PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO. Il piano di Marketing territoriale per lo sviluppo di Roncade (Relazioni del Convegno)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO. Il piano di Marketing territoriale per lo sviluppo di Roncade (Relazioni del Convegno)"

Transcript

1 PROGETTIAMO IL NOSTRO FUTURO Il piano di Marketing territoriale per lo sviluppo di Roncade (Relazioni del Convegno) Castello di Roncade 30 ottobre 2004

2 È consentito l utilizzo, anche parziale, del contenuto degli interventi riportati, purché venga fatto riferimento alla fonte

3 PRESENTAZIONE La Camera di Commercio di Treviso è lieta di presentare le relazioni di questo interessante Convegno perché si tratta di un primo evento in linea con i principi e lo spirito del Patto strategico di sviluppo, predisposto dall Ente camerale e dalla Provincia di Treviso con il consenso di tutte le istituzioni e le categorie economiche e sociali della provincia. Un piano generale di sviluppo, infatti, non può essere attuato se non è condiviso e se ciascuno, secondo le proprie competenze e possibilità, non fa la sua parte. Pertanto, è apprezzabile questa iniziativa del Comune di Roncade di ricercare le direttrici di sviluppo del proprio territorio all interno del più vasto piano provinciale, valorizzando le specificità locali e parallelamente armonizzandole nel contesto provinciale con le vocazioni similari di altri comuni contermini. Federico Tessari Presidente della Camera di Commercio di Treviso 3

4

5 Indice - Introduzione Simonetta Rubinato Sindaco del comune di Roncade Pag. 7 - Saluti di apertura Simonetta Rubinato Sindaco del comune di Roncade Pag. 9 - Luca Zaia Presidente della Provincia di Treviso Pag Renato Chahinian Segretario Generale della C.C.I.A.A. di Treviso Pag. 17 RELAZIONI - Il Piano strategico: gli aspetti socio-culturali Prof. Vittorio Filippi Docente di Sociologia dell Università Ca Foscari di Venezia Pag. 19 Il Piano strategico: gli aspetti economici Dott. Federico Callegari Capo area Studi Camera di Commercio di Treviso Pag Il Piano di Marketing territoriale: funzioni e utilità per il sistema produttivo locale e la qualità dello sviluppo Prof. Matteo Caroli Professore straordinario di Economia e Gestione delle Imprese Internazionali L.U.I.S.S. Guido Carli di Roma Pag. 37 5

6 TAVOLA ROTONDA Rifondare il modello di sviluppo Trevigiano Pag Dott. Renato Chahinian Segretario Generale della C.C.I.A.A. di Treviso Pag Dott. Livio Barnabò Amministratore Delegato di PEGroup e membro del Comitato Tecnico Scientifico del Piano Strategico di Treviso Pag Conclusione Dott.ssa Simonetta Rubinato Sindaco del comune Roncade Pag. 53 6

7 INTRODUZIONE A cosa può servire un piano di marketing per il territorio di Roncade? La risposta prenderà forma, come l immagine di un puzzle, dall insieme degli interventi dei relatori, che offriranno sguardi complementari sulla cruciale questione dello sviluppo futuro della nostra comunità, inserita nel più vasto sistema produttivo trevigiano. Ecco perché, accanto a una riflessione mirata sull utilità per il nostro Comune di uno strumento di analisi e pianificazione qual è il piano di marketing territoriale, abbiamo voluto che due istituzioni che si propongono come volano di sviluppo, la Provincia e la Camera di Commercio, illustrassero obiettivi e contenuti del loro piano strategico. L intento è offrire ai diversi attori dello sviluppo locale istituzioni, categorie economiche, organizzazioni sindacali, terzo settore, imprese, volontariato.- una visione il più ampia possibile dei punti di forza e di debolezza del sistema produttivo trevigiano, al quale si sente spesso dire manca la capacità di fare sistema, di fare rete. Se la formula per vincere la sfida della competizione globale sta invece nella concertazione tra i diversi attori socio-economici, ebbene, noi, come amministratori, abbiamo ritenuto di innescare una riflessione sulla realtà produttiva che caratterizza Roncade per individuare e sostenere la vocazione particolare che il territorio intende darsi. Perché la comunità roncadese non vuole perdere le sfide di domani. Perché anticipare soluzioni è decisamente meglio che rincorrere i problemi. Perché non vogliamo che i nostri cittadini e i loro figli si trovino domani senza prospettive di benessere. Proponiamo dunque, con questo convegno, l inizio di un percorso, che ci auguriamo sia il più condiviso possibile, di lettura e analisi delle specificità, delle potenzialità e delle criticità del nostro Comune, offrendo spunti di riflessione tramite gli interventi di esperti ma soprattutto ascoltando gli stimoli che vengono dagli attori sul territorio. Simonetta Rubinato Sindaco di Roncade 7

8

9 SALUTI DI APERTURA Simonetta Rubinato Sindaco di Roncade Farò una breve introduzione che ha come premessa, ovviamente, i saluti al Presidente della Provincia, che sono molto felice di avere qui, nostro ospite. Il Presidente della Camera di Commercio ha avuto un impegno per cui non potrà essere tra noi, ha però collaborato attivamente a questa iniziativa. Saluto inoltre, e ringrazio, tutti i relatori e i convenuti, tutti voi che siete qua in una mattina che per gli amministratori, e qui ne vedo, è spesso piena di impegni istituzionali e che è anche una giornata che cade in un ponte festivo. Quindi la vostra presenza ci conforta e ci fa ritenere che la riflessione avviata possa essere allargata e possa portare a dei risultati concreti. Perché questa iniziativa? Il titolo del convegno che vedete sul volantino Piano di marketing territoriale per Roncade è un titolo un po' provocatorio, oserei dire, che forse va oltre le pur legittime ambizioni di una comunità come quella di Roncade. Però è una provocazione in qualche modo voluta, e voluta in questa parte della provincia in cui, tutto sommato, ancora non viviamo le forti tensioni che si vivono in altre zone. Noi siamo geograficamente periferici, siamo più vicini a Comuni del Veneziano, con cui condividiamo alcune vocazioni territoriali, economiche od altro, e abbiamo avuto uno sviluppo in parte diverso rispetto al resto della provincia di Treviso. Non abbiamo un territorio impegnato da un grandissimo sviluppo industriale, abbiamo delle imprese di qualità e un grandissimo numero di imprese artigiane, abbiamo ancora moltissime imprese agricole. Abbiamo un territorio molto vasto, il secondo della provincia, con una densità di popolazione molto felice. I nostri abitanti sono infatti (a settembre 2004), il nostro territorio è dunque in gran parte ancora un libero, e dunque godibile, da agglomerati urbani e lo sviluppo insediativo, produttivo e industriale non l'hanno consumato, logorato a livello di altri territori della provincia. Dunque, porsi la domanda dello sviluppo locale qui a Roncade potrebbe sembrare fuori tema. Stiamo abbastanza bene, non viviamo le tensioni di quest epoca di grandi cambiamenti o, meglio, non li subiamo ancora in modo visibile e violento. Proprio per questo, secondo me, siamo in una situazione in qualche modo privilegiata per fare una riflessione politica che preceda l'emergenza. I cambiamenti e le trasformazioni in atto comunque ci coinvolgono, siamo comunque inseriti in una comunità più vasta che è quella provinciale, che è quella regionale, e quindi saremo, bene o male, investiti dagli avvenimenti se non cercheremo di capire dove andiamo. E di capirlo a un livello non 9

10 limitato alla comunità di Roncade, ma allargato alle comunità che ci sono più affini, contermini dal punto di vista geografico, territoriale, sociale ed economico, stringendo soprattutto un'alleanza forte con la nostra Provincia. La presenza qui oggi del presidente Zaia è segno di questo. L amministrazione comunale ed io siamo ben consapevoli che non si può parlare di sviluppo locale per Roncade se non c'è una forte sinergia e una condivisione di intenti con l'istituzione Provincia, prima ancora che con il livello regionale. Mi permetto una battuta: quattro o cinque mesi fa io e il presidente Zaia, lui a sostegno di un'altra parte politica, io in prima linea, eravamo intenti a competere in sede elettorale. Chiusa questa parentesi elettorale, oggi il presidente Zaia è qui perché entrambi siamo consapevoli che è nostro dovere e responsabilità lavorare insieme per il benessere delle nostre comunità. Questa credo sia una delle cose più importanti del convegno di oggi, per cui ringrazio ancora il Presidente. Dopodiché, che altro dire? Il tema dello sviluppo locale non è una cosa che un'amministrazione si inventa perché è più brava di un'altra. Lo sviluppo locale è un compito che ci attribuisce anche il quadro normativo: lo dice il Testo Unico sugli enti locali che il Comune ha responsabilità per quanto riguarda lo sviluppo, anche economico, del suo territorio; e lo dice anche il nostro Statuto comunale che dedica a ciò un apposito articolo, l art. 6, pur nella consapevolezza (e questo è l'art. 3) che bisogna fare rete e alleanze con altre entità, con altre istituzioni, pari ordinate o sovraordinate. Detto questo, racconto un piccolo episodio. È passata l'altro giorno in Municipio - perché come Sindaco voglio avere diretto contatto con i cittadini e, soprattutto, con quelli più in difficoltà - è passata, dicevo, una persona molto semplice, e le persone semplici costituiscono la maggior parte degli abitanti delle nostre comunità, sono quelle a cui rivolgiamo la nostra azione. Questa persona mi ha illustrato il suo problema, un problema piccolo se volete, dal quale però si può trarre una considerazione più generale, che potrebbe essere una linea guida alla riflessione di oggi. Mi dice: Sono una persona molto semplice, non ho titoli di studio, ho fatto la scuola dell'obbligo, ho una famiglia, una moglie, due figli, faccio un lavoro molto modesto, lavoro dieci ore al giorno, ho uno stipendio che mi permette di vivere dignitosamente ma non nel lusso, che non mi permette di fare vacanze. Cosa chiedo? Chiedo, quando torno a casa la sera e il sabato e la domenica di poter vivere tranquillamente, di sapere che posso garantire ai miei figli la possibilità di studiare, di formarsi per trovare un lavoro, chiedo di avere la sicurezza di una casa, un minimo di sicurezza per la tutela della mia salute, insomma non chiedo altro. Nella variante urbanistica avete inserito una strada che passa vicino alla mia casa e così voi rovinate la mia tranquillità, perché poi con una strada che mi passa accanto io non potrò più vivere tranquillamente e serenamente. La gente normale ha problemi 10

11 normali, ha problemi semplici, e questo signore nella sua semplicità si chiedeva, partendo dalla strada (e a prescindere dalle considerazioni sul fatto che le strade si debbano o non si debbano fare, non è questo il tema): Dove dobbiamo andare? Quante case vogliamo costruire? Quante fabbriche e quante strade? Perché, per cosa? Serve a quello che è il mio scopo di vita? Allora, quando facciamo i ragionamenti anche importanti, anche grandi, non dobbiamo mai dimenticare che la centralità di tutto è il dare risposte alle domande delle persone semplici che sono la maggior parte e che, a volte, nella loro semplicità pongono le domande fondamentali, come: dove andiamo? Questo convegno vuole spingerci a riflettere per tempo su dove vogliamo andare, prima di doverlo fare con l'affanno. Vuole spingerci a interrogarci e ad allargare l'interrogativo ad altri che hanno pari responsabilità o responsabilità ad altri livelli e a cercare infine risposte il più possibile condivise e partecipate, perché l'obiettivo sia di tutti. Pur essendo il marketing territoriale una disciplina che attiene soprattutto allo sviluppo economico, vorrei fare un ulteriore considerazione. Oggi parleremo di marketing, parleremo di sviluppo economico, ma ne parleremo - la presenza mia e del presidente Zaia stanno qui a dire questo - con una forte consapevolezza: per noi la politica, se è vero che debba avere un primato sull'economia, ha il compito di mettere prima la persona delle regole economiche. E allora anche l economia e lo sviluppo economico sono uno strumento finalizzato a uno sviluppo più integrale, uno sviluppo per il benessere, per la qualità della vita delle nostre comunità. Siamo consapevoli che senza sviluppo economico noi amministratori non potremmo garantire qualità della vita e prospettive di benessere ai nostri concittadini, ma siamo anche consapevoli che non si può ridurre tutto alle regole dell'economia, che essa va governata. Siamo avvantaggiati nel partire ora con questa riflessione. Riflessione che, mi auguro, saremo in grado di estendere alle altre comunità del nostro territorio, per cercare una stella polare in grado di guidare le azioni che i singoli, i privati o i pubblici, dovranno realizzare ciascuno per la propria parte. Un'ultima singolarità. Credo sia condiviso anche da qualche Comune confinante - ne parlavamo ieri sera con il professor Caroli e con la giunta che il nostro territorio non ha una vocazione specifica, non c è qualcosa in particolare che lo identifichi, determinando limiti o vantaggi. Il nostro futuro è in qualche modo ancora da scoprire e da inventare. Non possiamo però lasciare tutto questo all'iniziativa, per quanto brillante e intelligente, dei nostri bravi imprenditori, ma dobbiamo cercare di fare squadra perché i cambiamenti saranno inevitabili, coinvolgeranno anche noi e dovremmo essere competitivi non solo come aziende, ma come sistema locale nel suo 11

12 complesso, come comunità, come territorio. Questo è il tema di oggi. Ho parlato in libertà, spero in ogni caso di essere riuscita a far comprendere il senso di questa iniziativa che è solo, lo ripeto, il punto di inizio. Io oggi sono qua insieme a voi per ascoltare, per imparare. Anche la tavola rotonda del pomeriggio sarà un momento di ascolto forte dei protagonisti del nostro territorio e di avvio di una riflessione. Questo convegno non è dunque un punto d'arrivo, ma l'inizio di un cammino, che spero condivideremo insieme. Grazie 12

13 Luca Zaia Presidente della Provincia di Treviso Ringrazio Simonetta Rubinato per l'invito. E stato l'unico Sindaco che ha pensato di mettere in piedi, fra i 95 Sindaci della Provincia di Treviso, un convegno per parlare di sviluppo. Penso che vada riconosciuta ai nostri amministratori questa lungimiranza di portare avanti temi che non sono solo fare asfalti o occuparsi di qualche sagra: lo sviluppo è forse la più grande sfida che noi amministratori ci troviamo ad affrontare nei prossimi anni. Il Sindaco chiudeva il Suo intervento dicendo che l economia non può essere l'unica realtà che muove la nostra Amministrazione, ed è vero. Inizierei ricordando che a Freedman, premio Nobel dell'economia, hanno chiesto: Ha più bisogno una persona che ha o una persona che non ha?. Risposta: Ha più bisogno uno che ha avuto e non ha più. La vera sfida è questa: capire che noi siamo ritenuti, e lo percepiamo, una comunità che comunque ha dei valori che altri non hanno. La possibilità di avere un lavoro, la possibilità di consumare un pasto caldo, la possibilità di usufruire di servizi. Tant è che, rispetto alla media nazionale, qui si vive bene. Potremmo aprire un grande capitolo sulla qualità della vita, e quindi cominciare ad interrogarci su cosa significhi vivere bene: significa lavorare tante ore, poche ore, avere tempo libero, dedicarlo ai figli, alla famiglia, non dedicarlo, fare sport. Ma superiamo questi discorsi, ne facciamo un altro: se è vero che abbiamo oggi delle potenzialità e delle possibilità, cioè riusciamo a dare sfogo ai nostri bisogni, è altrettanto vero che, se domani non ce la faremo più, ci ritroveremo nella pessima situazione elencata da Freedman. Io non potrò più andare il sabato sera in pizzeria, non potrò più pensare di trascorrere una settimana a Jesolo d'estate, e vivrò comunque una crisi sociale. E una crisi sociale che noi dobbiamo ovviamente evitare, dobbiamo evitare perché siamo chiamati ad operare per lo sviluppo di questo territorio. Pensiamo ad esempio a quella che è l edificazione, al problema capannoni. Ci sono 80 milioni di metri quadrati di capannoni in Provincia di Treviso, sono circa 80 ettari per Comune. Ci sono 576 zone industriali con superficie maggiore di metri quadrati. Lo ricordavamo nel convegno di Unindustria questa settimana. E ovvio, ad esempio, che la programmazione urbanistica fatta nei decenni scorsi (ma senza dar colpa a Bianchi, Rossi, Verdi, o Arancioni) è fallita o, per meglio dire, non c'è stata alcuna programmazione. L unica programmazione è stata quella dei nostri imprenditori, di chi diceva non possiamo aspettare le istituzioni, rimbocchiamoci le maniche e avanti. E noi li dobbiamo ringraziare, 13

14 dobbiamo ringraziare le nostre imprese che comunque hanno portato un valore al nostro territorio. In questa Provincia si è passati negli ultimi dodici mesi dal 2,3% di disoccupazione al 3,4%. Uno dei temi caldi che ci troviamo ad affrontare è quello della dismissione di molti posti di lavoro. Garantire l'occupazione è il primo obbiettivo. Il vero grande valore della nostra comunità è che comunque chi ha voglia di lavorare fino ad oggi ha potuto farlo, ha potuto raggiungere una posizione, ha potuto decidere da solo se lavorare come uno schiavo o come un animale (perdonatemi le espressioni forti, ma bisogna rendere l'idea) e farsi una casa, farsene due, comprarsi anche l'appartamento al mare e lavorare ancora di più. Ma lo ha fatto per scelta. Oppure decidere di fare otto ore al giorno e di comprarsi un appartamentino e andare un mese a Jesolo in vacanza. Libero comunque di scegliere. Il vero problema per il futuro è che forse non saremo più liberi di scegliere cosa fare della nostra vita. Allora, se è vero che si sta licenziando (vedo anche le parti sociali e i sindacati qui, poi, immagino, interverranno e confermeranno questa tesi) e abbiamo dismissione in molti posti di lavoro, non ultimi quelli della Zoppas, è altrettanto vero che ci sono altre aziende che comunque dichiarano noi inevitabilmente delocalizzeremo. Sappiamo tutti che i cinesi costano 62 centesimi all ora e qui un operaio costa 11 euro all ora. Quindi sul fronte dell'occupazione comprendiamo come la prima scelta che dovremo fare per il futuro, sarà quella della riconversione del nostro sistema produttivo. Un sistema che dà poco valore aggiunto per ogni singolo addetto, euro in meno rispetto ai lombardi. Significa che qui si lavora tanto usando ancora le mani, che qui la manifattura pesa ancora nei nostri processi produttivi, e, nel momento in cui il mercato è globale, la manodopera è globale. La Provincia ha invitato tutti gli interlocutori del territorio a mettersi attorno ad un tavolo, come diceva il Sindaco Rubinato. Per quanto mi riguarda ho cercato di starne fuori il più possibile, tanto è vero che ho partecipato al convegno ad aprile e questa è la mia seconda apparizione per parlare di Piano Strategico, da aprile a oggi siamo a fine ottobre. Questo per non influenzare in alcun modo i lavori. Abbiamo riunito tutti attorno ad un tavolo: Amministrazioni, quindi i Comuni, Istituzioni di diverso genere, le AUSLL piuttosto che la Camera di Commercio che è il nostro partner principale; le parti sociali, il mondo del volontariato, tutti gli stakeholder come li definiscono gli inglesi, cioè i detentori di interessi. 14

15 L idea è quella di fare un'analisi dei punti di forza e di debolezza del nostro territorio. Ci manca un adeguata viabilità? E un punto di debolezza? Abbiamo il 30% di strade in meno rispetto alla media nazionale? Punto di forza potrebbe essere la realizzazione della Superstrada Pedemontana Veneta e del passante di Mestre. Ci mancano strutture per gli anziani? Mancano realtà per il turismo? Serve un'analisi seria, decidere quali i problemi da risolvere nei prossimi 5-10 anni, individuarne le soluzioni, il nome e cognome di chi li segue, di chi li finanzia e i tempi di realizzazione. Questo è un Piano Strategico. Frances Santacana, che è il padre di tutti i piani strategici ( Barcellona è la prima realtà a livello internazionale che si dota di un piano strategico e Santacana ne è direttore), dice una cosa giustissima, che la prima sfida in un Piano Strategico è far diventare amici persone che non sono amici. La parola amici significa comunicazione, messa in rete come diceva Rubinato prima, cioè parlarsi, perché il più grande limite, non solo di questa comunità ma di tutto il mondo, è di costruire assieme il futuro, al di là delle appartenenze politiche, delle idee ecc. Tra poco lascerò questo incontro, per andare ad inaugurare la scuola edile della CNA; resteranno qui i tecnici della Provincia e della Camera di Commercio. Infatti abbiamo lasciato in mano ai tecnici questa fase di studio e, ripeto, che non mi si venga a dire che stiamo sfornando libri o tomi su progetti fantascientifici. Ci siamo dati i tempi, novembre (se non è novembre sarà dicembre). Sono anni che si sta lavorando e, a breve, saranno presentati progetti, che individueranno le relative soluzioni. Facciamo un esempio per tutti prendendo un settore a caso, il turismo. Verrà presentata la necessità di fare rete. Questa è una necessità, dato che abbiamo presenze turistiche a Treviso. La rete è fondamentale per accogliere adeguatamente il turista che a Treviso è il turista del fine settimana, cioè si ferma tre giorni. Viene perché è interessato a Treviso (non ci arriva per caso, visto che non facciamo parte di grandi circuiti), viene apposta e questo ci fa piacere. Si tratta di persone che hanno bisogno di informazioni, di non perdere tempo e di trovare un territorio organizzato. Se noi cerchiamo di limare tutte le parti che non sono comuni, qualcosa poi resta. Michelangelo ha detto che per fare il David ha tolto la roba in più. Qual è la cosa bella del Piano Strategico? Se davvero sarà condiviso da tutti, cioè se questo David verrà fuori, per quanto piccolo però perfetto, sarà 15

16 voluto da tutti, cioè avrà la firma di Simonetta Rubinato, del sottoscritto, di Paolino Barbiero, di tutti quelli che hanno partecipato alla redazione del Piano e ne risulterà il libro mastro della Comunità. E ancora, quando Zaia andrà a casa e arriverà un altro Presidente, potrà arrivare una persona con idee diverse dalle mie, ma non le potrà avere diverse dalle scelte della comunità cioè da quelle espresse nel Piano Strategico. Con il Piano Strategico mettiamo le basi per un lavoro che è già condiviso, sul quale non si ritratta. Il problema deriva dal fatto che per ogni Sindaco nuovo che arriva, per ogni nuovo Presidente, per ogni nuovo Comitato che nasce, si cambiano le idee e con esse i progetti, abbandonando quelli precedentemente iniziati per proporne sempre di nuovi, allungando così all infinito i tempi di realizzazione. Dobbiamo fare delle scelte di base, come in azienda. Se un azienda produce scarpe da tennis, potrà cambiare il direttore generale, la proprietà, i criteri di gestione ma continuerà a produrre scarpe, dato che non potrà smantellare un sistema produttivo, un'impostazione aziendale, né cambiare il business plan, perché a questo punto dovrebbe coinvolgere gli azionisti e verificare se sono d'accordo. Gli azionisti però, nel nostro caso, non sono i Consiglieri Comunali o Provinciali, sono i cittadini. Il massimo sarebbe che si arrivasse a pensare di investire nella fase culturale del Piano Strategico, cioè far sì che i cittadini lo conoscano al punto tale da chiederne conto ai loro amministratori nel tempo. Grazie e buongiorno a tutti. 16

17 Renato Chahinian Segretario Generale Camera di Commercio di Treviso Porgo il saluto della Camera di Commercio e del suo Presidente Federico Tessari, che purtroppo non ha potuto partecipare a questo nostro incontro. La Camera di Commercio è lieta di aver organizzato questo importante convegno assieme al Comune di Roncade e alla Provincia di Treviso. E infatti un'occasione molto importante per fare il punto della situazione sulle politiche di sviluppo del nostro territorio, politiche di sviluppo a livello provinciale, ma che possono coniugarsi anche a livello comunale. Come giustamente ha già rilevato il nostro Sindaco in apertura, in realtà tutti gli enti locali hanno per fine ultimo lo sviluppo del loro territorio. Se noi consultiamo il Testo Unico delle autonomie locali, questo recita, all'art. 3, che il Comune è l'ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo. D'altra parte, la Provincia è l'ente locale intermedio tra Comuni e Regione, rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi, ne promuove e ne coordina lo sviluppo. Se poi andiamo a leggere anche l'articolo 1 della legge 580, che riguarda le Camere di Commercio, in esso si dice, che le Camere di Commercio sono enti autonomi di diritto pubblico che svolgono, nell'ambito della circoscrizione territoriale di competenza, funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese, curandone lo sviluppo nell'ambito delle economie locali. Ecco che quindi tutti questi enti, che sono diversi, che hanno nell'ordinamento natura diversa, che hanno dei compiti anche molto diversi, mirano, come unico scopo, allo sviluppo dei territori di competenza. Quindi, lo scopo comune diventa anche la nostra mission, quello a cui bisogna tendere seppure facendo anche cose diverse. Ma, mentre gli altri compiti vengono dettagliati per i diversi enti (sia Comuni, che Provincia, che Camera di Commercio) e sono regolamentati da molte norme, la legge non dice nulla su cos è lo sviluppo e, soprattutto, come si fa a raggiungerlo. Eppure ormai la teoria economica, le varie applicazioni e le esperienze attuate sono abbastanza ampie e consolidate, e quindi sono disponibili vari strumenti per poter perlomeno perseguire lo sviluppo, anche se chiaramente nessuna teoria è in grado di fornire una ricetta infallibile ed uguale per tutti. Esistendo gli strumenti necessari, il nostro sforzo è quello di poterli applicare e di renderli concreti e realizzabili. L'iniziativa di oggi dimostra che lo sviluppo parte dalle intenzionalità del territorio, dalle sinergie che si possono attuare tra i diversi territori, e questo bisogna fare cercando di dialogare in modo mirato con tutto il contesto degli attori di competenza, cioè degli attori del sistema locale che sono i 17

18 cittadini, ma sono pure tutti i gruppi di aggregazione in una comunità locale. La Camera di Commercio negli ultimi due/tre anni ha intensificato tale dialogo, e quindi si è misurata assieme ai rappresentanti delle diverse categorie economiche locali, ma anche assieme agli enti istituzionali (Amministrazioni locali), per poter concertare assieme uno sviluppo. E ciò perché ogni politica di sviluppo, ogni crescita economica e di competitività deve essere di elevata qualità, ma anche di una certa sostenibilità. Molte volte, le politiche di sviluppo sono fini a se stesse e, anzi, rischiano di provocare confusione, o comunque di essere in contraddizione con altre politiche di sviluppo, o con altri territori, o con altri settori. Tutto questo accordo, quindi, va portato avanti sui temi cruciali che riguardano l internazionalizzazione, l'immigrazione, l'uso del territorio, ecc., in una politica generale di marketing territoriale, come verrà meglio precisato dai relatori che seguiranno, all'insegna dello sviluppo e della sostenibilità. Infatti per marketing territoriale, dobbiamo intendere non la vendita del territorio, ma la valorizzazione del territorio stesso. La Camera di Treviso nel 2001 è partita, a seguito di altre iniziative che aveva attuato in precedenza di cui citerò soltanto alcuni aspetti nella relazione del pomeriggio, con un piano di riposizionamento competitivo della Marca, riposizionamento competitivo visto però nell'ambito di un sistema socio-economico che, quindi, deve comprendere anche le competenze della Provincia e degli altri enti locali. E proprio per questo che ci siamo alleati con la Provincia, proprio per poter riuscire meglio ad individuare e progettare obiettivi concreti e di interesse comune. Dall'iniziativa di oggi quindi potranno scaturire anche progetti definiti, che saranno da una parte sinergici a quanto è stato previsto nel patto di sviluppo strategico, ma dall altra dovranno verificare le specificità di singoli territori come il nostro di Roncade. Tali progetti potranno essere anche presi come esempio, come modelli di innovazione da altri territori aventi le stesse problematiche o le stesse situazioni. Per tutto questo auguro buon lavoro a tutti, con l auspicio che le riflessioni di oggi portino frutti concreti e propositivi per l'avanzamento economico e sociale del Comune di Roncade e dell'intera provincia. 18

19 RELAZIONI IL PIANO STRATEGICO: GLI ASPETTI SOCIOCULTURALI Prof. Vittorio Filippi Vorrei entrare nel dettaglio del piano strategico facendo due piccole premesse; la prima è questa: il piano strategico ha due anime (vado in modo didascalico): la prima riguarda il sociale,ed è di competenza della Provincia, mentre l'altra anima - che curerà oggi l'amico Callegari - tratta approfonditamente i temi legati all'economia. L'altra premessa che volevo fare tocca un po la filosofia del piano che è la Treviso che vorremmo avere nel 2010; si tratta cioè di un programma, perchè il piano è un lavoro prspettico che non si esaurisce oggi nel 2004 o nel 2005, ma è una traiettoria di sviluppo, di uno sviluppo che ragionevolmente vogliamo, perché il 2010 è una data simbolica, ma che rimanda correttamente ad un discorso ragionevole di programmazione di un futuro locale che siamo certamente in grado do realizzare politicamente. Il 2010 insomma è una ragionevole data in cui si possono fare tutta una serie di correzioni di rotta di questa Provincia. Perché parlo di correzione di rotta? Per un semplice motivo, che la rotta che finora abbiamo tenuto, cioè la storie di questa Provincia, la storia di questi ultimi trent'anni che è andata benissimo, e lo si vede dai risultati, ma ha anche in un certo senso consumato tutta una serie di risorse. In modo quasi didattico direi che se avete un'auto che corre velocemente, certo sfreccia rapidamente ma, attenzione, mentre corre velocemente sta consumando una serie di cose: sta consumando i pneumatici, sta consumando ovviamente il carburante. Quindi noi ci troviamo oggi a dover ricalibrare un po' il tiro, proprio perché abbiamo in questa corsa lunga, non prevista, assolutamente non prevista da quelli che ci hanno preceduto nelle generazioni passate, questa corsa ha consumato tutta una serie di elementi importanti. Ad esempio ha consumato il territorio, non c è più spazio, spazio fisico; ma ha anche consumato tutta una serie di relazioni sociali, ha messo sotto pressione la famiglia, e una delle frasi che noi diciamo più spesso oggi è non ho tempo, ed è un bel paradosso dato che si vive molto di più oggi, cioè viviamo molti anni di più. Però diciamo non ho tempo, manca il tempo e il tempo, ad esempio che manca in certi contesti, penso alla famiglia, penso ai rapporti affettivi, in effetti rasppresenta un deficit incolmabile. 19

20 Alla fin fine il piano parte da questo, cioè dal tentativo di dire: la Treviso che vogliamo nel 2010 non può più assolutamente essere la Treviso del 2004, o la Treviso del 2003, cioè quella che abbiamo sempre conosciuto e vissuto. Occorre rigenerarla, occorre fargli una sorta un tagliando straordinario, e questo tagliando straordinario conduce anche rivederne completamente la traiettoria, tenendo conto appunto di alcune incongruenze e di alcuni difetti che nel corso, di questa storia di successo sono emersi. Per cui partirei della prima considerazione. Noi veniamo, come ho detto, da un percorso assolutamente positivo, tanto è vero che all'interno delle 103 province italiane, Treviso si pone all'undicesimo posto in termini di benessere, perché ha uno sviluppo solido, e su questo credo non ci siano dubbi, ha un buon ambiente di vita, anche se dobbiamo dire con franchezza che c è un disagio sociale che sta aumentando. Vi mostrerò poi alcuni dati prodotti dalle ricerche della società SWG condotte rigorosamente ed esclusivamente sul territorio della Provincia di Treviso. Un tenore di vita media rispetto alle altre Province lo accennava anche il Presidente Zaia, una carenza di infrastrutture sociali, e quindi non solo di viabilità, ma anche di infrastrutture sociali e culturali. Più in dettaglio, da una ricerca che abbiamo fatto nel 2004 è venuto fuori che è anche una società che ha paura e che ha sempre meno fiducia nel proprio futuro. E la fiducia è una cosa molto importante perché è un po il carburante psicologico collettivo che ci porta avanti. Il non avere fiducia a livello collettivo è una situazione velenosa che incide profondamente, metà ha risposto di avere fiducia per il futuro ma il 40% percepisce un certo disagio, soprattutto teme i mutamenti. Credo che la cosa più pericolosa a livello collettivo, oltre che a livello individuale, sia aver paura dei cambiamenti. E tali cambiamenti non sono, come dire, ineliminabili, dobbiamo gestirli, li dobbiamo affrontare, averne solo paura induce ad un comportamento conservatore o conservativo che alla fine rimane perdente. Solo il 32% si sente tranquillo di fronte al futuro: tra coloro che sono più sotto pressione di fronte ai cambiamenti sono le fasce centrali, gli adulti in fascia centrale e soprattutto chi svolge un lavoro autonomo. Chi svolge un lavoro autonomo, penso all'imprenditore, per fare un nome, sono quelle categorie sociali che più sentono il pungolo della competizione, del mutamento, dell'incertezza. Il 40% si sente impaurito e sconfortato, in buona parte sono persone di una certa età dopo i cinquant'anni, che vivono questa situazione di incomprensione di ciò che sta accadendo e, quindi, di incomprensione ancora maggiore per il futuro. C'è una certa sfiducia anche nei confronti del sistema paese, dell'italia, se può consolare siamo più ottimisti per quanto riguarda noi che per quanto riguarda la dimensione italiana; quindi abbiamo ancora un margine, un capitale di fiducia maggiore per quanto riguarda la nostra zona, rispetto alla 20

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli