La dipendenza da alcol e nicotina in adolescenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La dipendenza da alcol e nicotina in adolescenza"

Transcript

1 La dipendenza da alcol e nicotina in adolescenza A cura di Roberto Baiocco Scuola IaD Roma, 2008 Tutti i diritti riservati

2 Struttura dell Unità Didattica In questa UD approfondiremo alcune delle forme di dipendenza, da sostanza e comportamentali, maggiormente rilevanti in adolescenza. In questa sede eviteremo di trattare le dipendenze dalle cosiddette droghe pesanti come ad esempio l abuso di oppio, della morfina e dell eroina oppure di quelle sostanze che hanno un effetto farmacologico eccitante come la cocaina, il crack, le anfetamine e l ecstasy. Questa sostanze sebbene siano utilizzate ampiamente in adolescenza difficilmente trovano ambiti di intervento e trattamento non prettamente clinici e normalmente richiedono competenze scientifiche e cliniche specifiche. Per questo motivo si è preferito concentrare l attenzione a quelle forme di dipendenza che maggiormente si prestano ad un discorso educativo e a possibilità di intervento nella scuola. Tratteremo quindi l abuso alcolico e di nicotina in questa Unità Didattica. Nell Unità Didattica 5 tratteremo invece alcune delle dipendenze comportamentali più comuni: le dipendenze da tecnologia, da shopping, le dipendenze alimentari e le dipendenze relazionali. Per ogni comportamento è fornita una descrizione della sindrome, una sintesi delle variabili maggiormente connesse a tale comportamento, dati relativi alla prevalenza del disturbo e alla comorbilità, esemplificazioni o vignette cliniche e indicazione degli strumenti di valutazione specifici. Saranno inoltre presentati alcuni degli strumenti maggiormente utilizzati in letteratura per la valutazione dei diversi comportamenti di abuso. Consigliamo allo studente di leggere questa UD insieme all Appendice relativa agli strumenti per la valutazione dei comportamenti di dipendenza trattati. La semplice lettura dei quesiti di uno strumento di validazione, può, infatti, 2

3 essere d aiuto per comprendere come certi comportamenti di dipendenza sono definiti in modo operativo e possono essere valutati in modo più o meno valido e attendibile. 4.1 Uso e abuso alcolico: il fenomeno del Binge Drinking Il Ministero della Salute Italiano fornisce sul suo sito molti dati sulla pericolosità dell abuso di alcol 1. Ogni anno, secondo i dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono attribuibili, direttamente o indirettamente, al consumo di alcol: il 10% di tutte le malattie, il 10% di tutti i tumori, il 63% delle cirrosi epatiche, il 41% degli omicidi, il 45% di tutti gli incidenti, il 9% delle invalidità e delle malattie croniche. Nell intera Europa, un giovane su 4, di età compresa tra i 15 e i 29 anni, muore a causa dell alcol. Esso rappresenta attualmente il primo fattore di rischio di invalidità, mortalità prematura e malattia cronica. In Italia, l alcol è causa di circa la metà degli decessi conseguenti ad incidenti stradali; essi rappresentano la prima causa di morte per gli uomini al disotto dei 40 anni. Tra coloro che muoiono ogni anno in Italia a causa di un incidente stradale causato dall alcol circa 200 sono giovani. Sempre l alcol è la causa del 50% di incidenti con conseguenze non fatali. L Osservatorio Fumo, Alcol e Droga (OSSFAD; 2004) dell Istituto Superiore di Sanità rivela che per i giovani il bere non è inseparabile dall alimentazione ma va utilizzato per gli effetti che esercita sulle performance personali. I giovani italiani bevono per sentirsi più sicuri e loquaci in gruppo, oltre che alla moda agli occhi degli amici. Per questo, il 12,2% degli adolescenti, preferisce bere fuori dai pasti, una modalità di consumo che segue, 1 Dati citati sono stati reperiti integralmente dal sito ufficiale del Ministero della Salute - Alcol, campagna di prevenzione per i giovani all indirizzo (aggiornato all 11 Dicembre 2006). 3

4 oltretutto, un trend in ascesa nei 4 anni esaminati per entrambi i sessi (Scafato et al., 2004): + 3,9% per i maschi e + 27,6 % per le femmine. Tra le adolescenti si registra un maggiore numero di consumatrici di superalcolici rispetto agli amari. Tra le teen-ager l incremento maggiore si registra per gli aperitivi alcolici (+ 28%). L incremento maggiore, tra gli adolescenti di sesso maschile si registra per gli aperitivi alcolici (+ 32,7%) e per gli amari (+ 5,4%). Infine anche i dati ISTAT 2006 (Indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana ) testimoniano l aumento del consumo alcolico in particolare nei più giovani e nelle ragazze. L abuso di alcol dei giovani avviene generalmente sotto forma di binge cioè grandi abbuffate nelle serate del fine settimana. Ma che cos è il fenomeno definito come binge drinking cioè abbuffate alcoliche? Quale significato e quale interesse può avere per gli psicologi dello sviluppo? Il fenomeno del Binge Drinking La definizione di binge drinker fu utilizzata per la prima volta da Weshsler nel 1992, in una ricerca relativa al consumo alcolico degli studenti dei college del Massachusetts (1992). L autore definì l episodio di binge drinking come l assunzione di cinque o più drink alcolici in una stessa serata per gli uomini e quattro o più per le donne. Attualmente la definizione di binge drinking è ampiamente utilizzata nella letteratura internazionale che si occupa, in particolare dello studio dell abuso alcolico negli adolescenti e giovani adulti. Ci sembra particolarmente utile descrivere il binge drinker sia in termini di quantità di alcol ingerito che di frequenza d attuazione del comportamento di abuso. Un episodio di binge drinking è caratterizzato dal consumo di 4 o più drink in una sola occasione per le ragazze/ 5 o più drink in una sola occasione per i ragazzi. Viene poi 4

5 identificato come binge drinker colui che ha avuto da 1 a 4 episodi di binge drinking nelle ultime 2 settimane. La definizione proposta non considera come rilevante il tipo di sostanza alcolica ingerita sia essa a bassa gradazione come la birra oppure ad alto tasso alcolico come i cocktail. Questa scelta, per altro condivisa in letteratura, è dettata principalmente da due motivazioni una di natura pratica e l altra di natura psicologica. Da un punto di vista pratico sarebbe molto complicato calcolare il tasso alcolico delle varie bevande assunte. Dal punto di vista psicologico è importante ricordare che, al di là della sostanza ingerita, lo scopo principale delle abbuffate alcoliche è la perdita del controllo, l ubriacatura. La sostanza spesso rappresenta solo un mezzo e non un fine. Da un punto di vista evolutivo... La prima intossicazione alcolica si verifica intorno ai 13 anni, magari durante una gita scolastica. Il comportamento di abuso tende ad aumentare durante l adolescenza - con un picco massimo tra i 18 e i 22 anni - e poi gradualmente tende a diminuire. Consultando la letteratura internazione emerge un identikit abbastanza preciso del binge drinker: di genere maschile, studente universitario sotto i 24 anni, è un fuori sede e alloggia in un college o in una casa dello studente. La vita sociale e relazionale del binge drinker è soddisfacente, fuma sigarette e consuma marijuana. I ragazzi che durante le scuole medie superiori hanno dei comportamenti di binge drinking hanno una probabilità tripla di diventare binge drinker quando iniziano a frequentare l Università. A differenza di altri comportamenti di abuso, il fenomeno non solo è più rilevante negli adolescenti rispetto agli adulti ma è anche più diffuso tra gli studenti universitari rispetto ai coetanei che lavorano. 5

6 Una rassegna tra gli studenti di college americani evidenzia tra il 1993 e il 2001 una percentuale intorno al 44% di binge drinker (51% dei ragazzi vs 40% delle ragazze). In Australia, il 30% degli studenti delle scuole medie superiori (16-17 anni) possono essere definiti come binge drinkers e l 80% dei preadolescenti di 12 anni riportano di aver già consumato sostanze alcoliche. La percentuale dei binge drinker in Italia è circa il 31% (Baiocco, D Alessio e Laghi, 2008) con una percentuale maggiore di maschi rispetto alle femmine (Grafico 4.1). Grafico 4.1. Suddivisione del campione in riferimento al consumo alcolico Binge drinker 31% Forte bevitore 5% Non bevitore 7% Bevitore sociale 57% Rispetto all età i giovani che frequentano i primi anni dell università riferiscono maggiori comportamenti di abuso rispetto ai loro colleghi più anziani. Gli studenti delle Università del centro Italia, in particolare quelli che vivono fuori casa, sono maggiormente classificati come binge drinker rispetto a quelli che frequentano Università del sud e del Nord Binge Drinking: quali variabili indagare Il Binge drinking è un attività a rischio con moltissime ripercussioni sia sul piano sociale che sul benessere psico-fisico del soggetto. Molti sono gli esiti 6

7 negativi come la progressione verso forme più gravi di abuso di alcol o addirittura di sostanze, incidenti stradali, attività sessuale a rischio, violenza e vandalismo, comportamento criminale, perdita d efficienza nello studio. Variabili di personalità. Numerose sono le variabili di personalità indagate dalla letteratura in riferimento all abuso alcolico. Gli individui definibili come estroversi bevono nella stessa serata molto di più degli introversi e in genere evidenziano dei pattern più stabili nel comportamento di abuso anche in età adulta. Diversi studi evidenziano come il disagio psichico, la solitudine, la depressione, l ansia e lo stress sono variabili associate al binge drinking. I dati sembrano suggerire che, specialmente in adolescenza, l alcol venga utilizzato frequentemente come medicina per curare emozioni a valenza negativa, per combattere la solitudine e per strare meglio. La ricerca di sensazioni (sensation seeking) è un altra variabile di personalità particolarmente rilevante per lo studio di molti comportamenti a rischio in adolescenza (Baiocco, Laghi e D Alessio, in press). Aspettative nei confronti dell alcol. L alcol, specie nei contesti universitari, viene considerato a pieno diritto come parte della vita da studenti e come mezzo per integrarsi socialmente, per ridurre la tensione e come premio per un successo accademico. I giovani adulti dichiarano di bere per divertimento, per stare bene, per essere alla moda, per sembrare più estroversi o semplicemente per combattere la noia. Sono state riscontrate interessanti differenze di genere: le ragazze bevono essenzialmente per la solitudine, per evadere dai problemi, per curarsi da aspetti depressivi; i ragazzi, invece, per conformarsi al gruppo e per provare sensazioni piacevoli. Influenza del gruppo dei pari e della famiglia. L uso dell alcol da parte del gruppo dei pari o dei propri genitori è associato a comportamenti di binge 7

8 drinking. Il gruppo dei pari può considerarsi sia un fattore di rischio che di protezione rispetto all insorgenza e cronicizzazione dei comportamenti a rischio. Una recente ricerca (Morrongiello e Daweber, 2004) sui fattori che influenzano le decisioni degli adolescenti nell attuazione dei comportamenti a rischio ha evidenziato come l influenza del gruppo dei pari, e in particolare quella del migliore amico, risulti avere un peso maggiore della famiglia stessa (Zimmermann, 2004). Una recente ricerca italiana (Baiocco et al., 2008) ha evidenziato una differenza significativa tra le dichiarazioni dei bevitori sociali e i binge drinkers in riferimento al contesto relazionale: seppur entrambi i gruppi hanno dichiarato di aver bevuto la prima volta con gli amici, i social drinkers presentano una percentuale nettamente inferiore rispetto ai binge (59% vs 74%). Questo dato suggerisce che il gruppo dei pari può influenzare in modo considerevole i comportamenti legati al consumo, in particolare quelli più trasgressivi come le abbuffate alcoliche. Anche il numero degli amici che bevono regolarmente alcol è risultata essere una variabile interessante che differenzia l uso dall abuso alcolico. I bevitori sociali riferiscono, infatti, di aver un numero minore di amici che bevono, tra tre e quattro, mentre questo numero sale con i binge e con i forti bevitori che riferiscono di avere mediamente tra i 5 e i 6 amici con cui condividono probabilmente un uso eccessivo di bevande alcoliche. La ricerca ha rilevato, inoltre, come vi siano delle differenze di genere significative: per i ragazzi il comportamento a rischio è influenzato dall aspetto edonistico associato al comportamento, per le femmine vi sarebbe invece un tentativo di sintesi tra ciò che pensano i familiari del comportamento a rischio, ciò che pensano loro stesse, il giudizio del miglior amico. Per quanto riguarda l uso di sostanze stupefacenti l influenza dei pari è stata universalmente identificata come il fattore singolo maggiormente in grado di predire l uso di sostanze. 8

9 Rispetto alle relazioni genitore-figlio, è ormai evidente che la probabilità che un ragazzo manifesti comportamenti problematici, non solo in riferimento all alcol, è direttamente connessa con la capacità dei genitori di controllare che i propri figli non siano coinvolti in situazioni di rischio. A conferma di ciò diversi studi di Barnes e collaboratori (1999) evidenziano che il fattore maggiormente predittivo di comportamenti problematici susseguenti all uso di alcol è proprio il grado di controllo genitoriale (parental monitoring), espresso dalla conoscenza e dall interesse verso le attività dei figli. I genitori possono limitare l esposizione alle situazioni rischiose o la vulnerabilità verso tali situazioni ed esercitare la loro influenza anche sulla rete sociale del ragazzo, per esempio sulla scelta degli amici. Numerosi autori di impostazione sistemico-relazionale hanno inoltre enfatizzato la rilevanza di variabili quali la comunicazione, la coesione, il conflitto, il grado di differenziazione/invischiamento della famiglia, i miti familiari, come elementi rilevanti per la strutturazione di una dipendenza alimentare. Finestra 1. Il Decalogo per i genitori Dieci consigli rivolti ai genitori per aiutare i figli a scegliere consapevolmente quando e come consumare le bevande alcoliche (messo a punto dall OSServatorio Fumo Alcol Droga dell Istituto Superiore della Sanita ) 11. I giovani per natura sono poco inclini al conformismo. È bene allora sfruttare questa sana predisposizione per osservare e smontare con loro la pubblicità sugli alcolici trasmesse dai media. Può essere un ottimo esempio per incrementare la capacità critica su ciò che la pubblicità promette e che 9

10 poi, di fatto, non trova riscontro nella realtà quotidiana. 22. I ragazzi sempre più frequentemente bevono per superare difficoltà di relazione e assumere un ruolo all interno del gruppo. Quando l alcol acquista un valore comportamentale, ai genitori spetta un ruolo chiave: dare il buon esempio, creando un ambiente familiare in cui la presenza dell alcol è visibile, ma discreta e il consumo moderato. 33. Parlare ai giovani, fin da quando sono bambini, dei danni e dei rischi legati all alcol. Esordire con questo tipo di discorsi in età adolescenziale, quando tutto è soggetto a critica e frutto dell esagerazione dei genitori, può anche essere controproducente. 44. Insegnare ai giovani che prima dei 15 anni l apparato digerente non è ancora in grado di smontare l alcol, perché il sistema enzimatico non è completamente sviluppato. Le ragazze inoltre, e in generale tutte le donne, sono in grado di eliminare la metà di una dose d alcol che riesce a metabolizzare un uomo. 55. Sia le adolescenti che le donne adulte devono sapere che l alcol nuoce al feto. Il nascituro non è dotato di sistemi enzimatici capaci di smaltire l alcol. Sono sufficienti due bicchieri di bevanda alcolica al giorno per pregiudicare la salute del bambino e distruggere i neuroni di un cervello ancora in formazione. 66. Un preciso limite separa il consumo dall abuso. È bene, dunque, preparare i giovani, informandoli su come le performance individuali cambino sotto l influenza di un abuso alcolico. Anche una banale serata in pizzeria può trasformarsi in una situazione a rischio quando si deve 10

11 tornare a casa in motorino. 77. Insegnare ai ragazzi a leggere le etichette e analizzare con loro le bottiglie e le lattine contenenti alcol da cui sono attirati per la forma, il colore e il sapore. Serve a far sentire più complici i genitori, ma al contempo è un occasione per evidenziare particolari importanti, spesso trascurati, come, ad esempio, la gradazione alcolica. 18. Spiegare ai giovani che il nostro organismo richiede nel tempo quantità sempre maggiori di alcol per provare le stesse esperienze di piacere. L obiettivo di sentirsi più disinvolti, loquaci ed euforici richiede quantità progressivamente crescenti. I bicchieri aumentano, si perde il controllo ma si diventa anche dipendenti dall alcol. 29. Coinvolgere i figli nell organizzazione di una festa o di un semplice incontro può essere l occasione per dimostrare che ci si può divertire anche con le sole bevande analcoliche. 10. I genitori dovrebbero compiere un training lungo tutto il percorso di vita dei figli, orientandoli al consumo di bevande analcoliche (non solo a casa, ma anche al ristorante o in pizzeria), non favorendo un consumo precoce e dando sempre un esempio di moderazione. Tempo libero e disponibilità economiche. Anche alcune dimensioni che caratterizzano lo stile di vita dell adolescente sembrano essere particolarmente importanti: passare molte ore fuori casa oppure avere molto tempo libero sembra predire in modo significativo l assunzione di comportamenti di abuso alcolico. Secondo una ricerca finlandese, la 11

12 disponibilità di risorse finanziarie è positivamente correlata a fenomeni di binge drinking: i bambini di 14 anni che ricevono una quantità maggiore di denaro dai propri genitori riferiscono un numero maggiore di intossicazioni da alcol rispetto ai loro coetanei. In riferimento al contesto italiano DiGrande et al. (2000) evidenziano la presenza di due variabili particolarmente rilevanti nel predire il comportamento di binge drinking in adolescenza: a) aver incontrato per la prima volta la sostanza alcolica la di fuori del contesto familiare e b) bere regolarmente al di fuori della famiglia. Frequentare certi locali invece di altri è un altra variabile importante non solo per l iniziazione del comportamento ma anche per il successivo coinvolgimento e per i comportamenti di abuso. Il locale, in particolar modo in adolescenza, assume il significato di contesto in grado di influenzare le abitudini del soggetto e l interpretazione dei propri e altrui comportamenti. Alcol e sviluppo dell identità. Gli adolescenti devono fare i conti con una serie di cambiamenti a livello corporeo, cognitivo, affettivo e relazionale che investono tutti gli ambiti della loro vita. Anche il contesto sociale si aspetta da loro nuove cose, spesso contraddittorie: maggiore maturità, impegno, capacità di vedere e fare le cose in modo adulto. In questa situazione gli adolescenti possono provare sentimenti di inadeguatezza, incertezza, sentire di non avere fiducia in se stessi. Chi sente il peso di questa fase del ciclo di vita come un fardello troppo complesso, potrebbe cercare soluzioni e strumenti che possano servire ad alleviare e rendere meno faticoso il cammino verso l età adulta. L uso di alcol può diventare un aiuto a volte irrinunciabile per ridurre stati emotivi negativi di ansia, angoscia, insoddisfazione (Baiocco et al., 2008). Gli adolescenti sperimentano diverse crisi di identità utili a costruire nuove identità. Già Erickson (1950) e Marcia (1993) hanno messo bene in evidenza 12

13 come la costruzione dell identità non sia un meccanismo semplice e privo di fatiche. I giovani devono superare una serie di compiti di sviluppo necessari per integrare l immagine di se stessi in un tutto unico in cui siano sintetizzate le diverse identificazioni infantili e le nuove esperienze di sé. Il consumo di alcol, così come di altre droghe, può servire come uno strumento per avere e per trasmettere una nuova immagine di sé: non più bambino ma adulto in grado di controllare in modo personale le proprie azioni e dunque la propria vita. Bere alcol può servire all adolescente per trasmettere agli adulti e ai suoi pari un immagine di sé nuova, emancipata, libera dai condizionamenti dell infanzia. L alcol appare come l oggetto proibito, la trasgressione delle regole genitoriali e del mondo degli adulti da cui l adolescente si vuole sganciare per tentare di costruire il proprio percorso di vita in modo autonomo e indipendente. L adolescente ha bisogno di scoprirsi e fare esperienza di sé, e lo fa in tempi e modalità diverse individuando e costruendo differenze tra sé e gli altri. Utilizzare sostanze pericolose aiuta il giovane ad intraprendere una lotta con cui creare le distanze e rimarcare le differenze che gli permettono di tracciare i confini della propria identità. Proprio grazie a queste violazioni delle norme l adolescente pensa di rendersi autonomo e di sciogliere quei legami affettivi di dipendenza dai genitori che gli impediscono di costruirsi la propria identità e individualità personale. Col crescere dell età si assottiglia il numero di coloro che abusano di alcol. Man mano che l identità personale si sviluppa e si struttura in modo sempre più stabile, sembra diminuire anche il bisogno di utilizzare in modo eccessivo l alcol, così come le altre droghe. Diverse ricerche hanno messo in luce la relazione tra stati di identità dell Io dell adolescente e consumo di bevande alcoliche. Jones e Hartmann (1989) trovarono che gli adolescenti nello stato diffuso dell identità riportavano il grado più alto di consumo, mentre i soggetti in status di blocco dell identità 13

14 riportavano minori esperienze di consumo di bevande alcoliche. Jones et al. (1989) riportarono in una loro ricerca che gli adolescenti con un problema di abuso di sostanze hanno punteggi più bassi nello status di moratoria dell identità e nello status di acquisizione dell identità e punteggi più alti di status di blocco dell identità rispetto a soggetti appartenenti a gruppi non clinici. Bishop et al. (1997) misero in luce che soggetti al primo di anno di università, con status dell identità meno maturi (diffuso o blocco) consumavano maggiori quantità di alcol rispetto a soggetti che presentavano status di identità più maturi. Lo stesso autore nel 2005, utilizzando un disegno di ricerca longitudinale, mise in evidenza che gli adolescenti che mostrano un progressivo sviluppo dell identità riportano anche una diminuzione del consumo di alcol rispetto agli adolescenti che non presentano maturazioni significative dell identità. Una recente ricerca italiana sulla relazione tra stati di identità e consumo alcolico (Baiocco et al., 2008) suggerisce che l uso eccessivo di alcol in adolescenza è associato con un sviluppo non completo dell identità. Se confrontiamo i bevitori sociali con i binge drinker, questi ultimi si caratterizzano come soggetti che non hanno ancora cominciato percorsi chiari di esplorazione delle loro risorse, dei loro interessi, della loro identità e non sono nemmeno capaci di investire psicologicamente su scelte che possano dare una direzione chiara al loro percorso di crescita Comorbilità e polidipendenza Il termine comorbilità è utilizzato in ambito medico, psichiatrico e psicologico ed indica la copresenza di due o più diagnosi di psicopatologie in un soggetto. Nello specifico si parla di doppia diagnosi quando ad un disturbo 14

15 mentale si associa una condizione di dipendenza che complica il quadro clinico. Diversi studi hanno evidenziato una relazione tra disordini affettivi e consumo di alcol, in particolare hanno mostrato che disturbi di ansia e consumo di alcol spesso sono presenti insieme. In una ricerca condotta in Australia, Rodgers e collaboratori (2000) hanno mostrato una relazione curvilinea ad U tra tipologia di consumo alcolico e punteggi in una scala di depressione ed ansia. Emerge cioè che chi non beve per niente e chi beve moltissimo ha molta più probabilità di incorrere in problemi di depressione e di ansia rispetto a chi beve moderatamente. Un forte bevitore su dieci sviluppa una dipendenza psicologica verso l alcol (Lukassen et al., 2005) e un quarto degli di chi abusa pesantemente di alcol ha problemi di depressione. Il 32,3 % dei forti bevitori che ha sviluppato la dipendenza verso l alcol è anche depresso. I soggetti con problemi di doppia diagnosi possono essere inquadrati in due distinti gruppi di psicopatologie. Il primo gruppo si caratterizza per problemi di grave carenza affettiva, scarsa capacità di elaborazione cognitiva, elevata impulsività, senso di angoscia. Fanno parte di questo gruppo soggetti con personalità psicopatiche, schizoidi e borderline. Appartengono al secondo gruppo soggetti che soffrono di sindrome ansiosa e/o depressiva. Indagini cliniche ed epidemiologiche hanno messo in luce che il consumo di alcol si associa a consumo di altre sostanze come droghe, fumo e medicine. Il termine poli-dipendenza si riferisce alla presenza, ampiamente documentata in letteratura, di diverse forme di addiction nello stesso individuo (Couyoumdjian, Baiocco e Del Miglio, 2006). Gossop (2001) a tale proposito ha recentemente coniato l espressione rete di dipendenza o web of addiction per indicare l interdipendenza tra diverse forme di addiction. Studi recenti indicano che, rispetto al contesto americano, il 72% di adolescenti con una diagnosi di dipendenza da alcol utilizza in maniera 15

16 problematica anche altre sostanze; le combinazioni più frequenti sono tra alcol e marijuana e tra alcol e allucinogeni (Ingram e Price, 2001). Un alta percentuale di alcolisti in trattamento riferisce un precedente abuso di sostanze, mentre l abuso alcolico è un fattore che complica il trattamento della tossicodipendenza (Miller e Downs, 1995). Un terzo degli adolescenti con bulimia nervosa beve in modo esagerato, usa nicotina e fuma marijuana (Wiederman e Pryor, 1996); il 35% di studenti delle scuole secondarie con problemi di dipendenza alcolica ha anche problemi di comportamento alimentare (Peluso et al., 1999). Il 40% di adulti con diagnosi di anoressia e bulimia abusano anche di alcol e droga, mentre il 22% usa cocaina al fine di alleviare i propri sintomi (Gold et al., 1987). Una recente ricerca di Baiocco (2005) indica che in un campione di 1200 adolescenti circa il 60% riferisce problemi di addiction, di cui solo il 17 % dichiara una sola dipendenza. Il 22% dichiara di avere due o tre forme di dipendenza, il 21% addirittura quattro tipi diversi di dipendenza. Questi dati ci indicano che per i giovani la norma sembrerebbe la polidipendenza. 16

17 4.2 Il Tabagismo come comportamento di dipendenza Ci sono voluti decenni prima che l assunzione cronica del tabacco, ormai definita tabagismo venisse considerata dipendenza e non un vizio o una cattiva abitudine legata ad una scelta personale. Finestra 2. Il fumo in Italia: alcuni dati epidemiologici L Italia è tra i primi dieci paesi al mondo con la maggiore produzione di tabacco e al quarto posto nella vendita di sigarette e nel consumo pro-capite dell Unione Europea. Il fumo nel nostro paese provoca circa 90 mila morti l anno, di cui la maggior parte per tumore ai polmoni (Mangiaracina, Ottaviano, 2004). I risultati dell indagine condotta dalla Doxa tra marzo e aprile 2005 mostrano che attualmente fuma il 25,6% degli adolescenti e adulti. Rispetto all età l incidenza maggiore del fumo si riscontra nella fascia di età compresa tra i 25 e i 44 anni. Nelle fasce di età comprese tra i 15 e i 24 anni e tra i 44 e i 65 anni l incidenza del fumo è quasi equiparabile. L età media in cui si inizia stabilmente a fumare è di 17 anni per i maschi e 19 anni per le femmine, tuttavia il 45,1% dei maschi e il 33,8% delle femmine ha dichiarato di aver iniziato a fumare tra i 15 e i 17 anni e il 19,2% dei maschi contro il 13,5% delle femmine ha iniziato a sperimentare il fumo ancora prima dei 15 anni. Riassumendo i suddetti dati possiamo dire che il fumatore medio italiano è in prevalenza uomo, di età compresa tra i 25 e i 44 anni, ha un consumo medio di 14 sigarette al giorno e ha iniziato stabilmente a fumare tra i 15 e i 17 anni. Ciò dimostra che l avvio del comportamento tabagico avviene nella maggioranza dei casi in adolescenza e una volta che l abitudine si è stabilita è difficile liberarsene. 17

18 È universalmente riconosciuto che la nicotina, uno dei costituenti del tabacco, genera dipendenza. Sappiamo inoltre che la nicotina ha un potere additivo maggiore dell alcol. La dipendenza da tabacco viene considerata ormai una patologia a tutti gli effetti. D altra parte nel 1992 l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel suo International Classification of Diseases (ICD-10) inserisce per la prima volta il fumo di tabacco nella sezione dedicata ai disordini mentali e comportamentali legati all uso di sostanze psicoattive. Anche il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-IV), creato dall American Psichiatrics Association (APA), nel 1994 ha classificato la nicotina-dipendenza tra i disturbi psichiatrici ( Gremigni, 2005). Più specificatamente, il DSM-IV include la dipendenza da nicotina tra i disturbi correlati a sostanze e specifica che quelli correlati alla nicotina possono essere di due tipi: 1. disturbo da uso di nicotina in cui è riconosciuta la dipendenza; 2. disturbo indotto da nicotina nel quale è riconosciuta l astinenza. La dipendenza da una sostanza viene considerata dal DSM-IV come una condizione in cui sono presenti una serie di specifici sintomi quali la tolleranza (intesa come bisogno di aumentare la quantità della sostanza per raggiungere gli effetti desiderati o marcata riduzione degli effetti con l uso prolungato della stessa dose), la sindrome di astinenza, assunzione frequente della sostanza o in quantità maggiore delle intenzioni, l uso continuo nonostante la consapevolezza di persistenti e ricorrenti problemi fisici o psicologici causati dalla sostanza. L astinenza da nicotina, invece, viene considerata dallo stesso manuale come una sindrome che si sviluppa in seguito alla brusca cessazione, o riduzione, dell uso di prodotti contenenti nicotina dopo un periodo prolungato di uso 18

19 giornaliero. Tale sindrome include l umore disforico o depresso, l insonnia, l irritabilità, le difficoltà di concentrazione, ecc. A prescindere dalle definizioni date dal DSM-IV, gli effetti fisiologici e psicologici della nicotina sono estremamente rilevanti. D altra parte è ormai accertato che ciò che spinge le persone a fumare è proprio l effetto psicofisiologico della nicotina che sembra essere la responsabile della dipendenza. Quella della nicotina è una dipendenza psicofisica in quanto si presenta come una dipendenza psicologica di piacere ma agendo a livello del sistema nervoso centrale è riconducibile a cause fisiche. La nicotina e il suo ruolo. Il fumo sprigionato dal tabacco contenuto nelle sigarette, nei sigari e nelle pipe, è costituito da più di sostanze tutte nocive per la salute tra le quali le principali sono: le sostanze irritanti e ossidanti, le sostanze cancerogene (catrame), il monossido di carbonio e la nicotina che rientra tra le sostanze alcaloidi. Tra tutti i costituenti del tabacco la responsabile attiva della dipendenza è la nicotina che assorbita attraverso i polmoni, entra nel sangue e nel giro di 10 secondi raggiunge il cervello dove attiva i recettori specifici e induce il rilascio di dopamina. La nicotina, dunque, al pari di altre sostanze psicoattive, ha effetti invasivi sulla neurochimica del cervello. In modo particolare essa agisce attivando due centri cerebrali: il sistema mesolimbico dopaminergico, anche definito come centro cerebrale del piacere, la cui stimolazione è responsabile della farmacodipendenza; il locus cereleus che è il responsabile dello stato di vigilanza e la cui stimolazione fa sì che migliorino le capacità cognitive, la concentrazione, l attenzione (NIDA, 2001). L attivazione dei recettori specifici e il rilascio di dopamina è un effetto prodotto anche da altre droghe come marijuana, cocaina ed eroina ma al 19

20 contrario delle altre droghe la nicotina non genera allucinazioni e stato di confusione. La nicotina sensibilizza il nucleo delle cellule cosicché la somministrazione della stessa dose in modo continuato aumenta la produzione e il rilascio di dopamina nel cervello che ovviamente dà una sensazione piacevole, ma l uso ripetuto di questa sostanza, come è stato riscontrato, produce assuefazione a questo tipo di sensazione (Baker, Brandon, Chassin, 2004). D altra parte numerose ricerche hanno dimostrato che l esposizione cronica alla nicotina ha come risultato la dipendenza fisica da essa, che si esprime attraverso i sintomi tipici della crisi di astinenza. Tali sintomi, come indica anche il DSM-IV, includono la disforia, l impossibilità di concentrarsi, l insonnia e durano per mesi dopo l interruzione di assunzione di nicotina. Processi che incentivano il comportamento tabagico. Uno degli aspetti che induce le persone a continuare a fumare sembra essere proprio la dipendenza indotta dalla nicotina; tuttavia tale spiegazione non sembra sempre valida in quanto ci sono molti fumatori che assumono una bassa quantità di nicotina ma nonostante ciò queste persone non riescono a smettere di fumare (Gremigni, 2005). In questi casi sono valide altre spiegazioni come il fatto che il fumare è diventato una gestualità consueta a cui sembra difficile rinunciare, oppure può rappresentare semplicemente una strategia per affrontare certe situazioni. Nel caso degli adolescenti poi, come abbiamo visto precedentemente, il fumare può assolvere ad una serie di funzioni strettamente connesse ai compiti evolutivi. La nicotina essendo uno stimolatore psicomotorio produce sensazioni soggettive che sono definite come eccitazione o euforia e questo, come abbiamo visto, sembra responsabile del suo uso e della dipendenza da essa. 20

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare. OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Alcol: sei sicura? Le ragazze

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere

se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere Comune di Genova Direzione Città Sicura Societa' Italiana di Alcologia Sezione Ligure se guidi, non bere! Conoscere, Capire, Scegliere A cura di : Prof. A.c. Ornella Ancarani Prof. A.c. Gianni Testino

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Un alcolista fra noi: che fare?

Un alcolista fra noi: che fare? Tredimensioni 3(2006) 180-187 S T U D I Un alcolista fra noi: che fare? Luciano Ruozzi * L immaginario comune dipinge l alcolista come un emarginato, mezzo barbone, con gravi deficit psichici e dal comportamento

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Comportamenti e stili di vita degli adolescenti della provincia di Palermo

Comportamenti e stili di vita degli adolescenti della provincia di Palermo Progetto Attiv@ Giovani Comportamenti e stili di vita degli adolescenti della provincia di Palermo Una ricerca per promuovere e migliorare i programmi di promozione della salute degli adolescenti Relazione

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli