Realizzato dalla classe IV A Igea dell I.T.C.G G. Spagna di Spoleto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Realizzato dalla classe IV A Igea dell I.T.C.G G. Spagna di Spoleto"

Transcript

1 Realizzato dalla classe IV A Igea dell I.T.C.G G. Spagna di Spoleto Coordinamento: Prof. ssa Giovanna Ridente Collaborazione Prof. Pietro Emidio Rindinella a. s. 2007/2008 1

2 Indice del piano di marketing 1. La castagna e la sua origine pag Contesto internazionale pag Scenario nazionale pag Obiettivi del piano di marketing pag La concorrenza pag Caratteristiche del prodotto pag Le nostre linee di prodotti pag Obiettivi della comunicazione e distribuzione pag La distribuzione pag La comunicazione pag. 14 a) La pubblicità b) La promozione c) Le pubbliche relazioni pag. 14 pag. 15 pag Realizzazione pag. 16 2

3 1. La castagna e la sua origine Originario dell Asia minore, il castagno, dopo essersi diffuso in Grecia, arriva in Italia e poi successivamente ricopre i boschi del continente europeo. Per millenni, questo frutto ha assunto il ruolo di cibo provvidenziale, in sostituzione del pane e della carne. Lo storico greco Senofonte, definiva il castagno come albero del pane, infatti una volta le castagne erano chiamate "pane d'albero", ed erano una risorsa insostituibile per i contadini del nostro paese., Nei momenti difficili, infatti, riuscivano a risolvere il problema dei pasti giornalieri, rendendoli più saporiti e sostanziosi. Già nell antichità, Greci, Fenici, Ebrei e Romani trasportavano, con le loro navi, le castagne, sia fresche che secche o sfarinate, da un Paese all altro del Mediterraneo. Tale commercio continuò per molto tempo ed il frutto, divenne così, il sostentamento del popolo più povero in quanto era meno costoso del grano, un elemento con elevate proprietà energetiche e non gravato da dazi. Ancora oggi, le castagne, sono consigliate a persone anziane, bambini, convalescenti e rappresentano un alimento alternativo per chi è allergico al latte di mucca o al lattosio. La castagna, inoltre, è un frutto in grado di soddisfare la crescente voglia di cibi naturali e genuini, dato che deriva da una coltura che non richiede uso di fitofarmaci e risponde pienamente ai canoni dell agricoltura biologica. Le sue proprietà chimiche la rendono un prodotto curativo, antianemico, antisettico e tonificante per i muscoli. Grazie a tutte queste proprietà, le popolazioni, fin dall antichità, si erano insediate nell asse appenninico, là dove il castagno attecchiva con più facilità, facendo si che si creasse un forte legame tra popolazione, territorio e prodotto. Le castagne sono il tipico prodotto autunnale, cadono spontaneamente dall'albero da settembre a dicembre, periodo nel quale vengono raccolte due volte al giorno. I prodotti derivati, come la farina di castagne e le castagne 3

4 secche, possono essere conservati a lungo e si trovano tutto l'anno, anche se il consumo resta di tipo stagionale. 2. Contesto internazionale L Italia è tra i maggiori esportatori del frutto del castagno insieme a Cina e Corea. La castanicoltura da frutto sta attraversando però un periodo di crisi a causa della scarsa redditività della coltivazione degli impianti, della frammentarietà delle aziende produttrici e di conseguenza degli scarsi investimenti in innovazione e nelle politiche di marketing del prodotto. A ciò si aggiungano gli incendi boschivi, che hanno distrutto milioni di ettari di castagneti in Europa e l invasione dei mercati da parte di castagne provenienti dalla Cina. I prezzi di conseguenza sono lievitati negli ultimi anni oscillando dai 5 o 6 euro al chilo fino ai 30 euro al chilo. 3 Scenario nazionale Storicamente, la produzione italiana di castagne all inizio del secolo era di circa 6,5 milioni di quintali, ma per le note vicende di abbandono della montagna e per gli attacchi parassitari è andata costantemente diminuendo, inoltre per la mancanza di cure colturali adeguate si è ridotta la fruttificazione delle piante restanti, ad eccezione di zone particolari, dove il castagno non è stato abbandonato a se stesso e l incidenza della malattia è stata meno marcata. All inizio degli anni 50, la produzione, era ancora superiore ai 3 milioni di quintali annui, e dopo il 1960 è scesa al di sotto del milione di quintali. Questa tendenza è continuata fino al 1973, quando si sono toccati i 575 mila quintali. Nonostante viviamo in un mondo in cui l economia agisce a livello planetario, globalizzato, che tende a creare un mercato unico, perciò i prodotti diventano di massa e indifferenziati, c è in contrapposizione una maggiore spinta a riscoprire e valorizzare prodotti legati al territorio e provenienti dalle tradizioni antiche come le castagne. Nascono perciò i Consorzi a difesa dei prodotti tipici della nostra terra, per promuovere il risanamento e la valorizzazione economica e produttiva dei 4

5 castagneti, contribuendo in tal modo alla riqualificazione e alla salvaguardia degli ambienti montani, preoccupandosi di recuperare la tradizione delle castagne anche a fini turistici. In Umbria nasce il consorzio Castagna Umbra, in difesa delle castagne e dei marroni prodotti nella regione. 4. Obiettivi del piano di marketing Nostro obbiettivo è quello di appoggiare il Consorzio per promuovere ogni iniziativa intesa a salvaguardare e valorizzare la tipicità e le caratteristiche della castagna e dei suoi derivati e sostenerne la commercializzazione. Insieme al Consorzio puntiamo a creare un prodotto di alta qualità, che si faccia certamente apprezzare da una clientela, che ricerca piatti tipici ed antiche tradizioni alimentari. Attraverso questo piano di marketing si vuole pianificare e concretizzare le operazioni tese a riportare sulla tavola degli italiani questo prodotto della tradizione e a fare in modo che le castagne e la castanicoltura possano costituire un importante tassello per la valorizzazione del territorio Umbro e delle sue risorse. Vogliamo rafforzare, quindi, quel legame tra prodotto tipico e territorio nel segno della qualità, per fare della castagna, in modo particolare di quella della Vallocchia, di Montebibico e di Pompagnano una cultivar di origine protetta come già avvenuto per altri prodotti certificati dell Umbria. Attraverso l organizzazione di un opportuna rete commerciale e garantendo la filiera dei prodotti da noi commercializzati, il frutto verrà così conosciuto anche al di fuori del territorio regionale. Sarà perciò importante un etichetta, che specifichi la bontà del frutto e le sue proprietà organolettiche, garantendo anche provenienza del prodotto e sostenibilità del processo e che consenta al consumatore un acquisto consapevole. A tale scopo è stata già avviata la procedura per la richiesta del riconoscimento dell origine protetta (DOP) delle castagne del territorio umbro da parte del Consorzio Castagna Umbra. 5

6 5. La concorrenza La concorrenza al nostro prodotto è costituita da alcune aziende produttrici di castagne, di dimensioni piccole e a conduzione familiare, che per le loro caratteristiche non rappresentano un reale pericolo alla nostra iniziativa. In Italia, esistono altri cinque Consorzi, oltre a quello della nostra regione, come il Consorzio Valle Camonica o il Consorzio della Val di Bisenzio, che si sono costituiti a livello nazionale con lo stesso scopo di valorizzare castagne dei loro territori ma, per non entrare in concorrenza diretta, abbiamo deciso di commercializzare su aree geografiche diverse. Anche la Cina potrebbe rappresentare un temibile concorrente, ma i suoi prodotti non godono di un marketing differenziato e puntano, invece al prezzo basso. Si collocano quindi in una fascia di mercato inferiore rispetto alla nostra. 6. Caratteristiche del prodotto Il marrone è il grande protagonista della stagione autunnale, un frutto dalle mille risorse. Questo frutto, che nasce dalla pianta del castagno, è in grado di soddisfare la crescente voglia di cibi naturali e genuini dato che deriva, come già detto, da una coltura che non richiede uso di fitofarmaci e risponde pienamente ai canoni dell'agricoltura biologica. La tabella seguente indica la composizione e il valore calorico per gr 100 di parte edibile, in vari modi di assunzione del cibo: FRESCHE ARROSTITE BOLLITE SECCHE ACQUA(g) 55,8 42,4 63,3 10,1 PROTEINE(g) 2,9 3,7 2,5 6,0 LIPIDI(g) 1,7 2,4 1,3 3,4 CARBOIDRATI(g) 36,7 41,8 26,1 62,0 FIBRA 4,7 8,3 5,4 13,8 TOTALE(g ENERGIA(g) SODIO(g) POTASSIO(g) Da questa tabella possiamo dedurre che i marroni hanno proprietà energetiche particolari, essendo ricchi soprattutto di amidi e zuccheri ma 6

7 anche di sali minerali e vitamine, sono perciò molto efficaci nelle astenie fisiche e intellettuali per chi pratica sport o è soggetto a stress. La presenza di zuccheri indica il marrone come alimento alternativo per i bambini allergici al latte di vacca o al lattosio. Questo frutto sopperisce nella preparazione di dolci e minestre, al fabbisogno di carboidrati anche nei soggetti che presentano intolleranza ai cereali. La fibra è ritenuta molto importante per l'azione favorevole all apparato intestinale e alla riduzione del colesterolo. È essenziale nelle diete in quanto previene disturbi gastrointestinali, accelerando il transito di sostanze nell'intestino. In Umbria, in località Vallocchia cresce una varietà di marrone che per qualità, apporti nutrizionali e caratteristiche organolettiche si distingue da altri. Il marrone di Vallocchia, localizzato nella valle Spoletina, presenta un colore tendente al rossiccio. Il sapore non è troppo dolce, ma più o meno intenso. La raccolta avviene manualmente per gran parte della stagione autunnale. Questo frutto ha trovato in questa zona il suo habitat più idoneo, per cui è considerato dagli esperti uno dei migliori d Italia. Nei boschi del suddetto comprensorio è possibile far raccolte abbondanti e di buona qualità, poiché, come abbiamo già visto, il marrone non è solo un protagonista di ricette ghiotte antiche e moderne, ma è pure un frutto estremamente nutriente e molto adatto ai giovani e ai bambini. I nostri marroni vengono utilizzati per i più svariati usi in cucina. A seconda delle varietà più o meno precoci, diventano disponibili per il consumo fresco dall'inizio di settembre ai primi di novembre. Durante tutto l'anno, infine, si possono trovare in varie forme: essiccati,surgelati, sotto forma di marmellate e farine varie. È molto importante in questo ambito fare distinzione tra i marroni (appunto quelli della Vallocchia) e le castagne, dove la differenza sta sostanzialmente nella forma e nelle dimensioni e nel sapore. La castagna a differenza del marrone ha una forma leggermente più appiattita su un lato e bombata dall'altro, perché spesso è racchiusa a due o a tre in un riccio; è il frutto dell'albero selvatico e ha dimensioni ridotte rispetto al marrone. 7

8 È altrettanto importante differenziare il nostro marrone made in Italy, da quello cinese. Le differenze si avvertono sia all'olfatto, infatti se messi a cottura si può sentire con facilità un odore molto meno accentuato rispetto a quello dei nostri marroni; sia al gusto, infatti il sapore è più acquoso e quindi meno saporito; e infine alla vista, infatti ha dimensioni maggiori rispetto al nostro marrone. Ci sono moltissimi modi per gustare questo frutto coltivato in Umbria in tutta la sua specialità; Nella nostra tradizione gastronomica anche le semplici caldarroste, fruscianti nella pentola di ferro bucherellata, accompagnati con un buon vino di stagione per addolcire il palato, rallegrano un po' tutti: grandi e piccoli. Oltre a soddisfare la nostra alimentazione, da questa pianta possiamo ricavare il legno, anche esso molto rinomato per resistenza, bellezza ed efficienza in molti settori. Nel cuore dell Italia si riscopre un prodotto da cogliere come opportunità per trascorrere giornate piacevoli, scoprire boschi incantevoli, come momento di convivialità, riscoperta delle tradizioni, ma anche passione per un prodotto di alta qualità, che in Umbria è frutto di grande amore per la propria terra. Un particolare modo di conservarli consiste nella loro trasformazione in marroni secchi dai quali si ottiene la farina per fare il castagnaccio. Tantissimi sono i prodotti realizzati con la massima cura, come le marmellate tra le più sfiziose e gustose che contengono solo zuccheri della frutta, senza alcun tipo di conservante. 7. Le nostre linee di prodotti La nostra azienda intende immettere sul mercato tre linee di prodotti tutte contrassegnate dal marchio IGP: 1. prodotti da forno 2. prodotti freschi 3. conserve La linea prodotti da forno è contraddistinta dalla scritta in rosso sull etichetta DELIZIE DA FORNO. Abbiamo: La farina di castagne - presenta un colore che va dal 8

9 bianco all avorio scuro e ha una grana fine, sia al tatto che al palato (quantità da scegliere, prezzo 2 euro al chilo) I dolci fatti con farina di castagne - arricchiti con confettura di nostra produzione (euro 15 al chilo, disponibili in vari gusti) Tra le tante ricette, che si possono realizzare con questo prodotto, ne elenchiamo alcune tra le più gustose in degustazione presso gli agriturismo ed il nostro punto vendita: Torta di castagne con il cioccolato: Si impastano a freddo 500 g di farina di castagne, 150 g di cioccolato, 50 g di farina di grano, 10 g di bicarbonato di sodio con 500 g di latte. Si lavora bene in modo da avere una pappa omogenea, si mette in teglia imburrata ed infarinata e s inforna. Composta di marroni o castagne al Rhum: 50 castagne lessate, sbucciate, pelate e intere si ricoprono in terrina con sciroppo a 28 di densità; si pongono in stufa per 2 ore; indi si scolano, si zuccherano con 150 g di zucchero e si ricoprono con 200 ml di Rhum che si fa ardere al momento dell uso. Se si usano le castagne secche queste vanno lavate e lasciate macerare in acqua per almeno 12 ore (l acqua di macerazione serve per la cottura). Nella linea prodotti freschi abbiamo marroni freschi confezionati con sacchetti da gr 500 da gustare in vari modi, e riconoscibili per la scritta in rosso FRESCHE BONTA. Questi marroni vengono selezionati e accuratamente messi da parte per essere consumati freschi, in padella o lessati. Questo è il nostro prodotto leader, perché permette di esaltare maggiormente le qualità organolettiche del marrone della Vallocchia rispetto ad altri prodotti concorrenti. Il prezzo è di 4 euro a sacchetto ed è possibile acquistare questa linea nei punti vendita della COOP, direttamente presso la nostra azienda, beneficiano di uno sconto considerevole in base alla quantità acquistata o presso gli agriturismo del territorio. Inoltre, essendo un prodotto che richiama alla 9

10 memoria situazioni e luoghi del passato, quando era consumato in famiglia davanti al camino, sarà possibile acquistarlo, per quantitativi interessanti, anche on-line, attraverso il nostro sito realizzato, soprattutto, per i nostri connazionali all estero. Questi possono così ritrovare le tradizioni del loro paese; infatti sul sito sono visibili immagini in bianco e nero,che raffigurano le varie fasi della raccolta e trasformazione delle castagne, come avvenivano nel passato. L obiettivo è di rivendicare la forza dei prodotti legati al territorio, come volano dell economia locale in un rapporto sistemico con le altre forze economiche della Regione. Vogliamo valorizzare questo frutto, soprannominato la ghirlanda di Giove, facendo leva sulle emozioni, che immagini e suoni possono suscitare soprattutto in chi, avendo lasciato l Italia da anni, mantiene vivo il ricordo di tradizioni, che da noi stanno scomparendo. Il cliente tipo per tale prodotto è uomo di età superiore ai 60 anni, dinamico, legato alla famiglia ed alle tradizioni. I prodotti della linea conserve sono confezionati in vasetti di vetro da gr 300 e sono riconoscibili per la scritta in rosso CUOR DI FRUTTA. Di questa linea fanno parte: La confettura di castagne realizzata a mano. Il prodotto si presta ad essere consumato semplicemente spalmandolo su fette biscottate o di pane ed è quindi adatto a mamme, che hanno poco tempo libero da dedicare alla cucina. Se utilizzato come farcitura di crostate e torte, il cliente ideale risulta donna, di età media 50 anni con tempo libero a disposizione e sensibile ad una dieta equilibrata e naturale. I prodotti sono in vendita presso gli agriturismo umbri e nei supermercati della COOP, collocati in appositi espositori vicino alle casse. La marmellata di marroni e cioccolato fondente o al latte, prodotto contrassegnato con l immagine del marrone e del cioccolato, è in vendita al pubblico al prezzo di 3 euro ; La marmellata di marroni e frutta secca assortita, etichettata con l immagine del marrone e della frutta secca è in vendita al prezzo di 3.50 euro; 10

11 La marmellata di marroni con miele contrassegnato con l immagine del marrone e del miele e venduto a 4 euro. Le marmellate sono pensate per essere consumate da un pubblico molto giovane a colazione o come farcitura di crostate e torte. Pertanto il cliente individuato è donna di età compresa fra i 35 e i 60 anni. La ricetta per realizzare la confettura di castagne, che noi realizziamo a mano, è la seguente: Conserva e marmellata di castagne (marronata): Si stemperano in casseruola gr 500 di passato in uno sciroppo bollente fatto con gr 500 di zucchero, gr 300 d acqua; si lascia bollire per 30 e si aggiungono un bicchierino di Rhum e vaniglia indi s invasa. Spingendo più oltre la cottura e la concentrazione il prodotto è più sodo e può essere subito consumato dopo essere stato disteso, essiccato all aria, tagliato a quadretti, cosparso di zucchero al velo e usato come confettura. È possibile acquistare il nostro prodotto direttamente presso il luogo di produzione, per poter assaggiare e gustare all istante le varie marmellate e scegliere quelle più consone ai propri gusti. Confetture realizzate con la massima cura, buone da gustare e adatte per tutti i palati, con un rapporto qualità-prezzo inconfondibile tra milioni di altri produttori, per soddisfare i nostri consumatori nel migliore dei modi con la nostra agricoltura biologica. I nostri clienti non dimenticheranno facilmente queste ricette, infatti i prodotti da noi realizzati si collocano nella fascia medio-alta, per il rapporto qualità-prezzo e sono destinati ad un cliente con buona capacità di spesa, che ama viaggiare, trascorrere parte delle sue vacanze con gli amici o la famiglia in strutture ricettive come gli agriturismo, amante delle tradizioni, salutista ed attento alla propria alimentazione. Il rapporto qualità prezzo è ottimo ed è frutto di un compromesso fra tradizione ed innovazione. Nuove tecnologie sono, infatti introdotte nelle fasi della lavorazione a minor valore aggiunto, come la coltivazione e la raccolta, dove l utilizzo di macchinari consente di ottimizzare i tempi e ridurre gli 11

12 sprechi. Il controllo di qualità ed il confezionamento, invece, sono effettuate totalmente a mano, perché devono essere evidenti la cura e l attenzione, che dedichiamo al prodotto. 8. obiettivi della comunicazione e distribuzione L obiettivo principale della nostra azienda è di rilanciare la castagna come un prodotto innovativo e di qualità. Promuovendo la sua valorizzazione si punta a ridare un valore socio-economico ad un prodotto legato alla nostra tradizione e che è stato dimenticato negli ultimi anni. Vogliamo che il nostro prodotto sia apprezzato per la qualità e riconoscibile rispetto agli altri. Per tale motivo il consorzio la Castagna Umbra ha avviato il processo per il riconoscimento del marchio che identifica un prodotto come proveniente da un area geografica specifica (IGP). Tale riconoscimento ci permetterà di garantire la filiera della castagna coltivata in Umbria, creando un rapporto di fiducia con il consumatore che avrà modo, attraverso il marchio e l etichetta identificativa, di conoscere il nostro prodotto e sceglierlo 9. La distribuzione La distribuzione è una parte fondamentale del piano di marketing, perché attraverso di essa si può venire a contatto diretto con il consumatore in modo da poter cogliere meglio le sue esigenze al fine di soddisfarle; per tale motivo abbiamo scelto il canale breve. Vogliamo distribuire il nostro prodotto attraverso negozi alimentari che propongono beni di nicchia, e si caratterizzano per l attenzione che pongono nella scelta dei prodotti da vendere, nella selezione dei fornitori e che si rivolgono ad un pubblico selezionato ed attento ai propri stili alimentari. I punti vendita, cui intendiamo rivolgerci sono inizialmente quelli situati nella nostra regione, che possono meglio rappresentare l immagine della castagna umbra come prodotto 12

13 legato alla tradizione, proveniente dalla natura biologica, i cui processi di produzione e lavorazione sono attenti agli stili di una economia sostenibile e che ha a cuore il benessere della persona. Questi punti vendita dovranno poi rappresentare il volano per il lancio dei nostri prodotti anche a livello nazionale. Pertanto in una seconda fase, quando il marchio è già noto ed affermato, intendiamo ricercare negozi similari anche nei grandi centri urbani. Oltre a poter meglio controllare l immagine del nostro prodotto, che è rilanciata dal punto vendita, abbiamo anche modo di spuntare prezzi più remunerativi per i nostri associati. Per ottenere maggiori informazioni sull immagine percepita dal cliente e sulle sue esigenze ci avvaliamo di una rete di rappresentanti, che hanno un contatto diretto con i consumatori. Accanto a forme della distribuzione legate alla tradizione utilizzeremo però anche forme tecnologicamente avanzate realizzando un sito per il commercio elettronico. Nel sito saranno messi in evidenza i valori della tradizione e i molteplici usi della castagna, offrendo l opportunità di riscoprire il dolce e tradizionale sapore della castagna umbra anche agli italiani, che si trovano all estero. Con la vendita on-line vogliamo promuovere il consumo del prodotto, legandolo al ricordo e alle emozioni che suscitava nei nostri connazionali. Essendo la regione Umbra una meta per molti turisti e un luogo di riposo e di tranquillità, da trascorrere soprattutto in località come gli agriturismo, vogliamo proporre e vendere questo prodotto anche presso queste strutture, in modo da legare il consumo ad un momento di relax e benessere, che successivamente potrà dare luogo al reiteramento dell acquisto ed al passaparola fra i consumatori. Per essere coerenti con le nostre scelte e la nostra filosofia nell ambito della grande distribuzione ci affideremo solamente ai supermercati Coop, che da anni perseguono obiettivi di benessere, solidarietà e sostenibilità e che sono anche gli obiettivi fondamentali della nostra mission. Chiederemo però alla Coop di collocare i nostri prodotti in appositi stand contrassegnati dal nostro marchio di riconoscimento e che noi stessi forniremo. 13

14 10. La comunicazione La comunicazione è un altra importante leva di marketing, perché grazie ad essa possiamo far conoscere l azienda ed il prodotto al consumatore, stimolandone la domanda. La comunicazione si sviluppa grazie alla pubblicità, alla promozione, alle pubbliche relazioni ed alla vendita diretta. a) La pubblicità Per la nostra campagna pubblicitaria prevediamo l acquisto di spazi su riviste di cucina specializzate, come La cucina umbra, per rafforzare il legame tra nuovo e tradizione, tra prodotto e territorio regionale, tra sapori e valori nutrizionali, tra benessere e natura. Uno spot pubblicitario è stato realizzato per essere diffuso via etere, privilegiando in una prima fase le reti radio e televisive a diffusione locale. Attraverso banner on line promuoveremo la visita al nostro sito, dove sarà possibile conoscere meglio il prodotto ed acquistarlo. Sul sito è stato creato un forum per capire meglio le esigenze del consumatore ed è visitabile un catalogo virtuale con tutti i prodotti realizzati, da questo frutto, dalla castagna stessa alle conserve e alle farine, cercando di suscitare una vera e propria riscoperta di questo piccolo e dolce sapore uscito dal cuore dell Italia. Particolare cura è stata riposta nella realizzazione di un etichetta e nella scelta del marchio per l azienda e del logo, che contraddistingue le diverse linee di prodotti. Infatti, essi oltre a fornire informazioni utili per il consumatore sono un importante strumento di identificazione dell immagine aziendale. 14

15 b) La promozione Come forma di promozione prevediamo la partecipazione alle fiere dello slow food che si svolgono in Umbria ed anche all estero in particolare nelle aree geografiche, dove maggiore è la presenza degli italiani emigrati. Abbinare il consumo della castagna ad un alimentazione attenta serve a rinforzare l immagine che cerchiamo di diffondere. Tale obiettivo sarà perseguito anche attraverso concorsi, svolti in accordo con le istituzioni scolastiche sui corretti usi alimentari e sulla forza della tradizione; la distribuzione di omaggi ai partecipanti ai convegni, le cui tematiche rispecchino la nostra filosofia; buoni sconto da consegnare, tramite tour operator, ai turisti in visita nella nostra regione e da spendere presso i nostri punti vendita; viaggi premio per soggiorni negli agriturismo dell Umbria da offrire ai nostri rivenditori. c) Le pubbliche relazioni È nostra intenzione organizzare cene ufficiali, per sensibilizzare i rappresentanti istituzionali ai problemi del castagno. Altre cene durante l anno saranno offerte ai vari soggetti, con cui entreremo in contatto, per far scoprire questo mondo meraviglioso rappresentato dal castagneto nei vari colori delle diverse stagioni. Un ufficio stampa si interesserà in modo particolare di far pubblicare articoli sulla stampa e di organizzare conferenze stampa per dare maggiore risalto possibile alle varie iniziative realizzate dal Consorzio. 15

16 11. Realizzato dagli alunni dell I.T.C.G. G. Spagna di Spoleto: Baldi Debora Bucchi Roberta Cagnoni Andrea Capoccia Alessandra Celesti Maria Elena Celesti Valentina Celesti Valeria Ciarletti Erika Cretoni Serena Emili Miriam La Monica Francesco Lai Carlo Libori Veronica Neri Francesca Padovano Raffaele Pelli Alessandra Pizzi Valentina Pugliese Simona Putignani Alessia Sabatini Simona Sciabordi Agnese Zanelli Valentina 16

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica):

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica): Forni ECO: la combinazione tra il grill centrale e la resistenza inferiore più la ventola è particolarmente indicata per per la cottura di piccole quantità di cibo, a bassi consumi energetici. Funzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App Guida ai prodotti DOP, IGT, etc Proposta per la realizzazione di una App Introduzione Abbiamo iniziato a ragionare per voi così Abbiamo immaginato una App che possa essere utilizzata come guida nella scelta

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

Manuale per la preparazione dei dolci in casa Nuova edizione

Manuale per la preparazione dei dolci in casa Nuova edizione Gentile Signora, con questo libro Le proponiamo, insieme alle più note ed apprezzate ricette delle precedenti edizioni, molte nuove idee di dolci da preparare in casa. L ampio ricettario è allo stesso

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli