Obesità e relazione di coppia: modelli di attaccamento romantico e funzionamento di coppia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obesità e relazione di coppia: modelli di attaccamento romantico e funzionamento di coppia"

Transcript

1 Università degli studi LA SAPIENZA di Roma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica Dottorato di Ricerca in Psicologia Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII Ciclo Obesità e relazione di coppia: modelli di attaccamento romantico e funzionamento di coppia Discussione tesi Tutor Prof.ssa Malagoli Togliatti Marisa Cotutor Prof.ssa Ortu Francesca Dottoranda Dr.ssa Anna Lisa Micci

2 Indice INTRODUZIONE CAPITOLO I: LA RELAZIONE DI COPPIA: ATTACCAMENTO E DINAMICHE RELAZIONALI Premessa 1.1 La scelta del partner e la formazione della coppia Il legame di attaccamento lungo il ciclo di vita Caratteristiche distintive del legame di attaccamento adulto Il trasferimento della base: il rapporto di coppia Dinamiche relazionali lungo il ciclo di vita 21 CAPITOLO II: LA COPPIA FRA NORMALITÀ E PATOLOGIA 2.1 Il cambiamento della coppia: stabilità, conflitto e crisi L attaccamento insicuro e il suo prosieguo nella vita di coppia Il sintomo nella coppia 43 CAPITOLO III: OBESITA : ASPETTI MEDICI E PSICOLOGICI Premessa 3.1 Il significato semantico e culturale dell obesità Le ipotesi psicogenetiche dell obesità La valutazione dell obesità Dati epidemiologici sull obesità La prevalenza del sovrappeso e dell obesità in bambini e adolescenti La prevalenza del sovrappeso e dell obesità in età adulta La prospettiva multidimensionale dell obesità Caratteristiche mediche della patologia Comorbilità psichiatrica nell obesità e nei disturbi alimentari Obesità e psicopatologia Binge Eating Disorder e psicopatologia Night Eating Syndrome e Psicopatologia Caratteristiche del funzionamento familiare nell obesità La famiglia d origine dei soggetti obesi 121

3 3.8.2 La famiglia acquisita del soggetto obeso Un programma comportamentale basato sulla famiglia 131 CAPITOLO IV: LA RICERCA 4.1 Inquadramento teorico Principali elementi del disegno di ricerca Metodologia Analisi dei risultati 145 CAPITOLO V: CONCLUSIONI Premessa 5.1 Discussione dei risultati Elementi di criticità del lavoro di ricerca Conclusioni e prospettive future 190 Allegato 1: Faces III 191 Allegato 2: Ecr 194 Allegato 3: Cartella clinica 197 Allegato 4: Cartella clinica di controllo 200 BIBLIOGRAFIA 202

4 Particolari ringraziamenti vanno alla prof.ssa Marisa Malagoli Togliatti che con la sua attenzione e scrupolosità ha donato a questo lavoro un maggior pregio, alla prof.ssa Francesca Ortu che con il suo interesse ha stimolato nuove connessioni fra pratica clinica e letteratura, ed alla prof.ssa Gloria Scalisi che ha contribuito in modo importante ad apportare un impianto metodologico e di analisi dei dati adeguata alla complessità dei dati raccolti. Si ringrazia di cuore inoltre la dr.ssa Elisa Forte che ha permesso al progetto di ricerca di diventare una importante realtà non solo concretizzando la ricerca ma anche fondando il primo Centro Integrato per la cura dell Obesità e delle Malattie Metaboliche, nel territorio della provincia di Latina.

5 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione Il silenzio, la sofferenza della coppia non è soltanto un passivo ineliminabile in ogni rapporto umano: racchiude pure un valore prezioso, assoluto. Basta saperlo cercare. E volerlo fare. (Italo Calvino) Introduzione Il presente lavoro va a collocarsi in una cornice teorica ancora tutta da costruire. La gravità della patologia obesità, l inaspettata diffusione della malattia e la resistenza al trattamento, fanno di questa uno dei più difficili problemi medici e psicologici della società moderna. L obesità, infatti, è una patologia, seppur molto diffusa (il 42% della popolazione compresa fra i 18 ed i 65 anni soffrono di obesità in Italia), ancora poco studiata, dal punto di vista psicologico, nei suoi aspetti specifici. Le stime della diffusione dell obesità tra gli adulti italiani ricopre in più del 40% della popolazione italiana, con prevalenza fra i soggetti maschi. La diffusione è più alta nelle regioni meridionali e nelle zone insulari con particolare incidenza nelle fasce a status socioeconomico basso ed è maggiore con l avanzare dell età. La complessità di tale condizione è dovuta al fatto che si tratta di una patologia multifattoriale e del tutto eterogenea sia dal punto di vista medico che dal punto di vista psicologico. Proprio a causa di questa eterogeneità non figura né nel DSM-IV né in altre classificazioni psichiatriche sebbene sia una patologia molto diffusa e derivi e/o comporti cause e conseguenze psicologiche. Molta attenzione è stata data alla prevenzione dell obesità andando a condurre numerose ricerche relative all obesità in età evolutiva, considerando il rapporto diadico madre-figlio o le relazioni all interno della famiglia d origine; ulteriore attenzione è stata fornita agli aspetti connessi all immagine corporea e di conseguenza agli approcci possibili di tipo cognitivocomportamentali. Altri studi si sono focalizzati sulle caratteristiche psicologiche in presenza di psicopatologie correlate come la Night Eating Syndrom (NES) o il Being Eating Syndrom (BES). Infine, un focus di studi è stato centrato sulle ricadute psicologiche correlate agli aspetti medici, nello specifico all intervento di bypass intestinale. I

6 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione Solo in questo ultimo caso l oggetto di analisi era la coppia coniugale e solo in questo filone di studi è stato possibile osservare il funzionamento della coppia coniugale in presenza di un tale sintomo. Studi simili si sono sviluppati recentemente su tematiche inerenti il funzionamento di coppia e l attaccamento romantico (definizione utilizzata da molti autori come Feeney, Hazan e Zeifman), prendendo in considerazione però altre tipologie di disturbo del comportamento alimentare (come l anoressia nervosa e la bulimia). Date tali premesse il presente lavoro di ricerca va ad approfondire tematiche attuali in un campo completamente carente di riferimenti sperimentali legati nello specifico all obesità. Tale mancanza da un lato ha incoraggiato una sperimentazione che andasse a supportare anche un possibile sviluppo di approcci integrati per il trattamento dell obesità ma dall altro lato non ha favorito l adesione ad altri modelli teorici per la discussione dei dati ne ha permesso altresì un confronto con altri risultati significativi ottenuti nel passato. La motivazione specifica di questo lavoro volge non solo ad esaminare la letteratura in merito ma anche ad approfondire le conoscenze sul funzionamento della coppia in cui uno dei partners è obeso. L obiettivo è stato quello di individuare le dinamiche relazionali e le caratteristiche dell attaccamento romantico nelle coppie in cui il sintomo obesità insorge in età adulta. La prospettiva con la quale questo lavoro va letto è indubbiamente una prospettiva sistemicorelazionale che guarda al sintomo come ad un messaggio all interno di una relazione; il mantenimento di un sintomo, in questa accezione, si verifica solo se viene mantenuto da modelli interattivi in corso. Il sintomo ed il suo contesto interpersonale sono dunque concepiti come parti di una serie di meccanismi di comportamento che si autoperpetuano. L articolazione del lavoro quindi ha inizio (capitolo I) con alcune considerazioni teoriche sulla coppia funzionale partendo dalla riflessione relativa al processo, di formazioneconsolidamento-crisi della coppia, considerato come un percorso che abbraccia diversi ambiti disciplinari e trova la sua originalità nel dialogo che tali ambiti hanno intrapreso. A partire da tale premessa il primo capitolo ha come obiettivo quello di descrivere e discutere criticamente gli importanti apporti teorici legati al ciclo vitale della coppia, approfondendo ed II

7 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione integrando in particolare due approcci basilari per la comprensione del processo coppia : la teoria dell attaccamento e la teoria sistemica. Sia la teoria dell attaccamento sia la teoria sistemica, pur avendo radici diverse (psicoanalisi ed etologia per la teoria dell attaccamento, cibernetica ed approccio antropologico/sociologico per la teoria sistemica) prendono l'avvio infatti dal presupposto per cui gli individui approdano alla coppia portando con sé la propria storia personale che necessariamente rende quella particolare relazione di coppia unica. Particolare attenzione è stata centrata sulle dinamiche connesse alla relazione di coppia, dinamiche che regolano nello stesso momento la relazione e l individuo stesso. Si fa riferimento ad esempio a concetti come: o coppia interna, concetto che permette di concepire la relazione di coppia come quello spazio a due, in cui viene dispiegata la coppia rappresentata; o complementareità inconscia, dinamica che rende ogni coppia una diade a sé, fondata sul sentimento di complicità; o collusione di coppia. Per arrivare alla costruzione dell intimità e della complicità di coppia è necessario che entrambi i partner accettino e ricevano reciprocamente le proiezioni l uno dell altro. All interno di questo scambio, tuttavia, si vengono ad instaurare aspetti collegati a una costante relazione negativa di ciascuno che si organizza nel tempo con un incastro collusivo. Partendo dalla scelta del partner e dalla formazione della coppia, in cui vengono analizzati anche gli importanti apporti teorici forniti dalla psicoanalisi, si arriva ad analizzare il legame di attaccamento lungo il ciclo vitale, le caratteristiche del legame di attaccamento romantico, la costruzione del rapporto di coppia ed infine le dinamiche relazionali lungo il ciclo vitale della coppia. Nel capitolo II si passa ad analizzare i diversi ostacoli che mettono a dura prova l equilibrio relazionale ed individuale nel percorso della coppia. Tale analisi apre distinti orizzonti su tematiche importanti che conducono il dialogo teorico su un continuum fra normalità e patologia, o meglio fra funzionalità e disfunzionalità della relazione di coppia. III

8 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione Nel presente capitolo si affrontano tali tematiche attraverso due particolari lenti: il cambiamento della relazione lungo il ciclo vitale della coppia, il difficile percorso dell attaccamento insicuro lungo il ciclo vitale e l insorgenza del sintomo nella coppia. Le argomentazioni riportate vanno a toccare aspetti individuali e di coppia costruendo in tal modo una continua danza fra questi due livelli. Tra i vari contributi teorici approfonditi, particolare attenzione è stata data al modello epigenetico di Wynne, modello che permette una comprensione fluida della danza fra aspetti individuali ed aspetti di coppia; alla descrizione del ciclo vitale della coppia, ponendo particolare attenzione agli eventi critici ed ai compiti di sviluppo che una coppia deve affrontare; ed infine ai modelli della teoria dell attaccamento adulto con specifica attenzione all interconnessione fra i modelli di attaccamento e le dinamiche relazionali conseguenti. Si arriva quindi ad affrontare la difficile tematica dell insorgenza del sintomo all interno della relazione di coppia, tematica trasversale a tutto il lavoro di ricerca, per poi procedere (capitolo III) verso la descrizione della patologia dell obesità nella sua complessità ed eterogeneità dovuta a molteplici fattori, organici e non organici, medici e psicologici, familiari e culturali. La complessità della tematica rende anche tale patologia poco studiata rispetto alla diffusione che essa ha sulla popolazione odierna. Il capitolo si dispiega in questa complessità cercando di dare una lettura completa degli aspetti caratteristici di tale patologia, cercando di abbracciare tutti i fattori concorrenti nell insorgenza e nel mantenimento dell obesità: aspetti culturali, medici, psicologici, psicopatologici e familiari. Da qui si diparte il lavoro di ricerca (capitolo IV) che vede come obiettivo generale quello di esplorare e descrivere il funzionamento della coppia con membro obeso, confrontandolo con un gruppo di coppie di controllo, attraverso lo studio di due dimensioni base del processo di una coppia: il funzionamento relazionale e l attaccamento romantico. Tali dimensioni sembrano essere l asse portante della buona crescita di una coppia pertanto sembra fondamentale uno studio che vada ad analizzare proprio queste dimensioni in coppie che invece sembrano esprimere, attraverso il sintomo dell obesità, un disagio anche relazionale. IV

9 CAPITOLO I LA RELAZIONE DI COPPIA: ATTACCAMENTO E DINAMICHE RELAZIONALI Il percorso teorico della riflessione relativa al processo di formazione-consolidamento-crisi, è un percorso che abbraccia diversi ambiti disciplinari e trova la sua originalità nel dialogo che tali ambiti hanno intrapreso. A partire da tale premessa il presente capitolo ha come obiettivo quello di descrivere e discutere criticamente gli importanti apporti teorici legati al ciclo vitale della coppia, approfondendo ed integrando in particolare due approcci basilari per la comprensione del processo coppia : la teoria dell attaccamento e la teoria sistemica. Sia la teoria dell attaccamento sia la teoria sistemica, pur avendo radici diverse (psicoanalisi ed etologia per la teoria dell attaccamento, cibernetica ed approccio antropologico/sociologico per la teoria sistemica) partono infatti dal presupposto per cui gli individui approdano alla coppia portando con sé la propria storia personale e di relazioni che necessariamente rendono quella specifica relazione di coppia unica. Particolare attenzione è stata centrata sulle dinamiche relazionali connesse alla relazione di coppia, dinamiche che regolano nello stesso momento la relazione e l individuo stesso. Si fa riferimento ad esempio a concetti come: o coppia interna. Concetto che permette di concepire la relazione di coppia come quello spazio a due, in cui viene dispiegata la coppia rappresentata; o complementarietà inconscia. Dinamica che rende ogni coppia una diade a sé, fondata sul sentimento di complicità; o collusione di coppia. Scambio reciproco fra i partner di proiezioni l uno dell altro, all interno del quale si vengono ad instaurare aspetti collegati a una costante relazione negativa di ciascuno che si organizza nel tempo con un incastro collusivo. Partendo dalla scelta del partner e dalla formazione della coppia, in cui vengono analizzati anche gli importanti apporti teorici forniti dalla psicoanalisi, si arriva ad analizzare il legame di attaccamento lungo il ciclo vitale, le caratteristiche del legame di attaccamento romantico, la costruzione del rapporto di coppia ed infine le dinamiche relazionali lungo il ciclo vitale della coppia. 1

10 Premessa La vita nasce dalla coppia (Holmes, 1999). Fin dalla prospettiva Bowlbiana la ricerca sulla formazione, il mantenimento e la fine di una relazione di coppia sono stati temi centrali dell esistenza adulta. Tuttavia non risulta semplice riflettere in termini teorici sulla coppia. Diverse aree disciplinari hanno tentato di proporre teorie specifiche sulla coppia, fra le quali si deve menzionare l area psicoanalitica con Klein e Bion, l area interpersonale attraverso la tradizione sistemica e l ambito della teoria dell attaccamento. I concetti fondamentali dell ambito psicoanalitico sono quelli della proiezione e dell identificazione proiettiva e la loro estensione nel contesto terapeutico, rappresentato dal concetto di transfert. Ciascuna componente della coppia è sia fonte che ricettacolo di proiezioni e di percezioni transferali (ibidem). Un membro della coppia, ad esempio, può esprimere sentimenti di rabbia e disappunto provenienti dall inconscio dell altro. In questa prospettiva e partendo da questi concetti basilari, se la relazione di coppia viene minacciata, gli individui che provano questi stati d animo provano timore di perdere queste parti di sé scisse, nel caso si separino. Allo stesso tempo ciascun membro della coppia può percepire e trattare l altro come se rappresentasse un primitivo oggetto interno. Spesso i partner vengono scelti perché appaiono estremamente diversi dagli oggetti genitoriali introiettati e successivamente si rivelano, a causa del modellamento inconscio reciproco proprio dello stare di coppia, o misteriosamente simili a quello che si voleva evitare o insoddisfacenti perché i partner sono molto diversi da quello che ci si aspettava e che si conosceva. Date tali premesse la teoria psicoanalitica si è posta poi la necessità di avere dei criteri normativi per distinguere le coppie in crisi rispetto a quelle che vengono considerate normali. A tal fine la tradizione kleiniana si è avvalsa proprio della distinzione del funzionamento tra la posizione schizoparanoide e quella depressiva. In quest ottica i problemi di coppia hanno molta probabilità di emergere quando ciascun partner tratta l altro come un prolungamento di se stesso, quando esiste una rigida scissione e una divisione dei ruoli o quando un membro della coppia si sente perseguitato dal proprio partner soprattutto se ha provocato inconsciamente quella persecuzione. 2

11 D altro canto la coppia probabilmente funzionerà bene quando i partner potranno vedere l altro come un essere umano totale, una combinazione di buono e cattivo, e saranno in grado di accettare le inevitabili differenze e separazioni che sono l altra faccia dell intimità e della passione. La tradizione sistemica, nata dalla cibernetica e dalla prospettiva antropologica/sociologica, considera come punto di partenza la coppia come un sistema nel quale i singoli membri sono delle sottounità. In questa concezione i temi fondamentali sono: o Il mantenimento di un confine intorno alla coppia, che risulti sufficientemente permeabile ai bambini e ad altri, mantenendo allo stesso tempo l intimità che garantisca alla coppia la sua privacy e la sua distinzione come unità. o Il potere relazionale all interno della diade: una relazione che risulti contrattuale e quanto le negoziazioni in merito siano basate sul rispetto reciproco o siano dominate dalla dominanza o dalla sottomissione. o I ruoli: come vengono suddivisi e quanto rigidamente ci si aderisca. o La comunicazione tra i membri della coppia: quanto aperta o ristretta sia, i principali canali attraverso i quali viene condotta, e se sia prevalentemente di natura strumentale o affettiva. Secondo questa prospettiva i criteri normativi che descrivono una coppia ben funzionante riguardano quella coppia che è protetta da un confine capace di condividere il potere e i ruoli secondo una modalità flessibile ed intercambiabile, avendo un contratto implicito e aperto chiaramente aderente alle loro aspettative, con canali di comunicazione ampi ed aperti, e con la capacità di provare un reciproco piacere. Infine il terzo ambito disciplinare della teoria dell attaccamento pone le sue radici nella teoria psicoanalitica e nell etologia. Tale teoria è sia monadica che sistemica e quindi sembra un veicolo ideale per riflettere sulla coppia. Le aree principali dell attaccamento applicabili all individuo, alla coppia e alla famiglia comprendono il concetto di: o base sicura, considerato nella prospettiva adulta come una rappresentazione della sicurezza all interno della psiche individuale. Gli adulti che si mostreranno autonomi avranno, oltre che la capacità di avere un contatto fisico con la persona amata, anche una zona di base sicura interna alla quale potranno tornare nei momenti di maggiore stress, soprattutto come parte della regolazione affettiva. Le varianti patologiche del 3

12 comportamento che sottostà al concetto di base sicura includono l utilizzo di cibo per trovare conforto, l abuso di sostanze, la masturbazione compulsiva o i comportamenti auto-lesionistici. o Esplorazione e gioco: l interazione sociale e la capacità di provare piacere reciproco (sia sessuale, sia nel gioco sia intellettuale) è di fondamentale importanza per la coppia. o Protesta e assertività. Da una prospettiva dell attaccamento la rabbia viene attivata dalla minaccia della separazione e ha la funzione di rassicurare che il legame di attaccamento rimanga intatto e viene spesso provocata quando un membro della coppia non è capace di fare proprio il punto di vista dell altro. Il non avere la capacità di riflessione porta ad ignorare i sentimenti dell altro e conduce inevitabilmente ad attivare la protesta. L essere assertivi aiuta le persone a fuggire dalla trappola della sottomissione o della rabbia incontrollabile, permettendo di utilizzare la rabbia per ristabilire efficacemente i legami di attaccamento e di mantenere la base sicura. o Perdita, concetto base della formazione della coppia: stare insieme significa perdere lo stato di single, la libertà sessuale, ed essere in coppia significa correre il rischio che la persona che si ama possa essere perduta. o Modello operativo interno 1. Ciascun membro della coppia porta all interno della loro relazione una serie complessa di modelli operativi, schemi, script e/o relazioni oggettuali. I partecipanti alla relazione sono attratti l uno all altro se esiste una serie di corrispondenze tra i loro mondi interni. Ciascun partner deve conoscere coscientemente o inconsciamente i passi della danza dell altro. o Funzione riflessiva e competenza narrativa, hanno una valenza importante nelle coppie perché introducono il concetto di autoriflessione e di consapevolezza del noi. Tali premesse teoriche aiutano a rafforzare la consapevolezza per cui così come per l individuo e per la coppia, anche per le teorie vale il concetto secondo il quale l esplorazione e l incontro non sono possibili fin quando non si sia stabilito un senso di sicurezza, un linguaggio condiviso e una serie di assunzioni siano state costituite prima che abbia inizio 1 Modello operativo interno: termine scelto deliberatamente come un azione verbale che potrebbe includere i processi pratici-scientifici piagetiani per mezzo dei quali i bambini costruiscono il loro mondo interno (Bretherton, 1999). In altri termini il concetto di modello operativo interno si rifà al concetto di schema della teoria cognitiva, ossia fondamentali e relativamente immutabili assunti su di sé e sulle relazione. 4

13 un adeguata capacità di pensiero. La creatività emerge quando diverse discipline iniziano a dialogare insieme all interno di un setting comune. 1.1 La scelta del partner e la formazione della coppia Diversi sono i fattori che motivano la scelta del partner ma di sicuro i motivi principali sono legati ai bisogni biologicamente determinati (in quanto finalizzati alla sopravvivenza della specie) del sistema di attaccamento-accudimento e di quello sessuale. La scelta del partner risulta essere il risultato del mandato familiare e della ricerca del soddisfacimento di bisogni personali più intimi. Per mandato familiare si intende il compito più o meno esplicito assegnato a ciascun membro della famiglia riguardo a una serie di ruoli da ricoprire e di scelte da fare (nel caso specifico, la scelta di un partner, anche se il mandato si riferisce ad una gamma molto più ampia di scelte), derivante dal mito e dalla storia della famiglia (Angelo, 1999 pag. 25). Quando le pressioni del mandato dalla famiglia di origine sono molto forti i criteri di selezione saranno legati alle caratteristiche esteriori, al ruolo, alla posizione sociale ed economica, ai comportamenti del partner e a tutti gli altri elementi corrispondenti alle aspettative, sia implicite che esplicite del mandato familiare. Qualora, invece, si verifichi una ribellione, più o meno consapevole, rispetto ad esso si verifica la tendenza a scegliere un partner con caratteristiche opposte da quelle richieste dal mandato. In quest ultimo caso, che si verifica soprattutto quando si ha alle spalle una storia familiare particolarmente tormentata o infelice con un carico notevole di aspettative compensatorie, si assiste ad un opposizione rispetto ad una serie di vincoli affettivi e relazionali sentiti come limitanti lo sviluppo e la libertà personale. La scelta o la ricerca di determinate caratteristiche di un eventuale partner è effettuata attraverso dei meccanismi di attenzione selettiva, volta a cogliere specifici elementi nell aspetto o nel comportamento di una persona, e una contemporanea disattenzione altrettanto selettiva, che porta a trascurare altri aspetti che potrebbero entrare in contrasto con il mandato familiare o che potrebbero rendere problematica la relazione. L influenza che esercita il mandato familiare sulla scelta del partner dipende anche dal grado in cui l individuo si sia differenziato rispetto al suo sistema familiare e dalla sua capacità di aver elaborato e risolto le sue relazioni con le figure familiari più significative. 5

14 Significativi saranno anche il tempo e il contesto all interno del quale la scelta si verifica: chi inizia un rapporto in età adolescenziale non può avere le stesse aspettative di chi lo inizia in età più matura. Attraverso il proprio partner si verifica la trasmissione e l elaborazione del mito, per cui la formazione della coppia è la risultante, in tale prospettiva, dell intreccio tra i miti individuali dei due partner. A prescindere dal ruolo di delega (esplicita o implicita) esercitato dal mandato familiare, si ritiene che quanto più le relazioni nella famiglia di origine siano state prive di conflitti irrisolti, tanto più la scelta del partner risulta essere libera rispetto ai vincoli transgenerazionali. I problemi relazionali presenti in una famiglia, infatti, diventano automaticamente i problemi di ciascun membro che ne fa parte, influenzandone le aspettative e i comportamenti nelle relazioni significative future. Gli elementi conflittuali tra i propri genitori, ad esempio, costituiscono il termine di paragone che i figli utilizzano all interno della relazione con il proprio partner, cercando di elaborarli e risolverli. In tale prospettiva il partner risulterà più adatto quanto più fa intravedere la possibilità di sciogliere i nodi problematici del passato (Angelo, 1999). Secondo i due psicoanalisti americani Weiss e Sampson (1993) la coazione a ripetere sarebbe una tendenza a riproporre le proprie problematiche relazionali irrisolte all interno delle nuove relazioni, attraverso una serie di test, che servono per mettere alla prova (nel senso di confermare o, finalmente, disconfermare) le proprie aspettative negative. Qualora il partner sia in grado di superare la situazione di esame con comportamenti rassicuranti, la persona ha la possibilità di abbandonare, di volta in volta, le sue manovre difensive che le impediscono un coinvolgimento affettivo autentico. Tra gli altri elementi che sembrano avere particolare rilevanza nella scelta del partner si ritrovano il riconoscimento, in entrambi i partner, di una esperienza negativa condivisa (che attenua la paura del rifiuto o dell essere giudicato) e l aver sviluppato strategie compensatorie diverse rispetto a problemi di fondo condivisi, che dà a ciascun partner l illusione che l altro sia perfettamente in grado di sopperire alle proprie mancanze. Il desiderio di trovare nell altro il pezzo mancante del proprio puzzle esistenziale è talmente forte che gli elementi personali che fanno da richiamo diventano attributi di identificazione totale (Angelo, 1999). Sono proprio i meccanismi di idealizzazione totale di sé e dell altro che caratterizzano la fase dell innamoramento e la fase illusoria del primo contratto (Malagoli, Angrisani, Barone, 6

15 2000). In tale momento iniziale ciascun partner propone inconsapevolmente una immagine ideale di sé all altro, il quale sarà tanto più attratto da questa quanto più corrisponda alla soluzione illusoria dei propri bisogni profondi. Tale contratto è stato definito da Bowen (1978) fraudolento, in quanto è realisticamente impossibile per entrambi i partner tenervi fede. Se nella fase dell innamoramento prevalgono massicciamente i meccanismi di proiezione del soddisfacimento dei propri bisogni nell altro, l illusione di soddisfare e di essere soddisfatti diventa il nucleo problematico con cui la coppia si confronterà nelle sue fasi successive. Affinché una relazione si sviluppi in maniera sana e matura, infatti, deve verificarsi che ciascun partner accetti l altro ed impari ad amarlo nella sua realtà e con tutti i suoi limiti, anche se non corrisponde più al salvatore che aveva sognato di incontrare. La coppia comincia ad assumere un identità stabile nel tempo dal momento del matrimonio. Solo con il matrimonio, infatti, la coppia si trova ad affrontare tutta una serie di compiti che implicano la costruzione di una relazione fondata sul noi, sulla condivisione, sull empatia, sulla collaborazione reciproca e su un impegno reciproco prolungato nel tempo (Malagoli Togliatti, Lubrano Lavadera, 2002 pag. 65). Condizione necessaria affinché si passi dall innamoramento all amore, all interno di un rapporto fondato sulla condivisione e sull empatia e che consenta al tempo stesso lo sviluppo individuale, è il raggiungimento di una sufficiente autonomia e differenziazione dei due partner rispetto alle proprie famiglie d origine. Con la formazione dell identità della coppia ha inizio il ciclo vitale della famiglia. I compiti che la coppia in questa fase si trova ad affrontare si articolano su due assi: - orizzontale, rispetto alle funzioni che ciascun coniuge deve assolvere nei confronti dell altro; - verticale, rispetto ai compiti da assolvere in funzione di figlio rispetto ai propri genitori. Rispetto al primo asse, la prima sfida che la coppia si trova ad affrontare è quella relativa alla divisione dei ruoli e delle aree di competenza che ciascun partner deve assumere. È importante stabilire chi si occupa del menage domestico, chi della gestione economica e finanziaria, chi dell area delle relazioni con l ambiente sociale e così via. Rispetto ai rapporti con le rispettive famiglie di origine la coppia deve acquisire e mantenere un identità distinta, pur riconoscendo e adottando alcuni aspetti da conservare e adottare. E importante sia che siano regolate le distanze di ciascun partner con la propria famiglia, sia 7

16 della coppia con entrambe le famiglie, con confini chiari e definiti, ma, allo stesso tempo, permeabili. L equilibrio di una giusta distanza è facilitato naturalmente anche dal fatto che le famiglie di origine stesse contribuiscano ad operare il cambiamento nei loro modelli di relazione, favorendo l uscita del proprio figlio ed accettando l esclusività della relazione della giovane coppia (ibidem). Data la complessità dei processi caratterizzanti la funzionalità di un sistema familiare deve essere sottolineata l importanza del portare avanti l osservazione di tali processi integrando più orientamenti di studio con l obiettivo di delineare dei modelli causali complessi che non focalizzino singoli livelli funzionali e periodi finestra specifici del ciclo evolutivo. Diviene così di estrema attualità l ipotesi di lavoro di Wynne (1984) che purtroppo non ha avuto a tutt oggi un seguito organico a livello di progetti di ricerca che fornissero dati utili a verificare (o falsificare) i principi teorici proposti. L autore, pioniere nel campo della terapia familiare e contemporaneo dei teorici dell attaccamento e degli studiosi nel campo dell infant research, è partito dall ipotesi generale che i processi relazionali significativi possono essere distinti in un numero limitato di dimensioni che seguono una certa sequenza di sviluppo basata sul principio dell epigenesi. Per spiegare tale principio Singer e Wynne così proponevano il loro studio sulla famiglia di pazienti schizofrenici in una prospettiva integrata con quella che considera l evoluzione a livello biologico: «Gli interscambi o le transazioni si basano sul risultato di quelli precedenti. Questo significa che in ogni fase dello sviluppo le influenze costituzionali ed esperenziali si ricombinano per dar vita a nuove potenzialità biologiche e comportamentali che poi contribuiscono a determinare lo stadio successivo. Se a una data fase di sviluppo le transazioni vengono distorte o tralasciate, verranno alterate tutte le fasi successive perché vengono a poggiare su un sostrato diverso. Secondo la nostra ipotesi è necessario che il contesto familiare fornisca certi tipi di influenze in ogni fase del processo di maturazione dell individuo. Ciò che è adeguato e ciò che invece può avere delle conseguenze psicopatologiche varia nel tempo e deve essere considerato in questo contesto evolutivo» (Singer, Wynne, 1965). Wynne è interessato all evoluzione dei sistemi di relazione indicando con tale termine i «modelli e le caratteristiche dei processi interpersonali. All interno di una relazione di ruolo, come marito e moglie, processi e caratteristiche del rapporto variano nel tempo, anche se la relazione in un certo senso resta immodificata dal punto di vista strutturale» (Wynne, 1986). 8

17 In sostanza qualsiasi relazione familiare (genitore-figlio, marito-moglie, madre-padre-figlio etc.) va studiata osservando la sequenza di sviluppo in base alla quale, sul piano sostanziale oltre che formale, si costruisce il rapporto in senso funzionale o disfunzionale: «Questo significa che ci si può aspettare che cambiamento strutturale ed evoluzione relazionale spesso non siano sincronici. Pertanto, l approccio tradizionale al ciclo vitale della famiglia 2, definito soprattutto in termini di cambiamento strutturale di ruoli in base a entrate e uscite dal sistema, è in un senso ortogonale (perpendicolare) allo svolgimento dei processi di relazione» (Wynne, 1986). Nello specifico l autore fa riferimento al concetto di epigenesi proprio perché ritiene che ciascuno stadio evolutivo si avvia e si realizza in base a quanto è avvenuto nello stadio precedente. Tenendo presente il modello epigenetico, è possibile tener conto del fatto che i diversi eventi critici, che determinano la necessità della famiglia di riorganizzare le proprie relazioni per poter svolgere con successo i compiti evolutivi specifici ad ogni passaggio del ciclo vitale, si verificano, per scelta o per caso, in diversi stadi dello sviluppo dei processi relazionali: ad esempio si può ipotizzare una situazione in cui la nascita del primo figlio (evento critico) avvenga quando una coppia ha raggiunto un buon livello di intimità elaborando adeguatamente tutti gli stadi precedenti, oppure una situazione in cui lo stesso evento critico si verifica quando la coppia si sta ancora cimentando nello stabilizzare il rapporto attraverso la definizione di uno stile d attaccamento e di modelli comunicativi funzionali. Si tratta di una distinzione che aiuta a comprendere l importanza di valutare per ciascuna famiglia, l evoluzione in base al modello epigenetico. Le caratteristiche di ciascun processo relazionale nello sviluppo sono: 1. Attaccamento: rappresenta la base dell epigenesi del sistema relazionale. Si tratta di un costrutto teorico che può essere applicato alla comprensione della costruzione del rapporto tra bambino e caregiver, ma anche all intero corso della vita (Carli, 1999): possiamo infatti ipotizzare che la costruzione dei legami stabili tra adulti segua le stesse fasi della costruzione del rapporto bambino-genitore, fino al definirsi di uno stile di attaccamento specifico. Secondo 2 Ci si riferisce qui alla prospettiva evolutiva che considera la famiglia come un sistema definito a livello strutturale (ad esempio dal matrimonio o dalla nascita) che evolve in base all elaborazione di diversi eventi critici alla ricerca di una stabilità organizzativa (Scabini, 1998). Tale prospettiva non entra nel merito del processo psicodinamico relazionale che porta due o più individui a divenire coppia o famiglia. 9

18 Wynne la particolarità dell attaccamento nell adulto presenta alcune caratteristiche distintive rispetto al bambino: esso ha un importanza meno rilevante rispetto ad altri sistemi motivazionali/comportamentali; si basa spesso maggiormente su relazioni di affiliazione tra pari; prevalentemente rivolto verso una persona con cui si ha relazione anche sessuale. 2. Comunicazione: Wynne intende per comunicazione quel particolare processo relazionale in base al quale si arriva a condividere i centri dell attenzione e ad uno scambio reale di significati. Considerata nei suoi aspetti verbali e non verbali, essa si basa sullo sforzo di due o più persone di focalizzare l attenzione selettivamente su percezioni, idee o sentimenti condivisi conducendo a significati potenzialmente condivisi. 3. Soluzione congiunta di problemi. Immaginando un evoluzione in base alla quale la coppia ha definito un certo livello di stabilità attraverso l attaccamento e la condivisione dei centri di attenzione e dei significati attraverso la comunicazione, possiamo comprendere la particolarità di questo nuovo processo relazionale. Il gruppo comincia a muoversi verso obiettivi comuni oppure a cooperare per il raggiungimento di obiettivi individuali attraverso la condivisione rinnovabile di compiti, interessi e attività. 4. Mutualità. Con questo termine Wynne indica la capacità degli individui e della famiglia nel suo insieme di riconoscere e accettare difficoltà che non possono essere risolte all interno della struttura di forme precedenti di relazione e la capacità connessa di accettare la necessità di rinegoziare delle regole per la trasformazione verso nuovi modelli di relazione, eventualmente anche una separazione definitiva. In questo stadio si può così assistere a modelli di reimpegno, rinnovo e approfondimento dei modelli di attaccamento, dello stile comunicativo e delle modalità di soluzione congiunta dei problemi. Una risorsa necessaria sembra essere la consapevolezza interazionale (Byng Hall,1995): la consapevolezza delle caratteristiche della relazione e delle circostanze che la influenzano, vale a dire di una metaposizione rispetto al sistema relazionale in cui si è inclusi. 5. Intimità. Più difficile, per ammissione stessa di Wynne (1984), la definizione di intimità che può essere raggiunta al termine del processo evolutivo epigenetico. Non sempre infatti essa è necessariamente presente al di là della mutualità. L intimità rappresenta spesso un ideale in una certa realtà storico-culturale. 10

19 In base alle osservazioni di Wynne, derivate in ambito clinico attraverso lo studio di famiglie anche gravemente disfunzionali, è possibile schematizzare per ogni stadio alcune caratteristiche funzionali e disfunzionali. Ciò che è importante è l ipotesi di un continuum tra funzionalità e disfunzionalità che richiede una certa flessibilità nella valutazione. 1.2 Il legame di attaccamento lungo il ciclo di vita Il sistema di attaccamento è, secondo Bowlby, parte integrante del comportamento umano: esso accompagna infatti l essere umano dalla culla alla tomba (Bowlby, 1969). Secondo la prospettiva evoluzionista, sembra che tale sistema si sia evoluto per assolvere la funzione biologica di proteggere i membri più giovani e/o deboli all interno di gruppi di primati, al fine di garantire lo sviluppo dell individuo, nonché la sopravvivenza della specie stessa. Ne risulta, quindi, che esso è particolarmente attivo nel periodo in cui l individuo è per definizione più vulnerabile e bisognoso di cure: l infanzia. Il legame che il bambino instaura con i propri caregiver e il tipo di cure ricevute in risposta ai propri bisogni rappresenta il modello prototipico delle successive relazioni significative, influenzando le aspettative e guidando sentimenti e comportamenti all interno di esse. Sebbene, quindi, la propensione a formare legami di attaccamento sia a base innata, il legame che gli individui riescono ad instaurare sarà funzionale o meno a seconda delle dinamiche delle cure genitoriali a cui si è stati esposti. Il concetto che spiega il senso di continuità tra attaccamento in età infantile e tendenza a instaurare le relazioni affettive in età adulta è quello di Modelli Operativi Interni (MOI). I MOI, che comprendono la rappresentazione sé-conl'altro significativo, si sono sviluppati in maniera complementare a quanto l altro sia stato in grado di fornire cure e supporto adeguati (Liotti, 2001). Pertanto, un bambino che fa esperienza di figure genitoriali sensibili ed emotivamente responsive svilupperà un senso di sé come amabile e degno di valore e dell altro come disponibile, e una generale fiducia nei confronti delle relazioni intime. Mentre, al contrario, un bambino che sperimenta l inaccessibilità, l inadeguatezza, il rifiuto, l indifferenza dei propri genitori svilupperà un senso di sé come non amabile, dell altro come inaffidabile e indisponibile e un senso generale di diffidenza e di sfiducia rispetto alle relazioni intime. In altre parole, il modello che il bambino si costruisce di se stesso riflette l'immagine che i genitori hanno di lui, comunicatagli 11

20 attraverso il modo in cui viene accudito e attraverso ciò che gli viene detto; esso è pertanto una rappresentazione di se stesso organizzata attorno alle aspettative di risposta delle figure di accudimento. Il modello di attaccamento che veicola la sicurezza, la fiducia e l affetto reciproco nelle relazioni significative viene definito sicuro, mentre i modelli di attaccamento che predicono aspettative di indisponibilità, incostanza, inaccessibilità, o indifferenza nei rapporti intimi vengono definiti insicuri. Nei primi anni di vita, dunque, i MOI sono relativamente flessibili, in relazione ai cambiamenti della qualità dell'interazione con le figure di accudimento, ma già nel corso dei primi anni di vita cominciano a solidificarsi, fino a diventare schemi automatici e ad operare a livello inconscio (Bowlby, 1988). Essi, dunque, finiscono per diventare tendenzialmente caratteristiche della personalità del soggetto, più che della relazione, così da contraddistinguere l individuo nell adolescenza e nell età adulta (Hazan, Shaver, 1987). Secondo Bowlby, i MOI, una volta formatisi, sono in linea di massima stabili, in quanto rappresentano delle lenti con le quali si guarda il mondo e si attribuisce significato agli eventi, attraverso una tendenza che sembra essere quella delle ripetuta conferma delle proprie aspettative. E attraverso i modelli operativi interni, quindi, che i pattern di attaccamento dell infanzia sono trasferiti nella vita adulta e vengono trasmessi alla nuova generazione. Gli individui tenderanno a riproporre, nell'accudimento dei propri figli i modelli di cure a cui sono stati, a loro volta, esposti, perpetuando la trasmissione intergenerazionale degli stili di attaccamento (Holmes, 1993). L attaccamento e la dipendenza verso le persone significative è una tendenza che si esplica lungo tutto l arco della vita, attraverso una serie di relazioni intime che hanno la funzione dei primi legami importanti. Verso i tre anni del bambino si comincia ad assistere ad una sua maggiore autonomia rispetto ai propri genitori, in quanto si va formando gradualmente la fiducia nella stabilità della relazione, che consente anche di tollerare periodi di separazione dalla figura materna con minore angoscia. 12

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Autore: Margherita Spagnuolo Lobb QUARTA DI COPERTINA La psicoterapia della Gestalt vede la relazione

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza

Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza Orizzonti e nodi critici nell approccio all adolescenza Anna Rita Colasanti 25 maggio 2013 Scopo Favorire un approccio alla realtà adolescenziale proattivo e propositivo e consentire, al contempo, un distanziamento

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

La Coppia e La Famiglia. www.centrostudiperizie.com s.lamarca@centrostudiperizie.com

La Coppia e La Famiglia. www.centrostudiperizie.com s.lamarca@centrostudiperizie.com La Coppia e La Famiglia www.centrostudiperizie.com s.lamarca@centrostudiperizie.com Nel definire la terapia della famiglia o terapia di coppia dobbiamo puntualizzare le sue differenze rispetto alla terapia

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS

Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS Associazione Nardone-Watzlawick PROBLEM VERSUS SOLUTION ONLUS PROPOSTA DI ATTIVAZIONE SPORTELLO DI ASCOLTO/SOSTEGNO GENITORI Soggetto proponente: Associazione Nardone - Watzlawick Problem versus Solution

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 istituto "ALBERTI-PORRO" Nome docente Tiziana C. Carena Materia insegnata Classe Previsione numero ore di insegnamento Psicologia generale e applicata 3 A 0SS 4 h settimanali

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Tipologie di Relazione RELAZIONE PSICO-TERAPEUTICA

Tipologie di Relazione RELAZIONE PSICO-TERAPEUTICA Tipologie di Relazione RELAZIONE di AIUTO RELAZIONE EDUCATIVA RELAZIONE PSICO-TERAPEUTICA La Relazione di Aiuto - Definizione La relazione di aiuto può essere definita come una relazione in cui almeno

Dettagli

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Psicologia e Giustizia Anno VI, numero 2 Luglio Dicembre 2005 IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO SCIENZE PSICO-SOCIALI E AFFIDAMENTO DEI FIGLI IN CASI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO GIUDICE DEL TRIBUNALE DI MILANO SILVANA D ANTONA Pur avendo maturato esperienza in materia di diritto di famiglia solo da

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

LA MEDIAZIONE FAMILIARE

LA MEDIAZIONE FAMILIARE LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nel corso dell ultimo decennio, in Italia, si è organizzato un movimento di opinione con lo scopo di promuovere con un approccio conciliativo e sull esempio di esperienze internazionali

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne PROGETTO A scuola di parità per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne Finanziato da: Premessa. Il Progetto A scuola di parità si rivolge ai bambini, alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze

Dettagli

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno

Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Sostegno psicologico alla donna con tumore al seno Dott.ssa Simona Di Giovanni Psicologa Psicoterapeuta familiare Convegno 9 giugno 2012 Tivoli Indice argomenti Reazioni e vissuti alla diagnosi di tumore

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO Perché e come gestire i conflitti nelle relazioni familiari. La PAS: Sindrome da alienazione parentale

GIORNATA DI STUDIO Perché e come gestire i conflitti nelle relazioni familiari. La PAS: Sindrome da alienazione parentale Dott. Massimo Camiolo Psicologo - Psicoterapeuta Via Lucano, 2-20135 MILANO Tel. 02.54.10.72.47 mcamiolo@tin.it ------------ Ordine degli Psicologi 03/1944 Iscritto Albo CTU - N. 9747 Tribunale di Milano

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

I principali dati emersi Sinteticamente, ecco alcuni dei dati emersi 1

I principali dati emersi Sinteticamente, ecco alcuni dei dati emersi 1 Quando i giovani partecipano: prima indagine nazionale sulla presenza giovanile nell associazionismo, nel volontariato e nelle aggregazioni informali Sintesi rapporto Febbraio 2010 Perché questa ricerca?

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto

L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto L importanza del lavoro psicoterapeutico sui modelli d attaccamento adulto La Teoria dell Attaccamento fornisce una cornice teorica con una solida base empirica, che consente di comprendere aspetti importanti

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

La Valutazione dell Attaccamento

La Valutazione dell Attaccamento La Valutazione dell Attaccamento La Strange Situation L Adult Attachment Interview La I.A.L. (Intervista sull Attaccamento in età di Latenza) La Strange Situation La S.S. è una modalità osservativa che

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore

Conoscersi è l esperienza tonificante per liberare le proprie potenzialità ed indirizzarsi verso un futuro migliore Area IL VALORE DI UN TEST L equipe orientamento del Centro Studi Evolution propone una serie di di concreta utilità e dall alto valore scientifico. Una valutazione oggettiva è alla base di ogni serio e

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

MASTER BREVE INTENSIVO PER LA CONSULENZA DI COPPIA

MASTER BREVE INTENSIVO PER LA CONSULENZA DI COPPIA MASTER BREVE INTENSIVO PER LA CONSULENZA DI COPPIA con Edoardo Giusti 2016 Destinatari: tutti i professionisti che si occupano della relazione d aiuto per le dinamiche delle coppie. Obiettivi e finalità:

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

La psicologia sociale evoluzionistica. Dalla selezione sessuale ai processi cognitivi di tipo sociale

La psicologia sociale evoluzionistica. Dalla selezione sessuale ai processi cognitivi di tipo sociale La psicologia sociale evoluzionistica Dalla selezione sessuale ai processi cognitivi di tipo sociale La psicologia sociale evoluzionistica La prospettiva evoluzionistica, facendo riferimento ai concetti

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

PERCORSO NASCITA. Modelli familiari, relazioni e processi familiari. Jutta Bologna, psicologa/psicoterapeuta.

PERCORSO NASCITA. Modelli familiari, relazioni e processi familiari. Jutta Bologna, psicologa/psicoterapeuta. PERCORSO NASCITA Modelli familiari, relazioni e processi familiari. Jutta Bologna, psicologa/psicoterapeuta. Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. 13 Aprile 2013 Le ricerche degli ultimi anni sulle

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

IMPARARE A DIRSI ADDIO

IMPARARE A DIRSI ADDIO IMPARARE A DIRSI ADDIO Quando la vita volge al termine: guida per familiari, operatori sanitari, volontari Se avete paura, leggete questo libro. Questo libro parla di un argomento proibito. Parla di una

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni

Presentazione di Giorgio Nardone Presentazione di Giovanni Poles Presentazione di Ines Testoni Indice Presentazione di Giorgio Nardone XIX Presentazione di Giovanni Poles XXI Presentazione di Ines Testoni Emozioni senza via d uscita XXIII XXVII Parte teorica Capitolo 1 Lutto e perdita: dalle definizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli