Piano di marketing per gli operatori del centro storico di Gubbio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di marketing per gli operatori del centro storico di Gubbio"

Transcript

1 Frasconi Management Studio Piano di marketing per gli operatori del centro storico di Gubbio Dicembre 2010 Dott. Piero Frasconi, Via U. Fracassini, Perugia Tel./Fax : 075/

2 Indice Premessa..pag. 1 Fase 1: Analisi delle dinamiche demografiche e turistiche locali..pag. 2 Fase 2: Sondaggio presso gli operatori del centro storico.pag. 10 Fase 3: Sondaggio presso la clientela degli operatori del centro storico pag. 97 Fase 4: Interviste ad opinion leaders locali..pag. 106 Fase 5: Analisi del PRG e sopralluoghi visivi del tessuto urbano pag. 120 Fase 6: Definizione delle linee di intervento e dei progetti..pag. 127

3 Premessa Questo rapporto costituisce un documento utile, pur non avendo la pretesa di essere esaustivo, per affrontare operativamente e fattivamente il rilancio del centro storico di Gubbio. Oltre, infatti, ad una parte analitica, il lavoro ha già avviato un processo di miglioramento dei punti vendita e di rivitalizzazione del centro storico grazie a: interviste/check-up dei punti vendita attraverso i quali si è migliorata la competitività delle singole attività imprenditoriali; sondaggio presso i punti vendita per creare una immagine ed una comunicazione coordinata attraverso il sito internet; l individuazione di 11 progetti che se realizzati possono migliorare la competitività del centro storico; la realizzazione del business plan di una iniziativa imprenditoriale ( Produzioni editoriali di alto pregio) da realizzarsi nel centro storico. Questi quattro elementi vanno nella direzione, auspicata dal bando RESTA, della creazione di reti di impresa e di soggetti che si pongono in maniera unitaria e forte sul mercato. Più in particolare il lavoro comprende: una analisi delle dinamiche demografiche e turistiche riguardanti Gubbio ed il suo comprensorio; le schede di sintesi delle interviste dei punti vendita che hanno aderito al bando RESTA al fine di individuare una linea di comunicazione unica e coerente per la realizzazione del sito internet; le schede delle intervite / check-up dei punti vendita che hanno aderito al bando RESTA al fine di riposizionarne le diverse attività imprenditoriali; i risultati di sintesi di un sondaggio effettuato presso i cittadini/fruitori del centro storico; una serie di interviste ad opinion leaders (10 interviste), a quanti cioè, visto il ruolo che giocano a livello locale, sono in grado di immaginare e suggerire interventi volti a rilanciare il centro storico; la presa visione di alcuni documenti locali (in particolare il PRG ) al fine di inquadrare possibili interventi di rilancio del centro storico; individuazione e descrizione dei progetti che, in prima battuta, possono essere realizzati per migliorare la competitività del centro storico e la realizzazione del business plan di una iniziativa imprenditoriale da realizzarsi nel centro storico. 1

4 FASE 1 Analisi delle dinamiche demografiche e turistiche locali 2

5 1. Analisi delle dinamiche demografiche e turistiche locali Le dinamiche demografiche che hanno attraversato il comune di Gubbio negli ultimi 10 anni sono state caratterizzate da un sensibile incremento della popolazione pari circa unità, in parte da imputare alla presenza di nuovi immigrati. I residenti,infatti, sono passati dalle unità del 2001 alle del 2010, con un incremento pari al 4,3%. Tab. 1 Popolazione residente a Gubbio Area * Centro Storico Totale Gubbio Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio anagrafe del comune di Gubbio Più in particolare, per quanto riguarda il rapporto centro storico-periferia-frazioni va sottolineato come il 9.4% della popolazione risieda nel centro storico, il 36,5% nella prima cintura periferica a ridosso del centro storico e più della metà della popolazione sia residente nelle numerose frazioni presenti nel vasto territorio comunale. Tab. 2 Ripartizione delle popolazione residente al 2009 per aree Aree Popolazione residente % Centro storico ,4 Periferia ,5 Frazioni ,1 Totale ,0 Fonte: Nostre elaborazioni su dati Ufficio anagrafe del comune di Gubbio Altro aspetto rilevante è dato dal fatto che la popolazione residente nel cento storico risulta di età sensibilmente più avanzata rispetto a quella residente nell intero comune 3

6 Tab. 3 Popolazione residente al 2008 per fasce di età Fasce di età Centro Storico Totale Gubbio Fino a 20 anni 17,1 19, anni 9,8 11, anni 14,4 14, anni 14,5 14, anni 11,5 12, anni 11,7 11, anni 11,7 9, anni 7,8 5, anni 1,7 0,8 Oltre100 anni 0,1 0,1 Totale 100,0 100,0 Fonte: Nostre elaborazioni su dati Ufficio Anagrafe del comune di Gubbio Relativamente al turismo, questo rappresenta sicuramente un settore su cui puntare per lo sviluppo dell intera città e del centro storico in particolare. L offerta ricettiva, e di conseguenza le dinamiche degli arrivi e delle presenze, è stata attraversata da notevoli cambiamenti. Relativamente al comune di Gubbio, le strutture alberghiere ed i relativi posti letto sono, in termini numerici, pressoché rimaste invariate negli ultimi 15 anni (nel 1996 si contavano 19 strutture alberghiere per un totale di 995 posti letto, mentre nel 2010 si contano 20 strutture alberghiere per un totale di posti letto),al contrario, il settore extralberghiero, in particolare gli agriturismi, ha fatto segnare un consistente incremento sia in termini di strutture (si è passati dalle 61 unità del 1996 alle 169 del 2010 con un incremento del 177,0 %) che di posti letto( si è passati dai (1996) ai 2.627(2010) con un incremento del 116,0%), in risposta ai cambiamenti avvenuti nella domanda turistica ed alla immagine (Umbria,cuore verde d Italia) che la regione è andata progressivamente acquisendo nell immaginario collettivo. 4

7 Tab. 4 Capacità ricettiva del comune di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Esercizi Letti Esercizi Letti Esercizi Letti * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio Tab.5 Strutture alberghiere presenti nel Centro Storico di Gubbio Livello N. Strutture N. Posti letto 4 * * * * 1 15 Totale

8 Anche a livello di comprensorio si possono registrare analoghe tendenze : le strutture alberghiere nel periodo sono passate da 32 unità a 30 unità ( facendo registrare una lieve diminuzione) ed i relativi posti letto sono passati da a con un incremento del 9,3%; le strutture extralberghiere sono passate da 81 unità a 281 unità ( +246,9%) ed i relativi posti letto sono più che raddoppiati, passando dalle unità alle unità ( + 137,7% ). Tab. 6 Capacità ricettiva del comprensorio di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Esercizi Letti Esercizi Letti Esercizi Letti * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio 6

9 Al tempo stesso, arrivi e presenze sono stati contrassegnati da analoghi andamenti. In particolare per ciò che riguarda le strutture alberghiere presenti nel comune di Gubbio, gli arrivi, tranne che nel 1997 e 1998 in coincidenza del sisma, sono oscillati intorno alle unità, fatta eccezione per il 2002 dove sono state toccate le unità. Negli ultimi tre anni si registra, invece,una sensibile diminuzione degli arrivi che si sono attestati intorno alle unità. Tab. 7 Arrivi e presenze turistiche nel comune di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio Relativamente alle strutture extralberghiere, arrivi e presenze sono state contrassegnati da un crescente ed inesorabile aumento, in particolare si è passati da arrivi del 1996 a del 2009 ( + 141,4%), mentre per ciò che riguarda le presenze si è passati dalle unità (1996) alle del 2009 (+ 144,4%). In sostanza si può affermare che l incremento verificatosi in termini di arrivi e presenze nel territorio comunale sia da imputarsi principalmente al settore extralberghiero capace, con nuove 7

10 strutture e proposte, di intercettare la crescente domanda caratterizzata da una forte propensione verso un modo di trascorrere la vacanza meno tradizionale, più economico ed a contatto con la natura. Ciò appare ancora più evidente qualora si calcoli il peso dei due comparti (alberghiero ed extralberghiero) sul totale del settore turistico. Nel 1996 la quota, in termini di presenze rispetto al totale, del settore alberghiero era pari al 76,5% contro il 23,5% dell extralberghiero. A distanza di 13 anni, nel 2009, i due settori hanno quasi lo stesso peso, tanto che la quota delle presenze nell alberghiero risulta pari, rispetto al totale, al 52,8% contro il restante 47,2% dell extralberghiero. Analoghi riscontri si hanno qualora vengano analizzati i dati relativi all intero comprensorio. Anche in questo caso, visto anche il peso che Gubbio gioca sul territorio comprensoriale, si confermano le tendenze precedentemente descritte con: un comparto alberghiero che tra alti e bassi fa registrare un numero di arrivi tra i ed un numero di presenze oscillanti tra le e le nel periodo , per poi fare registrare un decisa diminuzione negli ultimi tre anni riportando il numero degli arrivi intorno alle unità un comparto extralberghiero che nell arco di 13 anni vede passare il numero degli arrivi da poco più di a quasi ed il relativo numero di presenze da a circa unità. 8

11 Tab. 8 Arrivi e presenze turistiche nel comprensorio di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio Quanto analizzato porta ad effettuare alcune considerazioni : il settore extralberghiero ha rappresentato nel periodo in esame il vero motore del turismo di Gubbio e del suo comprensorio, tanto che l incremento in termini di arrivi e presenze è da imputare principalmente a questo segmento di offerta; tale domanda è per lo più caratterizzata da turisti che tendono a muoversi ed a visitare altre località, parchi, ecc.., facendo perno sulla struttura extralberghiera scelta; tali turisti tendono a trascorrere, in genere, l intera giornata fuori dalla struttura ricettiva con una conseguente domanda in termini di servizi, di cultura, di ristorazione calibrata nell arco delle 8-10 ore; 9

12 importante è la quota dei turisti giornalieri, che risiedono e provengono fuori dal comprensorio e/o dalla regione, rispetto alla quale è necessario immaginare una offerta in termini di cultura, eventi, ristorazione, commercio in grado di trattenere tale turismo e di indurlo a spendere qualcosa in più di quanto non faccia ora. Alla luce di queste considerazioni vanno quindi ripensate: l offerta culturale della città che richiede per ciò che riguarda il centro storico la creazione di circuiti turistici caratterizzati da precisi temi alla luce delle relative esigenze dei vari segmenti di mercato; la capacità di proporsi con una offerta museale complessiva ed integrata rispetto all offerta dell intera città ( Unico biglietto per vedere, muoversi nella città, posteggiare acquistare in maniera scontata); l offerta degli eventi nel centro storico che vadano oltre la Corsa dei Ceri, manifestazione che riguarda più la città e della quali i turisti sono principalmente spettatori; una ristorazione meno tradizionale di quella attuale ( antipasto + primo + secondo + dessert) in grado di rivisitare e ripensare in maniera non scontata i piatti tipici, più flessibile ed innovativa nei tempi ( con nuovi tempi di apertura e fruizione) nei modi ( nuovi format ristorativi: es. le vecchie osterie ) e nei prezzi, capace di rispondere alle esigenze di chi, alloggiando in strutture agrituristiche, va e viene a Gubbio nell arco della giornata; la capacità di fare alleanze di territorio, in primis con Assisi, visto lo storico legame esistente tra le due città, al fine di catturare nuovi segmenti di mercato e dirottare su Gubbio quote di turismo giornaliero. 10

13 FASE 3 Sondaggio presso la clientela degli operatori del centro storico 97

14 3. Sondaggio presso la clientela degli operatori del centro storico Il sondaggio presso la clientela degli operatori economici ha evidenziato le seguenti macro tendenze: 1 - Il centro di Gubbio rappresenta un luogo capace di attrarre tutte le fasce sociali dagli imprenditori alle casalinghe ai pensionati. Fonte: indagine campionaria Tab. 1 Intervistati per Professione: % Imprenditore 9,4% Dirigente 0,9% Impiegato 23,1% Insegnante 12,0% Operaio 6,0% Artigiano 3,4% Libero professionista 9,4% Lavoratore autonomo 4,3% Disoccupato 0,9% Casalinga 9,4% Studente 11,1% Pensionato 10,3% TOTALE 100,0% 2 - La capacità attrattiva del centro è inoltre sottolineata dal fatto che gli intervistati provengono dalle diverse zone della città. Tab. 2 Dove abita? % Centro storico di Gubbio (dentro le mura) 22,7% Prima periferia (fuori le mura) 33,6% Periferia 15,1% Frazioni 21,8% altro Comune 1,7% Altro (specificare) 5,0% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 98

15 3 - I dati relativi all età degli intervistati confermano un centro rappresentativo della vita sociale di tutta la città ed delle diverse fasce di età. Tab. 3 Fascia di età: % Da 15 a 20 anni 3,4% Da 21 a 25 anni 10,2% Da 26 a 30 anni 14,4% Da 31 a 40 anni 27,1% Da 41 a 50 anni 17,8% Da 51 a 60 anni 15,3% Da 61 a 70 anni 7,6% Oltre 70 4,2% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 4 - Le motivazioni che spingono verso il centro storico sono molteplici: desiderio di passeggio, svago, vedere le vetrine, alla quale si aggiunge il bisogno, più specifico di effettuare acquisti. Tab. 4 Per quale motivo si trova qui oggi? % Acquisti 31,1% Banche/uffici 2,5% Lavoro/studio 8,4% Bar/ristorante 2,5% Paesaggio/svago 22,7% Vedere le vetrine 3,4% Chiesa 0,0% Farmacia/medico 2,5% Perché abita qui vicino/in centro 10,1% Estetista/centro benessere 14,3% Altro (specificare) 2,5% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 99

16 5 - Buona parte degli intervistati tende a rimanere in centro per un tempo, tutto sommato, abbastanza significativo in termini di ore. Per molti la permanenza oscilla tra 1-3 ore Fonte: indagine campionaria Tab. 5 Quanto tempo pensa di trascorrere in centro? % Meno di 1 ora 23,7% Da 1 a 2 ore 32,2% Da 2 a 3 ore 14,4% Più di 3 ore 16,9% Non sa 12,7% TOTALE 100,0% 6 Il mezzo più utilizzato per andare in centro è l auto,oppure si va a piedi Fonte: indagine campionaria Tab. 6 Con che mezzo ha raggiunto il centro storico? % A piedi 40,3% Bicicletta 0,0% auto 56,3% Moto 2,5% Bus 0,8% TOTALE 100,0% 7 - Tra coloro che utilizzano l auto ad una maggioranza tende ricercare ed utilizzare parcheggi liberi, ma una quota pari circa al 50% tende ad utilizzare i parcheggi a pagamento Fonte: indagine campionaria Tab. 7 Se è venuto in auto in quale parcheggio ha posteggiato? % Piazza Quaranta Martiri Parcheggio 11,1% Piazza Quaranta Martiri Giardinetti 9,7% Piazza Frondizzi 6,9% Seminario 13,9% Teatro Romano 4,1% Lungo le vie a pagamento 26,4% Altro (specificare) 27,8% TOTALE 100,0% 100

17 8 - Accanto ad un 24,1% di quanti hanno dichiarato di vivere in centro, è emerso un 39,7% degli intervistati che afferma di recarsi in centro quasi tutti i giorni, segno di un flusso costante di persone. Tab. 8 In genere quante volte si reca in centro città? % Ci vivo 24,1% Quasi tutti i giorni 39,7% 1-2 volte alla settimana 21,6% Il Sabato e la Domenica 5,2% Una volta ogni 15 giorni 3,4% Una volta al mese 0,9% Raramente 5,2% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 9 - Dall analisi effettuata emergono sicuramente necessità impellenti sulle quali lavorare al fine di innalzare il livello complessivo di soddisfazione dei cittadini. I punti di maggiore criticità sono rappresentati in primo luogo da: animazione del centro parcheggi gestione del traffico, viabilità ritenuta l arredo urbano Meno avvertiti, ma comunque soggetti a possibili miglioramenti, sono i problemi riguardanti: la segnaletica per la quale si sono dichiarati insoddisfatti circa il 50% degli intervistati il trasporto pubblico giudicato inadeguato dal 45,6% l illuminazione della quale si sono lamentati il 41,3% la pulizia della città ritenuta inadeguata dal 37,7% Positivamente sono invece percepite:: la sicurezza della città la convenienza dei negozi la varietà dei negozi la cortesia del personale e degli esercenti 101

18 Tabella 9 Valutazione degli aspetti critici del centro storico cortesia del personale dei negozi convenienza dei negozi varietà dei negozi animazione arredo urbano segnaletica gestione del traffico servizi autobus viabilità illuminazione sicurezza/microcriminalità pulizia parcheggi 94,6% 71,3% 76,1% 25,3% 43,4% 50,5% 35,6% 54,4% 41,3% 58,7% 85,0% 62,3% 31,6% 5,4% 28,7% 23,9% 74,7% 56,6% 49,5% 64,4% 45,6% 58,7% 41,3% 15,0% 37,7% 68,4% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% SUFFICIENTE INSUFFICIENTE Fonte: indagine campionaria 102

19 10 - L offerta commerciale è percepita non completa o comunque suscettibile di miglioramento. Tab 9. Secondo lei l'offerta commerciale del centro storico è: % sufficientemente ampia 12,7% completa 15,3% più o meno completa 40,7% incompleta 21,2% povera 10,2% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 11 I prezzi questi vengono percepiti o più o meno in linea con quelli dei negozi dei centri commerciali o sensibilmente più alti. Fonte: indagine campionaria Tab 11 I prezzi dei negozi del centro rispetto a quelli dei centri commerciali % di Gubbio sono: sensibilmente più bassi 0,9% leggermente più bassi 0,9% più o meno uguali 54,1% leggermente più alti 27,9% sensibilmente più alti 16,2% TOTALE 100,0% 12 - Quasi tutti gli intervistati, seppure con frequenze e modalità diverse, si recano presso i centri commerciali. Fonte: indagine campionaria Tab. 12 Lei fa acquisti nei centri commerciali, negli outlet, negli spacci % aziendali, ecc.? Si, spesso 29,4% Si, ogni tanto 39,5% Si, raramente 25,2% No, mai 5,9% TOTALE 100,0% 103

20 13. Più della metà degli intervistati fa acquisti in centri commerciali, outlet, ecc. fuori città. Fonte: indagine campionaria Tab. 12 Se si dove prevalentemente... % Centri commerciali di Gubbio 46,8% Centri commerciali di provincia 24,3% Outlet e spacci aziendali presenti in zona 2,7% Outlet e spacci aziendali in provincia/regione 11,7% Outlet e spacci aziendali fuori regione 9,0% altri negozi in provincia/regione 4,5% Altri (specificare) 0,9% TOTALE 100,0% 13- I motivi che inducono ad andare presso centri commerciali vanno ricondotti ai prezzi più convenienti,alla facilità di arrivo e alla disponibilità di parcheggi. Fonte: indagine campionaria Tab.13.. Se si, quale motivo la induce, da un punto di vista commerciale, ad % andare in questi luoghi? (max 2 risposte) Prezzi più bassi dei negozi 46,2% Facilità di arrivo 21,8% Parcheggio facile 30,3% Ampio assortimento di prodotti 27,7% Possibilità di avere più negozi in poco spazio 19,3% Gradevolezza dell'ambiente 3,4% Buoni servizi 4,2% Altro (specificare) 3,4% TOTALE - 104

21 14 - Le difficoltà dei negozi del centro sono, infine, dovute anche alla scarsa disponibilità di parcheggi sia all interno che nelle immediate vicinanze del centro storico, che finisce per influenzare la scelta dei consumatori. Fonte: indagine campionaria Tab. 14 Quanto incide la possibilità di arrivare con l auto e di parcheggiare nella scelta di un negozio del centro % storico? Nulla 15,4% Poco 17,9% Abbastanza 32,5% Molto 19,7% Moltissimo 14,5% TOTALE 100,0% 15 - I prodotti acquistati abitualmente nel centro storico di Gubbio sono riportati nella seguente tabella. Tab. 15 Quali prodotti acquista abitualmente in centro storico? (max 2 % risposte) Abbigliamento 55,5% Intimo 4,2% Calzature 11,8% Articoli sportivi 0,8% Profumeria 17,6% Gioielli/oro 10,9% Libri/riviste/giornali 37,8% Pelletteria 5,0% Cartoleria/giocattoli 3,4% Tessuti 0,8% Piante e fiori 0,8% Casalinghi/elettrodomestici 0,0% Foto/ottica 4,2% Alimentari 16,0% Altro (specificare) 11,8% TOTALE - Fonte: indagine campionaria 105

22 FASE 4 Interviste ad opinion leaders locali 106

23 4 - Interviste agli opinion leaders locali Le interviste agli opinion leaders sono state condotte seguendo una traccia articolata in 4 punti principali: Il centro storico e le sue problematiche L immagine della città di Gubbio L economia locale Il turismo Rispetto a questi macro temi si è lasciato parlare l intervistato cercando, ove necessario, di fare domande di approfondimento per meglio comprendere e specificare i diversi temi affrontati. Gli opinion leaders sono stati scelti di comune accordo con il committente. Di seguito viene proposta la sintesi delle interviste riportando le frasi degli intervistati. Infine, per rispettare l anonimato, le interviste sono state numerate casualmente senza riportate il nome dell interlocutore. 107

24 Intervista N. 1 Il centro storico La mobilità rappresenta il problema principale di Gubbio Mancanza di parcheggi,anche se qualcosa si sta facendo L interesse si è spostato in altre zone della città, una volta il centro era il salotto buono della città, punto di incontro Il centro storico si è andato progressivamente spopolando ed i commercianti hanno subito questa situazione Le associazioni di categoria hanno cercato e stanno cercando di rivitalizzare il centro storico, le iniziative sono ancora troppo estemporanee E necessario rivedere la conformazione urbanistica Gli uffici comunali abbandoneranno il centro per posizionarsi a Piazza 40 Martiri Si vanno liberando nuovi contenitori di proprietà pubblica nel centro storico E necessario un censimento di tali contenitori e individuarne le opportune destinazioni I valori immobiliari del centro storico sono alti Le giovani coppie tendono ad andare fuori dal centro sia per i prezzi che per comodità Via XX Settembre si è andata progressivamente spopolando L immagine della città L immagine che passa è quella di una città storica ed isolata Forte identità locale, forte attaccamento alle tradizioni La fiction di Don Matteo ha generato incrementi turistici ed ha favorito l immagine di Gubbio Il turismo negli anni è stato in crescita in questi ultimi anni sta perdendo colpi E migliorata la offerta turistica sia in quantità che in qualità C è stato un vero boom degli agriturismi Picchi di presenze a Pasqua, Santi, ecc.. L offerta turistica non è ancora focalizzata, mancano pacchetti turistici Non ci sono precisi prodotti turistici Il centro servizi non ha mai funzionato Si tenta di valorizzare Gubbio città medioevale Economia locale La situazione economica è in sensibile crisi L economia è legata alle imprese cementiere, alla Pubblica Amministrazione ed ai servizi Manca la cultura di impresa, c è una ricerca del posto fisso 108

25 L artigianato artistico riesce a produrre prodotti di grande qualità, ma fanno fatica a commercializzare i prodotti e sopravvivono con grande difficoltà I soggetti locali Esistono diversi soggetti locali e associazioni di categoria che operano nella città C è il rischio che più soggetti facciano la stessa cosa Soprattutto nel turismo c è un sovrapposizione delle competenze 109

26 Intervista N. 2 Il centro Storico Il centro storico è ben conservato Esistono delle problematiche legate al traffico ed alla circolazione Il centro storico si rilancia favorendo il ripopolamento del centro storico La maggior parte della popolazione è costituita da anziani Bisogna spingere sulla residenza nel centro storico E necessario che i commercianti rilancino le proprie attività e si associno E necessario ripensare la circolazione E necessario fare un progetto di arredo urbano del centro storico L immagine della città Immagine della città legata ad una cultura di tipo umanistico E necessario riqualificare la periferia E necessario legare l immagine di Gubbio a quella di Assisi ed al Francescanesimo Economia locale L economia è centrata sulle imprese cementiere Intorno alle imprese cementiere ruotano tutta una serie di imprese artigiane di servizio C è una sensibile crisi in atto Si stanno perdendo numerosi posti di lavoro E necessario puntare sul turismo C è ancora una forte presenza dell artigianato artistico che però stenta a sopravvivere Turismo Fare gli itinerari di Don Matteo L Hotel ai Cappuccini ha rilanciato il turismo anche se si posiziona su prezzi alti 110

27 Intervista N. 3 Il centro Storico Il centro storico è ben conservato ma non adeguatamente sfruttato da un punto di vista turistico Gubbio risulta una città chiusa per mentalità ed isolata da un punto di vista territoriale Fare l isola pedonale I vecchi commercianti si salvano ma i nuovi fanno fatica Molti provano ad aprire una attività commerciale nel centro storico ma con risultati alterni Affitti troppo elevati Immobili residenziali a prezzi troppo alti che hanno portato al progressivo spopolamento del centro storico L immagine della città Immagine della città : oasi di tranquillità Città non conosciuta legata a San Francesco e il lupo Città ultimamente conosciuta per Don Matteo E necessario puntare sulle caratteristiche artistiche e culturali della città Gubbio è conosciuta come area verde E necessario puntare sul medioevo Economia locale L economia è centrata sulle imprese cementiere C è una forte crisi in atto Turismo Puntare sul medioevo Fare percorsi tematici all interno del centro storico e, a partire da Gubbio, in tutto il comprensorio Fare dei prodotti turistici specifici che mirino a precisi target di mercato Creare delle mostre e degli eventi dentro i locali ed i palazzi attualmente non sfruttati Creare un circuito dei vicoli Puntare sul turismo scolastico Puntare sul turismo familiare 111

28 Soggetti Locali Esistono numerosi soggetti locali che operano a favore della città e del territorio L attività dei soggetti locali spesso si sovrappone Tutti fanno tutto 112

29 Intervista N. 4 Il centro Storico Il centro storico è ben conservato Gubbio è essenzialmente una città medioevale Il cento storico risulta difficile da vivere Ci sono problemi di viabilità, parcheggi, ecc.., che portano al progressivo spopolamento del centro storico L immagine della città Immagine della città legata al medioevo Città scarsamente conosciuta E necessario puntare sulle caratteristiche artistiche e culturali della città Gubbio è conosciuta come area verde, palestra a cielo aperto Economia locale L economia è centrata sulle imprese cementiere E necessario puntare sul turismo se si vuole uscire dalla attuale crisi Il turismo può diventare una industria Turismo Puntare su medioevo Puntare sul paesaggio naturale del comprensorio Puntare sull agriturismo Puntare sui prodotti tipici 113

30 Intervista N. 5 Il centro Storico Il cento storico risulta difficile da vivere e da fruire Mancano i parcheggi E necessario migliorare l arredo urbano L immagine della città Immagine della città legata essenzialmente al medioevo Città isolata Economia locale E necessario rilanciare l artigianato E necessario riportare le botteghe artigiane nel centro storico Turismo Puntare sul medioevo Fare dei percorsi turistici nel centro storico Fare dei percorsi turistici nel territorio del comprensorio Bisogna puntare sui musei 114

31 Intervista N. 6 Il centro Storico La città va organizzata meglio a livello di pedonabilità E necessario eliminare le auto Chiusura del centro storico con parcheggio organizzato Organizzare un mercato coperto all interno del centro storico E necessario fare riprendere vita al centro storico con i residenti Il rilancio del centro storico passa attraverso i residenti ed i commercianti L immagine della città Immagine della città legata essenzialmente al medioevo Economia locale La città si sta muovendo bene sul turismo Grazie a Don Matteo la città si è fatta conoscere Turismo Riorganizzare il sistema museale E necessario creare un rapporto diretto con Assisi per quanto riguarda il turismo Possibilità di presentare le varie fasi storiche che vanno dal 1000 A.C. al medioevo 115

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015

EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 Comune di Forlì PRESENTANO EXPORTIAMO BUON VIVERE 2015 NOTTE VERDE e dell'innovazione RESPONSABILE e SETTIMANA DEL BUON VIVERE a cura di Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico AZIENDA SPECIALE

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO

PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO 10 ANNI DI PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO IN ITALIA INDICE DEI CONTENUTI 1 INDICE Introduzione Definizioni e procedure di PPP PARTE PRIMA 1. IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE 2. IL MERCATO DEL PARTENARIATO

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli