APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO"

Transcript

1 ELENA CEDROLA APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO Pubblicazioni dell I.S.U. Università Cattolica

2 ELENA CEDROLA APPUNTI SULLE RICERCHE DI MERCATO Milano 2001

3 2001 I.S.U. Università Cattolica Largo Gemelli, 1 Milano

4 INDICE 1. L EVOLUZIONE DELLA RICERCA DI MERCATO LA DEFINIZIONE DI RICERCA DI MERCATO LE FASI DI UNA RICERCA DI MERCATO Definizione del problema Finalità ed obiettivi della ricerca Pianificazione della ricerca ,4 Valutazione economica Raccolta dei dati ,5 Elaborazione ed analisi dei dati Stesura della relazione finale METODI E TECNICHE PER LA RACCOLTA DEI DATI L osservazione La sperimentazione Il sondaggio Le tecniche motivazionali Modalità di realizzo di una ricerca motivazionale Interviste in profondità Interviste di gruppo (focus group) Tecniche proiettive d intervista La definizione dell intervista L intervista personale (face to face) Vantaggi e svantaggi dell intervista personale

5 4.7 L intervista telefonica Vantaggi e svantaggi dell intervista telefonica Modalità di conduzione dell intervista telefonica L intervista postale Vantaggi e svantaggi dell intervista postale Le interviste autocompilate IL CAMPIONAMENTO PER LA RICERCA DI MERCATO Vantaggi e limiti del campionamento Le procedure di campionamento I principali campioni probabilistici Campionamento casuale semplice Campionamento sistematico o quasi casuale Campionamento casuale stratificato Campionamento a grappolo Campionamento per aree Campionamento a stadi Campionamento ripetuto Campionamento fisso Campionamento a fasi I principali campioni non probabilistici Campione di convenienza Campione di giudizio o ragionato Campione per quota Gli errori di campionamento Conclusioni Bibliografia

6 1. L EVOLUZIONE DELLA RICERCA DI MERCATO L origine e i primi sviluppi della ricerca di marketing vanno ricercati negli Stati Uniti, dove il marketing nasce come funzione di gestione aziendale specifica. Durante il periodo l interesse del management era incentrato principalmente sui problemi e le opportunità legate alla produzione; nel dopoguerra l attenzione maggiore si è andata concentrando sulle esigenze di vendita e solo negli anni 70/ 80 si è passati a considerare il mercato e i desideri del consumatore (Tab. n. 1). Tabella n. 1: Il rapporto azienda/mercato L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO NEL TEMPO ORIENTAMENTO ATTENZIONE STRUMENTI PER GESTIRE IL RAPPORTO IMPRESA/MERCATO Inizio secolo ALLA COSTI DI TECNOLOGIA (USA) PRODUZIONE PRODUZIONE Dopoguerra ALLE VENDITE AGGRESSIONE DEL MERCATO AZIONI DI VENDITA Anni 70/80 AL MERCATO/ CLIENTE BISOGNI DEI CONSUMATORI MARKETING RICERCHE DI MERCATO Fonte: Cerrito Massimiliano, Tecnica delle ricerche di mercato, Esselibri Simone, Napoli, 1992, pag

7 Nonostante esista qualche sovrapposizione tra uno stadio e l altro, Lazer individua cinque fasi dello sviluppo della ricerca di mercato: 1) Prima del 1905: applicazioni della ricerca ai problemi di marketing. Si ritiene che la prima applicazione risalga al 1879 con un indagine rudimentale sul mercato del grano negli USA. 2) : approccio organizzato alle informazioni di mercato. Prima del 1910 le ricerche di marketing venivano utilizzate solo occasionalmente e le uniche tecniche applicate erano l osservazione diretta e i sondaggi elementari. L introduzione ufficiale viene fatta risalire al 1911, quando venne fondato il Bureau of Business Research alla Harvard Graduate School of Business. Charles Coolidge Parlin, direttore della divisione di ricerca commerciale alla Curtis Publishing Company, affrontò il problema della sistematicità dei dati nelle ricerche ed iniziò ad utilizzare metodologie innovative nei suoi studi. 3) : strutturazione della ricerca di marketing come disciplina. È in questi anni che le tecniche diventano sempre più rigorose e meglio definite. Gli studi e le ricerche con questionari sono sistemi molto diffusi per la raccolta dei dati. Con lo sviluppo della ricerca, fu migliorata la costruzione del questionario e la struttura della domanda, ma aumentò la consapevolezza delle distorsioni che potevano derivare sia dalle interviste che dal questionario. Grande stimolo all utilizzo delle ricerche fu dato nel corso degli anni Trenta dalle indagini sulle classi sociali, sollecitate 6

8 dalla nuova sensibilità verso le misere condizioni di vita delle classi lavoratrici. 4) : consolidamento e affinamento della ricerca di marketing. Con l intensa crescita economica si assiste alla diffusione della ricerca di marketing e alla sua precisazione metodologica. 5) : ristrutturazione e nascita dell era moderna della ricerca di marketing. Si caratterizza come un periodo di ristrutturazione, di affinamento e di convergenza interdisciplinare ; infatti vengono raffinate sia la teoria del campionamento sia il rigore metodologico alla base dei singoli progetti di ricerca e si ha l introduzione dell inferenza statistica avanzata. Contemporaneamente si utilizzano concetti e tecniche psicologiche per studiare il comportamento del consumatore. Dopo la seconda guerra mondiale le ricerche di marketing hanno una fase di sviluppo senza precedenti, in parallelo alla crescente accettazione del concetto di marketing. Anche l innovazione metodologica, specialmente nell area delle ricerche quantitative di marketing, si presenta gradualmente dal 1950 ai primi anni 60. Negli anni 80 e 90 i progressi tecnologici nel campo del computer e settori collegati sentonono lo sviluppo di nuove tecniche di ricerca: analisi congiunta e analisi delle alternative, analisi causale, sistemi computerizzati di intervista, codici a barre e lettori ottici (scanner), correlazione canonica. A questo punto risulta evidente l evoluzione e l importanza delle ricerche di mercato nel tempo, tuttavia le imprese hanno opinioni divergenti in merito al loro ruolo ed ai loro compiti. 7

9 Alcune, infatti, le ritengono semplicemente un metodo ad hoc per la raccolta e l analisi dei dati da utilizzare solo quando esistono problemi da risolvere; altre invece considerano il settore delle ricerche di marketing come un centro di informazioni di supporto al processo decisionale. 8

10 2. LA DEFINIZIONE DI RICERCA DI MERCATO Conoscere, disporre di informazioni è importante per il conseguimento del vantaggio competitivo, dello sviluppo e del successo commerciale di un impresa. Tuttavia, la conoscenza è un grande mare nel quale spesso è difficile navigare senza sbagliare la rotta, perdere tempo e risorse. Occorre una bussola, uno strumento selettivo che dia efficacia al tempo e alle risorse manageriali impegnate nella fase di raccolta dati. In questo senso può essere utile avere presenti opportunità e modalità delle ricerche di mercato, per selezionare appunto gli strumenti più adatti di navigazione e arrivare in modo produttivo alle informazioni utili a realizzare i migliori risultati decisionali 1. Esistono molte definizioni di ricerca di marketing e, per un periodo, si è riscontrata nella letteratura una sovrapposizione con il termine ricerca di mercato, usato in realtà impropriamente per descrivere tutte le attività coperte dalla ricerca di marketing. Ancora oggi, alcuni autori ritengono che i due concetti possano essere usati come sinonimi; altri invece, operano una distinzione, non solo di tipo terminologico, fra gli obiettivi e le attività della ricerca di marketing e quelli della ricerca di mercato. 1 Dalla presentazione di Santagalli Flavio in Figini Mario, Fare ricerca per conoscere il cliente, Il Sole 24 Ore, Milano,1998, pag. VII. 9

11 L ambito definito dalla ricerca di marketing è molto più esteso di quello della ricerca di mercato; infatti, la prima può essere definita come l insieme degli studi volti a selezionare tutti gli elementi rilevanti di informazione utilizzabili per le decisioni in tema di prodotti, distribuzione, promozione e facilitazioni commerciali, nonché l identificazione del mercato e l individuazione di adeguati metodi di vendita. In pratica, dunque, è connessa con ogni aspetto dell attività commerciale, dall idea di prodotto fino al completo soddisfacimento del cliente. La definizione di ricerca di marketing data dall American Marketing Association è: La raccolta, la registrazione e l analisi sistematica dei dati riguardanti i problemi relativi al marketing di beni e servizi 2. A tal proposito risultano ben definite le aree di attività della ricerca di marketing, mentre i suoi obiettivi sono meno articolati. Kotler ha posto invece l accento sugli obiettivi, al fine di sostenere il management nell assunzione delle decisioni di indirizzo d azienda: Sistematica progettazione, raccolta, analisi e presentazione dei dati e delle informazioni rilevanti per una specifica situazione di marketing a cui l impresa deve far fronte 3. Con il termine ricerca di mercato, invece, s intende un ambito più ristretto rispetto alle ricerche di marketing; infatti, esse sono connesse all individuazione di informazioni relative al mercato di un particolare bene. Hanno carattere propedeutico alla definizione di una strategia e di un piano di 2 American Marketing Association, Report of the Definitions Committee, American Marketing Association, Chicago, Kotler P., Scott G.W., Marketing management, ISEDI, Torino, 1993, pag

12 fattibilità, da approfondire poi con ricerche più direttamente finalizzate a decisioni strategiche ed operative. Appare evidente che la distinzione è piuttosto sottile, quindi si può affermare che entrambi i tipi di ricerca hanno lo scopo di fornire informazioni significative per sviluppare e gestire in modo efficiente l intero processo decisionale. Le ricerche di mercato sono uno strumento essenziale per ridurre, non certo eliminare, l area di rischio per una decisione aziendale. Infatti, esse manifestano la loro utilità nel contributo a sintonizzare meglio fra loro la domanda e l offerta del mercato, sostenendo l azienda nel soddisfacimento della clientela. In sostanza, si può affermare che le ricerche di mercato soddisfino due esigenze fondamentali: mettere a disposizione tutte le informazioni e i dati statistici occorrenti per prendere una decisione; sviluppare nuove conoscenze. Le ricerche di mercato possono essere classificate in due macro-classi: RICERCHE QUALITATIVE: hanno il compito di comprendere un fenomeno attraverso la definizione dei concetti e delle idee che lo caratterizzano. Il termine qualitativo fa riferimento alla forma con cui sono espressi i risultati, impossibili da rappresentare sotto forma di numeri o relazioni quantitative fra variabili. RICERCHE QUANTITATIVE: hanno lo scopo di fornire informazioni ancorate a una base numerica predefinita in funzione del livello di errore statistico concordato e 11

13 accettato dall istituto e dalla committenza 4. In questo caso i risultati sono espressi sotto forma di numeri, valori, proporzioni e percentuali. La ricerca qualitativa è sempre meno uno strumento d indagine fine a se stesso e sempre più momento di verifica e realizzazione di nuove ipotesi di lavoro propedeutiche alla fase estensiva della ricerca. Da un punto di vista operativo gli obiettivi che la ricerca qualitativa deve soddisfare sono i seguenti: fornire concetti, espressioni, materiale per la costruzione del questionario; individuare tipi di comportamento-atteggiamento attraverso la specificazione degli elementi che li caratterizzano e degli eventuali legami esistenti fra gli uni e gli altri 5. All interno delle ricerche qualitative troviamo le ricerche esplorative, impiegate quando si vogliono verificare delle ipotesi. La ricerca esplorativa è la fase iniziale di una serie di studi programmati per fornire informazioni utili al processo decisorio. È di solito progettata per ottenere una visione preliminare della situazione con un minimo di costi e di tempo. Lo scopo di questa ricerca consiste nel formulare ipotesi che riguardino i problemi potenziali e/o le opportunità presenti nella situazione decisionale. Per ipotesi s intende una formulazione congetturale della relazione tra due o più caratteristiche. 4 Figini M., Fare ricerca per conoscere il cliente, Il Sole 24 Ore, Milano, 1998, pagg. 7 e De Candido Danilo, Guida alla ricerca motivazionale, Franco Angeli, Milano, 1992, pag

14 Il metodo di ricerca esplorativa è caratterizzato da un elevata flessibilità e versatilità d uso. Non è richiesto, infatti, l impiego di procedure specifiche, di esperimenti controllati o del campionamento probabilistico. Gli approcci più comuni per questo tipo di ricerche sono: ricerca su pubblicazioni; interviste ad esperti; discussioni di gruppo. La ricerca esplorativa può essere anche utile nell individuare dei piani d azione alternativi, con la speranza d includere la scelta ottimale nell insieme delle alternative da valutare. Tra le ricerche quantitative includiamo sia le ricerche descrittive che quelle causali (o sperimentali). La ricerca descrittiva, come suggerito dal nome, descrive le caratteristiche della popolazione studiata. Gli studi descrittivi sono possibili qualora si disponga, già nella fase di impostazione, di una conoscenza sostanziale delle variabili di marketing coinvolte nel problema da indagare. Affinché questo tipo di ricerca sia fattibile è consigliabile che le domande siano formulate in modo da ottenere informazioni dettagliate sulla dimensione del mercato totale e sulla quota delle varie marche, sui profili dei consumatori, sulle preferenze ed abitudini d acquisto, sulla distribuzione e sulle strategie competitive. Le ricerche descrittive possono essere attuate attraverso due diverse tecniche: le tecniche longitudinali: studi di ricerca che consentano la misura ripetuta di un evento, in un determinato periodo di tempo; la tecnica a sezione trasversale: descrive un evento solo in un dato momento, ma comparato ad altri eventi. 13

15 Quindi, le tecniche descrittive sono realizzate in modo strutturato, proiettate scientificamente e capaci di produrre una descrizione accurata dei fenomeni oggetto di studio. L obiettivo del metodo di ricerca causale è invece l identificazione dei fattori che sottostanno al comportamento del mercato e la valutazione di eventuali rapporti di causaeffetto esistenti tra le caratteristiche di una determinata popolazione. Si considera che due caratteristiche siano legate da una relazione di causa-effetto se, e solo se, al variare di una, corrisponderà una variazione dell altra, indipendentemente dalle variazioni dell ambiente circostante. La ricerca causale richiede un metodo pianificato e strutturato che oltre a ridurre al minimo l errore sistematico, permette conclusioni non ambigue riguardo alla causalità. Chisnall afferma che la causalità ha due aspetti importanti: la condizione di necessità e la condizione di sufficienza. Un evento può essere visto come la causa di un altro evento se è contemporaneamente la condizione necessaria e sufficiente per il verificarsi di quest ultimo. [ ] In una relazione causale, i due eventi non si verificano mai isolatamente 6. Per raggiungere l obiettivo principale, la ricerca causale si avvale del concetto di sperimentazione: s impongono variazioni su alcune caratteristiche al fine di misurare le corrispondenti variazioni verificatesi su una o più variabili. Le ricerche causali possono essere sviluppate in laboratorio e/o sul campo; la differenza fondamentale risiede nelle diverse condizioni in cui l esperimento viene effettuato. Mentre in laboratorio si simulano le condizioni reali effettuando, le opportune modifiche di alcune caratteristiche, sul campo si 6 Chisnall Peter M., Le ricerche di marketing, McGraw-Hill, Milano, 1992, pag

16 realizzano esperimenti in ambiti di vita quotidiana, cercando di variare alcuni caratteri ed osservando poi le relative conseguenze. È ovvio che le ricerche in laboratorio richiedano tempi più brevi e consentano una maggiore riservatezza, ma quelle sul campo sono più realistiche. Dopo aver dato la definizione di ricerca di mercato è interessante esaminare la nascita e lo sviluppo nel tempo della ricerca stessa. 15

17

18 3. LE FASI DI UNA RICERCA DI MERCATO Al fine di soddisfare gli obiettivi di una ricerca di mercato occorre che le indagini siano svolte con una metodologia molto rigorosa: ogni ricerca deve essere impostata ed attuata secondo uno schema che si articola in fasi successive. Tuttavia, prima di indicare quali siano le fasi principali è opportuno sottolineare che le ricerche di mercato non possono essere effettuate in modo rigido, seguendo alla lettera lo schema guida. Fatta questa breve considerazione, le fasi principali del processo di ricerca sono: definizione del problema; finalità ed obiettivi della ricerca; pianificazione della ricerca; valutazione economica; raccolta dei dati; elaborazione ed analisi dei dati; relazione finale. 3.1 Definizione del problema Prima di poter individuare la soluzione di un determinato problema è necessario definirlo nel modo più chiaro possibile: va precisato in tutti i suoi aspetti, nella sua natura e nelle sue dimensioni, evitando di assumere una definizione troppo ampia oppure troppo ristretta. Infatti, avendo una soddisfacente descrizione del problema si può elaborare una ricerca più efficace. 17

19 Definire correttamente un problema richiede una totale comprensione dei possibili obiettivi relativi alla situazione decisionale e una precisa formulazione dei problemi e delle opportunità presenti nella situazione decisionale stessa. Pertanto, si può affermare che la fase della definizione del problema si manifesta nel primo contatto che il ricercatore ha con il cliente: il ricercatore acquisisce elementi aggiuntivi sulla natura dell impresa cui si riferisce la ricerca e il cliente prende conoscenza di ciò che la ricerca stessa può o non può produrre. Per raggiungere più semplicemente una definizione piuttosto precisa del problema è opportuno analizzare la situazione concentrando l attenzione su tre elementi fondamentali: oggetto, entità del fenomeno, tempo nel quale si manifesta. L analisi della situazione viene effettuata al fine di ottenere notizie, dati ed informazioni che sono indispensabili per comprendere ed interpretare correttamente le condizioni nelle quali opera l impresa. È solamente attraverso l analisi della situazione, che il ricercatore ha la possibilità di farsi un idea precisa di tutte le relazioni che sussistono tra l azienda e il mercato, chiarendo il problema in tutti i suoi aspetti. Mentre l analisi della situazione è effettuata in un campo di azione vasto ma piuttosto superficiale, l indagine preliminare o esplorativa viene esercitata in un campo di azione più ristretto attorno al problema e viene condotta in profondità. Non essendo possibile sottoporre tutte le cause probabili ad accurate indagini e verifiche, l indagine preliminare permette di escluderne molte a priori, di individuare quelle che sono le più probabili, concentrando l attenzione su di esse e di rilevarne altre importanti che il ricercatore non è riuscito a formulare prima. Essa si rileva utile per almeno tre importanti motivi: aiuta a meglio specificare l obiettivo della ricerca; 18

20 contribuisce a mettere in luce le variabili più significative del problema, sulle quali sarà più agevole poi intervenire per ottenere i risultati desiderati; aiuta a capire fino a che punto il modello del fenomeno è valido, fino a che punto è noto ai managers interessati, fino a che punto può essere ulteriormente sviluppato 1. Quest indagine precede la ricerca vera e propria con il fine di sfrondare e selezionare, per dare la possibilità al ricercatore di giungere ad idee nuove e di scoprire relazioni tra le varie forze che operano sul mercato. Infatti, il principale vantaggio dell indagine esplorativa consiste in una migliore puntualizzazione del problema ed in una prima classificazione delle ipotesi che su di esso sono state fatte sin da quando è stato formulato. Il principale inconveniente, invece, riguarda la possibilità di raccogliere un enorme quantità di dati e di notizie che finiscono col disorientare e far perdere di vista quelli che sono gli obiettivi prioritari. 3.2 Finalità ed obiettivi della ricerca Una volta definito il problema si devono specificare la finalità e gli obiettivi della ricerca. La finalità consiste in una proposta di ricerca da parte dell impresa cliente. Essa specifica quale è il problema, definisce cosa è necessario conoscere e quali decisioni prendere per poterlo risolvere. È quindi necessario che dette finalità siano chiare, certe ed approvate per evitare di iniziare una ricerca che rivelerà poi elementi di inutilità. In particolare, ciò implica che fra le parti (impresa e ricercatore di mercato) sussista una 1 Picarelli Antonio, Tecniche delle ricerche di mercato, Rocco Curto, Napoli, 1994, pag

21 completa convergenza di opinioni relativamente a tre aspetti: i problemi (o le opportunità) che si desidera esplorare; le alternative decisionali da valutare; la natura dei destinatari della ricerca di mercato 2. Quando le finalità sono chiare occorre trasferirle in obiettivi concreti da perseguire. Nel definire gli obiettivi di ricerca è indispensabile operare attraverso tre diverse fasi: lo sviluppo di un ipotesi di ricerca; l individuazione dei quesiti della ricerca; la delimitazione degli ambiti della ricerca. La formulazione di un ipotesi di ricerca consente l immediata definizione dei quesiti della ricerca; quesiti che nascono dall attenta valutazione dei problemi di marketing con riferimento alle ipotesi di ricerca formulate. Per quanto concerne la terza fase è essenziale considerare l insieme degli elementi oggetto di studio, le caratteristiche da ricercare e il livello d accuratezza richiesta per i risultati. Di conseguenza gli obiettivi di ricerca servono a delineare il progetto di ricerca, indicando le informazioni specifiche che devono essere raccolte e le domande che devono essere sviluppate per il questionario. Ogni domanda del questionario dovrebbe corrispondere ad un esigenza di informazioni; se non viene stabilita una tale corrispondenza, verranno raccolti dati non necessari. 3.3 Pianificazione della ricerca Per piano di ricerca s intende una rappresentazione semplificata di tutti gli elementi necessari per condurre 2 Valdani Enrico, Marketing, UTET, Torino, 1995, pag

22 l analisi del problema (cioè del come s indaga e del dove, quando e con quali strumenti ). Nella fase di pianificazione viene affrontata anche la decisione relativa all eventuale ricorso a specialisti di ricerche di mercato esterni all impresa. Ci si rivolge ad essi nelle seguenti circostanze: 1. il personale interno può mancare delle necessarie competenze o esperienza; 2. le risorse interne possono essere insufficienti a completare la ricerca di mercato entro i limiti di tempo desiderati; 3. la fornitura esterna, grazie a curve d esperienza e a economie di scala, è spesso meno costosa; 4. considerazioni politiche possono far preferire esperti indipendenti 3. Un piano di ricerca, quindi, può manifestarsi secondo le seguenti linee: grado di precisione dei dati; tipo di risultati: l azienda può raccogliere solo informazioni di carattere qualitativo, oppure di carattere quantitativo o entrambi i tipi in funzione della finalità e degli obiettivi della ricerca; tempi di realizzazione e costo complessivo della ricerca (che possono condizionare le modalità di svolgimento dell indagine stessa); scelta delle tecniche di indagine e studio del campione: anch essi sono influenzati dai dati raccolti; studio dei test e del questionario; determinazione delle modalità di elaborazione dei dati: procedure informatiche per l elaborazione dei dati, scelta e presentazione dei tabulati; piano degli incroci dei dati finali. 3 Valdani Enrico, Marketing, UTET, Torino, 1995, pag

23 La definizione del piano di ricerca implica da un lato un problema di efficienza tecnica della ricerca (livello scientifico e adeguatezza strumentale) e dall altro un problema di economia, ossia di costi e di tempi in relazione ai risultati attesi. Evidentemente, i due problemi sono strettamente interconnessi e le loro soluzioni vanno ricercate simultaneamente 4. La fase della programmazione della ricerca riveste, quindi, molta importanza tanto da dover tenere sotto controllo ogni elemento. Da qui la necessità di predisporre meccanismi di controllo, i quali da un lato verificano l efficiente funzionamento delle risorse impiegate, cioè accertare in via continuativa la corretta interpretazione e la fedele esecuzione delle operazioni predisposte; dall altro lato verificano, anche questo costantemente, il corretto svolgimento sequenziale di quanto previsto dal programma. 3,4 Valutazione economica Per decidere se è conveniente intraprendere il lungo lavoro della ricerca di mercato è consigliabile confrontare l utilità dell indagine (benefici riscontrabili dal possedere certe informazioni) con il costo d acquisizione delle informazioni, decidendo quindi di attuarla solo se il primo elemento è maggiore del secondo. Nel determinare il costo di ricerca le macro classi che possono essere prese in considerazione sono: a) Costo del lavoro: Interviste Caricamento dati Controllo e coordinamento 4 Picarelli A., Tecniche delle ricerche di mercato, Rocco Curto Editore, Napoli, 1994, pag

24 b) Costi diversi: Materiale di cartoleria Spostamenti degli intervistatori ed eventuale retribuzione Utilizzo del computer Mentre è abbastanza semplice quantificare i costi direttamente associati al progetto di ricerca, è molto difficile quantificare i benefici. Essi sono spesso soggettivi, di conseguenza la valutazione della ricerca è di per sé soggettiva. Il valore della ricerca è, infatti, correlato a tre fattori: a) l importanza delle informazioni ottenibili, b) l incertezza sopportabile per un buon funzionamento dei processi decisionali, c) l influenza che le informazioni raccolte possono avere sul processo decisionale 5. Poiché il valore delle informazioni di ricerca è collegato al grado d incertezza del manager e ai benefici probabili dell attività di ricerca, maggiore è l incertezza, o maggiore è la dimensione del mercato o del margine lordo di contribuzione, più valore viene attribuito alle informazioni desunte dalle ricerche. Esistono diversi metodi per valutare l incertezza o il beneficio (ad esempio, il metodo di riduzione delle perdite, il metodo della teoria delle decisioni o bayesiano, ecc.), tuttavia, per le finalità del presente lavoro riteniamo opportuno non approfondire tali argomentazioni. 5 Barile S. Metallo G., Le ricerche di mercato. Aspetti metodologici e applicativi, G. Giappichelli, Torino, 1994, pagg

25 3.5 Raccolta dei dati La raccolta dei dati costituisce la parte centrale dell attività in studio, in quanto l efficienza del programma di ricerca si basa sull affidabilità e sulla validità dei dati raccolti dai ricercatori. Si deve però precisare che in alcuni casi non vi è affatto necessità di raccogliere i dati e che la ricerca si possa considerare conclusa con l indagine preliminare. Ciò può avvenire perché: le notizie ed i dati ottenuti con l analisi della situazione e con la ricerca preliminare sono sufficienti alla direzione dell impresa per prendere le decisioni necessarie; il costo ulteriore della ricerca è superiore alla perdita o al mancato profitto in conseguenza delle decisioni prese senza disporre dei dati mancanti; le decisioni devono essere prese ad una scadenza talmente prossima che non vi è tempo materiale per la raccolta dei dati 6. Il processo di raccolta dati è critico, in quanto assorbe in genere una gran parte del tempo e del budget di ricerca. Inoltre genera una parte rilevante dell eventuale errore totale nei risultati. Di conseguenza, emerge subito l importanza della selezione, dell addestramento e del controllo degli operatori. È indispensabile reclutare intervistatori onesti, attivi, capaci di comunicare con persone appartenenti a vari livelli sociali e professionalmente seri, in modo da ridurre notevolmente il rischio di creare distorsioni e problemi legati alla realizzazione delle interviste. Dato che condurre un intervista è un fatto così personale, è importante scegliere l intervistatore in base alla tipologia di persone che dovrà mettere in contatto e all argomento su cui 6 Buttazzi R. Penati L., Le ricerche commerciali (di marketing), Franco Angeli, Milano, 1987, pag

26 proporrà le domande. Alcuni soggetti, infatti, possono essere adatti per certi tipi di interviste e non per altre, oppure essere capaci d impostare un buon rapporto più facilmente con certi interlocutori che non con altri. Una volta eseguita la selezione, l addestramento varia in relazione all esperienza dei soggetti e alla natura dell indagine in cui verranno impiegati. L addestramento, secondo Chisnall, dovrebbe servire a far conoscere gli obiettivi generali della ricerca, i metodi e le tecniche d indagine; oltre a seminari pratici può risultare utile fornire ai nuovi elementi del gruppo di ricerca un manuale scritto nel quale venga chiaramente evidenziata l importanza che l intervista riveste ai fini del successo finale del lavoro 7. Nell attività di raccolta dati importanti sono anche la realizzazione di un piano dei tempi e la preparazione del budget. Per effettuare un piano dei tempi è necessario compilare la lista delle attività da svolgere (vedere quali possono essere svolte in contemporanea e quali invece possono partire solo a conclusione di altre) e valutare i tempi necessari per lo svolgimento di ogni singola attività. La redazione del budget, invece, richiede la valutazione del costo di tutte le singole attività da effettuare per la ricerca dei dati sul campo. I contenuti del budget riguardano principalmente i costi di ufficio, personale, materiali accessori, utilizzo strumentazione, coordinamento e supervisione dell attività. 7 Chisnall Peter M., Le ricerche di marketing, McGraw-Hill, Milano, 1992, pag

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda

Capire i mercati. Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca. Agenda Capire i mercati Prof. Francesco Paoletti Corso di laurea in Scienze della comunicazione Università di Milano - Bicocca Agenda w Quali sono le componenti di un moderno sistema informativo di marketing?

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE

1) IL MODELLO DI VALUTAZIONE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL DIRETTORE DELL ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICO SOCIALI. Il sistema di valutazione si articola, dal punto di vista metodologico, in tre aspetti distinti ma tra

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

LE RICERCHE DI MERCATO

LE RICERCHE DI MERCATO LE RICERCHE DI MERCATO IL MARKETING: UNA DEFINIZIONE STUDIO DELLE NORME DI COMPORTAMENTO DI UNA AZIENDA CON RIGUARDO ALLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE E CONTROLLO DELLE ATTIVITA DI SCAMBIO. QUESTE NORME

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Le ricerche di marketing Cap. 4

Le ricerche di marketing Cap. 4 Le ricerche di marketing Cap. 4 Le Ricerche di Mercato Introduzione Per prendere decisioni efficaci i responsabili Marketing hanno bisogno di informazioni aggiornate, attendibili e utili. Di qui la necessità

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management!

Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management! easypoli Continuous/ Improvement/and/ Project/ Management / / Lagestionedeiprogetticonil metododmaic www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Continuous(Improvement(and$Project$Management$

Dettagli

*HQHUDOLWj. FRPPHVVD, specie se si fa riferimento a commesse con queste caratteristiche: D grandi dimensioni; E lunga durata (spesso pluriennale);

*HQHUDOLWj. FRPPHVVD, specie se si fa riferimento a commesse con queste caratteristiche: D grandi dimensioni; E lunga durata (spesso pluriennale); ,/&21752//2'(//(352'8=,21, 68&200(66$('(,352*(77, *HQHUDOLWj I criteri di formazione del budget e di analisi degli scostamenti illustrati nei precedenti capitoli riguardano prevalentemente le aziende con

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE

Scegliere l abito. Laboratori gratuiti formativi ed informativi per la creazione d impresa 4 ORE Scegliere l abito Distinguere le forme giuridiche per svolgere l attività imprenditoriale e individuare la forma più idonea in funzione dell idea d impresa Spesso le persone che intendono orientarsi all

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1

CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DI RICERCHE DI MERCATO, DI TIPO QUALITATIVO E QUANTITATIVO, SULLA COMUNICAZIONE E LA BRAND IMAGE PER LE SOCIETÀ DEL GRUPPO FERROVIE DELLO STATO pag. 1 1. PREMESSA

Dettagli

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing Il Business Game di Conform Il Piano di Marketing 2 Indice -- Premessa -- Business game - marketing plan -- La struttura del gioco -- Un caso concreto -- Le modalità di gioco -- L inizio del percorso --

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin Riassunto schematico a cura di Paolo Falconer Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso tenuto dalla p.ssa Chiara Volpato anno 2000/2001 LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli