Sbatti il volontariato in prima pagina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sbatti il volontariato in prima pagina"

Transcript

1 Sbatti il volontariato in prima pagina Il piano di comunicazione e la relazione con i media nelle Organizzazioni di Volontariato PERCORSI DIDATTICI STRUMENTI PER IL VOLONTARIATO

2 Scritto da Nicola Rabbi, BandieraGialla.it Michela De Falco - Area Comunicazione VOLABO Docenti del Corso di Formazione per volontari Sbatti il Volontariato in prima pagina organizzato da VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna, edizione 2006 e 2007 Presentazione a cura di Pier Luigi Stefani, Presidente di VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna Progetto grafico - ED-line Immagine di copertina gentilmente concessa da Amneris Varini 2

3 Con la pubblicazione dei materiali tratti dalle esperienze formative realizzate in questi anni, VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato intende proporre alle Organizzazioni di Volontariato, ai volontari e agli operatori del non profit, degli strumenti didattici per approfondire quei temi che hanno suscitato particolare interesse all interno, appunto, dei percorsi di formazione. Strumenti didattici e formativi che, in modo divulgativo e semplificato, con linee guida, esercitazioni e spunti di riflessione possono accompagnare non solo chi è in formazione ma anche chi si voglia approcciare ad una tematica o metodologia in modo autoformativo, individualmente o in gruppo, in associazione o in contesti partecipativi. L intento è quello di offrire l occasione di avvicinarsi al tema proposto non solo da un punto di vista teorico, ma anche da un punto di vista pratico: a livello teorico per colmare conoscenze basilari, per comprendere meglio una tematica o un metodo, per trovare spunti di riflessione, per prendere un lessico che non crei confusione ma sia la base di partenza per agire con cognizione; a livello pratico per approcciarsi ad un come si fa che permetta di non lasciare idee e obiettivi solo alle buone intenzioni, per provare ad esercitarsi nell acquisire o migliorare competenze e capacità. VOLABO anche attraverso i propri servizi formativi, si prefigge di promuovere il processo di crescita delle Organizzazioni di Volontariato e dei volontari come cittadini attivi e solidali; come organizzazioni capaci di coniugare mission, progettualità e azione; come ruolo sussidiario e politico. Area formazione VOLABO 3

4 4

5 Indice Presentazione, a cura di Pier Luigi Stefani - Presidente VOLABO 6 Introduzione 7 1) Cos è la comunicazione sociale 8 1.1) L informazione sul sociale non sempre è comunicazione sociale ) Elementi di comunicazione sociale ) La comunicazione sociale e il marketing sociale ) Il piano di comunicazione sociale 18 Bloc Notes Scrivere il piano di comunicazione 20 della propria organizzazione di volontariato 2) Strumenti e tecniche dell ufficio stampa ) A cosa serve l ufficio stampa ) Il rapporto con i media ) Mass media e volontariato ) Il codice deontologico del giornalista ) Il comunicato stampa ) La conferenza stampa ) La documentazione e altre attività editoriali ) L attività di immagine e promozionale ) Le tecnologie elettroniche di comunicazione 34 Bloc Notes Esercizi sul comunicato stampa 37 3) Bibliografia 58 4) Sitografia 59 5

6 Presentazione IL DOVErE DI COMuNICArE Una delle esigenze maggiormente sentite dal volontariato non è solo quella di relazionarsi con i destinatari delle proprie azioni, bensì quella di promuovere, sul territorio, nuove energie utili ad aumentare il capitale sociale. In un tempo come l attuale, in cui ogni linguaggio si è modificato e spesso omologato ai mezzi di comunicazione di massa e in cui i mezzi di comunicazione di massa saturano le capacità di ascolto, si manifesta la necessità di modalità innovative che possano catturare l attenzione dei vari portatori di interesse. è sempre più richiesta l acquisizione di tecniche che, assumendo esse un carattere professionale, spesso il volontariato sembra rifiutare. La sua missione di servire a sostenere le fasce più deboli genera il timore che uscire dal proprio silenzio operoso faccia perdere quel valore di gratuità e testimonianza che lo caratterizza. Purtroppo non è così. O meglio non è sufficiente se si vogliono raggiungere col proprio messaggio pubblici diversi al fine di sensibilizzare, acquisire nuove forze volontarie, risorse utili al raggiungimento degli obiettivi. Occorre anche non dimenticare la grande responsabilità che fa del volontariato uno dei motori principali di coesione sociale e che impegna pertanto volontari ed organizzazioni di volontariato a rendere trasparente, attiva, propositiva e spesso critica la propria azione volta ad assumere, quando necessario, un ruolo politico alto capace di dare voce ai diritti degli esclusi. Un azione che non si limita alla denuncia o all assistenza, ma si propone in un costante accompagnamento dei più deboli fino alla soglia della loro raggiunta autonomia. Ecco allora che il volontariato può diventare oggetto di cambiamento. Viverlo e farlo vivere nella sua originalità che non offende e non colpisce, ma testimonia appunto attraverso la gratuità ovvero l interesse esclusivo dell altro, diventa un dovere sociale. Un dovere ineludibile per chi si avvicina all altro condividendone i bisogni, e che rifiuta il pietismo inefficace di chi ritiene che più di tanto non si possa fare. Può uno strumento di lavoro, così come l acquisizione di tecniche comunicative efficaci, aiutare tutto ciò? Forse un Centro di Servizi, come VOLABO, può non essere sufficientemente convincente, pur attraverso la bravura dei propri operatori, così come la sollecitazione convinta che personalmente vorrei imprimere. Vorrei allora concludere con un richiamo ad una lettura attenta di un testo straordinario dal titolo significativo Salvare una vita si può. L autore - Peter Singer, docente di Etica Pratica- pone in rilievo come conoscenze, strumenti e risorse per sconfiggere l estrema povertà nel mondo, ci siano. Quello che spesso manca è la nostra volontà anche ad impegnarsi, non solo in una scelta precisa ma anche in una comunicazione efficace, capace di assumere una forza di trascinamento eccezzionale; e ne offre mille e più esempi che vanno dai comportamenti dei singoli alle campagne organizzate. Se è questo il vero scopo del volontariato allora il nostro contributo, pur nei suoi limiti, ha un senso e acquista un valore eccezzionale se, anche con poco, entreremo in questo spirito. Pier Luigi Stefani, Presidente di VOLABO - Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna 6

7 Introduzione Per poter essere in grado di fare un buon piano di comunicazione sociale, per saper costruire l immagine sociale del proprio gruppo o realizzare in modo efficace un lavoro di ufficio stampa può essere utile partecipare a corsi di formazione pensati proprio per i volontari e i loro contesti di esperienza e lavoro. Da anni VOLABO, il Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna, organizza corsi di questo tipo studiati in particolar modo per chi intende aumentare le proprie capacità e competenze sulle tematiche relative alla comunicazione e all informazione in ambito sociale. La metodologia proposta durante questi incontri formativi è di tipo partecipato, attraverso la riflessione sulle proprie esperienze di comunicazione, la discussione e la riscrittura dei comunicati stampa presentati dal docente. Il corso ha come obiettivi quelli di: migliorare la conoscenza delle tecniche per comunicare, soprattutto attraverso l uso delle nuove tecnologie sviluppare e consolidare un rapporto costante con i mass media aumentare la propria capacità di comunicazione con le altre associazioni e con la cittadinanza sviluppare la capacità di gestire un ufficio stampa interno. Le tematiche che vengono trattate nel corso delle lezioni ricalcano quanto si è detto in questo libro e sono le seguenti: la comunicazione sociale: il ruolo, i principi, gli obiettivi della comunicazione il piano di comunicazione: come si costruisce, gli obiettivi e i contenuti (esercitazione) l ufficio stampa per le associazioni e gli strumenti della comunicazione: comunicato stampa, conferenza stampa, cartella stampa, sito web, newsletter scrittura del comunicato stampa e sua diffusione attraverso i mass media e le potenzialità di internet (esercitazione). Per fare in modo che anche la lettura di questo testo rappresenti un opportunità di riflessione, formazione e sperimentazione sulla comunicazione sociale, per ogni argomento si propone un esercitazione che si può svolgere direttamente sulle pagine del libro. Un percorso di lettura e scrittura che consente di passare dalla teoria alla pratica in maniera ponderata testando gradualmente il livello effettivo di apprendimento. 7

8 1) Cos è la comunicazione sociale La comunicazione sociale nasce attorno allo scambio di informazione sociale. è una sfera comunicativa fatta di soggetti, temi e pratiche che riguardano la coesione sociale, la qualità di vita e l espressione dei diritti personali e civili nell ambito di una stessa comunità. Non appartiene quindi a un settore circoscritto della comunicazione, tanto meno si tratta della sola distribuzione di pacchetti di informazione predefiniti riguardanti temi sociali. Ha piuttosto a che fare con lo scambio di informazioni volto a costruire nuove rappresentazioni e relazioni sociali ossia nuove prospettive e forme di coesione sociale. Nella comunicazione sociale ancor più che in tutti gli altri tipi di comunicazione lo scambio di informazione è un evento sociale. Non si tratta, come negli altri casi, di una comunicazione che si muove in un settore specifico della società, è piuttosto una comunicazione che fa la società, la rafforza, la integra e, almeno nelle intenzioni, la cambia. La comunicazione sociale parla di pratiche sociali, è fatta da pratiche sociali e ha come obiettivo il cambiamento di pratiche sociali. Questo significa che dare una definizione di comunicazione sociale al di fuori del contesto in cui si attiva è difficile e pressoché inutile. è certamente più opportuno, invece, cercare di trovare un accordo su una definizione utile alle priorità e agli obiettivi di chi ne è a diverso titolo interessato e coinvolto. La comunicazione sociale si distingue, infatti, da altri tipi di comunicazione proprio per il fatto di non essere uguale per tutti, di non funzionare allo stesso modo in situazioni diverse e di non servire a tutti per le stesse cose. In altre parole, nella comunicazione sociale cambiando i fattori il risultato cambia. Eccome. In questo senso l aspetto fondamentale di una comunicazione sociale è il fatto di essere una dinamica locale e contestuale ossia di dipendere imprescindibilmente dalle pratiche sociali e relazionali che la attivano. Per definirla occorre conoscere le premesse culturali e le condizioni sociali in cui si realizza, ossia chi fa comunicazione sociale e come, quando, con chi, per chi o per cosa. Nella comunicazione sociale è utile non tanto la definizione quanto il creare insieme una definizione comune e locale per poi realizzarla in maniera coerente e integrata. La cosa importante è condividere la consapevolezza di fare una comunicazione che deve essere sociale negli obiettivi e nei modi. 8

9 Esercizio 1 Descrivere la comunicazione della propria organizzazione Quali sono gli obiettivi che la tua organizzazione intende raggiungere facendo comunicazione sociale? Quali sono gli strumenti principali che la tua organizzazione usa per fare comunicazione sociale? In base a quello che hai scritto nelle risposte precedenti, sei in grado di dare una definizione della comunicazione sociale che la tua organizzazione promuove e pratica? In base a quello che hai scritto nelle risposte precedenti, la tua organizzazione cosa dovrebbe mantenere e cosa dovrebbe cambiare per una comunicazione che sia sociale nei modi e negli obiettivi? 9

10 1.1) L informazione sul sociale non sempre è comunicazione sociale Una comunicazione si qualifica e distingue in base al tipo di fonte, codice, canale, messaggio e destinatario. Così dovrebbe succedere anche nel nostro caso, la comunicazione sociale si dovrebbe riconoscere per il tipo di attore sociale che la fa, per il linguaggio che usa, per il messaggio che veicola, per i canali che privilegia e per il destinatario a cui è rivolta. Questo è vero nella teoria così come nella pratica? Spesso diversi tipi di comunicazione si servono degli stessi canali e quasi sempre dello stesso codice; o ancora, diversi soggetti e operatori della comunicazione, occasionalmente o strategicamente, fanno uso di informazione sociale; e soprattutto, i pubblici di qualsivoglia comunicazione sono spesso sovrapponibili ai pubblici di qualsiasi altra rendendo estremamente alta la concorrenza per ottenere attenzione sul proprio messaggio, sulle proprie intenzioni e sulla propria identità di fonte credibile e autorevole. Come uscirne? Come riconoscere la comunicazione sociale in mezzo a tante comunicazioni simili l una all altra? In un sistema complesso e omologo come quello della comunicazione per trovare definizioni, analogie e differenze occorre fare attenzione ai modi e agli obiettivi della comunicazione piuttosto che ai contenuti che veicola. In altre parole, dove c è informazione sul sociale non sempre c è comunicazione sociale. Facciamo qualche esempio: il Comune X promuove una campagna di informazione contro il degrado urbano che prevede spot radiofonici e manifesti; l operatore di telefonia radiomobile Y attraverso il servizio di messaggistica promuove la raccolta fondi a favore del paese Z colpito da calamità naturali; la sezione di partito K distribuisce in tutta la città manifesti a favore del voto ai cittadini immigrati. Siamo in presenza di casi in cui la comunicazione sociale si confonde rispettivamente con la comunicazione istituzionale, con il marketing aziendale, con la comunicazione politica. Le tre forme di comunicazione condividono con la comunicazione sociale il codice, i canali e almeno a livello superficiale ed esplicito - il messaggio e i rispettivi pubblici di riferimento 1. C è scambio di informazione sul sociale ma secondo modi e obiettivi non sociali. D altra parte pensiamo a uno spot televisivo e radiofonico contro il razzismo promosso da una rete di associazioni che fanno cittadinanza attiva; uno stand di una Organizzazione di Volontariato alla fiera del non profit; un pieghevole di presentazione dei servizi di una Cooperativa Sociale; un sito di presentazione di una Organizzazione Non Profit; una conferenza stampa di una associazione di promozione sociale per la presentazione del calendario degli eventi della stagione. In questo caso è la comunicazione sociale ad utilizzare gli strumenti della comunicazione di massa, del marketing comunicativo, delle relazioni pubbliche. C è scambio di informazione sociale secondo obiettivi e modi non sociali o almeno non in prima istanza sociali. 1 I messaggi veicolati a livello indiretto e implicito è meno probabile che appartengano alla comunicazione sociale. Ad esempio la comunicazione istituzionale parla ai cittadini del posizionamento dell amministrazione rispetto a problemi locali e del modello di città che garantiscono, il marketing di impresa parla ai possibili acquirenti dell immagine di azienda e del servizio di sms, la comunicazione politica parla ai possibili elettori chiedendo loro il voto 10

11 Esercizio riconoscere la comunicazione sociale Su una scala che va da 1 (non è comunicazione sociale) a 5 (è comunicazione sociale), indica quale dei seguenti eventi comunicativi si avvicina di più a ciò che la tua organizzazione considera comunicazione sociale : campagna di informazione sull HIV promossa dalla ASL di Bologna e realizzata dall agenzia pubblicitaria X che comprende uno spot televisivo, uno spot radiofonico e un manifesto indirizzati alla cittadinanza manifesto sul degrado urbano realizzato e distribuito dalle sezioni di partito X del quartiere Y di Bologna indirizzato ai residenti adesivi per la campagna di tesseramento al circolo XYZ di Bologna distribuiti alla cittadinanza nei locali pubblici della città comunicato stampa della ONP XYZ di Bologna su un prossimo convegno pubblico riguardo la violenza domestica sulle donne indirizzato ai mass media locali documentario dell ONG (Organizzazione Non Governativa) XYZ di Bologna sui propri progetti di cooperazione internazionale rivolto alle istituzioni e alla cittadinanza laboratorio giornalistico nel campo di accoglienza di sinti e rom della città condotto dalla ONG XYZ per la pubblicazione di una rivista del campo di accoglienza rivolta ai residenti del quartiere

12 1.2) Elementi di comunicazione sociale Come abbiamo visto le dinamiche comunicative sono fluide, sovrapponibili e intercambiabili. Per definire una comunicazione che sia sociale nei modi e negli obiettivi occorre dare delle priorità nella scelta e nell uso delle possibili dinamiche comunicative attivabili. E, soprattutto, occorre che queste priorità siano consapevoli, condivise e integrate nel contesto in cui si realizzerà l azione comunicativa. Fatte queste riflessioni, ripartiamo dall inizio ossia dagli elementi costitutivi una qualsiasi comunicazione: fonte, codice, canale, messaggio, destinatario. Come agire su questi elementi per fare una comunicazione sociale? Per fare comunicazione sociale la priorità da stabilire nella scelta degli elementi della comunicazione deve essere la prossimità al contesto. Ogni elemento della comunicazione deve essere definito dal contesto in cui si attiva in modo integrato, condiviso e plurale. Su ogni elemento che la costituisce occorre lavorare con - in - per relazioni di prossimità al territorio in cui si agisce. I soggetti, i messaggi, le pratiche, gli strumenti e gli obiettivi della comunicazione devono avere un identità che rifletta la mappa e il profilo sociale del contesto in cui opera. Chi fa comunicazione sociale deve conoscere e attivare i soggetti più significativi rispetto agli obiettivi nonché le loro rappresentazioni e pratiche sociali di inclusione\esclusione. è la prossimità al contesto che rende sociali i modi e gli obiettivi della comunicazione. è la prossimità che fa la differenza tra informazione sul sociale e comunicazione sociale. è la prossimità che rende la comunicazione il più simile e integrata alle esigenze di coesione e di qualità di vita della società in cui si interviene. La prossimità può essere declinata in modi diversi quanto diversi sono i contesti in cui si vuole attivare. Il modello progettuale e operativo che facilita la realizzazione della comunicazione in prossimità è quello della rete. Un esempio attuale e chiarificatore del concetto di rete sociale per una comunicazione di prossimità possono essere l agenzia di stampa Redattore Sociale e la rivista on line di informazione sociale BandieraGialla.it. Entrambe - la prima a livello nazionale e la seconda a livello locale - lavorano secondo il modello della redazione diffusa. Hanno costruito, cioè, una rete di soggetti che lavorano, da diversi punti di vista, nel sociale e nella comunicazione con i quali hanno stabilito collaborazioni formali e informali per la raccolta e la redazione delle notizie e delle inchieste. Un altra forma di prossimità creata dalla messa in rete di competenze sociali e di comunicazione sociale sono i laboratori di Unità di Cooperazione Creativa che costruisce prodotti di videodocumentazione su tematiche sociali - in collaborazione con Enti locali. Organizzazioni Non Governative, Associazioni Non Profit - coinvolgendo nei processi di produzione soggetti da diversi punti di vista a rischio di esclusione sociale. Questi diversi interventi di comunicazione sociale hanno in comune il fatto di mobilitare soggetti che sono, sotto diversi aspetti, competenti e rappresentativi della realtà a cui e di cui si va a parlare in modo tale da coinvolgerli, più o meno direttamente, nella realizzazione del prodotto finale nella veste di fonte primaria o, in alcuni casi, di comunicatori veri e propri. Il modello attuale che consente di mettere in contatto e condividere le competenze, le pratiche e le informazioni necessarie a questo tipo di mobilitazione è appunto quello della rete. 12

13 Esercizio Riconoscere la prossimità Su una scala che va da 1 (non c è prossimità) a 5 (c è prossimità), indica quale dei seguenti prodotti si avvicina di più a un prodotto di comunicazione realizzato in prossimità al territorio: spot sulla violenza negli stadi realizzato dall agenzia pubblicitaria K su commissione del Ministero degli Interni e distribuito su scala nazionale news scritta dall agenzia di stampa locale X e rivolta ai mass media locali su un convegno sull esclusione sociale organizzato dalla APS Y di Bologna conferenza stampa sul calendario di eventi culturali di una APS patrocinato dal Quartiere W di Bologna un inchiesta sull immigrazione a Bologna pubblicata sulla prima pagina del quotidiano locale Y scritta dal redattore di cronaca dello stesso giornale un inchiesta multimediale sull immigrazione a Bologna scritta da una OdV (Organizzazione di Volontariato) di cittadini immigrati e pubblicata sul sito web della stessa associazione e in sintesi nelle pagine dei principali quotidiani locali rivista on line di informazione sul sociale realizzata da una APS formata da giornalisti pubblicisti e operatori sociali in collaborazione con una rete di 50 organizzazioni sociali locali che attraverso un software di pubblicazione su internet riescono a pubblicare notizie autonomamente dal proprio computer film-documentario sulla precarietà lavorativa realizzato da una APS di atipici e finanziato da una rete nazionale di organizzazioni sociali un mensile scritto da senza fissa dimora che hanno costituito una Cooperativa Sociale a questo fine con il sostegno del Consorzio di Cooperativa Sociale XYZ di Bologna

14 1.3) La comunicazione sociale e il marketing sociale Non siamo quindi giunti ad una definizione di comunicazione sociale ma stiamo gradualmente individuando premesse culturali e operative che consentiranno agli operatori di progettarne modelli, strategie e strumenti in maniera locale e integrata. Da queste brevi riflessioni emerge con evidenza il fatto che la comunicazione sociale così intesa va oltre le più diffuse e radicate forme di marketing sociale. è interessante notare d altra parte che la stragrande maggioranza delle organizzazioni sociali non si servono di un modello di comunicazione sociale come quello descritto ma piuttosto di un modello di marketing mix più tradizionale (tab. 1) 2. Questa distorsione nasce principalmente da tre fattori di ordine storico e culturale: la comunicazione sociale nasce originariamente come attività inerente il settore amministrativo delle organizzazioni sociali e in particolare come attività inerente le relazioni esterne, tarda quindi a trovare un autonomia da questa prima impostazione e continua a mutuarne strategie e strumenti la concorrenza nella sfera comunicativa pubblica costringe gli operatori di comunicazione sociale ad adeguarsi ai modelli imposti da fonti comunicative più potenti e radicate (es. la comunicazione di massa dei media e il marketing mix delle grandi imprese) nel settore sociale non si riconosce alla comunicazione lo status di elemento costitutivo dell intervento sociale ma piuttosto quello di elemento decorativo e residuale a cui dedicarsi se rimane qualche soldo e se troviamo qualche volontario che è disposto a farlo gratuitamente. Con questo non intendiamo assolutamente negare la necessità di pianificare e ottimizzare le azioni di marketing delle organizzazioni del Terzo Settore. Riteniamo infatti che buona parte della comunicazione sociale attuale si debba effettivamente risolvere in azioni di marketing mix mirate e differenziate per avere un buon esito e una buona incidenza. è infatti opportuno promuovere il marketing sociale per garantire il posizionamento, l immagine, la visibilità degli operatori di settore nonché per realizzare campagne di informazione, promozione e sensibilizzazione efficaci e di impatto in una sfera pubblica che abbiamo visto essere altamente competitiva. Semplicemente si ritiene sia importante aumentare la consapevolezza sui punti di forza e debolezza dell attuale modello comunicativo adottato e sulle possibili prospettive di sviluppo a favore di un salto di qualità della comunicazione sociale e dell impatto sociale dei singoli interventi comunicativi. 2 La differenza tra comunicazione sociale e marketing sociale qui sintetizzata è stata elaborata dagli studenti e dalle studentesse del laboratorio formativo PUBLAB ( ) del Corso di Laurea Specialistica in Comunicazione Pubblica Sociale e Politica dell Università di Bologna coordinato da Diego Botta e Michela De Falco. 14

15 Tabella 1 Premesse Culturali Obiettivi Target Strategie Azioni Tempi Comunicazione Sociale Integrata La comunicazione è ritenuta capace di intervenire sulla realtà modificandola Lo scopo è ottenere il cambiamento di un atteggiamento o di un comportamento I soggetti che in base all argomento e all obiettivo della comunicazione sono portatori e facilitatori di interesse e competenze Progetti di medio-lungo periodo che creano nuove rappresentazioni e relazioni sociali ossia nuove prospettive e forme di coesione sociale mobilitando più o meno direttamente i diversi soggetti interessati Azioni complete, a più livelli e continuative, che privilegiano il modello partecipato e di rete e che prevedono necessariamente monitoraggi sulla qualità delle pratiche avviate Si agisce nel medio-lungo periodo Marketing Sociale La comunicazione serve a suscitare interesse su un determinato tema Far conoscere un problema e sensibilizzare le persone a questo riguardo Le istituzioni, gli operatori sociali, i mass media, gli utenti e la cittadinanza; comunque categorie sociali per lo più standard, indifferenziate e generiche Si devono usare strumenti in grado di catturare l attenzione del pubblico adeguandoli non tanto ai temi trattati e ai soggetti interessati quanto alle pratiche comunicative dei principali target (es. mass media) Marketing mix per raggiungere la comunità nel suo insieme o precisi segmenti di questa. Si agisce nel breve periodo. Costi Variabili Fissi 15

16 Esercizio Costruire il profilo della propria comunicazione Facendo riferimento alla tabella 1, descrivi brevemente premesse, obiettivi, target, strategie, azioni, tempi e costi della comunicazione che abitualmente fa la tua organizzazione. Premesse Culturali Obiettivi Target Strategie 16

17 Azione Tempi Costi Esercizio Capire che tipo di comunicazione fa la propria organizzazione Sulla base della descrizione che hai appena fatto e con riferimento alla Tabella 1, indica con una crocetta se la tua organizzazione fa principalmente: comunicazione sociale marketing sociale entrambe le cose sulla base degli obiettivi che si prefigge azioni comunicative sporadiche e occasionali senza un piano né un modello di riferimento 17

18 1.4) Il piano di comunicazione sociale Si è stabilito quindi che non è opportuno cercare una definizione di comunicazione sociale quanto piuttosto condividere un metodo di lavoro che possa favorire e promuovere azioni comunicative integrate che siano sociali nei modi e negli obiettivi. A questo scopo proponiamo qui un modello per la progettazione della comunicazione di un organizzazione sociale (Tab. 2). Rimane vero che il piano di comunicazione è imprescindibile dalle condizioni di contesto in cui la stessa organizzazione si muove. Abbiamo per questo scelto di proporre una griglia di progettazione standard che possa essere sviluppata in maniera diversa da organizzazioni diverse e che gradualmente possa essere rivista secondo le rispettive esperienze e i rispettivi risultati attesi e disattesi. L intento principale in questa sede non è quello di costruire il piano di comunicazione di un organizzazione sociale ma quello di far riflettere, ancora una volta, sulla necessità di trovare un metodo di lavoro che consenta ad un organizzazione di realizzare interventi comunicativi integrati e partecipati. La progettazione, in questo senso, facilita il percorso di consapevolezza e condivisione dei modi e degli obbiettivi della nostra comunicazione nonché la valutazione del suo impatto sul contesto in cui si attiva. Progettare il proprio intervento comunicativo infatti garantisce la consapevolezza dell organizzazione sull opportunità dell intervento la condivisione di premesse culturali e obiettivi finali l integrazione e la prossimità al contesto delle strategie e degli strumenti la coerenza tra obiettivi e strumenti il monitoraggio dell azione attraverso indicatori di qualità plurali e condivisi l individuazione di prospettive di sviluppo la definizione di un modello di comunicazione sociale per la propria organizzazione in maniera partecipata, reticolare e integrata. La griglia di progettazione presentata nella Tabella 2 prevede una riflessione condivisa e partecipata sulle principali linee di realizzazione e sviluppo dell intervento comunicativo. Nella definizione del piano di comunicazione è importante, infatti, che siano resi partecipi, in maniera diretta o indiretta, tutti i soggetti che da diversi punti di vista sono interessati e\o coinvolti dall azione comunicativa dell organizzazione sociale: responsabili, dipendenti, collaboratori, volontari, utenti, soci, finanziatori, simpatizzanti, cittadinanza Ed è altrettanto importante che ogni sezione del piano rispetti e veicoli i valori che questi stessi soggetti propongono. 18

19 Tabella 2 Piano di comunicazione sociale Premesse Culturali Analisi di contesto in cui si intende intervenire. Perché fare comunicazione in questo contesto? Obiettivi Target A cosa deve servire l azione comunicativa? A chi serve l azione comunicativa? L azione comunicativa chi prevede di mobilitare e perché? Strategie Come intervenire nel contesto in maniera integrata? Come realizzare gli obiettivi in un modo sociale? Come mobilitare i differenti target? Azione Strumenti di comunicazione conformi alle conclusioni delle precedenti sezioni risultati attesi Indicatori di risultato conformi agli obiettivi dichiarati Valutazione Strumenti di monitoraggio e valutazione dei risultati Tempi Quanto tempo servirà e quanto tempo abbiamo? Costi Quanti soldi serviranno e quanti soldi abbiamo? 19

20 BLOC NOTES Esercizio Scrivere il piano di comunicazione della propria organizzazione Facendo riferimento alla Tabella 2, prova a redigere una bozza del piano di comunicazione sociale della tua organizzazione. Prima di farlo prova a intervistare i diversi portatori di interesse della tua organizzazione (responsabili dipendenti, collaboratori, volontari, utenti, soci, finanziatori, ) oppure prova a conoscere il livello di informazione della cittadinanza sugli argomenti su cui lavora la tua organizzazione. Una breve analisi di contesto ti servirà ad individuare i punti di forza e i punti di debolezza della comunicazione interna ed esterna attuale su cui poi potrai impostare la tua proposta. 20

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli