IL PIANO DI MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIANO DI MARKETING"

Transcript

1 IL PIANO DI MARKETING Premessa generale Situazione attuale di marketing Analisi delle opportunità e dei problemi Obiettivi Strategie di marketing Piani d azione Previsione di conto economico Controlli IL PIANO DI MARKETING 1

2 CONTENUTI DEL PIANO DI MARKETING (1) PREMESSA GENERALE Presenta una panoramica succinta per un rapido inquadramento del piano predisposto da parte della direzione SITUAZIONE ATTUALE DI MARKETING Presenta i principali dati di base a proposito di mercato, prodotti, situazione competitiva, distribuzione e macroambiente ANALISI DELLE OPPORTUNITA E DEI PROBLEMI Riassume le principali minacce, opportunità, forze, debolezze, nonché i problemi che riguardano il prodotto e che verranno considerati nel piano IL PIANO DI MARKETING 2

3 CONTENUTI DEL PIANO DI MARKETING (2) OBIETTIVI Definisce i traguardi che il piano vuole raggiungere in termini di volume delle vendite, quota di mercato e profitti STRATEGIA DI MARKETING Presenta l approccio generale di marketing che sarà impiegato per raggiungere gli obiettivi del piano PIANI D AZIONE Risponde alle domande: - cosa sarà fatto? - chi lo farà? - quando sarà fatto? - quanto costerà? IL PIANO DI MARKETING 3

4 CONTENUTI DEL PIANO DI MARKETING (3) PREVISIONE DI CONTO ECONOMICO Sintetizza i risultati economico/finanziari del piano CONTROLLI Specifica i sistemi di controllo che saranno applicati durante l esecuzione del piano IL PIANO DI MARKETING 4

5 IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING Le critiche più frequenti all informativa presente in azienda a supporto delle decisioni: non c è abbastanza informazione di tipo appropriato; sono disponibili troppe informazioni di scarsa utilità; l informazione di marketing è così dispersa nell ambito dell azienda che occorre un grande sforzo per localizzare dati anche semplici; l informazione viene eliminata dai collaboratori qualora intravedano influenze per loro negative; le informazioni importanti spesso giungono tardivamente; è difficile valutare il grado di attendibilità dell informazione. 5

6 DEFINIZIONE DI SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING Un sistema informativo di marketing è una struttura integrata e interagente di persone, attrezzature e procedure, finalizzata a raccogliere, classificare, analizzare, valutare e distribuire informazioni pertinenti, tempestive e accurate, destinate agli operatori di decisioni di mercato. E importante perché: ogni impresa è percorsa da numerosi flussi informativi di interesse per le decisioni di marketing e si occupa di integrare e finalizzare tutti i dati non combinati fra loro. 6

7 IL SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING SISTEMA INFORMATIVO DI MARKETING MANAGER SVILUPPO DELL'INFORMAZIONE AMBIENTE DI MARKETING ANALISI Valutazione dei bisogni informativi INFORMAZIONI INTERNE MARKETING INTELLIGENCE MERCATI OBIETTIVO CANALI DI MARKETING IMPLEMEN- TAZIONE CONTROLLO Distribuzione dell'informazione ANALISI A SUP- PORTO DELLE DECISIONI DI MARKETING RICERCHE DI MARKETING CONCORRENTI PUBBLICO FORZE DEL MACRO- AMBIENTE DECISIONI E COMUNICAZIONI DI MARKETING

8 Esempio di questionario per determinare il fabbisogno di informazioni di marketing 1. Quali decisioni siete chiamati regolarmente ad assumere? 2. Quali tipi di informazioni vi occorrono per prendere queste decisioni? 3. Quali tipi di informazioni ottenete regolarmente? 4. Quali tipi di studi richiedete periodicamente? 5. Quali tipi di informazioni attualmente non disponibili gradireste ricevere? 6. Quali informazioni vorreste avere giornalmente? Settimanalmente? Mensilmente? Annualmente? 7. Quali riviste e quali studi sul vostro settore vorreste che vi fossero regolarmente trasmessi? 8. Su quali specifici argomenti vorreste essere tenuti informati? 9. Quali tipi di programmi per l analisi dei dati vorreste che fossero resi disponibili? 10. Quali sarebbero, secondo voi, i 4 miglioramenti più utili apportabili al SIM? 8

9 IL SISTEMA DI MARKETING INTELLIGENCE DEFINIZIONE IL SISTEMA DI MARKETING INTELLIGENCE PUO ESSERE DEFINITO COME L INSIEME DELLE PROCEDURE E DELLE FONTI USATO DAL MANAGEMENT PER OTTENERE LE INFORMAZIONI CORRENTI SUGLI SVILUPPI PERTINENTI NELL AMBIENTE DI MARKETING Cosa fare per migliorare la qualità e quantità delle informazioni di marketing? - far leva sulla forza vendita - acquisire informazioni da fornitori specializzati (ex. Nielsen) - costituire o acquistare servizi da centri di raccolta informazioni 9

10 RICERCA DI MARKETING La ricerca di marketing consiste nella sistematica progettazione, raccolta, analisi e presentazione dei dati e delle informazioni rilevanti per una specifica situazione di marketing a cui l impresa deve far fronte. 10

11 LE FASI DELLA RICERCA DI MARKETING DEFINIZIONE DEL PROBLEMA E DEGLI OBIETTIVI DI RICERCA SVILUPPO DELLE FONTI DI INFORMAZIONE RACCOLTA DI DATI ANALISI DEI DATI PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 11

12 1. DEFINIZIONE DEL PROBLEMA E DEGLI OBIETTIVI DELLA RICERCA Management e ricercatori devono, in via preliminare, definire attentamente il problema e gli obiettivi della ricerca. Per ogni problema ci sono numerose cose su cui si può fare ricerca. Se il problema non è ben definito, il costo della raccolta informazioni può superare il valore dei risultati. Esistono 3 tipi di ricerche: - ricerche esplorative (raccolta preliminare di dati per far luce sulla natura del problema) - ricerche descrittive (utilizzate per descrivere le grandezze) - ricerche causali (effettuate per verificare relazioni di causaeffetto) 12

13 2. L INDIVIDUAZIONE DELLE FONTI DI INFORMAZIONE (LO SVILUPPO DEL PIANO DI RICERCA) La definizione di un piano di ricerca implica decisioni su: - le fonti dei dati * dati secondari * dati primari - i metodi di indagine * osservazione * sondaggio * intervista di gruppo * esperimenti - gli strumenti per la raccolta dei dati * questionari * strumenti meccanici - il piano di campionamento * unità campione * numerosità campione * metodo di campionamento - i metodi di contatto * telefonico * postale * personale 13

14 DATI SECONDARI Fonti Interne Stato Patrimoniale Profitti e perdite Statistiche e rapporti di vendita 14

15 DATI SECONDARI Fonti Esterne Istat: Annuario statistico italiano Annuario di statistiche demografiche Annuario statistiche sanitarie Annuario statistiche industriali Statistica mensile del commercio con l estero Ministeri Camere di commercio Banca d Italia Regioni Isco (Istituto nazionale per lo Studio della COngiuntura) Ice (Istituto nazionale per il Commercio con l Estero) Eurostat 15

16 DATI SECONDARI Fonti Esterne Libri e periodici sviluppati da: Confindustria Abi Confcommercio.. Federchimica Federmeccanica Riviste: L impresa Micro e macro marketing Journal of marketing Journal of marketing research Harvard Business Review 16

17 I METODI DI INDAGINE: a) L OSSERVAZIONE E un metodo che consiste nell osservazione dei soggetti e delle situazioni oggetto di indagine. Può essere utilizzato da solo o a supporto di altre tipologie di ricerca per integrare i dati raccolti. 3 sono le tecniche più usate: 1. LE AUDIT - Shop audit (vengono rilevati ogni 2/3 settimane gli stock di determinati prodotti nei negozi per misurare le vendite effettive avvenute) -Panel - Rilevazione di presenze e flusso nei punti vendita 2. GLI STRUMENTI DI REGISTRAZIONE - telecamere nascoste - psico-galvanometro - tachistoscopio - eye cameras -meter 17

18 I METODI DI INDAGINE: a) L OSSERVAZIONE 3. L OSSERVAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEI CONSUMATORI - Rilevazione eseguita con telecamere - Rilevazione eseguita con osservazione da parte di personale specializzato La sola osservazione del comportamento raramente è sufficiente: fornisce informazioni ma non è in grado di rilevare le motivazioni del comportamento individuale. Si sono quindi sviluppati metodi alternativi. 4. L INTERVISTA DI GRUPPO Gruppi di intervistati composti da 6-10 persone e da un intervistatore esperto. Luogo di svolgimento: ambiente distensivo. Modalità: discussione libera 18

19 I METODI DI INDAGINE: b) LA SPERIMENTAZIONE E incentrata su esperimenti controllati, in cui l obiettivo principale è la possibilità di mantenere costanti le condizioni, permettendo così di studiare e misurare gli effetti di un particolare fattore o variabile. Ogni cambiamento osservato viene misurato e attribuito all intervento della variabile indipendente. E impossibile che si verifichino le condizioni per il test di laboratorio nella realtà di mercato, tuttavia è l unico metodo per verificare i rapporti di causa-effetto (ridurre al minimo le interferenze). Splint run -> stampa Show corner -> nei magazzini Nb: gli esperimenti di marketing spesso riguardano periodi molto brevi e ciò può condurre a conclusioni sbagliate perché gli effetti possono perdurare nel tempo. 19

20 I METODI DI INDAGINE: c) IL SONDAGGIO La ricerca per sondaggio sta a metà strada tra la casualità della ricerca per osservazione e il rigore della ricerca sperimentale. Le aziende effettuano sondaggi per acquistare informazioni su ciò che la gente conosce, preferisce, desidera e per misurare l ampiezza di questi fenomeni nella popolazione. I METODI DI INDAGINE - Intervista personale - indagini postali - indagini telefoniche - ricerche con panel - interviste di gruppo - tecniche di indagine speciali (shop audit, rilevazioni televisive ) 20

21 GLI STRUMENTI PER LA RACCOLTA DEI DATI IL QUESTIONARIO E lo strumento più comune per la raccolta dei dati primari. Consiste in un insieme di domande formulate ad un individuo per ottenere le sue risposte. ELEMENTI CRITICI DA DEFINIRE - la scelta delle domande da porre - la forma delle domande (domande a risposta aperta domande a risposta chiusa) - la sequenza delle domande. 21

22 Es. Intervista fatta da una compagnia aerea ai passeggeri 1. Qual è il suo reddito arrotondato ai 100 Euro? 2. Lei è un passeggero occasionale o abituale? 3. Le piace questa compagnia aerea? 4. Quanti annunci pubblicitari di linee aeree ha visto alla televisione l aprile dello scorso anno? E in questo mese di aprile? 5. Quali sono gli attributi salienti e determinanti nella valutazione di una linea aerea? 6. Lei pensa che sia giusto che il governo metta una tassa sui biglietti aerei privando così moltissime persone della possibilità di volare? 22

23 IL PIANO DI CAMPIONAMENTO Popolazione o Universo E un qualsiasi insieme di elementi simili tra loro per una o più caratteristiche che rappresentano l oggetto di studio di una particolare indagine. Prima di iniziare la ricerca bisogna definire chiaramente la popolazione da esaminare. Censimento Si realizza mediante l analisi dell universo nella sua totalità. Viene realizzato in ambito commerciale solo qualora l universo sia di dimensioni ridotte e facilmente localizzabile. Campione Si realizza mediante l estrazione di un certo numero di unità di campionamento da una popolazione e se ne effettua l analisi. I risultati sono ritenuti validi per tutto l universo. 23

24 I TIPI DI CAMPIONAMENTO CAMPIONAMENTO PROBABILISTICO (i più impiegati) - casuale semplice - quasi casuale - casuale stratificato - a grappolo - per area - a stadi - ripetuto - fisso - a fasi CAMPIONAMENTO NON PROBABILISTICO - per quota - di convenienza - ragionato 24

25 CAMPIONAMENTO PROBABILISTICO (o casuale) Comporta che ogni elemento di una popolazione finita abbia una probabilità non nulla e misurabile di essere incluso nel campione. Vantaggi: - è un metodo oggettivo - i risultati sono statisticamente significativi Limiti: - è difficile disporre di liste complete dell universo di interesse - i campioni possono essere dispersi su un territorio ampio - tempi e costi di realizzazione elevati - esistono difficoltà per raggiungere le unità di campionamento 25

26 CAMPIONAMENTO CASUALE SEMPLICE Consente di evitare la distorsione derivante da scelta individuale delle unità di campionamento. Può essere ottenuta con due metodi: 1. METODO DELLA LOTTERIA Ogni unità è associata a un gettone o a un talloncino numerato: questi vengono inseriti in un urna, rimescolati e scelti con una procedura di estrazione casuale fino al raggiungimento della numerosità campionaria desiderata. Solitamente, dopo ogni estrazione il dischetto viene reinserito. 2. METODO DELLE TABELLE DEI NUMERI CASUALI Dopo aver attribuito un numero a ogni elemento della popolazione, le unità inserite nel campione sono scelte dalla tabella. 26

27 CAPIONAMENTO QUASI CASUALE Si distingue dal campionamento casuale semplice poiché non viene attribuita la stessa probabilità di selezione a tutti i campioni che potrebbero essere trattati da una popolazione. E possibile utilizzarlo quando esiste un elenco della popolazione da studiare (elenchi elettorali, di clienti ). Si ottiene definendo un intervallo di campionamento, derivante dal rapporto tra popolazione e numerosità campionaria (N/n). Si sceglie poi un numero compreso nell intervallo di campionamento. Da questo punto di partenza si passa a quelli successivi aggiungendo l intervallo di campionamento prescelto. 27

28 CAMPIONAMENTO CASUALE STRATIFICATO Si suddivide la popolazione da analizzare in gruppi che presentano caratteristiche simili. Le quote di ogni gruppo (o strato) dovrebbero essere programmate in modo da riflettere il peso relativo rispetto alla popolazione totale. All interno di ogni specifico gruppo si procede all estrazione casuale. Questo tipo di campionamento è più preciso del campionamento casuale semplice poiché le caratteristiche della popolazione sono rappresentate in modo adeguato. 28

29 CAMPIONAMENTO A GRAPPOLO Questo tipo di campionamento si ottiene concentrando le interviste su un numero ristretto di gruppi o grappoli scelti a caso nella popolazione. Si selezionano in modo casuale i grappoli e si includono nel campione tutte le unità del grappolo. Vantaggi: - utile quando la popolazione è dispersa geograficamente. Svantaggi: - se i grappoli sono insufficientemente differenziati possono escludere interi segmenti di popolazione (devono contenere una popolazione mista). 29

30 CAMPIONAMENTO A STRATI Questo campionamento comporta un procedimento di selezione a due o più stadi successivi. In ognuno di questi viene estratto un campione (stratificato o meno), fino a raggiungere le unità elementari di campionamento. CAMPIONAMENTO RIPETUTO Invece di estrarre un campione casuale dall universo, lo stesso viene suddiviso in un numero di sotto-campioni più piccoli uguali tra loro, tutti estratti dalla popolazione con lo stesso metodo casuale. Ognuno di questi sotto-campioni è una miniatura della popolazione e ognuno fornisce indicazioni sugli altri. 30

31 CAMPIONAMENTO FISSO Utile quando la popolazione è sostanzialmente stabile rispetto alle variabili considerate. Viene realizzato un campione fisso da cui estrarre in modo casuale alcuni sottocampioni. CAMPIONAMENTO A FASI E un metodo simile al campionamento a stadi, con la differenza che ad alcune unità selezionate del campione viene richiesto un numero maggiore di informazioni rispetto ad altre. In questo modo è possibile ridurre tempi e costi della ricerca. 31

32 CAMPIONAMENTO NON PROBABILISTICO I singoli elementi della popolazione non hanno la stessa probabilità di entrare a far parte del campione. CAMPIONAMENTO PER QUOTA Si suddivide la popolazione da campionare in diversi sottogruppi in funzione di criteri prescelti (sesso, età, classe sociale ). Il ricercatore individua e intervista il numero prescritto di persone in ciascuna delle categorie assegnate. 32

33 I METODI DI CONTATTO INTERVISTA TELEFONICA INTERVISTA POSTALE INTERVISTA PERSONALE 33

34 INTERVISTA PERSONALE IN PROFONDITA Colloqui con cui si cercano di comprendere:! Motivazioni! Atteggiamenti! Pregiudizi verso qualcosa! Comportamenti andando oltre razionalizzazioni e opinioni espresse Tecniche usate:! Libere associazioni! Tecniche proiettive 34

35 INTERVISTA PERSONALE IN PROFONDITA Supporti:! Schema con obiettivi specifici (flessibile ordine argomenti libero)! Registratore/telecamera! Psicologo Tempi: ½ ora o più per intervista Lavoro di analisi e sintesi Tipologie: non direttiva (fisso solo argomenti da trattare) semistrutturata (fisso con precisione aree tematiche) 35

36 TECNICHE PROIETTIVE Prevedono la presentazione di uno stimolo ambiguo che deve essere strutturato e interpretato dall intervistato Utili per aggirare le barriere: cognitive, razionali, sociali, inconsce Tecniche proiettive rivolte all inconscio: " Associazioni di parole " Disegni Tecniche per superare il controllo razionale: " Idealizzazioni e soluzioni di fantasia " Role playing Tecniche per superare la convenzionalità: " Personificazione " Fumetti 36

37 INTERVISTA PERSONALE CLASSICA Presenza intervistatore - Presenza di questionario Caratteristiche:! Flessibilità (tipo di domande)! Osservazione (possibilità di chiarimenti analizzare i comportamenti uso stimoli visivi) Qualità dei dati:! Alta (registrazione campionamento)! Rischio di influenza (tono voce, occhi, postura) Velocità: scarsa Costo: alto 37

38 INTERVISTA POSTALE Prevede invio di questionario al domicilio dell intervistato (da rispedire) Manca presenza dell intervistatore! No influenza! No chiarimenti Qualità dei dati Campione:! Difficoltà di recupero liste! Difficoltà di controllo su chi risponde Livelli di risposta: 10% max non rappresentativi Velocità e costo: bassi 38

39 INTERVISTA TELEFONICA Molto utilizzata presente figura intervistatore presente questionario manca presenza fisica (oss.) Qualità dei dati: buona (tendenza a fornire informazioni condivise) Durata: minuti Controllo del campione: ottimo, capillarità territoriale % risposta: c.a. 70% Velocità: alta Costi: medi (5-10 euro) 39

40 IL PANEL Ricerca su un campione stabile di una popolazione che viene misurato più volte. Motivazione: esigenza di chi deve decidere di misurare le conseguenze della gestione di certe variabili di marketing nel tempo su determinate unità. Tipi di panel:! Continuativo (Misura ripetutamente le stesse variabili all interno del gruppo individuato)! Omnibus (Rilevazione intervallare che può essere utilizzata per obiettivi diversi) 40

41 IL PANEL Vantaggi: - riflette con precisione le modifiche che avvengono nella popolazione in esame - anche variazioni piccole sono riflesse nei dati - qualità e quantità dei dati Svantaggi: - rappresentatività - assuefazione 41

42 LE INTERVISTE DI GRUPPO Il gruppo è formato da 6/10 persone E condotto da un moderatore professionista o da uno psicologo Principali utilizzi:! - raccogliere idee nuove sui prodotti e comunicazioni! - conoscere il vocabolario dei consumatori! - conoscere bisogni e atteggiamenti dei consumatori! verso nuovi prodotti o prodotti esistenti! - definire nuovi concetti di prodotto - verificare la chiarezza dei concetti da comunicare. 42

43 Vantaggi: LE INTERVISTE DI GRUPPO! - allargare e completare le opinioni dei singoli! - ambiente più disteso e divertante! - si possono coinvolgere anche ragazzi e bambini Svantaggi:! - richiede tempi lunghi e disponibilità degli! intervistati, anche per recarsi in istituto di ricerca! - partecipazione falsata! - costo! - la riuscita del gruppo dipende dall abilità del! conduttore 43

44 IL SISTEMA DI SUPPORTO DELLE DECISIONI DI MARKETING E UN INSIEME DI STRUMENTI STATISTICI E DI MODELLI DI DECISIONE, NONCHE DEL RELATIVO HW E SW DI SUPPORTO, IN GRADO DI ASSISTERE I DIRIGENTI DI MARKETING NELL ANA- LISI DEI DATI E NELL ASSUNZIONE DI MIGLIORI DECISIONI DI MARKETING. Un sistema di supporto alle decisioni di è costituito da 2 sottoinsiemi: - Banca dati statistica - Banca dei modelli 44

45 LA LEGGE SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI LEGGE N. 675 DEL 31 DICEMBRE 96 ENTRATA IN VIGORE L 8 MAGGIO 97 Per la prima volta viene sancito in Italia il diritto alla riservatezza, inteso come diritto al controllo delle informazioni. Prima di compiere operazioni sui dati personali di un altro soggetto dobbiamo porci alcune domande: - ho informato la persona interessata? - ho avuto il suo consenso? - dispongo di una struttura interna per garantire la sicurezza dei dati che tratto? Le informazioni non sono patrimonio aziendale, bensì proprietà dei singoli soggetti (è una sorta di comodato in ogni momento può essere richiesta la cancellazione di queste informazioni). 45

46 LA LEGGE SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI E DATO PERSONALE qualsiasi informazione che si innesta sull anagrafica al fine di differenziare un soggetto da un altro, quindi lo rendono individuo (il nome e il cognome è il veicolo su cui viaggia il dato personale). La legge distingue tra: - TRATTAMENTO (raccolta di dati personali e rielaborazione all interno dell azienda per formulare offerte commerciali nb. i dati raccolti per il perfezionamento di un contratto firmato è come è come se avessero il consenso) - COMUNICAZIONE (scambio di liste sia in regalo, che prestito, che vendita) - DIFFUSIONE (il flusso di dati personali non avviene nei confronti di un soggetto, ma di una categoria di persone; es. notizie sui giornali). 46

47 LA LEGGE SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI I dati raccolti prima dell 8 maggio possono essere trattati senza consenso, ma il soggetto deve essere informato dei diritti previsti dalla legge. Per comunicazione e diffusione deve sempre esserci il consenso dell interessato. Art. 12 prevede le eccezioni per le quali il consenso non deve essere richiesto, vige sempre il dovere di fornire l informativa. La legge prevede l emanazione di normative di settore (regolamenti attuativi) attraverso legge delega (entro l 8 novembre 1998). 47

48 OBBLIGHI PER IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO Art. 7 Notificazione (al Garante) Art. 8 Nomina del responsabile del trattamento TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Art. 10 Informazioni rese al momento della raccolta (l interessato deve essere preventivamente informato per iscritto circa finalità e modalità del trattamento; natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; i soggetti ai quali i dati possono essere comunicati e l ambito di diffusione dei medesimi) Art. 11 Consenso (espresso dall interessato) 48

49 OBBLIGHI PER IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO Art. 12 Casi di esclusione del consenso - dati raccolti e detenuti in base ad un obbligo previsto dalla legge; - necessario per l esecuzione di un contratto promosso dal soggetto su cui si raccoglie l informazione; - dati provenienti da pubblici registri; - finalizzato a scopi di ricerca scientifica o di statistica; - effettuato nell esercizio della professione di giornalista; - relativo allo svolgimento di attività economiche; -. Art. 13 Diritti dell interessato (conoscenza, cancellazione, aggiornamento, ratifica, opporsi al trattamento dati ) Art. 34 e ss. Sanzioni 49

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Nozioni metodologiche di base e pratiche consigliate per rilevazioni statistiche dirette o basate su fonti amministrative Marco Fortini Istituto Nazionale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014.

REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. REGOLAMENTO del CONCORSO MISTO A PREMI denominato RINGO BTS 2014. 1. SOCIETA PROMOTRICE BARILLA G. e R. Fratelli Società per Azioni, con Socio Unico Via Mantova, 166-43122 Parma C.F. e iscrizione al registro

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Ogni qual volta si effettua una raccolta di dati di tipo numerico è inevitabile fornirne il valore medio. Ma che cos è il valore

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy Una delle principali semplificazioni introdotte dal D.Lgs. n. 196 del 30-6-2003 riguarda l adempimento della notificazione al Garante, ovvero

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli