estremamente debilitate, dove è riconosciuta la difficoltà di un efficace approccio psicologico. Quest ultimo rimane l elemento cruciale della terapia, ma va affrontato, motivato e indirizzato persona per persona, potendosi individuare situazioni e bisogni diversi da caso a caso, variando la necessità da indicazioni di tipo individuale e/o familiare, di gruppo o di impostazione analitica. Dal punto di vista nutrizionale l intervento della Dietista è mirato alla ripresa di una dieta, intesa in senso lato, che abbia delle caratteristiche di equilibrio energetico, ma spesso anche a molto basso contenuto calorico. 48

49 Inoltre, vengono proposte alcune attività terapeutiche collaterali al programma medico- psicologico di base: gruppi di sostegno psicologico per i genitori, improntati al modello psico-educazionale; gruppi di attività psico-corporee, per intervenire sui fenomeni dispercettivi relativi all immagine corporea; Tecniche di rilassamento e massaggio, per consentire la formazione di un linguaggio corporeo che può essere riconosciuto e rielaborato parallelamente ad un lavoro psicoterapeutico; gruppi di aiuto e mutuo aiuto Laboratorio di metodologie teatrali, incentrato sulla gestione e sul riconoscimento delle emozioni, sui processi comunicativi e sul role-play. 49

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo I Giorgi NS Bonfiglio Un equilibrio possibile? Evitare le emozioni, vivere le emozioni. (A. Ferro, 2007)...l evitamento delle emozioni è una

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

Che cos è l anoressia

Che cos è l anoressia Che cos è l anoressia L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante perdita di peso, tanto che chi soffre di anoressia nervosa presenta meno del 15%

Dettagli

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA 1930-40 1940-50 1950-60 1960-70 1970-80 1980-90 Anoressia nervosa e Bulimia:chi

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare I disturbi del comportamento alimentare Il comportamento alimentare ha un posto di primo piano tra le patologie dell età evolutiva per: Frequenza, Significato che il cibo e il rapporto con esso ha assunto

Dettagli

Disturbi dell Alimentazione

Disturbi dell Alimentazione Disturbi dell Alimentazione Annamaria Petito Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Foggia Disturbi dell Alimentazione Sono caratterizzati da macroscopiche alterazioni del comportamento

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE Comprendono tre categorie di disturbi caratterizzati da alterazione del comportamento alimentare e della percezione dell immagine corporea. - Anoressia Nervosa - Bulimia Nervosa

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare (D.C.A.).) Dott.ssa Claudia Zanella Dott. Tiziano Ferretti

I Disturbi del Comportamento Alimentare (D.C.A.).) Dott.ssa Claudia Zanella Dott. Tiziano Ferretti I Disturbi del Comportamento Alimentare (D.C.A.).) Dott.ssa Claudia Zanella Dott. Tiziano Ferretti Attuale classificazione: criteri diagnostici DSM-IV IV-TR (Manuale diagnostico statistico dei disturbi

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

I disturbi dell alimentazione

I disturbi dell alimentazione Diagnosi e Terapie Sezione del sito a cura di Mariachiara Federici I disturbi dell alimentazione I Disturbi dell Alimentazione non sono determinati da una sola causa; attualmente, per spiegarne l insorgenza

Dettagli

sociali, vissuti intra-psichici

sociali, vissuti intra-psichici Frequente evoluzione verso quadri long- term Le risposte disfunzionali: : ad eventi stressanti, sollecitazioni psico-sociali sociali, vissuti intra-psichici psichici Conseguenti a pensieri automatici (dicotomia,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE assificazione dei D.C.A Anoressia Mentale Bulimia Mentale DSM III (1980) Pica,

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda per i Servizi Sanitari Trento

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia?

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia? Anoressia Quando ci si accorge della malattia? Ciò che rende l anoressia una malattia difficile da curare, è il suo insorgere subdolo, facilmente confondibile con una semplice astenia o con la scelta di

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

I diversi tipi di depressione di Salvatore Di Salvo

I diversi tipi di depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I diversi tipi di depressione di Salvatore Di Salvo I Disturbi dell Umore comprendono

Dettagli

L ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA: ANORESSIA E BULIMIA

L ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA: ANORESSIA E BULIMIA DOTT. MARCO BERNARDINI Psichiatra e psicoterapeuta familiare L ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA: ANORESSIA E BULIMIA La presente comunicazione nasce nel contesto di un ampia esperienza clinica e di ricerca

Dettagli

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II PREMESSE 1. La depressione (intesa nel senso clinico del termine) non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) PREMESSE 2. In realtà non esiste la depressione (cioè, un unica condizione

Dettagli

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti:

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: BULIMIA NERVOSA A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che

Dettagli

La Depressione e il Lutto di Salvatore Di Salvo

La Depressione e il Lutto di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione e il Lutto di Salvatore Di Salvo Il termine lutto indica la reazione

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008).

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008). OBESITÁ PSICOGENA Il costante e rilevante incremento dei disturbi dell alimentazione nella popolazione adolescenziale e tardo giovanile, costituisce un dato osservativo di immediato riscontro per gli operatori

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

INTERVENTO PRECOCE NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

INTERVENTO PRECOCE NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE INTERVENTO PRECOCE NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE A. Vanotti*, A. Di Giorgio** *U.O. di Nutrizione Clinica e Dietetica ASL della Provincia di Como ** Scuola di Specializzazione in Scienza dell

Dettagli

NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl.

NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl. Campagna informativa sui disturbi alimentari NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl. Abruzzo Sanità: il nostro impegno

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta Alimentare: DCA dr Giuseppe Sapienza dr. Giuseppe Sapienza psichiatra Il presente intervento vuole offrire

Dettagli

DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI. Prevenzione DCA nei gruppi giovanili

DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI. Prevenzione DCA nei gruppi giovanili DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI INTRODUZIONE obiettivi della lezione: fornire conoscenze sui disturbi principali, anoressia e bulimia individuare strumenti e

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA Nella cultura occidentale le prime descrizioni cliniche di anomalie dell alimentazione risalgono a più di 2000 anni fa. Alcune sante cristiane avevano un comportamento

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

L intervento nei disturbi dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici

L intervento nei disturbi dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici L intervento nei disturbi dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici Alberto Siracusano Direttore del Dipartimento di Medicina dei Sistemi Professore Ordinario di Psichiatria Università di

Dettagli

Ragazzi tristi. GIUSEPPE SAGGESE Presidente Società Italiana di Pediatria

Ragazzi tristi. GIUSEPPE SAGGESE Presidente Società Italiana di Pediatria Ragazzi tristi Per la prima volta i pediatri italiani dedicano il loro Congresso ai disturbi dell umore nei più giovani. Segnalando in questo modo quella che dicono- è una vera emergenza. ( Servizio di

Dettagli

Anoressia e bulimia discutiamone insieme. Seminario di approfondimento sui disturbi del comportamento alimentare

Anoressia e bulimia discutiamone insieme. Seminario di approfondimento sui disturbi del comportamento alimentare Anoressia e bulimia discutiamone insieme Seminario di approfondimento sui disturbi del comportamento alimentare dott. Dante Pallecchi Anoressia e Bulimia 1 Anoressia e bulimia discutiamone insieme Cosa

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI Sostegno 400 ore GRUPPO A modulo3 Mag-Giu 2009 Disturbi del comportamento (1) Disturbo da deficit dell attenzione Disturbo da iperattività Disturbo oppositivo-provocatorio

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT

NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT Cagliari Iglesias - Olbia NEUROPSICOLOGIA DEL DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITÀ IN ETÀ EVOLUTIVA Dr.ssa Sabrina Cesetti Qualsiasi bambino (e la gran parte degli adulti) tende a distrarsi e a commettere

Dettagli

WWW.STUDIOMEDICOTHUIA.COM CARATTERISTICHE DELLA BULIMIA NERVOSA (BN)

WWW.STUDIOMEDICOTHUIA.COM CARATTERISTICHE DELLA BULIMIA NERVOSA (BN) CARATTERISTICHE DELLA BULIMIA NERVOSA (BN) La Bulimia Nervosa è una condizione patologica di recente riscontro ed è stata descritta per la prima volta nel 1979 dal prof. Russell in un articolo intitolato

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Le urgenze somatiche nei DCA: come riconoscerle e prevenirle. Enrica Manicardi

Le urgenze somatiche nei DCA: come riconoscerle e prevenirle. Enrica Manicardi Le urgenze somatiche nei DCA: come riconoscerle e prevenirle Enrica Manicardi PREVALENZA La prevalenza dell AN è 0,4 3,7% La prevalenza della BN è 1,2 4,2% Durante l adolescenza la prevalenza della sindrome

Dettagli

I disturbi della condotta alimentare

I disturbi della condotta alimentare I disturbi della condotta alimentare Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, Neurobiologia, Farmacologia e Biotecnologia Dr Matteo Preve Il mondo di chi soffre di DCA SCHEMA DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15 La Terapia Farmacologica Introduzione - Non esistono farmaci specifici per la cura dell autismo: non esistono cioé farmaci attivi sul disturbo dello sviluppo in sé; - L approccio farmacologico ha valenza

Dettagli

Il rischio di suicidio di Salvatore Di Salvo

Il rischio di suicidio di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Il rischio di suicidio di Salvatore Di Salvo Introduzione Uno dei problemi clinici

Dettagli

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento Dipendenze Patologiche CEDIAL Centro Dipartimentale Multidisciplinare per i Disturbi del Comportamento Alimentare Presidio Ospedaliero E. Albanese Padiglione

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA Mirandola 13 Giugno 2015 I MESSAGGI CHIAVE DELLE LINEE GUIDA DEL MINISTERO DELLA SALUTE I disturbi dell alimentazione sono uno dei problemi

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

PROGETTO DI REALIZZAZIONE DI UN CENTRO RESIDENZIALE DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI AFFETTI DA DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

PROGETTO DI REALIZZAZIONE DI UN CENTRO RESIDENZIALE DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI AFFETTI DA DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE PROGETTO DI REALIZZAZIONE DI UN CENTRO RESIDENZIALE DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI AFFETTI DA DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Inquadramento della iniziativa nel contesto legislativo e culturale

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell'alimentazione Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Guido Marinoni

Dettagli

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea In FormAzione Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea ANORESSIA-BULIMIA AL MASCHILE di Francesco Bergamin L anoressia nervosa,

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Orientamento scolastico e professionale

Orientamento scolastico e professionale Orientamento scolastico e professionale Scopo dell orientamento è guidare gli adolescenti e le loro famiglie alla scelta di percorsi formativi. La consulenza psicologica aiuta a focalizzare l attenzione

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale Dipartimento di Neuroscienze Direttore: Prof. Claudio Mencacci Corso di Porta Nuova 23, 20121 Milano Tel. 0263631 Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi

Dettagli

La farfalla dalle ali legate

La farfalla dalle ali legate Palma La Bella La farfalla dalle ali legate Diario della mia anoressia Indice Prologo 9 Attilio Insardà Antefatto 15 LA FERITA 19 IL DIARIO 49 RIPRENDERSI LA VITA 99 Ringraziamenti 103 5 Ai «miei Angioletti»,

Dettagli

La soluzione transdiagnsotica" Osservazioni che la supportano" Meccanismi di mantenimento dei DA"

La soluzione transdiagnsotica Osservazioni che la supportano Meccanismi di mantenimento dei DA La soluzione transdiagnsotica" Formulazione transdiagnostica dei disturbi dell dr. Riccardo Dalle Grave" DA-NAS AN BN Disturbo dell Fairburn & Bhon. Behaviour Research and Therapy (005) 69 0 Osservazioni

Dettagli

LA PREVENZIONE DELL OBESITÀ E DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Proposta per un modello integrato. L obesità

LA PREVENZIONE DELL OBESITÀ E DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Proposta per un modello integrato. L obesità LA PREVENZIONE DELL OBESITÀ E DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Proposta per un modello integrato. Caterina Renna Medico Chirurgo, Psichiatra, Psicoterapeuta, Dottore di Ricerca in Scienze delle

Dettagli

21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it

21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it 21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it Spunti di Nutrizione ed altro di Dr. Giusi D Urso Il cibo e il corpo" Dr. Stefania Pallini Spec. Endocrinologia e Malattie del Ricambio Perché il rapporto

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

Indicazioni d uso degli SSRI. A. Pasini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Indicazioni d uso degli SSRI. A. Pasini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Roma Tor Vergata Indicazioni d uso degli SSRI A. Pasini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Roma Tor Vergata Inibitori selettivi della ricaptazione della Serotonina Fluoxetina Sertralina

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Classificazione (DSM-IV American Psychiatric Association 1994) Anoressia nervosa Bulimia nervosa Disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati (NAS) Binge

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

FUORI CONTROLLO doc. 52

FUORI CONTROLLO doc. 52 FUORI CONTROLLO doc. 52 di Daniele Cini e Claudia Pampinella regia di Daniele Cini direttore della fotografia Luigi Montebello Marina e Roslyn, Centro DCA Kenn Ghal Sahhtek, Malta LORETTA, FRANCA, MARINA

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella letteratura

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA.

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA. I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? In Italia circa 3 milioni di persone, pari al 5% della popolazione, soffre di disturbi del comportamento alimentare (DCA): il 95% sono donne, anche se sempre più numerosi

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone,

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli