Interreg MED

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interreg MED 2014-2020"

Transcript

1 Interreg MED Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste le caratteristiche principali del nuovo programma: Paesi partecipanti: Unione Europea: Spagna, Francia, Italia, Malta, Croazia, Grecia, Cipro, Slovenia, Regno Unito (Gibilterra); IPA: Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Albania. Dotazione finanziaria complessiva: ,00 (FESR + Cofinanziamento nazionale + IPA) ,00 (FESR) ,00 (Cofinanziamento nazionale) ,00 (IPA) Assi prioritari Priorità 1: Promuovere le potenzialità dell area del Mediterraneo in materia di innovazione per favorire una crescita intelligente e sostenibile. Obiettivo specifico 1.1: Incrementare l attività transnazionale dei cluster e delle reti innovative nei settori chiave dell area MED (crescita blu e verde, industrie creative, innovazione sociale); o Indicatore di risultato: Quota di cluster innovativi in grado di offrire ai loro membri un insieme di attività transnazionali consolidate nei settori chiave dell area MED. Priorità 2: Favorire le strategie per la riduzione delle emissioni di carbonio e per l efficienza energetica in specifici territori dell area MED (città, isole e aree rurali). Obiettivo specifico 2.1: Aumentare il livello delle competenze per migliorare la gestione dell energia negli edifici pubblici a livello transnazionale; o Indicatore di risultato: Quota di piani regionali, sub-regionali e locali in materia di efficienza energetica che presentano misure specifiche per gli edifici pubblici. Obiettivo specifico 2.2: Incrementare la quota di fonti energetiche rinnovabili locali nelle strategie e nei piani per i mix energetici dei territori dell area MED (isole e aree rurali); o Indicatore di risultato: Quota di fonti energetiche rinnovabili locali nei mix energetici delle isole e delle zone rurali dell area MED. Obiettivo specifico 2.3: Aumentare le potenzialità d utilizzo dei sistemi di trasporto a basse emissioni di carbonio già esistenti e i collegamenti multimodali tra questi; 1

2 o Indicatore di risultato: Quota di piani urbani che prevedono azioni soft per il trasporto a basse emissioni di carbonio e per i collegamenti multimodali. Priorità 3: Proteggere e promuovere le risorse naturali e culturali del Mediterraneo. Obiettivo specifico 3.1: Sostenere nell area MED lo sviluppo di un turismo costiero e marittimo sostenibile e responsabile; o Indicatore di risultato: Livello di sostenibilità del turismo nelle regioni costiere dell area MED. Obiettivo specifico 3.2: Conservare la biodiversità e gli ecosistemi naturali attraverso il miglioramento della gestione delle aree protette e delle loro reti; o Indicatore di risultato: Quota di aree protette in grado di realizzare le loro finalità di tutela ambientale (grazie ad una gestione migliorata). Priorità 4: Rafforzare la governance nel Mediterraneo Obiettivo specifico 4.1: Sostenere lo sviluppo e il rafforzamento di azioni di coordinamento multilaterale per dare una risposta congiunta alle sfide comuni; o Indicatore di risultato: Numero di piani tematici d azione congiunti finalizzati alla realizzazione di operazioni strategiche coordinate. Ripartizione delle risorse finanziarie tra le 4 priorità Priorità 1: Innovazione (32%) FESR: , IPA: Priorità 2: Energia ed economia a basse emissioni di CO2 (20%) FESR: , IPA: Priorità 3: Ambiente (34%) FESR: , IPA: Priorità 4: Governance (8%) FESR: , IPA: Interreg MED prevede tre tipologie di progetti: Progetti modulari (Assi 1, 2, 3) Progetti orizzontali (Assi 1, 2, 3) Progetto piattaforma (Asse 4) Tipologie di progetti L approccio modulare La maggior parte dei progetti di Interreg MED avrà una struttura modulare riconducibile a tre tipologie specifiche: Progetti modulari Progetti afferenti al Modulo 1 (M1): Studi I progetti incentrati su questo modulo studieranno, raccoglieranno e integreranno dati relativi a settori di intervento innovativi dal punto di vista tematico o geografico oppure si concentreranno in 2

3 settori nei quali le conoscenze non sono ancora sufficienti. Produrranno analisi SWOT e comparative per elaborare metodologie, piani d azione, modelli e strategie condivise. Durata: fino a 18 mesi; Budget totale: non più di ; Partenariato: massimo 8 partner (scientifici e istituzionali). Progetti afferenti al Modulo 2 (M2): Test Si tratta di progetti dedicati alla realizzazione di azioni pilota, attraverso le quali sperimentare strumenti, politiche, strategie e piani d azione individuati in progetti precedenti. Gli output principali di questi progetti saranno studi preliminari e di fattibilità, azioni pilota e piani di trasferibilità dei risultati (nelle politiche locali, nei territori coinvolti o verso altri gruppi target). Durata: fino a 30 mesi; Budget totale: da a Partenariato: massimo 10 partner (istituzionali e operativi). Progetti afferenti al Modulo 3 (M3): Capitalizzazione Questa tipologia di progetti ha lo scopo di capitalizzare metodologie, pratiche e strumenti di intervento sperimentate in precedenti progetti non solo nell ambito del programma MED. Gli output previsti sono: raccomandazioni politiche, protocolli d intesa, proposte normative e procedurali. Durata: fino a 18 mesi Budget totale: Partenariato: massimo 8 partner (istituzionali e reti). Ogni modulo costituisce un progetto di per sé con un proprio budget e un proprio partenariato. I progetti basati su un singolo modulo sono finalizzati alla ricerca di risposte e soluzioni veloci, non richiedono un elaborazione complessa né un notevole impegno finanziario. Non sarà possibile prolungare automaticamente un progetto passando da un modulo a un altro, ad esempio dal modulo 1 al modulo 2, ma sarà necessario partecipare a una nuova call. Progetti multi-modulari I progetti potranno anche essere composti da più moduli. Queste sono le soluzioni possibili: Modulo 1+Modulo 2: studi e azioni pilota Durata: fino a 36 mesi Budget totale: Partenariato: massimo 12 partner (istituzionali, scientifici e operativi) Modulo 2+Modulo 3: test e capitalizzazione Durata: fino a 36 mesi Budget totale: Partenariato: massimo 12 partner (istituzionali e operativi) Modulo 1+Modulo 2+Modulo 3: progetti integrati Questi progetti dovranno trasporre in una dimensione transnazionale risultati ottenuti a livello locale ed esercitare un impatto diretto sulle politiche regionali e nazionali. Durata: massimo 48 mesi Budget totale: Partenariato: massimo 15 partner (istituzionali, scientifici, operativi e reti; il capofila dovrebbe essere un ente regionale o statale). 3

4 I progetti multi-modulari combinano finalità e risultati di varia natura e necessitano di un partenariato dalle competenze eterogenee. Infatti, ogni modulo avrà propri obiettivi e output, un proprio budget e un proprio calendario. Il passaggio da un modulo a un altro non avverrà automaticamente ma sarà subordinato a una verifica da parte dell autorità di gestione e del segretariato tecnico congiunto del programma che decideranno in merito alla prosecuzione del progetto. Inoltre, i progetti multi-modulari dovranno prevedere anche l intervento di un valutatore esterno e indipendente che ne seguirà lo svolgimento dall inizio alla fine. I costi del processo di valutazione esterno saranno a carico del progetto. Il bando imminente non prevede finanziamenti per progetti integrati. In un secondo momento, alla luce dei risultati dei progetti che verranno presentati nell ambito di questa call, verrà lanciato un bando specifico per questa tipologia di progetti. Progetti orizzontali I progetti orizzontali dovranno sviluppare sinergie tra i progetti modulari afferenti allo stesso asse/obiettivo specifico e quindi affini dal punto di vista tematico al fine di favorire la community building, l analisi, lo sviluppo, la comunicazione congiunta, la capitalizzazione e il trasferimento congiunto dei risultati di tali progetti. Un importante elemento di novità sarà l introduzione di un sito web comune che sostituirà i siti dei singoli progetti con l obiettivo di favorire la diffusione e il rafforzamento dell identità dell area MED. Durata iniziale: 36 mesi con possibilità di prolungamento Budget: FESR: Massimo e IPA: per ogni progetto orizzontale nell ambito degli assi 1 e 3; FESR: Massimo e IPA: per ogni progetto orizzontale nell ambito dell asse 2. Partenariato: al massimo 6 partner in rappresentanza di almeno tre paesi UE (si raccomanda anche la presenza di un paese IPA). Partner: reti tematiche transnazionali, reti mediterranee, reti istituzionali, università, agenzie, fondazioni, autorità pubbliche. Il progetto piattaforma Il progetto piattaforma sarà realizzato nell ambito dell asse 4. Quest ultimo non sarà il prodotto di un bando aperto per proposte progettuali ma rappresenterà un iniziativa top down di governance dell area interessata da Interreg MED gestita dalle autorità nazionali dei paesi che partecipano al programma. Grazie al lavoro di analisi e di sintesi operato dai progetti orizzontali, i risultati dei progetti modulari afferenti agli assi 1, 2 e 3 verranno trasferiti all asse 4 ed integrati nel progetto piattaforma contribuendo così realmente allo sviluppo delle politiche transnazionali di governance globale del Mediterraneo. Budget e spese elegibili Cofinanziamento Il cofinanziamento FESR e IPA corrisponde al 85% sia per il capofila sia per i partner indipendentemente dalla loro natura giuridica. Faranno eccezione solo le PMI che, per quel concerne gli aiuti di stato, decideranno di partecipare ai progetti ai sensi del Regolamento generale di esenzione per categoria (GBER) della Commissione n. 651 del Queste ultime riceveranno un cofinanziamento FESR corrispondente al 50% del budget a loro assegnato. 4

5 Regole generali: Nessun partner potrà concentrare più del 30% dell intero budget di progetto; Nessun paese partecipante ad un progetto potrà concentrare più del 40% del budget totale; La quota FESR spesa al di fuori dell area di programma non potrà essere superiore al 20% del contributo totale FESR destinato al budget; Nel corso del primo anno di attuazione del progetto non saranno consentite modifiche al budget; L IVA sarà considerata un costo eleggibile solo nei casi in cui non potrà essere recuperata. Qualora questa possa essere recuperata, non potrà essere inclusa nel budget; Le regole di riferimento in materia di appalti pubblici sono in primis quelle dettate dalla normativa europea, a seguire quelle nazionali e, infine, quelle stabilite dal programma Interreg MED. In generale, per quanto riguarda i contratti superiori a 5.000, il programma prevede la presentazione di tre offerte da parte di tre fornitori diversi; Per i paesi IPA è previsto un anticipo pari al 10% della quota IPA assegnata, da richiedere al momento di avvio delle attività progettuali previa sottoscrizione degli accordi finanziari da parte della Commissione Europea, dell Autorità di gestione MED e del paese IPA in questione. Costi di preparazione Per la preparazione del progetto è prevista una somma forfettaria corrispondente a ripartita tra i partner che usufruiscono dei finanziamenti FESR. Suddivisione del budget: 5 linee di spesa Per ciascun progetto sono previste 5 linee di finanziamento: o Spese per il personale: non dovranno superare il 40% del budget totale del progetto; o Spese amministrative: si tratta di una percentuale fissa corrispondente al 15% delle spese destinate al personale; o Spese per viaggi e pernottamenti; o Spese per esperti e servizi esterni: non dovranno essere superiori al 50% del budget totale, dovranno essere eseguite nel rispetto della normativa sugli appalti pubblici e dei principi di trasparenza, non discriminazione e pari opportunità; o Spese per l acquisto di strumenti e attrezzature di lavoro: dovranno essere eseguite nel rispetto della normativa sugli appalti pubblici e dei principi di trasparenza, non discriminazione e pari opportunità. Elegibilità delle spese Le spese sono considerate elegibili dalla data di approvazione del progetto e se: Sono coerenti con quanto contenuto nell application form; Non sono finanziate da altri fondi UE; Sono basate su costi reali; Rispondono ai criteri del sound financial management: economicità, efficienza, efficacia; Sono indispensabili per la realizzazione del progetto; Sono accompagnate dalla documentazione necessaria; Sono incorse e sono state liquidate nel corso del periodo di elegibilità; Sono coerenti con le norme di elegibilità delle spese stabilite a livello europeo, nazionale e di programma (comprese le norme sugli appalti pubblici); Sono state certificate da un certificatore di primo livello; 5

6 Partenariato Il partenariato di progetto dovrà essere composto da almeno 4 soggetti (tre dei quali dovranno avere sede legale nell area MED e ricevere finanziamenti FESR), provenienti da almeno quattro paesi dell area MED. I capofila dei progetti di Interreg MED potranno essere solo soggetti di diritto pubblico con sede legale nell area interessata del programma Interreg MED. Potranno usufruire dei finanziamenti FESR: Soggetti pubblici statali, nazionali e locali (compresi i GECT ai sensi dell articolo 2 (16) del Regolamento (UE) n 1303/2013): o Autorità pubbliche statali nazionali, regionali e locali; o Organismi di diritto pubblico, come definiti dall articolo 2 (1) della Direttiva n. 24/2014 sugli appalti pubblici; Soggetti privati, comprese le PMI (nota bene: Interreg MED non ammette la partecipazione di soggetti le cui attività principali hanno un carattere prevalentemente esecutivo o di mero supporto, riguardanti, ad esempio, il coordinamento o la gestione del progetto); Organizzazioni internazionali disciplinate dal diritto nazionale degli Stati Membri o dal diritto internazionale (queste ultime non potranno partecipare come capofila e dovranno rispondere a criteri specifici). Potranno usufruire dei finanziamenti IPA: Soggetti pubblici statali, nazionali e locali (compresi i GECT ai sensi dell articolo 2 (16) del Regolamento (UE) n. 1303/2013): o Autorità pubbliche statali nazionali, regionali e locali; o Organismi di diritto pubblico, come definiti dall articolo 2 (1) della Direttiva n. 24/2014 sugli appalti pubblici; I partner IPA non potranno partecipare come capofila e dovranno essere soggetti non profit. Partecipazione di partner con sede legale al di fuori dell area MED La partecipazione di questi soggetti sarà subordinata alla conferma della loro natura giuridica da parte dello Stato dove risiedono e sarà consentita nel caso in cui la loro presenza all interno di un progetto rappresenti realmente un valore aggiunto al conseguimento degli obiettivi prefissati e un effettivo beneficio per tutta l area MED. I finanziamenti destinati a questi soggetti non potranno superare il 20% dell intero importo FESR destinato a un progetto. In caso di approvazione del progetto l Autorità di Gestione del programma sottoscriverà un accordo con il paese di residenza del partner in questione. Partner associati Questi soggetti non disporranno di un proprio budget. Le uniche spese consentite saranno quelle destinate ai viaggi e ai pernottamenti finanziate attraverso le risorse degli altri partner di progetto. 6

7 Cosa si aspetta Interreg MED dalle proposte progettuali che verranno presentate? Orientamento al risultato: i progetti dovranno fornire risposte concrete ai problemi del Mediterraneo e produrre risultati tangibili che siano coerenti con i risultati attesi previsti per ogni obiettivo specifico e misurabili a livello di programma attraverso gli indicatori di risultato; Transnazionalità: i progetti non si dovranno limitare ad esercitare un impatto a livello locale ma dovranno produrre degli effetti globali rivolti a tutta l area interessata dal programma; Dimensione territoriale: i progetti dovranno privilegiare e promuovere lo sviluppo sostenibile delle seguenti aree del Mediterraneo: isole, aree costiere, urbane e rurali e coinvolgere la società civile favorendo la partecipazione dei soggetti privati; Capitalizzazione: i progetti dovranno recuperare e sviluppare ulteriormente i risultati prodotti da precedenti progetti anche nell ambito di altri programmi sia di cooperazione territoriale (Interreg, Interact, Urbact, Espon) sia tematici (Horizon 2020, Cosme, Life, Creative Europe); Trasferibilità: i progetti dovranno garantire la continuazione e la replicabilità in altri territori e contesti, dei risultati prodotti anche dopo la loro conclusione. 7

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento

Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020. Documento in aggiornamento Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Documento in aggiornamento PROGRAMMA ALPINE SPACE Autorità di Gestione: Land Sazburg(A)

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla Commissione

Dettagli

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Silvia Grandi Dirigente Responsabile - Servizio intese istituzionali e programmi speciali d area sigrandi@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Programma Interreg Europe Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Interreg Europe Bologna, 27 novembre 2014 L area di Programma Programma Interreg Europe OBIETTIVO GENERALE Contribuire al rafforzamento delle politiche

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Programma operativo Italia - Malta 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera Base giuridica Oggetto (obiettivo generale) Con decisione C/2008/7336 il 27 novembre 2008 la Commissione Europea ha approvato

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

La cooperazione territoriale europea. nella programmazione comunitaria 2014 2020

La cooperazione territoriale europea. nella programmazione comunitaria 2014 2020 La cooperazione territoriale europea nella programmazione comunitaria 2014 2020 Componenti della cooperazione territoriale europea Transfrontaliera promuove lo sviluppo regionale integrato fra regioni

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Tutela e sicurezza dei cittadini

Tutela e sicurezza dei cittadini Opportunità di finanziamento per Enti locali e privati Tutela e sicurezza dei cittadini Sommario Finanziamenti Europei pag. 2 Altre Opportunità pag. 4 Anno 2015 Numero 9 Ottobre/Novembre 2015 PROVINCIA

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

PROGETTAZIONE GESTIONE E CONTROLLO DEI PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA

PROGETTAZIONE GESTIONE E CONTROLLO DEI PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PROGETTAZIONE GESTIONE E CONTROLLO DEI PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA CRITERI E METODI DI VALUTAZIONE DEI PROGETTI EUROPEI CHRISTIAN VIOLI Torino 13 Ottobre 2014 SOMMARIO Introduzione Chi valuta? Cosa valuta?

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Il Programma Urbact II

Il Programma Urbact II Il Programma Urbact II Indice dei contenuti Le caratteristiche del Programma Obiettivi e Priorità Tematiche Ambito Geografico ed Attori Eleggibili Risorse Finanziarie La candidatura: indicazioni per la

Dettagli

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME Prospettive future per la regione Adriatica nella Cooperazione Territoriale Europea L Aquila 14 Aprile 2014 Avv. Paola Di Salvatore Autorità di Gestione Programma IPA Adriatic

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 Finalità: Obiettivo generale Accrescere la competitività e l attrattività dell area di cooperazione sviluppando azioni comuni in tutti i campi che richiedono

Dettagli

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca 2FISH: Inclusione delle professioni di servizio alla Pesca nel sistema dell Istruzione e Formazione Grant Contract 517846-LLP-1-2011-1-DK- LEONARDO-LMP Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Buongiorno a tutti! Il mio nome è Francesco Riganti Laureato in Scienze Politiche

Dettagli

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 Sinnai, 4 marzo 2009 EFFICIENZA ENERGETICA E VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 «lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 PRESENTAZIONE OPPORTUNITÀ NAZIONALI E REGIONALI Bando MISE Industria sostenibile e PNR Primi bandi regionali del POR MARCHE FESR 2014-2020 AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 POR MARCHE FESR 2014-2020

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

nella programmazione 2014-2020

nella programmazione 2014-2020 La cooperazione territoriale europea nella programmazione 2014-2020 Monica Bellisario Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Brescia, 2 ottobre 2014 PO CTE 2014-2020 IN ITALIA I territori

Dettagli

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Michele Migliori Direzione Generale Programmazione Territoriale Intese Relazioni europee e internazionali

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare:

I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: Lodovico Gherardi 1 I bandi e le procedure previste per le proposte progettuali da finanziare: L esempio della Partecipazione della Regione Emilia-Romagna ai primi bandi dei Programmi di Cooperazione territoriale

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte Torino, 19 gennaio

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.10.2015 C(2015) 7046 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.10.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Italia-

Dettagli

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Venezia, Palazzo Grandi Stazioni 20 dicembre 2013 Benedetta Pricolo Regione del Veneto Unità di Progetto di Cooperazione

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

ALTERENERGY PROGETTO STRATEGICO «per una comunità adriatica delle energie rinnovabili»

ALTERENERGY PROGETTO STRATEGICO «per una comunità adriatica delle energie rinnovabili» CBC IPA ADRIATICO 2007/2013 ALTERENERGY PROGETTO STRATEGICO «per una comunità adriatica delle energie rinnovabili» Bari, Palace Hotel, 09 Settembre 2014 Claudio Polignano, Responsabile di progetto IL PROGETTO

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO

7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7. CRITERI DI SELEZIONE DEI PAL, PROCEDURE E CALENDARIO 7.1 REQUISITI DI ACCESSO La Regione Emilia-Romagna prevede di ammettere ai finanziamenti dell Iniziativa Comunitaria LEADER+ un numero massimo di

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato

5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato 5. IL PIANO FINANZIARIO 5.1 Organizzazione delle fonti di finanziamento e coinvolgimento del settore privato La predisposizione del piano finanziario per il POR della Basilicata è stata effettuata sulla

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013

REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 REGIONE PIEMONTE DIREZIONE REGIONALE COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE POR FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 11 GIUGNO 2015 Presentazione del RAE al 31 dicembre 2014 ASPETTI PRINCIPALI DEL RAE

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

E-POCKET. La Newsletter della Direzione Generale CULTURE, IDENTITA' E AUTONOMIE. dedicata alla programmazione comunitaria in ambito culturale

E-POCKET. La Newsletter della Direzione Generale CULTURE, IDENTITA' E AUTONOMIE. dedicata alla programmazione comunitaria in ambito culturale E-POCKET La Newsletter della Direzione Generale CULTURE, IDENTITA' E AUTONOMIE dedicata alla programmazione comunitaria in ambito culturale N 3 luglio 2015 E-P E Pocket, ovvero la cultura europea in pillole

Dettagli

Ambiente ed Energia. Sommario Finanziamenti Europei pag. 2 Altre Opportunità pag. 12

Ambiente ed Energia. Sommario Finanziamenti Europei pag. 2 Altre Opportunità pag. 12 O P P O R T U N ITÀ D I F IN A N Z IA M E N T O P E R E N T I L O C A L I E P R I V A T I Ambiente ed Energia Sommario pag. 2 Altre Opportunità pag. 12 Anno 2015 Numero 9 Ottobre/Novembre 2015 PROVINCIA

Dettagli

Il deficit fiscale di Venezia insulare: Venezia è ancora un progetto di interesse nazionale?

Il deficit fiscale di Venezia insulare: Venezia è ancora un progetto di interesse nazionale? Il deficit fiscale di Venezia insulare: Venezia è ancora un progetto di interesse nazionale? Pensare globalmente, agire localmente: i nuovi fondi strutturali europei per il periodo 2014-2020 Gian Angelo

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna 1 La Cooperazione Territoriale Europea si inserisce nell ampio panorama di interventi programmati dalla Comunità Europea

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.12.2015 C(2015) 9347 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 15.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Grecia-Italia

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Informazioni generali e stato di attuazione 1. Le finalità Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 fa parte nella componente di cooperazione

Dettagli

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile

Info Day Horizon SC5 LIFE. Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Info Day Horizon SC5 LIFE Ministero dell ambiente della tutela del territorio e del mare/sogesid Direzione per lo sviluppo sostenibile Stefania Betti National Contact Point LIFE Complementarietà I regolamenti

Dettagli

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione

Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Programma Spazio Alpino 2014+ Presentazione Presentazione Attraverso questo documento si vuole offrire a una breve presentazione dei principali elementi del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Possibilità di finanziamento per le imprese LIFE+ Programma Cip: EIE ICT PSP ENPI

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

Avvio della programmazione 2007-13

Avvio della programmazione 2007-13 Avvio della programmazione 2007-13 Definizione dei criteri di selezione degli interventi per l attuazione delle strategie previste dal Programma Cagliari 9.11.2007 1 Le prossime scadenze Attività Definizione

Dettagli

Al servizio di gente unica

Al servizio di gente unica Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella programmazione 2014-2020: i fondi strutturali e di investimento europei. Le azioni regionali nel settore della cultura FINANZIAMENTI UE: diretti

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei DEPARTMENT PROGETTI EUROPEI, SVILUPPO E INNOVAZIONE EUROPEAN PROJECTS, DEVELOPMENT & INNOVATION Miguel Carrero (Head of Department) Flavio Tonetto (CEO SINERGIA) GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EAC/S16/2013 Progetti di cooperazione europea Scadenza: 5 marzo 2014 Scadenza presentazione all URI 21 febbraio 2014 Il programma

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

Piano di Sostegno alla Ricerca 2015/17

Piano di Sostegno alla Ricerca 2015/17 Piano di Sostegno alla Ricerca 2015/17 In un contesto in cui il reperimento di finanziamenti per la ricerca risulta sempre più difficile, l Ateneo intende promuovere un piano triennale di sostegno e sviluppo

Dettagli

Presentazione bando congiunto. Nutrire il pianeta 2014

Presentazione bando congiunto. Nutrire il pianeta 2014 Presentazione bando congiunto Nutrire il pianeta 2014 Milano, 5 marzo 2014 Il bando congiunto Un nuovo partenariato pubblico-privato che, in ottica EXPO 2015, intende: promuovere risposte adeguate alle

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli