I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I disturbi del comportamento alimentare. Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale"

Transcript

1 I disturbi del comportamento alimentare Criteri diagnostici ed elementi clinici di diagnosi differenziale

2 Perché parlare dei disturbi alimentari? I Disturbi dell Alimentazione riguardano molte persone, da quelle eccessivamente preoccupate per il peso e la forma del corpo a persone con manifestazioni cliniche conclamate (Shisslak et al. 1995)

3 Cosa sono i disturbi alimentari? Persistente alterazione del comportamento alimentare e delle condotte connesse con il cibo Inadeguata assunzione e/o assorbimento degli alimenti Non causati da patologie internistiche o da altri disturbi psichici Compromissione significativa del funzionamento sociale e del benessere psicofisici del paziente Disturbi del comportamento alimentare (Fairburn & Walsh, 1995)

4 Quali sono? Anoressia Nervosa (An) Bulimia Nervosa (Bn) Disturbi dell Alimentazione Non Altrimenti Specificati (EDNOS) Caratteristica essenziale comune ad entrambi i disturbi, AN e BN, è la presenza di un alterata percezione del peso e della propria immagine corporea. DSM IV TR: Disturbi dell Alimentazione

5 Anoressia Nervosa Criteri diagnostici del DSM-IV-TR A. Rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per l età e la statura (per es. perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell 85% rispetto a quanto previsto, oppure incapacità di raggiungere il peso previsto durante il periodo della crescita in altezza, con la conseguenza che il peso rimane al di sotto dell 85% rispetto a quanto previsto). B. Intensa paura di acquistare peso o di diventare grassi, anche quando si è sottopeso.

6 Anoressia Nervosa Criteri diagnostici del DSM-IV-TR C.Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso o la forma del corpo, o eccessiva influenza del peso e della forma del corpo sui livelli di autostima, o rifiuto di ammettere la gravità della attuale condizione di sottopeso. D.Nelle femmine, dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno 3 cicli mestruali consecutivi. (Una donna viene considerata amenorroica se i suoi cicli si manifestano solo a seguito di somministrazione di ormoni, per es. estrogeni).

7 Anoressia Nervosa Criteri diagnostici del DSM-IV-TR Specificare il sottotipo: Con restrizioni: nell episodio attuale di anoressia nervosa il soggetto non ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione (per es. vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi). Con abbuffate/condotte di eliminazione: nell espisodio attuale di anoressia nervosa il soggetto ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione (per es. vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi).

8 Bulimia Nervosa Criteri diagnostici DSM-IV-TR A. Ricorrenti abbuffate. Un abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo (ad es. un periodo di due ore), una quantità di cibo maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo ed in circostanza simili; 2) sensazione di perdere il controllo durante l episodio (ad es. sensazione di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quanto si sta mangiando).

9 Bulimia Nervosa Criteri diagnostici del DSM-IV-TR B. Ricorrenti ed inappropriate condotte compensatorie per prevenire l aumento di peso, come vomito autoindotto, abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci, digiuno o esercizio fisico eccessivo. C.Le abbuffate e le condotte compensatorie si verificano entrambe in media almeno 2 volte alla settimana per 3 mesi. D.I livelli di autostima sono indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporei.

10 Bulimia Nervosa Criteri diagnostici del DSM-IV-TR E. L alterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di anoressia nervosa. Specificare il sottotipo: Con condotte di eliminazione: nell episodio attuale di bulimia nervosa il soggetto ha presentato regolarmente vomito autoindotto o uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi. Senza condotte di eliminazione: nell episodio attuale il soggetto ha utilizzato altri comportamenti compensatori inappropriati, quali il digiuno o l esercizio fisico eccessivo, ma non si dedica regolarmente al vomito autoindotto o all uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi.

11 Disturbi dell Alimentazione Non Altrimenti Specificati NAS. La categoria dei Disturbi della Alimentazione Non Altrimenti Specificati include quei disturbi dell alimentazione che non soddisfano i criteri di nessuno specifico Disturbo della Alimentazione. Gli esempi includono: 1. Per il sesso femminile, tutti i criteri dell Anoressia Nervosa, in presenza di un ciclo mestruale normale. 2. Tutti i criteri dell Anoressia Nervosa sono soddisfatti e, malgrado la significativa perdita di peso, il peso attuale risulta nei limiti della norma.

12 Disturbi dell Alimentazione Non Altrimenti Specificati NAS. 3. Tutti i criteri della Bulimia Nervosa risultano soddisfatti, tranne il fatto che le abbuffate e le condotte compensatorie hanno una frequenza inferiore a 2 episodi la settimana per 3 mesi. 4. Un soggetto di peso normale, che si dedica regolarmente ad inappropriate condotte compensatorie dopo aver ingerito piccole quantità di cibo (es. induzione del vomito dopo aver mangiato due biscotti). 5. Il soggetto ripetutamente mastica e sputa, senza deglutire, grandi quantità di cibo.

13 Disturbi dell Alimentazione Non Altrimenti Specificati NAS. 6. Disturbo da Alimentazione Incontrollata: ricorrenti episodi di abbuffate, in assenza delle regolari condotte compensatorie inappropriate tipiche della Bulimia Nervosa ( appendice B del DSM-IV-TR per i criteri proposti per la ricerca).

14 Binge Eating Disorder Episodi ricorrenti di Alimentazione incontrollata con abbuffate periodiche (almeno 2 giorni alla settimana per 6 mesi) Mangiare molto più rapidamente del normale fino a sentirsi spiacevolmente pieni Mangiare grandi quantità di cibo anche se non ci si sente affamati Mangiare in solitudine provando imbarazzo, disgusto verso se stessi, elevati sensi di colpa dopo le abbuffate Assenza di meccanismi compensatori inappropriati

15 Disturbo da alimentazione incontrollata perdita di controllo mangiare in un periodo definito di tempo (esempio due ore) un quantitativo di cibo indiscutibilmente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso periodo di tempo e in circostanze simili e con la sensazione di perdere il controllo durante l episodio (sensazione di non riuscire a fermarsi o di non poter controllare cosa e quanto mangiare).

16 DAI versus alimentazione eccessiva ABBUFFATA OGGETTIVA classica del DAI ABBUFFATA SOGGETTIVA Perdita di controllo anche se la quantità di cibo assunta è normale o modesta essa è percepita come esagerata IPERFAGIA OGGETTIVA la quantità di cibo assunta è elevata IPERFAGIA SOGGETTIVA NO Perdita di controllo la quantità di cibo assunta è scarsa

17 Spettro DCA AN restrittiva 8,8% AN purging 12,9% BN purging 17,5% BN non purging 4,1% Binge eating disorder 7,4% DCA nas 36,4% Nucleo psicopatologico comune Convinzioni distorte riguardo a cibo, peso, forma del corpo. Atteggiamenti autoprescrittivi riguardo al cibo.

18 Spettro DCA Adolescenti dieta rigida e preoccupazioni eccessive per 30 % sproporzionata peso e forma % DCA Atipico DCA % Tipico

19 Disturbi del Comportamento Alimentare Esito dei DCA 50% guarisce 30% parziale miglioramento 20% cronicizza 5% muore

20 Garner & Dalle Grave, 1999 Schema di mantenimento dei DCA In un ottica dimensionale i DA sono causati e mantenuti da caratteristiche convinzioni disfunzionali che ne identificano un nucleo psicopatologico comune: 1. convinzioni distorte su cibo e alimentazione 2. convinzioni distorte sul peso 3. convinzioni distorte sulla forma del corpo 4. atteggiamenti autoprescrittivi riguardo il cibo Tali idee interagiscono con altre caratteristiche individuali e familiari, quali il perfezionismo e la dimensione del controllo.

21 1. Convinzioni distorte sul cibo e l alimentazione Le calorie: una caloria è una caloria Non esistono cibi cattivi che fanno ingrassare: nulla si crea e nulla si distrugge La dieta non funziona saltando i pasti, alzandosi da tavola con la fame, eliminando alcuni cibi: dalla dieta alla educazione alimentare Il diario alimentare come strumento di autocontrollo

22 Nel regime alimentare restrittivo il cibo perde il suo principale valore di nutrimento e di piacere per assumere valori con connotazione negativa e l alimentazione non è più determinata da una sensazione viscerale di fame o di sazietà ma è sostituita da un alimentazione basata sia quantitativamente che qualitativamente su parametri arbitrari. Chi si sottopone ad un restrizione alimentare tende a sottovalutare o ignorare i segnali di fame e sazietà per aderire alla dieta, spesso autoprescitta, in modo rigido. (Brownell & Waddel, 1991) Principio della conservazione della massa di Lavosier: in natura nulla si crea nulla si distrugge ma tutto si trasforma.

23 2. Convinzioni distorte sul peso Qual è il PESO IDEALE Peso naturale o peso regolato o set point INDICE DI MASSA CORPOREA (IMC) Ognuno di noi ha un proprio peso giusto, che non coincide per forza con la taglia 40 e che è la giusta misura tra il sentirsi bene, belle, e sane.

24 Indice di massa corporea (IMC O BMI) IMC 18.5 SOTTOPESO IMC tra 18.5 e 24.9 normopeso IMC tra 25 e 29.9 sovrappeso IMC > 30 obesità Calcolo IMC= Peso in Kg altezza in m2.

25 Teoria del set-point o peso regolato Il peso è regolato fisiologicamente intorno ad un set point, cioè ad un peso regolare o peso naturale che il corpo di una persona tende a difendere. E possibile mantenere un peso relativamente costante senza monitorare l assunzione di cibo rispetto al consumo di energia. Deviazioni significative da tale peso, in eccesso o in difetto, portano ad una serie di aggiustamenti metabolici con lo scopo di riportare l organismo al set point.

26 Il set point di una persona dipende dal DNA e dalle esperienze nutrizionali dell infanzia. Il set point non è fisso ma oscilla in base a fattori ambientali (fumo, sport, dieta), alvo e diuresi, cicli mestruali, sonno/veglia, stagioni, sesso, cicli della vita. Il set point può variare in persone di stessa altezza e struttura ossea.

27 Quando siamo al di sotto del set point siamo costantemente affamati, indipendentemente dal peso e, se portiamo il peso sotto il set point, nel 90% dei casi il peso tende ad aumentare. Quando dimagriamo il corpo tende a difendere preferibilmente il grasso corporeo a spese della massa magra e quando il peso viene ripreso dopo una dieta ferrea non si riprende massa magra ma massa grassa. C è una potente difesa biologica del tessuto adiposo.

28 3. Convinzioni distorte sulla forma del corpo. Immagine corporea Immagine corporea NEUROLOGICA: SCHEMA CORPOREO autorappresentazione cosciente del proprio corpo. PSICOLOGICA: sensazioni ed atteggiamenti rivolti al proprio corpo. Distorsione dell immagine corporea NEUROLOGICA: distorsione delle percezioni delle dimensioni corporee. PSICOLOGICA: alterazione dell atteggiamento cognitivo-affettivo per l aspetto fisico.

29 Immagine corporea neurologica E lo SCHEMA CORPOREO, riguarda l accuratezza con cui si percepiscono le varie parti del proprio corpo, è la COMPONENTE PERCETTIVA, SENSORIALE, della nostra immagine corporea e permette una auto-rappresentazione cosciente del nostro corpo

30 Immagine corporea psicologica Pensieri, emozioni e ed atteggiamenti legati al proprio corpo Fattori culturali Fattori individuali

31 Distorsione dell immagine corporea NEUROLOGICA: distorsione delle percezioni delle dimensioni corporee. PSICOLOGICA: alterazione dell atteggiamento cognitivo-affettivo per l aspetto fisico.

32 Disturbo percettivo dell immagine corporea Difficoltà a stabilire con precisione la DIMENSIONE e la FORMA del proprio corpo per ALTERAZIONI PERCETTIVE di tipo visivo ( mi vedo grassa, con la pancia gonfia, con le cosce grosse ) e/o cenestesico ( mi sento grassa, gonfia, larga ), per cui si tende a sovrastimare le proprie dimensioni. Lo stesso accade ad alcuni obesi e body-builders che si vedono e sentono magri sottostimando le proprie dimensioni (reverse anorexia). (Tompson, 1992)

33 Distorsione psicologica dell immagine corporea Ritenersi grasso è diverso dall essere grasso L insoddisfazione verso il proprio corpo è indipendente dal peso reale La distorsione percettiva dell immagine corporea, anche in soggetti normopeso, è strettamente correlata all insoddisfazione verso il proprio corpo Emozioni e pensieri negativi influenzano negativamente la valutazione soggettiva riguardo le dimensioni del corpo, che determina il grado di soddisfazione-insoddisfazione

34 NOI SIAMO IL NOSTRO CORPO IL NOSTRO CORPO CI PARLA Se consideriamo il nostro corpo solo come qualcosa da controllare e sottomettere alla nostra volontà, qualcosa di diverso da noi, con il tempo si riduce l attenzione ai segnali del corpo fino al non saperli più decifrare: fame, fatica, caldo, freddo, desiderio e piacere sessuale, sensibilità sensoriale agli stimoli anche lievi. Il corpo diventa un contenitore, un qualcosa da comandare, un nemico, non fa più parte di noi: frequenti agiti sul corpo come il tagliarsi, insensibilità al dolore ed al piacere, disturbi della sfera sessuale

35 Alterazione cognitivo-affettiva dell immagine corporea Importanza dell aspetto fisico per l autostima discrepanza tra immagine propria ed immagine reale insoddisfazione stima della desiderabilità del proprio corpo da parte degli alti ricerca di rassicurazioni sul proprio aspetto sensibilità eccessiva ai commenti altrui emozioni negative (ansia, tristezza, rabbia, vergogna,ecc) connesse con l esposizione del proprio corpo e con i pensieri sul proprio corpo confronto del proprio aspetto con atri controllo dell apparenza paura fobica del grasso ossessioni di magrezza

36 La persistenza di un disturbo dell immagine corporea è il più importante fattore predittivo di ricaduta

37 Fattori che mantengono il disturbo Grave restrizione alimentare (controverso) Depressione del tono dell umore Correlazione dimostrata tra depressione e numero di abbuffate (indipendentemente dalla restrizione alimentare) Fallimento dei trattamenti per perdere peso Aspettative irrealistiche nei confronti del peso

38 Elementi clinici di diagnosi differenziale: casi clinici. Caso 1 AN: una studentessa di ballo magrissima R. è una studentessa di ballo di 19 aa., nubile e molto magra, che si presenta su insistenza dei genitori preoccupati delle sue condotte alimentari. Secondo quanto riferito dalla pz e dai suoi familiari, R. è da sempre interessata alla danza. Aveva incominciato a frequentare un corso di ballo all età di 5 aa. Quando aveva 8 aa. le sue insegnati avevano riconosciuto che era dotata di un grande talento e, a partire dai 14 aa., era entrata a far parte della compagnia di ballo nazionale. La pz aveva cominciato a presentare problemi alimentari all età di 15 aa., allorché, per ragioni che non è in grado di spiegare, aveva iniziato a indursi il vomito quando riteneva di aver mangiato troppo.

39 Caso 1 Questa condotta era stata preceduta da diversi anni di diete intraprese su incoraggiamento dell insegnante di danza. Da 3 aa. le abbuffate si verificano una volta al giorno, la sera, e sono sempre seguite da vomito autoindotto. L abbuffata consiste nel mangiare una dozzina di tortini di riso o, talvolta, più di un chilo e mezzo di gelato. R. consuma questo cibo di notte, dopo che i genitori sono andati a letto. Già da tempo essi sospettavano che la figlia avesse problemi con il cibo, ma lei lo aveva sempre negato fino a circa un mese prima dell attuale consulenza. All età di 15 aa. R. era alta 173 cm. La pz aveva raggiunto il peso più elevato (55 chili), all età di 16 aa. e, a suo dire, a quell epoca era grassa.

40 Caso Clinico 1 Negli ultimi 3 aa. il peso si è mantenuto abbastanza stabile, variando tra i 45 ed i 47 chili. Si esercita regolarmente nella danza e nega di fare uso di lassativi, diuretici o pillole dietetiche per controllare il peso. A parte durante le abbuffate, R. segue un rigido regime vegetariano, non mangia carne o uova e consuma poco formaggio. Da 3-4 aa. la ragazza si sente a disagio nel consumare i pasti davanti ad altre persone e, per evitare di trovarsi in simili situazioni talora percorre lunghe distanze per allontanarsi. Ciò pone notevoli limiti alla sua vita sociale. R. ha avuto due cicli mestruali spontanei all età di 16 aa., quando pesava circa 55 chili, ma, da allora, non ha più avuto mestruazioni. Dopo aver terminato la scuola secondaria era diventata una ballerina della compagnia di ballo a tempo pieno. Le lezioni e le prove la tengono tutt ora occupata per circa 4 ore al giorno e trascorre la maggior parte del tempo restante dedicandosi alla lettura.

41 Caso Clinico 1 Trova particolarmente interessanti i romanzi storici. I genitori la descrivono come una studentessa seria e brava, anche se sono preoccupati per il fatto che si isola dagli altri. Ha alcune amiche intime; non è mai uscita con un ragazzo nè ha avuto esperienze sessuali. Durante l intervista la pz appare imbarazzata e, in un certo senso, circospetta nel descrivere il proprio comportamento alimentare, scegliendo attentamente le parole. Riferisce una certa preoccupazione per l incapacità di controllare le abbuffate, ma pensa di non avere altri problemi. Appare seria e priva di senso dell umorismo, ma non sembra depressa. Non vi è evidenza di disturbi formali del pensiero. DSM_IV_TR Case Studies, 2004.

42 Caso Clinico 2 BN: una giovane donna che non riesce a smettere di mangiare. T. è una donna di 28 aa., nubile, analista di polizze assicurative, che si presenta per problemi correlati all alimentazione. La pz è la terza di quattro fratelli. Il padre è un benestante avvocato di Midwest; la madre, all epoca in cui T. era bambina, era casalinga. Nessuno dei familiari aveva avuto problemi di sovrappeso, ama da sempre in famiglia era stata data importanza all essere forti, sani e in forma. Da bambina T. aveva buoni risultati sia a scuola che nello sport e aveva sviluppato un particolare interesse per il pattinaggio artistico. Nella prima adolescenza aveva ottenuto buoni piazzamenti nelle gare locali e aveva cominciato a dedicare sempre più tempo ed energia all allenamento. All età di 15 aa., ossia al secondo anno della scuola superiore, si era trasferita in un collegio femminile all Est, in quanto i genitori ritenevano che ciò avrebbe aumentato le possibilità che fosse ammessa in una università dell Ivy League.

43 Caso Clinico 2 Aveva parecchi amici, otteneva buoni risultati scolastici e, in genere, riusciva a soddisfare le richieste della nuova scuola. Aveva continuato a praticare il pattinaggio artistico con un nuovo allenatore. Questi, pur sostenendola e incoraggiandola, una volta le aveva fatto l osservazione che avrebbe potuto essere più competitiva se avesse perso qualche chilo. A quell epoca T. pesava 58 chili, un peso normale per la sua età e statura -pari a 170 cm- e la sua dieta era bilanciata. Ferita dall osservazione dell allenatore, la ragazza iniziò un intenso programma di esercizio fisico e dieta. Oltre gli allenamenti quotidiani, frequentava un corso di aerobica sei giorni alla settimana. Aveva inoltre eliminato dalla dieta i dolci e la carne rossa. Dal momento che queste attività le portavano via molto tempo si era allontanata dalle nuove amicizie scolastiche.

44 Caso Clinico 2 Durante il primo anno di collegio il suo peso era calato da 58 a 45 chili e mezzo e il ciclo mestruale, che era sempre stato regolare fino da quando aveva 13 aa., cessò. Quando tornò a casa per le vacanze estive i genitori si preoccuparono per la sua evidente perdita di peso e insistettero che venisse visitata da un pediatra, il quale, a sua volta, la inviò da uno psichiatra. Non è chiaro quale diagnosi fosse stata formulata e, dopo alcune visite, T. si rifiutò di proseguire il trattamento. Durante l estate, tuttavia, le sue abitudini alimentari cominciarono a cambiare. Pur sforzandosi di mantenere il programma dietetico che aveva cominciato durante il periodo scolastico, si ritrovò a dover controllare il proprio appetito e, in diverse occasioni, a mangiare una scatola di biscotti e mezzo chilo di biscotti durante la notte, dopo che i familiari erano andati a letto.

45 Caso Clinico 2 Una volta ripresa la scuola, T. aveva continuato ad abbuffarsi occasionalmente e, alla fine, aveva sviluppato un pattern secondo cui durante la settimana osservava la dieta, mentre nei wee-kend si abbuffava. Pur continuando a praticare il pattinaggio a livelli competitivi, non era più in grado di mantenere l intenso programma di esercizio fisico iniziato durante il primo anno di collegio. Nei restanti anni di collegio il peso era gradualmente aumentato fini a raggiungere 56 chili e mezzo, e il ciclo mestruale era ripreso dopo 9 mesi di amenorrea. Dopo essersi diplomati T. era entrata in una prestigiosa università della Ivy League e si era specializzata in storia, rivelandosi una studentessa brava, anche se non brillante. Il suo peso continuò ad aumentare raggiungendo i 68 chili nell autunno del primo anno universitario.

46 Caso Clinico 2 Quando tornò a casa per Natale si trovò incapace di smettere di mangiare dolci e spuntini. Assai turbata al pensiero di aumentare ulteriormente di peso aveva deciso di indursi il vomito dopo le abbuffate. Ebbe così inizio un pattern di abbuffate e vomito autoindotto che si ripeteva diverse volte alla settimana ed era persistito negli ultimi 10 anni. Solitamente, le sere in cui sapeva che la sua compagna di stanza sarebbe uscita, comprava mezzo chilo di gelato e una scatola di biscotti al cioccolato mentre tornava dal lavoro. Una volta giunta a casa, nell arco di un ora, guardando la televisione, mangiava i dolci e il gelato ed eventuali porzioni di dessert rimaste nel frigorifero. Poi si induceva il vomito. La pz si vergogna molto di questa abitudine disgustosa e ha deciso di smettere diverse volte.. Tuttavia, non è stata in grado di farlo per più di due settimane consecutive. Quando non si abbuffa, cerca di osservare una dieta rigorosa.

47 Caso Clinico 2 Continua a evitare di mangiare carne rossa e dolci e, attualmente, il suo peso è ragionevolmente stabile a circa 66 chili; tuttavia, si ritiene grassa. T. ha discreti successi dal punto di vista professionale. Da quando si è diplomata ha cominciato a lavorare in una grande compagnia assicuratrice e ha ottenuto delle promozioni nei ranghi gestionali medi dell azienda. Condivide un appartamento con una donna che ritiene essere la sua migliore amica, ma a cui non ha mai detto niente riguardo al proprio problema. Riferisce che la propria vita sociale è compromessa dalla preoccupazione riguardante il mangiare ed il peso. E consapevole di entrambi questi aspetti ed è riluttante ad uscire a cena con un uomo, perchè teme che il rigido regime dietetico che osserva possa apparire incongro rispetto alla sua grassezza. DSM_IV_TR Case Studies, 2004.

48 Diagnosi differenziale Ad R., la ballerina, viene formulata la diagnosi di Anoressia Nervosa, Tipo con Abbuffate/Condotte di eliminazione, in quanto il suo peso, pari a chili, è al di sotto dell 85 % di quello atteso in un soggetto con una statura di 173 cm e, in quanto, è amenorroica da tre anni (dall età di 16 aa.). Ha timore di ingrassare, una visione assai distorta delle proprie dimensioni corporee (si descrive come grassa anche se pesa solo 45 chili e nonostante tutti la trovino deperita). Si abbuffa di tortine di riso e gelato ogni sera e poi vomita.

49 Diagnosi differenziale T., invece, ha un anamnesi positiva per Anoressia Nervosa, ma la sua attuale diagnosi è di Bulimia Nervosa, dato che il suo peso non è al di sotto di quanto ci sia aspetterebbe in rapporto ad una statura di 170 cm e ha cicli mestruali regolari. Si abbuffa regolarmente e poi vomita, secondo un pattern che perdura da 10 aa. Ha una visione distorta della propria immagine corporea, si considera grassa pur pesando circa 66 chili. Si induce regolarmente il vomito (BN Con Condotte di Eliminazione).

50 Diagnosi differenziale AN e BN non sono diagnosi lifetime, ma spesso si alternano in seguito all aumento o alla perdita di peso. La diagnosi di AN formulata ad R. si trasformerebbe in BN se la pz dovesse guadagnare peso in modo da rientrare nella media o se il ciclo mestruale dovesse riprendere. D altra parte, i sintomi presentati da T. quando era più giovane avrebbero giustificato la diagnosi di AN, poichè il suo peso era molto basso ed era amenorroica, anche se si abbuffava e ricorreva a condotte di eliminazione. La sua diagnosi era cambiata in BN quando il suo peso era aumentato fino a raggiungere un livello normale ed il ciclo mestruale era ripreso.

51 Accorgimenti diagnostici Nel formulare la diagnosi di AN è importante distinguere un peso corporeo anormalmente basso dalla normale magrezza, soprattutto in quanti svolgono professioni che richiedono un basso peso corporeo. E inoltre importante escludere altre possibili cause di calo ponderale (ad es., le condizioni mediche generali quali il cancro, gli effetti di altri disturbi mentali quali il Disturbo Depressivo Maggiore o gli effetti della povertà o di una scarsa alimentazione).

52 Accorgimenti diagnostici Nel formulare la diagnosi di BN è essenziale distinguere un regolare pattern di abbuffate da un comportamento che implica un mangiare eccessivo generalizzato (spesso chiamato grazing ) o correlato a uno specifico contesto in occasioni particolari (ad es., ricorrenze o festività). Per operare tale distinzione è utile determinare il tipo di cibo assunto (le abbuffate molto spesso sono a base di cibi dolci e altamente calorici), la quantità assunta (si definisce abbuffata quando la quantità di cibo consumato è eccessiva per la maggior parte degli individui nella medesima situazione), le circostanze in cui avviene l abbuffata e la frequenza.

53 Accorgimenti diagnostici Per formulare la diagnosi di BN è inoltre richiesto che il soggetto metta in atto comportamenti compensatori inappropriati per prevenire l aumento di peso. Tali comportamenti molto spesso includono il vomito autoindotto o l abuso di lassativi (sottotipo Con Condotte di Eliminazione), o, meno frequentemente, il digiuno o l esercizio fisico eccessivo (sottotipo Senza Condotte di Eliminazione). Il mangiare eccessivo e l aumento di peso possono verificarsi anche nel Disturbo Depressivo Maggiore Con Manifestazioni Atipiche.

54 Accorgimenti diagnostici La abbuffate possono presentarsi come parte del comportamento impulsivo del caratteristico del DBP Diturbo Borderline di Personalità (spesso sono in comorbilità e, allora, si formulano entrambe le diagnosi). Altri due disturbi che possono presentarsi in comorbilità sono il DOC Disturbo Ossessivo Compulsivo (ossessioni e compulsioni correlate al cibo, ma assenza ddel timore di prendere peso) ed il Disturbo da Dismorfismo Corporeo (immagine distorta del proprio corpo, ma non correlato al timore di guadagnare peso e non associato ad un basso peso corporeo).

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti:

BULIMIA NERVOSA. A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: BULIMIA NERVOSA A. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti: 1) mangiare in un definito periodo di tempo una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: LA PATOLOGIA DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: Nuovi criteri di classificazione? Corrado D Agostini AGENZIA DELLA NUTRIZIONE D.A.I. D.E.A.S. AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI- FIRENZE IL DSM - 5 17

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE D.C.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. Gian Carlo Nivoli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE assificazione dei D.C.A Anoressia Mentale Bulimia Mentale DSM III (1980) Pica,

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NON ALTRIMENTI SPECIFICATI Caratteristiche generali I NAS sono disturbi dell alimentazione di severità clinica che soddisfano la definizione di disturbo dell alimentazione

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

sociali, vissuti intra-psichici

sociali, vissuti intra-psichici Frequente evoluzione verso quadri long- term Le risposte disfunzionali: : ad eventi stressanti, sollecitazioni psico-sociali sociali, vissuti intra-psichici psichici Conseguenti a pensieri automatici (dicotomia,

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

Donne, corpo e contraccezione

Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione Donne, corpo e contraccezione A cura di Questa guida nasce per aiutarti ad individuare quali sono i campanelli d allarme da cogliere per accorgerti dello scivolamento verso

Dettagli

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra

Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta. psichiatra Ragusa 10 Ottobre 2009 Aspetti antropologici e sociologici inerenti i Disturbi della Condotta Alimentare: DCA dr Giuseppe Sapienza dr. Giuseppe Sapienza psichiatra Il presente intervento vuole offrire

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia?

Anoressia. Quando ci si accorge della malattia? Anoressia Quando ci si accorge della malattia? Ciò che rende l anoressia una malattia difficile da curare, è il suo insorgere subdolo, facilmente confondibile con una semplice astenia o con la scelta di

Dettagli

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA

DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE DCA Nella cultura occidentale le prime descrizioni cliniche di anomalie dell alimentazione risalgono a più di 2000 anni fa. Alcune sante cristiane avevano un comportamento

Dettagli

STILI DI VITA E OBESITA

STILI DI VITA E OBESITA STILI DI VITA E OBESITA IL PESO DELLA VITA 8 Maggio 2010 Martinelli Franca Dipartimento di Salute Mentale RE Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED Big eating disorder La definizione del disturbo

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

I disturbi alimentari

I disturbi alimentari I disturbi alimentari Molti genitori del giorno d'oggi si preoccupano per i disturbi alimentari. Alle parole 'disturbo alimentare' si è data una tale attenzione negli ultimi anni che non è inusuale che

Dettagli

Disturbi della condotta alimentare Dott.ssa Domizia Consoli

Disturbi della condotta alimentare Dott.ssa Domizia Consoli Disturbi della condotta alimentare Dott.ssa Domizia Consoli Obesità, anoressia e bulimia sono termini entrati nel nostro linguaggio comune, a designare la crescente importanza che i problemi connessi al

Dettagli

SCI-ABS Self Report Ultimo mese

SCI-ABS Self Report Ultimo mese SCI-ABS Self Report Ultimo mese Soggetto: Data: Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono ad alcune situazioni che lei può aver avuto nel corso dell ultimo mese. La preghiamo di rispondere a fianco

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo

I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Corso di formazione per allenatori 6 luglio 2013 I Disturbi del Comportamento Alimentare nell ambiente sportivo Dott.ssa Tatiana Zanetti Lo svolgimento di questo corso di formazione per gli allenatori

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA. Tesi di laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA. Tesi di laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Tesi di laurea L INTEGRAZIONE DELL EMDR NELLA PSICOTERAPIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. di Gamba Martina Anno Accademico 2004-2005 Ai

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO.

EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. EDUCAZIONE ALIMENTARE: QUANDO L'AMORE PER IL CIBO SI TRASFORMA IN ODIO. Esiste un rapporto inestricabile tra cibo ed emozioni, tra i cibi assunti per bisogno fisiologico e quelli assunti come appagamento

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE 15

Introduzione INTRODUZIONE 15 INTRODUZIONE 15 Introduzione Ester aveva 13 anni. A scuola era brava e aveva molti amici. Nel tempo libero amava cavalcare. In primavera disse ai suoi genitori che voleva fare una dieta per dimagrire.

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

I seminari degli Amici della mente. Capire e prevenire il disagio psicologico attraverso le canzoni di Fabrizio De Andrè

I seminari degli Amici della mente. Capire e prevenire il disagio psicologico attraverso le canzoni di Fabrizio De Andrè I seminari degli Amici della mente Capire e prevenire il disagio psicologico attraverso le canzoni di Fabrizio De Andrè I DISTURBI ALIMENTARI Dr. Gabriele Catania Cosa sono: Si tratta di patologie psichiatriche

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Classificazione (DSM-IV American Psychiatric Association 1994) Anoressia nervosa Bulimia nervosa Disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati (NAS) Binge

Dettagli

L importanza di una corretta Diagnosi e Diagnosi Differenziale nei Disturbi del Comportamento Alimentare

L importanza di una corretta Diagnosi e Diagnosi Differenziale nei Disturbi del Comportamento Alimentare L importanza di una corretta Diagnosi e Diagnosi Differenziale nei Disturbi del Comportamento Alimentare La denominazione comune, Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) raccoglie fondamentalmente

Dettagli

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS Vanda Braida 14/05/2015 Shabkar CHE COSA SONO? COME SI MANIFESTANO? COME SI PREVENGONO? COME SI AFFRONTANO? I disturbi

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

I GENITORI IN ABA NUMERO VERDE: 800 16 56 16 SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI. E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia.

I GENITORI IN ABA NUMERO VERDE: 800 16 56 16 SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI. E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia. I GENITORI IN ABA SEGUITI CON CURA PER SEGUIRE I PROPRI FIGLI NUMERO VERDE: 800 16 56 16 E: info@bulimianoressia.it - W: www.bulimianoressia.it I DISTURBI ALIMENTARI 02 I disturbi alimentari sono un modo

Dettagli

FUORI CONTROLLO doc. 52

FUORI CONTROLLO doc. 52 FUORI CONTROLLO doc. 52 di Daniele Cini e Claudia Pampinella regia di Daniele Cini direttore della fotografia Luigi Montebello Marina e Roslyn, Centro DCA Kenn Ghal Sahhtek, Malta LORETTA, FRANCA, MARINA

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE Cosa sono? Come affrontarli? Peso, forma del corpo, alimentazione Scuola Famiglia Altro Peso, forma del corpo, alimentazione Scuola Famiglia Sport Musica Amici Pittura Altro

Dettagli

Francesco Rovetto Medico Spec in Psicologia ed in Psichiatria Già Prof Ordinario Psicologia Clinica Univ Pavia

Francesco Rovetto Medico Spec in Psicologia ed in Psichiatria Già Prof Ordinario Psicologia Clinica Univ Pavia DISTURBI ALIMENTARI Francesco Rovetto Medico Spec in Psicologia ed in Psichiatria Già Prof Ordinario Psicologia Clinica Univ Pavia www.rovetto.net Tel 3356058145 E-mail francesco@rovetto.net DSM-IV-TR

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

L'alimentazione dello sportivo e i disordini del comportamento alimentare: Aspetti psicologici

L'alimentazione dello sportivo e i disordini del comportamento alimentare: Aspetti psicologici Scheda 9 L'alimentazione dello sportivo e i disordini del comportamento alimentare: Aspetti psicologici Pietro Delfini Alimentazione come bilancio I manuali, le lezioni, i titoli dei convegni sull'alimentazione

Dettagli

disturbi del comportamento alimentare (DCA)

disturbi del comportamento alimentare (DCA) I disturbi dell alimentazione I disturbi del comportamento alimentare (DCA), sono disturbi caratterizzati dalla presenza di grossolane alterazioni del comportamento alimentare, associate costantemente

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NOVEDRATE (CO) 19 APRILE 2012 Dott. Ssa Simona Musacchio L'ANORESSIA NEL TEMPO Descrizioni e Interpretazioni storiche dell'anoressia CENNI STORICI Il primo presunto

Dettagli

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini Creazione di un centro specialistico

Dettagli

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota

Dipartimento dell Et. Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota Condotte alimentari e caratteristiche psicosociali di bambini obesi: uno studio pilota M. Gugliotta, L. Garini,, C. Sassi, R. Scullino & S. Bernasconi Modelli Psicologici Obesogenic Binge Eating Disorder.

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA.

I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? 1 Dati Osservatorio ABA e ISTAT. 2 Dati SISDCA. I I DISTURBI ALIMENTARI: COSA SONO? In Italia circa 3 milioni di persone, pari al 5% della popolazione, soffre di disturbi del comportamento alimentare (DCA): il 95% sono donne, anche se sempre più numerosi

Dettagli

La predisposizione ai disturbi del comportamento alimentare in una popolazione veneta potenzialmente a rischio

La predisposizione ai disturbi del comportamento alimentare in una popolazione veneta potenzialmente a rischio Con il contributo del: Associazione La Rete per l aiuto e la ricerca sui disturbi dei comportamento alimentare - Venezia La predisposizione ai disturbi del comportamento alimentare in una popolazione veneta

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Un periodo ristretto nel tempo di restrizioni alimentari per dimagrire o curare / prevenire una patologia Modo di alimentarsi, abitudine alimentare Siamo programmati per ingrassare

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015

Laura Dalla Ragione. Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve. Spoleto 12 settembre 2015 Laura Dalla Ragione Responsabile Centro DCA Palazzo Francisci di Todi e Centro DAI di Città della Pieve Spoleto 12 settembre 2015 I Disturbi del Comportamento Alimentare Aumento vertiginoso Aumento dei

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

- I comportamenti a rischio in adolescenza: l alimentazione disturbata -

- I comportamenti a rischio in adolescenza: l alimentazione disturbata - Anno accademico 2008/2009 Corso di Laurea Magistrale in Psicologia (classe LM-51) Curriculum in Psicologia dello Sviluppo e dell'educazione (LM-SV) Insegnamento Psicologia del rischio nello sviluppo sociale

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

DOMENICA 19 OTTOBRE 2014. Centro Congressi NH Milanofiori Assago MI

DOMENICA 19 OTTOBRE 2014. Centro Congressi NH Milanofiori Assago MI DOMENICA 19 OTTOBRE 2014 Centro Congressi NH Milanofiori Assago MI Floriterapia nei disturbi del comportamento alimentare Bruno Brigo Disordini del comportamento alimentare Il DSM-V (acronimo di Diagnostic

Dettagli

GRUPPI PSICOEDUCAZIONALI DIRETTI AI FAMILIARI DI PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

GRUPPI PSICOEDUCAZIONALI DIRETTI AI FAMILIARI DI PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE GRUPPI PSICOEDUCAZIONALI DIRETTI AI FAMILIARI DI PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE A cura di Dott.ssa Silvia Fronza : +393931589465 silvia.fronza@hotmail.it COSA SONO I DISTURBI

Dettagli

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008).

In Italia la prevalenza di sovrappeso/obesità è tra le maggiori in Europa. con punte nelle regioni del Sud Italia (Okkio alla Salute, ISS 2008). OBESITÁ PSICOGENA Il costante e rilevante incremento dei disturbi dell alimentazione nella popolazione adolescenziale e tardo giovanile, costituisce un dato osservativo di immediato riscontro per gli operatori

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

INTERVISTA STRUTTURATA PER L ANORESSIA E LA BULIMIA NERVOSA (SIAB-EX) Valutazione dell esperto (Terza Edizione Riveduta 9/1997)

INTERVISTA STRUTTURATA PER L ANORESSIA E LA BULIMIA NERVOSA (SIAB-EX) Valutazione dell esperto (Terza Edizione Riveduta 9/1997) 1 INTERVISTA STRUTTURATA PER L ANORESSIA E LA BULIMIA NERVOSA (SIAB-EX) Valutazione dell esperto (Terza Edizione Riveduta 9/1997) COGNOME NOME DATA DI NASCITA INDIRIZZO DATA ODIERNA INTERVISTATORE 1. Deviazione

Dettagli

Esperienze del consultorio Spazio Giovani. Liberi di scegliere Chiara Rizzoli Dipartimento Sanità Pubblica U.O.C Igiene Alimenti e Nutrizione

Esperienze del consultorio Spazio Giovani. Liberi di scegliere Chiara Rizzoli Dipartimento Sanità Pubblica U.O.C Igiene Alimenti e Nutrizione Esperienze del consultorio Spazio Giovani Liberi di scegliere Chiara Rizzoli Dipartimento Sanità Pubblica U.O.C Igiene Alimenti e Nutrizione Dedicato a ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni c/o SPAZIO GIOVANI

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DEFINIZIONE I disturbi dell alimentazione possono essere definiti come persistenti disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

anoressia bulimia fase di ricerca SUPSI_DACD_comunicazione visiva_lavoro di diploma_anno 2005 di Viviana Lillia Gregory Catella

anoressia bulimia fase di ricerca SUPSI_DACD_comunicazione visiva_lavoro di diploma_anno 2005 di Viviana Lillia Gregory Catella di Viviana Lillia SUPSI_DACD_comunicazione visiva_lavoro di diploma_anno 2005 fase di ricerca Docenti relatori: Alberto Bianda Gregory Catella indice pagina 3 [ introduzione ] pagina 5 [ i disturbi del

Dettagli

Criteri diagnostici. L anoressia nervosa nelle adolescenti: i primi segni 24/11/2011. L'anoressia nelle adolescenti - 23 Novembre 2011

Criteri diagnostici. L anoressia nervosa nelle adolescenti: i primi segni 24/11/2011. L'anoressia nelle adolescenti - 23 Novembre 2011 L anoressia nervosa nelle adolescenti: i primi segni Anna Peloso Dipartimento di Scienze Pediatriche e dell Adolescenza Sezione di Neuropsichiatria Infantile Università di Torino Criteri diagnostici 1

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare

Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare Manuale diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM IV ANORESSIA NERVOSA Tipo restrittivo Tipo bulimico BULIMIA NERVOSA

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

Attilio Speciani Luca Speciani DIETAGIFT DIETA DI SEGNALE. Il metodo Speciani che cambia per sempre il modo di alimentarsi.

Attilio Speciani Luca Speciani DIETAGIFT DIETA DI SEGNALE. Il metodo Speciani che cambia per sempre il modo di alimentarsi. Attilio Speciani Luca Speciani DIETAGIFT DIETA DI SEGNALE Il metodo Speciani che cambia per sempre il modo di alimentarsi Rizzoli Rizzoli Libri 2009 RCS Libri S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.rizzoli.eu

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012

DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA. Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 DISTURBI D ANSIA IN ETÀ EVOLUTIVA Dott.ssa Elena Luisetti Dott.ssa Chiara Raffognato Aprile 2012 ANSIA IN ETA EVOLUTIVA Il disturbo d ansia è la diagnosi più ricorrente entro i 16 anni! 10% Quando l ansia

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

Che cosa sono i disturbi del comportamento alimentare?

Che cosa sono i disturbi del comportamento alimentare? EMILIA DE FILIPPO ELVIRA REALE VITTORIA SARDELLI CAPITOLO 2 IL MALESSERE DELLE RAGAZZE: ANORESSIA, BULIMIA E ALTRO 83 Che cosa sono i disturbi del comportamento alimentare? I disturbi del comportamento

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

ASS n 1 Triestina Dipartimento di Salute Mentale di Trieste www.triestesalutementale.it

ASS n 1 Triestina Dipartimento di Salute Mentale di Trieste www.triestesalutementale.it ASS n 1 Triestina Dipartimento di Salute Mentale di Trieste www.triestesalutementale.it UN OPUSCOLO INFORMATIVO SUI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) vorrei non mangiare COME FARE QUANDO IL CIBO

Dettagli

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea In FormAzione Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea ANORESSIA-BULIMIA AL MASCHILE di Francesco Bergamin L anoressia nervosa,

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli