Piani nutrizionali per DCA, simulazioni e casi clinici. Dott.ssa Tiziana Stallone Biologo Nutrizionista, PhD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piani nutrizionali per DCA, simulazioni e casi clinici. Dott.ssa Tiziana Stallone Biologo Nutrizionista, PhD"

Transcript

1 Piani nutrizionali per DCA, simulazioni e casi clinici Dott.ssa Tiziana Stallone Biologo Nutrizionista, PhD

2 CLASSIFICAZIONE DEI DCA Anoressia Nervosa Sottopeso Paura di ingrassare Dismorfofobia Bulimia Nervosa Abbuffate e condotte compensatorie Perdita di controllo Dismorfofobia Scarsa autostima Disturbi da Alimentazione incontrollata (abbuffate, senza condotte compensatorie) 1. AN Restrittiva 2. AN Bulimica 1. BN con condotte di eliminazione 2. BN senza condotte di eliminazione Diagnostic and statistical manual of mental disorders (DSM-V) anni: 7 AN, 10 BN, 70 disturbi subliminali (3 milioni di persone) Uomo : donna AN =1 : 10 BN 1 : 20

3 LA CONSULENZA NUTRIZIONALE Non si può pensare ad un metodo esclusivo e risolutivo Bisogna avere a disposizione più strategie

4 STORIA DEL PESO La riabilitazione inizia dall ascolto -Consapevolezza del proprio peso -Stato d ansia legato al peso -Oscillazioni significative di peso -Situazioniin cui il peso è variato

5 DIETE PREGRESSE -Dieteincongrue (slatentizzazione) -Tentativi autonomi -Dieting

6 COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL AN Anoressia Orexis: appetito e an: prefisso privativo Comportamento Alimentazione rigida, controllata, pianificata, monotona -Rigidità, regole autoimposte -Paura della convivialità -Ritualità dei pasti -Paura della sensazione di fame -Negazione della malattia Personalità anoressica Personalità rigida, perfezionista, determinata Richiesta alte prestazioni in ogni ambito Autocontrollo e senso del dovere Sessuofobia e paura delle responsabilità dell età adulta

7 AN: VALUTAZIONE INGESTA E DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Strumenti Intervista alimentare e diario alimentare è il momento più importante! Cosa chiedere -Cibi accettati -Alimenti tabu e falsi miti -Cibi scatenanti -Digiuni e meccanismi compensativi Abitudini frequenti Preferite alimentazioni iperproteiche, ipolipidiche e ipoglucidiche e con restrizione idro-salina Frutta e verdura alimenti tranquillizzanti

8 AN: LINEE GUIDA NUTRIZIONALI PRIMO OBBIETTIVO Proposta di schema alimentare di riferimento concordato e accettato -Non perdere ulteriormente peso -Migliorare lo stato nutrizionale (edemi-cellularità) -Piano nutrizionale che parte dai cibi accettati e con modifiche e integrazioni spiegati e concordati -Introduzione graduale degli altri alimenti e scelta degli equivalenti nutrizionali meno ansiogeni -Raggiungimento graduale di un introito ed adeguato ai fabbisogni Linee guida. Royal College of Psychiatrists, Ottobre 2010 UK Guidelines for the nutritional management of anorexia nervosa, Council Report CR130, Liverpool July 2005 De Filippo, Covino, Silvestri, Contaldo. Disturbi del comportamento alimentare. Terapia dietetica. Idelson-Gnocchi Poi ancora American Dietetic Assiciation, ANSISA

9 LINEE GUIDA NUTRIZIONALI PER L AN QUOTA CALORICA -Apporto calorico iniziale kcal (incluso l uso di eventuali integratori) -L apporto calorico tiene conto della valutazione ingesta al momento della consulenza Trovare un punto intermedio -Si parte da una rilevazione del metabolismo a riposo, incrementato del 30% -Incrementi calorici graduali (200kcal) -valutazione costante della COMPLIANCE -Rispettare tabù -Alimentazione frazionata Integrazioni consigliate -Multivitaminica -L-Glutammina (aa utile per enterociti) 500mg -Arginina (aa risposta immunitaria c. mediata) 500mg -Fibre solubili, probiotici e prebiotici -Omega 3 (EPA E DHA)

10 Durante il percorso di riabilitazione DIARIO ALIMENTARE E LISTA DI ALIMENTI TABU La lista di alimenti tabù aiuta a guidare il percorso di riabilitazione e la costruzione dei piani nutrizionali Il diario alimentare Consente di monitorare l alimentazione del paziente e le situazioni problematiche Aiuta a modificare le abitudini alimentari Può far sì che il paziente diventi «nutrizionista di se stesso» in grado di analizzare e modificare attivamente il suo modo di pensare e di comportarsi nei confronti del cibo

11 COMPLICANZE Refeeding syndrome. Eccessivo apporto rispetto alle capacità biologiche Edema, ipopotassiemia, ipofosforemia, tutti elementi di sicuro rischio clinico Sindrome da rialimentazione con piani nutrizionali superiori alle 2000 Kcalorie Supplementazioni proteico-energetiche ad alta quota calorica, 1kcal per ml (200ml, 200kcal, 20g di proteine) Viene evitata frazionando i carboidrati nella dieta Intake iniziale di 20Kcal/kg/giorno Ridotta motilità gastrica Impedisce la normale digestione del pasto con un precoce ed elevato senso di sazietà, meteorismo, stipsi Edema

12 CONSIGLI PER IL NUTRIZIONISTA -Informare il paziente delle gravi conseguenze cliniche della anoressia (consapevolezza) -Svuotare il cibo dal suo significato calorico, per puntare sul suo ruolo nello stato di salute -Cibo per far incrementare la massa muscolare e attivare il «metabolismo» -Rapporto empatico, ma di «polso» E SCONSIGLIATO -Puntare ad un rapido incremento ponderale -Alimentazione imposta -Dieta ipercalorica e iperglucidica -Non tener conto delle fobie alimentari

13 PIANI NUTRIZIONALI Necessità di personalizzazione di ogni singolo percorso PN a menu giornaliero (riduce l ansia da scelta legata agli alimenti) PN senza pane e senza pasta (senza alimenti tabu) PN a piatti unici (riduce l ansia da più portate) PN semisolida (pseudo-disfagia riferita) PN a schema libero (ultimo obbiettivo) Calarsi nella logica del paziente, al fine di scardinare gradualmente le false convinzioni

14 PIANO NUTRIZIONALI PER L AN LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI Colazione Latte screm 150ml Fette biscottate n. 2 Colazione Latte screm 150ml Fette biscottate n.2 Colazione Latte screm 150ml Fette biscottate n.2 Colazione Latte screm 150ml Fette biscottate n.2 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Spuntino 1 Frutta fresca 200g Spuntino 1 Frutta fresca 200g Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Vitellone magro100g Patate100g Cracker n.1 pacc Verdura Pranzo Fiocchi di latte 100g Mais bollito 100g Grissini 30g Verdura) Pranzo Bresaola 50g Patate 100g Cracker n.1 pacc Verdura Pranzo Carne 100g + patate 100g Cracker n.1 pacc Verdura Spuntino 2 Frutta fresca 200g Spuntino 2 Frutta fresca 200g Spuntino 2 Frutta fresca 200g Spuntino 2 Frutta fresca 200g Cena Merluzzo 150g Fagioli 150g Cracker 30g Verdura Cena Tonno al naturale conf. 80g Fagioli 150g Cracker n.1 pacc Verdura Cena Ricotta mucca 100g Lenticchie150g Cracker 30g Verdura Cena Uova n.1 Patate 100g Cracker n.1 pacc Verdura VENERDI SABATO DOMENICA INDICAZIONI 1200Kcal/die Comp. bromatologica (media settimanale) CHO: 176,44g; P: 78,00g; L: 21,77g; Fibra 29,40g; Colazione Latte scremato 150ml Fette biscottate n.2 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Salmone affumicato 50g Mais bollito 100g Cracker n.1 pacc Verdura) Spuntino 2 Frutta fresca 200g Colazione Latte scremato 150g Fette biscottate n.2 Spuntino 1 Yogurt 0,1% di grassi, n.1 da 125g Pranzo Gamberetti 150g Patate 100g Cracker n.1 pacc Verdura) Spuntino 2 Frutta fresca 200g Colazione Latte scremato 150g Fette biscottate n.2 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Seppie 150g Piselli bolliti 100g Pane 60g Verdura Spuntino 2 Frutta fresca 200g -Acqua 1,5-2 l/die -Olio 10g/die -Tè, tisane, camomilla (a piacere) -Salsa di pomodoro, aromi e spezie (a piacere) -Aceto e succo di limone (a piacere) Porzioni indicative di verdura: -cotta 200g -cruda 50g Cena Pollo coscia 100g Purè di patate 100g Cracker n.1 pacc Verdura Cena Cernia150g Patate 150g Cracker n.1 pacc Verdura Cena Petto di tacchino100g Purè di patate 100g Cracker 30g Verdura

15 PIANO NUTRIZIONALI PER L AN LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Spuntino 1 Frutta fresca 200g Spuntino 1 Frutta fresca 200g Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Pasta 30g+fagioli 150g Pane 60g Verdura Pranzo Pasta 60g Mozzarella mucca 50g Pane 60g Verdura Pranzo Riso 30g,lenticchie 150g Pane 60g Verdura Pranzo Pasta 60g+ricotta vaccina 50g Pane 60g Verdura Spuntino 2 Frutta fresca 200g Spuntino 2 Frutta fresca 200g Spuntino 2 Frutta fresca 200g Spuntino 2 Frutta fresca 200g Cena Spezzatino manzo 120g + patate 150g Pane 60g Verdura Cena Calamari 180g+piselli 150g Pane 60g Verdura Cena Cernia 180g+patate 150g Pane 60g Verdura Cena Pollo coscia 100g Patate 150g Pane 60g Verdura VENERDI SABATO DOMENICA INDICAZIONI 1500kcal MENU GIORNALIERO A PIATTO UNICO 1500Kcal/die. (media settimanale degli alimenti). Carboidrati totali: 212,10g; proteine: 64,61g; lipidi: 49,30g; fibra: 31,20g. Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Riso 60+n.1 uovo + prosciutto cotto 30g + verdure grigliate Pane 60g Verdura Spuntino 2 Frutta fresca 200g Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Pasta 60g+ragù di carne magra 50g Parmigiano 10g Pane 60g Verdura Spuntino 2 Frutta fresca 200g Colazione Latte scremato 250ml Biscotti secchi n.3 Spuntino 1 Frutta fresca 200g Pranzo Pasta 60g+vongole 100g Pane 60g Verdura Spuntino 2 Frutta fresca 200g -Acqua 1,5-2 l/die -Olio 30g/die -Tè, tisane, camomilla (a piacere) -Salsa di pomodoro, aromi e spezie (a piacere) -Aceto e succo di limone (a piacere) Porzioni indicative di verdura: -cotta 200g -cruda 50g Cena Seppie 180g+patate 150g Pane 60g Verdura Pizza margherita 300g Verdura Cena Melanzane grigliate al forno con mozzarella 100g Pane 80g

16 E., donna, 18 anni Anoressia nervosa secondaria a depressione reattiva Stratigrafia distale-prossimale della regione anteriore della coscia dal ginocchio fino ai 2/3 della lunghezza del femore. Dall alto verso il basso: cute (frecce) e sottostante grasso strutturale superficiale. La linea rossa indica una regione di grasso profondo residuale localizzata a livello del ginocchio. Le due linee gialle delimitano lo strato muscolare del retto femorale.

17 E., donna, 19 anni Anoressia nervosa secondaria a depressione reattiva

18 E., donna, 19 anni Anoressia nervosa secondaria a depressione reattiva Passata da un monopasto a due pasti principali Migliorata la qualità dell alimentazione

19 I DCA DI TIPO COMPULSIVO BULIMIA E OBESITA PSICOGENA Luisel Ramos anni

20 Bulimia (dal greco) Limos= fame e buos= bue COMPORTAMENTO ALIMENTARE NEI DCA DI TIPO COMPULSIVO (Bulimia Nervosa) Il termine compulsione è riferito al bisogno irrefrenabile di compiere azioni, anche se abbiano conseguenze negative Comportamento Crisi bulimica: nascosta, rituale, ossessiva seguita da atteggiamenti compensativi solo nella «bulimia nervosa» Violenti sensi di colpa con comportamenti autopunitivi e lesivi della propria autostima Ciclo restrizione-abbuffata Vomito (bulimia) Personalità bulimica -Incapacità di controllo degli impulsi -Insicurezza, disistima, ansia -Desiderio di riempire un vuoto interiore, ricerca ossessiva del cibo RICERCA DI AUTOCONTROLLO

21 ABITUDINI ALIMENTARI Strumenti Intervista alimentare e diario alimentare Cosa chiedere -Alimenti che danno sazietà e gratificazione -Alimenti non ansiogeni -Alimenti tabu e falsi miti -Cibi scatenanti -Momenti di maggiore criticità BN Abitudini frequenti -Eccessiva restrizione alimentare (digiuno che precede l abbuffata) Complicanze Disturbi gastrointestinali, coliche addominali

22 LINEE GUIDA (BN ) PRIMO OBBIETTIVO Proposta di schema alimentare concordato, accettabile, sostenibile BN REGOLE DI RIFERIMENTO (lavoro sull insicurezza nelle scelte alimentari) CONTENIMENTO DELLE ABBUFFATE Linee guida. Royal College of Psychiatrists, Ottobre 2010 UK Guidelines for the nutritional management of anorexia nervosa, Council Report CR130, Liverpool July 2005 De Filippo, Covino, Silvestri, Contaldo. Disturbi del comportamento alimentare. Terapia dietertca. Idelson-Gnocchi

23 CONSIGLI PER IL NUTRIZIONISTA E SCONSIGLIATO -Alimentazione imposta e preconfezionata -Dieta ipocalorica stretta rigida «grammata al millimetro» -Stigmatizzare e banalizzare le abbuffate

24 PIANI NUTRIZIONALI NELLA BN Idea distorta di quella che è l alimentazione corretta, che viene immaginata più restrittiva. Restrizione anticipatoria dell abbuffata. ALLARGARE LA DIETA -Individuare e riempire i momenti di criticità -Vincere il ragionamento TUTTO o NULLA -Lavorare per far fruttare le porzioni e sul senso di gratificazione -Alimenti porzionati (ansia da pacco aperto) -Gestione delle situazioni conviviali -Educazione nutrizionale Integrazioni consigliate -Multivitaminica, sali minerali Il bulimico mal tollera la sensazione di fame Alimentazione che faccia sentire appagati

25 Pacchi chiusi e alimenti porzionati I SEGNALI DI STOP

26 Le nuove tecnologie ci vengono in aiuto :D

27 BULIMIA NERVOSA PIANO NUTRIZIONALE PASTO ALIMENTO PESO, PORZIONE SOSTITUZIONI COLAZIONE Pavesini pacchetto n.1 -Barretta cereali n.1 Yogurt n.1 vasetto, 125g SPUNTINO1 Yogurt n.1 vasetto, 125g -Frutta fresca 200g PRANZO Pane 90g, es. 1 rosetta -Frisella integrale n.1, 70g -Cracker pacchetto + frutta fresca 200g ACCORGIMENTI Dieta ipocalorica ma larga Frazionamento 5-6 o più pasti Pianificazione dei pasti liberi Alimenti porzionati Menù con liste di scambio Menu giornaliero 1625Kcal/die Comp. bromatologica (media settimanale) CHO: 230,56g; P: 85,97g; L: 48,60g; fibra:30,20g;. Prosciutto crudo Verdura Olio 100g, -Salmone affumicato 100g -Uovo n.2 A piacere 10g, 1 cucchiaio SPUNTINO2 Yogurt 125g, 1 vasetto Frutta fresca 200g CENA F. biscottate 4 fette -Barretta cereali n.1 Gnocchi di patate 250g -Pane 100g (rosetta) Pesce A piacere -Molluschi e crostacei a piacere Verdura Olio A piacere 20g, 2 cucchiai SPUNTINO 3 Yogurt 125 ml, 1 vasetto Gelato fior di fragola n.1

28 buona nutrizione anoressia A. 36 anni, uomo Bulimia nervosa univoca primaria TERAPIA: Fluoxetina cps. 20mg 1+1 (poi 2+1) die; Etizolam gtt. 20 al bisogno 1 malnutrizione cachessia ECM/BCM=1 ECM/BCM<1 1 ECM/BCM>1 Personalità timida ed introversa Abbuffate quotidiane e vomito dall età di 17 anni. Prima severa anoressia, poi bulimia. Iperattività fisica Ideazione ossessiva sulle forme corporee. Profonda depressione. Desidera derogare alla sua alimentazione, ma le eccezioni gli scatenano profondi sensi di colpa, abbuffate e vomito

29 Super Size Me, 2004, regia di Morgan Spurlock LA COMPULSIONE Esiste una dipendenza da cibo? Formaggio e oppiacei, zuccheri semplici e caffeina Perdipendenzasi intende una alterazione del comportamento che da semplice abitudine diventa una ricerca esagerata del piacere attraverso mezzi o sostanze o comportamenti che sfociano nella condizione patologica. Perdita di controllo.

30 Cibo e dipendenza «Io ho una dipendenza da cibo. Non sono in grado di gestire certi cibi, come un alcolista non riesce a gestire l alcol» L idea del controllo delle porzioni di cibi scatenanti è assurda E come farsi poco di cocaina, tre volte al giorno. E quello che ho imparato su me stesso. Io non sono in grado di controllare i cibi scatenanti; sono loro a controllare me. Allen Zadoff

31 IL SEMAFORO CIBI ROSSI (scatenanti) COMPORTAMENTI ROSSI (che inducono a fare scelte sbagliate) CIBI GIALLI (scatenanti in alcune situazioni) CIBI VERDI «Consumo 3 pasti moderati al giorno, non perché voglio essere magro, ma perché voglio avere una vita» Allen Zadoff

32

33 Obesità: consulenze nutrizionali

34 F. 40 anni, uomo, Binge eating disorder STORIA DEL PESO E DIETING -Compulsione alimentare che perdura fin dall infanzia -Compensa l iperalimentazione con l attività fisica agonistica -Nel corso degli studi universitari rallenta più volte con lo sport con conseguenti oscillazioni di peso di +/ 20kg -Tante diete (+ di 10 specialisti) con sostenibilità di non oltre 5-6 settimane -Yo yo -BMI 37,5 (133kg) (peso desiderabile -30kg) «Non vuole conoscere il suo peso combatte con il desiderio di una dieta drastica» COMPORTAMENTO ALIMENTARE -Alimenti scatenanti: pizza, pane a fette (alimento giallo), aperitivo -Situazioni scatenanti Iperfagia notturna (famiglia a letto) - Momenti difficili metà mattina in cui ha bisogno di una gratificazione

35 F. 40, uomo, Binge eating disorder Dopo 3 mesi non ne ha più bisogno! 2200kcal, CHO 55%, P100g, L25% (media settimanale) Dal 20 Aprile 2011 ad oggi -14kg a carico esclusivo della massa grassa

36 F. 40, uomo, Binge eating disorder Invito ad incrementare il consumo di frutta e pesce

37 F. 40, uomo, Binge eating disorder

38 F. 40 anni, uomo, Binge eating disorder ECM/BCM=1 ECM/BCM<1 ECM/BCM>1

39 F. 40 anni, uomo, Binge eating disorder peso -14kg Massa grassa -12/13kg

40 F. 40 anni, uomo, Binge eating disorder Dopo 5 mesi!! Regione sotto ombelicale

41 F. 40 anni, uomo, Binge eating disorder Dopo 5 mesi Addome

42 G., donna, 40 anni Binge eating disorder Dal 20 Aprile 2011 ad oggi -14kg a carico esclusivo della massa grassa

43 Maria Sole,18 anni (restrittiva, episodi bulimici) Reattanza/ Altezza ECM/BCM<1 reattanza ECM/BCM=1 ECM/BCM>1

44 Maria Sole,18 anni (restrittiva, episodi bulimici)

45 Quali sono le criticità di Maria Sole? Quali i consigli nutrizionali per Maria Sole? Dareste una dieta normocalorica? Forzarla a mangiare pasta tutti i giorni?

46 PIANO NUTRIZIONALE DI TRANSIZIONE o «DIETA PONTE» -1500Kcal (45%CHO, P70g, L20%) -Dieta frazionata su 5 pasti -Lavoro sui cibi accettati Piano isocalorico, ma bilanciato Ansia da pasta e non da pane Ansia da pane e non ama pesare i cibi Ansiogeno graduale introduzione

47 Maria Sole,18 anni (restrittiva, episodi bulimici) Reattanza/ Altezza reattanza

48 3,6cm Regolarizzazione del ciclo mestruale Anche se mancano manifestazioni cliniche evidenti la qualità della vita ne è comunque compromessa 4,5cm Famiglia solida, adolescente fragile Intervento precoce, ha evitato cronicizzazione dei disturbo Terapia integrata tra medico di base, psicologo e nutrizionista

49 Carolina, donna 23 anni Obesità secondaria, atteggiamenti compensatori con compulsione STORIA DEL PESO E DIETING -Compulsione alimentare iniziata in adolescenza -Compensa l iperalimentazione con l attività fisica agonistica -Una dieta pregressa (intolleranze -15kg) con repentino recupero ponderale in 6 mesi -BMI 30,7 (95kg) (peso desiderabile -25kg) -Breve periodo di psicoterapia TCC «La compulsione inizia in momenti di tensione, altrimenti mantiene il suo peso» COMPORTAMENTO ALIMENTARE -Disordine e completa mancanza di controllo durante tutta la giornata -Puntate bulimiche nei fast food Piano nutrizionale da1550kcal,cho55%,p21%,90g,l25% Largo, gratificante, pasti liberi e possibilità di assumere dolci (selezionati tra i non scatenanti) Lavoro sull ordine e sul comportamento alimentare Lavoro sullo stile di vita e attività fisica regolare

50 Carolina, donna 23 anni Obesità secondaria, atteggiamenti compensatori con compulsione

51 Carolina, donna 23 anni Obesità secondaria, atteggiamenti compensatori con compulsione 22-26% desiderabile 17-20% ideale -24,4Kg BMIda 22,9 a 30,7

52 Carolina Tre anni dopo Riprende peso dopo un periodo di intenso stress psicofisico Piano nutrizionale da1500kcal,cho55%,p21%,90g,l25% Sovrapponibile al precedente Riprende l attività fisica Peso + 15Kg

53 Carolina, Tre anni dopo In un mese (con i cm costanti) + 4kg tra liquidi e cellularità! La Bia diviene un importante strumento di sostegno e motivazionale

54 CONCLUSIONI 1. I DCA sono malattie della sfera psichica, l alterato rapporto con il cibo è l epifenomeno (lavoro integrato) 4. Non stigmatizzare, ma comprendere e rispettare le paure 2. Un alimentazione incongrua, può condizionare la sfera psichicae favorire i DCA (prevenzione primaria). Il nutrizionista può ricondurre il paziente che soffre di DCA ad un corretto iter terapeutico (diagnosi precoce e prevenzione secondaria) 3. Rapporto empatico, di fiducia, mai formale e standardizzato. Non solo il piano nutrizionale, maha valore anche il modo e l atmosfera con cui viene consigliato al paziente. 5. Calarsi sempre nella logica del paziente, per sostituire gradualmente i pensieri distorti con i fisiologici principi alimentari 6. Nei DCA è utile unadieta perfetta, quantouna piano nutrizionale accettabile ed accettato dal paziente

55 pazienza, amore e dedizione Grazie! Dott. Domenico Mazzullo, psichiatra e psicoterapeuta Gianluigi Marabotti, grafico

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL IPEROMOCISTEINEMIA

NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL IPEROMOCISTEINEMIA DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA MEDICINA SPERIMENTALE E FORENSE SEZIONE DI SCIENZA DELL ALIMENTAZIONE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA Direttore: Chiar.ma Prof.ssa Carla Roggi NUTRIZIONE E STILE DI VITA NELL

Dettagli