CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE"

Transcript

1 CENTRO DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE ASL3- GENOVESE PROGETTO Corpo, cibo, identità: una relazione difficile Dott.ssa Francesca Policante Dott.ssa Barbara Masini

2 Creazione di un centro specialistico Con il provvedimento 843 del 26 Luglio 2002 la Regione Liguria, sulla base delle risultanze di un gruppo di lavoro allo scopo costituito, ha fornito indicazioni alle Aziende sanitarie locali in ordine alla creazione di almeno un punto di servizio, integrato nella realtà distrettuale, finalizzato alla soluzione dei problemi relativi ai disturbi alimentari. Nell ottobre 2004 apre ufficialmente il Centro Disturbi Alimentari della ASL 3, sito nell area dell ex ospedale psichiatrico di Quarto. Perché la creazione di un Centro dedicato esclusivamente ai Disturbi dell Alimentazione?

3 I. Incremento esponenziale dei Disturbi dell Alimentazione in Italia ed in particolare in Liguria. Ben il 5% degli adolescenti italiani, circa ragazzi dai 15 ai 18 anni, ha un rapporto conflittuale con il cibo. Più colpite le giovani donne con numeri da vera e propria emergenza sociale. A Genova e in tutta la Liguria questo triste primato femminile è ancora più accentuato: il 98% dei casi anoressia e bulimia nervosa interessa le ragazze, contro una percentuale nazionale del 95%

4 II. Necessità di una stretta collaborazione tra diverse figure professionali L approccio a malattie come i DCA, che coinvolgono indiscutibilmente la psiche ed il soma, impone la collaborazione di più figure professionali, che operano insieme in un lavoro di equipe. Una efficace interazione permette di non trascurare gli elementi di emergenza ed urgenza che tali sindromi spesso presentano ed, insieme, di evitare investimenti unidirezionali nell area alimentare (pericolosi per l instaurarsi di possibili collusioni che rinforzano gli atteggiamenti di controllo sul peso e sul corpo) o nell area psicologica e psichiatrica (che possono far trascurare i pesanti correlati organici di tali sindromi). Il Centro di quarto è multidisciplinare cioè interviene contemporaneamente a livello nutrizionale, psichiatrico e psicologico.

5 III. Necessità di una struttura ambulatoriale e di Day Hospital : Le pazienti affette da Anoressia o forme gravi di Bulimia talora hanno necessità di un ricovero specialistico: alle dimissioni, per la paziente è facile che il ritorno a casa diventi automaticamente un ritorno alle vecchie abitudini, se non viene seguita e appoggiata terapeuticamente nel luogo in cui vive. Il trattamento ambulatoriale diviene una forma particolare di intervento intermedio, uno spazio transizionale tra la situazione protetta della casa di cura e l inserimento nell ambiente esterno. Psicologicamente dovrebbe costituire una fase della riappropriazione, durante la quale il soggetto assume un miglior rapporto con dieta e peso corporeo e prosegue le attività psicoterapeutiche individuali e di gruppo, avviate durante l eventuale ricovero precedente.

6 Non dimentichiamo inoltre che un centro ambulatoriale, che garantisca la presenza contemporanea di specialisti di diverse professionalità e che fornisca la possibilità dei pasti assistiti e della assistenza psicologica diurna quotidiana, previene l utilizzo del ricovero, con notevoli vantaggi a tutti i livelli.

7 IV. Necessità di una seria prevenzione primaria e secondaria del problema Anoressia, Bulimia e Obesità infantile e giovanile La dimensione ambulatoriale del Centro permette un contatto stretto con le istituzioni e la popolazione in genere, rendendo possibile la valutazione epidemiologica del fenomeno e di fattori di rischio correlati ciò a sua volta fa sì che esso possa operare per la prevenzione primaria e secondaria fungendo da punto di riferimento per l informazione e l educazione delle categorie a rischio e delle figure a più stretto contatto con esse: genitori, insegnanti, studenti, medici di base, pediatri

8 ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO L'organizzazione del Centro, una delle poche esperienze completamente pubbliche, è di tipo multidisciplinare: strutturata in modo aderente alle linee guida nazionali sul trattamento consigliato per i DCA, permette un inquadramento completo dei Disturbi Alimentari. Questo significa che ogni paziente è conosciuto e seguito da più figure professionali e il suo percorso terapeutico è deciso da un equipe specializzata.

9 ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO L'organizzazione del Centro, una delle poche esperienze completamente pubbliche,, è di tipo multidisciplinare: strutturata in modo aderente alle linee guida nazionali sul trattamento consigliato per i DCA, permette un inquadramento completo dei Disturbi Alimentari. Questo significa che ogni paziente è conosciuto e seguito da più figure professionali e il suo percorso terapeutico è deciso da un equipe specializzata.

10 EQUIPE DI LAVORO L'èquipe è costituita da: un medico internista, un medico psichiatra, due medici nutrizionisti e un gastroenterologo, due psicologi di ruolo e due borsisti, due assistenti sanitarie e tre infermieri professionali, due operatori oss, volontari e tirocinanti.

11 PROTOCOLLO D INTERVENTO La cura dei disturbi dell alimentazione prevede tre fasi: 3. Fase diagnostica 4. Fase terapeutica 5. Follow-up

12 Fase Diagnostica Il primo contatto del pubblico con il CDA avviene nella maggior parte dei casi attraverso una telefonata, durante la quale gli operatori sottopongono la persona ad una breve intervista strutturata, in cui viene chiesto di descrivere il problema per cui si chiede aiuto al CDA. Tale intervista ha lo scopo di effettuare uno screening preliminare, per arrivare a fissare un primo appuntamento con le psicologhe o con il medico psichiatra. Può capitare talvolta che il problema non sia un disturbo alimentare, ma ad esempio un disturbo depressivo, in cui la difficoltà nel mangiare è solo uno dei tanti sintomi caratteristici della patologia; in quel caso la persona viene indirizzata a strutture più adeguate.

13 COLLOQUIO DIAGNOSTICO Durante la fase anamnestica del primo colloquio, una volta raccolte le informazioni esaustive sul disturbo, l indagine viene ampliata a tutta la vita del paziente partendo dall infanzia e dall adolescenza, raccogliendo notizie sulla famiglia, sugli affetti, sul lavoro. Si indagano anche le condizioni generali di salute, le patologie di cui ha sofferto nell arco della vita, l eventuale assunzione pregressa o attuale di farmaci e la presenza in famiglia di patologie di tipo medico o di tipo psicologico/psichiatrico. Tutte queste informazioni servono al terapeuta per elaborare una concettualizzazione del caso, che gli permetterà l elaborazione di un efficace piano terapeutico. Risulta evidente che il primo colloquio o colloquio diagnostico a volte richiede più di un singolo appuntamento, vista la quantità degli argomenti che vengono indagati. A completamento del colloquio, vengono somministrati al paziente dei test.

14 TEST DIAGNOSTICI I principali test che vengono somministrati presso il CDA sono il Cognitive Behavioural Assessment (CBA), una batteria composta da 10 schede che sondano vari aspetti della persona come la sua storia personale e aspetti quali ansia, depressione, somatizzazioni,, Eating Disorder Inventory 2 (EDI 2), un questionario che studia diversi domini della psicopatologia legata ai disturbi alimentari, il Body Uneasiness Test (BUT), un questionario autosomministrato che approfondisce la percezione dell'immagine corporea e i livelli di insoddisfazione nei confronti di essa e il Binge Eating Scale (BES) questionario specifico per il disturbo da alimentazione incontrollata.

15 L inquadramento clinico non si limita al primo colloquio diagnostico e alla testistica, ma viene integrato da: Visita medica Esami ematochimici o radiologici, tra cui MOC, esami endoscopici, effettuabili presso l ospedale La Colletta di Arenzano. Visita dietologica Eventuale visita psichiatrica con prescrizione farmacologia laddove necessaria. Ulteriori colloqui motivazionali, finalizzati ad aumentare la compliance con il paziente.

16 MODELLO TEORICO COGNITIVO- COMPORTAMENTALE L attenzione è concentrata sui pensieri (cognitivo) e comportamenti (comportamentale) implicati nello sviluppo e mantenimento dei DCA. Il meccanismo centrale nello sviluppo di un DCA consiste in uno schema di autovalutazione disfunzionale attraverso cui il paziente attribuisce un eccessiva importanza al peso, alle forme corporee e al controllo dell alimentazione.

17 Questo schema si sviluppa per il concorso di vari fattori di rischio, è attivato da alcuni fattori precipitanti ed è mantenuto attivo per gli effetti combinati di alcuni fattori di mantenimento.

18 IL TRATTAMENTO NEL CENTRO DEI DISTURBI ALIMENTARI DELLA ASL 3 GENOVESE I 2 BINARI DEL TRATTAMENTO 3. Affronta i problemi riguardanti l alimentazione, le abbuffate, i comportamenti di compenso, il peso corporeo e gli altri fattori di mantenimento specifici. 5. Affronta lo schema di autovalutazione disfunzionale e i fattori di mantenimento aggiuntivi eventualmente presenti (perfezionismo clinico, bassa autostima nucleare, intolleranza alle emozioni, problemi interpersonali).

19 STRUTTURA DEL TRATTAMENTO In linea generale, si può suddividere la terapia in 3 fasi: 2. Si inizia con l uso di tecniche comportamentali ed educative che aiutano la persona a ristabilire il controllo sull alimentazione, ed un elemento chiave è aiutare la persona a fissare uno schema alimentare regolare nel corso della giornata. Rimane comunque ancora alta la vulnerabilità. 3. Ci si concentra sulla riduzione della vulnerabilità, affrontando la tendenza a seguire una dieta e modi di pensare problematici che sostengono il perpetuarsi dei sintomi. 4. Si attua una revisione delle procedure che sono state di maggior aiuto, in modo che il paziente possa tracciare un piano per affrontare qualsiasi difficoltà futura.

20 IL TRATTAMENTO NEL CENTRO DEI DISTURBI ALIMENTARI DELLA ASL 3 GENOVESE Possibili percorsi terapeutici in lavoro di equipe: Psicoterapia inidividuale (AN, BN) Psicoterapia di gruppo (Anoressia, Bulimia,Binge eating) Consulenza medico-internistica (AN, BN, Binge eating) Consulenza nutrizionale (AN, BN, Binge eating) Gruppi psicoeducazionali (BN, Binge eating) Gruppi psicoterapia corporea, teatroterapia, gruppi emozioni e assertività (AN, BN, Binge eating di giovane età) Gruppi di counseling per genitori di pazienti seguite dal centro. Pasti assistiti.

21 IL TRATTAMENTO NEL CENTRO DEI DISTURBI ALIMENTARI DELLA ASL 3 GENOVESE N.B. All interno di ogni percorso di cura, assolutamente personalizzato, i terapeuti sono sempre disponibili ad una modifica del trattamento in base ad ogni possibile necessità clinica individuale.

22 IL TRATTAMENTO NEL CENTRO DEI DISTURBI ALIMENTARI DELLA ASL 3 GENOVESE FOLLOW UP Terminato il percorso terapeutico e decisa la dimissione, il paziente viene inserito in una fase di follow up che serve per verificare che i risultati del trattamento si siano consolidati nel tempo. Questo momento ha anche lo scopo di staccare in modo graduale il paziente dal contesto di cura.

23 DECORSO, ESITO E PROGNOSI A A dir la verità la questione non è come guarire, ma come vivere Joseph Conrad

24 COSA SI INTENDE PER GUARIGIONE? Definizione clinica Risolvimento favorevole e positivo di una condizione morbosa che ha avuto un insorgenza e un decorso Definizione limitativa e limitante Non si tratta soltanto della scomparsa dei sintomi, ma è necessario un percorso di comprensione delle dinamiche che hanno determinato la crisi.

25 Come sarà la vita delle nostre pazienti? Possiamo azzardare l ipotesi che non esista la parola inguaribile. E una sconfitta inaccettabile e ingiusta. Può esistere però il limite delle proprie forze: è un limite e come tale, può essere calcolato, misurato e anche superato. Le modalità per superare questo limite sono svariate e ciascuno ha le sue. Tutte richiedono un impegno diretto e costituiscono una conquista comune, del paziente e del terapeuta.

26 Presupposto di partenza: : per le nostre pazienti, l essere state ligie elle regole prescritte e se stesse o l averle trasgredite è il criterio che definisce il loro modo di rapportarsi con se stesse e con il mondo: la percezione degli altri è una funzione del rapporto con il proprio corpo. Nel momento in cui il criterio di definizione di sé nel mondo è questo, la persona e il sintomo costituiscono un tutt uno, tanto da dover considerare non più il sintomo, ma la persona che. In quest ottica, la prospettiva di guarigione, di cambiamento, è decisamente faticosa da raggiungere: cambiare vorrebbe dire reinventarsi rispetto a ciò che si era prima.

27 Accettando di lavorare sui limiti della malattia e di rielaborarli si permette, nel percorso fatto con il terapeuta, di costruirsi una possibilità di crescita e di ampliamento dell esperienza. Quello che si instaura con il paziente sarà un rapporto di collaborazione, di coinvolgimento che non si deve limitare al contesto dell attualità, ma va sempre alimentato con un respiro nella riflessione.

28 CONCLUDENDO Guarire è certamente cambiare,, ma soprattutto capire!!... Noi impariamo a nuotare durante l inverno e impariamo a pattinare sul ghiaccio durante l estate William James

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA

PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA PROGRAMMA AZIENDALE DCA AUSL MODENA CLAUDIO ANNOVI AUSL MODENA Mirandola 13 Giugno 2015 I MESSAGGI CHIAVE DELLE LINEE GUIDA DEL MINISTERO DELLA SALUTE I disturbi dell alimentazione sono uno dei problemi

Dettagli

DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI. Prevenzione DCA nei gruppi giovanili

DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI. Prevenzione DCA nei gruppi giovanili DISTURBI ALIMENTARI PSICOGENI INTERVENTO E PREVENZIONE NEI GRUPPI GIOVANILI INTRODUZIONE obiettivi della lezione: fornire conoscenze sui disturbi principali, anoressia e bulimia individuare strumenti e

Dettagli

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD

INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD INFORMAZIONI SULLO STUDIO VILLA GARDA-OXFORD Confronto fra due forme di psicoterapia cognitivo comportamentale ospedaliera per i disturbi dell alimentazione Gentile paziente, la Casa di Cura Villa Garda

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Coordinamento Dott. Massimo Palumbo

Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Coordinamento Dott. Massimo Palumbo Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) Coordinamento Dott. Massimo Palumbo UTENZA Il centro si rivolge a soggetti con età inferiore ai 18 anni che presentano: - Disturbo del Comportamento Alimentare

Dettagli

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari

L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari L'altra me: viaggio nei Disturbi Alimentari Quali sono i disturbi alimentari? Anoressia nervosa Bulimia nervosa Binge Eating Disorder e Disturbi NAS Anoressia nervosa 1- Rifiuto di mantenere il proprio

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile 1 Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare

Centro per la Gestione e lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: strutture coinvolte. I Disturbi del Comportamento Alimentare La ASL CE 2 ha inteso sviluppare un programma di intervento con particolare riferimento ai Disturbi del Comportamento Alimentare costituendo un gruppo interdisciplinare per la lo studio e la gestione degli

Dettagli

Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione. Dr. Riccardo Dalle Grave

Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione. Dr. Riccardo Dalle Grave Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione Dr. Riccardo Dalle Grave Agenda Disturbi dell alimentazione Come definiamo il problema La dimensione del problema Le conseguenze Screening e diagnosi

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Il percorso di avvicinamento all intervento: Gruppi Educazionali. I. Favara

Il percorso di avvicinamento all intervento: Gruppi Educazionali. I. Favara Il percorso di avvicinamento all intervento: Gruppi Educazionali I. Favara IL PAZIENTE CHE RICHIEDE L INTERVENTO CHIRURGICO HA UNA PRECISA INTENZIONE: RISOLVERE UN PROBLEMA GRUPPI EDUCAZIONALI VS. GRUPPI

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733 BARDUCCO MICHELA DATI ANAGRAFICI Recapito telefonico: 327.3512733 CURRICULUM IN BREVE Mi sono laureata nel 2003 in Dietistica presso l Università degli Studi di Genova con una tesi sul Trattamento cognitivo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTEGRATA DI SERVIZI PER LA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTEGRATA DI SERVIZI PER LA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI Allegato A LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE INTEGRATA DI SERVIZI PER LA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELLA REGIONE TOSCANA Quadro di riferimento L aumento

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici. Paolo Santonastaso Università di Padova

La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici. Paolo Santonastaso Università di Padova La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici Paolo Santonastaso Università di Padova La valutazione della persona con disturbo dell alimentazione è:

Dettagli

NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl.

NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl. Campagna informativa sui disturbi alimentari NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl. Abruzzo Sanità: il nostro impegno

Dettagli

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA 1930-40 1940-50 1950-60 1960-70 1970-80 1980-90 Anoressia nervosa e Bulimia:chi

Dettagli

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ

MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ 17^ Edizione MASTER TERAPIA E PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E DELL OBESITÀ Per il conseguimento del 1 st Certificate of Professional Training in Eating Disorders and Obesity APRILE 2015 -

Dettagli

Dott.ssa Federica Ripamonti Via B. Marcello 6, Milano Via A. Solari 11, Milano Via Oslavia 17, Paderno Dugnano (MI)

Dott.ssa Federica Ripamonti Via B. Marcello 6, Milano Via A. Solari 11, Milano Via Oslavia 17, Paderno Dugnano (MI) F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Studi Dott.ssa Federica Ripamonti Via B. Marcello 6, Milano Via A. Solari 11, Milano Via Oslavia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CELOTTI LUCA Indirizzo 4/A, Piazzale Principessa Clotilde, I-20121, Milano Telefono 347 3891681 Fax E-mail

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro?

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Follow-up di giovani pazienti dopo la dimissione da un servizio semiresidenziale di psicopatologia dell adolescenza Michela Gatta L.Balottin - Paolo

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO GIOVANNI XXIII DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) La prevenzione dei Disturbi del Comportamento Alimentare (II Edizione)

Dettagli

Disturbi dell Alimentazione

Disturbi dell Alimentazione Disturbi dell Alimentazione Annamaria Petito Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Foggia Disturbi dell Alimentazione Sono caratterizzati da macroscopiche alterazioni del comportamento

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell'alimentazione Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Guido Marinoni

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

Dott.ssa Federica Ripamonti Via S. Gregorio 6, Milano Via A. Solari 11, Milano Via Oslavia 17, Paderno Dugnano (MI) ripamontifederica@libero.

Dott.ssa Federica Ripamonti Via S. Gregorio 6, Milano Via A. Solari 11, Milano Via Oslavia 17, Paderno Dugnano (MI) ripamontifederica@libero. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Studi Cellulare E-mail Nazionalità Dott.ssa Federica Ripamonti Via S. Gregorio 6, Milano Via A.

Dettagli

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali

La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche psicologiche del paziente obeso e modalità relazionali FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappesoobeso: Caratteristiche

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda per i Servizi Sanitari Trento

Dettagli

Indice. Presentazione. Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini. 1. Gli homework nella psicoterapia 3

Indice. Presentazione. Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini. 1. Gli homework nella psicoterapia 3 02Indice(V-X) 4-05-2004 10:49 Pagina V Indice Autori Presentazione Prefazione Ringraziamenti XI XIII XVII XXI Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini 1. Gli homework nella psicoterapia 3 2. La tradizione

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA

ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA 1 2 ANORESSIA NERVOSA BULIMIA NERVOSA Disturbi del comportamento alimentare non altrimenti specificati (DCA NAS), all interno dei quali è inserito il disturbo da alimentazione incontrollata (BED BINGE

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA a cura della Dott.ssa LAURA MESSINA DEFINIZIONE Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano che ha lo scopo di comprendere

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative:

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative: Dipartimento di Salute Mentale. Integrazione dipartimentale per favorire l accessibilità ai servizi e l inserimento degli utenti nei percorsi di cura appropriati Organizzazione e offerta del DSM Il Dipartimento

Dettagli

Cibo, corpo e psiche I disturbi dell alimentazione

Cibo, corpo e psiche I disturbi dell alimentazione Invito Cibo, corpo e psiche I disturbi dell alimentazione 6 febbraio 2014 Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR di Roma Via San Martino della Battaglia, 44 Roma Convegno organizzato

Dettagli

La Psicoterapia Breve: procedure ed esperienze del Servizio di Psicologia Territoriale

La Psicoterapia Breve: procedure ed esperienze del Servizio di Psicologia Territoriale La valutazione del rischio stress-lavoro correlato e la promozione del benessere organizzativo Verona 7 Luglio 2010 La Psicoterapia Breve: procedure ed esperienze del Servizio di Psicologia Territoriale

Dettagli

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA Servizio tossicodipendenze (Ser.T.) 10 Il Ser.T. dell Asl 2 Savonese si occupa della cura delle persone che hanno problemi di dipendenza

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE L EDUCAZIONE TERAPEUTICA AL PAZIENTE CON PATOLOGIE CARDIACHE IL RUOLO DELL INFERMIERE Caterina Varaldo Monica Panucci dimensione fortemente individuale colei che è efficiente e in grado di svolgere le

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

L intervento nei disturbi dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici

L intervento nei disturbi dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici L intervento nei disturbi dell alimentazione: aspetti psichiatrici e psicologici Alberto Siracusano Direttore del Dipartimento di Medicina dei Sistemi Professore Ordinario di Psichiatria Università di

Dettagli

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento Dipendenze Patologiche CEDIAL Centro Dipartimentale Multidisciplinare per i Disturbi del Comportamento Alimentare Presidio Ospedaliero E. Albanese Padiglione

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

cell. 335 5812438 cell. 370 3310793 COMUNICATO STAMPA

cell. 335 5812438 cell. 370 3310793 COMUNICATO STAMPA UFFICIO COMUNICAZIONE ASSOCIAZIONE CONTRO I DISTURBI Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE tel. 0125 414726-011 9176594 via Triveri, 4 - Fraz. Ricardesco - Ciriè cell. 335

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

Quando un sintomo non è solo fisico

Quando un sintomo non è solo fisico SEMINARIO Quando un sintomo non è solo fisico Luciana Biancalani & Alessandra Melosi 16 Convegno Pediatrico Firenze 11-12 novembre 2011 Disturbi non solo fisici problemi psicologici conseguenti a disturbi

Dettagli

Il Disturbo Bipolare

Il Disturbo Bipolare Giovanni Fioriti Editore s.r.l. via Archimede 179, 00197 Roma tel. 068072063 - fax 0686703720. E-Mail info@fioriti.it www.fioriti.it www.clinicalneuropsychiatry.org Psichiatria: diretta da Alfonso Troisi

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il CMID, Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare Struttura Complessa a

Dettagli

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali

Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali Bozza di Percorso Integrato per la Valutazione delle Competenze Genitoriali A. La segnalazione tra servizi (Servizio Sociale, Psicologia, Npi, Ser.T., Alcologia, Salute Mentale) in presenza di minori con

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

GIORNATE NAZIONALI DI SENSIBILIZZAZIONE E INFORMAZIONE SUI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE II^ Edizione

GIORNATE NAZIONALI DI SENSIBILIZZAZIONE E INFORMAZIONE SUI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE II^ Edizione SERVIZIO MULTIDISCIPLINARE INTEGRATO PER LO STUDIO LA PREVENZIONE LA DIAGNOSI E IL TRATTAMENTO DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Responsabile: Prof.ssa Francesca D Ecclesia www.centrodcaroma.altervista.org

Dettagli

Ministero della Salute/Regione Lombardia

Ministero della Salute/Regione Lombardia Studio multicentrico sui fattori predittivi e le caratteristiche psicopatologiche dei disturbi del comportamento alimentare in età adolescenziale e preadolescenziale. Ministero della Salute/Regione Lombardia

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

STILI DI VITA E OBESITA

STILI DI VITA E OBESITA STILI DI VITA E OBESITA IL PESO DELLA VITA 8 Maggio 2010 Martinelli Franca Dipartimento di Salute Mentale RE Il Disturbo da Alimentazione Incontrollata BED Big eating disorder La definizione del disturbo

Dettagli

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD)

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) UOC PSICOLOGIA Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) Dr.ssa Annalisa Antichi (Conferenza Dipartimento DSMD, 25/6/15) L intervento psicologico mira al potenziamento

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Curriculum Vitae Dtt.ssa Ilaria Costantino 28/09/2013

Curriculum Vitae Dtt.ssa Ilaria Costantino 28/09/2013 Curriculum Vitae Dtt.ssa Ilaria Costantino 28/09/2013 Istruzione Psicologa Iscritta all Albo degli Psicologi della Lombardia N 03/15095 Date 2013, in corso Centro Terapia Cognitiva, Como Date 2011 Abilitazione

Dettagli

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS

CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS CORPOREITA E IDENTITA : INTERVENTI DI SOSTEGNO AL CAMBIAMENTO E PREVENZIONE DELLO STRESS Vanda Braida 14/05/2015 Shabkar CHE COSA SONO? COME SI MANIFESTANO? COME SI PREVENGONO? COME SI AFFRONTANO? I disturbi

Dettagli

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE i L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' FAMILIARE PRESENTA TL PROGETTO PREMESSA Negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei Disturbi del comportamento alimentare (DCA) nella

Dettagli

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO SANTA MARTA

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO SANTA MARTA POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO SANTA MARTA Una REALTA INNOVATIVA per la DIAGNOSI e la PRESA in CURA della PERSONA AFFETTA da DEPRESSIONE RISPONDERE alle ESIGENZE e GARANTIRE l ASSISTENZA della POPOLAZIONE

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM Obiettivi Obiettivi L obiettivo

Dettagli

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia

Obesità. Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale. Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Tavola rotonda 27 ottobre 2012 Obesità Il quadro epidemiologico-organizzativo regionale Lorenzo Iughetti Viviana Patianna Università di Modena e Reggio Emilia Patterns Of Overweight & Obesity Globally

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALBERTO SANTI Amministrazione Telefono dell Ufficio 06 58704411 A O San Camillo Forlanini Piazza Carlo Forlanini,

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tonegutti Lorella Data di nascita 31/07/1966 Qualifica Dietista Amministrazione AUSL Valle d Aosta via Guido Rey, 1 11100 Aosta Incarico attuale Dietista Numero

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

FUORI CONTROLLO doc. 52

FUORI CONTROLLO doc. 52 FUORI CONTROLLO doc. 52 di Daniele Cini e Claudia Pampinella regia di Daniele Cini direttore della fotografia Luigi Montebello Marina e Roslyn, Centro DCA Kenn Ghal Sahhtek, Malta LORETTA, FRANCA, MARINA

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE

PROGETTO DI FORMAZIONE Progetto formativo PROGETTO DI FORMAZIONE A DISTANZA Obesità e sue comorbilità: diagnosi, prevenzione e trattamento Dalle Raccomandazioni Internazionali alla Pratica Clinica in Italia Responsabile Scientifico

Dettagli

CURRICULUM VITAE FILIPPINI DANIELA. Laurea in Psicologia e specializzazione in Psicoterapia

CURRICULUM VITAE FILIPPINI DANIELA. Laurea in Psicologia e specializzazione in Psicoterapia CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome Nome Titolo di studio FILIPPINI DANIELA Laurea in Psicologia e specializzazione in Psicoterapia Luogo e Data di nascita Genova, 14.01.1975 Nazionalità Italiana Residenza

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA SERVIZIO PSICHIATRICO MIRANO Direttore: Dr.ssa Anna Urbani CENTRO DIURNO LA MERIDIANA Via Miranese, 18-30035 Mirano (VE) tel. 041 5795516 fax 041 5795501 BENVENUTI NEL NOSTRO CENTRO DIURNO! IN QUESTE PAGINE

Dettagli

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda Evoluzione del trattamento di Villa Garda Primo reparto per la cura ospedaliera dei

Dettagli

European initiative for democracy and human rights Initiative européenne pour la démocratie et la protection des droits de l homme PROGETTO KAIROS

European initiative for democracy and human rights Initiative européenne pour la démocratie et la protection des droits de l homme PROGETTO KAIROS PROGETTO KAIROS Progetto di intesa e collaborazione finalizzato ad attività di assistenza, cura e ricerca in favore dei rifugiati sopravvissuti a tortura e violenza organizzata tra Azienda Ospedaliera

Dettagli