GRUPPI PSICOEDUCAZIONALI DIRETTI AI FAMILIARI DI PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPI PSICOEDUCAZIONALI DIRETTI AI FAMILIARI DI PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE"

Transcript

1 GRUPPI PSICOEDUCAZIONALI DIRETTI AI FAMILIARI DI PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE A cura di Dott.ssa Silvia Fronza :

2 COSA SONO I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE? I Disturbi del Comportamento Alimentare si caratterizzano per : un rapporto alterato con il cibo un alimentazione disordinata (caotica ossessiva ritualizzata) un alterazione della percezione del corpo e delle sue forme. In un disturbo alimentare conclamato tali caratteristiche influenzano fortemente l autostima e compromettono la qualità della vita. Il Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali (DSM IV-TR) suddivide i Disturbi del Comportamento Alimentare in tre categorie: ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA DISTURBI ALIMENTARI NON ALTRIMENTI SPECIFICATI (DISTURBI NAS) ANORESSIA NERVOSA L Anoressia Nervosa si caratterizza per: Il rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o vicino al peso minimo per l età e la statura BMI= PESO IN KG/ALTEZZA² L indice di massa corporea (Body Mass Index) è un indice che consente di stimare i range di sottopeso-normopeso o sovrappeso di una persona, dividendo il peso per il quadrato dell altezza. BMI compreso tra = normopeso BMI < 18 = sottopeso BMI >25 = sovrappeso BMI < 17.5= è uno dei criteri per l Anoressia Nervosa Intensa paura di ingrassare o di acquistare peso anche quando si è sottopeso Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso: Forte relazione tra il peso e la percezione/accettazione del proprio corpo Eccessiva influenza di peso e corpo sui livelli di autostima Diniego della gravità della attuale situazione di sottopeso

3 Presenza di amenorrea (assenza del ciclo mestruale) della durata almeno di tre cicli mestruali consecutivi Possono distinguersi due differenti sottotipi di Anoressia Nervosa: 1. SOTTOTIPO RESTRITTIVO: si caratterizza per un notevole restringimento dell alimentazione, non presenta né condotte di abbuffate nè condotte di eliminazione 2. SOTTOTIPO BULIMICO: si caratterizza per la presenza di regolari abbuffate e può presentare o meno condotte di eliminazione CHE COS E UN ABBUFFATA? L abbuffata può essere definita come l ingestione di una grande quantità di cibo in un breve periodo di tempo (spesso meno di due ore) l ingestione del cibo è accompagnata da una sensazione di perdita di controllo L ingestione di cibo non è giustificata dal senso di fame e dal raggiungimento della sazietà E inoltre possibile distinguere: 1. ABBUFFATE OGGETTIVE: caratterizzate dall ingestione di grandi quantità di cibi (spesso ipercalorici) le cui calorie frequentemente si aggirano tra le 2000 e le ABBUFFATE SOGGETTIVE: caratterizzate dall ingestione di cibo per un ammontare calorico al di sotto delle 2000 Kcal, che tuttavia viene soggettivamente percepito come un evento catastrofico e disturbante al pari dell abbuffata oggettiva. CHE COSA SONO LE CONDOTTE COMPENSATORIE? Le condotte eliminatorie possono essere definite come quei comportamenti volti a contrastare l incremento ponderale. Tali comportamenti possono vedere il soggetto intento ad eliminare in qualche modi il cibo ingerito oppure affaccendato nel cercare di neutralizzarne l effetto senza ricorrere all eliminazione. CONDOTTE ELIMINATORIE Vomito autoindotto Abuso di lassativi o enteroclismi Abuso di diuretici CONDOTTE COMPENSATORIE SENZA ELIMINAZIONE esercizio fisico digiuno restrizione alimentare

4 BULIMIA NERVOSA La Bulimia Nervosa si caratterizza per: presenza di ricorrenti abbuffate frequente ricorso ad inappropriati comportamenti compensatori quali digiuno, esercizio fisico o condotte eliminatorie allo scopo di prevenire l incremento ponderale. Le abbuffate si verificano in media con una frequenza di due volte alla settimana per un periodo di tre mesi Il peso e la forma corporea influenzano fortemente l autostima L alterazione non si presenta esclusiavamente durante un episodio di Anoressia Nervosa Anche per la Bulimia Nervosa è possibile distinguere due differenti sottotipi: 1. SOTTOTIPO CON CONDOTTE DI ELIMINAZIONE: il soggetto utilizza regolarmente condotte di eliminazione che possono essere o meno accompagnate da altri comportamenti compensatori. 2. SOTTOTIPO SENZA CONDOTTE DI ELIMINAZIONE: il soggetto utilizza costantemente i comportamenti compensatori senza dedicarsi però alle condotte eliminatorie IL CROSS-OVER ANORESSIA BULIMIA Si parla di CROSS-OVER Anoressia-Bulimia per indicare il passaggio nello stesso paziente dalla condizione Anoressica a quella Bulimica. In ambito clinico si riscontrano con molta frequenza questi intrecci e ciò sembra fornire una conferma dell ipotesi secondo cui i Disturbi Alimentari si disporrebbero lungo un continuum. LO SPETTRO OSSESSIVO COMPULSIVO Un altra ipotesi sostenuta da alcuni filoni di ricerca consiste nel collocare l Anoressia e la Bulimia Nervosa all interno dello spettro ossessivo-compulsivo.

5 Lo spettro ossessivo compulsivo comprende tutti quei disturbi caratterizzati dalla presenza di ossessioni (idee, pensieri, immagini mentali che occupano la mente del soggetto, contro la sua volontà, in modo persistente, pervasivo e ricorrente) e compulsioni ( comportamenti o azioni mentali obbligate e stereotipate che la persona è costretta ad eseguire per ridurre l ansia e il disagio provocati dalle ossessioni o per prevenire gli eventi temuti). I Disturbi Psichiatrici facenti parti dello spettro ossessivo-compulsivo sono: Disturbo Ossessivo Compulsivo Tricotillomania Gioco d Azzardo Patologico Shopping Compulsivo Secondo alcuni studiosi anche i Disturbi del Comportamento Alimentare (AN e BN) farebbero dunque parte dello spettro ossessivo-compulsivo laddove le ossessioni sarebbero rappresentate da pensieri quali: paura di mangiare paura di ingrassare pensiero ricorrente del peso pensiero circa le dimensioni del proprio corpo pensiero ricorrente delle Kcal ecc.. e le compulsioni consisterebbero nella messa in atto di comportamenti quali: pesare il cibo pesarsi ripetutamente mangiare solo alcune qualità di cibo ed evitarne altre+ calcolare continuamente le Kcal degli alimenti fare body checking I DISTURBI ALIMENTARI NON ALTRIMENTI SPECIFICATI conferisce rilievo a Nell ultima edizione del DSM-IV compare questa nuova voce che sindromi parziali forme di disturbo che rispondono solo ad alcuni criteri previsti dal Manuale per la diagnosi di un DCA

6 Rientrano in questa categoria: forme di esordio atipiche forme in fase di sviluppo rispetto a patologie conclamate Sebbene abbia alcune caratteristiche distintive, l ultima edizione del DSM ascrive a questa categoria anche il Binge Eating Disorder (Disturbo da Alimentazione Incontrollata), una patologia alimentare ad oggi molto diffusa. DISTURBO BED (Binge Eating Disorder) Il disturbo BED viene definito dai seguenti criteri: Episodi ricorrenti di alimentazione incontrollata Abbuffate Sensazione di perdita di controllo Gli episodi di alimentazione incontrollata risultano associati a tre (o più) dei seguenti sintomi: Mangiare molto più rapidamente del normale Mangiare fino a sentirsi spiacevolmente Mangiare grandi quantità di cibo anche se non ci si sente fisicamente affamati Mangiare da soli a causa dell imbarazzo per quanto si sta mangiando Sentirsi disgustati verso sé stessi, depressi o molto in colpa dopo le abbuffate Marcato disagio dovuto al mangiare incontrollato Il comportamento alimentare incontrollato si manifesta in media 2 volte alla settimana per un periodo di almeno 6 mesi Assenza di condotte eliminatorie e di altri comportamenti compensatori Non si verifica nel corso di un episodio di Anoressia o Bulimia Nervosa Bisogna precisare che LA MAGGIOR PARTE DEI SOGGETTI CON BED E SOVRAPPESO IL 10% DEI CASI HA UN BMI COMPRESO TRA 28 E 31 IL 15% DEI CASI HA UN BMI COMPRESO TRA 31 E 42 I COSTRUTTI NUCLEARI DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE PERFEZIONISMO CLINICO Con il termine Perfezionismo clinico si fa riferimento alla tendenza a perseguire standard molto elevati sotto tutti i punti di vista, nonostante ciò possa implicare conseguenze avverse (emotive, sociali, fisiche, cognitive, comportamentali). Fanno parte dei comportamenti relativi al Perfezionismo PORSI STANDARD ESTREMAMENTE ELEVATI DARSI REGOLE PRECISE E DICOTOMICHE

7 COSTANTE AUTOCRITICA COSTANTE AUTOCONTROLLO COMPORTAMENTI DI EVITAMENTO PER ALLONTANARE IL FALLIMENTO ATTENZIONE SELETTIVA NEI CONFRONTI DEL FALLIMENTO PENSIERO TUTTO O NULLA Il pensiero tutto o nulla è un tipo di pensiero dicotomico caratterizzato dall assenza di ogni gradualità nel modo di argomentare e di ragionare: tutto è visto in bianco o nero. I risultati ottenuti sono assolutamente positivi o irrimediabilmente negativi, qualunque risultato è inaccettabile se non raggiunge il massimo. Es: "Ormai ho trasgredito alla mia dieta, tanto vale che mi abbuffi fino a scoppiare" IMPULSIVITA Il comportamento impulsivo può essere definito come una disposizione a reazioni immediate e non pianificate, verso stimoli interni ed esterni, senza una valutazione delle conseguenze BASSA AUTOSTIMA NUCLEARE La bassa autostima nucleare può essere definita come la tendenza ad avere una visione negativa globale e incondizionata di sé stessi FATTORI DI RISCHIO- FATTORI SCATENANTI-FATTORI DI MANTENIMENTO E PRINCIPI DEL TRATTAMENTO TERAPEUTICO Nella storia gli studiosi hanno tentato di risalire alle cause dei Disturbi del Comportamento Alimentare isolando i singoli fattori causali: Fattori organici Fattori psicologici Fattori ambientali Attualmente l ipotesi più accreditata ritiene che tali disturbi abbiano una genesi multifattoriale. Si ritiene pertanto che non vi sia un unico fattore che determina l insorgenza dei Disturbi del Comportamento Alimentare, bensì che diversi fattori concorrano a determinarne l esordio.

8 E possibile distinguere tre tipologie di fattori : FATTORI PREDISPONENTI Rendono il soggetto vulnerabile a sviluppare un DCA FATTORI SCATENANTI Determinano il passaggio tra la vulnerabilità e la patologia effettiva FATTORI PERPETUANTI Comportamenti e pensieri che, in un circolo vizioso, mantengono il disturbo I FATTORI PREDISPONENTI comprendono: Caratteristiche individuali - Età anagrafica (donne tra i 15 e i 35 anni sono maggiormente colpite) - tratti personologici di ossessività-ansia-depressione; propensione a idealizzare la magrezza - presenza di sovrappeso (che può indurre alla messa in atto di una dieta) Caratteristiche familiari - Sono maggiormente predisposti soggetti che crescono in famiglie in cui c è una grande polarizzazione sul corpo - Famiglie in cui ci sono comportamenti ipercritici e ossessivi Bisogna tuttavia precisare che tali caratteristiche da sole sono insufficienti a sviluppare il Disturbo Alimentare. Si specifica inoltre che NON ESISTE UNA FAMIGLIA «TIPICA» CHE FAVORISCE L INSORGENZA DEL DISTURBO ALIMENTARE

9 E si smitizza LA FALSA CREDENZA CHE IL DISTURBO SIA GENERATO DA UNA CONFIGURAZIONE FAMILIARE CARATTERIZZATA DA MADRE DOMINANTE-INTRUSIVA-IPERPROTETTIVA E UN PADRE ASSENTE Caratteristiche socioculturali - Paesi industrializzati o in via di sviluppo - Mass-media che enfatizzano l appeal di un corpo esageratamente magro I FATTORI SCATENANTI sono dunque quell insieme di situazioni, incontri, azioni che, data una certa vulnerabilità (fattori predisponenti) contribuiscono alla vera e propria comparsa del Disturbo Alimentare. Tali fattori comprendono: Difficoltà psicologiche e ambientali di cui alcuni esempi sono: - cambiamenti impetuosi - conclusione di una storia amorosa - crisi familiari - cambiamenti di residenza o scuola con relativa perdita degli amici Dieta restrittiva I FATTORI DI MANTEMENIMENTO sono tutti quei fattori che rinforzano la condizione patologica una volta innestata. Tali fattori sono: I rinforzi positivi ottenuti dall ambiente - Complimenti ricevuti in risposta al dimagrimento - soddisfazione personale dovuta alla perdita di peso Sintomi da digiuno E stato comprovato da alcune ricerche che la riduzione dell alimentazione provochi nel soggetto che la compie un iniziale euforia seguita dalla comparsa di alcuni sintomi organici, psichici e comportamentali noti come sindrome da digiuno. In particolare per sindrome da digiuno si fa riferimento a: ALTERAZIONE DEGLI ATTEGGIAMENTI NEI CONFONTI DEL CIBO - Preoccupazione per il cibo - Collezione di ricette e libri di cucina - Inusuali abitudini alimentari - Incremento del consumo di caffè, tè, spezie - Occasionale ingestione esagerata di cibo

10 MODIFICAZIONI EMOTIVE E SOCIALI - Depressione - Ansia - Irritabilità - Labilità emotiva - Isolamento sociale MODIFICAZIONI COGNITIVE - Diminuita capacità di concentrazione - Diminuita capacità di pensiero astratto - Apatia MODIFICAZIONI FISICHE - Disturbi del sonno - Calo del desiderio sessuale - Debolezza - Edema - Ipotermia - Rallentamento del metabolismo E importante sapere che i sintomi descritti sono legati in modo diretto e contingente alla condizione di malnutrizione e sono quindi reversibili. E inoltre importante sottolineare che le dinamiche familiari possono divenire un fattore di mantenimento del Disturbo Alimentare nel momento in cui all interno della famiglia si sviluppa un atteggiamento iperprotettivo che limita l autonomia del soggetto portatore del DCA (vedi emotività espressa). Particolari fattori di mantenimento sono rappresentati dai cosiddetti vantaggi secondari della patologia, ovvero quelle conseguenze del Disturbo che anziché motivare il soggetto all abbandono del sintomo ne determinano un maggiore attaccamento: - Ottenimento di maggiori cure da parte di amici e familiari - Ottenimento di maggiore protezione - Essere al centro dell attenzione E molto importante tenere in debita considerazione gli aspetti legati ai fattori di mantenimento poiché, soprattutto nelle situazioni più gravi e di lunga durata, gli interventi vanno indirizzati proprio alla riduzione di questi fattori. Nell impossibilità di reperire una causa precisa da rimuovere, l intervento più efficace è rappresentato dalla modifica di quegli elementi che tengono in vita il disturbo.

11 I PRINCIPI FONDAMENTALI DEL TRATTAMENTO DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Il trattamento elettivo dei Disturbi del Comportamento Alimentare consiste in una terapia integrata che prevede: RIABILITAZIONE NUTRIZIONALE TRATTAMENTO FARMACOLOGICO TRATTAMENTO PSICOTERAPEUTICO La terapia integrata si pone come primo obiettivo quello di ristabilire il peso del soggetto. A seconda delle condizioni di gravità, della durata dei sintomi e del grado di collaborazione della famiglia del paziente il programma di cura potrà avvenire in un regime ambulatoriale o in un regime di ricovero. Pz sottopeso <20% del peso ideale Collaborative con famiglia disponibile OUTPATIENTS (setting ambulatoriale) breve durata dei sintomi Pz sottopeso <30% del peso ideale complicanze mediche lunga durata della malattia INPATIENTS (setting di ricovero) Dal punto di vista psicoterapico il trattamento dei Disturbi Alimentari si presenta come molto diversificato, a seconda degli approcci. Gli approcci più utilizzati sono Cognitivo-comportamentale Psicodinamico Cognitivo-costruttivista Sistemico familiare In un panorama così vasto è dunque lecito chiedersi quale sia l approccio migliore tra i tanti e quale quello più efficace.

12 A questo quesito vi è una semplice risposta spiegata dal paradosso dell uguale efficacia. PARADOSSO DELL UGUALE EFFICACIA Tutti gli approcci sono efficaci, non ne esiste uno più efficace di un altro, anche se partono da presupposti teorici diversi e si caratterizzano per metodi diversi. Tutti i trattamenti psicoterapici orientati alla cura dei DCA, indipendentemente dal fatto che agiscano sul comportamento, sulla cognizione, sulle dinamiche inconsce, o ancora sulle dinamiche familiari condividono l obiettivo di interrompere il circolo vizioso del Disturbo alimentare. Partiamo dal presupposto che I MODELLI DI COMUNICAZIONE FAMILIARE 1. E IMPOSSIBILE NON COMUNICARE 2. ESISTONO DIVERSI LIVELLI DI COMUNICAZIONE 3. ESISTONO DIVERSI TIPI DI INTERAZIONI COMUNICATIVE 1.E IMPOSSIBILE NON COMUNICARE La comunicazione è da intendersi come una forma di comportamento e un comportamento non ha un suo opposto: non possiamo non comportarci ed è per questo che è impossibile non comunicare. Non possiamo sottrarci alla comunicazione.

13 Avolte anche i nostri familiari non dicono niente ma comunicano qualcosa Se è impossibile non comunicare significa che la comunicazione può essere: RIFIUTATA ACCETTATA SQUALIFICATA SI PUO USARE UN SINTOMO COME FORMA DI COMUNICAZIONE Esempio: In uno scompartimento di un treno ci sono due passeggeri uno di fronte all altro. Non possono andarsene e non possono non comunicare quali sono i risvolti possibili di questa situazione? - RIFIUTO: Un passeggero apre un libro e legge facendo capire che non ha voglia di comunicare - ACCETTAZIONE: Un passeggero cede alla comunicazione dell altro e cominciano a comunicare - SQUALIFICAZIONE: Il passeggero che «non voleva comunicare» si abbandona a una comunicazione inconcludente - SINTOMO COME FORMA DI COMUNICAZIONE Un passeggero fa finta di dormire per «dare la colpa al sonno» del suo desiderio di «non comunicare» 2.ESISTONO DIVERSI TIPI E LIVELLI DI COMUNICAZIONE Tipologie di comunicazione: Comunicazione verbale: parole/discorsi Comunicazione para-verbale: caratteristiche extra-verbali del linguaggio (riso, pianto, grida) Comunicazione non verbale: linguaggio del corpo (sguardo, postura, gestualità) Livelli (o piani) di comunicazione: Contenuto: cosa si dice Relazione: come lo si dice Non è solo importante il contenuto del messaggio, ma anche la modalità in cui viene emesso (il come).

14 A proposito delle modalità attraverso cui un messaggio può essere emesso è importante introdurre il concetto di congruenza della comunicazione. CONGRUENZA Da noi la cortesia e la disponibilità sono al primo posto Un messaggio è congruente quando tutte le componenti comunicative sono coerenti tra loro. INCONGRUENZA Da noi la cortesia e la disponibilità sono al primo posto Un messaggio è incongruente quando tutte le componenti comunicative (verbale-paraverbaleextraverbale) (verbale-para-verbaleextraverbale) sono incoerenti, cioè in conflitto tra loro nell esprimere il messaggio. Affinché un messaggio sia efficace e non ambivalente, soprattutto in famiglia, è importante che tutte le componenti della comunicazione vadano nella medesima direzione.

15 3.ESISTONO DIVERSI TIPI DI INTERAZIONI COMUNICATIVE Relazioni simmetriche: basate sull uguaglianza Relazioni complementari: basate sulla differenza Una relazione sana presenta alternativamente posizioni simmetriche e posizioni complementari (flessibilità) Le RELAZIONI SIMMETRICHE sono caratterizzate dalla tendenza a rispecchiare il comportamento dell altro. Anche le interazioni comunicative tra familiari possono essere simmetriche. L aspetto positivo di tali relazioni consiste nel sentirsi considerati sullo stesso piano. L aspetto negativo consiste invece in un fenomeno detto escalation simmetrica. L escalation simmetrica si ha quando, in presenza di conflitto, i due comunicanti non arretrano mai l uno di fronte all altro, ma tentano di avere l ultima parola sul contenuto della comunicazione. Esempio A: vedo che ultimamente mangi più volentieri B: ecco mi stai dicendo che sono ingrassata! Escalation simmetrica se A: tu fraintendi sempre tutto perché sei un egoista! B: io non ti ho chiesto niente sei tu che sei venuto a disturbarmi! Potenzialmente questa discussione potrebbe andare avanti all infinito, perché l uno ritiene l altro responsabile della propria reazione di rabbia e perché nessuno dei due comunicanti riesce a distaccarsi dal contenuto della comunicazione (tu hai detto questo! Si ma perché tu hai detto quell altro! È colpa tua se no è colpa tua!). In caso di conflitti come questi l unica soluzione consiste nel provare a sganciarsi da cosa si sta dicendo (contenuto) e parlare della relazione. A: So che sei sensibile su questo argomento e non era mia intenzione passarti questo messaggio, vedi, io devo ammettere che a volte questa situazione mi preoccupa e forse non riesco bene a comunicare quello che voglio, intendevo dire che dal mio punto di vista hai fatto dei grandi passi avanti. Nelle RELAZIONI COMPLEMENTARI si tende invece a completare il comportamento dell altro. In questo caso tra i due comunicanti c è una distinzione di ruoli. Un ruolo superiore one-up Un ruolo inferiore one-down L aspetto positivo di tali relazioni consiste nell avere dei ruoli ben definiti all interno della famiglia. L aspetto negativo è dato dalla complementarietà patologica, ovvero quando i ruoli sono così definiti da essere fissi e statici.

16 Si può concludere che, nella famiglia, dovrebbero essere presenti entrambi i tipi di interazioni comunicative al fine di valorizzarne gli aspetti positivi: la comunicazione paritaria e i ruoli ben definiti (evitando esclation simmetrica e complementarietà patologica). CONOSCERE LA COMUNICAZIONE Non serve per giocare allo psicologo e interpretare le intenzioni comunicative degli altri Serve per imparare a controllare il proprio comportamento e per essere consapevoli degli effetti che la comunicazione produce negli altri IL CARICO DI MALATTIA E L EMOTIVITA ESPRESSA Il Disturbo Alimentare sconvolge gli equilibri familiari e richiede uno sforzo per il ripristino dell omeostasi. I familiari di una persona con DCA si trovano a dover affrontare situazioni stressanti e di difficile gestione. CARICO OGGETTIVO Riguarda i costi diretti e indiretti della patologia I costi economici le ore e le giornate di lavoro perse il tempo impiegato nell assistenza le spese per la mancata autonomia del figlio che resta in casa CARICO SOGGETTIVO Riguarda il modo in cui i singoli membri della famiglia vivono singolarmente il DCA. Fa riferimento a come il DCA risuona e si amplifica nella vita affettiva e di relazione. Frequentemente rimanda a sentimenti di FALLIMENTO COLPA FRUSTRAZIONE DISPERAZIONE EFFETTI EMOTIVI DEL CARICO DI MALATTIA OGGETTIVO E SOGGETTIVO SVILUPPO DI SINTOMI ANSIOSI SVILUPPO DI SINTOMI DEPRESSIVI SENTIMENTI DI COLPA SENTIMENTI DI VERGOGNA DISORIENTAMENTO PRODOTTO DALLA DISINFORMAZIONE SUL DISTURBO E DA CREDENZE POPOLARI

17 EFFETTI SOCIALI DEL CARICO DI MALATTIA OGGETTIVO E SOGGETTIVO STIGMA E PREGIUDIZIO ISOLAMENTO SOCIALE DIMINUZIONE DRASTICA DEL TEMPO LIBERO E difficile stare vicino a una persona che soffre di un disturbo alimentare tuttavia se la famiglia diviene consapevole delle proprie azioni e reazioni può essere una grande risorsa. EMOTIVITA ESPRESSA A tale proposito è opportuno introdurre il concetto di emotività espressa. L emotività espressa può essere definita come la temperatura emotiva di una famiglia in cui vi è un membro portatore di una patologia. In queste situazioni le famiglie possono distinguersi sulla base del clima emotivo che le caratterizza. Le modalità attraverso cui l emotività viene espressa possono, inoltre, avere grande influenza sul percorso terapeutico del familiare in questione. Le modalità attraverso cui i familiari di una persona con DCA esprimono le proprie emozioni possono rappresentare alleati fondamentali o acerrimi nemici Si può concepire l emotività espressa come l intera gamma delle reazioni possibili nei confronti del familiare portatore di una patologia. Tali reazioni emotive possono essere disposte lungo un continuum che ha per estremi la critica e i commenti positivi. CRITICA commenti sfavorevoli verso il soggetto con DCA OSTILITA Rifiuto o sentimento negativo rivolto contro la persona e non contro il suo specifico comportamento (DCA) IPERCOINVOLGIMENTO Eccessivo coinvolgimento dei familiari verso il sintomo del congiunto CALORE AFFETTIVO Sentimenti positivi verso il familiare con DCA COMMENTI POSITIVI Approvazione rispetto ai miglioramenti del familiare con DCA

18 LE FAMIGLIE AD ALTA EMOTIVITA ESPRESSA Le famiglie ad alta emotività espressa sono famiglie che tendono ad essere IPERCRITICHE OSTILI CON ECCESSIVO IPERCOINVOLGIMENTO EMOTIVO Tali fattori rappresentano un ostacolo al percorso di cura! I Familiari ad alta emotività espressa tendenzialmente: Sono intrusivi Cercano il contatto senza tener conto delle effettive esigenze o richieste del congiunto Vogliono esercitare un controllo quasi totale Si sostituiscono in tutto e per tutto senza considerare le reali necessità del congiunto Nutrono aspettative molto elevate per il congiunto sofferente (guarigione rapida e immediata) Perdono il controllo nei momenti di crisi Adottano risposte rigide o poco flessibili Questa modalità di esprimere le emozioni può dare l impressione di considerare il congiunto totalmente responsabile dei sintomi del Disturbo Alimentare e se è corretto affermare che ciascuno è responsabile delle proprie azioni, bisogna anche precisare che i sintomi sono qualcosa di più complesso di semplici azioni e la loro remissione necessita tempo e cura. Un pericoloso rischio delle famiglie ad elevata emotività espressa consiste nel far coincidere il proprio famigliare con il Disturbo Alimentare. Non solo Tu hai un disturbo alimentare ma Tu sei un disturbo alimentare FAMIGLIE A BASSA EMOTIVITA ESPRESSA CALORE AFFETTIVO COMMENTI POSITIVI SUI MIGLIORAMENTI COMUNICAZIONI CHIARE BUONA CAPACITA DI ASCOLTO Tali fattori rappresentano un ALLEATO al percorso di cura del familiare con DCA

19 I Familiari a bassa emotività espressa tendenzialmente: Sono accoglienti Sono in grado di entrare in contatto con i bisogni espressi dal congiunto, soprattutto quando il calore affettivo nei loro confronti è particolarmente elevato nutrono aspettative realistiche rispetto al familiare sofferente Sono in grado di controllare la propria emotività Sono In grado di adottare risposte flessibili I familiari a bassa emotività espressa cercano di costruirsi una spiegazione razionale di ciò che sta accadendo riconoscendo lucidamente i comportamenti legati ai sintomi dei DCA C è il mio familiare e il disturbo alimentare del mio familiare. Se da una parte è importante tenere in considerazione che i familiari oltre al loro ruolo di genitori, mariti o mogli sono anche persone, dall altra è importante comunicare al familiare portatore del DCA che non esiste solo il Disturbo Alimentare, ma anche il suo essere persona. Il disturbo alimentare deve essere tenuto sotto controllo «Fuori casa» in strutture specializzate o consultando gli esperti (Medico-Psichiatra- Psicologo) «Dentro casa» aiutando il familiare a seguire le indicazioni del percorso di cura stabilito dagli esperti Tuttavia bisogna precisare che se è assennato ricordare al familiare portatore del problema le prescrizioni dello psichiatra, farlo in modo dittatoriale è controproducente. Con la politica del terrore in famiglia non si ottiene molto. Può essere più funzionale un atteggiamento che contempla tanto l accoglimento quanto la responsabilizzazione del familiare portatore del DCA. Per le sue caratteristiche intrinseche il DCA fa sì che la persona che ne è affetta sia completamente concentrata sul cibo e sul corpo ed è proprio per questo motivo che risulta di fondamentale importanza che le famiglie si pongano come modello alternativo, non concentrandosi per prime su questi aspetti. ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO Né la politica del terrore sul Disturbo Alimentare non è consigliabile che i familiari si concentrino solo sulle condotte patologiche del familiare con DCA Né la dittatura del Disturbo Alimentare sulla famiglia non è consigliabile che i familiari subiscano passivamente le condotte alimentari patologiche del familiare con DCA

20 Per ricercare un equilibrio tra queste due posizioni estreme può essere utile cercare di IDENTIFICARE I PROPRI COMPORTAMENTI AD ALTA EMOTIVITA ESPRESSA CERCARE DI SOSTITUIRLI CON I RISPETTIVI COMPORTAMENTI A BASSA EMOTIVITA ESPRESSA FAMIGLIA A TAVOLA: COME AFFRONTARE I PASTI LE MODIFICAZIONI PIU FREQUENTI DELLE ABITUDINI ALIMENTARI NELLE FAMIGLIE A SEGUITO DEL DISTURBO ALIMENTARE SONO: ESSERE COSTRETTI A SUBIRE LA RESTRIZIONE ALIMENTARE DEL FAMIILARE Può accadere che oltre ad «essere spettatori» della restrizione del membro della famiglia affetto da DCA l intera famiglia si trovi a dover rinunciare ad alcuni alimenti. TROVARSI SOMMERSI DA RITUALI CHE COINVOLGONO I MEMBRI DELL FAMIGLIA IN PRIMA PERSONA Può accadere per esempio che il familiare portatore del DCA desideri insistentemente sapere quale cibo verrà preparato, a quale ora e in quale quantità. ESSERE COSTRETTI A MANGIARE SEPARATAMENTE O «DIVERSAMENTE» Frequentemente il familiare portatore del DCA preferisce mangiare da solo oppure presenta la necessità di differenziare il proprio pasto da quello della famiglia. PROVARE SENSAZIONI DI GRANDE TENSIONE NEL MOMENTO DEI PASTI I pasti possono diventare dei momenti molto problematici poiché per il soggetto con DCA rappresentano uno dei momenti più difficili della giornata. I rituali e i pensieri tipici del DCA sono difficili da comprendere e possono rendere tali momenti carichi di tensione. CERCARE DI CREARE LA «SITUAZIONE PERFETTA» PERCHE IL FAMILIARE PORTATORE DEL DCA MANGI «NORMALMENTE» Può accadere che la famiglia cerchi di «andare incontro» al familiare con DCA creando nei momenti del pasto una situazione assolutamente artificiale che ha l intento di preservare la tranquillità e la calma nella speranza di favorire l alimentazione del soggetto TROVARSI A «CONTRATTARE» CON IL FAMILIARE CON DCA AFFINCHE MANGI DI PIU Il momento del pasto può diventare un vero e proprio braccio di ferro con tanto di «ricatti» o «premi» allo scopo di favorire l alimentazione del familiare NASCONDERE ALCUNI ALIMENTI AFFINCHE IL FAMILIARE CON DCA NON COMPIA LE ABBUFFATE Per evitare che il familiare con DCA si abbuffi e che aumenti la probabilità che metta in atto condotte compensatorie ed eliminatorie può capitare che la famiglia intervenga nascondendo non comprando buttando «gli alimenti no»

21 CONTROLLARE CHE IL FAMILIARE NON METTA IN ATTO CONDOTTE DI COMPENSAZIONE O DI ELIMINAZIONE La paura che il proprio familiare possa compensare (digiuno-sport) o attuare condotte di eliminazione (vomito-lassativi) può portare le famiglie ad esercitare un rigido controllo sul «dopo pasto» COSA FARE??? Le indicazioni del medico curante (psichiatra) del familiare con DCA rimangono la priorità. Esse rappresentano uno schema di base che deve essere il più possibile rispettato. Tale schema alimentare deve avere: Poche regole Regole chiare Regole condivise I familiari rappresentano un osservatore privilegiato dei comportamenti del soggetto con DCA nell ambiente naturale Possono aiutare la persona a rispettare le indicazioni mediche Possono notare i «campanelli d allarme» e gli atteggiamenti disfunzionali e consigliare al soggetto di ridiscuterli nello spazio terapeutico

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007. Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri. La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa

Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007. Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri. La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa Anno 4 - Numero 2 Febbraio 2007 Ma questa bellezza è da buttare di Giovanna Melandri La chiave del successo nello sport di Manuela Di Centa In passerella il bello d esser femmina di Stefano Dominella Il

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli