To link to this article:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250003209429214"

Transcript

1 This article was downloaded by: [ ] On: 04 July 2015, At: 17:32 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: Registered office: 5 Howick Place, London, SW1P 1WG Bolletino di zoologia Publication details, including instructions for authors and subscription information: Goethe, filosofo della natura G. Colosi Published online: 14 Sep To cite this article: G. Colosi (1932) Goethe, filosofo della natura, Bolletino di zoologia, 3:1, , DOI: / To link to this article: PLEASE SCROLL DOWN FOR ARTICLE Taylor & Francis makes every effort to ensure the accuracy of all the information (the Content ) contained in the publications on our platform. However, Taylor & Francis, our agents, and our licensors make no representations or warranties whatsoever as to the accuracy, completeness, or suitability for any purpose of the Content. Any opinions and views expressed in this publication are the opinions and views of the authors, and are not the views of or endorsed by Taylor & Francis. The accuracy of the Content should not be relied upon and should be independently verified with primary sources of information. Taylor and Francis shall not be liable for any losses, actions, claims, proceedings, demands, costs, expenses, damages, and other liabilities whatsoever or howsoever caused arising directly or indirectly in connection with, in relation to or arising out of the use of the Content. This article may be used for research, teaching, and private study purposes. Any substantial or systematic reproduction, redistribution, reselling, loan, sublicensing, systematic supply, or distribution in any form to anyone is expressly forbidden. Terms & Conditions of access and use can be found at

2 G. COLOSI GOETHE, filosofo della natura I). Eccellenze, Signore, Signori, la figura di GOETHE, quella figura di uomo olimpicaniente sereno die con tanto compiacinierito ci & stata seriipre presentata da tutti gli aniniiratori, non pub apparirci completa, se lion ci fermianio an- Cora ad esaminarla sotto la veste dello scicnziato e del filosofo della natura. Ci trovianio allora di fronte all uomo che ha vissuto pienamente la vita dell intelletto, che ha posseduto la prudenza e la sconfinata ricchezza del saggio, che ha goduto di tutte le risorse dello spirit0 perch6 sapeva valutarle ed accontentarsene. Nell atinosfera di panteismo dove si svolgono tutte le sue idee di fronte all immensith della natura unica e molteplice egli seppe scorgere i limiti fra 1 accessibile e I inaccessibile, e rifiutb il van0 tormento di affrontare direttaniente ed ostinatamente quest ultimo ; ma, abbracciando I insieme e percorrrendo con sguardo indagatore ii panorama dell accessibile, conobbe la via che pub condurre alla possessione di qualche veritl e farci avanzare di un passo verso I ignoto. Egli ebbe il senso della natura infinita che tutto comprende, il naturale ed il non naturale, vivendo la vita dell eterniti; ma volle fermarsi a contemplarne non gih I infinito e l eternith, bensi I ordine e la perfezione con cui ci si rende manifesta ed il misurato movimento del suo divenire. La natura di GOETHE e una natura pensante, una natura fornita di intelligenza, ma di intelligenza diversa dalla uniana, poiche questa non 1 che una delle tante manifestazioni del tutto. Alla materia 6 cioi: indissolubilmerite congiunta I energia clie le di pererine impulso : poche e semplici sono le leggi alle quali essa ubbidisce, ma feconde di risultati; e cosi la natura realizza in se medesima e coi propri mezzi i, Solenne celebrazione del centenario della morte di Volfango GOETHE, presso la R. Universitl di Napoli (25 aprile 1932). Oratori i Proff. Rodolfo BOTTACCHIAR~ per la parte letteraria e Giuseppe Corosr per la parte scientifica.

3 146 G. Colosi tutte le nianicre di esistere e ttitte le specie profondamente diverse I iina dall altra e pur tanto siniili nella loro essenza comune, nettamente separate eppure strettaniente fra di loro connesse. Uguali pensieri aveva ben ventiqiiattro secoli prima espresso quel solitario ed incompreso filosofo a cui ARISTOTILE resc il massinlo degli onori: anche ANASSAGORA vedeva la natura come riiateria dotata di propria intelligeiiza, e qiiesta intelligenza operare le separnzioiii che producono le cose, presiedere al continiio variare, a1 iiecessario divenire. Entranibi questi due sapienti, GOETHE e ANASSAGORA, seppero trovare il tutto in ogni parte del tutto, ricoriobbero I ordine in ogni inanifestazione della natura, compresero la necessiti dello svolgersi di tutti gli eveiiti senza peraltro aggiogarla a concetti finalistici. E, come ANASSAGORA, GOETHE fu overite frainteso e la sua parola travisata nei dibattiti fra scuole opposte, fra uoniini di tendenzc estremc. hlaterialisti ed idealisti, monisti e dualisti non lian mancato di interpretare a vantaggio dell una o dell altra corrente di pensiero il pensiero di GOETHE. Sterile irnpresa certarnenfe, poichi2 gli esseri e le cose, i fenomeni e gli avveninienti venivaiio da questi accolti, vagliati e conipresi, senza rifiuti e senza preferenze, e si foiidevano in tin insienie unitario e completo. Libero da preoccupazioni scolastiche, forte di una conipleta indipendenza spirittiale, esetite da attitudini di contrasto, GOETHE lion ebbe bisogno del soccorso di intendimenti eclettici per raggiungere la stia posizione di pensiero, poiche le idee suscitategli dal rnondo esteriore prendevano nell interiore la forma di una perfetta ed armoniosa conciliazione. E cosi egli pot6 nel niedesimo tempo contemplare la natura con l occhio innamorato dell esteta, avvicinarvisi con lo spirito sanamente positivo dello scienziato, percepirne i significati con la mente sititetizzatrice del filosofo. Non inopportuna prevalenza dell una o dell altra attitudine dello spirito inquinarono I opera 0 il pensiero di GOETtfE : egli conosceva troppo bene pli attributi e i confini dell arte, della scienza e della filosofia per rendersi colpevole di contaminazioni o peccare di dilettantistno. Nella scienza si rivelb scienziato nel senso piii prcciso della parola. E, cosi nell osservazione di fenomeni naturali come nella formulazione di dottrine, fu guidato non gii dal desidcrio di ravvivare con! &to della poesia lo studio delle relazioni tra le forme del mondo reale, bensi dalla volonta di giungere a risultati concreti, ad acquisizioni sicure e di schiudere move vie di conoscenza in un campo che,

4 GOFXHU, filosofo dtlla natirra 147 arido agli occhi dei profani, offriva a lui la doviziosa abbondanza dei propri tesori ed appagava completamente la sua anima di esteta. Ch2 se I aninia dell esteta, vibrarido nella gioia di tale appagamento, sciolse alla natura tin inno pieno di sapienza, cib non rappresenta che il felice risultato di qiiella sintesi finale di grado superiore per cui tiitte le espressioiii intellettive piii disparate, ma non percib contrastanti, assiiliievano in GoETIiE la fornia di una sola sublime espressione. hla negli studi scientifici GOETHE - lo ripeto - si rivelb scienziato nel senso pih scliietto e piii precisamente - poiclie noi vogliatiio intenzionalmente passare sotto silenzio i principi da lui svolti tie1 caiiipo della fisica- fu, per nietodo e per oggetto di ricerca, biologo e tiaturalista. E quanto egli si compiacesse in ogiii periodo della sua vita feconda dell attivith spesa in tali studi, quanta importanza annettesse alle ricerche ariatomiche e alle speculazioni a cui si era dedicato, ce lo testimoniano tutta una serie di scritti dell eti ma- tura e particolarmente quelli ove egli stesso narra la storia delle proprie indagini, fa cono~cere come nella sua niente eran nate e maturate le conceziorii della metamorfosi delle piante e della teoria vertebrale del craiiio, e raccoglie le conferme che queste avevano ricevuto nel corso del tenipo, mostraridosi soddisfatto della loro crescente fortuna e nutrendo larghe speranze per un successivo e sempre piii ampio svol. giniento dei principi formulativi. Qua1 parte costitttissero le scienze riaturali riella vita cli GOETHE ce lo testimonia infirie I appassionato interessamento col quale, pih che ottantenne, egli segui il conflitto fra CUVIEK e GEOFFROY - St. HILAIRE: conflitto di uomini e di idee da cui dovevaschiudere un epoca di ritinovainento e sul quale tiel marzo del or sono cento anni - egli volle scrivere ancora una volta per afferniare in tal dibattito la sua posizione di pensiero. Furono le ultime sue pagine : GOETHE inori scietiziato. E come in queste pagine si compiace di ricordare la coincidenra fra I anno della propria nascita e la pubblicazione del primo volume della Storia naturale di BUFFON, cosi se egli stesso, fuori della vita, la propria vita avesse dovuto narrare, avrebbe interpretato quel memorabile evento come un segtio del destino benevolo. Certo nessuno a1 pari di GOETHE poteva iiieglio essere preparato ad accogliere le idec sull uniti di composizione degli organismi proclatiiata dal GEOFFROY - St. HILAIRE, nessuno con maggior ragione di lui poteva, ai primi albori che preludevano I avvento dell evoluzio-

5 148 G. Colosi nismo, rallietarsi per la nuova affermazione delle dottrine che aveva instancabilmente propugnate. GOETHE viene infatti considerato come uno dei precursori del- I epoca evoluzionistica. E cib appare non soltanto se ci accontentianro dell accordo logic0 fra le sue dottririe e la dottrina dell evoluzione, ma anclie e sopratutto se ci sofferniianro sul significato di alcune considerazioni incidenlali e pur tanto significative. Perb la dottrina delle forme fondanientali di GOETHE non ha nella sua essenza valore filogenetico : essa considera piuttosto il risultato dell evoluzione anzichk il niodo con cui questa si svolge ; si occupa piuttosto dei rapporti e del lor0 variare nelle fornie viventi anzich2 delle vie seguite per giungere alla trasforrriazione e alla differenziazione degli esseri viventi. II tipo di organizzazione di GOETHE non k n2 vuol essere la forma primitiva da cui si svolgono per metamorfosi e specializzazioni le successive forme organiche, bensi lo schema teorico clie compendia in un organism0 ideale, che coordina in una inimagine astratta e generale le somigliarize e le diversith degli organismi reali e ce ne prrmette la comparazione e I interpretazione. Tutta I attivitb scientifica di GOETHE s impernia intorno al tipo morfologico, la cui costruzione elabora con cauta fermezza. pervasa da un alto senso di responsabiliti morale di fronte alla scienza. Nell equilibrio di quella mente portata a vedere I ordine in tutte le espressioni del mondo, la natura, pur cosi grande nel suo potere creatore, apparve procedere nella produzione degli organismi attraverso leggi limitatrici. Non ostante la molteplicith delle specie dovuta alla variabilitii di ciascma delle numerose parti che compongono I organismo, le variazioiii non possorio avvenire coniunque e, perfino nelle anonialie, le difformiti sono trattenute eritro i limiti deterniinati dalla mano ferma e sicura di quelle leggi. Perb dentro le barriere insormontabili che si frappongono ad ogni deviazione e per quanto circoscritto possa essere il campo di azione, la forza creatrice della natura svolge liberamente le proprie energie e sviluppa le sue possibilith. II tip0 ideale, ogpetto di ricerca da parte del naturalista, deve rappresentare e contenere queste possibilith, si che le classi, i generi, le specie, gl individui si comportino rispetto allo schema come altrcttanti rasi particolari di fronte alla legge generale. E la laboriosa ricerca consiste nel riconoscere, mediante l osservazione estesa a tutte le eta dell individuo, Ie parti fondamentali coniuni a tutti gl individui d uiia specie, a tttttc le specie di un genere, a tutti i generi di iina

6 GOETHE, filosofo della natura 1-19 classe e cosi via, nell analizzare le differenze che essi presentano e nel dedurne per astrazione il tipo generale onde servirsene per comparare i casi singoli e segiiirlo nelle sue metamorfosi. Esaminando poi un un orianismo compreso nel tipo, si osserva die la diversit; formale e sttutturale che lo caratterizza 6 dovuta nl sopravvento che titi organo prende sull altro. Ora ogni animale ogni pianta sono fisiologicamente perfetti : cib significa non soltanto che una bilancia irnpeccabile regola le addizioni c le sottrazioni, che il maggiore sviluppo di un organo richiede la riduzione di uti altro, ma che nel niedesimo tempo le varie parti di un orgaiiismo debbono essere collegate in modo che ne risulti una completa concordanza anatoinica e fisiologica, poiclicy oltre le coiigruenze formali, bisogna non dinienticare le azioni vitali reciproche, quelle azioni per cui, essendo le parti viventi in stato di scambi continui, la loro formazione il loro funzionaniento, la loro conservazione dipendono dalla mutua interdipendenza 0, come suol dirsi, dai lor0 rapporti umorali. Ad ogni modo ciascun organism0 racchiude in se stesso la ragione della propria esistenza e della propria perfezione : ma perch6 questa effettivamente sia tale ha dovuto richiedere come fenomeno indispensabile la variazione e la metamorfosi : infaffi dall accomodamento rispctto alle forme elementari della natura e alle circostanze esferiori da ciii dipendono le maniere di presentarsi del tipo, dipende anche I armonia di ciascun essere vivente col mondo obbiettivo. GOETHE sta per varcare la soglia che dalle speculazioni inorfologiche lo conduce direttamente verso le speculazioni filogeiietiche, ma si trattiene alle prime: il concetto della formazione delle specie per azione dell ambiente riforna continuamente nei suoi scritti, ma non vi 6 tiiai sistematicamente trattato. Forse egli non scorgeva la soluzione che lo appagasse ; forse non poteva dare al problema la risposta che ricercava e che significasse I ordine con cui, ubbidendo ad una interiore necessiti, le specie si producono; e per questo lo evitb. Per quanto riguarda i rapporti tra Ie fornie reali egli preferi dunque occuparsi della derivazione ideale da un tipo ideale anzich6 della derivazione reale da un tip0 reale. Partendo da considerazioni pertinenti al dominio della geometria, concetti del tutto comparabili, spesso anche nei pih minuti particolari, a quelli del GOETHE espresse piii tardi il nostro grande astronomo Giovanni SCHIAPARELLI, il quale dette una ragione matematica delle barriere che, pur nel canipo delle loro affiriith intrecciate e nonostante le parziali rassomiglianze tra specie e specie, separano I uno dall altro

7 150 G. Colosi i gruppi sisteniatici degli organisnii viventi, Le formule fondamentali di SCHIAPARELLI corrispotidorio esattamente ai tipi generali di GOETHE, in quanto egli fa derivare i tipi organici della natura dalle variazioni di tin certo iiumero di elementi discririiinatnri secondo wia formula o legge unica, per mod0 che alle formule siaii dovuti tutti i caratteri comuni, alla diversiti di detti elementi tutti i caratteri speciali ed individuali. hla a SCHJAPARELLI, vissuto in pieno period0 darwitiistico, fu possibile passare alla speculazione filogenetica per lo meno come coiifronto tra la prevedibiliti mateniatica e la realizzazione delle fornie organiche secondo i postulati di DAKW IN, con le cui deduzioni non sernpre si mostrb concorde; nieutre in veriti il concetto di una evoluzione ordinata e svolgentesi secondo tina legge fissa generale 5 affatto recente, e coil orgoglio possianio affermare che I Ologenesi di Daniele ROSA rappresenta l ultinia espressione di qiiella vena di pensiero che ebbc tiella mente di ANASSAGORA la sua remota sorgente ed in GOETHE il primo grande assertore nella moderna biologia. Ma ritorriiamo a GOETHE. I1 tip0 di organizzazione permette due diversi ordini di ricerche, ciok, non soltanto la comparaziorie fra specie diverse e lo studio delle loro corrispondenze strutturali, nia anche la comparazione tra le parti di un medesimo organismo. Al primo ordine di ricerche si collega la famosa scoperta dell intermascellare nell uomo. Intento al lavoro per stabilire un tip0 osteologico e convinto che tuttc le parti di un animale prese nel loro insieme e isolatamente debbono ritrovarsi in tutti gli animali appar. tenenti a1 medesimo gruppo, GOETHE non riusciva a comprendere come quel paio di ossa solitamente destinate a sorreggere gl incisivi superiori venissero negate nell uonio. In seguito ad attenta osservazione di crani uniani sia noriiiali clie patologici appartenenti ai vari periodi della vita egli riusci perb a dimostrarvi I esistenza dell intermascellare sotto forma di due pezzi talora separati ma piit spesso fusi coi mascellari del niedesinio lato. Questa scoperta, contrastata dapprima, fece epoca ed ebbe un importanza di cui non possiamo valutare la portata senza ricondurci ai tempi in cui nella maticanza dei premascellari si faceva consistere la differenza capitale fra I uonio e le scimmie. Del secondo ordine di ricerche, consistenti nella comparazione di organi che appartengono a1 niedesinio tipo, son frutto la dottrina delle metamorfosi delle piante c la tcoria vertebrale del cranio. La pianta, secondo le vedute di GoErriE, it un essere multiplo costituito da uri complesso di. itidividu.i fondamentalmente identici nia

8 Gomm, filosofo della natura 151 successivaniente tiiodificati si da comparire come parti diverse di un solo individuo e pur tali da potere eventualmente rivelare la loro essenziale i ndividualiti. Ora tutte queste parti sono ricondttcibili a foglie clie subiscono tin diverso grado di trasformazione e clie nelle appendici fiorali raggiungono ii niassimo perfezionamento. II fenonicno della nietaniorfosi degli itisetti & un caso della niedesiiiia legge. I1 bruco di uiia farfalla 6 un organistiio coniposto di parti successive simili e relativanieiite indifferenziate : la metamorfosi conduce ad titi essere formato da parti dissimili e forternelite differenziate. hla, mentre nel vegetale le fasi susseguenti della metamorfosi coesistono tiel medesimo essere, nell insetto un perfezionamento differenziatore simultaneo investe tutto 1 organisrrio e lo trasforrna col proceder del tempo in ogni sua parte. Una volta stabilito che la trasforniazione siiccessiva o simultaiiea di parti identiche it la base per I interpretazione del corpo di tutti gli organisnii, GOETHE trovb naturale il principio dell eguaglianza fondanlentale di tutte le vertebre di un animale superiore nonostante I enorme differenza che intercede fra quelle appartenenti alle regioni estreme. Non solo ; ma guidato dalle sue convinzioni, giunse a doriiandarsi se fosse possibile dedurre le ossa del cranio dalle vertebre e riconoscervi, nonostante i radicali cambiamenti, la costituzione primitiva. E rispose affermativamente, fissando e designando le sei vertebre che, a suo parere, conipongono il cranio dei rnanimiferi. Tale concetto sembrava perb agli occhi stessi di GOETHE rispondente piii ad una intuizione che ad uiia veriti diniostrata ; uiia tale idea conservava per lo stesso ideatore la singolare proptieti di potere essere formulata in generale e provata anclie nei dettagli senza tuttavia diventar mai concreta-e completa. Quanta differenza fra le caute affermazioni di GOETHE e quelle dogmatiche di CARUS il vecchio, che della riduzione delle parti scheletriche di tutti gli aniniali ad tino schema unico fu, subito dopo, il piir intrarisigente sostenitore ufficiale. La verith scientifica it conquista faticosa che si svolge attraverso i secoli e per via di ravvedimenti continui. Le concezioni di GOETHE oggi non possono pic essere accettate nella loro integriti. L acquisizione di nuove conoscenze, lo studio analitico proseguito con stis. sidi d indagine senipre maggiori hanno dimostrato caduclie molte parti dell edificio costruito da quella niente sovrana. hla sia il concetto clie lungo l asse delle piante superiori si susseguano parti variamente differenziate di cui la foglia normale e l espressione pic tipica, sia il

9 1 52 G. Colosi concetto della metameria del capo dei vertebrati e dell assorbimento da parte del cranio di un certo nutiiero di vertebre primitivamente pertinenti a1 tronco doniinaiio tutt oggi nel campo della biologia. La solida itnpalcatura di quell edificio 6 dunque rimasta; I idea destinata a condurre verso la possessione del vero resiste alla profonde tiiodi. ficazioni subite. E I affermare una tesi che, pur coi suoi errori, imprinia il segno di un effettivo progress0 a tutto un period0 storico della scienza, I enunziare una veriti che, sopravvivendo all errore, i: destinata a rim manere indelebile, questo, o Signori, & privilegio del genio.

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 14 August 2015, At: 03:03 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Bolletino di zoologia

Bolletino di zoologia This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 07 July 2015, At: 12:45 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Concetta Lupo Di Prisco a, Paolo Verdarelli a & Giandomenico Pambianchi a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata,

Concetta Lupo Di Prisco a, Paolo Verdarelli a & Giandomenico Pambianchi a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata, This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 06 July 2015, At: 17:39 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Ermanno Bronzini a c d & Pietro Bertolino b d a Aiuto volontario dell'istituto di Parassitologia

Ermanno Bronzini a c d & Pietro Bertolino b d a Aiuto volontario dell'istituto di Parassitologia This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 10 July 2015, At: 08:21 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250003709434930

To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250003709434930 This article was downloaded by: [148.251.235.206] On: 04 September 2015, At: 01:08 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office:

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

Tourism Review makes every effort to ensure the accuracy of all the information (the Content ) contained in

Tourism Review makes every effort to ensure the accuracy of all the information (the Content ) contained in Tourism Review Publication details, including instructions for authors: Viatourismreview.com Tourism Review makes every effort to ensure the accuracy of all the information (the Content ) contained in

Dettagli

Agata Romako a a Istituto di Zoologia della Università di Palermo. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005309436879

Agata Romako a a Istituto di Zoologia della Università di Palermo. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005309436879 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 05 July 2015, At: 08:06 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Frizzi Guido a a Istituto di Zoologia e Centro di Genetica, del C. N.

Frizzi Guido a a Istituto di Zoologia e Centro di Genetica, del C. N. This article was downloaded by: [178.63.86.16] On: 15 August 215, At: 13:53 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 172954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

La provincia di Milano

La provincia di Milano La provincia di Milano Siena, maggio 2014 Area Research & IR Provincia di Milano: dati socio economici 1/2 Milano DATI SOCIO-ECONOMICI 2014 Var. % 13-14 Var. % 14-15 Var. % 15-16 Milano Italia Milano Italia

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

The Best Practices Book Version: 2.5

The Best Practices Book Version: 2.5 The Best Practices Book Version: 2.5 The Best Practices Book (2.5) This work is licensed under the Attribution-Share Alike 3.0 Unported license (http://creativecommons.org/ licenses/by-sa/3.0/). You are

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI 17-29 ANNI. sviluppare le abilità personali per costruire il futuro. Con il contributo della. Con il patrocinio del Con il contributo della Con il patrocinio del Comune di Prepotto Club UNESCO di Udine Membro della Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco Associata alla Federazione Mondiale NUOVE OPPORTUNITÀ PER

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

PROGETTO LA SCUOLA NELLA SCUOLA NUOTO

PROGETTO LA SCUOLA NELLA SCUOLA NUOTO PROGETTO LA SCUOLA NELLA SCUOLA NUOTO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA E IMPRESSIONI PERSONALI Questo progetto come lo scorso anno ha appassionato moltissimo tutta la classe. E stata una bella e faticosa esperienza.

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

INFINITO & CARDINALITÀ

INFINITO & CARDINALITÀ SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA TFA-A059 Didattica della Matematica II INFINITO & CARDINALITÀ A cura di: Andrei Catalioto Docente: Prof. Paolo Piccinni ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Il Paradosso del Hotel Infinito

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AREA SOVRADISCIPLINARE LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA LINGUA ITALIANA Obiettivi

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Laboratori ScienzExpress: il Museo in Classe

Laboratori ScienzExpress: il Museo in Classe Attività in classe Stampato il 24/06/2016 da http://www.myosotisambiente.it/ Laboratori ScienzExpress: il Museo in Classe Il Mondo dei Vegetali : Come sono fatte le piante e quanto sono importanti per

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva matematica e musica Questo argomento nasce da una riflessione sull oggettiva difficoltà a lavorare nella scuola in modo interdisciplinare.

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO CLASSE IC Classico ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO Gli allievi, in generale, si dedicano allo studio della matematica e della fisica con diligenza

Dettagli

Presa di posizione La concezione di Battesimo e Suggello nella Chiesa Neo-Apostolica

Presa di posizione La concezione di Battesimo e Suggello nella Chiesa Neo-Apostolica Presa di posizione La concezione di Battesimo e Suggello nella Chiesa Neo-Apostolica Chiesa Neo-Apostolica pagina 1 di 5 1 Il Santo Battesimo con acqua (testo basilare) 1.1 Il sacramento del Santo Battesimo

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

A spasso nel Sistema Solare

A spasso nel Sistema Solare A spasso nel Sistema Solare Un progetto per le scuole dell infanzia Silvia Casu INAF-OAC Alba Murino Scuola dell infanzia Dolianova 3 Perché è importante fare scienze già nella scuola dell infanzia: come

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

PITTURA di GIANFRANCO ROSSI

PITTURA di GIANFRANCO ROSSI PITTURA di GIANFRANCO ROSSI Gianfranco Rossi nato a Gonzaga ed oggi residente a Milano, ha coltivato fin da giovane la passione per l arte e la pittura in particolare, esercitandola come hobby, contemporaneamente

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO

LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO LA SCUOLA MONTESSORI NEI PRIMI PROGETTI DI HERMANN HERTZBERGER: I TEMI CHIAVE DELLO SPAZIO PER L APPRENDIMENTO Arch. Simona Martino Urbino, 13 marzo 2014 1 Hermann Hertzberger, architetto, vive in Olanda

Dettagli

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L economia

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

Dott.ssa Lia Novembre CIPA, 22 Febbraio 2015

Dott.ssa Lia Novembre CIPA, 22 Febbraio 2015 Dott.ssa Lia Novembre CIPA, 22 Febbraio 2015 L EPISTEMOLOGIA E LA METODOLOGIA DI JUNG Premessa Jung non è particolarmente noto per il suo contributo all epistemologia e alla metodologia, è invece conosciuto

Dettagli

Sommario. Azienda in America Modulo 4 Lezione 6. Richiesta del codice fiscale societario e personale

Sommario. Azienda in America Modulo 4 Lezione 6. Richiesta del codice fiscale societario e personale Tutti i documenti digitali di questo corso (PDF, MP3, QuickTime, MPEG, eccetera) sono firmati con firma digitale e marcatura temporale ufficiali e sono di proprietà dell'autore. Qualsiasi tentativo di

Dettagli

«DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ»

«DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE L-24 «DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ» Relatore:

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

La valutazione nella didattica per competenze

La valutazione nella didattica per competenze Nella scuola italiana il problema della valutazione delle competenze è particolarmente complesso, infatti la nostra scuola è tradizionalmente basata sulla trasmissione di saperi e saper fare ed ha affrontato

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

MATEMATICA Classe I ATTIVITÀ:

MATEMATICA Classe I ATTIVITÀ: OBIETTIVO GENERALE: MATEMATICA Classe I Acquisire una crescente capacità di ordinare, quantificare, misurare i fenomeni della realtà, iniziare a problematizzare la propria esperienza e a rappresentarla

Dettagli

Benvenuti in BPER Banca.

Benvenuti in BPER Banca. Benvenuti in BPER Banca. Passato Presente e Futuro si intrecciano a formare una storia unica che parla di evoluzione, conquiste e risultati tangibili. Il Presente si arricchisce del Passato, ascolta il

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società

Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società di Vincenzo De Giovanni psicologo del lavoro, formatore e meditatore Dal taylorismo alla risorsa umana - L uomo come sistema I gruppi

Dettagli