Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:"

Transcript

1 Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico Relatore: Giampaolo Chiappini

2 2.3 Attività 2 I MIEI NUMERI SCOPO Con questa attività mi sono proposta di consolidare e approfondire i concetti emersi nella Caccia ai numeri e di far riflettere i bambini sulla presenza e sull utilità dei numeri nella nostra vita quotidiana. Inoltre ho cercato di valorizzare l esperienza di ogni alunno che ha realizzato il proprio libro dei numeri personalizzato. Infine questo lavoro spazia in diversi campi d esperienza, in quanto coinvolge anche l area artistico - espressiva e quella linguistica. PREREQUISITI Comprendere una consegna espressa verbalmente. Disegnare oggetti, persone e situazioni attinenti alla propria vita quotidiana. Tracciare segni (lettere, numeri, disegni ) in uno spazio delimitato. OBIETTIVI - Generali: lasciarsi guidare dell insegnante, rispettando le consegne e le indicazioni; fare riferimento alle proprie esperienze personali per svolgere un compito; rielaborare le proprie conoscenze alla luce di esperienze nuove; partecipare a un dibattito (rispettare i turni di parola, fare interventi pertinenti e saperli motivare); - Specifici: capire che i numeri ci circondano e sono parte della nostra quotidianità; riconoscere i numeri relativi alle situazioni rievocate dal libretto; scrivere numeri (autonomamente o copiandoli); scoprire nuove funzioni del numero e approfondire quelle già emerse. MATERIALI - Base per il libretto (una per ogni alunno) - Registratore 96

3 - Macchina fotografica - Matite, gomme e colori (pastelli e pennarelli) - Bilancia Preparazione del libretto Durante le precedenti discussioni sui numeri, ho notato che ogni alunno aveva fatto riferimento a se stesso e alla propria quotidianità, invece di indicare situazioni generali. Per questo motivo mi è venuto in mente di far creare a ogni bambino un libro su cui scrivere alcuni numeri che riguardano la sua vita, accompagnati da disegni e scritte. Poiché non avevo molto tempo a disposizione, ho deciso di preparare a casa la base di questo libretto: ho preso due fogli A3 e li ho piegati fino a formare dei rettangoli che misuravano 15 cm x 21 cm; ho sovrapposto i due fogli e li ho fissati con la pinzatrice lungo il bordo sinistro; successivamente, ho tagliato le pagine unite sugli altri tre bordi. Così ho realizzato un libretto composto da otto pagine in cui ho inserito alcune scritte, linee e riquadri che aiutassero gli alunni nella compilazione (ho lasciato l ultima pagina vuota per dare spazio ad altre situazioni interessanti che potevano emergere durante l attività). Traendo spunto dalle discussioni precedenti, ho scelto alcune situazioni della vita di un bambino che coinvolgessero i numeri e fossero accessibili e significative per il gruppo: numero di lettere del proprio nome, anni, data di nascita, numero di scarpe, peso, numero di fratelli/sorelle, numero civico della propria casa, numero preferito. Non ho inserito l altezza in quanto ho deciso di dedicarle l attività successiva Svolgimento dell attività 19/05/2012 PARTECIPANTI: 7 alunni di 4 e 5 anni 69 (Ludovica, Matteo, Nadia, Alessandro, Marco, Tiziano, Aurora), io (tirocinante, nella sbobinatura M. Gaia) e la maestra Gloria (nella sbobinatura M. Gloria). 69 Ho deciso di lavorare con un piccolo gruppo perché l attività richiede che ogni alunno sia seguito con attenzione dall insegnante. Avevo progettato di lavorare con il gruppo dei 5 anni, composto da sei bambini, ma, poiché due di questi erano assenti, sono stati sostituiti da alcuni bambini di 4 anni scelti dalla maestra. 97

4 SPAZIO: salone TEMPO: 9:45-12:15 Presentazione del lavoro Faccio sedere i bambini ai banchi, disposti a ferro di cavallo, e accendo il registratore. Do inizio all attività mostrando al gruppo un libro sui numeri da 0 a 10, appartenente alla sezione: alcuni alunni l hanno già sfogliato e ne descrivono il contenuto. A questo punto dico che oggi ognuno di loro creerà il proprio libro dei numeri. I bambini sono entusiasti. Compilazione guidata del libro e discussione Distribuisco i libretti (uno per ogni alunno) e spiego le regole per completarli: i bambini devono ascoltare con attenzione le mie indicazioni e possono andare avanti solo quando tutti hanno finito la pagina. Dico anche che questa mattina lavoreremo solo con la matita e che coloreremo in seguito. PRIMA PAGINA (COPERTINA) Osserviamo la copertina che contiene il titolo del libro (I miei numeri) e i numeri da 0 a 9. Leggo ai bambini la scritta e chiedo loro di aggiungere qualche numero a loro scelta per rendere più bella la pagina. Tutti rispettano la consegna senza problemi; alcuni alunni scrivono anche numeri a due cifre. SECONDA PAGINA Leggo la prima riga (Mi chiamo ) e tutti i bambini capiscono che devono scrivere il loro nome. Procedo a leggere (Il mio nome è formato da lettere) e gli alunni contano le lettere del proprio nome; tutti si servono del nome scritto, indicando le lettere e contando ad alta voce. Quando il gruppo ha completato la pagina, propongo ai bambini dei confronti. M. Gaia Ale, quante lettere ci sono nel tuo nome? Ale (5) 10 M. Gaia Nel tuo Aurora? Aurora (5) 6 lettere M. Gaia Ci sono più lettere nel nome di Alessandro o in quello di Aurora? Matteo (4) Di più in quello di Alessandro 98

5 Ale (5) Di più nel mio M. Gaia Quante di più? Ale (5) 10 lettere M. Gaia Aurora sei d accordo? Quante lettere in più ha Alessandro? Aurora (5) Devo aspettare 4 letterine per arrivare a 10 Nel ragionamento di Aurora è presente la seguente struttura 6+ = 10. La bambina ha svolto a mente una sottrazione con la strategia del completamento. Nella pagina, in basso, c è un riquadro nel quale ognuno disegna se stesso. TERZA PAGINA I bambini devono completare la prima riga scrivendo il numero dei propri anni e disegnare nel riquadro una torta con la quantità di candeline corrispondente. Dopo aver confrontato le età, faccio alcune domande per verificare se gli alunni comprendono il significato di questo numero. M. Gaia Il numero 5 o il numero 6 cosa sono in questo caso? Matteo (4) I nostri anni M. Gaia Bravo, ma gli anni da quando? Tiziano (5) M. Gloria Aurora (5) Le nostre candeline Sì, ma come facciamo a contare quanti anni abbiamo? Ad esempio che Alessandro ha 6 anni? Da quando cominciamo a contare 1, 2, 3, 4, 5? Io lo so perché mi ricordo quando era il suo compleanno che aveva 6 anni 99

6 M. Gaia Sì, ma sono passati 6 anni da quando? Marco (5) Da quando siamo nati! M. Gaia Bravissimo Marco! Gli anni si cominciano a contare dal giorno in cui siamo nati Matteo (4) Tiziano (5) Prima eravamo nella pancia della mamma, poi avevamo 1 anno No, quando siamo nati avevamo 0 anni! M. Gaia Qualcuno sa il giorno in cui è nato? Marco (5) 2006 M. Gaia Quello è l anno bravo, ma ti chiedo il giorno Marco (5) M. Gaia Il mese? Il giorno della tua nascita con il mese e l anno. Ad esempio io sono nata il 6 ottobre 1988 Ale (5) 1900? Marco (5) Ho capito! In questa fascia di età quasi tutti i bambini sanno quanti anni hanno, ma talvolta non comprendono che questo numero rappresenta gli anni trascorsi dalla loro nascita; tendono ad associarlo a oggetti concreti, come le candeline sulla torta, piuttosto che al tempo passato da un preciso momento. Solo con il mio aiuto, il gruppo è riuscito ad associare l età alla nascita. Collegandomi a quanto emerso prima, leggo l ultima riga della pagina (Sono nato/a il ) e chiedo nuovamente ai bambini se conoscono la loro data di nascita, cioè il giorno in cui sono nati. La maggior parte degli alunni non sa rispondere con precisione e decidiamo di andare a verificare insieme sul registro. Copiandoli da qui, ogni bambino trascrive sul libretto i numeri contenuti nella propria data di nascita, mentre il nome del mese viene scritto da me e dalla maestra Gloria. 100

7 QUARTA PAGINA Leggo ai bambini la scritta (Il mio numero di scarpe è ) e scopriamo che solo due di loro conoscono il proprio numero di scarpe. Chiedo al gruppo di trovare una soluzione e, ricordando probabilmente ciò che era emerso durante la precedente attività, un bambino propone di guardare sotto o dentro la scarpa. Ogni bambino trascrive il proprio numero e chiedo se si ricordano che cosa indica. Gli alunni dicono che serve a sapere quanto è grande la scarpa. Quando sto per leggere la scritta successiva, Marco mi anticipa. M. Gaia C è scritto qualcos altro lì sotto Marco (5) Matteo (4) M. Gaia Ale (5) C è scritto pesso Pesso? Bravo, hai quasi letto giusto. C è scritto peso e poi puntini puntini. Cosa bisognerà mettere dove ci sono i puntini? Quanto pesiamo! M. Gaia Bravo! Qualcuno sa quanto pesa? Marco (5) Io peso M. Gaia 25? Marco (5) Sì, 25 Tiziano (5) Io peso quello prima di 20 M. Gaia 19? Tiziano (5) 19 M. Gaia Bene allora scrivi 19. Ma 19 cosa? Pesi 19 caramelle? 101

8 Tiziano (5) Marco (5) Tiziano (5) Ale (5) No, peso 19 ossa Ma non quante ossa, ma quanto pesi! Peso 19 ossa Ma no! Vuol dire quanto grasso hai! M. Gaia Quindi 19 Ale (5) 19 grassi M. Gaia Non si dice proprio così. Allora Tiziano pesa 19 Ludovica (4) Chili! M. Gaia Avete sentito cosa ha detto Ludovica? Ripeti un po Ludovica (4) Chili M. Gaia Avete mai sentito questa parola? Bambini Sì! M. Gaia Cosa vorrà dire? Ale (5) Massi (4) L ho già sentita ma non lo so (Non era nel gruppo, era fuori con i bambini più piccoli, ma la maestra l ha rimandato in aula perché si comportava male) I chili per pesare la carne! M. Gaia Bravo Massi! Questa parola si usa per misurare quanto pesano le cose Matteo (4) Anche i bambini? M. Gaia Sì, anche i bambini. Aurora tu lo sai quanto pesi? Aurora (5) Sì, peso 20 e 8 Ale (5) Io 20, come te! Aurora (5) No, io 20 e 8! ( ) Nadia (4) Matteo (4) Io non lo so quanto peso Neanche io Da questa parte della discussione emerge che alcuni bambini conoscono il proprio peso ma, dato che non sanno utilizzare unità di misura adeguate, forniscono risposte piuttosto originali, riferendosi a parti del corpo che probabilmente per loro risultano pesanti : secondo Tiziano sono le ossa a determinare il peso del nostro corpo, mentre per Alessandro è il grasso. Dopo diversi tentativi, una bambina propone la parola chili, che sicuramente tutti gli alunni hanno già sentito, ma che in un primo momento non hanno associato alla 102

9 mia domanda ( 19 cosa? ). È interessante notare anche che Aurora esprime a parole un numero decimale utilizzando la parola e al posto della virgola. Una parte del gruppo non sa quanto pesa e chiedo ai bambini di risolvere il problema. Un alunno propone di usare la bilancia e io, che avevo previsto questo passaggio, tiro fuori da una borsa una bilancia digitale. Tutti i bambini si pesano e man mano trascrivono il loro peso sul foglio copiandolo dal display della bilancia. Decido di lasciar perdere la parte decimale dei numeri e di far scrivere sul libro il numero intero: spiego ai bambini che le cifre dopo il puntino significano che pesano quel numero e un po. Scopriamo che il peso di Aurora, Tiziano, Alessandro e Marco corrisponde a quanto avevano detto prima di pesarsi. Per rafforzare l associazione con un unità di misura corretta scrivo vicino al numero la parola chili. 103

10 QUINTA PAGINA In questa pagina i bambini sono invitati a scrivere il numero di fratelli e sorelle. Un alunna, figlia unica, mi chiede che numero deve inserire e propongo il problema al gruppo. M. Gaia Nadia non ha fratelli e sorelle. Che numero deve scrivere? Conoscete un numero che vuol dire nessuno, cioè che non ha fratelli? Ale (5) 0 M. Gaia Ale dice 0, siete d accordo? Marco (5) Sì, 0 vuol dire che non ha fratelli M. Gaia Bravi Aurora (5) Anche io 0 fratelli e 1 sorella bellissima È evidente che i bambini conoscono lo 0 come numero che rappresenta l assenza di oggetti, il vuoto. SESTA PAGINA Leggo la scritta (Il numero della mia casa è ) e chiedo ai bambini: di che numero si tratta? A che cosa serve? Il gruppo, ricordandosi ciò che era emerso durante la precedente attività, mi risponde che sulle case ci sono dei numeri che servono per sapere che casa è e perché così il postino sa dove portare le lettere. Solo tre bambini conoscono il proprio numero civico e affido agli altri il compito di scoprirlo una volta tornati a casa e di completare questa pagina il giorno seguente 70. Gli alunni devono disegnare nel riquadro in basso la propria abitazione. Tutti hanno inserito nel disegno il numero civico. 70 Se il numero civico è grande, aiutiamo i bambini scrivendo su un foglio il numero che poi copiano sul libretto. 104

11 SETTIMA PAGINA In questa pagina i bambini devono scrivere il loro numero preferito: qui non c è risposta giusta o sbagliata, ma possono inserire il numero che preferiscono. È stato interessante notare che la maggior parte di loro ha scritto un numero collegato alla propria vita quotidiana (ad esempio la propria età, il numero della maglia da basket ). Di seguito riporto uno stralcio della discussione in cui è evidente che alcuni bambini conoscono già numeri grandi. M. Gaia Adesso scrivete il vostro numero preferito Aurora (5) Guarda cos ho scritto, maestra (ha scritto 10000) M. Gaia Che numero è? Aurora (5) Non so, volevo scrivere cento M. Gaia Quello non è cento, cento si scrive con due zeri. Quanti zeri devi togliere? Aurora (5) 1 Ale (5) Se ne togli uno diventa mille M. Gaia Proviamo, cancellane uno! Diventa cento? 1, 0, 0 e 0 Aurora (5) No, ne devo togliere ancora 1 È ora di pranzo: i bambini sembrano molto stanchi e decido di ritirare i libretti. Il giorno seguente il gruppo termina il lavoro con la maestra Gloria: gli alunni perfezionano e colorano i disegni, ripassano le scritte con i pennarelli e alcuni inseriscono il numero civico. L ultimo passaggio consiste nello scrivere i numeri di pagina da 1 a 7 in basso a destra. I bambini terminano il libro che viene inserito nella loro cartellina. Nei giorni seguenti la maestra Gloria propone il lavoro a un altro gruppo di alunni di 4 e 5 anni, in modo da coinvolgere in questa attività tutti i bambini della stessa fascia d età. 105

12 2.3.3 Verifica del raggiungimento degli obiettivi L attività è andata bene: i bambini hanno lavorato con impegno e interesse e sono emersi alcuni aspetti interessanti riguardo i numeri e le loro funzioni. Credo che l attività didattica vera e propria non sia stata la realizzazione del libretto, ma la discussione e la riflessione che il gruppo ha portato avanti mentre lo compilava. Ho inoltre notato che la costruzione del libro personalizzato, arricchito con le informazioni personali degli alunni, ha motivato e divertito i bambini. Ho verificato il raggiungimento della maggior parte degli obiettivi già durante l attività, basandomi sugli interventi e sulla partecipazione del gruppo; a tal fine sono state fondamentali la registrazione delle discussioni e la successiva sbobinatura. L osservazione dei libretti mi ha consentito di verificare se i bambini avessero rispettato le mie consegne e completato correttamente le pagine. Riporto gli obiettivi che avevo individuato nella fase di progettazione, con alcune mie riflessioni in merito al raggiungimento di questi da parte degli alunni. - GENERALI: Lasciarsi guidare dell insegnante, rispettando le consegne e le indicazioni Parzialmente raggiunto. Poiché i bambini non sapevano leggere, non potevano compilare il libretto da soli, ma dovevano affidarsi alla mia direzione. In generale hanno ascoltato e rispettato quello che dicevo, anche se, soprattutto verso la fine, alcuni alunni tendevano ad andare avanti da soli nella compilazione (sbagliando ovviamente) ed erano ansiosi di terminare il lavoro. Il fatto che il gruppo fosse poco numeroso mi ha consentito di accorgermi di queste situazioni e di mantenere il controllo. I bambini di 4 anni hanno avuto bisogno di una maggiore guida, in quanto talvolta hanno avuto problemi di comprensione delle consegne 71. Fare riferimento alle proprie esperienze personali per svolgere un compito Pienamente raggiunto. I bambini hanno completato il libro, traendo dalle proprie esperienze quotidiane le informazioni necessarie. Anche quando qualcuno non conosceva il numero richiesto, il gruppo ha elaborato delle strategie per risolvere il problema. 71 Ad esempio ho detto Scrivi il tuo nome sopra la riga e due alunni lo hanno scritto in basso, dove invece dovevano scrivere il numero di lettere. 106

13 Rielaborare le proprie conoscenze alla luce di esperienze nuove Raggiunto. Il gruppo, partendo dalle informazioni offerte da ogni membro, ha collaborato per la costruzione di nuove conoscenze. La discussione è stata ricca di nuovi spunti. Partecipare a un dibattito (rispettare i turni di parola, fare interventi pertinenti e saperli motivare) Parzialmente raggiunto. Data l età, i bambini hanno ancora bisogno della gestione costante dell adulto. Spesso sono dovuta intervenire per fare il punto della situazione e per riportare il discorso all argomento principale. - SPECIFICI: Capire che i numeri ci circondano e sono parte della nostra quotidianità Pienamente raggiunto. Riconoscere i numeri relativi alle situazioni rievocate dal libretto Raggiunto. Dato che le situazioni scelte erano accessibili e significative, il gruppo non ha avuto problemi a reperire i numeri per completare il libro; quando qualcuno non conosceva le informazioni richieste, insieme gli alunni hanno trovato delle strategie per risolvere il problema (pesarsi, guardare dentro la scarpa ). Scrivere numeri (autonomamente o copiandoli) Raggiunto. Tre bambini di 5 anni hanno scritto autonomamente tutti i numeri, anche se talvolta hanno capovolto qualche cifra. I restanti membri del gruppo hanno avuto bisogno di un po di aiuto, in quanto, anche se riconoscevano i numeri fino al 10, non sapevano scriverli tutti con precisione: ho lasciato che li copiassero dalla copertina o, in caso di numeri superiori al 9, li ho scritti io su un foglio e loro li hanno riportati sul libretto. Scoprire nuove funzioni del numero e approfondire quelle già emerse Raggiunto. Sono emerse nuove funzioni del numero (ad esempio il numero per indicare il peso) ed è stato possibile approfondire alcune situazioni già citate durante la prima attività. I bambini hanno dimostrato di ricordarsi le esperienze e le riflessioni collegate al lavoro precedente (Caccia ai numeri). 107

14 2.3.4 Autovalutazione Sono soddisfatta di come ho progettato e condotto l attività. Anche in questo caso individuo alcuni punti deboli e punti di forza del mio intervento didattico. Punti deboli - L attività era una po lunga da svolgere tutta insieme; se avessi potuto, l avrei divisa in due parti. - Avrei dovuto lasciare più spazio agli interventi dei bambini. Talvolta ho dovuto interrompere la discussione e passare alla pagina successiva, perché avevo paura che il tempo non mi bastasse. - Ho riservato poca attenzione ai bambini che sono intervenuti meno. Forse avrei potuto coinvolgerli con domande e chiedendo di fare il punto della situazione. Punti di forza - I bambini si sono divertiti ed erano motivati a lavorare, in quanto il libro parlava di loro. - Ho valorizzato le conoscenze e le esperienze degli alunni. - La mia attività si è integrata con il lavoro della sezione e ha collegato diversi ambiti disciplinari. - I bambini hanno realizzato un prodotto (il libro) che rimane come traccia della riflessione svolta. - Le maestre hanno apprezzato il mio lavoro e l hanno riproposto a un altro gruppo di bambini. 108

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

TANTO,POCO,NIENTE zero. PROGETTO MATEMATICA INS. MARTINIS MARGHERITA A.S. 2007/08 4 ANNI Scuola infanzia COLLODI

TANTO,POCO,NIENTE zero. PROGETTO MATEMATICA INS. MARTINIS MARGHERITA A.S. 2007/08 4 ANNI Scuola infanzia COLLODI TANTO,POCO,NIENTE zero PROGETTO MATEMATICA INS. MARTINIS MARGHERITA A.S. 2007/08 4 ANNI Scuola infanzia COLLODI Favorire strategie personali di pensiero Cominciare ad usare segni per rappresentare quantità

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria»

«Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria» «Chi non conosce le lingue non sa nulla nemmeno della propria» (J. W. Goethe) LILIA ANDREA TERUGGI Leggere e scrivere attraverso il curriculo Trasversalità della lingua nei diversi ambiti disciplinari

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze

Comune di Russi QUESTIONARIO. Per alunni neo-arrivati. Fonte: COSPE Firenze Comune di Cervia Comune di Ravenna Comune di Russi QUESTIONARIO Per alunni neo-arrivati Fonte: COSPE Firenze 1 Ciao! Sei appena arrivato in questa scuola e anche nella nostra città. Sappiamo che per te,

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

LANCIAMO UN DADO PER DECIDERE CHI DEVE INIZIARE IL GIOCO. PARTIRA IL NUMERO PIU ALTO

LANCIAMO UN DADO PER DECIDERE CHI DEVE INIZIARE IL GIOCO. PARTIRA IL NUMERO PIU ALTO IL GIOCO DEL CALCIO I bimbi della sezione 5 anni sono molto appassionati al gioco del calcio. Utilizzo questo interesse per costruire e proporre un gioco con i dadi che assomigli ad una partita di calcio.

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa

Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa Corso di Formazione ATTIVITA INTERDISCIPLINARI con particolare riferimento alla lingua italiana e alla matematica Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa Unità di lavoro del Progetto Bambini maestri

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc.

Dettagli

Questionario Studente

Questionario Studente Codici Scuola Classe Studente Questionario Studente Scuola Secondaria di I grado Classe Terza INVALSI - Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi

Ins. Zanella Classe seconda. Problemi moltiplicativi Ins. Zanella Classe seconda Problemi moltiplicativi FOGLI DI CARTA OGGI IN CLASSE SIAMO IN 23 ALUNNI. LA MAESTRA DA AD OGNI ALUNNO 3 FOGLI. DISEGNA QUESTA SITUAZIONE, IN MODO CHE SI CAPISCA QUANTI FOGLI

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 7 Istruzione In questa unità imparerai: a comprendere testi orali sull istruzione a esprimere accordo e disaccordo parole relative alla scuola e all università a usare il passato prossimo

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

1.300 2.500 10.000 5.000

1.300 2.500 10.000 5.000 ORDINE DEI PREZZI RITAGLIA I CARTELLINI DEI PREZZI E INCOLLALI NEL QUADERNO METTENDO I NUMERI IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. SPIEGA COME HAI FATTO A DECIDERE QUALE NUMERO ANDAVA PRIMA E QUALE

Dettagli

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa Etichetta identificativa TIMSS & PIRLS 2011 Field Test Questionario studenti Classe quarta primaria Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione via Borromini,

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s.

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s. Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s.2009/2010 Componenti del gruppo Mimma Dinoi è insegnante di scuola primaria e

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe Quinta

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe Quinta QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazionedegliapprendimenti AnnoScolastico2012 2013 QUESTIONARIOSTUDENTE ScuolaPrimaria ClasseQuinta Spazioperl etichettaautoadesiva QST05 ISTRUZIONI

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI

ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI ALTRI SUGGERIMENTI PER IL PERCORSO AD OSTACOLI Con l intento di proseguire l osservazione sulle competenze che i bambini posseggono nei confronti della matematica è stata intrapresa una rivisitazione del

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Teoria Linguistica del Bambino

Teoria Linguistica del Bambino Teoria Linguistica del Bambino Luciana Ventriglia insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Scuola e DSA Scuola dell infanzia Scuola primaria Interventi di prevenzione Ansie dei bambini Ho tanta paura

Dettagli

NEWS dal CCR In redazione: Alberto, Alice, Ilaria, Mariarachele, Matteo, Mattia E con la collaborazioene di: Davide, Alessandra

NEWS dal CCR In redazione: Alberto, Alice, Ilaria, Mariarachele, Matteo, Mattia E con la collaborazioene di: Davide, Alessandra NEWS dal CCR In redazione: Alberto, Alice, Ilaria, Mariarachele, Matteo, Mattia E con la collaborazioene di: Davide, Alessandra In QUESTO Numero Il CCR sta per prendere la patente IL FUMO Percorso CITTA'

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name:

TIMSS 2011. Questionario studente. Scuola secondaria di I grado classe terza. School ID: School Name: Identification Etichetta identificativa Label School ID: School Name: TIMSS 2011 Questionario studente Scuola secondaria di I grado classe terza Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani

I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani UDIA: QUANTI SIAMO? I.C.Sassoferrato, scuola dell'infanzia G.Rodari Sez.A4 (orsetti),docente Maria Rita Ascani 1 giornata: Oggi è un giorno speciale, c'è un compleanno da festeggiare,la festeggiata assumerà

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LA CASA DEI NUMERI FESTA DI COMPLEANNO DI CO CO CO. IL COCCODRILLO BUONO IMPARO A CONTARE: 1, 2 E 3 PALLONCINI, 3 CANDELINE.

LA CASA DEI NUMERI FESTA DI COMPLEANNO DI CO CO CO. IL COCCODRILLO BUONO IMPARO A CONTARE: 1, 2 E 3 PALLONCINI, 3 CANDELINE. LA CASA DEI NUMERI FESTA DI COMPLEANNO DI CO CO CO. IL COCCODRILLO BUONO IMPARO A CONTARE: 1, 2 E 3 PALLONCINI, 3 CANDELINE. A CURA DI VINCENZO RICCIO Disegni di Michelangelo Pace Da www.123rf.com copyright

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta

Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta Scuola dell infanzia di Loranzè Insegnante: Elisa Marta Titolo dell attività: OGGI FACCIAMO GLI ATTORI Esperienza di role-play (fase 1) Costruzione di una carta T (fase 2) SINTESI DELL ATTIVITA I bambini

Dettagli

Metodologia della ricerca

Metodologia della ricerca Presupposti teorici lingue in contatto spazio linguistico, nel senso di repertorio condiviso nelle comunità, in conseguenza dell ingresso di immigrati in Italia percezione di una lingua percezione delle

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Inventare problemi di matematica. ins. Carmelo Stornello

Inventare problemi di matematica. ins. Carmelo Stornello Inventare problemi di matematica ins. Carmelo Stornello Scuola: Direzione Didattica Casalegno di Torino Disciplina: matematica Classe: 4 elementare Anno scolastico: 2004/2005 Inventare problemi di matematica

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia.

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. Alunni: Samuele Bagnato; Irene Barilà; Greta Bellantone; Carmelo Calabrò; Gabriele Campo; Concetta Caratozzolo; Graziella Caratozzolo; Rosario Carmelo

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on...

My name is... (Nome) I study at... (Nome della scuola) I m in class... (Classe) I am starting this English Language Biography on... La tua English Language Biography è il documento dove puoi dare prova di ciò che sei in grado di fare in inglese, tenere traccia dei tuoi progressi, mostrare ad altri ciò che hai imparato e riflettere

Dettagli

Per gli alunni delle classi prime.

Per gli alunni delle classi prime. 6. Gli opposti PERCHÉ: PER CHI: QUANDO: DOVE: MATERIALI OCCORRENTI: Per conseguire i seguenti obiettivi: acquisire consapevolezza delle proprie conoscenze; sperimentare categorie e classificazioni; ampliare

Dettagli

Hai trovato interessante conoscere la nostra realtà? No 4 Poco 17 Non so 7 Si 132 Tantissimo 96 Totale 256

Hai trovato interessante conoscere la nostra realtà? No 4 Poco 17 Non so 7 Si 132 Tantissimo 96 Totale 256 Hai trovato interessante conoscere la nostra realtà? No 4 Poco 17 Non so 7 Si 132 Tantissimo 96 Cosa ti ha colpito di quello che faccio? il mio lavoro 64 come siamo organizzati tra bambini il contributo

Dettagli

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag.

ARGOMENTI E PAGINE. Presentazione di Leo pag. 1. La TASTIERA pag. 2. Le LETTERE sulla tastiera pag. 3. I NUMERI sulla tastiera pag. ARGOMENTI E PAGINE Presentazione di Leo pag. 1 La TASTIERA pag. 2 Le LETTERE sulla tastiera pag. 3 I NUMERI sulla tastiera pag. 4 Il TASTIERINO NUMERICO pag. 5 La BARRA SPAZIATRICE pag. 6 I tasti che cancellano

Dettagli