I Prestiti Obbligazionari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Prestiti Obbligazionari"

Transcript

1 I Prestiti Obbligazionari

2 I PRESTITI OBBLIGAZIONARI I prestiti obbligazionari sono debiti di finanziamento tipici della s.p.a. che, con essi, si procura mezzi finanziari per sviluppare la propria attività rappresentano una forma di finanziamento generalmente a medio-lungo termine sono rappresentati da titoli di credito (obbligazioni) che documentano il prestito accordato dai sottoscrittori alla società emittente gli obbligazionisti sono creditori della società: le obbligazioni non attribuiscono alcun diritto a partecipare alla gestione e devono essere integralmente rimborsate prima di qualsiasi ripartizione del capitale sociale Prof. Luigi Trojano

3 ASPETTI GIURIDICI 1/2 L art C.C. prevede che la società possa emettere obbligazioni al portatore o nominative per un ammontare non eccedente il doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili risultanti dall ultimo bilancio approvato. Tale limite può essere superato soltanto in tre casi esplicitamente previsti da tale articolo: quando le obbligazioni sono garantite da ipoteca su immobili della società, sino ai 2/3 del valore di questi quando l eccedenza dell importo del prestito rispetto al capitale è destinata alla sottoscrizione di banche, società di intermediazione mobiliare, società di gestioni di fondi comuni di investimento in presenza di un apposita autorizzazione governativa concessa per particolari ragioni che interessano l economia nazionale Prof. Luigi Trojano

4 ASPETTI GIURIDICI 2/2 Le società quotate non hanno alcun limite all emissione di obbligazioni, purchè anche queste vengano quotate L emissione del prestito obbligazionario deve essere decisa dagli amministratori (con verbale notaio) la delibera contenente il regolamento del prestito deve essere depositata entro trenta giorni all Ufficio del registro delle imprese Prof. Luigi Trojano

5 L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO le obbligazioni ordinarie possono essere emesse: alla pari quando il valore di emissione coincide con il valore nominale dell obbligazione sotto la pari quando il valore di emissione è inferiore al valore nominale dell obbligazione; la differenza (disaggio di emissione) rappresenta un costo pluriennale in quanto la società dovrà rimborsare a scadenza un importo superiore a quello ricevuto sopra la pari quando il valore di emissione è superiore al valore nominale dell obbligazione; la differenza (aggio di emissione) costituisce un provento che la società emittente dovrà ripartire negli esercizi di durata del prestito Prof. Luigi Trojano

6 IL COLLOCAMENTO 1/2 COLLOCAMENTO DELLE OBBLIGAZIONI IN MODO DIRETTO IN MODO INDIRETTO se è la stessa società emittente a curare il collocamento dei titoli se il collocamento è curato da intermediari (sindacato bancario) Collocamento Assunzione e collocamento Prof. Luigi Trojano

7 IL COLLOCAMENTO 2/2 VERSAMENTO ANTERIORE O CONTESTUALE SUCCESSIVO Si richiedono i dietimi di interesse Prof. Luigi Trojano

8 Servizio del prestito Cedole Rateo interessi Ammortamento disaggio Prof. Luigi Trojano 8

9 IL RIMBORSO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO le modalità di rimborso delle obbligazioni sono stabilite nel regolamento iniziale, che può prevedere la restituzione totale del prestito: in un unica soluzione secondo un piano di ammortamento finanziario mediante estrazione a sorte RIMBORSO mediante acquisto sul mercato periodico e graduale del valore nominale del prestito Prof. Luigi Trojano

10 Rilevazioni e conteggi 1/3 Prestito obbligazionario In data 28/8 il consiglio di amministrazione della società delibera l emissione di un prestito obbligazionario di della durata di 5 anni, costituito da obbligazioni del valore nominale di 1 emesse a 0,985; tasso annuo 3%, godimento1/3-1/9. In data 1/9/05 gli obbligazionisti sottoscrivono il prestito e il 21/9 versano la somma relativa sul c/c bancario della società Obbligaz.. c/sott sott.. emesso P.O. Disaggio su prestiti emesso P.O. Prestiti Obbligaz.. emesso P.O , , , Banca Carige c/c versamento obblig. Obbligaz.. c/sott sott.. versamento obblig. Interessi su obblig.. versamento obblig , ,00 828,73 Prof. Luigi Trojano 10

11 Rilevazioni e conteggi 2/3 Altre scritture relative al Prestito Obbligazionario Interessi su obblig.. rateo int.1/9-31/12 Ratei passivi rateo int.1/9-31/ , , Interessi su obblig.. cedola interessi Ratei passivi cedola interessi Obbligazionisti c/int. Cedola interessi 2.444, , , Obbligazionisti c/int. pagam,. cedole Banca Carige c/c pagam.. cedole 7.500, ,00 Prof. Luigi Trojano 11

12 Rilevazioni e conteggi 3/3 Calcoli relativi al Prestito Obbligazionario Vn 1 : Ve 0,985 = : x x = valore di emissione del P.O. ( ) = disaggio su prestiti Cedola semestrale: x3x6/1200 = x 20gg /181 = 828,73 dietimi di interesse maturati Rateo al 31/12 = cedola semestrale x 122gg/181gg = 5055,25 Prof. Luigi Trojano 12

13 Analisi di un caso : Ma trix Sp A Analisi di un caso La Matrix spa, che si è costituita a Bologna in data 13 settembre n, all 1/1/n+1 presenta, tra gli altri, i seguenti dati: Capitale sociale costituito da n azioni del valore nominale di 10 Costi d impianto Fondo ammortamento costi d impianto Riserva legale Riserva statutaria Riserva straordinaria Il successivo 1 giugno l assemblea straordinaria delibera l emissione di un prestito obbligazionario costituito da n obbligazioni del valore nominale di 10 al tasso del 5%, godimento unico annuale 1/7. Il prestito emesso sotto la pari al prezzo di 95 + interessi, viene sottoscritto l 1/7, mentre il relativo versamento sul c/c bancario avviene in data 1/8, con un ritardo di 30 giorni rispetto all inizio del periodo di godimento della prima cedola. Il rimborso del prestito avviene in un unica soluzione, dopo 3 anni dall emissione. Presentare: il giornale in P.D. relativo alle operazioni descritte. Relativamente al prestito obbligazionario si presentino: le rilevazioni fino al momento del pagamento della prima cedola; la rilevazione della maturazione dell ultima cedola e del relativo pagamento; la rilevazione del rimborso del prestito; Prof. Luigi Trojano 13

14 I calcoli 1/4 emissione prestito obbligazionario Valore nominale 10,00 -Valore d emissione 9,50 Disaggio d emissione 0,50 unitario Quindi: Obbligazionisti c/sottoscrizione ( x 9,50) disaggio d emissione Valore nominale del prestito Dietimi di interesse da versare in data 1/8/n+2: x5x30/ = 1.232,88 Rateo interessi sugli interessi su obbligazioni al 31/12/n+2: Giorni compresi tra 1/7/n+2 e il 31/12/n+2: 183 quindi: : 365 = x : 183 x = 7.520,55 rateo Prof. Luigi Trojano 14

15 I calcoli 2/4 determinazione interessi su obbligazioni di competenza di ogni esercizio per il calcolo delle quote di ammortamento del disaggio su prestiti. n+2 Rateo al 31/ ,55 Interessi su obbligazioni 1.232,88 dietimi 6.287,67 saldo (int. di competenza) n+3 Cedola 1/ ,00 Rateo al 31/ ,55 Interessi su obbligazioni 7.520,00 rateo iniziale ,00 saldo (int. di competenza) n+4 Cedola 1/ ,00 Rateo al 31/ ,55 Interessi su obbligazioni 7.520,00 rateo iniziale ,00 saldo (int. di competenza) n+5 Cedola 1/ ,00 Interessi su obbligazioni 7.520,00 rateo iniziale 7.479,45 saldo (int. di competenza) Prof. Luigi Trojano 15

16 I calcoli 3/4 Sommiamo tutte le quote di competenza degli interessi su obbligazioni. Riepilogando abbiamo: Interessi di competenza esercizio n ,67 Interessi di competenza esercizio n ,00 Interessi di competenza esercizio n ,00 Interessi di competenza esercizio n ,45 Totale interessi ,12 su obbligazioni Prof. Luigi Trojano 16

17 I calcoli 4/4 Calcoliamo la quota di ammortamento del disaggio su prestiti di competenza di ciascun esercizio. Prima dividiamo il disaggio su prestiti per il totale degli interessi su obbligazioni di competenza: : ,12 = 0, coefficiente di riparto Poi moltiplichiamo il coefficiente di riparto per gli interessi su obbligazioni di competenza di ciascun esercizio: 0, x 6.287,67 = 2.154,93 quota ammortamento a carico esercizio n+2 0, x ,00 = 5.140,85 quota ammortamento a carico esercizio n+3 0, x ,00 = 5.140,85 quota ammortamento a carico esercizio n+4 0, x 7.479,45 = 2.563,38 quota ammortamento a carico esercizio n ,00 totale disaggio di emissione Prof. Luigi Trojano 17

18 Ammortamento dis aggio: mappa concettuale Vediamo di capire l ammortamento del disaggio con una mappa concettuale! Per calcolare le quote di ammortamento del disaggio su prestiti In primo luogo occorre Determinare la competenza economica degli interessi su obbl/ni per ogni esercizio di durata del prestito obbl/rio Dividere il disaggio su prestiti per il totale degli interessi su obbl/ni Coefficiente di riparto In secondo luogo occorre Ottenendo così il Che va moltiplicato per Gli interessi su obbl/ni di competenza di ciascun esercizio Ottenendo infine La quota di ammortamento del disaggio su prestiti per ogni esercizio di durata del prestito Prof. Luigi Trojano 18

19 Le reg ist razioni con tabili 1/2 1-7-n+2 Obblig.c/sott sott , n n+2 Disaggio su prestiti Prestito obbligazionario , , n+2 Banca x c/c , n+2 Obblig.c/sott sott , n+2 Int.pass.suobblig , n+2 Int.pass.su obblig , n+2 Ratei passivi 7.520, n+2 Amm.disaggio su prestiti 2.154, n+2 Disaggio su prestiti 2.154, n+2 Conto economico 8.442, n+2 Int.pass.su obblig , n+2 Amm.disaggio su prestiti 2.154, n+2 Ratei passivi 7.520, n+2 Stato patrimoniale finale 7.520, n+2 Stato patrimoniale finale , n+2 Disaggio su prestiti ,07 Prof. Luigi Trojano 19

20 Le reg ist razioni con tabili 2/2 1-1-n+3 Stato patrimoniale iniziale Ratei passivi 7.520, , n+3 Disaggio su prestiti Stato patrimoniale iniziale , , n+3 Int.pass.su obblig. Ratei passivi 7.520, , n+3 Int.pass.su obblig. Obbligaz.c/interessi , , n+3 Obblig.c/interessi Banca X c/c , , n+5 Int.pass.su obblig. Obbligaz.c/interessi , , n+5 Prestito obbligazionario Obbligaz.c/capitale , , n+5 Obbligaz.c/capitale Obbligaz.c/interessi Banca X c/c , , ,00 Prof. Luigi Trojano 20

21 Analisi di un caso : Reloaded SpA Analisi di un caso La Reloaded spa all 1/1/n presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Capitale sociale costituito da n azioni del valore nominale di 10 Riserva legale Riserva statutaria Riserva straordinaria Perdita d esercizio In data 20/03/n l assemblea degli azionisti delibera quanto segue: in seduta ordinaria la copertura della perdita mediante l utilizzo della riserva straordinaria e per la parte rimanente della riserva statutaria; in seduta straordinaria: 1).. 2) l emissione di un prestito obbligazionario di diviso in obbligazioni del valore nominale di 10, tasso 3%,godimento 1/6 1/12, prezzo di emissione 9,80. il prestito viene sottoscritto l 1/6 mentre il relativo versamento sul c/c bancario avviene il 16/6. Il rimborso del prestito è previsto in un unica soluzione, dopo cinque anni dall emissione. Al 31/12/n dopo aver ammortizzato i costi di ampliamento e il disaggio su prestiti,. Presentare: i calcoli relativi alle operazioni descritte e l ammortamento del disaggio su prestiti; il giornale in P.D. relativo alle operazioni descritte. Prof. Luigi Trojano 21

22 I calcoli 1/5 I calcoli Emissione prestito obbligazionario Ammontare prestito obbligazionario = Valore nominale di 1 obbligazione = 10 = numero obbligazioni emesse Valore nominale di 1 obbligazione = 10 -Valore di emissione di 1 obbligazione = 9,80 0,20 disaggio su prestiti su 1 obbligazione 0,20 x (n. obbligazioni emesse) = disaggio su prestiti complessivo. Il prestito viene sottoscritto l 1/6 mentre il relativo versamento viene effettuato il 16/6. Occorre calcolare i dietimi di interesse per 15 giorni (dall 1/6 al 16/6 escluso) al tasso dell 1,5% per 183 giorni compresi tra l 1/6 e l 1/12: x 1,5 x 15 Dietimi = = 1.229, Prof. Luigi Trojano 22

23 I calcoli 2/5 I calcoli Competenza interessi su obbligazioni Anno n 1/12 cedola semestrale ,00 31/12 rateo 2.500,00 16/6 dietimi interesse 1.229,51 31/12 saldo (competenza) ,49 Anno n+1 1/6 cedola semestrale ,00 1/12 cedola semestrale ,00 31/12 rateo 2.500,00 Rateo 2.500,00 31/12 saldo (competenza) ,00 Anno n+2 1/6 cedola semestrale ,00 1/12 cedola semestrale ,00 31/12 rateo 2.500,00 Rateo 2.500,00 31/12 saldo (competenza) ,00 Prof. Luigi Trojano 23

24 I calcoli 3/5 I calcoli Competenza interessi su obbligazioni Anno n+3 1/6 cedola semestrale ,00 1/12 cedola semestrale ,00 31/12 rateo 2.500,00 Rateo 2.500,00 31/12 saldo (competenza) ,00 Anno n+4 1/6 cedola semestrale ,00 Rateo 2.500,00 31/12 saldo (competenza) ,00 Prof. Luigi Trojano 24

25 I calcoli 4/5 I calcoli Competenza interessi su obbligazioni Interessi su obbligazioni di competenza anno n = ,49 Interessi su obbligazioni di competenza anno n+1 = ,00 Interessi su obbligazioni di competenza anno n+2 = ,00 Interessi su obbligazioni di competenza anno n+3 = ,00 Interessi su obbligazioni di competenza anno n+4 = ,00 Totale interessi su obbligazioni di competenza ,49 Calcolo quota ammortamento disaggio su prestiti Disaggio su prestiti = Totale interessi su obbligazioni di competenza = ,49 = 0, coefficiente di riparto Prof. Luigi Trojano 25

26 I calcoli 5/5 I calcoli Calcolo quota ammortamento disaggio su prestiti 0, x ,49 = 2.739,82 quota ammortamento disaggio su prestiti anno n 0, x ,00 = 5.051,76 quota ammortamento disaggio su prestiti anno n+1 0, x ,00 = 5.051,76 quota ammortamento disaggio su prestiti anno n+2 0, x ,00 = 5.051,76 quota ammortamento disaggio su prestiti anno n+3 0, x ,00 = 2.104,90 quota ammortamento disaggio su prestiti anno n+4 Il riparto dell utile Il totale dei costi di ampliamento da ammortizzare è pari a La percentuale di ammortamento è pari al 20%, per cui: x 20% = quota ammortamento costi di ampliamento = costi di ampliamento da ammortizzare alla fine anno n. Prof. Luigi Trojano 26

27 Le reg ist razioni con tabili Le registrazioni contabili Obbligaz.c/sottoscriz sottoscriz.. sottoscritto prestito obbligaz. Disaggio su prestiti sottoscritto prestito obbligaz. Prestiti obbligazionari sottoscritto prestito obbligaz Banca Carige c/c Interessi su obbl. interesse Obbligaz.c/sottoscriz sottoscriz. prestito versato prezzo emissione dietimi. versato , , Interessi su Obbligaz.. cedola semestrale Banca Carige c/c cedola semestrale Interessi su obbligaz.. rateo su interessi su obbl. Ratei passivi rateo su interessi su obbl Prof. Luigi Trojano 27

28 Obbligazioni convertibili Scelta obbligazionisti Tenere sino alla scadenza Convertire in azioni Disposizioni di legge Assemblea straordinaria aumento CS Azioni interamente versate Emissione pari o sopra la pari Opzione azionisti Tipi di conversione Diretta Indiretta Rapporto di conversione Prof. Luigi Trojano 28

29 Azioni e obbligazioni a confronto 1/2 Azioni Obbligazioni Chi le emette Spa Spa Tipologia finanziamento CP Rischio diretto per l investitore CT Rischio indiretto per l investitore Investimenti Immobilizzazioni Immobilizzazioni Costo operazione Dividendi Annui Interessi + capital gain (calcolo tasso effettivo) Semestrali o annuali Fisso o variabile Limite emissione No a) Si = 2 x (CS + RL + Rdisponibili) b) No, per SPA quotate Prof. Luigi Trojano 29

30 Azioni e obbli gazioni a confronto 1/2 Azioni e obbligazioni a confronto 2/2 Azioni Obbligazioni Valore di emissione Alla pari o sopra la pari dipende dal mercato finanziario Alla pari, sopra la pari o sotto la pari dipende dal mercato finanziario Aggio o disaggio di emissione N.B. obbligazioni convertibili solo alla pari o sopra la pari Regolamento prestito Numero e valore nominale Modalità di emissione e valore di emissione Numero e valore nominale Modalità di emissione e valore di emissione Tasso e data di godimento Modalità di rimborso Modalità di emissione Diretto Indiretto Collocamento diretto Sindacato bancario maggiori costi Prof. Luigi Trojano 30

31 F I N E Prof. Luigi Trojano 31

Società per azioni: le operazioni caratteristiche

Società per azioni: le operazioni caratteristiche I S T I T U T O D I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E G. F O R T U N A T O Società per azioni: le operazioni caratteristiche Classe IV In questo modulo: La costituzione della società per azioni Il riparto

Dettagli

Note didattiche I Prestiti Obbligazionari

Note didattiche I Prestiti Obbligazionari Note didattiche I Prestiti Obbligazionari 18 marzo 2008 1 Il prestito obbligazionario: definizione Mediante il prestito obbligazionario le società per azioni e in accomandita per azioni ottengono finanziamenti

Dettagli

I prestiti obbligazionari

I prestiti obbligazionari Albez edutainment production I prestiti obbligazionari Classe IV ITC In questo modulo: Cosa sono i prestiti obbligazionari Limiti ed eccezioni all emissione di obbligazioni Emissioni alla pari, sotto la

Dettagli

I prestiti obbligazionari. 23 marzo 2011

I prestiti obbligazionari. 23 marzo 2011 I prestiti obbligazionari 23 marzo 2011 1 Il prestito obbligazionario definizione Mediante il prestito obbligazionario le società per azioni e in accomandita per azioni ottengono finanziamenti a medio

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

www.net4students.org Pag. 1

www.net4students.org Pag. 1 TOMO 1-5. SOCIETÀ DI CAPITALI: FINANZIAMENTI A TITOLO DI CAPITALE DI DEBITO 5.2 confronto tra prestito obbligazionario e mutuo passivo Piano di ammortamento finanziario del prestito obbligazionario Anni

Dettagli

Prestiti obbligazionari

Prestiti obbligazionari Prestiti obbligazionari Agenda Introduzione Aspetti economico aziendali Aspetti giuridici Aspetti contabili Applicazioni Aspetti economico - aziendali La copertura di fabbisogni finanziari di medio-lungo

Dettagli

Corso teorico - pratico di contabilità generale e bilancio

Corso teorico - pratico di contabilità generale e bilancio Corso teorico - pratico di contabilità generale e bilancio a cura di: Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera L ammortamento del disaggio su prestiti, il rimborso dei prestiti

Dettagli

Le operazioni caratteristiche delle società per azioni

Le operazioni caratteristiche delle società per azioni IISS BOSELLI ALBERTI PERTINI VARAZZE CLASSE 4^G VERIFICA DI ECONOMIA AZIENDALE Le operazioni caratteristiche delle società per azioni COSTITUZIONE, DESTINAZIONE DELL UTILE, COPERTURA DELLA PERDITA Anno

Dettagli

Società per azioni: le operazioni caratteristiche

Società per azioni: le operazioni caratteristiche Albez edutainment production Società per azioni: le operazioni caratteristiche Classe IV ITC In questo modulo: La costituzione della società per azioni Il riparto dell utile in presenza di costi d impianto

Dettagli

Ammortamento disaggio di emissione Analisi di caso

Ammortamento disaggio di emissione Analisi di caso Albez edutainment production Ammortamento disaggio di emissione Analisi di caso Classe IV ITC Il caso Il 5/03/n il consiglio di amministrazione della Thea spa, con azioni quotate in mercati regolamentati,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Economia Corso di Ragioneria Generale ed Applicata IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Dott.ssa Irene Gnani NOZIONE: - È UNA FORMA DI FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE

Dettagli

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a.

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Esercitazioni svolte 2008 Scuola Duemila 91 Esercitazione n. 17 Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Obiettivi Saper fare: effettuare le procedure di calcolo relative alle operazioni tipiche

Dettagli

Operazioni di Finanziamento da Fonte Interna ed Esterna

Operazioni di Finanziamento da Fonte Interna ed Esterna Operazioni di Finanziamento da Fonte Interna ed Esterna Rilevazioni contabili in Partita Doppia relative ad operazioni di finanziamento Fonte interna Fonte esterna (mutui e prestiti obbligazionari) Lezione

Dettagli

Albez edutainment production. Analisi caso. Classe IV ITC

Albez edutainment production. Analisi caso. Classe IV ITC Albez edutainment production Analisi caso Classe IV ITC Il caso In data 10/01/n0, con atto costitutivo del notaio Guastavino, è stata costituita la Matrix spa con capitale sociale formato da 25.000 azioni

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI 1 LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CON CAPITALE DI TERZI OPERAZIONI A BREVE TERMINE - rapporto di conto corrente - operazioni

Dettagli

I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

I PRESTITI OBBLIGAZIONARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTA DI ECONOMIA Insegnamento di METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA I: CONTABILITÀ E BILANCIO (M-Z) Prof. Mauro ROMANO DISPENSA INTEGRATIVA N. 1 MODULO

Dettagli

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC

Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Società per azioni: concetti essenziali; riparto utili; aumento di capitale Esercitazione per la 4ª classe ITC e IPSC Lidia Sorrentino OBIETTIVI Verificare la conoscenza delle principali problematiche

Dettagli

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI di Emanuele Rossi e Andrea Sergiacomo 1. Premessa Sia le S.P.A. che le S.A.P.A. ed in particolari casi anche le cooperative 1, hanno la facoltà di emettere prestiti

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA:REPERIMENTO DI RISORSE E INVESTIMENTI IN TITOLI

LA GESTIONE FINANZIARIA:REPERIMENTO DI RISORSE E INVESTIMENTI IN TITOLI Esercizio 3 In data 1/6 la società Delta S.p.A. ottiene un anticipazione bancaria con scadenza al 1/8 per l importo di 10.000. Gli interessi sono liquidati in via posticipata ed ammontano a 500. In data

Dettagli

Gestione del magazzino. Imputazione dei costi di distribuzione fra due reparti di un azienda mercantile

Gestione del magazzino. Imputazione dei costi di distribuzione fra due reparti di un azienda mercantile Gestione del magazzino. Imputazione dei costi di distribuzione fra due reparti di un azienda mercantile A L azienda commerciale all ingrosso Alfa S.p.A. di Catania commercia, fra gli altri, l articolo

Dettagli

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini

OIC 19: Debiti. Novara, 27 gennaio 2015. Lorenzo Gelmini OIC 19: Debiti Novara, 27 gennaio 2015 Lorenzo Gelmini Introduzione: gli obiettivi e l ambito del nuovo principio contabile o Riordino generale della tematica o Miglior coordinamento con gli altri principi

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A.

Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4. Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di una S.p.A. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 4 UNITÀ F La gestione fi nanziaria e il mercato dei capitali ESERCIZIO Rimborso, investimento nel titolo più conveniente, successiva vendita: scritture in P.D. di

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

Classificazione dei titoli

Classificazione dei titoli Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 OPERAZIONI IN TITOLI Fondi (pubblici e privati) = crediti fruttiferi in denaro o quote fruttifere di capitale. Beni fungibili

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA ESERCITAZIONE N. 4 VARIAZIONI CAPITALE SOCIALE Pagina 1 di 11 TIPOLOGIE DI AUMENTI DEL CAPITALE SOCIALE L aumento del Capitale Sociale può essere: - SENZA VARIAZIONE del P.N. (Virtuale o Gratuito) - CON

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Firenze, 7 maggio 2015 E consentito l uso: - del codice Civile - della calcolatrice

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAPITOLO 8 - LE OPERAZIONI DI INVESTIMENTO E DI DISINVESTIMENTO IN TITOLI E PARTECIPAZIONI di Alfredo Viganò

ESERCIZI RELATIVI AL CAPITOLO 8 - LE OPERAZIONI DI INVESTIMENTO E DI DISINVESTIMENTO IN TITOLI E PARTECIPAZIONI di Alfredo Viganò 1 ESERCIZI RELATIVI AL CAPITOLO 8 - LE OPERAZIONI DI INVESTIMENTO E DI DISINVESTIMENTO IN TITOLI E PARTECIPAZIONI di Alfredo Viganò Esercizio n.1 In data 14.7.X, l impresa DELTA acquista titoli azionari

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari 1 Titoli obbligazionari Emissione Se la legge o lo statuto non dispongono diversamente, l'emissione di obbligazioni è deliberata dagli amministratori. In ogni caso la deliberazione di emissione deve risultare

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE INVESTIMENTI IN TITOLI 1 GLI INVESTIMENTI IN TITOLI OPERAZIONI DI INVESTIMENTO FINANZIARIO 1. Operazioni di prestito attivo 2. Investimenti in immobilizzazioni non caratteristiche

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale Tema di: Economia aziendale L impresa Pomodori S.p.A. di Napoli, azienda leader del

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

IL FINANZIAMENTO ATTRAVERSO L EMISSIONE DI BOND

IL FINANZIAMENTO ATTRAVERSO L EMISSIONE DI BOND IL FINANZIAMENTO ATTRAVERSO L EMISSIONE DI BOND ORGANIGRAMMA DEL CICR L EMISSIONE DI BOND L'emissione di strumenti finanziari di raccolta è consentita per somma complessivamente non eccedente il doppio

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Anagrafe Economica registro.imprese@an.camcom.it IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Guida a cura del Registro delle Imprese di Ancona Per informazioni registro.imprese@an.camcom.it Versione 1 - ottobre 2010 RIFERIMENTI

Dettagli

APPUNTI DI RAGIONERIA

APPUNTI DI RAGIONERIA Università La Sapienza sede di Latina Facoltà di Economia Cattedra di RAGIONERIA a.a. 2013-2014 APPUNTI DI RAGIONERIA Dispensa n. 12: I Debiti Il presente materiale è di ausilio alla didattica frontale

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Aumenti di capitale a pagamento

Aumenti di capitale a pagamento Aumenti di capitale a pagamento Durante la vita di una spa il capitale sociale, per diversi motivi e previa modifica dell atto costitutivo, può subire variazioni sia in aumento che in diminuzione. Gli

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI DI OBBLIGAZIONI BANCARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI DI OBBLIGAZIONI BANCARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Società Cooperativa Sede Legale e Amministrativa in San Marzano di San Giuseppe (TA) in via Vittorio Emanuele n. 190/a Iscritta all Albo delle

Dettagli

Prestito Obbligazionario (Codice ISIN )

Prestito Obbligazionario (Codice ISIN ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA a Tasso Fisso Il seguente modello

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

Prestito Obbligazionario Banca di Imola SpA 185^ Emissione 02/04/2007-02/04/2010 TV% Media Mensile (Codice ISIN IT0004219223)

Prestito Obbligazionario Banca di Imola SpA 185^ Emissione 02/04/2007-02/04/2010 TV% Media Mensile (Codice ISIN IT0004219223) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Banca di Imola SPA a Tasso Variabile Media Mensile Il seguente

Dettagli

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C

SVOLGIMENTO TIPOLOGIA C SVOLGIMENTO Una società per azioni che produce mobili in legno al termine dell esercizio n presenta una situazione di difficoltà: L esercizio si è chiuso con una perdita di 300.000 euro che ha portato

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

Scritture delle S.p.a.

Scritture delle S.p.a. Scritture delle S.p.a. In data 1 luglio dell anno n viene costituita la Oni Somar s.p.a. con capitale diviso in n. 500.000 azioni del valore nominale di 3,00 cadauna. N. 100.000 azioni sono sottoscritte

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

BANCA POPOLARE DI RAVENNA

BANCA POPOLARE DI RAVENNA BANCA POPOLARE DI RAVENNA Società per Azioni Ravenna, Via A.Guerrini 14 ------- Iscritta nell Albo delle Banche al n.1161 Gruppo bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Attività di direzione e coordinamento:

Dettagli

Presentare: le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate

Presentare: le scritture in P.D. relative alle operazioni indicate Esercizio 1 In data 15/03 si costituisce a Crema la G.P.F. s.p.a., con Capitale sociale suddiviso in n. 250.000 azioni del valore nominale di 2,00. Il capitale viene interamente sottoscritto dai soci che

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 (prof. MICHELE GALEOTTI Economia aziendale) 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. 31/12

Dettagli

CASO AGRY S.P.A. Svincolo dei conferimenti e calcolo degli interessi

CASO AGRY S.P.A. Svincolo dei conferimenti e calcolo degli interessi CASO AGRY S.P.A. Costituzione della società 12/05 Azionisti c/sottoscrizione a Capitale Sociale 250.000,00 12/05 BNL c/c vincolato a Azionisti c/ Sottoscrizione 62.500,00 Svincolo dei conferimenti e calcolo

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio.

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio Tasso Fisso

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa NOTA INFORMATIVA in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

Analisi di casi: costituzione, riparto utili e aumento capitale sociale nelle spa

Analisi di casi: costituzione, riparto utili e aumento capitale sociale nelle spa Albez edutainment production Analisi di casi: costituzione, riparto utili e aumento capitale sociale nelle spa Classe IV ITC 1 CASO In data 11-01 si è costituita la Beta spa con capitale sociale di 600.000,

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Belvedere S.p.A. Sede in Peccioli (PI), via G. Marconi n 5

Belvedere S.p.A. Sede in Peccioli (PI), via G. Marconi n 5 Belvedere S.p.A. Sede in Peccioli (PI), via G. Marconi n 5 Capitale sociale Euro 1.981.739,28 interamente versato Codice Fiscale e Iscrizione al Registro Imprese di Pisa 01404590505 REGOLAMENTO DEL PRESTITO

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

Prestito Obbligazionario T.V. 01/02/08 01/02/11 130^ emissione (Codice ISIN IT0004322027)

Prestito Obbligazionario T.V. 01/02/08 01/02/11 130^ emissione (Codice ISIN IT0004322027) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA a Tasso Variabile Il seguente

Dettagli

Il 31 marzo 2009, le obbligazioni BETA sono vendute ad un prezzo unitario di 11.

Il 31 marzo 2009, le obbligazioni BETA sono vendute ad un prezzo unitario di 11. ESERCIZIO N 1 Il 10 febbraio 2007, la società BIOX acquista i seguenti titoli a reddito fisso: - 10.000 obbligazioni quotate emesse dalla società ALFA al prezzo unitario di 8. Il valore nominale dei titoli

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Anghiari e Stia - Tasso Fisso Banca di Anghiari

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 NEL MERCATO FINANZIARIO SI NEGOZIANO TITOLI CON SCADENZA SUPERIORE A 18 MESI AZIONI OBBLIGAZIONI TITOLI DI STATO 2 VALORE DEI TITOLI VALORE

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DEL PROGRAMMA DI EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI BANCA DI IMOLA A TASSO FISSO Sede sociale e Direzione Generale: Imola, Via Emilia n. 196 Capitale Sociale 7.668.082,80 Euro

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso

Banco di Sardegna S.p.A. Obbligazioni a Tasso Fisso Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale euro 147.420.075,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro delle Imprese

Dettagli

Nota Informativa depositata presso la Consob in data 10.10.2006 a seguito di nulla-osta comunicato con nota n. 6078606 del 03.10.2006.

Nota Informativa depositata presso la Consob in data 10.10.2006 a seguito di nulla-osta comunicato con nota n. 6078606 del 03.10.2006. Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 30 giugno 2006 Euro 6.671.440

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano Tasso Variabile

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano Tasso Variabile Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant Albano Stura Società Cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso-S.Albano

Dettagli

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani

AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE. Docente: Prof. Massimo Mariani AZIONI E OBBLIGAZIONI: CARATTERISTICHE E STIME DEL VALORE Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Le obbligazioni: definizioni e caratteristiche Particolari tipologie di obbligazioni La valutazione delle

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

Prospetto Informativo per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla.

Prospetto Informativo per le Emissioni di Obbligazioni Bancarie c.d. Plain Vanilla. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN MICHELE di Caltanissetta e Pietraperzia Società Cooperativa per azioni Sede Legale e Amministrativa : Corso Umberto I n. 113/119-93100 Caltanissetta Iscritta all Albo delle

Dettagli

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI

Contabilità e Bilancio. La sintesi dei valori contabili. ..e poi. Prof. Matteo POZZOLI Contabilità e Bilancio Prof. Matteo POZZOLI Le scritture di assestamento La sintesi dei valori contabili Siamo al 31.12 dell esercizio X o meglio stiamo predisponendo il bilancio dell esercizio X - cosa

Dettagli

Assemblea Straordinaria degli Azionisti 18 novembre 2015 ore 15.00 in prima convocazione ed occorrendo 19 novembre 2015 ore 15.

Assemblea Straordinaria degli Azionisti 18 novembre 2015 ore 15.00 in prima convocazione ed occorrendo 19 novembre 2015 ore 15. Assemblea Straordinaria degli Azionisti 18 novembre 2015 ore 15.00 in prima convocazione ed occorrendo 19 novembre 2015 ore 15.00 in seconda convocazione RELAZIONI ILLUSTRATIVE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

A) VALORE DELLA PRODUZIONE

A) VALORE DELLA PRODUZIONE CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE: 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni merci conto vendite - resi su vendite - ribassi e abbuoni passivi 2) Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento

Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Iccrea Banca S.p.A. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA KIT di TPC (economia aziendale) CLASSE QUARTA APC A.S. 2013/14 LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA RIPASSO DELLA CONTABILITA' GENERALE - costituzione di un azienda individuale

Dettagli

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB

IL PRESENTE PROSPETTO NON E SOTTOPOSTO ALL APPROVAZIONE DELLA CONSOB BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OPPIDO LUCANO E RIPACANDIDA SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale e Amministrativa in Oppido Lucano Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 5072.4.0 Iscritta

Dettagli

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A.

FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. FINANZA & FUTURO BANCA S.P.A. Sede sociale Piazza del Calendario n. 1 - Milano Iscritta all Albo delle Banche codice 3170 Appartenente al Gruppo Deutsche Bank Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari codice

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 10 La Società per Azioni Operazioni sul Capitale sociale Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 8-9 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa Sede Legale e Amministrativa in Leverano Piazza Roma,1 Telefono 0832 925046-7 Fax 0832 910266 Codice ABI 08603 Codice fiscale e partita IVA

Dettagli

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore

Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Azioni e obbligazioni: caratteristiche e stima del valore Capitolo 14 Indice degli argomenti 1. Obbligazioni 2. Valutazione delle obbligazioni

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento

Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento Tema di Economia aziendale IGEA Proposta di svolgimento PERCORSO B IMPRESE BANCARIE Conto economico: commento delle voci e calcolo di risultati intermedi Il percorso B, relativo alle imprese bancarie,

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up Banca di Forlì Credito Cooperativo 12/2007 12/2010

Dettagli

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE

CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CANTÙ Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE in qualità di Emittente Sede legale in Cantù, Corso Unità d Italia 11 Iscritta all Albo delle Banche al n. 719 (Cod. ABI 08430), all Albo delle Cooperative al n. A165516, al Registro delle Imprese di Como

Dettagli

S 3 Indice Indice Introduzione 5 Introduzione 6 Introduzione 7 Introduzione 8 Introduzione 9 Introduzione 10 Introduzione 11 Introduzione 12 13 Relazione sulla gestione 15 15 Relazione sulla gestione

Dettagli