FELTRE PROGETTO DI MARKETING STRATEGICO ATI - PUNTO3 / DOLOMITI PROJECT / EVIDENZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FELTRE PROGETTO DI MARKETING STRATEGICO ATI - PUNTO3 / DOLOMITI PROJECT / EVIDENZIA"

Transcript

1 FELTRE PROGETTO DI MARKETING STRATEGICO ATI - PUNTO3 / DOLOMITI PROJECT / EVIDENZIA

2 PG. 3 SOMMARIO 1.INTRODUZIONE... pag. 3 2.STRATEGIA... pag.5 3.INTERVENTI OPERATIVI... pag.13 4.CRONOPROGRAMMA... pag.18 5.PROPOSTE GRAFICHE... pag.19 1.INTRODUZIONE PREMESSA Il piano di marketing presentato nelle pagine che seguono vuole essere il punto d avvio di un percorso che porterà la città di Feltre ad avere un immagine univoca e ben identificabile, condivisa dai soggetti che in diverso modo contribuiscono allo sviluppo turistico dell area, con il fine ultimo di aumentarne l attrattività tramite l attuazione di strategie operative. Si inserisce in un più ampio Progetto strategico regionale per la rivitalizzazione dei centri storici e urbani e la riqualificazione delle attività commerciali, per cui il Comune di Feltre ha ottenuto l assegnazione di contributi da parte della Regione Veneto. L incarico di collaborazione professionale per la realizzazione degli obiettivi definiti dal progetto è stato assegnato all ATI costituita tra le ditte Dolomiti Project, Evidenzia e Punto3 da parte del Consorzio Turistico Dolomiti Prealpi cui l OGP ha attribuito il ruolo operativo. L incarico prevede i seguenti interventi: Mappatura delle potenzialità ecoturistiche/culturali Processo di coinvolgimento ed educational Progetto di identità e definizione del piano di marketing strategico Elaborazione pacchetti turistici Monitoraggio e verifica dei risultati IL TURISMO SOSTENIBILE Le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un area turistica per un tempo illimitato, non alterano l ambiente (naturale, sociale ed artistico) e non ostacolano o inibiscono lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche (Organizzazione Mondiale del Turismo, 1988). Il turismo sostenibile è un approccio trasversale al turismo che ambisce ad assicurare il vantaggio economico e competitivo di una destinazione e lo sviluppo del territorio attraverso l innovazione e l evoluzione del proprio sistema, garantendo l integrità e la non mercificazione del patrimonio ambientale e culturale della comunità locale, così come il benessere della stessa in modo da trasmettere intatto tale patrimonio alle generazioni future. Il turismo sostenibile bilancia quindi la dimensione economica, sociale e ambientale del turismo innovandosi

3 PG. 4 PG. 5 anche nel modo in cui è gestito, ossia dando vita a un sistema integrato che si basa sulla partecipazione della comunità locale, così come sulla collaborazione tra diversi settori (commercio, agricoltura, artigianato, servizi, ) e stakeholder (dalla Strategia Turismo Natura TURNAT della Provincia Autonoma di Trento 2014 ). L obiettivo del Turismo Sostenibile è organizzare le risorse locali (identità, cultura, ambiente) ed attività economiche in un sistema integrato capace di incrementare i flussi turistici e i consumi legati alla fruizione del territorio, riducendo al minimo gli impatti ambientali generati e le esternalità negative. I principi del turismo sostenibile sono quindi applicabili a tutti (o quasi) gli ambiti turistici (culturale, sportivo, eventi, ) anche se è spesso confuso con il Turismo Natura (o Ecoturismo) che ne è invece solo una possibile branca seppur molto importante per un territorio come quello di Feltre. Il Turismo Natura (che comprende anche le attività sportive in natura, il turismo educativo, il turismo benessere) è infatti un settore in crescita ed è uno degli ambiti economici più importanti del territorio Alpino e Dolomitico. In questo particolare momento storico dove globalizzazione e crisi economica mettono a dura prova la competitività del turismo, emerge fortemente la necessità di ripensare le sue dinamiche strutturali e il suo rapporto con ciò che in questo territorio può essere considerato il grande punto di forza: la qualità dell ambiente inteso come natura, gestione equilibrata del territorio, salute e qualità della vita. 2. STRATEGIA TEMA STRATEGICO Questo progetto di Marketing Strategico per Feltre (o di Marketing Territoriale) intende dare risposte operative alla evidente necessità di integrare la già ricca offerta commerciale e turistica esistente, senza cadere nella tentazione di semplificare promuovendo tutto quello che c è. Mettere tutto all interno dello stesso calderone non sarebbe infatti efficace né in termini di comunicazione (risulterebbe confuso e appiattito), né di attrattività turistica (difficile che esista un unico target interessato ad una così complessa e differenziata offerta). Affinché il marketing territoriale risulti efficace, si intende identificare un tema strategico che caratterizzi tutte le attività, quindi, in quest ottica, individuare quali sinergie siano possibili tra le offerte oggi presenti, per poi promuoverle in modo integrato al fine di renderle maggiormente interessanti per specifici target. La nostra idea è che Feltre non abbia un immagine unica, ma sia composta da un mosaico di «eccellenze» da promuovere in modo coordinato. Tutti i tasselli del mosaico, messi assieme, compongono un immagine unitaria (il tema strategico), ma solo in alcuni casi i tasselli combaciano e possono quindi esserci relazioni, che in caso contrario è meglio non cercare di forzare. Gli aspetti che a nostro parere andrebbero valorizzati sono: La storicità della città L aspetto peculiare del centro storico, arroccato sul Colle La funzione della città di ingresso alle Dolomiti Unesco Volendo quindi scegliere un unico tema strategico che funga da contenitore di tutte le valenze turistiche di Feltre, la nostra proposta è «Feltre, porta di ingresso delle Dolomiti Unesco», dove l «ingresso» non è solo geografico, ma anche (e soprattutto) culturale. All interno di questo tema strategico è possibile anche valorizzazione la cittadella storica ed il richiamo culturale che questa può avere, il rapporto storicamente sinergico tra la città, le frazioni ed il territorio naturale circostante con particolare enfasi alla relazione con il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. Pur essendo consapevoli che i confini del Bene Dolomiti UNESCO non

4 PG. 6 PG. 7 includono le fasce pedemontane e le fasce di fondovalle dove però insiste il centro storico di Feltre, con questa strategia di Marketing intendiamo far sentire il territorio nella sua complessità come espressione del Bene Dolomiti UNESCO, enfatizzando il collegamento fisico e la relazione culturale fra le fasce abitate e la montagna in area protetta, offrendo al visitatore di Feltre e del suo circondario la dimensione dell ingresso, in quanto portale, soglia, valico architettonico, luogo attraverso il quale è possibile «lasciarsi alle spalle» e «ampliare i propri orizzonti», punto d accesso a delle risorse. DOLOMITI UNESCO FELTRE E LE DOLOMITI UNESCO Da sempre la città di Feltre e il suo territorio hanno avuto come interfaccia la montagna. Gli spalti e i circhi delle Vette Feltrine hanno sempre dominato il paesaggio, stimolato la creatività e gli arditi, ed accompagnato le attività di valle offrendo spazi di fondamentale importanza; in alta quota per l allevamento e il reperimento delle risorse, e nelle fasce pedemontane, diffuse attorno alla città storica, per l agricoltura ed altre economie. I paesaggi racchiusi nel territorio feltrino mantengono importanti e godibili tracce dell interazione millenaria fra comunità umane e natura. Le eccezionalità naturalistiche ed ambientali hanno motivato nel 1990 l istituzione del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, i cui confini coincidono dal 2009 con quelli del Sistema 3 del WHS (World Heritage Site) Dolomiti UNESCO, riconosciute Patrimonio dell Umanità per motivi geologici e paesaggistici. SISTEMA 3 PNDB CITTÀ FRAZIONI CENTRO STORICO In rosso il Sistema 3 Dolomiti UNESCO nel quadro generale del WHS Le Dolomiti Patrimonio dell Umanità per motivi legati alla geologia e al paesaggio prendono qui una consistenza del tutto particolare proprio a causa delle vicende geologiche uniche registrate in queste porzioni meridionali del Bene. Feltre, con il suo territorio si colloca in posizione del tutto strategica per proporsi come portale d accesso al Bene. La strategia di marketing perseguita mette al centro per Feltre il valore di avere parte del suo territorio nelle Dolomiti UNESCO e di poter introdurre i turisti e i possibili fruitori di servizi attraverso il prezioso Centro Storico (Feltre come laboratorio per il tema Dolomiti UNESCO).

5 PG. 8 PG. 9 si presta bene a immersioni nella natura modulate a diversi livelli, con la possibilità di apprendere e fare esperienze nel contesto del centro storico e di scoprire progressivamente il territorio, scoprendo con esso parte delle Dolomiti UNESCO. accessibilità culturale (centro e territorio intesi come luoghi di diffusone e accoglienza): luogo dove attività ed eventi siano orientati a educare e intrattenere, offrendo le specificità non replicabili del territorio. Le caratteristiche e le vocazioni degli spazi urbani del borgo e del circondario, permettono l attivazione di luoghi di interpretazione e approfondimento (biblioteche, musei, campus etc.) I pacchetti turistici previsti come output del presente progetto, strutturati per attivare economia nell ambito del commercio, e delle pratiche diffuse volte a condividere le singole strategie nella promozione di una destinazione complessiva (Feltre - Dolomiti Patrimonio dell Umanità - Borgo Verticale), saranno pensati nell ottica di aderire alle indicazioni dell UNESCO e della Fondazione Dolomiti UNESCO (studio Eurac 2014 sul Turismo Sostenibile e la Mobilità sostenibile nelle Dolomiti UNESCO) per i territorio interni e contermini al Bene. Inoltre va ricordato che la provincia confinante (Provincia Autonoma di Trento) condivide con Belluno il Sistema 3 Dolomiti UNESCO, e sta attuando politiche (Strategia TURNAT) utili a percorrere la strada del Turismo Sostenibile Turismo Natura. Non da meno, la Provincia di Belluno aderisce a queste indicazioni in quanto membro attivo del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Dolomiti UNESCO. Particolare sulla parte del Sistema 3 Dolomiti UNESCO rientrante nel territorio del comune di Feltre Tale vocazione deve essere sviluppata su due piani: accessibilità fisica (dal centro al territorio, dal territorio al Bene): data dagli andamenti del territorio, dai collegamenti esistenti e dalla distribuzione dei punti di interesse e d appoggio. Il territorio Infine, le politiche dei due parchi presenti nel territorio incluso nel Sistema 3 (Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e Parco Naturale Pale di San Martino-Paneveggio) prevedono percorsi di qualificazione e di certificazione relative al Turismo Sostenibile Turismo Natura (Percorso CETS Certificazione europea del Turismo Sostenibile). Il ragionamento proposto porta al binomio strategico: Turismo Sostenibile/Turismo Natura Feltre/Dolomiti UNESCO.

6 PG. 10 PG. 11 La ricchezza di forme e andamenti dovuta all assetto territoriale, la densità di collegamenti storici, rurali e ecologici offre spunti molteplici per risolvere le più articolate esigenze turistiche, anche di target differenziati. LA RETE DEGLI EVENTI STRUMENTO DI MARKETING E DI CONNESSIONE TRA CITTÀ, TERRITORIO, COMMERCIO E TURISMO Feltre può sviluppare i temi legati al riconoscimento UNESCO delle Dolomiti, favorendo la caratterizzazione in tale direzione dei principali eventi sportivi, culturali e ricreativi già esistenti 1, offrendo agli organizzatori sia l opportunità per innovare e rilanciare i programmi dei singoli eventi, sia la possibilità di avere un filo conduttore che consenta un coordinamento tra gli eventi e azioni di co-marketing. Ogni anno potrebbe essere scelto un tema da valorizzare in tutti gli eventi, oppure ogni evento potrebbe scegliere un tema differente da sviluppare nell arco di alcune edizioni. Da una prima analisi gli eventi che risultano maggiormente coinvolgibili in questa strategia sono elencati nella lista che segue. Altri eventi potranno essere presi in considerazione a seguito delle segnalazioni che riceveremo dai soggetti interessati al progetto, se coerenti con le finalità della strategia e se ci sarà disponibilità alla collaborazione da parte degli organizzatori. Maratona di lettura - Maggio Granfondo Sportful Dolomiti Race - Secondo sabato di Giugno Mini Granfondo - Secondo domenica di Giugno 24h castelli - Primo fine settimana di Giugno La Mostra dell Artigianato Artistico e Tradizionale Città di Feltre - ultima settimana del mese di Giugno Palio di Feltre - Primi di Agosto Giro delle mura città di Feltre - ultimo fine settimana di Agosto Festa del raccolto di Coltivare Condividendo - Inizio settembre Fuochi Fatui - Inizio settembre Rassegna internazionale d arte di strada Voilà - Metà settembre Sport in piazza - Fine settembre Fiera di San Matteo - Metà novembre Fiera dell oggetto ritrovato - Aprile/Dicembre Animazione del centro ad opera dei commercianti (fel320 presenza trasversale) - Natale / Venerdì d estate La caratterizzazione coordinata di tali eventi secondo i temi e i luoghi legati al riconoscimento UNESCO delle Dolomiti, favorirà l innesco di connessioni positive con la popolazione residente, con il territorio circostante la città. Dovranno essere create le condizioni durante gli eventi per stimolare in primis i residenti feltrini a vivere il centro storico (se il centro vive è più attraente per i turisti), ma anche per sviluppare connessione tra vari centri e spazi della città e con le frazioni. Il coordinamento e la relazione tra gli eventi dovrà quindi estendersi anche alle imprese commerciali della città e a quelle turistiche/agricole presenti su tutto il territorio feltrino e ad esse contiguo. L intero tessuto socioeconomico dovrà quindi saper cogliere la vetrina offerta dall evento, caratterizzandosi in base ad esso e offrendo servizi e prodotti che possano diventare un compendio al programma dell evento. I temi sviluppati dall evento dovranno divenire il fulcro anche di pacchetti turistici più ampi da proporre sia in contemporanea all evento sia in periodi diversi dell anno. L ATTRATTIVITÀ TURISTICA OPPORTUNITÀ NON SOLO PER IL TURISMO Si intende generare una strategia win-win 2 che utilizzando gli eventi esistenti (opportunamente caratterizzati secondo i temi delle Dolomiti Unesco) come strumento di marketing e volano di attrazione, ponga le eccellenze endemiche del territorio (natura, paesaggio, artigianato, storia, agricoltura) al centro di una offerta turistica originale e competitiva. Per far questo è necessario far conoscere l attrattività turistica del territorio in primis a quelle porzioni di tessuto socio-economico locale (come il commercio, l artigianato, l agricoltura), che, sino ad oggi, hanno ritenuto il turismo come settore non strettamente correlabile alle proprie attività. Quindi costruire ed attuare una strategia di marketing territoriale, che fonda le opportunità del turismo con quelle della commercializzazione dei prodotti di qualità del territorio, in particolare quelli del comparto agroalimentare ed artigianale. Così facendo le eccellenze produttive del territorio si rafforzano e allo stesso tempo l offerta turistica si arricchisce di contenuti di valore, originali e distintivi rispetto ai competitor. 1 Non si reputa infatti strettamente necessario ideare nuovi eventi, se non ad eccezione di un evento ad inizio primavera che funga da passerella/anteprima per i tutto il calendario di eventi, e di un evento invernale (ad esempio per caratterizzare il periodo natalizio.) 2 Win-win è un espressione inglese che indica la presenza di soli vincitori in una data situazione. Si considera win-win una qualsiasi cosa che dia soddisfazione a tutti i soggetti coinvolti in cui il successo è frutto proprio dalla interazione tra essi.

7 PG. 12 PG. 13 COMMERCIO RISTORAZIONE EVENTI TURISMO creare pacchetti turistici innovativi e destagionalizzati incentrati su questi temi, sia veicolare le eccellenze produttive del territorio anche grazie ala marketing turistico. Una palestra a cielo aperto: finalizzato a valorizzare in chiave turistica la vocazione sportiva ed escursionistica del territorio e gli eventi già in essere su questi temi ampliandone l appeal valorizzando l ambito naturale e paesaggistico: lo sport come chiave di lettura del territorio, il territorio come palestra a cielo aperto. Gli Eventi e la città: rafforzare la collaborazione tra gli eventi esistenti e strutturare una relazione stretta tra questi e la città (commercio, ristorazione, rete museale, patrimonio storico culturale) TERRITORIO I risultati dei tavoli di lavoro verranno quindi raccolti in un piano operativo i cui attuatori saranno in primis gli stessi stakeholders che lo hanno ideato. IL PERCORSO PARTECIPATIVO La strategia di marketing sopra descritta, affinché sia efficace, non può essere calata dall alto, ma deve saper coinvolgere, fina dalle prime fasi, tutti gli stakeholders interessati (operatori turistici, commercianti, artigiani, aziende agricole/agroalimentari, organizzatori di eventi, soggetti di promozione territoriale, associazioni culturali-ricreativesportive, ). Il coinvolgimento sarà essenziale per creare un senso di appartenenza comune rispetto alla strategia di marketing, che può avere successo solo se gode di un sincero e spontaneo sostegno della comunità ospitante. Per garantire il coinvolgimento degli stakeholders, dopo un primo incontro pubblico di presentazione della strategia di marketing ed illustrazione del percorso progettuale, verranno attivati dei tavoli di lavoro, che, seguendo metodologie partecipative innovative, saranno finalizzati a definire puntualmente i dettagli degli interventi operativi previsti dalla strategia, affinchè essi siano effettivamente caratterizzati da l autenticità che sempre più il turista si aspetta. I tavoli di lavoro che si intendono attivare sono: Il protagonismo delle frazioni: finalizzato ad identificare e valorizzare gli ambiti di correlazione in chiave turistica e culturale tra la città di Feltre ed il territorio circostante. Relazioni tra Turismo, Artigianato e Agricoltura: finalizzato sia a 3.INTERVENTI OPERATIVI PREMESSA Di seguito si elencano, in modo sintetico, alcuni interventi operativi che potrebbero realizzare gli obiettivi sopradescritti. Tale elenco non è da intendersi né di dettaglio, né esaustivo in quanto gli interventi operativi saranno anche oggetto di concertazione e confronto con i soggetti socioeconomici del territorio. RIGUARDO AL PROGETTO DI IDENTITÀ: Naming e logo: Il marchio della città verrà utilizzato nella sua forma originale per definire l immagine istituzionale. Per dare un impronta comune alle varie attività che rappresentano l offerta turistica della città, verranno invece definite delle declinazioni del logo. Arredo urbano: Per rafforzare l immagine d insieme sarà indispensabile progettare una segnaletica che s inserisca nell armonia del contesto senza disturbare. Un installazione che, mantenendo un unico progetto grafico, sia declinata per ogni attività (dal negozio al museo, all ufficio comunale), così da fornire al visitatore uno sguardo d insieme sulle possibilità della zona ed orientarne il percorso. Lo stesso stile sarà mantenuto anche per la segnaletica provvisoria in caso di manifestazioni (Mostra dell Artigianato, Palio di Feltre...). Corredo base: sarà progettato un corredo base da utilizzare per la promozione turistica della città e da lasciare ai negozianti: depliant

8 PG. 14 PG. 15 di presentazione, miniguide tematiche di carattere pratico con mappatura della zona, vetrofania da esporre nei locali, banner per la partecipazione a fiere... RIGUARDO ALLA COLLABORAZIONE TRA GLI EVENTI PRINCIPALI: Contenitori comunicativi comuni: pur rispettando l identità e l autonomia comunicativa di ciascun dei principali eventi di Feltre, potrebbero essere creati dei contenitori comunicativi comuni che consentirebbero di effettuare efficaci azioni di co-marketing e coordinamento. Ad esempio un portale che raccolga e rilanci tutti i siti web dei singoli eventi, una mailinglist e newsletter comune, gestione redazionale comunitaria dei social media, brochure con un calendario completo Anteprime: all interno di ciascun evento inserire dei momenti di promozione dell evento successivo (o degli eventi successivi). Non dovrebbe essere però una attività meramente pubblicitaria (un banchetto, uno stand o dei volantini), ma dei veri e propri momenti di «animazione» che possano anche essere inseriti nel programma dell evento ospitante come iniziativa parallela. Ad esempio dei laboratori di artigianato (a richiamo della Mostra dell Artigianato) durante la Dolomiti Race da proporre a familiari/amici dei partecipanti; un esibizione di giocoleria (a richiamo di Voilà), durante il Giro delle Mura ecc. Evento di presentazione del Calendario. Ad aprile (in occasione di uno dei ponti o per Pasqua) potrebbe essere organizzato un piccolo evento di presentazione di tutti gli eventi in programma tra la primavera e l autunno, in cui presentare (facendo anche delle dimostrazioni) il calendario degli eventi ed il tema correlato alle Dolomiti Unesco che verrà sviluppato. RIGUARDO ALLA COLLABORAZIONE TRA GLI EVENTI, IL TURISMO/ COMMERCIO ED IL TERRITORIO: Pacchetti turistici - in occasione dei principali eventi (ma anche qualche giorno prima/ dopo). Per quanto riguarda gli eventi sportivi, tali pacchetti sono da rivolgere prevalentemente alle famiglie dei partecipanti 3 per stimolarle ad accompagnarli, aumentando così il numero di presenze e la durata del soggiorno. Per gli eventi di carattere culturale, i pacchetti possono essere rivolti prevalentemente a coppie e a gruppi di amici. I pacchetti potrebbero essere sia a tema con l evento, sia proporre chiavi di lettura differenti e più in generale offrire una conoscenza più ampia delle eccellenze del territorio. - correlati ai temi dei principali eventi da rivolgere principalmente a chi vi ha partecipato proponendo un soggiorno in un periodo successivo. Ad esempio un pacchetto che proponga uno stage di allenamento in bici (per chi è venuto alla Dolomiti Race) o corsi di artigianato artistico (per chi è venuto alla fiera dell artigianato). In entrambi i casi i pacchetti dovranno essere immediatamente commercializzabili 4 e potranno sfruttare gli strumenti comunicativi/ promozionali degli eventi (siti, newsletter, lista degli iscritti), in cambio si potrebbe prevedere che una piccola percentuale dell importo dei pacchetti venduti vada a sostegno dell organizzazione degli eventi. Vetrine a tema. Dare vita ad una sorta di contest tra i commercianti per fare in modo che durante gli eventi vengano allestite le vetrine (o gli interni del negozio) coerentemente ai temi dell evento e/o ai temi Dolomiti Unesco che quella edizione ha scelto di sottolineare. La gara tra i commercianti diventa così un evento nell evento e incoraggia i partecipanti (che possono essere la giuria della competizione) ad avvicinarsi ai negozi. Offerte. Per gli eventi in cui è previsto un costo di iscrizione o il pagamento per fruire di alcune attività, potrebbe essere previsto uno sconto su delle attività da fruire durante periodi successivi (in particolare in bassa stagione). Ad esempio l ingresso ai musei, oppure il pranzo o il pernottamento in strutture convenzionate. Menù a KM0. Prevedere che ristoranti (ma anche i bar per gli aperitivi), in occasione dell evento propongano dei menu a km0 (o dei piccoli eventi in tema con l evento principale), valorizzando i prodotti/ vini tipici di Feltre e dintorni. L elenco degli esercizi aderenti e il programma delle iniziative (magari con già specificato il menù) verranno promossi come iniziativa parallela all evento. Temporary shop. In occasione dei principali eventi prevedere la possibilità di allestire nelle corti e negli androni dei palazzi (abbandonati) del centro storico, dei temporary shop per artigiani, aziende agricole del territorio (ma anche per esercizi commerciali che hanno sede nella periferia ). La location suggestiva consentirebbe di far divenire questo inusuale mercato una iniziativa parallela all evento da promuovere congiuntamente. 3 Normalmente alla manifestazioni sportive i partecipanti vengono da soli perché per le famiglie non vi sono offerte parallele. 4 l ideale sarebbe avere il supporto di una agenzia di viaggi locale che ne possa curare l accreditamento e la commercializzazione

9 PG. 16 PG. 17 Coinvolgere le frazioni, portare nelle frazioni (anche in ville) e nei luoghi simbolo del territorio in chiave Dolomiti Unesco delle iniziative inserite nel programma principale dell evento. Coinvolgere il centro storico. Allo stesso modo si dovranno portare in Piazza Maggiore anche eventi che si sviluppano nella parte bassa del centro, di modo che la città risulti sempre coinvolta nella sua totalità, mostrandosi in questo modo più ospitale. QRcode. Durante gli eventi principali (ma non solo) collocare in luoghi simbolo del centro e del territorio dei QRcode che consentano di visualizzare su smartphone e tablet dei video in cui dei personaggi locali raccontano una storia correlata a quel luogo ed invitano i turisti a esprimere la loro emozione rispetto a quel luogo attraverso un hashtag (#) specifico sui social-media innescando azioni virali di web-marketing territoriale. Compatibilmente con le risorse a disposizione, si potrebbe ipotizzare anche un progetto di REALTA AUMENTATA. Fuori mostra. In contemporanea alla Mostra dell Artigianato, realizzare una serie di eventi paralleli, aprendo all evento anche zone solitamente non coinvolte nella manifestazione (all interno della città o nelle frazioni, magari attivando un servizio navetta per raggiungerle), dando la possibilità ad aziende, artigiani, designer ed artisti di partecipare alla mostra non con una semplice esposizone, ma con eventi ed installazioni che animino la manifestazione (logica del Fuori Salone di Milano). Orchestra diffusa. In occasione del Natale, organizzare nel centro storico un concerto eseguito da musicisti che non saranno tutti presenti nello stesso luogo fisico, ma distribuiti negli androni dei palazzi, in modo da dare la possibilità ai visitatori di entrare in luoghi normalmente chiusi. Ogni suonatore suonerà da solo, ma sarà collegato agli altri e ad un sistema unico di filodiffusione, così che l ascoltatore percepirà non il singolo pezzo, ma l ensemble. ESEMPI DI POTENZIALI PACCHETTI SOSTENUTI DA EVENTI E FUNZIONALI AL COMMERCIO: EVENTO Palio EVENTO 24 h EVENTO Mostra artigianato CENTRO PACCHETTO TURISTICO FRAZIONI Ville CENTRO PACCHETTO TURISTICO ITINERARI d allenamento CENTRO PACCHETTO TURISTICO LABORATORI sul territorio (stage e reperimento materiali) QUARTIERI Famiglie Nobili TERRITORIO ATTIVITÀ Alternativa per i familiari dei partecipanti alla gara TERRITORIO CORSI d artigianato durante la mostra TERRITORIO

10 PG. 18 PG. 19 Feltre / Logo Declinazioni 4.CRONOPROGRAMMA Intervento Sett Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Mappatura potenzialità ecoturistiche/ culturali e degli operatori/soggetti coinvolgibili nel progetto Processo di coinvolgimento ed educational Progetto di identità e definizione del piano di marketing strategico Immagine coordinata e campagna integrata strumenti di marketing Elaborazione pacchetti turistici Coaching Imprenditoriale Monitoraggio e verifica dei risultati 5.PROPOSTE GRAFICHE LOGO E DECLINAZIONI L impatto visivo è ciò che maggiormente rimane impresso nella memoria e ciò che comunica in modo immediato un preciso posizionamento. Rende riconoscibile in un solo sguardo l appartenenza ad un progetto comune, creando un universo simbolico di riferimento. È però nella verbalizzazione del concetto che è presente la VOCAZIONE del luogo. Il claim che verrà scelto per identificare la città avrà il difficile compito di riassumere in poche parole la storia, le peculiarità, l offerta culturale e turistica del territorio. In base alla strategia definita, gli aspetti da valorizzare in questa ricerca sono: La storicità della città La sua verticalità sia in quanto aspetto peculiare del centro storico, arroccato sul Colle, sia in quanto linea verticale che collega la pianura alla montagna, guidando il visitatore nel suo ingresso alle Dolomiti Unesco L atmosfera che si vuole trasmettere è quella raccolta e suggestiva della cittadella, senza però fossilizzare l immagine su qualcosa di vecchio. Al concetto di borgo si dovrà quindi affiancare un elemento di slancio, che esprima dinamicità e comunichi un emozione, una vertigine. Si dovrà percepire che Feltre punta in alto, sia logisticamente che ideologicamente.

11 PG. 20 Feltre / Logo Proposta Grafica PG. 21 Feltre / Logo Declinazioni Il marchio della città verrà utilizzato nella sua forma originaria per definire l immagine istituzionale. Per dare un impronta comune alle varie attività che rappresentano l offerta turistica della città, verranno Locandina 70*100 invece definite delle declinazioni del logo. Ci potrà essere ad esempio la versione Feltre Bike per le manifestazioni legate al ciclismo; Feltre Kids per quelle pensate per i bambini; Feltre Folk per quelle legate al folclore e alla storia e così via per i principali eventi della città. In questo modo si renderà immediatamente visibile l appartenenza ad un progetto comune, pur differenziando i molteplici aspetti che compongono l offerta della città. Programma BOTTEGHE E MESTIERI 29 a dal 26 al 29 Giugno MOSTRA dell ARTIGIANATO ARTISTICO & TRADIZIONALE CITTÀ DI FELTRE BOTTEGHE E MESTIERI 29 a dal 26 al 29 Giugno MOSTRA dell ARTIGIANATO ARTISTICO & TRADIZIONALE CITTÀ DI FELTRE BOTTEGHE E MESTIERI

12 PG. 22 PG. 23 Locandina 70*100 Locandina 70*100 Mostra mercato della noce di Feltre e dei prodotti agricoli tradizionali locali. antica Fiera di San Matteo Programma Mostra mercato della noce di Feltre e dei prodotti agricoli tradizionali locali. 24h di ciclismo all interno delle mura della città di Feltre 12/ Programma 24h di ciclismo all interno delle mura della città di Feltre FOLCLORE E TRADIZIONI FOLCLORE E TRADIZIONI antica VACANZA ATTIVA VACANZA ATTIVA 12/ Fiera di San Matteo Via Campogiorgio e Largo Castaldi FOLCLORE E TRADIZIONI VACANZA ATTIVA

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 Leader

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 Leader SCHEDA PROGETTO A REGIA GAL Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 Leader Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza del Gal Alto Bellunese n. 26 del 11.07.2012 1. GAL

Dettagli

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l.

Turismo Lento. Cosa è e quali opportunità offre ai territori? Filippo Lenzerini - Punto 3 s.r.l. Turismo Lento Cosa è e quali opportunità offre ai territori? - Punto 3 s.r.l. 1 1999 Laurea in Scienze Geologiche all Università di Ferrara 2000 Master in Gestione Integrata dell ambiente presso lo IUSS

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000.

Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna come destinazione turistica IMPORTO COMPLESSIVO EURO 4.000. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/104 del 23.12.2011 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE COMPETITIVITA REGIONALE ED OCCUPAZIONE FERS 2007/2013 Progetto Strategico generale di promozione e comunicazione della Sardegna

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà

Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Allegato B alla deliberazione consiliare n. 43 del 28 luglio 2010 Progetto Montagna senza confini : la rete del turismo, il territorio come ecomuseo, per una vacanza in libertà Premessa: La montagna friulana

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

Indice. In pillole. Bergamo protagonista. Storia. Proposta artistica. Una città da vivere. Network. Expo 2015. La musica per la SLA.

Indice. In pillole. Bergamo protagonista. Storia. Proposta artistica. Una città da vivere. Network. Expo 2015. La musica per la SLA. Indice In pillole Bergamo protagonista Storia Proposta artistica Una città da vivere Network Expo 2015 La musica per la SLA I plus Piano di comunicazione Contatti 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 2 In pillole

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Il Ministro per il Turismo ACCORDO QUADRO TRA il Ministro per il Turismo, On. Michela Vittoria Brambilla E il Presidente dell Associazione Nazionale Comuni Italiani,

Dettagli

local marketing progetti di rete

local marketing progetti di rete local marketing progetti di rete local marketing e progetti di rete I territori sono da sempre al centro del nostro interesse. Da sempre CoopCulture è impegnata nella scoperta del territorio e della sua

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

1. Promuovere strumenti di sensibilizzazione delle famiglie sugli stili di vita sani e il consumo di prodotti agricoli e artigianali locali (Km 0).

1. Promuovere strumenti di sensibilizzazione delle famiglie sugli stili di vita sani e il consumo di prodotti agricoli e artigianali locali (Km 0). SCHEDA DEL PROGETTO Lo scopo del progetto è di favorire la promozione congiunta dei prodotti tipici locali agroalimentari e artigianali marchigiani, coinvolgendo, in integrazione tra loro, gli anziani

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY:

SCUOLA DI COMUNICAZIONE. Proposta di MASTER di Primo livello in. MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: SCUOLA DI COMUNICAZIONE Proposta di MASTER di Primo livello in MANAGEMENT e COMUNICAZIONE DEL MADE IN ITALY: Promozione enogastronomica e valorizzazione delle eccellenze del territorio A.A.2014-15 Premessa

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma

Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell Oltretorrente di Parma LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Dalla crisi un nuovo modello di sviluppo Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico e dell

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4 Il distretto Turistico: un opportunità per turisti ed imprenditori. Destinazioni ed itinerari per l allungamento della stagione e un maggior utilizzo delle strutture ricettive. Jesolo, 13 febbraio 2006

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE 40 ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE Le attività di accoglienza ed di MARINA COSTA Negli incontri di formazione nel progetto Sportello per il Microcredito si sono affrontate diverse

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011

Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011 Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011 Il presente documento ha lo scopo di illustrare l andamento della gestione della Fondazione nel primo periodo di effettiva attività di Meta, fino alla data

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE Perché diventare Partner de il Circolo dei lettori Nato a Torino nell ottobre del 2006, il Circolo dei lettori è il primo spazio pubblico italiano dedicato ai lettori e alla

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 1 COMUNE DI OTRICOLI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 Presso il centro storico di Otricoli dal 07 al 09 settembre 2012 si terrà OTRICOLI MUSIC FESTIVAL Eventi e Antiche Tradizioni, in Terra di Otricoli,

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE IV APPROCCIO LEADER Gruppo di Azione Locale della SILA Via Guido Rossa, 24 87050 Spezzano Piccolo (CS) www.galsila.com - info@silasviluppo.com PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ITER VITIS Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri Creazione di un circuito

Dettagli

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale

ICS-L. Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale ICS-L Impresa Creativa per lo Sviluppo Locale Cosa è Ics-l Portale di e-commerce territoriale per promuovere e facilitare l acquisto dei prodotti delle aziende agroalimentari e artigianali della Val di

Dettagli

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure Salone Sapori da Sfogliare- Genova 21.06.2013 Dott.ssa Susanna Citi_ Gal Provincia della Spezia Art.65 Reg. 1695/2005- Cooperazione

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

INTERNATIONAL VIDEO COMPETITION THIRD EDITION OPPORTUNITÀ SPONSORSHIP

INTERNATIONAL VIDEO COMPETITION THIRD EDITION OPPORTUNITÀ SPONSORSHIP INTERNATIONAL VIDEO COMPETITION THIRD EDITION OPPORTUNITÀ SPONSORSHIP La luce è un patrimonio di tutti e l utilizzo, lo studio e la produzione di questa vitale risorsa, nei secoli, hanno superato i confini

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione #1 IL PROGETTO APPENNINO ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione Edoardo Garrone, per il rilancio

Dettagli

Regioni. Linee Progettuali. ALLEGATOE alla Dgr n. 1627 del 15 giugno 2010 pag. 1/15. Toscana Emilia Romagna Lazio Veneto

Regioni. Linee Progettuali. ALLEGATOE alla Dgr n. 1627 del 15 giugno 2010 pag. 1/15. Toscana Emilia Romagna Lazio Veneto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOE alla Dgr n. 1627 del 15 giugno 2010 pag. 1/15 Regioni Toscana Emilia Romagna Lazio Veneto PROGETTTTO INTTERREGI I IONALLE ITINERARI DELLE TERME D ITALIA TRA SALUTE

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento

SCHEDA PROGETTO Misura 313 Incentivazione delle attività turistiche Azione 2 Accoglienza Contesto di riferimento SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 313

Dettagli

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE 735 736 738Università degli Studi di Torino MASTER IN ECONOMIA, MANAGEMENT, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TURISMO MASTER MINT www.mastermint.unito.it MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE Comportamento del

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena

Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti. Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena Terre di Siena Ospiti di valore Un patto tra residenti e ospiti Fiorenza Guerranti Direttore APT Siena - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 - SEMINARIO 13 SETTEMBRE 2007 Per la promozione turistica di una destinazione

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI

COMUNITA MONTANA ALBURNI COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 313 Incentivazione di attività turistiche - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - FORNITURA E STAMPA DI MATERIALE PROMOZIONALE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere

Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere Progetto co-finanziato attraverso il Programma Interreg IV Italia-Austria (FESR) Progetto Bike Tourism per la valorizzazione e la promozione sostenibile delle risorse endogene transfrontaliere Istituzione

Dettagli

Tecnologie 3D. Realtà Virtuale. Progetto: CreAttività 09/12/13

Tecnologie 3D. Realtà Virtuale. Progetto: CreAttività 09/12/13 Tecnologie 3D e Realtà Virtuale Progetto: CreAttività 09/12/13 Tecnologie 3D e Realtà Virtuale La Realtà Virtuale intesa come replica digitale di oggetti e ambienti fisici quanto più possibile prossima

Dettagli

8 aprile 2013 Palazzo del Turismo Jesolo (Ve) Seminario TURISMO RURALE e TURISMO BALNEARE: SINERGIE PER LO SVILUPPO LOCALE

8 aprile 2013 Palazzo del Turismo Jesolo (Ve) Seminario TURISMO RURALE e TURISMO BALNEARE: SINERGIE PER LO SVILUPPO LOCALE www.earthacademy.eu Fausto Faggioli Territorial Marketing Manager Cell. +39 335 6110252 ff@fattoriefaggioli.it 8 aprile 2013 Palazzo del Turismo Jesolo (Ve) Seminario TURISMO RURALE e TURISMO BALNEARE:

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A.

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo è strutturato, attraverso un approccio

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI Mod.6_E CHEK LIST AZIENDA AGRICOLA MULTIFUNZIONALE N. ordine dell Elenco richiedenti marchio collettivo DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A.

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO finanziato nell ambito dell ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA Annone Brianza Canzo Civate Eupilio Suello Valmadrera PER LA SALVAGUARDIA E LA VALORIZZAZIONE DEL MONTE CORNIZZOLO, MONTE RAI, CORNI DI CANZO E MOREGALLO Premesso che: con la firma

Dettagli

PIANO REDAZIONALE BLOG IMMERSIONI CON GLI SCARPONI. Progetto di Marketing Territoriale GAL V.E.T.T.E. Un turismo per il territorio con il territorio

PIANO REDAZIONALE BLOG IMMERSIONI CON GLI SCARPONI. Progetto di Marketing Territoriale GAL V.E.T.T.E. Un turismo per il territorio con il territorio PIANO REDAZIONALE BLOG IMMERSIONI CON GLI SCARPONI Progetto di Marketing Territoriale GAL V.E.T.T.E. Un turismo per il territorio con il territorio Comuni di Zoldo e Consorzio Turistico Val di Zoldo FILOSOFIA

Dettagli

www.expoveneto.it EXPO 2015

www.expoveneto.it EXPO 2015 www.expoveneto.it La piattaforma web ufficiale della Regione Veneto per l EXPO 2015 L Esposizione Universale sarà un occasione straordinaria di supporto alla crescita e al rilancio economico, confermando

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

. L Aquila, 20 Aprile 2006. Oggetto: Manifestazione turistica NONSOLOMONTI L Abruzzo tra cielo e terra

. L Aquila, 20 Aprile 2006. Oggetto: Manifestazione turistica NONSOLOMONTI L Abruzzo tra cielo e terra . L Aquila, 20 Aprile 2006 Oggetto: Manifestazione turistica NONSOLOMONTI L Abruzzo tra cielo e terra Premessa Al fine di valorizzare le numerose risorse del territorio interno della nostra Regione, le

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

L INTEGRAZIONE TRA TERRITORIO E CULTURA: IL CASO «HAPPY MUSEUM»

L INTEGRAZIONE TRA TERRITORIO E CULTURA: IL CASO «HAPPY MUSEUM» L INTEGRAZIONE TRA TERRITORIO E CULTURA: IL CASO «HAPPY MUSEUM» Dott.ssa Sara Grufi 1 INTRODUZIONE AL «MARKETING MUSEALE» Constatazione dei limiti delle politiche di management adottate dalle realtà museali.

Dettagli

TOSCANA. Arcobaleno. d estate. Da un evento d Estate alla proposta di tantissime suggestioni per tutto l anno

TOSCANA. Arcobaleno. d estate. Da un evento d Estate alla proposta di tantissime suggestioni per tutto l anno R Da un evento d Estate alla proposta di tantissime Da un evento alla proposta di tantissime Dall idea di cogliere l occasione dell Estate per lanciare una proposta innovativa, in grado di valorizzare

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE il Circolo dei lettori Palazzo Graneri della Roccia via Bogino 9, 10123 Torino www.circololettori.it Per informazioni Anastasia Frandino +39 011 4326814 +39 328 9573875 frandino@circololettori.it

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Immagimondo Festival di viaggi, luoghi e culture 2015 18esima edizione Scheda presentazione sponsor. 19 settembre 4 ottobre

Immagimondo Festival di viaggi, luoghi e culture 2015 18esima edizione Scheda presentazione sponsor. 19 settembre 4 ottobre Immagimondo Festival di viaggi, luoghi e culture 2015 18esima edizione Scheda presentazione sponsor 19 settembre 4 ottobre Patrocinato da L associazione Les Cultures Il progetto Immagimondo I numeri del

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli