I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PRESTITI OBBLIGAZIONARI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTA DI ECONOMIA Insegnamento di METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA I: CONTABILITÀ E BILANCIO (M-Z) Prof. Mauro ROMANO DISPENSA INTEGRATIVA N. 1 MODULO GESTIONI SOCIETARIE I CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE E IN CONTO ESERCIZIO I PRESTITI OBBLIGAZIONARI ANNO ACCADEMICO

2 I CONTRIBUTI AGEVOLATI: DEFINIZIONE E FINALITA I CONTRIBUTI AGEVOLATI: BREVE INTRODUZIONE DEFINIZIONE E FINALITÀ I contributi agevolati rappresentano delle somme erogate dallo Stato o da altri Enti pubblici in vario modo (contributi a fondo perduto o a tasso agevolato, contributi in conto capitale o in conto esercizio) e per differenti finalità (contributi all imprenditoria giovanile, all imprenditoria femminile, alla ristrutturazione aziendale; contributi a determinate attività economiche; contributi erogati allo scopo di favorire lo sviluppo di determinate aree geografiche depresse o di determinati settori economici in difficoltà). In linea di massima, i contributi agevolati, variamente erogati, possono essere ricondotti a due differenti tipologie: a. i contributi legati all acquisto, alla costruzione, all ampliamento, alla ristrutturazione o alla riattivazione di immobilizzazioni (c.d. contributi in conto capitale o contributi in conto impianti); b. i contributi erogati allo scopo di coprire parzialmente i costi operativi ovvero integrare i ricavi dell esercizio (c.d. contributi in conto esercizio). I primi (contributi in c/capitale o in c/impianti) sono destinati alla ristrutturazione e al potenziamento dell apparato produttivo dell impresa, quale l acquisizione di beni strumentali. L erogazione è solitamente subordinata ad un preciso vincolo di destinazione che risiede nell utilizzazione di tali somme per il potenziamento, la ristrutturazione o l ampliamento delle immobilizzazioni tecniche dell azienda beneficiaria. I secondi (contributi in c/esercizio) sono destinati a fronteggiare esigenze di gestione quali il pagamento delle retribuzioni ai dipendenti ovvero l approvvigionamento delle materie prime occorrenti per la produzione. Di seguito si tratteranno le problematiche connesse alla rilevazione contabile ed alla rappresentazione in bilancio dei contributi in conto capitale e dei contributi in conto esercizio. 1. I CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE. DEFINIZIONE I contributi in conto capitale sono rappresentati da somme erogate dallo Stato e da altri enti per la realizzazione di iniziative dirette alla costruzione, alla riattivazione e all ampliamento di immobilizzazioni materiali. Solitamente gli investimenti realizzati con i contributi statali sono vincolati al perseguimento di uno specifico scopo e, pertanto, non possono essere destinati ad altre attività imprenditoriali, se non quando sia decorso un determinato periodo di tempo stabilito dalla legge. Nel nostro ordinamento giuridico, non sono rinvenibili norme che prevedono e disciplinano la contabilizzazione dei contributi in conto capitale. Ciò considerato, è necessario far riferimento ai seguenti documenti interpretativi: il Principio Contabile Nazionale O.I.C. n. 16; il Principio Contabile Internazionale IAS n. 20 emanato dallo I.A.S.B. 2

3 2. IL TRATTAMENTO CONTABILE DEI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE NEI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI Il trattamento contabile dei contributi in conto capitale è stato oggetto di ampio dibattito dottrinale. Secondo la dottrina aziendalistica, la rilevazione dei contributi in conto capitale può essere effettuata tenendo conto delle seguenti teorie contabili: a. la teoria redditualistica, in base alla quale i contributi devono essere accreditati gradualmente al Conto Economico, tenendo conto della vita utile dei cespiti cui il contributo è destinato; b. la teoria patrimonialistica, secondo la quale il contributo in conto capitale deve essere contabilizzato tra le voci del patrimonio netto 1. Si propone, di seguito, una breve trattazione dei principi alla base delle due teorie, evidenziando, per ciascuna, i riflessi sulle modalità di contabilizzazione dei contributi in conto capitale LA TEORIA REDDITUALISTICA Secondo la teoria redditualistica i contributi in conto capitale rappresentano una rettifica dei costi sostenuti per l acquisto del cespite. Tale approccio trova la sua ragion d essere nelle seguenti assunzioni: 1. i contributi in conto capitale sono commisurati al costo dei cespiti; 2. i contributi in conto capitale devono partecipare alla formazione del risultato economico di esercizio in base alla vita utile dei cespiti cui si riferiscono, secondo il criterio di competenza economica; 3. i contributi in conto capitale sono concessi per sviluppare investimenti in aree geografiche o settori con difficoltà operative durature; l aggravio di costi derivanti dal concretizzarsi di tali difficoltà operative è compensato dal calcolo di minori costi di ammortamento; 4. i contributi in conto capitale non costituiscono un finanziamento per l azienda, bensì un beneficio reddituale in termini di riduzione dei costi operativi LA CONTABILIZZAZIONE E LA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO L approccio redditualistico prevede che i contributi in conto capitale siano accreditati gradualmente al Conto Economico in base alla vita utile dei cespiti. Tale risultato può essere ottenuto applicando uno dei due metodi di seguito descritti. I METODO I contributi in conto capitale sono imputati al Conto Economico utilizzando il conto Altri proventi e ricavi (voce A5 del C.E.) per la quota ritenuta di competenza economica dell esercizio. La parte che si ritiene essere non di competenza è rinviata agli esercizi futuri attraverso l iscrizione di risconti passivi. 1 E bene segnalare che nel Principio Contabile n. 16 modificato dall O.I.C. (luglio 2005) l impostazione patrimonialistica è considerata «non più conforme ai principi generali» di redazione del bilancio, tenuto conto anche del venir meno delle agevolazioni fiscali precedentemente riconosciute in applicazione di tale approccio. 3

4 Dal punto di vista contabile si rileva quanto segue: a. al momento dell acquisto dell impianto: Diversi a Debiti v/fornitori Impianti Iva ns. credito 200 ricevimento della fattura per acquisto di un impianto Debiti v/fornitori a Banca c/c pagamento del fornitore a mezzo bonifico bancario b. all ottenimento del contributo: Crediti per contributi a Contributi in c/capitale 600 accertamento del contributo in conto capitale pari ad 600 c. al momento della riscossione del contributo: Banca c/c a Crediti per contributi 600 riscossione del contributo in conto capitale Alla fine dell esercizio, si rileva quanto segue: d. calcolo della quota di ammortamento: Ammortamento impianti a Fondo ammortamento impianti 100 ammortamento degli impianti con aliquota del 10% e. determinazione del risconto passivo nell ipotesi di frazionamento in 10 anni del contributo in conto capitale: Contributi in c/capitale a Risconti passivi 540 storno di ricavi agli esercizi successivi f. epilogo del conto Contributi in conto capitale nel Conto Economico alla voce A.5. Altri ricavi e proventi : Contributi in c/capitale a Altri ricavi e proventi (voce A.5 C.E.) 60 epilogo del conto contributi in c/capitale La rappresentazione in bilancio dei contributi in conto capitale seguendo il metodo dianzi illustrato può essere così sintetizzata: 4

5 STATO PATRIMONIALE (ATTIVO) (PASSIVO) B) Immobilizzazioni II) Imm. Materiali 900 (al netto del F.A.). E) Ratei e Risconti Risconti passivi 540 (quote non di competenza) CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione ( ) 5) altri proventi e ricavi 60 (quota di competenza) B) Costo della produzione ( ) 10) ammortamenti e svalutazioni 100 II METODO I contributi in conto capitale sono portati in diretta riduzione del costo storico del cespite (oggetto di agevolazione) iscritto nell attivo dello Stato Patrimoniale. In tal modo, i contributi sono imputati indirettamente al Conto Economico, in base alla vita utile dei cespiti, attraverso la determinazione di minori quote di ammortamento. a. al momento dell acquisto dell impianto: Diversi a Debiti v/fornitori Impianti Iva ns. credito 200 ricevimento della fattura per acquisto di un impianto Debiti v/fornitori a Banca c/c pagamento del fornitore a mezzo bonifico bancario b. all ottenimento del contributo: Crediti per contributi a Contributi in c/capitale 600 accertamento del contributo in conto capitale pari ad 600 c. al momento della riscossione del contributo: 5

6 Banca c/c a Crediti per contributi 600 riscossione del contributo in conto capitale d. contestualmente si storna il contributo in conto capitale riducendo il costo storico del cespite: Contributi in c/capitale a Impianti 600 storno dei contributi e riduzione del costo storico del cespite e. alla fine dell esercizio, si rileva la quota di ammortamento tenendo conto del costo storico dell impianto al netto del contributo (si rileva, quindi, un minor costo di ammortamento): Ammortamento impianti a Fondo ammortamento impianti 40 2 ammortamento degli impianti con aliquota del 10% STATO PATRIMONIALE (ATTIVO) (PASSIVO) B) Immobilizzazioni II) Imm. Materiali 360 (al netto del F.A.). CONTO ECONOMICO B) Costo della produzione ( ) 10) ammortamenti e svalutazioni 40 Si noti che il primo metodo dell impostazione redditualistica (iscrizione del contributo in un apposita voce dei risconti passivi) lascia inalterato il costo storico del cespite; esso produce, però, gli stessi effetti del secondo metodo, per quanto concerne la determinazione del risultato di esercizio e del patrimonio netto. E utile segnalare che il primo metodo appare preferibile sotto il profilo della rappresentazione veritiera e corretta (c.d. «clausola generale del bilancio»), prescritta ex art cod. civ. 2 La quota di ammortamento è calcolata tenendo conto del costo storico (1.000) al netto dei contributi in conto capitale ottenuti (600). 6

7 2.2. LA TEORIA PATRIMONIALISTICA Secondo la teoria patrimonialistica, i contributi in conto capitale sono considerati come parte integrante del patrimonio netto: essi sono equiparati alle fonti di finanziamento a titolo di capitale proprio poiché, trattandosi di contributi a fondo perduto, non ne è prevista la restituzione all ente erogatore ASPETTI CONTABILI Nell approccio patrimonialistico, i contributi in conto capitale sono contabilizzati nel passivo dello Stato Patrimoniale, in un apposita riserva (distintamente indicata) della macroclasse Patrimonio Netto (A.VII. Altre Riserve ). Dal punto di vista contabile si rileva quanto segue. a. al momento dell acquisto dell impianto: Diversi a Debiti v/fornitori Impianti Iva ns. credito 200 ricevimento della fattura per acquisto di un impianto Debiti v/fornitori a Banca c/c pagamento del fornitore a mezzo bonifico bancario b. all ottenimento del contributo: Crediti per contributi a Contributi in c/capitale 600 accertamento del contributo in conto capitale pari ad 600 c. al momento della riscossione del contributo: Banca c/c a Crediti per contributi 600 riscossione del contributo in conto capitale d. alla fine dell esercizio, il conto Contributi in conto capitale viene epilogato nello Stato Patrimoniale alla voce Altre riserve (A.VII.): Contributi in c/capitale a Altre riserve (A.VII. S.P.) 600 epilogo del conto Contributi in c/capitale Ammortamento impianti a Fondo ammortamento impianti 100 ammortamento degli impianti con aliquota del 10% 7

8 STATO PATRIMONIALE (ATTIVO) (PASSIVO) B) Immobilizzazioni II) Imm. Materiali 900 (al netto del F.A.) A) Patrimonio Netto ( ) VII. Altre riserve 600 (contributi in c/capitale) CONTO ECONOMICO B) Costo della produzione ( ) 10) ammortamenti e svalutazioni ASPETTI VARI DELLA CONTABILIZZAZIONE MOMENTO DELL ISCRIZIONE IN BILANCIO I contributi in conto capitale sono iscritti in bilancio nel momento in cui esiste una delibera formale di erogazione da parte dell Ente, ovvero nell ipotesi in cui l impresa abbia ricevuto comunicazione formale e sia stato rimosso ogni vincolo alla riscossione dei contributi medesimi. La delibera di concessione dei contributi è preceduta da una verifica con la quale l Ente erogante accerta l esecuzione del programma di investimento ed il rispetto di tutte le condizioni cui è soggetta l agevolazione. AMMORTAMENTO in base all approccio redditualistico, i contributi in conto capitale sono trattati come rettifica del costo storico e, pertanto, l ammortamento si calcola sul costo al netto dei contributi ottenuti; viceversa, secondo l impostazione patrimonialistica, i contributi in conto capitale sono parti ideali del patrimonio netto e, di conseguenza, l ammortamento si calcola sul costo storico al lordo dei contributi. 3. IL TRATTAMENTO CONTABILE DEI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SECONDO LO IAS 20 Secondo lo IAS 20 i contributi in conto capitale devono essere rilevati esclusivamente come componenti di reddito da ripartire lungo la vita utile del bene cui si riferisce il contributo stesso. Contabilmente, pertanto, secondo il principio contabile internazionale, il contributo in conto capitale deve essere: considerato, sin dal momento della riscossione, come ricavo differito ; ovvero portato in diminuzione del costo storico del bene iscritto nell attivo dello Stato Patrimoniale. 8

9 A ben vedere, lo IAS 20 fa menzione anche dell impostazione contabile in base alla quale i contributi in conto capitale sono contabilizzati tra le poste del patrimonio netto. Ciò nonostante lo stesso documento respinge l approccio patrimonialistico, in base alle seguenti argomentazioni: a. i contributi non provengono dagli azionisti e, pertanto, non è corretto accreditarli direttamente nel patrimonio netto, ma piuttosto devono essere imputati al Conto Economico secondo competenza; b. i contributi pubblici raramente sono gratuiti: le imprese devono rispettare determinate condizioni sottostanti e obblighi connessi; è dunque corretto considerarli componenti di reddito e contrapporli con i costi a cui sono associati; c. come le imposte sul reddito e le altre imposte sono considerati componenti di reddito, così anche i contributi pubblici rappresentano un estensione delle politiche fiscali e vanno pertanto coerentemente trattati come componenti del risultato economico di esercizio. Per quanto concerne il momento della rilevazione, lo IAS 20 precisa che i contributi pubblici (in conto capitale e in conto esercizio) non devono essere iscritti in bilancio fino a quando non vi è la ragionevole certezza che: a. l impresa saprà ottemperare alle condizioni richieste per ricevere il contributo; b. il contributo verrà erogato. 4. IL TRATTAMENTO DEI CONTRIBUTI IN C/CAPITALE NELLA PRASSI CONTABILE: IL METODO IBRIDO Il criterio di contabilizzazione definito ibrido, pur non essendo contemplato nei principi contabili rappresenta una soluzione mista tra la metodologia c.d. redditualistica (contributi in conto capitale contabilizzati come riduzione di costo) e quella c.d. patrimonialistica (contributi in conto capitale contabilizzati come posta del Patrimonio Netto). In merito si ritiene opportuno rammentare che la previgente disciplina fiscale consentiva di portare a riserva il 50% del contributo ottenuto al fine di beneficiare della sospensione d imposta. Nella prassi, quindi, i contributi in conto capitale erano iscritti direttamente nella voce Altre riserve del Patrimonio Netto per la quota del 50% al fine di usufruire della sospensione di imposta. La restante parte veniva contabilizzata nella voce Risconti passivi (raggruppamento E del Passivo dello Stato Patrimoniale) ed annualmente accreditata (in cinque o dieci anni) al Conto Economico, utilizzando la voce A.5) Altri proventi e ricavi. STATO PATRIMONIALE (ATTIVO) (PASSIVO) A) Patrimonio Netto ( ) VII. Altre riserve Contributi in c/capitale (per il 50% del contributo) E) Ratei e Risconti Risconti passivi (per il restante 50% del contributo) 9

10 5. I CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO Si è già accennato che i contributi in conto esercizio sono destinati a fronteggiare esigenze di gestione, quali il pagamento delle retribuzioni ai dipendenti o l approvvigionamento delle materie prime occorrenti per la produzione. Dal punto di vista contabile, se si tratta di contributi ottenuti a titolo di integrazione dei ricavi della gestione caratteristica o accessoria, essi devono essere separatamente iscritti (secondo competenza economica) nella voce A.5 ( Altri ricavi e proventi ) del Conto Economico. I contributi in conto esercizio di natura finanziaria devono essere computati, invece, in deduzione della voce C.17 ( Interessi ed altri oneri finanziari ) del Conto Economico, nel caso ci sia correlazione temporale tra oneri di esercizio e contributi; viceversa, nell ipotesi in cui non ci sia detta correlazione (ad es. quando i contributi sono erogati a fronte di interessi passivi sostenuti in esercizi precedenti) si utilizza la voce C.16, ( Altri proventi finanziari ). Infine, vengono rilevati nella voce E.20 ( Proventi straordinari ) del Conto Economico, i contributi in conto esercizio ottenuti in occasione di eventi sfavorevoli di natura eccezionale (ad es. alluvioni, terremoti e altre calamità naturali). In sintesi, la rappresentazione in bilancio dei contributi in conto esercizio può essere schematizzata come segue: I contributi in conto esercizio: rappresentazione in bilancio C.E. A5) Altri ricavi e proventi Contributi che integrano ricavi della gestione caratteristica o accessoria C.E. C17) Interessi ed altri oneri finanziari C.E. C16) Altri proventi finanziari Contributi di natura finanziaria quando c è correlazione temporale con gli oneri finanziari dell esercizio (con segno negativo) Contributi di natura finanziaria quando non c è correlazione temporale con gli oneri finanziari dell esercizio C.E. E20) Proventi straordinari Contributi erogati per eventi eccezionali Sotto il profilo contabile, si distinguono i seguenti momenti: a. al momento della riscossione del contributo: Banca c/c a Contributi in c/esercizio riscossione del contributo in conto esercizio (contributo riferito a cinque annualità) b. alla fine dell esercizio (epilogo del conto e determinazione della competenza economica): Contributi in c/esercizio a Risconti passivi storno dei contributi in conto esercizio non di competenza (storno di 4/5 dei contributi) Contributi in c/esercizio a Conto Economico 300 epilogo del conto Contributi in c/esercizio 10

11 I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Una delle forme di finanziamento a lungo termine alla quale possono ricorrere le società per azioni e le società in accomandita per azioni è rappresentata dall emissione di un prestito obbligazionario. L art. 2412, comma 1, cod. civ. disciplina l emissione di un prestito obbligazionario, stabilendo che la società può emettere obbligazioni al portatore o nominative per somma complessivamente non eccedente il doppio del capitale sociale, della riserva legale e delle riserve disponibili risultanti dall ultimo bilancio approvato. Ai sensi dell art cod. civ., l emissione del prestito obbligazionario è deliberata dagli amministratori, salvo che la legge o lo statuto non dispongano diversamente. In ogni caso la delibera deve risultare da verbale redatto da un notaio e deve essere successivamente depositata nel Registro delle Imprese. Le obbligazioni conferiscono ai loro sottoscrittori i seguenti diritti: a) la riscossione periodica di interessi ad un tasso determinato (o comunque determinabile secondo parametri oggettivi); b) il rimborso alla scadenza delle obbligazioni sottoscritte, secondo le modalità prefissate al momento dell emissione del prestito. Con riferimento al limite quantitativo di emissione delle obbligazioni (art. 2412, comma 1, cod. civ.) occorre tener presente che: 1) il limite può essere superato se le obbligazioni emesse in eccedenza sono destinate alla sottoscrizione da parte di investitori professionali (SIM, banche, ecc.); 2) le obbligazioni garantite da ipoteca sugli immobili di proprietà della società sono escluse dal limite e dal calcolo del limite stesso, fino a due terzi del valore degli immobili medesimi; 3) il limite alla emissione non si applica alle società quotate in mercati regolamentati, limitatamente alle obbligazioni destinate anch esse ad essere quotate in mercati regolamentati; 4) quando ricorrono particolari ragioni che interessano l economia nazionale, la società può essere autorizzata con provvedimento dell autorità governativa ad emettere obbligazioni per un ammontare superiore a quello stabilito dalla legge, con l osservanza dei limiti, delle modalità e delle cautele stabilite nel provvedimento medesimo; 5) restano salve le disposizioni di legge speciali applicabili a particolari categorie di società (es. banche). L emissione di obbligazioni di obbligazioni ordinarie 3 può avvenire: a) alla pari: il prezzo di emissione coincide con il valore nominale delle obbligazioni; b) sopra la pari: il prezzo di emissione è maggiore del valore nominale delle obbligazioni; c) sotto la pari: il prezzo di emissione è minore del valore nominale delle obbligazioni. Si riporta, di seguito, il trattamento contabile delle differenti ipotesi di emissione. A) caso di emissione alla pari Nell ipotesi di emissione alla pari, si rileva, da un lato, l incremento dei crediti nei confronti dei soggetti sottoscrittori, nel conto finanziario Obbligazionisti c/sottoscrizione e, dall altro, l incremento dei debiti di finanziamento nel conto finanziario Prestiti obbligazionari. 3 Si vedrà in seguito che l emissione di obbligazioni convertibili in azioni può avvenire soltanto alla pari o sopra la pari; è esclusa, invece, l emissione sotto la pari. 11

12 Si supponga, ad esempio, di emettere - al prezzo di 1,00 - n di obbligazioni del valore nominale di 1,00. Obbligazionisti c/sottoscr. a Prestiti obbligazionari emissione, alla pari, n di obbligazioni del valore nominale di 1,00 Banca c/c a Obbligazionisti c/sottoscr riscossione del prestito obbligazionario emesso alla pari B) caso di emissione sopra la pari Nell ipotesi di emissione sopra la pari, rispetto alle scritture precedenti, occorre rilevare una sorta di sovrapprezzo di emissione (c.d. aggio su prestiti) rappresentato dalla differenza tra il maggior prezzo di emissione e il valore nominale del prestito obbligazionario. L aggio su prestiti rappresenta, sul piano contabile, un ricavo da sospendere fra i risconti passivi per l intera durata del prestito obbligazionario; in bilancio, questo conto trova allocazione nella voce E del Passivo dello Stato Patrimoniale, denominata Ratei e risconti con separata indicazione dell aggio sui prestiti. L esistenza di un aggio di emissione fa sì che il tasso effettivo del prestito sia inferiore del tasso nominale; dunque, le obbligazioni hanno minor forza attrattiva sul mercato dei titoli. Questa circostanza rende rara, nella pratica, l emissione di un prestito obbligazionario sopra la pari. Si supponga, ad esempio, di emettere - al prezzo di 1,10 - n obbligazioni del valore nominale di 1,00. Obbligazionisti c/sottoscr. a Diversi a Prestiti obbligazionari a Aggio su prestiti emissione, al prezzo di 1,10, n di obbligazioni del valore nominale di 1,0 Banca c/c a Obbligazionisti c/sottoscr riscossione del prestito obbligazionario emesso sopra la pari Alla fine dell esercizio, l aggio su prestiti viene riscontato nel modo seguente: Aggio su prestiti a Risconti passivi risconto dei 9/10 dell aggio di emissione su prestito obbligazionario di durata decennale C) caso di emissione sotto la pari Nell ipotesi, invero più frequente nella realtà, di emissione sotto la pari del prestito obbligazionario, occorre contabilizzare una perdita di emissione, ovvero un onere finanziario sostenuto dalla società emittente per il reperimento dei mezzi finanziari; detto costo, che ha natura pluriennale, si iscrive in un conto economico denominato Disaggio su prestiti o Disaggio di emissione e deve essere ripartito sulla base della durata del prestito secondo la tecnica del risconto attivo. E evidente che, in siffatta ipotesi, il tasso effettivo di rendimento del prestito per il soggetto investitore è maggiore del tasso nominale. 12

13 Il conto in parola trova allocazione in bilancio nella macroclasse D dell Attivo dello Stato Patrimoniale, denominata Ratei e risconti con separata indicazione del disaggio sui prestiti. Si supponga, ad esempio, di emettere - al prezzo di 0,85 - n obbligazioni del valore nominale di 1. Diversi a Prestiti obbligazionari Obbligazionisti c/sottoscr Disaggio su prestiti emissione, al prezzo di 0,85, n di obbligazioni del valore nominale di 1,00 Banca c/c a Obbligazionisti c/sottoscr riscossione del prestito obbligazionario emesso sotto la pari Alla fine dell esercizio, il disaggio su prestiti viene riscontato come di seguito indicato: Risconti attivi a Disaggio su prestiti risconto dei 9/10 del disaggio di emissione su prestito obbligazionario di durata decennale Assimilabili, sul piano contabile, al disaggio di emissione sono le spese di emissione del prestito obbligazionario costituite dagli oneri accessori sostenuti dalla società emittente per l emissione del prestito sul mercato; trattasi di spese legali, di commissioni bancarie per il collocamento dei titoli sul mercato, di spese per la stampa del titolo, ecc. Secondo il Principio Contabile n. 19 ( I fondi per rischi ed oneri ) tali costi devono essere sospesi nello Stato Patrimoniale e devono essere attribuiti ai vari esercizi sulla base della durata del prestito obbligazionario, secondo le stesse modalità viste per il disaggio di emissione. Sinora si è trattata l ipotesi in cui la data di sottoscrizione del prestito obbligazionario coincida con la data dalla quale iniziano a decorrere gli interessi (o data di godimento). E tuttavia possibile che: a) il prestito obbligazionario sia collocato anteriormente alla data di decorrenza degli interessi; b) il prestito obbligazionario sia collocato posteriormente alla data di decorrenza degli interessi. Si esaminano a seguire le due diverse ipotesi. a) il prestito obbligazionario è collocato anteriormente alla data di decorrenza degli interessi In tal caso, il prestito non genera interessi per il periodo che va dalla data di collocamento del prestito a quella, successiva, di godimento; pertanto, i sottoscrittori delle obbligazioni potrebbero chiedere, all istituto di credito che si occupa di collocare il prestito, di trattenere anticipatamente il mancato provento sul capitale investito, versando una somma inferiore al prezzo di emissione delle obbligazioni. Sul piano contabile, non si pongono particolari problemi poiché, solitamente, le banche trattano questa ipotesi come una prenotazione di titoli oppure addebitano il conto corrente dei sottoscrittori con valuta coincidente alla data da cui cominciano a decorrere gli interessi obbligazionari. 13

14 b) il prestito obbligazionario sia collocato posteriormente alla data di decorrenza degli interessi In questo caso, i sottoscrittori sono chiamati a rimborsare alla società emittente gli interessi maturati nel periodo che intercorre tra la data di godimento e la data (successiva) di sottoscrizione del prestito. Questo rateo di interessi (c.d. dietimo ) matura in capo alla società che detiene le obbligazioni emesse nel periodo che va dalla prima data di decorrenza degli interessi fino alla data di collocamento sul mercato. Alla scadenza di pagamento degli interessi, il sottoscrittore riscuoterà l intera cedola; tuttavia, una parte di essa è maturata in capo alla società emittente ed è per questo motivo che, all atto della sottoscrizione, il sottoscrittore sarà chiamato a versare il rateo di interessi già maturato. Si consideri il seguente esempio: in data 01/04 è interamente collocato un prestito obbligazionario di , emesso alla pari, tasso 10%, godimento 01/03 01/09. Calcolo del dietimo di interesse = (capitale) * 10 (tasso) * 1 (mese di dietimo) = Per semplicità di calcolo, si ipotizza che la ritenuta fiscale sia sempre pari al 27% dell interesse lordo; dunque, nel caso specifico, ( * 0,27) = 675. Detta ritenuta, operata dalla società emittente in sede di liquidazione degli interessi periodici in qualità di sostituto d imposta, rappresenta una ritenuta d imposta (a titolo definitivo) se i sottoscrittori sono persone fisiche ovvero una ritenuta d acconto se i sottoscrittori sono persone giuridiche. Obbligazionisti c/sottoscr. a Prestiti obbligazionari emissione, alla pari, di un prestito obbligazionario del valore nominale di ; date di godimento 01/03 01/09; tasso nominale 10%. Diversi a Diversi Banca c/c Erario c/ritenute da versare 675 Obbligazionisti c/sottoscr Interessi passivi su obbligazioni riscossione del prestito obbligazionario emesso alla pari, oltre ai dietimi di interesse Si fa notare che il dietimo di interesse è rilevato, al lordo della ritenuta, in avere di un conto tipicamente unilaterale, qual è il conto economico Interessi passivi su obbligazioni : si tratta di una rettifica anticipata del costo degli interessi che verrà rilevato al momento in cui la cedola semestrale giungerà a maturazione (cioè in data 01/09). La ritenuta d acconto è iscritta in dare del conto finanziario Erario c/ritenute da versare allo scopo di correggere la ritenuta fiscale che, successivamente, sarà calcolata sull intera cedola e versata all Erario solo per la differenza. 14

15 LIQUIDAZIONE DEGLI INTERESSI SU OBBLIGAZIONI La liquidazione ed il pagamento degli interessi su obbligazioni può aver luogo annualmente (nel caso di cedola annuale) ovvero più volte all anno (es. cedola semestrale). Alla data di maturazione degli interessi, occorre rilevare la ritenuta fiscale che deve essere versata all Erario entro il giorno 16 del mese successivo. Mantenendo i dati dell esempio precedente, in data 01/09, al momento della liquidazione degli interessi, si rileva in P.D.: calcolo cedola lorda semestrale = (capitale) * 10 (tasso) * 6 (mesi) = ; In partita doppia, si rileveranno i seguenti articoli: al momento della liquidazione degli interessi (01/09) Interessi passivi su obbligaz. a Obbligazionisti c/interessi liquidazione degli interessi su obbligazioni al tasso 10% annuo al momento del pagamento Obbligazionisti c/interessi. a Diversi a Banca c/c a Erario c/ritenute da versare (27%) pagamento interessi su obbligazioni al netto della ritenuta del 27% entro il giorno 16 del mese successivo a quello di liquidazione degli interessi Erario c/ritenute da versare a Banca c/c versamento all Erario delle ritenute operate Alla fine dell esercizio, occorrerà determinare la competenza economica degli interessi (posticipati) che maturano nel periodo 01/09/n 01/03/n+1; si tratta di integrare contabilmente un componente negativo di reddito (gli interessi passivi sulle obbligazioni) che avrà manifestazione finanziaria futura (01/03/n+1), ma che è parzialmente di competenza economica dell esercizio in chiusura. La quota di costo da integrare ammonta a: ( * 4 mesi) / 6 mesi = In P.D. occorrerà rilevare la seguente scrittura (assestamento con metodo diretto): Interessi passivi su obbligaz. a Ratei passivi integrazione di componenti negativi di reddito per interessi passivi su prestiti obbligazionari 15

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE OIC 2 PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE ottobre 2005 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli