DISPENSA PER IL CORSO DI MARKETING AGROALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPENSA PER IL CORSO DI MARKETING AGROALIMENTARE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA DEI SISTEMI AGRO FORESTALI DISPENSA PER IL CORSO DI MARKETING AGROALIMENTARE Appunti dalle lezioni della Prof.ssa Simona Bacarella

2 Sommario 1. Il MARKETING Introduzione Origine ed evoluzione del concetto e delle attività di marketing nell impresa Definizione di marketing Marketing Agroalimentare PIANO MARKETING MERCATO AL CONSUMO E CONSUMATORE Introduzione Il comportamento del consumatore Fattori culturali Fattori sociali Fattori personali I fattori psicologici Il processo di acquisto I modelli interpretativi dell agire di consumo Misurazione e previsione della domanda La stima della domanda attuale SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Definizione del mercato obiettivo Posizionamento del prodotto MARKETING MIX Premessa Prodotto Prezzo Pubblicità e promozione Distribuzione IL PRODOTTO Concetto definizione e classificazione dei prodotti Classificazione dei beni di consumo Le strategie di prodotto Decisioni relative alla combinazione (o assortimento) di prodotti Decisioni relative al singolo prodotto IL CICLO DELLA VITA DEL PRODOTTO Il concetto Le stategie di marketing Ciclo di vita del prodotto e Portafoglio prodotti Evoluzione del mercato I PREZZI Rilevanza economica e competitiva La determinazione del prezzo Obiettivi della determinazione del prezzo Analisi dei fattori La determinazione del prezzo base (o di listino) Scelta del prezzo definitivo o prezzo finale Politiche di prezzo I

3 9 LA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Le funzioni di commercializzazione Le forme distributive La distribuzione fisica (o logistica di marketing) I canali di distribuzione (o di marketing) PROMOZIONE E PUBBLICITÀ Comunicazione Pubblicità e vendita personale Promozione delle vendite e propaganda II

4 1. Il MARKETING Marketing è un concetto complesso e come tale difficile da definirsi perché flessibile e dinamico. 1.1 Introduzione Mercato: è il luogo economico di incontro fra chi possiede (ed offre) merci e chi richiede (e compra, possedendo il denaro) tali merci. E' dunque il luogo economico di incontro fra l'offerente (il produttore, l'impresa, la produzione, l'offerta) ed il richiedente (il consumatore, il consumo, la domanda). L'incontro fra offerente e richiedente non sempre avviene o comunque non sempre avviene facilmente. Tanto più ampio è il mercato tanto più difficile diventa tale incontro, in special modo quando trattasi di una merce (bene, prodotto) nuova, o comunque di una merce poco o non conosciuta dal richiedente. Il Marketing serve a stimolare e realizzare l'incontro. Marketing: dall'inglese to market (commercializzare, mettere sul mercato). E' l'insieme dei processi (e/o delle funzioni) mediante i quali la domanda di beni e servizi (i bisogni dei consumatori) viene prevista e valutata (con le ricerche), stimolata e soddisfatta con l'ideazione, la distribuzione fisica e lo scambio degli stessi beni e servizi. Il marketing dunque coordina le risorse della produzione e della distribuzione dei beni e servizi, stabilisce ed impone il tipo e le dimensioni dell'impegno totale per vendere con profitto all'utilizzatore finale (il consumatore). Il marketing, in altri termini ancora, consiste nell'elaborare e realizzare una strategia che, agendo sulle variabili che possono modificare la domanda, trasforma l'acquirente potenziale in acquirente effettivo. E pertanto al centro dell'attenzione è l'acquirente potenziale, con i suoi bisogni, le sue preferenze, le sue motivazioni, i suoi comportamenti. In definitiva il marketing consiste nello scoprire che cosa desidera il consumatore (il mercato) e fornirglielo (marketing oriented). Il marketing è la funzione creativa del management (dirigenti che prendono decisioni sulle attività, coordinate nei modi e nei tempi, mirato al conseguimento di determinati obiettivi). L'incontro fra l'impresa (le risorse umane, finanziarie e fisiche organizzate) e le esigenze del mercato (il consumo, i consumatori) avviene sempre in uno scenario ambientale dinamico (ambiente esterno), i cui elementi (fattori esterni) sono: la concorrenza, la tecnologia, la disponibilità di materie prime e di manodopera, l'ambiente finanziario ed economico, la legislazione. 1

5 I consumatori esprimono esigenze derivanti dai bisogni. I bisogni del consumatore generalmente restano costanti, ma cambiano i modi per soddisfarli. Ed ogni consumatore ha un differente modo di soddisfare le proprie esigenze. Comunque sia il consumatore quando deve soddisfare le proprie esigenze, avendo la possibilità di scegliere, decide per il prodotto che, secondo il suo convincimento, offre i maggiori vantaggi al prezzo più interessante (conveniente). Per l'impresa dunque non vale produrre un bene che nessuno compra, né vale produrre al più basso costo se nessuno è disposto a spendere per acquistare quel bene. L'impresa per vendere deve produrre ciò che il consumatore desidera. E' il mercato dunque a dettare all'impresa cosa produrre perché possa essere venduto. 1.2 Origine ed evoluzione del concetto e delle attività di marketing nell impresa Il marketing ha origine in U.S.A nella metà del Un imprenditore 1 (mietitrici meccaniche) individuò chiaramente il ruolo del marketing, come funzione fondamentale dell impresa, e la creazione del cliente e inventò gli strumenti del marketing odierno: ricerca, analisi del mercato, politiche di prezzo, posizionamento nel mercato, organizzazione dei servizi alla clientela, la vendita a rate. Nel 1905, presso l Università della Pennsylvania, si tenne per la prima volta un corso intitolato: Il marketing dei prodotti (diventa così una disciplina accademica). Nel 1910 presso l Università del Wisconsin si tenne il corso: Metodi di marketing. In Europa, nel dopoguerra, sono state le multinazionali ad applicare ed evolvere il concetto di marketing: Unilever, Palmolive, Nestlè, Plasmon ecc.. In Italia successivamente Barilla, Ferrero, Star, Procter&Gamble, Gillette, ecc. In Italia l insegnamento del marketing viene introdotto dalla facoltà di Economia e Commercio, e soprattutto nei corsi di specializzazione post-universitaria (come ad esempio la Scuola di Direzione Aziendale della Bocconi di Milano) durante gli anni Cyrus H. Mc Cormick ( ) 2

6 Nelle Facoltà di Agraria in questi ultimi anni vi sono ricerche e lavori di marketing agroalimentare, ma non vi sono ancora testi specifici. In Europa l evoluzione può essere distinta in tre periodi: 1 periodo ( ), Marketing iniziale. Con rilievo nel periodo postbellico, quando la ricostruzione provoca una forte espansione della domanda, la disponibilità dei prodotti e dei servizi da limitata diventa sufficiente per l espansione dei volumi di vendita, ma vi è scarsità di servizi e di servizi sofisticati aggiuntivi. Nel marketing iniziale si possono osservare due aspetti: il primo considera beni e servizi prodotti come dato di fatto e si occupa dell aspetto distributivo (vendita) [vendere ciò che si produce] [azienda orientata alle vendite]; il secondo considera il consumatore ancora come oggetto dell attività di marketing. 2 periodo ( ), Marketing classico. Il consumatore diventa il soggetto dell attività commerciale, le imprese ruotano attorno al consumatore e non viceversa. Il nuovo concetto sostituisce il principio dell azienda orientata alle vendite, con quello dell azienda orientata al mercato: riuscire a fabbricare ciò che si può vendere e non ciò che si produce. Diventa elemento centrale: l analisi del consumatore. Si diffonde ampiamente il sistema di meccanizzazione e di automazione. Si sviluppa il concetto di marketing sociale, in un periodo di differenziamento ambientale, di crescita della popolazione e di servizi sociali degradati. Il cliente diventa il centro dell attività aziendale. La disponibilità di prodotti diventa da sufficiente ad abbondante e si perfeziona l organizzazione dei servizi. 3 periodo (1975 ad oggi), Marketing concorrenziale. II sistema agroalimentare, qualunque possa essere l'ambito territoriale di riferimento, è soggetto, determinato e modulato dagli effetti di grandi fenomeni, che solo apparentemente possono essere interpretati agenti in modo autonomo, mentre nella realtà sono strettamente 3

7 interconnessi ed intercorrelati sia negli aspetti territoriali, che in quelli sociali, ed ancora, in quelli politici. Limitando il richiamo alla sola denominazione, tali grandi fenomeni possono così indicarsi: politiche internazionali che hanno liberalizzato i commerci globalizzando così i mercati (Uruguay Round ed oggi Millennium Round); ampliamento ulteriore della Unione Europea: con l'adesione dei paesi dell'europa centro orientale (PECO) e con la realizzazione dell'area di libero scambio entro il 2010 con i paesi terzi mediterranei (PTM); riforma della PAC e dei fondi strutturali; intensificazione del progresso tecnologico e principalmente biotecnologico, nell'ambito del quale una forte spinta deriva dall'ingegneria genetica; internazionalizzazione dell'industria alimentare; internazionalizzazione della moderna distribuzione agroalimentare e sotto certi versi della ristorazione alimentare; emergenza della questione ambientale per effetto dei grandi cambiamenti climatici e dell'uso urbano, industriale, agricolo del territorio; modificazioni strutturali ed economico-sociali delle popolazioni, sia nei paesi industrializzati che in quelli poveri ed in via di sviluppo, per effetto anche delle conseguenti massicce correnti migratorie; evoluzione della domanda alimentare, conseguente ai nuovi comportamenti dei consumatori nei paesi industrializzati ed ai bisogni di una popolazione in forte crescita nei paesi poveri ed in via di sviluppo. I fenomeni indicati sollecitano la globalizzazione delle economie e dei mercati evolvendosi in un crescente intreccio di legami ed interdipendenze tra imprese, tra territori, tra paesi ed imponendo alle istituzioni, ai sistemi produttivi, alle imprese sempre nuove strategie e continui riposizionamenti, al fine di adeguatamente fronteggiare la progressiva crescita della competitività dei mercati. Un altro aspetto da evidenziare riguarda la società civile, economica e sociale nel suo assetto ormai post-industriale (old economy) e fortemente pervaso dalla new economy, che inaspettatamente, ma con forte valenza di razionalità, è fortemente interessata all'agricoltura avendo i suoi soggetti i seguenti interessi: 4

8 - il consumatore, per un'agricoltura e per un sistema agroalimentare impegnati nella produzione di alimenti salutistici e di qualità; - il cittadino, per una agricoltura impegnata a difendere, tutelare e valorizzare il territorio e l'ambiente; - il contribuente, per una agricoltura e per un sistema agroalimentare impegnati a produrre reddito e ricchezza economica; - il lavoratore, per una agricoltura e per un sistema agroalimentare impegnati nel mantenimento, nella crescita, nella evoluzione professionale della occupazione. Gli interessi della società moderna per l'agricoltura sono pertanto diffusi ed intercorrelati, poiché essa è chiamata a svolgere ormai ruoli complessi, che così si possono indicare: - produrre alimenti sani e con tecniche eticamente accettabili; - tutelare e valorizzare l'ambiente ed il territorio per l'attuale popolazione e per le future generazioni; - conservare e difendere la biodiversità quale patrimonio dell'umanità; - fornire beni e servizi di ordine collettivo; - integrarsi con l'industria agroalimentare e la distribuzione alimentare. In questo contesto l'agricoltura oltre a continuare la sua funzione produttivistica, con valenza specifica e irrinunciabile alla qualità ed alla salubrità dei prodotti e dei fattori della produzione, ha assunto il ruolo della multifunzionalità, provocando così effetti indotti su altre attività produttive (turismo, agriturismo, turismo rurale, artigianato, beni culturali, ecc.) o effetti esterni alla produzione (valorizzazione e tutela ambientale e paesaggistica, riduzione del degrado delle risorse naturali, mantenimento degli insediamenti rurali, ecc.). In definitiva l'agricoltura ha così assunto ruoli, strutture, organizzazione multifunzionali ed approcci multisettoriali ed integrati nella economia e nei sistemi territoriali: distretti rurali, distretti agroalimentari di qualità. Gli aspetti qui evidenziati hanno indotto e continuamente inducono i paesi avanzati, europei ed extraeuropei, a reagire alla sfida della competitività nei mercati agroalimentari ed alle crescenti richieste dei cittadini (come peraltro sta avvenendo nel tempo che stiamo vivendo in ambito Unione Europea e Millenium Round) di salvaguardia e di tutela della salute umana e dell'ambiente nel mondo globalizzato, con politiche mirate alla promozione di attività a maggior valore aggiunto, al miglioramento qualitativo dei prodotti e dei processi, alla diversificazione 5

9 delle attività produttive, in modo tale che la competizione si sposti dal rapporto prezzo-quantità, al rapporto prezzo-qualità. Pur senza entrare nel merito dei documenti programmatori, delle riforme e dei regolamenti prodotti dalla Unione Europea, con la politica di mercato, con la politica strutturale, con la politica sullo sviluppo rurale, con la politica ambientale, ed adottati ed applicati dai paesi membri e dalle regioni anche nei Piani di sviluppo e nei Programmi Operativi Regionali, le linee di politica agraria mirano alla diminuzione dei sostegni di mercato ai prodotti agricoli, alla eliminazione delle barriere alla concorrenza, alla affermazione della impresa o più complessivamente del sistema produttivo territoriale marketing oriented. Nel periodo che stiamo vivendo cresce smisuratamente la concorrenza (globalizzazione, Wto, UE, area di libero scambio euromediterranea), per cui si hanno crisi economiche, rapidi mutamenti dei mercati (prodotti fortemente in declino), disoccupazione, aumento della produttività aziendale dovuta a spinta tecnologica. Si rafforza ulteriormente il ruolo del consumatore, si afferma il principio della qualità totale. Nel passato la qualità costituiva strumento di successo per l'impresa, oggi è condizione essenziale anche nel sistema agroalimentare. Il concetto di qualità, può essere considerato sotto diversi aspetti: per l'impresa è l'assenza di difetti e la rispondenza a norme e procedure di verifica (Qualità totale); per il consumatore è la soddisfazione dei bisogni e delle attese (Qualità percepita); per la società sono i valori condivisi sul prodotto e sul processo produttivo (Qualità integrale); per le imprese concorrenti è il confronto con il prodotto delle e con le imprese rivali (Qualità differenziale); per il prodotto è il possesso di determinate caratteristiche (Qualità tecnologica). Definizione univoca accettata a livello internazionale (Norma UNI EN 28402): la qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite. Con riguardo alla qualità dei prodotti agroalimentari, oggi il consumatore ed il mercato considerano tra le: 6

10 - esigenze implicite (sicurezza e salubrità), la sanità (assenza di sostanze nocive) e la genuinità (mantenimento delle caratteristiche fìsicochimiche, organolettiche, nutrizionali); - esigenze espresse (soddisfazione e servizio), la qualità biologica (caratteristiche nutrizionali, organolettiche, edonistiche), la qualità di servizio (conservabilità, comodità d'uso, diffusione), la qualità di sviluppo (differenziazione, innovazione, standardizzazione). qualità? Ci si può chiedere, nei tempi in cui viviamo se il prodotto tipico è anche un prodotto di Se prodotto tipico è la risultanza di una concomitanza di fattori legati al contesto socioculturale ed ambientale dell area geografica di origine che conferiscono al prodotto caratteristiche di specificità elevata e diversificanti rispetto alle produzioni industriali ed a produzioni locali similari. Tipicità: è concetto relativo e complesso, con valori immateriali, legati alla memoria ed agli odori, e con valori materiali, fattori che marcano la diversità, dimostrabili. Le nuove tecnologie, derivanti dalla acquisizione di igienicità, attenuano la tipicità perché determinano cambiamenti che portano il prodotto ad ottenere la variabilità delle componenti fino all'appiattimento ed alla perdita della tipicità. Ne deriva che non tutti i prodotti locali sono tipici e che un prodotto è tanto più tipico quanto più conserva inalterati i caratteri originari. La tipicità da sola dunque non garantisce la qualità. Il concetto di prodotto tipico, come in precedenza espresso, però contiene gli aspetti fondamentali della qualità, seppur una qualità specifica e diversa, percepiti (impliciti) e richiesti (espressi) dal consumatore, che proprio per questo è disposto a pagare un plus rispetto al prodotto di massa convenzionale o industriale. Il prodotto tipico è dunque un prodotto di qualità in quanto soddisfa le "esigenze espresse o implicite" del consumatore in fatto di aspetti edonistici, salutistici, dietetici, sanitari, ecologici. La domanda alimentare differenziata e di qualità del consumatore ha sollecitato nel tempo, orientativamente negli ultimi venti anni, e per alcuni aspetti fin dagli anni '50, normative adeguate sul sistema qualità alle istituzioni pubbliche internazionali europee e nazionali. 7

11 qualità. Il mercato infatti richiede nei prodotti non solo qualità, ma anche l'assicurazione della Sistema Qualità Aziendale: viene certificato da organismi terzi (Organismi di certificazione) sulla base di norme universalmente accettate ed elaborate da organismi internazionale, europeo e nazionale. Norme sul Sistema Qualità Aziendale Organismo Internazionali: Norme ISO serie 9000 ISO (Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione) Europee: Norme EN ISO serie 9000 CEN (Comitato Europeo di Normazione) Italiane: Norme UNI EN ISO serie 9000 UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) Per le aziende agroalimentari le norme in Italia sono quelle indicate nella serie UNI EN ISO 9001/9002/9003; l'ente di certificazione è il CSQA (Certificazione di Sistemi di Qualità delle Aziende Agroalimentari) che opera a mezzo di enti accreditati. Le norme del Sistema Qualità Aziendale sono continuamente aggiornate. La certificazione è un atto privatistico e volontario da parte delle imprese, ma rappresenta un fattore strategico per l'effetto immagine dell'impresa sul mercato e per la facilitazione degli scambi commerciali a livello europeo ed internazionale. Nel contesto economico moderno, evoluto dei paesi ricchi del mondo industrializzato si ha: alta concorrenza, efficienza e qualità dei prodotti, ricerca di eccellenza, programmazione strategica nel perseguire la soddisfazione del consumatore, forte sviluppo dei servizi per creare competitività con la concorrenza. La disponibilità dei prodotti e servizi in questo contesto diventa da abbondante ad eccedente: per cui si ha saturazione del mercato (paniere alimentare saturo) ed ampio sviluppo dei servizi (vedi telefonini, e-commerce, ecc.). 1.3 Definizione di marketing Le più significative definizioni: Il marketing è un processo sociale mediante il quale una persona o un gruppo di persone ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando e scambiando prodotti e valori con altri (Ph. Kotler). Il marketing rappresenta la funzione di mercato e di interscambio tra l azienda ed il mercato (J. Santori, R. Varaldo). 8

12 Il marketing è l intera impresa osservata dal punto di vista del suo risultato finale, cioè dal punto di vista della clientela (P. Drucker). Il marketing consiste nel mettere a disposizione dei consumatori i prodotti giusti, nel luogo e nel momento giusti, al giusto prezzo e con un adeguato supporto pubblicitario e promozionale (C. A. Molzer). Dunque il marketing può essere considerato: qualsiasi attività osservata con ottica strategica per la soddisfazione dei bisogni, dei desideri, per effettuare scambi e transazioni, attraverso l analisi particolareggiata del mercato e di ciò che ci sta di fronte. Domanda di prodotti e servizi Bisogni e desideri del consumatore Valore e soddisfazione Mercati e imprese Nell ambito aziendale fare marketing significa far coincidere gli obiettivi aziendali con i bisogni dei consumatori per realizzare da parte di entrambi il massimo risultato e soddisfazione. Marketing vuol dire comunque e soprattutto comunicare ed interagire con gli altri, ancor prima di agire e sviluppare azioni, se pur concertate, in azienda e nel mercato. Ogni definizione, seppur con terminologia diversa riconduce ai concetti fondamentali: Bisogno domanda, che comporta l analisi della domanda e la comprensione dei bisogni dei consumatori. Prodotto, che significa fare un prodotto che soddisfi quella domanda, compresi tutti i servizi aggiunti: prodotto confezionato; pubblicizzato; promosso (promozione). Soddisfazione del consumatore per appagare il suo bisogno. Scambio, ogni prodotto immesso sul mercato ha un valore di scambio (prezzo). Il prezzo che il consumatore è disposto a pagare per soddisfare il suo bisogno. Mercato, sono i concorrenti (competitors) con le loro strategie, le loro quote di mercato (per prodotti e beni che soddisfano le stesse funzioni d uso: es. pasta come primo piatto, olio d oliva per condimento, dadi per brodo per insaporire), le loro forze e debolezze; sono altresì le altre forze in gioco: istituzioni, leggi, ambientalisti, gruppi di opinione, ecc. Azienda. Struttura organizzata (impresa artigianale, negozio, grande industria, ecc.). L azienda è un sistema aperto che riceve input, elabora e fa uscire output. 9

13 Questi elementi interagendo fra loro formano il marketing. Dunque: fare marketing significa studiare i bisogni della domanda (del consumatore), nel mercato di riferimento, in modo da realizzare prodotti soddisfacenti per il consumatore e profittevoli per l azienda. In questo caso si ha: Azienda marketing oriented (Azienda orientata al marketing). Vi sono ad operare nel processo produttivo e nel mercato altri tipi di orientamento, che rappresentano diverse fasi evolutive fino ad arrivare all azienda (impresa) marketing oriented. - Azienda orientata al prodotto: la funzione produttiva è prevalente (cosa, come, quando, quanto produrre); alla funzione commerciale non resta che vendere ciò che è disponibile in magazzino (raccolta degli ordini e rapporti con clienti). Si vende ciò che si produce. Questo tipo di orientamento può essere giustificato solo in un mercato monopolistico, dove mancando la concorrenza è possibile trascurare i bisogni della domanda. - Azienda orientata alle vendite: obiettivo primario dell impresa è la vendita delle quantità prefissate per la realizzazione del profitto. Si produce ciò che si può vendere. Si riscontra nelle piccole e medie imprese a conduzione familiare (es. panificio) dove il profitto è il principale obiettivo e l incremento delle vendite è lo strumento più idoneo per raggiungere il risultato tangibile. Si riscontra nelle grandi aziende nei momenti di crisi; lo strumento utilizzato è il prezzo (sconti prezzo, sconti quantità, tecniche 3x2, ecc.) Questa politica però dura poco perché porta inevitabilmente al fenomeno dell overstocking (scorte di magazzino superiori al fisiologico) del cliente, il cui smaltimento richiede campagne pubblicitarie e promozionali sul consumatore. - Azienda orientata al mercato: concentra i suoi sforzi sull adeguamento della produzione alla evoluzione del mercato, è dunque ispirata a criteri di massima flessibilità. È vicina al concetto di marketing, la differenza consiste nel fatto che l azienda e le sue strutture produttive vengono considerate poco, nel senso che: si produce ciò che si è già venduto con le prenotazioni (con la raccolta degli ordini di acquisto). La struttura commerciale è al centro dell impresa, perché fornisce input alla produzione e costringe la struttura organizzativa ad 10

14 adeguarsi al mutare delle richieste del mercato. Si verifica nel tessile, in pelletteria, nell arredamento della casa (mobilio), dove è prevalente la moda. Benetton è il caso classico: fa la produzione dopo la raccolta degli ordini (dopo avere destagionalizzato l idea produttiva, presenta il campionario e raccoglie gli ordini) ed affida, con il decentramento produttivo, ad imprese terze la produzione (così ha raggiunto la massima flessibilità produttiva). - Azienda marketing oriented: produce un prodotto soddisfacente per il mercato (consumatore), profittevole per l azienda e coerente con i mezzi, le strutture e l organizzazione dell impresa in un ottica di lungo periodo. L azienda marketing oriented ha una visione d insieme dell impresa e del mercato: produttività e profittabilità dei prodotti, tendenze future (opera nel lungo periodo), cura del presente con iniziative che portino ad aumentare le vendite e quindi gli introiti commerciali. Riassumendo L azienda marketing oriented si differenzia dalle aziende orientate al prodotto, alle vendite, al mercato per attitudine gestionale, in quanto ha una visione globale e a lungo termine di tutto il business aziendale (non solo come affare, ma come area di interesse in termini di soddisfazione delle esigenze del mercato e di profittabilità dell impresa). L azienda marketing oriented migliora gli aspetti produttivi per meglio soddisfare le esigenze del mercato e per aumentare le vendite compatibilmente con i vincoli strutturali dell azienda stessa. 11

15 1.4 Marketing Agroalimentare L evoluzione concettuale ed operativa del marketing è dovuta alla attività delle imprese multinazionali nel settore dei beni di largo consumo e nel settore dei beni strumentali (in Italia ad es. Unilever, Palmolive, Nestlè, Plasmon, IBM, ecc.); dagli anni settanta in poi, il marketing è stato applicato anche da imprese italiane operanti specificamente nel settore dell industria alimentare (ad es. Barilla, Ferrero, Star, ecc.) ed in anni più recenti da imprese agro-alimentari a medio e medio-grande dimensione operanti nei comparti delle carni lavorate, caseario, enologico, ecc. Il marketing agroalimentare, occupandosi di prodotti cosiddetti di massa o di largo consumo, deve tenere conto della realtà poliedrica del settore agroalimentare e quindi di tutte le possibili interdipendenze collegate al settore stesso: l agricoltura che produce, l industria che trasforma, la distribuzione commerciale ed il consumo. Inoltre, se Marketing significa collocare sul mercato, il marketing agroalimentare rappresenta: l insieme delle operazioni che consentono ad una azienda agroalimentare di collocare il suo prodotto sul mercato raggiungendo gli obiettivi prestabiliti ed avvalendosi di tutti i mezzi a sua disposizione (Foglio, 1997), quali: ricerca di marketing, segmentazione di mercato, posizionamento del prodotto, marketing mix, strategie e politiche di prodotto, prezzo, distribuzione, vendita, comunicazione e promozione. Il marketing agroalimentare deve tenere conto di tutto quello che l individuo consuma in funzione delle sue molteplici esigenze. Esso è dunque, studio, iniziativa, reazione agli stimoli esterni, commercializzazione del giusto prodotto, nel giusto segmento di mercato, al giusto momento e con redditività. La sua finalità è,quindi, quella di aiutare l azienda agroalimentare a muoversi nel mercato agroalimentare in modo da operare, produrre e vendere rispondendo alle richieste del mercato ed alle specifiche esigenze dei consumatori. Per quanto riguarda il mercato agroalimentare, tenuto conto delle interdipendenze fra gli elementi che lo compongono, si possono focalizzare tre momenti di intervento di marketing, e sono: produzione: serve per ottimizzare l uso dei fattori produttivi in modo da migliorarne la redditività e rendere più efficace il suo collegamento con la distribuzione ed il consumo; mercato: serve ad ottimizzare la distribuzione dei prodotti ed il raggiungimento dei consumatori; consumo: serve per indirizzare i consumatori a soddisfare i loro bisogni nel rispetto del giusto prodotto e del giusto prezzo. In effetti, l approccio, proposto da Foglio, è coincidente con quello del marketing management (ricerca di marketing, segmentazione del mercato, posizionamento del prodotto, marketing mix, ); da questo punto di vista, il marketing agroalimentare assume una funzione di tipo informativo (conoscere), prima, e di tipo operativo dopo (agire); tutte le azioni di 12

16 marketing sono conseguenza delle informazioni raccolte su mercato, prodotto, consumatore, concorrenza, distribuzione, ecc. In quest ottica, dunque, il marketing è conoscere per agire. Un altra funzione è legata alla valutazione obiettiva dei rischi connessi alle scelte effettuate, la riduzione degli stessi e l orientamento verso la scelta più efficace; per cui, la ragione d essere del marketing è la continua ricerca dell adeguamento dell azienda al mercato tenendo conto delle priorità della domanda rispetto all offerta aziendale. Di fronte ad uno scenario di mercato sempre più complesso ed in continua evoluzione, l importanza del marketing agroalimentare e delle sue funzioni è essenzialmente quella di gestire il cambiamento senza doverlo subire. Infatti, il marketing individua e realizza una serie di funzioni che si possono definire come: analisi e ricerca: tramite la ricerca e la segmentazione di mercato si individuano dati e informazioni relative al mercato, ai segmenti di mercato, al consumatore, alla concorrenza, al giusto prodotto, al giusto prezzo, alla domanda e all offerta, alla possibilità di comunicazione e di promozione, ecc.; animazione e promozione: uso del marketing mix e delle relative 4P per creare e stimolare la domanda; pianificazione: sviluppo del marketing in un contesto di pianificazione che tiene conto del piano globale aziendale oltre che di quello specifico di marketing; organizzazione: il marketing contribuisce ad organizzare e ad armonizzare tutti gli interventi dell azienda; controllo: verifica per eventuali spostamenti dagli obiettivi pianificati ed eventuali aggiustamenti. La ragion d essere del marketing agroalimentare è quella di soddisfare il consumatore, quindi con le sue funzioni il marketing è in grado di rispondere all evoluzione de gusti e delle richieste del consumatore. Il marketing tuttavia nel sistema agroalimentare, caratterizzato dalla prevalente presenza di imprese di piccola, medio-piccola e media dimensione economica e strutturale nei settori che lo compongono (agricoltura, industria di trasformazione, distribuzione) stenta ad essere funzione creativa del management d impresa, anche se l adozione di strategie di marketing è divenuta ormai essenziale sia nel caso di distribuzione di prodotti agro-alimentari di largo consumo o di massa (con domanda a basso grado di elasticità: derivati dei cereali, carni fresche, ecc.), sia nel caso della distribuzione di prodotti agroalimentari di qualità, tipici, a denominazione di origine (con domanda ad elevato grado di elasticità: formaggi, vini, olio, frutta, ecc.). 13

17 Le ragioni che limitano l adozione del marketing anche nella piccola e media impresa operante nel sistema agroalimentare, oltre che nella dimensione economica (ma non sempre), sono da ricercare nella struttura tipologica del prodotto (riguardo alla selezione, alla qualità, alla certificazione, al confezionamento, ecc.), nella organizzazione delle imprese (il modello più diffuso è stato quello della organizzazione associativa delle imprese nei diversi stadi della filiera, sia in orizzontale che in verticale, la quale spesso pur realizzando una dimensione economica più o meno di rilievo, non è stata in grado di accompagnare l evoluzione della dimensione economica con l evoluzione delle strategie d impresa richieste dal mercato, moderno ed ampio), nella cultura professionale del management d impresa (spesso inadeguata a comprendere il passaggio dalla struttura produttiva ed organizzativa product-oriented a quella marketing-oriented), ed infine nelle istituzioni pubbliche sia amministrative che formative e scientifiche (spesso non adeguatamente operanti nel dare supporto alla necessaria evoluzione culturale, tecnologica, organizzativa delle imprese, in modo particolare nelle aree svantaggiate e/o meno sviluppate: in Italia quelle del meridione). La complessità e l ampiezza del mercato, conseguenti alle politiche sul commercio internazionale, alla stessa internazionalizzazione delle imprese, alla evoluzione tecnologica e biotecnologica, alla evoluzione economica e demografica, alle continue mutazioni nel comportamento del consumatore, alla sempre più spinta segmentazione della domanda alimentare, richiedono ormai l adozione da parte delle imprese operanti nel sistema agroalimentare di politiche, di strategie, di operatività di marketing. Finora il marketing è stato adottato da imprese dell industria agroalimentare e della grande distribuzione aventi dimensioni economiche di un certo rilievo, più raramente ha coinvolto l impresa agricola o comunque e più in generale la piccola e media impresa. La situazione esistente oggi in Italia si può definire caratterizzata da dualismo in quanto, in tutte le filiere di prodotto che compongono il sistema agroalimentare, si riscontra insieme una elevata presenza di imprese definibili product-oriented (il cui processo d impresa è basato dapprima sulla realizzazione del prodotto e solo successivamente sulla sua vendita) ed un numero piuttosto modesto di imprese marketing-oriented (il cui processo d impresa è basato dapprima sui desideri, sui bisogni, sulle preferenze del consumatore e successivamente sul modo di soddisfare tali esigenze realizzando, logicamente, risultati economici: l impresa per vendere deve produrre ciò che il consumatore desidera). Azienda agroalimentare marketing-oriented: è un azienda che nell attuazione della sua strategia aziendale privilegia le richieste del mercato e del consumatore; ossia produce ciò che può vendere sul mercato. Tuttavia, alcuni autori (Ritson, 1997) affermano che il marketing agricolo non può essere considerato come un applicazione del marketing management ai 14

18 prodotti agricoli, ma esso rappresenta una branca dell economia agraria che abbraccia tutte quelle tematiche riguardanti il mercato dei prodotti agricoli, l andamento dei prezzi, il sistema distributivo, ecc. La particolarità dell agro-alimentare risiede nel fatto che in questo contesto prodotto, imprese e territorio sono fra loro interdipendenti; da qui la necessità di affrontare il marketing agro-alimentare secondo un approccio multidimensionale. Infatti, le analisi di marketing nel caso del sistema agroalimentare diventa il sistema stesso. Il SAA (Ghersi, Bencharif, 1995) è l insieme degli agenti in interazione dinamica che intervengono nella produzione e nel trasferimento dei prodotti alimentari al fine di assicurare l alimentazione di una determinata popolazione; includendo in questa definizione tutte le attività a monte e a valle del processo produttivo agricolo, oltre che le istituzioni, le leggi e l ambiente socio-culturale. E la peculiarità stessa del SAA a sollecitare la ricerca di un modello di marketing rispondente alle caratteristiche del Sistema. Tuttavia, è molto difficile analizzare il SAA nel suo insieme, si preferisce quindi analizzarne una parte di esso caratterizzato da una serie di fattori comuni (prodotto, obiettivi, fasi economiche, istituzioni, leggi, ambiente socio-culturale, ) nel passaggio dalla produzione al consumo finale. II sistema agroalimentare, qualunque possa essere l'ambito territoriale di riferimento, è soggetto, determinato e modulato dagli effetti di grandi fenomeni, che solo apparentemente possono essere interpretati agenti in modo autonomo, mentre nella realtà sono strettamente interconnessi ed intercorrelati sia negli aspetti territoriali, che in quelli sociali, ed ancora, in quelli politici. I fenomeni indicati sollecitano la globalizzazione delle economie e dei mercati evolvendosi in un crescente intreccio di legami ed interdipendenze tra imprese, tra territori, tra paesi ed imponendo alle istituzioni, ai sistemi produttivi, alle imprese sempre nuove strategie e continui riposizionamenti, al fine di adeguatamente fronteggiare la progressiva crescita della competitività dei mercati. Un altro aspetto da evidenziare riguarda la società civile, economica e sociale nel suo assetto ormai post-industriale (old economy) e fortemente pervaso dalla new economy, che inaspettatamente, ma con forte valenza di razionalità, è fortemente interessata all'agricoltura avendo i suoi soggetti i seguenti interessi: - il consumatore, per un'agricoltura e per un sistema agroalimentare impegnati nella produzione di alimenti salutistici e di qualità; - il cittadino, per una agricoltura impegnata a difendere, tutelare e valorizzare il territorio e l'ambiente; 15

19 - il contribuente, per una agricoltura e per un sistema agroalimentare impegnati a produrre reddito e ricchezza economica; - il lavoratore, per una agricoltura e per un sistema agroalimentare impegnati nel mantenimento, nella crescita, nella evoluzione professionale della occupazione. Gli interessi della società moderna per l agricoltura sono pertanto diffusi ed intercorrelati, poiché essa è chiamata a svolgere ormai ruoli complessi, che così si possono indicare: - produrre alimenti sani e con tecniche eticamente accettabili; - tutelare e valorizzare l'ambiente ed il territorio per l'attuale popolazione e per le future generazioni; - conservare e difendere la biodiversità quale patrimonio dell'umanità; - fornire beni e servizi di ordine collettivo; - integrarsi con l'industria agroalimentare e la distribuzione alimentare. In questo contesto l agricoltura oltre a continuare la sua funzione produttivistica, con valenza specifica e irrinunciabile alla qualità ed alla salubrità dei prodotti e dei fattori della produzione, ha assunto il ruolo della multifunzionalità, provocando così effetti indotti su altre attività produttive (turismo, agriturismo, turismo rurale, artigianato, beni culturali, ecc.) o effetti esterni alla produzione (valorizzazione e tutela ambientale e paesaggistica, riduzione del degrado delle risorse naturali, mantenimento degli insediamenti rurali, ecc.). In definitiva l'agricoltura ha così assunto ruoli, strutture, organizzazione multifunzionali ed approcci multisettoriali ed integrati nella economia e nei sistemi territoriali: distretti rurali, distretti agroalimentari di qualità. Gli aspetti qui evidenziati hanno indotto e continuamente inducono i paesi avanzati, europei ed extraeuropei, a reagire alla sfida della competitività nei mercati agroalimentari ed alle crescenti richieste dei cittadini (come peraltro sta avvenendo nel tempo che stiamo vivendo in ambito Unione Europea e Millenium Round) di salvaguardia e di tutela della salute umana e dell'ambiente nel mondo globalizzato, con politiche mirate alla promozione di attività a maggior valore aggiunto, al miglioramento qualitativo dei prodotti e dei processi, alla diversificazione delle attività produttive, in modo tale che la competizione si sposti dal rapporto prezzo-quantità, al rapporto prezzo-qualità. Tutto ciò non significa, però, che per le imprese agro-alimentari di dimensione piccola o medio-piccola non si possa pianificare un intervento di marketing; allora, il piano marketing per le imprese agricole o alimentari (piccole o medio-piccole) sarà preparato in maniera più semplice rispetto a quello delle grandi imprese industriali. Molte informazioni verranno raccolte dall impresa nell ambito ed in relazione ai rapporti che questa ha con tutti gli attori 16

20 partecipanti (direttamente e/o indirettamente) al processo produttivo. Lo sforzo di pianificazione, in questo caso sarà maggiore e andrà valutata la sua fattibilità. Dato che, l offerta del sistema agroalimentare è quella di un bene complesso che comprende: prodotto, marca, territorio, ambiente, alimentazione, sicurezza, ecc.; gli strumenti utilizzati nel marketing agroalimentare, che coinvolge l intero sistema agroalimentare, sono quelli che vogliono rispondere al meglio alle nuove esigenze dei consumatori (che si presentano più esigenti, critici, selettivi; mirano ad affermare la propria personalità e prestano sempre maggiore attenzione alla qualità, alla genuinità, alla sanità, alla freschezza dei prodotti, ed infine alla varietà e diversificazione dei tempi, modi, luoghi e beni di consumo) e richiedono una gestione efficace del sistema stesso (gestione che garantisca ed assicuri fra le altre cose anche e soprattutto la qualità del prodotto, la quale in passato costituiva uno strumento di successo per l impresa, mentre oggi è anche diventata condizione essenziale anche nel sistema agroalimentare). Quindi, per la differenziazione dei prodotti (da cui si trae il vantaggio competitivo) si ricorre all uso dei marchi, delle denominazioni d origine ( IGP, DOP, STG, IGT, DOC, ecc.), alla certificazione di metodi di produzione rispettosi dell ambiente e/o delle caratteristiche del prodotto (es. biologico), ecc. Il Marketing agro-alimentare è, in definitiva, volto a creare e gestire il valore del prodotto per il cliente all interno del sistema agroalimentare, cosicché tutti i soggetti coinvolti possano essere soddisfatti fino al punto in cui il soggetto strategico del marketing diventa il sistema stesso. In questo contesto la risoluzione delle problematiche conseguenti all adozione del marketing nel sistema agroalimentare richiede impegno strutturale ed organizzativo non solo all impresa in quanto soggetto operante nel mercato, ma anche al complesso istituzionale pubblico e politico, poiché dal grado di presenza e di efficienza concorrenziale delle imprese sul mercato dipende in definitiva il tasso di sviluppo del sistema economico di un area o di un paese. 17

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione

I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione I Principi di Marketing Management Filosofia e Funzione 1 Che cosa si intende con il termine? Una lettura attraverso i grandi cambiamenti sociali, economici e i cambiamenti, last but not least, tecnologici

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE Il secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione è costituito dai percorsi quinquennali dell istruzione secondaria superiore (licei, istituti

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE (1999)

M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE (1999) (1999) CORSO DI NUOVO ORDINAMENTO Per il nostro Paese il turismo è una delle attività più importanti dal punto di vista economico. Con il passare del tempo e con le profonde modificazioni sociali, culturali

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI A LLEGATO B ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI ALLEGATO B1 Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano LA TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI: UN ANALISI DELLE IMPLICAZIONI ECONOMICHE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E PER I CONSUMATORI Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere Dipartimento di Economia

Dettagli

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci n.1 - Anno 2014 APRILE/GIUGNO n.1 aprile/giugno 2014 1 marzo maggio maggio SFC Strategia Finanza e Controllo Edizione a cura di: ASFIM, CREA VALORE ALL IMPRESA Associazione degli Specialisti in Finanza

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

Flavio Boccia. Internazionalizzazione, multinazionali e settore agroalimentare

Flavio Boccia. Internazionalizzazione, multinazionali e settore agroalimentare A13 352 Flavio Boccia Internazionalizzazione, multinazionali e settore agroalimentare Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Come sviluppare un marketing plan

Come sviluppare un marketing plan Come sviluppare un marketing plan Fasi del marketing plan 1. analisi della situazione; 2. definizione degli obiettivi; 3. individuazione del target; 4. sviluppo strategia di posizionamento 5. definizione

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare

Le norme ISO 9000 e l agroalimentare Le norme ISO 9000 e l agroalimentare a cura del CENTRO ITALIANO SERVIZI DALLA TERRA ALLA TAVOLA, Parma Come deve agire un azienda per soddisfare i propri clienti? Sicuramente deve evitare di disattendere

Dettagli

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE

TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Università di Roma Sapienza 1 2 LE FASI DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO TURISTICO FASE DIAVVIO FASE DILANCIO FASE DISVILUPPO FASE DIMATURITÀ FASE DIDECLINO INTRODUZIONE 3 FASE DI AVVIO Inquestafase,icostichelastrutturahasubitosonoelevati;

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli