PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO. Il piano di Marketing territoriale per lo sviluppo di Roncade (Relazioni del Convegno)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO. Il piano di Marketing territoriale per lo sviluppo di Roncade (Relazioni del Convegno)"

Transcript

1 PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO Il piano di Marketing territoriale per lo sviluppo di Roncade (Relazioni del Convegno) Castello di Roncade 30 ottobre 2004

2 È consentito l utilizzo, anche parziale, del contenuto degli interventi riportati, purché venga fatto riferimento alla fonte

3 PRESENTAZIONE La Camera di Commercio di Treviso è lieta di presentare le relazioni di questo interessante Convegno perché si tratta di un primo evento in linea con i principi e lo spirito del Patto strategico di sviluppo, predisposto dall Ente camerale e dalla Provincia di Treviso con il consenso di tutte le istituzioni e le categorie economiche e sociali della provincia. Un piano generale di sviluppo, infatti, non può essere attuato se non è condiviso e se ciascuno, secondo le proprie competenze e possibilità, non fa la sua parte. Pertanto, è apprezzabile questa iniziativa del Comune di Roncade di ricercare le direttrici di sviluppo del proprio territorio all interno del più vasto piano provinciale, valorizzando le specificità locali e parallelamente armonizzandole nel contesto provinciale con le vocazioni similari di altri comuni contermini. Federico Tessari Presidente della Camera di Commercio di Treviso 3

4

5 Indice - Introduzione Simonetta Rubinato Sindaco del comune di Roncade Pag. 7 - Saluti di apertura Simonetta Rubinato Sindaco del comune di Roncade Pag. 9 - Luca Zaia Presidente della Provincia di Treviso Pag Renato Chahinian Segretario Generale della C.C.I.A.A. di Treviso Pag. 17 RELAZIONI - Il Piano strategico: gli aspetti socio-culturali Prof. Vittorio Filippi Docente di Sociologia dell Università Ca Foscari di Venezia Pag. 19 Il Piano strategico: gli aspetti economici Dott. Federico Callegari Capo area Studi Camera di Commercio di Treviso Pag Il Piano di Marketing territoriale: funzioni e utilità per il sistema produttivo locale e la qualità dello sviluppo Prof. Matteo Caroli Professore straordinario di Economia e Gestione delle Imprese Internazionali L.U.I.S.S. Guido Carli di Roma Pag. 37 5

6 TAVOLA ROTONDA Rifondare il modello di sviluppo Trevigiano Pag Dott. Renato Chahinian Segretario Generale della C.C.I.A.A. di Treviso Pag Dott. Livio Barnabò Amministratore Delegato di PEGroup e membro del Comitato Tecnico Scientifico del Piano Strategico di Treviso Pag Conclusione Dott.ssa Simonetta Rubinato Sindaco del comune Roncade Pag. 53 6

7 INTRODUZIONE A cosa può servire un piano di marketing per il territorio di Roncade? La risposta prenderà forma, come l immagine di un puzzle, dall insieme degli interventi dei relatori, che offriranno sguardi complementari sulla cruciale questione dello sviluppo futuro della nostra comunità, inserita nel più vasto sistema produttivo trevigiano. Ecco perché, accanto a una riflessione mirata sull utilità per il nostro Comune di uno strumento di analisi e pianificazione qual è il piano di marketing territoriale, abbiamo voluto che due istituzioni che si propongono come volano di sviluppo, la Provincia e la Camera di Commercio, illustrassero obiettivi e contenuti del loro piano strategico. L intento è offrire ai diversi attori dello sviluppo locale istituzioni, categorie economiche, organizzazioni sindacali, terzo settore, imprese, volontariato.- una visione il più ampia possibile dei punti di forza e di debolezza del sistema produttivo trevigiano, al quale si sente spesso dire manca la capacità di fare sistema, di fare rete. Se la formula per vincere la sfida della competizione globale sta invece nella concertazione tra i diversi attori socio-economici, ebbene, noi, come amministratori, abbiamo ritenuto di innescare una riflessione sulla realtà produttiva che caratterizza Roncade per individuare e sostenere la vocazione particolare che il territorio intende darsi. Perché la comunità roncadese non vuole perdere le sfide di domani. Perché anticipare soluzioni è decisamente meglio che rincorrere i problemi. Perché non vogliamo che i nostri cittadini e i loro figli si trovino domani senza prospettive di benessere. Proponiamo dunque, con questo convegno, l inizio di un percorso, che ci auguriamo sia il più condiviso possibile, di lettura e analisi delle specificità, delle potenzialità e delle criticità del nostro Comune, offrendo spunti di riflessione tramite gli interventi di esperti ma soprattutto ascoltando gli stimoli che vengono dagli attori sul territorio. Simonetta Rubinato Sindaco di Roncade 7

8

9 SALUTI DI APERTURA Simonetta Rubinato Sindaco di Roncade Farò una breve introduzione che ha come premessa, ovviamente, i saluti al Presidente della Provincia, che sono molto felice di avere qui, nostro ospite. Il Presidente della Camera di Commercio ha avuto un impegno per cui non potrà essere tra noi, ha però collaborato attivamente a questa iniziativa. Saluto inoltre, e ringrazio, tutti i relatori e i convenuti, tutti voi che siete qua in una mattina che per gli amministratori, e qui ne vedo, è spesso piena di impegni istituzionali e che è anche una giornata che cade in un ponte festivo. Quindi la vostra presenza ci conforta e ci fa ritenere che la riflessione avviata possa essere allargata e possa portare a dei risultati concreti. Perché questa iniziativa? Il titolo del convegno che vedete sul volantino Piano di marketing territoriale per Roncade è un titolo un po' provocatorio, oserei dire, che forse va oltre le pur legittime ambizioni di una comunità come quella di Roncade. Però è una provocazione in qualche modo voluta, e voluta in questa parte della provincia in cui, tutto sommato, ancora non viviamo le forti tensioni che si vivono in altre zone. Noi siamo geograficamente periferici, siamo più vicini a Comuni del Veneziano, con cui condividiamo alcune vocazioni territoriali, economiche od altro, e abbiamo avuto uno sviluppo in parte diverso rispetto al resto della provincia di Treviso. Non abbiamo un territorio impegnato da un grandissimo sviluppo industriale, abbiamo delle imprese di qualità e un grandissimo numero di imprese artigiane, abbiamo ancora moltissime imprese agricole. Abbiamo un territorio molto vasto, il secondo della provincia, con una densità di popolazione molto felice. I nostri abitanti sono infatti (a settembre 2004), il nostro territorio è dunque in gran parte ancora un libero, e dunque godibile, da agglomerati urbani e lo sviluppo insediativo, produttivo e industriale non l'hanno consumato, logorato a livello di altri territori della provincia. Dunque, porsi la domanda dello sviluppo locale qui a Roncade potrebbe sembrare fuori tema. Stiamo abbastanza bene, non viviamo le tensioni di quest epoca di grandi cambiamenti o, meglio, non li subiamo ancora in modo visibile e violento. Proprio per questo, secondo me, siamo in una situazione in qualche modo privilegiata per fare una riflessione politica che preceda l'emergenza. I cambiamenti e le trasformazioni in atto comunque ci coinvolgono, siamo comunque inseriti in una comunità più vasta che è quella provinciale, che è quella regionale, e quindi saremo, bene o male, investiti dagli avvenimenti se non cercheremo di capire dove andiamo. E di capirlo a un livello non 9

10 limitato alla comunità di Roncade, ma allargato alle comunità che ci sono più affini, contermini dal punto di vista geografico, territoriale, sociale ed economico, stringendo soprattutto un'alleanza forte con la nostra Provincia. La presenza qui oggi del presidente Zaia è segno di questo. L amministrazione comunale ed io siamo ben consapevoli che non si può parlare di sviluppo locale per Roncade se non c'è una forte sinergia e una condivisione di intenti con l'istituzione Provincia, prima ancora che con il livello regionale. Mi permetto una battuta: quattro o cinque mesi fa io e il presidente Zaia, lui a sostegno di un'altra parte politica, io in prima linea, eravamo intenti a competere in sede elettorale. Chiusa questa parentesi elettorale, oggi il presidente Zaia è qui perché entrambi siamo consapevoli che è nostro dovere e responsabilità lavorare insieme per il benessere delle nostre comunità. Questa credo sia una delle cose più importanti del convegno di oggi, per cui ringrazio ancora il Presidente. Dopodiché, che altro dire? Il tema dello sviluppo locale non è una cosa che un'amministrazione si inventa perché è più brava di un'altra. Lo sviluppo locale è un compito che ci attribuisce anche il quadro normativo: lo dice il Testo Unico sugli enti locali che il Comune ha responsabilità per quanto riguarda lo sviluppo, anche economico, del suo territorio; e lo dice anche il nostro Statuto comunale che dedica a ciò un apposito articolo, l art. 6, pur nella consapevolezza (e questo è l'art. 3) che bisogna fare rete e alleanze con altre entità, con altre istituzioni, pari ordinate o sovraordinate. Detto questo, racconto un piccolo episodio. È passata l'altro giorno in Municipio - perché come Sindaco voglio avere diretto contatto con i cittadini e, soprattutto, con quelli più in difficoltà - è passata, dicevo, una persona molto semplice, e le persone semplici costituiscono la maggior parte degli abitanti delle nostre comunità, sono quelle a cui rivolgiamo la nostra azione. Questa persona mi ha illustrato il suo problema, un problema piccolo se volete, dal quale però si può trarre una considerazione più generale, che potrebbe essere una linea guida alla riflessione di oggi. Mi dice: Sono una persona molto semplice, non ho titoli di studio, ho fatto la scuola dell'obbligo, ho una famiglia, una moglie, due figli, faccio un lavoro molto modesto, lavoro dieci ore al giorno, ho uno stipendio che mi permette di vivere dignitosamente ma non nel lusso, che non mi permette di fare vacanze. Cosa chiedo? Chiedo, quando torno a casa la sera e il sabato e la domenica di poter vivere tranquillamente, di sapere che posso garantire ai miei figli la possibilità di studiare, di formarsi per trovare un lavoro, chiedo di avere la sicurezza di una casa, un minimo di sicurezza per la tutela della mia salute, insomma non chiedo altro. Nella variante urbanistica avete inserito una strada che passa vicino alla mia casa e così voi rovinate la mia tranquillità, perché poi con una strada che mi passa accanto io non potrò più vivere tranquillamente e serenamente. La gente normale ha problemi 10

11 normali, ha problemi semplici, e questo signore nella sua semplicità si chiedeva, partendo dalla strada (e a prescindere dalle considerazioni sul fatto che le strade si debbano o non si debbano fare, non è questo il tema): Dove dobbiamo andare? Quante case vogliamo costruire? Quante fabbriche e quante strade? Perché, per cosa? Serve a quello che è il mio scopo di vita? Allora, quando facciamo i ragionamenti anche importanti, anche grandi, non dobbiamo mai dimenticare che la centralità di tutto è il dare risposte alle domande delle persone semplici che sono la maggior parte e che, a volte, nella loro semplicità pongono le domande fondamentali, come: dove andiamo? Questo convegno vuole spingerci a riflettere per tempo su dove vogliamo andare, prima di doverlo fare con l'affanno. Vuole spingerci a interrogarci e ad allargare l'interrogativo ad altri che hanno pari responsabilità o responsabilità ad altri livelli e a cercare infine risposte il più possibile condivise e partecipate, perché l'obiettivo sia di tutti. Pur essendo il marketing territoriale una disciplina che attiene soprattutto allo sviluppo economico, vorrei fare un ulteriore considerazione. Oggi parleremo di marketing, parleremo di sviluppo economico, ma ne parleremo - la presenza mia e del presidente Zaia stanno qui a dire questo - con una forte consapevolezza: per noi la politica, se è vero che debba avere un primato sull'economia, ha il compito di mettere prima la persona delle regole economiche. E allora anche l economia e lo sviluppo economico sono uno strumento finalizzato a uno sviluppo più integrale, uno sviluppo per il benessere, per la qualità della vita delle nostre comunità. Siamo consapevoli che senza sviluppo economico noi amministratori non potremmo garantire qualità della vita e prospettive di benessere ai nostri concittadini, ma siamo anche consapevoli che non si può ridurre tutto alle regole dell'economia, che essa va governata. Siamo avvantaggiati nel partire ora con questa riflessione. Riflessione che, mi auguro, saremo in grado di estendere alle altre comunità del nostro territorio, per cercare una stella polare in grado di guidare le azioni che i singoli, i privati o i pubblici, dovranno realizzare ciascuno per la propria parte. Un'ultima singolarità. Credo sia condiviso anche da qualche Comune confinante - ne parlavamo ieri sera con il professor Caroli e con la giunta che il nostro territorio non ha una vocazione specifica, non c è qualcosa in particolare che lo identifichi, determinando limiti o vantaggi. Il nostro futuro è in qualche modo ancora da scoprire e da inventare. Non possiamo però lasciare tutto questo all'iniziativa, per quanto brillante e intelligente, dei nostri bravi imprenditori, ma dobbiamo cercare di fare squadra perché i cambiamenti saranno inevitabili, coinvolgeranno anche noi e dovremmo essere competitivi non solo come aziende, ma come sistema locale nel suo 11

12 complesso, come comunità, come territorio. Questo è il tema di oggi. Ho parlato in libertà, spero in ogni caso di essere riuscita a far comprendere il senso di questa iniziativa che è solo, lo ripeto, il punto di inizio. Io oggi sono qua insieme a voi per ascoltare, per imparare. Anche la tavola rotonda del pomeriggio sarà un momento di ascolto forte dei protagonisti del nostro territorio e di avvio di una riflessione. Questo convegno non è dunque un punto d'arrivo, ma l'inizio di un cammino, che spero condivideremo insieme. Grazie 12

13 Luca Zaia Presidente della Provincia di Treviso Ringrazio Simonetta Rubinato per l'invito. E stato l'unico Sindaco che ha pensato di mettere in piedi, fra i 95 Sindaci della Provincia di Treviso, un convegno per parlare di sviluppo. Penso che vada riconosciuta ai nostri amministratori questa lungimiranza di portare avanti temi che non sono solo fare asfalti o occuparsi di qualche sagra: lo sviluppo è forse la più grande sfida che noi amministratori ci troviamo ad affrontare nei prossimi anni. Il Sindaco chiudeva il Suo intervento dicendo che l economia non può essere l'unica realtà che muove la nostra Amministrazione, ed è vero. Inizierei ricordando che a Freedman, premio Nobel dell'economia, hanno chiesto: Ha più bisogno una persona che ha o una persona che non ha?. Risposta: Ha più bisogno uno che ha avuto e non ha più. La vera sfida è questa: capire che noi siamo ritenuti, e lo percepiamo, una comunità che comunque ha dei valori che altri non hanno. La possibilità di avere un lavoro, la possibilità di consumare un pasto caldo, la possibilità di usufruire di servizi. Tant è che, rispetto alla media nazionale, qui si vive bene. Potremmo aprire un grande capitolo sulla qualità della vita, e quindi cominciare ad interrogarci su cosa significhi vivere bene: significa lavorare tante ore, poche ore, avere tempo libero, dedicarlo ai figli, alla famiglia, non dedicarlo, fare sport. Ma superiamo questi discorsi, ne facciamo un altro: se è vero che abbiamo oggi delle potenzialità e delle possibilità, cioè riusciamo a dare sfogo ai nostri bisogni, è altrettanto vero che, se domani non ce la faremo più, ci ritroveremo nella pessima situazione elencata da Freedman. Io non potrò più andare il sabato sera in pizzeria, non potrò più pensare di trascorrere una settimana a Jesolo d'estate, e vivrò comunque una crisi sociale. E una crisi sociale che noi dobbiamo ovviamente evitare, dobbiamo evitare perché siamo chiamati ad operare per lo sviluppo di questo territorio. Pensiamo ad esempio a quella che è l edificazione, al problema capannoni. Ci sono 80 milioni di metri quadrati di capannoni in Provincia di Treviso, sono circa 80 ettari per Comune. Ci sono 576 zone industriali con superficie maggiore di metri quadrati. Lo ricordavamo nel convegno di Unindustria questa settimana. E ovvio, ad esempio, che la programmazione urbanistica fatta nei decenni scorsi (ma senza dar colpa a Bianchi, Rossi, Verdi, o Arancioni) è fallita o, per meglio dire, non c'è stata alcuna programmazione. L unica programmazione è stata quella dei nostri imprenditori, di chi diceva non possiamo aspettare le istituzioni, rimbocchiamoci le maniche e avanti. E noi li dobbiamo ringraziare, 13

14 dobbiamo ringraziare le nostre imprese che comunque hanno portato un valore al nostro territorio. In questa Provincia si è passati negli ultimi dodici mesi dal 2,3% di disoccupazione al 3,4%. Uno dei temi caldi che ci troviamo ad affrontare è quello della dismissione di molti posti di lavoro. Garantire l'occupazione è il primo obbiettivo. Il vero grande valore della nostra comunità è che comunque chi ha voglia di lavorare fino ad oggi ha potuto farlo, ha potuto raggiungere una posizione, ha potuto decidere da solo se lavorare come uno schiavo o come un animale (perdonatemi le espressioni forti, ma bisogna rendere l'idea) e farsi una casa, farsene due, comprarsi anche l'appartamento al mare e lavorare ancora di più. Ma lo ha fatto per scelta. Oppure decidere di fare otto ore al giorno e di comprarsi un appartamentino e andare un mese a Jesolo in vacanza. Libero comunque di scegliere. Il vero problema per il futuro è che forse non saremo più liberi di scegliere cosa fare della nostra vita. Allora, se è vero che si sta licenziando (vedo anche le parti sociali e i sindacati qui, poi, immagino, interverranno e confermeranno questa tesi) e abbiamo dismissione in molti posti di lavoro, non ultimi quelli della Zoppas, è altrettanto vero che ci sono altre aziende che comunque dichiarano noi inevitabilmente delocalizzeremo. Sappiamo tutti che i cinesi costano 62 centesimi all ora e qui un operaio costa 11 euro all ora. Quindi sul fronte dell'occupazione comprendiamo come la prima scelta che dovremo fare per il futuro, sarà quella della riconversione del nostro sistema produttivo. Un sistema che dà poco valore aggiunto per ogni singolo addetto, euro in meno rispetto ai lombardi. Significa che qui si lavora tanto usando ancora le mani, che qui la manifattura pesa ancora nei nostri processi produttivi, e, nel momento in cui il mercato è globale, la manodopera è globale. La Provincia ha invitato tutti gli interlocutori del territorio a mettersi attorno ad un tavolo, come diceva il Sindaco Rubinato. Per quanto mi riguarda ho cercato di starne fuori il più possibile, tanto è vero che ho partecipato al convegno ad aprile e questa è la mia seconda apparizione per parlare di Piano Strategico, da aprile a oggi siamo a fine ottobre. Questo per non influenzare in alcun modo i lavori. Abbiamo riunito tutti attorno ad un tavolo: Amministrazioni, quindi i Comuni, Istituzioni di diverso genere, le AUSLL piuttosto che la Camera di Commercio che è il nostro partner principale; le parti sociali, il mondo del volontariato, tutti gli stakeholder come li definiscono gli inglesi, cioè i detentori di interessi. 14

15 L idea è quella di fare un'analisi dei punti di forza e di debolezza del nostro territorio. Ci manca un adeguata viabilità? E un punto di debolezza? Abbiamo il 30% di strade in meno rispetto alla media nazionale? Punto di forza potrebbe essere la realizzazione della Superstrada Pedemontana Veneta e del passante di Mestre. Ci mancano strutture per gli anziani? Mancano realtà per il turismo? Serve un'analisi seria, decidere quali i problemi da risolvere nei prossimi 5-10 anni, individuarne le soluzioni, il nome e cognome di chi li segue, di chi li finanzia e i tempi di realizzazione. Questo è un Piano Strategico. Frances Santacana, che è il padre di tutti i piani strategici ( Barcellona è la prima realtà a livello internazionale che si dota di un piano strategico e Santacana ne è direttore), dice una cosa giustissima, che la prima sfida in un Piano Strategico è far diventare amici persone che non sono amici. La parola amici significa comunicazione, messa in rete come diceva Rubinato prima, cioè parlarsi, perché il più grande limite, non solo di questa comunità ma di tutto il mondo, è di costruire assieme il futuro, al di là delle appartenenze politiche, delle idee ecc. Tra poco lascerò questo incontro, per andare ad inaugurare la scuola edile della CNA; resteranno qui i tecnici della Provincia e della Camera di Commercio. Infatti abbiamo lasciato in mano ai tecnici questa fase di studio e, ripeto, che non mi si venga a dire che stiamo sfornando libri o tomi su progetti fantascientifici. Ci siamo dati i tempi, novembre (se non è novembre sarà dicembre). Sono anni che si sta lavorando e, a breve, saranno presentati progetti, che individueranno le relative soluzioni. Facciamo un esempio per tutti prendendo un settore a caso, il turismo. Verrà presentata la necessità di fare rete. Questa è una necessità, dato che abbiamo presenze turistiche a Treviso. La rete è fondamentale per accogliere adeguatamente il turista che a Treviso è il turista del fine settimana, cioè si ferma tre giorni. Viene perché è interessato a Treviso (non ci arriva per caso, visto che non facciamo parte di grandi circuiti), viene apposta e questo ci fa piacere. Si tratta di persone che hanno bisogno di informazioni, di non perdere tempo e di trovare un territorio organizzato. Se noi cerchiamo di limare tutte le parti che non sono comuni, qualcosa poi resta. Michelangelo ha detto che per fare il David ha tolto la roba in più. Qual è la cosa bella del Piano Strategico? Se davvero sarà condiviso da tutti, cioè se questo David verrà fuori, per quanto piccolo però perfetto, sarà 15

16 voluto da tutti, cioè avrà la firma di Simonetta Rubinato, del sottoscritto, di Paolino Barbiero, di tutti quelli che hanno partecipato alla redazione del Piano e ne risulterà il libro mastro della Comunità. E ancora, quando Zaia andrà a casa e arriverà un altro Presidente, potrà arrivare una persona con idee diverse dalle mie, ma non le potrà avere diverse dalle scelte della comunità cioè da quelle espresse nel Piano Strategico. Con il Piano Strategico mettiamo le basi per un lavoro che è già condiviso, sul quale non si ritratta. Il problema deriva dal fatto che per ogni Sindaco nuovo che arriva, per ogni nuovo Presidente, per ogni nuovo Comitato che nasce, si cambiano le idee e con esse i progetti, abbandonando quelli precedentemente iniziati per proporne sempre di nuovi, allungando così all infinito i tempi di realizzazione. Dobbiamo fare delle scelte di base, come in azienda. Se un azienda produce scarpe da tennis, potrà cambiare il direttore generale, la proprietà, i criteri di gestione ma continuerà a produrre scarpe, dato che non potrà smantellare un sistema produttivo, un'impostazione aziendale, né cambiare il business plan, perché a questo punto dovrebbe coinvolgere gli azionisti e verificare se sono d'accordo. Gli azionisti però, nel nostro caso, non sono i Consiglieri Comunali o Provinciali, sono i cittadini. Il massimo sarebbe che si arrivasse a pensare di investire nella fase culturale del Piano Strategico, cioè far sì che i cittadini lo conoscano al punto tale da chiederne conto ai loro amministratori nel tempo. Grazie e buongiorno a tutti. 16

17 Renato Chahinian Segretario Generale Camera di Commercio di Treviso Porgo il saluto della Camera di Commercio e del suo Presidente Federico Tessari, che purtroppo non ha potuto partecipare a questo nostro incontro. La Camera di Commercio è lieta di aver organizzato questo importante convegno assieme al Comune di Roncade e alla Provincia di Treviso. E infatti un'occasione molto importante per fare il punto della situazione sulle politiche di sviluppo del nostro territorio, politiche di sviluppo a livello provinciale, ma che possono coniugarsi anche a livello comunale. Come giustamente ha già rilevato il nostro Sindaco in apertura, in realtà tutti gli enti locali hanno per fine ultimo lo sviluppo del loro territorio. Se noi consultiamo il Testo Unico delle autonomie locali, questo recita, all'art. 3, che il Comune è l'ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo. D'altra parte, la Provincia è l'ente locale intermedio tra Comuni e Regione, rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi, ne promuove e ne coordina lo sviluppo. Se poi andiamo a leggere anche l'articolo 1 della legge 580, che riguarda le Camere di Commercio, in esso si dice, che le Camere di Commercio sono enti autonomi di diritto pubblico che svolgono, nell'ambito della circoscrizione territoriale di competenza, funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, curandone lo sviluppo nell'ambito delle economie locali. Ecco che quindi tutti questi enti, che sono diversi, che hanno nell'ordinamento natura diversa, che hanno dei compiti anche molto diversi, mirano, come unico scopo, allo sviluppo dei territori di competenza. Quindi, lo scopo comune diventa anche la nostra mission, quello a cui bisogna tendere seppure facendo anche cose diverse. Ma, mentre gli altri compiti vengono dettagliati per i diversi enti (sia Comuni, che Provincia, che Camera di Commercio) e sono regolamentati da molte norme, la legge non dice nulla su cos è lo sviluppo e, soprattutto, come si fa a raggiungerlo. Eppure ormai la teoria economica, le varie applicazioni e le esperienze attuate sono abbastanza ampie e consolidate, e quindi sono disponibili vari strumenti per poter perlomeno perseguire lo sviluppo, anche se chiaramente nessuna teoria è in grado di fornire una ricetta infallibile ed uguale per tutti. Esistendo gli strumenti necessari, il nostro sforzo è quello di poterli applicare e di renderli concreti e realizzabili. L'iniziativa di oggi dimostra che lo sviluppo parte dalle intenzionalità del territorio, dalle sinergie che si possono attuare tra i diversi territori, e questo bisogna fare cercando di dialogare in modo mirato con tutto il contesto degli attori di competenza, cioè degli attori del sistema locale che sono i 17

18 cittadini, ma sono pure tutti i gruppi di aggregazione in una comunità locale. La Camera di Commercio negli ultimi due/tre anni ha intensificato tale dialogo, e quindi si è misurata assieme ai rappresentanti delle diverse categorie economiche locali, ma anche assieme agli enti istituzionali (Amministrazioni locali), per poter concertare assieme uno sviluppo. E ciò perché ogni politica di sviluppo, ogni crescita economica e di competitività deve essere di elevata qualità, ma anche di una certa sostenibilità. Molte volte, le politiche di sviluppo sono fini a se stesse e, anzi, rischiano di provocare confusione, o comunque di essere in contraddizione con altre politiche di sviluppo, o con altri territori, o con altri settori. Tutto questo accordo, quindi, va portato avanti sui temi cruciali che riguardano l internazionalizzazione, l'immigrazione, l'uso del territorio, ecc., in una politica generale di marketing territoriale, come verrà meglio precisato dai relatori che seguiranno, all'insegna dello sviluppo e della sostenibilità. Infatti per marketing territoriale, dobbiamo intendere non la vendita del territorio, ma la valorizzazione del territorio stesso. La Camera di Treviso nel 2001 è partita, a seguito di altre iniziative che aveva attuato in precedenza di cui citerò soltanto alcuni aspetti nella relazione del pomeriggio, con un piano di riposizionamento competitivo della Marca, riposizionamento competitivo visto però nell'ambito di un sistema socio-economico che, quindi, deve comprendere anche le competenze della Provincia e degli altri enti locali. E proprio per questo che ci siamo alleati con la Provincia, proprio per poter riuscire meglio ad individuare e progettare obiettivi concreti e di interesse comune. Dall'iniziativa di oggi quindi potranno scaturire anche progetti definiti, che saranno da una parte sinergici a quanto è stato previsto nel patto di sviluppo strategico, ma dall altra dovranno verificare le specificità di singoli territori come il nostro di Roncade. Tali progetti potranno essere anche presi come esempio, come modelli di innovazione da altri territori aventi le stesse problematiche o le stesse situazioni. Per tutto questo auguro buon lavoro a tutti, con l auspicio che le riflessioni di oggi portino frutti concreti e propositivi per l'avanzamento economico e sociale del Comune di Roncade e dell'intera provincia. 18

19 RELAZIONI IL PIANO STRATEGICO: GLI ASPETTI SOCIOCULTURALI Prof. Vittorio Filippi Vorrei entrare nel dettaglio del piano strategico facendo due piccole premesse; la prima è questa: il piano strategico ha due anime (vado in modo didascalico): la prima riguarda il sociale,ed è di competenza della Provincia, mentre l'altra anima - che curerà oggi l'amico Callegari - tratta approfonditamente i temi legati all'economia. L'altra premessa che volevo fare tocca un po la filosofia del piano che è la Treviso che vorremmo avere nel 2010; si tratta cioè di un programma, perchè il piano è un lavoro prspettico che non si esaurisce oggi nel 2004 o nel 2005, ma è una traiettoria di sviluppo, di uno sviluppo che ragionevolmente vogliamo, perché il 2010 è una data simbolica, ma che rimanda correttamente ad un discorso ragionevole di programmazione di un futuro locale che siamo certamente in grado do realizzare politicamente. Il 2010 insomma è una ragionevole data in cui si possono fare tutta una serie di correzioni di rotta di questa Provincia. Perché parlo di correzione di rotta? Per un semplice motivo, che la rotta che finora abbiamo tenuto, cioè la storie di questa Provincia, la storia di questi ultimi trent'anni che è andata benissimo, e lo si vede dai risultati, ma ha anche in un certo senso consumato tutta una serie di risorse. In modo quasi didattico direi che se avete un'auto che corre velocemente, certo sfreccia rapidamente ma, attenzione, mentre corre velocemente sta consumando una serie di cose: sta consumando i pneumatici, sta consumando ovviamente il carburante. Quindi noi ci troviamo oggi a dover ricalibrare un po' il tiro, proprio perché abbiamo in questa corsa lunga, non prevista, assolutamente non prevista da quelli che ci hanno preceduto nelle generazioni passate, questa corsa ha consumato tutta una serie di elementi importanti. Ad esempio ha consumato il territorio, non c è più spazio, spazio fisico; ma ha anche consumato tutta una serie di relazioni sociali, ha messo sotto pressione la famiglia, e una delle frasi che noi diciamo più spesso oggi è non ho tempo, ed è un bel paradosso dato che si vive molto di più oggi, cioè viviamo molti anni di più. Però diciamo non ho tempo, manca il tempo e il tempo, ad esempio che manca in certi contesti, penso alla famiglia, penso ai rapporti affettivi, in effetti rasppresenta un deficit incolmabile. 19

20 Alla fin fine il piano parte da questo, cioè dal tentativo di dire: la Treviso che vogliamo nel 2010 non può più assolutamente essere la Treviso del 2004, o la Treviso del 2003, cioè quella che abbiamo sempre conosciuto e vissuto. Occorre rigenerarla, occorre fargli una sorta un tagliando straordinario, e questo tagliando straordinario conduce anche rivederne completamente la traiettoria, tenendo conto appunto di alcune incongruenze e di alcuni difetti che nel corso, di questa storia di successo sono emersi. Per cui partirei della prima considerazione. Noi veniamo, come ho detto, da un percorso assolutamente positivo, tanto è vero che all'interno delle 103 province italiane, Treviso si pone all'undicesimo posto in termini di benessere, perché ha uno sviluppo solido, e su questo credo non ci siano dubbi, ha un buon ambiente di vita, anche se dobbiamo dire con franchezza che c è un disagio sociale che sta aumentando. Vi mostrerò poi alcuni dati prodotti dalle ricerche della società SWG condotte rigorosamente ed esclusivamente sul territorio della Provincia di Treviso. Un tenore di vita media rispetto alle altre Province lo accennava anche il Presidente Zaia, una carenza di infrastrutture sociali, e quindi non solo di viabilità, ma anche di infrastrutture sociali e culturali. Più in dettaglio, da una ricerca che abbiamo fatto nel 2004 è venuto fuori che è anche una società che ha paura e che ha sempre meno fiducia nel proprio futuro. E la fiducia è una cosa molto importante perché è un po il carburante psicologico collettivo che ci porta avanti. Il non avere fiducia a livello collettivo è una situazione velenosa che incide profondamente, metà ha risposto di avere fiducia per il futuro ma il 40% percepisce un certo disagio, soprattutto teme i mutamenti. Credo che la cosa più pericolosa a livello collettivo, oltre che a livello individuale, sia aver paura dei cambiamenti. E tali cambiamenti non sono, come dire, ineliminabili, dobbiamo gestirli, li dobbiamo affrontare, averne solo paura induce ad un comportamento conservatore o conservativo che alla fine rimane perdente. Solo il 32% si sente tranquillo di fronte al futuro: tra coloro che sono più sotto pressione di fronte ai cambiamenti sono le fasce centrali, gli adulti in fascia centrale e soprattutto chi svolge un lavoro autonomo. Chi svolge un lavoro autonomo, penso all'imprenditore, per fare un nome, sono quelle categorie sociali che più sentono il pungolo della competizione, del mutamento, dell'incertezza. Il 40% si sente impaurito e sconfortato, in buona parte sono persone di una certa età dopo i cinquant'anni, che vivono questa situazione di incomprensione di ciò che sta accadendo e, quindi, di incomprensione ancora maggiore per il futuro. C'è una certa sfiducia anche nei confronti del sistema paese, dell'italia, se può consolare siamo più ottimisti per quanto riguarda noi che per quanto riguarda la dimensione italiana; quindi abbiamo ancora un margine, un capitale di fiducia maggiore per quanto riguarda la nostra zona, rispetto alla 20

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Imparare a disimparare

Imparare a disimparare Imparare a disimparare Quello che abbiamo imparato finora non è più adatto a un contesto economico e un mercato profondamente cambiati. È ora di far emergere nuove modalità di pensiero, azione e condivisione

Dettagli

La gestione del cambiamento nelle filiere produttive trevigiane, tra delocalizzazioni ed innovazione

La gestione del cambiamento nelle filiere produttive trevigiane, tra delocalizzazioni ed innovazione UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Art. 6 Azioni Innovative Local initiatives and social partnership (LISP, art. 6 FSE) La gestione del cambiamento nelle filiere produttive trevigiane, tra delocalizzazioni

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino

La situazione economica in Provincia di Treviso. e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino La situazione economica in Provincia di Treviso (sintesi del Rapporto Annuale 2010 della CCIAA) e conseguenti proposte di iniziativa del PD cittadino 1. STRUTTURA DEMOGRAFICA DELLA POVINCIA: Al 01.01.2010,

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze Sono un'epidemiologa e lavoro all'agenzia Regionale Sanitaria della Regione Toscana. Il complicato

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Gli anziani in lista. i servizi?

Gli anziani in lista. i servizi? 44 4 2012 ESPERIENZE li a partire dagli strumenti e dalle modalità operative rispetto a cui la cooperazione sociale ha sviluppato maggiori eccellenze. Accanto alla sfida storica della cooperazione sociale,

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

innovazione incrementale

innovazione incrementale In questo secondo appuntamento abbiamo l opportunità di conoscere: Revenue Manager at GestioneHotel.Guru pietra miliare della libera condivisione di know-how turistico al servizio degli albergatori. Caro

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

La capacità di lavorare in gruppo

La capacità di lavorare in gruppo LAVORARE IN GRUPPO La capacità di lavorare in gruppo E definito Team building la modalità di costruzione di un gruppo di lavoro coeso. Si tratta di processo di aggregazione che mira ad utilizzare al massimo

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014]

A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia. Paolo Genco. [ Saluti e discorso introduttivo. Acireale 29 novembre 2014] 2014 A.N.F.E. Delegazione Regionale Sicilia Paolo Genco [ Saluti e discorso introduttivo 2014] Acireale 29 novembre Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Raspanti, vescovo di Acireale 2 Gentili Signore

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015

ECOMONDO 2011. La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi. Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 ECOMONDO 2011 La necessità delle sinergie nei processi di trasformazione complessi Vittorio Addis - Vicepresidente Associazione Bonifichexpo 2015 Il tema della sostenibilità, insieme a quello dell innovazione,

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

RICERCA: Il benessere dell operatore socio-sanitario: comprensione e sviluppo 2007

RICERCA: Il benessere dell operatore socio-sanitario: comprensione e sviluppo 2007 RICERCA: Il benessere dell operatore socio-sanitario: comprensione e sviluppo 2007 Dott. William Cazzaniga coordinatore della ricerca 1 RICERCA: Il benessere dell operatore sociosanitario: comprensione

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale,

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale, Lorenzo Broccoli Vista l ora, non voglio fare come Maramaldo e uccidere un uomo morto, quindi teniamo sullo schermo la slide numero 1 con il titolo, così ogni tanto destandovi vedrete di cosa sto parlando.

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Dott. Maurizio Melucci Vice Sindaco del Comune di Rimini Assessore al Turismo

Dott. Maurizio Melucci Vice Sindaco del Comune di Rimini Assessore al Turismo Dott. Maurizio Melucci Vice Sindaco del Comune di Rimini Assessore al Turismo Il vostro convegno è sicuramente interessante, perché al di là delle valutazioni di merito che possono essere anche diverse,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Lista degli atti linguistici più frequenti nel settore del turismo

Lista degli atti linguistici più frequenti nel settore del turismo SLEST (European Linguistic Standard for Professionals in Tourism) 2.0 1 : Project No: 2013-1-ES1-LEO05-66445 Lista degli atti linguistici più frequenti nel settore del turismo CONTENUTO 1.) all'albergo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un "Creativity Stimulus"

Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un Creativity Stimulus 15 aprile 2009 Intervista a Richard Florida: per battere la crisi ci vorrebbe un "Creativity Stimulus" di Rosanna Santonocito La crisi mondiale? Quando sarà finita, spalancherà le porte alla nuova era

Dettagli

Tutela della proprietà intellettuale e azioni di contrasto alla contraffazione

Tutela della proprietà intellettuale e azioni di contrasto alla contraffazione VALERIA FEDELI - Vice Presidente del Senato appunti intervento convegno dell associazione Amerigo Tutela della proprietà intellettuale e azioni di contrasto alla contraffazione Firenze, 25 ottobre 2013

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

FORUM MARCONI RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL FORUM MARCONI GIUGNO 2011 GIUGNO 2012

FORUM MARCONI RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL FORUM MARCONI GIUGNO 2011 GIUGNO 2012 Prot. / 2012 Rif.FORUM : R.A.2012/MMP RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEL GIUGNO 2011 GIUGNO 2012 Questa relazione viene redatta, utilizzando alcune parti di quanto scritto nelle precedenti relazioni annuali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

S T U D I O. Le nuove frontiere del telemarketing. di Barbara Coralli

S T U D I O. Le nuove frontiere del telemarketing. di Barbara Coralli Barbara Coralli M E M B R O A S S O C I A T O S Y N D I C A T D U M A R K E T I N G T É L É P H O N I Q U E S T U D I O T E L E M A C O C O M U N I C A Z I O N E Le nuove frontiere del telemarketing di

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma

Fundraising. Un altro welfare è possibile. Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Fundraising. Un altro welfare è possibile Sintesi dell intervento introduttivo di Massimo Coen Cagli Direttore Scientifico della Scuola di Roma Premessa: il senso dell itinerario Fundraising un altro Welfare

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Dicembre 2009 presentazione Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Il quadro economico provinciale: le prospettive E ritiene che nel futuro la situazione

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Relazione Marco Demarie Il Piano Strategico sulla cultura. Il punto della situazione.

Relazione Marco Demarie Il Piano Strategico sulla cultura. Il punto della situazione. Relazione Marco Demarie Il Piano Strategico sulla cultura. Il punto della situazione. Ho il compito di fare il punto del lavoro svolto dalla Commissione Cultura nel corso degli ultimi mesi, a partire da

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetti per le vacanze!

Progetti per le vacanze! Progetti per le vacanze! Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici le vacanze: programmare, raccogliere informazioni, parlarne la costruzione con si ci di luogo Svolgimento L attività è finalizzata

Dettagli

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI

Massimo Minnucci. Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Massimo Minnucci Amministratore Delegato Ktesios LA CESSIONE DEL QUINTO: PROSPETTIVE, PROPOSTE E SOLUZIONI Convegno ABI CONSUMER CREDIT 2005 Roma, 21 marzo LA COLLOCAZIONE DEL PRODOTTO Vorrei cominciare

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a

MASSIMO CAPUANO. Amministratore Delegato della Borsa Italiana. tarda. Cercherò di essere sintetico e di riuscire in questi pochi minuti a MASSIMO CAPUANO Amministratore Delegato della Borsa Italiana Mi appresto a un compito difficile: riuscire a concludere un dibattito così interessante in questa vostra prima giornata di convegno, a un ora

Dettagli