Anoressia nervosa. Dalle origini alla terapia. A cura di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anoressia nervosa. Dalle origini alla terapia. A cura di"

Transcript

1 I T E M S I TEMI DELLA NUTRIZIONE Anoressia nervosa Dalle origini alla terapia A cura di Michele O. Carruba Professore Ordinario di Farmacologia Dipartimento di Scienze Precliniche LITA Vialba, Ospedale L. Sacco Università degli Studi di Milano Presidente Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell Alimentazione Con la collaborazione di Arianna Banderali, Giovanni Caputo, Francesco Cavagnini, Hellas Cena, Massimo Cuzzolaro, Angela Favaro, Enzo Nisoli, Gabriella Redaelli, Gabriella Ripa di Meana, Paolo Santonastaso I STITUTO D ANONE

2 I STITUTO D ANONE PER LA RICERCA E LA CULTURA DELLA NUTRIZIONE MOTIVAZIONI E OBIETTIVI Danone è una società multinazionale operante nel settore alimentare. La sua mission istituzionale è quella di migliorare l alimentazione umana, sia con prodotti di alta qualità ed elevato valore nutrizionale, sia con iniziative di ricerca e di divulgazione scientifica. In quest ottica ha deciso di destinare risorse alla ricerca e alla cultura della nutrizione, dando vita all Istituto Danone. L Istituto Danone si prefigge di: Incoraggiare la ricerca scientifica sul rapporto tra alimentazione e salute Promuovere una corretta educazione alimentare Diffondere i risultati della ricerca nutrizionale presso gli operatori della salute e dell educazione alimentare Costituire un anello di giunzione tra il mondo scientifico e gli operatori della salute e dell educazione alimentare Gli obiettivi dell Istituto Danone sono quindi due: Conoscere attraverso la promozione di ricerche, proprie o di terzi, nel settore nutrizionale Far conoscere attraverso attività editoriali e congressuali mirate a diffondere la cultura della nutrizione Per adempiere a questa missione, l Istituto Danone si avvale di un Comitato Scientifico che rappresenta l elemento propositivo, la fonte delle conoscenze ed il garante della scientificità di tutte le attività dell Istituto stesso. A far parte di questo Comitato sono stati chiamati, tra i massimi esperti nazionali dei vari settori della nutrizione umana, i professori Marcello Giovannini (Presidente), Ermanno Lanzola e Carlo Vergani (Vicepresidenti), Vittorio Bottazzi, Michele O. Carruba, Alberto Notarbartolo, Gianfranco Piva, Pierpaolo Resmini e Enrica Riva. Sede Istituto Danone: Via F. Filzi, Milano

3 I T E M S I TEMI DELLA NUTRIZIONE Anoressia nervosa Dalle origini alla terapia A cura di Michele O. Carruba Professore Ordinario di Farmacologia Dipartimento di Scienze Precliniche LITA Vialba, Ospedale L. Sacco Università degli Studi di Milano Presidente Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell Alimentazione Con la collaborazione di Arianna Banderali Specialista in Scienza dell Alimentazione, Psicoterapeuta Segretario Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell Alimentazione Presidente Associazione Italiana Disturbi dell Alimentazione e del Peso Giovanni Caputo Segretario Scientifico della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare, Responsabile del Centro Ambulatoriale per la Diagnosi e la Cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare della ASL Roma B Ospedale S. Pertini di Roma Francesco Cavagnini Professore Ordinario di Endocrinologia Università degli Studi di Milano Hellas Cena Ricercatore presso il Centro Ricerche sulla Nutrizione Umana e la Dietetica Università degli Studi di Pavia Massimo Cuzzolaro Presidente della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare Responsabile del Centro Ambulatoriale per i Disturbi del Comportamento Alimentare del Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche dell Età Evolutiva Università La Sapienza di Roma Angela Favaro Ricercatore in Scienze Psichiatriche Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche Università degli Studi di Padova Dirigente di I Livello Azienda Ospedaliera di Padova Enzo Nisoli Ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Precliniche LITA, Ospedale L. Sacco Università degli Studi di Milano Gabriella Redaelli Dirigente I Livello Divisione di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Ospedale San Luca IRCCS, Milano Istituto Auxologico Italiano Gabriella Ripa di Meana Membro del Consiglio Scientifico della Fondation Européenne pour la Psychanalyse Psicanalista Roma Paolo Santonastaso Professore Associato di Psichiatria Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche Università degli Studi di Padova

4 I ndice Introduzione 5 M.O. Carruba Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici 7 ed eziopatogenetici M. Cuzzolaro Il ruolo della famiglia nella genesi e nella terapia 29 A. Favaro, P. Santonastaso La malnutrizione nell anoressia nervosa 51 H. Cena Le complicanze cliniche con particolare riferimento 63 al sistema endocrino F. Cavagnini, G. Redaelli Psicobiologia dell anoressia nervosa: un razionale per l intervento farmacologico? 87 E. Nisoli Anoressia: la cura psicanalitica 103 G. Ripa di Meana La terapia cognitivo-comportamentale 129 A. Banderali Le strutture di ricovero e cura 153 G. Caputo 3

5 I ntroduzione M. O. Carruba L anoressia nervosa, come molte altre patologie diffuse essenzialmente nelle cosiddette società del benessere, è purtroppo una malattia complessa, subdola e difficile da trattare. Complessa in quanto origina dall interazione di diversi fattori: genetici, biologici, psicologici e micro- e macro-sociali che concorrono con ruoli diversi nella genesi e nella perpetuazione della patologia. Instaurandosi con lentezza e prevalentemente nella popolazione femminile in età adolescenziale, l anoressia può davvero essere considerata una patologia subdola in quanto colpisce, all esordio in modo non evidente, soggetti in una già complessa fase di strutturazione della propria identità fisica, psicologica, sessuale e sociale, dove in molti casi l identificazione del proprio io e la stima di sé coincidono in modo eclatante con l immagine corporea. Oltre a questo la patologia risulta difficile da trattare perché, nonostante gli sforzi della ricerca di base, non esiste ancora un trattamento univoco e risolutivo. L anoressia nasce come disturbo che affonda le sue radici nella psiche, ma che genera una sequela di problemi organici gravi e pericolosi che, a loro volta, si ripercuotono nuovamente sulla psiche. L approccio terapeutico, pertanto, non può che essere di tipo interdisciplinare e integrato e tendere necessariamente ad una riabilitazione sia psichiatrica sia nutrizionale, utilizzando, opportunamente bilanciati a seconda delle caratteristiche del paziente, tutti gli strumenti di cui si dispone. Purtroppo l incidenza di questa malattia è in rapida crescita e la classe medica si trova spesso impreparata non solo a gestirla ma spesso anche a riconoscerla nella sua fase di insorgenza. Pertanto, fedeli allo spirito che vuole contraddistinguere questa collana di volumi ITEMS, lo scopo di quest opera è di riportare, in modo sintetico ma puntuale, tutte quelle informazioni indi- 5

6 Introduzione spensabili a comprendere la complessità di questa patologia emergente, in modo da fornire alla classe medica quegli strumenti necessari non tanto o non solo per impostare una tempestiva terapia, ma soprattutto per poterla individuare in fase precoce in modo da migliorarne la prognosi. Oltre alle indispensabili informazioni sui criteri diagnostici, epidemiologici, eziopatogenetici e sulle complicanze e sui diversi approcci terapeutici, un capitolo è stato dedicato alle strutture di ricovero e cura in modo da fornire delle precise linee guida per un corretto approccio terapeutico che non può prescindere dalla disponibilità di idonei ambienti e strumenti di cura. Infatti, purtroppo, nonostante gli sforzi degli specialisti in questo campo, il nostro Paese è ancora lontano dagli standard assistenziali considerati ottimali per questa patologia. Per sensibilizzare non solo la classe medica, da parte della quale si riscontra comunque già una concreta rispondenza, ma soprattutto l ambito Istituzionale, opera anche in modo attivo la SIS.DCA (Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare), che si batte per diffondere una più adeguata consapevolezza e una maggiore cultura per la gestione di questa patologia. Siamo infatti consapevoli che si potranno ottenere grandi risultati e benefici per la collettività solo a condizione che le Istituzioni Sanitarie regionali e nazionali siano informate e istruite rispetto a questo grave problema sociale. Noi medici da parte nostra abbiamo il dovere non solo di incrementare la ricerca scientifica, ma anche di far sì che il trasferimento di questi risultati si trasformi concretamente in benefici per i pazienti, avviandoli verso il trattamento per loro più adeguato. Prof. Michele O. Carruba 6

7 I nquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici M. Cuzzolaro Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche dell Età Evolutiva Università La Sapienza di Roma Uno sguardo indietro Nella mitologia, nell arte e nelle pratiche sociali, l eccesso, l orgia alimentare e il digiuno, non quello obbligato dalla carestia ma quello autoimposto, hanno sempre occupato spazi importanti. La medicina, attenta fin dalle origini alla dieta e agli effetti buoni e cattivi dei regimi alimentari, si è interessata alla psicopatologia dell alimentazione anche in epoche remote. L anoressia nervosa, presente forse nel Medioevo nella forma di digiuni ascetici perseguiti talora fino alla morte (sono esemplari le vicende di sante come Margherita d Ungheria o Caterina da Siena), è stata descritta in testi di medicina almeno a partire dalla fine del Seicento. In quelle antiche cronache è possibile rintracciare molti dei sintomi propri dei casi attuali salvo la paura morbosa d ingrassare e i disturbi dell immagine del corpo: la cerniera fra disagio del corpo e anomalie delle condotte alimentari è una caratteristica del secolo che si sta chiudendo. Dalla prima descrizione medica dell anoressia nervosa come malattia specifica sono trascorsi ormai più di tre secoli. Richard Morton pubblicò, nel 1689 in latino e nel 1694 in inglese, due osservazioni cliniche, il caso di una ragazza di 18 anni e quello di un ragazzo di 16, segnalando che i caratteri di questi due quadri erano in parte simili ma in parte profondamente diversi rispetto a quelli osservati in altre forme di consunzione (phthisis): chiamò la sindrome osservata nei due giovani tisi nervosa. Nei tre secoli che ci separano dalle osservazioni di Morton si sono succedute molte opinioni diverse sul tema dei disturbi dell alimentazione, della loro classificazione nosografica e della loro terapia. D accordo con vari studiosi, si può dividere in cinque ere la storia del pensiero medico sull anoressia nervosa: 1) descrittiva, 2) pituitaria (quando si 7

8 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici confuse l anoressia nervosa con l insufficienza ipofisaria), 3) di riscoperta della malattia, 4) psicoanalitica e 5) bio-psicosociale. L ultima fase è iniziata nei primi anni Sessanta ed è stata caratterizzata dal tentativo di studiare il concorso e le interazioni tra fattori biologici, psicologici personali, familiari, culturali e macrosociali nella eziopatogenesi della malattia. Sono state formulate varie ipotesi su singoli fattori; non è stata ancora costruita, invece, una teoria sintetica che spieghi i meccanismi eziopatogenetici dell anoressia nervosa e, in particolare, che indichi quale specifica interazione di forze sia necessaria e sufficiente per determinare la sindrome. Il modello generale di malattia che sembra più convincente e utile applicare all anoressia nervosa, allo stato attuale delle conoscenze, è quello che vede nella malattia la via finale comune di vari possibili processi patogenetici che nascono da interazioni diverse tra forze molteplici. Il modello della via finale comune è stato applicato a molte patologie, dall ulcera peptica alla depressione, e può essere riassunto in tre punti: 1. la malattia risulta dall interazione di vari fattori predisponenti che agiscono su un individuo; 2. degli individui a rischio solo alcuni si ammalano effettivamente; 3. in quelli che sviluppano la malattia la presenza, il peso e le modalità di interazione dei vari fattori predisponenti variano da caso a caso. Secondo Lucas, nella terza e nella quarta fase della storia dell anoressia nervosa, fra gli anni Trenta e i Sessanta, i maggiori progressi hanno riguardato lo studio psicologico e il trattamento psicoterapeutico della malattia. Nella fase attuale, bio-psico-sociale, gli aspetti biologici della sindrome sono intensamente studiati accanto a quelli psicologici, micro- e macro-sociali. Sul piano terapeutico, si tende a un approccio terapeutico multidimensionale. L anoressia nervosa nella sistematica clinica attuale dei disturbi del comportamento alimentare Nelle classificazioni psichiatriche (World Health Organization, ICD-10, 1993; American Psychiatric Association, DSM-IV, 1994) la rubrica disturbi dell alimentazione o del comportamento alimentare (in inglese, eating disorders) 8

9 M. Cuzzolaro comprende l anoressia nervosa, la bulimia nervosa e i disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (anoressie e bulimie parziali, incomplete, quadri clinici in cui sono presenti quasi tutti ma non tutti i sintomi che la comunità scientifica ha convenuto di ritenere necessari per la diagnosi medica di anoressia o di bulimia). Fra questi ultimi, il Disturbo da alimentazione incontrollata (in inglese, Binge Eating Disorder ) ha suscitato nell ultimo decennio un interesse crescente per i suoi legami, importanti, con l obesità. Anoressia nervosa e bulimia nervosa sono due sindromi che la nosografia psichiatrica più recente, a partire dal 1980, tiene distinte: i criteri diagnostici sono tali che la diagnosi di stato può essere solo l una o l altra. Anoressia e bulimia condividono però molti caratteri ed è frequente che la stessa persona passi, in momenti diversi della vita, dall uno all altro disturbo. A dispetto delle radici etimologiche del termine (ob-edere: mangiare troppo) l obesità non figura, finora, tra i disturbi del comportamento alimentare né figura altrove nelle classificazioni psichiatriche. È una condizione somatica definita su base morfologica (eccesso di massa grassa) e non è dimostrato che sia associata abitualmente a particolari disturbi psichiatrici o a specifici profili patologici di personalità. Un certo numero di persone obese (dal 5 al 30% secondo il tipo di selezione del campione), soprattutto quelle che si sono sottoposte a diete drastiche ripetute, presenta, però, un Disturbo da alimentazione incontrollata. Sul piano epidemiologico, inoltre, obesità e disturbi del comportamento alimentare sono aumentati in modo parallelo e con forti analogie di distribuzione (Paesi industrializzati) nella seconda metà del Novecento. Il trattamento dell obesità, infine, si basa tuttora sulla ricerca di modificazioni stabili dello stile di vita, in particolare del comportamento alimentare e dell attività fisica: in altre parole, su cambiamenti psicologici. È per queste ragioni che negli ultimi anni è diventata sempre più forte la tendenza a collegare gli studi sull obesità a quelli sulla psicologia e la psicopatologia dell alimentazione creando gruppi multidisciplinari di lavoro, teorico e clinico, nel campo. Le principali novità introdotte dal DSM-IV (1994) rispetto alle classificazioni precedenti (1980 e 1987) sono state quattro: 1. i Disturbi del Comportamento Alimentare (Eating Disorders), DCA, non sono più inscritti fra quelli di so- 9

10 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici lito diagnosticati per la prima volta durante l adolescenza ma sono stati spostati nel corpo generale della classificazione; 2. le diagnosi di anoressia nervosa e di bulimia nervosa non possono coesistere ma si escludono reciprocamente; 3. sono stati definiti due sottotipi per ciascuna sindrome; 4. è stata proposta una nuova categoria diagnostica, Binge Eating Disorder, che figura due volte: sia fra i Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (cod ), sia nell Appendice B, come categoria da sottoporre a ulteriori studi. La Tabella 1 riassume i criteri correnti per la diagnosi di anoressia nervosa nei due sottotipi. In sintesi, tre caratteristiche sono indispensabili per porre la diagnosi psichiatrica di anoressia nervosa: paura morbosa di aumentare di peso, perdita intenzionale di peso e amenorrea. Tabella 1 Criteri diagnostici dell anoressia nervosa. Anoressia nervosa Criteri diagnostici DSM-IV (cod ) A. Rifiuto di mantenere il peso corporeo al livello minimo normale per l età e la statura o al di sopra di esso (ad es., perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell 85% di quello atteso; o, in età evolutiva, mancanza dell aumento di peso previsto che porta a un peso corporeo inferiore all 85% di quello atteso) B. Intensa paura di aumentare di peso o di ingrassare, pur essendo sottopeso C. Disturbi nel modo di sentire il peso e le forme del proprio corpo, influenza indebita del peso e delle forme del corpo sulla valutazione di sé, o diniego della gravità della perdita di peso in atto D. Nelle donne che hanno già avuto il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi. (Si considera una donna amenorroica se i suoi cicli avvengono solo dopo somministrazione di ormoni, ad es., di estrogeni) Specificare il sottotipo Sottotipo con restrizioni: durante l episodio di anoressia nervosa la persona non presenta frequenti episodi di abbuffate o di comportamenti purgativi (ad es., vomito autoindotto o abuso/uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri) Sottotipo con abbuffate/condotte di eliminazione: durante l episodio di anoressia nervosa la persona presenta frequenti episodi di abbuffate compulsive o di comportamenti purgativi (ad es., vomito autoindotto o abuso/uso improprio di lassativi, diuretici o clisteri) [la soglia di frequenza non è fissata: 1 episodio/settimana?] 10

11 M. Cuzzolaro Nell anoressia nervosa il peso viene mantenuto a livelli più bassi che nella bulimia nervosa con un Indice di Massa Corporea di solito 17,5 kg/m 2. L Indice di Massa Corporea (inglese: Body Mass Index, BMI) si calcola dividendo il peso in chilogrammi per l altezza in metri elevata al quadrato (BMI = kg/m 2 ). Si considerano valori normali quelli compresi tra 19 e 24. La diagnosi differenziale fra anoressia nervosa di tipo bulimico e bulimia nervosa è fondata sui criteri amenorrea e peso: nell anoressia le mestruazioni mancano da almeno tre mesi o non sono mai comparse (anoressia nervosa prepuberale o premenarcale) e il peso è gravemente inferiore a quello atteso. L anoressia nervosa maschile, che presenta anch essa una variante bulimica, è molto più rara di quella femminile (1:10). Le caratteristiche cliniche sono simili e i criteri diagnostici sono gli stessi: l amenorrea è sostituita dalla perdita della libido e dell attività eiaculatoria. Secondo alcuni studiosi il bisogno coatto ed eccessivo di esercizio muscolare (palestra, corsa, ecc.) in adolescenti e giovani deve essere interpretato come un equivalente dell anoressia nervosa. In effetti, questo sintomo fa parte spesso di un quadro anoressico ma da solo non giustifica l equivalenza. Lo spettro del comportamento alimentare I comportamenti alimentari umani e quelli di un singolo individuo in epoche diverse della vita si distribuiscono lungo un continuum. È frequente che uno stesso paziente entri ed esca tra varie categorie diagnostiche: molte anoressie evolvono in senso bulimico (più della metà); molti soggetti affetti da bulimia hanno sofferto in precedenza di un disturbo anoressico conclamato o, più spesso, parziale, breve, passato magari inosservato; in altri casi ancora si alternano nel tempo fasi anoressiche e fasi bulimiche. Comportamenti anoressici e bulimici si combinano fra loro e si succedono gli uni agli altri sia perché in entrambi la costruzione del sintomo passa attraverso il codice alimentare sia perché si instaura un circolo vizioso: restrizione prolungata dell introito calorico perdita di controllo sull alimentazione senso di colpa e allarme restrizione dell introito calorico. Le diete drastiche, soprattutto se protratte e ripetute, producono due conseguenze: alterano il metabolismo con diminuzione del dispendio energetico di base e maggiore tendenza a in- 11

12 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici grassare e inducono disturbi del comportamento alimentare, in particolare in senso bulimico: la restrizione favorisce la disinibizione e la perdita di controllo. Per queste ragioni nell obesità è così difficile mantenere nel tempo le perdite di peso conseguite e, fra gli obesi, sono soprattutto quelli che hanno fatto molte diete a sviluppare un disturbo da alimentazione incontrollata. L abuso di diete restrittive è tra i fattori responsabili dell insorgenza di comportamenti alimentari abnormi e la diffusione delle diete estetiche è una delle cause del grande aumento dei disturbi dell alimentazione. La Figura 1 rappresenta graficamente le aree di sovrapposizione di sintomi fra i vari disturbi del comportamento alimentare e la distribuzione del sintomo binge eating (abbuffate compulsive) (Cuzzolaro, 1997). Dati epidemiologici La specie umana ha sviluppato attraverso migliaia di secoli meccanismi biologici e schemi di comportamento Figura 1 Aree di sovrapposizione dei sintomi e distribuzione trasversale del comportamento binge eating. ANr = Anoressia Nervosa tipo restrittivo ANb = Anoressia Nervosa tipo bulimico BNp = Bulimia Nervosa tipo purgativo BNnp = Bulimia Nervosa tipo non purgativo BED = Binge Eating Disorder (Disturbo da Abbuffate Compulsive) Presenza del sintomo abbuffate compulsive (binge eating) BNp BED ANr ANb BNnp ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA BINGE EATING DISORDER OBESITÀ 12

13 M. Cuzzolaro adatti a fronteggiare la penuria di risorse alimentari. Solo da pochi decenni e solo in alcune regioni della Terra si confronta, impreparata, con la sovrabbondanza di cibo. Questo è lo sfondo su cui si inscrive il grande aumento di anoressia, bulimia e obesità nella seconda metà del Novecento. Nel loro insieme i disturbi del comportamento alimentare rappresentano un problema grave e diffuso soprattutto tra le adolescenti e le giovani donne. Studi sulla fascia d età 8-14 anni indicano una elevata presenza di comportamenti alimentari abnormi già in epoche molto precoci. Nei Paesi occidentali industrializzati, compresa l Italia, ogni 100 ragazze in età di rischio (12-25 anni) 8-10 soffrono di qualche disturbo del comportamento alimentare: 1-2 nelle forme più gravi (anoressia e bulimia), le altre nelle forme più lievi, spesso transitorie, di disturbi parziali, subliminali. Tra le giovani donne la prevalenza della bulimia (1%) è maggiore di quella dell anoressia (0,3-0,5%). Anoressia e bulimia colpiscono soprattutto le donne (90-95% dei casi). L anoressia nervosa prediligeva, in passato, le classi sociali medio-alte. Negli ultimi due decenni tutti i disturbi del comportamento alimentare si sono equamente diffusi nei vari strati sociali. L età d esordio cade, per lo più, fra i 10 e i 30 anni: l età media d insorgenza è 17 anni. Sono descritte forme, non rare, prepuberali, che insorgono prima dei primi cambiamenti somatici della pubertà, e premenarcali, prima del menarca, mai comunque prima degli 8 anni. Sono descritte anche forme tardive, perfino successive alla menopausa. In questi ultimi casi, la diagnosi differenziale deve prestare attenzione a disturbi depressivi mascherati e ricercare precedenti episodi anoressici rispetto ai quali quello attuale può essere una lontana recidiva. L anoressia maschile (Andersen, 1990) non presenta differenze sostanziali, sul piano epidemiologico, rispetto a quella femminile. Anche tra i maschi l incidenza e la prevalenza dell anoressia sembrano in aumento negli ultimi decenni, ma forse non nella stessa proporzione del sesso femminile. È stata segnalata una rapida sequenza di cambiamenti nella frequenza relativa delle varie forme di psicopatologia del comportamento alimentare: negli anni Sessanta i quadri clinici più comuni erano le anoressie restrittive, nei decenni successivi sono diventate sempre più frequenti le forme bulimiche. Anoressia e bulimia sono sindromi legate alla cultura (culture bound), spe- 13

14 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici cifiche cioè di alcuni Paesi e di certe culture e assenti in altri. È un dato importante per la comprensione del peso dei fattori sociali e culturali nella loro patogenesi (Nasser, 1997; Vandereycken e Noordenbos, 1998). Anoressia e bulimia sono disturbi frequenti nei Paesi occidentali industrializzati, in Australia e Nuova Zelanda, in Sudafrica, in Giappone. Sono assenti o molto rare nei Paesi poveri dell Africa, dell Asia e dell America Latina. Anoressia e bulimia appaiono legate a valori e conflitti specifici della cultura occidentale, connessi, in particolare, alla costruzione dell identità femminile e al ruolo familiare e sociale della donna (Nasser, 1997; Blechman e Brownell, 1998). La loro diffusione in Paesi dell Est europeo, del Terzo Mondo e fra gli immigrati da nazioni povere verso nazioni ricche appare correlata al miglioramento delle condizioni economiche e, ancora di più, ai processi di acquisizione di modelli culturali occidentali. Fattori eziopatogenetici Fattori individuali, familiari e socioculturali concorrono a determinare l insorgenza dei disturbi del comportamento alimentare. Non è ancora possibile costruire una teoria sintetica che spieghi i meccanismi eziopatogenetici e che, in particolare, indichi quale specifica interazione di forze sia necessaria e sufficiente. È utile distinguere tra fattori predisponenti a lungo termine, fattori precipitanti e fattori che tendono a perpetuare la sindrome. Un cenno particolare meritano alcuni fattori di natura iatrogena. Fattori predisponenti a lungo termine Un rapido elenco di possibili fattori di rischio comprende: una predisposizione genetica, il genere femminile, la giovane età, una storia di sovrappeso e di diete, alcune malattie croniche (ad es., diabete mellito, sindrome di Turner), certi tratti di personalità e problemi psicologici (ad es., tratti ossessivi, ambizioni esasperate, perfezionismo, scarso controllo degli impulsi, intolleranza delle frustrazioni, particolari difficoltà nel processo di separazione-individuazione, rifiuto del corpo adulto e della sessualità, fissazione all infanzia e a forme infantili di dipendenza e di controllo). Una parte importante, studiata da tempo (Selvini-Palazzoli, 1981), è gio- 14

15 M. Cuzzolaro cata dalle caratteristiche di vischiosità e scarsa definizione dei ruoli del gruppo familiare, dall incapacità di riconoscere e incoraggiare la distinzione, la separazione, l autonomia. Sono frequenti la soggezione al mito del successo, il bisogno di rispondere sempre alle attese sociali e di eseguire al meglio i compiti richiesti, la dipendenza dal consenso e dall ammirazione degli altri. Su queste stesse linee interviene il peso dei fattori micro- e macro-sociali e dei valori culturali: la competitività esasperata di certi ambienti (scolastici, artistici, sportivi), la richiesta di prestazioni straordinarie, l esaltazione della magrezza, il mito della bellezza, le sollecitazioni molteplici e contraddittorie alle quali è esposta una giovane donna nell era postmoderna, variegato collage di nuovo e di antico. Fattori precipitanti Vari eventi della vita possono precipitare l inizio di un anoressia o di una bulimia: separazioni e perdite, malattie, alterazioni dell omeostasi familiare, esperienze sessuali, situazioni minacciose per la stima di sé. Un evento importante è l esperienza dei cambiamenti puberali, vissuta come un trauma e una minaccia al controllo di sé e della propria vita. La pubertà femminile è una vicenda più complessa di quella maschile dal punto di vista della elaborazione psichica: rapido aumento del peso corporeo, trasformazioni morfologiche evidenti, menarca, rischio di gravidanza, cambiamento profondo nel modo di essere guardata. Un nucleo psicologico importante è la paura di perdere il controllo e la stima di sé: la reazione difensiva può essere una estrema concentrazione sul corpo, sul peso e sulla dieta come campo privilegiato nel quale recuperare un sentimento di dominio e di valore. La perdita di peso e la repressione degli impulsi golosi acquista il significato di un impresa straordinaria e di un segno, eroico e irrinunciabile, di autodisciplina; al contrario, un aumento anche minimo di peso diventa il segnale di una perdita catastrofica di controllo e di prestigio. L ipotesi che lega dieta, immagine mentale del corpo e stima di sé è un vertice utile per l interpretazione di alcuni sintomi anoressici e bulimici: al controllo e alla manipolazione dell immagine del proprio corpo attraverso la dieta viene affidato il compito di riparare debolezze e conflitti della stima di sé. 15

16 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici Fattori di autoperpetuazione Gli effetti del digiuno e della perdita di peso tendono a mantenere i sintomi perché accentuano la concentrazione sul cibo, il corpo e il mangiare, aggravano le distorsioni dell immagine del corpo e dei segnali enterocettivi, scatenano crisi bulimiche. Le crisi bulimiche aumentano l ansia e la paura di perdere il controllo e impongono contromisure difensive come il vomito autoindotto, l abuso di lassativi, restrizioni ulteriori della dieta. Altri fattori di autoperpetuazione sono i guadagni secondari legati alla malattia: posizione di potere in famiglia, attenzioni particolari, esonero da situazioni sessuali e sociali temute. Fattori iatrogeni Alcuni interventi medici possono favorire lo scatenamento, il mantenimento o l aggravamento dei disturbi del comportamento alimentare. La prescrizione di diete senza una adeguata valutazione dei fattori di rischio può avviare l inizio della malattia. Una gravidanza consentita da trattamenti dell infertilità può riaccendere una sindrome anoressica in remissione, anche da anni. Rialimentazioni forzate non contrattate con la paziente, non accompagnate da un efficace supporto psicoterapeutico e tali da provocare un aumento rapido di peso scatenano gravissime ansie, sono seguite da ricadute e, talora, provocano tentativi di suicidio o scompensi psicotici. Immagini del corpo e stili alimentari Le sindromi psichiatriche non sono entità naturali stabili ma quadri mutevoli che risentono dello spirito del tempo. I moderni disturbi del comportamento alimentare (World Health Organization, 1993; American Psychiatric Association, 1994) differiscono da quelli antichi (Morton, 1689; Bell, 1985) non solo per gli aspetti quantitativi appena segnalati (quell aumento epidemico della loro incidenza che ha caratterizzato la seconda metà del Novecento) ma anche sul piano qualitativo, fenomenologico: la pratica del digiuno volontario e la tendenza all eccesso alimentare incontrollato accompagnano l uomo fin dalle origini della sua storia ma solo nella nostra epoca si sono associate a preoccupazioni, particolari ed esasperate, per il peso e l aspetto del corpo (Guillemot e Laxe- 16

17 M. Cuzzolaro naire, 1993; Ripa di Meana, 1995; Thompson, 1996; Ripa di Meana e Cuzzolaro, in corso di stampa). È stata già segnalata l ipotesi di un circuito disistima di sé disagio del corpo dieta. Ed è stata sostenuta da più parti l idea che l insoddisfazione del corpo possa essere un fattore di rischio per lo sviluppo di un disturbo del comportamento alimentare. Inoltre, un disagio del corpo fino a una grave dismorfofobia (in termini attuali: disturbo di dismorfismo corporeo) può rappresentare una sequela psicopatologica non rarissima di un disturbo anoressico o bulimico guarito. D altra parte, la frequenza delle anoressie e delle bulimie è molto più bassa della frequenza con la quale le persone, soprattutto giovani, soprattutto donne, segnalano sentimenti di insoddisfazione del peso e del corpo ai quali reagiscono con diete, esercizio fisico e altri comportamenti, più o meno inadeguati. Dobbiamo supporre, dunque, che il ruolo giocato dall insoddisfazione del corpo nella patogenesi di un anoressia o di una bulimia sia importante, sia una condizione probabilmente necessaria ma di certo non sufficiente. I modelli eziopatogenetici sono esercizi speculativi preziosi, fondamentali ipotesi di lavoro e di ricerca. Modelli interessanti per le questioni in esame sono quelli della psicopatologia evolutiva, che studia la costruzione e le peripezie dei sintomi nei vari passaggi esistenziali. Il modello a due componenti, sviluppato da Mary Connors qualche anno fa (1996), sostiene in sintesi la seguente tesi: è possibile individuare una serie di fattori di rischio per lo sviluppo della insoddisfazione del corpo. Tali fattori possono essere distinti in ambientali (ad es., pressioni socio-culturali alla magrezza), fisici (ad es., tendenza genetica al sovrappeso) ed evolutivi (ad es., pubertà, prime relazioni sessuali). Bastano, forse, a provocare insoddisfazione del corpo e tendenza a far diete; ma non bastano, di certo, a determinare una patologia del comportamento alimentare. Dobbiamo immaginare, allora, l intervento di altre variabili. Il modello a due componenti suggerisce una seconda serie di fattori che contribuirebbero a provocare difficoltà di autoregolazione, difetti nella stima di sé e attaccamento insicuro. Possono essere raccolti in tre gruppi: fattori temperamentali e di personalità (ad es., dipendenza dall approvazione degli altri); fattori traumatici (ad es., abusi fisici e sessuali, negligenze gravi subìte nel corso dell infanzia); fattori familiari (ad es., invischiamento). 17

18 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici Qualche riflessione ancora sui fattori familiari. Decolpevolizzare le famiglie è un idea basilare sia sul piano terapeutico sia su quello scientifico. Questa posizione ha aperto vicoli ciechi e ha eliminato eziologie pseudoscientifiche e semplificazioni moralistiche. Non dobbiamo cadere, però, in un pregiudizio opposto e pensare che i comportamenti familiari, il modo di essere genitori, siano irrilevanti rispetto allo sviluppo delle patologie dell alimentazione e al loro mantenimento. Basta pensare alle non rare esperienze traumatiche di abusi fisici e sessuali o di negligenze gravi. Ma anche, e soprattutto, agli abusi emotivi e a quelle non tangibili atmosfere che gli anglosassoni chiamano insensitive parenting (essere genitori in modi che non entrano in sensibile sintonia con i bisogni e le emozioni dei figli). I fattori di rischio temperamentali, traumatici e familiari, quando sono presenti in modo importante, possono costituire da soli la premessa di psicopatologie di vario genere (disturbi depressivi, disturbi d ansia, disturbi dissociativi, questi ultimi, ad es., soprattutto in seguito a pesanti esperienze traumatiche). Quando si combinano con i fattori di rischio per l insoddisfazione e il disagio del corpo possono determinare l insorgenza di un disturbo del comportamento alimentare. Psicometria La psicometria è un ramo della psicologia. Persegue, come indica il nome, l obiettivo di misurare i fatti psichici descrivendoli sotto forma di numeri. Nelle scienze esatte il numero misura il rapporto fra una grandezza e un altra della stessa specie, assunta come unità. In psicologia, il numero non esprime esattamente una quantità ma funziona come un indice che segnala la presenza, più o meno marcata, di una caratteristica. Gli strumenti utilizzati dalla psicometria sono i test o reattivi mentali. Un test mira a cogliere e a misurare le differenze fra le reazioni psichiche di diversi individui o dello stesso individuo in tempi e condizioni diverse. Gli strumenti psicometrici per lo studio della psicopatologia dell alimentazione sono diventati sempre più numerosi nel corso degli ultimi trent anni. Quantità e varietà sono aumentate in misura parallela all aumento di frequenza dei casi e all esplosione dell interesse, scientifico e popolare, in tutti i Paesi occidentali industrializzati, compresa l Italia, per l anoressia, la bulimia e l obesità. Gli strumenti psicometrici trovano applicazioni nello screening diagnostico (clinico ed epidemiologico), nella valutazione di indi- 18

19 M. Cuzzolaro ci di gravità e negli studi di follow-up sulla storia naturale dei disturbi e sulla loro risposta a vari tipi di trattamento. Gli strumenti in uso possono essere raggruppati in quattro categorie principali: scale di autovalutazione; scale di valutazione da parte di un osservatore; tecniche di misurazione della capacità di valutare il proprio corpo; interviste strutturate. Il più noto e il più usato fra i test per l anoressia nervosa è un questionario autosomministrato: Eating Attitudes Test (EAT, 1979). L EAT (Garner e Garfinkel, 1979) è uno strumento che misura i comportamenti alimentari patologici e l atteggiamento psicologico verso il cibo e il peso, caratteristici dell anoressia nervosa. La versione originale (EAT 40) è formata da 40 items. Esiste una versione ridotta (EAT 26) formata da 26 items. Ad ogni item è possibile rispondere su una scala Likert a 6 punti: sempre, molto spesso, spesso, talvolta, raramente, mai. Al momento della valutazione, per ogni item, alla risposta più sintomatica si assegna un punteggio 3, a quella immediatamente adiacente 2, alla successiva 1 e alle restanti tre 0. I punteggi di tutti gli items vengono sommati per raggiungere un indice globale della sintomatologia alimentare che può, quindi, variare da 0 a 120. Il cut off è fissato dagli autori ai livelli 29/30 e 19/20, rispettivamente per la versione a 40 e 26 items. Punteggi superiori al cut off ( 30 o 20) indicano la presenza molto probabile di sintomi di DCA ma non implicano, necessariamente, una diagnosi di anoressia nervosa o di bulimia nervosa. Come tutti gli altri test di questo tipo l EAT non ha, dunque, capacità diagnostiche. È prezioso come strumento di screening in ricerche epidemiologiche in due fasi (test e intervista dei soggetti high-scorers, che hanno riportato punteggi superiori al cut off) ed è utile come strumento clinico di valutazione della gravità dei sintomi e del loro andamento nel tempo. L EAT è stato tradotto e validato in molte lingue e applicato a culture diverse. È stato utilizzato in Paesi dell Europa Orientale, dell Asia, dell Africa e dell America Latina e in popolazioni immigrate di prima e seconda generazione. È lo strumento psicometrico per lo studio dei DCA più usato in assoluto e più sperimentato in culture diverse. In Italia è stato tradotto e validato (Cuzzola- 19

20 Inquadramento: aspetti diagnostici, epidemiologici ed eziopatogenetici ro et al., 1988) e applicato in numerosi studi epidemiologici e clinici. Il grafico seguente (Fig. 2), tratto da un campione di 479 utenti dell ambulatorio per i Disturbi del Comportamento Alimentare dell Università di Roma La Sapienza (DSNPEE, Cuzzolaro), mostra i punteggi medi EAT nei diversi gruppi diagnostici: ANr (Anoressia Nervosa restrittiva), ANb (Anoressia Nervosa bulimica), BNp (Bulimia Nervosa con pratiche di svuotamento), BNnp (Bulimia Nervosa senza pratiche di svuotamento), STED (subthreshold eating disorders, sindromi parziali), BED (Binge Eating Disorder), O + BED (Obesità con Binge Eating Disorder), O no BED (Obesità senza Binge Eating Disorder). Il punteggio medio è inferiore alla linea di cut off (29/30) solo nell obesità non complicata da BED. Terapia Anoressie e bulimie possono essere malattie molto gravi, pericolose, difficili da curare. Nella costruzione di una strategia efficace vanno tenuti presenti quattro aspetti importanti: a) La funzione economica del sintomo È necessario tener conto dei rischi biologici e delle emergenze somatiche create dai sintomi così come della funzione di quei sintomi stessi, costosa di- Figura 2 Punteggi medi EAT nell anoressia nervosa e negli altri gruppi diagnostici. Punteggi medi EAT ANr ANb BNnp BNp STED BED O + BED O no BED 20

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il volume è a cura di Emanuela Rampelli*, Laura Dalla Ragione**, Paola Bianchini***, Chiara De Santis****

Il volume è a cura di Emanuela Rampelli*, Laura Dalla Ragione**, Paola Bianchini***, Chiara De Santis**** Il presente volume illustra i risultati delle ricerche esposte in occasione del seminario, I Giorni Dispari. Ripensare la prevenzione nei Disturbi del Comportamento Alimentare, inserito all interno del

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli