La terapia di gruppo nei disturbi del comportamento alimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La terapia di gruppo nei disturbi del comportamento alimentare"

Transcript

1 Università degli Studi di Milano - Bicocca Facoltà di Psicologia Corso di Laurea in Discipline della Ricerca Psicologico-Sociale La terapia di gruppo nei disturbi del comportamento alimentare Relatore Dott.ssa Monica Colombo Prova Finale di Marco Bassoli Matricola n Anno Accademico

2 Indice Riassunto 3 Abstract 3 Introduzione 4 Capitolo 1: I Disturbi del Comportamento Alimentare 5 1.1) Anoressia, Bulimia e Binge Eating Disorder 5 1.2) La Valutazione: Anamnesi e Strumenti psicometrici ) La Terapia 17 Capitolo 2: La Terapia di Gruppo ) Caratteristiche generali ) Ruolo del Terapeuta e Formazione del Gruppo ) Tipologie e confronto con la Terapia individuale 31 Capitolo 3: Trattamento di un Gruppo Binge Eating Disorder ) Progetto di percorso ) Esperienza Terapeutica di Gruppo ) Risultati 39 Conclusioni 51 Bibliografia 52 Appendice 55 2

3 Riassunto Il presente lavoro illustra un esperienza Terapeutica di Gruppo per il trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Tali disturbi costituiscono l insieme di tutte le sindromi psichiatriche che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato. La multifattorialità nella genesi di tali patologie, l elevata percentuale d insuccessi, ricadute e cronicizzazione, spingono ad implementare interventi rivolti al corpo, alla mente, al contesto famigliare ed all ambito sociale e culturale nel quale il soggetto è inserito. Molte delle caratteristiche tipiche dei Disturbi Alimentari, quali le idee errate circa la nutrizione e l'immagine del corpo, i sentimenti di bassa autostima e di profonda solitudine che questi soggetti sperimentano, si prestano bene ad essere affrontate in un contesto gruppale, il quale facilita il confronto e concorre a creare un'atmosfera di mutuo supporto che rende più efficaci gli interventi terapeutici. Abstract This paper presents an experience of Group Therapy for the treatment of Eating Disorders. These disorders are the set of all psychiatric syndromes that are manifested through a disturbed eating behavior. The multifactorial nature in the genesis of these pathologies, the high percentage of failures, relapses and chronicity, make it necessary to implement interventions aimed at the body, mind, family background and social and cultural sphere in which the person is embedded. Many of the typical Eating Disorders characteristics, such as misconceptions about nutrition and body image, feelings of low self-esteem and profound loneliness which these individuals experience, are well suited to be dealt with in a context group, which facilitates comparison and helps create an atmosphere of mutual support that makes therapeutic interventions more effective. 3

4 Introduzione Questo lavoro presenta un esperienza che illustra l uso della Terapia di Gruppo nei Disturbi Alimentari, in specifico per la patologia Binge Eating Disorder. Tra i Disturbi Alimentari si distinguono tre categorie: Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa e Disturbo dell Alimentazione non Altrimenti Specificato (la cui forma più studiata è il Disturbo da Alimentazione Incontrollata o Binge Eating Disorder). L Anoressia Nervosa è una malattia complessa caratterizzata da un'immagine distorta del proprio corpo e dal rifiuto del cibo; si parla di Bulimia Nervosa quando un individuo ingurgita enormi quantità di cibo per poi liberarsene tramite condotte compensatorie (vomito, abuso di lassativi/diuretici, clisteri, digiuno ed esercizio fisico eccessivo); il Binge Eating Disorder è caratterizzato dai ricorrenti episodi di abbuffate tipici della bulimia nervosa senza regolari condotte compensatorie. La Terapia di Gruppo, nata negli anni Quaranta, ha subito da allora una serie di adattamenti per potersi adeguare all'evoluzione della pratica clinica. La molteplicità delle forme è oggi così evidente che non è corretto parlare di Terapia di Gruppo, ma si deve piuttosto parlare di Terapie di Gruppo. Tale approccio terapeutico, con l ausilio di varie tecniche psicologiche, fornendo ai pazienti uno spazio dove interagire liberamente con gli altri ed aiutandoli ad individuare e comprendere ciò che non va nel loro modo di entrare in relazione, permette di ottenere importanti risultati anche nei Disturbi Alimentari. Gli strumenti psicometrici per lo studio dei Disturbi Alimentari sono diventati sempre più numerosi negli ultimi anni. Essi trovano larga applicazione a livello di screening diagnostico (clinico ed epidemiologico), valutazione degli indici di gravità, studi di follow-up, storia naturale dei disturbi e loro risposta a vari tipi di trattamento. Nel lavoro presente, i test psicometrici utilizzati sono il Binge Eating Scale (BES), il Body Uneasiness Test (BUT) ed il Sympton Chek List 90 Revised (SCL-90R); che nell ambito della Terapia Gruppale, hanno permesso di valutare i sintomi delle abbuffate, il disagio relativo alla propria immagine corporea e lo stato psicopatologico generale. Vedremo come tali test, insieme ai verbali degli incontri e soprattutto all osservazione, ci abbiano fornito utili indicazioni sull impatto della terapia proposta. 4

5 Capitolo 1: I Disturbi del Comportamento Alimentare 1.1) Anoressia, Bulimia e Binge Eating Disorder I Disturbi del Comportamento Alimentare, costituiscono l insieme di tutte le sindromi psichiatriche che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato. All interno di questa definizione, il DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994) distingue tre categorie patologiche: Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa; Disturbo dell Alimentazione non Altrimenti Specificato (NAS). Essi non sono secondari a nessuna condizione medica o psichiatrica conosciuta ma riconoscono la loro origine in situazioni biologiche, psicologiche e sociali. In merito alla Diagnosi, nonostante l'introduzione dei sistemi classificatori dell'international Classifìcation of Diseases (ICD la cui prima edizione risale al 1948, mentre l ultima del 1994 è l ICD-10) e del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) (dell'american Psychiatric Association o APA), abbia ampiamente rimaneggiato e ridefinito negli ultimi vent'anni la nosografia dei Disturbi Alimentari, e la decima edizione del primo e la quarta del secondo, con i nuovi criteri proposti abbiano rappresentato un evoluzione nella comprensione delle caratteristiche cliniche di queste patologie attraverso una specifica definizione e distinzione dei due più importanti disturbi, l'anoressia Nervosa e la Bulimia Nervosa, rimangono a tutt'oggi molti problemi irrisolti. Tuttavia l'aver stabilito dei confini più netti tra le due patologie ha avuto un effetto sostanziale oltre che sulla clinica anche sulla cura e sulla ricerca (Walsh e Garner, 1997). Per quanto concerne il DSM, la prima versione redatta dall APA risale al 1952 (DSM-I), successivamente nuove edizioni sono state pubblicate nel 1968 (DSM-II), nel 1980 (DSM-III), nel 1987 (DSM-III-Revised), nel 1994 (DSM-IV) e nel 2000 (DSM- IV-Text Revision o DSM-IV-TR, quella attualmente in vigore. Il DSM IV del 1994, tra le altre novità, ha avuto il merito di aver individuato un'altra categoria diagnostica, il Disturbo dell Alimentazione non Altrimenti Specificato (NAS), di cui fa parte il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (o Binge Eating Disorder - BED), che affligge 5

6 individui che presentano alcuni ma non tutti i criteri diagnostici dell'anoressia o della Bulimia ed il cui quadro clinico può presentarsi spesso altrettanto grave e complicato. Tra i Disturbi Alimentari, Anoressia e Bulimia sono patologie ad esito potenzialmente infausto, se non curate con attenzione. Gli anoressici possono lasciarsi letteralmente morire di fame, mentre fra i bulimici è elevato il tasso di suicidio. Le alterazioni metaboliche o di altra natura causate dall'irregolarità del loro comportamento alimentare fanno aumentare, inoltre, il rischio di malattie cardiache. Allo scopo di fornire delle categorie inerenti il peso ponderale, alla metà degli anni ottanta si è fatta largo una formula per calcolare il Body Mass Index BMI (o Indice di Massa Corporea IMC), calcolato come rapporto tra peso in chilogrammi e il quadrato dell'altezza espressa in metri. In base al valore di BMI, l Organizzazione mondiale della sanità, ed in parte anche la medicina generica, usa delle categorie per definire termini da magrezza fino ad obesità in diverse sfumature: < 16,0: denutriti tra 16,0 e 18,4: sottopeso tra 18,5 e 24,9: normopeso tra 25,0 e 29,9: sovrappeso tra 30,0 e 34,9: obesità di I grado (leggera) tra 35,0 e 39,9: obesità di Il grado (media) 40,0: obesità di III grado (grave) Qual è la definizione di Anoressia Nervosa? È una malattia complessa caratterizzata da un'immagine distorta del proprio corpo e dal rifiuto del cibo. Secondo il DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994) tale patologia è caratterizzata da: A. Rifiuto di mantenere il peso corporeo al livello o al di sopra del peso minimo normale per l'età e l altezza (ad esempio perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell'85% rispetto a quanto previsto o incapacità di raggiungere il peso previsto durante il periodo della crescita in altezza, con la conseguenza che il peso rimane al di sotto dell'85% rispetto a quanto previsto). B. Intensa paura di acquistare peso o diventare grassi, anche quando si è sottopeso. C. Alterazione del modo in cui il soggetto vive l aspetto ed il peso corporeo, eccessiva influenza del peso e la forma del corpo sull autostima, rifiuto di ammettere la gravità della condizione di sottopeso. D. Nelle femmine dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi (una donna viene considerata amenorroica se i suoi cicli si 6

7 manifestano solo a seguito di somministrazione di ormoni, per esempio estrogeni). Nel DSM-IV è prevista una sottoclassificazione in due sottotipi di Anoressia Nervosa: con restrizioni: nell'episodio attuale il soggetto non ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione; con abbuffate e/o condotte di eliminazione (binge eating / purging type): nell'episodio attuale il soggetto ha presentato regolarmente abbuffate e/o condotte di eliminazione (per esempio vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi). Il due sottotipi di Anoressia, con restrizioni e con abbuffate e/o condotte di eliminazione, si differenziano, inoltre, per differenti caratteristiche di personalità. In particolare i soggetti del primo sottotipo mostrano caratteristiche ossessive di personalità, più ansia sociale e sono normalmente più isolati, mentre quelli del secondo gruppo mostrano più problemi nell'area del controllo degli impulsi. In merito al limite di peso ponderale che indica la probabile presenza di Anoressia, è possibile fare riferimento, come peraltro nei criteri diagnostici dell ICD-10 per la ricerca (1992), ad un valore di BMI minore od uguale a 17,5 Kg/m 2 (De Giacomo, Renna, Santoni Ragiu, 2005). Quando si parla di Bulimia Nervosa? Quando un individuo ingurgita enormi quantità di cibo per poi liberarsene tramite condotte compensatorie. Anche per la diagnosi di quest ultima si fa riferimento al DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994): A. Ricorrenti episodi di abbuffate compulsive. Un'abbuffata è caratterizzata da: mangiare in un definito arco di tempo, in genere due ore, un quantitativo di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone consumerebbe nello stesso tempo e in circostanze simili; sensazione di perdere il controllo durante l'episodio, cioè di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quanto si sta mangiando. B. Ricorrenti e inappropriate condotte compensatorie volte a prevenire l'aumento del peso corporeo, quali vomito autoindotto, abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci, digiuno o esercizio fisico eccessivo. C. Le abbuffate e le condotte compensatorie incorrono con una frequenza minima di due volte a settimana, per tre mesi. 7

8 D. I livelli di autostima sono indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporei. E. L'alterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di anoressia nervosa. Anche per la Bulimia Nervosa, il DSM-IV prevede due sotto-tipi: con condotte di eliminazione (purging type): nell'episodio attuale il soggetto ha presentato regolarmente vomito autoindotto o uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi; senza condotte d'eliminazione (non purging type): nell'episodio attuale il soggetto ha utilizzato regolarmente altri comportamenti compensatori inappropriati, quali il digiuno o l'esercizio fisico eccessivo, e non si è dedicato regolarmente al vomito autoindotto o all uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi. La suddivisione della Bulimia, con condotte di eliminazione e senza condotte di eliminazione, sottende una differenza non solo di tipo comportamentale ma anche di tipo psicopatologico e prognostico. I soggetti del primo sottotipo che sono stati i più studiati, generalmente presentano un peso più basso, più sintomi depressivi e maggiore grado di insoddisfazione per la forma del corpo e il peso. Più frequentemente presentano, inoltre, disturbi idroelettrolitici. Poco si sa ancora delle caratteristiche dei soggetti appartenenti al secondo sottotipo. Non è affatto semplice fare diagnosi di Bulimia perché alcuni soggetti possono essere in sovrappeso, altri possono avere un peso normale ed altri possono addirittura avere un peso inferiore alla norma. Il DSM-IV ha avuto il merito di introdurre una nuova categoria diagnostica il Disturbo dell'alimentazione non Altrimenti Specificato (NAS), la cui diagnosi è riservata ad una larga quantità di soggetti che hanno un Disturbo Alimentare che non soddisfa tutti i criteri per l'anoressia o per la Bulimia Nervosa. La definizione NAS non deve farci pensare che sono disturbi meno importanti. Alcuni tra questi si presentano con quadri clinici piuttosto seri e complicati. Inoltre, i disturbi dell'alimentazione NAS sono la categoria diagnostica di più frequente riscontro e che spesso rappresenta l'esito di altri disturbi quali l'anoressia Nervosa e la Bulimia Nervosa. Tuttavia sono i meno studiati e non sono ancora stati condotti studi significativi sul loro trattamento (Fairburn e Bohn). 8

9 Riportiamo qui di seguito i criteri previsti dal DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994): 1. Sono presenti tutti i criteri dell'anoressia Nervosa tranne l'amenorrea. 2. Sono presenti tutti i criteri dell'anoressia Nervosa tranne la significativa perdita di peso. 3. Sono presenti tutti i criteri della Bulimia Nervosa ma le abbuffate e le condotte compensatorie hanno una frequenza inferiore a due episodi a settimana per tre mesi. 4. Sono presenti condotte compensatorie anche dopo l'ingestione di piccole quantità di cibo in soggetti con peso nella norma. 5. I soggetti masticano e sputano ripetutamente grandi quantità di cibo senza deglutirle 6. Sono presenti ricorrenti episodi di abbuffate in assenza delle regolari condotte compensatone tipiche della Bulimia Nervosa (Disturbo da Alimentazione Incontrollata). L'ultima condizione viene definita Disturbo da Alimentazione Incontrollata e rappresenta uno dei più frequenti e importanti Disturbi Alimentari NAS, che sempre più spesso è individuato negli studi clinici e sulla popolazione generale come disturbo distinto, che necessita di un approccio specifico comportando differenti problemi medici oltre che psicopatologici. Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata o Binge Eating Disorder (BED), attualmente diagnosticabile quale disturbo alimentare non altrimenti specificato (NAS), è riportato nell Appendice B del DSM-IV tra le nuove manifestazioni cliniche proposte per ulteriori ricerche. Questo disturbo, seppur caratterizzato dai ricorrenti episodi di abbuffate tipici della Bulimia Nervosa, non contempla le regolari condotte compensatorie inappropriate quali vomito, abuso di lassativi/diuretici, clisteri, digiuno ed esercizio fisico eccessivo. Riportiamo i criteri proposti per la ricerca dal DSM-IV (American Psychiatric Association, 1994): A. Ricorrenti episodi di abbuffate compulsive. Un'abbuffata si caratterizza per: 1) il consumare in un periodo di tempo definito, in genere 2 ore, un quantitativo di cibo significativamente maggiore a quello che la maggior parte delle persone consumerebbe nelle stesso tempo ed in circostanze simili; 9

10 2) la sensazione di perdere il controllo, cioè di non riuscire a smettere di mangiare o controllare cosa e quanto si sta mangiando. B. Gli episodi di alimentazione incontrollata si associano ad almeno tre dei sintomi che seguono: 1) mangiare molto più rapidamente del normale; 2) mangiare fino a sentirsi spiacevolmente pieni; 3) mangiare grandi quantitativi di cibo anche se non ci si sente fisicamente affamati; 4) mangiare da soli per l'imbarazzo causato dalla quantità di cibo ingerito, 5) sentirsi disgustato verso se stesso, depresso o in colpa dopo gli abusi di cibo. C. Presenza di disagio marcato relativo al mangiare incontrollato. D. L'alimentazione incontrollata occorre almeno due volte a settimana per un periodo di sei mesi. E. L'alimentazione incontrollata non risulta associata ad uso regolare di condotte compensatorie, e non si verifica esclusivamente nel corso di anoressia nervosa o bulimia nervosa. In sostanza, i criteri diagnostici del DSM-IV individuano soprattutto nell'assenza di utilizzazione sistematica di comportamenti compensatori inappropriati l'elemento che permette di distinguere il BED dalla Bulimia Nervosa. Inoltre nella maggior parte dei casi il comportamento alimentare incontrollato viene scatenato da depressione, ansia e tensione. 10

11 1.2) La Valutazione: Anamnesi e Strumenti psicometrici La Valutazione, che deve comprendere un indagine approfondita degli aspetti organici, psichiatrici, psicologici, familiari e sociali è un momento complesso ma fondamentale che oltre a consentire di fare diagnosi, consente una prima presa di contatto empatico col paziente e la sua famiglia, e prepara il vero e proprio intervento terapeutico. Nonostante non vi sia un protocollo di valutazione dei Disturbi Alimentari universalmente accettato, tutti concordano sulla necessità di un assessment ampio, data la natura eterogenea e multideterminata di queste patologie (Garner, 1995). Diagnosi, Valutazione, e Misurazione, devono riguardare il comportamento alimentare disturbato, gli aspetti organici, la psicopatologia specifica e aspecifica, la motivazione e l'ambiente familiare e sociale. Un'Anamnesi approfondita deve mirare a raccogliere le seguenti informazioni: la storia del peso corporeo oltre che il peso attuale, la storia del ciclo mestruale e gli atteggiamenti del soggetto nei confronti del ciclo mestruale, la presenza di abbuffate, la storia della dieta, il tipo e la frequenza dei comportamenti volti all'ottenimento della perdita di peso utilizzati, la storia della famiglia nucleare e allargata, la motivazione al cambiamento. Contestualmente vanno valutate le condizioni fisiche e la presenza di comorbidità organiche tramite l'espletamento di esami clinici, chimico-fisici e strumentali. A proposito della psicopatologia specifica relativa al peso ed all'immagine corporea vanno indagate: la ricerca della magrezza, la paura di ingrassare, l'insoddisfazione per il peso e la forma del proprio corpo, la percezione alterata della propria taglia corporea, le pressioni socio-culturali alle quali il soggetto è esposto. Deve essere allo stesso tempo rilevata la presenza di alterazioni psicopatologiche più generali descritte in soggetti con disturbo dell'alimentazione: sentimenti d inefficacia, bassa autostima, mancanza di autonomia, ossessività, ipersensibilità interpersonale, introversione, abilità relazionali scarse e cattivo funzionamento sociale, ansia sociale, dipendenza, perfezionismo, paura della maturità psicobiologica, scarso controllo nell'area degli impulsi, sensazione di essere controllati da forze esterne, evitamento del conflitto, patologia dello sviluppo, fallimento del processo di separazioneindividuazione, vulnerabilità all'abuso di sostanze, deficit nel riconoscimento degli stimoli enterocettivi, pattern di pensiero disfunzionali, depressione, reazioni ad abuso

12 sessuale. Inoltre, bisogna cercare di stabilire quanto della sofferenza psicologica, le alterazioni cognitive e i sintomi comportamentali, siano attribuibili ad un disturbo emozionale di base, o invece, non siano una conseguenza della malnutrizione (Keys e coll., 1950). Diagnosi, Valutazione e Misurazione psicopatologica vengono effettuate mediante colloquio clinico, interviste cliniche (semistrutturate e strutturate) e la somministrazione di questionari di self-report e self-monitoring (auto-somministrati quindi strutturati). Gli Strumenti psicometrici per lo studio dei Disturbi dell'alimentazione trovano applicazione nello screening diagnostico (clinico ed epidemiologico), nella valutazione degli indici di gravità e negli studi di follow-up, sulla storia naturale dei disturbi e sulla loro risposta a vari tipi di trattamento (Cuzzolaro e coll. 1997). Secondo la teoria classica della misura, al test come strumento di misura, si richiede che siano verificate (Boncori, 2006): l attendibilità: se un test dichiara di misurare una data caratteristica, la misura ottenuta applicandolo dovrebbe risultare sempre la stessa, chiunque sia l operatore, qualunque sia il momento in cui il test viene somministrato, qualunque forma alternativa del test sia somministrata; la validità: capacità di un test di misurare la caratteristica che dovrebbe misurare e per la quale è stato progettato e costruito. La somministrazione di strumenti psicometrici assicura innegabili vantaggi quali l'oggettività della valutazione, la condivisibilità dei risultati tra diversi operatori, la possibilità di seguire nel tempo l'andamento del disturbo, attribuendo peso specifico differenziato all'azione di interventi terapeutici di varia natura; forniscono, inoltre, una guida per la pianificazione degli interventi e per gli adeguamenti successivi. I risultati psicometrici, avulsi dal contesto del processo diagnostico hanno un significato limitato, inoltre, una somministrazione impropria ne riduce drasticamente il valore. Anche i processi psicologici sottostanti alla comprensione delle domande e alle risposte dei test sono di fondamentale importanza. Infatti vari tipi di response bias, come desiderabilità sociale, risposte estreme, tendenza sistematiche a favore del sé. Le scale psicometriche possono consentire una valutazione diretta da parte dell operatore mediante interviste semistrutturate, oppure è il soggetto a rispondere ad interviste strutturate. Si distinguono, pertanto: Scale di eterovalutazione (Observer-Rated Measures, O-RM); 12

13 Scale di autovalutazione (Self-Report Inventories, S-RI). Le Scale di eterovalutazione (De Giacomo, Renna, Santoni Ragiu, 2005) vengono somministrate da un intervistatore. Il vantaggio è di evitare la sopravalutazione, spesso derivante dagli strumenti di auto-informazione, in quanto l'intervistatore in qualità di esperto clinico è capace di una definizione più accurata e affidabile del quadro psicopatologico. A livello di Scale di eterovalutazione (De Giacomo, Renna, Santoni Ragiu, 2005), negli ultimi anni sono state sviluppate numerose interviste strutturate e semistrutturate che trovano applicazione per i Disturbi Alimentari, quali il Clinical Rating Disorder Rating Instrument (CEDRI, Palmer e coll., 1987), l interview for Diagnosis of Eating Disorders (IDED, Williamson, 1990), la Structured Interview for Anorexia Nervosa (SIAN, Fichter e coll., 1991), l Eating Disorder Examination (EDE, Fairbum e Cooper, 1993), Structured Interview far Anorexic and Bulimic Disorders (SIAB, 3a revisione, Fichter e coll., 1999). Le Scale di autovalutazione (De Giacomo, Renna, Santoni Rugiu, 2005), cioè auto-somministrate, hanno i pregi della facilità e della rapidità d'impiego. Il paziente stesso fornisce e registra dati riguardanti il suo disturbo. Vi è però la possibilità di risposte false, involontarie o deliberate. Un caso particolare è il rischio di response sets, cioè di risposte seriali: il soggetto in esame risponde in modo relativamente indipendente dal contenuto specifico dei singoli items e, per esempio, tende a privilegiare in modo sistematico le risposte affermative oppure quelle negative o, ancora, quelle socialmente più gradite. Tuttavia le scale di auto-valutazione hanno il vantaggio di essere economiche, minimizzano gli errori dovuti all'intervistatore e ad altre minacce potenziali alla validità, che possono essere determinate dall'interazione tra intervistatore e soggetto. Ora ne vediamo brevemente alcune impiegate per i Disturbi Alimentari. Il Binge Eating Scale (BES, Gormally e coll., 1982 Appendice: Allegato 1) è fra gli strumenti più utili e diffusi nello studio psicometrico dei soggetti affetti da disturbo da alimentazione incontrollata per verificare la presenza di sintomi legati alle abbuffate. E' un test diretto alla valutazione del comportamento alimentare e, in particolare aiuta a valutare la gravità del sintomo abbuffata compulsiva (binge eating scale). 13

14 La sua compilazione deve essere effettuata selezionando l'affermazione che sembra più adatta a descrivere la propria condizione emotiva. Per ciascuno dei 16 gruppi di affermazioni è necessario selezionare una sola tra quattro possibilità. I risultati sono interpretati nel seguente modo: la presenza di sintomi di binge eating è improbabile se il punteggio complessivo è < 17, è possibile se il punteggio complessivo è compreso tra 17 e 27, è probabile se il punteggio complessivo è > 27 Il Body Uneasiness Test (BUT, versione italiana di Cuzzolaro e coll., 1999 Appendice: Allegato 2) è un test che esplora il disagio relativo all immagine del proprio corpo. È composto da 71 item con risposta a scelta multipla (scala Likert), ed è diviso in due parti: BUT a : composta da 34 item che esplorano atteggiamenti verso il corpo. Risultati: GSI (Indice globale di gravità), WP (paura morbosa-fobia dell'aumento di peso), BIC (preoccupazioni eccessive per il proprio aspetto fisico), A (evitamento collegato all immagine del corpo), CSM (controllo compulsivo della propria immagine), D (depersonalizzazione ovvero i vissuti di distacco e di estraneità rispetto al proprio corpo). BUT b : composta da 37 item che indagano su specifiche parti e funzioni del corpo. Risultati: PST (numero di item con punteggio 1), PSDI (media dei punteggi degli item con punteggio 1, cioè degli item contati da PST 1 diviso per il numero di risposte date). Come interpretare il risultato finale del BUT? la presenza di un disagio del corpo clinicamente significativo è improbabile se il punteggio GSI è < 1,2, mentre la presenza di un disagio del corpo clinicamente significativo è probabile se il punteggio GSI è >1,2. Gli altri punteggi e le risposte ai singoli item possono essere d aiuto per individuare aree problematiche sulle quali soffermarsi nel dialogo clinico e nel lavoro terapeutico e per seguire l andamento dei fenomeni nel corso del tempo. Altre scale di autovalutazione utilizzate nei Disturbi Alimentari sono: Eating Attitudes Test (EAT, Garner e Garfinkel, 1979); Eating Disorders Inventory e Eating Disorders lnventory-2 (EDI, Garner, Olmsted e Polivy, 1983; EDI-2, Garner, 1991); Bulimia Test e Bulimia Test-Revised (BULIT, Smith e Thelen, 1984; BULIT-R, Theien, 1991); Tree Factor Eating Questionnaire (TFEQ, Stunkard e Messick, 1985); Setting Condition Anorexia Nervosa Scale (SCANS, Slade e Dewey, 1986); Bulimic Investigatory Test of Ediburgh (BITE, Henderson e Freeman, 1987); Structured Interview for Anorexic and Bulimie Disorders (SIAB-S, 3a rev., Fichtere coll., 1998). 14

15 Un altra scala di autovalutazione, non specifica, ma impiegata spesso anche nei Disturbi Alimentari è il Sympton Chek List 90 Revised (SCL-90R, Derogatis, 1997 Appendice: Allegato 3), uno strumento diagnostico e di screening che misura lo stato psicopatologico generale (quindi dei sintomi psichiatrici). È formato da 90 items con risposta a scelta multipla (scala Likert), che compongono le seguenti dimensioni sintomatologiche: somatizzazione (riflette disturbi che sorgono dalla percezione di disfunzioni corporee); ossessione e compulsione (pensieri, impulsi e azioni sperimentate come incoercibili e non volute dal soggetto); sensibilità interpersonale (sentimenti di inadeguatezza e inferiorità nei confronti di altre persone); depressione (riassume un ampio spettro di sintomi concomitanti ad una sindrome depressiva); ansietà (insieme di sintomi e comportamenti correlati ad un'ansia manifesta); ostilità (pensieri, sentimenti e azioni caratteristici di uno stato di rabbia, irritabilità e risentimento); fobia (persistente risposta di paura irrazionale e non proporzionata nei confronti di persone, luoghi ed occasioni specifici che conduce a comportamento di evitamento/fuga); psicoticismo (pur includendo alcuni sintomi primari della schizofrenia, come allucinazioni, estraneità del pensiero, è da intendersi come una dimensione continua dell'esperienza umana caratterizzata da ritiro, isolamento e stile di vita schizoide); ideazione paranoide (disturbo del pensiero caratterizzato da sospetto, paura di perdita di autonomia misto ad ostilità ed idee di riferimento); disturbi del sonno (insonnia, sonno disturbato, risveglio precoce). Inoltre si ottengono anche i seguenti risultati: GT = somma di tutti i 90 item; Indice Globale di Gravità (GSI) = somma di tutti i 90 item (GT)/90, quindi è il punteggio medio; Totale Sintomi Positivi (PST) = somma del numero di sintomi autoriferiti (quindi 1); Indice del Distress dei Sintomi Positivi (PSDI) = GT/PST. 15

16 Il test S.C.L. 90/R si prefigge di indigare la sintomatologia in una popolazione apparentemente normale, valutare i cambiamenti nella sintomatologia sia per parametri specifici che per indici generali, favorire la predisposizione delle basi cliniche per fare la prognosi sul paziente, formulare una diagnosi psichiatrica (con riferimento al DSM IV) utilizzando la valutazione ottenuta. Altri questionari, che possono essere utilizzati per la valutazione della personalità o la presenza di psicopatologia generale (De Giacomo, Renna, Santoni Rugiu, 2005), sono: Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI, Hathaway e McKinley, 1940); Beck Depression Inventory (BDI, Beck e coll., 1976); Dissociation Questionnaire (DIS.Q, Vanderlinden e coll., 1993); Self Esteem Inventory (SEI, versione italiana di Cuzzolaro, 1996). La valutazione e la misurazione dovrebbero comprendere sempre i familiari quando possibile (De Giacomo, Renna, Santoni Rugiu, 2005). Possono essere somministrati ai familiari l SCL-90, il MMPI, il Five Minutes Speech Sample (FMSS, Gottschalk e Gleser, 1969) e il Family Adaptability and Cohesion Evaluation Scales III (FACES-III, Olson, 1985). È necessario tenere presente che il processo diagnostico non può esaurirsi con la somministrazione di test e questionari, ma deve sempre essere affiancato da un approfondito Colloquio clinico con il paziente (Giovanni, 2007). Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano per raccogliere informazioni (fine diagnostico), motivare (fine terapico), ed informare (orientamento). Il colloquio clinico è un caso particolare della vita di relazione del soggetto: la personalità dell esaminatore entra attivamente in questo rapporto condizionandolo. È importante che l esaminatore sia consapevole di influire attivamente sugli atteggiamenti assunti dal soggetto anche quando il suo ruolo non è di intervento attivo. Soprattutto nel colloquio, è fondamentale essere consapevoli dell esistenza di meccanismi di difesa (Trentini G., 2004), e cioè delle operazioni mentali messe in atto dall Io, a livello inconscio, per proteggersi dai movimenti affettivi dolorosi legati a qualche situazione spiacevole e per risolvere i propri conflitti. I più conosciuti sono: introiezione, proiezione, identificazione, interiorizzazione, identificazione proiettiva, fissazione, regressione, sublimazione, negazione, rimozione, repressione degli affetti, formazione reattiva, asceticismo, razionalizzazione, traslocazione, isolamento, intelettualizzazione, perfezionismo, ritiro emotivo, autismo. 16

17 1.3) La Terapia Nel diciannovesimo secolo le terapie proposte per la cura dell'anoressia Nervosa (gli altri disturbi dell'alimentazione non erano ancora giunti all'evidenza clinica) si basavano essenzialmente su interventi di tipo morale e nutrizionale. All'inizio del novecento, in seguito alle ricerche di Simmonds che riteneva l'anoressia causata da un'insufficienza pituitaria, ci si rivolse alle terapie somatiche. Negli anni successivi, con lo svilupparsi delle teorie psicoanalitiche, prese il sopravvento l'approccio psicologico. Negli anni Ottanta iniziarono a comparire in letteratura studi controllati sull'efficacia delle diverse forme d intervento, psicofarmacologiche e psicoterapiche, che hanno accreditato alcune terapie piuttosto che altre. È universalmente riconosciuta ad esempio l'efficacia della terapia cognitivo-comportamentale nei Soggetti Bulimici (Fairburn, 1986, Fairburn e coll., 1993) e in quelli affetti da Disturbo da Alimentazione Incontrollata, così come l'efficacia della psicoterapia interpersonale. Mentre è acclarata una maggiore validità dell'approccio familiare per i Soggetti Anoressici in particolare in età adolescenziale (Minuchin e coll., 1978; De Giacomo e coll., 1992; Dare e Eisler, 1997; Selvini Palazzoli e coll., 1998; Fishman, 2004). Le linee guida dell'american Psychiatric Association (2000, 2005), nel DSM-IV- TR (American Psychiatric Association, 2002), a proposito del trattamento dell'anoressia Nervosa suggeriscono che gli interventi siano scelti ed integrati sulla base del raggiungimento dei seguenti obiettivi: il peso del soggetto deve tornare nella norma; il soggetto deve essere motivato al trattamento che deve contemplare sempre il ripristino di un'alimentazione adeguata, la correzione dei pensieri, atteggiamenti e comportamenti disfunzionali relativi al cibo, al peso ed alle forme del corpo; devono essere trattati il deficit dell'autostima, le complicanze fisiche e le comorbidità psichiatriche; si deve intervenire sulla famiglia li dove sia possibile; ci si deve occupare della prevenzione delle ricadute. Per la Bulimia Nervosa le stesse linee guida propongono quali obiettivi: la normalizzazione dell'alimentazione, che prevede la scomparsa di comportamenti quali l'abbuffata, i metodi di compenso ed il ricorso alla dieta restrittiva; 17

18 la correzione dei pensieri e le attitudini disfunzionali relativi al cibo, al peso ed alle forme del corpo; il trattamento del deficit dell'autostima, le complicanze fisiche, le comorbidità psichiatriche; lo sviluppo di una identità personale. Quando necessaria l'ospedalizzazione può avvenire a seconda del quadro clinico in ambiente internistico, in ambiente psichiatrico o in strutture residenziali specificamente dedicate alla cura di queste patologie. Tuttavia, deve essere finché possibile evitata in quanto essa stessa rappresenta un fattore prognostico negativo (Gowers e coll., 2000). Il Day hospital (o Ospedalizzazione parziale) è una modalità di erogazione del trattamento indicata per coloro che avendo ricevuto interventi, seppure intensivi, in regime ambulatoriale non ne hanno tratto alcun giovamento, oppure come primo intervento in coloro che presentano una forma grave, ma non a rischio della vita, del disturbo dell'alimentazione. Generalmente le attività vengono svolte in gruppo. Il trattamento viene condotto in Regime ambulatoriale nei casi meno gravi, dove non ci sia un rischio per la vita del soggetto. Tale regime richiede, secondo Yager (1988): che il soggetto sia fortemente motivato, che vi sia la disponibilità della famiglia a collaborare, infine che siano presenti criteri prognostici positivi come la giovane età ed una breve durata della sintomatologia e l'assenza di comorbidità psichiatriche importanti. Negli ultimi tempi si è andata sviluppando l'idea della Comunità residenziale per soggetti affetti da Disturbo dell'alimentazione con patologia di lunga durata o con famiglie problematiche non in grado di sostenere i figli nel percorso di cura e riabilitazione. In merito alle Terapie farmacologiche, negli ultimi anni si è assistito ad un proliferare di studi farmacologici controllati e non, al fine di individuare dei medicamenti che avessero una qualche efficacia terapeutica. La ragione del diffondersi di tale ricerca è dovuta allo sviluppo delle ipotesi di alterazioni a livello neurochimico e del SNC, che potrebbero svolgere un ruolo importante nella eziopatogenesi dei Disturbi Alimentari, e dal riscontro sempre più frequente in questi soggetti di altri sintomi psichiatrici suscettibili di trattamento con psicofarmaci. Tuttavia, la loro funzione specifica sia nell'anoressia Nervosa, sia nella Bulimia Nervosa, sia nel Disturbo da Alimentazione Incontrollata deve essere considerata marginale anche se spesso utile (Mitchell, 2001). È tuttavia comune ritenere che la terapia farmacologica abbia una sua 18

19 importanza, a patto che sia combinata con una forma di psicoterapia adeguata. L'uso del farmaco, dunque, va inserito all'interno di un progetto terapeutico più ampio che tenga in considerazione la sofferenza del soggetto e la necessità di formazione e di espressione del sé (Montecchi, 2002). Nell ambito della Riabilitazione nutrizionale, la gestione degli aspetti nutrizionali dell'anoressia e della Bulimia, è stata fino a poco tempo fa trascurata nonostante il comportamento dietetico di questi soggetti e la denutrizione o le alterazioni metaboliche che ne derivano, possano condurre a morte. L'idea era che la risoluzione dei problemi psicologici, che sono alla base di queste patologie, avrebbe fatto cessare i sintomi. Ma molti studi clinici hanno dimostrato che, finché non siano stati ridotti i sintomi provocati dal digiuno e dalla malnutrizione, una psicoterapia non può avere efficacia in quanto le ossessioni relative al cibo e al peso, la depressione spesso elevata, la confusione e l'ansia, impediscono ai soggetti il lavoro di introspezione e di insight tipico del percorso psicoterapico. A livello d Interventi nutrizionali, la nutrizione parenterale (infusione di sostanze nutritive in soggetti mediante un catetere posizionato nella vena cava superiore) ed enterale (tramite sondino naso-gastrico, che può essere tenuto in loco per più mesi o tramite gastrostomia endoscopia percutanea) sono giustificate solo nei casi in cui il soggetto è in reale ed imminente pericolo di vita. Gli Interventi psicologici, inizialmente di tipo motivazionale, solo successivamente alla correzione della denutrizione e delle malnutrizione, possono trasformarsi in una vera e propria psicoterapia, questo perché la denutrizione e la malnutrizione compromettendo le funzioni cognitive, contrastano il processo psicoterapico (Garner e Garfmkel, 1997). L'Approccio motivazionale ha lo scopo di aiutare i soggetti a riconoscere i propri problemi legati alla persistenza di un comportamento disadattivo e costruire quel coinvolgimento necessario affinché il soggetto possa scegliere autonomamente il cambiamento e, dunque, intraprendere un trattamento. In psicologia, la motivazione è l'espressione dei motivi che inducono un individuo a una determinata azione. Inoltre, essa può essere definita come l'insieme dei fattori dinamici aventi una data origine che spingono il comportamento di un individuo verso una data meta; ogni atto che viene fatto senza motivazioni rischia di fallire. La motivazione svolge fondamentalmente due funzioni: attivare e orientare comportamenti specifici. Nel primo caso si fa riferimento alla componente energetica di attivazione della 19

20 motivazione. Nel secondo caso si fa riferimento alla componente direzionale di orientamento. I colloqui motivazionali sono strettamente connessi agli stadi del cambiamento, così come descritti da Prochaska e Di Clemente (1983): pre-contempalzione, contemplazione, determinazione, azione. L'Approccio psicoeducazionale applicato nei Disturbi Alimentari, si basa sulla premessa che alcune credenze errate possano generare pensieri e informazioni disfunzionali (Olmsted e coll., 1991). Gli incontri di Terapia psicoeducazionale per i genitori hanno lo scopo di migliorare il livello delle conoscenze dei familiari sulle risorse terapeutiche, insegnare tecniche e abilità per migliorare le difficoltà di ordine relazionale e comunicativo che caratterizzano il funzionamento di queste famiglie, ed infine di offrire un supporto riconoscendo i problemi affrontati e gli sforzi fatti fino ad allora (Renna, 2003; Calò, 2002). L'uso di Tecniche cognitivo-comportamentali nel trattamento dei Disturbi dell'alimentazione è stato sviluppato a partire dagli anni Ottanta con lo scopo di consentire al soggetto il raggiungimento di un peso adeguato e l'abbandono dei comportamenti binge e purge (Halmi, 1985). Si basa sull'approccio delineato da Beck (Beck e coll., 1979) per la cura della depressione, adattato al fine di lavorare su specifiche caratteristiche riguardanti i Disturbi Alimentari quali: la natura egosintonica dei sintomi, l'interazione tra componenti biologiche e psicologiche, le convinzioni disfunzionali sul cibo e il peso, i sentimenti di inefficienza ed inefficacia. Secondo alcuni autori tuttavia, le tecniche di tipo cognitivo-comportamentale dovrebbero essere seguite o integrate con altre, come quelle individuali psicodinamiche e sistemiche, affinché i risultati possano essere mantenuti costanti nel tempo. Le tecniche comportamentali mirano all'acquisizione dell'autocontrollo e prevedono prima di tutto la formulazione di un contratto e l'assegnazione di compiti che il soggetto dovrà svolgere. Successivamente saranno utilizzati: il rinforzo negativo, il rinforzo positivo, il condizionamento operante, la desensibilizzazione sistematica. La Psicoterapia interpersonale, utilizzata inizialmente per la cura dei disturbi depressivi (Klerman, 1960), è stata adattata da Fairburn (Fairburn, 1993) per la cura di soggetti affetti da Bulimia Nervosa e Disturbo da Alimentazione Incontrollata. Questa terapia non mira a cambiare la personalità del soggetto in trattamento ma a modificare le sue relazioni con gli altri, aiutandolo ad affrontare problemi e a parlare delle sue 20

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007. Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri. La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa

Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007. Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri. La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007 Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa In passerella il bello d esser femmina di Stefano Dominella Il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori

Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori Il bambino con diabete nella vita quotidiana Un indagine empirica sul vissuto dei giovani pazienti e dei loro genitori a cura di Monica Azzolini In collaborazione con Il bambino con diabete nella vita

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli