Piano di Marketing Cucina BEEHIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Marketing Cucina BEEHIVE"

Transcript

1 Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di economia Anno accademico Prof. Giancarlo Ferrero Piano di Marketing Cucina BEEHIVE Progetto di: Deluca Gambini Valentina Mele M. Gabriella Nacci Davide Nacci Giulio Renzi Beatrice Rossetti Laura Venturini Erika

2 INDICE 1. Sommario 2. Analisi 2.1. Definizione del settore 2.2. Andamento della produzione 2.3. Segmentazione dell offerta 2.4. Analisi della domanda 2.5. Il consumatore 2.6. Analisi dell offerta 2.7. Strategie vincenti 2.8. Fattori critici di successo 2.9. Distribuzione sul mercato Cambiamenti in atto nell ambiente competitivo Analisi SWOT Conclusioni 3. Obiettivi 4. Scelte strategiche 4.1. Value proposition 4.2. Posizionamento 4.3. Segmentazione 5. Piani d azione 5.1. Politiche di prodotto 5.2. Politiche di prezzo 5.3. Politiche di comunicazione 5.4. Politiche di distribuzione 6. Conto economico 6.1. Break even point 7. Controllo 2

3 1. Sommario Beehive, nata da un idea innovativa dell architetto Igor Magnani, è la prima ed unica cucina realizzata interamente in cartone riciclabile e costituita da moduli esagonali. Obiettivo del piano di marketing è creare un bacino di utenza posizionando l immagine di prodotto, attraverso una rielaborazione del concetto di cartone, ponendo particolare attenzione alle problematiche ecologiche e sociali. Il mercato di riferimento sono tutti quei soggetti che, per varie ragioni, cercano una cucina pratica, innovativa ed economicamente accessibile, in particolare amanti della natura. La strategia si basa sulla penetrazione del mercato potenziale attraverso il lancio di un nuovo prodotto, con sforzi incentrati sulla comunicazione e sul piano valoriale. Per quanto riguarda le decisioni operative, la maggior parte degli sforzi sono indirizzati al raggiungimento di un certo bacino di clienti a cui far percepire la solidità e la resistenza del materiale, al fine di catturare l attenzione e di comunicare l impegno ambientale. I risultati economici che ci si attende sono il raggiungimento nei prossimi 3 anni di un margine di contribuzione positivo. 2. Analisi 2.1. Definizione del settore Il settore analizzato comprende le aziende specializzate nella produzione di mobili per l'arredamento della cucina, sia in legno che in altri materiali (laminati plastici, metallo, vetro, ecc.). Il settore comprende in totale 631 aziende, ed è caratterizzato da un offerta frammentata (si veda Fig. 1), con molte aziende di piccole e medie dimensioni, operanti a livello locale o con presenza distributiva a macchia di leopardo, accanto a grandi industrie, che competono su scala nazionale e internazionale. 3

4 Fig.1: Il settore delle cucine in Italia. Grafico delle quote di mercato a valore. ELABORAZIONE SU DATI (2012) CENTRO STUDI COSMIT/FEDERLEGNOARREDO 2.2. Andamento della produzione Analizzando l andamento della produzione si nota una netta flessione nel 2012, con una previsione di ripresa a partire dal 2014/2015. Nel 2012 la produzione è stata di Mln di euro, con un calo del 7,3% rispetto al 2011 dovuto al mercato interno (-10,4%), sul quale pesano il clima recessivo, il ridimensionamento della struttura produttiva nazionale, i tagli all occupazione, la situazione politico-istituzionale. Il mercato estero è apparso invece in rallentamento (+0,8%). Anche il 2013 si chiude con una variazione negativa ma ben più contenuta (-1,2%). A limitare l entità della perdita contribuisce in modo deciso l export. Le previsioni per il 2014 mostrano un commercio internazionale in crescita più decisa, si prevede una maggiore domanda estera per il settore e una domanda interna che inizierà a mostrare timidi segnali di ripresa, ma senza che ciò si traduca in una crescita del mercato interno per quell anno. Nel biennio 2014/2015 l economia italiana tornerà a crescere a un ritmo intorno all 1,3% - 1,6% trainata dalla domanda interna. La ripresa della crescita del reddito disponibile (+1,2% a prezzi costanti), sostenuta dalla fine della flessione dell occupazione (+0,4%) miglioreranno il clima di fiducia delle famiglie. Ciò si tradurrà quindi per il settore del mobile in una ripresa del mercato interno che finalmente nel 2015 registrerà un tasso di crescita positivo. 4

5 Fig. 2: Il settore del mobile in Italia, Variazioni a prezzi costanti. FONTE: CSIL 2.3. Segmentazione dell offerta Sulla base di parametri relativi a fasce indicative di prezzo, qualità, contenuto di design e alle leve di marketing mix, il settore risulta segmentato in tre fasce di mercato: fascia alta e medio-alta: comprende quei brand connotati dalla ricerca tecnologica, fortemente orientati all'innovazione e che propongono prodotti creati da designer affermati nel panorama internazionale dell'arredamento. Le aziende di fascia alta hanno un'immagine differenziata e sono in grado di dettare le linee guida per l'intero settore. Indicativamente, il prezzo medio al pubblico di una composizione base di tre metri lineari di una cucina di fascia alta è superiore ai euro; il prezzo della fascia medio-alta, invece, risulta compreso tra i e i euro; fascia media: brand differenziati e con un rapporto qualità/prezzo competitivo. Tendono a proporre soluzioni stilistiche e tecnologiche meno ricercate, rivolgendosi a mercati di massa. Il prezzo medio per una composizione tipo di tre metri lineari è compreso tra i e i euro (sell out); fascia medio-bassa e bassa: brand poco differenziati, spesso proposti dalle stesse aziende presenti nelle fasce superiori per presidiare l'intera piramide di mercato. Il prezzo medio di una cucina è compreso tra i e i euro. (sell out). Nella fascia bassa si collocano le private labels, che producono per gruppi d'acquisto e catene distributive proponendo, in genere, composizioni base da arricchire con componenti opzionali, il cui prezzo medio risulta inferiore ai euro. 5

6 Quota di mercato per segmento 30% 40% ALTA/MEDIO ALTA MEDIA MEDIO BASSA/BASSA 30% Sulla base dello stile, della tecnologia costruttiva e dei materiali impiegati, si distinguono due differenti aree d'affari: tradizionale: comprende le cucine classiche e in stile e le nicchie di mercato delle composizioni in muratura e country; moderno: comprende le cucine contemporanee e moderne, che si rivolgono a un target che predilige la funzionalità e l'innovazione. Quota di mercato per area d'affari 16% MODERNE TRADIZIONALE 84% L attuale atteggiamento cauto dei clienti li spinge a rimandare le decisioni d acquisto e dove questo non sia possibile si orientano verso soluzioni di valore unitario più basso (cucine di dimensioni più piccole o di fascia meno costosa). La competizione si sta spostando sulla variabile prezzo ed induce a migliorare l offerta di fascia economica. 6

7 La fascia media risulta sovraffollata, per l'ingresso sia dei player di fascia superiore, che hanno deciso di adottare politiche di downgrading per essere più competitivi, sia delle aziende di fascia inferiore che, per "sfuggire" alla concorrenza, hanno deciso di puntare maggiormente su qualità, servizio e immagine Analisi della domanda Negli ultimi anni la dinamica della domanda di mobili per la cucina è stata influenzata negativamente dai seguenti fattori: invecchiamento progressivo della popolazione; lavoro precario e difficoltà dei giovani di creare un nuovo nucleo familiare; alta percentuale di case di proprietà (circa l 80%), che scoraggia il meccanismo di cambiamento di arredi, fenomeno che invece si riscontra in altri Paesi a minor tasso di proprietà dell abitazione principale; crisi del settore immobiliare; riduzione del reddito disponibile delle famiglie e del potere d acquisto; forte clima di sfiducia, alimentato dall incertezza sulla durata effettiva della crisi, sull andamento dell occupazione e sugli effetti delle manovre fortemente restrittive del Governo; esso scoraggia l acquisto di beni durevoli di elevato importo unitario e spinge a rimandarli nel tempo. Le abitudini e gli stili di vita attuali hanno determinato un progressivo orientamento della domanda interna verso l area moderna, sia per le qualità tecnico/funzionali che per la maggiore versatilità e adattabilità alle diverse esigenze del consumatore. Le cucine che rispondono alle attuali tendenze della domanda sono caratterizzate da: ridotte dimensioni, a causa dei limitati spazi abitativi; polifunzionalità, in grado di rispondere a più esigenze contemporaneamente; innovazione tecnologica, con elettrodomestici perfettamente integrati e di ultima generazione; capacità di integrarsi con gli arredi dell area living, in un modello abitativo che vede la casa sempre più aperta, senza rigide divisioni tra cucina, soggiorno e ambienti di rappresentanza; prezzi competitivi, legati a una discreta qualità, che obbligano le aziende ad adeguarsi proponendo cucine basic, più economiche, realizzate con meno componenti e finiture e più semplici da montare; maggiore sensibilità verso la tutela ambientale, soddisfatta tramite l uso di materiali riciclati e riciclabili, la riduzione dei componenti, l assenza di collanti, ecc. 7

8 2.5. Il consumatore L'Unione Europea, attraverso indagini e interviste nel tempo, traccia il profilo dei consumatori per comprendere punti di forza e le criticità del mercato dei prodotti verdi. L'Eurobarometro mostra un atteggiamento del consumatore italiano in linea con quello medio europeo. Oltre il 70% degli italiani acquista abitualmente prodotti rispettosi dell'ambiente; "Fare la cosa giusta" e "far bene all'ambiente" sono tra le motivazioni a sostegno degli acquisti verdi, mentre non risultano ancora insostituibili per la loro qualità e il prezzo; Il 53% dei consumatori italiani lamenta la loro scarsa diffusione nei negozi, il 60% dichiara che non sempre sono facilmente distinguibili sullo scaffale tra altri prodotti (fonte: Comieco); Da uno studio sulle tendenze nel 2014 svolto dall Otto Group, emerge come nel 2009 quasi un intervistato su quattro dichiarava di acquistare articoli prodotti secondo prassi eticamente corrette (26%), mentre nel 2013 questo numero è più che raddoppiato (56%). Sul mercato si è dunque affermato il consumo etico; I ricercatori di tendenze mondiali di "trendwatching.com" sostengono che nel 2014 essere senza colpa diventerà un vero e proprio status symbol; ciò si tradurrà in una decisa rivalutazione del cartone Analisi dell offerta Le imprese del settore risultano concentrate in distretti produttivi, che hanno consentito lo sfruttamento di significative economie esterne (distretti di Pesaro, Alto Livenza e Brianza). Negli ultimi anni si è rilevata un intensificazione della strategia di diversificazione produttiva, dovuta alla volontà delle aziende di assecondare l evoluzione della domanda e di preservare le proprie quote di mercato, allargando la base clienti potenziale e ripartendo il rischio su più centri di ricavo. Sulla base di grado di differenziazione (che mette in evidenza la visibilità e l identità del brand, conseguite attraverso una coerente gestione del marketing mix) e selettività distributiva (che considera le scelte di distribuzione capillare o selettiva attuate dalle aziende) derivano quattro gruppi strategici, identificati da quattro strategie: esclusività e design: sono le aziende posizionate nella fascia top di mercato, che propongono mobili caratterizzati dal design fortemente innovativo, spesso creati 8

9 da designer affermati nel panorama internazionale dell arredamento. Il più delle volte sono legate da rapporti di esclusività con i propri rivenditori e dispongono di punti vendita di proprietà nelle principali piazze mondiali; innovazione e modernità: sono le aziende posizionate nella fascia medio-alta dell area moderna, che puntano alla differenziazione dell immagine aziendale presso i rivenditori, gli opinion-makers e in genere gli influenzatori della domanda finale. Le strategie adottate vertono sulla qualità del servizio al rivenditore, sul design e sull innovazione del prodotto; immagine di marca e ampia gamma: vi appartengono le principali aziende del settore, posizionate prevalentemente sulla fascia intermedia del mercato; offrono una gamma ampia e profonda. Godono di un elevata notorietà, grazie a consistenti investimenti pubblicitari presso il consumatore finale. La politica distributiva punta su una diffusione capillare della presenza a livello nazionale; distribuzione a macchia di leopardo e prezzi competitivi: vi appartengono aziende per lo più di fascia media e medio/bassa, con una copertura distributiva piuttosto capillare, anche se talvolta ristretta a un ambito interregionale. Le aziende di maggiori dimensioni appartenenti a questo gruppo godono di partnership consolidate con le principali insegne della G.D.O.. Gli operatori puntano sull ampia gamma, il buon rapporto prezzo/qualità e su consegne rapide e puntuali. I principali gruppi industriali del settore si caratterizzano per la compresenza in più gruppi strategici, attraverso singole aziende/brand focalizzati su particolari target di riferimento e specifici canali di vendita. Ad esempio Scavolini è presente nella fascia medio-alta e media con Scavolini, nella fascia alta con ErnestoMeda, e nella fascia bassa con la linea Easy Strategie vincenti Il proseguire della crisi settoriale, l aumento della concorrenza e le grosse difficoltà finanziarie, comuni alla maggior parte delle imprese, hanno imposto alle stesse di adeguare le strutture aziendali al nuovo contesto di mercato, attuando programmi di riorganizzazione interna. Essi si sono concretizzati in: razionalizzazione delle risorse strumentali e umane impiegate; piani generali di contenimento dei costi; operazioni di fusione di aziende sinergiche, integrando funzioni e attività per evitare inutili duplicazioni di costi; 9

10 chiusura, riconversione o cessione di stabilimenti industriali, con la concentrazione di tutta la produzione realizzata in una sola sede; adozione di macchinari in grado di implementare la produzione just in time per ridurre le scorte ed abbattere gli oneri di magazzino e logistica; selezione del proprio portafoglio clienti in funzione di affidabilità e marginalità, rinunciando a commesse antieconomiche e a clienti poco solvibili. In particolar modo, le operazioni di cost saving risultano centrali in un settore in cui il prezzo sta diventando una leva competitiva sempre più determinante, alla luce di un progressivo spostamento della clientela verso prodotti di bassa gamma a causa di budget sempre più ristretti o atteggiamenti prudenziali. A livello di prodotto, le aziende sono impegnate in: sviluppo di arredi dal miglior rapporto qualità-prezzo; riposizionamento di una parte dell offerta, attraverso operazioni di downgrading verso le fasce di mercato inferiori: sia gli operatori di fascia alta che quelli di fascia media stanno proponendo linee dai prezzi più competitivi; restyling di referenze già a catalogo; razionalizzazione della modellistica, usando elementi comuni a più modelli, in modo da rinnovare la gamma, senza investire troppe risorse e senza incrementare in modo considerevole il livello delle scorte. Le imprese più competitive tentano di spostare la competizione su variabili non price, puntando su: innovazione di prodotto, progettando arredi di design, adattabili ai ridotti volumi delle abitazioni, innovativi nei materiali, ecocompatibili; revisione dei cataloghi, rinnovamento dei siti internet, svecchiamento dell immagine aziendale; miglioramento del servizio, in termini di assistenza e velocità di consegna. Trend molto importante che va sviluppandosi è la crescente attenzione nei confronti dell ambiente: risulta infatti in crescita la produzione di arredi eco-compatibili, utilizzando materiali certificati, e riciclabili e l utilizzo di impianti fotovoltaici e di fonti di energia alternativa. 10

11 2.8. Fattori critici di successo Flessibilità gestionale e produttiva Riescono a rimanere competitive le aziende che sono in grado di controllare e gestire in modo efficiente, flessibile ed economico le attività offerte, adeguando la produzione ai ridotti volumi di vendita e i processi ai mutati ritmi del mercato. Ciò è possibile attraverso: produzioni just in time o on demand che consentono di ridurre le immobilizzazioni finanziarie impegnate nel magazzino, minimizzare gli spazi occupati dalle merci in giacenza, semplificare in generale la gestione dei materiali; attenta gestione della logistica per contenere i costi di trasporto, immagazzinamento e movimentazione e garantire consegne rapide e puntuali; organizzazioni commerciali snelle, in grado di presidiare i diversi mercati (soprattutto quelli di esportazione) grazie a partnership e collaborazioni, riducendo i costi di struttura e limitando il ricorso a reti dirette; razionalizzazione della modellistica, usando elementi comuni a più modelli, in modo da rinnovare la gamma, senza investire troppe risorse e senza incrementare in modo considerevole il livello delle scorte. Prezzo E diventata una variabile fondamentale, alla luce dei nuovi comportamenti di consumo, sempre più cauti ed orientati verso acquisti dal valore unitario più ridotto. Le aziende, dal canto loro, cercano di mantenere stabili i prezzi di listino e si orientano verso la produzione di arredi dal miglior rapporto qualità-prezzo e più competitivi, grazie a meno componenti, meno finiture, integrazioni funzionali, semplicità di trasporto e montaggio, ecc. Solidità economico-finanziaria Indispensabile per: continuare ad investire in R&D, per realizzare prodotti in linea con le attuali esigenze della domanda ed adottare sistemi produttivi evoluti; presidiare efficacemente i diversi canali distributivi; cogliere le opportunità offerte dall internazionalizzazione, investendo sulla creazione di presidi nei mercati emergenti; fronteggiare la lenta riscossione dei crediti da parte dei clienti ed eventuali situazioni di insolvenza. 11

12 2.9. Distribuzione sul mercato L articolazione della rete di vendita varia in funzione della tipologia di prodotto, della fascia di mercato presidiata e delle dimensioni aziendali, che condizionano la disponibilità di risorse finanziarie e organizzative da dedicare all attività commerciale. Le aziende di fascia alta fanno ricorso ad una distribuzione selettiva, in molti casi con rapporti di esclusività e con l offerta di servizi ad alto valore aggiunto (fornitura di software di progettazione, formazione del personale di vendita, cura dell immagine e del lay-out espositivo nei punti vendita). Le aziende di fasce media e medio/bassa puntano a creare una rete distributiva capillare, per raggiungere una maggiore copertura del mercato; sono pochi i clienti legati da un rapporto di esclusività e sono superiori gli sforzi promozionali sul punto vendita Cambiamenti in atto nell ambiente competitivo Attualmente si sta assistendo ad una serie di cambiamenti del contesto competitivo, iniziati già anni addietro, tra i quali: - ingresso e affermazione sui mercati mondiali dei produttori presenti nei paesi a basso costo del lavoro, che erodono quote sulle fasce basse della gamma produttiva; - maturità dei mercati dei paesi industrializzati, con la necessità di rivitalizzare la domanda attraverso un diverso rapporto con la clientela (personalizzazione, politiche di immagine e di marketing) e un innalzamento qualitativo e di design dei prodotti; - modificazioni della struttura distributiva, indotte sia dall'entrata di nuovi soggetti che adottano nuove formule commerciali (negozi monomarca e grande distribuzione organizzata), sia dalla necessità di presidiare maggiormente i mercati, perseguendo nuove politiche di marketing e coinvolgendo il settore a valle, caratterizzato in Italia da un alta frammentazione. Per affrontare le nuove sfide del mercato le imprese più strutturate e solide finanziariamente tendono anche a diversificarsi, tentando di preservare la propria quota di mercato, assecondando l evoluzione della domanda, ed allargando la base dei clienti potenziali, quindi ripartendo il rischio. Nella maggior parte dei casi si tratta comunque, di una diversificazione che riguarda soprattutto i mobili per la zona notte e giorno e quelli per il bagno, che permettono quindi di sfruttare sinergie commerciali. 12

13 Ambiente esterno Ambiente interno Si conferma essenziale la capacità di fare innovazione, indispensabile per cercare di tenere a distanza i competitors low cost, e la forza delle esportazioni. Per quanto riguarda i mobili per cucina, la domanda tenderà a privilegiare cucine più piccole (a causa dei ridotti spazi abitativi), multifunzionali (preparare cibi, consumare pasti, ricevere persone..) e tecnologicamente avanzate, ma caratterizzate da prezzi competitivi e quindi appartenenti alle fasce inferiori, dove la concorrenza risulterà più elevata a causa delle basse barriere all entrata Analisi SWOT Per completare l analisi è stata svolta un analisi SWOT sul prodotto Beehive. Questa analisi considera due prospettive: una interna all azienda ed una esterna; osservando l azienda al suo interno, vengono individuati i punti di forza (strengh) e di debolezza (weakness). Quando si passa all analisi dal punto di vista esterno, invece, vengono analizzate le opportunità (opportunity) da cogliere e le minacce (threat) da evitare, che l ambiente esterno presenta. Punti di forza Punti di debolezza Innovatività Ecosostenibilità Economicità Opportunità Scarsa conoscenza Vita media del prodotto Materiale utilizzato Minacce Crescente attenzione all ambiente Incentivi pubblici Nuova nicchia di mercato Percezione del cartone Concetto di cucina come bene estremamente durevole Conclusioni In conclusione, dall analisi del mercato si evince che: il consumatore è alla ricerca di un buon rapporto qualità/prezzo; le abitudini e gli stili di vita attuali hanno determinato un progressivo orientamento della domanda interna verso l area moderna; in Italia si è affermato il consumo etico; nelle fasce media e medio/bassa la distribuzione tende ad essere capillare, per raggiungere una maggiore copertura del mercato; è in crescita la produzione di arredi eco-compatibili, utilizzando materiali riciclabili. 13

14 3. Obiettivi Obiettivi di marketing: creare un nuovo mercato riposizionando il concetto di cartone (resistente, robusto) ponendo attenzione alle problematiche ecologiche e sociali; creare una brand image innovativa ed accattivante. Obiettivi economico-finanziari: raggiungimento nei prossimi 3 anni di un margine di contribuzione positivo. 4. Scelte strategiche 4.1. Value proposition Una cucina nuova, caratterizzata da un design innovativo, creata nel rispetto dell ambiente e adatta agli amanti della natura Offriamo una cucina unica nel suo genere, realizzata in cartone alveolare, con l innovativa struttura a nido d ape, che garantisce leggerezza, robustezza e riciclabilità allo stesso tempo. La sua particolare struttura modulare permette una completa personalizzazione in base alle singole esigenze. Ci rivolgiamo ai nomadi di oggi: giovani sempre in movimento con la voglia di cambiare, professionisti con la valigia sempre pronta, che amano il mix tra rispetto per la natura e design innovativo e che ricercano il benessere in tavola e intorno alla tavola. Ci distinguiamo per la nostra abilità nell abbinare convenienza economica e convenienza ecologica. Lavoriamo con l ambizione di realizzare qualcosa mai creato prima, garantendo il rilascio minimo di sostanze inquinanti e la resistenza del prodotto. Test effettuati presso laboratori certificati attestano l'elevata resistenza al peso e allo scorrere del tempo. Ci basiamo sul desiderio delle persone per fare la differenza con la condivisione delle stesse passioni: rispetto per l ambiente, innovatività e creatività. 14

15 4.2. Posizionamento Il posizionamento del prodotto si basa sulla leggerezza, sulla resistenza e sulla riciclabilità del cartone alveolare, progettato e realizzato per la prima e unica volta in una cucina. Monitorando le tendenze in atto e le esigenze dei nostri potenziali consumatori in termini di stili di vita, Beehive cerca di soddisfare il loro attuale desiderio di possedere prodotto dall innovativo design made in Italy, nel totale rispetto della natura, offrendo una cucina personalizzabile, dal facile montaggio ed economica. Nella seguente figura è illustrata una mappa di posizionamento dei principali attori nel settore delle cucine; questa mappa in particolare è stata costruita prendendo in considerazione, per ognuno dei produttori, la gamma di prodotti appartenenti alla fascia bassa e medio-bassa (ad esempio per Scavolini sono stati considerati i dati delle cucine Scavolini Easy). BEEHIVE 4.3. Segmentazione Si stabilisce che il target sia composto da: Giovani anni; Professionisti che per lavoro cambiano casa relativamente spesso; 15

16 Potenziali clienti di una seconda cucina (per chi ha una taverna, o una seconda casa); Persone con elevata sensibilità al prezzo; Creativi. In tutti i casi, un target particolarmente attento alle tematiche ambientali. 5. Piani d azione 5.1. Politiche di prodotto Beehive è una cucina realizzata interamente in cartone riciclabile in forma semplice per le tamponature, e alveolare, più complessa, per gli elementi che costituiscono i moduli esagonali. Ogni modulo è divisibile in porzioni triangolari per essere meglio inserite a piacere nel complesso della cucina formando così forme ibride e personalizzate. Il lato di ogni esagono misura 61.5 cm, l esagono intero ha un altezza di 123 cm. Beehive è unica nel suo genere in quanto composta da moduli estendibili all infinito, che per la sua forma esagonale richiamano la geometria dell alveare come forma di grande perfezione naturale. Lo spazio è composto da n moduli base i quali a loro volta sono formati da elementi modulari standard (pannelli e nodi). La cella del nido d ape interno conferisce una densità più alta e conseguentemente una maggiore robustezza. Il cartone alveolare è divenuto un materiale innovativo: un connubio di caratteristiche di elevata resistenza, alti spessori e leggerezza. La struttura a nido d ape è riconosciuta come una delle più resistenti alla compressione. Test effettuati presso laboratori certificati attestano l'elevata resistenza alla compressione, che varia da 1.5 a 3.7 Kg/cmq, a seconda della maglia e della grammatura della copertina utilizzata. Il cartone alveolare è un materiale costituito da un anima principale e strutturale tipo nido d ape, rivestita da 16

17 due copertine. È disponibile in diversi spessori e può essere fustellato per facilitare il suo utilizzo in diversi settori: imballaggio, arredamento, edilizia (negli infissi). È un materiale solido con un elevata resistenza alla compressione verticale e le due copertine possono essere rivestite da film in PE per ottenere una maggior resistenza all umidità. Grazie a questa sua composizione, esso permette di sostenere volumi anche molto pesanti, ogni modulo infatti arriva a sopportare un peso di kg poiché il materiale è costituito da piccoli alvei che lo rendono molto più resistente rispetto al cartone tradizionale. L adattabilità del prodotto risiede nella possibilità di comporre un ambiente unico grazie a pannelli e moduli rigorosamente ad incastro, con cui è possibile ottenere non solo esagoni, ma geometrie di diverso tipo, fino ai limiti della fantasia, che rendono la cucina adattabile alle varie esigenze personali. Per la sua semplice lavorabilità all interno di ogni modulo è possibile inserire ripiani e scomparti ove necessario, ottimizzando così lo spazio a disposizione e ancora è possibile inserire faretti luminosi e/o una canalizzazione per impianti elettrici. Per personalizzazione si intende anche la possibilità di applicare verniciature e decorazioni a proprio piacimento, come pure espressioni creative personali, il tutto con la massima velocità e facilità, sia in termini di montaggio che di manutenzione. Esempio di una possibile personalizzazione: - Decorazione tipo sui moduli bassi: erba. - Decorazione tipo sui moduli alti: rami di ciliegio in fiore. Il progetto della cucina è stato pensato appositamente per garantire, inoltre, una totale flessibilità anche in caso di manutenzione di eventuali pannelli danneggiati. I vari elettrodomestici possono essere facilmente sfilati dalle loro posizioni iniziali, così come anche pannelli e moduli eventualmente danneggiati o usurati possono essere sostituiti con velocità e praticità. La cucina, così composta, non rilascia alcuna sostanza inquinante proprio grazie al materiale naturale utilizzato e grazie anche al tipo di materiale scelto per gli elementi di assemblaggio, rigorosamente a secco e, ove possibile, con saldature di colle a base naturale. Beehive è resa idrorepellente grazie a una pellicola in Tetrapak apposita, in punti predefiniti deteriorabili; diversamente, i piani cottura verranno ovviamente realizzati in materiali diversi dal cartone (o, ad ogni modo, protetti in modo adeguato), 17

18 affinché adempiano appieno alle loro funzioni. La manutenzione prevista è minima e la pulizia non richiede specifici prodotti. La presenza di campi elettromagnetici è ridotta al minimo: la conformazione dei vari elementi strutturali e la presenza di alvei cavi garantiscono la possibilità di inserire all interno le canalizzazioni opportunamente schermate degli impianti tecnologici. Il tutto per garantire un uso della cucina per un periodo ipotetico che va dai 10 ai 15 anni. È prevista una garanzia sui moduli di 2 anni la quale prevede la sostituzione gratuita (escluse spese di spedizione) di ogni modulo deteriorato o danneggiato. Tra i servizi periferici, sono compresi nell offerta del prodotto: Un cofanetto di 3 compilation Suoni della Natura ; Un ricettario di piatti per un alimentazione sana ed equilibrata Mens sana in cucina sana ; Una confezione di gessetti colorati Politiche di prezzo L economicità è uno dei punti di forza di Beehive: l utilizzo di materiali riciclati e riciclabili consente un prezzo intorno ai 1500/2000 a seconda del numero di moduli che l acquirente intende acquistare. Ogni modulo esagonale aggiuntivo o sostitutivo, verrà venduto a un prezzo di Politiche di comunicazione Campagne stampa sulle principali riviste di arredamento (COSE di CASA, Casaviva, L arredamento in cucina, CASA facile, Casa Naturale). L altra faccia del macero è il nome di una iniziativa che potrebbe essere interessante per la comunicazione e distribuzione. È un catalogo che ha visto la luce per la prima volta nel 2002 e nasce dalla volontà di Comieco di far conoscere e valorizzare tutti i prodotti in carta e cartone riciclati (e fatti in Italia) andando oltre il packaging. La più completa rassegna di prodotti (no imballaggi) realizzati, in Italia, a partire dal macero: prodotti industriali, artigianali, artistici, storie di tradizioni che si tramandano da generazione in generazione, musei, laboratori didattici, allestimenti che contribuiscono a rendere il riciclaggio un processo ricco di ricerca, design, valore estetico. 18

19 I prodotti possono essere ricercati tramite un'interfaccia di ricerca avanzata e sono tutti acquistabili, contattando direttamente chi li produce; questa banca dati è in movimento continuo e viene spesso aggiornata. Spot: utilizzo di spot da lanciare in rete, ad esempio all interno delle proprie pagine social, piuttosto che attraverso il mezzo radiotelevisivo (assai più costoso), con personaggi appartenenti al mondo dello spettacolo, amanti della natura o facilmente riconducili a essa (es. conduttori di Linea Verde, Mela Verde) o alla buona cucina, per ricollegarsi al mangiar sano sulla e intorno alla tavola. Volantini promozionali informativi, la cui distribuzione può avvenire, oltre che all interno delle più importanti manifestazioni fieristiche italiane, anche all interno dei punti vendita stessi e, perché no, anche all interno dei supermercati in appositi angoli espositivi (piccolo stand adibito). Campagne social: sviluppo di pagina Facebook, Pinterest, Twitter, Google+ e AdWords, con cui dare visibilità al nostro prodotto non ancora conosciuto dal pubblico. Eventi: partecipazione alle principali fiere italiane in materia di arredamento per la casa: Eurocucina (Milano), Tuttocasa (Marina di Carrara), Fiera della casa (Napoli), Salone Internazionale del Mobile (Milano), Ecomondo (Rimini) ecc. con allestimento dello stand in pieno clima naturale. Infine, può essere prevista una giornata promozionale del lancio del prodotto con prova di marketing esperienziale per i clienti, con sensibilizzazione all ascolto dei suoni della natura e prova di personalizzazione nel punto vendita; promoter che utilizzano e testano la resistenza e la idrorepellenza di Beehive con i potenziali clienti Politiche di distribuzione Beehive potrebbe essere venduta al pubblico attraverso: - Canale diretto: fiere, eventuale negozio di proprietà del produttore, e- commerce (soprattutto per i ricambi); - Canale indiretto: rete di negozianti capillare. La capillarità è fondamentale poiché (come individuato dall analisi svolta), consente di raggiungere una maggiore copertura del mercato e di far fruttare maggiormente gli 19

20 sforzi promozionali. Una possibile azienda a cui ci si potrebbe proporre è Scavolini, la quale nel 2014 ha presentato la linea Scavolini Easy. Scavolini Easy è una linea di cucine pensata e realizzata da Scavolini per offrire al pubblico giovane alle prese con l emozione e con i problemi dell arredare la prima casa, per questo molto attento al rapporto tra qualità e prezzo cucine firmate e garantite da una grande azienda, ad un prezzo straordinariamente accessibile. 6. Conto economico Il conto economico del piano di marketing ha la funzione di valutare la fattibilità del progetto, stimando i costi e i ricavi che potrebbero emergere. Il conto economico di Beehive intende stimare il margine di contribuzione; questo metodo consente di valutare i costi direttamente imputabili al prodotto. Per l anno 2015 il fatturato è stato stimato in annui, che corrisponde a circa 165 unità prodotte all anno (mantenendo il prezzo unitario al minimo, ). I costi variabili diretti ammontano a e comprendono tutti quei costi necessari per materie prime, acquisti e servizi. I costi fissi diretti ammontano a , e per la maggior parte rappresentano il costo dei nuovi impianti specifici per la produzione del prodotto, e i costi del personale. Tra i costi diretti di marketing troviamo, invece, i costi legati alla comunicazione e promozione del prodotto (partecipazione ad eventi, fiere, stampa di depliant illustrativi, gestione dei social e del sito web dedicato) e soprattutto alla distribuzione. Una rete distributiva capillare, come già spiegato, è fondamentale, e affinché il prodotto riceva l attenzione necessaria per riuscire a penetrare il mercato, il margine dei rivenditori non potrà essere inferiore al 35%. La somma di tutti i costi diretti di marketing può essere stimata in

21 Il primo anno, quindi, vedrebbe il conto economico della cucina Beehive con un margine di contribuzione negativo ( ). Nel 2016 si può ipotizzare che i costi fissi diretti si riducano, almeno in parte, dato che vari investimenti saranno già stati realizzati durante il primo anno; così facendo, il margine di contribuzione, pur restando negativo, migliorerà ( ). Infine, nell ultimo anno del triennio considerato dal piano, oltre alla riduzione dei costi fissi diretti, si potrebbe verificare anche un aumento del fatturato, dovuto alla crescente notorietà del prodotto. Con un fatturato di si potrebbe, quindi, giungere nel 2017 ad un margine di contribuzione positivo di Break even point Il break even point rappresenta il livello di produzione in cui i ricavi totali di vendita eguagliano i costi totali, e quindi il profitto sarà nullo. In questo piano di marketing il BEP è stato individuato in termini di quantità prodotta, ossia ci si è chiesti quante cucine Beehive dovranno essere prodotte per ottenere l uguaglianza tra costi e ricavi totali. La formula analitica per il calcolo di Q*(quantità in corrispondenza del BEP) è: CF = costi fissi diretti Pu = Prezzo unitario CVu = Costi variabili unitari Pertanto nel nostro caso avremo: Pertanto, tenendo in considerazione i dati stimati per l anno 2015, il pareggio tra ricavi e costi si otterrebbe al raggiungimento di 198 unità prodotte (ossia in poco più di un anno). 21

22 A livello grafico, la linea parallela all asse X rappresenta i costi fissi diretti (CF, che comprendono sia i costi fissi diretti che i costi di marketing diretti); sommando ai costi fissi i costi variabili (sempre diretti), otteniamo la curva dei costi totali (CT). Tracciando infine la curva dei ricavi, individuiamo il break even point nel punto di intersezione tra la curva dei ricavi totali e quella dei costi totali. 7. Controllo Nella fase di controllo verranno svolte delle analisi degli scostamenti, al fine di mettere a confronto quanto era stato preventivato, e quali risultati siano stati effettivamente raggiunti. Per quanto riguarda i controlli, ne sono previsti alcuni in itinere (a cadenza annuale) e altri da svolgere alla conclusione del piano (al termine dei 3 anni). In particolare verranno svolti su: Posizionamento del nuovo prodotto, Soddisfazione dei clienti, Dati vendite, confrontati con i concorrenti, Dati vendite, confrontati con altre linee di prodotto, Efficacia delle politiche di marketing mix adottate, Obiettivi economici (in termine di margine di contribuzione). Nel caso in cui gli scostamenti superino determinati livelli prestabiliti, sarà necessario individuarne le cause ed intervenire con azioni correttive (modifiche del marketing mix, delle strategie di marketing, o dell organizzazione di marketing). 22

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

Biandolino Roberta Cuccarano Gianpaolo Masili Giorgia Meloni Loredana Pascale Daniela Tamburrano Francesco

Biandolino Roberta Cuccarano Gianpaolo Masili Giorgia Meloni Loredana Pascale Daniela Tamburrano Francesco Marketing Corso Progredito Prof. Ferrero Anno Accademico 2013/2014 Biandolino Roberta Cuccarano Gianpaolo Masili Giorgia Meloni Loredana Pascale Daniela Tamburrano Francesco Indice Dinamiche di mercato

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE

SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE SVOLGIMENTO IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE La Pulcinella SpA è un azienda specializzata nella produzione di pizza surgelata con sede nella periferia di Napoli. La mission aziendale è quella di realizzare

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Commissione Studi Economici Uncsaal UX-BILANCI Relazione Annuale - marzo 2006 Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2005 Scenari 2006 Coordinatore Carmine

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Un settore d eccellenza

Un settore d eccellenza Abitare Un settore d eccellenza Il Sistema Abitare Italia rappresenta una sintesi felice di diversi settori merceologici caratterizzati da un elevato contenuto qualitativo sia di prodotto che di processo.

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

DOIMO GROUP. Business Plan

DOIMO GROUP. Business Plan DOIMO GROUP Business Plan S I N E T I K A Q u a l i t y E v o l u t i o n Presentazione Il Gruppo Doimo propone un nuovo modello di cucina componibile chiamato Sinetika, realizzato dall azienda Arrital,

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Antonio Nodari Amministratore Delegato Pöyry Management Consulting Italia Roma, 15 marzo 2011

Dettagli

Il Business Plan. Concetti base

Il Business Plan. Concetti base Il Business Plan Concetti base LA PIANIFICAZIONE E il processo con il quale Si stabiliscono gli obiettivi da raggiungere nel periodo (3-5 anni) Si individuano le risorse (umane e finanziarie) e gli strumenti

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

Ma cos è un temporary shop?

Ma cos è un temporary shop? Ma cos è un temporary shop? Affermatosi come tendenza di successo nel 2003 in Gran Bretagna, i temporary shop (ovvero negozio temporaneo) sono negozi che vengono aperti per un periodo di tempo prestabilito

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione INDUSTRIA SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione INDUSTRIA 1 ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING. GRUPPO OVOJACK 2 1.INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1.2SOMMARIO

STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING. GRUPPO OVOJACK 2 1.INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1.2SOMMARIO STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING. GRUPPO OVOJACK 2 1.INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1.2SOMMARIO Il seguente piano di marketing è stato redatto da Gabriella Di Falco, Sara Rilli, Sara Romaniello, Federica Romano

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA

THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA THE FACTORY PROFILE IL CUORE DELL IMPRESA ' LA FAMIGLIA, LE PERSONE, I VALORI, IL BRAND, LA TECNOLOGIA, I MERCATI... RAFFIGURAZIONE DI UN AZIENDA ' AL PASSO CON I TEMPI GD DORIGO rappresenta una delle

Dettagli

Servizi per l industria del mobile

Servizi per l industria del mobile Engineering by Häfele Servizi per l industria del mobile Una forte partnership con Häfele Engineering. Oggi è indubbiamente essenziale disporre di partner efficienti, forti di un esperienza nel settore,

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

I nostri prodotti nel dettaglio:

I nostri prodotti nel dettaglio: Unionpk è un azienda leader nel settore della cartotecnica, specializzata nella progettazione e realizzazione di espositori personalizzati per i punti vendita quali negozi, supermercati GDO e GDS e per

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Ernestomeda: posizionamento di marca

Ernestomeda: posizionamento di marca Ernestomeda: posizionamento di marca Urbino, 31 ottobre 2012 Dati base 2006-2011 (fonte CSIL 2011) Milioni di Euro Variazione % 2006 2007 2008 2009 2010 2011 11/10 11/06 Produzione 2784 2978 2923 2557

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO FotoDigitalDiscount è la più grande catena di negozi di fotografia in franchising in Italia. Un marchio nato solo nel 2005 che già conta oltre 250 punti vendita distribuiti su tutto il territorio italiano

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE PIAIG PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE IMPRESE GIOVANILI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) La valorizzazione dei prodotti agroalimentari locali nella Grande Distribuzione Imprese agroalimentari sul totale delle imprese censite Addetti

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3

Introduzione: uno strumento completo 3 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Le aziende del comparto dell involucro edilizio COSTRUTTORI DI SERRAMENTI 4 COSTRUTTORI DI FACCIATE 6 PRODUTTORI DI SISTEMI 8 PRODUTTORI DI ACCESSORI 11 Cambiamenti

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Showroom Porte e Finestre

Showroom Porte e Finestre Showroom Porte e Finestre www.tecnolegnoporte.com Lo SHOWROOM Un ambiente per soddisfare tutte le esigenze di infissi della vostra casa IL LEGNO, LA NOSTRA STORIA Costruiamo porte da tre generazioni con

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

CASE HISTORY Una Grande Sfida RAVELLI SRL Vicenza, Lunedì 12 Dicembre 2011

CASE HISTORY Una Grande Sfida RAVELLI SRL Vicenza, Lunedì 12 Dicembre 2011 CASE HISTORY Una Grande Sfida RAVELLI SRL Vicenza, Lunedì 12 Dicembre 2011 Prot. U278/11 1 Ravelli rappresenta la naturale evoluzione di Ecoteck, fondata come parte autonoma della C.F.M., azienda che si

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it www.a4dc.it A4 Design @Design_A4 Progetto promosso e curato da A4Design Nata dall intesa

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Antonio Catalani Indice l innovazione di prodotto vendere l innovazione di prodotto: gli argomenti di

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli