Disturbi dell alimentazione e obesità. Trattamento multiprofessionale integrato?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disturbi dell alimentazione e obesità. Trattamento multiprofessionale integrato?"

Transcript

1 Disturbi dell alimentazione e obesità. Trattamento multiprofessionale integrato? MASSIMO CUZZOLARO Disturbi dell alimentazione e obesità L obesità è una condizione definita su base anatomica, eccesso di massa grassa associato, di solito ma non sempre, a un eccesso di peso corporeo e, quindi di indice di massa corporea (IMC o BMI, body mass index 30). È classificata dall ICD-10 (World Health Organization and Ministero della Sanità, 2001) nel quarto capitolo, malattie metaboliche, e non figura, come patologia in sé, nel DSM-IV-TR. I disturbi dell alimentazione sono definiti, invece, su base psico-comportamentale e compaiono nel quinto capitolo dell ICD-10, dedicato ai disturbi mentali (World Health Organization 1992), così come rappresentano una rubrica specifica del DSM-IV-TR (American Psychiatric Association, 2000). La tabella 1 elenca tre differenze maggiori che separano i due campi di patologie. Tabella 1 Obesità e disturbi dell alimentazione, differenze Obesità malattia classificata in area endocrino-metabolica prevalenza molto elevata, in entrambi i sessi e in tutte le età della vita; diffusione pandemica (globesity) le complicanze mediche sono legate, soprattutto, a malnutrizione per eccesso e sedentarietà Disturbi dell alimentazione sindromi classificate fra i disturbi psichiatrici prevalenza più bassa, molto maggiore nel sesso femminile e in età adolescenziale e giovanile; sindromi culture-bound (soprattutto in passato) le complicanze mediche sono legate, soprattutto, a malnutrizione per difetto e a comportamenti abnormi di controllo del peso, fra i quali l iperattività fisica Poste queste differenze di base, sono però numerosi i fattori di rischio condivisi, a partire da un certo numero di geni di suscettibilità. Sul piano epidemiologico poi, l aumento, improvviso ed esplosivo, dell incidenza si è verificato nello stesso periodo, la seconda metà del Novecento con un impennata a partire dagli anni ottanta. E sono rilevanti analogie e intersezioni a livello fenotipico, come l attenzione eccessiva all alimentazione, i tentativi ripetuti di restrizione dell introito calorico e di controllo del peso, le crisi di binge eating, la fragilità della stima di sé, l egemonia del locus di controllo esterno, l insoddisfazione per l immagine del corpo etc. Da ricordare, infine, le frequenti migrazioni transdiagnostiche e il fatto che un sovrappeso in età

2 infantile o adolescenziale figura spesso negli anni che precedono l esordio di un disturbo del comportamento alimentare. Sulla base di questi legami Jenny Day e collaboratori hanno usato l immagine metaforica di due facce della stessa medaglia e hanno scritto, testualmente, «The eating disorders anorexia and bulimia nervosa have traditionally been regarded as entirely separate from obesity [ ]. We believe that this polarisation is fundamentally flawed, and research and treatment of both types of disorder would be better served by greater appreciation of the psychosocial components of obesity and the biological and genetic components of eating disorders» (Day, Ternouth et al., 2009). Nella letteratura scientifica è comparsa da qualche anno un espressione-ombrello capace di raccogliere sotto di sé tanto l obesità quanto i disturbi del comportamento alimentare, non-homeostatic eating disorders (Berthoud, 2004; Corwin and Hajnal, 2005; Berthoud, 2006). La tabella 2 riassume i più importanti punti di contatto fra i due territori. Tabella 2 Obesità e disturbi dell alimentazione, analogie e coincidenze Obesità Disturbi dell alimentazione è una malattia classificata in area sono sindromi classificate fra i disturbi endocrino-metabolica ma anomalie psichiatrici ma investono in modo profondo e comportamentali e sintomi pericoloso il soma, fenomeni biologici e sintomi psicopatologici fanno parte integrante del medici fanno parte integrante del quadro clinico e, quadro clinico e, quindi, delle procedure quindi, delle procedure di valutazione, dei di valutazione, dei programmi di cura e programmi di cura e di prevenzione di prevenzione sono condizioni spesso gravi e di lunga durata, che possono determinare importanti disabilità e richiedere trattamenti terapeutici e riabilitativi in setting sia ambulatoriali che semiresidenziali (day-hospital, centri diurni) e residenziali le cure raccomandate sono interventi interdisciplinari, multidimensionali, multiprofessionali che affrontino sia la psicopatologia che i comportamenti alimentari, il rapporto con l attività fisica, gli aspetti nutrizionali, le complicanze mediche il team-approach di base prevede le stesse figure professionali, dietista, internista-nutrizionista, psichiatra, psicologo clinico, psicoterapeuta e, per le obesità gravi, chirurgo bariatrico i setting di cura che possono rendersi necessari in fasi diverse di evoluzione clinica sono, ospedale generale per acuzie ed emergenze; centri residenziali e semiresidenziali per trattamenti riabilitativi intensivi; servizi ambulatoriali; comunità terapeutiche per situazioni di grave disagio psico-sociale per evitare il rischio di favorire una patologia tentando di contrastare l altra, gli interventi di prevenzione primaria più raccomandati sono, attualmente, programmi di promozione della salute di tipo integrato, diretti insieme ai disturbi dell alimentazione e del peso corporeo Ho deciso di iniziare questo articolo parlando dei legami che corrono fra disturbi dell alimentazione e obesità. Non fra alimentazione e obesità, connessione fin troppo ovvia, ma fra disturbi dell alimentazione e obesità. Parto da questo punto perché il problema delle cure integrate riguarda entrambi i settori con differenze ovvie ma, anche, con analogie e coincidenze molto forti (Bruch, 1973, 1978; Day, Ternouth et al., 2009; Neumark-Sztainer, 2009; Bosello e Cuzzolaro, in corso di stampa; Cuzzolaro in press). Il trattamento dell obesità e quello dei disturbi dell alimentazione presentano molti punti di contatto, richiedono competenze simili e una squadra multiprofessionale in larga parte sovrapponibile. Sembra, pertanto, possibile ed economico utilizzare lo stesso team per curare persone con obesità e/o disturbi dell alimentazione, con ovvie differenze di percorso e di

3 accento in funzione delle caratteristiche di ogni caso. Questa tesi appare sostenibile sulla base di una ricca letteratura scientifica e dell opinione di molti esperti (Donini, Cuzzolaro et al., 2010) Aggiungo che i programmi di prevenzione più convincenti sono, oggi, quelli di tipo integrato, rivolti a tutti i quadri di alimentazione non omeostatica. Nelle campagne di educazione sanitaria gli esperti di obesità tenderebbero a dare indicazioni più o meno contrarie a quelle proposte dagli esperti di disturbi dell alimentazione. È per questo che vari ricercatori sono sempre più impegnati nella progettazione di interventi complessivi e meno specifici, mirati alla promozione della salute e, quindi, alla prevenzione primaria di entrambe le patologie (Neumark-Sztainer, 2003, 2005, 2009; Neumark-Sztainer e Eisenberg, 2005; Vetrone e Cuzzolaro, 2009; Haines, Kleinman et al., 2010). Giocano a favore di questa linea almeno quattro fattori: disturbi dell alimentazione e obesità fanno parte di un ampio spettro di disturbi peso-correlati o da alimentazione non-omeostatica l incidenza di disturbi peso-correlati in età evolutiva è in continua crescita è frequente l associazione di diversi disturbi peso-correlati è frequente il passaggio da un disturbo peso-correlato a un altro Psicoanalisi, psicoterapie, farmaci e chirurgia bariatrica Il trattamento di scelta dei disturbi del comportamento alimentare è la psicoterapia. I trattamenti psicoterapeutici, spesso protratti per anni, anche dieci e più, costituiscono, tuttora, lo strumento più utile di intervento (Cuzzolaro, 2004, 2006). La psicoanalisi si è occupata di anoressia nervosa fin dalle sue origini e per oltre venti anni, dagli anni cinquanta ai settanta del Novecento, ha rappresentato l approccio egemone a questa sindrome (Bemporad e Herzog, 1989; Ripa di Meana, 1999). A partire dalla seconda metà del secolo scorso, l indirizzo cognitivo-comportamentale e quello familiare-sistemico hanno offerto altri contributi fondamentali alla comprensione e al trattamento dei disturbi del comportamento alimentare (Minuchin, Rosman et al. 1978; Onnis, 2004; Fairburn, Cooper et al., 2009; Onnis, Barbara et al., 2012). Mancano ancora studi sufficientemente estesi e rigorosi che confrontino i risultati conseguiti con tecniche psicoterapeutiche diverse e con combinazioni di trattamenti. Un indicazione generale può essere la seguente, le terapie relazionali-sistemiche o della famiglia sono forse il trattamento di scelta per le pazienti più giovani, fino ai 16 anni; in fasce di età successive sono preferibili trattamenti individuali. Nella maggior parte dei casi in cui si applica un trattamento individuale è comunque essenziale un counselling psicologico, se non una terapia formalizzata, dei genitori o del partner. Una forma particolare di intervento che si è diffusa negli ultimi vent anni è rappresentata dai Self-Help Groups, gruppi di auto-aiuto tra persone sofferenti per disturbi psichiatrici dell alimentazione. Sono risultati utili anche gruppi di auto-aiuto e associazioni di genitori e mariti di pazienti. Overeaters Anonymous (OA) è il nome di gruppi di auto-aiuto nati sul modello di Alcolisti Anonimi, attivi da anni anche in Italia, che raccolgono persone con iperalimentazione compulsiva, affette cioè da bulimia nervosa e, soprattutto, da obesità con binge eating. Anche i manuali di auto-aiuto meritano di essere ricordati. Sono strumenti comparsi di recente anche da noi, che possono aggiungersi a cure più complesse, precederle o, in situazioni meno gravi, perfino sostituirle, con qualche vantaggio. Perseguono l obiettivo di un controllo sintomatico del comportamento alimentare e possono essere utilizzati a livello individuale o in gruppo, con o senza

4 il controllo periodico di uno specialista. Passando all obesità, la psicoanalisi non ha mai rappresentato una tecnica di cura specifica. Tuttavia, i trattamenti psicoanalitici di pazienti obesi hanno dato contributi di notevole interesse alla comprensione della dimensione psichica dell obesità in tutto il corso del Novecento (Bruch, 1947, 1997; Bychowski, 1950; Rand e Stunkard, 1978; Bray 1997). Negli sviluppi recenti del pensiero psicoanalitico sono stati messi in luce e studiati soprattutto questi elementi: funzioni deficitarie dell Io, soprattutto rispetto al controllo degli impulsi, l impulsività è stata studiata sia come sintomo che come tratto stabile di personalità e rappresenta un punto importante di contatto fra obesità e strutture di personalità di tipo tossicomane difetti dell economia narcisistica, in particolare della stima di Sé e dell immagine del corpo (Sé corporeo) difficoltà nel processo di separazione-individuazione in particolare nelle obesità dell adolescenza. Una nota a margine. La stessa dietoterapia, cuore del trattamento dell obesità, a pensarci bene, potrebbe essere definita come un intervento psicoterapeutico non formalizzato: psicoterapeutico, perché cerca di modificare con mezzi psichici (informazione, prescrizione, persuasione etc.) comportamenti, stili di vita, complessi equilibri personali e familiari; non formalizzato, perché, in genere, non è preceduto da un accurata valutazione psicologica, non è ispirato da un modello teorico sufficientemente elaborato e non è guidato da una tecnica coerente. È probabile che questo difetto sia fra le cause più importanti dei fallimenti collezionati nel tempo dalla dietoterapia dell obesità. Per quanto riguarda i trattamenti farmacologici, non esistono finora molecole che abbiano dimostrato di possedere, da sole, un efficacia terapeutica significativa a lungo termine nel trattamento delle anoressie, delle bulimie e delle obesità. I farmaci, però, sono spesso usati nella pratica clinica delle cure integrate. Per oltre cinquant anni Sigmund Freud e le prime generazioni di psicoanalisti si sono cimentati con le malattie mentali senza l alternativa o l aiuto di terapie farmacologiche efficaci. Per gli altri due grandi modelli di cura della mente con mezzi psichici il modello relazionale-sistemico e quello cognitivo-comportamentale l esperienza è stata del tutto diversa: quelle forme di psicoterapia sono nate e si sono sviluppate nella seconda metà del secolo scorso, in parallelo con gli sviluppi della psicofarmacologia la cui data di nascita si colloca, abitualmente, nel 1952, quando furono presentate, in un congresso francese, le esperienze con il primo neurolettico, la cloropromazina, capostipite dei futuri farmaci antipsicotici (Delay e Deniker, 1952). Da allora la psicofarmacologia ha conosciuto un continuo sviluppo. Nella cura dei disturbi del comportamento alimentare sono state provate gran parte delle molecole psicoattive via via scoperte, dalla cloropromazina ai triciclici, dai serotoninergici agli stabilizzatori dell umore e agli antipsicotici atipici. Nel corso del tempo, sono stati pubblicati i risultati di molti trattamenti farmacologici, in forma di segnalazioni aneddotiche, di studi aperti senza gruppo di controllo o di ricerche controllate con placebo in doppio cieco. Negli ultimi anni, gli studi psicofarmacologici si sono rivolti al trattamento della bulimia nervosa e del binge eating disorder più che dell anoressia. Si sono moltiplicati specialmente i trials con antidepressivi. Le sperimentazioni sono state ispirate da criteri empirici, psicopatologici (per esempio rapporti fra bulimia e disturbi depressivi) e neurochimici (per esempio indagini sui sistemi

5 neurotrasmettitoriali, in particolare serotonina). Se i neurolettici (in particolare la cloropromazina) hanno marcato il trattamento farmacologico dell anoressia nervosa negli anni sessanta, l impiego di antidepressivi nell anoressia e, soprattutto, nella bulimia e nel binge eating disorder, ha dominato le ricerche negli ultimi vent anni. I criteri di efficacia adottati sono stati essenzialmente sintomatici, fondati, in particolare, per l anoressia nervosa sul recupero ponderale e per la bulimia nervosa e il binge eating disorder su una riduzione della frequenza delle abbuffate compulsive a meno della metà del punto di partenza. Ma a dispetto dei progressi della psicofarmacologia, i medicamenti riconosciuti di qualche utilità nel trattamento dei disturbi dell alimentazione e dell obesità con e senza abbuffate compulsive sono, alla fine dei conti, pochissimi e nessuno ha, certo, caratteri di wonder-drug, farmaco di straordinaria efficacia (Mitchell, 2001; Mitchell, de Zwaan et al., 2003; Flament, Bissada et al., 2012). L uso della fluoxetina nella bulimia nervosa è stato approvato nel 1997 dall ente americano FDA, Food and Drug Administration, e negli stessi anni in Europa. Secondo vari studi, nella bulimia e nel binge eating disorder, associando una psicoterapia cognitivo-comportamentale specifica e un farmaco, in particolare un serotoninergico, si ottengono risultati favorevoli più spesso che non applicando separatamente l uno o l altro intervento. Nessun farmaco ha, invece, l anoressia nervosa tra le sue indicazioni riconosciute e ogni prescrizione è off label; la pietra angolare del trattamento di questo disturbo resta la psicoterapia associata a rialimentazione. Quanto all obesità, negli ultimi venticinque anni sono state studiate più di 120 molecole nella speranza che fossero utili al suo trattamento. La possibilità di una sostanza di avere un impatto significativo sul peso corporeo è legata alla sua capacità d intervenire sull introito calorico, sul dispendio energetico o su entrambi. Ma è cosa nota che il peso perduto con l aiuto di farmaci è in genere recuperato rapidamente appena sono interrotti. La sostanza chimica che guarisce l obesità non esiste ancora. Al momento, in Italia è disponibile un solo farmaco anti-obesità, l Orlistat, in commercio dal 1999 e ancora molto prescritto. È una sostanza che somiglia strutturalmente ai trigliceridi. L Orlistat agisce a livello periferico, gastrointestinale. Si adatta al sito attivo delle lipasi gastrointestinali (gastrica e pancreatica) formando un complesso irreversibile, l enzima non è più disponibile per la digestione dei trigliceridi, il 30% dei quali non è assorbito e viene eliminato con le feci. Negli Stati Uniti sono entrati di recente in commercio due nuovi farmaci, la lorcaserina e l associazione fentermina/topiramato. In Europa, nell autunno del 2012, l EMEA, European Medicines Agency, non si è ancora espressa in merito. In conclusione, i farmaci possono giocare una parte davvero limitata, sia nei disturbi dell alimentazione che nell obesità, un ruolo tutt altro che decisivo e mai sufficiente. Possono essere al massimo dei modesti aiuti, anche se preziosi in certe fasi del trattamento. Va aggiunto che le stesse sperimentazioni sui farmaci presentano importanti motivi d incertezza. Qualche anno fa è stata segnalata la mancanza di un protocollo sufficientemente standardizzato per i trials farmacologici con pazienti ambulatoriali affetti da disturbi del comportamento alimentare e sono state proposte delle linee-guida per questo tipo di studi (Mitchell, Tareen et al., 2000). Le linee-guida derivano dagli orientamenti più condivisi. Alcuni punti appaiono saldamente acquisiti, il metodo doppio-cieco placebo controllato, l uso delle rating scales, la precisazione delle dosi utilizzate, la registrazione degli effetti collaterali e della tossicità, la registrazione delle interruzioni (drop-out) e delle loro cause, gli esami di laboratorio e la necessità di un monitoraggio del livello sierico del farmaco. I punti più controversi sono apparsi, invece, il numero delle visite di controllo, la loro durata e,

6 soprattutto, il tipo di comunicazioni che avvengono. Cioè i fattori psichici in campo. Lo sperimentatore deve limitarsi a registrare l andamento dei sintomi e la comparsa di effetti collaterali? Può dare consigli sul comportamento alimentare? Come deve reagire all eventuale racconto di problemi interpersonali o di eventi traumatici? Fino a che punto deve incoraggiare il paziente a proseguire il trattamento malgrado i disturbi accusati? È vero che il metodo doppio-cieco placebo controllato permette comunque di verificare la superiorità della molecola presunta attiva su quella inerte. È vero anche, però, che l entità complessiva del risultato finale può essere esaltata o diminuita da fattori legati alle modalità degli incontri con i pazienti, al tipo di relazione terapeutica che in ogni caso si instaura. Anche da questo può dipendere la differenza fra i risultati che si ottengono in sede di sperimentazione e quelli che si osservano usando lo stesso farmaco nella routine clinica. Ricordiamo di passaggio che efficacy ed effectiveness sono i termini inglesi usati per indicare i due diversi tipi di efficacia di un trattamento, l efficacia sperimentale o virtuosa (efficacy), misurata nelle condizioni ideali di una sperimentazione; l efficacia pratica o corrente o reale (effectiveness), misurata nelle condizioni della normale pratica clinica e riferita a una popolazione il più possibile vicina a quella reale, senza esclusioni a livello di reclutamento (capita spesso, p.e., che da uno studio farmacologico sperimentale siano escluse le pazienti con rischio elevato di suicidio o quelle con abuso di sostanze). L obesità, come abbiamo visto, rimane una condizione molto resistente alle cure mediche e psicologiche. Risponde certamente di più alla chirurgia bariatrica (dal greco βαρύς, pesante e ἰατρός, medico) che deve essere considerata, soprattutto per le obesità gravi, il trattamento più efficace di cui disponiamo. Nel tempo, i progressi tecnici e clinici sono stati straordinari grazie, in particolare, allo sviluppo della chirurgia endoscopica mininvasiva che si è diffusa negli ultimi due decenni. Da qualche anno, la chirurgia robotica (robotically assisted minimlly invasive surgery) sembra offrire ulteriori vantaggi (Fourman e Saber, 2012). Gli interventi bariatrici determinano, in un numero elevato di casi, cali ponderali consistenti e persistenti e miglioramento delle comorbilità somatiche, della qualità della vita e di vari parametri d ordine psicosociale. Tuttavia, nel % dei casi la perdita di peso non è soddisfacente (Livhits, Mercado et al., 2012). E, a proposito di cure integrate, sono sempre opportuni tanto un attenta e specifica valutazione psicologico-psichiatrica pre-operatoria quanto un intervento post-operatorio di educazione terapeutica e, se necessario, una psicoterapia formalizzata (Mitchell e de Zwaan, 2005; Cuzzolaro, Basso et al., 2009; Cuzzolaro, Parmegiani et al., 2009). Linee-guida e cure integrate Alexander R. Lucas ha riconosciuto cinque ere nella storia del pensiero medico intorno all anoressia nervosa (Lucas, 1981): l era delle prime descrizioni ( ), quella endocrinologica o pituitaria ( ), il tempo della riscoperta della malattia ( ), l era psicoanalitica ( ) e, infine, quella bio-psico-sociale (dagli anni sessanta del Novecento a oggi). Dopo il fallimento dei tentativi di ridurre l etiopatogenesi dell anoressia nervosa a una disfunzione endocrina - in particolare dell ipofisi - o a una pura psicogenesi, l ultima fase ha coinciso con il prevalere di una visione multidimensionale della patologia, concepita come un quadro clinico determinato da una pluralità di fattori e dalle loro interazioni in una persona geneticamente vulnerabile.

7 Anorexia nervosa, a multidimensional perspective è il titolo significativo di un libro (Garfinkel e Garner, 1982) che, negli anni ottanta del Novecento, è stato tra i primi a fondare lo studio e il trattamento di questo disturbo sull applicazione del modello bio-psico-sociale e, quindi, delle cure integrate. L assortimento di interventi diversi nell anoressia nervosa ha, per la verità, una storia antica. I rapporti di Richard Morton e poi quelli di William Gull sui loro tentativi di curare casi di phthisis nervosa (Morton, 1689) e di anorexia nervosa (Gull, 1874), per quanto remoti nel tempo e nel linguaggio, sollevano questioni ancora vive e sorprendentemente attuali. Qualche esempio: il ricorso, insieme o in successione, a medicamenti e indicazioni morali relative alla dieta e allo stile di vita, interrompere gli studi, trasferirsi in campagna, andare a cavallo, affidarsi per un lungo periodo a una dieta lattea con preferenza per il latte d asina (Morton); abiti caldi, letto caldo, un tubo di gomma lungo 120 cm, pieno d acqua calda, posto lungo la spina dorsale durante i pasti, cibo leggero e nutriente ogni poche ore con un cucchiaino di brandy e l assistenza costante di un infermiera, non tenere conto dell inclinazione della paziente, non permettere l evoluzione dell inedia e controllare l irrequietezza (Gull). il carattere empirico e sintomatico delle prescrizioni farmacologiche. Allora erano sacchetti di aromatici, empiastri stomachici, amari, calibeati, giulebbi, acque cefaliche e isteriche, tintura di castor, antiscorbutici; e, poi, al tempo di Gull, corteccia di china, bicloruro di mercurio, sciroppo di ioduro di ferro, sciroppo di fosfato di ferro etc. l incertezza dei risultati e degli esiti a lungo termine il grande problema del rifiuto di curarsi o, forse più precisamente, di star meglio, segnalato da Morton nella historia prima, il caso della figlia del signor Duke che sembrò migliorare ma poi, taedio medicaminum statim affecta, rifiutò le cure e morì in soli tre mesi. La bulimia nervosa e gli altri disturbi dell alimentazione - chiamati dal DSM (American Psychiatric Association, 2000) non altrimenti specificati (sindromi anoressico-bulimiche parziali, chewing and spitting, binge eating disorder, night eating syndrome etc.) - hanno uno statuto nosografico molto recente e la loro definizione diagnostica è avvenuta già nel pieno dell era bio-psico-sociale delle cure integrate. Quanto all obesità, sia per la valutazione che per il trattamento, il metodo raccomandato da tutte le maggiori linee-guida e documenti di consenso di esperti è multidimensionale e interdisciplinare. Nella cornice di un anamnesi completa, si consiglia di prendere in esame le condizioni anatomiche e metaboliche, le complicanze mediche, le disabilità, i problemi psicologico-psichiatrici, le capacità di autocontrollo, la motivazione, la stima di sé, il senso di capacità personale, il sistema familiare, il contesto sociale, le disponibilità economiche, il ruolo dello stigma, gli aspetti logistici legati alla disponibilità di servizi specialistici adeguati (Fairburn e Brownell, 2002; Bosello, 2009; Donini, Cuzzolaro et al., 2010; Karasu, 2012; Sbraccia e Vettor, 2012). La stessa chirurgia dell obesità deve essere intesa non come la cura risolutiva ma come uno degli strumenti importanti di cui disponiamo, da iscrivere sempre in un programma interdisciplinare di lungo periodo. Anoressie, bulimie, obesità sono dunque condizioni che, secondo le linee-guida correnti, devono essere affrontate in una prospettiva multidimensionale di cure integrate secondo un metodo che la lingua inglese definisce team approach, intervento in squadra, in tutte le età della vita (Cuzzolaro, 1998; 2000; Wilson e Shafran, 2005; American Psychiatric Association, 2006; Cuzzolaro, Piccolo

8 et al., 2009; Cuzzolaro e Vetrone, 2009; Cuzzolaro in press). Idealmente, il gruppo di lavoro è composto da professionisti diversi che contribuiscono al trattamento, ciascuno nei limiti e nelle forme proprie del suo campo di competenza, secondo una regìa complessiva armonica e ben coordinata. Nello stesso momento o in fasi diverse della malattia, secondo le strategie imposte o suggerite dal quadro clinico, in setting di cura adeguati al tipo di programma, nutrizionisti, dietisti, internisti, pediatri, psichiatri, psicoanalisti, psicoterapeuti cognitivo-comportamentali e relazionali-sistemici, fisioterapisti, danza-movimento-terapeuti, endocrinologi, ginecologi, chirurghi bariatrici lavorano insieme. È possibile? Forse sì. È facile? No, è difficilissimo. Il coltello, le erbe e gli incanti. Aporie dell integrazione «Asclepio, l artefice mite che placa le pene e rinsalda le membra, / da un dolore o dall altro li traeva / [ ] gli uni con la lusinga di incantesimi, / altri con leggere / bevande, o miscele di farmaci, /altri con tagli [ ]». Pindaro descrisse così, nell ode Pitica III, le origini della tèchne iatriké, l arte del curare. I suoi versi suggeriscono l idea che a malati diversi si addicano interventi diversi - il coltello del chirurgo, le erbe medicinali, i poteri magici della parola e che lo stesso iatrós sia capace di applicarli tutti. Asclepio, del resto, era un semidio, figlio di Apollo e della mortale Coronide. Da alcuni anni si parla di integrazione delle cure per indicare l impiego, simultaneo o in sequenza, di vari interventi e di diversi operatori della salute nella cura di una stessa persona e del suo quadro morboso. Per disegnare una strategia terapeutica efficace è necessario, però, tenere gran conto di vari aspetti potenzialmente conflittuali e di non pochi punti teorici controversi e difficili da conciliare. Una prima domanda: è opportuno coinvolgere nella cura i familiari o è preferibile proteggere la relazione terapeutica con il paziente dalle loro interferenze? Soprattutto in età evolutiva, lo studio delle relazioni familiari è parte integrante del processo di valutazione diagnostica e di preparazione di un piano di trattamento. Un progetto terapeutico che non coinvolga, in qualche forma e almeno in qualche fase, in particolare all inizio, i genitori, ha poche probabilità di successo; d altra parte, una terapia che manchi di riconoscere profondamente l identità individuale del paziente e la necessità di uno svincolo dai legami familiari ne ha forse ancor meno. In tanti casi di anoressia, per esempio, un problema nucleare è il conflitto, lacerante, tra la ricerca di un autonomia assoluta e le tentazioni di una dipendenza totale e di una regressione all infanzia. Un secondo punto, l alleanza tra psicofarmaci e psicoterapie è semplice e, addirittura, automatica? Non c è alternativa difficile da conciliare ma è sempre possibile, anzi, una collaborazione felice? Riprendo alcuni punti sviluppati in un articolo di qualche anno fa (Ripa di Meana e Cuzzolaro, 2004). A Sigmund Freud che contestava all ipnosi il fatto di agire soltanto sulla superficie dei sintomi e di lasciare immutata l economia psichica del malato, Pierre Janet rispose, «È forse proibito cercare di alleviare i sintomi? L intera terapia delle altre malattie non ne è forse piena?» (Janet, 1919). Sembra difficile dissentire. E allora, in nome del sollievo e della terapia, il dilemma sembra risolto. Ma la complessità dei rapporti fra psicoanalisi e psicofarmaci è legata soprattutto a una profonda differenza di statuto etico fra i due tipi di intervento che rende la loro integrazione non scontata né semplice.

9 «Calmare l angoscia senza addormentare, stimolare senza euforizzare, e, in entrambi i casi, correndo rischi ridotti di assuefazione, ecco la rivoluzione promossa dai neurolettici e dagli antidepressivi» (Pignarre, 1999). Per la psicoanalisi le cose non solo vanno diversamente, ma si avviano in direzione tendenzialmente opposta. Come ha sostenuto Freud nel corso dell intera sua opera, per ottenere effetti di guarigione è essenziale riuscire a utilizzare la sofferenza del paziente, il suo squilibrio esplicito, gli sbalzi e i sussulti del suo umore. Mentre i farmaci tentano di ripristinare nell individuo la capacità operativa che lo fa sentire sovrano e artefice della propria vita, l analisi, da parte sua, lo allena a riconoscersi soggetto, soggetto di parola, soggetto alla parola e alla legge del desiderio. «L antidepressivo hanno scritto all inizio degli anni sessanta i due pionieri della psicofarmacologia ristabilisce delle relazioni oggettuali e permette alla psicoterapia di risolvere nel malato quei conflitti psichici che prima non potevano essere affrontati» (Delay e Deniker, 1961). Qualche anno dopo un grande psichiatra francese ha affermato, «s impone ormai in tema di ricorso ai metodi biologici, l idea che essi preparino e favoriscano l azione psicoterapeutica» (Ey, 1975). E alla fine del Novecento un altro psichiatra e psicoanalista francese ha scritto che «dovrebbe esserci più complementarietà tra i due approcci» (Widlöcher, 1998). Ma è proprio così? È sempre così? Pensiamo di mettere due buoi al giogo della cura, ma la potenza dell aratro terapeutico aumenta davvero? Nell ultimo anno del ventesimo secolo, uno psicofarmacologo e una psicoanalista hanno parlato, ognuno a suo modo, del rifiuto e della soggezione agli psicotropi in due libri dedicati ai fondamenti sociali e retorici di quella straordinaria invenzione che aveva segnato gli ultimi cinquant anni (Pignarre, 1999; Roudinesco, 1999). Interventi che partono da premesse teoriche lontane e che mettono in gioco stili della relazione di cura e processi diversi possono accordarsi facilmente nella pratica empirica e contribuire senza frizioni alla guarigione? E chi decide e come che è giunto il momento di associare le due cure? Un altra questione: come occuparsi dei rischi biologici e delle emergenze somatiche e, insieme, riconoscere e rispettare la funzione economica e il senso dei sintomi psicopatologici? I comportamenti alimentari e i loro effetti di malnutrizione per difetto o per eccesso - svolgono una costosa ma essenziale funzione difensiva alla quale è impossibile rinunciare del tutto senza adeguati cambiamenti psichici. D altra parte, gli stessi sintomi e stati somatici creano circoli viziosi, biologici e psicologici, che contribuiscono alla perpetuazione del quadro clinico. L etimologia informa che sintomo vuol dire co-incidenza. C è un fenomeno che rimanda a un altro fenomeno che accade insieme a esso e, quindi, uno diventa segno o, più precisamente, indice dell altro. In particolare, nell uso medico, chiamiamo sintomi una speciale classe di fenomeni: meritano il nome di sintomi, quei fenomeni che co-incidono con la presenza in un organismo di condizioni che chiamiamo malattie. In medicina, il sintomo indica ma non significa, è fuori dell ordine del linguaggio. La rivoluzione freudiana è consistita proprio nel riconoscere che il sintomo isterico è segno che parla. Ha anche funzione simbolica. Un simbolo, giova ricordarlo, non è un semplice segno. Non è qualcos altro nel senso, intransitivo, in cui la logica connette un predicato a un soggetto. È, invece, nel senso, transitivo, che fa essere. Dopo Sigmund Freud l isteria non è stata più quella che Jean-Martin Charcot aveva descritto pochi anni prima (Edelman, 2000). Charcot l aveva studiata nello spazio pubblico dell ospedale. E si era affidato soprattutto allo sguardo, arricchito anzi dal nuovo occhio della fotografia che aveva scoperto attraverso un altro medico, il neurologo-fotografo Guillaume Duchenne de Boulogne. Freud, invece, lavorava nello spazio privato di uno studio, usava il divano per escludere lo sguardo

Contributi a convegni scientifici

Contributi a convegni scientifici Contributi a convegni scientifici Cefalea in età evolutiva Ardovini C., Bruni O., Cortesi F. & Guidetti V. (1991) - "DSM-III R vs ACL: applicability in preadolescence and adolescence primary headache".

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Coordinamento Dott. Massimo Palumbo

Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Coordinamento Dott. Massimo Palumbo Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Coordinamento Dott. Massimo Palumbo UTENZA Il centro si rivolge a soggetti con età inferiore ai 18 anni che presentano: - Disturbo del Comportamento Alimentare

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente:

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA Obiettivi della Scuola di Psicologia Clinica Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: Lo specialista in Psicologia

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

ALIMENTARE. nella terapia dei Dca sono pochi e oberati da liste d attesa di mesi.

ALIMENTARE. nella terapia dei Dca sono pochi e oberati da liste d attesa di mesi. LA CURA DEL DISTURBO ALIMENTARE L approccio ai Dca deve tenere presente i due versanti coinvolti: quello fisico e quello psicologico. Per questo motivo è previsto l'intervento di specialisti di formazione

Dettagli

Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica. Riccardo Dalle Grave

Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica. Riccardo Dalle Grave Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica Riccardo Dalle Grave Introduzione I disturbi dell alimentazione rappresentano un indicazione primaria per la terapia cognitivo comportamentale (CBT).

Dettagli

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE Secondo l Organizzazione mondiale della Sanità i disturbi del comportamento infantile nel mondo sono in aumento: 1 bambino su 5 soffre di psicopatologie,

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda per i Servizi Sanitari Trento

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI. Prevenzione DCA nei gruppi giovanili

DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI. Prevenzione DCA nei gruppi giovanili DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI INTRODUZIONE obiettivi della lezione: fornire conoscenze sui disturbi principali, anoressia e bulimia individuare strumenti e

Dettagli

Perché mi sono ammalato?

Perché mi sono ammalato? Perché mi sono ammalato? Depressione Maggiore Modello eziopatogenetico Ereditarietà Eventi traumatici precoci Sesso Disturbi d Ansia Personalità Eventi stressanti Malattie somatiche Modificazione funzionamento

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA Mirandola 13 Giugno 2015 I MESSAGGI CHIAVE DELLE LINEE GUIDA DEL MINISTERO DELLA SALUTE I disturbi dell alimentazione sono uno dei problemi

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa PAOLO SBRACCIA UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa PAOLO SBRACCIA UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA Appropriatezza clinica, strutturale e operativa PAOLO SBRACCIA UNIVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Medicina Interna Centro di Eccellenza per la Cura dell Obesità Fondazione Policlinico Tor Vergata

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche

Dettagli

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda Evoluzione del trattamento di Villa Garda Primo reparto per la cura ospedaliera dei

Dettagli

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale Autismo: disturbo dello sviluppo comunicativo, sociale, dei comportamenti e degli interessi, che esordisce nell infanzia; è il principale fra i Disturbi Generalizzati o Pervasivi dello Sviluppo (vedi).

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTEGRATA DI SERVIZI PER LA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTEGRATA DI SERVIZI PER LA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI Allegato A LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTEGRATA DI SERVIZI PER LA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELLA REGIONE TOSCANA Quadro di riferimento L aumento

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 29/09/2014 Art. 1 - Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il Corso di perfezionamento in Diagnosi e Trattamento dei Disturbi

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI :

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI : Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze Università BOCCONI : PRESENTAZIONE DEL DOTT. ANDREA FREDIANI MILANO, 10 D ICEMBRE 2014

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Classificazioni delle disfunzioni sessuali. Dr. Antonio La Torre

Classificazioni delle disfunzioni sessuali. Dr. Antonio La Torre Classificazioni delle disfunzioni sessuali Dr. Antonio La Torre Che cosa si intende con il termine di disfunzione sessuale? Questo termine compare all interno delle due principali classificazioni internazionali

Dettagli

L OBESITÀ NELL ETÀ EVOLUTIVA: EDUCARE AD UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE

L OBESITÀ NELL ETÀ EVOLUTIVA: EDUCARE AD UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. ANTONIO PIO D INGIANNA Scuola Nazionale Medicina degli Stili di Vita FIMMG Metis L OBESITÀ NELL ETÀ EVOLUTIVA: EDUCARE AD UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE L obesità può essere definita come una malattia

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

Farmaci off-label in psichiatria: piùopportunitào piùrischi?

Farmaci off-label in psichiatria: piùopportunitào piùrischi? La prescrizione dei farmaci off-label in Emilia Romagna: norme, dati e riflessioni Rimini, 14 marzo 2014 Farmaci off-label in psichiatria: piùopportunitào piùrischi? Bruno Biancosino Dip. Assist. Integrato

Dettagli

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733 BARDUCCO MICHELA DATI ANAGRAFICI Recapito telefonico: 327.3512733 CURRICULUM IN BREVE Mi sono laureata nel 2003 in Dietistica presso l Università degli Studi di Genova con una tesi sul Trattamento cognitivo

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

Storia e realtà dell alcologia in Italia

Storia e realtà dell alcologia in Italia XXII Congresso Nazionale 150 anni d Unità d Italia storia e realtà del rapporto tra italiani e alcol Torino 9-11 Novembre 2011 Villa Gualino Storia e realtà dell alcologia in Italia Prof. Valentino Patussi

Dettagli

Società Italiana di Psico-Oncologia

Società Italiana di Psico-Oncologia Società Italiana di Psico-Oncologia OBIETTIVI FORMATIVI PROPOSTI DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PSICO-ONCOLOGIA (SIPO) ALLA COMMISSIONE ECM DEL MINISTERO DELLA SALUTE Introduzione La necessità che le cure e

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA 1930-40 1940-50 1950-60 1960-70 1970-80 1980-90 Anoressia nervosa e Bulimia:chi

Dettagli

CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE

CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE Largo Zecca, 4-16124 GENOVA Tel. 010/247.07.78 - Fax 010/251.29.60- E-mail geis00600r@istruzione.it C.F. 95062410105 SERVIZI SOCIOSANITARI CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE CLASSI PRIME Materia: Scienze

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale ABSTRACT Dr. Dai Prà Mirko, tratto ed adattato da (Fursland, 2012)) I disturbi del comportamento alimentare sono molto frequenti nella nostra società

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione 4. Rapporti tra disturbi dell alimentazione e obesità 5. Malnutrizione per difetto

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI

L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI SITCC 2014 DIARIO DI BORDO NOVE Sabato, 17 maggio 2014 L'APPROCCIO COGNITIVISTA AI DISTURBI DELLA CONDOTTA IN ETÀ EVOLUTIVA: INTERVENTI PREVENTIVI E TERAPEUTICI PSICOTERAPIA COGNITIVA IN LIGURIA Seminari

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

PROSPETTO GENERALE. Primo anno (500 ore)

PROSPETTO GENERALE. Primo anno (500 ore) PROSPETTO GENERALE Primo anno (500 ore) 1. Metodologia, Psicologia generale e Psicologia dello Sviluppo I principali indirizzi psicoterapeutici 48 ore 2. Teorie e tecniche comportamentali e cognitive 168

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. B al bando di ammissione pubblicato in data 30/09/2015 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli studi di Pavia attiva per l anno accademico 2015-16, il Master Universitario di I livello a Distanza (on-line)

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

Riprendendo il discorso iniziale, stando a quanto affermato da alcuni autori, si assiste, nelle fasce puberali e adolescenziali, al cosiddetto

Riprendendo il discorso iniziale, stando a quanto affermato da alcuni autori, si assiste, nelle fasce puberali e adolescenziali, al cosiddetto INTRODUZIONE L attività sportiva in età adolescenziale, soprattutto se praticata a livello agonistico, si innesta su un terreno ricco di capovolgimenti interpersonali e problematiche esistenziali, andando

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO.

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. Esiste un rapporto inestricabile tra cibo ed emozioni, tra i cibi assunti per bisogno fisiologico e quelli assunti come appagamento

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa Psicologia clinica Integrazione di slide e sintesi libri Gabbard e

Dettagli

Psicologia, Oncologia e Cure palliative

Psicologia, Oncologia e Cure palliative Psicologia, Oncologia e Cure palliative Psicologia in ambito ospedaliero Corso di Aggiornamento Contenuti Ordinamento della professione di psicologo e deontologia Sviluppo cronologico della psiconcologia

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

L AUTISMO NELLE MARCHE

L AUTISMO NELLE MARCHE 26 novembre 2015, Anna Maria Cirolla L AUTISMO NELLE MARCHE Dalla scoperta della sindrome alla realtà marchigiana. 1 Anna Maria Cirolla STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Cos è l autismo? Passaggi storici nella

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE L A C O L L A B O R A Z I O N E T R A S E R V I Z I D I S A L U T E M E N T A L E E M E D I C I N A G E N E R A L E : E S P E R I E N Z A D E L

Dettagli

MODULO DI ADESIONE PROGETTO

MODULO DI ADESIONE PROGETTO 7-8 OTTOBRE 2011 CITTÀ STUDI BIELLA MODULO DI ADESIONE PROGETTO Titolo del progetto: APPLICAZIONE DEL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) IN PSICONCOLOGIA PRESSO I CENTRI ONCOLOGICI DELLA

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli