DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE"

Transcript

1 Luglio 2014 DECRETO CRESCITA E COMPETITIVITA - MISURE FISCALI A FAVORE DELLE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE E DEL CREDITO ALLE IMPRESE In data 24 giugno 2014, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 144 il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 91 (c.d. Decreto Crescita e Competitività nel prosieguo, il Decreto ) contenente, tra l altro, agli articoli 21 e 22, modifiche normative introdotte con lo scopo di rimuovere taluni limiti di natura fiscale alla raccolta di provvista finanziaria da parte di imprese italiane, anche nell ottica di rendere maggiormente accessibile alle piccole e medie imprese il mercato del credito. Le modifiche riguardano, principalmente: (i) (iii) (iv) l estensione, a determinate condizioni, dell ambito di applicazione dell imposta sostitutiva sugli interessi, premi ed altri frutti delle obbligazioni emesse dai cd. grandi emittenti (banche e società quotate) di cui al Decreto Legislativo 1 aprile 1996, n. 239 ( DLgs. 239/96 ) anche ai titoli non quotati emessi da società italiane il cui capitale non sia parimenti quotato; alcune precisazioni relative al regime di esenzione dalle ritenute sugli interessi e altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, introdotto dal c.d. Decreto Destinazione Italia (Decreto Legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito con modificazioni dalla Legge 21 febbraio 2014, n. 9) a beneficio di taluni fondi d investimento; l introduzione di un regime di esenzione dalle ritenute sugli interessi e altri proventi per i finanziamenti erogati da determinati soggetti esteri; e l estensione dell ambito di applicazione dal punto di vista sia soggettivo che oggettivo - del regime dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui agli articoli 15 e seguenti del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n Il Decreto è entrato in vigore il giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quindi, le norme e le modifiche in esso contenute sono efficaci dal 25 giugno Per quanto la normativa emanata lasci aperte talune questioni interpretative ancora da chiarire, in attesa della legge di conversione del Decreto che dovrà essere approvata dal Parlamento entro 60 giorni è comunque possibile riassumere come segue i tratti salienti della nuova disciplina in materia di obbligazioni e finanziamenti. Il Decreto non apporta modifiche alle aliquote applicabili per la tassazione di redditi e plusvalenze di natura finanziaria, per i quali era già stato previsto in via generale l innalzamento dal 20% al 26% delle relative ritenute alla fonte ed imposte sostitutive, con decorrenza dal 1 luglio 2014 (fatta salva l aliquota del 12,5% ancora applicabile ai proventi rivenienti, direttamente o indirettamente, dall investimento in titoli di stato ed in altri titoli ad essi equiparati).

2 L estensione dell ambito di applicazione del regime del Dlgs. 239/96 Dopo l estensione del regime dell imposta sostitutiva (in luogo dell ordinaria ritenuta del 26% di cui all articolo 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, il Decreto 600/73 ) alle obbligazioni e titoli similari emessi da società non quotate, a condizione che detti titoli siano negoziati in mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione di Stati Membri dell Unione Europea e di Stati aderenti all Accordo sullo spazio Economico Europeo, inclusi nella lista di cui al decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze emanato ai sensi dell articolo 168-bis del Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 (i.e. Norvegia e Islanda) (i Paesi Qualificati ) ( 1 ), il Decreto è intervenuto con il dichiarato intento di favorire ulteriormente l accesso delle imprese italiane al mercato dei capitali e di rimuovere le incongruenze normative che penalizzano le operazioni di private placement, estendendo il predetto regime dell imposta sostitutiva di cui al Dlgs. 239/96 anche alle obbligazioni e titoli similari emessi da società non quotate, quandanche detti titoli non siano negoziati nei predetti mercati, a condizione che siano detenuti da uno o più investitori qualificati ai sensi dell articolo 100 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. L effetto principale della modifica in oggetto è di permettere a determinati soggetti (cd. lordisti ) di percepire gli interessi e gli altri proventi derivanti da dette obbligazioni e titoli similari senza scontare alcuna tassazione alla fonte. A tale proposito, vale, infatti, ricordare che la ritenuta di cui all articolo 26 del Decreto 600/73 trova applicazione nei confronti di molti soggetti che non scontano, invece, l imposta sostitutiva prevista dal Dlgs. 239/96. Dopo le modifiche, importanti categorie di investitori, quali i soggetti residenti/stabiliti in Paesi esteri inclusi nella cd. white list, nonché fondi comuni di investimento (anche immobiliari) italiani, potranno beneficiare dell esenzione. Il regime di favore si rende applicabile a condizione che i titoli siano detenuti da uno o più investitori qualificati, individuati in quei soggetti elencati nell articolo 100 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. La norma non chiarisce se la sussistenza del requisito debba essere valutata al momento dell emissione oppure debba essere costantemente rispettato. L utilizzo del verbo detenere, piuttosto che sottoscrivere, parrebbe però lasciar intendere che i titoli debbano essere sempre in portafogli di soggetti qualificati, pertanto, in assenza di specifiche indicazioni contrarie, è prudente ritenere che il regime del DLgs. 239/96 sia applicabile solo laddove il 100% dei titoli sia, in qualsivoglia momento, detenuto da detti investitori. Rimane da chiarire che effetti potrebbero produrre eventuali modifiche della compagine degli obbligazionisti e quali accorgimenti possano essere adottati al fine di consentire il rispetto del requisito di legge (e.g. inserimento di apposite previsioni e selling restrictions nella documentazione relativa all emissione). Quanto poi alla composizione della categoria degli investitori qualificati, avendo la norma in questione rinviato alla definizione di cui alla disciplina regolamentare, si renderà opportuno fare riferimento alle istruzioni e regolamenti tempo per tempo emanati dalle relative autorità (i.e. CONSOB). In conseguenza delle modifiche introdotte dal Decreto, il regime dell imposta sostitutiva (e le relative esenzioni per i soggetti cd. lordisti ), trova, quindi, applicazione per le obbligazioni e titoli similari emessi: 1. da banche e società quotate; 2. da società non quotate, indipendentemente dai soggetti sottoscrittori, quando i titoli sono negoziati in un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione, come sopra indicato; ovvero 3. emessi da società non quotate, indipendentemente dalla quotazione dei titoli stessi, quando gli stessi sono detenuti esclusivamente da investitori qualificati. Per converso, rimangono soggetti alla ritenuta di cui all articolo 26 del Decreto 600/73 esclusivamente le obbligazioni e titoli similari emessi da società non quotate, quando i titoli non siano negoziati in mercati ( 1 ) Tale estensione è stata introdotta dal Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134.

3 regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione e siano detenuti anche da investitori non qualificati. Esenzione dalla ritenuta per i cd. fondi di debito Al fine di agevolare il ricorso al mercato del credito obbligazionario da parte di piccole e medie imprese, il Decreto Destinazione Italia aveva introdotto un regime di esenzione dalla ritenuta di cui all art. 26 del Decreto 600/73 sugli interessi ed altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, nonché delle cambiali finanziarie, a beneficio di determinati fondi comuni d investimento mobiliare (cd. fondi di debito) ( 2 ). Ebbene, la predetta disposizione introduttiva riservava l esenzione agli organismi di investimento collettivo in valori mobiliari le cui quote siano detenute esclusivamente da investitori qualificati (di cui all art. 100 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58) e che investano prevalentemente in detti titoli obbligazionari. Con il Decreto, la norma di riferimento è stata sostituita con una nuova disposizione con cui: (i) si è chiarito che il requisito della prevalente composizione del patrimonio deve essere interpretato come più del 50% dello stesso; si è previsto che tanto il requisito della composizione del patrimonio, quanto il limite alla sottoscrizione da parte di investitori non qualificati, devono essere previsti nel regolamento del fondo; (iii) si è esteso il regime anche ai veicoli di cartolarizzazione costituiti ai sensi della Legge 30 aprile 1999, n. 130, che rispettino i medesimi requisiti previsti per i fondi. L intervento normativo non ha, invece, fugato altri dubbi relativi al regime di esenzione in oggetto sollevati da taluni operatori del mercato e, segnatamente, non si è chiarito se il patrimonio del fondo debba essere investito per più del 50% in obbligazioni e titoli similari che scontano la ritenuta dell articolo 26 del Decreto 600/73 (e quindi esclusivamente le obbligazioni indicate in chiusura del precedente paragrafo), ovvero se detto requisito si possa considerare soddisfatto anche laddove il patrimonio sia composto per più del 50% da ogni tipo di obbligazione o titolo similare (i.e. quotate e non). In mancanza di una posizione ufficiale dell Amministrazione finanziaria, appare più prudente ritenere che il requisito patrimoniale sia rispettato solo qualora più del 50% sia investito in titoli che scontano la ritenuta di cui all articolo 26 del Decreto 600/73. Da ultimo, è solo il caso di precisare che l estensione del regime del Dlgs. 239/96 di cui al paragrafo precedente anche alle obbligazioni e titoli similari non quotati detenuti da investitori qualificati (nella cui definizione dovrebbero rientrare i fondi di debito), dovrebbe avere l effetto di restringere il campo di applicazione della disposizione in esame, in quanto il regime di esenzione dalla ritenuta, ivi contenuto, rimarrebbe applicabile solo nel caso di emissioni obbligazionarie che siano sottoscritte sia da fondi che rispettino i requisiti di cui sopra sia da investitori non qualificati. Per completezza, è solo il caso di precisare che il Decreto non è intervenuto a modificare la disciplina della deducibilità degli oneri finanziari sostenuti dagli emittenti di obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziarie non negoziati in un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione. A tale proposito, vale rammentare che, ai sensi dell art. 3, comma 115, Legge 28 dicembre 1995, n. 549, detti interessi passivi sono deducibili entro il limite del tasso ufficiale di riferimento aumentato di due terzi. Detto limite, non trova, invece, applicazione nel caso in cui tali cambiali finanziarie, obbligazioni e titoli similari non quotati siano detenuti da investitori qualificati ai sensi dell'articolo 100 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, che non detengano, direttamente o indirettamente, anche per il tramite di società fiduciarie o per interposta persona, più del 2% del capitale o del patrimonio della società emittente e sempreché il beneficiario effettivo dei proventi sia residente in Italia o in Stati e territori che consentono un adeguato scambio di informazioni. ( 2 ) Si veda il comma 9-bis (da ultimo sostituito dall'art. 21, comma 2, del Decreto) dell articolo 32 del Decreto Legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134.

4 Esenzione per finanziamenti erogati da determinati soggetti Con il chiaro intento di favorire l accesso al credito delle imprese italiane riducendo gli oneri fiscali spesso ribaltati sulle stesse in base a clausole di gross-up, il Decreto introduce l esenzione da ritenuta per gli interessi corrisposti sui finanziamenti erogati da una serie di soggetti esteri. Si tratta, nello specifico, di: (i) (iii) banche ed enti creditizi stabiliti in uno Stato Membro dell Unione Europea; imprese di assicurazione costituite ed autorizzate ai sensi di normative emanate da uno Stato Membro dell Unione Europea; o organismi di investimento collettivo del risparmio che non fanno ricorso alla leva finanziaria, ancorché privi di soggettività tributaria, costituiti nei Paesi Qualificati. Si tratta di una modifica di estremo rilievo che amplia notevolmente lo spettro dei soggetti che possono ricevere pagamenti da imprese italiane senza subire tassazione alla fonte in Italia. Particolarmente ampia appare, infatti, la categoria delle banche che potranno accedere al beneficio dell esenzione essendo lo stesso diretto a tutte le banche stabilite nell Unione Europea. L utilizzo del termine stabilite, piuttosto che residenti lascerebbe intendere che potrebbero beneficiare dell esenzione anche banche extraeuropee, ma dotate di una stabile organizzazione in un Paese Membro attraverso la quale eroghino il finanziamento. In mancanza di specifiche norme di natura regolamentare che consentano l erogazione diretta da parte di fondi esteri di finanziamenti in Italia ed, in particolare, non essendo ancora stai emanati il Decreto ministeriale del Ministero del Tesoro, nonché la normativa di Banca d Italia, rimane per il momento relativamente limitato l ambito di applicazione dell esenzione ai fondi. Con riferimento a quanto sopra, preme, altresì, rilevare come l esenzione da ritenuta sia limitata ai finanziamenti alle imprese : L utilizzo di tale termine potrebbe far sorgere dubbi circa l estensione del beneficio ai finanziamenti concessi a soggetti che, sebbene agiscano nel mercato come operatori professionali, non svolgono ex se attività d impresa (e.g. fondi di investimento, casse ed altri enti previdenziali). Trattandosi di aspetti particolarmente rilevanti ai fini dell applicazione dell esenzione in oggetto, si auspica che tali profili possano essere precisati in sede di conversione in legge del Decreto, ovvero che intervengano in proposito tempestivi chiarimenti interpretativi da parte dell Amministrazione finanziaria. L imposta sostitutiva sui finanziamenti Come noto, gli articoli dal 15 al 20 del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973 n. 601 prevedono che le operazioni relative ai finanziamenti a medio e lungo termine intendendosi per tali quelli la cui durata contrattuale sia stabilita in più di 18 mesi posti in essere nel territorio italiano da banche Italiane, banche europee ovvero stabili organizzazioni in Italia di banche non europee possano essere assoggettate, su opzione, ad un imposta sostitutiva, in misura pari allo 0,25% del finanziamento stesso (l Imposta Sostitutiva ). L applicabilità della suddetta Imposta Sostitutiva comporta che i finanziamenti in discorso, nonché tutti i provvedimenti, atti, contratti e formalità inerenti ai medesimi, alla loro esecuzione, modificazione ed estinzione, alle garanzie di qualunque tipo da chiunque e in qualsiasi momento prestate e alle loro eventuali surroghe, sostituzioni, postergazioni, frazionamenti e cancellazioni anche parziali, ivi comprese le cessioni di credito stipulate in relazione a tali finanziamenti, siano esenti dall'imposta di registro, dall'imposta di bollo, dalle imposte ipotecarie e catastali e dalle tasse sulle concessioni governative. Viceversa, laddove l Imposta Sostitutiva non si renda applicabile all operazione di finanziamento, trovano applicazione le suddette imposte indirette sugli atti, documenti o formalità di volta in volta stipulati o posti in essere (e.g. imposte di registro, di bollo e ipotecarie). Le modifiche introdotte dal Decreto con riferimento al regime dell Imposta Sostitutiva riguardano essenzialmente due profili:

5 (i) in termini oggettivi, è previsto che anche le cessioni di credito successive all erogazione e le cessioni del contratto rientrano nell ambito dell agevolazione; in termini soggettivi, è estesa la platea dei soggetti finanziatori ammessi a fruire del beneficio. La prima modifica ha un rilevante impatto sulle operazioni di sindacazione dei finanziamenti, sollevando gli operatori del mercato dal dubbio (per lo più derivante da una serie di pronunce dell Agenzia delle Entrate, si vedano, ad esempio, le Risoluzioni n del 1989, n del 1988 e n. 278/E del 2008) che la cessione del credito successiva all erogazione del finanziamento e/o la cessione della posizione contrattuale potessero costituire operazioni autonome e non collegabili al finanziamento ai fini di specie, quindi non coperte dal regime di esenzione previsto dall Imposta Sostitutiva. In sostanza, si rende ora possibile trasferire le posizioni (creditorie o contrattuali) derivanti da contratti di finanziamento soggetti ad Imposta Sostitutiva unitamente alle relative garanzie (anche notarili) senza il pagamento delle imposte indirette naturalmente applicabili a detti atti. Con la seconda modifica, il Decreto introduce una nuova disposizione (l articolo 17-bis del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973 n. 601) includendo tra i soggetti legittimati ad applicare l Imposta Sostitutiva anche: (i) le società di cartolarizzazione costituite ai sensi della Legge 30 aprile 1999, n. 130; (iii) le società di assicurazione costituite ed autorizzate ai sensi di normative emanate da uno Stato Membro dell Unione europea; nonché gli organismi di investimento collettivo del risparmio costituiti nei Paesi Qualificati.

6 ***** Il Dipartimento di diritto tributario di Legance è a disposizione per qualsiasi chiarimento ed approfondimento, anche in relazione a fattispecie specifiche. Per ulteriori informazioni: Claudia Gregori Marco Graziani Tel Tel Francesco Di Bari Gabriella Geatti Tel Tel oppure il Vostro professionista di riferimento all interno di Legance. LO STUDIO Legance è uno studio legale italiano con un team di professionisti esperti, dinamici e orientati al risultato, il cui affiatamento ha reso possibile un modello organizzativo flessibile ed incisivo che, attraverso dipartimenti attivi in tutti i settori della consulenza legale d affari, esprime il giusto equilibrio tra specialista e avvocato come consulente globale. Legance conta oltre 180 avvocati, nelle sedi di Milano, Roma e Londra. Le aree di competenza sono: Fusioni, Acquisizioni e Diritto Societario; Banking; Project Financing; Debt Capital Markets; Equity Capital Markets; Financial Intermediaries Regulation; Fondi di Investimento; Contenzioso e Arbitrati; Ristrutturazioni e Procedure Concorsuali; Ue, Antitrust e Regolamentazione; Diritto del Lavoro e delle Relazioni Industriali; Diritto Tributario; Diritto Amministrativo; Diritto Immobiliare; Diritto dell Energia, Gas e Risorse Naturali; Compliance; Diritto della Navigazione e dei Trasporti; Proprietà Intellettuale; TMT (Technology, Media, Telecommunications); Diritto Ambientale; Insurance; Nuove Tecnologie. Per maggiori informazioni, potete visitare il nostro sito web: DISCLAIMER La presente Newsletter ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale. Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutivo di una consulenza legale specifica. INFORMATIVA EX ART. 13 D. LGS. 196/2003 La presente Newsletter è inviata esclusivamente a soggetti che hanno liberamente fornito i propri dati personali nel corso di rapporti professionali o di incontri, convegni, workshop o simili. I dati personali in questione sono trattati in formato cartaceo o con strumenti automatizzati per finalità strettamente collegate ai rapporti professionali intercorrenti con gli interessati nonché per finalità informative o divulgative ma non sono comunicati a soggetti terzi, salvo che la comunicazione sia imposta da obblighi di legge o sia strettamente necessaria per lo svolgimento dei rapporti professionali nel corso dei quali i dati sono stati forniti. Il titolare del trattamento dei dati è Legance Avvocati Associati, con sedi in Roma, Via XX Settembre n. 5, 00187, Milano, Via Dante n. 7, e Londra Aldermary House, Queen Street, EC4N 1TX. Il trattamento dei dati ha luogo presso le sedi di Legance ed è curato solo da dipendenti, collaboratori, associati o soci di Legance incaricati del trattamento, o da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Qualora Lei avesse ricevuto la presente Newsletter per errore oppure desiderasse non ricevere più comunicazioni di questo tipo in futuro potrà comunicarcelo inviando un a In ogni caso, Lei ha il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell esistenza dei suoi dati e di conoscerne il contenuto e l origine, nonché di verificarne l esattezza o chiederne l integrazione o l aggiornamento, ovvero la rettificazione. Lei ha inoltre il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste di cui sopra vanno rivolte via fax a Legance Avvocati Associati, al numero

Procedura semplificata per le operazioni di bonifica. Dicembre 2014

Procedura semplificata per le operazioni di bonifica. Dicembre 2014 Dicembre 2014 NOVITA NORMATIVE E (AUSPICATE) SEMPLIFICAZIONI IN MATERIA DI BONIFICHE DEI SITI INQUINATI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO DEI LAVORI (DAL D.L. N. 91/2014 AL D.L. N. 165/2014) La disciplina delle

Dettagli

IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - LA RIFORMA DELLE COLLABORAZIONI

IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - LA RIFORMA DELLE COLLABORAZIONI Giugno 2015 IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - LA RIFORMA DELLE COLLABORAZIONI Il 25 marzo 2015, giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrato in vigore il D.Lgs.

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

DECRETO FARE: LE NOVITA IN MATERIA DI APPALTI E DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

DECRETO FARE: LE NOVITA IN MATERIA DI APPALTI E DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Giugno 2013 DECRETO FARE: LE NOVITA IN MATERIA DI APPALTI E DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Il 22 giugno 2013, dopo la pubblicazione in G.U., è entrato in vigore il D.L. 69/2013 (cd. Decreto Fare ) che

Dettagli

DECRETO FARE: LE MODIFICHE INTRODOTTE IN SEDE DI CONVERSIONE

DECRETO FARE: LE MODIFICHE INTRODOTTE IN SEDE DI CONVERSIONE Settembre 2013 DECRETO FARE: LE MODIFICHE INTRODOTTE IN SEDE DI CONVERSIONE Il 21 agosto 2013 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n. 98/2013 (di seguito, la Legge di Conversione ) di conversione

Dettagli

D.L. N. 133/2014: NUOVE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO E IL RIMBORSO AL GESTORE USCENTE

D.L. N. 133/2014: NUOVE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO E IL RIMBORSO AL GESTORE USCENTE Ottobre 2014 D.L. N. 133/2014: NUOVE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO E IL RIMBORSO AL GESTORE USCENTE Il d.l. 12 settembre 2014, n. 133 (c.d. Sblocca Italia, di seguito anche il Decreto

Dettagli

D.LG. 4 MARZO 2014, N. 46: ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA N. 2010/75/UE RELATIVA ALLE EMISSIONI INDUSTRIALI

D.LG. 4 MARZO 2014, N. 46: ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA N. 2010/75/UE RELATIVA ALLE EMISSIONI INDUSTRIALI Aprile 2014 D.LG. 4 MARZO 2014, N. 46: ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA N. 2010/75/UE RELATIVA ALLE EMISSIONI INDUSTRIALI L 11 aprile 2014 è entrato in vigore il D.lg. n. 46 del 4 marzo 2014 ( Attuazione della

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI I RECENTI SVILUPPI NORMATIVI E DI PRASSI

RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI I RECENTI SVILUPPI NORMATIVI E DI PRASSI Marzo 2013 RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI I RECENTI SVILUPPI NORMATIVI E DI PRASSI Nonostante il complaint presentato da Confindustria alla Commissione europea il 12 marzo scorso, volto a sostenere

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

L AGCM ADOTTA IL REGOLAMENTO DI PROCEDURA IN MATERIA DI ART. 62

L AGCM ADOTTA IL REGOLAMENTO DI PROCEDURA IN MATERIA DI ART. 62 Aprile 2013 L AGCM ADOTTA IL REGOLAMENTO DI PROCEDURA IN MATERIA DI ART. 62 1. INTRODUZIONE In data 24 marzo è entrato in vigore il Regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ( AGCM

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con i Minibond

Finanziare lo sviluppo con i Minibond Finanziare lo sviluppo con i Minibond Implicazioni fiscali dello strumento Minibond Luca Luigi Tomasini dottore commercialista revisore legale STUDIO TOMASINI I vantaggi fiscali di emissione dei minibond

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net 1. NEWSLETTER DIRITTO BANCARIO, FINANZIARIO E FISCALE DECRETO COMPETITIVITÀ Giugno 2014 1. Misure a favore del credito alle imprese (c) Concessioni di finanziamenti alle imprese da parte di imprese di

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 REGIME FISCALE DEI MINIBOND Dr. Angelo Ragnoni Agenzia delle Entrate Angelo Ragnoni Articolo

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

IL PERCORSO DEL JOBS ACT È COMPLETO CON GLI ULTIMI DECRETI ATTUATIVI

IL PERCORSO DEL JOBS ACT È COMPLETO CON GLI ULTIMI DECRETI ATTUATIVI Settembre 2015 IL PERCORSO DEL JOBS ACT È COMPLETO CON GLI ULTIMI DECRETI ATTUATIVI Con la definitiva approvazione e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale degli ultimi decreti attuativi, è stata finalmente

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

2 Forum Food & Made in Italy AGROALIMENTARE

2 Forum Food & Made in Italy AGROALIMENTARE 2 Forum Food & Made in Italy VERSO IL MARCHIO UNICO Articolo 30 Decreto Sblocca Italia Piano per la promozione del Made in Italy : - Valorizzazione delle produzioni di eccellenza e tutela all estero dei

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 15/2015 del 14 maggio 2015 FINANZIAMENTI PER LE PMI: PRONTI I NUOVI CANALI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI

RISOLUZIONE N. 43/E. OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI RISOLUZIONE N. 43/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 luglio 2013 OGGETTO: Chiarimenti in materia di OICR e CONFIDI In considerazione delle numerose richieste di chiarimento in merito ai particolari

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 6 marzo 2013

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 6 marzo 2013 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2013 OGGETTO: Articoli 1 e 32 del decreto legge 22 giugno 2012, n. 83 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, e successive

Dettagli

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012)

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) Dott. Gianluca Cristofori L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) 1 Profili civilistici relativi all emissione di titoli di debito

Dettagli

FONDI ALTERNATIVI: LE NUOVE REGOLE PER I GESTORI

FONDI ALTERNATIVI: LE NUOVE REGOLE PER I GESTORI Ottobre 2013 FONDI ALTERNATIVI: LE NUOVE REGOLE PER I GESTORI Il 22 luglio 2013 è scaduto il termine di recepimento negli ordinamenti nazionali della direttiva 2011/61/UE (la Direttiva AIFM o Direttiva

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014 N. 91

DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014 N. 91 Luglio 2014 DECRETO LEGGE 24 GIUGNO 2014 N. 91 Articolo 26 Interventi sulle tariffe incentivanti dell elettricità prodotta da impianti fotovoltaici In data 24 giugno 2014 è stato pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex. Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.it FUND RAISING E REAL ESTATE NEL MERCATO INTERNAZIONALE E DOMESTICO: SPUNTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 febbraio 2012 OGGETTO: Riorganizzazione della disciplina fiscale dei fondi immobiliari chiusi. Articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78

Dettagli

COMMISSIONI BANCARIE: PUBBLICATO IL DECRETO CICR DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 117-BIS DEL TESTO UNICO BANCARIO

COMMISSIONI BANCARIE: PUBBLICATO IL DECRETO CICR DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 117-BIS DEL TESTO UNICO BANCARIO Luglio 2012 COMMISSIONI BANCARIE: PUBBLICATO IL DECRETO CICR DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 117-BIS DEL TESTO UNICO BANCARIO Il 5 luglio u.s. è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto 30 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici locali. Al Comando Generale della Guardia di Finanza

CIRCOLARE N. 2/E. Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici locali. Al Comando Generale della Guardia di Finanza CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi di Capitale e Diversi Roma, 15 febbraio 2012 Prot. 2012/3535 Alle Direzioni regionali

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net

Londra EC2N 1AR 15th Floor 125 Old Broad Street Tel.: +44 20 75691500 Fax: +44 20 75691501 Email: london@chiomenti.net NEWSLETTER DIRITTO BANCARIO E FINANZIARIO DECRETO DESTINAZIONE ITALIA Dicembre 2013 1. Misure per favorire il credito alla piccola e media impresa (c) Privilegio Bancario Imposta Sostitutiva Esenzione

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

IL DECRETO SBLOCCA ITALIA : PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI EDILIZIA E DI DIRITTO IMMOBILIARE

IL DECRETO SBLOCCA ITALIA : PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI EDILIZIA E DI DIRITTO IMMOBILIARE Novembre 2014 IL DECRETO SBLOCCA ITALIA : PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI EDILIZIA E DI DIRITTO IMMOBILIARE Con legge 11 novembre 2014, n. 164 è stato convertito, con modificazioni, il d.l. 12 settembre

Dettagli

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo

Alla luce di quanto sopra, siamo ad apportare le seguenti modifiche al Prospetto Completo: Modifica alla Parte I del Prospetto Completo SUPPLEMENTO AL PROSPETTO COMPLETO DI OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI DI DIRITTO ITALIANO ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA INVESTITORI Investitori America

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO

PARTE I DEL PROSPETTO COMPLETO SUPPLEMENTO per l aggiornamento dell informativa fiscale riportata nel Prospetto Completo relativo all offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano

Dettagli

FUSIONI E SCISSIONI: IMPORTANTI NOVITÀ

FUSIONI E SCISSIONI: IMPORTANTI NOVITÀ Gennaio 2013 FUSIONI E SCISSIONI: IMPORTANTI NOVITÀ Il 18 agosto 2012 è entrato in vigore il D.Lgs. 22 giugno 2012, n. 123 ( Attuazione della direttiva 2009/109/CE, che modifica le direttive 77/91/CEE,

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Briefing I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Una nuova era per l accesso al capitale in Italia? Sintesi L articolo 32 del Decreto Sviluppo introduce una nuova disciplina

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Dott. Domenico Ponticelli (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento immobiliare 21 Maggio 2015

Dettagli

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant Giovanni Luppi Partner Mini Bond 1 1. Decreto Sviluppo 2012 - Principali novità Ambito civilistico Eliminazione dei limiti previsti dall articolo

Dettagli

Gennaio 2014. I nuovi strumenti di finanziamento per le imprese: i c.d. Mini-bonds

Gennaio 2014. I nuovi strumenti di finanziamento per le imprese: i c.d. Mini-bonds Gennaio 2014 I nuovi strumenti di finanziamento per le imprese: i c.d. Mini-bonds Roberto Culicchi e Juljan Puna, Hogan Lovells Studio Legale 1. Introduzione Il protrarsi della crisi finanziaria e della

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

La leva fiscale per far ripartire il mercato immobiliare

La leva fiscale per far ripartire il mercato immobiliare 49 * Sabrina Capilupi I fondi immobiliari La leva fiscale per far ripartire il mercato immobiliare DOI: 10.14609/Ti_1_14_4i Parole chiave: fondi immobiliari, organismi di investimento collettivo del risparmio,

Dettagli

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.

1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1. 1 LE AZIONI E LE QUOTE 1.1 Le azioni e gli altri strumenti partecipativi nella riforma del diritto societario 1.1.1 Introduzione 1.1.2 La dematerializzazione delle azioni 1.1.2.1 Profili fiscali 1.1.3

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili

Modifiche al Codice civile: limite di emissione obbligazioni convertibili La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese La nuova disciplina degli strumenti di finanziamento alle imprese contenuta nell art. 32 del D.L. n. 83 del 2012 contiene innovazioni di

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

I MINIBOND QUALE STRUMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE PMI: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

I MINIBOND QUALE STRUMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE PMI: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI TRIBUTI I MINIBOND QUALE STRUMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE PMI: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Alessandro GERMANI Partner GDC Corporate & Tax Francesca MARIOTTI Direttore Politiche Fiscali di Confindustria

Dettagli

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE RIFORMA DELLA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE L articolo 2 del decreto legge 13 agosto 2011 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 14 settembre 2011 n. 148, concernente ulteriori misure

Dettagli

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Settembre 2012 I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Introduzione Tra le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTITO OBBLIGAZIORARIO SUBORDINATO

REGOLAMENTO PRESTITO OBBLIGAZIORARIO SUBORDINATO REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IBL BANCA 30/03/2015-2020 OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER II A 5 ANNI CON CEDOLA SEMESTRALE A TASSO FISSO 4,5% CODICE ISIN IT0005090961 REGOLAMENTO Le Obbligazioni

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

IMPOSTA SUL VALORE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DETENUTE ALL ESTERO: MODIFICHE AL PRESUPPOSTO OGGETTIVO

IMPOSTA SUL VALORE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DETENUTE ALL ESTERO: MODIFICHE AL PRESUPPOSTO OGGETTIVO COMMISSIONE DIRITTO TRIBUTARIO NAZIONALE ODCEC DI MILANO (Documento a cura di Paolo Bifulco) IMPOSTA SUL VALORE DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE DETENUTE ALL ESTERO: MODIFICHE AL PRESUPPOSTO OGGETTIVO 1. LE

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

quadro di sintesi per la professione di Commercialista

quadro di sintesi per la professione di Commercialista La tassazione delle attività ità finanziarie: i i un quadro di sintesi per la professione di Commercialista CLAUDIA ROVINI Viterbo 3 dicembre 2015 Evento valido ai fini della F.P.C.dei dottori commercialisti

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

RISOLUZIONE n. 68/E QUESITO

RISOLUZIONE n. 68/E QUESITO RISOLUZIONE n. 68/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 febbraio 2008 OGGETTO:Istanza di Interpello. Imposta sostitutiva. Mutui concessi da istituti previdenziali per la rinegoziazione

Dettagli

START UP & INVESTMENT COMPACT

START UP & INVESTMENT COMPACT Focus on START UP & INVESTMENT COMPACT Marzo 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova London Paris Hamburg Brussels Manchester Munich Dusseldorf

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

DIRITTO E NORMATIVA FINANZIARIA

DIRITTO E NORMATIVA FINANZIARIA a cura di Claudio Visco e Salvatore Orlando e Claudia ruscaglioni Nuove modalità di finanziamento per le imprese: cambiali finanziarie, obbligazioni subordinate e partecipative La crisi economico-finanziaria

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1.

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1. LEGGE 21 novembre 2000, n.342 Misure in materia fiscale. Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Sezione I Disposizioni in materia di redditi di impresa Art. 1. (Disposizioni in materia di

Dettagli

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO regolazione LE SICAF: UNA NUOVA FORMA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Luigi Rizzi * Le Società di Investimento a Capitale Fisso (SICAF) rappresentano una delle principali novità della direttiva AIFM.

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps. Newsletter. Revisione delle aliquote di imposta sui redditi di natura finanziaria

CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps. Newsletter. Revisione delle aliquote di imposta sui redditi di natura finanziaria CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Revisione delle aliquote di imposta sui redditi di natura finanziaria 25 giugno 2014 INDICE Premessa 3 1. Eccezioni 3 2. Rimborso ai soggetti non residenti 4 3. Entrata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Capitolo I DECRETO CRESCITA (D.L. n. 83/2012)

Capitolo I DECRETO CRESCITA (D.L. n. 83/2012) Capitolo I DECRETO CRESCITA (D.L. n. 83/2012) Il Decreto Legge n. 83 del 22 giugno 2012, c.d. Decreto Crescita o Sviluppo, pubblicato in G.U. n. 147 del 26 giugno 2012, S.O. n. 129 e convertito con L.

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli