Roma Catania Milano. Dott. Simonetta Marucci Endocrinologa Residenza DCA Palazzo Francisci- Todi- ASL2 Perugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma Catania Milano. Dott. Simonetta Marucci Endocrinologa Residenza DCA Palazzo Francisci- Todi- ASL2 Perugia"

Transcript

1 Roma Catania Milano Dott. Simonetta Marucci Endocrinologa Residenza DCA Palazzo Francisci- Todi- ASL2 Perugia

2 UN EPIDEMIA SOCIALE Oltre due milioni di giovani in Italia soffrono di disturbi alimentari. Anoressia, Bulimia e Disturbo da Abbuffata Compulsiva riguardano ormai il 10% della popolazione di sesso femminile di età compresa tra i 12 e i 25 anni con una età di esordio che si sta ulteriormente abbassando interessando bambine e ragazze prima dell inizio della pubertà.

3

4 La diffusione dei Disturbi del comportamento alimentare ha avuto una rapidità ed un rilevanza sconcertante negli ultimi anni. È comunque il primo esempio di malattia globalizzata, cosiddetta cultur bounded, che si allarga a macchia d olio contemporaneamente al diffondersi di modelli, stili di vita, culto del corpo.

5 La patologia nel corso degli ultimi 20 anni si è profondamente modificata e attualmente è molto più elevata la percentuale di Bulimia Nervosa e Disturbo da Abbuffata Compulsiva (DAI). La classica Anoressia Mentale costituisce ormai solo il 30 % dei casi.

6 Ogni epoca ha la sua malattia I DCA si prestano a rappresentare la nostra epoca. Connessi all immagine corporea, all ossessione dell apparire, all abbondanza di cibo. Ma non dobbiamo confondere gli effetti patoplastici della cultura, quelli cioè che modellano la forma dei sintomi con i processi patogenetici, quelli che provocano le malattie.

7 Idisturbi dell alimentazione possono essere definiti come persistenti disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso, che danneggiano la salute fisica o il funzionamento psicologico e che non sono secondari a nessuna condizione medica o psichiatrica conosciuta. Da Faiburn C.G. et al (2003). Eating Disorders. THE LANCET Vol 361 -February 1, 2003

8 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO * Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa * * * ALIMENTARE Binge Eating - BED (Dist. da Alimentaz. Incontrollata- DAI) DCA non Altrimenti Specificati (EDNOS- NAS)

9 NAS AN BN Da Fairburn e Bohn 2005 modificato

10 CRITERI DIAGNOSTICI Anoressia Nervosa Eccessiva valutazione della forma del corpo e del peso; autovalutazione centrata principalmente sullaformadel corpoedel pesoesullacapacitàdi controllarli; Mantenimento volontario di un basso peso, <85%di quello previsto, con BMI=o< 17,5; Amenorrea (forse questo criterio verrà abbandonato nel DSM-V)

11 CRITERI DIAGNOSTICI Bulimia Nervosa Eccessiva valutazione della forma del corpo e del peso e autovalutazione centrata sul controllo di queste caratteristiche; Abbuffate ricorrenti: una abbuffata è un episodio di alimentazione durante il quale viene ingerita una quantità di cibo oggettivamente grande; il soggetto sperimenta durante questo episodio, una perdita di controllo; Comportamento estremo nel controllo del peso(restrizione-vomito-lassativi- diuretici..)

12 CRITERI DIAGNOSTICI Disturbi della Alimentazione Non Altrimenti Specificati Non esistono criteri diagnostici per i NAS. Categoria residua dei DCA che non soddisfano i criteri diagnostici di AN e BN.

13 Modificazione dei DCA nel tempo Anni 60 AN Anni 70 BN Anni 90 DCA NAS AN binge BN multicompulsiva Anni 2000 BED, DCA prepuberi DCA maschili.

14 Modificazione dei DCA DSM IV, APA Anoressia nervosa (sottotipo restrittivo e bulimico 2 Bulimia Nervosa ( con o senza condotte di eliminazione) 3 Disturbi del Comportamento Alimentare Non Altrimenti Specificato (DCA NAS) Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED

15 Modificazione dei disturbi alimentari Disturbi polimorfi e difficili da incasellare negli alberi nosografici i Disturbi del Comportamento Alimentare sono mutati e si sono moltiplicati: Anoressia, Bulimia, Disturbo da abbuffata compulsiva, ma anche l Ortoressia (l ossessione del mangiare sano), le intolleranze alimentari, disturbi subliminali. Contemporaneamente si espande il problema obesità.

16 EPIDEMIOLOGIA DCA SOLO NEI PAESI OCCIDENTALI INDUSTRIALIZZATI? OGGI SONO PRESENTI ALLE ISOLE FIJI ED IN IRAN LE % SONO TRE VOLTE QUELLE DELL ITALIA SU 100 RAGAZZE (12-25 anni) A RISCHIO: 8-10 SOFFRONO QUALCHE DISTURBO 1-2 SOFFRONO UN DISTURBO GRAVE

17 Concettualizzazione cognitiva dei DCA: fattori di rischio fattori scatenanti fattori di mantenimento decorso e prognosi

18 Fattori di rischio individuali Demografici Psicologici e Psichiatrici Fisici Socioculturali Eventi avversi

19

20 Fattori di rischio psichiatrici e psicologici Deficit del concetto del sé Perfezionismo Pensiero del tutto e nulla Impulsività Preoccupazione estrema per il peso e le forme corporee Disturbi dell umore Disturbi d ansia

21 Fattori di rischio fisici Obesità Difficoltà alimentari precoci Diabete di tipo 1 Fattori perinatali Menarca precoce Anomalie neurotrasmettitori cerebrali

22

23 OBESITA INFANTILE Drammaticamente aumentata: 26-31% Prevalenza raddoppiata tra bambini tra 6 e 11 anni e triplicatatrai12e17anni. Aumento di rischi per la salute Stigmatizzazione che influenza autopercezione e rapporti sociali I trattamenti dietetici riportano il più delle volte a recupero del peso perduto oltre a perdita di controllo e BED E impossibile mantenere un controllo a lungo: relapse sotto forma di BE. Le persone che sono frequentemente a dieta hanno rimosso i limiti fisiologici della fame e sazietà sostituendoli con limiti cognitivi. Maggiori rischi se la dieta è stretta

24 PredittoridiED in unapopolazione diadolescenti All etàdi14 anni, il6% soddisfatutti icriteridel DSM- IV per ED. Il sesso femminile e l essere percepite sovrappeso dai propri genitori BMI dellamadre, Problemisociali, Bassa autostima Difficoltà neurocognitive Implicazioni nella prevenzione dei DCA, in relazione con l aumentodiprevalenzadiobesitàinfantile. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry Aug;48(8): Risk factors for full- and partial-syndrome early adolescent eating disorders: a population-based pregnancy cohort study. Allen KL, Byrne SM, Forbes D, Oddy WH.

25 Modificazione dei dca The Continuum Model of Eating Disorders EATING NORMALE PREOCCUPAZIONE PER IL PESO DIETA RESTRITTIVA BINGE EATING PURGING EATING DISORDER SUBCLINICO EATING DISORDER CLINICO

26 Immagine corporea, Disturbi alimentari e Mass media Insoddisfazione per il corpo e l immagine corporea. Combinazione di integratori alimentari, enfasi della bellezza e magrezza femminile, nelle pubblicità e nei programmi televisivi porta ad una grande confusione ed insoddisfazione per molti giovani. L esposizione ai Media, gioca un ruolo importante nello sviluppo di una immagine corporea disordinata. Legame tra esposizione ai Media e sintomi di alimentazione disordinata o franchi disturbi alimentari.

27 Ruolo della Dieta La restrizione dietetica, associata a sintomi depressivi, è predittiva della probabilità di sviluppare un BED Int J Eat Disord Apr;42(3): Subtyping dietary restraint and negative affect in a longitudinal community sample of girls. Chen EY, McCloskey MS, Keenan KE. Associazione tra overeatingemozionale e bingeeatingnei bambini, ed alti livelli di attenzione materna al comportamento alimentare restrittivo del bambino I bambini sovrappeso mangiano velocemente, con grandi bocconi, solo quando la madre è presente Il cibo è spesso utilizzato dai genitori per rinforzare comportamenti desiderati o non desiderati (ricompensa con cibi dolci, aumenta l attrazione per i dolci) Lo stile alimentare dei bambini obesi ha un rinforzo durante i pasti in famiglia: finire tutto, chiedere una seconda porzione per crescere I genitori hanno difficoltà a porre limiti, in genere

28 Relazione diretta tra sovrappeso, composizione corporea e rischio di sviluppare un DCA Nel 1994 il BED viene incluso nel DSM IV ed associato a psicopatologia significativa e comorbidità psichiatrica Bambini e adolescenti possono soffrire di BED: overeating scatenato spesso da stati emozionali e può servire come proposito regolatorio per compensare l ansia. Negli studi clinici la maggior parte dei BED è obesa perché non ha comportamenti compensatori.

29 Associazione tra abuso fisico, abbandono, abuso sessuale precoce (CSA) con obesità e disturbi alimentari nei giovani adulti. Nei maschi con CSA aumenta il rischio di sovrappeso ed obesità, mentre nelle donne prevale una maggiore tendenza ad atteggiamenti alimentari disfunzionali per perdere peso, con paura di perdere il controllo. Ragazze obese hanno rischio 4 volte maggiore di diventare vittime di aggressioni dai pari rispetto a ragazzi o ragazze non obese Associazione con depressione J Trauma Stress August; 22(4): Adverse childhood events are associated with obesity and disordered eating: Results from a U.S. population-based survey of young adults Bernard F. Fuemmeler, a* Eric Dedert, bc F. Joseph McClernon, b and Jean C. Beckham bc

30 DIETA e PERDITA DI CONTROLLO Poco chiaro come si manifesti il BE nel bambino, se l accesso di cibo è controllato dai genitori Fluttuazione della sintomatologia, perdita di controllo durante i pasti, o allefesteoal ristorante. I criteri del DSM IV non possono essere applicati al bambino, anche se gli episodi di perdita di controllo sono simili a quelli degli adulti. Ruolo di specifici trigger sociali o emozionali per il food intake. Peggioramento della obesità. Autopercezione: per i più piccoli conta il feed-back dei genitori, per gli adolescenti, quello dei pari, con rischio di autopercezione negativa. I bambini obesi che chiedono un trattamento rivelano prevalenza di problemi psicologici ed una bassa autostima, rispetto a quelli che non si sottopongono a terapia J Consult Clin Psychol December; 75(6): A Multisite Investigation of Binge Eating Behaviors in Children and Adolescents Marian Tanofsky-Kraff, Lien Goossens, KamrynT. Eddy, Rebecca Ringham, Andrea Goldschmidt, Susan Z. Yanovski, Caroline Braet, Marsha D. Marcus, Denise E. Wilfley, Cara Olsen, and Jack A. Yanovski

31 L alta prevalenza di obesità nella infanzia ed adolescenza e l incremento di prevalenza di DCA rende necessario sviluppare strategie per identificare e controllare questi problemi di salute pubblica. La necessità di queste strategie è rinforzata dal fatto che la prevalenza di queste patologie nell infanzia aumenta il rischio di sviluppare DCA ed altre patologie croniche nell adulto.

32 DIETA SI o NO? Come affrontare il problema se l obesità è una malattia e la dietaèunfattoredirischioperdca? Approccio No-diet/ No-weight loss, ma Weight control Non programmi di restrizione, che sortiscono effetti negativi inducendo comportamenti compulsivi, ma programmi di educazione alimentare che coinvolgano tutta la famiglia Approccio cognitivo-comportamentale: monitoraggio, contratto, controllo dello stimolo, premiare i risultati. Problem-solving, con la famiglia Coinvolgimento della scuola (mensa, merende a scuola, ecc) Tra i 7 e i 10 anni: l 80% di coloro che sono obesi a 10 anni tendono ad esserlo da adulti.

33 I 2/3 delle persone che perdono peso, lo riacquistano entro 1 anno e, dopo 5 anni, quasi tutti i pazienti a dieta tornano al peso precedente. ROSENBAUM M., et al: Obesity in NEJM Aug 7, 1997 n 6, vol 337, pp La maggior parte dei pazienti obesi non entra in trattamento; di quelli che entrano in trattamento la maggior parte non dimagrisce; di quelli che dimagriscono il 90% riacquista il peso perduto STUNKERD A.J., MC LAREN-HUMEM: The results of treatment for obesity, in Arch Intern Med, n 103, 1959, pp 79-85

34 Eccesso ponderale Recupero peso perduto Eccesso alimentare Il paradosso della dieta Disinibizione Ecclissi Dieta Fame E.P.R.D. Craving E. B. E.

35 Obesity is a complex disease because it arises from multifaceted interactions of genetic and environmental factors. McintyreA-M. J R SocHealth1998; 118; 76 84

36 Gene OB Prot.OB prodotta da T.A., indicatore delle scorte energ. Segnale al SNC Risposta regolatoria complessa

37 Esiste un fattore genetico anche nel senso di fame, oltre che nel consumo?

38

39 COME AGISCE la LEPTINA sul SIST. NERVOSO: Modello che mostra come un cambiamento nella adiposità del corpo è accoppiato a cambiamenti compensatori nella introduzione di cibo.

40 Centri Ipotalamici Integratori: vie neurali che generano risposte integrate. Primo ordine di neuroni NPY/AGRP e POMC/CART, nel N.Arcuato. Sono regolati dalla Leptina e proiettano al N.Paraventr.(PVN) alla Area Ipot. Lat.(LHA) e alla Area Perifornic.(PFA)

41 Il N. Arcuato contiene recettori per Glucocorticoidi, Estradiolo, Insulina, Leptina, GH. Integra stimoli emozionali e sensori e segnali periferici correlati allo stato metabolico. Si collega poi a quelle aree del cervello legate alla regolazione del Sistema Endocrino e del SN Autonomo.

42 I GENI della OBESITA codificano i componenti molecolari del sistema fisiologico che regola il PESO CORPOREO. Uno di questi è la LEPTINA. Il recettore della Leptina appartiene alla famiglia dei recettori delle citochine. Anche l Insulina è un segnale periferico chiave che regola l introduzione di cibo e la massa grassa del corpo.

43 CENTRI della FAME e SAZIETA Neuroni di II Ord. Contenenti TRH,CRH e Ossitocina nel PVN e quelli che esprimono Orexina e MCH nel PFA e LHA, hanno come effetto l inibizione della fame e lo stimolo della sazietà.

44 Modello neuroanatomico delle vie attraverso le quali i segnali di adiposità,(leptina ed Insulina), interagiscono con i circuiti centrali autonomici, regolando il livello del pasto.

45 FEED-BACK di regolazione del PESO. Questi fattori alterano l espressione dei geni negli adipociti, incluso il gene Ob, portando a cambiamenti nella quantità di Leptina circolante.

46 Il primo segnale ormonale di cui si è scoperta l implicazione nel controllo del peso è l Insulina. Poi la Leptina. Insulina e Leptina sono due segnali per l adiposità. L elenco dei neuropeptidi si allunga ogni giorno: GHRELINA: Ormone orexigeno ed adipogenico.e il ligando endogeno per i recettori Gh-secretagoghi ed un potente stimolante del GH.Ha un ruolo nella regolazione della introduzione di cibo e nella omeostasi energetica.e bassa negli obesi. Relazione inversa con l insulina:aumento di I postprandiale, sopprime la G.Negli obesi, si riduce la stimolazione del GH, da parte della G.Relazione con Obesità Viscerale.

47 GHRELINA: ormone peptidico, secreto maggiormente dallo stomaco, induce bilancio energetico positivo, attraverso la stimolazione dell appetito e cambiamenti metabolici. Aumenta prima del pasto, e diminuisce dopo. Iniziatore del pasto, o ormone della fame :segnale afferente che informa i circuiti regolatori centrali di bisogno energetico acuto. L iperinsulinemia postprandiale sopprime la ghrelina.

48 I recettori insulinici sono distribuiti nel SNC ed in particolare alta concentrazione in quelle aree del cervello coinvolte nel food intake e nella regolazione del peso. L insulina ha la capacità di rispondere rapidamente alle oscillazioni del metabolismo e provvede ad informare il cervello in tempo reale. Esercizio fisico a breve termine, non ha effetti evidenti sulla Leptina sierica. Esercizio fisico a lungo termine diminuisce l insulina e riduce la insulino resistenza.

49 L attività ipotalamica indotta dallo stress, è causa sia di aumentata liposintesi, attraverso la stimolazione dell asse CRF-ACTH-Cortisolo, sia dell inibizione dell asse GRH-Gonadotropine-Testosterone, con ridotta lipolisi ed incremento del grasso intraaddominale.

50 Probabilità che un soggetto di 30 anni sia o divenga obeso: 73,2 % nelle donne 92,2 % negli uomini Ann Intern Med; 143:

51 Un individuo su 3 è obeso, cioè ha un peso superiore del 20% rispetto al peso ideale. L obeso presenta un aumento del 20% del rischio di mortalità connesso a complicanze (ipertensione, diabete, iperlipemia) Le complicanze dell obesità gravano sulla spesa sanitaria per circa 10 miliardi di euro ogni anno L obesità è la seconda causa di morte prevenibile nel mondo occidentale.

52 CORRELAZIONE FRA BMI E RISCHIO DI MORTALITÀ

53

54 Conseguenze e complicanze dell obesità Sindrome metabolica Diabete Mellito e sue complicanze Malattie cardiovascolari e loro complicanze Ipertensione Ictus Cancro(mammella,colon,utero, esofago, pancreas, rene, prostata) Malattie cardiorespiratorie(apnee) Osteoartrosi e malattie reumatiche Patologiegastroentericheedepatiche(NAFLD, colelitiasi, pancreatite) Incontinenza urinaria Ipogonadismo(Infertilità-DE) Elevata mortalità

55 Conseguenze obesità Sindromi psichiatriche Impatto psicologico Isolamento sociale Riduzione attività sessuale Scarsa stima personale Depressione/Ansia Impatto economico

56 Obiettivi del trattamento dell obesità Alcuni indicatori Eventi clinici Incidenza malattie cardiovascolari Valutazione biologico-fisiologiche Sindrome metabolica Incidenza sui fattori di rischio Mortalità

57 Obesita e BED Wooley & Garner, nel 1991, affermavano che molti obesi soffrivano di sensi di colpa legati all insuccesso dei trattamenti, ma che la responsabilità era da attribuire ai terapeuti che non davano il giusto peso alle componenti psicologiche 57

58 L OBESO è COLPEVOLE o INNOCENTE?

59 Obesità e DSM-V obesità come eatingdisorder La letteratura scientifica recente conferma la descrizione di due sindromi distinte, frequentemente associate a obesità: binge eating eating disorder (BED)e night eating syndrome(nes) La descrizione delle due sindromi è basata sul comportamento alimentare Varie ricerche sostengono l ipotesi che la presenza di abbuffate compulsive (BED) aumenta il rischio di incremento ponderale e che la cessazione di tale comportamento abnorme tende ad associarsi a una stabilizzazione del peso (obesogenic binge eating disorder). Sulle associazioni fra NES e obesità mancano invece ancora studi sufficienti, soprattutto di tipo longitudinale

60 Obesità e DSM-V obesità come emotionaldisorder Un secondo modello collega l obesità a un iperalimentazione non-omeostaticainterpretata come risposta allo stress o come regolatore degli stati emotivi Obesogenic emotional eating disorder Anche in questo caso i dati offerti dalla ricerca sono interessanti ma non ancora sufficientia giustificare una revisione dello statuto nosologico dell obesità o di alcune sue forme

61 Obesità e DSM-V obesità come foodabusedisorder Un terzo modello associa l obesità a un rapporto di tipo tossicomane con il cibo Obesogenic food abuse disorder (food addiction) Tale ipotesi lega l iperalimentazione a un alterato funzionamento del sistema di gratificazione o ricompensa (reward system). I dati offerti dalla ricerca sono interessanti ma non ancora sufficienti sufficientia giustificare una revisione dello statuto nosologico dell obesità o di alcune sue forme

62 Recenti studi hanno dimostrato che il cibo in alcune circostanze può comportarsi come una SOSTANZA D ABUSO, inducendo l individuo ad assumere cibo indipendentemente dalla reale necessità, andando ad attivare i meccanismi neuroendocrini di REWARD

63 Attività fisica Cibo e Dolci Esperienze sessuali Aumento delle Endorfine Altri piaceri? Azione sulle vie nervose che innervano gli organi periferici, per stimolare il piacere. Aumento della Dopamina Euforia E Piacere Azione sulle vie nervose che innervano gli organi periferici, per stimolare il piacere.

64 Zuccheri raffinati e grassi animali inducono dipendenza: importanza dell indice glicemico. Legame tra Nucleo Accumbens ed Ipotalamo che spiega la connessione tra gratificazione e comportamento alimentare. Ridotta attività della Corteccia Orbitofrontale che spiega il comportamento compulsivo. Attività dell Amigdala che entra in gioco quando c è allarme(es. nel digiuno o nello stress)

65 Addiction and obesity (Volkow et al., 2008) Volkow ND, Wang GJ, Fowler JS, Telang F. Overlapping neuronal circuits in addiction and obesity: evidence of systems pathology. Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci 2008; 363(1507): Cibo e droghe esercitanoi loro effetti dirinforzo in parte aumento della attraverso aumento dopamina dopamina(da) nella regione limbica: ciò ha creato interesse nel comprendere come le droghe siano correlate con l obesità.

66 The central control of food-intake AP, area postrema ME, median eminence NAC,nucle us accumbens PFA, perifornic al area

67 FoodIntakee FoodAddiction Modificata da: Hyman SE. Annu Rev Neurosci 2006; 29: From periphery Ghrelin Leptin PYY CCK Opiates Dopamine Serotonina Reward center Nucleo Accumbens NPY Orexin MCH Α-MSH DM PVN Hypothalamus LH Taste sensing:reward PALATABLE FOOD VMH Arcuato Brain stem Termination of Food intake Prolungation of food intake Food ingestion

68 Il fattore più importante che lega l uomo al suo nutrimento è il principio del PIACERE Impoverimento della sfera sensoriale dell uomo contemporaneo

69 Da quando l uomo è comparso sulla terra la sua spinta alla sopravvivenza ha fatto sì che le sue scelte fossero dirette dal piacere e dalla gratificazione

70 Nell evoluzione e nella storia gli stimoli sono cambiati ma la spinta è la stessa

71 Nessun animale cucina il cibo L uomo ha trasformato un bisogno in un piacere Ritualità Convivialità

72 L uomo si impadronisce del fuoco Nel momento in cui il cibo incontra il Fuoco, sancisce l incontro tra Umano e Divino

73 Il cibo acquista valenza spirituale Cibo delle feste Sacrificio Sospensione delle regole Allontanamento del male Propiziazione

74 Cibo come identità Il Barone Rampante Cibo come simbolo: i simboli cambiano col cambiare del tempo, per cui oggi i cereali sono cibo di elite Il cibo è uno dei modi con cui la soc. contemporanea recupera il passato Cultura del territorio attraverso la cucina

75 L uomo è ciò che mangia Diogene Pitagora: le fave non dovevano essere mangiate perché contenevano le anime dei genitori defunti (Metempsicosi) Nei pitagorici questo produceva un tabù alimentare Insieme al cibo si digeriscono idee, immagini, memoria

76 Alcuni studi attribuiscono importanza prevalentemente a fenomeni sociali e psicologici e non danno grande spazio ai meccanismi biologici che possono giocare un ruolo importante nell equilibrio tra sensazioni positive e negative. Dall altra parte alcuni studi riconoscono prevalentemente le emozioni come dei risultati di fluttuazioni nella biochimica del cervello

77 In realtà entrambe queste dimensioni sono coinvolte. C è un dialogo tra dimensioni sociali e biochimiche misurabili in entrambe le direzioni

78 Da una parte gli individui possono ottenere piacere da interazioni con l ambiente sociale, ma possono ottenerlo anche usando sostanze psicoattive.

79 vita sociale droghe Anche le droghe possono servire come stimolanti o stressori per la vita sociale, laddove l impatto dei fattori sociali può influenzare sostanze segnale nel cervello DA NA 5-HT Glu

80 endorfine La scoperta del sistema degli oppioidi endogeni ha permesso di sviluppare le ricerche tese a collegare le dimensioni sociali e psicologiche del piacere alla biochimica cerebrale. Oggi è ben definito il legame tra i peptidi oppioidi e le componenti emozionali comprese nel piacere.

81 Sappiamo che le endorfine sono rilasciate da varie aree cerebrali che includono ipotalamo ed ipofisi Ci sono molte altre aree cerebrali contenenti cellule che esprimono peptidi oppioidi. In aggiunta le endorfine sono presenti in una varietà di tessuti periferici che comprendono le surrenali, il cuore, il tratto gastro intestinale endorfine

82 L apparato digerente produce sostanze psicoattive: il 95% della Serotonina circolante è prodotta dai neuroni presenti a livello enterico. Ricordi legati ad emozioni: profilo emotivo, sensazioni, stress. Fame e sazietà influiscono sul tono dell umore, e ne sono influenzati a loro volta. Comunicazione bidirezionale tra i due cervelli.

83 Gastric stimulation in obese subjects activates the hippocampus and other regions involved in reward circuitry Wang et al., 2006

84 Fegato e cervello: 20% del metabolismo Muscolo e apparato digerente: 15% Nell uomo, fegato, cuore e reni hanno lo stesso peso che negli altri primati Il cervello pesa 3 volte di più, l intestino 2 volte di meno quindi il sacrificio energetico a vantaggio del cervello avviene a spese dell intestino.

85 Cosa si sa dell effetto delle endorfine sul piacere? Fin dalla prima scoperta degli oppioidi ci fu subito un grande interesse per questo compound in relazione ai comportamenti sociali. Cercare il possibile ruolo delle endorfine nei meccanismi del piacere ha attratto studiosi di tutto il mondo.

86 endorfine Nel cervello le endorfine sono prodotte all interno delle cellule nervose. Una cellula nervosa consiste di un corpo cellulare con dendriti, un assone ed una terminazione nervosa. Le endorfine sono sintetizzate all interno del corpo cellulare

87 Le cellule nervose sono responsabili delle comunicazioni tra diverse aree del cervello. Comunicano attraverso il rilascio di trasmettitori nelle sinapsi per stimolare recettori localizzati su cellule nervose adiacenti

88 Le endorfine o qualsiasi altro trasmettitore o droga, per poter avere effetto sul cervello o su qualsiasi funzione cerebrale, necessitano di recettori sulla superficie delle cellule nervose. I recettori ricevono segnali dai trasmettitori rilasciati ma potrebbero essere attivati anche da sostanze esogene somministrate droghe Cibo endorfine

89 Brain Reward System Per capire i meccanismi attraverso i quali gli oppioidi endogeni (le endorfine), partecipano all esperienza del piacere è essenziale conoscere l anatomia funzionale del BRS. Questo sistema è responsabile della nostra risposta ad esperienze piacevoli ma anche alle droghe. Il BRS può anche essere stimolato elettricamente o meccanicamente. In molti casi questo genere di stimoli coinvolgono il sistema delle endorfine.

90 cibo dolci carezze esercizio fisico esperienze sessuali endorfine musica risate gioco d azzardo buoni ricordi

91 Una serie di piacevoli esperienze sono risultate influenzare il BRS attraverso un meccanismo che coinvolge gli oppioidi endogeni. 1) Esercizio fisico, come correre o fare jogging si è visto che aumenta la concentrazione plasmatica di β-endorfine nell uomo ed i livelli cerebrali degli stessi peptidi nel ratto. 2) L assunzione di cibopure coinvolge gli oppioidi endogeni. Per esempio, le β-endorfine aumentano l assunzione di un cibo preferito.

92 L assunzione di cibo può essere influenzata dalla somministrazione del naloxone che blocca il recettore degli oppioidi. 3) L assunzione di dolcistimola il rilascio di β-endorfine e può essere ridotto in presenza di naloxone. 4) Il contatto ed il massaggiosi ritiene possano stimolare il rilascio di endorfine (in aggiunta ad altri neuroormoni) per generare sensazioni piacevoli 5) Esperienze sessuali (orgasmo) si è visto che sono connesse con aumentato rilascio di β-endorfine.

93 Anche molte droghe aumentano l attività nel BRS. Molte di queste (come gli stimolanti centrali e gli allucinogeni) non rilasciano direttamente le endorfine. Gli oppioidi, come l eroina, usano il recettore mu dell endorfina. Altre droghe come l alcol e la nicotina inducono i loro piacevoli effetti attraverso un lento rilascio di endorfine.

94 L alcol si sa che aumenta l attività nel BRS attraverso l aumento del rilascio delle β- endorfine cerebrali. Un nuovo approccio terapeutico per l alcolismo è trattare il paziente con naltrexone, un antagonista degli oppioidi. Questo ha lo scopo di ridurre l effetto euforizzante della droga. L efficacia di questo trattamento aumenta se associata a terapia cognitiva.

95 Ci sono molti circuiti e trasmettitori cerebrali che sono stati suggeriti essere di importanza nel BRS. Tuttavia, nessuno risponde così bene alle caratteristiche che ci si aspetta per i circuiti coinvolti nel brain reward, come il Sistema Mesolimbico Dopaminergico.

96 Il Sistema Mesolimbico Dopaminergico consiste di un insieme di vie nervose che utilizzano Dopamina come trasmettitore. Questa rete di neuroni dopaminergici origina nell Area Tegmentale Ventrale (VTA) e proietta al Nucleo Accumbens. Alcune proiezioni si estendono anche alla corteccia frontale. Questa via risponde a vari stimoli cerebrali, in particolare alle droghe ma anche a fonti esterne come cibo, dolci ed altri numerosi piacevoli stimoli.

97 Dinorfine Endorfine Le endorfine negative (dinorfine),sono rilasciate nel Nucleo Accumbens e, attraverso l attivazione di recettori kappa, esse inibiscono il rilascio di dopamina nelle sinapsi. Quindi, l attività nella via dopaminergica, è bilanciata da endorfine positive e negative.

98 Per vedere se i dolci influenzassero il BRS si è fatto questo esperimento: I ratti erano portati a bere acqua dolce per due settimane. Durante le settimane successive i ratti avevano accesso ad una bottiglia di acqua pura ed una bottiglia di acqua contenente zucchero. Durante questo tempo pressochè tutti gli animali preferirono l acqua con lo zucchero. Tuttavia, un gruppo di animali trattati con naloxone non mostrava preferenze. Essi bevevano indifferentemente la stessa quantità di acqua da entrambe le bottiglie. Naloxone N D Dolce

99 Stimolanti Centrali Oppiacei (eroina) Alcool Via mesolimbica dopaminergica L attività della dopamina nella via mesolimbica è aumentata da varie sostanze di abuso. L azione si esplica sempre attraverso il recettore delle endorfine e l inibizione del GABA.

100 Anche il piacere della madre e del bambino associati rispettivamente alla lattazione ed alla suzione, si pensa che coinvolgano gli oppioidi endogeni. In questo caso si è postulato che lo stesso latte possa produrre una sostanza oppioido-simile che possa raggiungere sia il cervello della madre che del bambino.

101 La proteina del latte β-caseina può essere enzimaticamente degradata fino a generare un frammento peptidico con attività oppioide. Questo frammento attivo è conosciuto come β- casomorfina. Β-casomorfina Β-caseina PRL

102 L attività della dopamina nella via mesolimbica è influenzata anche dalla memoria. Il ricordo dell esperienza di una certa droga può indurre craving. La memoria ed il ricordo di esperienze piacevoli o spiacevoli può influenzare l attività della dopamina (forse attraverso le endorfine). Anche l aspettativa di qualcosa di piacevole può influenzare l attività della dopamina nel BRS.

103 I TRAUMI NON SI CANCELLANO In pratica una grande paura difficilmente può essere cancellata, può quindi riattivarsi nel momento in cui si ripresentano stimoli simili a quelli che l hanno generata

104 Necessità di una dieta Controllo cognitivo Motivazioni per controllare il comportamento alimentare Motivazioni del piacere Mangiatore represso Innesco di processi ironici

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE assificazione dei D.C.A Anoressia Mentale Bulimia Mentale DSM III (1980) Pica,

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

Obesity week VI edizione. Dieta: piacere o maledizione. Leone ARSENIO

Obesity week VI edizione. Dieta: piacere o maledizione. Leone ARSENIO Obesity week VI edizione Dieta: piacere o maledizione. Leone ARSENIO Troppe diete Troppe diete negli adolescenti non favoriscono la regolazione a lungo del peso Troppe diete negli adolescenti, come negli

Dettagli

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Dipartimento di Psicologia Facoltà di Medicina e Psicologia Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Caterina Lombardo caterina.lombardo@uniroma1.it Negli ultimi secoli si è assistito

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

sociali, vissuti intra-psichici

sociali, vissuti intra-psichici Frequente evoluzione verso quadri long- term Le risposte disfunzionali: : ad eventi stressanti, sollecitazioni psico-sociali sociali, vissuti intra-psichici psichici Conseguenti a pensieri automatici (dicotomia,

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DEFINIZIONE I disturbi dell alimentazione possono essere definiti come persistenti disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

GSATN. In collaborazione con L UMAB di Brescia Corso biennale di Agopuntura Auricolare. Direttore: Dott. GIANCARLO BAZZONI

GSATN. In collaborazione con L UMAB di Brescia Corso biennale di Agopuntura Auricolare. Direttore: Dott. GIANCARLO BAZZONI GSATN In collaborazione con L UMAB di Brescia Corso biennale di Agopuntura Auricolare Direttore: Dott. GIANCARLO BAZZONI AURICOLOTERAPIA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: ALCUNI CASI CLINICI Relatore:

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

Agopuntura auricolare Trattamento integrato dell obesità

Agopuntura auricolare Trattamento integrato dell obesità Giancarlo Bazzoni Scuola Medica Italiana Agopuntura Auricoloterapia G.S.A.T.N. Sassari www.masterauricoloterapia.it L OBESITÀ RAPPRESENTA LA PIÙ COMUNE PATOLOGIA CRONICA DEL MONDO OCCIDENTALE. SONO CIRCA

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze LE DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA E LE DIPENDENZE PATOLOGICHE Anni 8: emergenza eroina Anni 9: le politossicodipendenze CONVEGNO: FAMIGLIA E MALATTIA 9 MARZO 212 Garbagnate Milanese Terzo millennio:

Dettagli

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia?

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia? Anoressia Quando ci si accorge della malattia? Ciò che rende l anoressia una malattia difficile da curare, è il suo insorgere subdolo, facilmente confondibile con una semplice astenia o con la scelta di

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

I DISTURBI ALIMENTARI: quando magiare è un problema

I DISTURBI ALIMENTARI: quando magiare è un problema I DISTURBI ALIMENTARI: quando magiare è un problema Incontri Uni-ATENeO 4 novembre 2014 dr.ssa Anna Galeotti Cibo e disturbi alimentari Corpo luogo di manifestazione del rapporto uomo-cibo L immagine

Dettagli

I problemi endocrinologici in età evolutiva

I problemi endocrinologici in età evolutiva III CONVEGNO REGIONALE SINDROME DI PRADER WILLI I problemi endocrinologici in età evolutiva Lorenzo Iughetti Dipartimento Materno-Infantile Università di Modena e Reggio Emilia Rappresentazione schematica

Dettagli

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA Nella cultura occidentale le prime descrizioni cliniche di anomalie dell alimentazione risalgono a più di 2000 anni fa. Alcune sante cristiane avevano un comportamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

STILI DI VITA E OBESITA

STILI DI VITA E OBESITA STILI DI VITA E OBESITA IL PESO DELLA VITA 8 Maggio 2010 Martinelli Franca Dipartimento di Salute Mentale RE Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED Big eating disorder La definizione del disturbo

Dettagli

!!!!! STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014

!!!!! STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014 STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014 Dott.ssa Giulia Tognana Centro per i DCA - Casa di Cura Privata Villa Margherita

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta Alimentare: DCA dr Giuseppe Sapienza dr. Giuseppe Sapienza psichiatra Il presente intervento vuole offrire

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

FUORI CONTROLLO doc. 52

FUORI CONTROLLO doc. 52 FUORI CONTROLLO doc. 52 di Daniele Cini e Claudia Pampinella regia di Daniele Cini direttore della fotografia Luigi Montebello Marina e Roslyn, Centro DCA Kenn Ghal Sahhtek, Malta LORETTA, FRANCA, MARINA

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti:

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: BULIMIA NERVOSA A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che

Dettagli

OSSITOCINA L ORMONE-NEUROTRASMETTITORE DEL CERVELLO EMOTIVO

OSSITOCINA L ORMONE-NEUROTRASMETTITORE DEL CERVELLO EMOTIVO 22 Convegno di Psicosomatica PNEI OSSITOCINA L ORMONE-NEUROTRASMETTITORE DEL CERVELLO EMOTIVO "La notte ha mille occhi, il giorno uno solo eppure la luce del mondo muore, quando il sole è finito. La mente

Dettagli

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali 9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali Nel gioco d azzardo patologico sono stati descritti alcuni processi e condizioni caratteristiche che spiegano ulteriormente la patologia. Riassumendo quanto

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Corso di formazione per allenatori 6 luglio 2013 I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Dott.ssa Tatiana Zanetti Lo svolgimento di questo corso di formazione per gli allenatori

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

PNEI, obesità e dolore dell anima: biotipologie del comportamento alimentare e trattamento low dose

PNEI, obesità e dolore dell anima: biotipologie del comportamento alimentare e trattamento low dose PNEI, obesità e dolore dell anima: biotipologie del comportamento alimentare e trattamento low dose Dott.ssa Diana Rosati Prof. Massimo Alibrandi Food and Mood Serotonina, una molecola nota

Dettagli

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa E semplice individuare le pazienti a rischio clinico? Parametri di laboratorio: ad es albuminemia : raramente alterata (ridotto catabolismo dell albumina e disidratazione).

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA.

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA. I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? In Italia circa 3 milioni di persone, pari al 5% della popolazione, soffre di disturbi del comportamento alimentare (DCA): il 95% sono donne, anche se sempre più numerosi

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733 BARDUCCO MICHELA DATI ANAGRAFICI Recapito telefonico: 327.3512733 CURRICULUM IN BREVE Mi sono laureata nel 2003 in Dietistica presso l Università degli Studi di Genova con una tesi sul Trattamento cognitivo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E CERVELLO incontri per riflettere sul cibo e nutrire i nostri pensieri

ALIMENTAZIONE E CERVELLO incontri per riflettere sul cibo e nutrire i nostri pensieri Settimana del cervello 2014 ALIMENTAZIONE E CERVELLO incontri per riflettere sul cibo e nutrire i nostri pensieri 10-14 marzo 2014 Circolo dei Lettori, Via Bogino 9 Torino La Settimana del Cervello 2014

Dettagli

La clinica del Gioco d azzardo patologico nei Dipartimenti per le Dipendenze

La clinica del Gioco d azzardo patologico nei Dipartimenti per le Dipendenze La clinica del Gioco d azzardo patologico nei Dipartimenti per le Dipendenze Giuseppe Zanda (Lucca) Convegno Giocare per vivere o vivere per giocare Torino, 21 novembre 2006 Argomenti Definizione di gioco

Dettagli

ROMA 27-28 marzo 2014

ROMA 27-28 marzo 2014 ROMA 27-28 marzo 2014 Fragilità, disfunzione muscolare e ruolo dell esercizio nella CKD come adiuvante al supporto nutrizionale Giuliano Brunori S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento

Dettagli

e di altri tessuti connessi con la funzione riproduttiva.

e di altri tessuti connessi con la funzione riproduttiva. CORSO DI FORMAZIONE TECNICO EDUCATORE REGIONALE LA MACCHINA DELL UOMO: CENNI DI FISIOLOGIA, ANATOMIA DELL APPARATO LOCOMOTORE LA TRIADE DELLE ATLETE Relatore: Dott.Michele Bisogni Medico chirurgo Specializzando

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE LE COMPLICANZE ADIPOSA DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE E sempre più chiaro che non è tanto l entità della massa adiposa a incidere negativamente sulla salute, quanto la distribuzione del

Dettagli

Progetto prevenzione cardiovascolare

Progetto prevenzione cardiovascolare Progetto prevenzione cardiovascolare Dott. Fabrizio Zappaterra Obesità e sindrome metabolica Il peso ideale fu inizialmente calcolato mediante la formula di Broca: peso ideale per la donna (Kg) = altezza

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Sociali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Sociali Materiale: Intervento sessione di lavoro: Fenomeni di abuso: nuovi soggetti per altri oggetti. Relatore: Laura Tidone, Dipartimento delle Dipendenze ASL della Provincia di Bergamo, Chairperson ECCAS (European

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO.

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. Esiste un rapporto inestricabile tra cibo ed emozioni, tra i cibi assunti per bisogno fisiologico e quelli assunti come appagamento

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

STUDIO DI DIETOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA- WWW.ILNUTRIZIONISTARISPONDE.IT Dott. Uliano R

STUDIO DI DIETOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA- WWW.ILNUTRIZIONISTARISPONDE.IT Dott. Uliano R IL METABOLISMO La causa comune dell obesità consiste in un aumento delle entrate caloriche rispetto alle uscite e di conseguenza ad un dispendio energetico non adeguato rispetto a ciò che si mangia. La

Dettagli

Donne, corpo e contraccezione

Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione A cura di Questa guida nasce per aiutarti ad individuare quali sono i campanelli d allarme da cogliere per accorgerti dello scivolamento verso

Dettagli

Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria

Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria 157 I Disturbi del Comportamento Alimentare Laura Dalla Ragione Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria Maria Vicini

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli