Dal piano di marketing alla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal piano di marketing alla"

Transcript

1 Silvia Legnani Mario Voria Dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria mission piano di marketing stakeholder above e below the line budget brand equity campagna pubblicitaria il nuovo libro di pianificazione pubblicitaria

2 Dedicato a: Wilma, Luciano, Maria, Salvatore e anche a Luigi per la sua pazienza

3 Copyright 2004 CLITT srl - Roma Tutti i diritti letterari e artistici sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta, in alcun modo, senza specifica autorizzazione scritta dall Editore. CLITT srl via Appiano, Roma Tel Fax Grafica e impaginazione: Giovanna Mancini - CLITT Un testo di pianificazione pubblicitaria è illustrato inevitabilmente con immagini di etichette, prodotti e messaggi pubblicitari. Le illustrazioni che si trovano nel volume vanno perciò intese esclusivamente quali esempi di documentazione didattica, indipendentemente dalle denominazioni commerciali che vi si possono leggere. La loro scelta è stata effettuata a puro scopo dimostrativo e senza fini di lucro. L Editore ha cercato di reperire tutte le fonti delle illustrazioni ed è comunque a disposizione di eventuali aventi diritto nell ambito delle leggi internazionali.

4 Silvia Legnani Mario Voria Dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria il nuovo libro di pianificazione pubblicitaria

5 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria introduzione Introduzione Il testo nasce dal campo di battaglia delle aule di una scuola di grafica pubblicitaria. La pianificazione è la materia fondamentale del quarto e quinto anno e insieme a progettazione grafica, concorre a creare le basi professionali per il grafico pubblicitario. Abbiamo sempre considerato la pianificazione pubblicitaria come la finestra che permette di guardare in modo consapevole alla pubblicità. Insegnando questa materia ci siamo resi conto di come siano indispensabili continui approfondimenti sulle tematiche del marketing che è in continua evoluzione. Le dinamiche economiche hanno importanti ripercussioni nell ambito pubblicitario, sia nell attività di pianificazione, sia nell organizzazione del lavoro per costruire e veicolare il messaggio. Abbiamo sentito quindi l esigenza di scrivere un testo che affrontasse la pianificazione in modo più aggiornato e più coerente con la sua manifestazione espressiva cioè la progettazione grafica. Realizzare un libro è un operazione complessa che richiede numerosi controlli. Saremo grati ai lettori e ai colleghi che vorranno segnalarci errori, ma anche esperienze di impiego, commenti e suggerimenti. Gli autori 5

6 indice indice Indice Introduzione...5 Parte prima MODULO 0 - IL MARKETING MIX 0.1 CONCETTI FONDAMENTALI DI BASE IL CONCETTO DI MARKETING IL MARKETING MIX IL MARKETING MIX: IL PRODOTTO una nuova classificazione il ciclo di vita del prodotto IL MARKETING MIX: IL PREZZO IL PREZZO e i problemi di pricing LE POLITICHE DI PREZZO IL PREZZO NELLA NEW ECONOMY LA DISTRIBUZIONE LA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA LA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA: componente razionale e componente emotiva LA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA: le funzioni del messaggio LA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA: l attenzione selettiva LA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA: la dissonanza cognitiva IL POSIZIONAMENTO IL DEMARKETING...40 MODULO 1 - LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO 1.1 IL TARGET LA SEGMENTAZIONE MARKETING E SEGMENTAZIONE

7 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria indice MODULO 2 - IL PIANO DI MARKETING 2.1 DALLA VISION ALLA MISSION AZIENDALE DALLA MISSION AL PIANO DI MARKETING...52 MODULO 3 - GLI OBIETTIVI 3.1 GLI OBIETTIVI OBIETTIVO DI BUSINESS OBIETTIVO DI MARKETING OBIETTIVO DI COMUNICAZIONE CARATTERISTICHE DEGLI OBIETTIVI GLI OBIETTIVI DELLA NEW ECONOMY...61 MODULO 4 - LE STRATEGIE 4.0 GLI OBIETTIVI E LE STRATEGIE STRATEGIE DI ESPANSIONE E SVILUPPO STRATEGIA INTENSIVA STRATEGIA ESTENSIVA LE STRATEGIE CONCORRENZIALI STRATEGIA FINANZIARIA STRATEGIA D IMITAZIONE STRATEGIA COMPARATIVA STRATEGIA DI POSIZIONAMENTO STRATEGIA PROMOZIONALE LE STRATEGIE DI FIDELIZZAZIONE STRATEGIA DI MANTENIMENTO STRATEGIA DI RESTYLING...82 MODULO 5 - LA GESTIONE DELLA MARCA 5.1 LA MARCA LA GESTIONE DELLA MARCA...89 Il sistema classico

8 indice indice La leadership di marca L ESTENSIONE DELLA MARCA...91 Estensione orizzontale...92 Estensione verticale...97 Parte seconda MODULO 6 - IL BUDGET PUBBLICITARIO 6.0 DEFINIZIONE INTRODUZIONE AL CALCOLO DEL BUDGET PUBBLICITARIO CHI CALCOLA IL BUDGET PUBBLICITARIO LE VOCI CHE COMPONGONO IL BUDGET I METODI DI CALCOLO DEL BUDGET PUBBLICITARIO metodo della percentuale metodo dell imitazione della concorrenza Metodo basato sui budget precedenti Metodo basato sulla legge di Peckham Metodo basato sugli obiettivi da raggiungere MODULO 7 - INTRODUZIONE AI MASS MEDIA 7.1 INTRODUZIONE AI MASS MEDIA MODULO 8 - PUBBLICITÀ ABOVE THE LINE E MASS MEDIA NELLA OLD ECONOMY I MASS MEDIA NELLA OLD ECONOMY I MASS MEDIA e il sistema della comunicazione LA STAMPA I QUOTIDIANI caratteristiche tecniche I PERIODICI caratteristiche tecniche Le capacità comunicative della stampa...127

9 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria indice Pianificazione di una campagna sul medium stampa L AFFISSIONE affissioni statiche affissioni dinamiche caratteristiche tecniche generali Le capacità comunicative dell affissione Affissione e pianificazione pubblicitaria IL CINEMA Le capacità comunicative del cinema Cinema e pubblicità Cinema e audience Cinema e pianificazione pubblicitaria LA RADIO Le capacità comunicative della radio LA RADIO e la comunicazione pubblicitaria LA RADIO e le caratteristiche dell audience Radio e pianificazione pubblicitaria LA TELEVISIONE Le capacità comunicative della TV TV e pubblicità TV e target audience TV e pianificazione pubblicitaria LO SPOT PUBBLICITARIO MODULO 9 - LA COMUNICAZIONE NELLA NEW ECONOMY: INTERNET WEB: un nuovo modo di comunicare La tribù Il target interattivo WEB come mercato Getting Keeping Selling WEB come pubblicità

10 indice indice MODULO 10 - LA PUBBLICITÀ BELOW THE LINE NELLA OLD ECONOMY 10.0 LA PUBBLICITÀ BELOW THE LINE DIRECT MARKETING il telemarketing il mailing il direct response advertising LE PROMOZIONI sales promotion trade promotion LE SPONSORIZZAZIONI LE PUBBLICHE RELAZIONI MODULO 11 - STORIA DI INTERNET 11.1 LA STORIA Parte terza MODULO 12 - L AGENZIA PUBBLICITARIA 12.0 L AGENZIA PUBBLICITARIA OGGI L AGENZIA IN RETE Funzioni svolte all interno dell agenzia Funzioni svolte dalla rete esterna all agenzia Il panorama esterno alla rete La web agency Lo studio grafico Le case di produzione Le concessionarie Gli istituti di ricerca I free lances

11 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria indice MODULO 13 - IL VALORE DELLA MARCA, LA BRAND EQUITY 13.1 LA BRAND EQUITY Brand awarenes Brand image Da cosa è costituita la brand identity Brand positioning Brand loyalty Perceived quality MODULO 14 - TIPOLOGIE E FINI DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA 14.1 LE PUBBLICITÀ PUBBLICITÀ COMMERCIALE product advertising corporate advertising brand advertising PUBBLICITÀ NON COMMERCIALE comunicazione di parte comunicazione imparziale CAMPAGNE COLLETTIVE campagne collettive orizzontali: campagne collettive verticali: CAMPAGNA PUBBLICITARIA E MEDIA I TEMPI DELLA CAMPAGNA PUBBLICITARIA MODULO 15 - LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 15.0 LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA Il punto di partenza è il briefing La seconda fase è la creazione del gruppo di lavoro Terza fase: l individuazione degli obiettivi Quarta fase: definizione del posizionamento Quinta fase creativa: lo sviluppo del piano integrato di comunicazione Lo sviluppo della copy strategy

12 indice indice Lo sviluppo della promotion strategy Lo sviluppo del copy brief Lo sviluppo delle proposte creative Infine, lo sviluppo degli esecutivi sesta fase: lo sviluppo del piano media analisi dei media strategia media pianificazione media acquisto gestione dei media MODULO 16 - L EFFICACIA DELLA CAMPAGNA 16.1 L EFFICACIA DELLA CAMPAGNA RICERCHE QUANTITATIVE E QUALITATIVE LE TIPOLOGIE DI RICERCA Le ricerche strategiche Pre-test Post-test Ricerche continuative MODULO 17 - LE FIGURE RETORICHE 17.0 Introduzione L INVENZIONE LA DISPOSIZIONE L ELOQUIO LA DIZIONE I TROPI LE FIGURE DI PAROLA LE FIGURE DI PENSIERO Passaparola Bibliografia Sitografia...286

13 parte prima Dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria mission piano di marketing stakeholder above e below the line budget brand equity campagna pubblicitaria il nuovo libro di pianificazione pubblicitaria

14

15 0 Finalità del modulo Il presente modulo può essere considerato anello di congiunzione tra il programma svolto durante il terzo anno in tecnica pubblicitaria e la programmazione prevista per l inizio del quarto anno in pianificazione pubblicitaria Si riprendono i concetti fondamentali del marketing mix, alcuni in modo schematico semplicemente per un ripasso; contestualmente si procede ad un approfondimento dei concetti del marketing cercando di prestare particolare attenzione all acquisizione di un corretto ed aggiornato linguaggio tecnico. L altro aspetto privilegiato è lo sviluppo della capacità di cogliere le relazioni tra gli argomenti il marketing mix Prerequisiti L alunno deve possedere una conoscenza di base della struttura e del funzionamento dell azienda ed una conoscenza generale delle variabili del marketing mix, con particolare riguardo alla struttura della comunicazione: emittente messaggio destinatario e al rapporto significante significato Obiettivi area cognitiva (conoscenze) approfondimento delle conoscenze delle variabili del marketing mix; potenziamento del linguaggio tecnico precedentemente acquisito area operativa (competenze) sviluppo delle capacità di cogliere i collegamenti esistenti tra le diverse variabili area dell essere (capacità) sviluppo della capacità di analisi del prodotto all interno di un sistema in cui siano riconoscibili le variabili del marketing mix Suggerimenti sulle metodologie didattiche lezioni frontali ed interattive lavori di gruppo nell analisi di un caso problem solving contenuto in un brief Contenuti u.d.1 concetti fondamentali di base concetto di marketing u.d.2 il marketing mix: le quattro variabili u.d.3 esercitazione pratica 15

16 parte prima Mod. 0 il marketing mix 0.1 CONCETTI FONDAMENTALI DI BASE Occorre innanzi tutto chiarire alcuni concetti: OLD ECONOMY: sistema economico legato alle forme di comunicazione e scambio tradizionali; è legato alla tecnologia dei mass media classici : stampa, radio, televisione, telefono, posta, affissioni, escludendo la tecnologia delle ultime generazioni. NEW ECONOMY: sistema economico sviluppatosi con le forme di comunicazione e scambio di ultima generazione ; è legato alla tecnologia più avanzata degli ultimi anni: la telefonia mobile, internet. È legato a nuovi sistemi di relazione tra domanda (chi compera) ed offerta (chi vende) MERCATO: secondo le teorie economiche classiche, il mercato è l insieme degli acquirenti che, di persona o avvalendosi di qualsiasi mezzo (per esempio il telefono o la posta nella old economy; internet e la telefonia cellulare nella new economy), acquistano beni o servizi dal gruppo dei venditori. Secondo la teoria classica quindi il mercato comprende chi compera e chi vende. In altre parole il mercato è il luogo in cui si incontrano: la domanda, generata dal gruppo dei consumatori e l offerta, l insieme dei prodotti immessi sul mercato capaci di soddisfare quella domanda. Gli operatori di marketing danno una definizione sensibilmente diversa considerando: il mercato come l insieme degli acquirenti; il settore come l insieme dei venditori appartenenti ad una determinata categoria merceologica; È possibile quindi ritrovare il concetto di mercato riferito all insieme di domanda e offerta oppure riferito solo alla domanda. TARGET: il target è il bersaglio che l azienda deve colpire. È l insieme dei consumatori effettivi o potenziali verso i quali l impresa si rivolge. Si tratta di uno specifico gruppo di consumatori, accomunati da caratteristiche e bisogni che li rende il bersaglio ottimale da raggiungere con il prodotto e con la comunicazione pubblicitaria. (vedi: Mod.1/la segmentazione del mercato/il target) 16

17 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria 0.2 IL CONCETTO DI MARKETING Il mercato dei nostri giorni, considerato secondo l accezione classica, è caratterizzato non da una carenza di beni o di servizi, cioè di prodotti, ma ciò che manca sono i clienti: molte imprese producono beni simili, se non identici, e si contendono accanitamente e disperatamente gli stessi consumatori. La situazione che si è creata è altamente competitiva, le molte aziende produttrici dello stesso bene cercano in tutti i modi di sviluppare tutte le azioni necessarie nel tentativo di rubare i clienti agli altri produttori. il marketing mix Ma poiché i prodotti si assomigliano un po tutti, che cosa possono fare le aziende per continuare a vendere mantenendo o incrementando i margini di guadagno? Ecco che a questo punto entra in gioco la capacità dell azienda di calibrare la propria forza produttiva e di vendita sulle effettive esigenze dei consumatori, ecco che a questo punto entra in gioco il marketing. Il marketing può essere considerato come la capacità dell azienda di capire, anticipare o addirittura creare (basti pensare ai video cellulari o alle lenti a contatto colorate), il bisogno di una determinata quota di mercato in modo da attivare tutte le azioni necessarie per soddisfare, alle condizioni più vantaggiose per tutti, questo bisogno. Il marketing non è la vendita del prodotto ma la capacità dell azienda di immettere sul mercato i beni di cui il consumatore ha bisogno; è l insieme delle azioni che pongono come punto di partenza la conoscenza delle esigenze, dei gusti e dei problemi del consumatore e come traguardo la soddisfazione proprio di quelle esigenze, di quei gusti e la soluzione di quei problemi. È necessario innanzi tutto che l azienda capisca esattamente che cosa vuole il cliente per essere in grado di offrirgli il prodotto capace di soddisfarlo nel migliore modo possibile. 0.3 IL MARKETING MIX Le azioni che l azienda sviluppa, portano alla definizione di un insieme di fattori, questi fattori costituiscono la miscela del marketing, il cosiddetto marketing mix. Il marketing mix è quindi il frutto di un processo in cui sono operate numerose scelte al fine di definire un insieme di variabili. Secondo la teoria classica, il marketing mix è composto da quattro variabili, le cosiddette 4P: 1. product 2. price 3. place 4. promotion 17

18 parte prima Mod. 0 il marketing mix Che tradurremo con: 1. prodotto 2. prezzo 3. distribuzione 4. comunicazione pubblicitaria Questa configurazione, come ricorda Philip Kotler 1, è stata criticata più volte da numerose fonti: a. Alcune imprese suggerivano l integrazione con una quinta variabile: 5. il packaging ma i sostenitori della teoria classica sostenevano che, essendo questo un fattore strettamente correlato al prodotto e alle sue caratteristiche di trasporto e di conservazione, poteva tranquillamente essere compreso nel prodotto. Il pakaging può essere considerato anche nell ambito delle sue valenze comunicative, e quindi diventare uno degli strumenti della comunicazione d impresa. b. I responsabili dei servizi, data la crescente importanza delle attività di assistenza e di servizio al consumatore, chiesero se i fattori: 5. personale 6. procedure 7. prove oggettive non dovessero essere inserite ad integrazione delle prime quattro, portando ad un mix composto da ben sette variabili: pensiamo per esempio all importanza che nel servizio alberghiero ha l educazione e la serietà di tutto il personale, dal facchino che trasporta i bagagli, alla governante che sovrintende alla pulizia delle camere e al servizio ristorante e bar, attività (le procedure) che devono essere compiute velocemente e in modo impeccabile per offrire camere linde ed efficiente servizio ristorazione (le prove oggettive). Ancora una volta, i sostenitori della teoria classica intervennero affermando che, poiché con il termine prodotto si indicavano sia i beni sia i servizi, per semplicità si poteva continuare tranquillamente a considerare queste tre variabili ancora una volta inglobate nel prodotto. c. Lo stesso Kotler aveva suggerito un integrazione con altre due variabili considerandone la capacità di influire sulle vendite dell azienda: 18 1 Philip Kother, Il Marketing dalla A alla Z, Ed. Il Sole 24, Milano potere si pensi a come, le decisioni prese a livello legislativo, possano per esempio modificare la forma o le prestazioni di prodotti considerati non più a norma.

19 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria Alcuni anni fa, le poltroncine da ufficio con le gambe a quattro rotelle, furono abolite dalla normativa relativa alla sicurezza sul posto di lavoro, e sostituite con quelle a cinque rotelle, considerate più sicure. Le aziende che avevano già messo in produzione quelle con il vecchio sistema, dovettero sospenderne la realizzazione e ritirare dai magazzini i prodotti considerati ormai non a norma, e tutto semplicemente perché mancava a questi prodotti una rotella! il marketing mix 6. pubbliche relazioni sono tutte le attività di comunicazione dell azienda, sviluppate al di fuori del mero discorso pubblicitario che hanno la capacità di influenzare l opinione pubblica. (vedi: Mod.10/la pubblicità below the line/le pubbliche relazioni) d. La critica comunque più interessante riguarda l orientamento generale del marketing mix, cioè i presupposti a partire dai quali vengono sviluppate le variabili: le decisioni prese all interno del mix sono determinate da una preoccupazione di partenza, la vendita del prodotto, bisognerebbe invece partire da un altro punto di vista, il soddisfacimento del consumatore. Le variabili del marketing mix, comunque siano composte (4P 5P 6P 7P), continuano a rappresentare una configurazione product oriented mentre, data la crescente importanza che il consumatore assume nel mercato di oggi, dovrebbero essere sempre più costumer oriented. In una realtà product oriented, le variabili vengono concepite considerando come soggetto principale il PRODOTTO, dimenticando in questo modo che invece fulcro portante di ogni operazione di marketing è il cliente o meglio il costumer value, il valore del cliente. In quest ottica Robert Lauterborn suggerisce, prima di iniziare a considerare le 4P, di partire dalle 4C: 1. COSTUMER VALUE (prima del valore del prodotto) Il valore del cliente, le sue caratteristiche, le sue esigenze, il suo problema da risolvere, il suo bisogno, ecc. rappresentano il punto da cui partire per sviluppare il prodotto. 2. COSTO PER IL CLIENTE (prima del prezzo) Il potere d acquisto del consumatore, la sua disponibilità economica e quanto è disposto a spendere per acquistare il prodotto, rappresentano un importante punto di partenza nella determinazione del prezzo. 3. CONVENIENZA (prima del punto vendita) Come raggiungere il cliente nel modo più economico e semplice possibile, anche per il cliente, prima di procedere alla distribuzione nei punti vendita usualmente utilizzati dall azienda. 19

20 parte prima Mod. 0 semidurevoli ad acquisto saltuario: sono i beni che hanno una durata limitata a qualche anno, talvolta anche meil marketing mix 4. COMUNICAZIONE (prima della promozione della vendita) Come informare e che cosa dire al cliente prima di preoccuparsi di spingere le vendite. Prenderemo atto di quest ultima critica trattando le 4P classiche senza sottovalutare il ruolo fondamentale che ha nel marketing la conoscenza del consumatore IL MARKETING MIX: IL PRODOTTO Riassumiamo brevemente le più significative classificazioni classiche operate sulle diverse categorie di prodotto: 1. È ben noto che per prodotto si intendono: sia la categoria dei beni, che sono le cose, è tutto ciò che presenta una fisicità; sia i servizi che sono un insieme di azioni, funzioni o idee. Entrambe le categorie vengono generalmente definite prodotti perché accomunate dalla capacità di soddisfare un bisogno del consumatore. 2. In base al tipo di business cui il marketing è legato possiamo operare una classificazione in: prodotti di consumo nel caso di prodotti legati al consumer marketing e quindi destinati al consumatore finale; prodotti strumentali o industriali quando sono legati al marketing business to business (B2B) e quindi invece di essere destinati al consumatore finale, servono all azienda che li acquista per produrre il bene/servizio finale che verrà poi acquistato dal cliente. 3. I prodotti possono essere classificati in base alla lunghezza della loro vita e quindi alla frequenza d acquisto in: durevoli ad acquisto speciale: sono i beni che avendo una lunga durata vengono acquistati raramente, talvolta anche poche volte nella vita; possono appartenere a diverse categorie merceologiche, potrebbero essere gioielli, mobili d arredo, potrebbe essere anche la casa; 20

21 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria no. Sono acquistati con attenzione e ponderazione valutando le alternative offerte dal mercato. Questa categoria può essere a sua volta suddivisa in hard e soft: semidurevoli hard sono per esempio i telefoni cellulari, i computers, l auto; semidurevoli soft sono i vestiti, i software; il marketing mix non durevoli ad acquisto frequente: sono i prodotti definiti anche di largo consumo, si consumano durante il loro utilizzo e possono appartenere a diverse categorie merceologiche, dall alimentazione all igiene personale o essere complementari ai beni durevoli come la benzina per le autovetture. Vengono generalmente acquistati con noncuranza e in maniera abitudinaria dai consumatori che non perdono troppo tempo a vagliare le alternative offerte dal mercato. 4. Se si considera invece il grado di diffusione e di conoscenza della marca si può operare la seguente classificazione: prodotti branded prodotti legati ad una marca molto conosciuta dal mercato: i consumatori in questo caso sono disposti a spendere anche un po di più (premium price 2 ); (vedi: Mod.13/la brand equity/perceived quality) prodotti unbranded o senza marca sono i cosiddetti prodotti generici, non sono legati a nessun nome, e sono acquistati da consumatori che non danno troppa importanza alla marca ma privilegiano il risparmio; prodotti legati ad una sottomarca sono prodotti la cui marca non è nota, per questo motivo non godono di nessun valore aggiunto dall immagine di marca, e sono paragonabili ai prodotti unbranded; prodotti legati ad una marca privata o private labels sono prodotti venduti con la garanzia del punto vendita, quindi con la sua marca per esempio i prodotti GS o Coop. 5. Se si pensa alla motivazione che spinge il consumatore ad acquistare il prodotto, possiamo distinguere: prodotti funzionali: acquistati semplicemente perché in grado di soddisfare un bisogno, sono generalmente prodotti unbranded, comunque prodotti in cui il nome della marca non riveste una grande importanza per l acquisto. 2 premium price: è il prezzo dei prodotti legati a marche consolidate. Il consumatore è disposto a spendere di più per il valore aggiunto dalla marca al prodotto. 21

22 parte prima Mod. 0 il marketing mix Nella scelta di un prodotto, entrano però spesso in gioco altre motivazioni, magari meno evidenti rispetto a quelle funzionali. Molti prodotti sono acquistati perché in essi il consumatore trasferisce una serie di valori a carattere psicologico o simbolico che spesso costituiscono la vera motivazione all acquisto. In questi casi si parla di prodotti di transfer: prodotti edonistici: vengono acquistati per soddisfazione personale, possono appartenere a diverse categorie merceologiche, possono essere branded, ed avere un costo elevato, magari un orologio di un certo pregio, ma possono anche essere unbranded ed acquistati semplicemente per avere anche solo una soddisfazione momentanea: magari un bel gelato. prodotti di status: acquistati perché posseggono una forte valenza simbolica, perché simboleggiano l appartenenza ad un ceto sociale ed economico di rilievo, vengono acquistati perché generano nell acquirente la sensazione di appartenere ad un gruppo sociale considerato superiore. prodotti di prestigio: sono prodotti che a causa del loro prezzo, molto elevato, non possono essere altro che la prova tangibile dell appartenenza ad un ceto socio-economico elevato. prodotti di austerità: anche questi prodotti, come i prodotti di status, sono acquistati per la loro valenza simbolica, sono però legati ad una situazione di crisi ed incertezza finanziaria, danno la sensazione di una stabilità economica che non si possiede. prodotti di maturità: prodotti il cui acquisto simboleggia il raggiungimento (vero o simulato) di una certa età. Alcune categorie merceologiche in particolare prevedono, almeno nelle intenzioni dei legislatori, un consumo legato al compimento di un età minima. Ebbene, il consumo di questi prodotti implica il superamento (che rimane sempre vero o simulato) da parte dei consumatori di questa soglia d età. 6. Ora pensiamo al consumatore finale e al legame che vede l acquisto come anello di congiunzione tra cliente e prodotto. 22 La decisione finale che porta all acquisto del prodotto è sempre collegata ad una componente di rischio, ma che cosa si intende con il termine rischio? Il rischio percepito dal consumatore nel momento che precede la decisione d acquisto è in realtà composto da diversi fattori, così si può parlare di:

23 dal piano di marketing alla campagna pubblicitaria rischio economico: il consumatore ha paura di spendere male i propri soldi, si potrebbe anche dire che il consumatore abbia paura di sbagliare investimento. È il rischio più sentito dal consumatore. il marketing mix rischio funzionale, legato all utilizzo del prodotto: il consumatore ha paura di farsi del male, o di non essere in grado di utilizzare al meglio il prodotto o ancora di non ottenere il risultato sperato, o di ottenere, dall utilizzo, effetti indesiderati. Pensiamo per esempio ai dolciumi: il consumatore ha paura di ingrassare rischio psico-sociologico e simbolico: il consumatore ha paura di ricevere delle critiche e di perdere quella sicurezza che lo ha portato alla convinzione di acquistare il prodotto, ha paura che la componente simbolica insita nella marca del prodotto non venga correttamente interpretata o non rispecchi l idea che lui stesso vuole dare di sé attraverso quella marca. (vedi: Mod.13/la brand equity/perceived quality) rischio di perdere tempo il consumatore impiega, per alcune categorie di prodotto, un po del suo tempo per documentarsi sulle offerte del mercato, al fine di compiere la scelta giusta: e se fosse solo una perdita di tempo? In base all intensità con la quale vengono percepite le diverse componenti di rischio, il consumatore si dimostra più o meno coinvolto dall acquisto del prodotto, ciò significa che attribuisce un maggiore o minore grado d importanza al prodotto che deve acquistare. È così possibile operare la seguente distinzione: prodotti ad alto coinvolgimento: sono i prodotti per l acquisto dei quali si verifica una forte percezione di rischio a causa del costo, delle implicazioni simboliche insite nel valore della marca, del funzionamento che può essere più o meno complesso e della confusione generata dalle diverse alternative del mercato. Rientrano in questa categoria generalmente i beni ad acquisto saltuario o speciale, comunque i prodotti il cui acquisto si rivela piuttosto impegnativo. In questi casi il consumatore valuta con attenzione: le diverse offerte del mercato, le differenze insite nelle diverse marche, le differenze funzionali e qualitative dei prodotti, 23

24 parte prima Mod. 0 il marketing mix le differenze di prezzo, insomma investe molto del suo tempo per arrivare a compiere la decisione giusta. Molto diverso è il comportamento del consumatore nella situazione in cui acquista prodotti a basso coinvolgimento: in questo caso non hanno molta importanza le differenze tra un prodotto e l altro, in alcuni casi non ha neppure importanza la differenza di prezzo che spesso riguarda solo pochi centesimi. Il consumatore non considera rischioso l acquisto, se deluso potrebbe decidere eventualmente di disfarsi del prodotto senza subire un grave danno. In questo caso, per giungere alla decisione d acquisto potrebbero essere necessari solo pochi secondi Una nuova classificazione Dalle classificazioni appena descritte, deriva una nuova proposta di classificazione che riassume tutte le precedenti. Si tratta di una classificazione che vede il prodotto suddiviso in tre categorie: convenience goods shopping goods specialty goods convenience goods: questa categoria di prodotti racchiude i prodotti di largo consumo che prevedono un alta frequenza d acquisto e un basso coinvolgimento; shopping goods: questo gruppo contiene i prodotti ad acquisto saltuario o ponderato che prevedono quindi una bassa frequenza d acquisto ed un alto coinvolgimento; specialty goods: si tratta di una categoria di prodotti nuova. In questo gruppo sono contenuti i prodotti che sono riusciti ad instaurare uno stretto legame, si può dire affettivo, con il consumatore. Il consumatore non sarà disposto, per nessuna ragione, a cambiare un prodotto che considera specialty con un altra marca. Si tratta quindi di prodotti per i quali si è sviluppata un alta fedeltà da parte del consumatore. In questa categoria si può ritrovare quindi indifferentemente un convenience good o uno shopping good, dipende dal consumatore e dal legame che si è instaurato con il prodotto. 24

Pianificazione pubblicitaria tra old economy e new economy

Pianificazione pubblicitaria tra old economy e new economy Silvia Legnani Pianificazione pubblicitaria tra old economy e new economy STRATEGIE NEW MEDI A OLD MEDIA TARGE T BUDGE VISION OBIETTIVI PIANO DI MARKETING NEW ECON ECONOMY COP Y STRATEG Y ABOVE THE LINE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: TECNICHE DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO IL PROGRAMMA SVOLTO PER LA PARTE

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY

LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA COPY STRATEGY SVILUPPO DELLA CAMPAGNA Prima fase: IL BRIEFING scambio di informazioni fondamentale per lo sviluppo della campagna. Il brief contiene molteplici informazioni su:

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Pianificazione pubblicitaria Classe: 5^ Settore: Grafica pubblicitaria

Pianificazione pubblicitaria Classe: 5^ Settore: Grafica pubblicitaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Statale CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

Decisioni di Comunicazione

Decisioni di Comunicazione Corso di MARKETING A.A. 2006/2007 Decisioni di Comunicazione Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 13 Novembre 2006 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la comunicazione

Dettagli

Comunicazione Integrata di Marketing

Comunicazione Integrata di Marketing Corso di MARKETING A.A. 2011/2012 Comunicazione Integrata di Marketing Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 9 Gennaio 2012 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Strategie per il web marketing

Strategie per il web marketing Strategie per il web marketing Fasi dell orientamento d impresa Per comprendere in che misura (rivoluzionaria) internet ed il web in particolare, ha contributo allo sviluppo del mercato dei servizi e/o

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti

Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE. Parte 1. Le figure professionali. Prof. Gianfranco Ciaschetti Progettazione Multimediale PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DELLA COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Parte 1 Le figure professionali Prof. Gianfranco Ciaschetti Prima della multimedialità Prima dell avvento dell era

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

REALIZZAZIONE SITI WEB

REALIZZAZIONE SITI WEB COMPANY CREDENTIALS CHI SIAMO Siamo una Web Agency che ha come mission quella di dare massimo supporto e disponibilità al cliente per ogni esigenza che voglia creare. I nostri servizi di realizzazione

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

comunicazione L idea e la consulented arredo

comunicazione L idea e la consulented arredo consulented arredo L idea e la comunicazione Luca Naldi via mentana, 4 42025 cavriago reggio emilia Tel. mobile 335 6123328 Tel/fax 0522 370948 info@lucanaldi.it www.lucanaldi.it consulented arredo Consulente

Dettagli

la campagna pubblicitaria

la campagna pubblicitaria tipologie marketing la campagna pubblicitaria le agenzie e le sue figure obiettivi linguaggio strategia di comunicazione la comunicazione pubblicitaria l account definisce cosa dire nella comunicazione

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com

di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management www.intesasanpaoloimprese.com IL RUOLO DEL BRAND di Teresa Tardia Marketing e Vendite >> Marketing e management Sommario Introduzione...3 Definizione di marchio...4 Che cosa rende un marchio forte...4 Marchio e pubblicità...5 Monitoraggio...6

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Master in marketing e comunicazione

Master in marketing e comunicazione Master in marketing e comunicazione Il Master intende fornire i fondamenti metodologici per operare in un settore in continua evoluzione come quello del marketing. Oggi la saturazione dei mercati impone

Dettagli

Pubblicità e promozione

Pubblicità e promozione Pubblicità e Promozioni Relatore: Andrea Baioni (abaioni@abstudio.it) Pubblicità e promozione Consiste nello sviluppo e nell invio di messaggi diretti ad un destinatario specifico E efficace quando il

Dettagli

Advertising Sinonimo di "Pubblicità". Altri sinonimi, non più utilizzati attualmente, sono: reclame e propaganda.

Advertising Sinonimo di Pubblicità. Altri sinonimi, non più utilizzati attualmente, sono: reclame e propaganda. Above the line Espressione inglese che definisce tutte le attività di comunicazione veicolate attraverso i media classici, ad esempio TV, radio, stampa, affissioni. Advertising Sinonimo di "Pubblicità".

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl

Marketing Roger A. Kerin, Steven W. Hartley, Eric N. Berkowitz, William Rudelius Copyright 2007 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2007 The Companies srl CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING Ogni impresa deve decidere il programma della propria attività per l anno successivo. Il compito

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base:

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base: Capitolo 9 Il prodotto Il prodotto Il prodotto Per il consumatore è la soluzione a un problema specifico Per il produttore è un insieme i di attributi ti tangibili e intangibili che caratterizzano l offerta

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio.

Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio. Fare la pubblicità Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio. All Agenzia si rivolge un azienda, cioè un BRAND, che ha bisogno di comunicare al mercato: un riposizionamento, il lancio

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

VI. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Per comunicazione d impresa si intende l insieme delle modalità attraverso le quali un azienda comunica se stessa, la

VI. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Per comunicazione d impresa si intende l insieme delle modalità attraverso le quali un azienda comunica se stessa, la VI. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Per comunicazione d impresa si intende l insieme delle modalità attraverso le quali un azienda comunica se stessa, la propria identità, le proprie capacità e competenze alla

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

CHI SIAMO. Only4Few oggi rappresenta la capacità e l esperienza di svolgere in modo accurato e qualificato ogni tipo di evento di promozione.

CHI SIAMO. Only4Few oggi rappresenta la capacità e l esperienza di svolgere in modo accurato e qualificato ogni tipo di evento di promozione. CHI SIAMO Only4Few nasce nel 2000 a supporto ed integrazione dei servizi dell agenzia Fivegraphic Srl, impegnata nel campo della creatività e della comunicazione dal 1986 puntando su una strategia di comunicazione

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Corso di Marketing Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Presentazione del corso Obiettivi Timing e struttura del programma Modalità

Dettagli

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Quest opera paradigmatica, capitale non solo per lo sviluppo dell arte moderna, ma anche e soprattutto

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Glossario di Marketing

Glossario di Marketing Viale Atlantici, 65/a - 82100 Benevento Tel: +39.0824.334189 Fax: +39.06.23318693 www. info@ www. Glossario di Marketing Advertising O pubblicità. E il termine che indica le forme e i servizi di comunicazione

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI

GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI GRUPPORIGAMONTI.COM RIGAMONTI 1 2 Rigamonti ADV Design "Tutto è comunicazione: l arte, la politica, le città, la letteratura, il cinema; il linguaggio ne è parte dominante." Rigamonti ADV Design Rigamonti

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Dalla geografia turistica al prodotto giusto, da vendere al cliente giusto, al prezzo giusto

Dalla geografia turistica al prodotto giusto, da vendere al cliente giusto, al prezzo giusto Dalla geografia turistica al prodotto giusto, da vendere al cliente giusto, al prezzo giusto Simone Ghelfi Resp. marketing Gruppo Oltremare lun 23 / mer 25 / gio 26 febbraio 2015 ABSTRACT In agenzia, vendere

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

TEORIA DELLA COMUNICAZIONE

TEORIA DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 3 UNITÀ FORMATIVA N 1 Psicologia come scienza dell uomo Saper illustrare e spiegare le caratteristiche dei vari modelli psicologici. Conoscere i principali campi di studio della sociologia. COMPETENZE

Dettagli

Comunicazione commerciale

Comunicazione commerciale Comunicazione commerciale Università di Urbino La comunicazione commerciale Definizione Marca Pubblicità Direct marketing Promozione delle vendite Sponsorizzazioni Fiere e mostre Relazioni pubbliche di

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Obiettivi Generali COS È

Obiettivi Generali COS È Obiettivi Generali COS È Una tecnologia attraverso la quale è possibile fare simulazioni di scenario per comprendere meglio le scelte di marketing e comunicazione. PERCHÈ La progressiva complessità di

Dettagli

Ciclo: "mettersi in proprio: un'impresa possibile" 2009/10.

Ciclo: mettersi in proprio: un'impresa possibile 2009/10. Ciclo: "mettersi in proprio: un'impresa possibile" 2009/10. GLI STRUMENTI DEL MARKETING incontro del 15/12/2009 Programma dell incontro del 15/12/2009 Quali sono i principali strumenti del marketing Come

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1

Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1 Principi di marketing turistico Prof. M. UGOLINI - a.a. 2011-12 Ripasso mirato del programma 1 Di che cosa si occupa il marketing? Qual è l obiettivo del marketing? Si spieghi la differenza tra consumatori

Dettagli

IL POSITIONING DEL PRODOTTO

IL POSITIONING DEL PRODOTTO IL POSITIONING DEL PRODOTTO Obiettivi: Far riconoscere i fattori fondamentali attraverso cui l azienda individua e interpreta gli orientamenti della clientela Acquisire consapevolezza dell'importanza di

Dettagli

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI La redazione del piano marketing per

Dettagli

I DEE P ER SVILUPPARE B USINESS

I DEE P ER SVILUPPARE B USINESS I DEE P ER SVILUPPARE B USINESS C HI S IAMO H it adv è la divisione comunicazione del Gruppo Omniapart. Un agenzia a servizio completo costituita da un gruppo di professionisti del marketing, della creatività,

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

BIBLIOGRAFIA P. Kotler, Marketing Management, ISEDI, 1991 B. Mason, H. Ezell, Marketing, Jackson, 1991 P. Kotler, A. Andreasen, Marketing per le organizzazioni non profit, Il Sole 24 Ore, 1998 1 Le azioni

Dettagli

Rilancia il tuo business con il web 2.0

Rilancia il tuo business con il web 2.0 Rilancia il tuo business con il web 2.0 Relatore:Andrea Baioni abaioni@andreabaioni.it Qualche anno fa. Media di ieri e di oggi Oggi: fruizione di contenuti senza vincoli 2 Gli old media Generalisti Occasionali

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli