Schema metodologico del Piano di Gestione Turistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schema metodologico del Piano di Gestione Turistico"

Transcript

1 Schema metodologico del Piano di Gestione Turistico Università di Roma Tor Vergata, Dipartimento di Scienze e Tecnologie per la Formazione Progetto NEWCIMED, Coordinamento Scientifico Maria Prezioso Matteo Rollo Federico Zarfati

2 Indice Cos è un Piano di Gestione... 3 Parte Prima (Quadro territoriale EX- ANTE per la misura della sostenibilità... 5 Piano di lavoro... 5 Parte Seconda (Quadro programmatico)... 8 Gli assi d azione prioritari per la costruzione dell offerta del piano di gestione Obiettivi... 8 Strumenti: il Modello PRO- ECO Parte Terza (Quadro progettuale e VAS del piano di gestione) ESEMPI Parte Quarta (comunicazione e marketing) Identificare e descrivere gli interventi di comunicazione e di marketing territoriale Parte Quinta (monitoraggio) Sistema di monitoraggio generale Parte Sesta: Strumenti agevolativi nel settore dei beni culturali e valorizzazione del territorio a fini turistici Programmi Comunitari Programmi di iniziativa comunitaria Strumenti nazionali Strumenti regionali ed altri strumenti... 18

3 Cos è un Piano di Gestione Il piano di gestione è il Piano dei Piani, dunque, ha lo scopo di legare obiettivi e strategie che agiscono su diversi livelli per giungere a un risultato unitario. Non un nuovo insieme di vincoli, o una sovrapposizione di scelte e priorità. Piuttosto un filo conduttore a supporto dei processi decisionali per l attuazione delle trasformazioni del territorio. Il piano di gestione è redatto secondo una metodologia uniforme, condivisa e coordinata, che assicura uno scambio di conoscenze e di pratiche virtuose che potenziano le capacità globali del sistema culturale di riferimento. Il piano di gestione non va confuso con il cosiddetto programma di sviluppo, con misure o gli interventi strutturali e/o di promozione, oppure con strumenti propri della pianificazione urbanistica. Il piano di gestione ha una sua autonomia e segue una procedura mirata a definire il modello di sviluppo locale basato sulla cultura, ma anche a progettare le attività per rispondere alle richieste dell UNESCO. I piani territoriali possono essere fonti utili per la stesura del piano di gestione. Gli stessi strumenti urbanistici possono essere corretti e guidati dalle strategie del piano di gestione Il piano di gestione definisce quindi le modalità per gestire le risorse di carattere storico, culturale e ambientale, ed è in grado di orientare le scelte della pianificazione urbanistica ed economica, sociale ed ambientale attraverso la conoscenza, la conservazione e la valorizzazione dei beni presenti sul territorio. Il Piano assume valenza di coordinamento su tutte le altre attività/strumenti di pianificazioni adottati/approvati alla scala di lavoro per: a) mantenere nel tempo l integrità dei valori che hanno consentito/consentiranno l iscrizione nella World Heritage List; b) ridefinire e rendere compatibile un processo locale condiviso da più soggetti (stakeholder e shareholder, cittadini e cittadinanze) e autorità istituzionali per coniugare la tutela e la conservazione con lo sviluppo integrato delle risorse d area. In sintesi, il Piano pre-ordina un sistema di gestione che, partendo dai valori che hanno motivato la sua stesura e la potenziale iscrizione: perviene ad una analisi integrata dello stato dei luoghi individuando le forze di modificazione in atto valuta gli scenari futuri raggiungibili attraverso obiettivi - opzioni di intervento valuta gli impatti probabili sul sistema locale delle opzioni di intervento sceglie, tra queste, i progetti strategici per conseguire i traguardi fissati verifica il conseguimento degli obiettivi tramite una serie di indicatori che attuano il monitoraggio sistematico dei risultati nel tempo Il Piano costituisce anche una dichiarazione di principi. Per il suo tramite, le autorità istituzionali potenzialmente responsabili della gestione dei siti e le collettività nazionali, regionali e locali alle quali i siti appartengono, si impegnano nei confronti dell UNESCO e dell intera umanità - ad una tutela attiva, alla conservazione ed alla valorizzazione compatibile rispetto alle identità culturali delle collettività locali. Viene dunque considerato come piano, il documento che: informa sulle stato di fatto dei beni culturali nell area di studio (sistema) identifica i problemi da risolvere per la conservazione e valorizzazione seleziona le modalità per attuare un sistema di azioni integrate, una politica di sviluppo locale sostenibile di cui valuta, con sistematicità, i risultati, sia sul piano strategico che su quello operativo In quanto tale, il piano si configura così come un progetto integrato che rende compatibili le relazioni tra oggetti e soggetti diversi, sia in termini orizzontali che verticali secondo gerarchie settoriali ma anche di sistema. Inoltre, il piano di gestione ha anche valenza di strumento strategico ed operativo, perché, da un lato, dovrà cercare di individuare gli obiettivi, di breve, medio e lungo periodo, di

4 conservazione e valorizzazione e, dall altro, le strategie e le azioni che si intendono mettere in campo per perseguirli. Il Piano non dovrà essere, tuttavia, uno strumento centralizzato di progettazione solo sociale, ma piuttosto un insieme flessibile di regole operative (governance del piano), di procedure e di idee progettuali, che coinvolgano una pluralità di soggetti secondo un approccio epigenetico, cioè in grado di evolvere e di recepire aggiornamenti e modificazioni con il cambiare delle circostanze e l evoluzione dell ambiente al quale si rivolge.

5 Parte Prima (Quadro territoriale EX-ANTE per la misura della sostenibilità La prima parte del seguente elaborato è finalizzata a misurare la sostenibilità ed il capitale territoriale culturale delle aree di studio (pilot areas). Questi rappresentano la base del piano di gestione turistico per la valorizzazione del bene culturale (città di nuova fondazione) anche ai fini della candidatura UNESCO. (Iscrizione nella UNESCO tentative list per ottenere il riconoscimento del valore universale). In questa fase del piano vanno descritti i motivi che rendono possibile un piano di gestione turistico e quelli che potrebbero consentire l iscrizione alla World Heritage List (WHL) del bene patrimonio universale e le motivazioni che sono alla base della candidatura. Sulla base delle indicazioni, delle esperienze e della letteratura, i soggetti istituzionali (in particolare, i partner nel caso del Progetto NEWCIMED), è necessario che esaudiscano i seguenti step per l elaborazione del piano di valorizzazione e gestione del patrimonio culturale a fini turistici e/o per la candidatura UNESCO. Occorre quindi: 1) Elaborare un analisi descrittiva del sito e del territorio da tutelare (utilizzando gli indicatori messi a disposizione dalla metodologia STeMA, almeno per le componenti paesaggio storico e naturale, sistema dell insediamento urbano e rurale, sistema naturale della flora e della fauna). Questa parte si avvale anche di una descrizione del sito/area di studio (le municipalità/città di fondazione) anche attraverso una scheda di sintesi (Pilot area form); per poi procedere alla perimetrazione dell area pilota identificando una buffer zone. 2) Geo-referenziazione degli indicatori ed attribuzione di pesi quali-quantitativi per l analisi exante di sostenibilità del territorio attraverso la metodologia STeMA. Applicazione della metodologia STeMA per la realizzazione del piano di gestione (vedere punti successivi). Piano di lavoro Impostazione dell analisi dei trend di sviluppo Impostare una struttura previsionale sostenibile delle tendenze di sviluppo per i nuovi interventi di insediamento sul territorio preso in considerazione. Definizione Sulla base del modello di sviluppo e sulle criticità rilevate, i trend definiti nel precedente punto dovranno essere regolati secondo le caratteristiche specifiche e gli elementi trasformabili del territorio. Piano di azione L impostazione della struttura previsionale sarà sviluppata tenendo in costante considerazione la pianificazione territoriale: la parte strutturale dell analisi, che funge da sistema di riferimento, e la parte strategica, che verrà considerata separatamente. Output e risultati Il quadro di riferimento territoriale è l output che deriva dal piano strutturale territoriale. Progetti strategici derivati da nodi e da azioni pianificate. Condivisione delle migliori pratiche nella pianificazione territoriale per promuovere uno sviluppo policentrico sostenibile attraverso l'applicazione del modello STeMA STeMA Model: come funziona STEP1: Reperimento dati & inserimento (shape file) per il GIS STeMA STEP2: Costruzione delle mappe

6 STEP3:Processamento attraverso STeMA STEP4:Valutazione delle politiche STEP5:Indirizzi per il piano progettuale Work flow Step1: Costruzione di una struttura informativa: 1 Raccogliere dati statistici certificati 2 Raccogliere dati territoriali Le basi di dati devono essere rappresentate in uno strumento di osservatorio permanete informatizzato (GIS) e tradotte in supporti alle decisioni. esempio di macro-dati: Basi di dati digitali geografici Basi di dati e immagini delle risorse storiche e artistiche Basi di dati e immagini delle risorse archeologiche Basi di dati e immagini delle risorse ambientali naturali (flora e fauna) Basi di dati e immagini offerta culturale e sua fruibilità Basi di dati e immagini produzioni tipiche e artigianato Basi di dati e immagini delle tradizioni degli usi e costumi Basi di dati del sistema demografico e comportamentale Basi di dati della situazione economico e produttiva Basi di dati e immagini del paesaggio e dei vincoli Basi di dati pianificazione territoriale ed urbanistica Sistema degli Indicatori stato di fatto e scenari Sistema degli Indicatori qualità criticità di allarme Sistema degli Indicatori sulla pressione, cause ed effetti Sistema degli Indicatori di governo, norme, interventi La mappa dei rischi, delle tutele e delle protezioni Lo step1 consente Step2: Istituire le unità di base di riferimento territoriali GUM (Grandi Unità Morfologiche) SUM (Sub Unità Morfologiche ) TSI (Tipologie Spaziali Insediative) UMT (Unità Morfologiche-Territoriali) Lo Step2 è il punto di partenza per: Step3: Attraverso STeMA si procede con la costruzione di sistemi fondamentali: Sistema dell insediamento urbano e rurale Sistema naturale (flora e fauna) Sistema del Paeaggio Storico e Naturale NB: La costruzione di questi tre sistemi rappresentano il minimo richiesto per il programma NEWCIMED e la redazione di un piano di gestione conforme alle lineeguida internazionali. Con questi riferimenti, seguendo il flusso di lavoro STeMA, è possibile identificare i rischi potenziali (vulnerabilità e criticità) e calcolare la sensibilità territoriale finale (sensibilità); ciò deve essere integrato dalla valutazione di impatto territoriale e dalla Valutazione Ambientale Strategica Step 4: Valutazione delle politiche e delle ipotesi progettuali

7 Step 5: Indirizzi per il piano progettuale Si rimanda alla guida STeMA model application and GIS files for STeMA software per la costruzione delle mappe.

8 Parte Seconda (Quadro programmatico) Gli assi d azione prioritari per la costruzione dell offerta del piano di gestione. Analizzare lo stato dell arte, seguendo uno schema logico, tenendo conto della legislazione in vigore (Pilot country legislation). Obiettivi 1) Tutela e conservazione attiva (patrimonio storico e ambientale) In questa parte del modello si valuta lo stato di conservazione dei manufatti e del patrimonio ambientale; del danno e dei fattori di rischio; si individuano le risorse, ai vari livelli organizzativi, tecnico e finanziari. La tutela si realizza con la definizione o adeguamento dell operatività degli strumenti legislativi e urbanistici. La conservazione si concretizza nella stesura organica dei programmi di protezione, definendo le misure di breve e lungo periodo per conservare alle future generazioni i beni tutelati si definiscono gli ambiti e le metodiche dei progetti di conservazione attiva. esermpi: Le risorse finanziarie locali, regionali e nazionali I limiti e le condizioni del carico antropico I limiti e le condizioni flussi ed accessibilità I danni attuali e potenziali, impliciti, espliciti Progetto ed interventi per danni strutturali Progetto ed interventi per disgregazione materiale Progetto ed interventi per l umidità Progetto ed interventi per gli attacchi biologici Progetto ed interventi alterazione strati superficiali Progetto ed interventi per le parti mancanti Recupero sistemazione dei tratti storici Recupero e sistemazione degli edifici di pregio Recupero e protezione dell'ambiente Strategia: Restauro, risanamento e rinnovo conservativo attivo, adeguamento normativo e rifunzionalizzazione di edifici e beni sottoutilizzati.

9 Obiettivi e tipologie di patrimonio a scala municipale; patrimonio per la programmazione di interventi sui complessi monumentali: Censimento e schedatura dei singoli edifici classificati per tipologia di bene e di uso, ivi inclusi quelli appartenenti ad enti e istituzioni extra-territoriali (vedere mappe exante) Indagine per la messa in sicurezza degli edifici pubblici (scuole, ospedali, etc) Messa a regime del sistema di monitoraggio (STeMA GIS), includendo le condizioni di manutenzione dei singoli manufatti monumentali e naturali (vd mappe elaborate attraverso STeMA) e completamento delle componenti STeMA (acqua, aria etc.) Censimento e unificazione delle banche dati esistenti del patrimonio edilizio monumentale, dei beni artistici, storici e ambientali del sito UNESCO (STeMA GIS) Esempi di tipologie di patrimonio: Patrimonio Ecclesiastico: Elenco di interventi Patrimonio dei servizi di grande interesse generale (es. Università, istituzioni pubbliche, musei etc.) Elenco di interventi Patrimonio Archeologico: Progetti di valorizzazione delle testimonianze archeologiche Restauro ed adeguamento Messa in sicurezza Patrimonio Demaniale: Elenco di interventi Centro Storico: Rispristino e decoro del centro storico Progetti di valorizzazione delle testimonianze archeologiche Restauro ed adeguamento Messa in sicurezza Accessibilità Il sito o l area vasta di studio è un sistema culturale attuale o potenziale, oppure è all interno di un sistema più grande, e come tale, va analizzato con particolare riguardo alle capacità produttive di beni e servizi fondati sulla cultura: dalle istituzioni pubbliche, a quelle private, al settore artigianato di qualità, agli artisti, alle piccole imprese, al settore dei servizi turistici, di informatica, di restauro etc. Conoscere il sistema nei suoi dettagli è una operazione necessaria per poterne mobilitare tutte le componenti, individuando anche la forza del carattere delle comunità locali, la cui identità si rileva solo nel radicamento nel territorio e nella storia. 2) Produzione, turismo e commercio a) Analisi dello stato delle attività produttive e dello sviluppo dell imprenditoria e dell economia locale: Definizione di un protocollo aggiuntivo di sostegno alle imprese Analisi degli incentivi Αnalisi dell occupazione Analisi dello stato di certificazione di qualità e certificazione di qualità ambientale b) Riabilitazione innovativa dei mestieri tradizionali e delle produzioni tipiche: Analisi dello stato di fatto e delle misure di sostegno

10 Valorizzazione del sistema turistico-culturale e della produzioni tipiche per tipologia di territorio (costa, entroterra etc) c) Promozione del turismo: Analisi per la valorizzazione del patrimonio artistico locale Analisi per la valorizzazione culturale (spettacoli, eventi etc.) Analisi delle strategie per la gestione dei flussi turistici Analisi per la predisposizione di interventi di marketing turistico e territoriale 3) Trasporti, infrastrutture e tecnologie sostenibili: a) Analisi per il miglioramento e potenziamento dei trasporti, della mobilità e dell accessibilità urbana, nello specifico: Reti di collegamento Parcheggi Valorizzazione dell accessibilità alla risorse mare, montagna ed aree protette b) Analisi di interventi di manutenzione e miglioramento dell efficienza della rete stradale e della rete dei servizi: per il miglioramento delle reti dei sotto-servizi c) Analisi di interventi di miglioramento delle prestazioni ambientali: Trasporti eco-compatibili Ottimizzazione della distribuzione delle merci Igiene ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti Installazione depuratori Limitare inquinamento industriale Servizi eco-compatibili 4) Società civile, produzione di conoscenza, ricerca: a) Promozione culturale: Analisi per l incremento dell offerta museale (museo diffuso) Analisi per la valorizzazione della scena teatrale e musicale Analisi per l ampliamento delle attività accademiche e di ricerca legati al patrimonio culturale b) Analisi delle attività di potenziamento delle misure volte a garantire la sicurezza dei cittadini, nello specifico: Prevenzione della criminalità Aumento della sicurezza c) Coesione sociale territoriale Protocollo aggiuntivo welfare Inclusione sociale Formazione Miglioramento del reddito Strumenti: il Modello PRO- ECO 1) Analisi SWOT PRO-ECO (Per i risultati del progetto NEWCIMED, vedere documento integrale prodotto dall Università di Valencia).

11 Si ricorda che i soggetti interessati ed individuati dall applicazione del modello PRO-ECO sono: Turisti Istituzioni Residenti Esperti locali I risultati PRO-ECO si integrano, in questa fase, con la pianificazione integrata strategica (STeMA) per la redazione dei piani di gestione turistici ai fini della candidatura UNESCO. Monitoraggio seconda parte: Elencare le attività, divise in macro-categorie, assegnando priorità, responsabili, deadline ed eventuale budget destinato. Rappresentare la griglia graficamente (si veda un esempio riportato nella quinta parte)

12 Parte Terza (Quadro progettuale e VAS del piano di gestione) In questa sezione verranno descritti esempi di interventi da inserire nel piano, coerentemente con le analisi precedentemente effettuate. I primi interventi da pianificare, inserendoli nel piano di gestione, sono quelli emergenti dal modello PRO-ECO e dalla descrizione prodotta nel documento Pilot Area. Analizzando i risultati è possibile identificare e descrivere, a titolo di esempio, la tipologia di intervento e la relativa priorità. Di seguito si farà riferimento, per il progetto NEWCIMED, al caso di Arborea. ESEMPI Esempio centro di primo soccorso A titolo di esempio, i cittadini residenti, non assegnano un punteggio particolarmente elevato circa la soddisfazione relativa ai servizi di assistenza ospedaliera. Una tipologia di intervento coerente è rappresentata dalla progettazione di un centro di primo soccorso; dedicato anche all assistenza dei turisti oltre che dei residenti.

13 Esempio installazione depuratore acqua Esempio potenziamento trasporti pubblici Esempio servizi per disabili Nel caso di Arborea, sono stati quindi inseriti gli interventi da realizzare (infrastrutture, collegamenti, piste ciclabili etc.) Definizione del Piano di Gestione con la metodologia STeMA 1) Simulazioni di scenari Progettuali. Rispetto ai piani di gestione tradizionali, è ora possibile valutare, ad esempio, l impatto della realizzazione delle opere che formano il piano di gestione. I progetti dovranno essere disegnati in GIS affinché possano essere importati in STeMA ed analizzati.

14 2) Analisi VAS della proposta del Piano di Gestione. 3) Quadro normativo: Il Sistema di Gestione UNESCO va visto come uno strumento di coordinamento delle varie e diverse normative già in vigore che determinano, ognuna per il suo specifico campo di applicazione, l impostazione delle rispettive azioni del piano di gestione. 4) Elaborare una o più mappe ideogrammatiche

15 Monitoraggio: Elencare le attività, divise in macro-categorie, assegnando priorità, responsabili, deadline ed eventuale budget destinato. Rappresentare la griglia graficamente (si veda un esempio riportato nella quinta parte)

16 Parte Quarta (comunicazione e marketing) Identificare e descrivere gli interventi di comunicazione e di marketing territoriale Monitoraggio: Elencare le attività, divise in macro-categorie, assegnando priorità, responsabili, deadline ed eventuale budget destinato. Rappresentare la griglia graficamente (si veda un esempio riportato nella quinta parte) Parte Quinta (monitoraggio) Sistema di monitoraggio generale Richiamo e costruzione di un paniere di indicatori relativi alle parti precedenti per valutare l efficacia delle azioni pianificate. Esempio di tabella riepilogativa, da costruire in ogni parte del piano (2,3,4), per monitorare in continuo interventi e analisi.

17 Parte Sesta: Strumenti agevolativi nel settore dei beni culturali e valorizzazione del territorio a fini turistici Per realizzare gli interventi pianificati è opportuno prendere in considerazione l esistenza di strumenti agevolativi offerti dalla Comunità Europea. Ogni partner può inoltre valutare strumenti di ambito nazionale e/o regionale. Programmi Comunitari 1) Europa Creativa è un programma quadro di 1,46 miliardi di euro dedicato al settore culturale e creativo per il , composto da due sottoprogrammi (Sottoprogramma Cultura e Sottoprogramma MEDIA) e da una sezione transettoriale Obiettivi generali: a) promuovere e salvaguardare la diversità lingusitica e culturale europea; b) rafforzare la competività del settore culturale e creativo per promuovere una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva. Obiettivi specifici: a) supportare la capacità del settore culturale e creativo europeo di operare a livello transnazionale; b) promuovere la circolazione transnazionale delle opere culturali e creative e degli operatori culturali; c) rafforzare la capacità finanziaria dei settori culturali e creativi, in particolare delle SME; d) supportare la cooperazione politica transnazionale al fine di favorire innovazione, policy development, audience building e nuovi modelli di business 2) Programma per l ambiente e l azione per il clima (LIFE ) Il Programma di lavoro pluriennale per il periodo definisce il quadro di attuazione dei due sottoprogrammi in cui si articola il Programma LIFE: il Sottoprogramma per l ambiente ed il Sottoprogramma Azione per il clima. Il programma di lavoro pluriennale specifica l allocazione indicativa dei fondi tra i settori prioritari, le tipologie di finanziamento, i temi dei progetti che attuano le priorità tematiche di cui all allegato III del Regolamento (UE) n. 1293/2013, la metodologia tecnica per la selezione dei progetti, i criteri per l attribuzione delle sovvenzioni, nonché i calendari indicativi per gli inviti a presentare proposte. 3) Il Programma Europa per i cittadini promuove la partecipazione attiva dei cittadini europei e delle associazioni della società civile alla vita democratica dell Unione Europea, al dibattito su questioni di interesse generale dell Unione. Allo stesso tempo il programma punta ad informare il grande pubblico sui temi, sulle politiche e priorità dell Unione Europea allo scopo di promuovere la conoscenza e rafforzare la consapevolezza dei cittadini europei sui propri diritti e sulle questioni europee. Per conseguire tali obiettivi, il programma sostiene progetti transnazionali di gemellaggi tra Comuni e Città europee, concede contributi ad associazioni ed organizzazioni della società civile per la promozione della cultura della

18 partecipazione civica, del coinvolgimento dei cittadini europei nella definizione dell agenda politica dell UE. Obiettivo generale Avvicinare i cittadini europei all Unione Europea, ovvero: - contribuire a migliorare la conoscenza dell Unione Europea, della sua storia e delle diversità da parte dei cittadini europei - promuovere la cittadinanza europea e creare le condizioni per rafforzare la partecipazione attiva dei cittadini europei alla vita democratica e civile dell UE. Obiettivi specifici - promuovere una campagna di sensibilizzazione dell opinione pubblica sulla memoria europea, la storia e valori comuni e le finalità dell Unione, in particolare promuovere la pace, i valori europei ed il benessere dei cittadini europei, attraverso il dibattito, la riflessione e lo sviluppo di reti europee; - incoraggiare la partecipazione attiva dei cittadini alla vita civile e democratica a livello europeo, tramite una maggiore comprensione delle politiche e dei processi decisionali dell UE, e nuove opportunità di partecipazione, impegno sociale e di volontariato a livello europeo. Programmi di iniziativa comunitaria Valutare le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo di investimenti effettuati nell ambito della Politica di coesione dell UE per il periodo Più nello specifico i programmi che ripropongono o sostituiscono i precedenti LEADER +, INTERREG,e URBAN e URBACT II. Strumenti nazionali Sistemi turistici locali interregionali Contratti di programma settore turismo Contratti di filiera Rimodulazione di patti territoriali e contratti d area Legge turismo e commercio Imprenditoria giovanile Credito di imposta Piani di sviluppo sostenibile Strumenti regionali ed altri strumenti Valutare strumenti regionali e soluzioni quali la realizzazione di infrastrutture attraverso la finanza privata.

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

ll MODELLO del PIANO di GESTIONE

ll MODELLO del PIANO di GESTIONE MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Commissione Nazionale Siti UNESCO e Sistemi Turistici Locali ll MODELLO del PIANO di GESTIONE dei Beni Culturali iscritti alla lista del Patrimonio dell Umanità

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli