La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario"

Transcript

1 DOTTORATO DI RICERCA IN ANTROPOLOGIA E STORIA DEL MONDO MODERNO E CONTEMPORANEO XIX CICLO Sede Amministrativa Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA TESI PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario Candidata: dott.ssa Viola Barbieri Tutor: prof. Claudio Baraldi Tutor esterno: prof.ssa Laura Gavioli

2 Sommario Premessa Errore. Il segnalibro non è Capitolo 1 - La mediazione interculturale Errore. Il segnalibro non è 1.1 La società multiculturale Errore. Il segnalibro non è 1.2 Politiche per il trattamento della diversità Errore. Il segnalibro non è Multiculturalismo Errore. Il segnalibro non è Ibridismo Errore. Il segnalibro non è 1.3 La cittadinanza multiculturale Errore. Il segnalibro non è 1.4 Il contesto sociale e normativo della mediazione Errore. Il segnalibro non è 1.5 Gli studi sulla mediazione interculturale Errore. Il segnalibro non è Definizioni Errore. Il segnalibro non è Il significato della mediazione interculturale Errore. Il segnalibro non è 1.6 La figura del mediatore Errore. Il segnalibro non è 1.7 Aspetti linguistici e culturali della mediazione Errore. Il segnalibro non è 1.8 Conclusioni e prospettive per l analisi Errore. Il segnalibro non è Capitolo 2 - L interazione mediata Errore. Il segnalibro non è 2.1 La svolta culturale dei translation studies Errore. Il segnalibro non è 2.2 Dialogue interpreting Errore. Il segnalibro non è 2.3 La concezione dialogica della lingua e della traduzione Errore. Il segnalibro non è 2.4 L interazione face to face Errore. Il segnalibro non è 2.5 Il ruolo dell interprete Errore. Il segnalibro non è 2.6 Le funzioni dell interprete nell'ambito dell interazione mediata_ Errore. Il segnalibro non è Traduzione Errore. Il segnalibro non è Coordinamento Errore. Il segnalibro non è Promozione di un senso condiviso Errore. Il segnalibro non è Coinvolgimento Errore. Il segnalibro non è 2.7 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 3 - Il contesto locale dell interazione mediata dall interprete Errore. Il segnalibro non è 3.1 L analisi della conversazione Errore. Il segnalibro non è 3.2 Il sistema della presa dei turni Errore. Il segnalibro non è Costruzione ed allocazione dei turni Errore. Il segnalibro non è Le tecniche di allocazione del turno Errore. Il segnalibro non è Repair Errore. Il segnalibro non è

3 3.3 Alcune riflessioni sul modello di presa dei turni Errore. Il segnalibro non è 3.4 Il problema del contesto Errore. Il segnalibro non è 3.5 L analisi della conversazione nei contesti istituzionali _ Errore. Il segnalibro non è 3.6 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 4 - Il contesto sociale dell interazione mediata Errore. Il segnalibro non è 4.1 La teoria dei sistemi sociali Errore. Il segnalibro non è 4.2 La comunicazione Errore. Il segnalibro non è 4.3 Le forme della comunicazione e i sistemi sociali Errore. Il segnalibro non è 4.4 La società differenziata per funzioni Errore. Il segnalibro non è 4.5 Il contributo della teoria dei sistemi sociali all analisi dell interazione mediata Errore. Il segnalibro non è L interazione come unità d analisi Errore. Il segnalibro non è Il contesto socioculturale Errore. Il segnalibro non è Capitolo 5 - La comunicazione interculturale e il trattamento della diversità Errore. Il segnalibro non è 5.1 L analisi della comunicazione interculturale nell interazione mediata Errore. Il segnalibro non è 5.2 L osservazione della comunicazione interculturale Errore. Il segnalibro non è 5.3 Etnocentrismo ed etnocentrismo modernista: dalla negazione alla tolleranza della diversità Errore. Il segnalibro non è 5.4 Teorie dell identità culturale e dell adattamento: il rispetto della diversità Errore. Il segnalibro non è L identità interculturale Errore. Il segnalibro non è La gestione del conflitto interculturale Errore. Il segnalibro non è L adattamento interculturale Errore. Il segnalibro non è 5.5 Il cosmopolitismo: il coordinamento delle diversità Errore. Il segnalibro non è 5.6 La transculturalità: la congiunzione delle diversità Errore. Il segnalibro non è 5.7 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 6 - La mediazione nel sistema sanitario Errore. Il segnalibro non è 6.1 La multiculturalità nei servizi sanitari Errore. Il segnalibro non è Il diritto alla salute degli immigrati Errore. Il segnalibro non è 6.2 La mediazione nei servizi sanitari Errore. Il segnalibro non è 6.3 L osservazione del contesto sanitario Errore. Il segnalibro non è Il codice: salute e malattia Errore. Il segnalibro non è I partecipanti e le aspettative: l interazione medico-paziente Errore. Il segnalibro non è 6.4 La comunicazione interculturale nel contesto sanitario_ Errore. Il segnalibro non è

4 6.5 L analisi dell interazione mediata nel contesto sanitario Errore. Il segnalibro non è Capitolo 7 - La ricerca Errore. Il segnalibro non è 7.1 La metodologia della ricerca Errore. Il segnalibro non è 7.2 I contesti della ricerca Errore. Il segnalibro non è Le mediatrici Errore. Il segnalibro non è 7.3 Obiettivi della ricerca Errore. Il segnalibro non è 7.4 La trascrizione delle conversazioni mediate Errore. Il segnalibro non è 7.5 L analisi delle conversazioni mediate Errore. Il segnalibro non è 7.6 Le interviste a mediatrici e medici Errore. Il segnalibro non è Capitolo 8 Le interviste a mediatrici e medici Errore. Il segnalibro non è 8.1 Le forme della comunicazione Errore. Il segnalibro non è La prospettiva delle mediatrici Errore. Il segnalibro non è La prospettiva dei medici Errore. Il segnalibro non è 8.2 Le forme della traduzione Errore. Il segnalibro non è 8.3 Le differenze culturali e i conflitti Errore. Il segnalibro non è Differenze culturali e conflitti: la prospettiva degli operatori sanitari Errore. Il segnalibro non è 8.4 I risultati della mediazione Errore. Il segnalibro non è 8.5 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 9 - La struttura dell interazione mediata Errore. Il segnalibro non è 9.1 L analisi del colloquio medico mediato Errore. Il segnalibro non è 9.2 L organizzazione conversazionale dell interazione mediata Errore. Il segnalibro non è Le funzioni della struttura diadica Errore. Il segnalibro non è 9.3 La promozione della partecipazione Errore. Il segnalibro non è 9.4 Il mediatore: un partecipante attivo Errore. Il segnalibro non è 9.5 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 10 La mediazione nel sistema di cura medica Errore. Il segnalibro non è 10.1 Introduzione Errore. Il segnalibro non è 10.2 La codificazione dell informazione Errore. Il segnalibro non è La voce della medicina e la voce del mondo quotidiano Errore. Il segnalibro non è Illness e disease Errore. Il segnalibro non è 10.3 Il trattamento dei contributi e delle aspettative Errore. Il segnalibro non è La limitazione dell espressione del paziente Errore. Il segnalibro non è

5 10.4 Partecipazione e struttura dell interazione Errore. Il segnalibro non è 10.5 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 11 Diversità, rischi e conflitto Errore. Il segnalibro non è 11.1 Il trattamento della diversità Errore. Il segnalibro non è 11.2 Lo stereotipo Errore. Il segnalibro non è 11.3 Dall adattamento all apprendimento interculturale Errore. Il segnalibro non è 11.4 Diversità e gestione del rischio Errore. Il segnalibro non è Mitigazione Errore. Il segnalibro non è Protezione Errore. Il segnalibro non è Gatekeeping diretto Errore. Il segnalibro non è 11.5 Il conflitto come negazione Errore. Il segnalibro non è 11.6 Il conflitto come scontro di aspettative Errore. Il segnalibro non è 11.7 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 12 La mediazione e il dialogo interculturale Errore. Il segnalibro non è 12.1 Le condizioni per il dialogo Errore. Il segnalibro non è 12.2 La promozione della partecipazione Errore. Il segnalibro non è 12.3 La promozione dell espressione del paziente Errore. Il segnalibro non è 12.4 La costruzione dell affettività Errore. Il segnalibro non è Forme di affettività Errore. Il segnalibro non è 12.5 La mediazione dialogica Errore. Il segnalibro non è 12.6 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Capitolo 13 Riflessioni conclusive Errore. Il segnalibro non è 13.1 Il trattamento della diversità nel sistema di cura medica Errore. Il segnalibro non è 13.3 Il trattamento della diversità nella mediazione Errore. Il segnalibro non è Separazione Errore. Il segnalibro non è Congiunzione Errore. Il segnalibro non è 13.4 Conclusioni Errore. Il segnalibro non è Bibliografia Errore. Il segnalibro non è

6 Riassunto della tesi La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario Di Viola Barbieri 1 Presentazione del lavoro: La ricerca presentata in questa tesi si colloca nell ambito di un progetto più ampio dal titolo La comunicazione interlinguistica e interculturale. Uno studio della traduzione come mediazione nel dialogo bilingue tra cittadini stranieri e istituzioni condotto da un èquipe interdisciplinare afferente al Centro Studi sulle culture della pace e della sostenibilità del Dipartimento di Scienze del Linguaggio e della Cultura dell Università di Modena e Reggio Emilia. Il progetto rappresenta un tentativo sperimentale di analizzare gli aspetti interlinguistici ed interculturali della mediazione, dove per mediazione interlinguistica ed interculturale si intende una forma di comunicazione che si realizza attraverso un uso del linguaggio che consenta la comprensione fra partecipanti che provengono da culture diverse. In diverse situazioni la mediazione interculturale richiede l uso di una traduzione che diventa anche interpretazione delle culture, una situazione comunicativa importante non soltanto perché richiede abilità elevate nell uso del linguaggio e nella conoscenza della lingua utilizzata, ma anche perché richiede competenze altrettanto elevate nell interpretazione interculturale e nella costruzione delle condizioni del dialogo. La tesi affronta un tema di attualità, ma che non è mai stato studiato secondo la metodologia che vi viene proposta: un analisi dei processi comunicativi realizzati dalla mediazione interculturale in ambito ospedaliero, uno degli ambiti in cui in Italia è più praticata. Questa tesi si presenta come una ricerca empirica su due interventi di mediazione interlinguistica ed interculturale contestualizzati in altrettante strutture sanitarie emiliane. Gli obiettivi del lavoro riguardano l osservazione empirica dei processi comunicativi promossi dalla mediazione nel contesto sanitario, con riferimento specifico alle forme di comunicazione interculturale. Nello specifico, gli scopi di questa ricerca consistono nel fare luce: a) sulle forme della comunicazione interculturale promosse dagli interventi di mediazione e b) sugli aspetti linguistici rilevanti nella comunicazione che si produce durante la mediazione al fine di osservare se e quali conseguenze (volute o non volute) rilevanti determinano sulla relazione tra le diverse forme culturali in gioco. Presupposti teorici e metodologici: La prospettiva adottata in questa tesi per osservare le forme e le funzioni della mediazione interculturale considera centrale l analisi dei processi comunicativi che emergono in presenza di un mediatore interculturale e l analisi nella sua globalità costituisce una proposta per lo studio empirico della mediazione dal punto di vista delle forme della comunicazione interculturale che promuove. Partendo dall osservazione della complessità di un intervento di mediazione appare produttivo formulare una proposta metodologica integrata che superi la distinzione tra la prospettiva interculturale ed interlinguistica osservabile nell ambito letteratura specialistica. Gli studi che possono essere utili per comprendere il significato della mediazione, infatti, sono di due tipi e appaiono sostanzialmente distinti: in primo luogo, vi sono studi sulla mediazione interculturale (Aluffi Pentini 2004, Andolfi 2003, Belpiede 2002, Ceccatelli Gurrieri 2003, Cima 2005, Favaro & Fumagalli 2004, Fiorucci 2000, Johnson & Nigris 2000), i quali, da prospettive pedagogiche, psicologiche e sociologiche, analizzano il ruolo di mediatore assunto da un membro di un gruppo culturale e linguistico minoritario. In secondo luogo, vi sono studi sull interpretazione interlinguistica (Bolden 2000, Davidson 2000/2001/2002, Mason 1999a/2001, Wadensjö 1998) che si occupano della struttura linguistica delle interazioni in presenza di un interprete linguisticoculturale. Questa tesi parte dal presupposto che la letteratura appartenente al primo gruppo di studi imposti una riflessione parziale ed insufficiente, perché si limita a considerare soltanto alcuni aspetti della mediazione, ignorando altri tratti molto importanti e presenti nelle riflessioni scientifiche sulle 1 Per i riferimenti bibliografici indicati in questo riassunto vedere la bibliografia della tesi.

7 interazioni mediate dall interprete (interpreter-mediated interaction, Wadensjö 1998: 6), come nota Baraldi (2006a/2006b). In questo modo, la complessità di alcuni importanti aspetti del tema, risulta semplificata. Per presentare un analisi complessiva della mediazione, appare utile tentare di conciliare questi due ambiti di ricerca per approfondire il rapporto tra l aspetto interlinguistico e l aspetto interculturale della mediazione. A tale scopo, nella prima parte del lavoro, vengono presentati i risultati più significativi emersi dalle ricerche sulla mediazione interculturale condotte in ambito sociologico, psicologico e pedagogico che vanno a costituire la cultura della mediazione in Italia. Successivamente, vengono analizzati alcuni degli approcci metodologici principali per affrontare il tema della mediazione interlinguistica ed interculturale. In un primo momento, saranno trattati gli studi linguistici sulla traduzione e sull interpretazione; a seguire, allo scopo di proporre uno schema di ricerca intergrato, saranno mostrate le relazioni teoriche che legano la metodologia linguistica alla prospettiva sociologica adottata in questo lavoro, la teoria dei sistemi sociali (Luhmann 1990, Luhmann & De Giorgi 1992). La ricerca empirica: Alla luce di questi presupposti teorici la prospettiva adottata in questa tesi considera centrale l analisi dei processi comunicativi che emergono in presenza di un mediatore. In un incontro mediato, che vede la presenza di due o più partecipanti che appartengono a culture diverse, la costruzione di simboli condivisi è improbabile, come sottolinea Davidson (2002), studioso delle forme di interpretariato nei servizi sanitari americani. Partendo dall ipotesi per cui in un incontro mediato è probabile che emergano diversità culturali, l interesse di questa analisi consiste nell osservare come vengano trattati orientamenti culturali diversi nell interazione mediata. Oggetto della tesi è proprio questo tipo di interazioni, studiato nelle forme culturali e intercultuali che vi vengono costruite a partire dalla traduzione e attraverso la traduzione. Nello specifico, sono state analizzate le interazioni prodotte in due contesti sanitari diversi, in due aree emiliane vicine, con due mediatrici diverse entrambe di lingua araba. Per poter realizzare l analisi, ci si è avvalsi di una traduzione del parlato in arabo di mediatrici e pazienti, da parte di una traduttrice di lingua araba. La scelta di limitare l analisi alla mediazione in lingua araba è stata determinata dalla necessità di lavorare su un corpus di dati omogeneo dal punto di vista linguistico, in particolare per quel che riguarda una tipologia di situazioni che appare largamente diffusa nel nostro paese ed in particolare nell area emiliana presa in considerazione. Risultati salienti: I risultati dell analisi sono particolarmente interessanti e possono essere sinteticamente riassunti come di seguito. Dall analisi delle interazioni e delle interviste ai partecipanti ai colloqui medici emerge una certa coerenza con alcuni obiettivi affidati astrattamente alla mediazione da specialisti e progettisti, ma anche notevoli discrepanze in termini di processi comunicativi attivati. Se l obiettivo primario di garantire l accesso dello straniero al servizio sanitario appare pienamente raggiunto, gli aspetti linguistici e comunicativi che emergono nelle interazioni, invece, presentano caratteri di complessità tale che risulta problematico ricondurre le forme di comunicazione promosse dalla mediazione alle categorie richiamate dalla letteratura, ossia la promozione del dialogo interculturale e la gestione del conflitto interculturale. Innanzitutto, l analisi, che si è avvalsa fruttuosamente di alcuni strumenti dell analisi della conversazione per osservare gli aspetti linguistici dell interazione, mostra la necessità di distinguere le forme di comunicazione che emergono nell ambito delle conversazioni diadiche, cioè a due, tra mediatrice e paziente o tra medico e mediatrice, da quelle emergenti nell ambito di conversazioni triadiche, coinvolgenti tutti e tre i partecipanti contemporaneamente. Questa distinzione riguarda l emergere di forme di comunicazione interpersonali e promozionali prevalentemente nell ambito delle conversazioni diadiche tra mediatrice e paziente, che possono avere luogo separatamente, ad

8 esempio in fase di accoglienza, ma anche nell ambito del colloquio medico triadico. Invece, nell ambito di conversazioni triadiche è stato osservato primariamente l allineamento della mediazione alle forme di comunicazione impersonali tipiche del sistema sanitario, che, da un punto di vista interculturale assumono un carattere non promozionale, orientato alla separazione delle prospettive e all adattamento unilaterale del paziente alle prassi del sistema medico. La letteratura specializzata indica nella mediazione interculturale un dispositivo per la risoluzione dei conflitti interculturali e per la costruzione di ponti tra le culture in un intento di congiunzione e sintesi tra le diversità. Alla luce di questi obiettivi, il mediatore dovrebbe costituirsi come terza parte neutrale che, evitando di porsi come avvocato della parte più debole, è in grado di fornire alle parti gli strumenti necessari per costruire un rapporto interculturale di successo (empowerment). L analisi dei dati empirici, tuttavia, mostra che l espressione della diversità e la gestione degli eventuali conflitti emergenti dalla compresenza di orientamenti culturali contradditori si realizza soprattutto in sede di conversazione diadica tra mediatore e paziente: in altre parole le diversità entrano in contatto nella comunicazione triadica solo marginalmente, fornendo scarse occasioni ai mediatori di promuovere forme di coordinamento o di gestione dei conflitti. Nei rari casi in cui emerge un conflitto nell ambito della conversazione triadica, poi, si osserva come le mediazione non possa essere definita dal concetto di empowerment rispetto alla parte più debole. In definitiva, si osserva che il conflitto ed il dialogo interculturale risultano forme della comunicazione improbabili nel sistema di cura medico alla luce di: a) l orientamento del sistema di cura medica, a cui generalmente si allinea la mediazione, a mantenere il proprio ordine interno attraverso forme della comunicazione che promuovono la prevenzione del contatto e del conflitto tra le diversità e b) le osservazioni del trattamento delle diversità rilevanti come gestite generalmente dalla mediatrice in separata sede o filtrate attraverso la traduzione, in accordo col medico, in sede di conversazione triadica. Ciononostante è stato anche osservato che la mediazione è in grado di attivare forme di comunicazione interpersonali, orientate alla promozione dell espressione della diversità del paziente che possono creare i presupposti per l emergere di dialogo interculturale tra i tre partecipanti. Questo orientamento, tuttavia, generalmente rimane limitato alla comunicazione tra mediatrice e paziente, stentando a tradursi in promozione della partecipazione attiva del paziente nell ambito della comunicazione col medico. In conclusione, la mediazione appare saltuariamente in grado di promuovere forme di comunicazione fondate sulla valorizzazione della persona e della diversità culturale del paziente, ma solo marginalmente crea di fatto le condizioni affinché tutti i partecipanti si allineino a forme della comunicazione promozionali e dialogiche, quindi solo raramente si pone come fattore di cambiamento rispetto agli orientamenti primari del sistema di cura medica occidentale.

Che cosa significa dare spazio al paziente nella mediazione nei servizi socio-sanitari? sanitari? Università di Modena e Reggio Emilia

Che cosa significa dare spazio al paziente nella mediazione nei servizi socio-sanitari? sanitari? Università di Modena e Reggio Emilia Che cosa significa dare spazio al paziente nella mediazione nei servizi socio-sanitari? sanitari? Claudio Baraldi e Laura Gavioli Università di Modena e Reggio Emilia In questo seminario osserveremo anzitutto

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA COMO Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Corso di laurea triennale - Classe n. 3 Scienze della mediazione linguistica Caratteristiche e obiettivi del corso

Dettagli

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE STRUTTURA GENERALE DEI CORSI DI LAUREA E SISTEMA DEI "CREDITI" In base alla riforma universitaria (D.M. 3.11.99 n. 09) l impegno dello studente (frequenza dei corsi

Dettagli

MEDIATORE INTERCULTURALE

MEDIATORE INTERCULTURALE Allegato 1 REGIONE LAZIO MEDIATORE INTERCULTURALE Il Mediatore Inter svolge attività di mediazione tra cittadini immigrati e la società locale, promuovendo, sostenendo e accompagnando entrambe le parti:

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Istruzione e formazione Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Alessandra Rosa E-mail alessandra.rosa3@unibo.it - rosa.ale2@gmail.com Cittadinanza Italiana Data di nascita 27/07/1978 Istruzione e Date 11/2007-11/2010

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA. La Commissione giudicatrice della suddetta procedura di chiamata, nominata con D.R. n. 124 del 21.05.2015, composta dai:

RELAZIONE RIASSUNTIVA. La Commissione giudicatrice della suddetta procedura di chiamata, nominata con D.R. n. 124 del 21.05.2015, composta dai: PROCEDURA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI PRIMA FASCIA, RISERVATA AI SENSI DELL ART. 18, COMMI 1 E 4 DELLA LEGGE 240/2010, AL PERSONALE ESTERNO CHE NELL

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Corso di laurea interclasse in Comunicazione e Psicologia Laurea in comunicazione (L-20) Laurea in psicologia (L-24) DESCRIZIONE E' istituito

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

MASTER IN RICONOSCIUTO DAL FORUM DELLE FAMIGLIE EUROPEE

MASTER IN RICONOSCIUTO DAL FORUM DELLE FAMIGLIE EUROPEE MASTER IN Adeguato agli standard definiti dal Forum Europeo di Formazione e Ricerca in Mediazione Familiare e del Forum Europeo dell Integrazione Interculturale DENOMINAZIONE MEDIATORE INTERCULTURALE DESCRIZIONE

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DESTINATARI

OBIETTIVI FORMATIVI E DESTINATARI DIRETTORE SCIENTIFICO Prof. Franco Burla Psichiatra, specialista in Psicologia Clinica - Sapienza Università di Roma. DOCENTI Prof.ssa Sociologo, Counselor, Formatore - Sapienza Università di Roma. Dott.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia. Per orientarsi www.unimore.it

Università di Modena e Reggio Emilia. Per orientarsi www.unimore.it Università di Modena e Reggio Emilia Per orientarsi www.unimore.it Università di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di studi linguistici e culturali http://www.lettere.unimore.it Attuali sedi a Modena

Dettagli

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze

PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE. Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze PRIMARIA OGGI: COMPLESSITÀ E PROFESSIONALITÀ DOCENTE Venerdì 13 e Sabato 14 Settembre 2013 Firenze Il tirocinio all Università Milano Bicocca La formazione attraverso la consapevolezza della complessità

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

Andrea Petromilli Ordine degli Psicologi del Veneto. andrea.petromilli@psyveneto.it

Andrea Petromilli Ordine degli Psicologi del Veneto. andrea.petromilli@psyveneto.it L Ordine degli Psicologi del Veneto ed il processo di valutazione del rischio stress nella prospettiva delle azioni di miglioramento e lo sviluppo del benessere organizzativo. Andrea Petromilli Ordine

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Progetto Corso di Formazione Linguistica per Immigrati

Progetto Corso di Formazione Linguistica per Immigrati Progetto Corso di Formazione Linguistica per Immigrati Indice 1. Premessa 2. Sintesi degli obiettivi di Progetto 3. Durata del ciclo di vita del Progetto 4. Partner di Progetto 5. Obiettivi di comunicazione

Dettagli

Allegato n. 1 alla relazione riassuntiva compilata il 28 Gennaio 2011

Allegato n. 1 alla relazione riassuntiva compilata il 28 Gennaio 2011 Procedura di valutazione comparativa per n. 1 posto di personale addetto ad attività di ricerca e di didattica integrativa con contratto a tempo determinato, ai sensi dell'art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia Dipartimento di Economia RETTORE: PROF.SSA GALVANI ADRIANA PRESIDENTE DIPARTIMENTALE: DOTT. LAVALLE NICOLA Corso di Laurea in Economia e Finanza Internazionale DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Corso di Laurea

Dettagli

ORE 16:45-18:15 I C.A.R.A.: prima accoglienza per richiedenti VENERDÌ 11 OTTOBRE 2013. ORE 14:30-16:00 Contesti

ORE 16:45-18:15 I C.A.R.A.: prima accoglienza per richiedenti VENERDÌ 11 OTTOBRE 2013. ORE 14:30-16:00 Contesti CORSO DI FORMAZIONE - II edizione OPERATORE SPECIALIZZATO in accoglienza per richiedenti e titolari di protezione internazionale 4 OTTOBRE 2013 / 14 FEBBRAIO 2014 ISTISSS, Via di Villa Pamphili 71/c -

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale.

Doposcuola popolare nel Quartiere S.Fereolo di Lodi Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale. Master in Social pedagogy and fight against youth violence Doposcuola popolare nel Quartiere Educare alla cultura della non violenza in un contesto multiculturale di SILVIA BOSI S.Fereolo di Lodi Piano

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale

Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale Allegato 4 Standard minimi formativi nazionali delle competenze di base del terzo e quarto anno della Istruzione e Formazione Professionale L articolo 18, comma 2 del D.lgs. n. 226/2005 prevede, quale

Dettagli

Il punto di vista dell'ordine e del gruppo di lavoro Università istituito presso il CNOP

Il punto di vista dell'ordine e del gruppo di lavoro Università istituito presso il CNOP Network universitario per il Counseling: formazione e certificazione delle competenze Prima giornata di studio Roma, 10 giugno 2013. MIUR, Aula Fazio, Piazzale Kennedy 20 Il punto di vista dell'ordine

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

[ MEDIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI ]

[ MEDIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI ] Anno Accademico 2008/2009 [ MEDIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI ] Master di secondo livello [ Mediazione e gestione dei conflitti ] Master di secondo livello in Mediazione e gestione dei conflitti Coordinatori:

Dettagli

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio Strada Vallazza 6-43100 parma coinetica@libero.it www.coinetica.it associazione culturale ISTIUTO DI PSICOTERAPIA SISTEMICA INTEGRATA Premesse Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

Ordine Assistenti Sociali della Regione Campania

Ordine Assistenti Sociali della Regione Campania TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO RI-CONOSCENZE. LABORATORI PER IL DIALOGO INTERCULTURALE SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione Culturale - Attività Interculturali E16

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie

I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie 1 Adottare

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

DOTAZIONE DI PERSONALE IN FORZA AL PRECEDENTE GESTORE (dati forniti dall attuale appaltatore) CCNL Cooperative Sociali livello C3 part time 20 ore

DOTAZIONE DI PERSONALE IN FORZA AL PRECEDENTE GESTORE (dati forniti dall attuale appaltatore) CCNL Cooperative Sociali livello C3 part time 20 ore Comune di Prato Appalto, mediante procedura aperta per l affidamento di attività di facilitazione linguistica, didattica inclusiva e mediazione -culturale da realizzarsi nelle scuole del primo ciclo dell

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA

LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA Di che cosa parlerò: 1. Il quadro normativo e culturale 2. le novità sul piano pedagogico 3. Le prospettive 1 PARTE il quadro normativo e culturale

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Potenziamento Linguistico - Antropologico) Il Liceo delle Scienze Umane completa la formazione umanistica con materie relative all area psicologica, sociale e formativa allo

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

ROMA TRE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI

ROMA TRE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE MEDIAZIONE CULTURALE E MEDIAZIONE LETTERARIA: GLI SCRITTORI AFRO-ITALIANI Correlatore Prof.

Dettagli

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo, Servizio Politiche Industriali Misura 2.1 - Azione C del Programma Triennale per lo sviluppo delle attività produttive industriali

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

Valorizzazione e valutazione della prestazione professionale: la rendicontazione del servizio, il contributo del singolo al risultato collettivo.

Valorizzazione e valutazione della prestazione professionale: la rendicontazione del servizio, il contributo del singolo al risultato collettivo. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca don Milani - Colombo Scuola Statale Secondaria di Primo Grado Salita Carbonara 51, Genova telefono: 0102512660-139 Fax 010 2512654 C.F. 95062060108

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO FORMAZIONE ALLE COMPETENZE INTERCULTURALI NELL ADOZIONE INTERNAZIONALE

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO FORMAZIONE ALLE COMPETENZE INTERCULTURALI NELL ADOZIONE INTERNAZIONALE UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) ciclo XXII S.S.D: M-PED/01 FORMAZIONE ALLE COMPETENZE INTERCULTURALI NELL ADOZIONE INTERNAZIONALE Coordinatore:

Dettagli

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane Bando Giovani Ricercatori Progetto di ricerca Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane di Manuela Stranges Dipartimento di Economia e

Dettagli

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014

ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO OBERDAN TREVIGLIO 1-INDIRIZZI DI STUDIO DELL ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTRUZIONE TECNICA ECONOMICA: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale

Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale Scheda professione Mediatore linguistico e culturale, Mediatrice linguistica e culturale Chi è? L ESPERTO DI COMUNICAZIONE si occupa di favorire la comprensione e la comunicazione tra individui, gruppi,

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO Istituto Superiore di Sanità Laziosanità-ASP Istituto Nazionale salute popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini I DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA

ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA ESPERTA ED ESPERTO DI COMUNICAZIONE IN LINGUE DELL ASIA E DELL AFRICA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 9 Quali competenze sono

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Percorso formativo in Area Vasta

Percorso formativo in Area Vasta L albero della salute Struttura di riferimento per la Mediazione culturale in Sanità Regione Toscana Responsabile dott.ssa Elisabetta Confaloni Percorso formativo in Area Vasta Alla luce di quanto previsto

Dettagli

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO PROGETTO CONTINUITÀ: Prevede l attivazione di rapporti di collaborazione con le scuole primarie del territorio in cui è situata la scuola, finalizzati alla progettazione

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi

DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA. IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO SANTARCANGELO DI ROMAGNA IL PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura di Barbara Tosi PREMESSA L impegno che oggi è richiesto ad ogni cittadino della Terra,

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Prot. 3235/C14 del 24.10.2011 PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO INTEGRARE ATTIVANDO PERCORSI INTERCULTURALI E VALORIZZARE DIVERSITA ATTRAVERSO PERCORSI EDUCATIVI DATI STATISTICI Totale alunni:

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

Le Fondazioni sociali

Le Fondazioni sociali Le Fondazioni sociali di Fabio Ferrucci e Sandro Stanziani (Università del Molise) sintesi della ricerca Le fondazioni attraversano in Italia una fase di crescita, per numero e varietà tipologica. La loro

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Fondamenti e tecniche di comunicazione verbale

Fondamenti e tecniche di comunicazione verbale Fondamenti e di comunicazione non verbale Fondamenti e di comunicazione verbale Rivolto agli infermieri Professionali Comunicare meglio: aiutare gli infermieri a aiutare. Abstract Ogni cosa che impariamo

Dettagli

PROFESSIONE ORIENTATORE

PROFESSIONE ORIENTATORE Master di I livello PROFESSIONE ORIENTATORE 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 (MA 041) TITOLO PROFESSIONE ORIENTATORE OBIETTIVI FORMATIVI Il percorso didattico intende mettere a disposizione dell iscritto

Dettagli

Professione Orientatore CODICE MASTER MA001. Master ASNOR 1500 ore, 60 CFO Anno Accademico 2015/2016

Professione Orientatore CODICE MASTER MA001. Master ASNOR 1500 ore, 60 CFO Anno Accademico 2015/2016 Ente accreditato dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per la formazione del personale della scuola DM 05/07/2013 - Direttiva 90/2003 CODICE MASTER MA001 Professione Orientatore

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

Antropologia culturale 9 cfu

Antropologia culturale 9 cfu Antropologia culturale 9 cfu Prof.ssa Cristiana Cardinali Obiettivi formativi: Il corso vuole fornire una panoramica generale sull'antropologia culturale, sia in prospettiva diacronica (la storia del pensiero

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Ricerche di Mercato

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Ricerche di Mercato UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Ricerche di Mercato Tesi di laurea LE RICERCHE DI MARKETING PER CONOSCERE, DISTINGUERE E COMUNICARE ALLA

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Accreditamento corso di specializzazione in counseling

Accreditamento corso di specializzazione in counseling Accreditamento corso di specializzazione in counseling Denominazione della struttura Shinui Centro di consulenza sulla relazione. Via Divisione Tridentina 5-24121 Bergamo. C.F. e P.IVA 02991620168. Rappresentante

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 22 aprile 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli