Il marketing per le piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il marketing per le piccole e medie imprese"

Transcript

1 Il marketing per le piccole e medie imprese Francesco Mongiello Il marketing Il marketing è un complesso di tecniche di gestione aziendale che, in funzione delle possibilità dell impresa e delle esigenze dei suoi mercati obiettivo, portano ad essa profitti attraverso il soddisfacimento del consumatore (A.Di Meo) commercializzazione

2 Il marketing Il marketing nasce come strumento operativo per quelle attività commerciali caratterizzate da uno spiccato orientamento al mercato: ciò significa considerare non il prodotto, ma il consumatore come fulcro del mercato, e quindi produrre ciò che si vende, anziché vendere ciò che si produce Mette al centro dell intero sistema aziendale i bisogni e desideri del consumatore Il marketing E qualcosa di estremamente eterogeneo, e difficile da definire, anche per la sua natura composita: in esso infatti vi è una componente scientifica, basata sulla ricerca, sull analisi e su un impianto teorico ma anche una componente molto pratica, che consiste nel predisporre e attivare i mezzi migliori per il raggiungimento degli obiettivi aziendali È opportuno considerarlo piuttosto che come un concetto, un ideologia, una scienza, ecc. come un metodo di lavoro, caratterizzato da un orientamento e da alcuni principi guida

3 Marketing: il metodo di lavoro Come metodo, il marketing si articola in quattro fasi fondamentali: 1) La ricerca; 2) La definizione di obiettivi; 3) Definizione e attuazione di una strategia; 4) La verifica dei risultati ottenuti RICERCA OBIETTIVI STRATEGIA CONTROLLO Marketing: il metodo di lavoro In poche parole: ANALISI PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE CONTROLLO

4 Marketing: il metodo di lavoro Analisi del mercato Definizione della strategia Costruzione dell offerta Pianificazione delle attività Sviluppo della relazione con i clienti Marketing: la ricerca Elemento imprescindibile: non c è marketing senza ricerca Il mercato si evolve continuamente, non si può mai dare niente per scontato: quali sono i plus dei concorrenti? come viene percepita l offerta? come funziona il sistema di distribuzione? quali sono i tempi del mercato? cosa desiderano i clienti e i potenziali consumatori? Per costruire un prodotto o stabilire la politica di prezzo, per avviare una campagna pubblicitaria o un azione di marketing, per risolvere un problema o approfittare di un opportunità, per realizzare una pianificazione strategica, la ricerca sul mercato è sempre il primo passo da fare

5 Marketing: la definizione di obiettivi Chiari e realistici, in base ai risultati della ricerca È necessario saper effettuare delle scelte in termini di: segmenti a cui rivolgersi di valori di posizionamento sul mercato di servizi da proporre di mercati da individuare Non rimanere passivi in attesa della domanda o delle opportunità offerte dal mercato o dai cambiamenti in atto, né ci si può rivolgere contemporaneamente a tutta la domanda; L individuazione degli obiettivi è quindi la fase creativa, l elemento soggettivo che segue il momento oggettivo della ricerca. Marketing: definizione e attuazione di una strategia Ovvero l insieme delle azioni e dei progetti che permetteranno di raggiungere gli obiettivi prefissati Si deve quindi trattare di azioni e scelte coerenti con gli obiettivi flessibili ed originali

6 Marketing: definizione e attuazione di una strategia Rientrano nella definizione della strategia: la costruzione del prodotto - oppure il suo adeguamento e in generale gli interventi sul prodotto in termini di - vantaggi competitivi - miglioramento - qualità - o diversificazione la definizione e l attuazione di una politica di comunicazione rivolta al mercato esterno e ai clienti acquisiti la scelta di una politica dei prezzi l avvio di un attività commerciale coerente una politica del personale Marketing: la verifica dei risultati ottenuti dell efficacia delle iniziative intraprese della soddisfazione della domanda Sarà questa la base delle successive attività di marketing

7 Marketing: i principi guida I principi guida che caratterizzano il marketing in senso lato sono invece cinque: 1. Centralità del consumatore 2. Soddisfazione della domanda 3. Adattabilità 4. Coerenza 5. Qualità Centralità del consumatore È l azienda che ruota intorno al consumatore, non viceversa la domanda viene prima di tutto i prodotti, così come gli strumenti del marketing, devono essere in grado di assumere il punto di vista del consumatore, adeguandosi ad esso

8 Soddisfazione della domanda E l obiettivo primario dell azione di marketing, e al tempo stesso la condizione indispensabile per raggiungere crescita e redditività Tutto nel marketing è in funzione della soddisfazione della domanda, ed è pertanto questa l ottica attraverso la quale il marketing legge il mercato Soddisfazione della domanda strumentale alla crescita e redditività Adattabilità Ogni strategia dovrebbe potersi adattare armonicamente sia all azienda che la deve attuare sia al mercato a cui si riferisce. Non esistono soluzioni predeterminate, né approcci formali validi universalmente Ogni caso è a sé stante Ogni realtà ha le proprie identità da rispettare e valorizzare il punto di equilibrio con i desideri della domanda deve essere individuato di volta in volta

9 Coerenza Ogni azione intrapresa deve essere coerente: con il prodotto proposto, e quindi con le sue specificità con il mercato che è stato identificato come target con la strategia generale scelta dall impresa con le risorse dell impresa Azioni coerenti Prodotto/specificità market-target strategia aziendale risorse disponibili Qualità E la condizione necessaria per la fruizione dei prodotti E necessario riuscire a definire la qualità esattamente come la definiscono gli stessi clienti, e che tutti, all interno dell azienda, lavorino costantemente sulla qualità offerta Qualità richiesta dai clienti Tutto il personale è partecipe e coinvolto

10 Il marketing dei servizi Ulteriori considerazioni che si devono fare quando il marketing è finalizzato alla vendita di servizi: Intangibilità Impossibilità di trasporto Deperibilità Eterogeneità Leva delle risorse umane Intangibilità I servizi sono beni immateriali, il che comporta innanzitutto una differenza di processo: mentre i beni vengono prodotti successivamente venduti e infine consumati i servizi vengono prima venduti Tutto il personale è successivamente partecipe e coinvolto prodotti e consumati simultaneamente Produzione inseparabile dal consumo Il cliente partecipa al processo di erogazione

11 Intangibilità I servizi sono percepiti come qualcosa di impalpabile e astratto il giudizio da parte del consumatore è più difficile è estremamente soggettivo servizi diversi vengono percepiti in maniera identica rendere evidenti tutti gli aspetti immateriali del servizio curare i dettagli curare l ambiente fisico indurre l identificazione del servizio con oggetti fisici comunicare e rendere tangibili le varie proposte Impossibilità di trasporto Il servizio è consumato nel luogo di erogazione, e non può essere trasportato altrove Per l incontro fra domanda e offerta le imprese si dotano di canali di distribuzione in grado di raggiungere in modo capillare la domanda Questa rigidità rende particolarmente importante la localizzazione dell attività CANALI DISTRIBUTIVI LOCALIZZAZIONE

12 Deperibilità Il prodotto-servizio non può essere immagazzinato ed è facilmente deperibile una camera d albergo o un coperto che è rimasto invenduto un certo giorno è perso per sempre e non può essere recuperata esigenza di attivare apposite strategie per far fronte alle fluttuazioni della domanda e per avvicinare la produzione alla domanda Eterogeneità Il sistema di fornitura del servizio, e il fatto che spesso il servizio sia in realtà una integrazione di servizi, causano una forte variabilità nei servizi effettivamente ricevuti dai clienti. Difficile attivare processi di standardizzazione la realizzazione di format ben studiati può ovviare ad alcune difficoltà derivanti dalla variabilità del servizio

13 Leva delle risorse umane Nel marketing dei prodotti i fattori critici sono 4 (le quattro leve del marketing mix): il prodotto il prezzo la distribuzione la comunicazione per i servizi si aggiunge una quinta leva: la risorsa umana Determinate perché strumento di vendita mezzo di produzione parte integrante del servizio fattore di differenziazione del servizio stesso Il personale di vendita (di contatto) personifica l azienda stessa agli occhi del cliente Tre cattive pratiche da evitare 1. Un marketing fuori misura 2. L advertising come soluzione 3. Appaltare il lavoro 1. Le azioni di marketing di una certa portata hanno costi molto elevati Una piccola impresa ha margini di miglioramento delle prestazioni economiche minori di un grande azienda, per cui, quando anche si raggiungessero i massimi introiti possibili, questi potrebbero non essere sufficienti a coprire le spese di una campagna marketing di vasta portata

14 Tre cattive pratiche da evitare 2. Il marketing non è fare pubblicità Ed è falsa la semplice equazione pubblicità = clienti Annunci pubblicitari su emittenti televisive e radiofoniche, quotidiani e periodici: molto costosi comunicazione indifferenziata mentre è importante selezionare un segmento specifico e puntare ad esso come audience di riferimento Se sono a diffusione locale creano un numero piuttosto ridotto di contatti con la clientela potenziale Tre cattive pratiche da evitare 3. Appaltare i lavori Spesso i piani di marketing si affidano in tutto e per tutto alla consulenza esterna, spesso ad uno studio grafico Il marketing come definizione di una precisa strategia commerciale nasce all interno dell azienda (seppure con il supporto di una eventuale consulenza) Si tratta di prendere decisioni e delegare un processo decisionale all esterno significa esporsi al rischio di adottare una politica scarsamente coerente con gli obiettivi, i metodi, la realtà dell azienda

15 Elementi di base per il marketing delle piccole imprese Il metodo di elaborazione e applicazione del piano di marketing, riferito alla realtà specifica della piccola impresa Il piano di marketing è un documento scritto formato dai seguenti contenuti: Sommario Obiettivi Analisi dello scenario competitivo Analisi SWOT Strategie Piano di azione Controllo Piani di emergenza (contingency plans) Il piano di marketing Sommario: è il sommario dell'intero piano di marketing; Obiettivi: sono i risultati desiderati che portano alle vendite e ai profitti. Devono essere dettagliati, realistici, quantificabili (definiti in termini economici di utile netto o fatturato) e posti in ordine gerarchico; Analisi dello scenario competitivo: analisi del mercato, della concorrenza, dei consumatori; Analisi SWOT: identificazione dei punti di forza e di debolezza dell'azienda (Strenghts and Weaknesses), valutazione delle opportunità e dei rischi del mercato (Opportunities and Threats)

16 Il piano di marketing Strategie: complesso di azioni per raggiungere gli obiettivi; Piano di azione: specifica cosa sarà fatto, chi lo farà, quando sarà fatto, e quanto costerà. È l'elaborazione delle strategie; Budget: documenti finanziari preventivi, tra cui le proiezioni dei costi/ricavi previsti; Controllo: indica le modalità di monitoraggio dell'attività; Piani di emergenza (contingency plans): alternative da attuare in caso di problemi; non sempre sono presenti nel piano Ricerca: conoscere il mercato Un lavoro condotto su scala minore deve comunque riuscire a fornire almeno quattro indicazioni fondamentali, deve cioè consentire di: Guardare dentro (com è il management, il prodotto, il servizio) Guardare fuori (cosa vuole il mercato, come cambia la domanda) Guardarsi intorno (cosa sta facendo la concorrenza) Guardare avanti (cosa sta per succedere)

17 Ricerca: conoscere il mercato Conoscere il mercato significa: conoscere le esigenze esplicite e latenti della domanda le tendenze in atto e i prodotti esistenti studiare la concorrenza il sistema intermediario analizzare stagionalità/comportamenti della domanda Difficoltà nel reperimento dei dati: ma molte sono le fonti di informazione a disposizione di tutti Il territorio stesso produce ricerche e analisi preziose, rivolgendosi a Comuni, Province, Regione, CCIAA e ai vari Enti. Spesso si possono scaricare semplicemente via internet Ricerca: individuare opportunità L analisi dei materiali per individuare opportunità di mercato quando derivano da situazioni o tendenze indipendenti dall azienda interne all azienda quando dipendono da competenze specifiche o vantaggi competitivi Oltre che conoscere le tendenze del mercato, essere sempre aggiornati sull evoluzione del settore: partecipare ai momenti di formazione; essere presenti a workshop; seminari, convegni, e tutti gli eventi che permettono di stare al passo coi tempi

18 Ricerca: analisi interna e confronto con la concorrenza (benchmarking) È necessario che ogni azienda individui i propri punti di forza e di debolezza rispetto agli altri operatori e rispetto alle esigenze della domanda Si tratta di fare una vera e propria analisi sistematica delle aziende più simili alla propria, che quindi sono in diretta competizione sullo stesso segmento di mercato Fare, per la propria azienda e per tutte le altre, una lista dei vantaggi competitivi e dei punti di debolezza, in modo da poter capire meglio il posizionamento competitivo di ognuno ed affrontare in modo consapevole la concorrenza Ricerca: il cliente fonte preziosa di informazioni chiedere ai propri utenti un feedback sui servizi offerti essere sempre attenti a recepire le loro percezioni ed esigenze consente all azienda di capire meglio la propria identità e individuare i punti critici su cui intervenire

19 Ricerca: elaborare scenari Il fine ultimo è elaborare scenari, ovvero ipotizzare situazioni future, in modo da dare fondamento alla pianificazione strategica, e ridurre il rischio imprenditoriale. Mettendosi in condizione: di scrivere in proprio il piano di marketing individuare le linee di sviluppo che l azienda deve seguire tenere in primo piano la strategia di medio o lungo periodo invece di lasciarsi sopraffare dalle urgenze del momento, che spesso impediscono di intraprendere le iniziative più importanti e innovative Individuare l obiettivo e mettersi in discussione È bene sapere che nel momento in cui si intraprende un attività di ricerca sul mercato, di analisi dei concorrenti e di autoanalisi bisogna anche avere il coraggio di mettersi in discussione La ricerca può dare indicazioni estremamente utili, purchè si sia disposti a recepire suggerimenti di cambiamento che arrivano dalla propria clientela o dalle evoluzioni del mercato in genere

20 Obiettivi I risultati prodotti dalla fase di ricerca devono poi essere utilizzati per individuare gli obiettivi specifici di marketing Un azienda ha una molteplicità di obiettivi: il primo problema che si pone consiste nella ricerca di un ordine gerarchico tra gli obiettivi che si vogliono raggiungere e le cose che si vogliono fare Occorre cioè ordinare traguardi e obiettivi secondo l importanza che emerge dalla ricerca rispetto ai fini perseguiti dall azienda (mission) (Mission) E l orientamento direttivo di fondo, che consente di rispondere alle domande: Qual è il nostro scopo? Qual è il nostro business? In quale settore di attività operiamo? E impensabile assumere il profitto come unico scopo dell attività Lo scopo deve sempre avere a che fare con il modo di soddisfare i bisogni del cliente Il profitto deve essere concepito come la conseguenza della soddisfazione del cliente Chiarita la mission, esaminati i bisogni dei consumatori e l ambiente di mercato, è più facile individuare gli obiettivi di marketing

21 Obiettivi di marketing Si esprimono fondamentalmente in termini di: Scelta dei segmenti di domanda ai quali rivolgersi Valori differenziali e distintivi da offrire (benefici) Unicità, originalità, tipicità, qualità non replicabilità Obiettivi di marketing In base a questi due criteri di base, si possono delineare quattro possibili interventi da parte dell azienda: Vendere prodotti esistenti a mercati esistenti (penetrazione del mercato) Estendere i prodotti esistenti a nuovi mercati (estensione di mercato) Sviluppare nuovi prodotti per mercati esistenti (sviluppo di prodotto) Sviluppare nuovi prodotti per nuovi mercati (diversificazione)

22 Obiettivi di marketing Nel quadro di questi riferimenti di massima, si deve sempre tenere presente che gli obiettivi: devono scaturire dall attività di ricerca, per essere chiari e precisi devono essere espressi in termini quantitativi devono essere calendarizzati, in a breve, medio e lungo termine devono essere realistici e fattibili, cioè convertibili in azioni specifiche ed essere alla portata dell azienda devono essere coerenti con le possibilità e le capacità dell azienda, e con il mercato assunto come target (ad esempio in termini di accessibilità e di convenienza) Strategia Approntare una strategia significa decidere come azionare le leve che compongono il marketing mix: prodotto, prezzo, comunicazione, distribuzione, risorse umane PRODOTTO PREZZO DISTRIBUZIONE COMUNICAZIONE RISORSE UMANE Di questi elementi, il prodotto e il prezzo rappresentano, specialmente per le aziende di piccole dimensioni, le leve più efficaci e su cui si ha più possibilità di intervento

23 Marketing mix: il prodotto Partiamo da un investimento o almeno da una valutazione approfondita sul prodotto, per renderlo compatibile con le aspettative del mercato È importante considerare il proprio prodotto come una somma di prodotti e servizi, percepibili e utilizzabili Bisogna scomporlo nei fattori che lo costituiscono Marketing mix: il prodotto Così, distinguendo nel prodotto gli elementi costanti gli elementi variabili sui quali l azienda può agire diventa possibile intervenire in modo puntuale sulle eventuali criticità, e investire sul prodotto in modo tale da valorizzare il suo carattere di originalità e unicità, che costituisce la principale leva strategica che l impresa può attivare

24 Marketing mix: il prezzo E una variabile decisionale critica che riflette gli obiettivi aziendali ed è frutto di considerazioni manageriali Può essere sfruttato intelligentemente a proprio vantaggio e a scapito della concorrenza E l unico elemento del marketing mix che produce un ricavo, mentre gli altri elementi comportano costi Fondamentale manovrare i prezzi per affrontare la problematica della stagionalità della domanda a fronte di un offerta rigida Marketing mix: il prezzo Leva di massima criticità per la struttura del business. Prendere seriamente in considerazione i vari fattori che determinano il pricing del prodotto: la fase attuale dell attività (inizio, espansione, maturità, declino) i costi la domanda la concorrenza

25 Marketing mix: il prezzo Utilizzare le leve del pricing con l obiettivo di orientare il mercato Considerare attentamente il prezzo richiesto dal mercato (spesso anche l azienda/prodotto più originale, con il posizionamento più esclusivo, non giustifica, nella mente del cliente, un prezzo molto elevato) Trovare il giusto equilibrio fra vantaggio competitivo e prezzo Marketing mix: la comunicazione Il piano di marketing di una piccola impresa, quindi, consiste innanzitutto: 1. Valorizzare il prodotto offerto come un prodotto di qualità, unico e originale 2. Adottare una politica di prezzo studiata per essere sì redditiva, ma al tempo stesso attraente per il mercato costituiscono la corporate identity ovvero l essenza dell impresa per poi passare al versante della promozione-comunicazione (diretta conseguenza logica delle scelte operate sul prodotto e sul prezzo)

26 Marketing mix: la comunicazione Viste le caratteristiche e le esigenze specifiche delle piccole imprese, le strategie di comunicazione di marketing che meglio si adattano ai suoi scopi sono quelle che fanno capo al direct marketing, in particolare nelle sue due modalità principali: il web marketing e il marketing relazionale DIRECT MARKETING MARKETING RELAZIONALE WEB MARKETING La pubblicità tradizionale, diffusa sui mezzi tradizionali non è adeguata alle piccole imprese Marketing mix: Direct Marketing Si basa sul principio di comunicazione uno-a-uno AZIENDA si rivolge a livello individuale al singolo cliente effettivo o potenziale per promuovere la propria attività Un sistema di comunicazioni dirette rivolte a singoli clienti accuratamente selezionati realizzate in modo interattivo e finalizzate al conseguimento di una risposta immediata

27 Marketing mix: Direct Marketing Strumento chiave è il No un semplice indirizzario data base contenere quante più informazioni di base possibile rendere queste informazioni facilmente utilizzabili essere costantemente aggiornato ed ampliato Nell ambito dell azione di marketing diretto i clienti vengono contattati: per per posta per telefono (per lo più in seguito a precedenti contatti per posta o ) Marketing mix: Direct Marketing Esempi di tipologie di dati rilevabili nel corso dell'interazione con il cliente DATI DI FRONT LINE DATI SPONTANEI DATI DI COMPORTAMENTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome, sesso, indirizzo, data di nascita, telefono, , estremi carta di credito, etc INFORMAZIONI Dati di acquisto (data, SULL ACQUISTO importo, ecc) tipologie, tariffa applicata accompagnatori Motivi dell acquisto bisogni e preferenze specifiche (preferenze Tipo di cliente (esigente, contestatore, ecc) frequenza di acquisto, fedeltà, ecc interessi personali, ecc) Richieste speciali di Utilizzo dei servizi forniti in azienda, particolari servizi valori ricercati (prezzo, accoglienza, tranquillità, etc) RECALMI Reclami diretti, compilazione moduli Atteggiamenti

28 Marketing mix: Direct Marketing Il primo problema che si pone è chi contattare e quindi come costruire il data base. Ogni operatore deve innanzitutto procedere a una forma elementare di segmentazione, dividendo il portafoglio dei contatti in: clienti abituali clienti potenziali ex clienti personalità locali intermediari indirizzi di aziende Marketing mix: Direct Marketing Concentrasi in primo luogo con i clienti che già conosciamo (mediamente conservare un vecchio cliente costa molto meno che trovarne uno nuovo) Suddividere il database in lista interna: contiene i nominativi di coloro che già conoscono l azienda o sono entrati in qualche modo in contatto con essa lista esterna: clienti potenziali, operatori, aziende, etc La lista esterna serve ad ampliare il proprio archivio e aumentare le possibilità di attirare nuova clientela

29 Marketing mix: Direct Marketing Lista esterna costituita da nominativi e indirizzi raccolti da liste generali (acquistabili da società specializzate e segmentati in base a parametri demografici, geografici e sociali) elenco telefonico (per i nominativi delle aziende locali a cui proporre prodotti/servizi) estendendo il raggio d azione, guide specializzate elenchi delle aziende italiane identificate per zona, settore d attività, ecc., annuari cataloghi di fiere, convegni ed eventi locali, liste di circoli culturali, sportivi, ecc, che possono diventare interessanti bacini di clientela Marketing mix: Direct Marketing Proporre al singolo un offerta promozionale adeguata al profilo del destinatario sconti per i bambini, alle famiglie, soluzioni ad hoc per aziende, etc Rivolgendosi ai propri interlocutori con la massima chiarezza, semplicità, cordialità In generale, comunque, si deve cercare di contattare i clienti ad ogni occasione: dopo il loro l acquisto per ringraziarli della loro scelta, in occasione delle festività, per fare gli auguri e comunicare eventuali offerte, in occasione di iniziative particolari, ecc.

30 Marketing mix: Direct Marketing Alcuni suggerimenti su cosa scrivere a chi: Ai clienti suspect (coloro che non hanno mai avuto contatti con l azienda ma che sono ritenuti clienti potenziali): lo scopo della comunicazione è metterli a conoscenza del prodotto, puntando sulle caratteristiche che generalmente ricevono largo consenso e che quindi con molta probabilità potranno interessarli Marketing mix: Direct Marketing Alcuni suggerimenti su cosa scrivere a chi: Ai clienti prospect (che hanno contattato l azienda, magari per chiedere informazioni, ma non sono ancora divenuti clienti): occorre capire i motivi per cui nonostante il loro interessamento hanno deciso di non scegliere il prodotto offerto; potrebbe dipendere dalla impossibilità di soddisfare la loro richiesta, oppure da prezzi troppo elevati (in questo caso si può puntare su particolari promozioni)

31 Marketing mix: Direct Marketing Alcuni suggerimenti su cosa scrivere a chi: Ai clienti attuali: ogni occasione è valida per mantenere vivo il ricordo dell offerta; con i clienti meno assidui o più riservati è opportuno evitare le ricorrenze personali, e limitarsi alle lettere (comunicazioni) promozionali Alle aziende: la comunicazione dovrà evidenziare l efficienza del servizio, la funzionalità delle strutture, mettendo in primo piano i vantaggi per l azienda; è bene proporre anche servizi particolari ad hoc Marketing Relazionale Strategia a lungo termine che mira allo sviluppo e al rafforzamento di rapporti continui e duraturi con il cliente (e con gli stakeholders) al centro dell attenzione le relazioni tra le persone relazioni di mercato clienti, intermediari, fornitori, concorrenti,enti, associazioni relazioni non di mercato relazioni pubbliche, marketing interno Cliente partner impresa e cliente cooperano tra loro il cliente è stimolato a definire i prodotti e i servizi dei quali ha bisogno

32 Buona manutenzione del parco clienti ENTUSIASTI WOW! Sono agenti a cui non pago provvigioni FEDELI So riconoscerli? Riesco a trasformarli in entusiasti? EFFETTIVI Esprimo tutto il mio potenziale? Riesco a trasformarli in fedeli? POTENZIALI Mi servono nuovi clienti? I clienti potenziali mi conoscono? Riesco a trasformarli in effettivi? Clienti fedeli: una fonte di reddito Acquisire un nuovo cliente costa più che conservarne uno esistente (5/10 volte più costoso) I Clienti già acquisiti generano un aumento di ricavi più che doppio rispetto a nuovi Clienti Aziende con alto indice di soddisfazione possono spuntare prezzi più alti Molti nuovi clienti possono derivare da segnalazioni di clienti soddisfatti I clienti soddisfatti dichiarano che continueranno a rimanere clienti o che acquisteranno più spesso L aumento della Retention (numero % dei clienti rimasti fedeli a fine anno rispetto quelli che esistevano a inizio anno e ai nuovi clienti) può aumentare notevolmente il profitto Anche l insoddisfazione si diffonde

33 Un killer occulto 4 reclamano 100 clienti insoddisfatti 96 non reclamano Si innesca una catena negativa Oltre 3000 contatti negativi 91 non tornano Dimezzare la perdita di Clienti raddoppierà la crescita di una azienda Fonte: Adico Costruire una relazione con il cliente Fornire canali di comunicazione efficaci al mercato e ai Clienti Acquisire informazioni sul Cliente, sulle sue necessità, sui suoi gusti Il Cliente esprime i bisogni ed esplora il mercato alla ricerca di prodotti/servizi Il Cliente acquisisce informazioni sull azienda,sui prodotti e sui servizi, valuta, seleziona Organizzare e analizzare le informazioni acquisite sul Cliente Cliente Comunicare Conoscere Analizzare Comunicare Conquistare Proporre Azienda Il Cliente è soddisfatto se le sue aspettative sono mantenute Il Cliente decide ed acquista Sviluppare una strategia di Business orientata al Cliente Rilevare la soddisfazione del Cliente Acquisire e Conservare il Cliente, offrire un servizio personalizzato

34 Costruire una relazione con il cliente Comprendere Ascoltare Progettare Processo di marketing Servire Realizzare Fornire Comunicare Marketing relazionale: il cliente Occorre disporre di sistemi e processi informativi in grado di mettere al centro dell attenzione il singolo cliente. Rispettando quattro tappe particolarmente importanti: IDENTIFICARE I PROPRI CLIENTI CLASSIFICARE I PROPRI CLIENTI INTERAGIRE CON I PROPRI CLIENTI PERSONALIZZARE PRODOTTI E SERVIZI

35 Marketing relazionale: il cliente IDENTIFICARE I PROPRI CLIENTI conoscerli nel modo più approfondito possibile; la conoscenza del cliente non deve mai essere data per scontata; CLASSIFICARE I PROPRI CLIENTI distinguere e classificare i clienti secondo alcuni criteri, come il valore o le esigenze specifiche, che permettano in seguito di intraprendere iniziative ad hoc e utilizzare al meglio il patrimonio di conoscenze in possesso dell azienda Marketing relazionale: il cliente INTERAGIRE CON I PROPRI CLIENTI ogni opportunità di relazione è un opportunità di apprendimento PERSONALIZZARE PRODOTTI E SERVIZI le relazioni gestite con continuità permettono di personalizzare progressivamente, e sempre meglio, prodotti e servizi

36 Ciclo di vita della relazione con il cliente il cliente FASE INIZIALE Il cliente Il cliente potenziale può ignorare o meno i servizi dell azienda Obiettivo di marketing creare presso il cliente interesse nei confronti dell azienda, ricorrendo sia all approccio tradizionale promozioni/pubblicità sia al direct marketing; Ciclo di vita della relazione con il cliente il cliente FASE DI ACQUISTO Il cliente il cliente è consapevole di una necessità che l azienda può soddisfare, e valuta il servizio in rapporto a ciò che egli cerca e a ciò che è disposto a pagare Obiettivo di marketing l obiettivo di marketing è la vendita, si ricorre di preferenza a un mix di marketing tradizionale e relazionale;

37 Ciclo di vita della relazione con il cliente il cliente FASE DI CONSUMO Il cliente Obiettivo di marketing se nella fase precedente il cliente ha avuto impressioni positive decide di provare il servizio, ed entra nella fase di consumo; il cliente osserva come l azienda è in grado di prendersi cura di lui e dei suoi bisogni l obiettivo di marketing è quello di servire al meglio il cliente e stimolare la nascita di un rapporto duraturo; è essenziale il ricorso al marketing interattivo. Perché il marketing relazionale Per mantenere il cliente occorre un continuo adattamento alle necessità accompagnato dalle attività di marketing secondo lo stadio del ciclo di vita in cui si trova il cliente Le principali ragioni che rendono consigliabile per un azienda il ricorso al marketing relazionale: Motivazioni economiche Motivazioni di scenario Motivazioni legate all efficacia degli strumenti tradizionali Scelte strategiche Evoluzione tecnologica

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Il Marketing Strategico La mente del mercato aspetta solo di essere esplorata Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Telemarketing: - Guida del Partecipante- Vietata ogni riproduzione

Telemarketing: - Guida del Partecipante- Vietata ogni riproduzione 1 Telemarketing: - Guida del Partecipante- Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel.03519965309 -Fax 1786054267 -customer.service@olympos.itwww.olympos.it

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

La gestione del cliente in un ottica di marketing

La gestione del cliente in un ottica di marketing La gestione del cliente in un ottica di marketing La soddisfazione del cliente Intuitivamente semplice, ma implica un esatta definizione dei parametri misurabili, in base ai quali un cliente si può definire

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

Marketing è un che si occupa dello studio descrittivo del mercato dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa

Marketing è un che si occupa dello studio descrittivo del mercato dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa Il Marketing è un ramo dell'economia che si occupa dello studio descrittivo del mercato e dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa. Il termine prende origine dall'inglese

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Come sviluppare un marketing plan

Come sviluppare un marketing plan Come sviluppare un marketing plan Fasi del marketing plan 1. analisi della situazione; 2. definizione degli obiettivi; 3. individuazione del target; 4. sviluppo strategia di posizionamento 5. definizione

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Parte Quinta Le Strategie Cliente

Parte Quinta Le Strategie Cliente Parte Quinta Le Strategie Cliente Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008 L offerta per il mondo Automotive gennaio 2008 Chi siamo :: Una knowledge company, specializzata in strategie, marketing e organizzazione, che in partnership con i suoi clienti e fornitori, realizza progetti

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi IL MARKETING TURISTICO Ermanno Bonomi EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI MARKETING Capitalismo industriale comporta attività produttive sempre più fondate sulla ricerca e la scienza. Creazione di impianti sempre

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto.

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto. BUSINESS PLAN Un business plan o (piano di business, o progetto d'impresa) è una rappresentazione degli obiettivi e del modello di business di un'attività d'impresa. Viene utilizzato sia per la pianificazione

Dettagli

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Quest opera paradigmatica, capitale non solo per lo sviluppo dell arte moderna, ma anche e soprattutto

Dettagli

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali Edizione 10 ottobre 2008 2007 Ciclo Evoluzione ACEF Riproduzione degli studi vietata professionali - Tutti i diritti settimo riservati anno - MARKETING 1 Meeting Nazionale Evoluzione degli Studi professionali

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Perché il margine e non solo il fatturato Viviamo grazie al margine! Se vogliamo puntare

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali

SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali SNAP Proposte e coupon personalizzati in tempo reale sui canali digitali Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica SNAP Proposte e coupon personalizzati

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo CORSO ABC DEL BUSINESS PLAN - VENEZIA La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo a cura di Stefano Micelli Aprile 2005 Business Plan Che cos è il BP? Il BP può

Dettagli

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV SONDALO SONDRIO MORBEGNO CHIAVENNA PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV DETERIMAZIONI IN ORDINE AGLI OBIETTIVI DI INTERESSE REGIONALE DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L ANNO 2008,

Dettagli