A.A Facoltà di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione Market Driven Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.A. 2014-15 Facoltà di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione Market Driven Management"

Transcript

1 A.A Facoltà di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione Market Driven Management Materiali integrativi per gli studenti Template Marketing Plan 27 Premio Marketing SIM professor Alberto MATTIACCI

2 A COSA SERVE QUESTO DOCUMENTO Questo documento contiene una struttura del piano di marketing redatta allo scopo di facilitarvi nel lavoro e consentirvi di partire da un buon livello qualitativo. Per comprendere bene il lavoro occorre leggere tre volte questo documento: una prima per comprendere la struttura di massima; una seconda per definire un piano di lavoro con le priorità; una terza per identificare le cose fondamentali da decidere. La struttura del piano è articolata in cinque parti, ordinate logicamente secondo una struttura integrata. 2

3 LA STRUTTURA-TIPO

4 1 - TITLE PAGE (pagina iniziale) Si tratta della copertina del lavoro. Deve indicare il titolo del PW, eventuale sottotitolo che avete inventato Deve essere graficamente accattivante. 4

5 PARTE PRIMA: overview

6 EXECUTIVE SUMMARY Lunghezza: 1 pagina, massimo 2. Si scrive alla fine del lavoro, per ultima. Serve a riassumere i contenuti del Piano per un lettore che ha pochissimo tempo a disposizione. I contenuti riguardano le risultanze essenziali dell analisi, lo statement, la strategic intention e le principali cose da dire relativamente alle operation e metriche. 6

7 TABLE OF CONTENTS Si tratta dell indice. 7

8 INTRODUCTION Lunghezza massima= 1 pagina In un breve testo dovrete dichiarare la vostra visione del problema che il caso presenta (la c.d. problem recognition) e come avete lavorato per risolverlo, con i risultati principali raggiunti. Particolarmente importante, in questa fase, definire gli obiettivi che vi proponete di raggiungere con le vostre idee del piano, distinguendo fra o. di mercato (es. vendite) e non (es. awareness) Cfr. pagina successiva 8

9 Punti di attenzione Problem recognition Obiettivi quantitativi da raggiungere Non economici: Riflettono il sistema di valori di qualità ed eccellenza delle DOP & CO italiane. Vengono definiti all interno dello strategic statement. O B I E T T I V I Di marketing: Mercato (p.e. notorietà, immagine, valore percepito, soddisfazione, loyalty) Competitivi (p.e. price positioning, consideration, share of mind) Economici (p.e. vendite, redditività) Gli obiettivi di mercato, esplicitati nella fase strategica, devono essere SMART: Specifici, riferiti a elementi ben definiti; Misurabili, quantificabili con l uso di metriche; Attuabili, raggiungibili con le risorse e capacità a disposizione; Rilevanti, aventi un peso importante nell attività delle imprese; Temporalmente definiti, declinati in un orizzonte temporale. 9

10 PARTE SECONDA: MARKET ANALYSIS

11 MARKET ANALYSIS Parte fondamentale, dove si vede quanto siete in grado di rappresentare, descrivere e analizzare un mercato. Iniziate con la PEST, per delineare lo scenario economico, sociale, demografico ecc in cui si muoveranno per i prossimi 3-5 anni i player del comparto. Definite poi le dimensioni fondamentali del mercato: i capitoli delle prime due parti del manuale vi aiuteranno. Idealmente potete seguire una struttura come quella indicata alla pagina successiva: where, what, who, why. 11

12 Punti di attenzione* Key-word Where What Who Why How much Variabile di mercato Area geografica (Italy) Categoria prodotto (Food & DOP) (Offerta dei sostituti) Potential demand (Target) Driver scelta Price band * Nella fase di ideazione del mercato da presidiare, i produttori definiscono le suddette variabili fondamentali. 12

13 MARKET ANALYSIS La MA si distingue in un analisi dell ambiente esterno all impresa (d cui si è detto nelle pagine precedenti) e di uno interno. Noi non ci applichiamo a un impresa, per cui dobbiamo prendere a riferimento il sistema dei produttori e consorzi delle DO. Non è semplice: per questo trovate alla slide successiva uno schema che vi è di supporto nell audit interno. 13

14 MARKET ANALYSIS AUDIT INTERNO (Competenze e asset strategici) Tabella 8.1 Esempi di competenze e asset strategici Competenza strategica Asset strategico Disciplinare di produzione Capacità produttiva Ricerca e sviluppo Processi organizzativi Retailing Marchi collettivi (DOP, IGP, STG) Sistema informativo (Consorzi di tutela) Struttura commerciale Legame geografico e storico (esclusivo o prevalente) col territorio Legame con la filiera del territorio (agricoltori, allevatori, confezionatori, trasformatori) L analisi dell ambiente esterno (p.e. mercato, target, sistema d offerta, driver di scelta) e delle risorse interne (competenze e asset strategici) evidenziano le opportunità e le minacce dell ambiente, nonché i punti di forza e di debolezza del sistema delle denominazioni. Questa fase analitica del processo di marketing è rilevante e, da ritenersi, propedeutica alla definizione delle strategia da adottare. 14

15 MARKET ANALYSIS: SO WHAT? La MA può produrre un dossier anche molto ponderoso, di diverse centinaia di pagine (non è il vostro caso, tranquilli). Per questo, alla fine, occorre rispondere alla fatidica domanda: e quindi? Che in inglese suona so what? Per rispondere potete avvalervi della SWOT Matrix. 15

16 PARTE TERZA: MARKET STRATEGY

17 STRATEGIC STATEMENT Lunghezza massima: una pagina Si compone di due parti: una o due frasi (max 10 righe) nelle quali sintetizzate ulteriormente le conclusioni salienti del SoWhat? una o due frasi nelle quali richiamate gli obiettii del progetto e dite come a grandi linee- intendete risolvere la questione. Alle pagine successive un esempio e alcune utili specificazioni 17

18 STRATEGIC STATEMENT E la formulazione sintetica che spiega come, attraverso quale proposta si pianifica di raggiungere gli obiettivi. 3/5 righe: So What 3/5 righe: Proposal Coerenza! 18

19 STRATEGIC STATEMENT UN ESEMPIO Lo scenario generale è non favorevole per il mercato dell automobile: saturazione delle città, crisi economica, affievolimento della classe media, disoccupazione giovanile e invecchiamento della popolazione, sono tutti fattori di contesto esogeno che spingono negativamente la domanda potenziale. Di contro, il nostro brand gode di una positiva immagine di innovatore e sono quasi pronte delle nuove tecnologie proprietarie di tipo green. Siamo i primi ad averle rispetto ai competitori e ci costano poco. Ciò posto: Intendiamo lanciare sul mercato una nuova versione del modello di punta AlfaBetaGamma, con prezzo finale collocato nella fascia alta del value market, che abbia come asset di valore essenziale il ridotto consumo e le basse emissioni (brand promise), grazie al motore ibrido (supporting evidence). Ci rivolgeremo agli abitanti di città con problemi di smog, attraverso un programma di investimento territoriale in eventi e sponsorship e una aggressiva campagna media. Il prodotto sarà acquistabile solo onlne, ma esposto in apposite showroom in centro città. 19

20 STRATEGIC INTENTION Qui la strategia delineata nello statement viene descritta in maggiore dettaglio: a) Market Structure b) Market Value Structure c) Trade Relation: specificate quali trade intendete porre al centro della strategia (es ristoranti, oppure GDO) e il ruolo che gli assegnate nel contibuire a farvi raggiungere gli obiettivi d) Consumer behaviour: qual è il driver di domanda (la ragione di acquisto e consumo) sul quale intendete fare leva con la vostra azione 20

21 La Strategic Intention può impegnare diverse pagine. STRATEGIC INTENTION Sostanzialmente, il filo logico da seguire è questo: NOTA BENE a) Con la Market Analysis avete compreso, descritto e analizzato l ambiente/ mercato e le sue criticità b) Con la SWOT Matrix avete riassunto i temi rilevanti in materia c) Con lo Strategic Statement avete ulteriormente sintetizzato i termini del problema e descritto per sommi capi osa avete intenzione di fare per risolvere il problema (problem recognition) alla luce della vostra conoscenza del mercato e quale formula di valore (prouct offering) stressare d) Con la Strategic Intention andate più in dettaglio e definite: a) Qual è il sistema di scambio rilevante ai fini del vostro piano di azione b) Quale trade eleggee a parnter e quali azioni intendete fare con lui c) Quale consumatore (shopper/user) intendete contattare e convincere d) Con quale struttura di messaggi intendete formulare e rendere comprensibile la vostra struttura di valore 21

22 STRATEGIC INTENTION Per le definizione dei primi tre punti: a) Adattate la struttura del sistema di scambio (mercato) teorica (figura a pag. succ.) al caso dei DOP & Co, specificando i trade eletti a riferimento della vostra strategia b) Delineate le fasce di valore adattandole al caso DOP & Co. Suggerimento: avete bisogno di rilevare i prezzi sui punti vendita a una medesima unità di misura. Es: 1 etto prosciutto DOP (prendete 3 diverse DOP e poi ne fate una media dei prezzi) e un etto di prosciutto non DOP 22

23 23

24 STRATEGIC INTENTION Definite poi la struttura dell offerta di valore: a) Valore funzionale delle DOP b) Valori simbolici delle DOP Tutto ciò andrà a confluire nel messaggio che dovrete passare al target di domanda e al trade affinchè entrambi apprezzino e riconoscano maggiore valore alle DOP. NB LEGGETE COSA DICE IL MANUALE DELLA PRODUCT OFFERING (CAPITOLI 12 E SEGG) 24

25 STRATEGIC INTENTION UN ESEMPIO Intendiamo stratificare la nostra azione su due periodi distinti: il primo con riguardo alla popolazione residente nelle grandi città, il secondo al resto della popolazione urbana. L attività avrà come partner elettivo l HoReCa, ma anche importanti supporti da parte dell GDO attraverso accordi di comarketing e merchandising. Il target di domanda finale è rappresentato.. La proposta di valore che intendiamo stressare è così formulabile:,,,,,,,,,,,, (benefit funzionali).. (benefit smbolici). La proposizione di questa formula dovrebbe consentirci di risolvere il problema definito nella problem recognition (cfr.) e di raggiungere gli obiettivi del piano (cfr.) In particolare il messaggio che intendiamo veicolare al mercato si concretizza nella copertura comunicativa e commerciale 25

26 PARTE QUARTA: MARKET OPERATION

27 MARKET OPERATION E l insieme di attività che realizzano concretamente l intenzione strategica prima definita Si tratta, a ben vedere, dell uso programmato e pianificato nel tempodegli strumenti tecnici del marketing: comunicazione, distribuzione, promozione, eccetera. Si suggerisce di seguire la Tab 22.5 del testo Si può iniziare con un MARET OPERATION OVERVIEW, dove in estrema sintesi vengono descritte le attività che intendete implementare, dato il budget disponibile, nel tempo. E opportuno indicare per ciascuna macro voce il target, l azione e la metrica attraverso la quale misurare la performance dell investimento. 27

28 OPERATIONS OVERVIEW Intendiamo utilizzare il budget messo a disposizione per realzizare la strategia delineata precedentemente e, in particolare distribuire così gli sforzi: UN ESEMPIO Awareness Target: consumer e trade Action: installazione di totem informativi Metric: % di punti vendita coperti Accession Appeal Affection 28

29 MARKET OPERATION Il piano operativo va definito anche nei suoi aspetti temporali. A tal proposito dovete decidere quale ripartizione del tempo utilizzare per suddividere l anno NOTA BENE Anno I semestre II Semestre I Qradrimestre II Qradrimestre III Qradrimestre IV Quadrimestre I Trimestre II Trimestre III Trimestre IV Trimestre 29

30 AWARENESS Descrizione dettagliata degli strumenti e attività Potete utilizzare anche disegni, fotografie, immagini eccc. 30

31 ACCESSION Descrizione dettagliata degli strumenti e attività Potete utilizzare anche disegni, fotografie, immagini eccc. 31

32 APPEAL Descrizione dettagliata degli strumenti e attività Potete utilizzare anche disegni, fotografie, immagini eccc. 32

33 AFFECTION Descrizione dettagliata degli strumenti e attività Potete utilizzare anche disegni, fotografie, immagini eccc. 33

34 PARTE QUINTA: METRICS & BUDGET

35 METRICS Descrizione dettagliata del modo di raccolta dati utili a valutare il successo del piano e degli investimenti effettuati. 35

36 METRICS BUDGET P/M 1 P/M 2 P/M n TOT. AW CT AC AP AF RT 36

37 CONSIGLI GENERALI

38 Un buon piano di marketing è Logico: segue una sequenza logica molto chiara, i collegamenti logici sono resi evidenti Coerente: le parti sono ben integrate, ogni proposta è coerente con l obiettivo da raggiungere, con l analisi e con le altre azioni previste Equilibrato: l errore più frequente è esagerare con la parte di analisi ed essere deboli nella parte strategica Concreto: non è un trattato di filosofia, ogni affermazione deve essere opportunamente motivata da riscontri pratici, ogni iniziativa ha un costo e un ritorno stimato Convincente: approfondito nei contenuti ma non prolisso, ben scritto e di facile comprensione Originale: nuove idee o nuove combinazioni di idee preesistenti Accattivante: ben presentato graficamente

Presentazione del caso 2015

Presentazione del caso 2015 Presentazione del caso 2015 La SIMKTG www.simktg.it XXVI Edizione Premio Marketing 2 1 Le attività della SIMKTG 1. La rivista: 2. I convegni annuali: 2010: VII, Ancona, Marketing & Sales oltre la crisi

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

Il Business Plan. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli

Il Business Plan. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli STRATEGIA AZIENDALE MARKETING ANALITICO Il Business Plan Una sintesi finale Piano di marketing per il prodotto

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 2. Analisi dell ambiente. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 2. Analisi dell ambiente. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN 2. Analisi dell ambiente Avendo chiarito la vostra idea imprenditoriale (cosa volete vendere ed a chi), oltre agli obiettivi che vi prefiggete, è ora necessario capire in

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER LO START UP

IL BUSINESS PLAN PER LO START UP IL BUSINESS PLAN PER LO START UP 5 maggio 2011 Giovanni Cristiano Piani Industrial Liaison Office Università degli Studi di Trieste cristiano.piani@amm.units.it AGENDA 1. Premessa 2. Che cos è 3. A cosa

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY SVILUPPO DELLA CAMPAGNA Prima fase: IL BRIEFING scambio di informazioni fondamentale per lo sviluppo della campagna. Il brief contiene molteplici informazioni su:

Dettagli

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing Il Business Game di Conform Il Piano di Marketing 2 Indice -- Premessa -- Business game - marketing plan -- La struttura del gioco -- Un caso concreto -- Le modalità di gioco -- L inizio del percorso --

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Università degli Studi di Cassino. Corso di Marketing. Prof. Marcello Sansone

Università degli Studi di Cassino. Corso di Marketing. Prof. Marcello Sansone Università degli Studi di Cassino Corso di Marketing Prof. Marcello Sansone Corso di Marketing Dott. Roberto Bruni Il Piano di Marketing Livelli di formulazione strategica di un organizzazione Livello

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan. Dall idea al progetto esecutivo

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan. Dall idea al progetto esecutivo GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Dall idea al progetto esecutivo CORSO DI ECONOMIA APPLICATA ALL INGEGNERIA Anno Accademico 2013/2014 Lezione 1 INDICE 1. IL BUSINESS PLAN... 3 La funzione del Business

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Pubblicità e strategie di comunicazione integrata A. a. 2013-2014

Pubblicità e strategie di comunicazione integrata A. a. 2013-2014 Pubblicità e strategie di comunicazione integrata A. a. 2013-2014 La sfida: individuare e costruire un consumer insight Una motivazione rilevanteper il target specifico, necessariaa comunicare il beneficio

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

what your brand wants B2B Communication

what your brand wants B2B Communication BB Communication Comunicazione glob ale, soluzione unica Abbiamo sviluppato nel tempo una specifica esperienza nelle attività di comunicazione più efficaci per le aziende che operano in mercati Business

Dettagli

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND

VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND VIAGGIO NEL TV BRAND 1 1. L INNOVAZIONE DEL MERCATO TELEVISIVO: LA FORZA DEL TV BRAND Nello scenario che è stato descritto nella prima parte, conquistare la scelta di visione del telespettatore diventa

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

E-BUSINESS PLAN. Business Plan delle Internet startup e dei progetti di e-business

E-BUSINESS PLAN. Business Plan delle Internet startup e dei progetti di e-business E-BUSINESS PLAN Business Plan delle Internet startup e dei progetti di e-business COS E UN B.P. Un processo strutturato per la raccolta di informazioni e per le valutazioni di un nuovo progetto di business

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel Master in Management degli Eventi Turismo Congressuale e Incentive Travel Il Master è stato progettato e strutturato sullo standard dei requisiti professionali approvati da Federcongressi & Eventi e MPI

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Business Plan. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

Business Plan. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Business Plan Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Business Plan - Premessa Idea Mission Pianificazione Strategia Business Plan A che cosa serve un Business Plan? Le forma del

Dettagli

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione 1 Che cosa si intende con il termine? Una lettura attraverso i grandi cambiamenti sociali, economici e i cambiamenti, last but not least, tecnologici

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Management: perchè, dove, come e quando

Management: perchè, dove, come e quando Management: perchè, dove, come e quando Il corso si propone di far conoscere il set degli strumenti che ogni manager deve portarsi in ogni viaggio/sfida aziendale, far comprendere dove il viaggio manageriale

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality Mettere in pratica una strategia di customer experience Michele Gorgoglione, Politecnico di Bari Phil Klaus, ESCEM School of Business and Management Le strategie di customer experience stanno rapidamente

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Comunicazione! e marketing. scrivere per vendere! scrivere per persuadere

Comunicazione! e marketing. scrivere per vendere! scrivere per persuadere Comunicazione! e marketing scrivere per vendere! scrivere per persuadere Circuito di significazione La comunicazione è un processo circolare : emittente e ricevente non si rapportano in modo uni o bidirezionale

Dettagli

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel Master in Management degli Eventi Turismo Congressuale e Incentive Travel Il Master patrocinato da Federcongressi&Eventi e MPI è il più importante in Italia per la formazione di giovani professionisti

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

RETURN EXIT. Customer Win-back di CFI Group DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? Riguadagnare la relazione con i Clienti persi

RETURN EXIT. Customer Win-back di CFI Group DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? Riguadagnare la relazione con i Clienti persi DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? RETURN EXIT Customer Win-back di CFI Group Riguadagnare la relazione con i Clienti persi Qual è il tasso di defezione dei clienti nella vostra azienda? Siete impegnati

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA Pag. 1 Direzione Comunicazione IL BUSINESS PLAN IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA 1 Pag. 2 Il business plan È un documento organizzato. Il Business plan è il quadro di riferimento dei manager. Per

Dettagli

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Divisione Ricerche Claudio Dematté LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Paolo Guenzi, Gabriele Troilo Convegno Multiconsult E nata prima la gallina Kilometro Rosso 4 dicembre

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata. Project Work

Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata. Project Work Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Pubblicità e strategie di comunicazione integrata Project Work Ogni gruppo lavorerà come se fosse un agenzia di consulenza incaricata di valutare le attività

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il flusso di lavoro in un agenzia media

Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il flusso di lavoro in un agenzia media Il Brief del Cliente Il planning strategico Analisi della concorrenza Analisi e costruzione del target Gli obiettivi di comunicazione

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

MANAGEMENT. Trucchi e consigli per redarre un business plan di successo. Il piano industriale. FrancoAngeli

MANAGEMENT. Trucchi e consigli per redarre un business plan di successo. Il piano industriale. FrancoAngeli Sebastiano Di Diego, Claudio Gigli, Patrizia Camilletti Il piano industriale Trucchi e consigli per redarre un business plan di successo MANAGEMENT FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Dalla Strategia Dichiarata al Risultato

Dalla Strategia Dichiarata al Risultato Dalla Dichiarata al Risultato Modelli e strumenti di gestione del canale Milano 12 Giugno 2008 Influenzare l Innovazione 2008 Artax Srl e.favarato@miglioramento.it www.artaximprovement.biz 1 Schema di

Dettagli

Osservatorio sulla figura e ruolo del Controller Prima fase Novembre 2012

Osservatorio sulla figura e ruolo del Controller Prima fase Novembre 2012 EXECUTIVE SUMMARY La necessità di una certificazione delle competenze del Controller italiano è essenziale nello attuale contesto socio economico. Il nuovo quadro normativo recentissimamente approvato

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Area TREND MERCATI. TITOLO Osservatorio AISM Marketing B2B in Italia 2015. Fonte Elaborazione ANES su dati AISM 2015. Anno 2015. N. Doc B-2.

Area TREND MERCATI. TITOLO Osservatorio AISM Marketing B2B in Italia 2015. Fonte Elaborazione ANES su dati AISM 2015. Anno 2015. N. Doc B-2. Osservatorio AISM Marketing B2B in Italia 2015 8 Fonte Elaborazione ANES su dati AISM 2015 2 8 Executive Summary L Osservatorio AISM censisce ogni anno le abitudini di spesa dei marketer B2B in Italia;

Dettagli

Le politiche retributive in azienda : offering e case histories

Le politiche retributive in azienda : offering e case histories Le politiche retributive in azienda : offering e case histories Bologna, 22 giugno 2011 Indice Contesto di riferimento Definizione di Sistema Incentivante La soluzione proposta Analisi esterna Progettazione

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE

IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE La segmentazione della lead generation per tipologia di cliente. Come raggiungere i 26 milioni d italiani uniti da internet ma divisi in 8100 comuni? What s next in customer

Dettagli

di Antonio Ferrandina

di Antonio Ferrandina COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN PARTE III di Antonio Ferrandina CONCORRENZA Questa sezione è dedicata ad un'analisi approfondita della Concorrenza. In genere, i dati che si possono includere, se conosciuti,

Dettagli

! "#$ #$$% # % &#'('! #' ' %. $$ /'( &

! #$ #$$% # % &#'('! #' ' %. $$ /'( & ! "#$ #$$% # % &#'('! )**+,)**- #' ' %. $$ /'( & IL PROCESSO DI MARKETING Capitolo 3 La pianificazione di marketing: dalla strategia alla gestione operativa Marketing Marketing La pianificazione di marketing

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Web Listening Ascolto della rete

Web Listening Ascolto della rete Web Listening Ascolto della rete Social Media Analysis & Research. L evoluzione della ricerca applicata ai mercati conversazionali. Come individuare le opportunità di un ascolto strategico della Rete.

Dettagli

LA FUNZIONE COMMERCIALE seconda parte: analisi della domanda e delle motivazioni di acquisto

LA FUNZIONE COMMERCIALE seconda parte: analisi della domanda e delle motivazioni di acquisto Economia e Gestione delle Imprese LA FUNZIONE COMMERCIALE seconda parte: analisi della domanda e delle motivazioni di acquisto Prof. Arturo Capasso L ANALISI DELLA DOMANDA ANALISI QUANTITATIVA DELLA DOMANDA

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

COME DIVENTARE BRAND. Percorso formativo I Mestieri della creatività. IAAD - 24 marzo 2014

COME DIVENTARE BRAND. Percorso formativo I Mestieri della creatività. IAAD - 24 marzo 2014 Andrea Terranova COME DIVENTARE BRAND Percorso formativo I Mestieri della creatività IAAD - 24 marzo 2014 Passo 1: Analisi di Start Up L'analisi di Start Up costituisce il passaggio fondamentale per poter

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Cinti Luciani Andrea. Esperienza professionale. Cognome Nome. a.cintiluciani@scsconsulting.

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Cinti Luciani Andrea. Esperienza professionale. Cognome Nome. a.cintiluciani@scsconsulting. Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome E-mail Cittadinanza a.cintiluciani@scsconsulting.it Italiana Data di nascita 30 gennaio 1975 Esperienza professionale Nome e indirizzo del datore di

Dettagli

di marketing Capitolo 13 La pianificazione 1. Il marketing management

di marketing Capitolo 13 La pianificazione 1. Il marketing management Capitolo 13 La pianificazione di marketing Sommario 1. Il marketing management. - 2. Il marketing mix. - 3. Dalla pianificazione strategica al piano di marketing. - 4. Il piano di marketing. - 5. Il piano

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli