IL NUOVO ISEE: come funziona, su chi impatta, come governarne l applicazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO ISEE: come funziona, su chi impatta, come governarne l applicazione"

Transcript

1 IL NUOVO ISEE: come funziona, su chi impatta, come governarne l applicazione Daniela Mesini Maurizio Motta Istituto per la Ricerca Sociale (Irs) 23 ottobre 2014 Sala Don Ticozzi di Lecco Via Ongania, 4

2 Il percorso formativo-laboratoriale 1 giornata (22 settembre 2014) - Il contesto nel quale si è sviluppata la normativa sull ISEE : presupposti e finalità. - I correttivi e le novità introdotte con la riforma a partire dalle principali criticità dell ISEE 2 giornata (6 ottobre 2014) - Le nuove modalità di calcolo dell indicatore e la sua differenziazione per ambito di intervento - Il dettaglio tecnico-applicativo della riforma. 3 giornata (23 ottobre 2014) - Qualche simulazione sulle ricadute possibili - Il passaggio dal calcolo dell ISEE alla determinazione dell ammontare dell erogazione o della contribuzione 2

3 QUALI SIMULAZIONI POSSIBILI?

4 Alcuni punti salienti: o L ISEE è uno strumento di misurazione della condizione economica e di ORDINAMENTO; o A partire dalla determinazione della condizione economica si devono identificare le (nuove) soglie di accesso alle prestazioni e/o la compartecipazione ai costi -> competenza degli enti gestori; o I nuovi profili tariffari e le nuove soglie avranno delle ricadute sulla platea di beneficiari (chi entra/chi esce) ed in termini di maggiore/minore spesa per gli enti erogatori 4

5 MA Gli effetti del mix di modifiche saranno effettivamente valutabili solo con simulazioni ISEE attuale / ISEE nuovo 1. Simulazione su singoli casi tipo -> semplice foglio di calcolo (.xls) 2. Simulazione sui beneficiari in carico - TUTTI o un campione (con riferimento ad una prestazione/ servizio) -> software ad hoc che elabora dati massivi 3. Simulazione sull intera popolazione (campione statistico) -> modello di micro-simulazione 5

6 Ai fini del ricalcolo del nuovo ISEE, a partire dagli ISEE attuali (DSU estraibili dalla BD INPS o già in possesso dell ente erogatore o simulati ), occorre procedere per gradi, tenuto conto della necessità di popolamento delle variabili che sono presenti nel nuovo algoritmo di calcolo ma che NON sono presenti nel vecchio (es. livelli di disabilità, spese da portare in detrazione, redditi esenti, ecc.).

7 1. Simulazioni su singoli casi-tipo ESEMPIO 1 (Il sole 24 Ore) Marito 46anni Moglie 43anni Figlio17anni Figlio15anni Figlio10anni Casa di proprietà: valore catastale Altro immobile: valore. di e rendita di. 43 Patrimonio mobiliare: Marito: annuo lordo ai fini Irpef e. 960 assegni per il nucleo familiare. 988 rendimenti del patrimonio mobiliare deduzione I.S.E.E. per redditi da lavoro dipendente reddito individuale ai fine I.S.E.E. Moglie: reddito annuo lordo ai fini Irpef deduzione I.S.E.E. per redditi da lavoro dipendente reddito individuale ai fini I.S.E.E valore complessivo della componente reddituale valore del patrimonio mobiliare al netto della franchigia valore catastale del secondo immobile valore complessivo della componente patrimoniale componente reddituale (20% della componente patrimoniale) I.S.E. Complessivo - 3,25 scala equivalenza I.S.E.E. nuovo = I.S.E.E. con metodo precedente ,41

8 ESEMPIO 2 (Il sole 24 Ore) Marito 77 anni non autosufficiente Moglie 76anni Casa di proprietà: valore catastale Patrimonio mobiliare: non presente Marito: annuo lordo ai fini Irpef e indennità accompagnamento deduzione I.S.E.E. per redditi da lavoro trasferimenti assist. e prev deduzione per spese sanitarie deduzioni per spese personale di cura per non autosufficienti reddito individuale ai fine I.S.E.E valore complessivo della componente reddituale valore della abitazione al netto delle deduzioni componente reddituale (20% della componente patrimoniale) ,00 deduzione per non autosufficienza I.S.E. Complessivo 1,57 scala equivalenza I.S.E.E. nuovo = I.S.E.E. con metodo precedente = 7.648,31

9 3. Simulazioni sull intera popolazione Modello di microsimulazione elaborato da ricercatori del CAPP (M. Baldini, E. Ciani, D. Pacifico) Si basa sull Indagine It-Silc dell Istat (2010) su famiglie rappresentative delle famiglie italiane Ci permette di verificare la modifica del peso delle diverse componenti dell indicatore e della sua capacità selettiva Ci consente di delineare delle tendenze generali sulle tipologie di beneficiari avvantaggiate o svantaggiate dalla riforma politica per politica, si dovrà poi fare una riflessione sugli effetti distributivi e sulle modificazioni di spesa conseguenti 9

10 VALORE MEDIO E MEDIANO (TUTTE LE FAMIGLIE) 10

11 VALORE MEDIO DELLE COMPONENTI (TUTTE LE FAMIGLIE) 11

12 PERCENTUALI DI ISEE PARI A ZERO (TUTTE LE FAMIGLIE) 12

13 È CAMBIATO MOLTO O POCO? L isee post riforma risulta mediamente più alto L analisi sulle differenze medie può essere poco efficace: la maggior parte delle famiglie avrà Isee più elevato Vediamo quali gruppi familiari «entrano/escono» 13

14 ANALISI PER QUINTI DI POPOLAZIONE Tutte le famiglie vengono ordinate in base all Isee pre riforma in ordine crescente. Sulla base dell ordinamento vengono suddivise in 5 gruppi di uguale numerosità. Stesso procedimento sulla base dell Isee post riforma. Prima della riforma le famiglie hanno un ordinamento, dopo la riforma tale ordinamento si modifica Quindi le famiglie che prima ricevevano il beneficio non saranno necessariamente le stesse 14

15 CHI ENTRA E CHI ESCE Le famiglie che entrano: sono più frequentemente famiglie numerose; specie se con figli minori; con abitazione in affitto o in uso gratuito; con capofamiglia giovane (<30 anni e 30-44); con capofamiglia lavoratore dipendente o disoccupato. Le famiglie che escono: sono più frequentemente in abitazione di proprietà; con capofamiglia anziano o pensionato o in altra condizione non lavorativa. 15

16 ISEE MEDIO PRE E POST PER QUINTI (TUTTA LA POPOLAZIONE) o Popolazione che più facilmente si rivolge ai servizi 16

17 L ISEE POST RIFORMA È PIÙ ATTENTO ALLE FAMIGLIE GIOVANI

18 L ISEE POST RIFORMA È PIÙ ATTENTO ALLE FAMIGLIE CON FIGLI, SOPRATTUTTO SE MINORI Nei primi due quinti di famiglie: Aumenta la quota di famiglie con figli 0-24 anni (+4% primo quinto, +2% secondo quinto) Aumenta la quota di famiglie con figli da 0 a 3 anni (+1,2% primo quinto, +o,6% secondo quinto) Aumenta la quota di famiglie con 3 e più figli (+o,5% primo quinto, +o,2% secondo quinto) Vediamo qualche grafico ->

19 Percentuale di famiglie sul totale 19

20 Percentuale di famiglie sul totale 20

21 Percentuale di famiglie sul totale 21

22 GLI EFFETTI SULLE FAMIGLIE CON DISABILI Confrontando il primo quinto pre e post riforma: CHI ENTRA gravi e non autosufficienti che vivono in affitto con più di un disabile in famiglia di età giovane poveri CHI ESCE disabili medi con più di 65 anni che vivono in proprietà 22

23 Diversi possibili modi per usare l ISEE

24 PER RISOLVERE / ATTENUARE ALCUNE CRITICITA, OLTRE A CHIARIMENTI NAZIONALI, VI SONO 2 STRUMENTI LOCALI: a) INTRODURRE CRITERI ULTERIORI ACCANTO ALL ISEE b) ADOTTARE MODI IDONEI DI USO DELL ISEE LA NORMATIVA NULLA DICE SUL MODO CON IL QUALE: PASSARE DAL VALORE ISEE DEL SINGOLO NUCLEO ALLA DEFINIZIONE DEL VOLUME DI PRESTAZIONI DA EROGARE, OPPURE DELLA CONTRIBUZIONE DA FAR PAGARE PERCIÒ GLI ENTI EROGATORI (SALVO NORME NAZIONALI E REGIONALI CHE REGOLINO LA MATERIA) POSSONO SCEGLIERE CON QUALE CALCOLO SI USA IL VALORE ISEE PER OTTENERE GLI EFFETTI SULL UTENZA. 24

25 CON IL PRECEDENTE ISEE SONO STATI ADOTTATI NUMEROSI E DIVERSI MECCANISMI DI CALCOLO, E QUESTO CAMPO DI SCELTE È DA AFFRONTARE ANCHE NELL USO DEL NUOVO ISEE ED E TOTALMENTE LIBERO PER GLI ENTI EROGATORI (SALVO NORME DI RANGO SUPERIORE, AD ES. REGIONALI). IL PROBLEMA DA AFFRONTARE CONSISTE NEL: PARTIRE DA UNA CONDIZIONE ECONOMICA DEL NUCLEO DESCRITTA CON L ISEE, IL QUALE È UN MIX DI REDDITI E PATRIMONI (CON SCALA DI EQUIVALENZA); PER ARRIVARE AD IDENTIFICARE UN IMPORTO DA EROGARE O UNA COMPARTECIPAZIONE/TARIFFA CHE IL NUCLEO DEVE VERSARE (OSSIA SOLO REDDITO).

26 TENENDO ALTRESÌ CONTO CHE NELLE EROGAZIONI ECONOMICHE CONTRO LA POVERTÀ UNA LOGICA RILEVANTE È DI EROGARE UN IMPORTO CALCOLATO PER CONSENTIRE AL NUCLEO DI RAGGIUNGERE UNA SOGLIA MINIMA DI REDDITO DISPONIBILE. VEDIAMO QUI SOLO ALCUNE DELLE MOLTE DIVERSE MODALITA POSSIBILI, CIASCUNA DELLE QUALI HA PRO E CONTRO. QUASI TUTTE IMPLICANO UNA CONDIZIONE: DEFINIRE UN VALORE DI ISEE MASSIMO SOPRA AL QUALE NON SI BENEFICIA DELLA PRESTAZIONE, ED UNO MINIMO, SOTTO AL QUALE SI RICEVE L INTERA PRESTAZIONE (O NON SI PAGA NULLA) E OCCORRE UN PO DI ATTENZIONE MATEMATICA 26

27 MODALITA 1: FASCE DI ISEE L EROGATO SI CALCOLA PREDEFINENDO FASCE DI ISEE COLLEGATE AD IMPORTI EROGABILI, DECRESCENTI AL CRESCERE DELL ISEE. OSSIA: - SE L ISEE DEL NUCLEO È TRA UN VALORE X ED UN VALORE Y SI EROGA UN IMPORTO Z, SE L ISEE È IN UNA FASCIA DI VALORI PIÙ ELEVATI SI EROGA UN IMPORTO MINORE - SOPRA UN VALORE SOGLIA DI ISEE NON SI EROGA NULLA. LA STESSA LOGICA CONDUCE A CONTRIBUZIONI/TARIFFE DOVUTE DAL NUCLEO: PIÙ ALTE PER ISEE INCLUSI ENTRO FASCE PIÙ ELEVATE, SINO AD AZZERARSI (OSSIA CON ESENZIONE DAL PAGAMENTO) PER NUCLEI CON ISEE INFERIORI A UNA SOGLIA DEFINITA.

28 PRO E CONTRO DI QUESTA MODALITA 1) (CI SONO MOLTI CONTRO ) : SVANTAGGI: 1)E LA MODALITA CHE ESPONE A MAGGIORI RISCHI DI INIQUITA SE LE FASCE SONO POCHE, PERCHE UN NUCLEO CON 1 EURO DI REDDITO IN PIU PUO PAGARE TARIFFE PIU ALTE DI UNO CHE HA 1 SOLO EURO IN MENO 2) NON È POSSIBILE INDIVIDUARE UN IMPORTO DA EROGARE CHE RAGGIUNGA L OBIETTIVO DI INNALZARE IL REDDITO DI OGNI NUCLEO SINO AL MINIMO DA GARANTIRE, PERCHE SI EROGANO VALORI PREDETERMINATI, ABBINATI SOLO ALLE FASCE;

29 3) L EROGATO È CALCOLATO VALUTANDO LA CONDIZIONE DEL NUCLEO CON UN VALORE SINTESI DI REDDITI E DEI PATRIMONI (COM È L ISEE). PERCIO SI ASSUME COME EFFICACE IL PRINCIPIO CHE IL CONTRIBUTO EROGATO NON DEBBA SERVIRE AD INNALZARE IL REDDITO, MA AD INNALZARE L ISEE ; OVVERO CHE L INTERO VALORE ISEE SIA SEMPRE ASSIMILABILE A UN REDDITO, E ANCHE GESTIBILE COME TALE DA PARTE DEL NUCLEO (IL CHE PUÒ NON ACCADERE). E SI ASSUME CHE L ISEE SIA INTERAMENTE REDDITO DISPONIBILE PER PAGARE CONTRIBUZIONI.

30 MODALITA 2: ISEE ASSIMILATO A REDDITO SI CONSIDERA L ISEE INTERO DEL NUCLEO SI INDIVIDUA L IMPORTO EROGABILE COME DIFFERENZA TRA UN MINIMO DA GARANTIRE AL NUCLEO E IL VALORE DELL ISEE INTERO. AD ESEMPIO PER UN NUCLEO CHE HA UN ISEE DI 6000 EURO SI ESEGUE QUESTO CALCOLO: 6000 DIVISO 12 = 500 = ASSIMILATO A REDDITO MENSILE DEL NUCLEO; OSSIA VIENE REDDITUALIZZATO L INTERO ISEE NEL SUO VALORE FINALE LA SOMMA MENSILE DA EROGARE E = SOGLIA ASSUNTA COME IL MINIMO DA GARANTIRE (MINIMO VITALE, O POVERTÀ ASSOLUTA ISTAT) MENO 500

31 MODALITA 2: ISEE ASSIMILATO A REDDITO SE INVECE SI DEVE DEFINIRE UNA CONTRIBUZIONE SI POSSONO ESENTARE DAL PAGAMENTO I NUCLEI CON ISEE SOTTO UNA CERTA SOGLIA, E PER CHI HA ISEE SUPERIORI OPERARE COSÌ: SE LA CONTRIBUZIONE/TARIFFA MASSIMA È 600 EURO MENSILI, E SE SONO ESENTI DAL PAGAMENTO I NUCLEI CON ISEE /12 INFERIORE A 300: UN NUCLEO CON UN ISEE / 12 = 400 PAGA 100 UN NUCLEO CON UN ISEE / 12 = 700 PAGA 600 UN NUCLEO CON UN ISEE/ 12 = 290 NON PAGA NULLA

32 PRO E CONTRO DI QUESTA MODALITA 2): 1) SVANTAGGI : ANCHE QUI SI ASSUME COME EFFICACE IL PRINCIPIO CHE IL CONTRIBUTO EROGATO NON DEBBA SERVIRE AD INNALZARE IL REDDITO, MA AD INNALZARE L ISEE ; OVVERO CHE L INTERO VALORE ISEE SIA SEMPRE ASSIMILABILE A UN REDDITO, E ANCHE GESTIBILE COME TALE DA PARTE DEL NUCLEO (IL CHE PUÒ NON ACCADERE). E SI ASSUME CHE L ISEE SIA INTERAMENTE REDDITO DISPONIBILE PER PAGARE CONTRIBUZIONI. 2) VANTAGGI: QUESTA MODALITA CONSENTE DI CALCOLARE UNA EROGAZIONE O CONTRIBUZIONE PUNTUALE E DIVERSA PER OGNI SINGOLO NUCLEO

33 MODALITA 3: PRIMA ISEE SOLO PER INDIVIDUARE GLI ELEGGIBILI, POI REDDITO SI ESEGUE UNA DOPPIA VALUTAZIONE: 1) SI UTILIZZA L ISEE SOLO COME CRITERIO PER ESSERE AMMESSI AD UNA PLATEA DI POSSIBILI BENEFICIARI : SE IL NUCLEO HA UN ISEE DI VALORE SOPRA UNA SOGLIA DEFINITA NON PUÒ ESSERE ELEGGIBILE PER LA PRESTAZIONE, SE INVECE È SOTTO TALE SOGLIA SI PROCEDE CON UN CALCOLO SUCCESSIVO. 2) CON UN SECONDO CALCOLO, APPLICATO SOLO AI NUCLEI CHE HANNO SUPERATO IL PRIMO FILTRO, L IMPORTO DA EROGARE È DETERMINATO PER DIFFERENZA TRA MINIMO DA GARANTIRE A QUEL NUCLEO E SOMMA DEI REDDITI REALI POSSEDUTI.

34 OSSIA PER CALCOLARE QUANTO EROGARE NON SI UTILIZZA L INTERO ISEE, MA SOLO O LA SUA COMPONENTE REDDITUALE, OPPURE LA SOMMA DEI VALORI NETTI DEI REDDITI DEL NUCLEO AL MOMENTO DELLA PRESTAZIONE PRO E CONTRO DI QUESTA MODALITA 3): 1) SVANTAGGI: a) POICHÉ L ISEE DI NORMA INCLUDE I REDDITI DI DUE ANNI PRECEDENTI LA RICHIESTA DI PRESTAZIONE, CON LA PRIMA SELEZIONE SI RISCHIA DI ESCLUDERE/AMMETTERE TRA I POSSIBILI BENEFICIARI NUCLEI IL CUI REDDITO È MOLTO CAMBIATO DA ALLORA. PERALTRO QUESTA È UNA CRITICITÀ STRUTTURALE DEL NUOVO ISEE b) ONERI ORGANIZZATIVI E DICHIARAZIONI AGGIUNTIVE PER IL CITTADINO (ESPONIAMOLI TRA POCO)

35 2) VANTAGGI: a) SE PER DETERMINARE LA PRESTAZIONE (CON IL SECONDO CALCOLO) SI CONSIDERANO I REDDITI ISEE, MA QUELLI POSSEDUTI AL MOMENTO DELLA RICHIESTA DI INTERVENTO, SI COSTRUISCE L INTERVENTO IN BASE AI REDDITI REALI DEL MOMENTO NEL QUALE LO SI AVVIA, E NON A QUELLI DI 2 ANNI PRIMA. QUESTO E IL PRINCIPALE OBIETTIVO DI QUESTA MODALITA (VALUTARE LA CONDIZIONE ECONOMICA EFFETTIVA AL MOMENTO DELLA PRESTAZIONE). TUTTAVIA IMPLICA CHE SI RICHIEDA UNA DICHIARAZIONE AGGIUNTIVA ALL ISEE, E CHE I SERVIZI ESEGUANO CONTROLLI E CALCOLI AGGIUNTIVI ALL ISEE.

36 b) SI PERVIENE A DEFINIRE UN VALORE DA EROGARE AL NUCLEO, O DA FAR PAGARE, CHE È CALCOLATO IN MODO PUNTUALE E SPECIFICO PER OGNI NUCLEO, IN RAGIONE DELLA DIFFERENZA TRA IL SUO REDDITO ED UN VALORE SOGLIA (TARIFFA O REDDITO MINIMO DA GARANTIRE) VARIANTI POSSIBILI DI QUESTA MODALITA 3: 1) PREVEDERE CHE AL MOMENTO DELLA PRESTAZIONE, OLTRE A VALUTARE IL REDDITO DI QUEL MOMENTO, SI VALUTI ANCHE SE IN QUEL MOMENTO I PATRIMONI SUPERANO FRANCHIGIE DEFINITE AD HOC. AD ESEMPIO NON SI EROGA SE AL MOMENTO DELLA PRESTAZIONE I BENI IMMOBILIARI SUPERANO.. 2) CALCOLARE L IMPORTO DA EROGARE (O LA TARIFFA DA PAGARE), NON CON UN CALCOLO LINEARE MA USANDO FASCE DI ISEE

37 QUESTA MODALITA HA MOLTI VANTAGGI (E PER QUESTO AD ESEMPIO E INCLUSA IN PROPOSTE TECNICHE PER INTRODURRE UN REDDITO MINIMO NAZIONALE ). VA VERIFICATO SE SIA LEGITTIMA RISPETTO AL DECRETO SUL NUOVO ISEE, PERCHE COME CRITERI ULTERIORI ACCANTO ALL ISEE NON SI USANO ELEMENTI DIVERSI DALL ISEE (AD ESEMPIO IL POSSSO DI AUTO, IL RIFIUTO DEL LAVORO, ETC.) MA ELEMENTI DELL ISEE (REDDITI E PATRIMONI) IL DR. TANGORRA, CUI LO SI E CHIESTO, HA DETTO IL 23/5/2014 CHE LO E

38 MODALITA 4: ISEE AL INTERNO DI UN ALGORITMO SI DEFINISCE UN VALORE ISEE MINIMO, SOTTO AL QUALE IL NUCLEO NON PAGA CONTRIBUZIONE, ED UNO MASSIMO, SOPRA AL QUALE PAGA L INTERA CONTRIBUZIONE. E PER NUCLEI CON ISEE INCLUSI TRA I DUE VALORI LA CONTRIBUZIONE DOVUTA È CALCOLATA IMMETTENDO L ISEE IN UNA FORMULA. SONO OPERANTI DIVERSE MODALITA DI QUESTO TIPO. ECCONE 4 DIVERSE 4.1) ISEE MOLTIPLICATO PER UN COEFFICIENTE (EVENTUALMENTE APPESANTENDO O ALLEGGERENDO IL RISULTATO). QUESTO È IL METODO NELL UNIVERSITÀ DI TORINO PER IL PAGAMENTO DELLE TASSE UNIVERSITARIE NEL 2013/14 (VECCHIO ISEE) 38

39 SE L ISEE È < EURO SI PAGANO 323,00 (TARIFFA MINIMA) SE L ISEE È > EURO SI PAGANO 2.430,00 (TARIFFA MASSIMA) SE L ISEE È COMPRESO TRA E EURO, IL CONTRIBUTO È PARI A ISEE X 0, ,7949 SE L ISEE È COMPRESO TRA E EURO, IL CONTRIBUTO È PARI A ISEE X 0, ,714 COEFFICIENTE E FORMULA SONO STATI RICAVATI CON SIMULAZIONI SUGLI ISCRITTI UN CALCOLO SIMILE, ADATTATO, POTREBBE CONDURRE A DEFINIRE EROGAZIONI PER IL NUCLEO, ANZICHÉ SUE CONTRIBUZIONI 39

40 UN ALTRA VARIANTE DELLA MODALITA 4 4.2) TARIFFA RAPPORTATA AD UN MINIMO VITALE DA GARANTIRE AL NUCLEO COME REDDITO FRUIBILE CONTRIBUZIONE DA PAGARE = ISEE _ MINIMO VITALE DEL NUCLEO DA GARANTIRE TARIFFA PER DEL SERVIZIO DIFFERENZA TRA FASCIA ISEE MASSIMA E MINIMA QUESTO E UN VALORE DI ISEE CONSIDERATO MINIMO DA GARANTIRE 40

41 OPPURE 4.3) TARIFFA IN BASE ALLA DISTANZA DELL ISEE DEL NUCLEO DALL ISEE MINIMO CHE ESENTA DAL PAGAMENTO SI CALCOLA UNA TARIFFA PUNTUALE PER IL NUCLEO CON QUESTA FORMULA: (ISEE I min) / (I MAX I min), POI MOLTIPLICATO PER LA TARIFFA DEL SERVIZIO DOVE ISEE = ISEE EFFETTIVO DEL NUCLEO I min = ISEE MINIMO (CHE CONSENTE GRATUITÀ) I MAX = ISEE MASSIMO, CHE IMPLICA PAGAMENTO DELL INTERA TARIFFA IN ALTRI TERMINI: (ISEE DEL NUCLEO MENO ISEE MINIMO CHE CONSENTE GRATUITÀ) DIVISO (LA DIFFERENZA TRA ISEE MASSIMO E ISEE MINIMO), MOLTIPLICANDO IL RISULTATO PER LA TARIFFA DEL SERVIZIO 41

42 4.4) SEMPRE TARIFFA IN BASE ALLA DISTANZA DELL ISEE DEL NUCLEO DA QUELLO MINIMO, MA PREVEDENDO CHE SEMPRE SI PAGHI QUALCOSA (ISEE ut ISEE min) per (% max - % min) % UT = % min (ISEE MAX ISEE min) DOVE % UT = LA % DEL COSTO CHE DEVE PAGATA DAL NUCLEO % min = LA % DEL COSTO MINIMA CHE TUTTI DEVONO PAGARE % MAX = LA % DEL COSTO CHE AL MASSIMO SI DEVE PAGARE (OVVIAMENTE PUO ESSERE = 100) 42

43 PRO E CONTRO DI QUESTE MODALITA 4): 1) SVANTAGGI: a) QUANDO DALL ISEE SI TOGLIE UN REDDITO (IL MINIMO VITALE CHE SI VUOLE LASCIARE AL NUCLEO) ANCHE QUI SI ASSUME COME EFFICACE IL PRINCIPIO CHE L INTERO VALORE ISEE SIA SEMPRE ASSIMILABILE A UN REDDITO, E ANCHE GESTIBILE COME TALE DA PARTE DEL NUCLEO (IL CHE PUÒ NON ACCADERE). E SI ASSUME CHE L ISEE SIA INTERAMENTE REDDITO DISPONIBILE PER PAGARE CONTRIBUZIONI. b) E BENE DEDURLA DA SIMULAZIONI CHE VERIFICANO GLI ESITI c) OCCORRE IN OGNI CASO CHE L ENTE EROGATORE SI DOTI DI UN SISTEMA DI CALCOLO AGGIUNTIVO ALL ISEE

44 2) VANTAGGI: A) QUESTA MODALITA CONSENTE DI CALCOLARE UNA EROGAZIONE O CONTRIBUZIONE PUNTUALE E DIVERSA PER OGNI SINGOLO NUCLEO B) LE FORMULE SI POSSONO FACILMENTE RITARARE MODIFICANDO LA VARIABILI DEL CALCOLO SENZA SCONVOLGERLO C) NON IMPLICA USO DI ULTERIORI CERTIFICAZIONI OLTRE ALL ISEE 44

45 MODALITA 5: ISEE COMBINATO CON ALTRA VALUTAZIONE INCROCIA L ISEE CON UN ALTRA VALUTAZIONE (ANCHE NON CONNESSA ALLA SITUAZIONE ECONOMICA) COME LA MODALITA INPS NEL PROGRAMMA DI INTERVENTI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA HOME CARE PREMIUM: PUNTI ALLA SCALA VALORI DI ISEE > ,3 1,2 1,1 1,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0, ,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,425 0,35 0,275 0, ,7 0,6 0,55 0,5 0,45 0,4 0,3 0, ,4 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 45

46 DOVE LA PRIMA COLONNA INDICA I PUNTEGGI DEL NUCLEO IN SCALE DI UNA CONDIZIONE SOCIALE O SOCIOSANITARIA, E LE CELLE INDICANO GLI IMPORTI DA EROGARE (IN MIGLIAIA DI EURO) ANALOGAMENTE PUÒ ESSERE COSTRUITA UNA GRIGLIA CHE IDENTIFICHI NELLE SINGOLE CELLE GLI IMPORTI DA EROGARE, O LE CONTRIBUZIONI DA PAGARE, INCROCIANDO I VALORI ISEE DEL NUCLEO (LE COLONNE) CON QUALCHE ALTRO VALORE (SULLE RIGHE) CHE SINTETIZZI UNA CONDIZIONE IMPORTANTE, ALLA CRESCITA DELLA QUALE DEVE CRESCERE L INTERVENTO PUBBLICO. OSSIA DUE NUCLEI CON LO STESSO ISEE RICEVONO PIÙ INTERVENTO (O PAGANO MENO CONTRIBUZIONE) AL CRESCERE DEL LORO PUNTEGGIO NELLA CONDIZIONE CHE SI DESIDERA INCROCIARE CON L ISEE.

47 E AL DECRESCERE DEL PUNTEGGIO ALLA SCALA SI PUÒ EROGARE SOLO A ISEE SEMPRE PIÙ RIDOTTI (AD ESEMPIO A PERSONE CON LIMITATA NON AUTOSUFFICIENZA SI EROGA SOLO SE L ISEE È BASSO). PRO E CONTRO DI QUESTA MODALITA 5): 1) SVANTAGGI: a) NON È POSSIBILE INDIVIDUARE UN IMPORTO DA EROGARE CHE RAGGIUNGA L OBIETTIVO DI INNALZARE IL REDDITO DEL NUCLEO SINO AL MINIMO DA GARANTIRE ; INFATTI L EROGATO SI CALCOLA ABBINANDO UN VALORE CHE NON È IL REDDITO MA LA SINTESI DI UN MIX DEI REDDITI E DEI PATRIMONI (COME APPUNTO È L ISEE) AD UNA GAMMA DI IMPORTI DA EROGARE.

48 OSSIA ANCHE CON QUESTO METODO SI ASSUME IL PRINCIPIO CHE IL CONTRIBUTO EROGATO NON DEBBA SERVIRE AD INNALZARE IL REDDITO, MA AD INNALZARE L ISEE. b) OCCORRE IN OGNI CASO CHE L ENTE EROGATORE SI DOTI DI UN SISTEMA DI CALCOLO AGGIUNTIVO ALL ISEE 2) VANTAGGI a) USANDO MOLTE FASCE (E CALCOLANDO CIO CHE SI EROGA ALL INCROCIO DI RIGHE E COLONNE) SI ATTENUANO GLI SVANTAGGI TIPICI DELLE FASCE. b) QUESTA MODALITA PUO ESSERE USATA QUANDO NON SI DEVE CALCOLARE UN IMPORTO DA EROGARE PER INNALZARE IL REDDITO, BENSI QUALCOS ALTRO. AD ESEMPIO UNA PRESTAZIONE SOCIOSANITARIA. E PER CALCOLARE CONTRIBUZIONI (INVERTENDO I VALORI NELLE CELLE)

49 COSA VALUTARE PER SCEGLIERE IL MODO DI CALCOLO? ALCUNI TEMI: 1) ADATTARE LA MODALITA DI CALCOLO ALLE DIVERSE PRESTAZIONI, CHE POSSONO RICHIEDERE DIFFERENZE 2) VALUTARE SE TRAMITE L USO DI MODI DI CALCOLO SI POSSONO RIDURRE CRITICITA DELL ISEE. E QUALI. AD ESEMPIO SE SI USA SOLO L ISEE (E NON IMPORTI PIU RECENTI) NON SI CORREGGE LA DISTANZA TRA I REDDITI ISEE E IL MOMENTO DELLA PRESTAZIONE 3) INTERROGARSI SE LE MODALITA VIGENTI NON RICHIEDEREBBERO IN OGNI CASO UNA REVISIONE (ad esempio ridurre le criticità dell uso di poche fasce di ISEE) 49

50 4) VALUTARE I COSTI (anche organizzativi) DELL ADOZIONE DI DIVERSE MODALITA. AD ESEMPIO: a) SE E OPERANTE UN SISTEMA INFORMATIVO CHE CALCOLA LE CONTRIBUZIONI PER I NIDI USANDO FASCE DI ISEE ; VA VERIFICATO COSA IMPLICHEREBBE CAMBIARLO b) CHI PUO FARE CHE COSA? ACCORDI CON I CAF? 50

51 GRAZIE PER L ATTENZIONE E BUON LAVORO A TUTTI!

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

Il nuovo Isee: novità e continuità

Il nuovo Isee: novità e continuità Regione Emilia-Romagna Seminario PRIMO APPROFONDIMENTO SUL NUOVO ISEE Il nuovo Isee: novità e continuità Stefano Toso Università di Bologna 3 aprile 2014 Auditorium, Viale Aldo Moro 18, Bologna Il vecchio

Dettagli

CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015

CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015 CONVEGNO IL NUOVO ISEE Quale impatto sulle famiglie e gli enti locali? Firenze, 14 luglio 2015 GLI EFFETTI DELLA RIFORMA SULLE FAMIGLIE TOSCANE Letizia Ravagli e Nicola Sciclone Sulla crisi, il welfare

Dettagli

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Fiscal Flash La notizia in breve N. 308 04.12.2013 Il nuovo Isee Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Nel Consiglio dei Ministri di ieri 3 dicembre il governo ha approvato

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE NUOVO ISEE Con la riforma del nuovo ISEE a partire dal 1 gennaio 2014, ai fini di determinazione delle fasce di reddito e della misurazione della situazione economica delle famiglie, viene introdotto un

Dettagli

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni.

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. Nuovo ISEE 2015 Introduzione Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. ISEE CONTENUTI DELLA RIFORMA La comunicazione prende in esame: La normativa Isee attualmente in vigore e definita da

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico

Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico Materiali di lavoro 7 Stime sul costo e sugli effetti redistributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini, Daniele Pacifico In questa scheda si presentano alcune stime riguardanti gli

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia.

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. della condizione La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo Isee

OGGETTO: Il nuovo Isee Informativa per la clientela di studio del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo Isee Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza

Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza Raffaele Fabrizio Direzione generale Sanità e politiche sociali Regione ER Bologna 3 aprile 2014 Cosa prevede il DPCM 159/2013 per le prestazioni

Dettagli

ML7. Percorsi alternativi di finanziamento del programma

ML7. Percorsi alternativi di finanziamento del programma ML7. Percorsi alternativi di finanziamento del programma Paolo Bosi, Capp Emanuele Ranci Ortigosa, Irs Milano, 3.12.2013 Le ragioni di una scelta La riflessione teorica e l analisi empirica mostrano che:

Dettagli

Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza

Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza Il nuovo Isee (DPCM 159/2013) e la non autosufficienza Raffaele Fabrizio Direzione generale Sanità e politiche sociali Regione ER Seminari territoriali Piacenza, Reggio Emilia, Bologna, Cesena Cosa prevede

Dettagli

MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI

MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI La L.R. 41/2005 all art. 2 sancisce il carattere di universalità

Dettagli

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana Letizia Ravagli STUDI E APPROFONDIMENTI RICONOSCIMENTI Il lavoro è stato redatto da Letizia Ravagli

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2330 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TINAGLI, CAPUA, ANTIMO CESARO, GALGANO, MAZZIOTTI DI CELSO, QUINTARELLI, SOTTANELLI, VECCHIO

Dettagli

di impatto del nuovo ISEE

di impatto del nuovo ISEE Aree Metropolitane Il sistema di valutazione di impatto del nuovo ISEE Clesius srl Il cloud computing Uno dei maggiori trend nel settore ICT di questi ultimi anni è senza dubbio il Cloud Computing, ovvero

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE

NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE Torino, 24 dicembre 2013 Fondazione promozione sociale onlus NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE Quelli che seguono sono alcuni esempi di calcolo Isee relativi a persone non

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DELLA SPEZIA Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 27/03/2015 1 INDICE Art.

Dettagli

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Art. 1 Oggetto Art. 2 Finalità Art. 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi

L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Esercizi L IRPEF del 2007 Alcuni esercizi Capitolo III, Lezione 1 Le aliquote e le detrazioni dell Irpef Capitolo III, Lezione 1 SCALA DELLE ALIQUOTE redditi 2007 Scaglioni Al.legalelegale EURO (%) 0-15.000

Dettagli

ISEE: Modelli a confronto

ISEE: Modelli a confronto ISEE: Modelli a confronto La proposta di ANCI Toscana verso la modifica dell ISEE nazionale L ISEE in Italia: una panoramica PRESENTAZIONE DI : CLAUDIO GOATELLI CLESIUS SRL Oltre il 50% delle borse di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia La riforma dell ISEE: maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Che cosa è l ISEE L ISEE è l indicatore, in vigore dal 1998, che serve per valutare e confrontare

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale

NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015. a cura di Celeste Vivenzi. Premessa generale NUOVO ISEE : AL VIA DAL 01 GENNAIO 2015 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto con il DM del 07-11-2014 è stato approvato il nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) necessario

Dettagli

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità 14 e 15 aprile 2014 La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità Avv. Gaetano De Luca Servizio Legale Ledha Di cosa vi parlerò Alcune premesse campo di applicazione

Dettagli

Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione

Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione Famiglie e povertà: l esperienza trentina del Reddito di Garanzia e la sua valutazione Antonio Schizzerotto, Nadir Zanini, Silvia Girardi & Loris Vergolini IRVAPP: Istituto per la Ricerca Valutativa sulle

Dettagli

Il nuovo ISEE tassa la casa

Il nuovo ISEE tassa la casa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 341 21.11.2014 Il nuovo tassa la casa L abbattimento di 1/3 non compensa l abolizione della franchigia Categoria: Contribuenti Sottocategoria:

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

ALLEGATO B. Quantificazione tariffe a carico utente

ALLEGATO B. Quantificazione tariffe a carico utente ALLEGATO B Quantificazione tariffe a carico utente TABELLE RELATIVE AI LIVELLI INIZIALI E FINALI DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E MINIMI E MASSIMI DI TARIFFE Precisato che il costo del servizio viene quantificato

Dettagli

Nota n. 3 del 02.04.2015

Nota n. 3 del 02.04.2015 Nota n. 3 del 02.04.2015 SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO: ORIGINI E CONSEGUENZE A cura di Alessandra Franceschini (Referente Regionale Sardegna FNP - ISEE Progetto Equità) Con tre diverse Sentenze di pari tono

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Provincia autonoma di Trento ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Seminario CGIL - SPI Lombardia Milano 16 marzo 2011 Paolo Weber 1 Il contesto Il debito pubblico e la riduzione

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

Il nuovo Isee: illustrazione decreto

Il nuovo Isee: illustrazione decreto Il nuovo Isee: illustrazione decreto Seminario Lecce, 3 aprile 2014 Alessandro Geria Dipartimento Politiche Sociali e della Salute L indicatore della situazione economica equivalente L Isee consiste in

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

Analisi del Decreto ISEE Cosa cambia per le persone con disabilità?

Analisi del Decreto ISEE Cosa cambia per le persone con disabilità? Analisi del Decreto ISEE Cosa cambia per le persone con disabilità? Commenti a cura dell Osservatorio AISM diritti e servizi 1 1: DECRETO ISEE ED ANALISI DELLE DISPOSIZIONI DI INTERESSE PER LE PERSONE

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

COME SI CALCOLA L ISEE

COME SI CALCOLA L ISEE Introdotto dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n.109, successivamente modificato dal decreto legislativo n.130 del 3 maggio 2000 è lo strumento necessario per poter accedere ad una serie di prestazioni

Dettagli

Bonus straordinario: modulo e istruzioni dell Agenzia delle entrate

Bonus straordinario: modulo e istruzioni dell Agenzia delle entrate www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Direzione Nazionale Bonus straordinario: modulo e istruzioni

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI RELATIVE AL NUOVO ISEE

INDICAZIONI GENERALI RELATIVE AL NUOVO ISEE INDICAZIONI GENERALI RELATIVE AL NUOVO ISEE Il DPCM 159/2013 e il Decreto Ministeriale 7/11/2014 hanno portato a compimento la revisione del ISEE, già prevista dall'art. 5 del decreto Salva Italia (d.l.

Dettagli

Nuovo Modello ISEE del Governo Monti: le modifiche e le novità in sintesi

Nuovo Modello ISEE del Governo Monti: le modifiche e le novità in sintesi Nuovo Modello ISEE del Governo Monti: le modifiche e le novità in sintesi Il nuovo modello ISEE per la scuola e anche per altre finalità conoscerà un nuovo calcolo in virtù delle modifiche ad opera del

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER Approvato con deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.11.2007. In vigore

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori

Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori Il sostegno alle famiglie con figli: l Assegno unico per i minori Paolo Bosi CAPP Milano 26 settembre 2013 I programmi vigenti Detrazioni per carichi familiari in Irpef Assegni familiari Assegni per nuclei

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

IRPEF Il calcolo dell imposta netta

IRPEF Il calcolo dell imposta netta IRPEF Il calcolo dell imposta netta Di cosa parliamo 1 Deduzioni 2 Aliquote 3 Detrazioni 4 Aliquote marginali effettive Gli oneri deducibili Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art.

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. Allegato B Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. 1 Terminologia Ai fini del presente regolamento viene adottata,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

ALLEGATO A) alla d.g.r. n. 4154 del 8 ottobre 2015

ALLEGATO A) alla d.g.r. n. 4154 del 8 ottobre 2015 ALLEGATO A) alla d.g.r. n. 4154 del 8 ottobre 2015 Reddito di autonomia. Sostegno alle famiglie residenti nei Comuni ad elevata tensione abitativa (Delibera CIPE 87/2003 e PRERP 2014-2016) per il mantenimento

Dettagli

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009

LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 LIUC-Facoltà di Economia Corso di Scienza delle Finanze I Esercitazione: testo e soluzioni A.A. 2008-2009 Esercizio 1 Il sig. A, senza figli e sposato con la signora B la quale non percepisce alcun tipo

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

L impatto distributivo dei tributi locali: un applicazione sul Comune di Modena

L impatto distributivo dei tributi locali: un applicazione sul Comune di Modena L impatto distributivo dei tributi locali: un applicazione sul Comune di Indagine sulle condizioni economiche e sociali della famiglie della Provincia di Riforme anni 90: maggiore autonomia delle amministrazioni

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

Coordinamento Nazionale Beni Culturali

Coordinamento Nazionale Beni Culturali Coordinamento Nazionale Beni Culturali c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali - 00186 Roma - Via del Collegio Romano, 27 Tel. 06 6723 2348-2889 Fax. 06 6785 552 - info@unsabeniculturali.it -

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 22 del 11 Febbraio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bonus 80 euro e bonus bebé: le agevolazioni riconosciute dalla legge di stabilità 2015 Gentile cliente, con la presente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Rimini, 24 gennaio 2012 Le modalità

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

Proposta di legge di iniziativa popolare per l istituzione del Reddito Minimo Garantito

Proposta di legge di iniziativa popolare per l istituzione del Reddito Minimo Garantito Proposta di legge di iniziativa popolare per l istituzione del Reddito Minimo Garantito Art. 1. (Istituzione del reddito minimo garantito) 1. Al fine di dare attuazione al diritto fondamentale sancito

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

al Comune di San Martino Buon Albergo

al Comune di San Martino Buon Albergo al Comune di San Martino Buon Albergo OGG: ISTANZA PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO MENSILE. l sottoscritt nat a il residente a San Martino Buon Albergo in Via n. tel. fa istanza per ottenere

Dettagli

Osservazioni Anci sulla prima fase di applicazione del nuovo ISEE

Osservazioni Anci sulla prima fase di applicazione del nuovo ISEE Osservazioni Anci sulla prima fase di applicazione del nuovo ISEE (Documento approvato dalla Commissione Anci Welfare e politiche sociali del 19 ottobre 2015) Il sistema normativo del nuovo ISEE, introdotto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

Nuova ISE 2015. Nuova ISE 2015 DPCM 5/12/2013

Nuova ISE 2015. Nuova ISE 2015 DPCM 5/12/2013 Nuova ISE 2015 Nuova ISE 2015 DPCM 5/12/2013 Obiettivi del corso Aggiornamento sulle novità del nuovo modello ISE 2015 Gestione della nuova ISE attraverso l'applicativo SEAC Modelli ISEE MODELLI ISEE previsti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 25 del 9 giugno 2003, modificato con deliberazione del

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2011/2012 PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA LA CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA E COSTITUITA DA UNA PARTE

Dettagli

IRPEF in Italia. IRPEF in Italia. Docente: Alessandro Sommacal. Anno Accademico 2008-2009

IRPEF in Italia. IRPEF in Italia. Docente: Alessandro Sommacal. Anno Accademico 2008-2009 Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione Introduzione Reddito complessivo Dal reddito complessivo al reddito imponibile: gli oneri deducibili Osservazioni sulle nozioni di Reddito nell Irpef italiana

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

La circolare che guida passo passo al conseguimento degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al conseguimento degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al conseguimento degli adempimenti N. 46 09.12.2013 Il nuovo Isee Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali A cura di Devis

Dettagli

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS Sede legale: Piazza San Zeno, 2-37123Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 326 11.11.2014 Isee: i nuovi modelli di compilazione Nuove componenti reddituali e nuove detrazioni Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE L APPLICAZIONE DEL NUOVO ISEE I risultati della prima fase del programma di accompagnamento L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE Firenze, 14 aprile

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

Allegato 3. La Dote Unica Lavoro. Il sistema delle fasce ad intensità di aiuto. Aggiornamento del modello di profilazione per accedere alla DUL

Allegato 3. La Dote Unica Lavoro. Il sistema delle fasce ad intensità di aiuto. Aggiornamento del modello di profilazione per accedere alla DUL Allegato 3 La Dote Unica Lavoro Il sistema delle fasce ad intensità di aiuto Aggiornamento del modello di profilazione per accedere alla DUL Documento elaborato da ARIFL 3 dicembre 2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA PROVINCIALE FLP SCUOLA DI FOGGIA 71121 Foggia Via Nicola Delli Carri, 15 sito internet: www.flpscuolafoggia.it Email: info@flpscuolafoggia.it

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Scienza delle finanze 6061 Cleam 2. Lezione 4

Scienza delle finanze 6061 Cleam 2. Lezione 4 Scienza delle finanze 6061 Cleam 2 Lezione 4 Gli oneri deducibili (d) Le deduzioni più rilevanti presenti nella determinazione dell'irpef sono: contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori (versati

Dettagli