Ricevimento: Nel semestre di lezioni si riceve alla fine della lezione. Negli altri periodi su appuntamento tramite o telefono

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricevimento: Nel semestre di lezioni si riceve alla fine della lezione. Negli altri periodi su appuntamento tramite e-mail o telefono"

Transcript

1 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Insegnamento di Modulo di Economia a marketing agroalimentare (6 CFU) Anno accademico 2012/13 Prof.ssa Agata Nicolosi cell Parte terza Marketing agroalimentare Lezioni Aula F: martedì ore mercoledì ore Ricevimento: Nel semestre di lezioni si riceve alla fine della lezione. Negli altri periodi su appuntamento tramite o telefono Prof. Agata Nicolosi - modulo di politica agroalimentare 1 Obiettivi formativi Il modulo è articolato in tre parti: 1. nella prima parte si studiano le problematiche teoriche ed economiche per l analisi del mercato agroalimentare; 2. nella seconda parte si esamina l evoluzione del sistema agroalimentare italiano e le relazioni che intercorrono tra le diverse componenti del sistema; 3. nella terza parte si affrontano le strategie, le politiche, le tecniche di marketing da adottare per rendere più efficace la presenza dell impresa agroalimentare in un mercato in continua evoluzione. 1

2 Parte terza Marketing agroalimentare Definizioni di Marketing F. E. Clark Insieme degli sforzi che permettono il passaggio di proprietà di beni nonché la loro distribuzione fisica Dubby e Revzan processi economici per cui beni e servizi si scambiano e i loro valori vengono determinati in termini di prezzi monetari; Glasser Tecnica per determinare e soddisfare i desideri del consumatore così da raggiungere la massima redditività unitaria del capitale investito; J. Lendrevie Insieme dei mezzi di cui dispone l azienda al fine di creare, mantenere e sviluppare i suoi mercati ed i suoi consumatori; Katler 1976 Definizione Esplicativa Il marketing è l analisi, l organizzazione, la pianifi-cazione ed il controllo delle risorse, delle politiche e degli interventi dell azienda rivolti al consumatore per soddisfare le necessità ed i desideri dei gruppi scelti di consumatori, conseguendo per questo profitto. 2

3 Foglio 2003 Definizione Riassuntiva Il marketing è il cervello, la volontà dell azienda che tramite l analisi prima (CONOSCERE), quindi tramite interventi mirati (AGIRE), raggiunge e conquista il mercato Il marketing è l individuazione del punto di incontro ottimale tra domanda di un prodotto da parte del mercato ed offerta aziendale. 3

4 Importanza del Marketing Agro-Alimentare Il marketing interviene in tre momenti specifici della vita di un prodotto: Momento della Produzione: allocazione ottimale delle risorse nella più vasta strategia aziendale; Momento di Mercato: ottimale distribuzione dei prodotti nel raggiungimento del consumatore; Momento del Consumo: soddisfazione dei bisogni del consumatore nel rispetto del giusto prezzo e del giusto prodotto. Funzioni del Marketing Agroalimentare Funzione di analisi e ricerca il marketing attraverso ricerca e segmentazione di mercato individua dati ed informazioni relative al mercato, ai segmenti, al consumatore, ecc. Funzione di animazione e promozione - al marketing spetta il compito di creare e stimolare la domanda attraverso il marketing mix e le politiche di prodotto, di prezzo, di distribuzione, di comunicazione e promozione Funzione di pianificazione - il marketing persegue l obiettivo di raggiungere i risultati previsti dal piano globale aziendale e dal piano di marketing Funzione di organizzazione il marketing è capace di garantire lo sviluppo armonico di tutti gli interventi aziendali; Funzione di controllo il marketing consente di verificare tutte le deviazioni e gli scostamenti dagli obiettivi, al fine di correggere in tempo reale le azioni previste. 4

5 La Ricerca di Mercato Alla base di qualsiasi piano di marketing vi è la conoscenza perfetta dell ambiente in cui l azienda opera o intende operare in futuro. Nel caso del mercato agroalimentare è necessario uno studio approfondito delle sue caratteristiche economiche, commerciali, sociali e di consumo, al fine di valutare quali fattori influiscano maggiormente sulla collocazione finale di un prodotto. Definire obiettivi e ambiti Raccogliere tutte le informazioni possibili Analisi dati disponibili Ridefinire gli obiettivi Realizzare la ricerca Utilizzare saggiamente i dati ottenuti Ricerca sul prodotto Ricerca sulla concorrenza Ricerca sui canali distributivi Ricerca sui mezzi comunicazionali e promozionali Ricerca sul consumatore Ricerca sulla politica di vendita 5

6 Ricerca sul prodotto alimentare Caratteri materiali: qualità, gusto, presentazione, grado di conservazione, livello tecnologico di produzione, gamma, ecc. Caratteri immateriali: salute, sicurezza, prestigio, ecc Azienda Prodotto Consumatore Concorrenza 6

7 Ricerca sulla concorrenza Aziende produttrici e distributrici presenti sul mercato; Struttura produttiva, commerciale e finanziaria; Politica globale di marketing; Politiche specifiche (Marketing mix) Presenza sul mercato; Canali distributivi; Quote di mercato; Livello di accettazione da parte del consumatore; Punti di forza e punti di debolezza. La ricerca sulla concorrenza ha come obiettivo l individuazione dello Spazio di Manovra aziendale, vale a dire l elemento concorrenziale da sfruttare nella successiva politica di intervento aziendale. Si abbia sempre l'occhio sul nemico, per evitare d'andargli incontro con lo spadino di gala quando invece egli ha posto mano allo spadone. 7

8 Ricerca sui canali distributivi Canali individuati dalla concorrenza; Migliore presenza sul mercato; Strategie di approvvigionamento definite in funzione del punto vendita finale; Individuazione delle principali organizzazioni di grande distribuzione che potrebbero interessarsi al prodotto; Mezzi idonei al raggiungimento del commercio tradizionale; Costi legati ai vari canali distributivi; Ricerca sui mezzi di comunicazione e promozionali Individuare i migliori canali informativi in relazione a: Quota di capitale aziendale destinabile alla promozione del prodotto; Tipo di prodotto; Consumatore target della campagna promozionale. 8

9 L obiettivo della politica di promozione è quello di individuare: Nuovi clienti; Nuovi punti vendita. Ricerca sul Consumatore La ricerca ha come fine la risposta alle domande: Chi consuma il prodotto? Perché si consuma il prodotto? 9

10 Chi consuma il prodotto? Analizzare i consumatori, attuali o potenziali di un prodotto, al fine di individuare gruppi omogenei cui rivolgere le diverse politiche di marketing: Strati sociali; Età; Frequenza degli acquisti. Perché si consuma il prodotto L analisi motivazionale consente di individuare le pulsioni personali che spingono il consumatore ad acquistare il prodotto. Qualsiasi azione umana è regolata da fattori emozionali e razionali, che agendo simultaneamente, spesso a livello di subconscio, regolano i comportamenti sociali, e quindi anche di acquisto dei prodotti. 10

11 Caratteri emozionali Istinto, intuizione, subcosciente, indirizzano la prima parte dell approccio all acquisto: Gusto Soddisfazione Emulazione Ambizione Comodità Caratteri Razionali Legati a logica e calcolo: Economicità, Qualità Durata Competitività Immediatezza di consumo 11

12 Il consumatore alimentare condiziona e stabilisce un ordine di priorità per le sue esigenze di consumo alimentare sottoponendole ad una scala di valori che risentono dei suoi desideri e dei suoi gusti. La conoscenza completa del BACKGROUND del consumatore è necessaria a rispondere in maniera adeguata alle sue esigenze. Ricerca sulla politica di vendita La necessità di rispondere in maniera puntuale alle richieste del consumatore finale, presuppone l impostazione di una idonea politica di vendita fondata sull attenta conoscenza delle richieste del consumatore, delle potenzialità del mercato e delle caratteristiche dell apparato distributivo. 12

13 Definire obiettivi e ambiti Raccogliere tutte le informazioni possibili Analisi dati disponibili Ridefinire gli obiettivi Realizzare la ricerca Utilizzare saggiamente i dati ottenuti Ricerca sul prodotto Ricerca sulla concorrenza Ricerca sui canali distributivi Ricerca sui mezzi comunicazionali e promozionali Ricerca sul consumatore Ricerca sulla politica di vendita "Chi comprende i vantaggi legati alle variazioni nella tattica, sa come gestire la propria organizzazione, ma chi non lo capisce appieno, pur possedendo un'ottima conoscenza dell'ambiente in cui agisce, non sarà in grado di trasformare la conoscenza in un'azione vantaggiosa". Sun Tzu L arte della guerra 13

14 La strategia di marketing 1. Azienda agroalimentare e obiettivi strategici 2. Segmentazione del mercato 3. Posizionamento del prodotto 4. Programma di marketing mix 1. Elementi di marketing mix 1. Prodotto 2. Prezzo 3. Distribuzione e vendita 4. Comunicazione e promozione 5. Altri plus di marketing mix 5. L approccio strategico 1. Scegliere e definire un approccio strategico 2. L intervento strategico di marketing mix Azienda agroalimentare e obiettivi strategici 1. Obiettivo generale strategico Incremento della quota di mercato 2. Obiettivi di mercato Maggiore livello di penetrazione Maggiori vendite Migliore riscontro da parte del canale distributivo e del consumatore 3. Obiettivi economico-finanziario Miglioramento delle perfomance, ottimizzazione efficienza processo produttivo, incremento redditività,ecc. 14

15 Segmentazione del mercato Processo di raggruppamento di quei consumatori le cui reazioni - nei confronti di una particolare azione di marketing a supporto di un prodotto - sono e si manterranno uguali o simili per un certo periodo di tempo Aggregare insieme gruppi di consumatori Conoscenza e individuazione del segmento: le variabili Variabili di mercato Tipo di mercato,livello di vita, di reddito, ecc. Variabili geografiche Regioni, centri urbani, dimensione demografica, densità,, ecc. Variabili socio-economiche Età, sesso, famiglia, professione, reddito, cultura, classe sociale Variabili psicologiche Motivazioni e studio del comportamento del consumatore Variabili comportamentistiche Comportamento di consumo e di acquisto: occasione di consumo, conoscenza del prodotto, atto di acquisto, accettazione del prezzo, ricettività dei messaggi promozionali, ecc. Tipologia di consumatori (occasionali, abituali, non consumatori) Variabili aziendali Supporto alla segmentazione: ricerche di mercato interventi operativi di marketing, ecc. 15

16 Tipologie di segmentazione Segmentazione concentrata: l azienda concentra lo sforzo su una o su pochi segmenti per raggiungere una posizione di predominio nel segmento prescelto Segmentazione indifferenziata: gruppo di consumatori esteso per permettere un ampia diffusione del prodotto Segmentazione differenziata: interventi personalizzati sulla base delle esigenze riscontrate Identificare i segmenti Quantificabilità Accessibilità Redditività Difendibilità Controllabilità Posizionamento del prodotto Posizionamento di prodotto e segmentazione del mercato sono tra loro complementari e determinanti per una valida ed efficace azione di marketing. Posizionare un prodotto vuol dire individuare nel mercato prima uno spazio, quindi riuscire a realizzarlo come una vera e propria posizione strategica Posizionamento attivo strategico Prodotto agroalimentare Posizionamento passivo Tecnica di posizionamento -Prodotto -Concorrenza -consumatore Caratteristiche prodotto Immagine concorrenza Attese consumatore 16

17 Marketing mix Coordinamento armonico di tutte le azioni di marketing verso uno stesso obiettivo pianificato. Marketing mix può essere inteso come la scelta dell azienda sul come intende presentarsi al mercato ed allo specifico segmento, è il programma di intervento che si mette a punto per far fronte alle esigenze di penetrazione del mercato. Marketing mix Prodotto (Product) Prezzo (Price) Distribuzione (Place) Promozione (Promotion) 17

18 Prodotto Prezzo Distribuzione Vendita Pubblicità promozione Combinazioni variabili di Marketing Mix Formulazione programma di Marketing Mix Piano di Marketing Il marketing mix deve diventare la combinazione ottimale, il dosaggio equilibrato di tutti i mezzi e risorse disponibili, degli interventi di marketing per permettere al piano di marketing di raggiungere l obiettivo. 18

19 19

20 Programma di Marketing Mix 1. Diagnosi situazione attuale 2. Proposta obiettivi di breve, medio e lungo termine 3. Formulazione strategie e politiche relative a : 4. Scelta e combinazione obiettivi, strategie e politiche relative a: Mercato del prodotto; Prodotto; Caratteristiche e prezzi prodotti concorrenza; Distribuzione; Pubblicità e promozione; vendita Prodotto ; Individuazione punto di equilibrio costi/ricavi; Distribuzione; Pubblicità e promozione; Personal selling (*) ; Marca consegna Prodotto; Prezzo; Distribuzione; Pubblicità e promozione; Varie Prodotto; Prezzo; Distribuzione; Pubblicità e promozione; Varie (*) Personal selling : attività di supporto Economia e informazione e politica per agroalimentare il potenziale cliente. Vendita personale, rapporto di collaborazione e reciproca soddisfazione tra chi prof.ssa vende Agata e chi Nicolosi acquisisce il prodotto. Caratteristiche del Marketing mix Coordinato: la funzione di ognuno sia di supporto agli altri Dinamico: continuo adattamento ai mutamenti (del mercato del segmento del consumatore) Dosato: rispetto alla dimensione dell azienda, alla sua organizzazione, alle risorse produttive, tecniche e tecnologiche, finanziarie e commerciali Personalizzato: il marketing mix non può essere standardizzato perchè dipende dalle diverse variabili sempre in movimento che richiedono di essere continuamente aggiornate (*) Personal selling : attività di supporto Economia e informazione e politica per agroalimentare il potenziale cliente. Vendita personale, rapporto di collaborazione e reciproca soddisfazione tra chi prof.ssa vende Agata e chi Nicolosi acquisisce il prodotto. 20

21 Condizionamento esterni di marketing mix Situazione di mercato Sviluppo tecnologico Concorrenza Struttura distributiva Consumatore Settore alimentare Legislazione Elementi del programma di marketing mix Il coordinamento del programma di mix è un intervento strategico finalizzato alla scelta, tra le diverse alternative possibili, quella più adatta e più conveniente, di decidere l impiego delle variabili più idonee recependo gli stimoli dalla stessa domanda potenziale del mercato, dalla relativa segmentazione e dal posizionamento del prodotto. PRODOTTO PREZZO DISTRIBUZIONE - PROMOZIONE 21

22 Prodotto Prodotto Il ruolo svolto dal prodotto è quello di rispondere nel migliore dei modi alle esigenze del consumatore e del mercato Il prodotto deve essere un elemento chiaro e preciso Identificabile: Nome Caratteristiche fisiche Caratteristiche tecniche Prestazione Qualità Affidabilità Presentazione Ruolo nella gamma dei prodotti Il prodotto deve essere considerato come elemento dinamico e come tale anche gli aspetti che lo formano e lo caratterizzano sono soggetti alle variazioni del mercato e dell ambiente in generale. 22

23 Requisiti del prodotto alimentare Esigenze prodotto-mercato il prodotto deve corrispondere alle reali esigenze del mercato e non essere realizzato dall azienda senza un fondamento nella realtà Esigenza prodotto-consumatore il prodotto è ciò che desidera acquistare il consumatore. Esigenze di prodotto relative alla progettazione del prodotto con riferimento alla qualità, alla confezione, al destinatario Personalizzazione del prodotto Il prodotto deve disporre di caratteristiche tipiche, esclusive e non ripetibili dalla concorrenza in particolare bisogna considerare aspetti: Ordine interno: Formato Peso Qualità Gusto Ordine esterno (competenza tecnica): Nome Presentazione Politiche prodotto e prezzo 23

24 Caratteristiche di base del prodotto alimentare Qualità Il prodotto deve rispondere in maniera adeguata al gusto del consumatore. Confezione e presentazione apprezzamento utilitaristico per il suo formato ed estetico per la confezione Packaging presentazione del prodotto Plus del prodotto Servizi collegati al prodotto quali garanzia, conservabilità, funzionalità, logistica ecc. Prezzo 24

25 Prezzo Il prezzo è l elemento del Mix che caratterizza il prodotto in quanto capace di selezionare il segmento che più si addice al prodotto stesso. Per gli economisti è il valore di equilibrio che permette l incontro della domanda e dell offerta su un determinato mercato Per il marketing è una delle leve del Marketing Mix e rappresenta di fatto il corrispettivo del valore attribuito al prodotto o al servizio acquistato dall acquirente Ha significati diversi per chi vende e per chi acquista perché rappresenta cose diverse Prezzo Il prezzo è l elemento di mix che meglio ed immediatamente viene recepito dal consumatore in quanto è in grado di compiere da solo ed in maniera diretta una sua valutazione. Il prezzo è l elemento più difficile da valutare per l azienda in quanto su di esso intervengono eterogenee e diverse variabili tra loro indipendenti. 25

26 Prezzo Il prezzo è una leva fondamentale per aumentare il valore percepito Abbinare prodotti complementari o servizi post vendita contribuisce a ridurre il prezzo in capo all acquirente e ad aumentare il valore percepito del bene La strategia di abbinamento può essere attuata sia sui beni di largo consumo sia sui beni industriali Distribuzione e vendita 26

27 Distribuzione e vendita È l insieme degli elementi che permettono di colmare la distanza fisica e temporale che intercorre tra la produzione ed il consumo di un prodotto o di un servizio L azienda deve rispondere alla domanda del mercato facendo pervenire nelle migliori condizioni e nel numero maggiore di punti di vendita i suoi prodotti. Si deve scegliere il circuito più idoneo alle esigenze aziendali di commercializzazione considerando che: Più il circuito è breve Meglio può essere controllato Più è costoso mantenerne il controllo 27

28 Tipologia di vendita Vendita diretta al consumatore Vendita tramite canali di intermediazione Grossista Dettagliante Grande distribuzione Pubblicità e promozione 28

29 Pubblicità e promozione Pubblicità e promozione devono riuscire rispettivamente a presentare e a sostenere il prodotto nel mercato, ma soprattutto nei riguardi del consumatore, contribuendo migliorare l immagine dell azienda sul mercato, a far conoscere il prodotto, a convincere e a supportare il sistema distributivo nonché il consumatore Pubblicità La pubblicità per raggiungerei il suo obiettivo deve disporre di un messaggio appropriato, suggestivo, interessante, memorizzabile ed essere finalizzata a migliorare l immagine del prodotto, farlo conoscere e differenziarlo, a supportare tutta l attività distributiva, di vendita, di promozione. Di fondamentale importanza è creare un messaggio capace di comunicare con il consumatore e di presentargli le caratteristiche del prodotto e la possibilità di soddisfare le sue particolari esigenze. 29

30 Promozione La promozione deve informare, convincere e ricordare al consumatore l utilità e l esigenza di un prodotto. Attraverso la comunicazione è possibile: far giungere le informazioni necessarie ai potenziali clienti/consumatori promuovere la percezione del prodotto o del servizio da parte degli acquirenti Oltre alla comunicazione verso il cliente è importante anche quella verso l azienda L analisi delle istanze dei clienti permette all azienda di modificare la propria azione per seguire e soddisfare meglio le loro esigenze Elementi complementari ed evoluzioni del marketing mix 30

31 Elementi complementari Personal selling: l'insieme delle attività di supporto e informazione per il potenziale cliente, attraverso una rete di venditori che contattano direttamente la clientela presentando i prodotti, illustrandone le caratteristiche e le condizioni d acquisto. Marca: In alcuni casi l impresa potrebbe adottare una strategia di marketing volta alla promozione del proprio marchio (brand) e non di un prodotto L obiettivo è, normalmente, quello di far percepire l impresa come sinonimo del mercato cui essa fa riferimento Elementi complementari Gamma: Servizi La combinazione di prodotti viene considerata in base alla sua ampiezza (denominata assortimento), alla sua profondità (denominata gamma), e alla sua coerenza. L impresa può formare un offerta di prodotti articolata in modo da consentirle di accrescere al massimo la propria posizione competitiva 31

32 Evoluzioni del Marketing mix 6P: Personal Selling: l'insieme delle attività di supporto e informazione per il potenziale cliente. Positioning: il posizionamento della marca. 7P: Packaging Sono poi state suggerite delle ulteriori P, come politica e pubblica opinione. Evoluzioni del Marketing mix Alcuni analisti prevedono che le pubbliche relazioni cresceranno di importanza rispetto alla pubblicità. Con le pubbliche relazioni aumentano le possibilità di far passare il messaggio, che può anche risultare più fresco e credibile. 32

33 Internet e Marketing Mix Un azienda può scegliere di affidarsi ad attori diversi da quelli tradizionali, basandosi su strumenti e applicazioni web. La comunicazione interattiva va armonizzata con il marketing mix dell'azienda, costruendo una serie di servizi su misura che, sfruttando le tecnologia di Internet, rispondano in pieno alle esigenze del bipolo azienda-consumatore. Le due strategie, quella classica e quella moderna/digitale, vanno comunque combinate e integrate. Internet e Marketing Mix Buzz Marketing: il passaparola generato dai consumatori nei confronti di un certo brand. Social Media Marketing: quella branca del Marketing che si occupa di generare visibilità sui social media e comunità virtuali. Community Marketing: associa i clienti e l azienda con i clienti per consolidarne i rapporti e affermare il marchio. Business Blog: il blog consente alle aziende di ascoltare gli utenti e di parlare loro in maniera diretta e senza filtri 33

34 L approccio strategico di marketing Scegliere e definire un approccio strategico 34

35 Intervento strategico di marketing metodologia 1. Scelta del segmento di mercato 2. Scelta degli obiettivi 3. Scelta dei mezzi e dei tempi tecnici 4. Controllo efficienza strategica 5. Scelta strategie alternative L'identificazione del mercato e la segmentazione Il primo passo per costruire un piano di marketing è dato dalla conoscenza del mercato in cui si opererà. Qualsiasi mercato può essere diviso in sottomercati più piccoli in base ai bisogni dei consumatori. Alla base della segmentazione troviamo l'impossibilità che un prodotto o servizio possa soddisfare contemporaneamente tutti i bisogni dei consumatori. 35

36 I bisogni del consumatore L'orientamento al marketing impone di rilevare i bisogni dei consumatori. E opportuno identificare il mercato in termini di bisogni e non solo in termini merceologici o tecnici. Il mercato di riferimento è dato dall'insieme di soluzioni fornite ai clienti utili a risolvere i loro problemi. Segmentare un mercato in base ai propri clienti Per evitare che i propri giudizi di valore influenzino l'identificazione del mercato è opportuno rispondere alle seguenti domande: Chi? Chi sono gli acquirenti interessati ai servizi o ai prodotti offerti. Cosa? Quale bisogno vogliono soddisfare o quale problema vogliono risolvere. Come? Come è possibile risolvere i loro problemi o soddisfare i loro bisogni in base alla tecnologia a disposizione. 36

37 Interventi strategici di marketing Obiettivo mercato Obiettivo prodotto Obiettivo prezzo Obiettivo concorrenza: Obiettivo consumatore Strategia di penetrazione Strategia di espansione Strategia aggressiva Strategia indifferenziata Strategia differenziata Strategia concentrata Strategia di posizionamento Strategia di sviluppo del prodotto Strategia di adattamento al mercato Strategia di differenziazione Strategia di specializzazione protettiva Strategia di specializzazione flessibile Strategia di diversificazione protettiva Strategia di diversificazione flessibile Strategia del prezzo di segmentazione Strategia del prezzo monopolistico Strategia del prezzo oligopolistico Strategia del prezzo alto Strategia del prezzo decrescente Strategia del prezzo concorrenziale Strategia del prezzo basso Strategia di penetrazione con lancio di un nuovo prodotto Strategia di guerriglia Strategia di assediamento Strategia offensiva Strategia difensiva Strategia verso il consumatore Strategia verso il compratore Strategia di massa Strategia di specializzazione Strategia push Strategia pull Obiettivi Gli obiettivi si suddividono sempre in obiettivi a: breve periodo medio periodo lungo periodo La caratteristica che ogni obiettivo deve avere è: sostenibile misurabile definito 37

38 Il ciclo di vita del prodotto Le fasi del CVP sono: introduzione; sviluppo; maturità; declino. L'impresa punta normalmente su: a) una breve fase di introduzione del prodotto (nella quale sostiene i costi più elevati); b) un rapido raggiungimento della fase di sviluppo; c) una lunga fase di maturità (nella quale le vendite raggiungono il picco e si conseguono profitti elevati); d) una lenta fase di declino (onde fare in tempo a realizzare un prodotto sostitutivo). Le strategie competitive Sono quelle strategie che nascono in funzione dell analisi della posizione e del comportamento dei concorrenti. 1.Le strategie del leader 2.Le strategie dello sfidante 3.Le strategie del follower 4.Le strategie dello specialista 38

39 Le strategie del leader Lo sviluppo della domanda primaria L impresa leader sviluppa la domanda primaria: individuando nuovi utenti di prodotti; promuovendo nuove forme di impiego dei prodotti esistenti; accrescendo le quantità consumate in ogni occasione di consumo. Le strategie del leader Le strategie difensive Si tratta di difendere la propria quota di mercato contrastando l attività dei concorrenti più pericolosi. Le strategie aggressive Si tratta di trarre i massimi benefici dagli effetti di esperienza e conseguentemente di migliorare la redditività. Le strategie di demarketing Si tratta di ridurre volontariamente la quota di mercato. 39

40 Le strategie dello sfidante Individuare il campo di battaglia sul quale attaccare Valutare la propria capacità di reazione e di difesa ATTACCO FRONTALE Opporsi direttamente al concorrente ATTACCO LATERALE Opporsi al leader su una dimensione strategica rispetto alla quale il concorrente è debole impreparato. Le strategie del follower Trattasi di strategie che si fondano sull allineamento alle decisioni dei concorrenti. Si ritrovano all interno dei mercati oligopolistici dove la differenziazione è scarsa. 40

41 Le strategie dello specialista Sono quelle strategie che mirano alla specializzazione in una nicchia che: è caratterizzata da potenzialità di profitto; possiede un potenziale di crescita; non attira la concorrenza; si associa alle caratteristiche distintive dell impresa; detiene barriere difendibili all entrata. Realizzazione controllo Proposta di piano Stesura del piano Revisione Definizione limiti esistenti Controllo fattibilità Scelta obiettivi specifici Sviluppo piano operativo Formulazioni previsionali Definizione tempi di esecuzione Individuazione interventi alternativi Finalizzazione piano Formulazione strategie Analisi dei rischi 41

42 La società della conoscenza I cambiamenti societari ed economici hanno comportato il passaggio da una guerra di posizione ad una guerra di movimento in cui il vantaggio competitivo si raggiunge puntando: sul know-how trasferibile; sulla rapidità; sull acume; sull innovazione. Testo di Riferimento Il Marketing Agro-alimentare, Mercato e strategie di Commercializzazione di A.Foglio, Franco Angeli Editore, Milano 2007 prof. Agata Nicolosi 84 42

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

guida al business planning

guida al business planning guida al business planning indice INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - L APPROCCIO AL BUSINESS PLAN 1.1 Il contesto imprenditoriale 1.2 Fare impresa 1.3 Il business plan 1.4 Scrivere il business plan CAPITOLO 2 -

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli