AGENDA. Contesto: rischi operativi e reputazionali. Modelli ordinali per la misurazione dei rischi operativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGENDA. Contesto: rischi operativi e reputazionali. Modelli ordinali per la misurazione dei rischi operativi"

Transcript

1 MODELLI STATISTICI PER LA MISURAZIONE DEI RISCHI OPERATIVI

2 AGENDA Contesto: rischi operativi e reputazionali Modelli ordinali per la misurazione dei rischi operativi Modelli ordinali per la misurazione dei rischi reputazionali

3 RISCHI OPERATIVI Eventi avversi connessi alla gestione operativa, dipendenti da: cause umane (people), cause di processo (process), cause tecnologiche (systems), eventi esterni (external events), il cui accadimento può comportare una perdita economica (costo inatteso)

4 RISCHI OPERATIVI ALCUNE RECENTI FATTISPECIE: Barings Parmalat Italease Societé Générale ALCUNE RECENTI NORMATIVE: Basilea 2 (Circolare Banca d Italia 27/12/2006) Sicurezza sul lavoro (L. 626/94, L. 81/2008) Sistemi di gestione per la qualità (UNI EN ISO 9001:2008)

5 RISCHI REPUTAZIONALI Percezione negativa di un Istituzione da parte dei propri stakeholders (es. clienti, dipendenti, comunità di riferimento) che può comportare, nel tempo, una perdita economica (costo o ricavo inatteso) La misurazione dei rischi reputazionali richiede due prospettive : quella interna attinente alla qualità dei processi operativi; quella esterna che dipende dai processi di comunicazione fra l Istituzione e gli stakeholders

6 ESEMPIO: ISTITUZIONE ACCADEMICA La reputazione di una istituzione accademica è funzione della qualità (dei processi e dei servizi) oltre che della comunicazione della stessa. Al fine di misurare i rischi reputazionali è necessario costruire un sistema di monitoraggio e di reporting della qualità (oggettiva e percepita) dei servizi erogati, nei confronti dei diversi stakeholders: studenti, dipendenti, comunità scientifica. Ciò può consentire alla Governance di un Ateneo di monitorarne la gestione, al fine di intraprendere azioni correttive/perequative o di eventuali allocazioni/mobilità di risorse.

7 TESI Ruolo fondamentale dei metodi statistici, per misurare e, quindi, prevenire i rischi operativi e reputazionali Modelli puramente quantitativi non sono sufficienti, in particolare per prevedere valori estremi Opportuno integrare i dati quantitativi con altri dati, spesso di tipo qualitativo: indicatori gestionali (KRI) opinioni di esperti interni (self-assessment); dati esterni di riferimento (benchmarks); dati testuali (da mezzi di comunicazione);

8 ATTIVITA DI RICERCA IN CORSO Il problema metodologico è come integrare, in modo coerente, diverse fonti di dati. Presso il Dipartimento di Statistica ed Economia Applicate dell Università di Pavia, grazie al contributo di alcuni fondi di ricerca (UE FP , FIRB , PRIN , CNVSU , CREVAL ), è attiva un unità di ricerca che ha sviluppato modelli basati su: reti bayesiane (Bilotta e Giudici, 2004; Cornalba e Giudici, 2004; Giudici e Stinco, 2004; Fanoni, Giudici e Muratori, 2005; Bonafede e Giudici, 2007; Argentero, Cerchiello e Giudici, 2009); modelli attuariali e copule (Dalla Valle e Giudici, 2008; Dalla Valle, Fantazzini e Giudici, 2008; Giudici e Politou, 2009); modelli a soglia (Figini, Giudici, Sanyal e Uberti, 2007; Figini, Giudici e Uberti, 2009a e 2009b). modelli causali (Bonafede, Cerchiello e Giudici, 2007; Dequarti, Giudici e Figini, 2009; Figini e Giudici, 2008 e 2009; Giudici e Figini, 2009; Figini, Giudici e Sayago, 2009); modelli ordinali (Giudici, 2007; Cerchiello, Dequarti, Giudici e Magni, 2010; Figini e Giudici, 2010)

9 AGENDA Contesto: rischi operativi e reputazionali Modelli ordinali per la misurazione dei rischi operativi Modelli ordinali per la misurazione dei rischi reputazionali

10 EVENTI DI RISCHIO OPERATIVO: CLASSIFICAZIONE I singoli eventi di rischio vengono classificati in 7 macro-aree di rischio, a loro volta raggruppabili in 4 fattori di rischio: 1. persone 2. sistemi 3. processi 4. eventi esterni 4. Interruzioni dell operatività e disfunzioni dei sistemi informatici Frode interna 2. Rapporto di impiego 3. Clientela, prodotti prassi operative Esecuzione, consegna e gestione dei processi 6. Frode esterna 7. Danni ad attività materiali Per ciascun evento di rischio (spesso numerosi!) vengono rilevate, mediante somministrazione di questionari, più variabili ordinali.

11 EVENTI DI RISCHIO OPERATIVO: VARIABILI RILEVATE 11

12 MODELLI SCORECARD (i) 1 A ciascun evento vengono assegnati più classi ordinali di punteggio (rating), in termini di efficacia dei controlli, frequenza, severity, impatto reputazionale 2 Ciascun rating è determinato a partire dalla relativa distribuzione di frequenza delle opinioni rilevate Si possono impiegare indicatori sintetici ordinali: es. la mediana 3 L indicatore sintetico sintesi viene ulteriormente qualificato in: AAA, AA, A B, BB, BBB C, CC, CCC a seconda del valore di un opportuno indice di variabilità delle opinioni (es. indice di Gini normalizzato) 12

13 MODELLI SCORECARD (ii) Indice di Gini: G = 1 K i= 1 p 2 i. Per l interpretazione ci si riferisce a due casi estremi: 1) eterogeneità nulla (consenso di opinioni) se pi=1 per un certo i; pi=0 per ogni altro i. 2) eterogeneità massima (massimo dissenso) se: pi=1/k per i=1,,k 13

14 MODELLI SCORECARD (iii) Una volta assegnato il rating di Gini a ciascun evento, viene assegnato un colore a seconda della relativa lettera: verde, giallo, rosso in corrispondenza delle classi da A, B, C un area del colore (da tre ad un rettangolo a seconda del relativo rating) Ciò permette di distinguere chiaramente: i rischi meglio presidiati (es. triplo verde) dai rischi peggio presidiati (es. triplo rosso)

15 MODELLI SCORECARD: ESEMPIO (i) Tabella esemplificativa riferita a 16 su 80 eventi esaminati 15

16 MODELLI SCORECARD: ESEMPIO (ii) 16

17 MODELLI SCORECARD: INTERPRETAZIONE Ai fini gestionali appaiono rilevanti i giudizi sui controlli combinati con i giudizi sulla frequenza di accadimento: Controlli Efficaci Da adeguare Potenziale area di rischio (5 eventi) Potenziale area di sicurezza (51 eventi) Area d intervento, criticità (12 eventi) Potenziale area di rischio (12 eventi) Da valutare anche in relazione all entità del danno Frequenza Meno di 1 volta l anno Più di 1 volta l anno 17

18 MODELLI SCORECARD INTEGRATI (i) PROBLEMA: AGGREGAZIONE DI DIVERSI RATING ASSEGNATI AD UN UNITA STATISTICA 1. Combinazione di rating di diverse variabili per un evento a rischio (es. frequenza, impatto economico/reputazionale ed efficacia dei controlli) 2. Combinazione di rating di una variabile per un evento a rischio su diverse fonti di dati (es. frequenza da RSA, LDC, DIPO) 3. Combinazione di rating assegnati ad una controparte per diverse tipologie di rischio (es. rischio di credito, di mercato, operativo, di liquidità) 18

19 MODELLI SCORECARD INTEGRATI (ii) Si procede determinando, per ciascun evento a rischio, uno scoring (valore numerico normalizzato) ovvero un rating (classe di appartenenza ordinale) Per ottenere tali risultati sono stati adottati: un modello quantitativo (che media gli scoring ottenuti dalle diverse fonti informative) un modello ordinale (che massimizza la classe di rating fra quelle ottenute dalle diverse fonti informative, in modo prudenziale) 19

20 MODELLI SCORECARD INTEGRATI: ESEMPIO 20

21 INDICE DI DOMINANZA STOCASTICO La ricerca ha evidenziato la necessità di un ulteriore indicatore di rischio, basato su dati ordinali ma espresso in termini quantitativi, di semplice aggregabilità. Proponiamo un indice di dominanza stocastica del second ordine: IDS = K k = 1 F k / K dove K è il numero delle modalità della variabile ordinale a disposizione

22 INDICE DI DOMINANZA STOCASTICA: INTEGRAZIONE (i) E possibile aggregare gli IDS mediante una media geometrica semplice, qualora le componenti di rischio abbiano una struttura moltiplicativa: M(IDS) = n n IDS i =1 i dove n è il numero di variabili da integrare

23 INDICE DI DOMINANZA STOCASTICA: INTEGRAZIONE (ii) La media geometrica gode delle proprietà delle medie secondo Chisini L uso della m.g. è pertanto condizione sufficiente per generare un ordinamento coerente con la dominanza stocastica di second ordine

24 IDS: APPLICAZIONE

25 IDS: RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Impatto economico (Danno) 0,3 0,2 0, ,0 0,0 0,1 0,2 Frequenza

26 AGENDA Contesto: rischi operativi e reputazionali Modelli ordinali per la misurazione dei rischi operativi Modelli ordinali per la misurazione dei rischi reputazionali

27 stionario di valutazione DATI: QUALITA PERCEPITA DAGLI STUDENTI

28 DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA 1 2 Per ciascun insegnamento si hanno diverse domande che misurano la qualità percepita dagli studenti e, quindi, diverse distribuzioni di frequenza Da ciascuna distribuzione si può ottenere un rating di qualità percepita, ad es. utilizzando l approccio mediana/gini 3 Al fine di pervenire ad uno scoring ( più incentivante ) l approccio più semplice attribuisce ad ogni risposta un valore (es. -1; -0,5;+0,5;1), così da permettere il calcolo di una media (es. Indice Magni o Valmon) 28

29 APPLICAZIONE: RATING B8 Gli orari delle lezioni sono rispettati? B9 Modalità esame B11 Adeguatezza aule B1 Materiale didattico B2 Efficacia qualità didattica B3 Docente motiva? AAA AA A B BB BBB B7 Disponibilità docente B5 Carico di studio insegnamento B4 Docente espone in modo chiaro? C

30 APPLICAZIONE: RATING AAA AA A E1 Interesse per argomenti trattati B BB E2 Soddisfazione rispetto a insegnamento BBB C

31 Esempio di calcolo APPLICAZIONE: SCORING QUANTITATIVO Indice di Magni: B1 ID 1 decisamente sì 2 più sì che no 3 più no che sì 4 decisamente no Indice di Magni 1 25,47 47,17 17,92 9,43 0, ,71 45,71 7,62 0,95 0, ,71 47,14 7,14 0,00 0, ,73 51,52 21,21 4,55 0, ,22 50,98 7,84 1,96 0, ,56 31,11 11,11 2,22 0,63 7 9,09 40,91 34,09 15,91-0, ,03 53,85 5,13 0,00 0, ,89 47,22 5,56 8,33 0, ,52 42,42 3,03 3,03 0,68

32 SCORING ORDINALE (i) Al fine di ridurre l arbitrarietà di indici come il precedente si propone SQR+1-(TEQ/MAX(TEQ)) SQR è la somma dei numeri d ordine di (predefiniti) quantili delle distribuzioni di frequenza. TEQ è la somma della quantità totale di frequenze in eccesso per ogni quantile.

33 APPLICAZIONE (i) 1 passo: distr. freq. per ogni domanda 2 passo: freq. cum. per ogni categoria di quantile

34 APPLICAZIONE (ii) 2= più sì che no 3= più no che sì 4= decisamente no

35 APPLICAZIONE (iii) Indichiamo quanto accumulato in eccesso per ogni quantile di riferimento, e sommiamo tali valori

36 APPLICAZIONE (iv)

37 SCORING ORDINALE (ii)

38 APPLICAZIONE UNIPV

39 APPLICAZIONE UNIPV: CONFRONTO (i)

40 APPLICAZIONE UNIPV: CONFRONTO (ii) IS IDS IR L analisi descrittiva per quartili mostra come i giudizi più severi siano ottenuti tramite l indice IR. Al contrario l indice IS dà le valutazioni più generose. L indice IDS presenta valori intermedi rispetto ai precedenti indici.

41 100 SIMULAZIONE 5000 CASI IR' IS Magni Index IDS

42 VALUTAZIONE SEMANTICA DELLA REPUTAZIONE. Gli articoli de IlSole24Ore sulle 40 maggiori imprese italiane quotate in borsa sono esaminati per un periodo di tempo da un tool di opinion mining; a ciascuno viene assegnato un punteggio in una scala da 0 a 4, dove 0 rappresenta cattiva reputazione e 4 ottima reputazione. Il modello Cub è una mistura di una variabile Binomiale traslata e di una uniforme utile per modellare dati di tipo ordinale; è in grado di modellare le variabili latenti sottostanti alla valutazione del contenuto degli articoli, qui denominate Reputation Awareness and Uncertainty. Per confronto impieghiamo l indice IDS per creare un ordinamento sintetico delle aziende e dei relativi livelli di reputazione avendo come riferimento 4 classi di rating: A, B, C, D.

43 RISULTATI 60,80 47,13 59,37 72,60 49,93 31,10 26,67 65,53 56,97 45,10 83,33 56,47 71,57 B C B B C C C B B C A B B Ins Bank Utili Ind Foog Car Edi Ene Media Home Tecn Telco Fun

44 RICERCA IN CORSO Rischi operativi: sperimentazione del modello di integrazione dei rischi, confrontandolo con modelli di integrazione quantitativa e considerando l impatto di fattori causali Rischi reputazionali: integrare dati di qualità percepita con dati effettivi; studiare il rischio reputazionale nei confronti dei dipendenti; investigare valutazione semantica Approfondimenti matematici: studio delle proprietà di IDS; studiare relazioni fra dominanza stocastica, dominanza di Lorenz ed eventuali funzionali

45 RIFERIMENTI 1. (2004) (Annalisa Bilotta, Paolo Giudici) Modelling operational losses: a bayesian approach. Quality and reliability engineeering international, 20, pp (2004) (Chiara Cornalba, Paolo Giudici) Statistical models for operational risk management. Physica A: Statistical Mechanics and its applications, 338, pp a) Necessary to improve expert opinions: more reliable responses needed (sampling design issue) b) More work to calibrate different databases with each other (threshold optimisation issue) c) Necessary to measure and model explicitly key risk indicators and control factors, and insert them in the model (data quality and data mining issue) d) In the non-banking industry necessary to deal with ordinal responses (mixture modelling issue) 3. (2004) (Paolo Giudici, Gabriele Stinco) Modelli avanzati sui rischi operativi: l approccio delle reti bayesiane. Bancaria, pp (2005) (Fabio Fanoni, Paolo Giudici, Gian Marco Muratori) Il rischio operativo: monitoraggio, misurazione, mitigazione. Edizioni Il Sole 24 ore, collana Finanza e Mercati. 5. (2007) (E.C. Bonafede, ), Bayesian networks for enterprise risk assessment. Physica A, 382, pp (2009) (P. Argentero, P. Cerchiello, ). Models for questionnaires data in injury risk management, to appear in Advances and Applications in Statistics, 7. (2008) (Luciana Dalla Valle, Paolo Giudici). A Bayesian approach to estimate the Marginal loss distributions in Operational Risk management. Computational Statistics and data analysis, 52, (2008) (Luciana Dalla Valle, Dean Fantazzini, Paolo Giudici). Copulae and operational risk. In Int. Journal of Risk Assessment and Management, vol. 9, n.3 9. (2009) (Paolo Giudici, Danae Politou) Modelling operational losses with graphical models and copula functions. Methodology and Computing in applied probability, vol. 11, n.1, (2007) (Silvia Figini, Paolo Giudici, Pierpaolo Uberti, Any Sanyal). Choosing the optimal threshold in ORM. Journal of Operational Risk, vol.2 n (2009a) (Silvia Figini, Paolo Giudici, Pierpaolo. Uberti) A threshold based approach to merge data in financial risk management. To appear in Journal of applied statistics 12. (2009b) (S. Figini,, P. Uberti) How to measure single-name credit risk concentrations. European Journal of Operational Research. 45

46 RIFERIMENTI 13. (2007) (E.C. Bonafede, P. Cerchiello, ), Statistical models for Business Continuity Management, Journal of operational risk management, Journal of Operational Risk, vol 2, n.4 a) Necessary to improve expert opinions: more reliable responses needed (sampling design issue) b) More work to calibrate different databases with each other (threshold optimisation issue) c) Necessary to measure and model explicitly key risk indicators and control factors, and insert them in the model (data quality and data mining issue) d) In the non-banking industry necessary to deal with ordinal responses (mixture modelling issue) 14. (2009) (E. Dequarti, S. Figini, ). Churn risk mitigation models for student s behaviour. To appear in Electronic Journal of Applied statistical analysis (2008) (Silvia Figini, Paolo Giudici) Statistical models for e-learning data. Statistical methods and applications 16. (2009) (S. Figini, ) Bayesian churn models. Advances and Applications in statistical sciences, vol 1, n.2 pp (2009) (Paolo Giudici, Silvia Figini) Applied data mining for business and industry. Wiley, London. 18. (2007) () Governo dei rischi: il ruolo dei modelli statistici. Rendiconti dell Istituto Lombardo, Accademia di Scienze e Lettere, 141, (S. Figini,, T.Sayago) Statistical Methods for Reputation Measurements (2009, n. 61): submitted 20. (P. Cerchiello, E.Dequarti, P.Giudici, C. Magni) Scorecard models to evaluate perceived quality of academic teaching (2010, n. 63): submitted 21. (S.Figini, ) Statistical merging of rating models (2010, n.60): submitted 46

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Implementazione di modelli stocastici per la valutazione della qualità della didattica universitaria

Implementazione di modelli stocastici per la valutazione della qualità della didattica universitaria Implementazione di modelli stocastici per la valutazione della qualità della didattica universitaria Paolo Giudici, Flavio Ferlini 1, Francesco Civardi 2 Dipartimento di Statistica ed Economia Applicate

Dettagli

CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di SILVIA FIGINI

CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di SILVIA FIGINI 1 CURRICULUM DELL ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA DATI PERSONALI Nome e Cognome: Silvia Figini di SILVIA FIGINI Luogo e data di nascita: Tortona, 16/12/1977 Luogo di lavoro: Università degli Studi di

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa

Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Il Business Plan nel processo di comunicazione tra Banca ed Impresa Massimo Talone Milano, 26 maggio

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

DIIIE - Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia. Corsi di Ingegneria Università degli Studi dell Aquila

DIIIE - Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia. Corsi di Ingegneria Università degli Studi dell Aquila DIIIE - Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell'informazione e di Economia Corsi di Ingegneria Università degli Studi dell Aquila Oggetto: relazione sul questionario relativo alle opinioni sulla

Dettagli

INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016

INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 INTERNAL AUDIT LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 Presentazione La funzione di internal audit ha acquisito, negli anni, un ruolo di primaria importanza nell'ambito dell'adozione delle migliori regole

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

Prologo La fiducia come asset

Prologo La fiducia come asset Ringraziamenti Prefazione, di Fabio Cerchiai Introduzione Prologo La fiducia come asset 1 Il nuovo regime di solvibilità: obiettivi, linee guida, implicazioni strategiche 1.1 LÕevoluzione della disciplina

Dettagli

Economia e Finanza: Esperto in ricerche e analisi economico finanziarie (II edizione) Livello CFU Direttore del corso Comitato Scientifico

Economia e Finanza: Esperto in ricerche e analisi economico finanziarie (II edizione) Livello CFU Direttore del corso Comitato Scientifico Economia e Finanza: Esperto in ricerche e analisi economico finanziarie (II edizione) Livello II CFU 60 Direttore del corso Prof. Federico Perali Comitato Scientifico Prof. Federico Perali (Università

Dettagli

Luigi Di Capua Paolo Gianturco

Luigi Di Capua Paolo Gianturco Luigi Di Capua Paolo Gianturco Convegno CREDIT & OPERATIONAL RISKS 2002 ALCUNE NOVITÀ SUL RISCHIO OPERATIVO Approccio quali - quantitativo all Operational Risk Management: integrazione tra CaR, Key-indicators

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Presentazione. Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione II. Contrattualistica, Fiscalità e Finanza 1

INTERNAL AUDIT. Presentazione. Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione II. Contrattualistica, Fiscalità e Finanza 1 1 Riapertura dei termini iscrizioni Livello II - A.A. 2014-2015 Edizione II Presentazione La funzione di internal audit ha acquisito, negli anni, un ruolo di primaria importanza nell'ambito dell'adozione

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome: MAZZU SEBASTIANO E-mail: s.mazzu@unict.it Nazionalità: ITALIANA Data e luogo di nascita: 27/11/1967 - BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Dettagli

Dipartimento ICEM. Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica. 2 dicembre 2014

Dipartimento ICEM. Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica. 2 dicembre 2014 Dipartimento ICEM Corso di Studio LM33 Ingegneria Meccanica 2 dicembre 2014 Documento generato automaticamente dal software statistico STATAR per L A TEX Fonte dati: GOMP - Anno Accademico 2013/14 Indice

Dettagli

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti;

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; Allegato n. 2 Linee Guida per la redazione della Relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti- Studenti Le Commissioni Didattiche Paritetiche, così come specificato nel Documento di Autovalutazione,

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Gianna Detoni, AFBCI Presidente di PANTA RAY BCI Italian Forum Leader 1 Milano, 13 ottobre 2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Dettagli

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2

Corso Specialistico. Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 B Corso Specialistico Come comunicare i dati economici/finanziari in compliance a SOLVENCY 2 approccio secondo la valutazione prospettiva dei rischi (FLAOR) Milano, 28-29 Ottobre 2014 Obiettivi Le recenti

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Università Degli Studi di Cagliari Atto Costitutivo della Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze Economiche e Aziendali AA 2007/08

Università Degli Studi di Cagliari Atto Costitutivo della Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze Economiche e Aziendali AA 2007/08 Università Degli Studi di Cagliari Atto Costitutivo della Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze Economiche e Aziendali AA 2007/08 Art. 1 Costituzione, Denominazione, Dipartimenti, Dottorati di Ricerca

Dettagli

ANALISI DEI QUESTIONARI PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI SUI SINGOLI INSEGNAMENTI

ANALISI DEI QUESTIONARI PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI SUI SINGOLI INSEGNAMENTI ANALISI DEI QUESTIONARI PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI SUI SINGOLI INSEGNAMENTI Anno Accademico 008/009 Rapporto statistico riassuntivo Corso di Laurea in Scienze politiche e delle Relazioni

Dettagli

ANALISI DEI QUESTIONARI PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI SUI SINGOLI INSEGNAMENTI

ANALISI DEI QUESTIONARI PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI SUI SINGOLI INSEGNAMENTI ANALISI DEI QUESTIONARI PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI SUI SINGOLI INSEGNAMENTI Anno Accademico 008/009 Rapporto statistico riassuntivo Scuola di specializzazione per gli insegnanti della

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Proposte metodologiche dall esperienza del Gruppo UBI Banca Giulia Marini Claudio Andreatta BASILEA 3 2012 RISCHIO OPERATIVO-CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT Definio Reply dà una risposta concreta ed efficiente alle richieste sempre più pressanti provenienti dal mercato del risparmio gestito, in termini di strumenti di analisi

Dettagli

Allegato 1. Tabella 1 - Gli atenei coinvolti

Allegato 1. Tabella 1 - Gli atenei coinvolti Allegato 1 Il check-up Il metodo seguito. La ricerca ha coinvolto 19 atenei, cui è stato somministrato un questionario di autovalutazione, proposto dal gruppo di lavoro e validato in riunioni di sotto-gruppo.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

LA STIMA DEL RISCHIO OPERATIVO IN ASSENZA DI LDC: UNA PROPOSTA METODOLOGICA. Prof. Simona Cosma

LA STIMA DEL RISCHIO OPERATIVO IN ASSENZA DI LDC: UNA PROPOSTA METODOLOGICA. Prof. Simona Cosma LA STIMA DEL RISCHIO OPERATIVO IN ASSENZA DI LDC: UNA PROPOSTA METODOLOGICA Prof. Simona Cosma Agenda Motivi di rilevanza Obiettivi Failure comuni Analisi e ipotesi di soluzione Conclusioni Motivi di rilevanza

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE LIVELLO I - EDIZIONE XIV A.A. 2016-2017

DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE LIVELLO I - EDIZIONE XIV A.A. 2016-2017 DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE LIVELLO I - EDIZIONE XIV A.A. 2016-2017 Presentazione Il Master si propone la formazione di esperti in diritto del lavoro, con competenze di carattere giuridico,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA. benchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA. benchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking BENCHMARKING STUDY INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking CREDIT MANAGEMENT CREDIT MANAGEMENT Benchmarking Study Gestione e recupero dei crediti BENCHMARKING

Dettagli

MANAGEMENT DELLA SOSTENIBILITÀ E DEL CARBON FOOTPRINT LIVELLO I - II EDIZIONE A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DELLA SOSTENIBILITÀ E DEL CARBON FOOTPRINT LIVELLO I - II EDIZIONE A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DELLA SOSTENIBILITÀ E DEL CARBON FOOTPRINT LIVELLO I - II EDIZIONE A.A. 2015-2016 Presentazione Il Master in Management della Sostenibilità e del Carbon Footprint si propone di formare figure

Dettagli

Il docente universitario di Economia e gestione delle imprese. Roma, 11 aprile 2014

Il docente universitario di Economia e gestione delle imprese. Roma, 11 aprile 2014 Il docente universitario di Economia e gestione delle imprese Roma, 11 aprile 2014 Le diverse anime del mestiere del docente Ricerca Didattica Istituzione Attività esterna Metodologia e campione Caratteristiche

Dettagli

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A)

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A) 1 Seminario Aggiornamento Valutatori SICEV Intervento Dai Sistemi di Gestione al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo secondo il DLgs. 231/2001 Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 -

Dettagli

Rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti i corsi della Facoltà di Ingegneria per l anno accademico 2007/2008.

Rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti i corsi della Facoltà di Ingegneria per l anno accademico 2007/2008. Rilevazione delle opinioni degli studenti frequentanti i corsi della Facoltà di Ingegneria per l anno accademico 00/008. La valutazione delle attività didattiche dell Università, da parte degli studenti

Dettagli

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale 1 Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Le novità del DM270 2 Accento sugli aspetti metodologici piuttosto che su quelli professionalizzanti Separazione netta livelli

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ASL LECCE Master II Livello in MANAGEMENT SANITARIO ANNO ACCADEMICO 10-11 R E G O L A M E N T O ARTICOLO 1 Il Master in Management Sanitario si propone

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Simona Maggi Direzione Scientifica AIPB Milano, 10 aprile 2014 Il contributo di AIPB alla sfida della diffusione del servizio di consulenza

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

SECURITY MANAGER Corso integrativo 30 ore

SECURITY MANAGER Corso integrativo 30 ore Corso di perfezionamento e Aggiornamento Professionale in SECURITY MANAGER Corso integrativo 30 ore *CORSO DI INTEGRAZIONE RISERVATO A STUDENTI GIA IN POSSESSO DI MASTER E/O CORSI DI PERFEZIONAMENTO E

Dettagli

Corso di laurea in STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI (classe L-35) Manifesto degli studi a.a. 2009-2010

Corso di laurea in STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI (classe L-35) Manifesto degli studi a.a. 2009-2010 Cap. 10. Corso di laurea in STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI (classe L-35) Manifesto degli studi a.a. 2009-2010 Parte 1. Scheda informativa SEDE DIDATTICA: Dipartimento di Matematica,

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA DOC3/14 Palermo, 7 Luglio 2014 1 1. PREMESSE Prima della definizione

Dettagli

SECURITY MANAGER" (aggiornato alla UNI 10459:2015)

SECURITY MANAGER (aggiornato alla UNI 10459:2015) Art. 1 ATTIVAZIONE Corso di perfezionamento e Aggiornamento Professionale in SECURITY MANAGER" (aggiornato alla UNI 10459:2015) (1000 ore 40 cfu) Anno Accademico 2014/2015 III edizione II sessione L Università

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto

Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Operational Risk Management & Business Continuity Fonti Informative e punti di contatto Roma 16 giugno 2005 Dr. Paolo Cruciani BNL Responsabile Rischi Operativi BNL Direzione Risk Management Agenda 1.

Dettagli

Relazione del Presidio della Qualità

Relazione del Presidio della Qualità Relazione del Presidio della Qualità sulla rilevazione dell Opinione degli Studenti sulla Qualità della Didattica a.a. 2013-2014 Le opinioni degli studenti sulla qualità della didattica, così come quelle

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE I DESTINATARI Il percorso formativo è stato specificamente modulato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Master universitario di II livello in ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI a.a. 2011-2012 1. Finalità Il Master ha lo scopo di formare dirigenti e funzionari pubblici

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni?

Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? Quali sono gli obiettivi di un processo per la Sicurezza delle Informazioni? Cosa si può fare? LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI Cosa si intende per Sicurezza delle Informazioni? La Sicurezza delle Informazioni nell impresa di oggi è il raggiungimento di una condizione dove i rischi

Dettagli

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Corso tecnico e pratico La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Calcolo delle expected losses e del credit VaR Valutazione di congruità degli spread contrattuali

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli