IL PIANO DI MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIANO DI MARKETING"

Transcript

1 IL PIANO DI MARKETING Premessa generale Situazione attuale di marketing Analisi delle opportunità e dei problemi Obiettivi Strategie di marketing Piani d azione Previsione di conto economico Controlli IL PIANO DI MARKETING 1

2 CONTENUTI DEL PIANO DI MARKETING (1) PREMESSA GENERALE Presenta una panoramica succinta per un rapido inquadramento del piano predisposto da parte della direzione SITUAZIONE ATTUALE DI MARKETING Presenta i principali dati di base a proposito di mercato, prodotti, situazione competitiva, distribuzione e macroambiente ANALISI DELLE OPPORTUNITA E DEI PROBLEMI Riassume le principali minacce, opportunità, forze, debolezze, nonché i problemi che riguardano il prodotto e che verranno considerati nel piano IL PIANO DI MARKETING 2

3 CONTENUTI DEL PIANO DI MARKETING (2) OBIETTIVI Definisce i traguardi che il piano vuole raggiungere in termini di volume delle vendite, quota di mercato e profitti STRATEGIA DI MARKETING Presenta l approccio generale di marketing che sarà impiegato per raggiungere gli obiettivi del piano PIANI D AZIONE Risponde alle domande: - cosa sarà fatto? - chi lo farà? - quando sarà fatto? - quanto costerà? IL PIANO DI MARKETING 3

4 CONTENUTI DEL PIANO DI MARKETING (3) PREVISIONE DI CONTO ECONOMICO Sintetizza i risultati economico/finanziari del piano CONTROLLI Specifica i sistemi di controllo che saranno applicati durante l esecuzione del piano IL PIANO DI MARKETING 4

5 IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING Le critiche più frequenti all informativa presente in azienda a supporto delle decisioni: non c è abbastanza informazione di tipo appropriato; sono disponibili troppe informazioni di scarsa utilità; l informazione di marketing è così dispersa nell ambito dell azienda che occorre un grande sforzo per localizzare dati anche semplici; l informazione viene eliminata dai collaboratori qualora intravedano influenze per loro negative; le informazioni importanti spesso giungono tardivamente; è difficile valutare il grado di attendibilità dell informazione. 5

6 DEFINIZIONE DI SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING Un sistema informativo di marketing è una struttura integrata e interagente di persone, attrezzature e procedure, finalizzata a raccogliere, classificare, analizzare, valutare e distribuire informazioni pertinenti, tempestive e accurate, destinate agli operatori di decisioni di mercato. E importante perché: ogni impresa è percorsa da numerosi flussi informativi di interesse per le decisioni di marketing e si occupa di integrare e finalizzare tutti i dati non combinati fra loro. 6

7 IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING MANAGER SVILUPPO DELL'INFORMAZIONE AMBIENTE DI MARKETING ANALISI Valutazione dei bisogni informativi INFORMAZIONI INTERNE MARKETING INTELLIGENCE MERCATI OBIETTIVO CANALI DI MARKETING IMPLEMEN- TAZIONE CONTROLLO Distribuzione dell'informazione ANALISI A SUP- PORTO DELLE DECISIONI DI MARKETING RICERCHE DI MARKETING CONCORRENTI PUBBLICO FORZE DEL MACRO- AMBIENTE DECISIONI E COMUNICAZIONI DI MARKETING

8 Esempio di questionario per determinare il fabbisogno di informazioni di marketing 1. Quali decisioni siete chiamati regolarmente ad assumere? 2. Quali tipi di informazioni vi occorrono per prendere queste decisioni? 3. Quali tipi di informazioni ottenete regolarmente? 4. Quali tipi di studi richiedete periodicamente? 5. Quali tipi di informazioni attualmente non disponibili gradireste ricevere? 6. Quali informazioni vorreste avere giornalmente? Settimanalmente? Mensilmente? Annualmente? 7. Quali riviste e quali studi sul vostro settore vorreste che vi fossero regolarmente trasmessi? 8. Su quali specifici argomenti vorreste essere tenuti informati? 9. Quali tipi di programmi per l analisi dei dati vorreste che fossero resi disponibili? 10. Quali sarebbero, secondo voi, i 4 miglioramenti più utili apportabili al SIM? 8

9 IL SISTEMA DI MARKETING INTELLIGENCE DEFINIZIONE IL SISTEMA DI MARKETING INTELLIGENCE PUO ESSERE DEFINITO COME L INSIEME DELLE PROCEDURE E DELLE FONTI USATO DAL MANAGEMENT PER OTTENERE LE INFORMAZIONI CORRENTI SUGLI SVILUPPI PERTINENTI NELL AMBIENTE DI MARKETING Cosa fare per migliorare la qualità e quantità delle informazioni di marketing? - far leva sulla forza vendita - acquisire informazioni da fornitori specializzati (ex. Nielsen) - costituire o acquistare servizi da centri di raccolta informazioni 9

10 RICERCA DI MARKETING La ricerca di marketing consiste nella sistematica progettazione, raccolta, analisi e presentazione dei dati e delle informazioni rilevanti per una specifica situazione di marketing a cui l impresa deve far fronte. 10

11 LE FASI DELLA RICERCA DI MARKETING DEFINIZIONE DEL PROBLEMA E DEGLI OBIETTIVI DI RICERCA SVILUPPO DELLE FONTI DI INFORMAZIONE RACCOLTA DI DATI ANALISI DEI DATI PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 11

12 1. DEFINIZIONE DEL PROBLEMA E DEGLI OBIETTIVI DELLA RICERCA Management e ricercatori devono, in via preliminare, definire attentamente il problema e gli obiettivi della ricerca. Per ogni problema ci sono numerose cose su cui si può fare ricerca. Se il problema non è ben definito, il costo della raccolta informazioni può superare il valore dei risultati. Esistono 3 tipi di ricerche: - ricerche esplorative (raccolta preliminare di dati per far luce sulla natura del problema) - ricerche descrittive (utilizzate per descrivere le grandezze) - ricerche causali (effettuate per verificare relazioni di causaeffetto) 12

13 2. L INDIVIDUAZIONE DELLE FONTI DI INFORMAZIONE (LO SVILUPPO DEL PIANO DI RICERCA) La definizione di un piano di ricerca implica decisioni su: - le fonti dei dati * dati secondari * dati primari - i metodi di indagine * osservazione * sondaggio * intervista di gruppo * esperimenti - gli strumenti per la raccolta dei dati * questionari * strumenti meccanici - il piano di campionamento * unità campione * numerosità campione * metodo di campionamento - i metodi di contatto * telefonico * postale * personale 13

14 DATI SECONDARI Fonti Interne Stato Patrimoniale Profitti e perdite Statistiche e rapporti di vendita 14

15 DATI SECONDARI Fonti Esterne Istat: Annuario statistico italiano Annuario di statistiche demografiche Annuario statistiche sanitarie Annuario statistiche industriali Statistica mensile del commercio con l estero Ministeri Camere di commercio Banca d Italia Regioni Isco (Istituto nazionale per lo Studio della COngiuntura) Ice (Istituto nazionale per il Commercio con l Estero) Eurostat 15

16 DATI SECONDARI Fonti Esterne Libri e periodici sviluppati da: Confindustria Abi Confcommercio.. Federchimica Federmeccanica Riviste: L impresa Micro e macro marketing Journal of marketing Journal of marketing research Harvard Business Review 16

17 I METODI DI INDAGINE: a) L OSSERVAZIONE E un metodo che consiste nell osservazione dei soggetti e delle situazioni oggetto di indagine. Può essere utilizzato da solo o a supporto di altre tipologie di ricerca per integrare i dati raccolti. 3 sono le tecniche più usate: 1. LE AUDIT - Shop audit (vengono rilevati ogni 2/3 settimane gli stock di determinati prodotti nei negozi per misurare le vendite effettive avvenute) -Panel - Rilevazione di presenze e flusso nei punti vendita 2. GLI STRUMENTI DI REGISTRAZIONE - telecamere nascoste - psico-galvanometro - tachistoscopio - eye cameras -meter 17

18 I METODI DI INDAGINE: a) L OSSERVAZIONE 3. L OSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEI CONSUMATORI - Rilevazione eseguita con telecamere - Rilevazione eseguita con osservazione da parte di personale specializzato La sola osservazione del comportamento raramente è sufficiente: fornisce informazioni ma non è in grado di rilevare le motivazioni del comportamento individuale. Si sono quindi sviluppati metodi alternativi. 4. L INTERVISTA DI GRUPPO Gruppi di intervistati composti da 6-10 persone e da un intervistatore esperto. Luogo di svolgimento: ambiente distensivo. Modalità: discussione libera 18

19 I METODI DI INDAGINE: b) LA SPERIMENTAZIONE E incentrata su esperimenti controllati, in cui l obiettivo principale è la possibilità di mantenere costanti le condizioni, permettendo così di studiare e misurare gli effetti di un particolare fattore o variabile. Ogni cambiamento osservato viene misurato e attribuito all intervento della variabile indipendente. E impossibile che si verifichino le condizioni per il test di laboratorio nella realtà di mercato, tuttavia è l unico metodo per verificare i rapporti di causa-effetto (ridurre al minimo le interferenze). Splint run -> stampa Show corner -> nei magazzini Nb: gli esperimenti di marketing spesso riguardano periodi molto brevi e ciò può condurre a conclusioni sbagliate perché gli effetti possono perdurare nel tempo. 19

20 I METODI DI INDAGINE: c) IL SONDAGGIO La ricerca per sondaggio sta a metà strada tra la casualità della ricerca per osservazione e il rigore della ricerca sperimentale. Le aziende effettuano sondaggi per acquistare informazioni su ciò che la gente conosce, preferisce, desidera e per misurare l ampiezza di questi fenomeni nella popolazione. I METODI DI INDAGINE - Intervista personale - indagini postali - indagini telefoniche - ricerche con panel - interviste di gruppo - tecniche di indagine speciali (shop audit, rilevazioni televisive ) 20

21 GLI STRUMENTI PER LA RACCOLTA DEI DATI IL QUESTIONARIO E lo strumento più comune per la raccolta dei dati primari. Consiste in un insieme di domande formulate ad un individuo per ottenere le sue risposte. ELEMENTI CRITICI DA DEFINIRE - la scelta delle domande da porre - la forma delle domande (domande a risposta aperta domande a risposta chiusa) - la sequenza delle domande. 21

22 Es. Intervista fatta da una compagnia aerea ai passeggeri 1. Qual è il suo reddito arrotondato ai 100 Euro? 2. Lei è un passeggero occasionale o abituale? 3. Le piace questa compagnia aerea? 4. Quanti annunci pubblicitari di linee aeree ha visto alla televisione l aprile dello scorso anno? E in questo mese di aprile? 5. Quali sono gli attributi salienti e determinanti nella valutazione di una linea aerea? 6. Lei pensa che sia giusto che il governo metta una tassa sui biglietti aerei privando così moltissime persone della possibilità di volare? 22

23 IL PIANO DI CAMPIONAMENTO Popolazione o Universo E un qualsiasi insieme di elementi simili tra loro per una o più caratteristiche che rappresentano l oggetto di studio di una particolare indagine. Prima di iniziare la ricerca bisogna definire chiaramente la popolazione da esaminare. Censimento Si realizza mediante l analisi dell universo nella sua totalità. Viene realizzato in ambito commerciale solo qualora l universo sia di dimensioni ridotte e facilmente localizzabile. Campione Si realizza mediante l estrazione di un certo numero di unità di campionamento da una popolazione e se ne effettua l analisi. I risultati sono ritenuti validi per tutto l universo. 23

24 I TIPI DI CAMPIONAMENTO CAMPIONAMENTO PROBABILISTICO (i più impiegati) - casuale semplice - quasi casuale - casuale stratificato - a grappolo - per area - a stadi - ripetuto - fisso - a fasi CAMPIONAMENTO NON PROBABILISTICO - per quota - di convenienza - ragionato 24

25 CAMPIONAMENTO PROBABILISTICO (o casuale) Comporta che ogni elemento di una popolazione finita abbia una probabilità non nulla e misurabile di essere incluso nel campione. Vantaggi: - è un metodo oggettivo - i risultati sono statisticamente significativi Limiti: - è difficile disporre di liste complete dell universo di interesse - i campioni possono essere dispersi su un territorio ampio - tempi e costi di realizzazione elevati - esistono difficoltà per raggiungere le unità di campionamento 25

26 CAMPIONAMENTO CASUALE SEMPLICE Consente di evitare la distorsione derivante da scelta individuale delle unità di campionamento. Può essere ottenuta con due metodi: 1. METODO DELLA LOTTERIA Ogni unità è associata a un gettone o a un talloncino numerato: questi vengono inseriti in un urna, rimescolati e scelti con una procedura di estrazione casuale fino al raggiungimento della numerosità campionaria desiderata. Solitamente, dopo ogni estrazione il dischetto viene reinserito. 2. METODO DELLE TABELLE DEI NUMERI CASUALI Dopo aver attribuito un numero a ogni elemento della popolazione, le unità inserite nel campione sono scelte dalla tabella. 26

27 CAPIONAMENTO QUASI CASUALE Si distingue dal campionamento casuale semplice poiché non viene attribuita la stessa probabilità di selezione a tutti i campioni che potrebbero essere trattati da una popolazione. E possibile utilizzarlo quando esiste un elenco della popolazione da studiare (elenchi elettorali, di clienti ). Si ottiene definendo un intervallo di campionamento, derivante dal rapporto tra popolazione e numerosità campionaria (N/n). Si sceglie poi un numero compreso nell intervallo di campionamento. Da questo punto di partenza si passa a quelli successivi aggiungendo l intervallo di campionamento prescelto. 27

28 CAMPIONAMENTO CASUALE STRATIFICATO Si suddivide la popolazione da analizzare in gruppi che presentano caratteristiche simili. Le quote di ogni gruppo (o strato) dovrebbero essere programmate in modo da riflettere il peso relativo rispetto alla popolazione totale. All interno di ogni specifico gruppo si procede all estrazione casuale. Questo tipo di campionamento è più preciso del campionamento casuale semplice poiché le caratteristiche della popolazione sono rappresentate in modo adeguato. 28

29 CAMPIONAMENTO A GRAPPOLO Questo tipo di campionamento si ottiene concentrando le interviste su un numero ristretto di gruppi o grappoli scelti a caso nella popolazione. Si selezionano in modo casuale i grappoli e si includono nel campione tutte le unità del grappolo. Vantaggi: - utile quando la popolazione è dispersa geograficamente. Svantaggi: - se i grappoli sono insufficientemente differenziati possono escludere interi segmenti di popolazione (devono contenere una popolazione mista). 29

30 CAMPIONAMENTO A STRATI Questo campionamento comporta un procedimento di selezione a due o più stadi successivi. In ognuno di questi viene estratto un campione (stratificato o meno), fino a raggiungere le unità elementari di campionamento. CAMPIONAMENTO RIPETUTO Invece di estrarre un campione casuale dall universo, lo stesso viene suddiviso in un numero di sotto-campioni più piccoli uguali tra loro, tutti estratti dalla popolazione con lo stesso metodo casuale. Ognuno di questi sotto-campioni è una miniatura della popolazione e ognuno fornisce indicazioni sugli altri. 30

31 CAMPIONAMENTO FISSO Utile quando la popolazione è sostanzialmente stabile rispetto alle variabili considerate. Viene realizzato un campione fisso da cui estrarre in modo casuale alcuni sottocampioni. CAMPIONAMENTO A FASI E un metodo simile al campionamento a stadi, con la differenza che ad alcune unità selezionate del campione viene richiesto un numero maggiore di informazioni rispetto ad altre. In questo modo è possibile ridurre tempi e costi della ricerca. 31

32 CAMPIONAMENTO NON PROBABILISTICO I singoli elementi della popolazione non hanno la stessa probabilità di entrare a far parte del campione. CAMPIONAMENTO PER QUOTA Si suddivide la popolazione da campionare in diversi sottogruppi in funzione di criteri prescelti (sesso, età, classe sociale ). Il ricercatore individua e intervista il numero prescritto di persone in ciascuna delle categorie assegnate. 32

33 I METODI DI CONTATTO INTERVISTA TELEFONICA INTERVISTA POSTALE INTERVISTA PERSONALE 33

34 INTERVISTA PERSONALE IN PROFONDITA Colloqui con cui si cercano di comprendere:! Motivazioni! Atteggiamenti! Pregiudizi verso qualcosa! Comportamenti andando oltre razionalizzazioni e opinioni espresse Tecniche usate:! Libere associazioni! Tecniche proiettive 34

35 INTERVISTA PERSONALE IN PROFONDITA Supporti:! Schema con obiettivi specifici (flessibile ordine argomenti libero)! Registratore/telecamera! Psicologo Tempi: ½ ora o più per intervista Lavoro di analisi e sintesi Tipologie: non direttiva (fisso solo argomenti da trattare) semistrutturata (fisso con precisione aree tematiche) 35

36 TECNICHE PROIETTIVE Prevedono la presentazione di uno stimolo ambiguo che deve essere strutturato e interpretato dall intervistato Utili per aggirare le barriere: cognitive, razionali, sociali, inconsce Tecniche proiettive rivolte all inconscio: " Associazioni di parole " Disegni Tecniche per superare il controllo razionale: " Idealizzazioni e soluzioni di fantasia " Role playing Tecniche per superare la convenzionalità: " Personificazione " Fumetti 36

37 INTERVISTA PERSONALE CLASSICA Presenza intervistatore - Presenza di questionario Caratteristiche:! Flessibilità (tipo di domande)! Osservazione (possibilità di chiarimenti analizzare i comportamenti uso stimoli visivi) Qualità dei dati:! Alta (registrazione campionamento)! Rischio di influenza (tono voce, occhi, postura) Velocità: scarsa Costo: alto 37

38 INTERVISTA POSTALE Prevede invio di questionario al domicilio dell intervistato (da rispedire) Manca presenza dell intervistatore! No influenza! No chiarimenti Qualità dei dati Campione:! Difficoltà di recupero liste! Difficoltà di controllo su chi risponde Livelli di risposta: 10% max non rappresentativi Velocità e costo: bassi 38

39 INTERVISTA TELEFONICA Molto utilizzata presente figura intervistatore presente questionario manca presenza fisica (oss.) Qualità dei dati: buona (tendenza a fornire informazioni condivise) Durata: minuti Controllo del campione: ottimo, capillarità territoriale % risposta: c.a. 70% Velocità: alta Costi: medi (5-10 euro) 39

40 IL PANEL Ricerca su un campione stabile di una popolazione che viene misurato più volte. Motivazione: esigenza di chi deve decidere di misurare le conseguenze della gestione di certe variabili di marketing nel tempo su determinate unità. Tipi di panel:! Continuativo (Misura ripetutamente le stesse variabili all interno del gruppo individuato)! Omnibus (Rilevazione intervallare che può essere utilizzata per obiettivi diversi) 40

41 IL PANEL Vantaggi: - riflette con precisione le modifiche che avvengono nella popolazione in esame - anche variazioni piccole sono riflesse nei dati - qualità e quantità dei dati Svantaggi: - rappresentatività - assuefazione 41

42 LE INTERVISTE DI GRUPPO Il gruppo è formato da 6/10 persone E condotto da un moderatore professionista o da uno psicologo Principali utilizzi:! - raccogliere idee nuove sui prodotti e comunicazioni! - conoscere il vocabolario dei consumatori! - conoscere bisogni e atteggiamenti dei consumatori! verso nuovi prodotti o prodotti esistenti! - definire nuovi concetti di prodotto - verificare la chiarezza dei concetti da comunicare. 42

43 Vantaggi: LE INTERVISTE DI GRUPPO! - allargare e completare le opinioni dei singoli! - ambiente più disteso e divertante! - si possono coinvolgere anche ragazzi e bambini Svantaggi:! - richiede tempi lunghi e disponibilità degli! intervistati, anche per recarsi in istituto di ricerca! - partecipazione falsata! - costo! - la riuscita del gruppo dipende dall abilità del! conduttore 43

44 IL SISTEMA DI SUPPORTO DELLE DECISIONI DI MARKETING E UN INSIEME DI STRUMENTI STATISTICI E DI MODELLI DI DECISIONE, NONCHE DEL RELATIVO HW E SW DI SUPPORTO, IN GRADO DI ASSISTERE I DIRIGENTI DI MARKETING NELL ANA- LISI DEI DATI E NELL ASSUNZIONE DI MIGLIORI DECISIONI DI MARKETING. Un sistema di supporto alle decisioni di è costituito da 2 sottoinsiemi: - Banca dati statistica - Banca dei modelli 44

45 LA LEGGE SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI LEGGE N. 675 DEL 31 DICEMBRE 96 ENTRATA IN VIGORE L 8 MAGGIO 97 Per la prima volta viene sancito in Italia il diritto alla riservatezza, inteso come diritto al controllo delle informazioni. Prima di compiere operazioni sui dati personali di un altro soggetto dobbiamo porci alcune domande: - ho informato la persona interessata? - ho avuto il suo consenso? - dispongo di una struttura interna per garantire la sicurezza dei dati che tratto? Le informazioni non sono patrimonio aziendale, bensì proprietà dei singoli soggetti (è una sorta di comodato in ogni momento può essere richiesta la cancellazione di queste informazioni). 45

46 LA LEGGE SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI E DATO PERSONALE qualsiasi informazione che si innesta sull anagrafica al fine di differenziare un soggetto da un altro, quindi lo rendono individuo (il nome e il cognome è il veicolo su cui viaggia il dato personale). La legge distingue tra: - TRATTAMENTO (raccolta di dati personali e rielaborazione all interno dell azienda per formulare offerte commerciali nb. i dati raccolti per il perfezionamento di un contratto firmato è come è come se avessero il consenso) - COMUNICAZIONE (scambio di liste sia in regalo, che prestito, che vendita) - DIFFUSIONE (il flusso di dati personali non avviene nei confronti di un soggetto, ma di una categoria di persone; es. notizie sui giornali). 46

47 LA LEGGE SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI I dati raccolti prima dell 8 maggio possono essere trattati senza consenso, ma il soggetto deve essere informato dei diritti previsti dalla legge. Per comunicazione e diffusione deve sempre esserci il consenso dell interessato. Art. 12 prevede le eccezioni per le quali il consenso non deve essere richiesto, vige sempre il dovere di fornire l informativa. La legge prevede l emanazione di normative di settore (regolamenti attuativi) attraverso legge delega (entro l 8 novembre 1998). 47

48 OBBLIGHI PER IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO Art. 7 Notificazione (al Garante) Art. 8 Nomina del responsabile del trattamento TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Art. 10 Informazioni rese al momento della raccolta (l interessato deve essere preventivamente informato per iscritto circa finalità e modalità del trattamento; natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; i soggetti ai quali i dati possono essere comunicati e l ambito di diffusione dei medesimi) Art. 11 Consenso (espresso dall interessato) 48

49 OBBLIGHI PER IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO Art. 12 Casi di esclusione del consenso - dati raccolti e detenuti in base ad un obbligo previsto dalla legge; - necessario per l esecuzione di un contratto promosso dal soggetto su cui si raccoglie l informazione; - dati provenienti da pubblici registri; - finalizzato a scopi di ricerca scientifica o di statistica; - effettuato nell esercizio della professione di giornalista; - relativo allo svolgimento di attività economiche; -. Art. 13 Diritti dell interessato (conoscenza, cancellazione, aggiornamento, ratifica, opporsi al trattamento dati ) Art. 34 e ss. Sanzioni 49

Corso di Marketing Lezione 10 Il sistema informativo di marketing e le ricerche di mercato Prof. Elena Cedrola

Corso di Marketing Lezione 10 Il sistema informativo di marketing e le ricerche di mercato Prof. Elena Cedrola Corso di Marketing Lezione 10 Il sistema informativo di marketing e le ricerche di mercato Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it www.economiamc.org/cedrola 1 DEFINIZIONE DI SISTEMA INFORMATIVO DI

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda Capire i mercati Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca Agenda w Quali sono le componenti di un moderno sistema informativo di marketing?

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2014-2015

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2014-2015 Lezione 9bis Il sistema informativo di marketing Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2014-2015 Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola 1

Dettagli

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto

Il campionamento. risultati ottenuti sul campione sono generalizzabili alla popolazione da cui è stato estratto Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230

Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Guida al controllo contabile di Fabrizio Bava e Alain Devalle * Le regole per la predisposizione delle carte di lavoro: il principio di revisione n.230 Il principio di revisione n.230 stabilisce le regole

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA NATURAL...MENTE SCUOLA BUSINESS PLAN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e per la Campania Direzione Generale Cosa è? Criteri di I livello

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO La segmentazione Considerato l insieme dei clienti che costituiscono il mercato potenziale, occorre trovare dei tratti, omogenei a più clienti, che determinano risposte simili

Dettagli

RICERCA PARTNER COMMERCIALI

RICERCA PARTNER COMMERCIALI RICERCA PARTNER COMMERCIALI In collaborazione con: Divisione di Alma Italia s.r.l. www.sanpaoloimprese.com PREMESSA Lo sviluppo commerciale è da sempre uno dei punti fondamentali dell attività aziendale.

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

Mercoledì degli Associati. Opportunità di business per le Aziende UCIF. Milano, 20 novembre 2013. Federata

Mercoledì degli Associati. Opportunità di business per le Aziende UCIF. Milano, 20 novembre 2013. Federata Mercoledì degli Associati Opportunità di business per le Aziende UCIF Milano, 20 novembre 2013 Federata Nascita del progetto UCIF rappresenta da 40 anni il settore italiano della Finitura, tramite i relativi

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati)

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati) Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Elementi di Statistica descrittiva Parte I

Elementi di Statistica descrittiva Parte I Elementi di Statistica descrittiva Parte I Che cos è la statistica Metodo di studio di caratteri variabili, rilevabili su collettività. La statistica si occupa di caratteri (ossia aspetti osservabili)

Dettagli

Catalogo dei corsi di statistica e di marketing research

Catalogo dei corsi di statistica e di marketing research I nostri corsi di formazione Catalogo dei corsi di statistica e di marketing research 06/02/2009 Knowledge management for marketing intelligence La nostra esperienza di formazione I ricercatori e i consulenti

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico

DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO. a cura di Annamaria Annicchiarico DEFINIZIONE DEL PRODOTTO O SERVIZIO a cura di Annamaria Annicchiarico Settembre 2005 Indice dei contenuti Definizioni utili Il prodotto/servizio Il rapporto col mercato Valutare le idee Il piano d azione

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

LA STATISTICA AZIENDALE

LA STATISTICA AZIENDALE LA STATISTICA AZIENDALE (Sintesi da Prof.ssa M.R. Ferrante www2.stat.unibo.it/ferrante/stataziendale.htm) Insieme dei metodi statistici utilizzabili per la raccolta, l organizzazione e l analisi dei dati

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

The GLOBAL SALES BAROMETER

The GLOBAL SALES BAROMETER Benvenuto/a al Global Sales Barometer, l iniziativa mondiale di comparazione dei processi commerciali nelle imprese! ISTRUZIONI: Il questionario include domande brevi che, nella maggior parte dei casi,

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL

MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL MAPINFO PER IL SETTORE RETAIL Utilizzare la Location Intelligence come vantaggio competitivo L O C AT I O N L O C AT I O N L O C AT I O N! MapInfo fornisce soluzioni per l analisi spaziale e la visualizzazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Cosa significa ottenere l attestato di Qualità Dyslexia Friendly

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Cosa significa ottenere l attestato di Qualità Dyslexia Friendly DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark Cosa significa ottenere l attestato di Qualità Dyslexia Friendly Documento tradotto dalle linee guida della British Dyslexia Association per l ottenimento della certificazione

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Tabella per l'analisi dei risultati

Tabella per l'analisi dei risultati Vai a... UniCh Test V_Statistica_Eliminatorie Quiz V_Statistica_Eliminatorie Aggiorna Quiz Gruppi visibili Tutti i partecipanti Info Anteprima Modifica Risultati Riepilogo Rivalutazione Valutazione manuale

Dettagli

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio

8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio 8. Dieci domande per giudicare l affidabilità di un sondaggio In conclusione, qualunque sia il giudizio che si può esprimere in merito ai sondaggi d opinione, resta il fatto che essi sono difficilmente

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

Come sviluppare un marketing plan

Come sviluppare un marketing plan Come sviluppare un marketing plan Fasi del marketing plan 1. analisi della situazione; 2. definizione degli obiettivi; 3. individuazione del target; 4. sviluppo strategia di posizionamento 5. definizione

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

matematica probabilmente

matematica probabilmente IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Altezze e

Dettagli

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003

Indagine Placement. Progetto FAR Formazione alla ricerca Codice progetto 14/04AG100000, CUP B66D14000630003 Modelli di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro contestualizzati al quadro sociale, economico ed occupazionale della Regione Autonoma Valle d'aosta, con specifico approfondimento del fenomeno

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DI RICERCHE DI MERCATO, DI TIPO QUALITATIVO E QUANTITATIVO, SULLA COMUNICAZIONE E LA BRAND IMAGE PER LE SOCIETÀ DEL GRUPPO FERROVIE DELLO STATO pag. 1 1. PREMESSA

Dettagli

Esame di professione per specialisti del commercio al dettaglio. Lavoro di progetto: Lavoro concettuale e Presentazione con colloquio professionale

Esame di professione per specialisti del commercio al dettaglio. Lavoro di progetto: Lavoro concettuale e Presentazione con colloquio professionale Esame di professione per specialisti del commercio al dettaglio Lavoro di progetto: Lavoro concettuale e Presentazione con colloquio professionale Stato: Serie 0 (esempio) Ultimo aggiornamento: 2015 Commissione

Dettagli

COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO

COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO COME PREPARARE UN BUSINESS PLAN DI SUCCESSO Chiarimenti per applicare questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag.

Dettagli

INTRODUZIONE STATISTICA

INTRODUZIONE STATISTICA INTRODUZIONE STATISTICA (scienza dello stato): insieme dei principi e di metodi per la raccolta, elaborazione, utilizzazione e interpretazione di informazioni riguardanti fenomeni collettivi. In termini

Dettagli

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE

IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE IL COLLAUDO DI ACCETTAZIONE Il collaudo di accettazione 1 Popolazione Campione Dati MISURA Processo Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO MISURA Lotto Campione DATI CAMPIONAMENTO INTERVENTO Il collaudo

Dettagli

SERVIZI: Siti internet: Web Design & Web maketing - Sistemi Ecommerce e Portali

SERVIZI: Siti internet: Web Design & Web maketing - Sistemi Ecommerce e Portali SERVIZI: Siti internet: Web Design & Web maketing - Sistemi Ecommerce e Portali La comunicazione rappresenta un aspetto fondamentale nella vita di un' azienda, dove le necessità principali sono informare

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

Oggetto: invio preventivo per realizzazione di Campagna Pubblicitaria Online

Oggetto: invio preventivo per realizzazione di Campagna Pubblicitaria Online Alla cortese attenzione Direzione Aziendale Oggetto: invio preventivo per realizzazione di Campagna Pubblicitaria Online ID: PREVPUBLUC200510-1 Egregio Signore, Gentile Signora, Come indicato sul sito

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Le Liste. Più la lista è mirata e più si comunica con le persone giuste e non si disperde la comunicazione ai non interessati.

Le Liste. Più la lista è mirata e più si comunica con le persone giuste e non si disperde la comunicazione ai non interessati. Le Liste Le liste più importanti sono quelle dei clienti. Per i clienti si usano tecniche di fidelizzazione. In questo articolo invece parleremo di liste di non clienti, che si possono definire leads e

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

AUDIT. 2. Processo di valutazione

AUDIT. 2. Processo di valutazione AUDIT 2. Processo di valutazione FASE ATTIVITA DESCRIZIONE Inizio dell'audit Inizio dell attività Costituzione del gruppo di valutazione sulla base delle competenze generali e specifiche e dei differenti

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli