Predittori di Esito della terapia Cognitivo-Comportamentale dei Disturbi dell Alimentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Predittori di Esito della terapia Cognitivo-Comportamentale dei Disturbi dell Alimentazione"

Transcript

1 Predittori di Esito della terapia Cognitivo-Comportamentale dei Disturbi dell Alimentazione Valdo Ricca SODc Psichiatria Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Università degli Studi di Firenze Portogruaro, Maggio 2015

2 Disturbi dell Alimentazione: impatto Popolazione età superiore ai 14 anni la prevalenza lifetime dei Disturbi del Comportamento Alimentare è 1.32%. Esordio in età giovanile Alto rischio di cronicizzazione Gravi conseguenze mediche Elevato tasso di ospedalizzazione Tasso di mortalità più elevato di qualsiasi disturbo psichiatrico

3 Disturbi dell Alimentazione: esito a lungo termine

4

5

6

7 Why such wide variability? Due to sample size, type of therapy, treatment history, concurrent treatments, symptom duration and severity (Jarman and Walsh 1999), but most of all to definition of outcome chosen by researchers and length of time from post-treatment to follow-up.

8 What is remission/recovery? Biological parameters (e.g. weight and menses for AN) (Morgan & Russell, 1975; Wagner et al., 2006), Biological parameters and behavioural indices of remission, such as absence of binge eating, compensatory behaviours and restrictive eating (e.g. Bulik et al., 2000; Bachner- Melman, Zohar, & Ebstein, 2006; Noordenbos & Seubring, 2006; Noordenbos, 2011) Psychological, emotional and social criteria are also relevant (Noordenbos, 2011). Patients see themselves as recovered when they can handle thoughts and feelings without resorting to eating-disordered behaviour (Björk & Ahlström, 2008) or when they improve their self-esteem and display a positive body attitude (Noordenbos & Seubring, 2006).

9 Eating cognitions and behaviors and body image measures: Fully recovered= controls Fully recovered partially recovered and active ED Partially recovered = active ED. Weight, shape, and eating concerns persisted altered in those patients who were considered only biologically and behaviourally but not cognitively remitted

10 Garner DM, Vitousek K, Pike KM: Cognitive behavioral therapy for anorexia nervosa. In D. M. Garner & P. E. Garfinkel (Eds.), Handbook of treatment for eating disorders (2nd ed., Chichester, England: Wiley, 1997, pp Pike KM, Loeb K, Vitousek K: Cognitive behavioral therapy for anorexia nervosa and bulimia nervosa. In: Body Image, Eating Disorders, and Obesity: An integrative Guide to assessment and treatment. Thompson JK (Ed), Washington, DC, American Psychological Association, 1996, pp

11 Fairburn, C.G.,Marcus,M.D.,&Wilson,G.T.(1993). Cognitive-behavioral therapyfor binge eating and bulimia nervosa:a comprehensive treatment manual. In: C.G. Fairburn &G.T.Wilson(Eds.), Binge eating:nature,assessment and treatment (pp ). NewYork,NY:GuilfordPress.

12

13 EXTENDED THEORY (Fairburn et al, 2003) Certain external maintaining mechanisms operate in subgroups of patients and these are barriers to change Four sets of mechanisms appear to be especially important mood intolerance clinical perfectionism core low self-esteem interpersonal difficulties Predicted that the successful addressing of these mechanisms should improve outcome The broad form of CBT-E is based on this theory

14

15 .Cognitive behavioral therapy is the most frequently tested individual treatment for Eating Disorders. CBT for BN and BED: Grade A Anorexia Nervosa: No recommendations

16

17

18 18/05/

19

20

21

22 Possibili predittori di esito nell Anoressia Nervosa - età d esordio - età di inizio trattamento - storia di un precedente DCA - fattori genetici - comorbidità psichiatrica (asse I e asse II) - durata di malattia - storia del peso - distorsioni sul peso corporeo - distorsioni sulla forma corporea

23 Possibili predittori di esito nella Bulimia Nervosa - età d esordio - età di inizio trattamento -storia di un precedente DCA -familiarità -eventi traumatici -gravità di dissociazione e impulsività -comorbidità psichiatrica (asse I e asse II) -durata di malattia -BMI all esordio

24 Possibili predittori di esito nel BED Anthropometric measures BMI Body composition Anamnestic variables Age at onset Overweight during childhood Previous use of amphetamines Number of diet attempts Eating Psychopathology Restraint Concerns about eating, weight and body shape Emotional Eating Psychiatric Comorbidities Mood Disorders Anxiety Disorders Axis II

25 Perché le terapie funzionano solo in una parte dei pazienti? Quali caratteristiche rendono alcuni pazienti refrattari alla terapia?

26 Moderatori: Indicano per chi e in quali circostanze i trattamenti sono più o meno efficaci Mediatori: Individuano come e perchè i trattamenti sono più o meno efficaci

27 Moderatori: Indicano per chi e in quali circostanze il trattamento è più o meno efficace Mediatori: Individuano i meccanismi attaverso I quali i trattamenti sono più o meno efficaci Precedono il trattamento Non sono correlati ad esso Spiegano in senso statistico le differenze individuali nella risposta al trattamento Sono una conseguenza del trattamento Correlano con il trattamento Spiegano in senso statistico alcuni degli effetti del trattamento sull esito del disturbo Vengono modificati durante il periodo di trattamento

28

29

30

31 Lockwood et al 2012 No correlation between weight gain and age, initial BMI, eating attitudes More severe restraint and shape concerns, and higher levels of anxiety and phobic anxiety are associated with lower levels of weight change Because I did not eat that meal, I am not about to lose control Because I can only keep my weight low if I starve, I am vulnerable to gaining huge amounts of weight if I eat anything at all, and other people are pushing me to eat

32 Aim: To evaluate the effectiveness of individual CBT and the possible predictors of outcome in outpatients suffering from threshold and subthreshold AN (s-an) Methods: 53 subjects with AN (27.48±10.3 ys) and 50 with s-an (all DSM-IV criteria except amenorrhea or underweight) (29.86±8.93 ys) - at the beginning (T0) and at the end of treatment (T1), and 3 years after the end of treatment (T2) -face-to-face clinical interview and by self-reported questionnaires (EDEQ, BUT, SCL-90,STAI) -Outcomes: (1) Recovery (evaluated at T1 and T2). Not fulfilling criteria for any DSM-IV diagnosis of ED (including EDNOS) (2) Treatment resistance (evaluated at T1). Absence of a diagnostic change or s-an AN (3) Change in ED diagnosis (evaluated at T1 and T2). Diagnostic crossover.

33 Treatment resistance at the end of treatment: - High levels of EDE-Q shape concern and restricting subtype at baseline. Recovery at 3 years follow-up: - Low levels of EDE-Q shape concern and BUT GSI scores at baseline.

34 Reduction of Shape Concern (%) Reduction of Shape Concern (%) Mediators of weight gain Baseline end of treatment End of treatment Follow up BMI increase (%) R square = 0.18; p<0.01 BMI increase (%) R square = 0.14; p<0.01

35 Aims: 1. To evaluate the psychological and psychopathological features of remitted AN subjects 6 years after the end of a CBT 2. To identify the predictors of remission. Methods: AN subjects (97 ANR, 37 ANBP) - evaluated at baseline, at the end of treatment, 3 and 6 years after the end of treatment. Response to treatment: Full remission, partial remission, active ED (according to DSM IV criteria) Full response: BMI >18.5 and a minimal residual eating disorder psychopathology, defined as having a global EDE-Q score below 1 SD above the community mean global score 1.52 (1.25 SD) (Mond et al., 2006; Bardone-Cone et al., 2010).

36

37 Changes in ED psychopathology across different time points

38 Is CBT different in Bn and Bed? Fairburn, C.G.,Marcus,M.D.,&Wilson,G.T.(1993). Cognitive-behavioral therapyfor binge eating and bulimia nervosa:a comprehensive treatment manual. In: C.G. Fairburn &G.T.Wilson(Eds.), Binge eating:nature,assessment and treatment (pp ). NewYork,NY:GuilfordPress.

39 Hypothesis: Eating core psychopathology, impulsivity and mood modulatory mechanisms would show a different pattern of association between BN and BED patients, and could act as different moderators of treatment effects in the two syndromes. Aims: To evaluate the effects of different sociodemographic and clinical variables on objective and subjective binge eating in BN and BED patients, before treatment, after an individual CBT, and 3 years after the end of treatment.

40 OBEs and SBEs at baseline Higher objective binge eating frequency at baseline: - BN: anger/frustration (EES) and impulsivity - BED: depression/emotional eating (EES) and eating concerns (EDE-Q) Higher subjective binge eating frequency at baseline: - BN: anger/frustration (EES) and shape concern (EDE-Q) - BED: depression/emotional eating (EES) and depressive symptoms.

41 OBEs and SBEs reduction across time

42 Different kinds of emotions seem to be associated with binge eating. Emotional eating might act in a different way in BN and BED patients. BN Shape concern BED Depressive emotional states Unrealistic dietary restraint All-or-none thinking Anger/frustration Binge eating Binge eating

43

44 Predictors of outcome Treatment resistance at the end of treatment Full recovery after 3 years of follow up OR 95% C.I. age, gender adjusted OR 95% C.I. age, gender adjusted

45 Predictors of Outcome BMI reduction (>5% of initial BMI) after 3 years of follow up R square=0.07; p=0.001 BMI reduction(%) At the end of treatment R square=0.08; p<0.001 BMI reduction(%) After 3 years follow up OR 95% C.I. age, gender adjusted EES at baseline

46

47

48

49 Cambiamento disfunzione sessuale dopo CBT A B Figure 2 Section A reports Female Sexual Function Index (FSFI) total scores at baseline and at 1-year follow-up, according to Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-IV) diagnoses, presence/absence of physical and sexual abuse. Section B reports linear mixed models effects for FSFI scores. At first, time by moderator variables (DSM-IV diagnosis, physical and sexual abuse) interactions were reported. For each moderator variable, the interaction was broken down, and time effects of FSFI scores were reported within each group of patients.

50

51 Conclusioni L intervento Cognitivo-comportamentale è uno strumento terapeutico in grado di migliorare in modo significativo il decorso dei DCA nella maggior parte dei pazienti. Gli studi di follow-up mostrano risultati nel complesso buoni per BN e BED, discreti per AN. Tali interventi possono dare risultati migliori qualora tengano conto delle diverse caratteristiche anamnestiche, psicopatologiche e cliniche dei pazienti. I predittori di esito appaiono sostanzialmente differenti per le tre tipologie principali di DCA.

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda Evoluzione del trattamento di Villa Garda Primo reparto per la cura ospedaliera dei

Dettagli

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale ABSTRACT Dr. Dai Prà Mirko, tratto ed adattato da (Fursland, 2012)) I disturbi del comportamento alimentare sono molto frequenti nella nostra società

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Articolo originale Original article

Articolo originale Original article Giorn Ital Psicopat 2008; 4: 23-28 Articolo originale Original article Immagine corporea: studio preliminare dell applicazione del Body Uneasiness Test (BUT) per la ricerca delle specificità in disturbi

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

ALIMENTARE. nella terapia dei Dca sono pochi e oberati da liste d attesa di mesi.

ALIMENTARE. nella terapia dei Dca sono pochi e oberati da liste d attesa di mesi. LA CURA DEL DISTURBO ALIMENTARE L approccio ai Dca deve tenere presente i due versanti coinvolti: quello fisico e quello psicologico. Per questo motivo è previsto l'intervento di specialisti di formazione

Dettagli

CONOSCERE E RI-CONOSCERE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA PARMA 18 SETTEMBRE 2015

CONOSCERE E RI-CONOSCERE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA PARMA 18 SETTEMBRE 2015 CONOSCERE E RI-CONOSCERE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'INFANZIA E NELL'ADOLESCENZA PARMA 18 SETTEMBRE 2015 IN VOLO RESIDENZA SOCIO RIABILITATIVA ACCREDITATA PER DCA VIA I MAGGIO,8 PELLEGRINO

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Contributi a convegni scientifici

Contributi a convegni scientifici Contributi a convegni scientifici Cefalea in età evolutiva Ardovini C., Bruni O., Cortesi F. & Guidetti V. (1991) - "DSM-III R vs ACL: applicability in preadolescence and adolescence primary headache".

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia)

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia) La vita in gioco ed il gioco della vita (comportamenti ti estremi dell adolescente e psicopatologia) p M. Vaggi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genovese

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica. Riccardo Dalle Grave

Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica. Riccardo Dalle Grave Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica Riccardo Dalle Grave Introduzione I disturbi dell alimentazione rappresentano un indicazione primaria per la terapia cognitivo comportamentale (CBT).

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

Epidemiologia e classificazione dei Disturbi dell alimentazione. Paolo Santonastaso Dipartimento di Neuroscienze Università di Padova

Epidemiologia e classificazione dei Disturbi dell alimentazione. Paolo Santonastaso Dipartimento di Neuroscienze Università di Padova QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. Epidemiologia e classificazione dei Disturbi dell alimentazione Paolo Santonastaso Dipartimento di Neuroscienze Università di

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie

Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Attualità e prospettive nella presa in carico dei disturbi mentali comuni: DSM e cure primarie Gerardo Favaretto Dipartimento di Salute Mentale www.ulss.tv.it In particolare: I dati di prevalenza progetto

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Soluzioni: Terapia farmacologica

Soluzioni: Terapia farmacologica Maria Grazia Zenti UOC Endocrinologia e Malattie Metaboliche, AOUI Verona Simposio 2. Recidive del diabete dopo terapia chirurgica Soluzioni: Terapia farmacologica Background La chirurgia bariatrica consente

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Il counselling cognitivorelazionale

Il counselling cognitivorelazionale Il counselling cognitivorelazionale Giorgio Rezzonico, Maria Grazia Strepparava Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Milano Bicocca Un complesso universo il mondo del counselling si caratterizza

Dettagli

!!!!! STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014

!!!!! STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014 STRESS OSSIDATIVO E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Stress ossidativo: diagnosi, terapia, prevenzione 27 Settembre 2014 Dott.ssa Giulia Tognana Centro per i DCA - Casa di Cura Privata Villa Margherita

Dettagli

la Terapia Cognitivo Comportamentale dei Disturbi dell Alimentazione

la Terapia Cognitivo Comportamentale dei Disturbi dell Alimentazione la Terapia Cognitivo Comportamentale dei Disturbi dell Alimentazione Christopher G. Fairburn ECLIPSI Collana Scienze Cognitive e Psicoterapia, con la Supervisione Scientifica dell Istituto di Psicologia

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis

The Effect of Manual Techniques on Cervical Kinematic. An Innovative Approach using Helical Axis 1 XI Congresso Nazionale Gruppo di Terapia Manuale «The role of Manipulations in the treatment of Neuromusculoskeletal Disorders» 9 Novembre 213. Firenze, Hotel Londra The Effect of Manual Techniques on

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico.

I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. I DCA come elemento prognostico nel paziente chirurgico. Luca Busetto Servizio Terapia Medica e Chirurgica dell Obesità Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova 4 Congresso Sezione

Dettagli

Roma, 13 Febbraio 2014

Roma, 13 Febbraio 2014 Roma, 13 Febbraio 2014 Il Disturbo dello Spettro Autistico e i tratti autistici nei Disturbi Alimentari a esordio precoce Pooni, J., Ninteman, A., Bryant-Waught, R., Nicholls, D., Mandy, W. International

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Unbounce Optimization

Unbounce Optimization Unbounce Optimization Alberto Mucignat Milano, 01 dicembre 2015 Doralab - Experience Design Company User Intelligence User Experience Design Business value 2 3 Full stack UX design Architettura dell informazione

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

La formulazione del caso clinico. GARN - Bologna 7 Maggio 2016

La formulazione del caso clinico. GARN - Bologna 7 Maggio 2016 La formulazione del caso clinico 1 R O M A N A S C H U M A N N E L A B O R A Z I O N E D E L G R U P P O N E T W O R K E R / M E B O Z Z A D E L L A C A R T E L L A C L I N I C A S I S D C A FORMULAZIONE

Dettagli

Evoluzione a medio termine dell Anoressia Nervosa in pazienti che hanno abbandonato la terapia

Evoluzione a medio termine dell Anoressia Nervosa in pazienti che hanno abbandonato la terapia Studi sperimentali Evoluzione a medio termine dell Anoressia Nervosa in pazienti che hanno abbandonato la terapia Middle term outcome in Anorexia Nervosa outpatients who dropped out from therapy TATIANA

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici. Paolo Santonastaso Università di Padova

La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici. Paolo Santonastaso Università di Padova La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici Paolo Santonastaso Università di Padova La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione è:

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

I DCA come paradigma evolutivo della psichiatria postmoderna?

I DCA come paradigma evolutivo della psichiatria postmoderna? I DCA come paradigma evolutivo della psichiatria postmoderna? Dr. Leonardo Mendolicchio Psichiatra Psicoanalista membro SLP-AMP Direttore Sanitario Villa Miralago DCA, Psichiatria e aree di problematicità

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Studi sperimentali GIOVANNI FASSONE*, ANTONELLA IVALDI*, MARIA TERESA ROCCHI* **

Studi sperimentali GIOVANNI FASSONE*, ANTONELLA IVALDI*, MARIA TERESA ROCCHI* ** Studi sperimentali Riduzione del drop-out nei pazienti con disturbi gravi di personalità: risultati preliminari di un modello di psicoterapia cognitivocomportamentale integrata, individuale e di gruppo

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Programmi Corsi AA 2012/2013 3 ANNO CORSO INTEGRATO COORDINATORI Psicopedagogia II Salis Francesca Pagina 2 Scienza della riabilitazione psichiatrica

Dettagli

Il trattamento dei DCA con il programma RPP Riabilitazione Psiconutrizionale Progressiva. Regione Veneto A. ULSS 10 Veneto Orientale

Il trattamento dei DCA con il programma RPP Riabilitazione Psiconutrizionale Progressiva. Regione Veneto A. ULSS 10 Veneto Orientale Il trattamento dei DCA con il programma RPP Riabilitazione Psiconutrizionale Progressiva Regione Veneto A. ULSS 10 Veneto Orientale RPP : philosophy Specialized multidisciplinary team treating ED and comorbid

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri La cura oltre il paziente : corsi per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri Chi è il caregiver? Un inchiesta tra i familiari Il caregiver E una donna nel 70% dei casi E un figlia/o nel 47% E il coniuge

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE:

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Milan, 4 Dicembre 2014 From Nutrition to Health: an EXPO challenge Session: Nutritional diseases:prevention and solutions LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Dati dallo studio Moli-sani

Dettagli

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS

Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS Appendice E - Appendix E PANNELLI FOTOVOLTAICI - PHOTOVOLTAIC PANELS I sistemi mod. i-léd SOLAR permettono di alimentare un carico sia in bassa tensione 12-24V DC, sia a 230v AC, tramite alimentazione

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Classificazione (DSM-IV American Psychiatric Association 1994) Anoressia nervosa Bulimia nervosa Disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati (NAS) Binge

Dettagli

Relazioni interpersonali, stati emotivi e autostima in soggetti obesi binge eaters.

Relazioni interpersonali, stati emotivi e autostima in soggetti obesi binge eaters. Relazioni interpersonali, stati emotivi e autostima in soggetti obesi binge eaters. di Gianluca Lo Coco *, Laura Salerno*, Salvatore Gullo*, Lia Iacoponelli ** Introduzione I criteri diagnostici del Binge

Dettagli

TERAPIA -FASE DI ASSESSMENT

TERAPIA -FASE DI ASSESSMENT Modello di un approccio terapeutico interdisciplinare con integrazione delle discipline mediche e psicoterpiche cognitivo comportamentali: studio d efficacia del Percorso Diagnostico-Terapeutico per Bulimia

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Oppioidi e Cefalea Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Premesse (1) La cefalea è uno dei principali motivi di visite mediche sia specialistiche che presso

Dettagli

Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o

Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o Tavola Rotonda Dolore episodico intenso o Breakthrough pain: solo cancro? Vittorina Zagonel Coordinatore Tavolo AIOM continuità di cura in oncologia Oncologia Medica 1, Istituto Oncologico Veneto, IRCCS

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

"MALDITESTA" UNA VITA DIFFICILE Alleanza Cefalalgici, Al.Ce. Group Italia

MALDITESTA UNA VITA DIFFICILE Alleanza Cefalalgici, Al.Ce. Group Italia dott Cherubino DI LORENZO "MALDITESTA" UNA VITA DIFFICILE Alleanza Cefalalgici, Al.Ce. Group Italia Nutraceutica / dieta chetogenica nel paziente con mal di testa H-M Nutraceutical Nutraceuticals and Herbal

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Centro Biofeedback del Dipartimento di Psicologia

Centro Biofeedback del Dipartimento di Psicologia C U R R I C U L U M V I T A E R O S I T A B O R L I M I INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSITA BORLIMI Indirizzo VIA MASCARELLA, 8 40126 BOLOGNA Telefono 3487643361 Fax E-mail rosita.borlimi@unibo.it Nazionalità

Dettagli

PROTOCOLLO ORIGINALE DELLO STUDIO CONFRONTO FRA DUE FORME DI PSICOTERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE OSPEDALIERA PER I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

PROTOCOLLO ORIGINALE DELLO STUDIO CONFRONTO FRA DUE FORME DI PSICOTERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE OSPEDALIERA PER I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE PROTOCOLLO ORIGINALE DELLO STUDIO CONFRONTO FRA DUE FORME DI PSICOTERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE OSPEDALIERA PER I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE Unità di Riabilitazione Nutrizionale Casa di Cura Villa

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

V.E.Tra.P. network Valutazione Esito Trattamenti Psicologici

V.E.Tra.P. network Valutazione Esito Trattamenti Psicologici Valutazione Esito Trattamenti Psicologici Dott. Guido Rocca & Dott. Gianluigi Carta - vetrap.network@gmail.com Cos è? E un software con funzioni di database e di elaborazione statistica improntato sui

Dettagli

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini. 28-03-2015, ore 9,00-13 Rimini, Sala Conferenze SGR via Chiabrera 34

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini. 28-03-2015, ore 9,00-13 Rimini, Sala Conferenze SGR via Chiabrera 34 Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini Titolo Evento : Nuove prospettive terapeutiche per epatite C Ambulatorio piede diabetico: punto della situazione Diabete Mellito II: le regole

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

Prof. Tullio Scrimali

Prof. Tullio Scrimali Prof. Tullio Scrimali Insegnamento di Psicologia Clinica delle Dipendenze Modulo Settore scientifico-disciplinare Anno di corso Periodo didattico Numero totale di crediti Prerequisiti (se previsti) Propedeuticità

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

Figura 1. Obiettivi della riabilitazione dei DCA. Migliorare la gestione del comportamento alimentare: Ridurre i comportamenti ritualizzati

Figura 1. Obiettivi della riabilitazione dei DCA. Migliorare la gestione del comportamento alimentare: Ridurre i comportamenti ritualizzati pag. 1 Errepiesse Anno II n 1 Aprile 2008 pag. 2 Errepiesse Anno II n 1 Aprile 2008 La riabilitazione territoriale dei disturbi del comportamento alimentare tra linee guida e pratica clinica di Bruno Gentile*,

Dettagli

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere

Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Distress, probabile depressione, livelli di empowerment e attività di self-care nel diabete di tipo 2: le differenze di genere Maria Chiara Rossi Reggio Emilia 10 e 11 aprile 2015 Centro Internazionale

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI

L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI ETA Pediatrica L età pediatrica comprende la fascia 018 anni In termini oftalmologici la diagnosi precoce riduce la fascia ideale per la diagnosi

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli