Piano di marketing per gli operatori del centro storico di Gubbio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di marketing per gli operatori del centro storico di Gubbio"

Transcript

1 Frasconi Management Studio Piano di marketing per gli operatori del centro storico di Gubbio Dicembre 2010 Dott. Piero Frasconi, Via U. Fracassini, Perugia Tel./Fax : 075/

2 Indice Premessa..pag. 1 Fase 1: Analisi delle dinamiche demografiche e turistiche locali..pag. 2 Fase 2: Sondaggio presso gli operatori del centro storico.pag. 10 Fase 3: Sondaggio presso la clientela degli operatori del centro storico pag. 97 Fase 4: Interviste ad opinion leaders locali..pag. 106 Fase 5: Analisi del PRG e sopralluoghi visivi del tessuto urbano pag. 120 Fase 6: Definizione delle linee di intervento e dei progetti..pag. 127

3 Premessa Questo rapporto costituisce un documento utile, pur non avendo la pretesa di essere esaustivo, per affrontare operativamente e fattivamente il rilancio del centro storico di Gubbio. Oltre, infatti, ad una parte analitica, il lavoro ha già avviato un processo di miglioramento dei punti vendita e di rivitalizzazione del centro storico grazie a: interviste/check-up dei punti vendita attraverso i quali si è migliorata la competitività delle singole attività imprenditoriali; sondaggio presso i punti vendita per creare una immagine ed una comunicazione coordinata attraverso il sito internet; l individuazione di 11 progetti che se realizzati possono migliorare la competitività del centro storico; la realizzazione del business plan di una iniziativa imprenditoriale ( Produzioni editoriali di alto pregio) da realizzarsi nel centro storico. Questi quattro elementi vanno nella direzione, auspicata dal bando RESTA, della creazione di reti di impresa e di soggetti che si pongono in maniera unitaria e forte sul mercato. Più in particolare il lavoro comprende: una analisi delle dinamiche demografiche e turistiche riguardanti Gubbio ed il suo comprensorio; le schede di sintesi delle interviste dei punti vendita che hanno aderito al bando RESTA al fine di individuare una linea di comunicazione unica e coerente per la realizzazione del sito internet; le schede delle intervite / check-up dei punti vendita che hanno aderito al bando RESTA al fine di riposizionarne le diverse attività imprenditoriali; i risultati di sintesi di un sondaggio effettuato presso i cittadini/fruitori del centro storico; una serie di interviste ad opinion leaders (10 interviste), a quanti cioè, visto il ruolo che giocano a livello locale, sono in grado di immaginare e suggerire interventi volti a rilanciare il centro storico; la presa visione di alcuni documenti locali (in particolare il PRG ) al fine di inquadrare possibili interventi di rilancio del centro storico; individuazione e descrizione dei progetti che, in prima battuta, possono essere realizzati per migliorare la competitività del centro storico e la realizzazione del business plan di una iniziativa imprenditoriale da realizzarsi nel centro storico. 1

4 FASE 1 Analisi delle dinamiche demografiche e turistiche locali 2

5 1. Analisi delle dinamiche demografiche e turistiche locali Le dinamiche demografiche che hanno attraversato il comune di Gubbio negli ultimi 10 anni sono state caratterizzate da un sensibile incremento della popolazione pari circa unità, in parte da imputare alla presenza di nuovi immigrati. I residenti,infatti, sono passati dalle unità del 2001 alle del 2010, con un incremento pari al 4,3%. Tab. 1 Popolazione residente a Gubbio Area * Centro Storico Totale Gubbio Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio anagrafe del comune di Gubbio Più in particolare, per quanto riguarda il rapporto centro storico-periferia-frazioni va sottolineato come il 9.4% della popolazione risieda nel centro storico, il 36,5% nella prima cintura periferica a ridosso del centro storico e più della metà della popolazione sia residente nelle numerose frazioni presenti nel vasto territorio comunale. Tab. 2 Ripartizione delle popolazione residente al 2009 per aree Aree Popolazione residente % Centro storico ,4 Periferia ,5 Frazioni ,1 Totale ,0 Fonte: Nostre elaborazioni su dati Ufficio anagrafe del comune di Gubbio Altro aspetto rilevante è dato dal fatto che la popolazione residente nel cento storico risulta di età sensibilmente più avanzata rispetto a quella residente nell intero comune 3

6 Tab. 3 Popolazione residente al 2008 per fasce di età Fasce di età Centro Storico Totale Gubbio Fino a 20 anni 17,1 19, anni 9,8 11, anni 14,4 14, anni 14,5 14, anni 11,5 12, anni 11,7 11, anni 11,7 9, anni 7,8 5, anni 1,7 0,8 Oltre100 anni 0,1 0,1 Totale 100,0 100,0 Fonte: Nostre elaborazioni su dati Ufficio Anagrafe del comune di Gubbio Relativamente al turismo, questo rappresenta sicuramente un settore su cui puntare per lo sviluppo dell intera città e del centro storico in particolare. L offerta ricettiva, e di conseguenza le dinamiche degli arrivi e delle presenze, è stata attraversata da notevoli cambiamenti. Relativamente al comune di Gubbio, le strutture alberghiere ed i relativi posti letto sono, in termini numerici, pressoché rimaste invariate negli ultimi 15 anni (nel 1996 si contavano 19 strutture alberghiere per un totale di 995 posti letto, mentre nel 2010 si contano 20 strutture alberghiere per un totale di posti letto),al contrario, il settore extralberghiero, in particolare gli agriturismi, ha fatto segnare un consistente incremento sia in termini di strutture (si è passati dalle 61 unità del 1996 alle 169 del 2010 con un incremento del 177,0 %) che di posti letto( si è passati dai (1996) ai 2.627(2010) con un incremento del 116,0%), in risposta ai cambiamenti avvenuti nella domanda turistica ed alla immagine (Umbria,cuore verde d Italia) che la regione è andata progressivamente acquisendo nell immaginario collettivo. 4

7 Tab. 4 Capacità ricettiva del comune di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Esercizi Letti Esercizi Letti Esercizi Letti * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio Tab.5 Strutture alberghiere presenti nel Centro Storico di Gubbio Livello N. Strutture N. Posti letto 4 * * * * 1 15 Totale

8 Anche a livello di comprensorio si possono registrare analoghe tendenze : le strutture alberghiere nel periodo sono passate da 32 unità a 30 unità ( facendo registrare una lieve diminuzione) ed i relativi posti letto sono passati da a con un incremento del 9,3%; le strutture extralberghiere sono passate da 81 unità a 281 unità ( +246,9%) ed i relativi posti letto sono più che raddoppiati, passando dalle unità alle unità ( + 137,7% ). Tab. 6 Capacità ricettiva del comprensorio di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Esercizi Letti Esercizi Letti Esercizi Letti * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio 6

9 Al tempo stesso, arrivi e presenze sono stati contrassegnati da analoghi andamenti. In particolare per ciò che riguarda le strutture alberghiere presenti nel comune di Gubbio, gli arrivi, tranne che nel 1997 e 1998 in coincidenza del sisma, sono oscillati intorno alle unità, fatta eccezione per il 2002 dove sono state toccate le unità. Negli ultimi tre anni si registra, invece,una sensibile diminuzione degli arrivi che si sono attestati intorno alle unità. Tab. 7 Arrivi e presenze turistiche nel comune di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio Relativamente alle strutture extralberghiere, arrivi e presenze sono state contrassegnati da un crescente ed inesorabile aumento, in particolare si è passati da arrivi del 1996 a del 2009 ( + 141,4%), mentre per ciò che riguarda le presenze si è passati dalle unità (1996) alle del 2009 (+ 144,4%). In sostanza si può affermare che l incremento verificatosi in termini di arrivi e presenze nel territorio comunale sia da imputarsi principalmente al settore extralberghiero capace, con nuove 7

10 strutture e proposte, di intercettare la crescente domanda caratterizzata da una forte propensione verso un modo di trascorrere la vacanza meno tradizionale, più economico ed a contatto con la natura. Ciò appare ancora più evidente qualora si calcoli il peso dei due comparti (alberghiero ed extralberghiero) sul totale del settore turistico. Nel 1996 la quota, in termini di presenze rispetto al totale, del settore alberghiero era pari al 76,5% contro il 23,5% dell extralberghiero. A distanza di 13 anni, nel 2009, i due settori hanno quasi lo stesso peso, tanto che la quota delle presenze nell alberghiero risulta pari, rispetto al totale, al 52,8% contro il restante 47,2% dell extralberghiero. Analoghi riscontri si hanno qualora vengano analizzati i dati relativi all intero comprensorio. Anche in questo caso, visto anche il peso che Gubbio gioca sul territorio comprensoriale, si confermano le tendenze precedentemente descritte con: un comparto alberghiero che tra alti e bassi fa registrare un numero di arrivi tra i ed un numero di presenze oscillanti tra le e le nel periodo , per poi fare registrare un decisa diminuzione negli ultimi tre anni riportando il numero degli arrivi intorno alle unità un comparto extralberghiero che nell arco di 13 anni vede passare il numero degli arrivi da poco più di a quasi ed il relativo numero di presenze da a circa unità. 8

11 Tab. 8 Arrivi e presenze turistiche nel comprensorio di Gubbio ANNI Alberghi Extralberghiero Totale Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze * *Dato rilevato a novembre Fonte: Ufficio turistico del comune di Gubbio Quanto analizzato porta ad effettuare alcune considerazioni : il settore extralberghiero ha rappresentato nel periodo in esame il vero motore del turismo di Gubbio e del suo comprensorio, tanto che l incremento in termini di arrivi e presenze è da imputare principalmente a questo segmento di offerta; tale domanda è per lo più caratterizzata da turisti che tendono a muoversi ed a visitare altre località, parchi, ecc.., facendo perno sulla struttura extralberghiera scelta; tali turisti tendono a trascorrere, in genere, l intera giornata fuori dalla struttura ricettiva con una conseguente domanda in termini di servizi, di cultura, di ristorazione calibrata nell arco delle 8-10 ore; 9

12 importante è la quota dei turisti giornalieri, che risiedono e provengono fuori dal comprensorio e/o dalla regione, rispetto alla quale è necessario immaginare una offerta in termini di cultura, eventi, ristorazione, commercio in grado di trattenere tale turismo e di indurlo a spendere qualcosa in più di quanto non faccia ora. Alla luce di queste considerazioni vanno quindi ripensate: l offerta culturale della città che richiede per ciò che riguarda il centro storico la creazione di circuiti turistici caratterizzati da precisi temi alla luce delle relative esigenze dei vari segmenti di mercato; la capacità di proporsi con una offerta museale complessiva ed integrata rispetto all offerta dell intera città ( Unico biglietto per vedere, muoversi nella città, posteggiare acquistare in maniera scontata); l offerta degli eventi nel centro storico che vadano oltre la Corsa dei Ceri, manifestazione che riguarda più la città e della quali i turisti sono principalmente spettatori; una ristorazione meno tradizionale di quella attuale ( antipasto + primo + secondo + dessert) in grado di rivisitare e ripensare in maniera non scontata i piatti tipici, più flessibile ed innovativa nei tempi ( con nuovi tempi di apertura e fruizione) nei modi ( nuovi format ristorativi: es. le vecchie osterie ) e nei prezzi, capace di rispondere alle esigenze di chi, alloggiando in strutture agrituristiche, va e viene a Gubbio nell arco della giornata; la capacità di fare alleanze di territorio, in primis con Assisi, visto lo storico legame esistente tra le due città, al fine di catturare nuovi segmenti di mercato e dirottare su Gubbio quote di turismo giornaliero. 10

13 FASE 3 Sondaggio presso la clientela degli operatori del centro storico 97

14 3. Sondaggio presso la clientela degli operatori del centro storico Il sondaggio presso la clientela degli operatori economici ha evidenziato le seguenti macro tendenze: 1 - Il centro di Gubbio rappresenta un luogo capace di attrarre tutte le fasce sociali dagli imprenditori alle casalinghe ai pensionati. Fonte: indagine campionaria Tab. 1 Intervistati per Professione: % Imprenditore 9,4% Dirigente 0,9% Impiegato 23,1% Insegnante 12,0% Operaio 6,0% Artigiano 3,4% Libero professionista 9,4% Lavoratore autonomo 4,3% Disoccupato 0,9% Casalinga 9,4% Studente 11,1% Pensionato 10,3% TOTALE 100,0% 2 - La capacità attrattiva del centro è inoltre sottolineata dal fatto che gli intervistati provengono dalle diverse zone della città. Tab. 2 Dove abita? % Centro storico di Gubbio (dentro le mura) 22,7% Prima periferia (fuori le mura) 33,6% Periferia 15,1% Frazioni 21,8% altro Comune 1,7% Altro (specificare) 5,0% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 98

15 3 - I dati relativi all età degli intervistati confermano un centro rappresentativo della vita sociale di tutta la città ed delle diverse fasce di età. Tab. 3 Fascia di età: % Da 15 a 20 anni 3,4% Da 21 a 25 anni 10,2% Da 26 a 30 anni 14,4% Da 31 a 40 anni 27,1% Da 41 a 50 anni 17,8% Da 51 a 60 anni 15,3% Da 61 a 70 anni 7,6% Oltre 70 4,2% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 4 - Le motivazioni che spingono verso il centro storico sono molteplici: desiderio di passeggio, svago, vedere le vetrine, alla quale si aggiunge il bisogno, più specifico di effettuare acquisti. Tab. 4 Per quale motivo si trova qui oggi? % Acquisti 31,1% Banche/uffici 2,5% Lavoro/studio 8,4% Bar/ristorante 2,5% Paesaggio/svago 22,7% Vedere le vetrine 3,4% Chiesa 0,0% Farmacia/medico 2,5% Perché abita qui vicino/in centro 10,1% Estetista/centro benessere 14,3% Altro (specificare) 2,5% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 99

16 5 - Buona parte degli intervistati tende a rimanere in centro per un tempo, tutto sommato, abbastanza significativo in termini di ore. Per molti la permanenza oscilla tra 1-3 ore Fonte: indagine campionaria Tab. 5 Quanto tempo pensa di trascorrere in centro? % Meno di 1 ora 23,7% Da 1 a 2 ore 32,2% Da 2 a 3 ore 14,4% Più di 3 ore 16,9% Non sa 12,7% TOTALE 100,0% 6 Il mezzo più utilizzato per andare in centro è l auto,oppure si va a piedi Fonte: indagine campionaria Tab. 6 Con che mezzo ha raggiunto il centro storico? % A piedi 40,3% Bicicletta 0,0% auto 56,3% Moto 2,5% Bus 0,8% TOTALE 100,0% 7 - Tra coloro che utilizzano l auto ad una maggioranza tende ricercare ed utilizzare parcheggi liberi, ma una quota pari circa al 50% tende ad utilizzare i parcheggi a pagamento Fonte: indagine campionaria Tab. 7 Se è venuto in auto in quale parcheggio ha posteggiato? % Piazza Quaranta Martiri Parcheggio 11,1% Piazza Quaranta Martiri Giardinetti 9,7% Piazza Frondizzi 6,9% Seminario 13,9% Teatro Romano 4,1% Lungo le vie a pagamento 26,4% Altro (specificare) 27,8% TOTALE 100,0% 100

17 8 - Accanto ad un 24,1% di quanti hanno dichiarato di vivere in centro, è emerso un 39,7% degli intervistati che afferma di recarsi in centro quasi tutti i giorni, segno di un flusso costante di persone. Tab. 8 In genere quante volte si reca in centro città? % Ci vivo 24,1% Quasi tutti i giorni 39,7% 1-2 volte alla settimana 21,6% Il Sabato e la Domenica 5,2% Una volta ogni 15 giorni 3,4% Una volta al mese 0,9% Raramente 5,2% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 9 - Dall analisi effettuata emergono sicuramente necessità impellenti sulle quali lavorare al fine di innalzare il livello complessivo di soddisfazione dei cittadini. I punti di maggiore criticità sono rappresentati in primo luogo da: animazione del centro parcheggi gestione del traffico, viabilità ritenuta l arredo urbano Meno avvertiti, ma comunque soggetti a possibili miglioramenti, sono i problemi riguardanti: la segnaletica per la quale si sono dichiarati insoddisfatti circa il 50% degli intervistati il trasporto pubblico giudicato inadeguato dal 45,6% l illuminazione della quale si sono lamentati il 41,3% la pulizia della città ritenuta inadeguata dal 37,7% Positivamente sono invece percepite:: la sicurezza della città la convenienza dei negozi la varietà dei negozi la cortesia del personale e degli esercenti 101

18 Tabella 9 Valutazione degli aspetti critici del centro storico cortesia del personale dei negozi convenienza dei negozi varietà dei negozi animazione arredo urbano segnaletica gestione del traffico servizi autobus viabilità illuminazione sicurezza/microcriminalità pulizia parcheggi 94,6% 71,3% 76,1% 25,3% 43,4% 50,5% 35,6% 54,4% 41,3% 58,7% 85,0% 62,3% 31,6% 5,4% 28,7% 23,9% 74,7% 56,6% 49,5% 64,4% 45,6% 58,7% 41,3% 15,0% 37,7% 68,4% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% SUFFICIENTE INSUFFICIENTE Fonte: indagine campionaria 102

19 10 - L offerta commerciale è percepita non completa o comunque suscettibile di miglioramento. Tab 9. Secondo lei l'offerta commerciale del centro storico è: % sufficientemente ampia 12,7% completa 15,3% più o meno completa 40,7% incompleta 21,2% povera 10,2% TOTALE 100,0% Fonte: indagine campionaria 11 I prezzi questi vengono percepiti o più o meno in linea con quelli dei negozi dei centri commerciali o sensibilmente più alti. Fonte: indagine campionaria Tab 11 I prezzi dei negozi del centro rispetto a quelli dei centri commerciali % di Gubbio sono: sensibilmente più bassi 0,9% leggermente più bassi 0,9% più o meno uguali 54,1% leggermente più alti 27,9% sensibilmente più alti 16,2% TOTALE 100,0% 12 - Quasi tutti gli intervistati, seppure con frequenze e modalità diverse, si recano presso i centri commerciali. Fonte: indagine campionaria Tab. 12 Lei fa acquisti nei centri commerciali, negli outlet, negli spacci % aziendali, ecc.? Si, spesso 29,4% Si, ogni tanto 39,5% Si, raramente 25,2% No, mai 5,9% TOTALE 100,0% 103

20 13. Più della metà degli intervistati fa acquisti in centri commerciali, outlet, ecc. fuori città. Fonte: indagine campionaria Tab. 12 Se si dove prevalentemente... % Centri commerciali di Gubbio 46,8% Centri commerciali di provincia 24,3% Outlet e spacci aziendali presenti in zona 2,7% Outlet e spacci aziendali in provincia/regione 11,7% Outlet e spacci aziendali fuori regione 9,0% altri negozi in provincia/regione 4,5% Altri (specificare) 0,9% TOTALE 100,0% 13- I motivi che inducono ad andare presso centri commerciali vanno ricondotti ai prezzi più convenienti,alla facilità di arrivo e alla disponibilità di parcheggi. Fonte: indagine campionaria Tab.13.. Se si, quale motivo la induce, da un punto di vista commerciale, ad % andare in questi luoghi? (max 2 risposte) Prezzi più bassi dei negozi 46,2% Facilità di arrivo 21,8% Parcheggio facile 30,3% Ampio assortimento di prodotti 27,7% Possibilità di avere più negozi in poco spazio 19,3% Gradevolezza dell'ambiente 3,4% Buoni servizi 4,2% Altro (specificare) 3,4% TOTALE - 104

21 14 - Le difficoltà dei negozi del centro sono, infine, dovute anche alla scarsa disponibilità di parcheggi sia all interno che nelle immediate vicinanze del centro storico, che finisce per influenzare la scelta dei consumatori. Fonte: indagine campionaria Tab. 14 Quanto incide la possibilità di arrivare con l auto e di parcheggiare nella scelta di un negozio del centro % storico? Nulla 15,4% Poco 17,9% Abbastanza 32,5% Molto 19,7% Moltissimo 14,5% TOTALE 100,0% 15 - I prodotti acquistati abitualmente nel centro storico di Gubbio sono riportati nella seguente tabella. Tab. 15 Quali prodotti acquista abitualmente in centro storico? (max 2 % risposte) Abbigliamento 55,5% Intimo 4,2% Calzature 11,8% Articoli sportivi 0,8% Profumeria 17,6% Gioielli/oro 10,9% Libri/riviste/giornali 37,8% Pelletteria 5,0% Cartoleria/giocattoli 3,4% Tessuti 0,8% Piante e fiori 0,8% Casalinghi/elettrodomestici 0,0% Foto/ottica 4,2% Alimentari 16,0% Altro (specificare) 11,8% TOTALE - Fonte: indagine campionaria 105

22 FASE 4 Interviste ad opinion leaders locali 106

23 4 - Interviste agli opinion leaders locali Le interviste agli opinion leaders sono state condotte seguendo una traccia articolata in 4 punti principali: Il centro storico e le sue problematiche L immagine della città di Gubbio L economia locale Il turismo Rispetto a questi macro temi si è lasciato parlare l intervistato cercando, ove necessario, di fare domande di approfondimento per meglio comprendere e specificare i diversi temi affrontati. Gli opinion leaders sono stati scelti di comune accordo con il committente. Di seguito viene proposta la sintesi delle interviste riportando le frasi degli intervistati. Infine, per rispettare l anonimato, le interviste sono state numerate casualmente senza riportate il nome dell interlocutore. 107

24 Intervista N. 1 Il centro storico La mobilità rappresenta il problema principale di Gubbio Mancanza di parcheggi,anche se qualcosa si sta facendo L interesse si è spostato in altre zone della città, una volta il centro era il salotto buono della città, punto di incontro Il centro storico si è andato progressivamente spopolando ed i commercianti hanno subito questa situazione Le associazioni di categoria hanno cercato e stanno cercando di rivitalizzare il centro storico, le iniziative sono ancora troppo estemporanee E necessario rivedere la conformazione urbanistica Gli uffici comunali abbandoneranno il centro per posizionarsi a Piazza 40 Martiri Si vanno liberando nuovi contenitori di proprietà pubblica nel centro storico E necessario un censimento di tali contenitori e individuarne le opportune destinazioni I valori immobiliari del centro storico sono alti Le giovani coppie tendono ad andare fuori dal centro sia per i prezzi che per comodità Via XX Settembre si è andata progressivamente spopolando L immagine della città L immagine che passa è quella di una città storica ed isolata Forte identità locale, forte attaccamento alle tradizioni La fiction di Don Matteo ha generato incrementi turistici ed ha favorito l immagine di Gubbio Il turismo negli anni è stato in crescita in questi ultimi anni sta perdendo colpi E migliorata la offerta turistica sia in quantità che in qualità C è stato un vero boom degli agriturismi Picchi di presenze a Pasqua, Santi, ecc.. L offerta turistica non è ancora focalizzata, mancano pacchetti turistici Non ci sono precisi prodotti turistici Il centro servizi non ha mai funzionato Si tenta di valorizzare Gubbio città medioevale Economia locale La situazione economica è in sensibile crisi L economia è legata alle imprese cementiere, alla Pubblica Amministrazione ed ai servizi Manca la cultura di impresa, c è una ricerca del posto fisso 108

25 L artigianato artistico riesce a produrre prodotti di grande qualità, ma fanno fatica a commercializzare i prodotti e sopravvivono con grande difficoltà I soggetti locali Esistono diversi soggetti locali e associazioni di categoria che operano nella città C è il rischio che più soggetti facciano la stessa cosa Soprattutto nel turismo c è un sovrapposizione delle competenze 109

26 Intervista N. 2 Il centro Storico Il centro storico è ben conservato Esistono delle problematiche legate al traffico ed alla circolazione Il centro storico si rilancia favorendo il ripopolamento del centro storico La maggior parte della popolazione è costituita da anziani Bisogna spingere sulla residenza nel centro storico E necessario che i commercianti rilancino le proprie attività e si associno E necessario ripensare la circolazione E necessario fare un progetto di arredo urbano del centro storico L immagine della città Immagine della città legata ad una cultura di tipo umanistico E necessario riqualificare la periferia E necessario legare l immagine di Gubbio a quella di Assisi ed al Francescanesimo Economia locale L economia è centrata sulle imprese cementiere Intorno alle imprese cementiere ruotano tutta una serie di imprese artigiane di servizio C è una sensibile crisi in atto Si stanno perdendo numerosi posti di lavoro E necessario puntare sul turismo C è ancora una forte presenza dell artigianato artistico che però stenta a sopravvivere Turismo Fare gli itinerari di Don Matteo L Hotel ai Cappuccini ha rilanciato il turismo anche se si posiziona su prezzi alti 110

27 Intervista N. 3 Il centro Storico Il centro storico è ben conservato ma non adeguatamente sfruttato da un punto di vista turistico Gubbio risulta una città chiusa per mentalità ed isolata da un punto di vista territoriale Fare l isola pedonale I vecchi commercianti si salvano ma i nuovi fanno fatica Molti provano ad aprire una attività commerciale nel centro storico ma con risultati alterni Affitti troppo elevati Immobili residenziali a prezzi troppo alti che hanno portato al progressivo spopolamento del centro storico L immagine della città Immagine della città : oasi di tranquillità Città non conosciuta legata a San Francesco e il lupo Città ultimamente conosciuta per Don Matteo E necessario puntare sulle caratteristiche artistiche e culturali della città Gubbio è conosciuta come area verde E necessario puntare sul medioevo Economia locale L economia è centrata sulle imprese cementiere C è una forte crisi in atto Turismo Puntare sul medioevo Fare percorsi tematici all interno del centro storico e, a partire da Gubbio, in tutto il comprensorio Fare dei prodotti turistici specifici che mirino a precisi target di mercato Creare delle mostre e degli eventi dentro i locali ed i palazzi attualmente non sfruttati Creare un circuito dei vicoli Puntare sul turismo scolastico Puntare sul turismo familiare 111

28 Soggetti Locali Esistono numerosi soggetti locali che operano a favore della città e del territorio L attività dei soggetti locali spesso si sovrappone Tutti fanno tutto 112

29 Intervista N. 4 Il centro Storico Il centro storico è ben conservato Gubbio è essenzialmente una città medioevale Il cento storico risulta difficile da vivere Ci sono problemi di viabilità, parcheggi, ecc.., che portano al progressivo spopolamento del centro storico L immagine della città Immagine della città legata al medioevo Città scarsamente conosciuta E necessario puntare sulle caratteristiche artistiche e culturali della città Gubbio è conosciuta come area verde, palestra a cielo aperto Economia locale L economia è centrata sulle imprese cementiere E necessario puntare sul turismo se si vuole uscire dalla attuale crisi Il turismo può diventare una industria Turismo Puntare su medioevo Puntare sul paesaggio naturale del comprensorio Puntare sull agriturismo Puntare sui prodotti tipici 113

30 Intervista N. 5 Il centro Storico Il cento storico risulta difficile da vivere e da fruire Mancano i parcheggi E necessario migliorare l arredo urbano L immagine della città Immagine della città legata essenzialmente al medioevo Città isolata Economia locale E necessario rilanciare l artigianato E necessario riportare le botteghe artigiane nel centro storico Turismo Puntare sul medioevo Fare dei percorsi turistici nel centro storico Fare dei percorsi turistici nel territorio del comprensorio Bisogna puntare sui musei 114

31 Intervista N. 6 Il centro Storico La città va organizzata meglio a livello di pedonabilità E necessario eliminare le auto Chiusura del centro storico con parcheggio organizzato Organizzare un mercato coperto all interno del centro storico E necessario fare riprendere vita al centro storico con i residenti Il rilancio del centro storico passa attraverso i residenti ed i commercianti L immagine della città Immagine della città legata essenzialmente al medioevo Economia locale La città si sta muovendo bene sul turismo Grazie a Don Matteo la città si è fatta conoscere Turismo Riorganizzare il sistema museale E necessario creare un rapporto diretto con Assisi per quanto riguarda il turismo Possibilità di presentare le varie fasi storiche che vanno dal 1000 A.C. al medioevo 115

L ascolto del turista

L ascolto del turista IL TURISMO NELLA PROVINCIA DI LECCE Indagine conoscitiva sulle motivazioni della domanda turistica nella Provincia di Lecce 1 Estate 2005 L ascolto del turista La Provincia di Lecce, su proposta dell Assessorato

Dettagli

Il commercio a CANOSSA

Il commercio a CANOSSA Il commercio a CANOSSA Indagine su un campione di residenti e di frequentatori dell area commerciale a cura di CAT Confesercenti Reggio Emilia e CAT Confesercenti Emilia-Romagna s.r.l. Dicembre 2008 Indice:

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Centro Storico. Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico. Programma Politico 2014 2019. Referente gruppo:

Centro Storico. Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico. Programma Politico 2014 2019. Referente gruppo: Centro Storico Gruppo di lavoro G5 - Centro Storico Referente gruppo: Angelo Esposto Candidato Portavoce Consigliere angelo2013@outlook.it Membri Gruppo: Patrizio Monarca Lucio Bernetti Leonardo Rinaldi

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità del centro storico

Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità del centro storico Rieti Associazione Provinciale 02100 Rieti P.zza Cavour, 54 Tel. (0746) 251082 Fax (0746) 498598 E-Mail: cna.rieti@tiscali.it www.cnarieti.it Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Progetto Turismo di Prossimità per i Comuni d Italia

Progetto Turismo di Prossimità per i Comuni d Italia Informazioni e comunicazione promozionale di strada attraverso la formula dell interscambio utilizzando vele pubblicitarie (roll-up) nei centri città e comuni a intenso traffico pedonale. Un particolare

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

IL MERCATO DEL FUTURO

IL MERCATO DEL FUTURO Comune di Crespano del Grappa 1 IL MERCATO DEL FUTURO Alessandro Minello Università Ca Foscari Venezia Elaborazioni statistiche EconLab Research Network Treviso, luglio 2013 2 L opinione dei clienti per

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme

LA PAROLA AI TURISTI. Dipartimento di Scienze Aziendali INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE. Comune di Monsummano Terme Dipartimento di Scienze Aziendali Comune di Monsummano Terme LA PAROLA AI TURISTI INDAGINE SULLA DESTINAZIONE TURISTICA: MONSUMMANO TERME INTERVISTE Marzo 2012 dott.ssa Ilaria Ferrati dott.ssa Eva Accardo

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE

RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE RIQUALIFICAZIONE AREA STAZIONE Piano di azione integrato per la Rivitalizzazione Commerciale AREA DI INTERVENTO L area oggetto d intervento comprende le principali arterie viarie e commerciali limitrofe

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici

Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici 1 Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici Le opinioni dei cagliaritani e gli effetti della pedonalizzazione di Marina e Villanova in una prospettiva multitarget Modulo popolazione Cagliari,

Dettagli

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano

Analisi SWOT - Comune di San Gimignano Analisi SWOT - Comune di San Gimignano PUNTI DI FORZA Grande patrimonio storico culturale artistico concentrato in un centro storico intatto e preservato nei secoli, dichiarato Patrimonio dell Umanità

Dettagli

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico

Rapporto Finale Schede questionario per il Documento di Orientamento Strategico CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (Provincia di Napoli) 4 a area - AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE UFFICIO TEAM PROGETTO DIRIGENTE DEL SETTORE Ing. Giovanni Salerno Documento elaborato da: Arch. Michele Sannino

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

Procedura per la candidatura

Procedura per la candidatura Procedura per la candidatura alla Bandiera arancione del Touring Club Italiano 1. COS È LA BANDIERA ARANCIONE... 2 2. GLI OBIETTIVI... 2 3. I REQUISITI... 2 4. I CRITERI DI ANALISI... 3 5. IL PERCORSO

Dettagli

Programma di Abbattimento delle Barriere Architettoniche ed Urbanistiche

Programma di Abbattimento delle Barriere Architettoniche ed Urbanistiche COMUNE DI SAN MINIATO Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO Legge Regionale n.1 del 03.01.2005 APPROVAZIONE Aprile 2008 Programma di Abbattimento delle Barriere Architettoniche ed Urbanistiche RELAZIONE

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

IDEE E PROPOSTE PER LA RIVITALIZZAZIONE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO NELLA CITTA DI FERRARA

IDEE E PROPOSTE PER LA RIVITALIZZAZIONE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO NELLA CITTA DI FERRARA IDEE E PROPOSTE PER LA RIVITALIZZAZIONE DEL TURISMO E DEL COMMERCIO NELLA CITTA DI FERRARA L obiettivo della rivitalizzazione e del rilancio del commercio e del turismo nella città di Ferrara, rappresenta

Dettagli

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre Amministrazione Provinciale di Firenze Dipartimento Sviluppo Economico e Turismo INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2011

Turismo sostenibile e ecoturismo. Febbraio 2011 Turismo sostenibile e ecoturismo Febbraio 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza Margine

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI HOTEL RISTORANTI SALE RICEVIMENTO BANCHE - UFFICI CENTRI CONGRESSUALI BAR - NEGOZI MADE IN LONGIANO Borgo storico dall aspetto tipicamente

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

BUSINESS PLAN (FAC SIMILE)

BUSINESS PLAN (FAC SIMILE) Piano Economico Finanziario - FAC SIMILE PROCEDURA APERTA L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO INERENTE LA GESTIONE DELLA LUDOTECA DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PISA BUSINESS PLAN (FAC SIMILE) DESCRIZIONE

Dettagli

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino Proseguire 2. Milano Proseguire 3. Roma Proseguire 4. No (Chiudere intervista) 2. Sesso 1. Maschio 2. Femmina Domande Sociodemo Agenzia (8) 3. Mi può

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta Giunta Regionale della Campania Delibera di Giunta Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali N 792 Del A.G.C. Settore Servizio 21/12/2012 13 2 3 Oggetto: Regolamento "albergo diffuso"

Dettagli

CENTRO COMMERCIALE SAN MARTINO Novara

CENTRO COMMERCIALE SAN MARTINO Novara Multi Communication srl Novara, via Sforzesca 10/a Tel. 0321.462339 PI 02199370038 www.multicommunication.it CAMPAGNE PUBBLICITARIE COMPLETE: PIANIFICAZIONE, IDEAZIONE, REALIZZAZIONE E AVVIO Affissioni

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Progetto Drava Piave Fiumi e Architetture nr.3241 del 25/11/08 Concorso di Idee Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Relazione Descrittiva Descrizione generale

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

CARATTERISTICHE E PROBLEMI DELLE CATENE UN ANALISI DEGLI ALBERGHI ASSOCIATI ALBERGHIERE A TORINO. ALL UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO

CARATTERISTICHE E PROBLEMI DELLE CATENE UN ANALISI DEGLI ALBERGHI ASSOCIATI ALBERGHIERE A TORINO. ALL UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO Sezione AICA Grandi Catene Alberghiere CARATTERISTICHE E PROBLEMI DELLE CATENE ALBERGHIERE A TORINO. UN ANALISI DEGLI ALBERGHI ASSOCIATI ALL UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO TORINO, LUGLIO 2004 Le imprese

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE Regione Umbria ANDAMENTO CONGIUNTURALE DEL TURISMO IN UMBRIA Aprile 2007 4 report a cura di SOMMARIO Premessa...3 1. L ANDAMENTO CONGIUNTURALE DEL TURISMO IN UMBRIA...4

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento 3 Gli insediamenti Il Piano individua come territori che compongono gli insediamenti: 3a) i centri storici, gli insediamenti della fabbrica Dalmine 3b) il tessuto urbano 3c) gli insediamenti produttivi

Dettagli

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL ( a cura di Paolo Bonelli) 1) La Legge Regionale 16 Aprile 2004, N 8, Norme per il turismo in Lombardia. La nuova

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO Intervento del Dott. Michele De Vita Segretario Generale Forum 1 Attività svolte dal tavolo del turismo

Dettagli

PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Comune di Albairate Comune di Albairate via C. Battisti 2-20080 Albairate (MI) Ufficio Tecnico: tel. 02/94.981.326 fax 02/94.981.324 e-mail: sportello.utc@comune.albairate.mi.it PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

Dettagli

L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale. Report Finale

L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale. Report Finale L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale Report Finale 1. Le origini del progetto e contesto di riferimento Il seguente progetto nasce da un analisi svolta da Confesercenti

Dettagli

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico,

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, nel commercio e nella consulenza strategica per enti pubblici.

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio

7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO. 7.1 La mobilità per lavoro e studio 1 94 7. MOBILITÀ, ORARI E TEMPO LIBERO 7.1 La mobilità per lavoro e studio Sempre più nelle società avanzate assumono un peso rilevante nel condizionare la qualità della vita dei cittadini una serie di

Dettagli

Parla con Noi! Una giornata di ascolto e confronto per parlare insieme del Centro di Comacchio

Parla con Noi! Una giornata di ascolto e confronto per parlare insieme del Centro di Comacchio Parla con Noi! Una giornata di ascolto e confronto per parlare insieme del Centro di Comacchio Report delle giornate del Totem dell ascolto. Cosa_Quando_Dove Nelle giornate del 7 e 8 marzo 2014 sono state

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

PISTOIA ED IL COMMERCIO

PISTOIA ED IL COMMERCIO Pistoia PISTOIA ED IL COMMERCIO FAR VIVERE E RILANCIARE IL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO È NECESSARIO UN ACCORDO CONDIVISO Pistoia Confesercenti ha dimostrato di avere a cuore il commercio del centro storico.

Dettagli

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico

TURISMO CLASSE TERZA TURISMO. DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico TURISMO CLASSE TERZA TURISMO CONOSCENZE ABILITA' DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI Ruolo del turismo nel contesto storico sociale ed economico Mercato turistico Specificità e rischi di gestione delle imprese

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO Relazione Tecnica Settembre 2014 SOMMARIO 2 1 PREMESSA Il presente documento rappresenta la Relazione tecnica

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA L'ANALISI DEI COMPORTAMENTI DI VACANZA NELLA PRATICA AZIENDALE E NEL MARKETING LE DECISIONI OPERATIVE SONO ASSUNTE FACENDO RIFERIMENTO A SEGMENTI DELLA DOMANDA

Dettagli

Il patrimonio culturale della BAT: monumenti e siti archeologici. Laboratorio di progettazione partecipata con il Project Cycle Management

Il patrimonio culturale della BAT: monumenti e siti archeologici. Laboratorio di progettazione partecipata con il Project Cycle Management Il patrimonio culturale della BAT: monumenti e siti archeologici Laboratorio di progettazione partecipata con il Project Cycle Management Trani, 16-1717 febbraio 2010 Analisi dei problemi Scarsa ricaduta

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

Il Pubblico di Mostre e Musei in Piemonte 2001

Il Pubblico di Mostre e Musei in Piemonte 2001 Il Pubblico di Mostre e Musei in Piemonte 2001 Sintesi realizzata per l incontro "Il pubblico di musei e mostre a Torino e in Piemonte nel 2001" mercoledì 10 luglio 2002 Le tessere di libero accesso ai

Dettagli

Il Progetto Conti Pubblici Territoriali. I flussi finanziari pubblici nel settore Cultura e Servizi Ricreativi Regione Piemonte

Il Progetto Conti Pubblici Territoriali. I flussi finanziari pubblici nel settore Cultura e Servizi Ricreativi Regione Piemonte Il Progetto Conti Pubblici Territoriali I flussi finanziari pubblici nel settore Cultura e Servizi Ricreativi Regione Piemonte 1 La cultura e i servizi ricreativi in Piemonte Il progetto Monografie Regionali

Dettagli

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Settore Assetto del Territorio ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DELL'ALBERGO DIFFUSO

REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DELL'ALBERGO DIFFUSO COMUNE DI CALATABIANO Provincia di Catania REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA NORMATIVA PER IL RICONOSCIMENTO DELL'ALBERGO DIFFUSO [legge regionale n. 11 del 02 agosto 2013] INDICE PREMESSA 3 Art. l.

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it

G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it Persona di riferimento: Andrea Procellana Tipologia di attività svolte: SITUAZIONE DI RIFERIMENTO:

Dettagli

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna Presentazione principali risultati Modena 12 Febbraio 2015 Metodo di analisi e obiettivi Utilizzare dati

Dettagli

La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica

La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica Rischio sismico e pianificazione: dall emergenza all ordinario La struttura urbana minima come pretesto per ripensare la città pubblica RICERCHE 2000 - Nocera Umbra (Pg): Analisi del comportamento del

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure Salone Sapori da Sfogliare- Genova 21.06.2013 Dott.ssa Susanna Citi_ Gal Provincia della Spezia Art.65 Reg. 1695/2005- Cooperazione

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

RILANCIO DEL CENTRO STORICO DI TREVISO E INIZIATIVE NELLE PERIFERIE

RILANCIO DEL CENTRO STORICO DI TREVISO E INIZIATIVE NELLE PERIFERIE RILANCIO DEL CENTRO STORICO DI TREVISO E INIZIATIVE NELLE PERIFERIE Come avevamo preannunciato a giugno, prendendo sul serio l impegno e la scadenza di 90 giorni che il Consiglio comunale di Treviso si

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca:

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: ...... RocCaffè Pieve di Cento, 03 marzo 2012 La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: Una seconda Piazza per Pieve Percorso di consultazione partecipata della cittadinanza Rapporto

Dettagli

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini:

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: INDAGINI Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: L indagine, promossa nell ambito del Tavolo termale del Progetto turismo della Provincia di Padova, ha avuto l obiettivo di integrare

Dettagli

Il Turismo nei Parchi: Scelta o Coincidenza. A cura di Flavia Maria Coccia

Il Turismo nei Parchi: Scelta o Coincidenza. A cura di Flavia Maria Coccia Il Turismo nei Parchi: Scelta o Coincidenza A cura di Flavia Maria Coccia la ricettività turistica nei parchi nazionali-regionali Il patrimonio naturale in Italia coinvolge, con i soli Parchi Nazionali,

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

Turismo & Accessibilità

Turismo & Accessibilità TURISMO ATTIVO Turismo & Accessibilità Relatore Sandrino Porru o Operatore sociale da circa 30 anni, o Dirigente della Coop. Soc.Eugò Sardegna - Turismo accessibile o Responsabile di Relazione di Banca

Dettagli