UNA PIATTAFORMA DI SERVIZI AVANZATA A SUPPORTO DI DISTRETTI COOPERATIVI: IL PROGETTO DISCoRSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA PIATTAFORMA DI SERVIZI AVANZATA A SUPPORTO DI DISTRETTI COOPERATIVI: IL PROGETTO DISCoRSO"

Transcript

1 UNA PIATTAFORMA DI SERVIZI AVANZATA A SUPPORTO DI DISTRETTI COOPERATIVI: IL PROGETTO DISCoRSO Danilo Ardagna a, Luciano Baresi a, Sara Comai a, Marco Comuzzi a, Barbara Pernici a, Massimiliano Pianciamone b, Simone Prandin c. a Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano, Milano, Italy b CEFRIEL, Politecnico di Milano, Milano, Italy c Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano, Milano, Italy Abstract - L articolo introduce il framework architetturale sviluppato nell ambito del progetto DISCoRSO. L architettura proposta consente di definire applicazioni basate su workflow, integrate tra i diversi partecipanti di un distretto virtuale attraverso servizi. La piattaforma consente di selezionare dinamicamente i servizi, secondo criteri di qualità del servizio, e fornisce dei meccanismi per la verifica di vincoli di qualità attraverso una infrastruttura di monitoring. Le funzionalià fornite vengono discusse attraverso un caso di studio che fa riferimento ad applicazioni nel settore tessile-abbigliamento. 1. Introduzione L obiettivo del progetto DISCoRSO (Distributed Information Systems for COordinated Service Oriented interoperability, è la realizzazione di una piattaforma ICT innovativa finalizzata allo sviluppo di processi e tecnologie a supporto del coordinamento delle imprese che partecipano a distretti e filiere industriali. Nello scenario italiano, molto spesso, le aziende che costituiscono i distretti sono di piccole dimensioni e ciò vincola le imprese nei confronti dell innovazione tecnologica e nell espansione all estero. Inoltre, le filiere presentano una complessità molto elevata e un alto grado di frammentazione, soprattutto rispetto al mercato estero in quanto sono costituite da intricate rete di relazioni tra i clienti e i fornitori, consolidate nel tempo e che spesso non vengono adeguatamente misurate in termini di prestazioni (tempi di risposta, qualità e prezzo) per stimolarne il miglioramento. La domanda dei clienti e l elevata competizione riducono inoltre il ciclo di vita dei prodotti.

2 2 Per rispondere efficacemente alle richieste del mercato, l obiettivo prioritario della piattaforma ICT è l integrazione tra i diversi attori della filiera. Nell ambito del progetto DISCoRSO, la piattaforma tecnologica fornisce un infrastruttura basata su Web e servizi ai distretti. I servizi, sviluppati come Web service, vengono progettati, pubblicati, ricercati, utilizzati e coordinati in processi orchestrati. La piattaforma fornisce, inoltre, meccanismi che garantiscono la gestione e la condivisione di servizi e risorse distribuite, anche se ciascun servizio viene fornito e utilizzato da aziende partecipanti che mantengono la propria autonomia all interno del distretto, consentendo di definire vincoli per la qualità del servizio (QoS) dei processi. Nel progetto sono stati sviluppati strumenti a supporto della fase di progettazione di applicazioni basate su workflow per l esecuzione dei processi di business e un insieme di strumenti che supportano l esecuzione a run-time dei processi in modo da consentire la selezione dinamica dei servizi e garantire i vincoli di QoS. I processi di business sono descritti attraverso attività astratte che invocano un insieme di Web service selezionati a run-time. Solitamente, per una data attività di un processo, esiste un insieme di servizi equivalenti dal punto di vista funzionale ma che differiscono per i parametri di QoS. In tale scenario, a run-time è possibile selezionare il miglior insieme di servizi disponibili prendendo in considerazione preferenze e vincoli dell utente. L ambiente di supporto all esecuzione include, infine, un sistema di monitoraggio, il cui obiettivo è verificare la corretta esecuzione del processo ed il rispetto dei vincoli di QoS. Lo scenario scelto per la verifica sul campo del progetto DISCoRSO è il settore tessile-abbigliamento del distretto di Como. Il settore tessile-abbigliamento è uno dei settori più importanti dell industria italiana, risulta caratterizzato da imprese di piccole dimensioni e presenta elevata criticità in termini di frammentazione della filiera, personalizzazione dei prodotti, competitività e riduzione del time-tomarket. L articolo è organizzato come segue: la sezione successiva descrive le criticità del settore applicativo considerato e introduce un caso di studio che consente di esemplificare le funzionalità implementate dalla piattaforma DISCoRSO. Il framework architetturale viene presentato nella Sezione 3, la Sezione 4 descrive gli sviluppi futuri del progetto. 2. Il processo di controllo della qualità dei tessuti Il settore tessile-abbigliamento presenta in modo evidente le criticità tipiche dei distretti cooperativi ed è tradizionalmente uno dei motori dell economia italiana. L Italia è leader mondiale, specialmente nelle fasce di mercato più alte, a maggior valore aggiunto; tuttavia i mutamenti nello scenario mondiale e le nuove frontiere del mercato internazionale producono effetti che si ripercuotono sull Italia come e più che in altri paesi.

3 3 L industria della moda italiana è organizzata in una serie di distretti specializzati (www.distretti.org). La tradizione manifatturiera si è tradotta nel tempo in un innovazione tecnologica scarsa e soprattutto disomogenea tra grandi e piccole imprese: questo è sicuramente un fattore che ha contribuito alla perdita di competitività in corso da parte dei prodotti italiani. E necessario, per fronteggiare il nuovo mercato, il passaggio da una struttura frammentata come quella attuale ad una più articolata. E in corso un evoluzione verso sistemi più strutturati al fine di fronteggiare le necessità di innovazione ed il mercato globale; tale evoluzione mira ad un rapporto più stretto tra produttore, distributore e consumatore che va sviluppandosi tramite l ausilio delle nuove tecnologie ICT ed una nuova organizzazione del ciclo produttivo. Dal punto di vista tecnologico, ciò si traduce nelle necessità di integrazione e di flessibilità dei sistemi informativi per ridurre costi e tempi di produzione, da un lato, e per consentire la possibilità di cooperazione con nuovi partner dall altro. Per esemplificare il framework architetturale sviluppato nel progetto DISCoRSO verrà di seguito descritto il processo di controllo di qualità della lavorazione dei tessuti. Il processo vede coinvolti quattro attori principali (si faccia riferimento alla Figura 1): il converter che richiede una lavorazione su un tessuto grezzo, il terzista che effettua la lavorazione, un primo controllore di qualità che certifica la qualità della lavorazione effettuata dal terzista ed un secondo controllore di qualità che verifica il livello di qualità certificato dal primo controllore su richiesta del converter, nel caso in cui il livello di qualità certificato non risulti accettabile. Fig. 1 - Il processo di lavorazione di un tessuto nel settore tessile. Le attività di converter e terzista del processo di controllo lavorazione vengono svolte da attori prefissati della filiera. Le attività di controllo di qualità verranno

4 4 invece attribuite ad attori selezionati dinamicamente e vengono implementate attraverso Web service. I Web service della piattaforma DISCoRSO vengono caratterizzati da un profilo di qualità del servizio ed è possibile definire vincoli di qualità locali e globali per servizi composti. Le dimensioni di qualità di servizio che sono state considerate sono il tempo di esecuzione, l availability, il prezzo, la reputation (che fornisce una misura dell affidabilità di un servizio ad onorare i requisiti di QoS) e la data quality (definita come la vicinanza di un dato a un valore considerato corretto). La piattaforma DISCoRSO permette di specificare vincoli di QoS a livello locale (i Web service candidati sono selezionati in accordo a caratteristiche desiderate, ad esempio il prezzo per l esecuzione di un Web service deve essere inferiore a una data soglia) e a livello globale (vincoli che impongono restrizioni all esecuzione ad un insieme di servizi o in particolare ad un intero servizio composto). Nel processo di controllo lavorazione di un tessuto sono stati introdotti i seguenti vincoli: (i) il processo di certificazione della qualità deve avvenire entro una settimana (vincolo globale), (ii) la reputation dei servizi di certificazione della qualità del tessuto deve essere superiore a 0.9, (iii) l availability dei servizi di certificazione della qualità deve essere superiore a 0.99, (iv) la data quality della seconda certificazione di qualità deve essere superiore a 0.95 (ii-iv, vincoli locali). 3. Il framework architetturale del progetto DISCoRSO I moduli dell architettura della piattaforma DISCoRSO supportano sia l attività di progettazione che la fase run-time di applicazioni basate su workflow. La progettazione avviene attraverso un ambiente di modellazione basato sul linguaggio WebML; il supporto a tempo di esecuzione è costituito da tre elementi principali: gli strumenti per la ricerca ottimizzata dei servizi componenti un processo, per la negoziazione della loro qualità, e, infine, gli strumenti per il monitoraggio. A. L ambiente di progettazione Relativamente alla fase di progettazione delle applicazioni, nell ambito del progetto DISCoRSO è stato definito un ambiente per la modellazione di processi di business che ha esteso il linguaggio WebML (Web Modelling Language) [3] il cui scopo iniziale era quello di consentire la specifica di applicazioni Web, e del CASE tool WebRatio (www.webratio.com), che lo supporta, entrambi testati sul campo per parecchi anni nell implementazione di applicazioni Web centrate sui dati. Nella sua versione iniziale, la specifica concettuale di WebML consisteva in uno schema dei dati, descrivente i dati applicativi, e in uno o più ipertesti (chiamati Site View) che rappresentano le interfacce Web utilizzate per pubblicare e manipolare tali dati.

5 5 DISCoRSO supporta la definizione di sistemi a processi (workflow-driven hypertexts). Integrare ipertesti con processi significa fornire interfacce Web che permettono l'esecuzione di attività di business ed includono vincoli che guidano la navigazione di (gruppi di) utenti. Il modello proposto consente una visione del sistema informativo a processi, che vengono attribuiti ad attori tramite meccanismi di push/pull e allocati ai nodi di sistema tramite invocazione di servizi. Ciascuna attività del processo ha una sua interfaccia verso l'utente finale e verso un insieme di repository locali; nel caso l'attività debba avvalersi di servizi remoti, ciò avviene tramite Web service. Nonostante i metodi di progettazione di applicazioni Web centrate sui dati posseggano un potere espressivo sufficiente per catturare i requisiti della modellazione di processo, la descrizione di applicazioni basate su processo in termini di concetti di modellazione di dati ed ipertesto porta ad una scarsa separazione di contesti e specifiche oltre a implementazioni difficili da manutenere. Per questo motivo la notazione per la progettazione dell'ipertesto è stata estesa con primitive ad-hoc per la rappresentazione esplicita di concetti relativi al processo. La progettazione di processi di business viene realizzata attraverso uno strumento di progettazione visuale, che permette al progettista di specificare diagrammi BPMN. Il formato BPMN può essere trasformato in modo molto flessibile in diversi formati di uscita quali specifiche WebML dell applicazione che implementa il diagramma (che costituiscono l input per il progettista dell appliczione Web e per la piattaforma di esecuzione del processo), specifiche BPEL (che costituiscono l input per l orchestratore di servizi), specifiche XPDL (che costituiscono l input per la piattaforma di esecuzione del processo) B. La selezione dinamica dei servizi Nella piattaforma DISCoRSO, i workflow possono richiamare Web service composti descritti attraverso attività astratte in cui i Web service vengono selezionati a run-time e richiamati attraverso un meccanismo di late biding. Solitamente esiste un insieme di servizi equivalenti dal punto di vista funzionale, cioè, servizi che implementano la stessa funzionalità ma che differiscono per i parametri di QoS. Inoltre, se un invocazione di servizio fallisce, può essere invocato un servizio sostitutivo per mascherare il fallimento dell invocazione e continuare l esecuzione dell applicazione. In tale scenario, applicazioni complesse possono essere definite come processi BPEL composti da Web service astratti e, a run time, può essere selezionato il miglior insieme di servizi disponibili. La selezione dei Web service è stata modellata come un problema di ottimizzazione lineare intera mista [1]. L obiettivo è indentificare il mapping ottimo tra ogni Web Service astratto di un processo BPEL e un Web service concreto che implementa la corrispondente funzionalità astratta, tale che la QoS complessiva percepita dall utente sia massimizzata, mentre i vincoli di QoS siano garantiti. La selezione e l esecuzione di Web service sono effettuate iterativamente in modo da

6 6 considerare la variabilità delle prestazioni dei Web service che costituisce il principale problema per il soddisfacimento di vincoli. Infatti, la QoS di un Web service potrebbe evolvere frequentemente, anche a causa di cambiamenti interni o di fluttuazioni di carico. L ottimizzazione viene effettuata statisticamente, ovvero, prendendo in considerazione la probabilità di esecuzione dei branch condizionali (si faccia riferimento alle probabilità p 1 e p 2 =1- p 1 indicate in Figura 1), o il numero di iterazioni dei cicli. L ottimizzazione è effettuata quando il processo BPEL viene instanziato e la sua esecuzione ha inizio, ed è iterata a run time, durante l esecuzione del processo. C. Negoziazione della QoS La selezione dinamica può non portare, in alcuni casi, all identificazione di una soluzione ammissibile. Nel caso in cui la soluzione migliore trovata nell ottimizzazione violi i vincoli di qualità, ma non il vincolo sul prezzo, è possibile definire un budget da poter sfruttare in una fase di negoziazione della qualità del servizio dei Web service. E stato implementato un meccanismo di negoziazione bilaterale tra il processo, che agisce nell interesse dell utente, e i servizi coinvolti nella soluzione corrente, a partire dalla parametrizzazione di semplici modelli decisionali [4]. I modelli decisionali di negoziazione stabiliscono le regole secondo cui i Web service coinvolti nel piano corrente possono aumentare la propria qualità, a fronte di un incremento nel prezzo di erogazione del servizio stesso. Dall altro, il modello decisionale stabilisce anche le preferenze dell utente relative a incrementi nella qualità del servizio. Per esempio, se il vincolo sui tempi di risposta del controllo di lavorazione non può essere rispettato, allora la piattaforma può chiedere ai Service Provider di ridurre i tempi di esecuzione del servizio invocato a fronte di un innalzamento del prezzo. Ad esempio, un servizio di controllo qualità potrebbe essere disposto ad abbassare il proprio tempo di risposta da 5 a 2 giorni a fronte di un incremento del 30% del prezzo richiesto al cliente. In questo modo è possibile individuare una nuova serie di profili di qualità dei servizi coinvolti nella soluzione corrente, che possono essere utilizzati dall ottimizzatore per trovare una soluzione ammissibile. Non tutte le dimensioni di qualità dei servizi elencate precedentemente sono negoziabili. La dimensione reputation dipende, per esempio, dallo stato interno del servizio e dagli eventi relativi alle precedenti invocazioni dello stesso e, quindi, non può essere negoziata. Le dimensioni negoziabili sono perciò tempo di esecuzione, prezzo, e data quality di un servizio. D. Monitoring dei processi L obiettivo del sistema di monitoraggio è verificare la corretta esecuzione dei processi BPEL ed il rispetto dei vincoli della qualità del servizio. Il monitoraggio avviene attraverso appositi proxy che, fungendo da intermediari tra i processi e i servizi esterni, sovraintendono lo scambio di informazioni e controllano

7 7 l evoluzione dei processi. L approccio si basa sull utilizzo di asserzioni per definire la correttezza delle applicazioni come pre- e post-condizioni sulle invocazioni ai servizi remoti [2] sia per quanto riguarda i requisiti funzionali, che per ciò che concerne la QoS. Questa soluzione parte dalla convinzione che vi debba essere una chiara separazione tra la definizione dell applicazione e il modo in cui essa viene monitorata. Il progettista deve poter modificare a run-time le pree post-condizioni e il livello di controllo da mantenere senza dover modificare l applicazione. Infatti, poiché il monitoraggio è un attività con un forte impatto sulle prestazioni, l utente deve essere in grado di variare a run-time le risorse da spendere per il controllo dell applicazione (a scapito delle prestazioni). Questo si ottiene attraverso opportune regole di monitoraggio che non appartengono al processo bensì all utente e che vengono verificate da un componente specifico in base a meta-informazioni in esse contenute (ad esempio, il loro livello di priorità). Il comportamento atteso dall esecuzione dei servizi viene definito attraverso la specifica e la verifica di asserzioni che esprimono pre- e post-condizioni sui parametri in input ed output delle attività. Nell ambito del progetto DISCoRSO è stato definito il linguaggio WSCoL, [2] un linguaggio per asserzioni a cui sono stati aggiunti particolari costrutti per raccogliere i dati da sorgenti esterne e consentire all utente di monitorare qualunque dato possa essere raccolto mentre il processo è in esecuzione. WSCoL fornisce costrutti sia per la raccolta dei dati che per la loro analisi. Facendo riferimento al processo di certificazione della lavorazione, l infrastruttura di monitoring consente di: (i) determinare la probabilità p 1 per cui CQ1 non risulti soddisfacente e quindi viene effettuata l invocazione del serizio CQ2, (ii) aggiornare i valori di qualità di availability e reputation dei servizi concreti in base all esito delle singole invocazioni, (iii) modificare a tempo di esecuzione la reputation dei servizi di certificazione. La reputation in questo caso è influenzata dai tempi di risposta e dalla data quality del valore fornito come risultato del controllo di qualità. 3. Conclusioni e sviluppi futuri L articolo ha presentato il framework architetturale sviluppato nell ambito del progetto DISCoRSO. Il lavoro futuro è volto a testare ulteriormente le soluzioni proposte in altri distretti industriali italiani quali il settore agro-alimentare e vinicolo. References [1] D. Ardagna, B. Pernici, Adaptive Service Composition in Flexible Processes, IEEE Trans. on Soft. Eng. 33(6), , [2] L. Baresi, S. Guinea, Towards dynamic monitoring of WS-BPEL processes. In ICSOC 2005 Proc., Springer, [3] S. Ceri, P. Fraternali, A. Bongio, M. Brambilla, S. Comai, M. Matera, Designing Data- Intensive Web Applications, Morgan-Kaufmann, Dicembre [4] M. Comuzzi, B. Pernici, An Architecture for Flexible Web Service QoS Negotiation in Proc. 9 th IEEE EDOC, 70 79, 2005.

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli