Direttore Struttura Complessa di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttore Struttura Complessa di Dietetica e Nutrizione Clinica"

Transcript

1 SEMINARIO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI 2008 A tavola di tutti i colori bianco Latte, rosso, verde, arancione. Dieta e Salute con i Colori della corretta alimentazione - percorso teorico, pratico e sensoriale - AUGUSTA PALMO Direttore Struttura Complessa di Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino

2 Prevalenza dell Obesità in USA (adulti) No Data <10% 10% 14% 15% 19% 20% 24% 25% 29% 30%

3 Variazione della prevalenza di sovrappeso e obesità in alcuni Paesi

4 Prevalenza dell Obesità in bambini e adolescenti in alcuni Paesi Europei

5 Overweight (%) Equivalent to BMI > 25 kg/m years years IOTF IOTF-Cole et al definition of overweight

6 Epidemiologia dell obesità infantile in Europa Bambini : 77 milioni sovrappeso: 14 milioni / anno Obesi: 3 milioni /anno IOTF 2005

7 Aumento della Prevalenza di sovrappeso ed Obesità in alcuni Paesi Europei

8 Prevalenza nei bambini e negli adolescenti in Italia

9 Associazione BMI e mortalità Malattie Cardiovascolari Malattie Tumorali Altre Cause Hu, F. B. et al. N Engl J Med 2004;351:

10 Obesità e familiarità Familiarità per eccesso di peso corporeo nella popolazione adulta lombarda in relazione al BMI (% di soggetti) Fonte IRER Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia, maggio 2006

11 Obesità e familiarità

12

13

14

15

16 Energia e Nutrienti

17 Riduzione dei fabbisogni energetici

18 Variazione dei consumi alimentari (dati ISTAT ) 1995) % Frumento 164,6 176,1 160,3-2 Frutta fresca 44,1 78,5 119, Carne bovina 8,2 25, Carne suina 3,8 12,5 28, Altre carni 4,8 19,7 19, Pesce 4,4 7, Latte 49, ,6 +70 Formaggio 6,3 10,9 19, Uova 7, ,6 +70 Olio di oliva 5,7 11,7 11, Olio di semi 2 10,3 13, Zucchero 14,5 29,4 26,9 +85 Vino 97, Birra 3,5 12,8 23, % sui consumi

19 Evoluzione storica del consumo di grassi Corretto rapporto omega-6/omega-3= 5:1

20 Consumo di ortaggi nelle Regioni Italiane

21 Consumo di ortaggi ed obesità

22 Attività fisica

23 Attività fisica e taglia corporea nei bambini

24 EQUILIBRIO VARIETA MODERAZIONE

25 LE REGOLE DA RICORDARE OGNI GIORNO, UN MENÙ DIVERSO Dato che non esiste un alimento completo è utile mangiare in maniera varia, cambiando possibilmente ogni giorno il menù, così da fornire al nostro corpo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno per mantenerlo in buona salute 2. A TAVOLA TIENI IL RITMO!! COLAZIONE PRANZO - CENA 2 SPUNTINI NON SALTARE MAI I PASTI!!

26 ... LE REGOLE DA RICORDARE MANGIA FRUTTA E VERDURA DI DIVERSI COLORI Mangiare la giusta quantità di frutta e verdura ci aiuta ad assumere giornalmente la giusta quantità di fibre, vitamine e altre preziose sostanze 4. ACQUA!! Bere molta acqua, naturale o gassata, almeno 1,5 L al giorno o anche di più se fa molto caldo o facciamo sport. L acqua è sempre da preferire alle bibite zuccherate e ai succhi di frutta.

27 ... LE REGOLE DA RICORDARE DOLCI SI, MA CON ATTENZIONE! Limitare il consumo di dolci ad occasioni particolari. Preferire prodotti da forno semplici piuttosto che farciti con crema al cacao o al latte, ricoperti di cioccolato, o ripieni di caramello e noccioline! 6. SPUNTINO LEGGERO Cercare di ridurre il consumo di fuori pasto ipercalorici come pizzette, patatine, hamburger, merendine al cioccolato e snack vari. E meglio scegliere spuntini a base di frutta, yogurt o prodotti da forno.

28 ... LE REGOLE DA RICORDARE ATTENZIONE AI CONDIMENTI E preferibile usare l olio di oliva per condire gli alimenti, al posto di burro, panna e salse tipo la maionese DI TUTTO...UN PO! Se le porzioni sono moderate, è più facile mangiare tutti gli alimenti che ci piacciono senza dovercene privare.

29 I GRADINI DELLA PIRAMIDE 4 GRADINO 3 b GRADINO 3 a GRADINO 2 GRADINO 1 GRADINO

30 I GRADINI DELLA PIRAMIDE 4 GRADINO 3 b GRADINO 3 a GRADINO 2 GRADINO 1 GRADINO

31 I GRADINI DELLA PIRAMIDE 4 GRADINO 3 b GRADINO 3 a GRADINO 2 GRADINO 1 GRADINO

32 I GRADINI DELLA PIRAMIDE 4 GRADINO 3 b GRADINO 3 a GRADINO 2 GRADINO 1 GRADINO

33 I GRADINI DELLA PIRAMIDE 4 4 GRADINO GRADINO 3 b GRADINO 3 a GRADINO 2 GRADINO 1 GRADINO

34 LA MIA GIORNATA ALIMENTARE COLAZION E

35 LA MIA GIORNATA ALIMENTARE SPUNTINO

36 LA MIA GIORNATA ALIMENTARE PRANZO Olio di oliva

37 LA MIA GIORNATA ALIMENTARE SPUNTINO

38 LA MIA GIORNATA ALIMENTARE CENA Olio di oliva

39 DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) DCA Dinamiche restrittive Condotte di eliminazione Binge eating Alterazioni dello stato di nutrizione

40 Anoressia Nervosa INCIDENZA 7 casi/ PREVALENZA 113 casi / Tra i 15 e i 19 anni la prevalenza è di 480 casi/ abitanto MORTALITÀ PER CASI NON TRATTATI: 15-21%

41 Bulimia Nervosa INCIDENZA 21 casi/ PREVALENZA 323 casi/ Tra i 15 e i 19 anni la prevalenza di comportamenti bulimici è molto elevata se si considerano i quadri subclinici (Fassino et al in press) Alto rischio cronicità

42 Binge Eating Disorder PREVALENZA 2000 casi/ abitanti Tra gli OBESI: 5% della popolazione generale 15% di chi si sottopone a diete 30% di chi necessita di centri DCA 50% sottoposti a chirurgia bariatrica

43 DIAGNOSI BMI = Peso (kg) : h 2 (m) > 40 Obesità grave ( III grado) Obesità severa ( II grado) DAI Obesità moderata ( I grado) Sovrappeso B Normalità Sottopeso lieve-moderato < 15 Sottopeso grave AN

44 Sovrapposizione di sintomi e distribuzione trasversale del comportamento binge eating da Cuzzolaro 2000 Presenza di abbuffate compulsive BNp DAI ANr ANb BNnp Bulimia nervosa Anoressia nervosa Binge eating disorder Obesità

45 Dinamiche alimentari nell AN ANORESSIA NERVOSA Dinamiche restrittive Condotte di eliminazione Malnutrizione proteico-calorica Stati carenziali Complicanze d organo Squilibri idroelettrolitici

46 ANORESSIA NERVOSA DIAGNOSI E ASSESSMENT STORIA CLINICA : accurata anamnesi e storia dell andamento ponderale VALUTAZIONE DEI CRITERI DSM IV R ESAME OBIETTIVO : segni vitali, peso corporeo, alterazioni emodinamiche, evidenza di disidratazione,lanugo, ipertrofia parotidea, segno di Russell, alterazioni dentali DATI DI LABORATORIO

47 Anoressia nervosa Quadro clinico Riduzione delle masse muscolari e del tessuto adiposo Cute secca e distrofica, giallastra Capelli radi e sottili, lanugo Acrocianosi Ipotensione, bradicardia Ipotermia, intolleranza al freddo Stipsi, distensione addominale postprandiale, dolori addominali Ipertrofia parotidea

48 Anoressia nervosa Stati carenziali Riduzione dei livelli plasmatici di : Tiamina, Riboflavina Folico e B12 Vitamina D EFA Zinco Rame Ferro

49 Risultati della correlazione lineare tra BMI ed esami ematochimici Esame n p r 2 95% IC* Globuli bianchi 132 0,0096 0,04 0, , Globuli rossi 132 0,0001 0,19 0, , Ematocrito 150 0,0001 0,23 0, , Emoglobina 150 0,0001 0,23 0, , Linfociti 16 0,0045 0,06 0, , Transferrina 108 0,0001 0,12 0, , * IC = intervallo di confidenza

50 Anoressia nervosa Complicanze d organo CARDIOVASCOLARI Anomalie Ecgrafiche : bassi voltaggi, prolungato QT, anomalie della fase di ripolarizzazione Aritmie atriali e ventricolari Modificazioni del ventricolo sinistro : riduzioni della massa, riduzione delle dimensioni della cavità Prolasso della mitrale

51 Anoressia nervosa Complicanze d organo GASTROINTESTINALI Esofagite, ematemesi Ritardato svuotamento gastrico Ridotta motilità intestinale Stipsi Prolasso rettale Dilatazione e rottura gastrica Aumento transaminasi Aumento amilasi salivare

52 Anoressia nervosa Complicanze mediche ENDOCRINO-METABOLICHE I Alterazioni elettrolitiche : ipopotassiemia, iposodiemia (raramente ipersodiemia), ipocloremia, ipomagnesiemia, ipofosforemia ; alcalosi o acidosi metabolica Ipoglicemia Sindrome della bassa T3 Iperaldosteronismo secondario Compromissione dell immunità cellulo-mediata

53 Anoressia nervosa Complicanze mediche ENDOCRINO-METABOLICHE II estradiolo serico testosterone serico Amenorrea, oligomenorrea Ritardo puberale Arresto della crescita Osteoporosi

54 Anoressia nervosa Complicanze mediche AMENORREA Alterata funzionalità surrenalica e tiroidea Esercizio fisico Riduzione della pulsatilità del GRH ipotalamico Riduzione di FSH ed LH Perdita di peso Riduzione della leptina Deficit di zinco

55 Anoressia nervosa Complicanze mediche OSTEOPOROSI Malnutrizione Ipoestrogenismo Ipercortisolemia Acidosi metabolica Ridotta produzione epatica di IGF-1 Bassi livelli di insulina

56 Anoressia nervosa Complicanze mediche RENALI Ridotta capacità di concentrazione delle urine Calcolosi renale Nefropatia da ipopotassiemia APPARATO RIPRODUTTIVO Infertilità Insufficiente aumento ponderale durante la gravidanza Neonati di basso peso

57 Anoressia nervosa Complicanze mediche NEUROLOGICHE Neuropatia periferica Atrofia corticale reversibile Ingrandimento degli spazi ventricolari EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia con neutropenia Trombocitopenia Riduzione di alcune sottopopolazioni linfocitarie

58 BULIMIA NERVOSA Quadro clinico Dolori addominali, stipsi Pirosi gastrica, dolore retrosternale Carie dentaria con erosioni dello smalto dentale Cheilosi Eritema faringeo Ipertrofia delle ghiandole salivari Callosità sul dorso delle mani (segno di Russell) Ipotensione arteriosa

59 DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA Quadro clinico Obesità di grado medio-grave Iperglicemia Iperuricemia Dislipidemia Sindrome plurimetabolica Ipertensione arteriosa Insufficienza respiratoria Sindrome dell apnea notturna

60 Interventi nei DCA Terapia nutrizionale Psicofarmacoterapia COSTANTE RICALIBRAZIONE Psicoterapia Terapia familiare

61 DCA Compiti del team nutrizionale Interventi nei DCA Trattamento dello stato di malnutrizione Trattamento delle complicanze mediche Rieducazione alimentare

62 Anoressia nervosa Obiettivi del trattamento Interventi nei DCA Recuperare un peso normale, compatibile con la ripresa del ciclo mestruale Trattare le complicanze mediche Recuperare patterns alimentari normali

63 Bulimia nervosa Obiettivi del trattamento Interventi nei DCA Ridurre gli episodi di abbuffata e i comportamenti purging Ridurre le restrizioni alimentari Incoraggiare il corretto e non esagerato esercizio fisico Trattare le complicanze mediche

64 Disturbi del comportamento alimentare Interventi Nei DCA Livelli di intervento AMBULATORIO AMBULATORIO DAY HOSPITAL DEGENZA

65 Interventi nei DCA Disturbi del comportamento alimentare Fattori da considerare nella scelta dei livelli di intervento Severità e rapidità del calo ponderale Grado di malnutrizione Alterazioni emodinamiche Grave alterazione dei comportamenti alimentari Esami bioumorali e strumentali

66 Disturbi del comportamento alimentare Livello ambulatoriale Interventi nei DCA Peso corporeo non < al 75% del peso previsto per altezza e sesso Disponibilità del paziente a modificare i comportamenti alimentari Assenza di alterazioni bioumorali (elettroliti, glicemia, transaminasi), strumentali (ECG) e cliniche significative

67 Interventi nei DCA Disturbi del comportamento alimentare Livello ambulatoriale Valutazione e monitoraggio dello stato nutrizionale (clinico e bioumorale) Impostazione, rivalutazione e aggiornamento dietoterapia Prescrizione terapia farmacologica Monitoraggio compliance dietetica e farmacologica

68 Disturbi del comportamento alimentare Ricovero day hospital Interventi nei DCA Approfondimento diagnostico Peso corporeo < al 75% del peso previsto per altezza e sesso o scarsa risposta al trattamento ambulatoriale Presenza o persistenza di comportamenti alimentari particolarmente disturbati Alterazioni elettrolitiche significative Alterazioni emodinamiche

69 Interventi nei DCA Disturbi del comportamento alimentare Ricovero day hospital Monitoraggio clinico e bioumorale Osservazione dei comportamenti alimentari Quotidiana valutazione dietistica delle ingesta ed eventuale variazione del piano alimentare Riabilitazione nutrizionale Valutazione psichiatrica e supporto psicologico-psichiatrico Nutrizione artificiale (enterale, parenterale periferica)

70 Disturbi del comportamento alimentare Ricovero degenza Interventi nei DCA Calo ponderale grave ( p.c.< % p.i) Alterazioni elettrolitiche rilevanti ( K + <2.5 ) Bradicardia severa Ipoglicemia (<60 mg/dl), ipotermia Alterazioni emodinamiche, grave disidratazione Severa compromissione epatica, cardiovascolare, renale Scarsa risposta al trattamento ambulatoriale / day hospital Presenza di malattie concomitanti (es. diabete) Impossibilità al ricovero day hospital

71 Dietoterapia nell anoressia nervosa Interventi nei DCA Quota calorica in funzione di: peso, modalità alimentari, tolleranza al cambiamento ; kcal / die iniziali Pasti frazionati ( 3 pasti principali spuntini ) di piccolo volume da incrementare gradualmente Quota proteica 1,2-1,5 g./kg peso reale/ die Supplementi giornalieri di vitamine e minerali Eventuale utilizzo di integratori liquidi Graduale reinserimento degli alimenti precedentemente evitati

72 Dietoterapia nella bulimia nervosa Interventi nei DCA Pasti frazionati ( 3 pasti principali spuntini ) preferibilmente di piccolo volume Quota calorica : BEE (Harris Benedict) Quota proteica che rispetti circa 1 g./ kg peso ideale Graduale reinserimento degli alimenti precedentemente evitati

73 Disturbi del comportamento alimentare Indicazioni alla nutrizione artificiale Interventi nei DCA 1- Malnutrizione severa : peso corporeo < 65% del peso corporeo ideale calo ponderale recente > 30% in soggetti che: rifiutano di riprendere l alimentazione per os non sono in grado di riprendere l alimentazione adeguata Lucas 1997 Huse, 2 - Compromissione d organo: Aumento significativo AST /ALT- LDH/CPK Ozawa, Squilibrio elettrolitico

74 DECORSO E PROGNOSI ESORDIO: LA MAGGIORE INCIDENZA PER L ANORESSIA NERVOSA SI HA TRA I ANNI; IN AUMENTO I CASI PRECOCI < 14 ANNI; GLI ESORDI AD ETÀ > 18 ANNI SEMBRANO MAGGIORMENTE CORRELATI AD EVENTI DI VITA; PER LA BULIMIA NERVOSA SI HA TRA I ANNI; IL BINGE EATING DISORDER PUÒ INSORGERE ANCHE TARDIVAMENTE, MA SPESSO SONO PRESENTI IN ADOLESCENZA EATING PROBLEMS IN AUMENTO IN TUTTE LE ETÀ LE FORME ATIPICHE E LE SINDROMI PARZIALI

75 DECORSO E PROGNOSI RAPPORTO FEMMINE : MASCHI = 10:1 ; IN AUMENTO LE FORME MASCHILI SOPRATTUTTO IN CATEGORIE A RISCHIO per la grande attenzione al fisisco MOLTI CASI ARRIVANO ALL OSSERVAZIONE DEL MEDICO TARDIVAMENTE E MOLTE VOLTE LE PAZIENTI ARRIVANO DALLO PSICHIATRA ESPERTO IN DCA DOPO NUMEROSI TENTATIVI DI CURA INFRUTTUOSI E LUNGA DURATA DI MALATTIA.

76 DECORSO E PROGNOSI OUTCOME ANORESSIA NERVOSA (Ben Tovim, 2003; Steinhausen, 2002): mortalità > 5% (20 % a 30 anni follow-up) < 50 % remissione 30 % miglioramento ma non remissione 20 % cronicizzazione OUTCOME BULIMIA NERVOSA (Ben Tovim, 2003): mortalità > 5% < 75 % remissione 30 % miglioramento ma non remissione 20 % cronicizzazione

77 Disturbi del comportamento alimentare Renutrizione Interventi nei DCA Recupero ponderale GOALS: 0,5 kg /settimana nei follow up ambulatoriali 0,8-1,3 kg/ settimana durante ricovero ospedaliero

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa E semplice individuare le pazienti a rischio clinico? Parametri di laboratorio: ad es albuminemia : raramente alterata (ridotto catabolismo dell albumina e disidratazione).

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Le urgenze somatiche nei DCA: come riconoscerle e prevenirle. Enrica Manicardi

Le urgenze somatiche nei DCA: come riconoscerle e prevenirle. Enrica Manicardi Le urgenze somatiche nei DCA: come riconoscerle e prevenirle Enrica Manicardi PREVALENZA La prevalenza dell AN è 0,4 3,7% La prevalenza della BN è 1,2 4,2% Durante l adolescenza la prevalenza della sindrome

Dettagli

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI

DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE: INFORMAZIONI GENERALI DEFINIZIONE I disturbi dell alimentazione possono essere definiti come persistenti disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

INTERVENTO PRECOCE NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

INTERVENTO PRECOCE NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE INTERVENTO PRECOCE NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE A. Vanotti*, A. Di Giorgio** *U.O. di Nutrizione Clinica e Dietetica ASL della Provincia di Como ** Scuola di Specializzazione in Scienza dell

Dettagli

Complicanze fisiche dei disturbi dell alimentazione

Complicanze fisiche dei disturbi dell alimentazione Appropriatezza clinica strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione Roma 16 Luglio 2013 Complicanze fisiche dei disturbi dell alimentazione Prof. Andrea

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta

Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell'alimentazione Il ruolo del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta Guido Marinoni

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco ANNO SCOLASTICO 2014/15 La LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Lecco, realizza da diversi

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Sovrappeso: se l eccesso di peso è inferiore al 20% (del peso ideale). Obesità: se superiore al 20%

Sovrappeso: se l eccesso di peso è inferiore al 20% (del peso ideale). Obesità: se superiore al 20% Sovrappeso: se l eccesso di peso è inferiore al 20% (del peso ideale). Obesità: se superiore al 20% Eccesso di peso nell infanzia 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 1960 1988 1993 2002 2007 2015 okkio alla

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it

21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it 21 novembre 2009 7 compleanno di www.manidistrega.it Spunti di Nutrizione ed altro di Dr. Giusi D Urso Il cibo e il corpo" Dr. Stefania Pallini Spec. Endocrinologia e Malattie del Ricambio Perché il rapporto

Dettagli

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 OBESITA condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 Obesità lieve (BMI tra 30 e 34,9) Obesità moderata (BMI tra 35 e 39,9) Obesità grave (BMI 40 e oltre) l obesità centrale, in cui il grasso si accumula

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

UOSD NUCLI Unità Operativa Semplice Dipartimentale Servizio di Nutrizione Clinica, Terapia Parenterale e Anoressia Nervosa

UOSD NUCLI Unità Operativa Semplice Dipartimentale Servizio di Nutrizione Clinica, Terapia Parenterale e Anoressia Nervosa Pagina 1 di 9 I SERVIZI SPECIALISTICI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI COME TROVARCI IL PERSONALE IL SERVIZIO AMBULATORIALE L ASCOLTO DEI PAZIENTI PER MIGLIORARE IL SERVIZIO Causale preparazione / modifica documento:

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf La scelta degli alimenti e basata su molteplici fattori : storia, cultura, ambiente

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO.

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. Introduzione Le ultime raccomandazioni nutrizionali italiane per il trattamento del diabete mellito sono state stilate nel 1990 dal

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli, grassi e frutta oleaginosa

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA

LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA Newsletter Maggio 2014 GRAVIDANZA E CIBO a cura di Dr.ssa Marianna Drigo, Dietista e Consulente Nutrizionale LA GRAVIDANZA: LA BUONA ALIMENTAZIONE IN UN CORPO CHE CAMBIA La gravidanza è un evento biologico

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl.

NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl. Campagna informativa sui disturbi alimentari NON PARLIAMO DI CIBO. PARLIAMO DI TE. I disturbi alimentari rivelano disagi psicologici. Chiedi aiuto nei centri della tua Asl. Abruzzo Sanità: il nostro impegno

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta.

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Guida150x210Adolescenza 20-03-2007 14:59 Pagina 1 Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Cod. 60514621 www.automedicazione.it Sono medicinali. Leggere attentamente il foglio illustrativo.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento. Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2

La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento. Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2 La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2 Anziano Per la biologia e la medicina è anziano chi ha raggiunto un

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE

ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE www.prospe(vafamiglia.it Proge2o Generazioni Stagione 2015-16 Responsabile: Prof. Andrea Salandra ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE Ne parliamo con le do2oresse Clelia Bonaiuto e Ilaria TresPni ALIMENTAZIONE

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Linee guida nutrizionali: indispensabile bagaglio nel percorso di cura del paziente con LES:

Linee guida nutrizionali: indispensabile bagaglio nel percorso di cura del paziente con LES: Aspetti nutrizionale e comportamento alimentare nel LES Daniela Vassallo Medico chirurgo, specialista in Scienza dell Alimentazione UO di Dietetica e Nutrizione Clinica MAIL dvassallo@mauriziano.it AO

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata?

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Gli alimenti di cui disponiamo sono tantissimi e molti sono anche i modi per realizzare una dieta salutare. Ognuno di noi ha quindi

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli