I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA"

Transcript

1 ALIMENTI E SALUTE, DALLA NASCITA ALL'ETÀ' ANZIANA. PREVENIRE E CURARE CON LA GIUSTA ALIMENTAZIONE. Comune di Genzano di Roma. Sala delle Armi. Via Italo Belardi, Settembre 2014 I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA

2 ALIMENTI E SALUTE, DALLA NASCITA ALL'ETÀ' ANZIANA. PREVENIRE E CURARE CON LA GIUSTA ALIMENTAZIONE. Comune di Genzano di Roma. Sala delle Armi. Via Italo Belardi, Settembre 2014 Ore 11,50 I Disturbi Del Comportamento Alimentare Nell'adolescenza AGENDA: NOTE EPIDEMIOLOGICHE I DCA EVOLUZIONE DELL INQUADRAMENTO NOSOGRAFICO: DSM-IV-TR VERSO DSM5 I DCA E IL CRITERIO DIAGNOSTICO CATEGORIALE (DSM) DELLA SOGLIA CLINICA (malnutrizione, obesità, vigoressia ecc) I DCA UNA DIMENSIONE NOSOGRAFICA CON ʺCRITICITÁʺ A DECORSO LONGITUDINALE? NOTE CONCLUSIVE

3 I COMPORTAMENTI ALIMENTARI DISFUNZIONANTI: dati epidemiologici secondo una panoramica internazionale Prevalenza Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge-Eating Disorder Life-time Adulto 0,5-0,6% (Garfinkel et al 1995; Walters & Kendler 1995) 1 3 % (Brushnell et al 1990; Kendler 1991; Garfinkel et al 1995) 2,8% (National Comorbidity Survey Replication NCS-R [2.980 sg]; Hudson et al 2007) 1% (Bijl et al 1998) 0,6 % (Bijl et al 1998; Hudson et al 2007) 1,1% (European Study on the Epidemiology of Mental Disorder ESEMEeD [4.139 sg]; Preti et al 2009) Life-time Adolescenti 0,3 % (Swanson et al 2011*) 0,9 % (Swanson et al 2011*) 1,6 (National Comorbidity Survey Replication Adolescent Supplement NCS-R; Swanson et al 2011) 12 mesi 0% (Hudson et al 2007; Preti et al 2009) 0,1-0,5 % (Hudson et al 2007; Preti et al 2009) 1,2-1,4 % (Hudson et al 2007; Swanson et al 2011*) Prevalenza Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge-Eating Disorder Life-time Adulto 0,7% (F: 1,2%; M: 0%) (Carta et al 2014)) 0,6% (F: 0,8%; M: 0,3%) (Carta et al 2014) 3,398 soggetti di 6 regioni d Italia (Swanson et al 2011* nessuna differenza tra M e F nell adolescenza nelle stime life-time e a 12 mesi per l AN: 0,3% verso 0,3% e 0,2% verso 0,2%) 0,5% (F: 0,8%; M: 0,3%) (Carta et al 2014)

4 Cumulative life time Prevalence Cumulative life time Prevalence of Anorexia Nervosa (AN), Bulimia Nervosa (BN), Binge Eating Disorder (BED), Any Binge Eating (ABED), Any Eating Disorder (AED). Paese Prevalenza Lifetime DCA Francia 4.15 ( ) Belgio 3,54 (2.0-6,3) Italia 3.35% ( ) Olanda 1.74% ( ) Germania 1.28% ( ) Spagna 2.42% ( ) Any Eating Disorder Any Binge Eating Disorder Binge Eating Disorder Total Lifetime prevalence AN BN BED st-bed A-BED 0,48% 0,51% 1,12 % 0,72% 2,15 Onset of disorder Bulimia Nervosa Anorexia Nervosa Any Binge Eating : binge eating episodes (again, not requiring DSM-IV criteria B and C); occurring at least twice a week for at least 3 months, but lacking the hierarchical exclusion criterion if the individual simultaneously exhibited another ED

5 149 articoli sull epidemiologia dei DCA (pubblicati tra il 1975 e il 2013, selezionati da 7.941; i partecipanti agli studi sono stati reclutati in 35 Paesi, Italia compresa; le diagnosi sono state svolte a partire dal DSM-III fino al DSM-IV-TR; gli strumenti diagnostici: interviste strutturate; i principali disturbi: AN, BN, BED, EDNOS, subclinici AN-BN-BED, sindrome da alimentazione notturna) : 86 articoli inerenti i correlati sociodemografici 57 articoli inerenti i correlati ambientali 13 articoli inerenti i correlati genetici Correlati ambientali nell epidemiologia dei ED Nei 57 studi considerati ( ) i DCA hanno presentato una maggiore significativa relazione con: 1. ambiente sportivo soprattutto con connotazione estetica (danza e ginnastica) e con sports correlati con la magrezza o con il peso (wrestling) 2. storia di abuso sessuale o fisico con tutti i DCA e soprattutto per la BN (minore conferma di evidenze nell età infantile) 3. l attività di modella con una più alta prevalenza per AN clinica e subclinica 4. numero significativo di eventi di perdita o destabilizzanti (trasloco, modifiche del nucleo familiare) e più in generale con esperienze stressanti (segnalazione di importanti fattori stressanti, situazioni pressanti o fortemente stimolanti)

6 b b a b b b b b c a a a a b a a a soggetti studio Rane (età gestazionale - 20 anni) a b a b a b a a b a b c con una p <.05 CBCL: Child Behavior Checklist; WISC: Wechsler Intelligence Scale for Children, 3rd ed

7 Correlati Genetici nell epidemiologia dei DCA 149 articoli sull epidemiologia dei DCA (pubblicati tra il 1975 e il 2013, selezionati da 7.941; i partecipanti agli studi sono stati reclutati in 35 Paesi, Italia compresa; le diagnosi sono state svolte a partire dal DSM-III fino al DSM-IV-TR; gli strumenti diagnostici: interviste strutturate; i principali disturbi: AN, BN, BED, EDNOS, subclinici AN-BN-BED, sindrome da alimentazione notturna) : 86 inerenti i correlati sociodemografici 57 inerenti i correlati ambientali 13 inerenti i correlati genetici Nei 13 studi considerati ( ) è stata descritta una relazione significativa tra: 1. 5-HTTLPR, rispetto a BN e BED 2. DRD4 (gene del recettore D4 per la Dopamina) rispetto al sottotipo dell AN abbuffate / condotte di eliminazione, ma non con il tipo restrittivo di AN (perfezionismo con e senza DCA) 3. DRD2 (gene del recettore D2 per la Dopamina) rispetto a BED 4. Ampia comorbilità psichiatrica rispetto a disturbi d ansia e depressione nei soggetti con BED

8 Eating disorder symptoms do not just disappear: the implications of adolescent eating-disordered behaviour for body weight and mental health in young adulthood. Herpertz-Dahlmann B, Dempfle A, Konrad K, Klasen F, Ravens-Sieberer U; The BELLA study group. Eur Child Adolesc Psychiatry Sep 11 1,734 soggetti (60.6 %) [dei 2,863 partecipanti allo studio BELLA ]; età: anni; follow-up di 6 anni: Strumenti di Valutazione: SCOFF: Screening Questionnaire For Disordered Eating, CES-DC: Centre for Epidemiological Studies Depression Scale for Children, SCARED: Screen for Anxiety-Related Emotional Disorders questionnaire, PHQ: Patient Health Questionnaire, BMI: Body Mass Index RISULTATI I DCA dimostrano un decorso piuttosto stabile tra gli 11 e i 18 anni, anche se la prevalenza e la gravità del DCA diminuisce con l'avanzare dell età. É descritta una significativa associazione tra disturbi alimentari in adolescenza, sovrappeso e obesità dopo 6 anni di follow-up, indipendente dal BMI basale dei soggetti e dei genitori. É descritta un importante associazione tra DCA basale e depressione in età adulta. Maggiori punteggi di depressione in adolescenza hanno presentato una significativa correlazione con condizioni di estremo sottopeso in età più avanzata, mentre i punteggi di ansia più elevati hanno trovato una maggiore associazione con obesità nelle età successive.

9 Pediatrics Aug 25. pii: peds [Epub ahead of print] Eating Disorders in Children and Adolescents: State of the Art Review. Campbell K 1, Peebles R 2. Author information 1 The Craig Dalsimer Division of Adolescent Medicine, Department of Pediatrics, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania, The Children's Hospital of Philadelphia, Philadelphia, Pennsylvania. 2 The Craig Dalsimer Division of Adolescent Medicine, Department of Pediatrics, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania, The Children's Hospital of Philadelphia, Philadelphia, Pennsylvania Abstract Despite their high prevalence, associated morbidity and mortality, and available treatment options, eating disorders (EDs) continue to be underdiagnosed by pediatric professionals. Many adolescents go untreated, do not recover, or reach only partial recovery. Higher rates of EDs are seen now in younger children, boys, and minority groups; EDs are increasingly recognized in patients with previous histories of obesity. Medical complications are common in both full and subthreshold EDs and affect every organ system. No single cause of EDs has emerged, although neurobiological and genetic predispositions are emerging as important. Recent treatment paradigms acknowledge that they are not caused by families or chosen by patients. EDs present differently in pediatric populations, and providers should have a high index of suspicion using new Diagnostic and Statistical Manual, 5th edition diagnostic criteria because early intervention can affect prognosis. Outpatient family-based treatment focused on weight restoration, reducing blame, and empowering caregivers has emerged as particularly effective; cognitive behavioral therapy, individual therapy, and higher levels of care may also be appropriate. Pharmacotherapy is useful in specific contexts. Full weight restoration is critical, often involves high-calorie diets, and must allow for continued growth and development; weight maintenance is typically inappropriate in pediatric populations. Physical, nutritional, behavioral, and psychological health are all metrics of a full recovery, and pediatric EDs have a good prognosis with appropriate care. ED prevention efforts should work toward aligning with families and understanding the impact of antiobesity efforts. Primary care providers can be key players in treatment success.

10 Pediatrics Aug 25. pii: peds [Epub ahead of print] Eating Disorders in Children and Adolescents: State of the Art Review. Campbell K 1, Peebles R I DCA in età pediatrica sono più diffusi del Diabete tipo 2 e hanno una diversa espressione clinica tra esordio infantile molto precoce, precoce (EO) ed adolescenza 2. La prevalenza lifetime dell AN è stimata tra 0,5% e 2% con un picco nel periodo di età tra i 13 e i 18 anni 3. La mortalità nell AN è stimata tra il 5 e il 6 %, i tassi più alti di mortalità trovano associazione con comorbilità psichiatrica 4. La prevalenza lifetime dell BN è stimata tra 0,9% e 3% con un picco nel periodo di età tra i 16 e i 17 anni 5. Il rischio di suicidio nei BN è alto, circa il 2% 6. La stima degli EDNOS tra gli adolescenti è stimata pari al 4,8% 7. L eziologia non è stata ancora pienamente definita (maggiore rischio per DCA nei pazienti con malattie croniche soprattutto diabete mellito insulinodipendente) 8. Tra gli strumenti diagnostici sono inclusi rapidi questionari di screening, validati, come lo SCOFF (5 items) 9. I DCA presentano complicanze mediche di tipo: Cardiovascolare talvolta reversibili (bradicardia, ipotensione, aritmie, sincope, intolleranza sforzo fisico); Gastrointestinali (costipazione, dislipidemie, sindrome dell'arteria mesenterica superiore ); Alterazioni/Disturbi elettrolitici (da vomito ed abuso di lassativi), endocrini (soppressione ipotalamica con valori sotto la norma di gonadotropine, ormoni sessuali, riduzione del Low Insuline Factor e della tiroxina), Renali (piuria, proteinuria, ematuria) Ematologiche (leucopenia, trombocitopenia, anemia); Immunitarie (nei casi piùgravi); Neurologiche (deficit neuropsicologici, deficit funzionali gray-matter); Psichiatriche (ansia [50-68% lifetime], depressione [30-65%], DOC, abuso di sostanze, autolesionismo, disturbi di personalità) 10. Terapia farmacologica sui disturbi fisici è prevalentemente sintomatica. Scarsi sono i dati sugli outcomes della terapia psichiatrica (AD, antipsicotici atipici) 11. IMPORTANZA E CENTRALITA DEI PROGRAMMI DI PREVENZIONE NELLA GESTIONE LONGITUDINALE DEI DCA

11 1 Eating Disorders (EDs) continue to be underdiagnosed by pediatric professionals. 2 Higher rates of EDs are seen now in younger children, boys, and minority groups; EDs are increasingly recognized in patients with previous histories of obesity. 3 Primary care providers can be key players in treatment success. Pediatrics Aug 25. pii: peds Eating Disorders in Children and Adolescents: State of the Art Review. Campbell K 1, Peebles R 2

12 The changing demographic profile of eating disorder behaviors in the community D. Mitchison, P. Hay, S. Slewa-Younan, J. Mond BMC Public Health Sep 11;14(1):943 Cross-sectional general population surveys in: 1998 (n = 3010) 2008 (n = 3034) were collected on: demographics (sex, age, income, residency), current eating disorder behaviors (binge eating, extreme dieting, purging), health-related quality of life (SF-36). La prevalenza di binge eating è risultata più alta nel 2008 Vs1998 sia tra gli uomini che le donne, In tutte le fasce di età, e in entrambe le aree metropolitane e regionali. Il binge eating è risultato significativamente più alto nel 2008 Vs 1998 tra i partecipanti che hanno guadagnato al di sotto del reddito medio familiare, ma non in quelli che ha avuto un guadagno superiore. OR odds ratio; multivariate logistic regressions included age, education, income, body mass index employment, and country of birth as covariates; a the OR was significantly greater for males than for females; b the OR was marginally greater for metropolitan versus regional participants; cthe OR was significantly greater for participants below compared to above the median income level; dthe OR was significantly greater for participants aged over 44 years compared to those aged years.

13 The changing demographic profile of eating disorder behaviors in the community D. Mitchison, P. Hay, S. Slewa-Younan, J. Mond BMC Public Health Sep 11;14 (1): I risultati dello studio hanno indicato che i comportamenti di ED sono aumentati più rapidamente tra il 1998 e il 2008 in quei gruppi demografici che in precedenti studi erano stati definiti come caratterizzati da abitudini e stili alimentari sregolati ad es. da: binge eating, dieta estrema, comportamenti di eliminazione (vomito autoindotto, lassativi e abuso di diuretici) 2. I comportamenti di ED aumentato ad un ritmo più veloce nei partecipanti che vivono in famiglie che hanno guadagnato al di sotto del reddito medio annuo. 3. La prevalenza di dieta estrema e di comportamenti di eliminazione sono aumentati ad un ritmo più veloce negli uomini rispetto alle donne. 4. I comportamenti di eliminazione aumentano con tassi maggiori e più rapidi tra i partecipanti che hanno un età superiore ai 44 anni, in contrasto con lo stereotipo storico che enfatizza le alterazioni del sistema endocrino riferite prevalentemente alle donne più giovani con una classe sociale superiore.

14 Articles included in concept analysis (n=59)

15 Prevalence rates % Prevalence rates % Prevalence rates % Prevalence rates % A: DSM-IV-TR (680 M; ages 14; 17; 20 years) B: DSM-5 (680 M; ages 14; 17; 20 years) Prevalence Rates for DSM IV TR EDNOS disorders, and for DSM-5 Bulimia Nervosa, increased significantly from age14 to age 20. A: DSM-IV-TR (703 F; ages 14; 17; 20 years) B: DSM-5 (703 F; ages 14; 17; 20 years) Prevalence rates for DSM IV TR EDNOS, and for DSM-5 Bulimia Nervosa and Binge Eating Disorder, increased significantly from age 14 to age 20 EDNOS: Eating Disorder Not Otherwise Specified; OSFED:Other Specified Feeding or Eating Disorder

16

17 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) Classificazione DSM-IV-TR 1994 Classificazione DSM Anoressia Nervosa Bulimia nervosa Disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati Appendice B Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI), o in inglese Binge Eating Disorder (BED), Pica Disturbo di Ruminazione Disturbo Evitante/Restrittivo dell Assunzione di Cibo Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Disturbo da Alimentazione Incontrollata ovvero Binge Eating Disorder (BED) Disturbo della Nutrizione o dell Alimentazione con altra Specificazione: 1. Anoressia Nervosa Atipica 2. Bulimia Nervosa (di bassa frequenza e/o durata limitata) 3. Disturbo da Alimentazione Incontrollata (BED) (di bassa frequenza e/o durata limitata) 4. Disturbo da condotta di eliminazione 5. Sindrome dell alimentazione notturna Disturbo della Nutrizione o dell Alimentazione senza Specificazione N.B. In questa categoria sono inseriti disturbi che nel DSM-IV erano parte della categoria dei Disturbi della Nutrizione e dell Alimentazione della Prima Infanzia e della Prima Adolescenza (Pica, Disturbo di Ruminazione) Il disturbo della Nutrizione della Prima Infanzia o della Prima Adolescenza nel DSM-5 diventa Disturbo dell Assunzione di Cibo Evitante/Restrittivo

18 LA REVISIONE DEI CRITERI DIGNOSTICI PER I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE SECONDO DSM-V HA DETERMINATO: 1 Riduzione della prevalenza dei Disturbi dell Alimentazione NAS 2 3 Eliminazione del criterio dell amenorrea Maggiore enfasi sul comportamento di dipendenza verso il cibo, piuttosto che sui sintomi cognitivi e sull autoriferito per favorire la diagnosi nei pazienti più giovani che hanno una minore abilità nel pensiero astratto 4 5 L esplicito riferimento al criterio del peso é stato eliminato dal momento che non é stato mai proposto per essere interpretato letteralmente Nella BN gli episodi di abbuffate e di comportamenti di compenso sono stati ridotti a 1 volta a settimana Ornstein R et al 2013; Chao A et al 2014; Allen K et al 2013,2014

19 La malnutrizione e le complicanze mediche annesse ai DCA possono causare gravi conseguenze psicofisiche nell età giovane e adulta. L infanzia e l adolescenza rappresentano periodi cruciali per lo sviluppo neurale e la crescita fisica. (Bravender et al 2010) Nonostante evidenti caratteristiche simili ai DCA dell adulto, nei giovani adulti/adolescenti, nei preadolescenti e nell infanzia i disturbi dell alimentazione spesso non soddisfano pienamente i criteri diagnostici stabiliti nel DSM-IV per Anoressia a Bulimia e, spesso, purtroppo sono inseriti nella categoria Eating Disorder Not Otherwise Specified (EDNOS) con gravi effetti sul rischio del ritardo nell inquadramento diagnostico, sulla terapia, quindi sulla salute fisica e mentale nel lungo termine. (Eddy et al 2008) Alcuni segni e sintomi comportamentali e psicologici per una diagnosi precoce nel bambino sono: lentezza nel mangiare, esclusione di alcuni alimenti, ingestione di molta acqua e sminuzzamento del cibo frequente uso del bagno soprattutto dopo i pasti, aumento dell attività fisica, cambiamento del comportamento e psicologico (sbalzi d umore, irrequietezza, insofferenza) con il sopraggiunge della perdita di peso bassa autostima, bisogno di controllo, vergogna/disagio sociale, talvolta comportamenti autolesivi con una minore prevalenza di comportamenti bulimici e meccanismi di eliminazione (Fisher et al 2001; Boyer et al 2006)

20 Vigoressia, Bigoressia o Complesso di Adone

21 «Finally, OBESITY IS NOT INCLUDED IN DSM-5 AS A MENTAL DISORDER. OBESITY (excess body fat) results from the long-term excess of energy intake relative to energy expenditure. A range of genetic, physiological, behavioral, and enviromental factors that vary across individuals contributes to the development of obesity; thus, obesity is not considered a mental disorder. However, THERE ARE ROBUST ASSOCIATIONS BETWEEN OBESITY AND A NUMBER OF MENTAL DISORDERS (e.g., binge-eating disorder, depressive and bipolar disorders, schizophrenia). The side effects of some psychotropic medications contribute importantly to the development of some mental disorderders (e.g. depressive disorders).» APA 2013

22 L'obesità, uno dei principali problemi di salute pubblica, è causata nella maggior parte dei casi da stili di vita scorretti; è quindi una condizione ampiamente prevenibile PRIMA INFANZIA Stime epidemiologiche riportano che nel 2011 ci fossero nel mondo oltre 40 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni in sovrappeso. In Italia, il sistema di monitoraggio OKkio alla Salute del Centro nazionale di prevenzione e controllo delle malattie (Ccm) del Ministero della Salute (raccolta dati antropometrici e sugli stili di vita, dei bambini delle terza classe primaria 8-9 anni di età,) ha riportato che il 22,9% DEI BAMBINI IN QUESTA FASCIA DI ETÀ È IN SOVRAPPESO E L 11,1% IN CONDIZIONI DI OBESITÀ (dati per il 2010). Nel 2010, il progetto Hbsc-Italia (Health Behaviour in School-aged Children- Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), uno studio multicentrico internazionale sulla salute dei ragazzi di 11, 13 e 15 anni, ha evidenziato che la frequenza dei ragazzi in SOVRAPPESO e OBESI è più elevata negli 11enni (29,3% nei maschi e 19,5% nelle femmine), che nei 15enni (25,6% nei maschi e 12,3% nelle femmine). Il dato che indica come il fenomeno obesità è in espansione e colpisce più frequentemente le generazioni più giovani.

23 Sovrappeso e obesità per regione, bambini 8-9 anni della 3 a primaria. Italia, 2010 Dati studio PASSI. Ministero della Salute STATO PONDERALE DEI BAMBINI I dati rilevati per l anno 2010 confermano livelli preoccupanti di eccesso ponderale: il 22,9% DEI BAMBINI MISURATI È RISULTATO IN SOVRAPPESO E L 11,1% IN CONDIZIONI DI OBESITÀ

24 RELAZIONE TRA NUTRIZIONE E PRINCIPALI MALATTIE 22% 19% 45% ALTRE PATOLOGIE (21%) PATOLOGIE IN CUI I FATTORI NUTRIZIONALI SONO DETERMINANTI (41%) 61% malattie cardiovascolari 51% Disturbi Neuropsichiatrici PATOLOGIE IN CUI I FATTORI NUTRIZIONALI HANNO UN RUOLO (38%) Fonte: the World Health Report OMS 2002

25 I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE IN ADOLESCENZA: EVIDENZE CLINICHE (Maestro S et al 2013) Maestro S et al Aprile-Giugno 2013 Vol. 41 N. 170 Pp Adolescentologia

26 Aprile-Giugno 2013 Vol. 41 N. 170 Pp Adolescentologia I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE IN ADOLESCENZA: EVIDENZE CLINICHE (Maestro S et al 2013)

27 Fracture events according to age in adolescent girls with anorexia nervosa and normal-weight controls. ( ) denotes normalweight controls and ( ) denotes subjects with anorexia nervosa. Precise age data was not available for seven fractures in controls and forty-eight fractures in subjects with anorexia nervosa. These fractures were not included in the figure.

28 POPOLAZIONE: 454 Adolescenti (17 aa) con e senza DCA. 66 (15%) con DCA e 18 (4%) con parziale DCA (DSM-IV). 23 esclusi i soggetti (5%) con DCA sottosoglia (ad es. occasionale binge-eating o comportamenti di eliminazione in assenza di altri sintomi). 363 soggetti (80%) gruppo di controllo. OBIETTIVI: 1. Esaminare l alimentazione di adolescenti popolazione con DCA, rispetto ai controlli, 2. Confrontare l'assunzione di FA tra adolescenti con DCA in presenza e in assenza di sintomi depressivi, RISULTATI: Assenza di significative differenze tra assunzione di micro e macro nutrienti tra gli adolescenti con DCA nel gruppo con DCA rispetto ai controlli : MACRONUTRIENTI nei gruppi con AN e BN: significativa minore assunzione di grassi monoinsaturi e saturi (n 6 FA ac. alfa linoleico, 18:3 FA arachidonico, amido) maggiore assunzione di alcol maggiore assunzione di zuccheri raffinati e di FA a catena lunga (BN) MICRONUTRIENTI significativa minore assunzione di Vit A e Vit E nel gruppo AN significativa minore assunzione di Sodio e Colesterolo nel gruppo BN significativa minore assunzione di Vit B12 nel gruppo BED significativa minore assunzione di Vit C I soggetti con DCA presentano una significativa e negativa relazione tra l assunzione di grassi poli-insaturi e punteggi BDI-Y dei sintomi depressivi moderati/gravi. Eating Disorder and Low-Mild Depressive Simptoms Eating Disorder and Moderate-High Depressive Simptoms 3. Esaminare le associazioni tra i sintomi del DCA, l'assunzione di FA e depressione, 4. Testare un modello di mediazione che posiziona l'assunzione di FA come mediatore parziale dell associazioni tra disturbo alimentare e sintomi depressivi.

29

30 Magallón-Neri E et al Eur. Eat. Disorders Rev.22 (2014) Dimensional personality pathology measured by the International Personality Disorder Examination in adolescents according to eating subtype Paranoid BN>AN Impulsive Borderline Histrionic BN> AN, EDNOS BN>AN, EDNOS BN>AN, ADNOS Anankastic/O-C AN> EDNOS

31 ALCUNE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE (Maestro S et al Aprile-Giugno 2013 Vol. 41 N. 170 Pp Adolescentologia) COSA SI SAPEVA PRIMA I DCA: sono un gruppo di condizioni estremamente complesse dal punto di vista clinico e ezio-patogenetico e strettamente intercorrelate tra loro dalla presenza di un anomalo rapporto con il cibo e di un alterazione nella percezione del proprio peso e della propria immagine corporea. Spesso la loro insorgenza si verifica in adolescenza con un rischio di mortalità elevato. COSA SAPPIAMO OGGI I DCA: rappresentano un rilevante problema di salute pubblica in Italia ne sono affetti circa 2 milioni di adolescenti, anche se non vi sono dati epidemiologici concordanti; di recente hanno presentato un progressivo abbassamento della soglia d insorgenza.; sono, infatti, sempre più frequenti in età peri-puberale, il loro riconoscimento è sempre più di pertinenza del pediatra che spesso non ha riferimenti nosografici stabili e una sufficiente disponibilità di sistemi integrati per l avvio di trattamenti specifici ed efficaci (riabilitazione nutrizionale, educazione alimentare); se diagnosticati precocementee presi in carico all interno di un percorso multidisciplinare di un team specialistico hanno buone probabilità di evoluzione a lungo termine in termini di salute e qualità della vita in età adulta. COSA CI ASPETTIAMO NEI PROSSIMI ANNI Le nuove teorie transdiagnostiche potrebbero portare all identificazione delle basi neurobiologiche comuni per tutti i DCA, con ripercussioni sull identificazione delle forme minori o paucisintomatiche, in una fase precoce con l opportunità di nuovi approcci terapeutici.

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007. Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri. La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa

Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007. Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri. La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007 Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa In passerella il bello d esser femmina di Stefano Dominella Il

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Il volume è a cura di Emanuela Rampelli*, Laura Dalla Ragione**, Paola Bianchini***, Chiara De Santis****

Il volume è a cura di Emanuela Rampelli*, Laura Dalla Ragione**, Paola Bianchini***, Chiara De Santis**** Il presente volume illustra i risultati delle ricerche esposte in occasione del seminario, I Giorni Dispari. Ripensare la prevenzione nei Disturbi del Comportamento Alimentare, inserito all interno del

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche

dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche I disturbi psichici del bambino e dell adolescente: dai pregiudizi alle evidenze scientifiche Stefano Vicari Unità di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza, Dipartimento di Neuroscienze Breve

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli