APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO"

Transcript

1 ELENA CEDROLA APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO Pubblicazioni dell I.S.U. Università Cattolica

2 ELENA CEDROLA APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO Milano 2001

3 2001 I.S.U. Università Cattolica Largo Gemelli, 1 Milano

4 INDICE 1. L EVOLUZIONE DELLA RICERCA DI MERCATO LA DEFINIZIONE DI RICERCA DI MERCATO LE FASI DI UNA RICERCA DI MERCATO Definizione del problema Finalità ed obiettivi della ricerca Pianificazione della ricerca ,4 Valutazione economica Raccolta dei dati ,5 Elaborazione ed analisi dei dati Stesura della relazione finale METODI E TECNICHE PER LA RACCOLTA DEI DATI L osservazione La sperimentazione Il sondaggio Le tecniche motivazionali Modalità di realizzo di una ricerca motivazionale Interviste in profondità Interviste di gruppo (focus group) Tecniche proiettive d intervista La definizione dell intervista L intervista personale (face to face) Vantaggi e svantaggi dell intervista personale

5 4.7 L intervista telefonica Vantaggi e svantaggi dell intervista telefonica Modalità di conduzione dell intervista telefonica L intervista postale Vantaggi e svantaggi dell intervista postale Le interviste autocompilate IL CAMPIONAMENTO PER LA RICERCA DI MERCATO Vantaggi e limiti del campionamento Le procedure di campionamento I principali campioni probabilistici Campionamento casuale semplice Campionamento sistematico o quasi casuale Campionamento casuale stratificato Campionamento a grappolo Campionamento per aree Campionamento a stadi Campionamento ripetuto Campionamento fisso Campionamento a fasi I principali campioni non probabilistici Campione di convenienza Campione di giudizio o ragionato Campione per quota Gli errori di campionamento Conclusioni Bibliografia

6 1. L EVOLUZIONE DELLA RICERCA DI MERCATO L origine e i primi sviluppi della ricerca di marketing vanno ricercati negli Stati Uniti, dove il marketing nasce come funzione di gestione aziendale specifica. Durante il periodo l interesse del management era incentrato principalmente sui problemi e le opportunità legate alla produzione; nel dopoguerra l attenzione maggiore si è andata concentrando sulle esigenze di vendita e solo negli anni 70/ 80 si è passati a considerare il mercato e i desideri del consumatore (Tab. n. 1). Tabella n. 1: Il rapporto azienda/mercato L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO NEL TEMPO ORIENTAMENTO ATTENZIONE STRUMENTI PER GESTIRE IL RAPPORTO IMPRESA/MERCATO Inizio secolo ALLA COSTI DI TECNOLOGIA (USA) PRODUZIONE PRODUZIONE Dopoguerra ALLE VENDITE AGGRESSIONE DEL MERCATO AZIONI DI VENDITA Anni 70/80 AL MERCATO/ CLIENTE BISOGNI DEI CONSUMATORI MARKETING RICERCHE DI MERCATO Fonte: Cerrito Massimiliano, Tecnica delle ricerche di mercato, Esselibri Simone, Napoli, 1992, pag

7 Nonostante esista qualche sovrapposizione tra uno stadio e l altro, Lazer individua cinque fasi dello sviluppo della ricerca di mercato: 1) Prima del 1905: applicazioni della ricerca ai problemi di marketing. Si ritiene che la prima applicazione risalga al 1879 con un indagine rudimentale sul mercato del grano negli USA. 2) : approccio organizzato alle informazioni di mercato. Prima del 1910 le ricerche di marketing venivano utilizzate solo occasionalmente e le uniche tecniche applicate erano l osservazione diretta e i sondaggi elementari. L introduzione ufficiale viene fatta risalire al 1911, quando venne fondato il Bureau of Business Research alla Harvard Graduate School of Business. Charles Coolidge Parlin, direttore della divisione di ricerca commerciale alla Curtis Publishing Company, affrontò il problema della sistematicità dei dati nelle ricerche ed iniziò ad utilizzare metodologie innovative nei suoi studi. 3) : strutturazione della ricerca di marketing come disciplina. È in questi anni che le tecniche diventano sempre più rigorose e meglio definite. Gli studi e le ricerche con questionari sono sistemi molto diffusi per la raccolta dei dati. Con lo sviluppo della ricerca, fu migliorata la costruzione del questionario e la struttura della domanda, ma aumentò la consapevolezza delle distorsioni che potevano derivare sia dalle interviste che dal questionario. Grande stimolo all utilizzo delle ricerche fu dato nel corso degli anni Trenta dalle indagini sulle classi sociali, sollecitate 6

8 dalla nuova sensibilità verso le misere condizioni di vita delle classi lavoratrici. 4) : consolidamento e affinamento della ricerca di marketing. Con l intensa crescita economica si assiste alla diffusione della ricerca di marketing e alla sua precisazione metodologica. 5) : ristrutturazione e nascita dell era moderna della ricerca di marketing. Si caratterizza come un periodo di ristrutturazione, di affinamento e di convergenza interdisciplinare ; infatti vengono raffinate sia la teoria del campionamento sia il rigore metodologico alla base dei singoli progetti di ricerca e si ha l introduzione dell inferenza statistica avanzata. Contemporaneamente si utilizzano concetti e tecniche psicologiche per studiare il comportamento del consumatore. Dopo la seconda guerra mondiale le ricerche di marketing hanno una fase di sviluppo senza precedenti, in parallelo alla crescente accettazione del concetto di marketing. Anche l innovazione metodologica, specialmente nell area delle ricerche quantitative di marketing, si presenta gradualmente dal 1950 ai primi anni 60. Negli anni 80 e 90 i progressi tecnologici nel campo del computer e settori collegati sentonono lo sviluppo di nuove tecniche di ricerca: analisi congiunta e analisi delle alternative, analisi causale, sistemi computerizzati di intervista, codici a barre e lettori ottici (scanner), correlazione canonica. A questo punto risulta evidente l evoluzione e l importanza delle ricerche di mercato nel tempo, tuttavia le imprese hanno opinioni divergenti in merito al loro ruolo ed ai loro compiti. 7

9 Alcune, infatti, le ritengono semplicemente un metodo ad hoc per la raccolta e l analisi dei dati da utilizzare solo quando esistono problemi da risolvere; altre invece considerano il settore delle ricerche di marketing come un centro di informazioni di supporto al processo decisionale. 8

10 2. LA DEFINIZIONE DI RICERCA DI MERCATO Conoscere, disporre di informazioni è importante per il conseguimento del vantaggio competitivo, dello sviluppo e del successo commerciale di un impresa. Tuttavia, la conoscenza è un grande mare nel quale spesso è difficile navigare senza sbagliare la rotta, perdere tempo e risorse. Occorre una bussola, uno strumento selettivo che dia efficacia al tempo e alle risorse manageriali impegnate nella fase di raccolta dati. In questo senso può essere utile avere presenti opportunità e modalità delle ricerche di mercato, per selezionare appunto gli strumenti più adatti di navigazione e arrivare in modo produttivo alle informazioni utili a realizzare i migliori risultati decisionali 1. Esistono molte definizioni di ricerca di marketing e, per un periodo, si è riscontrata nella letteratura una sovrapposizione con il termine ricerca di mercato, usato in realtà impropriamente per descrivere tutte le attività coperte dalla ricerca di marketing. Ancora oggi, alcuni autori ritengono che i due concetti possano essere usati come sinonimi; altri invece, operano una distinzione, non solo di tipo terminologico, fra gli obiettivi e le attività della ricerca di marketing e quelli della ricerca di mercato. 1 Dalla presentazione di Santagalli Flavio in Figini Mario, Fare ricerca per conoscere il cliente, Il Sole 24 Ore, Milano,1998, pag. VII. 9

11 L ambito definito dalla ricerca di marketing è molto più esteso di quello della ricerca di mercato; infatti, la prima può essere definita come l insieme degli studi volti a selezionare tutti gli elementi rilevanti di informazione utilizzabili per le decisioni in tema di prodotti, distribuzione, promozione e facilitazioni commerciali, nonché l identificazione del mercato e l individuazione di adeguati metodi di vendita. In pratica, dunque, è connessa con ogni aspetto dell attività commerciale, dall idea di prodotto fino al completo soddisfacimento del cliente. La definizione di ricerca di marketing data dall American Marketing Association è: La raccolta, la registrazione e l analisi sistematica dei dati riguardanti i problemi relativi al marketing di beni e servizi 2. A tal proposito risultano ben definite le aree di attività della ricerca di marketing, mentre i suoi obiettivi sono meno articolati. Kotler ha posto invece l accento sugli obiettivi, al fine di sostenere il management nell assunzione delle decisioni di indirizzo d azienda: Sistematica progettazione, raccolta, analisi e presentazione dei dati e delle informazioni rilevanti per una specifica situazione di marketing a cui l impresa deve far fronte 3. Con il termine ricerca di mercato, invece, s intende un ambito più ristretto rispetto alle ricerche di marketing; infatti, esse sono connesse all individuazione di informazioni relative al mercato di un particolare bene. Hanno carattere propedeutico alla definizione di una strategia e di un piano di 2 American Marketing Association, Report of the Definitions Committee, American Marketing Association, Chicago, Kotler P., Scott G.W., Marketing management, ISEDI, Torino, 1993, pag

12 fattibilità, da approfondire poi con ricerche più direttamente finalizzate a decisioni strategiche ed operative. Appare evidente che la distinzione è piuttosto sottile, quindi si può affermare che entrambi i tipi di ricerca hanno lo scopo di fornire informazioni significative per sviluppare e gestire in modo efficiente l intero processo decisionale. Le ricerche di mercato sono uno strumento essenziale per ridurre, non certo eliminare, l area di rischio per una decisione aziendale. Infatti, esse manifestano la loro utilità nel contributo a sintonizzare meglio fra loro la domanda e l offerta del mercato, sostenendo l azienda nel soddisfacimento della clientela. In sostanza, si può affermare che le ricerche di mercato soddisfino due esigenze fondamentali: mettere a disposizione tutte le informazioni e i dati statistici occorrenti per prendere una decisione; sviluppare nuove conoscenze. Le ricerche di mercato possono essere classificate in due macro-classi: RICERCHE QUALITATIVE: hanno il compito di comprendere un fenomeno attraverso la definizione dei concetti e delle idee che lo caratterizzano. Il termine qualitativo fa riferimento alla forma con cui sono espressi i risultati, impossibili da rappresentare sotto forma di numeri o relazioni quantitative fra variabili. RICERCHE QUANTITATIVE: hanno lo scopo di fornire informazioni ancorate a una base numerica predefinita in funzione del livello di errore statistico concordato e 11

13 accettato dall istituto e dalla committenza 4. In questo caso i risultati sono espressi sotto forma di numeri, valori, proporzioni e percentuali. La ricerca qualitativa è sempre meno uno strumento d indagine fine a se stesso e sempre più momento di verifica e realizzazione di nuove ipotesi di lavoro propedeutiche alla fase estensiva della ricerca. Da un punto di vista operativo gli obiettivi che la ricerca qualitativa deve soddisfare sono i seguenti: fornire concetti, espressioni, materiale per la costruzione del questionario; individuare tipi di comportamento-atteggiamento attraverso la specificazione degli elementi che li caratterizzano e degli eventuali legami esistenti fra gli uni e gli altri 5. All interno delle ricerche qualitative troviamo le ricerche esplorative, impiegate quando si vogliono verificare delle ipotesi. La ricerca esplorativa è la fase iniziale di una serie di studi programmati per fornire informazioni utili al processo decisorio. È di solito progettata per ottenere una visione preliminare della situazione con un minimo di costi e di tempo. Lo scopo di questa ricerca consiste nel formulare ipotesi che riguardino i problemi potenziali e/o le opportunità presenti nella situazione decisionale. Per ipotesi s intende una formulazione congetturale della relazione tra due o più caratteristiche. 4 Figini M., Fare ricerca per conoscere il cliente, Il Sole 24 Ore, Milano, 1998, pagg. 7 e De Candido Danilo, Guida alla ricerca motivazionale, Franco Angeli, Milano, 1992, pag

14 Il metodo di ricerca esplorativa è caratterizzato da un elevata flessibilità e versatilità d uso. Non è richiesto, infatti, l impiego di procedure specifiche, di esperimenti controllati o del campionamento probabilistico. Gli approcci più comuni per questo tipo di ricerche sono: ricerca su pubblicazioni; interviste ad esperti; discussioni di gruppo. La ricerca esplorativa può essere anche utile nell individuare dei piani d azione alternativi, con la speranza d includere la scelta ottimale nell insieme delle alternative da valutare. Tra le ricerche quantitative includiamo sia le ricerche descrittive che quelle causali (o sperimentali). La ricerca descrittiva, come suggerito dal nome, descrive le caratteristiche della popolazione studiata. Gli studi descrittivi sono possibili qualora si disponga, già nella fase di impostazione, di una conoscenza sostanziale delle variabili di marketing coinvolte nel problema da indagare. Affinché questo tipo di ricerca sia fattibile è consigliabile che le domande siano formulate in modo da ottenere informazioni dettagliate sulla dimensione del mercato totale e sulla quota delle varie marche, sui profili dei consumatori, sulle preferenze ed abitudini d acquisto, sulla distribuzione e sulle strategie competitive. Le ricerche descrittive possono essere attuate attraverso due diverse tecniche: le tecniche longitudinali: studi di ricerca che consentano la misura ripetuta di un evento, in un determinato periodo di tempo; la tecnica a sezione trasversale: descrive un evento solo in un dato momento, ma comparato ad altri eventi. 13

15 Quindi, le tecniche descrittive sono realizzate in modo strutturato, proiettate scientificamente e capaci di produrre una descrizione accurata dei fenomeni oggetto di studio. L obiettivo del metodo di ricerca causale è invece l identificazione dei fattori che sottostanno al comportamento del mercato e la valutazione di eventuali rapporti di causaeffetto esistenti tra le caratteristiche di una determinata popolazione. Si considera che due caratteristiche siano legate da una relazione di causa-effetto se, e solo se, al variare di una, corrisponderà una variazione dell altra, indipendentemente dalle variazioni dell ambiente circostante. La ricerca causale richiede un metodo pianificato e strutturato che oltre a ridurre al minimo l errore sistematico, permette conclusioni non ambigue riguardo alla causalità. Chisnall afferma che la causalità ha due aspetti importanti: la condizione di necessità e la condizione di sufficienza. Un evento può essere visto come la causa di un altro evento se è contemporaneamente la condizione necessaria e sufficiente per il verificarsi di quest ultimo. [ ] In una relazione causale, i due eventi non si verificano mai isolatamente 6. Per raggiungere l obiettivo principale, la ricerca causale si avvale del concetto di sperimentazione: s impongono variazioni su alcune caratteristiche al fine di misurare le corrispondenti variazioni verificatesi su una o più variabili. Le ricerche causali possono essere sviluppate in laboratorio e/o sul campo; la differenza fondamentale risiede nelle diverse condizioni in cui l esperimento viene effettuato. Mentre in laboratorio si simulano le condizioni reali effettuando, le opportune modifiche di alcune caratteristiche, sul campo si 6 Chisnall Peter M., Le ricerche di marketing, McGraw-Hill, Milano, 1992, pag

16 realizzano esperimenti in ambiti di vita quotidiana, cercando di variare alcuni caratteri ed osservando poi le relative conseguenze. È ovvio che le ricerche in laboratorio richiedano tempi più brevi e consentano una maggiore riservatezza, ma quelle sul campo sono più realistiche. Dopo aver dato la definizione di ricerca di mercato è interessante esaminare la nascita e lo sviluppo nel tempo della ricerca stessa. 15

17

18 3. LE FASI DI UNA RICERCA DI MERCATO Al fine di soddisfare gli obiettivi di una ricerca di mercato occorre che le indagini siano svolte con una metodologia molto rigorosa: ogni ricerca deve essere impostata ed attuata secondo uno schema che si articola in fasi successive. Tuttavia, prima di indicare quali siano le fasi principali è opportuno sottolineare che le ricerche di mercato non possono essere effettuate in modo rigido, seguendo alla lettera lo schema guida. Fatta questa breve considerazione, le fasi principali del processo di ricerca sono: definizione del problema; finalità ed obiettivi della ricerca; pianificazione della ricerca; valutazione economica; raccolta dei dati; elaborazione ed analisi dei dati; relazione finale. 3.1 Definizione del problema Prima di poter individuare la soluzione di un determinato problema è necessario definirlo nel modo più chiaro possibile: va precisato in tutti i suoi aspetti, nella sua natura e nelle sue dimensioni, evitando di assumere una definizione troppo ampia oppure troppo ristretta. Infatti, avendo una soddisfacente descrizione del problema si può elaborare una ricerca più efficace. 17

19 Definire correttamente un problema richiede una totale comprensione dei possibili obiettivi relativi alla situazione decisionale e una precisa formulazione dei problemi e delle opportunità presenti nella situazione decisionale stessa. Pertanto, si può affermare che la fase della definizione del problema si manifesta nel primo contatto che il ricercatore ha con il cliente: il ricercatore acquisisce elementi aggiuntivi sulla natura dell impresa cui si riferisce la ricerca e il cliente prende conoscenza di ciò che la ricerca stessa può o non può produrre. Per raggiungere più semplicemente una definizione piuttosto precisa del problema è opportuno analizzare la situazione concentrando l attenzione su tre elementi fondamentali: oggetto, entità del fenomeno, tempo nel quale si manifesta. L analisi della situazione viene effettuata al fine di ottenere notizie, dati ed informazioni che sono indispensabili per comprendere ed interpretare correttamente le condizioni nelle quali opera l impresa. È solamente attraverso l analisi della situazione, che il ricercatore ha la possibilità di farsi un idea precisa di tutte le relazioni che sussistono tra l azienda e il mercato, chiarendo il problema in tutti i suoi aspetti. Mentre l analisi della situazione è effettuata in un campo di azione vasto ma piuttosto superficiale, l indagine preliminare o esplorativa viene esercitata in un campo di azione più ristretto attorno al problema e viene condotta in profondità. Non essendo possibile sottoporre tutte le cause probabili ad accurate indagini e verifiche, l indagine preliminare permette di escluderne molte a priori, di individuare quelle che sono le più probabili, concentrando l attenzione su di esse e di rilevarne altre importanti che il ricercatore non è riuscito a formulare prima. Essa si rileva utile per almeno tre importanti motivi: aiuta a meglio specificare l obiettivo della ricerca; 18

20 contribuisce a mettere in luce le variabili più significative del problema, sulle quali sarà più agevole poi intervenire per ottenere i risultati desiderati; aiuta a capire fino a che punto il modello del fenomeno è valido, fino a che punto è noto ai managers interessati, fino a che punto può essere ulteriormente sviluppato 1. Quest indagine precede la ricerca vera e propria con il fine di sfrondare e selezionare, per dare la possibilità al ricercatore di giungere ad idee nuove e di scoprire relazioni tra le varie forze che operano sul mercato. Infatti, il principale vantaggio dell indagine esplorativa consiste in una migliore puntualizzazione del problema ed in una prima classificazione delle ipotesi che su di esso sono state fatte sin da quando è stato formulato. Il principale inconveniente, invece, riguarda la possibilità di raccogliere un enorme quantità di dati e di notizie che finiscono col disorientare e far perdere di vista quelli che sono gli obiettivi prioritari. 3.2 Finalità ed obiettivi della ricerca Una volta definito il problema si devono specificare la finalità e gli obiettivi della ricerca. La finalità consiste in una proposta di ricerca da parte dell impresa cliente. Essa specifica quale è il problema, definisce cosa è necessario conoscere e quali decisioni prendere per poterlo risolvere. È quindi necessario che dette finalità siano chiare, certe ed approvate per evitare di iniziare una ricerca che rivelerà poi elementi di inutilità. In particolare, ciò implica che fra le parti (impresa e ricercatore di mercato) sussista una 1 Picarelli Antonio, Tecniche delle ricerche di mercato, Rocco Curto, Napoli, 1994, pag

21 completa convergenza di opinioni relativamente a tre aspetti: i problemi (o le opportunità) che si desidera esplorare; le alternative decisionali da valutare; la natura dei destinatari della ricerca di mercato 2. Quando le finalità sono chiare occorre trasferirle in obiettivi concreti da perseguire. Nel definire gli obiettivi di ricerca è indispensabile operare attraverso tre diverse fasi: lo sviluppo di un ipotesi di ricerca; l individuazione dei quesiti della ricerca; la delimitazione degli ambiti della ricerca. La formulazione di un ipotesi di ricerca consente l immediata definizione dei quesiti della ricerca; quesiti che nascono dall attenta valutazione dei problemi di marketing con riferimento alle ipotesi di ricerca formulate. Per quanto concerne la terza fase è essenziale considerare l insieme degli elementi oggetto di studio, le caratteristiche da ricercare e il livello d accuratezza richiesta per i risultati. Di conseguenza gli obiettivi di ricerca servono a delineare il progetto di ricerca, indicando le informazioni specifiche che devono essere raccolte e le domande che devono essere sviluppate per il questionario. Ogni domanda del questionario dovrebbe corrispondere ad un esigenza di informazioni; se non viene stabilita una tale corrispondenza, verranno raccolti dati non necessari. 3.3 Pianificazione della ricerca Per piano di ricerca s intende una rappresentazione semplificata di tutti gli elementi necessari per condurre 2 Valdani Enrico, Marketing, UTET, Torino, 1995, pag

22 l analisi del problema (cioè del come s indaga e del dove, quando e con quali strumenti ). Nella fase di pianificazione viene affrontata anche la decisione relativa all eventuale ricorso a specialisti di ricerche di mercato esterni all impresa. Ci si rivolge ad essi nelle seguenti circostanze: 1. il personale interno può mancare delle necessarie competenze o esperienza; 2. le risorse interne possono essere insufficienti a completare la ricerca di mercato entro i limiti di tempo desiderati; 3. la fornitura esterna, grazie a curve d esperienza e a economie di scala, è spesso meno costosa; 4. considerazioni politiche possono far preferire esperti indipendenti 3. Un piano di ricerca, quindi, può manifestarsi secondo le seguenti linee: grado di precisione dei dati; tipo di risultati: l azienda può raccogliere solo informazioni di carattere qualitativo, oppure di carattere quantitativo o entrambi i tipi in funzione della finalità e degli obiettivi della ricerca; tempi di realizzazione e costo complessivo della ricerca (che possono condizionare le modalità di svolgimento dell indagine stessa); scelta delle tecniche di indagine e studio del campione: anch essi sono influenzati dai dati raccolti; studio dei test e del questionario; determinazione delle modalità di elaborazione dei dati: procedure informatiche per l elaborazione dei dati, scelta e presentazione dei tabulati; piano degli incroci dei dati finali. 3 Valdani Enrico, Marketing, UTET, Torino, 1995, pag

23 La definizione del piano di ricerca implica da un lato un problema di efficienza tecnica della ricerca (livello scientifico e adeguatezza strumentale) e dall altro un problema di economia, ossia di costi e di tempi in relazione ai risultati attesi. Evidentemente, i due problemi sono strettamente interconnessi e le loro soluzioni vanno ricercate simultaneamente 4. La fase della programmazione della ricerca riveste, quindi, molta importanza tanto da dover tenere sotto controllo ogni elemento. Da qui la necessità di predisporre meccanismi di controllo, i quali da un lato verificano l efficiente funzionamento delle risorse impiegate, cioè accertare in via continuativa la corretta interpretazione e la fedele esecuzione delle operazioni predisposte; dall altro lato verificano, anche questo costantemente, il corretto svolgimento sequenziale di quanto previsto dal programma. 3,4 Valutazione economica Per decidere se è conveniente intraprendere il lungo lavoro della ricerca di mercato è consigliabile confrontare l utilità dell indagine (benefici riscontrabili dal possedere certe informazioni) con il costo d acquisizione delle informazioni, decidendo quindi di attuarla solo se il primo elemento è maggiore del secondo. Nel determinare il costo di ricerca le macro classi che possono essere prese in considerazione sono: a) Costo del lavoro: Interviste Caricamento dati Controllo e coordinamento 4 Picarelli A., Tecniche delle ricerche di mercato, Rocco Curto Editore, Napoli, 1994, pag

24 b) Costi diversi: Materiale di cartoleria Spostamenti degli intervistatori ed eventuale retribuzione Utilizzo del computer Mentre è abbastanza semplice quantificare i costi direttamente associati al progetto di ricerca, è molto difficile quantificare i benefici. Essi sono spesso soggettivi, di conseguenza la valutazione della ricerca è di per sé soggettiva. Il valore della ricerca è, infatti, correlato a tre fattori: a) l importanza delle informazioni ottenibili, b) l incertezza sopportabile per un buon funzionamento dei processi decisionali, c) l influenza che le informazioni raccolte possono avere sul processo decisionale 5. Poiché il valore delle informazioni di ricerca è collegato al grado d incertezza del manager e ai benefici probabili dell attività di ricerca, maggiore è l incertezza, o maggiore è la dimensione del mercato o del margine lordo di contribuzione, più valore viene attribuito alle informazioni desunte dalle ricerche. Esistono diversi metodi per valutare l incertezza o il beneficio (ad esempio, il metodo di riduzione delle perdite, il metodo della teoria delle decisioni o bayesiano, ecc.), tuttavia, per le finalità del presente lavoro riteniamo opportuno non approfondire tali argomentazioni. 5 Barile S. Metallo G., Le ricerche di mercato. Aspetti metodologici e applicativi, G. Giappichelli, Torino, 1994, pagg

25 3.5 Raccolta dei dati La raccolta dei dati costituisce la parte centrale dell attività in studio, in quanto l efficienza del programma di ricerca si basa sull affidabilità e sulla validità dei dati raccolti dai ricercatori. Si deve però precisare che in alcuni casi non vi è affatto necessità di raccogliere i dati e che la ricerca si possa considerare conclusa con l indagine preliminare. Ciò può avvenire perché: le notizie ed i dati ottenuti con l analisi della situazione e con la ricerca preliminare sono sufficienti alla direzione dell impresa per prendere le decisioni necessarie; il costo ulteriore della ricerca è superiore alla perdita o al mancato profitto in conseguenza delle decisioni prese senza disporre dei dati mancanti; le decisioni devono essere prese ad una scadenza talmente prossima che non vi è tempo materiale per la raccolta dei dati 6. Il processo di raccolta dati è critico, in quanto assorbe in genere una gran parte del tempo e del budget di ricerca. Inoltre genera una parte rilevante dell eventuale errore totale nei risultati. Di conseguenza, emerge subito l importanza della selezione, dell addestramento e del controllo degli operatori. È indispensabile reclutare intervistatori onesti, attivi, capaci di comunicare con persone appartenenti a vari livelli sociali e professionalmente seri, in modo da ridurre notevolmente il rischio di creare distorsioni e problemi legati alla realizzazione delle interviste. Dato che condurre un intervista è un fatto così personale, è importante scegliere l intervistatore in base alla tipologia di persone che dovrà mettere in contatto e all argomento su cui 6 Buttazzi R. Penati L., Le ricerche commerciali (di marketing), Franco Angeli, Milano, 1987, pag

26 proporrà le domande. Alcuni soggetti, infatti, possono essere adatti per certi tipi di interviste e non per altre, oppure essere capaci d impostare un buon rapporto più facilmente con certi interlocutori che non con altri. Una volta eseguita la selezione, l addestramento varia in relazione all esperienza dei soggetti e alla natura dell indagine in cui verranno impiegati. L addestramento, secondo Chisnall, dovrebbe servire a far conoscere gli obiettivi generali della ricerca, i metodi e le tecniche d indagine; oltre a seminari pratici può risultare utile fornire ai nuovi elementi del gruppo di ricerca un manuale scritto nel quale venga chiaramente evidenziata l importanza che l intervista riveste ai fini del successo finale del lavoro 7. Nell attività di raccolta dati importanti sono anche la realizzazione di un piano dei tempi e la preparazione del budget. Per effettuare un piano dei tempi è necessario compilare la lista delle attività da svolgere (vedere quali possono essere svolte in contemporanea e quali invece possono partire solo a conclusione di altre) e valutare i tempi necessari per lo svolgimento di ogni singola attività. La redazione del budget, invece, richiede la valutazione del costo di tutte le singole attività da effettuare per la ricerca dei dati sul campo. I contenuti del budget riguardano principalmente i costi di ufficio, personale, materiali accessori, utilizzo strumentazione, coordinamento e supervisione dell attività. 7 Chisnall Peter M., Le ricerche di marketing, McGraw-Hill, Milano, 1992, pag

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Nozioni metodologiche di base e pratiche consigliate per rilevazioni statistiche dirette o basate su fonti amministrative Marco Fortini Istituto Nazionale

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli