PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI PISA FEBBRAIO 08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI PISA FEBBRAIO 08"

Transcript

1 PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI PISA FEBBRAIO 08

2 Indice Indice...2 Premessa...3 Approccio Metodologico...5 Il Posizionamento competitivo della Provincia di Pisa...9 Quadro di Sviluppo Socio-Economico...9 La dotazione infrastrutturale...16 Lo sviluppo economico provinciale a livello di settore...23 L offerta territoriale della provincia di Pisa nei settori strategici...39 La strategia di Marketing Territoriale della Provincia di Pisa...59 Vision e Obiettivi Strategici...59 I Progetti Strategici...60 Azioni di accompagnamento

3 Premessa Il Piano di Marketing Territoriale della Provincia di Pisa nasce dalla consapevolezza di dover definire una strategia di marketing del territorio che, tenendo conto delle specificità e peculiarità della Provincia e puntando allo sviluppo complessivo del suo sistema produttivo, si concentri però entro quegli ambiti settoriali che, seppure ad oggi rappresentano una parte di minor rilievo della struttura economica provinciale, si configurino - in una prospettiva di medio-lungo termine - come quelli a maggior potenziale di sviluppo. Ciò è necessario soprattutto in una situazione di scarsità di risorse, e quindi di necessità di efficientamento della spesa, nella quale si devono concentrare gli sforzi, sfruttando appieno il patrimonio storico ed esperienziale della provincia, in quei settori in grado di innalzare la value proposition del territorio. In tale ottica, la Provincia ha operato la scelta strategica di focalizzare l attenzione del Piano di Marketing Territoriale su sei settori di attività economica: Turismo, Cultura, Information Communication Technologies, Produzione di imbarcazioni da diporto di lusso, Chimica, Ricerca e Sviluppo. Sulla base di tali prerogative, sono stati individuati i tre settori che presentano in questo momento il maggior potenziale di sviluppo, per porli al centro di una Strategia di Marketing Territoriale indirizzata allo sviluppo armonico dell intera provincia, fondata sulla seguente Vision : Diventare uno dei 5 principali poli attrattivi in Italia per gli IDE, sfruttando le potenzialità di un sistema economico in grado di evolversi secondo le esigenze del mondo attuale, fondandosi: su un sistema di conoscenze vasto e potenzialmente illimitato sulla valorizzazione di un patrimonio naturale, artistico ed esperenziale inestimabile. Tale sfidante ambizione di sviluppo si declina in quattro obiettivi strategici: Creare le condizioni per una piena valorizzazione dell offerta competitiva della provincia; Attrarre investitori che permettano di riposizionare la value proposition del territorio, nei suoi settori strategici, su segmenti di attivià ad elevato valore aggiunto; Catalizzare risorse per lo sviluppo di progetti di R&S, ad elevato potenziale di applicazione industriale, dedicati alle Scienze della vita; Sfruttare gli spazi insediativi valorizzando le competenze e la tradizione produttiva del territorio. 3

4 Di conseguenza, la struttura della Strategia di Marketing territoriale funzionale al perseguimento degli obiettivi strategici enunciati si articola in sei Progetti Strategici, distinti in azioni di carattere trasversale - mirate allo sviluppo dell intero apparato produttivo pisano ed azioni focalizzate sui tre settori ad alto potenziale di sviluppo. Grafico 1 - I Progetti Strategici Tuttavia, la piena funzionalità della Strategia di Marketing Territoriale, ma soprattutto la valorizzazione del sistema provincia, si ritiene debbano passare dall affiancamento dei progetti strategici con delle azioni di accompagnamento da implementare a livello di settore. Ciò per contemperare l esigenza di valorizzare a pieno l offerta territoriale con quella di realizzare un azione di promozione e comunicazione costante del territorio in ambito nazionale ed internazionale. Di conseguenza, sono state definite una serie di azioni di accompagnamento, secondo un approccio di marketing mix articolato entro due macro-ambiti: interventi sulle componenti dell offerta territoriale: volti ad adeguare, modificare o innovare le condizioni dell offerta territoriale; interventi di promozione e comunicazione: volti a far conoscere al pubblico le opportunità offerte dal territorio, a svilupparne una immagine e rafforzarne il posizionamento competitivo. 4

5 Approccio Metodologico Quadro di sviluppo Socio-Economico Grafico 2 - Framework Il quadro di sviluppo socio-economico della provincia di Pisa è stato analizzato rispetto a cinque ambiti di riferimento: Benessere socio-economico; Crescita ed efficienza del sistema produttivo; Competitività e dinamicità del sistema produttivo; R&S ed innovazione; Altre variabili di contesto. Ciascuno degli ambiti di riferimento è stato esaminato tramite l analisi di variabili che consentano di inquadrare il posizionamento della Provincia rispetto ai principali benchmark nazionali: Regione Toscana, Regioni del Centro Italia, Nord-Ovest e Sistema Paese nel suo complesso. Il tutto su di una prospettiva temporale che, partendo dal 1999 si arresta all ultimo anno rispetto a cui si dispone di dati consistenti 1. 1 Nel reperimento delle informazioni utili ai fini della redazione dell analisi si sono riscontrate criticità, dovute alla mancanza di serie storiche di dati aggiornate e con dettaglio di carattere provinciale. 5

6 Ciò ha consentito di evidenziare le potenzialità di sviluppo economico ed attrattive della provincia di Pisa, individuando gli ambiti entro cui la provincia presenta dei vantaggi competitivi rispetto ai principali benchmark di riferimento, e stabilendo su quali di essi la Provincia debba investire in quanto Fattori Critici di Successo (FCS). La dotazione infrastrutturale L inquadramento del livello di dotazione infrastrutturale, finalizzato a presentare la competitività dell offerta localizzativa della provincia di Pisa nei termini della dotazione infrastrutturale in essa presente, si è svolto rispetto ai seguenti ambiti di indagine: Dotazione generale di infrastrutture; Infrastrutture di trasporto; Infrastrutture economiche; Infrastrutture sociali. Ciascuno degli ambiti di riferimento è stato esaminato tramite il confronto, su di un opportuno set di indicatori, dei valori rilevati per l area Pisana con i principali benchmark nazionali di riferimento - Toscana, Centro-Italia, Nord-Ovest, e Sistema Paese nel suo complesso - sui dati stock relativi agli anni 1991 e Lo sviluppo economico provinciale a livello di settore L analisi dello sviluppo economico provinciale a livello di settore è stata finalizzata alla individuazione dei settori strategici per la provincia di Pisa. In particolare, lo studio che ha previsto delle opportune comparazioni con la realtà provinciale nel suo complesso e quella regionale - è stato organizzato rispetto ai seguenti ambiti di indagine 2 : la specializzazione nel settore del sistema imprenditoriale provinciale, intesa come incidenza delle imprese di settore sul totale delle imprese provinciali, e valutata a confronto con i valori relativi ai sistemi produttivi regionale ed italiano; la dinamicità del settore, valutata in funzione dei due seguenti parametri: o la dinamica demografica delle imprese del settore, a confronto con i valori relativi alla provincia intesa come crescita del totale delle imprese - ed alla regione intesa come crescita delle imprese di settore - 3 ; o la performance competitiva di settore, a confronto con i valori relativi alla provincia intesa come sistema produttivo aggregato ed alla Regione intesa a livello di 2 Non è stato possibile utilizzare, per mancanza dei dati sia a livello provinciale e regionale, le variabili Valore Aggiunto e N. di occupati per i sei settori di analisi. 3 Tale approccio è stato funzionale a stabilire se la dinamica riscontrata a livello settoriale/provinciale sia in qualche modo dipendente, e con quale intensità, da una particolare situazione contestuale (provincia piuttosto che settore in regione), o se la dinamica riscontrata,invece, sia dettata da condizioni di sviluppo legate esclusivamente al settore stesso nell ambito della provincia di Pisa. 6

7 settore. Ciò è stato valutato per ciascun settore in funzione della crescita nel valore relativo ad un apposita variabile di analisi: (i) esportazioni, nel caso di Farmaceutico, Cantieristica, Cultura, ed ICT; (ii) presenze turistiche, nel caso del Turismo; (iii) numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) - valori pro capite per milione di abitanti -, nel caso della R&S. la tendenza nazionale relativa allo sviluppo del settore; la capacità di attrazione di Investimenti Diretti Esteri nel settore a livello Italiano, inteso come la crescita del numero di operazioni di investimento nel settore nel periodo L offerta territoriale della provincia di Pisa nei settori strategici L analisi relativa al posizionamento della provincia di Pisa nei tre settori strategici è avvenuta operando un confronto tra la provincia stessa e le realtà Europee considerabili quali suoi benchmark, ed è stata condotta in maniera differente nei settori Farmaceutico/Biotech ed ICT rispetto a quanto realizzato per il comparto della Produzione di imbarcazioni da diporto di lusso. In particolare, nei primi due settori, il posizionamento della provincia è stato giudicato rispetto alla capacità di attrarre Investimenti Diretti Esteri, indagando il posizionamento di Pisa in funzione delle due seguenti variabili: Quota relativa: incidenza sul totale delle operazioni di investimento registrate presso i territori considerati; Media di Crescita delle operazioni di investimento sul territorio nel periodo Ciò ha permesso di individuare il posizionamento della provincia di Pisa rispetto alle offerte territoriali concorrenti 4, identificando tra queste i territori leader (elevato livello di crescita delle operazioni nel periodo associato ad una rilevante quota relativa di incidenza sul totale delle operazioni effettuate), i territori follower (basso livello di crescita delle operazioni nel periodo associato ad una scarsa quota relativa di incidenza sul totale delle operazioni effettuate), ed i territori con posizionamento intermedio. Inoltre, sono stati indagati, per gli specifici gruppi, i sub-settori (elettronica, software, biotech, farmaceutico,etc.) e le funzioni aziendali (R&S, marketing, manufacturing, etc.) entro cui si sono concentrati maggiormente gli investimenti nel settore. Differentemente, il posizionamento della provincia di Pisa nel comparto della diportistica di lusso, data la specificità del segmento e la mancanza di informazioni sulle operazioni di investimento, è stato individuato tramite una survey condotta sui principali imprenditori operanti nel settore in provincia, in maniera da comprendere quale fosse la loro percezione del 4 I territori concorrenti sono stati individuati sulla base di criteri di coerenza territoriale (in termini di superficie e popolazione) e di offerta infrastrutturale (centri universitari, poli di eccellenza, etc). 7

8 livello di competitività raggiunto dalla provincia stessa rispetto alle aree territoriali concorrenti. Per ciascuno dei tre settori è stata data evidenza di: elementi che qualificano un territorio e lo rendono attrattivo dal punto di vista dell investitore, venendo definiti come Fattori Critici di Successo per l attrattività di investimenti nel settore; elementi attorno a cui fondare il successo dell offerta territoriale della provincia di Pisa; elementi su cui intervenire per incrementare il livello di competitività dell offerta territoriale della Provincia. Strategia di Marketing Territoriale La strategia di Marketing Territoriale è stata definita sulla base di una vision condivisa che è stata declinata in obiettivi strategici a partire dai quali sono state definite delle linee di intervento suddivise in: Interventi trasversali; Interventi settoriali; che saranno implementate attraverso i Progetti Strategici. Per ogni Progetto Strategico sono stati individuati: Obiettivi; Finalità di intervento; Azioni; Tempistica. 8

9 Il Posizionamento competitivo della Provincia di Pisa Quadro di Sviluppo Socio-Economico Benessere Socio Economico Competitività e dinamicità del sistema produttivo Altre variabili di contesto La provincia mostra una condizione di sviluppo dinamica, ma sulla quale è necessario intervenire con sempre maggiore efficacia attraverso strategie mirate di valorizzazione del territorio. Nel dettaglio, rispetto allo sviluppo del benessere socio economico, la provincia di Pisa appare in ritardo solo rispetto al Nord Ovest: il territorio presenta un mercato del lavoro adeguato alle esigenze della propria popolazione (tasso di disoccupazione pari solo al 3,9% nel 2006), garantendo dei livelli di ricchezza pro-capite crescenti (+2,5% tra il 1999 ed il 2005), ma tuttavia su dei livelli ancora distanti da quelli osservati per l area Nord Occidentale del Paese. Relativamente alla competitività e dinamicità del sistema produttivo, è di rilievo la capacità mostrata dalla provincia di attrarre 2 operazioni di investimento dall estero nell anno Ciò, associato alla presenza di un tessuto imprenditoriale attivo (tasso di evoluzione delle imprese elevato e mediamente pari a +1,9% nel periodo ), colloca Pisa indietro solo nei confronti nel Nord Ovest, e sembra configurarsi come ulteriore spia di un quadro di sviluppo dinamico del sistema economico territoriale. In tale ambito la nota parzialmente negativa è rappresentata invece dal grado di apertura al commercio internazionale: la provincia infatti, seppure in un quadro complessivamente positivo, ha mostrato un ritardo - rispetto sia al Nord Ovest che alla Regione Toscana - nelle performance relative al tasso di propensione all esportazione ed al tasso di apertura del mercato. In ottica positiva non deve essere sottovalutato il significativo posizionamento della provincia rispetto ad una serie di altri elementi (sviluppo di sicurezza e criminalità; funzionamento del sistema creditizio e finanziario; prospettive di vita e sviluppo delle imprese) che permettono di qualificare le caratteristiche di un territorio rispetto alla sua capacità di garantire alle imprese che vi operano, o che debbano decidere se localizzarvisi, oltre che alla popolazione che vi risiede o lavora, tutte le condizioni che contraddistinguono un ambiente ottimale: Pisa evidenzia una condizione di vantaggio competitivo nei termini delle condizioni di sicurezza garantite sul territorio, oltre che di una situazione di scarsa diffusione della criminalità; il funzionamento del sistema finanziario e creditizio della provincia è caratterizato da un più che positivo andamento del dato relativo delle sofferenze bancarie. Tuttavia, non è pienamente simmetrica la condizione relativa all andamento dei protesti, rispetto alla 9

10 Crescita ed efficienza del sistema produttivo R&S quale l area Pisana si colloca al terzo posto nel ranking relativo agli aggregati territoriali considerati; infine, relativamente ai fallimenti di impresa, la provincia è in una posizione che le imputa uno svantaggio competitivo solo nei confronti della regione toscana. Luci ed ombre contraddistinguono il sistema Pisa nei termini di potenziale di crescita ed efficienza produttiva: la variazione del valore aggiunto 5 nel periodo di riferimento è stata crescente (+20,2% tra il 1999 ed il 2005), ma in una misura inferiore rispetto ai target di riferimento, mentre le dinamiche occupazionali di settore e relative alla efficienza produttiva descrivono una situazione interlocutoria: da qui la necessità di pensare a delle azioni di marketing indirizzate verso lo sviluppo di settori ad elevato valore aggiunto, che consentirebbero anche un incremento dei livelli di esportazione. Proprio in tale quadro si innesta l opportunità rappresentata dal grande potenziale innovativo riconosciuto al territorio Pisano e riscontrabile nella elevata capacità brevettale dimostrata (il numero dei brevetti EPO registrati a Pisa ogni abitanti era pari a 11,8 nel 2005, un valore più che raddoppiato rispetto al 1999), oltre che nella presenza di strutture deputate allo svolgimento di attività di R&S di primissimo piano nello scenario italiano ed internazionale. È proprio questa peculiarità che deve fungere da propulsore del rilancio delle imprese e dell economia del territorio, oltre che da catalizzatore di iniziative imprenditoriali nuove e di prospettiva che garantiscano uno sforzo di orientamento dell economia provinciale verso produzioni ad elevato potenziale. 5 È da specificare che si fa riferimento alla misura del valore aggiunto a prezzi correnti. 10

11 Grafico 1 Posizionamento socio economico della provincia di Pisa Benessere socio-economico Altre variabili di contesto Crescita ed efficienza del sistema produttivo R&S Competitività e dinamicità del sistema produttivo Pisa Centro Toscana Italia Nord Ovest Fonte: Elaborazione Ernst & Young e Università di Pisa su dati Istat, Istituto Tagliacarne, MISE, Movimprese, European Investiment Monitor e Banca d Italia Anni:

12 R&S ed innovazione in provincia di Pisa: numeri e peculiarità della provincia più tecnologica al mondo Un sistema Universitario e di Ricerca ai vertici internazionali La provincia di Pisa è dotata di numerose strutture di ricerca di grande rilievo, in prevalenza pubbliche. In particolare, tra queste si distinguono primariamente tre strutture universitarie: Università di Pisa, fondata nel 1343; Scuola Normale Superiore, fondata nel 1810; Scuola Superiore Sant Anna, fondata nel L insieme di tali strutture costituisce un polo universitario di fama internazionale, con un corpo docente di circa professori e con una capacità attrattiva di popolazione studentesca pari a circa unità, numero di grande rilievo per una provincia che nel complesso conta circa abitanti. Peraltro, la popolazione studentesca vede una presenza significativa di laureati in discipline tecniche e scientifiche, in particolare Ingegneria, Scienze Matematiche Fisiche e Naturali 6, Medicina e Chirurgia, che nel 2005 hanno rappresentato rispettivamente il 22%, 12% e 10% dei laureati totali. Uno degli elementi più significativi del Polo Universitario pisano è rappresentato da importanti esperienze di ricerca internazionale applicate ai settori della Chimica industriale, Chimica farmaceutica, Medicina, Fisiologia e Biochimica, Agronomia, Matematica, Fisica, Informatica, Aerospaziale. La provincia di Pisa annovera inoltre al proprio interno importanti centri di ricerca, quali il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) con 14 Istituti e 5 Centri Studi; l Istituto Nazionale per la Fisica Nucleare (INFN); l Istituto Nazionale per la Fisica della Materia (INFM) e il Centro di Ricerca Termica dell E.N.E.L. (E.N.E.L. - CRT). Il sistema della ricerca appare integrato con il mondo esterno, come testimoniano alcune esperienze di rilievo di interconnessione tra ricerca e sistema produttivo territoriale. E importante evidenziare le attività del Centro interdipartimentale di Ricerca Enrico Piaggio, del Centro interdipartimentale di Ricerche Agro-Ambientali E.Avanzi, Centro interdipartimentale per gli Studi di Sistemi Complessi C.I.S.S.C., Centro di eccellenza AmbiSEN per lo studio degli effetti di Agenti Nocivi sui sistemi endocrino e nervoso, Centro CRIBE per la ricerca sulla biomasse a destinazione energetica) Laboratorio CRIM (Center for Applied Research in Micro and Nano Engineering) per lo studio di metodi di progettazione e tecnologie di fabbricazione di microcomponenti, microsistemi e micromacchine, Laboratorio In SAT per l innovazione nei sistemi aziendali e territoriali, Laboratorio M&I (Management e Innovazione). 6 Il Centre for Higher Education development (CHE) con sede a Gütersloh, in Germania, ha elaborato il Ranking of excellent european graduate programmes in the Natural sciences and Mathematics 2007 (Classifica dei programmi europei di eccellenza per laureati in Scienze naturali e Matematica 2007), inserendo il Dipartimento di Fisica dell Università di Pisa tra i primi 24 in Europa. 12

13 Inoltre, è recentissima la notizia della costituzione del Quantum Information Competence Center, primo centro italiano di informatica quantistica, coordinato dalla Scuola Normale di Pisa, che ha vinto l IBM Faculty Award per l iniziativa, che coinvolgerà aziende, centri di ricerca ed istituti universitari, al fine di esplorare le potenzialità e l impatto dei computer quantistici sullo sviluppo del software e dell hardware del futuro. Il progetto si inserisce in una collaborazione già esistente tra IBM e l Institut de Ciencies Fotoniques (Icfo) in Spagna, punto di riferimento mondiale nel campo dell ottica quantistica e mira ad allargare tale collaborazione includendo la Scuola Normale Superiore di Pisa. Un ulteriore peculiarità della provincia di Pisa è rappresentata dall esperienza degli spin off. Di seguito sono elencate le esperienze più significative di incubatore d impresa realizzate nel territorio provinciale pisano: Polo Tecnologico di Navacchio; Polo Sant Anna Valdera - Pont-Tech. Una fama internazionale confermata da numeri eloquenti Il potenziale della provincia di Pisa in termini di innovazione ed R&S emerge chiaramente dalla lettura di alcuni indicatori fondamentali, economici e di ricerca, che descrivono il peso della provincia sul totale italiano. 4,4% sugli addetti R&S 0,68% sulla popolazione VS 6% sui brevetti madein Italy 5% sui brevetti di ricerca statunitensi 8,1% sugli spin-off da Università e Ricerca 6,7% sui progetti finanziati dall Unione Peraltro, il confronto di Pisa con Italia ed UE (vedi grafico seguente) rispetto ad alcune variabili chiave per stilare un giudizio sulla capacità innovativa e sulla propensione ad investire in R&S di un territorio lascia emergere l istantanea di una Provincia che, geograficamente limitata, si caratterizza per una difficilmente replicabile concentrazione di: risorse - umane e materiali dedicate allo sviluppo innovativo e tecnologico, operatori e specializzazioni produttive hi-tech. 13

14 La provincia di Pisa a confronto con Italia ed UE Spesa in R&S (% su PIL) Quota export del comparto hi-tech Variazione dell'occupazione hi-tech dal 1995 Laureati in discipline tecnologiche % Laureati ogni 1000 abitanti Italia Pisa UE Docenti, assistenti e ricercatori ogni 1000 abitanti La provincia di Pisa è leader mondiale per la quota di Prodotto Interno Lordo dedicata ad attività di R&S: tale valore - 3,5% del PIL nel era pari al triplo della spesa media italiana (1,19%), oltre che a quelle medie Europea (1,9%) e Statunitense (2,6%). Dalla R&S al mercato: dalla Normale di Pisa ad imprese di successo sui mercati internazionali ISE ed Alta Spazio passando dal Polo Tecnologico di Navacchio Scuola Normale di Pisa La Normale di Pisa, che si distingue per un coefficiente di attrattività pari al triplo della media italiana - il 5,6% degli studenti iscritti nel 2005 erano provenienti da Paesi diversi dall Italia - stanzia il 27% del totale delle spese relative al funzionamento della struttura universitaria per la Ricerca ed attività funzionali alla creazione ed alla coltivazione di rapporti di collaborazione con i migliori centri di ricerca al mondo. Polo Tecnologico di Navacchio Nato nel 2000, su iniziativa del Comune di Cascina e della Provincia di Pisa, a seguito di un accordo di programma sottoscritto con la Regione Toscana ha l obiettivo di favorire un nuovo sviluppo dell innovazione nel sistema della piccola e media impresa, attraverso il sostegno dei rapporti tra imprese e mondo della ricerca scientifica. In sei anni si sono insediati nel Polo oltre 60 tra imprese e laboratori di ricerca, impegnati in settori ad alta tecnologia, quali: (i) ICT, (ii) Microelettronica, (iii) Biomedicale, (iv) Robotica, (v) Energia e ambiente. Sono state impiegate presso le imprese ed i laboratori del Polo circa 430 persone, di età media intorno ai 35 anni, con profili professionali caratterizzati da una elevata specializzazione tecnico-scientifica (circa il 76% di laureati). 14

15 Nel solo 2006, le imprese insediate hanno ottenuto un incremento medio, sia in termini di crescita di fatturato che di livelli di occupazione, vicino al 30%. Sempre nell ultimo anno si sono sviluppate 150 collaborazioni tra le imprese del Polo e diversi centri di eccellenza, che hanno portato allo sviluppo di numerosi progetti, prodotti e servizi. Elemento distintivo dell attività del Polo Tecnologico di Navacchio è rappresentato dalla istituzione nel 2003, insieme all Università di Pisa ed alla Provincia di Pisa, de l Incubatore d Impresa, di cui il Polo gestisce l operatività e che dall inizio della propria attività ha visto l insediamento di 18 imprese. Infine, il Polo Tecnologico di Navacchio si distingue per essere la sede operativa dell Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani APSTI -, presieduta dal Presidente del Polo. Tale Associazione sta lavorando per la costruzione di una rete nazionale dei parchi in grado di contribuire alla nascita della Filiera nazionale dell Innovazione, attraverso commissioni di lavoro ad hoc. Inoltre, Il Polo di Navacchio è coordinatore della Commissione Nazionale per gli Incubatori dei Parchi. Ingegneria dei sistemi elettronici ISE - Nata nel 1993 per iniziativa di cinque soci usciti dal Sistema di Formazione Universitaria di Pisa, la società, che investe il 10% del fatturato in Ricerca, opera attivamente nei settori Telecomunicazioni ed Automazione, concentrandosi soprattutto sul mercato della difesa, oltre che sui comparti ferroviario ed industriale. Tra i clienti principali vi sono numerosi governi, ma anche colossi industriali come la Alstom ed Ansaldo e Breda. Recentemente l azienda ha brevettato due prodotti rivoluzionari: Isenose e Petscan. Alta Spazio L azienda, nata nel 1999 da uno spin-off del Consorzio Pisa Ricerche, lavora allo sviluppo di propulsori elettrici per satelliti, servendo clienti quali la Nasa, la ASI e l Esa e riuscendo a competere, nella sua nicchia di mercato, con i colossi mondiali del settore. Alta è titolare di commesse legate alle prossime missioni su Mercurio (spedizione ESA nel 2012), ed è divenuta leader mondiale nel segmento dei piccoli satelliti. Tuttavia, le competenze interne all azienda si prestano a utilizzi di carattere differente, come dimostra il coinvolgimento nella progettazione di uno degli scafi italiani che ha partecipato alla recente Luis Vuitton Cup. NewCorTec SpA L azienda, start-up partecipata da Tecnobiomedica SpA e Umbra Cuscinetti SpA di Foligno, ha brevettato e realizzato la produzione pilota del primo cuore artificiale italiano. Il dispositivo, chiamato BestBeat, rappresenta il punto di arrivo della sperimentazione iniziata quasi trent anni fa al CNR insieme con FIAT e Società di Ricerca Tecnobiomedica SpA, poi sviluppata con le risorse del MIUR e culminata nella realizzazione dei dispositivi presso i laboratori del CNR di Pisa. 15

16 La dotazione generale di infrastrutture Infrastrutture di trasporto La dotazione infrastrutturale La dotazione infrastrutturale qualifica positivamente il potenziale di sviluppo competitivo del territorio della provincia di Pisa, e costituisce un fattore cruciale in grado di influenzare l insediamento e lo sviluppo delle imprese che decidono di investire ed operare al suo interno: Pisa ha fatto registrare una performance estremamente rilevante rispetto ai principali benchmark nazionali, presentando un posizionamento migliore rispetto a ciascuno di essi riguardo a tutti gli ambiti considerati, con l eccezione delle infrastrutture economiche. La provincia ha mostrato un Indice generale delle infrastrutture (125,1) che le è valso il primo posto nel ranking tra gli aggregati territoriali considerati dall analisi, seguita immediatamente dalle Regioni del Centro (118,2) e del Nord Ovest del Paese (116,2), a fronte invece di un distacco maggiore rilevato rispetto alla Toscana (111,4) e, soprattutto, rispetto al Sistema Paese 7. Pisa deve tale preminenza rispetto ai benchmark di riferimento soprattutto alle Infrastrutture di trasporto ed alle Infrastrutture sociali, con le seguenti specificità da segnalare rispetto a ciascuno dei due ambiti di approfondimento. L offerta localizzativa della provincia di Pisa è apparsa di alto livello dal punto di vista della logistica e dei trasporti, elemento fondamentale nella formulazione di un giudizio positivo rispetto al livello di competitività di un territorio: Pisa si colloca virtuosamente nell ambito di una tendenza che vede le Regioni del Centro Italia prevalere rispetto al Nord-Ovest ed al Sistema Paese, mostrando peraltro una performance migliore sia rispetto alla Regione Toscana (120,3 vs 114,6) che al Centro Italia (114,8). Ai fini della definizione del valore complessivo relativo alle Infrastrutture di trasporto emerge la significativa incidenza assunta dai valori delle dotazioni di infrastrutture portuali e aeroportuali, associata con una situazione di minima difficoltà rilevata rispetto alle infrastrutture stradali e, in misura più marginale, rispetto alle infrastrutture ferroviarie. 7 Gli indici di dotazione infrastrutturale utilizzati nell analisi sono costruiti prendendo come unità di riferimento il Sistema Paese per il calcolo dell indice relativo ad ogni aggregato territoriale considerato. Conseguentemente, ogni indice relativo alla dotazione infrastrutturale dell Italia assume il valore unitario 100, che rimane tale indipendentemente dall anno di osservazione. 16

17 Grafico 3 - Indici di dotazione infrastrutturale Italia=100 Indice generale delle infrastrutture Indice di infrastrutture economiche Indice di infrastrutture di trasporto Indice di infrastrutture sociali Pisa Centro Toscana Italia Nord-Ovest Fonte: Elaborazione Ernst & Young e Università di Pisa su dati Istituto Tagliacarne 17

18 L Aeroporto Galileo Galilei, elemento distintivo delle Infrastrutture di trasporto nella provincia di Pisa L aeroporto Galileo Galilei è situato a circa 1 km a sud di Pisa, in un area circoscritta a nord dalla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno, a sud dall aeroporto militare, a ovest dalla stazione ferroviaria aeroportuale e dalla viabilità comunale. Inoltre lo scalo pisano è inserito in una maglia stradale che ne rende facile l accessibilità da ogni direzione, e che sarà ulteriormente migliorata con gli interventi previsti sulla A11 in direzione Livorno-Civitavecchia, sulla A12 (3 corsia e collegamento con Viareggio) e sulla strada Firenze-Pisa-Livorno. L aeroporto è dotato di una propria stazione ferroviaria, Pisa Aeroporto, collegata con la stazione di Pisa Centrale da un servizio ferroviario dedicato attivato nel dicembre 2004, che garantisce collegamenti verso est in direzione Firenze, verso sud in direzione Livorno-Grosseto e verso nord in direzione Carrara La Spezia Genova. Inoltre, l aeroporto è collegato al centro di Pisa con un servizio di trasporto urbano frequente, il cui tempo di percorrenza è di 6 minuti con la stazione di Pisa Centrale e di 14 con il centro. Bus di società private collegano l Aeroporto Galilei con il centro di Firenze e con il terminal crociere del porto di Livorno (in periodo estivo). Non in sintonia con le elevate funzionalità dell aeroporto Galileo Galilei, le strutture ricettive non sembrano pienamente adatte ad una clientela legata al business, per la indisponibilità di un servizio taxi affidabile. La figura che segue presenta alcune delle maggiori compagnie aeree nazionali e internazionali 8 che operano sull aeroporto Galileo Galilei di Pisa. Air France Ryanair Air One Lufthansa Iberia Pisa GALILEO GALILEI Alitalia British Airways Skyeurope Easy Jet Delta Airlines 8 Le linee aeree con partenza dall Aereoporto di Pisa sono: Air Dolomiti (Monaco) - Air France (Parigi) - Air One (Catania, Palermo, Roma, Napoli) - Alitalia (Milano-Malpensa, Roma-Fiumicino) - Belle Air (Tirana) - British Airways (Londra-Gatwick) - Delta Airlines (New York City) - EasyJet (Berlino-Schoenefeld, Bristol, Parigi-Orly, Londra Gatwick) - ElbaFly (Isola d'elba) - Hapag Lloyd Express (Colonia-Bonn, Hannover, Stoccarda) - Helvetic Airways (Zurigo) - Iberia (Barcellona, Madrid) - Jet2 (Belfast, Edinburgo, Leeds/Bradford, Manchester, Newcastle) - Lufthansa (Colonia) - Norwegian (Oslo) - Ryanair (Alghero, Alicante, Amburgo, Billund, Bournemouth, Brema, Bruxelles-Charleroi, Cagliari, Doncaster-Sheffield, Dublino, East Midlands, Eindhoven, Francoforte-Hahn, Girona/Barcellona, Glasgow-Prestwick, Amburgo-Lubeck, Karlsruhe-Baden, Liverpool, Londra-Stansted, Malta, Palma, Oslo-Torp, Siviglia, Trapani, Valencia) - Thomsonfly (Coventry, Doncaster- Sheffield) - Transavia (Amsterdam) - Scandinavian Airlines (Stoccolma) - Skyeurope (Vienna,Bratislava) - Wind Jet (Catania). 18

19 Come destinazioni privilegiate emerge la rilevanza dei voli da/verso gli Hubs europei (Fiumicino, Malpensa, Parigi, Monaco, Londra) gestiti dalle relative compagnie di bandiera. Va segnala la nuova tratta Pisa -New York che ha visto nel primo mese il trasporto di più di passeggeri. Da segnalare, infine, i buoni risultati dell aviazione generale, ed il potenziamento dell attività courier con l insediamento di una base FedEx, che si aggiunge alla DHL già presente da tempo. Nei primi sei mesi del 2007 l' aeroporto di Pisa ha visto un numero di passeggeri pari a persone, in crescita del 14,9% rispetto allo stesso periodo del 2006, e i ricavi gestionali si sono attestati a 22,45 milioni di euro rispetto ai 20,26 milioni di euro del primo semestre dello scorso anno, con una crescita del 10,8%. In conclusione, a testimonianza della sempre maggiore rilevanza acquisita dall Aeroporto Pisano, la SAT - Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A. -, è stata quotata, il 28 luglio 2007, sul mercato azionario Borsa Italiana S.p.A. Volumi di traffico nell'aeroporto di Pisa Aeromobili Passeggeri (migliaia) Merci (tonnellate) Fonte: Elaborazioni Ernst & Young e università di Pisa su dati Assaeroporti Infrastrutture sociali Le infrastrutture sociali rappresentano la variabile di rilevo dell offerta infrastrutturale dell area Pisana, essendo l elemento che la qualifica in maniera sostanziale rispetto a tutti gli altri benchmark di riferimento: con un valore pari a 157,5, la provincia fa segnare nel 2004 un indice di infrastrutture sociali superiore di 20 punti rispetto all aggregato territoriale del Centro Italia (136,5), e in particolare, la suddetta performance dovuta alle strutture dedicate alla istruzione e strutture sanitarie, piuttosto che con riferimento a quella relativa alle strutture culturali e ricreative. 19

20 Infrastrutture economiche Infatti, per quanto concerne le strutture dedicate alla istruzione, la provincia di Pisa detiene un notevole vantaggio competitivo rispetto ai suoi benchmark. Tale aspetto assume una notevole significatività dal momento che il sistema dell istruzione assume una sostanziale rilevanza nel determinare le potenzialità attrattive e di sviluppo di un territorio, costituendo un indice essenziale della sua capacità di produrre R&S, innovazione e fenomeni di brain circulation e collaborazione fattiva tra il mondo produttivo e quello della Ricerca. In merito poi alle strutture sanitarie, la situazione osservata è analoga a quella riguardante le strutture dedicate all istruzione, visto che l area Pisana mostra la posizione migliore tra gli aggregati considerati, un altro aspetto questo che qualifica la provincia in maniera determinante facendole assumere un vantaggio competitivo notevole da tale punto di vista. Il punto di debolezza della provincia è rappresentato invece dalla dotazione relativa alle infrastrutture economiche mostrando una certa difficoltà del territorio provinciale nel garantire una offerta localizzativa adeguata in termini di innovatività e soddisfazione delle esigenze del sistema produttivo: in un contesto competitivo quale quello dell economia globale, l arretratezza rispetto alla dotazione delle reti bancarie, telematiche ed energetiche rappresenta infatti un elemento di scarsa competitività, che rischia di minare la capacità di un territorio di attrarre al proprio interno le risorse di una imprenditorialità sempre più attenta alle nuove tecnologie ed all efficientamento dei costi energetici. Peraltro, il posizionamento del Nord Ovest del Paese notoriamente l area nazionale che con maggiore capacità e continuità attrae a sé investimenti internazionali, e che rivela le migliori performance in termini di sviluppo economico rispetto a tale indicatore denota una certa strategicità di tale aspetto rispetto alla complessiva capacità competitiva ed attrattiva di un territorio, attribuendo al sostanziale ritardo della provincia di Pisa una significatività ancora maggiore. Riguardo alle infrastrutture economiche, unico ambito rispetto al quale la provincia rileva uno svantaggio competitivo rispetto ai benchmark di riferimento, emerge positivamente una tendenza al miglioramento riconoscibile a livello della dotazione relativa e da un andamento positivo relativo ad impianti e reti energetico ambientali. 20

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Primo Rapporto Annuale al Parlamento

Primo Rapporto Annuale al Parlamento Primo Rapporto Annuale al Parlamento Camera dei Deputati 16 luglio 2014 Indice Generale Premessa 3 Capitolo primo - Dati economici e problemi regolatori 4 Capitolo secondo - L attività dell Autorità 123

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

toscan i pri m i 'in Europa"

toscan i pri m i 'in Europa GG toscan i pri m i 'in Europa" IL sistema degli aeroporti toscani «è il nostro fiore all'occhiello», dice Martin Eurnekian ieri sulla pista di Peretola insieme al presidente di Corporacion America Italia,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Con il contributo tecnico-scientifico di: TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Il presente Rapporto, realizzato da SI.Camera per Unioncamere (coordinatore Amedeo

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli