Obesità e relazione di coppia: modelli di attaccamento romantico e funzionamento di coppia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obesità e relazione di coppia: modelli di attaccamento romantico e funzionamento di coppia"

Transcript

1 Università degli studi LA SAPIENZA di Roma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica Dottorato di Ricerca in Psicologia Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII Ciclo Obesità e relazione di coppia: modelli di attaccamento romantico e funzionamento di coppia Discussione tesi Tutor Prof.ssa Malagoli Togliatti Marisa Cotutor Prof.ssa Ortu Francesca Dottoranda Dr.ssa Anna Lisa Micci

2 Indice INTRODUZIONE CAPITOLO I: LA RELAZIONE DI COPPIA: ATTACCAMENTO E DINAMICHE RELAZIONALI Premessa 1.1 La scelta del partner e la formazione della coppia Il legame di attaccamento lungo il ciclo di vita Caratteristiche distintive del legame di attaccamento adulto Il trasferimento della base: il rapporto di coppia Dinamiche relazionali lungo il ciclo di vita 21 CAPITOLO II: LA COPPIA FRA NORMALITÀ E PATOLOGIA 2.1 Il cambiamento della coppia: stabilità, conflitto e crisi L attaccamento insicuro e il suo prosieguo nella vita di coppia Il sintomo nella coppia 43 CAPITOLO III: OBESITA : ASPETTI MEDICI E PSICOLOGICI Premessa 3.1 Il significato semantico e culturale dell obesità Le ipotesi psicogenetiche dell obesità La valutazione dell obesità Dati epidemiologici sull obesità La prevalenza del sovrappeso e dell obesità in bambini e adolescenti La prevalenza del sovrappeso e dell obesità in età adulta La prospettiva multidimensionale dell obesità Caratteristiche mediche della patologia Comorbilità psichiatrica nell obesità e nei disturbi alimentari Obesità e psicopatologia Binge Eating Disorder e psicopatologia Night Eating Syndrome e Psicopatologia Caratteristiche del funzionamento familiare nell obesità La famiglia d origine dei soggetti obesi 121

3 3.8.2 La famiglia acquisita del soggetto obeso Un programma comportamentale basato sulla famiglia 131 CAPITOLO IV: LA RICERCA 4.1 Inquadramento teorico Principali elementi del disegno di ricerca Metodologia Analisi dei risultati 145 CAPITOLO V: CONCLUSIONI Premessa 5.1 Discussione dei risultati Elementi di criticità del lavoro di ricerca Conclusioni e prospettive future 190 Allegato 1: Faces III 191 Allegato 2: Ecr 194 Allegato 3: Cartella clinica 197 Allegato 4: Cartella clinica di controllo 200 BIBLIOGRAFIA 202

4 Particolari ringraziamenti vanno alla prof.ssa Marisa Malagoli Togliatti che con la sua attenzione e scrupolosità ha donato a questo lavoro un maggior pregio, alla prof.ssa Francesca Ortu che con il suo interesse ha stimolato nuove connessioni fra pratica clinica e letteratura, ed alla prof.ssa Gloria Scalisi che ha contribuito in modo importante ad apportare un impianto metodologico e di analisi dei dati adeguata alla complessità dei dati raccolti. Si ringrazia di cuore inoltre la dr.ssa Elisa Forte che ha permesso al progetto di ricerca di diventare una importante realtà non solo concretizzando la ricerca ma anche fondando il primo Centro Integrato per la cura dell Obesità e delle Malattie Metaboliche, nel territorio della provincia di Latina.

5 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione Il silenzio, la sofferenza della coppia non è soltanto un passivo ineliminabile in ogni rapporto umano: racchiude pure un valore prezioso, assoluto. Basta saperlo cercare. E volerlo fare. (Italo Calvino) Introduzione Il presente lavoro va a collocarsi in una cornice teorica ancora tutta da costruire. La gravità della patologia obesità, l inaspettata diffusione della malattia e la resistenza al trattamento, fanno di questa uno dei più difficili problemi medici e psicologici della società moderna. L obesità, infatti, è una patologia, seppur molto diffusa (il 42% della popolazione compresa fra i 18 ed i 65 anni soffrono di obesità in Italia), ancora poco studiata, dal punto di vista psicologico, nei suoi aspetti specifici. Le stime della diffusione dell obesità tra gli adulti italiani ricopre in più del 40% della popolazione italiana, con prevalenza fra i soggetti maschi. La diffusione è più alta nelle regioni meridionali e nelle zone insulari con particolare incidenza nelle fasce a status socioeconomico basso ed è maggiore con l avanzare dell età. La complessità di tale condizione è dovuta al fatto che si tratta di una patologia multifattoriale e del tutto eterogenea sia dal punto di vista medico che dal punto di vista psicologico. Proprio a causa di questa eterogeneità non figura né nel DSM-IV né in altre classificazioni psichiatriche sebbene sia una patologia molto diffusa e derivi e/o comporti cause e conseguenze psicologiche. Molta attenzione è stata data alla prevenzione dell obesità andando a condurre numerose ricerche relative all obesità in età evolutiva, considerando il rapporto diadico madre-figlio o le relazioni all interno della famiglia d origine; ulteriore attenzione è stata fornita agli aspetti connessi all immagine corporea e di conseguenza agli approcci possibili di tipo cognitivocomportamentali. Altri studi si sono focalizzati sulle caratteristiche psicologiche in presenza di psicopatologie correlate come la Night Eating Syndrom (NES) o il Being Eating Syndrom (BES). Infine, un focus di studi è stato centrato sulle ricadute psicologiche correlate agli aspetti medici, nello specifico all intervento di bypass intestinale. I

6 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione Solo in questo ultimo caso l oggetto di analisi era la coppia coniugale e solo in questo filone di studi è stato possibile osservare il funzionamento della coppia coniugale in presenza di un tale sintomo. Studi simili si sono sviluppati recentemente su tematiche inerenti il funzionamento di coppia e l attaccamento romantico (definizione utilizzata da molti autori come Feeney, Hazan e Zeifman), prendendo in considerazione però altre tipologie di disturbo del comportamento alimentare (come l anoressia nervosa e la bulimia). Date tali premesse il presente lavoro di ricerca va ad approfondire tematiche attuali in un campo completamente carente di riferimenti sperimentali legati nello specifico all obesità. Tale mancanza da un lato ha incoraggiato una sperimentazione che andasse a supportare anche un possibile sviluppo di approcci integrati per il trattamento dell obesità ma dall altro lato non ha favorito l adesione ad altri modelli teorici per la discussione dei dati ne ha permesso altresì un confronto con altri risultati significativi ottenuti nel passato. La motivazione specifica di questo lavoro volge non solo ad esaminare la letteratura in merito ma anche ad approfondire le conoscenze sul funzionamento della coppia in cui uno dei partners è obeso. L obiettivo è stato quello di individuare le dinamiche relazionali e le caratteristiche dell attaccamento romantico nelle coppie in cui il sintomo obesità insorge in età adulta. La prospettiva con la quale questo lavoro va letto è indubbiamente una prospettiva sistemicorelazionale che guarda al sintomo come ad un messaggio all interno di una relazione; il mantenimento di un sintomo, in questa accezione, si verifica solo se viene mantenuto da modelli interattivi in corso. Il sintomo ed il suo contesto interpersonale sono dunque concepiti come parti di una serie di meccanismi di comportamento che si autoperpetuano. L articolazione del lavoro quindi ha inizio (capitolo I) con alcune considerazioni teoriche sulla coppia funzionale partendo dalla riflessione relativa al processo, di formazioneconsolidamento-crisi della coppia, considerato come un percorso che abbraccia diversi ambiti disciplinari e trova la sua originalità nel dialogo che tali ambiti hanno intrapreso. A partire da tale premessa il primo capitolo ha come obiettivo quello di descrivere e discutere criticamente gli importanti apporti teorici legati al ciclo vitale della coppia, approfondendo ed II

7 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione integrando in particolare due approcci basilari per la comprensione del processo coppia : la teoria dell attaccamento e la teoria sistemica. Sia la teoria dell attaccamento sia la teoria sistemica, pur avendo radici diverse (psicoanalisi ed etologia per la teoria dell attaccamento, cibernetica ed approccio antropologico/sociologico per la teoria sistemica) prendono l'avvio infatti dal presupposto per cui gli individui approdano alla coppia portando con sé la propria storia personale che necessariamente rende quella particolare relazione di coppia unica. Particolare attenzione è stata centrata sulle dinamiche connesse alla relazione di coppia, dinamiche che regolano nello stesso momento la relazione e l individuo stesso. Si fa riferimento ad esempio a concetti come: o coppia interna, concetto che permette di concepire la relazione di coppia come quello spazio a due, in cui viene dispiegata la coppia rappresentata; o complementareità inconscia, dinamica che rende ogni coppia una diade a sé, fondata sul sentimento di complicità; o collusione di coppia. Per arrivare alla costruzione dell intimità e della complicità di coppia è necessario che entrambi i partner accettino e ricevano reciprocamente le proiezioni l uno dell altro. All interno di questo scambio, tuttavia, si vengono ad instaurare aspetti collegati a una costante relazione negativa di ciascuno che si organizza nel tempo con un incastro collusivo. Partendo dalla scelta del partner e dalla formazione della coppia, in cui vengono analizzati anche gli importanti apporti teorici forniti dalla psicoanalisi, si arriva ad analizzare il legame di attaccamento lungo il ciclo vitale, le caratteristiche del legame di attaccamento romantico, la costruzione del rapporto di coppia ed infine le dinamiche relazionali lungo il ciclo vitale della coppia. Nel capitolo II si passa ad analizzare i diversi ostacoli che mettono a dura prova l equilibrio relazionale ed individuale nel percorso della coppia. Tale analisi apre distinti orizzonti su tematiche importanti che conducono il dialogo teorico su un continuum fra normalità e patologia, o meglio fra funzionalità e disfunzionalità della relazione di coppia. III

8 Clinica, Dinamica e dello Sviluppo XVIII ciclo Introduzione Nel presente capitolo si affrontano tali tematiche attraverso due particolari lenti: il cambiamento della relazione lungo il ciclo vitale della coppia, il difficile percorso dell attaccamento insicuro lungo il ciclo vitale e l insorgenza del sintomo nella coppia. Le argomentazioni riportate vanno a toccare aspetti individuali e di coppia costruendo in tal modo una continua danza fra questi due livelli. Tra i vari contributi teorici approfonditi, particolare attenzione è stata data al modello epigenetico di Wynne, modello che permette una comprensione fluida della danza fra aspetti individuali ed aspetti di coppia; alla descrizione del ciclo vitale della coppia, ponendo particolare attenzione agli eventi critici ed ai compiti di sviluppo che una coppia deve affrontare; ed infine ai modelli della teoria dell attaccamento adulto con specifica attenzione all interconnessione fra i modelli di attaccamento e le dinamiche relazionali conseguenti. Si arriva quindi ad affrontare la difficile tematica dell insorgenza del sintomo all interno della relazione di coppia, tematica trasversale a tutto il lavoro di ricerca, per poi procedere (capitolo III) verso la descrizione della patologia dell obesità nella sua complessità ed eterogeneità dovuta a molteplici fattori, organici e non organici, medici e psicologici, familiari e culturali. La complessità della tematica rende anche tale patologia poco studiata rispetto alla diffusione che essa ha sulla popolazione odierna. Il capitolo si dispiega in questa complessità cercando di dare una lettura completa degli aspetti caratteristici di tale patologia, cercando di abbracciare tutti i fattori concorrenti nell insorgenza e nel mantenimento dell obesità: aspetti culturali, medici, psicologici, psicopatologici e familiari. Da qui si diparte il lavoro di ricerca (capitolo IV) che vede come obiettivo generale quello di esplorare e descrivere il funzionamento della coppia con membro obeso, confrontandolo con un gruppo di coppie di controllo, attraverso lo studio di due dimensioni base del processo di una coppia: il funzionamento relazionale e l attaccamento romantico. Tali dimensioni sembrano essere l asse portante della buona crescita di una coppia pertanto sembra fondamentale uno studio che vada ad analizzare proprio queste dimensioni in coppie che invece sembrano esprimere, attraverso il sintomo dell obesità, un disagio anche relazionale. IV

9 CAPITOLO I LA RELAZIONE DI COPPIA: ATTACCAMENTO E DINAMICHE RELAZIONALI Il percorso teorico della riflessione relativa al processo di formazione-consolidamento-crisi, è un percorso che abbraccia diversi ambiti disciplinari e trova la sua originalità nel dialogo che tali ambiti hanno intrapreso. A partire da tale premessa il presente capitolo ha come obiettivo quello di descrivere e discutere criticamente gli importanti apporti teorici legati al ciclo vitale della coppia, approfondendo ed integrando in particolare due approcci basilari per la comprensione del processo coppia : la teoria dell attaccamento e la teoria sistemica. Sia la teoria dell attaccamento sia la teoria sistemica, pur avendo radici diverse (psicoanalisi ed etologia per la teoria dell attaccamento, cibernetica ed approccio antropologico/sociologico per la teoria sistemica) partono infatti dal presupposto per cui gli individui approdano alla coppia portando con sé la propria storia personale e di relazioni che necessariamente rendono quella specifica relazione di coppia unica. Particolare attenzione è stata centrata sulle dinamiche relazionali connesse alla relazione di coppia, dinamiche che regolano nello stesso momento la relazione e l individuo stesso. Si fa riferimento ad esempio a concetti come: o coppia interna. Concetto che permette di concepire la relazione di coppia come quello spazio a due, in cui viene dispiegata la coppia rappresentata; o complementarietà inconscia. Dinamica che rende ogni coppia una diade a sé, fondata sul sentimento di complicità; o collusione di coppia. Scambio reciproco fra i partner di proiezioni l uno dell altro, all interno del quale si vengono ad instaurare aspetti collegati a una costante relazione negativa di ciascuno che si organizza nel tempo con un incastro collusivo. Partendo dalla scelta del partner e dalla formazione della coppia, in cui vengono analizzati anche gli importanti apporti teorici forniti dalla psicoanalisi, si arriva ad analizzare il legame di attaccamento lungo il ciclo vitale, le caratteristiche del legame di attaccamento romantico, la costruzione del rapporto di coppia ed infine le dinamiche relazionali lungo il ciclo vitale della coppia. 1

10 Premessa La vita nasce dalla coppia (Holmes, 1999). Fin dalla prospettiva Bowlbiana la ricerca sulla formazione, il mantenimento e la fine di una relazione di coppia sono stati temi centrali dell esistenza adulta. Tuttavia non risulta semplice riflettere in termini teorici sulla coppia. Diverse aree disciplinari hanno tentato di proporre teorie specifiche sulla coppia, fra le quali si deve menzionare l area psicoanalitica con Klein e Bion, l area interpersonale attraverso la tradizione sistemica e l ambito della teoria dell attaccamento. I concetti fondamentali dell ambito psicoanalitico sono quelli della proiezione e dell identificazione proiettiva e la loro estensione nel contesto terapeutico, rappresentato dal concetto di transfert. Ciascuna componente della coppia è sia fonte che ricettacolo di proiezioni e di percezioni transferali (ibidem). Un membro della coppia, ad esempio, può esprimere sentimenti di rabbia e disappunto provenienti dall inconscio dell altro. In questa prospettiva e partendo da questi concetti basilari, se la relazione di coppia viene minacciata, gli individui che provano questi stati d animo provano timore di perdere queste parti di sé scisse, nel caso si separino. Allo stesso tempo ciascun membro della coppia può percepire e trattare l altro come se rappresentasse un primitivo oggetto interno. Spesso i partner vengono scelti perché appaiono estremamente diversi dagli oggetti genitoriali introiettati e successivamente si rivelano, a causa del modellamento inconscio reciproco proprio dello stare di coppia, o misteriosamente simili a quello che si voleva evitare o insoddisfacenti perché i partner sono molto diversi da quello che ci si aspettava e che si conosceva. Date tali premesse la teoria psicoanalitica si è posta poi la necessità di avere dei criteri normativi per distinguere le coppie in crisi rispetto a quelle che vengono considerate normali. A tal fine la tradizione kleiniana si è avvalsa proprio della distinzione del funzionamento tra la posizione schizoparanoide e quella depressiva. In quest ottica i problemi di coppia hanno molta probabilità di emergere quando ciascun partner tratta l altro come un prolungamento di se stesso, quando esiste una rigida scissione e una divisione dei ruoli o quando un membro della coppia si sente perseguitato dal proprio partner soprattutto se ha provocato inconsciamente quella persecuzione. 2

11 D altro canto la coppia probabilmente funzionerà bene quando i partner potranno vedere l altro come un essere umano totale, una combinazione di buono e cattivo, e saranno in grado di accettare le inevitabili differenze e separazioni che sono l altra faccia dell intimità e della passione. La tradizione sistemica, nata dalla cibernetica e dalla prospettiva antropologica/sociologica, considera come punto di partenza la coppia come un sistema nel quale i singoli membri sono delle sottounità. In questa concezione i temi fondamentali sono: o Il mantenimento di un confine intorno alla coppia, che risulti sufficientemente permeabile ai bambini e ad altri, mantenendo allo stesso tempo l intimità che garantisca alla coppia la sua privacy e la sua distinzione come unità. o Il potere relazionale all interno della diade: una relazione che risulti contrattuale e quanto le negoziazioni in merito siano basate sul rispetto reciproco o siano dominate dalla dominanza o dalla sottomissione. o I ruoli: come vengono suddivisi e quanto rigidamente ci si aderisca. o La comunicazione tra i membri della coppia: quanto aperta o ristretta sia, i principali canali attraverso i quali viene condotta, e se sia prevalentemente di natura strumentale o affettiva. Secondo questa prospettiva i criteri normativi che descrivono una coppia ben funzionante riguardano quella coppia che è protetta da un confine capace di condividere il potere e i ruoli secondo una modalità flessibile ed intercambiabile, avendo un contratto implicito e aperto chiaramente aderente alle loro aspettative, con canali di comunicazione ampi ed aperti, e con la capacità di provare un reciproco piacere. Infine il terzo ambito disciplinare della teoria dell attaccamento pone le sue radici nella teoria psicoanalitica e nell etologia. Tale teoria è sia monadica che sistemica e quindi sembra un veicolo ideale per riflettere sulla coppia. Le aree principali dell attaccamento applicabili all individuo, alla coppia e alla famiglia comprendono il concetto di: o base sicura, considerato nella prospettiva adulta come una rappresentazione della sicurezza all interno della psiche individuale. Gli adulti che si mostreranno autonomi avranno, oltre che la capacità di avere un contatto fisico con la persona amata, anche una zona di base sicura interna alla quale potranno tornare nei momenti di maggiore stress, soprattutto come parte della regolazione affettiva. Le varianti patologiche del 3

12 comportamento che sottostà al concetto di base sicura includono l utilizzo di cibo per trovare conforto, l abuso di sostanze, la masturbazione compulsiva o i comportamenti auto-lesionistici. o Esplorazione e gioco: l interazione sociale e la capacità di provare piacere reciproco (sia sessuale, sia nel gioco sia intellettuale) è di fondamentale importanza per la coppia. o Protesta e assertività. Da una prospettiva dell attaccamento la rabbia viene attivata dalla minaccia della separazione e ha la funzione di rassicurare che il legame di attaccamento rimanga intatto e viene spesso provocata quando un membro della coppia non è capace di fare proprio il punto di vista dell altro. Il non avere la capacità di riflessione porta ad ignorare i sentimenti dell altro e conduce inevitabilmente ad attivare la protesta. L essere assertivi aiuta le persone a fuggire dalla trappola della sottomissione o della rabbia incontrollabile, permettendo di utilizzare la rabbia per ristabilire efficacemente i legami di attaccamento e di mantenere la base sicura. o Perdita, concetto base della formazione della coppia: stare insieme significa perdere lo stato di single, la libertà sessuale, ed essere in coppia significa correre il rischio che la persona che si ama possa essere perduta. o Modello operativo interno 1. Ciascun membro della coppia porta all interno della loro relazione una serie complessa di modelli operativi, schemi, script e/o relazioni oggettuali. I partecipanti alla relazione sono attratti l uno all altro se esiste una serie di corrispondenze tra i loro mondi interni. Ciascun partner deve conoscere coscientemente o inconsciamente i passi della danza dell altro. o Funzione riflessiva e competenza narrativa, hanno una valenza importante nelle coppie perché introducono il concetto di autoriflessione e di consapevolezza del noi. Tali premesse teoriche aiutano a rafforzare la consapevolezza per cui così come per l individuo e per la coppia, anche per le teorie vale il concetto secondo il quale l esplorazione e l incontro non sono possibili fin quando non si sia stabilito un senso di sicurezza, un linguaggio condiviso e una serie di assunzioni siano state costituite prima che abbia inizio 1 Modello operativo interno: termine scelto deliberatamente come un azione verbale che potrebbe includere i processi pratici-scientifici piagetiani per mezzo dei quali i bambini costruiscono il loro mondo interno (Bretherton, 1999). In altri termini il concetto di modello operativo interno si rifà al concetto di schema della teoria cognitiva, ossia fondamentali e relativamente immutabili assunti su di sé e sulle relazione. 4

13 un adeguata capacità di pensiero. La creatività emerge quando diverse discipline iniziano a dialogare insieme all interno di un setting comune. 1.1 La scelta del partner e la formazione della coppia Diversi sono i fattori che motivano la scelta del partner ma di sicuro i motivi principali sono legati ai bisogni biologicamente determinati (in quanto finalizzati alla sopravvivenza della specie) del sistema di attaccamento-accudimento e di quello sessuale. La scelta del partner risulta essere il risultato del mandato familiare e della ricerca del soddisfacimento di bisogni personali più intimi. Per mandato familiare si intende il compito più o meno esplicito assegnato a ciascun membro della famiglia riguardo a una serie di ruoli da ricoprire e di scelte da fare (nel caso specifico, la scelta di un partner, anche se il mandato si riferisce ad una gamma molto più ampia di scelte), derivante dal mito e dalla storia della famiglia (Angelo, 1999 pag. 25). Quando le pressioni del mandato dalla famiglia di origine sono molto forti i criteri di selezione saranno legati alle caratteristiche esteriori, al ruolo, alla posizione sociale ed economica, ai comportamenti del partner e a tutti gli altri elementi corrispondenti alle aspettative, sia implicite che esplicite del mandato familiare. Qualora, invece, si verifichi una ribellione, più o meno consapevole, rispetto ad esso si verifica la tendenza a scegliere un partner con caratteristiche opposte da quelle richieste dal mandato. In quest ultimo caso, che si verifica soprattutto quando si ha alle spalle una storia familiare particolarmente tormentata o infelice con un carico notevole di aspettative compensatorie, si assiste ad un opposizione rispetto ad una serie di vincoli affettivi e relazionali sentiti come limitanti lo sviluppo e la libertà personale. La scelta o la ricerca di determinate caratteristiche di un eventuale partner è effettuata attraverso dei meccanismi di attenzione selettiva, volta a cogliere specifici elementi nell aspetto o nel comportamento di una persona, e una contemporanea disattenzione altrettanto selettiva, che porta a trascurare altri aspetti che potrebbero entrare in contrasto con il mandato familiare o che potrebbero rendere problematica la relazione. L influenza che esercita il mandato familiare sulla scelta del partner dipende anche dal grado in cui l individuo si sia differenziato rispetto al suo sistema familiare e dalla sua capacità di aver elaborato e risolto le sue relazioni con le figure familiari più significative. 5

14 Significativi saranno anche il tempo e il contesto all interno del quale la scelta si verifica: chi inizia un rapporto in età adolescenziale non può avere le stesse aspettative di chi lo inizia in età più matura. Attraverso il proprio partner si verifica la trasmissione e l elaborazione del mito, per cui la formazione della coppia è la risultante, in tale prospettiva, dell intreccio tra i miti individuali dei due partner. A prescindere dal ruolo di delega (esplicita o implicita) esercitato dal mandato familiare, si ritiene che quanto più le relazioni nella famiglia di origine siano state prive di conflitti irrisolti, tanto più la scelta del partner risulta essere libera rispetto ai vincoli transgenerazionali. I problemi relazionali presenti in una famiglia, infatti, diventano automaticamente i problemi di ciascun membro che ne fa parte, influenzandone le aspettative e i comportamenti nelle relazioni significative future. Gli elementi conflittuali tra i propri genitori, ad esempio, costituiscono il termine di paragone che i figli utilizzano all interno della relazione con il proprio partner, cercando di elaborarli e risolverli. In tale prospettiva il partner risulterà più adatto quanto più fa intravedere la possibilità di sciogliere i nodi problematici del passato (Angelo, 1999). Secondo i due psicoanalisti americani Weiss e Sampson (1993) la coazione a ripetere sarebbe una tendenza a riproporre le proprie problematiche relazionali irrisolte all interno delle nuove relazioni, attraverso una serie di test, che servono per mettere alla prova (nel senso di confermare o, finalmente, disconfermare) le proprie aspettative negative. Qualora il partner sia in grado di superare la situazione di esame con comportamenti rassicuranti, la persona ha la possibilità di abbandonare, di volta in volta, le sue manovre difensive che le impediscono un coinvolgimento affettivo autentico. Tra gli altri elementi che sembrano avere particolare rilevanza nella scelta del partner si ritrovano il riconoscimento, in entrambi i partner, di una esperienza negativa condivisa (che attenua la paura del rifiuto o dell essere giudicato) e l aver sviluppato strategie compensatorie diverse rispetto a problemi di fondo condivisi, che dà a ciascun partner l illusione che l altro sia perfettamente in grado di sopperire alle proprie mancanze. Il desiderio di trovare nell altro il pezzo mancante del proprio puzzle esistenziale è talmente forte che gli elementi personali che fanno da richiamo diventano attributi di identificazione totale (Angelo, 1999). Sono proprio i meccanismi di idealizzazione totale di sé e dell altro che caratterizzano la fase dell innamoramento e la fase illusoria del primo contratto (Malagoli, Angrisani, Barone, 6

15 2000). In tale momento iniziale ciascun partner propone inconsapevolmente una immagine ideale di sé all altro, il quale sarà tanto più attratto da questa quanto più corrisponda alla soluzione illusoria dei propri bisogni profondi. Tale contratto è stato definito da Bowen (1978) fraudolento, in quanto è realisticamente impossibile per entrambi i partner tenervi fede. Se nella fase dell innamoramento prevalgono massicciamente i meccanismi di proiezione del soddisfacimento dei propri bisogni nell altro, l illusione di soddisfare e di essere soddisfatti diventa il nucleo problematico con cui la coppia si confronterà nelle sue fasi successive. Affinché una relazione si sviluppi in maniera sana e matura, infatti, deve verificarsi che ciascun partner accetti l altro ed impari ad amarlo nella sua realtà e con tutti i suoi limiti, anche se non corrisponde più al salvatore che aveva sognato di incontrare. La coppia comincia ad assumere un identità stabile nel tempo dal momento del matrimonio. Solo con il matrimonio, infatti, la coppia si trova ad affrontare tutta una serie di compiti che implicano la costruzione di una relazione fondata sul noi, sulla condivisione, sull empatia, sulla collaborazione reciproca e su un impegno reciproco prolungato nel tempo (Malagoli Togliatti, Lubrano Lavadera, 2002 pag. 65). Condizione necessaria affinché si passi dall innamoramento all amore, all interno di un rapporto fondato sulla condivisione e sull empatia e che consenta al tempo stesso lo sviluppo individuale, è il raggiungimento di una sufficiente autonomia e differenziazione dei due partner rispetto alle proprie famiglie d origine. Con la formazione dell identità della coppia ha inizio il ciclo vitale della famiglia. I compiti che la coppia in questa fase si trova ad affrontare si articolano su due assi: - orizzontale, rispetto alle funzioni che ciascun coniuge deve assolvere nei confronti dell altro; - verticale, rispetto ai compiti da assolvere in funzione di figlio rispetto ai propri genitori. Rispetto al primo asse, la prima sfida che la coppia si trova ad affrontare è quella relativa alla divisione dei ruoli e delle aree di competenza che ciascun partner deve assumere. È importante stabilire chi si occupa del menage domestico, chi della gestione economica e finanziaria, chi dell area delle relazioni con l ambiente sociale e così via. Rispetto ai rapporti con le rispettive famiglie di origine la coppia deve acquisire e mantenere un identità distinta, pur riconoscendo e adottando alcuni aspetti da conservare e adottare. E importante sia che siano regolate le distanze di ciascun partner con la propria famiglia, sia 7

16 della coppia con entrambe le famiglie, con confini chiari e definiti, ma, allo stesso tempo, permeabili. L equilibrio di una giusta distanza è facilitato naturalmente anche dal fatto che le famiglie di origine stesse contribuiscano ad operare il cambiamento nei loro modelli di relazione, favorendo l uscita del proprio figlio ed accettando l esclusività della relazione della giovane coppia (ibidem). Data la complessità dei processi caratterizzanti la funzionalità di un sistema familiare deve essere sottolineata l importanza del portare avanti l osservazione di tali processi integrando più orientamenti di studio con l obiettivo di delineare dei modelli causali complessi che non focalizzino singoli livelli funzionali e periodi finestra specifici del ciclo evolutivo. Diviene così di estrema attualità l ipotesi di lavoro di Wynne (1984) che purtroppo non ha avuto a tutt oggi un seguito organico a livello di progetti di ricerca che fornissero dati utili a verificare (o falsificare) i principi teorici proposti. L autore, pioniere nel campo della terapia familiare e contemporaneo dei teorici dell attaccamento e degli studiosi nel campo dell infant research, è partito dall ipotesi generale che i processi relazionali significativi possono essere distinti in un numero limitato di dimensioni che seguono una certa sequenza di sviluppo basata sul principio dell epigenesi. Per spiegare tale principio Singer e Wynne così proponevano il loro studio sulla famiglia di pazienti schizofrenici in una prospettiva integrata con quella che considera l evoluzione a livello biologico: «Gli interscambi o le transazioni si basano sul risultato di quelli precedenti. Questo significa che in ogni fase dello sviluppo le influenze costituzionali ed esperenziali si ricombinano per dar vita a nuove potenzialità biologiche e comportamentali che poi contribuiscono a determinare lo stadio successivo. Se a una data fase di sviluppo le transazioni vengono distorte o tralasciate, verranno alterate tutte le fasi successive perché vengono a poggiare su un sostrato diverso. Secondo la nostra ipotesi è necessario che il contesto familiare fornisca certi tipi di influenze in ogni fase del processo di maturazione dell individuo. Ciò che è adeguato e ciò che invece può avere delle conseguenze psicopatologiche varia nel tempo e deve essere considerato in questo contesto evolutivo» (Singer, Wynne, 1965). Wynne è interessato all evoluzione dei sistemi di relazione indicando con tale termine i «modelli e le caratteristiche dei processi interpersonali. All interno di una relazione di ruolo, come marito e moglie, processi e caratteristiche del rapporto variano nel tempo, anche se la relazione in un certo senso resta immodificata dal punto di vista strutturale» (Wynne, 1986). 8

17 In sostanza qualsiasi relazione familiare (genitore-figlio, marito-moglie, madre-padre-figlio etc.) va studiata osservando la sequenza di sviluppo in base alla quale, sul piano sostanziale oltre che formale, si costruisce il rapporto in senso funzionale o disfunzionale: «Questo significa che ci si può aspettare che cambiamento strutturale ed evoluzione relazionale spesso non siano sincronici. Pertanto, l approccio tradizionale al ciclo vitale della famiglia 2, definito soprattutto in termini di cambiamento strutturale di ruoli in base a entrate e uscite dal sistema, è in un senso ortogonale (perpendicolare) allo svolgimento dei processi di relazione» (Wynne, 1986). Nello specifico l autore fa riferimento al concetto di epigenesi proprio perché ritiene che ciascuno stadio evolutivo si avvia e si realizza in base a quanto è avvenuto nello stadio precedente. Tenendo presente il modello epigenetico, è possibile tener conto del fatto che i diversi eventi critici, che determinano la necessità della famiglia di riorganizzare le proprie relazioni per poter svolgere con successo i compiti evolutivi specifici ad ogni passaggio del ciclo vitale, si verificano, per scelta o per caso, in diversi stadi dello sviluppo dei processi relazionali: ad esempio si può ipotizzare una situazione in cui la nascita del primo figlio (evento critico) avvenga quando una coppia ha raggiunto un buon livello di intimità elaborando adeguatamente tutti gli stadi precedenti, oppure una situazione in cui lo stesso evento critico si verifica quando la coppia si sta ancora cimentando nello stabilizzare il rapporto attraverso la definizione di uno stile d attaccamento e di modelli comunicativi funzionali. Si tratta di una distinzione che aiuta a comprendere l importanza di valutare per ciascuna famiglia, l evoluzione in base al modello epigenetico. Le caratteristiche di ciascun processo relazionale nello sviluppo sono: 1. Attaccamento: rappresenta la base dell epigenesi del sistema relazionale. Si tratta di un costrutto teorico che può essere applicato alla comprensione della costruzione del rapporto tra bambino e caregiver, ma anche all intero corso della vita (Carli, 1999): possiamo infatti ipotizzare che la costruzione dei legami stabili tra adulti segua le stesse fasi della costruzione del rapporto bambino-genitore, fino al definirsi di uno stile di attaccamento specifico. Secondo 2 Ci si riferisce qui alla prospettiva evolutiva che considera la famiglia come un sistema definito a livello strutturale (ad esempio dal matrimonio o dalla nascita) che evolve in base all elaborazione di diversi eventi critici alla ricerca di una stabilità organizzativa (Scabini, 1998). Tale prospettiva non entra nel merito del processo psicodinamico relazionale che porta due o più individui a divenire coppia o famiglia. 9

18 Wynne la particolarità dell attaccamento nell adulto presenta alcune caratteristiche distintive rispetto al bambino: esso ha un importanza meno rilevante rispetto ad altri sistemi motivazionali/comportamentali; si basa spesso maggiormente su relazioni di affiliazione tra pari; prevalentemente rivolto verso una persona con cui si ha relazione anche sessuale. 2. Comunicazione: Wynne intende per comunicazione quel particolare processo relazionale in base al quale si arriva a condividere i centri dell attenzione e ad uno scambio reale di significati. Considerata nei suoi aspetti verbali e non verbali, essa si basa sullo sforzo di due o più persone di focalizzare l attenzione selettivamente su percezioni, idee o sentimenti condivisi conducendo a significati potenzialmente condivisi. 3. Soluzione congiunta di problemi. Immaginando un evoluzione in base alla quale la coppia ha definito un certo livello di stabilità attraverso l attaccamento e la condivisione dei centri di attenzione e dei significati attraverso la comunicazione, possiamo comprendere la particolarità di questo nuovo processo relazionale. Il gruppo comincia a muoversi verso obiettivi comuni oppure a cooperare per il raggiungimento di obiettivi individuali attraverso la condivisione rinnovabile di compiti, interessi e attività. 4. Mutualità. Con questo termine Wynne indica la capacità degli individui e della famiglia nel suo insieme di riconoscere e accettare difficoltà che non possono essere risolte all interno della struttura di forme precedenti di relazione e la capacità connessa di accettare la necessità di rinegoziare delle regole per la trasformazione verso nuovi modelli di relazione, eventualmente anche una separazione definitiva. In questo stadio si può così assistere a modelli di reimpegno, rinnovo e approfondimento dei modelli di attaccamento, dello stile comunicativo e delle modalità di soluzione congiunta dei problemi. Una risorsa necessaria sembra essere la consapevolezza interazionale (Byng Hall,1995): la consapevolezza delle caratteristiche della relazione e delle circostanze che la influenzano, vale a dire di una metaposizione rispetto al sistema relazionale in cui si è inclusi. 5. Intimità. Più difficile, per ammissione stessa di Wynne (1984), la definizione di intimità che può essere raggiunta al termine del processo evolutivo epigenetico. Non sempre infatti essa è necessariamente presente al di là della mutualità. L intimità rappresenta spesso un ideale in una certa realtà storico-culturale. 10

19 In base alle osservazioni di Wynne, derivate in ambito clinico attraverso lo studio di famiglie anche gravemente disfunzionali, è possibile schematizzare per ogni stadio alcune caratteristiche funzionali e disfunzionali. Ciò che è importante è l ipotesi di un continuum tra funzionalità e disfunzionalità che richiede una certa flessibilità nella valutazione. 1.2 Il legame di attaccamento lungo il ciclo di vita Il sistema di attaccamento è, secondo Bowlby, parte integrante del comportamento umano: esso accompagna infatti l essere umano dalla culla alla tomba (Bowlby, 1969). Secondo la prospettiva evoluzionista, sembra che tale sistema si sia evoluto per assolvere la funzione biologica di proteggere i membri più giovani e/o deboli all interno di gruppi di primati, al fine di garantire lo sviluppo dell individuo, nonché la sopravvivenza della specie stessa. Ne risulta, quindi, che esso è particolarmente attivo nel periodo in cui l individuo è per definizione più vulnerabile e bisognoso di cure: l infanzia. Il legame che il bambino instaura con i propri caregiver e il tipo di cure ricevute in risposta ai propri bisogni rappresenta il modello prototipico delle successive relazioni significative, influenzando le aspettative e guidando sentimenti e comportamenti all interno di esse. Sebbene, quindi, la propensione a formare legami di attaccamento sia a base innata, il legame che gli individui riescono ad instaurare sarà funzionale o meno a seconda delle dinamiche delle cure genitoriali a cui si è stati esposti. Il concetto che spiega il senso di continuità tra attaccamento in età infantile e tendenza a instaurare le relazioni affettive in età adulta è quello di Modelli Operativi Interni (MOI). I MOI, che comprendono la rappresentazione sé-conl'altro significativo, si sono sviluppati in maniera complementare a quanto l altro sia stato in grado di fornire cure e supporto adeguati (Liotti, 2001). Pertanto, un bambino che fa esperienza di figure genitoriali sensibili ed emotivamente responsive svilupperà un senso di sé come amabile e degno di valore e dell altro come disponibile, e una generale fiducia nei confronti delle relazioni intime. Mentre, al contrario, un bambino che sperimenta l inaccessibilità, l inadeguatezza, il rifiuto, l indifferenza dei propri genitori svilupperà un senso di sé come non amabile, dell altro come inaffidabile e indisponibile e un senso generale di diffidenza e di sfiducia rispetto alle relazioni intime. In altre parole, il modello che il bambino si costruisce di se stesso riflette l'immagine che i genitori hanno di lui, comunicatagli 11

20 attraverso il modo in cui viene accudito e attraverso ciò che gli viene detto; esso è pertanto una rappresentazione di se stesso organizzata attorno alle aspettative di risposta delle figure di accudimento. Il modello di attaccamento che veicola la sicurezza, la fiducia e l affetto reciproco nelle relazioni significative viene definito sicuro, mentre i modelli di attaccamento che predicono aspettative di indisponibilità, incostanza, inaccessibilità, o indifferenza nei rapporti intimi vengono definiti insicuri. Nei primi anni di vita, dunque, i MOI sono relativamente flessibili, in relazione ai cambiamenti della qualità dell'interazione con le figure di accudimento, ma già nel corso dei primi anni di vita cominciano a solidificarsi, fino a diventare schemi automatici e ad operare a livello inconscio (Bowlby, 1988). Essi, dunque, finiscono per diventare tendenzialmente caratteristiche della personalità del soggetto, più che della relazione, così da contraddistinguere l individuo nell adolescenza e nell età adulta (Hazan, Shaver, 1987). Secondo Bowlby, i MOI, una volta formatisi, sono in linea di massima stabili, in quanto rappresentano delle lenti con le quali si guarda il mondo e si attribuisce significato agli eventi, attraverso una tendenza che sembra essere quella delle ripetuta conferma delle proprie aspettative. E attraverso i modelli operativi interni, quindi, che i pattern di attaccamento dell infanzia sono trasferiti nella vita adulta e vengono trasmessi alla nuova generazione. Gli individui tenderanno a riproporre, nell'accudimento dei propri figli i modelli di cure a cui sono stati, a loro volta, esposti, perpetuando la trasmissione intergenerazionale degli stili di attaccamento (Holmes, 1993). L attaccamento e la dipendenza verso le persone significative è una tendenza che si esplica lungo tutto l arco della vita, attraverso una serie di relazioni intime che hanno la funzione dei primi legami importanti. Verso i tre anni del bambino si comincia ad assistere ad una sua maggiore autonomia rispetto ai propri genitori, in quanto si va formando gradualmente la fiducia nella stabilità della relazione, che consente anche di tollerare periodi di separazione dalla figura materna con minore angoscia. 12

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza.

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. Stefania Alfano* Rosa Miniaci** * Psicologa-Specialista in Psicoterapia Familiare ** Psicologa- Psicoterapeuta sistemico-relazionale in formazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

UNA BASE SICURA John Bowlby

UNA BASE SICURA John Bowlby UNA BASE SICURA John Bowlby 1. AVER CURA DEI BAMBINI L'approccio di Bowlby all'analisi del legame tra il bambino e i suoi caregiver primari è di tipo Etologico, nel senso che l'attaccamento viene visto

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO Silvia Mazzoni 1, Brunella De Stefano 2 Introduzione Gli studi dei ricercatori e dei clinici sugli effetti della conflittualità dei

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli