I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA"

Transcript

1 ALIMENTI E SALUTE, DALLA NASCITA ALL'ETÀ' ANZIANA. PREVENIRE E CURARE CON LA GIUSTA ALIMENTAZIONE. Comune di Genzano di Roma. Sala delle Armi. Via Italo Belardi, Settembre 2014 I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA

2 ALIMENTI E SALUTE, DALLA NASCITA ALL'ETÀ' ANZIANA. PREVENIRE E CURARE CON LA GIUSTA ALIMENTAZIONE. Comune di Genzano di Roma. Sala delle Armi. Via Italo Belardi, Settembre 2014 Ore 11,50 I Disturbi Del Comportamento Alimentare Nell'adolescenza AGENDA: NOTE EPIDEMIOLOGICHE I DCA EVOLUZIONE DELL INQUADRAMENTO NOSOGRAFICO: DSM-IV-TR VERSO DSM5 I DCA E IL CRITERIO DIAGNOSTICO CATEGORIALE (DSM) DELLA SOGLIA CLINICA (malnutrizione, obesità, vigoressia ecc) I DCA UNA DIMENSIONE NOSOGRAFICA CON ʺCRITICITÁʺ A DECORSO LONGITUDINALE? NOTE CONCLUSIVE

3 I COMPORTAMENTI ALIMENTARI DISFUNZIONANTI: dati epidemiologici secondo una panoramica internazionale Prevalenza Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge-Eating Disorder Life-time Adulto 0,5-0,6% (Garfinkel et al 1995; Walters & Kendler 1995) 1 3 % (Brushnell et al 1990; Kendler 1991; Garfinkel et al 1995) 2,8% (National Comorbidity Survey Replication NCS-R [2.980 sg]; Hudson et al 2007) 1% (Bijl et al 1998) 0,6 % (Bijl et al 1998; Hudson et al 2007) 1,1% (European Study on the Epidemiology of Mental Disorder ESEMEeD [4.139 sg]; Preti et al 2009) Life-time Adolescenti 0,3 % (Swanson et al 2011*) 0,9 % (Swanson et al 2011*) 1,6 (National Comorbidity Survey Replication Adolescent Supplement NCS-R; Swanson et al 2011) 12 mesi 0% (Hudson et al 2007; Preti et al 2009) 0,1-0,5 % (Hudson et al 2007; Preti et al 2009) 1,2-1,4 % (Hudson et al 2007; Swanson et al 2011*) Prevalenza Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge-Eating Disorder Life-time Adulto 0,7% (F: 1,2%; M: 0%) (Carta et al 2014)) 0,6% (F: 0,8%; M: 0,3%) (Carta et al 2014) 3,398 soggetti di 6 regioni d Italia (Swanson et al 2011* nessuna differenza tra M e F nell adolescenza nelle stime life-time e a 12 mesi per l AN: 0,3% verso 0,3% e 0,2% verso 0,2%) 0,5% (F: 0,8%; M: 0,3%) (Carta et al 2014)

4 Cumulative life time Prevalence Cumulative life time Prevalence of Anorexia Nervosa (AN), Bulimia Nervosa (BN), Binge Eating Disorder (BED), Any Binge Eating (ABED), Any Eating Disorder (AED). Paese Prevalenza Lifetime DCA Francia 4.15 ( ) Belgio 3,54 (2.0-6,3) Italia 3.35% ( ) Olanda 1.74% ( ) Germania 1.28% ( ) Spagna 2.42% ( ) Any Eating Disorder Any Binge Eating Disorder Binge Eating Disorder Total Lifetime prevalence AN BN BED st-bed A-BED 0,48% 0,51% 1,12 % 0,72% 2,15 Onset of disorder Bulimia Nervosa Anorexia Nervosa Any Binge Eating : binge eating episodes (again, not requiring DSM-IV criteria B and C); occurring at least twice a week for at least 3 months, but lacking the hierarchical exclusion criterion if the individual simultaneously exhibited another ED

5 149 articoli sull epidemiologia dei DCA (pubblicati tra il 1975 e il 2013, selezionati da 7.941; i partecipanti agli studi sono stati reclutati in 35 Paesi, Italia compresa; le diagnosi sono state svolte a partire dal DSM-III fino al DSM-IV-TR; gli strumenti diagnostici: interviste strutturate; i principali disturbi: AN, BN, BED, EDNOS, subclinici AN-BN-BED, sindrome da alimentazione notturna) : 86 articoli inerenti i correlati sociodemografici 57 articoli inerenti i correlati ambientali 13 articoli inerenti i correlati genetici Correlati ambientali nell epidemiologia dei ED Nei 57 studi considerati ( ) i DCA hanno presentato una maggiore significativa relazione con: 1. ambiente sportivo soprattutto con connotazione estetica (danza e ginnastica) e con sports correlati con la magrezza o con il peso (wrestling) 2. storia di abuso sessuale o fisico con tutti i DCA e soprattutto per la BN (minore conferma di evidenze nell età infantile) 3. l attività di modella con una più alta prevalenza per AN clinica e subclinica 4. numero significativo di eventi di perdita o destabilizzanti (trasloco, modifiche del nucleo familiare) e più in generale con esperienze stressanti (segnalazione di importanti fattori stressanti, situazioni pressanti o fortemente stimolanti)

6 b b a b b b b b c a a a a b a a a soggetti studio Rane (età gestazionale - 20 anni) a b a b a b a a b a b c con una p <.05 CBCL: Child Behavior Checklist; WISC: Wechsler Intelligence Scale for Children, 3rd ed

7 Correlati Genetici nell epidemiologia dei DCA 149 articoli sull epidemiologia dei DCA (pubblicati tra il 1975 e il 2013, selezionati da 7.941; i partecipanti agli studi sono stati reclutati in 35 Paesi, Italia compresa; le diagnosi sono state svolte a partire dal DSM-III fino al DSM-IV-TR; gli strumenti diagnostici: interviste strutturate; i principali disturbi: AN, BN, BED, EDNOS, subclinici AN-BN-BED, sindrome da alimentazione notturna) : 86 inerenti i correlati sociodemografici 57 inerenti i correlati ambientali 13 inerenti i correlati genetici Nei 13 studi considerati ( ) è stata descritta una relazione significativa tra: 1. 5-HTTLPR, rispetto a BN e BED 2. DRD4 (gene del recettore D4 per la Dopamina) rispetto al sottotipo dell AN abbuffate / condotte di eliminazione, ma non con il tipo restrittivo di AN (perfezionismo con e senza DCA) 3. DRD2 (gene del recettore D2 per la Dopamina) rispetto a BED 4. Ampia comorbilità psichiatrica rispetto a disturbi d ansia e depressione nei soggetti con BED

8 Eating disorder symptoms do not just disappear: the implications of adolescent eating-disordered behaviour for body weight and mental health in young adulthood. Herpertz-Dahlmann B, Dempfle A, Konrad K, Klasen F, Ravens-Sieberer U; The BELLA study group. Eur Child Adolesc Psychiatry Sep 11 1,734 soggetti (60.6 %) [dei 2,863 partecipanti allo studio BELLA ]; età: anni; follow-up di 6 anni: Strumenti di Valutazione: SCOFF: Screening Questionnaire For Disordered Eating, CES-DC: Centre for Epidemiological Studies Depression Scale for Children, SCARED: Screen for Anxiety-Related Emotional Disorders questionnaire, PHQ: Patient Health Questionnaire, BMI: Body Mass Index RISULTATI I DCA dimostrano un decorso piuttosto stabile tra gli 11 e i 18 anni, anche se la prevalenza e la gravità del DCA diminuisce con l'avanzare dell età. É descritta una significativa associazione tra disturbi alimentari in adolescenza, sovrappeso e obesità dopo 6 anni di follow-up, indipendente dal BMI basale dei soggetti e dei genitori. É descritta un importante associazione tra DCA basale e depressione in età adulta. Maggiori punteggi di depressione in adolescenza hanno presentato una significativa correlazione con condizioni di estremo sottopeso in età più avanzata, mentre i punteggi di ansia più elevati hanno trovato una maggiore associazione con obesità nelle età successive.

9 Pediatrics Aug 25. pii: peds [Epub ahead of print] Eating Disorders in Children and Adolescents: State of the Art Review. Campbell K 1, Peebles R 2. Author information 1 The Craig Dalsimer Division of Adolescent Medicine, Department of Pediatrics, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania, The Children's Hospital of Philadelphia, Philadelphia, Pennsylvania. 2 The Craig Dalsimer Division of Adolescent Medicine, Department of Pediatrics, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania, The Children's Hospital of Philadelphia, Philadelphia, Pennsylvania Abstract Despite their high prevalence, associated morbidity and mortality, and available treatment options, eating disorders (EDs) continue to be underdiagnosed by pediatric professionals. Many adolescents go untreated, do not recover, or reach only partial recovery. Higher rates of EDs are seen now in younger children, boys, and minority groups; EDs are increasingly recognized in patients with previous histories of obesity. Medical complications are common in both full and subthreshold EDs and affect every organ system. No single cause of EDs has emerged, although neurobiological and genetic predispositions are emerging as important. Recent treatment paradigms acknowledge that they are not caused by families or chosen by patients. EDs present differently in pediatric populations, and providers should have a high index of suspicion using new Diagnostic and Statistical Manual, 5th edition diagnostic criteria because early intervention can affect prognosis. Outpatient family-based treatment focused on weight restoration, reducing blame, and empowering caregivers has emerged as particularly effective; cognitive behavioral therapy, individual therapy, and higher levels of care may also be appropriate. Pharmacotherapy is useful in specific contexts. Full weight restoration is critical, often involves high-calorie diets, and must allow for continued growth and development; weight maintenance is typically inappropriate in pediatric populations. Physical, nutritional, behavioral, and psychological health are all metrics of a full recovery, and pediatric EDs have a good prognosis with appropriate care. ED prevention efforts should work toward aligning with families and understanding the impact of antiobesity efforts. Primary care providers can be key players in treatment success.

10 Pediatrics Aug 25. pii: peds [Epub ahead of print] Eating Disorders in Children and Adolescents: State of the Art Review. Campbell K 1, Peebles R I DCA in età pediatrica sono più diffusi del Diabete tipo 2 e hanno una diversa espressione clinica tra esordio infantile molto precoce, precoce (EO) ed adolescenza 2. La prevalenza lifetime dell AN è stimata tra 0,5% e 2% con un picco nel periodo di età tra i 13 e i 18 anni 3. La mortalità nell AN è stimata tra il 5 e il 6 %, i tassi più alti di mortalità trovano associazione con comorbilità psichiatrica 4. La prevalenza lifetime dell BN è stimata tra 0,9% e 3% con un picco nel periodo di età tra i 16 e i 17 anni 5. Il rischio di suicidio nei BN è alto, circa il 2% 6. La stima degli EDNOS tra gli adolescenti è stimata pari al 4,8% 7. L eziologia non è stata ancora pienamente definita (maggiore rischio per DCA nei pazienti con malattie croniche soprattutto diabete mellito insulinodipendente) 8. Tra gli strumenti diagnostici sono inclusi rapidi questionari di screening, validati, come lo SCOFF (5 items) 9. I DCA presentano complicanze mediche di tipo: Cardiovascolare talvolta reversibili (bradicardia, ipotensione, aritmie, sincope, intolleranza sforzo fisico); Gastrointestinali (costipazione, dislipidemie, sindrome dell'arteria mesenterica superiore ); Alterazioni/Disturbi elettrolitici (da vomito ed abuso di lassativi), endocrini (soppressione ipotalamica con valori sotto la norma di gonadotropine, ormoni sessuali, riduzione del Low Insuline Factor e della tiroxina), Renali (piuria, proteinuria, ematuria) Ematologiche (leucopenia, trombocitopenia, anemia); Immunitarie (nei casi piùgravi); Neurologiche (deficit neuropsicologici, deficit funzionali gray-matter); Psichiatriche (ansia [50-68% lifetime], depressione [30-65%], DOC, abuso di sostanze, autolesionismo, disturbi di personalità) 10. Terapia farmacologica sui disturbi fisici è prevalentemente sintomatica. Scarsi sono i dati sugli outcomes della terapia psichiatrica (AD, antipsicotici atipici) 11. IMPORTANZA E CENTRALITA DEI PROGRAMMI DI PREVENZIONE NELLA GESTIONE LONGITUDINALE DEI DCA

11 1 Eating Disorders (EDs) continue to be underdiagnosed by pediatric professionals. 2 Higher rates of EDs are seen now in younger children, boys, and minority groups; EDs are increasingly recognized in patients with previous histories of obesity. 3 Primary care providers can be key players in treatment success. Pediatrics Aug 25. pii: peds Eating Disorders in Children and Adolescents: State of the Art Review. Campbell K 1, Peebles R 2

12 The changing demographic profile of eating disorder behaviors in the community D. Mitchison, P. Hay, S. Slewa-Younan, J. Mond BMC Public Health Sep 11;14(1):943 Cross-sectional general population surveys in: 1998 (n = 3010) 2008 (n = 3034) were collected on: demographics (sex, age, income, residency), current eating disorder behaviors (binge eating, extreme dieting, purging), health-related quality of life (SF-36). La prevalenza di binge eating è risultata più alta nel 2008 Vs1998 sia tra gli uomini che le donne, In tutte le fasce di età, e in entrambe le aree metropolitane e regionali. Il binge eating è risultato significativamente più alto nel 2008 Vs 1998 tra i partecipanti che hanno guadagnato al di sotto del reddito medio familiare, ma non in quelli che ha avuto un guadagno superiore. OR odds ratio; multivariate logistic regressions included age, education, income, body mass index employment, and country of birth as covariates; a the OR was significantly greater for males than for females; b the OR was marginally greater for metropolitan versus regional participants; cthe OR was significantly greater for participants below compared to above the median income level; dthe OR was significantly greater for participants aged over 44 years compared to those aged years.

13 The changing demographic profile of eating disorder behaviors in the community D. Mitchison, P. Hay, S. Slewa-Younan, J. Mond BMC Public Health Sep 11;14 (1): I risultati dello studio hanno indicato che i comportamenti di ED sono aumentati più rapidamente tra il 1998 e il 2008 in quei gruppi demografici che in precedenti studi erano stati definiti come caratterizzati da abitudini e stili alimentari sregolati ad es. da: binge eating, dieta estrema, comportamenti di eliminazione (vomito autoindotto, lassativi e abuso di diuretici) 2. I comportamenti di ED aumentato ad un ritmo più veloce nei partecipanti che vivono in famiglie che hanno guadagnato al di sotto del reddito medio annuo. 3. La prevalenza di dieta estrema e di comportamenti di eliminazione sono aumentati ad un ritmo più veloce negli uomini rispetto alle donne. 4. I comportamenti di eliminazione aumentano con tassi maggiori e più rapidi tra i partecipanti che hanno un età superiore ai 44 anni, in contrasto con lo stereotipo storico che enfatizza le alterazioni del sistema endocrino riferite prevalentemente alle donne più giovani con una classe sociale superiore.

14 Articles included in concept analysis (n=59)

15 Prevalence rates % Prevalence rates % Prevalence rates % Prevalence rates % A: DSM-IV-TR (680 M; ages 14; 17; 20 years) B: DSM-5 (680 M; ages 14; 17; 20 years) Prevalence Rates for DSM IV TR EDNOS disorders, and for DSM-5 Bulimia Nervosa, increased significantly from age14 to age 20. A: DSM-IV-TR (703 F; ages 14; 17; 20 years) B: DSM-5 (703 F; ages 14; 17; 20 years) Prevalence rates for DSM IV TR EDNOS, and for DSM-5 Bulimia Nervosa and Binge Eating Disorder, increased significantly from age 14 to age 20 EDNOS: Eating Disorder Not Otherwise Specified; OSFED:Other Specified Feeding or Eating Disorder

16

17 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) Classificazione DSM-IV-TR 1994 Classificazione DSM Anoressia Nervosa Bulimia nervosa Disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati Appendice B Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI), o in inglese Binge Eating Disorder (BED), Pica Disturbo di Ruminazione Disturbo Evitante/Restrittivo dell Assunzione di Cibo Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Disturbo da Alimentazione Incontrollata ovvero Binge Eating Disorder (BED) Disturbo della Nutrizione o dell Alimentazione con altra Specificazione: 1. Anoressia Nervosa Atipica 2. Bulimia Nervosa (di bassa frequenza e/o durata limitata) 3. Disturbo da Alimentazione Incontrollata (BED) (di bassa frequenza e/o durata limitata) 4. Disturbo da condotta di eliminazione 5. Sindrome dell alimentazione notturna Disturbo della Nutrizione o dell Alimentazione senza Specificazione N.B. In questa categoria sono inseriti disturbi che nel DSM-IV erano parte della categoria dei Disturbi della Nutrizione e dell Alimentazione della Prima Infanzia e della Prima Adolescenza (Pica, Disturbo di Ruminazione) Il disturbo della Nutrizione della Prima Infanzia o della Prima Adolescenza nel DSM-5 diventa Disturbo dell Assunzione di Cibo Evitante/Restrittivo

18 LA REVISIONE DEI CRITERI DIGNOSTICI PER I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE SECONDO DSM-V HA DETERMINATO: 1 Riduzione della prevalenza dei Disturbi dell Alimentazione NAS 2 3 Eliminazione del criterio dell amenorrea Maggiore enfasi sul comportamento di dipendenza verso il cibo, piuttosto che sui sintomi cognitivi e sull autoriferito per favorire la diagnosi nei pazienti più giovani che hanno una minore abilità nel pensiero astratto 4 5 L esplicito riferimento al criterio del peso é stato eliminato dal momento che non é stato mai proposto per essere interpretato letteralmente Nella BN gli episodi di abbuffate e di comportamenti di compenso sono stati ridotti a 1 volta a settimana Ornstein R et al 2013; Chao A et al 2014; Allen K et al 2013,2014

19 La malnutrizione e le complicanze mediche annesse ai DCA possono causare gravi conseguenze psicofisiche nell età giovane e adulta. L infanzia e l adolescenza rappresentano periodi cruciali per lo sviluppo neurale e la crescita fisica. (Bravender et al 2010) Nonostante evidenti caratteristiche simili ai DCA dell adulto, nei giovani adulti/adolescenti, nei preadolescenti e nell infanzia i disturbi dell alimentazione spesso non soddisfano pienamente i criteri diagnostici stabiliti nel DSM-IV per Anoressia a Bulimia e, spesso, purtroppo sono inseriti nella categoria Eating Disorder Not Otherwise Specified (EDNOS) con gravi effetti sul rischio del ritardo nell inquadramento diagnostico, sulla terapia, quindi sulla salute fisica e mentale nel lungo termine. (Eddy et al 2008) Alcuni segni e sintomi comportamentali e psicologici per una diagnosi precoce nel bambino sono: lentezza nel mangiare, esclusione di alcuni alimenti, ingestione di molta acqua e sminuzzamento del cibo frequente uso del bagno soprattutto dopo i pasti, aumento dell attività fisica, cambiamento del comportamento e psicologico (sbalzi d umore, irrequietezza, insofferenza) con il sopraggiunge della perdita di peso bassa autostima, bisogno di controllo, vergogna/disagio sociale, talvolta comportamenti autolesivi con una minore prevalenza di comportamenti bulimici e meccanismi di eliminazione (Fisher et al 2001; Boyer et al 2006)

20 Vigoressia, Bigoressia o Complesso di Adone

21 «Finally, OBESITY IS NOT INCLUDED IN DSM-5 AS A MENTAL DISORDER. OBESITY (excess body fat) results from the long-term excess of energy intake relative to energy expenditure. A range of genetic, physiological, behavioral, and enviromental factors that vary across individuals contributes to the development of obesity; thus, obesity is not considered a mental disorder. However, THERE ARE ROBUST ASSOCIATIONS BETWEEN OBESITY AND A NUMBER OF MENTAL DISORDERS (e.g., binge-eating disorder, depressive and bipolar disorders, schizophrenia). The side effects of some psychotropic medications contribute importantly to the development of some mental disorderders (e.g. depressive disorders).» APA 2013

22 L'obesità, uno dei principali problemi di salute pubblica, è causata nella maggior parte dei casi da stili di vita scorretti; è quindi una condizione ampiamente prevenibile PRIMA INFANZIA Stime epidemiologiche riportano che nel 2011 ci fossero nel mondo oltre 40 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni in sovrappeso. In Italia, il sistema di monitoraggio OKkio alla Salute del Centro nazionale di prevenzione e controllo delle malattie (Ccm) del Ministero della Salute (raccolta dati antropometrici e sugli stili di vita, dei bambini delle terza classe primaria 8-9 anni di età,) ha riportato che il 22,9% DEI BAMBINI IN QUESTA FASCIA DI ETÀ È IN SOVRAPPESO E L 11,1% IN CONDIZIONI DI OBESITÀ (dati per il 2010). Nel 2010, il progetto Hbsc-Italia (Health Behaviour in School-aged Children- Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), uno studio multicentrico internazionale sulla salute dei ragazzi di 11, 13 e 15 anni, ha evidenziato che la frequenza dei ragazzi in SOVRAPPESO e OBESI è più elevata negli 11enni (29,3% nei maschi e 19,5% nelle femmine), che nei 15enni (25,6% nei maschi e 12,3% nelle femmine). Il dato che indica come il fenomeno obesità è in espansione e colpisce più frequentemente le generazioni più giovani.

23 Sovrappeso e obesità per regione, bambini 8-9 anni della 3 a primaria. Italia, 2010 Dati studio PASSI. Ministero della Salute STATO PONDERALE DEI BAMBINI I dati rilevati per l anno 2010 confermano livelli preoccupanti di eccesso ponderale: il 22,9% DEI BAMBINI MISURATI È RISULTATO IN SOVRAPPESO E L 11,1% IN CONDIZIONI DI OBESITÀ

24 RELAZIONE TRA NUTRIZIONE E PRINCIPALI MALATTIE 22% 19% 45% ALTRE PATOLOGIE (21%) PATOLOGIE IN CUI I FATTORI NUTRIZIONALI SONO DETERMINANTI (41%) 61% malattie cardiovascolari 51% Disturbi Neuropsichiatrici PATOLOGIE IN CUI I FATTORI NUTRIZIONALI HANNO UN RUOLO (38%) Fonte: the World Health Report OMS 2002

25 I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE IN ADOLESCENZA: EVIDENZE CLINICHE (Maestro S et al 2013) Maestro S et al Aprile-Giugno 2013 Vol. 41 N. 170 Pp Adolescentologia

26 Aprile-Giugno 2013 Vol. 41 N. 170 Pp Adolescentologia I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE IN ADOLESCENZA: EVIDENZE CLINICHE (Maestro S et al 2013)

27 Fracture events according to age in adolescent girls with anorexia nervosa and normal-weight controls. ( ) denotes normalweight controls and ( ) denotes subjects with anorexia nervosa. Precise age data was not available for seven fractures in controls and forty-eight fractures in subjects with anorexia nervosa. These fractures were not included in the figure.

28 POPOLAZIONE: 454 Adolescenti (17 aa) con e senza DCA. 66 (15%) con DCA e 18 (4%) con parziale DCA (DSM-IV). 23 esclusi i soggetti (5%) con DCA sottosoglia (ad es. occasionale binge-eating o comportamenti di eliminazione in assenza di altri sintomi). 363 soggetti (80%) gruppo di controllo. OBIETTIVI: 1. Esaminare l alimentazione di adolescenti popolazione con DCA, rispetto ai controlli, 2. Confrontare l'assunzione di FA tra adolescenti con DCA in presenza e in assenza di sintomi depressivi, RISULTATI: Assenza di significative differenze tra assunzione di micro e macro nutrienti tra gli adolescenti con DCA nel gruppo con DCA rispetto ai controlli : MACRONUTRIENTI nei gruppi con AN e BN: significativa minore assunzione di grassi monoinsaturi e saturi (n 6 FA ac. alfa linoleico, 18:3 FA arachidonico, amido) maggiore assunzione di alcol maggiore assunzione di zuccheri raffinati e di FA a catena lunga (BN) MICRONUTRIENTI significativa minore assunzione di Vit A e Vit E nel gruppo AN significativa minore assunzione di Sodio e Colesterolo nel gruppo BN significativa minore assunzione di Vit B12 nel gruppo BED significativa minore assunzione di Vit C I soggetti con DCA presentano una significativa e negativa relazione tra l assunzione di grassi poli-insaturi e punteggi BDI-Y dei sintomi depressivi moderati/gravi. Eating Disorder and Low-Mild Depressive Simptoms Eating Disorder and Moderate-High Depressive Simptoms 3. Esaminare le associazioni tra i sintomi del DCA, l'assunzione di FA e depressione, 4. Testare un modello di mediazione che posiziona l'assunzione di FA come mediatore parziale dell associazioni tra disturbo alimentare e sintomi depressivi.

29

30 Magallón-Neri E et al Eur. Eat. Disorders Rev.22 (2014) Dimensional personality pathology measured by the International Personality Disorder Examination in adolescents according to eating subtype Paranoid BN>AN Impulsive Borderline Histrionic BN> AN, EDNOS BN>AN, EDNOS BN>AN, ADNOS Anankastic/O-C AN> EDNOS

31 ALCUNE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE (Maestro S et al Aprile-Giugno 2013 Vol. 41 N. 170 Pp Adolescentologia) COSA SI SAPEVA PRIMA I DCA: sono un gruppo di condizioni estremamente complesse dal punto di vista clinico e ezio-patogenetico e strettamente intercorrelate tra loro dalla presenza di un anomalo rapporto con il cibo e di un alterazione nella percezione del proprio peso e della propria immagine corporea. Spesso la loro insorgenza si verifica in adolescenza con un rischio di mortalità elevato. COSA SAPPIAMO OGGI I DCA: rappresentano un rilevante problema di salute pubblica in Italia ne sono affetti circa 2 milioni di adolescenti, anche se non vi sono dati epidemiologici concordanti; di recente hanno presentato un progressivo abbassamento della soglia d insorgenza.; sono, infatti, sempre più frequenti in età peri-puberale, il loro riconoscimento è sempre più di pertinenza del pediatra che spesso non ha riferimenti nosografici stabili e una sufficiente disponibilità di sistemi integrati per l avvio di trattamenti specifici ed efficaci (riabilitazione nutrizionale, educazione alimentare); se diagnosticati precocementee presi in carico all interno di un percorso multidisciplinare di un team specialistico hanno buone probabilità di evoluzione a lungo termine in termini di salute e qualità della vita in età adulta. COSA CI ASPETTIAMO NEI PROSSIMI ANNI Le nuove teorie transdiagnostiche potrebbero portare all identificazione delle basi neurobiologiche comuni per tutti i DCA, con ripercussioni sull identificazione delle forme minori o paucisintomatiche, in una fase precoce con l opportunità di nuovi approcci terapeutici.

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE assificazione dei D.C.A Anoressia Mentale Bulimia Mentale DSM III (1980) Pica,

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

!!!!! STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014

!!!!! STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014 STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014 Dott.ssa Giulia Tognana Centro per i DCA - Casa di Cura Privata Villa Margherita

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Programmi Corsi AA 2012/2013 3 ANNO CORSO INTEGRATO COORDINATORI Psicopedagogia II Salis Francesca Pagina 2 Scienza della riabilitazione psichiatrica

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DEFINIZIONE I disturbi dell alimentazione possono essere definiti come persistenti disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati

Dettagli

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733 BARDUCCO MICHELA DATI ANAGRAFICI Recapito telefonico: 327.3512733 CURRICULUM IN BREVE Mi sono laureata nel 2003 in Dietistica presso l Università degli Studi di Genova con una tesi sul Trattamento cognitivo

Dettagli

Contributi a convegni scientifici

Contributi a convegni scientifici Contributi a convegni scientifici Cefalea in età evolutiva Ardovini C., Bruni O., Cortesi F. & Guidetti V. (1991) - "DSM-III R vs ACL: applicability in preadolescence and adolescence primary headache".

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Classificazione (DSM-IV American Psychiatric Association 1994) Anoressia nervosa Bulimia nervosa Disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati (NAS) Binge

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

Il progetto di studio multicentrico

Il progetto di studio multicentrico Progetto di studio multicentrico sui fattori predittivi e le caratteristiche psicopatologiche dei disturbi del comportamento alimentare in età adolescenziale e preadolescenziale. Ministero della Salute/Regione

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

CONOSCERE E RI-CONOSCERE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA PARMA 18 SETTEMBRE 2015

CONOSCERE E RI-CONOSCERE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA PARMA 18 SETTEMBRE 2015 CONOSCERE E RI-CONOSCERE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA PARMA 18 SETTEMBRE 2015 IN VOLO RESIDENZA SOCIO RIABILITATIVA ACCREDITATA PER DCA VIA I MAGGIO,8 PELLEGRINO

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale ABSTRACT Dr. Dai Prà Mirko, tratto ed adattato da (Fursland, 2012)) I disturbi del comportamento alimentare sono molto frequenti nella nostra società

Dettagli

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti:

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: BULIMIA NERVOSA A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO.

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. Esiste un rapporto inestricabile tra cibo ed emozioni, tra i cibi assunti per bisogno fisiologico e quelli assunti come appagamento

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stefano Vicari U.O.C. Neuropsichiatria Infantile 2 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DSM-IV: -disturbi del comportamento alimentare o comportamenti finalizzati

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone,

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

FUORI CONTROLLO doc. 52

FUORI CONTROLLO doc. 52 FUORI CONTROLLO doc. 52 di Daniele Cini e Claudia Pampinella regia di Daniele Cini direttore della fotografia Luigi Montebello Marina e Roslyn, Centro DCA Kenn Ghal Sahhtek, Malta LORETTA, FRANCA, MARINA

Dettagli

ALIMENTARE. nella terapia dei Dca sono pochi e oberati da liste d attesa di mesi.

ALIMENTARE. nella terapia dei Dca sono pochi e oberati da liste d attesa di mesi. LA CURA DEL DISTURBO ALIMENTARE L approccio ai Dca deve tenere presente i due versanti coinvolti: quello fisico e quello psicologico. Per questo motivo è previsto l'intervento di specialisti di formazione

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta Alimentare: DCA dr Giuseppe Sapienza dr. Giuseppe Sapienza psichiatra Il presente intervento vuole offrire

Dettagli

Attualmente l obesità non rappresenta una categoria diagnostica autonoma all interno dei sistemi

Attualmente l obesità non rappresenta una categoria diagnostica autonoma all interno dei sistemi Obesità e psicopatologia in età evolutiva. Filippo Muratori, Valentina Viglione IRCCS Stella Maris, Università di Pisa Attualmente l obesità non rappresenta una categoria diagnostica autonoma all interno

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Corso di formazione per allenatori 6 luglio 2013 I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Dott.ssa Tatiana Zanetti Lo svolgimento di questo corso di formazione per gli allenatori

Dettagli

Anziani e rischio nutrizionale

Anziani e rischio nutrizionale Firenze, 5 ottobre 2011 Anziani e rischio nutrizionale Fattori fisiologici Fattori patologici PREVALENZA MALNUTRIZIONE PROTEICO-ENERGETICA PER DIFETTO FINO A 85% Fattori socio-economici Fattori psicologici

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

sociali, vissuti intra-psichici

sociali, vissuti intra-psichici Frequente evoluzione verso quadri long- term Le risposte disfunzionali: : ad eventi stressanti, sollecitazioni psico-sociali sociali, vissuti intra-psichici psichici Conseguenti a pensieri automatici (dicotomia,

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE Cosa sono? Come affrontarli? Peso, forma del corpo, alimentazione Scuola Famiglia Altro Peso, forma del corpo, alimentazione Scuola Famiglia Sport Musica Amici Pittura Altro

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea. 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna

Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea. 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna 2^ SESSIONE: Gli Annali di genere: quali differenze. BMI: grasso è donna? L intervento efficace per modificare lo stile

Dettagli

STILI DI VITA E OBESITA

STILI DI VITA E OBESITA STILI DI VITA E OBESITA IL PESO DELLA VITA 8 Maggio 2010 Martinelli Franca Dipartimento di Salute Mentale RE Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED Big eating disorder La definizione del disturbo

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

Figura 1. Obiettivi della riabilitazione dei DCA. Migliorare la gestione del comportamento alimentare: Ridurre i comportamenti ritualizzati

Figura 1. Obiettivi della riabilitazione dei DCA. Migliorare la gestione del comportamento alimentare: Ridurre i comportamenti ritualizzati pag. 1 Errepiesse Anno II n 1 Aprile 2008 pag. 2 Errepiesse Anno II n 1 Aprile 2008 La riabilitazione territoriale dei disturbi del comportamento alimentare tra linee guida e pratica clinica di Bruno Gentile*,

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOCENTI/ESPERTI Sistema Regionale ECM BREVE CURRICULUM VITAE

CURRICULUM VITAE DOCENTI/ESPERTI Sistema Regionale ECM BREVE CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE DOCENTI/ESPERTI Pagina 1 di 5 Informazioni personali Cognome / Nome BREVE CURRICULUM VITAE Roberta Siani nata a Monza il 18/06/1949 SIANI ROBERTA Qualifica Possibili qualifiche: 1. Docente

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

I DCA come paradigma evolutivo della psichiatria postmoderna?

I DCA come paradigma evolutivo della psichiatria postmoderna? I DCA come paradigma evolutivo della psichiatria postmoderna? Dr. Leonardo Mendolicchio Psichiatra Psicoanalista membro SLP-AMP Direttore Sanitario Villa Miralago DCA, Psichiatria e aree di problematicità

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare. Nuove Prospettive di Ricerca e Linee di Trattamento

Disturbi del Comportamento Alimentare. Nuove Prospettive di Ricerca e Linee di Trattamento Argomenti di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Roma, 17 Ottobre 2013 Disturbi del Comportamento Alimentare Nuove Prospettive di Ricerca e Linee di Trattamento V. ZANNA, C. CASTIGLIONI,

Dettagli

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino Epidemiologia del diabete tipo 2 Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino The Worldwide Epidemic: Diabetes Trends Millions with Diabetes 400 350 300 250 200 150 100 50 0 30

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

L importanza di una corretta Diagnosi e Diagnosi Differenziale nei Disturbi del Comportamento Alimentare

L importanza di una corretta Diagnosi e Diagnosi Differenziale nei Disturbi del Comportamento Alimentare L importanza di una corretta Diagnosi e Diagnosi Differenziale nei Disturbi del Comportamento Alimentare La denominazione comune, Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) raccoglie fondamentalmente

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

Progetto PrISMA (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti)

Progetto PrISMA (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti) Progetto PrISMA (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti) 1. Cos è La prima ricerca epidemiologica multicentrica italiana che ha indagato la prevalenza dei disturbi psichici tra i preadolescenti di

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ 17^ Edizione MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ Per il conseguimento del 1 st Certificate of Professional Training in Eating Disorders and Obesity APRILE 2015 -

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia?

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia? Anoressia Quando ci si accorge della malattia? Ciò che rende l anoressia una malattia difficile da curare, è il suo insorgere subdolo, facilmente confondibile con una semplice astenia o con la scelta di

Dettagli

Convegno Il corretto uso degli integratori nello sport agonistico. Bari, 19.09.2009

Convegno Il corretto uso degli integratori nello sport agonistico. Bari, 19.09.2009 Convegno Il corretto uso degli integratori nello sport agonistico Bari, 19.09.2009 Aspetti psicologici per una corretta integrazione Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015 Laura Dalla Ragione Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve Spoleto 12 settembre 2015 I Disturbi del Comportamento Alimentare Aumento vertiginoso Aumento dei

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Nutrizione e crescita: aspetti preventivi

Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Elvira Verduci Dipartimento Scienze della Salute Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Importante riconoscere particolari traiettorie

Dettagli

in convenzione con Master Universitario di I livello in

in convenzione con Master Universitario di I livello in in convenzione con Master Universitario di I livello in NUTRIZIONE CLINICA Anno Accademico 0/0 II sessione ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano attiva in convenzione con l Accademia Internazionale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE i L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' FAMILIARE PRESENTA TL PROGETTO PREMESSA Negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei Disturbi del comportamento alimentare (DCA) nella

Dettagli

Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria

Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria 157 I Disturbi del Comportamento Alimentare Laura Dalla Ragione Psichiatra responsabile dei Centri DCA Residenza Palazzo Francisci di Todi, Centro DAI Città della Pieve, AUSL 2 dell Umbria Maria Vicini

Dettagli

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA Nella cultura occidentale le prime descrizioni cliniche di anomalie dell alimentazione risalgono a più di 2000 anni fa. Alcune sante cristiane avevano un comportamento

Dettagli

I DISTURBI ALIMENTARI: quando magiare è un problema

I DISTURBI ALIMENTARI: quando magiare è un problema I DISTURBI ALIMENTARI: quando magiare è un problema Incontri Uni-ATENeO 4 novembre 2014 dr.ssa Anna Galeotti Cibo e disturbi alimentari Corpo luogo di manifestazione del rapporto uomo-cibo L immagine

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Lo stato dell arte dell assistenza per i DCA in Italia

Lo stato dell arte dell assistenza per i DCA in Italia Lo stato dell arte dell assistenza per i DCA in Italia Laura Dalla Ragione Resp. Centro DCA Palazzo Francisci di Todi Centro DAI Città della Pieve ASL 1 dell Umbria CONSENSUS CONFERENCE ISS 2013-14 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini

IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini IDEA PROGETTUALE di Federica Burattini Disturbi del comportamento alimentare. Con le locuzioni Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) si indicano tutte quelle problematiche, di pertinenza principalmente

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli