DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY"

Transcript

1 DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che figurano in una dichiarazione anticoncussione e corruzione. La presente dichiarazione è indicata a pagina 1 del presente documento. Johnson Matthey ha una politica globale contro la concussione e la corruzione, che sostiene i propri impegni in merito. Una sintesi della politica si trova alle pagine 2-7 di questo documento.

2 DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONEJOHNSON MATTHEY Per tutti i dipendenti Johnson Matthey e gli altri associati al Gruppo Johnson Matthey Johnson Matthey opera in tutto il mondo, ed è orgogliosa della propria reputazione di agire con integrità e onestà ovunque operi. Questa reputazione è stata una pietra miliare delle attività di Johnson Matthey da quando è stata fondata nel 1817 e rimane così tutt oggi. Diamo molto valore alla nostra reputazione e la riteniamo essere uno dei nostri punti di forza competitivi. È essenziale che i dipendenti di Johnson Matthey a tutti i livelli in tutte le parti del mondo e tutti quelli connessi con il Gruppo Johnson Matthey Gruppo proteggano la nostra reputazione. Concussione e corruzione In considerazione della natura, la portata e il raggio geografico delle nostre attività, è importante affrontare il rischio di concussione e corruzione al fine di proteggere la nostra reputazione. La concussione e la corruzione rappresentano un grave problema globale, causando danni alle società e agli individui in tutto il mondo. Essa mina la democrazia e lo Stato di diritto, porta a violazioni dei diritti umani, distorce il mercato, erode la qualità della vita e permette il proliferare di criminalità organizzata, terrorismo e altre minacce alla sicurezza umana. Concussione e corruzione sono reati. In caso di condanna, Johnson Matthey in qualità di società può ricevere una multa significativa e subire danni permanenti, sia sul piano finanziario che alla nostra reputazione, ed i nostri amministratori e dirigenti possono trovarsi di fronte una multa o a reclusione. Anche i singoli individui, analogamente, rischiano una multa o la reclusione. I terzi che fanno affari con noi sono tenuti ad aderire alle disposizioni contrattuali in materia di prevenzione della corruzione, oppure rischiano la cessazione del rapporto d'affari. I nostri impegni anticoncussione e corruzione Johnson Matthey, attraverso il suo Consiglio di Amministrazione e il Comitato Esecutivo, intraprende i seguenti impegni: Ci impegniamo per un approccio di tolleranza zero verso concussione e corruzione. Concussione e corruzione non sono accettabili da parte o per conto di Johnson Matthey - non li tollereremo nella nostra azienda o da parte di coloro con i quali facciamo affari. Ci impegniamo ad agire in modo equo, onesto, aperto e in maniera etica in tutti i nostri rapporti commerciali e relazioni ovunque operiamo. Ci impegniamo a sostenere le leggi nazionali e internazionali e i regolamenti relativi alla lotta contro la concussione e la corruzione in tutti i luoghi in cui operiamo. Ci impegniamo ad attuare e far rispettare sistemi efficaci all'interno di Johnson Matthey per contrastare il rischio di concussione e corruzione. Politica globale anticoncussione e corruzione La nostra politica globale contro la concussione e la corruzione sostiene il nostro impegno contro tali pratiche ; essa stabilisce in termini pratici come ci si deve comportare e cosa si deve fare se ci si trova di fronte a concussione e / o corruzione. Ci aspettiamo che tutti voi mettiate in pratica questa politica in ogni momento in tutti gli aspetti del vostro lavoro. Supporto In caso di domande o dubbi relativi a concussione e corruzione, si prega di fare riferimento alla politica o cercare supporto presso l ufficio Legale Johnson Matthey. È possibile effettuare una segnalazione in buona fede su

3 sospetta concussione o corruzione o altre presunte irregolarità nell'ambito della politica di Johnson Matthey, e questa segnalazione sarà trattata in maniera confidenziale. In alternativa si possono segnalare le proprie preoccupazioni in modo anonimo e confidenziale attraverso la Johnson Matthey EthicsLine, dal numero verde locale o online. Ci aspettiamo la vostra collaborazione per contribuire a proteggere voi e Johnson Matthey dal rischio di concussione e corruzione. Grazie Neil Carson, Chief Executive, Johnson Matthey PLC Dicembre 2011

4 RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Quanto segue è una sintesi della politica globale anticoncussione e corruzione di Johnson Matthey. Essa definisce i principi fondamentali contenuti nella politica e ha lo scopo di familiarizzarvi con le questioni fondamentali trattate. È solo una sintesi, e si prega di fare riferimento alla politica completa, disponibile sulla Intranet Aziendale di Johnson Matthey, presso il responsabile delle risorse umane locali e presso l ufficio legale del gruppo. Per qualsiasi domanda, rivolgersi all ufficio legale. CHI È COPERTO DALLA POLITICA? La politica copre: Johnson Matthey PLC e tutte le sue filiali e consociate in tutto il mondo, comprese le joint venture in cui Johnson Matthey ha un interesse. Essa copre anche ogni individuo che lavora per o con il Gruppo, a qualsiasi livello o grado e ovunque si trovi. La politica si applica anche a terzi assunti dal Gruppo, compresi agenti, distributori, fornitori di servizi e consulenti. COSA SI INTENDE PER CONCUSSIONE E CORRUZIONE? La corruzione comporta il dare o ricevere denaro o qualsiasi altra cosa di valore come incentivo o ricompensa per un atto improprio. Un atto sarà improprio se comporta l esecuzione (o mancata esecuzione) di una funzione in maniera illegale, non etica, in mala fede, non imparziale, o in violazione di una posizione di fiducia. Il destinatario di una tangente può operare nel settore privato (cioè nel mondo degli affari) o nel settore pubblico (ad esempio, nel governo o in una società di proprietà statale). La corruzione può aver luogo se l'offerta o il pagamento viene effettuato indirettamente tramite terzi, come ad esempio un agente. Le tangenti possono assumere forme diverse, come pagamenti in contanti, regali, ospitalità (ad esempio pasti, soggiorni in albergo o biglietti o inviti ad eventi sportivi e culturali), altre spese promozionali (ad esempio spese di viaggio e alloggio), contributi politici o donazioni di beneficenza. LIMITAZIONI GENERALI La politica contiene alcune restrizioni di carattere generale che aiutano a controllare il rischio di concussione e corruzione. È vietato, direttamente o indirettamente tramite terzi: fornire denaro o qualsiasi altra cosa di valore a qualsiasi persona: (1) con l'intenzione di ottenere, mantenere o premiare un vantaggio commerciale scorretto o di altro tipo, o (2) per indurre una persona ad agire in modo improprio o come ricompensa per farlo, o (3) sapere o credere che l'accettazione da parte dell'altra persona sarebbe impropria, o ricevere denaro o qualsiasi altra cosa di valore se si sa o sospetta che: (1) è offerta o fornita con l'intenzione di indurre una persona a fornire un vantaggio commerciale scorretto o di altro tipo o di agire in modo improprio, o come ricompensa per farlo, o (2) la richiesta stessa è impropria. Il denaro o qualsiasi altra cosa di valore include qualsiasi ospitalità regalo o altri oneri promozionali o qualsiasi altro vantaggio finanziario o di altro tipo. I riferimenti a "fornire" includono l'offerta, la promessa e l autorizzazione. I riferimenti a "ricevere" includono la richiesta, sollecitazione e accettazione. Queste restrizioni generali sono supportate da norme speciali che si applicano a: (1) Regali, ospitalità e altre spese promozionali, (2) situazioni in cui sono coinvolti funzionari pubblici, (3) i pagamenti di agevolazione, (4), e le donazioni politiche (5) donazioni di beneficenza. Queste disposizioni speciali sono riassunte in questo documento.

5 REGALI, OSPITALITA E ALTRE SPESE PROMOZIONALI L offerta e la ricezione di doni, ospitalità e altre spese promozionali sono comuni nel mondo degli affari e generalmente non sono illegittimi. Tuttavia, questi possono essere, o sembrano essere, tangenti se, per esempio, sono forniti con l'intenzione di ottenere un vantaggio improprio. Regali e ospitalità sono: tutti i doni di prodotti, servizi, soldi o equivalenti di tutte le altre cose di valore tutti i pasti, bevande, intrattenimento, tempo libero (come biglietti o inviti ad eventi sportivi o culturali), viaggi, alloggi e altre forme di ospitalità altre spese, quali spese di viaggio e alloggio che si riferiscono alla promozione, dimostrazione o spiegazione di prodotti o servizi. Non si deve, direttamente o indirettamente tramite terzi: fornire o ricevere regali o ospitalità che sono: (1) elencati nelle categorie di cose che non sono mai accettabili (vedi sotto), o (2) non conformi a taluni principi sui regali (vedi sotto) richiedere alcuna forma di regalo o ospitalità da qualsiasi persona o organizzazione o cercare di evitare qualsiasi requisito nell'ambito della politica pagando personalmente per i regali o ospitalità. Regali, ospitalità e altre spese promozionali NON sono accettabili quando: (1) sono forniti o ricevuti per un indebito vantaggio (2) possono dar luogo ad un conflitto di interessi (cioè un conflitto tra interessi in competizione che può compromettere la capacità di prendere decisioni imparziali oggettive) (3) sono forniti o ricevuti con l'intenzione o un'aspettativa di reciprocità (4) coinvolgono le parti in un processo di gare di appalto o in cui il Gruppo partecipa (5) sono vietati dalla organizzazione della controparte (6) comprendono disponibilità liquide o mezzi equivalenti (7) sono inadatti o offensivi (ad esempio, indecenti o ad orientamento sessuale) (8) sono nascosti (cioè forniti segretamente piuttosto che apertamente) (9) sono forniti a titolo personale e non del gruppo o (10) sono in violazione di qualsiasi legge o regolamento applicabile. I Principi sui regali - Regali, ospitalità e altre spese promozionali devono essere: (1) forniti in buona fede con l'unica intenzione di costruire o mantenere relazioni d'affari legittime o offrire normali cortesie (2) (1) gettoni di valore minimo o nominale (ad esempio piccoli oggetti promozionali, agende, calendari, o altri oggetti simili recanti il marchio o il logo del fornitore, o (2) di modesto valore e non esagerati o stravaganti (3) ragionevoli e adeguato in termini di tipo, il valore e l'occasione e la frequenza della fornitura, in particolari circostanze, anche nel contesto culturale locale (4) in linea con la prassi ragionevole, corrispondente alla sensibilità culturale locale e (5) ammessi in tutte le leggi ei regolamenti applicabili, comprese le leggi locali.

6 Rifiutare doni e ospitalità Se vengono offerti regali o ospitalità, ma ciò non è consentito dalla politica, questi devono essere gentilmente rifiutati. Se, in circostanze eccezionali, non è possibile rifiutare (ad esempio, perché questo causerebbe grave offesa a causa di sensibilità culturali del paese in questione), il dono o l'ospitalità possono essere accettate, ma ciò deve essere segnalato nel più breve tempo possibile al proprio responsabile e registrate in conformità alle modalità di segnalazione del proprio reparto. Il Responsabile si consulterà con l ufficio legale per quanto riguarda lo smaltimento appropriato di qualsiasi dono non è consentito (ad esempio mediante donazione in beneficenza). Orientamento ed esempi In applicazione delle norme di cui sopra, i seguenti fattori possono essere rilevanti e dovrebbero essere considerati: l'intenzione dietro il regalo o ospitalità il momento - ad esempio, particolare attenzione dovrebbe essere esercitata quando si sta per aggiudicare un appalto le usanze locale - la pratica di dare e ricevere regali e ospitalità varia tra i paesi e le regioni. Ciò che può essere legale, normale e culturalmente accettabile in un Paese può non esserlo in un altro. Bevande e pasti occasionali, la partecipazione a eventi sportivi, di teatro ed altri eventi culturali, e regali di valore simbolico o modesto di solito sono doni accettabili. Se si è in dubbio, può essere utile pensare se si sarebbe in imbarazzo se il manager o i colleghi o chiunque al di fuori del Gruppo sapessero che si è accettato un dono o ospitalità. Quando si riceve o offre ospitalità, ad esempio sotto forma di un pasto o di intrattenimento (ad esempio, un biglietto per un evento sportivo o culturale), colui che invita deve essere presente. Questo è importante per dimostrare un obiettivo legittimo di business per l'ospitalità. I seguenti sono esempi di ciò che è accettabile, a condizione che non siano elencati in una delle categorie di cose che non sono accettabili o conformi ai principi sui regali: contribuire alle spese legittime di un cliente o fornitore (come i viaggi), in modo da poter visitare una delle proprie strutture per un motivo commerciale legittimo portare un cliente o un fornitore a un evento sportivo, come ad esempio una partita di calcio o ad un evento culturale, come il teatro, come parte di un esercizio di pubbliche relazioni progettato per costruire o mantenere relazioni d'affari legittime ospitare un evento annuale per i clienti in un hotel con l'intenzione di costruire o mantenere relazioni d'affari legittime con loro fare regali ai festival annuali o in altre occasioni speciali, come ad esempio a Natale nel Regno Unito e altrove doni simbolici di valore minimo o nominale, come ad esempio piccoli oggetti promozionali, agende, calendari, o altri oggetti simili recanti il marchio o il logo di Johnson Matthey. Ulteriori esempi sono indicati nella politica. FUNZIONARI PUBBLICI Norme speciali si applicano nei confronti di pubblici ufficiali. Il pubblico ufficiale è colui che detiene una posizione o esercita una funzione nel settore pubblico. Tali posizioni includono ruoli legislativi, incarichi di amministrazione, militari o giudiziari in qualsiasi governo nazionale, locale o municipale. Il termine include anche funzionari, dipendenti o rappresentanti di qualsiasi impresa di proprietà statale o controllata dal governo (ad esempio una società petrolifera statale). Nella politica è definito in maniera più completa il termine "pubblico ufficiale".

7 Non è ammissibile fornire denaro, regali, ospitalità o qualsiasi altra cosa di valore al fine di influenzare un pubblico ufficiale nell'esercizio delle loro funzioni ufficiali con l'intenzione di ottenere o mantenere affari o un vantaggio nella conduzione degli affari. Ciò si applica se il dono o l'ospitalità è fornito direttamente o indirettamente, a prescindere dal luogo in cui il pubblico ufficiale si trova e se il Pubblico Ufficiale esegue effettivamente una funzione in modo improprio. È necessario rispettare le procedure di pre-autorizzazione del proprio dipartimento prima di offrire o ricevere qualsiasi cosa di valore a o da qualsiasi Pubblico Ufficiale. L autorizzazione non sarà fornita se ci si trova in una delle categorie di cose che non sono mai accettabili o non conformi ai Principi sui regali. La politica prevede che la pre-autorizzazione venga richiesta da: (1) il proprio responsabile o il Financial Controller della Business Unit se il valore è minore di 250 (o equivalente in valuta locale), o (2) il Direttore finanziario del dipartimento o il Direttore del dipartimento se il valore è di 250 o superiore (o equivalente in valuta locale). Questa soglia si riferisce al valore di un dono o doni a un singolo destinatario o il costo di ospitalità o di altre spese promozionali a testa. Questa procedura è applicabile, a meno che il dipartimento non operi una diversa procedura. Orientamento ed esempi I seguenti sono esempi in cui l offerta di qualcosa ad un Pubblico Ufficiale è probabile che sia accettabile (ma solo se non vi è alcuna intenzione di esercitare un'influenza impropria e si è ottenuta le preautorizzazione): ospitalità in buona fede, proporzionata e ragionevole, spese e altre attività promozionali mirate a costruire o mantenere relazioni legittime viaggio alloggio di tipo ragionevole e ordinario, ad esempio, per consentire a un Pubblico Ufficiale di visitare ad un impianto per rivedere i sistemi di sicurezza o durante il processo di ottenimento di un permesso o di una licenza cortesia commerciale di routine come trasferimenti dall'aeroporto all'hotel per una visita in loco. Ulteriori esempi sono indicati nella politica. PAGAMENTO AGEVOLANTE O TANGENTE Un pagamento agevolante o tangente è un piccolo pagamento non ufficiale o un dono, spesso in contanti, offerto per garantire o accelerare l'esecuzione di un processo di routine da parte di un Pubblico Ufficiale, che ha già il dovere di compiere. Gli esempi includono le azioni correlate all'ottenimento di licenze o permessi, l elaborazione di visti, il passaggio di merci attraverso la dogana o la protezione della polizia, i servizi di posta o telefono o l'accesso a elettricità e acqua. Un pagamento agevolante può anche essere detto di velocizzazione. È necessario essere consapevoli del rischio che gli agenti o fornitori di servizi (quali i servizi di trasporto) possono versare pagamenti di agevolazione della prestazione di servizi per il Gruppo. I pagamenti agevolanti sono tangenti ai sensi della politica (indipendentemente dalle dimensioni o standard locali) e sono, quindi, vietati, anche se sono prassi commerciali abituali in un determinato paese. Funzionari pubblici che richiedono pagamenti agevolanti possono mettere voi o il vostro personale in una posizione molto difficile. Se di fronte ad una situazione in cui è richiesto tale pagamento e la vostra salute, la sicurezza, la libertà o la proprietà è minacciata, è possibile effettuare il pagamento. In tal caso è necessario seguire le procedure di notifica del vostro dipartimento.

8 TERZE PARTI Vi è rischio di corruzione quando una terza parte impegnata per rappresentare o per fornire servizi al Gruppo adotta un comportamento scorretto nel corso di questo lavoro. Terzi rilevanti comprendono (ma non sono limitati a) agenti, distributori e trasportatori. È necessario valutare e affrontare il rischio di corruzione e tangenti presentato da tali soggetti terzi. I rischi varieranno a seconda di fattori quali la natura del rapporto (per esempio, per gli agenti), il paese in cui si opera e il tipo di attività interessata. Atti di diligenza dovuta devono essere effettuati nei confronti di tali terzi e documentati in conformità con le procedure del proprio reparto. Ci sono alcune situazioni e fattori che possono indicare possibili tangenti e corruzione. Questi sono chiamati "bandiere rosse". Alcuni di questi sono descritti nell'allegato A alla politica. Gli esempi includono dove: un terzo si rifiuta di fornire informazioni in risposta alle domande di dovuta diligenza denaro viene inviato attraverso una terza parte a un Pubblico Ufficiale un terzo richiede un pagamento in contanti. Se si verifica una situazione di bandiera rossa, è necessario segnalare l'accaduto al proprio responsabile e consultare l ufficio legale nel più breve tempo possibile. Le situazioni di Bandiera Rossa devono essere risolte prima di iniziare o proseguire il rapporto commerciale. La risoluzione di una situazione di bandiera rossa può richiedere lo svolgimento di dovuta diligenza specifica (ad esempio, effettuare un controllo approfondito su terzi) con l'assistenza dell ufficio legale prima di procedere, tenendo consulenze giuridiche addizionali o impartiendo una formazione anticorruzione a terzi. Tutte le spese e commissioni pagate a terzi incaricati di rappresentare o fornire un servizio al gruppo devono essere appropriate, giustificabili e proporzionate. Devono essere commercialmente ragionevoli nella fattispecie e per i servizi resi legittimi. Devono essere pagate solo al terzo direttamente e mai attraverso una parte che non ha alcun rapporto contrattuale con il Gruppo. CONTRIBUTI POLITICI Contributi politici (o donazioni a partiti politici, organizzazioni o candidati alle elezioni) e altre spese politiche possono costituire tangenti se eseguiti con l'intenzione di influenzare le decisioni commerciali o ufficiali o ottenere un vantaggio commerciale o di altro tipo. La politica vieta di eseguire contributi politici o donazioni o di incorrere in spese di politica, a nome del gruppo o utilizzando le risorse finanziarie del Gruppo. DONAZIONI IN BENEFICIENZA Le donazioni in beneficienza possono costituire tangenti se fatte con l'intenzione sbagliata. Tutte le donazioni fatte a nome del gruppo o utilizzando le risorse finanziarie del Gruppo devono essere legali ai sensi delle leggi locali e non fatte con l'intenzione di influenzare le decisioni aziendali o ufficiali o ottenere un vantaggio commerciale o di altro tipo. PROCEDURE DEL DIPARTIMENTO E TENUTA DEI REGISTRI Concussione e corruzione coinvolgono spesso l imprecisa tenuta di registri. È necessario fare in modo che siano mantenuti in maniera accurata i registi, i verbali e le relazioni finanziarie in tutto il Gruppo. Libri falsi, fuorvianti o inesatti potrebbero danneggiare il gruppo.

9 La politica richiede che ogni dipartimento stabilisca e mantenga registri e procedure per alcuni aspetti, quali: - doni, ospitalità e altre spese promozionali - pre-autorizzazione di doni, ospitalità e altre spese promozionali a pubblici ufficiali - pagamenti agevolanti - i risultati dei processi di dovuta diligenza e - dettagli di rapporti con terze parti ad alto rischio. È necessario seguire le procedure del proprio reparto nei confronti di ciascuno di questi aspetti. ADATTAMENTO LOCALE La politica sarà adattato o integrata per garantire l'effettiva applicazione in tutto il Gruppo in tutto il mondo. Gli adattamenti locali possono essere più rigorosi della politica. Guide saranno messe a disposizione dal gruppo legale. COMUNICAZIONE E FORMAZIONE È importante che la politica e le procedure anti-corruzione e concussione associate siano incorporate e comprese in tutto il Gruppo attraverso la comunicazione interna ed esterna e la formazione. Tutti i dipendenti devono ricevere o avere facile accesso alla politica e le procedure anti-corruzione e concussione associate. Per tutti i dipendenti nuovi, una formazione adeguata deve fare parte del processo di induzione fornito all'ingresso nel Gruppo. Una formazione adeguata e regolare sulla politica sarà fornita a tutti i dipendenti esistenti, come appropriato. Nell'ambito della formazione continua, i dipendenti dovranno certificare la loro comprensione della politica e la loro conformità con essa. VIOLAZIONE DELLA POLITICA Si è tenuti a rispettare la politica. La politica, come modificata di volta in volta, è parte integrante del contratto di lavoro di ciascun dipendente. La violazione della politica può comportare azioni disciplinari, compreso il licenziamento per colpa grave o la cessazione del rapporto di lavoro. Johnson Matthey si riserva il diritto di terminare il rapporto contrattuale in conformità con i termini del relativo contratto con i terzi che lavorano per conto del Gruppo, in caso di violazione della disposizioni contrattuali della politica anticoncussione e corruzione. COME SEGNALARE UNA PREOCCUPAZIONE Se avete domande circa la politica o non siete sicuri circa l'applicazione di qualsiasi aspetto di essa, consultate l Ufficio Legale. Se si viene a conoscenza di qualsiasi violazione effettiva o presunta della politica, è necessario sollevare il problema il più presto possibile. Si può fare questo in modo confidenziale nell'ambito della politica Whistleblowing di Johnson Matthey o attraverso Johnson Matthey EthicsLine (vedi gli indirizzi web di seguito). Non permetteremo ritorsioni contro chiunque per aver rifiutato di prendere parte a atti di concussione e corruzione, per aver segnalato un problema o per segnalare irregolarità in buona fede. Se si pensa di aver subito un trattamento del genere, si deve consultare il responsabile, l ufficio legale o il gruppo HR o un dirigente immediatamente. Johnson Matthey EthicsLine - web: https://secure.ethicspoint.com/domain/en/report_custom.asp?clientid=17417 Johnson Matthey EthicsLine - telfono: https://secure.ethicspoint.com/domain/media/en/gui/17417/phone_en.pdf Politica Whistleblowing Johnson Matthey: https://secure.ethicspoint.com/domain/media/en/gui/17417/g14whistleblowing.pdf

10 Contatti dell ufficio legale del Gruppo contattare il membro dell ufficio legale con il quale si ha a che fare più spesso oppure i seguenti: Group Legal Director Simon Farrant Tel: Division Head of Legal, PT, CCR, PMC David Aspinall Tel: Division Head of Legal, Centre, NBD Anne-Marie Garner Tel: President-Corporate, General Counsel & Secretary, Johnson Matthey Inc. Division Head of Legal, Fine Chemicals Robert M. Talley Tel: 001 (610)

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta Group Codice di Condotta Il di VimpelCom delinea le regole di condotta aziendali di VimpelCom unitamente a linee-guida per spiegare come esse si applichino nella pratica a ciascun dipendente VimpelCom.

Dettagli

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Global Policy Funzione Competente: Compliance Data: Dicembre 2014 Unit: Global AML Versione: 3 Indice 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1 Vivere nel rispetto dei nostri valori Il nostro Codice di condotta Il nostro Codice di condotta 1 La promessa di GSK Mettere i nostri valori al centro di ogni decisione che prendiamo Tutti insieme, noi

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ PREMESSA GTECH S.p.A. è un'azienda che opera a livello mondiale in un ambiente commerciale complesso e altamente regolamentato. I propri dipendenti vivono e lavorano

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) Art.1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente codice di comportamento, di seguito denominato "Codice", definisce, ai fini dell'articolo

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009 Codice di Condotta Aziendale ed Etica Luglio 2009 Contenuto 3 Messaggio dell'amministratore Delegato di Flextronics 4 La Cultura di Flextronics 5 Introduzione 5 Approvazioni, emendamenti e deroghe 6 Rapida

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

*** NORMATTIVA - Export HTML ***

*** NORMATTIVA - Export HTML *** Pagina 1 di 7 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62 Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558 All. 6 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI NARNI Art. 1 Oggetto 1. Il presente codice di comportamento integra e specifica le previsioni di cui al D.P.R. 16.4.2013, n. 62 Regolamento recante

Dettagli

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA La arta di Avviso Pubblico La Carta di Avviso Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA www.avvisopubblico.it Avviso Pubblico SEDE OPERATIVA: Viale Cadorna, 21-50129

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione ALLEGATO 15 Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione Per una sintetica descrizione dei reati richiamati negli artt. 24 e 25 del Decreto

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

Individuazione dei conflitti di interessi nelle procedure d appalto nel quadro delle azioni strutturali Guida pratica per i dirigenti

Individuazione dei conflitti di interessi nelle procedure d appalto nel quadro delle azioni strutturali Guida pratica per i dirigenti COMMISSIONE EUROPEA UFFICIO EUROPEO PER LA LOTTA ANTIFRODE (OLAF) Direzione D Politiche Unità D.2 Prevenzione delle frodi Individuazione dei conflitti di interessi nelle procedure d appalto nel quadro

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. FORME COMUNI DI TURBATIVA D ASTA

1. INTRODUZIONE 2. FORME COMUNI DI TURBATIVA D ASTA 1. INTRODUZIONE Si determina una turbativa d asta (bid rigging) quando imprese altrimenti in concorrenza si alleano segretamente per aumentare il prezzo o diminuire la qualità di beni o servizi destinati

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli