ALLEGATO 1. SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 1. SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001"

Transcript

1 ALLEGATO 1 SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001 Funzione aziendale: Periodo : All Organismo di Vigilanza di Equitalia Servizi S.p.A. Premesso che: Equitalia Servizi S.p.A. ha predisposto il proprio Modello di Organizzazione, Gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01; tale Modello è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione del / / ; il Modello prevede la predisposizione di Schede Evidenza delle attività svolte, da parte di ogni Responsabile di Area / Unità Organizzativa. Nell ambito delle proprie responsabilità operative, così come attribuite dal Manuale Organizzativo Equitalia Servizi, nelle procedure aziendali e nelle direttive di Gruppo, il sottoscritto, come previsto dal Modello ex D.Lgs. 231/01, dichiara quanto segue: Non si segnala alcuna anomalia o infrazione al Modello stesso ed, in particolare, alcun fatto o comportamento che possa riguardare l applicazione del D.lgs. 231/2001. Si segnalano elementi di anomalia/infrazioni in relazione alle prescrizioni del Modello: Data in cui Descrizione Soggetti Soggetti si è anomalia/infrazione interni Esterni verificato coinvolti coinvolti l evento Data: / / Firma Pagina 1 di 12

2 ALLEGATO 2 SEGNALAZIONE DI VIOLAZIONE O SOSPETTO DI VIOLAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 E/O DEL CODICE ETICO La segnalazione ha ad oggetto la violazione o il sospetto di violazione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001 e/o del Codice Etico. Gli autori delle segnalazioni sono preservati da qualsiasi forma di ritorsione o discriminazione in ambito professionale e ne viene garantita la riservatezza dell identità nei limiti previsti dalla legge ovvero determinati dalla necessità della tutela della Società. Le segnalazioni ricevute e l opportunità di azioni conseguenti sono valutate ascoltando, se necessario, l autore della segnalazione e/o il responsabile della presunta violazione. E sanzionato l utilizzo della segnalazione effettuata a mero scopo di ritorsione o emulativa. SEGNALAZIONE Informativa ex art 13 del D. Lgs. 30 Giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy). Il trattamento dei dati personali raccolti mediante il presente modulo avverrà, in modalità sia manuale che con l ausilio di strumenti elettronici, per le finalità di adempiere e agli obblighi previsti dal decreto legislativo 8 Giugno 2001, n Titolare del trattamento è la Equitalia Servizi S.p.A., anche tramite l Organismo di Vigilanza interno preposto alla procedura di segnalazione. Il conferimento dei dati non è obbligatorio, ma senza di essi il Titolare si riserva di non trattare le informazioni ricevute. Il suo consenso al trattamento non è necessario ai sensi ed effetti dell art. 24, lett. a) ed f) del Codice della Privacy. I suoi dati personali non saranno comunicati o diffusi, e potranno venire a conoscenza dei membri dell Organismo di Vigilanza e, ove necessario per adottare le opportune misure di attuazione del Modello, degli incaricati dell Area Risorse Umane e Servizi Generali. Potrà, mediante richiesta scritta da inviare all Organismo di Vigilanza, esercitare i riconosciuti dall art. 7 del medesimo Codice tra cui, 1) ottenere, senza ritardo, la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che la riguardano; 2) ottenere: a) l indicazione dell origine dei dati personali, delle finalità e modalità del trattamento, della logica del trattamento effettuato con l ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare o dei responsabili, dei soggetti o delle categorie di soggetti a cui i dati possono venire comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati; l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, qualora vi abbia interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge. NOME COGNOME N. TELEFONO Firma L OdV (nel rispetto della legge) riserva di valutare anche segnalazioni anonime. Pagina 2 di 12

3 ALLEGATO 3 DICHIARAZIONE DI ASSENZA DI CONFLITTI DI INTERESSE ai sensi del Decreto Legislativo 231 e successive modifiche Il sottoscritto dichiara di conoscere il contenuto del D.Lgs.231/01 e del Modello di organizzazione, gestione e controllo adottato da Equitalia Servizi S.p.A., volto a prevenire i reati previsti dal citato Decreto. Il sottoscritto si impegna a non porre in essere azioni in contrasto con il citato Modello. Più in particolare il sottoscritto si impegna a: non porre in essere azioni in contrasto con il Codice Etico; evitare situazioni tali da configurare un conflitto di interessi nell'ambito di rapporti intrattenuti con rappresentanti di Pubbliche Amministrazioni, italiane o estere e, nel caso questo avvenga, informarne tempestivamente l Organismo di Vigilanza; rispettare i poteri di delega ed i limiti di firma stabiliti; rispettare gli obblighi di informativa all'organismo di vigilanza riportati nel "Modello 231"; rispettare le procedure/protocolli emesse dalla Società e le altre misure previste dal Modello. Il sottoscritto si impegna anche a comunicare tempestivamente all Organismo di Vigilanza eventuali situazioni delle quali sia venuto a conoscenza, anche in virtù delle attività di controllo effettuate, capaci di influire sull'adeguatezza, completezza ed efficacia del Modello e circa la sua effettiva applicazione. In fede Nome e cognome Posizione Data..... Pagina 3 di 12

4 ALLEGATO 4 DICHIARAZIONE E CLAUSOLA RISOLUTIVA PER COLLABORATORI, CONSULENTI ESTERNI, PARTNER, AGENTI E FORNITORI Si dichiara di essere a conoscenza delle disposizioni di cui al Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231, e successive integrazioni, nonché delle norme del Codice Etico e di quelle previste dal Modello 231 di Equitalia Servizi S.p.A., ivi compreso il Documento di Valutazione dei Rischi. Ci si impegna, pertanto, a tenere un comportamento in linea con il suddetto Codice Etico, con il Modello e con il Documento di Valutazione dei Rischi, per le parti applicabili, e comunque ci si impegna a mantenere una condotta tale da non esporre Equitalia Servizi S.p.A. al rischio dell'applicazione delle sanzioni previste dal suddetto Decreto Legislativo e dalle norme da esso richiamate anche in materia di salute e sicurezza sul lavoro. L'inosservanza di tale impegno costituirà grave inadempimento contrattuale e legittimerà Equitalia Servizi S.p.A. a risolvere il presente contratto con effetto immediato, ai sensi e per gli effetti di cui all' art Cod. Civ., fermo restando il risarcimento dei danni. N.B. Form che salvo adattamenti caso per caso va inserito nei contratti con prestatori di servizi professionali, consulenti, partners, collaboratori coordinati e continuativi, ad eccezione dei componenti del Consiglio di Amministrazione legati a Equitalia Servizi S.p.A. da quest'ultimo tipo di rapporto. Pagina 4 di 12

5 ALLEGATO 5 ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO A. Reati contro la P.A. (artt. 24 e 25 del Decreto): A.1. Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente pubblico (art bis c.p.); A.2. Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato o di altro Ente pubblico (art. 316-ter c.p.); A.3. Truffa in danno dello Stato o di un Ente pubblico (art. 640, comma 2, n. 1, c.p.); A.4. Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (art. 640-bis c.p.); A.5. Frode informatica a danno dello Stato o di altro Ente pubblico (art. 640-ter c.p.); A.6. Concussione (art. 317 c.p.); A.7. Corruzione (artt. 318, 319, 319 bis e 321 c.p.); A.8. Istigazione alla corruzione (322 c.p.); A.9. Corruzione in atti giudiziari (319-ter c.p.); B. Reati di criminalità informatica e trattamento illecito di dati introdotti nel Decreto dalla Legge 48/2008 (art. 24 bis): B.1. Falsità in un documento informatico pubblico o avente efficacia probatoria (art. 491-bis c.p.); B.2. Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 615 ter c.p.); B.3. Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici (art. 615 quater c.p.); B.4. Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare are o interrompere un sistema informatico o telematico (art. 615 quinquies c.p.); B.5. Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617 quater c.p.); B.6. Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche (art. 617 quinquies c.p.); B.7. Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici (art. 635 bis c.p.); Pagina 5 di 12

6 B.8. Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o comunque di pubblica utilità (art. 635 ter c.p.); B.9. Danneggiamento di sistemi informatici e telematici (art. 635 quater c.p.); B.10. Danneggiamento di sistemi informatici e telematici di pubblica utilità (art. 635 quinquies c.p.); B.11. Frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica (art. 640 quinquies c.p.). C. Reati di criminalità organizzata introdotti nel Decreto dalla Legge 94/2009 (art. 24 ter). C.1. Associazione per delinquere (art 416 c.p.); C.2. Associazioni di tipo mafioso anche straniere (art. 416 bis c.p.); C.3. Scambio elettorale politico-mafioso (art. 416 ter c.p.); C.4. Sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione (art. 630 c.p.); C.5. Associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope (art. 74, D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309); C.6. Delitti di illegale fabbricazione, introduzione nello Stato, messa in vendita, cessione, detenzione e porto in luogo pubblico o aperto al pubblico di armi da guerra o tipo guerra o parti di esse, di esplosivi, di armi clandestine nonché di più armi comuni da sparo, escluse quelle previste dall'articolo 2, terzo comma, della legge 18 aprile 1975, n. 110 (art. 407, comma 2, lett. a), numero 5) c.p.p.). D. Reati in materia di falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento, introdotti nel Decreto dalla Legge 409/2001 e modificati con Legge 99/2009 (art. 25 bis): D.1. Falsificazione azione di monete, spendita e introduzione nello Stato, previo concerto, di monete falsificate (art. 453 c.p.); D.2. Alterazione di monete (art. 454 c.p.); D.3. Spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate (art. 455 c.p.); D.4. Spendita di monete falsificate ricevute in buona fede (art. 457 c.p.); D.5. Falsificazione di valori di bollo, introduzione nello Stato, acquisto, detenzione o messa in circolazione di valori di bollo falsificati (art. 459 c.p.); D.6. Contraffazione di carta filigranata in uso per la fabbricazione di carte di pubblico credito o di valori di bollo (art. 460 c.p.); Pagina 6 di 12

7 D.7. Fabbricazione o detenzione di filigrane o di strumenti destinati alla falsificazione di monete, di valori di bollo o di carta filigranata (art. 461 c.p.); D.8. Uso di valori di bollo contraffatti o alterati (art. 464, commi 1 e 2, c.p.); D.9. Contraffazione, alterazione, uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni (473 c.p.); D.10. Introduzione nello Stato e commercio di prodotti otti industriali con segni falsi (474 c.p.). E. Delitti contro l industria e il commercio, introdotti nel Decreto dalla Legge 99/2009 (art. 25-bis 1): E.1. Turbata libertà dell industria o del commercio (art. 513 c.p.); E.2. Illecita concorrenza con minaccia o violenza (art. 513 bis c.p.); E.3. Frodi contro le industrie nazionali (art. 514 c.p.); E.4. Frode nell esercizio del commercio (art. 515 c.p.); E.5. Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine (art. 516 c.p.); E.6. Vendita di prodotti industriali con segni mendaci (art. 517 c.p.); E.7. Fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale (art. 517 ter c.p.); E.8. Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari (art. 517 quater c.p.). F. Reati societari, introdotti dal D. Lgs. 61/2002 e modificati dalla Legge 262/2005 (art. 25 ter): F.1. False comunicazioni sociali (art cod. civ.); F.2. False comunicazioni sociali in danno dei soci o dei creditori (art. 2622, commi 1 e 3, cod. civ.); F.3. Impedito controllo (art comma 2 cod. civ.); F.4. Indebita restituzione dei conferimenti (art cod. civ.); F.5. Illegale ripartizione degli utili e delle riserve (art cod. civ.); F.6. Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante (art cod. civ.); F.7. Operazioni in pregiudizio dei creditori (art cod. civ.); F.8. Formazione fittizia del capitale (art cod. civ.); F.9. Indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori (art cod. civ.); Pagina 7 di 12

8 F.10. Illecita influenza sull assemblea (art cod. civ.); F.11. Aggiotaggio (art cod. civ.); F.12. Omessa comunicazione del conflitto di interessi (art bis cod. civ.); F.13. Ostacolo all esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza (art. 2638, commi 1 e 2, cod. civ.). G. Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico, introdotti nel Decreto dalla Legge 7/2003 (art. 25 quater). H. Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, introdotti nel Decreto dalla Legge 7/2006 (art. 25 quater 1). I. Delitti contro la personalità individuale (art. 25-quinquies, inserito dalla Legge 228/2003 e modificati con la Legge 38/2006 (art. 25 quinquies): I.1. Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù (art. 600 c.p.); I.2. Prostituzione minorile (art. 600 bis c.p.); I.3. Pornografia minorile (art. 600 ter c.p.); I.4. Detenzione di materiale pornografico (art. 600 quater c.p.); I.5. Pornografia virtuale (art. 600 quater 1 c.p.) I.6. Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile (art. 600 quinquies c.p.) I.7. Tratta di persone (art. 601 c.p.); I.8. Acquisto e alienazione di schiavi (art. 602 c.p.); J. Abusi di mercato, introdotti otti nel Decreto dalla Legge 62/2005 e modificati dalla Legge 262/2005 (art. 25 sexies) J.1. Abuso di informazioni privilegiate (art. 184 Testo unico della finanza); J.2. Manipolazione del mercato (art. 185 Testo unico della finanza). K. Reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme infortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro introdotti nel Decreto dalla Legge 123/2007(art. 25 septies): K.1. Omicidio colposo (art. 589 c.p.), con violazione delle norme infortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro; Pagina 8 di 12

9 K.2. Lesioni personali colpose (art. 590, comma 3 c.p.), con violazione delle norme infortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro. L. Reati transnazionali richiamati dall art. 10 della Legge 146/2006, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione e dei Protocolli delle Nazioni Unite contro il crimine organizzato transnazionale, adottati dall'assemblea generale il 15 novembre 2000 ed il 31 maggio 2001 : L.1. Associazione per delinquere (art. 416 c.p.); L.2. Associazioni di tipo mafioso anche straniere (art. 416 bis c.p.); L.3. Associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri (DPR 43/1973, art. 291 quater); L.4. Associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope (art. 74 del DPR 309/1990); L.5. Disposizioni contro le immigrazioni clandestine (art. 12 del D.Lgs. 286/1998); L.6. Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria (art. 377 bis c.p.); L.7. Favoreggiamento personale (art. 378 c.p.). Si considera reato transnazionale il reato punito con la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni, qualora in esso sia coinvolto un gruppo criminale organizzato, nonché: sia commesso in più di uno Stato; ovvero sia commesso in uno Stato, ma una parte sostanziale della sua preparazione, pianificazione, direzione e controllo avvenga in un altro Stato; ovvero sia commesso in uno Stato, ma in esso sia implicato un gruppo criminale organizzato impegnato in attività criminali in più di uno Stato; ovvero sia commesso in uno Stato ma abbia effetti sostanziali in un altro Stato. M. Reati in materia di riciclaggio, introdotti nel Decreto eto dal D.Lgs. 231/2007 (art. 25 octies): M.1. Ricettazione (art. 648 c.p.) M.2. Riciclaggio (art. 648-bis c.p.); M.3. Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648-ter c.p.). Pagina 9 di 12

10 N. Delitti in materia di violazione del diritto d autore, introdotti nel Decreto dalla Legge 99/2009 (art. 25-novies): N.1. Immissione su sistemi di reti telematiche a disposizione del pubblico, mediante connessioni di qualsiasi genere, di un opera dell ingegno protetta o parte di essa (art. 171, primo comma, lett. a-bis), Legge 633/41); N.2. Reati di cui al punto precedente commessi in relazione a un opera altrui non destinata alla pubblicazione, ovvero con usurpazione della paternità dell'opera, ovvero con deformazione, mutilazione o altra modificazione dell'opera medesima, qualora ne risulti offesa all'onore od alla reputazione dell'autore (art. 171, terzo comma, Legge 633/41); N.3. Abusiva duplicazione, per trarne profitto, di programmi per elaboratore; importazione, distribuzione, vendita, detenzione a scopo commerciale o imprenditoriale o concessione in locazione di programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla SIAE; predisposizione di mezzi intesi unicamente a consentire o facilitare la rimozione arbitraria o l'elusione funzionale di dispositivi applicati a protezione di un programma per elaboratori (art. 171-bis, primo comma, Legge 633/41); N.4. Riproduzione, trasferimenti su altro supporto, distribuzione, comunicazione, presentazione o dimostrazione in pubblico del contenuto di una banca di dati in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 64- quinquies e 64-sexies della Legge 633/41, al fine di trarne profitto e su supporti non contrassegnati SIAE; estrazione o reimpiego della banca di dati in violazione delle disposizioni di cui agli articoli 102-bis e 102-ter della Legge 633/41; distribuzione, vendita e concessione in locazione della banca di dati (art. 171-bis, secondo comma, Legge 633/41); N.5. Abusiva duplicazione, riproduzione, trasmissione o diffusione in pubblico con qualsiasi procedimento, in tutto o in parte di un opera dell ingegno destinata al circuito televisivo, cinematografico, della vendita o del noleggio, dischi nastri o supporti analoghi ovvero ogni altro supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere musicali, cinematografiche o audiovisive assimilate o sequenze di immagini in movimento; abusiva riproduzione, trasmissione o diffusione in pubblico, con qualsiasi procedimento, di opere, o parti di opere, letterarie, drammatiche, scientifiche o didattiche, musicali o drammatico-musicali, multimediali, anche se inserite in opere collettive o composite o banche dati; introduzione nel territorio dello Stato, pur non avendo concorso alla duplicazione o alla riproduzione, detenzione per la vendita o per la distribuzione, distribuzione, messa in commercio, concessione a noleggio o cessione a qualunque titolo, proiezione in pubblico, trasmissione a mezzo della televisione con qualsiasi procedimento, trasmissione a mezzo della radio, diffusione per l ascolto tra il pubblico, delle riproduzioni abusive citate nel presente punto; detenzione per la vendita o la distribuzione, distribuzione, messa in commercio, concessione in noleggio o comunque cessione a qualsiasi titolo, proiezione in pubblico, trasmissione a mezzo della televisione con qualsiasi procedimento, Pagina 10 di 12

11 trasmissione a mezzo della radio, ascolto in pubblico delle duplicazioni o riproduzioni abusive menzionate; detenzione per la vendita o la distribuzione, messa in commercio, vendita, noleggio, cessione a qualsiasi titolo, trasmissione a mezzo della radio o della televisione con qualsiasi procedimento, di videocassette, musicassette, qualsiasi supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere musicali, cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento, o di altro supporto per il quale è prescritta, ai sensi della Legge 633/41, l'apposizione di contrassegno SIAE, privi del contrassegno medesimo o dotati di contrassegno contraffatto o alterato; ritrasmissione o diffusione con qualsiasi mezzo, in assenza di accordo con il legittimo distributore, di un servizio criptato ricevuto per mezzo di apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni ad accesso condizionato; introduzione nel territorio dello Stato, detenzione per la vendita o la distribuzione, distribuzione, vendita, concessione in noleggio, cessione a qualsiasi titolo, promozione commerciale, installazione di dispositivi o elementi di decodificazione speciale che consentono l'accesso ad un servizio criptato senza il pagamento del canone dovuto; fabbricazione, importazione, distribuzione, vendita, noleggio, cessione a qualsiasi titolo, pubblicizzazione per la vendita o il noleggio, o detenzione per scopi commerciali, di attrezzature, prodotti o componenti, ovvero prestazione di servizi che abbiano la prevalente finalità o l'uso commerciale di eludere efficaci misure tecnologiche di cui all' art. 102-quater della Legge 633/41 ovvero siano principalmente progettati, prodotti, adattati o realizzati con la finalità di rendere possibile o facilitare l'elusione di predette misure; rimozione abusiva o alterazione delle informazioni elettroniche di cui all' articolo 102- quinquies, ovvero distribuzione, importazione a fini di distribuzione, diffusione per radio o per televisione, comunicazione o messa a disposizione del pubblico di opere o altri materiali protetti dai quali siano state rimosse o alterate le informazioni elettroniche stesse (art. 171-ter, comma 1 Legge 633/41); N.6. Riproduzione, duplicazione, trasmissione o abusiva diffusione, vendita o messa in commercio, cessione a qualsiasi titolo o abusiva importazione di oltre cinquanta copie o esemplari di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi; comunicazione al pubblico, a fini di lucro, immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, di un'opera dell'ingegno protetta dal diritto d'autore, o parte di essa; commissione di uno dei reati di cui al punto precedente esercitando in forma imprenditoriale attività di riproduzione, distribuzione, vendita o commercializzazione, importazione di opere tutelate dal diritto d'autore e da diritti connessi; promozione o organizzazione delle attività illecite di cui al punto precedente (art. 171-ter, comma 2 Legge 633/41); N.7. Mancata comunicazione alla SIAE, da parte di produttori o importatori dei supporti non soggetti al contrassegno di cui all'articolo 181- bis della Legge 633/41, entro trenta giorni la data di immissione in commercio sul territorio nazionale o di importazione, dei dati di Pagina 11 di 12

12 identificazione dei supporti non soggetti al contrassegno o falsa dichiarazione di detti dati (art. 171-septies Legge 633/41); N.8. Fraudolenta produzione, vendita, importazione, promozione, installazione, modifica, utilizzazione per uso pubblico blico e privato apparati o parti di apparati atti alla decodificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionato effettuate via etere, via satellite, via cavo, in forma sia analogica sia digitale (art. 171-octies Legge 633/41). O. Reato di induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria (art. 377 bis c.p.), introdotto nel Decreto dalla Legge 116/2009. Pagina 12 di 12

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e art. 25, D.Lgs. 231/01) - Malversazione a danno dello Stato o di altro

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e 25): Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente Pubblico (art. 316 bis, cod. pen.); Indebita percezione di erogazioni

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 1. Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012. 2.1 Truffa ai danni dello Stato (art. 640, comma 2, c.p.).

FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012. 2.1 Truffa ai danni dello Stato (art. 640, comma 2, c.p.). FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012 N. CATEGORIE DI REATO N. FATTISPECIE DI REATO 1.1 Concussione (art. 317 c.p.). 1.2 Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 a) REATI IN TEMA DI EROGAZIONI PUBBLICHE (Art. 24, D. Lgs. n. - Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis c.p.): qualora, dopo aver ottenuto dallo

Dettagli

ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO

ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO Premessa Il presente elenco dei reati include l elenco di tutti i reati presupposto definiti dal Dlgs 231 dell 8 giugno 2001, recante la Disciplina della responsabilità

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011)

ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011) ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011) Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (art. 24, D.Lgs. 231/01) Malversazione a danno dello

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A.

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. Pagina 1 di 9 BOTTO POALA S.P.A. ELENCO DEI REATI-PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI EX D.LGS. N. 231/2001 AGGIORNATO ALLA GAZZETTA UFFICIALE DEL 26 OTTOBRE 2011 approvato dal C.D.A.

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

Modello organizzativo 231 OTIS Servizi S.r.l. OTIS SERVIZI Srl. Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108

Modello organizzativo 231 OTIS Servizi S.r.l. OTIS SERVIZI Srl. Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108 OTIS SERVIZI Srl Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 sulla Responsabilità Amministrativa

Dettagli

CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO

CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Dlgs 231/2001 20 dicembre 2010

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Dlgs 231/2001 20 dicembre 2010 ALLEGATO A. A.1 contro la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del Dlgs 231/2001)... 2 A.2 societari (art. 25 ter del Dlgs 231/2001)... 3 A.3 Legenda altri reati previsti dal Dlgs 231/2001... 9 1 A.1

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione VIII. Reati in materia di violazione del diritto di autore

PARTE SPECIALE Sezione VIII. Reati in materia di violazione del diritto di autore PARTE SPECIALE Sezione VIII Reati in materia di violazione del diritto di autore PARTE SPECIALE Sezione VIII Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic. 25 novies D.Lgs. 231/01)... 3 2.Processi

Dettagli

DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE I

DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE I MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE I DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

PARTE SPECIALE I DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE

PARTE SPECIALE I DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE PARTE SPECIALE I DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE 1 PARTE SPECIALE I DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE 1. Le fattispecie dei delitti in violazione del diritto d autore richiamate dal

Dettagli

Il D.L n. 231 del 2001 e i delitti in materia di violazione del diritto dautore

Il D.L n. 231 del 2001 e i delitti in materia di violazione del diritto dautore Il D.L n. 231 del 2001 e i delitti in materia di violazione del diritto dautore Presentazione Avv. Giacomo Bonelli Avv. Silvia Mondini www.mondinirusconi.it 1 CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DELLE OPERE

Dettagli

VALENTINO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/01 VALENTINO S.P.A. Milano 03/04/2012

VALENTINO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/01 VALENTINO S.P.A. Milano 03/04/2012 VALENTINO S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/01 Milano 03/04/2012 VALENTINO S.P.A. Sede legale in Milano, Via Turati 16/18, Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

MODELLO di ORGANIZZAZIONE e di GESTIONE ai sensi del D.lgs. 231/01

MODELLO di ORGANIZZAZIONE e di GESTIONE ai sensi del D.lgs. 231/01 MODELLO di ORGANIZZAZIONE e di GESTIONE ai sensi del D.lgs. 231/01 1 a Edizione - Consiglio di Gestione del 03.12.2010 Pagina 1 di 15 INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI pagina 4 2 REATI PRESUPPOSTI EX D. LGS.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 di BSH Elettrodomestici S.p.A.

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 di BSH Elettrodomestici S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 di BSH Elettrodomestici S.p.A. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 25 marzo 2011 e successivamente modificato

Dettagli

Fondazione Conte Carlo Busi Onlus Via Formis, 4 Casalmaggiore ( CR ) Modello Organizzativo di Gestione e Controllo

Fondazione Conte Carlo Busi Onlus Via Formis, 4 Casalmaggiore ( CR ) Modello Organizzativo di Gestione e Controllo Fondazione Conte Carlo Busi Onlus Modello Organizzativo di Gestione e Controllo ai sensi del d.lgs 231/2001 rev 01 approvato con delibera del Consiglio di amministrazione del 19/11/2012 Il presente Modello

Dettagli

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2010

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2010 D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2010 I nuovi reati presupposto introdotti nel 2009 1. Reati previsti dall art. 24-ter Delitti di criminalità organizzata (articolo aggiunto dalla

Dettagli

ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 ESTRATTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 29 maggio 2007; Ultimo aggiornamento approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E VIOLAZIONE DEI DIRITTI DI AUTORE

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E VIOLAZIONE DEI DIRITTI DI AUTORE FAMIGLIA DI REATI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO E VIOLAZIONE DEI DIRITTI DI AUTORE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI Con l entrata in vigore dell art. 15 della Legge 23 luglio 2009, n. 99 avente

Dettagli

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS.

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. 231/2001 (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del

Dettagli

Triage infermieristico in pronto soccorso e percorsi di accesso del paziente traumatizzato. L esperienza di un nuovo pronto soccorso

Triage infermieristico in pronto soccorso e percorsi di accesso del paziente traumatizzato. L esperienza di un nuovo pronto soccorso Triage infermieristico in pronto soccorso e percorsi di accesso del paziente traumatizzato L esperienza di un nuovo pronto soccorso Enrico Vallaperta Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione ANDREA MENEGOTTO DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione Rev. 00 novembre 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

Cooperativa Sociale Risorse

Cooperativa Sociale Risorse Cooperativa Sociale Risorse Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001 Approvato del Consiglio di Amministrazione il 29 gennaio 2015 REV. 0 del 25/07/2014 Pag. 1 di 50 Indice PARTE

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A.

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. PARTE GENERALE e ORGANISMO di VIGILANZA 3 Adeguamento ed aggiornamento del Modello adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21 gennaio

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 25 gennaio 2007; Modificato nelle adunanze del Consiglio di Amministrazione del:

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

ai sensi del D.lgs. n. 231/2001

ai sensi del D.lgs. n. 231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO DI GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. n. 231/2001 Il presente modello è stato approvato all unanimità dal Consiglio di Amministrazione di Andreas Stihl S.p.A. nella seduta tenutasi

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.lgs n. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.lgs n. 231/2001 Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. (copia rielaborata in sintesi) Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.lgs n. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 26 febbraio

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo n. 231 dell 8 giugno 2001 PITAGORA S.p.A. PARTE GENERALE 1 Versione del documento Versione Data Descrizione I 12/2010 Revisione

Dettagli

OSRAM. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 DELLA OSRAM S.p.A.

OSRAM. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 DELLA OSRAM S.p.A. OSRAM MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 DELLA OSRAM S.p.A. Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 settembre 2013 1 ADOZIONE ED AGGIORNAMENTI DEL

Dettagli

DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE PREMESSA PRINCIPI DISPOSIZIONI GENERALI VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO-SISTEMA SANZIONATORIO

DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE PREMESSA PRINCIPI DISPOSIZIONI GENERALI VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO-SISTEMA SANZIONATORIO DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE PREMESSA PRINCIPI DISPOSIZIONI GENERALI VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO-SISTEMA SANZIONATORIO Pag. 1 di 17 Versione Marzo 2014 PREMESSA La Società Draeger

Dettagli

CLIVET S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231. CLIVET S.p.A.

CLIVET S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231. CLIVET S.p.A. CLIVET S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 22/01/2015 CLIVET S.p.A. Sede legale in Z.I. Villapaiera, Feltre

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 Il presente Modello è stato approvato dall Assemblea dei Soci di Pessina Tubi S.p.A. in data 05/06/2014. Pagina 2 di (172) SOMMARIO SOMMARIO...3

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 18 novembre 2004. Modificato nelle adunanze del Consiglio di Amministrazione del:

Dettagli

Edizione: 1 2 3 4 5 Data emissione: Approvato dal CdA: Modello di organizzazione, gestione e controllo. Pagina 1 di 49

Edizione: 1 2 3 4 5 Data emissione: Approvato dal CdA: Modello di organizzazione, gestione e controllo. Pagina 1 di 49 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 e successive modifiche Edizione: 1 2 3 4 5 Data emissione: Approvato dal CdA: Pagina 1 di 49 1. 1.1 2. 3. 4. 5. 5.1 5.2 5.3

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 7 maggio 2008. Modificato nell adunanza del Consiglio di Amministrazione del 28

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 MODELLO ORGANIZZATIVO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 20 dicembre 2004. Modificato nelle adunanze del Consiglio di Amministrazione del:

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONTROLLO Del: Dicembre 2012

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONTROLLO Del: Dicembre 2012 Ex D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 Pag.: 1 di 100 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 MODELLO ORGANIZZATIVO APPROVAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A.

PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A. PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A. 1 DESCRIZIONE DEL QUADRO NORMATIVO 1.1 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 PARTE GENERALE. ALITALIA COMPAGNIA AEREA ITALIANA S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 PARTE GENERALE. ALITALIA COMPAGNIA AEREA ITALIANA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 PARTE GENERALE ALITALIA COMPAGNIA AEREA ITALIANA S.p.A. Adottato con delibera del Comitato Esecutivo del 25 febbraio 2010 e da ultimo aggiornato

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza,

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza, 1. Il regime di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati commessi nel loro interesse ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 Il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (di seguito Decreto ),

Dettagli

MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE

MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Revisione Approvazione

Dettagli

A2A Servizi alla Distribuzione S.p.A.

A2A Servizi alla Distribuzione S.p.A. PARTE GENERALE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO A2A Servizi alla Distribuzione S.p.A. (Aggiornato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 febbraio 2014) ai sensi del Decreto Legislativo

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO secondo il D. Lgs. 231/2001 e s.m.i. Argor-Heraeus Italia SpA, Società Unipersonale Via dei Chiosi 11, I 20873 Cavenago Brianza (MB) Tel +39 02 953 398 56 Fax +39

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Selex Service Management S.p.A. nella seduta del 9 maggio 2013 Pagina 1 di 65

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 approvato dal Consiglio di Amministrazione di ADP EMPLOYER SERVICES ITALIA S.P.A. nella seduta del 30 novembre 2012 INDICE 1.

Dettagli

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Testo adottato dal Consiglio di Amministrazione di SOPAF S.p.A. ( 13 Novembre 2007) Modificato dal

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

PALLADIO CORPORATE FINANCE SPA GRUPPO PALLADIO FINANZIARIA

PALLADIO CORPORATE FINANCE SPA GRUPPO PALLADIO FINANZIARIA PALLADIO CORPORATE FINANCE SPA GRUPPO PALLADIO FINANZIARIA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 21 marzo 2013 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 9 settembre 2013 INDICE PARTE GENERALE... 5 PREMESSA... 6 1. IL DECRETO LEGISLATIVO n. 231/2001...

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n 231 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Edizione 6.0 (Anno 2013) - Aggiornamento Documento Adottato dall Amministratore Delegato in data 1 Agosto 2013 e

Dettagli

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE A i s e n s i d e l D. L g s. 8 g i u g n o 2 0 0 1 n. 2 3 1 e s u c c e s s i v e m o d i f i c h e e i n t e g r a z i o n

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs n 231 del 2001 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni. Confidenziale

Dettagli

OSRAM. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 DELLA OSRAM S.p.A.

OSRAM. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 DELLA OSRAM S.p.A. OSRAM MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. 231/2001 DELLA OSRAM S.p.A. Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 28 settembre 2012 1 ADOZIONE ED AGGIORNAMENTI DEL

Dettagli

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 244 07/10/2014 INDICE DEFINIZIONI... 6 PREMESSA...

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 22 ottobre 2007 ed aggiornato da ultimo il 22 aprile 2013 INDICE PARTE GENERALE... 5 PREMESSA...

Dettagli

ALLEGATO A AL MODELLO 231 DI SAP ITALIA

ALLEGATO A AL MODELLO 231 DI SAP ITALIA REATI commessi nei rapporti con la PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Art. 316-bis c.p. Malversazione a danno dello Stato Chiunque, estraneo alla P.A. avendo ottenuto dallo Stato o da altro Ente P. o dalle Comunità

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE PAUL WURTH ITALIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE EX D.lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 ADOTTATO CON DELIBERA DEL C.D.A IL18 giugno 2013 Paul Wurth Italia S.p.A. Modello di organizzazione, gestione

Dettagli

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Linee Guida per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Novelis S.p.A. in data 6 Dicembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Novelis S.p.A. in data 6 Dicembre 2012 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO DI NOVELIS ITALIA S.p.A. In attuazione del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 e successive modifiche ed integrazioni Versione del 5 Novembre

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

VENTUNO GROUP S.p.A. MANUALE DEL MODELLO 231. Principi di Adozione del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs.

VENTUNO GROUP S.p.A. MANUALE DEL MODELLO 231. Principi di Adozione del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. Ventuno Group S.p.A. Manuale del Modello 231 VENTUNO GROUP S.p.A. MANUALE DEL MODELLO 231 Principi di Adozione del Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 Aggiornato

Dettagli

Associazione Teatro di Roma. Modello organizzativo e di gestione ex D. Lgs 231/01 Parte Generale

Associazione Teatro di Roma. Modello organizzativo e di gestione ex D. Lgs 231/01 Parte Generale Associazione Teatro di Roma Modello organizzativo e di gestione ex D. Lgs 231/01 Parte Generale 1 Giugno 2013 Indice 1) Il Decreto Legislativo 231/01 1.1 Il regime della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

TAMOIL ITALIA S.p.A.

TAMOIL ITALIA S.p.A. ESTRATTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI TAMOIL ITALIA Revisione 1 Descrizione Principali modifiche Inserimento nuovi reati target: - Delitti contro l industria ed il commercio e

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo MELONI TECNO-HANDLING S.r.l.

D.Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo MELONI TECNO-HANDLING S.r.l. D.Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo MELONI TECNO-HANDLING S.r.l. 04/02/2014 Il D.Lgs 231 dell 8 giugno 2001 introduce, nell ordinamento italiano, la responsabilità amministrativa

Dettagli

IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Revisione Approvazione

Dettagli

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Rev. 0 del 01/02/2011 Indice 1 INTRODUZIONE... 12 2 FINALITÀ... 16 3 MAPPATURA DEI REATI E IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI...

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001 1. PREMESSA Il D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ( D.Lgs.231/01 ), recante la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DLGS 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DLGS 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DLGS 231/01 INDICE INDICE... 2 PARTE GENERALE... 4 I. IL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001... 5 1.1. Quadro normativo... 5 1.2 Tipologia di reati

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di BIOMASSE CROTONE S.P.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di BIOMASSE CROTONE S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di BIOMASSE CROTONE S.P.A. (ai sensi del D. Lgs. 231/2001) Pagina 1 di 22 Doc.: D389 Rev. 03 del 31/03/2015 INDICE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E

Dettagli

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 226 04/10/2011 INDICE DEFINIZIONI... 5 PREMESSA...

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Modello Organizzativo interno MOG Rev.0 ex. D.lgs 231/2001

Modello Organizzativo interno MOG Rev.0 ex. D.lgs 231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO INTERNO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231 di PAVEN S.R.L - Adottato dall Amministratore Unico in data Adottato dall Amministratore Unico in data... I ) PARTE GENERALE pg. 4 1 NORMATIVA

Dettagli

Edilstrade Building S.p.A.

Edilstrade Building S.p.A. Codice Etico Edilstrade Building S.p.A. Redatto ai sensi del DLgs 231/2001 1. Codice etico 1.1 Principi generali La Società ha come principio imprescindibile il rispetto delle leggi e regolamenti vigenti

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. A2A Trading S.r.l. (Aggiornato dal Consiglio di Amministrazione in data 4 marzo 2013)

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. A2A Trading S.r.l. (Aggiornato dal Consiglio di Amministrazione in data 4 marzo 2013) PARTE GENERALE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO A2A Trading S.r.l. (Aggiornato dal Consiglio di Amministrazione in data 4 marzo 2013) ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 di Chiara Assicurazioni Versione del: Settembre 2012 Approvata dall OdV del: 18/09/2012 Approvata dal CdA del: 24/09/2012 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Settembre

Dettagli