Sbatti il volontariato in prima pagina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sbatti il volontariato in prima pagina"

Transcript

1 Sbatti il volontariato in prima pagina Il piano di comunicazione e la relazione con i media nelle Organizzazioni di Volontariato PERCORSI DIDATTICI STRUMENTI PER IL VOLONTARIATO

2 Scritto da Nicola Rabbi, BandieraGialla.it Michela De Falco - Area Comunicazione VOLABO Docenti del Corso di Formazione per volontari Sbatti il Volontariato in prima pagina organizzato da VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna, edizione 2006 e 2007 Presentazione a cura di Pier Luigi Stefani, Presidente di VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna Progetto grafico - ED-line Immagine di copertina gentilmente concessa da Amneris Varini 2

3 Con la pubblicazione dei materiali tratti dalle esperienze formative realizzate in questi anni, VOLABO - Centro Servizi per il Volontariato intende proporre alle Organizzazioni di Volontariato, ai volontari e agli operatori del non profit, degli strumenti didattici per approfondire quei temi che hanno suscitato particolare interesse all interno, appunto, dei percorsi di formazione. Strumenti didattici e formativi che, in modo divulgativo e semplificato, con linee guida, esercitazioni e spunti di riflessione possono accompagnare non solo chi è in formazione ma anche chi si voglia approcciare ad una tematica o metodologia in modo autoformativo, individualmente o in gruppo, in associazione o in contesti partecipativi. L intento è quello di offrire l occasione di avvicinarsi al tema proposto non solo da un punto di vista teorico, ma anche da un punto di vista pratico: a livello teorico per colmare conoscenze basilari, per comprendere meglio una tematica o un metodo, per trovare spunti di riflessione, per prendere un lessico che non crei confusione ma sia la base di partenza per agire con cognizione; a livello pratico per approcciarsi ad un come si fa che permetta di non lasciare idee e obiettivi solo alle buone intenzioni, per provare ad esercitarsi nell acquisire o migliorare competenze e capacità. VOLABO anche attraverso i propri servizi formativi, si prefigge di promuovere il processo di crescita delle Organizzazioni di Volontariato e dei volontari come cittadini attivi e solidali; come organizzazioni capaci di coniugare mission, progettualità e azione; come ruolo sussidiario e politico. Area formazione VOLABO 3

4 4

5 Indice Presentazione, a cura di Pier Luigi Stefani - Presidente VOLABO 6 Introduzione 7 1) Cos è la comunicazione sociale 8 1.1) L informazione sul sociale non sempre è comunicazione sociale ) Elementi di comunicazione sociale ) La comunicazione sociale e il marketing sociale ) Il piano di comunicazione sociale 18 Bloc Notes Scrivere il piano di comunicazione 20 della propria organizzazione di volontariato 2) Strumenti e tecniche dell ufficio stampa ) A cosa serve l ufficio stampa ) Il rapporto con i media ) Mass media e volontariato ) Il codice deontologico del giornalista ) Il comunicato stampa ) La conferenza stampa ) La documentazione e altre attività editoriali ) L attività di immagine e promozionale ) Le tecnologie elettroniche di comunicazione 34 Bloc Notes Esercizi sul comunicato stampa 37 3) Bibliografia 58 4) Sitografia 59 5

6 Presentazione IL DOVErE DI COMuNICArE Una delle esigenze maggiormente sentite dal volontariato non è solo quella di relazionarsi con i destinatari delle proprie azioni, bensì quella di promuovere, sul territorio, nuove energie utili ad aumentare il capitale sociale. In un tempo come l attuale, in cui ogni linguaggio si è modificato e spesso omologato ai mezzi di comunicazione di massa e in cui i mezzi di comunicazione di massa saturano le capacità di ascolto, si manifesta la necessità di modalità innovative che possano catturare l attenzione dei vari portatori di interesse. è sempre più richiesta l acquisizione di tecniche che, assumendo esse un carattere professionale, spesso il volontariato sembra rifiutare. La sua missione di servire a sostenere le fasce più deboli genera il timore che uscire dal proprio silenzio operoso faccia perdere quel valore di gratuità e testimonianza che lo caratterizza. Purtroppo non è così. O meglio non è sufficiente se si vogliono raggiungere col proprio messaggio pubblici diversi al fine di sensibilizzare, acquisire nuove forze volontarie, risorse utili al raggiungimento degli obiettivi. Occorre anche non dimenticare la grande responsabilità che fa del volontariato uno dei motori principali di coesione sociale e che impegna pertanto volontari ed organizzazioni di volontariato a rendere trasparente, attiva, propositiva e spesso critica la propria azione volta ad assumere, quando necessario, un ruolo politico alto capace di dare voce ai diritti degli esclusi. Un azione che non si limita alla denuncia o all assistenza, ma si propone in un costante accompagnamento dei più deboli fino alla soglia della loro raggiunta autonomia. Ecco allora che il volontariato può diventare oggetto di cambiamento. Viverlo e farlo vivere nella sua originalità che non offende e non colpisce, ma testimonia appunto attraverso la gratuità ovvero l interesse esclusivo dell altro, diventa un dovere sociale. Un dovere ineludibile per chi si avvicina all altro condividendone i bisogni, e che rifiuta il pietismo inefficace di chi ritiene che più di tanto non si possa fare. Può uno strumento di lavoro, così come l acquisizione di tecniche comunicative efficaci, aiutare tutto ciò? Forse un Centro di Servizi, come VOLABO, può non essere sufficientemente convincente, pur attraverso la bravura dei propri operatori, così come la sollecitazione convinta che personalmente vorrei imprimere. Vorrei allora concludere con un richiamo ad una lettura attenta di un testo straordinario dal titolo significativo Salvare una vita si può. L autore - Peter Singer, docente di Etica Pratica- pone in rilievo come conoscenze, strumenti e risorse per sconfiggere l estrema povertà nel mondo, ci siano. Quello che spesso manca è la nostra volontà anche ad impegnarsi, non solo in una scelta precisa ma anche in una comunicazione efficace, capace di assumere una forza di trascinamento eccezzionale; e ne offre mille e più esempi che vanno dai comportamenti dei singoli alle campagne organizzate. Se è questo il vero scopo del volontariato allora il nostro contributo, pur nei suoi limiti, ha un senso e acquista un valore eccezzionale se, anche con poco, entreremo in questo spirito. Pier Luigi Stefani, Presidente di VOLABO - Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna 6

7 Introduzione Per poter essere in grado di fare un buon piano di comunicazione sociale, per saper costruire l immagine sociale del proprio gruppo o realizzare in modo efficace un lavoro di ufficio stampa può essere utile partecipare a corsi di formazione pensati proprio per i volontari e i loro contesti di esperienza e lavoro. Da anni VOLABO, il Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Bologna, organizza corsi di questo tipo studiati in particolar modo per chi intende aumentare le proprie capacità e competenze sulle tematiche relative alla comunicazione e all informazione in ambito sociale. La metodologia proposta durante questi incontri formativi è di tipo partecipato, attraverso la riflessione sulle proprie esperienze di comunicazione, la discussione e la riscrittura dei comunicati stampa presentati dal docente. Il corso ha come obiettivi quelli di: migliorare la conoscenza delle tecniche per comunicare, soprattutto attraverso l uso delle nuove tecnologie sviluppare e consolidare un rapporto costante con i mass media aumentare la propria capacità di comunicazione con le altre associazioni e con la cittadinanza sviluppare la capacità di gestire un ufficio stampa interno. Le tematiche che vengono trattate nel corso delle lezioni ricalcano quanto si è detto in questo libro e sono le seguenti: la comunicazione sociale: il ruolo, i principi, gli obiettivi della comunicazione il piano di comunicazione: come si costruisce, gli obiettivi e i contenuti (esercitazione) l ufficio stampa per le associazioni e gli strumenti della comunicazione: comunicato stampa, conferenza stampa, cartella stampa, sito web, newsletter scrittura del comunicato stampa e sua diffusione attraverso i mass media e le potenzialità di internet (esercitazione). Per fare in modo che anche la lettura di questo testo rappresenti un opportunità di riflessione, formazione e sperimentazione sulla comunicazione sociale, per ogni argomento si propone un esercitazione che si può svolgere direttamente sulle pagine del libro. Un percorso di lettura e scrittura che consente di passare dalla teoria alla pratica in maniera ponderata testando gradualmente il livello effettivo di apprendimento. 7

8 1) Cos è la comunicazione sociale La comunicazione sociale nasce attorno allo scambio di informazione sociale. è una sfera comunicativa fatta di soggetti, temi e pratiche che riguardano la coesione sociale, la qualità di vita e l espressione dei diritti personali e civili nell ambito di una stessa comunità. Non appartiene quindi a un settore circoscritto della comunicazione, tanto meno si tratta della sola distribuzione di pacchetti di informazione predefiniti riguardanti temi sociali. Ha piuttosto a che fare con lo scambio di informazioni volto a costruire nuove rappresentazioni e relazioni sociali ossia nuove prospettive e forme di coesione sociale. Nella comunicazione sociale ancor più che in tutti gli altri tipi di comunicazione lo scambio di informazione è un evento sociale. Non si tratta, come negli altri casi, di una comunicazione che si muove in un settore specifico della società, è piuttosto una comunicazione che fa la società, la rafforza, la integra e, almeno nelle intenzioni, la cambia. La comunicazione sociale parla di pratiche sociali, è fatta da pratiche sociali e ha come obiettivo il cambiamento di pratiche sociali. Questo significa che dare una definizione di comunicazione sociale al di fuori del contesto in cui si attiva è difficile e pressoché inutile. è certamente più opportuno, invece, cercare di trovare un accordo su una definizione utile alle priorità e agli obiettivi di chi ne è a diverso titolo interessato e coinvolto. La comunicazione sociale si distingue, infatti, da altri tipi di comunicazione proprio per il fatto di non essere uguale per tutti, di non funzionare allo stesso modo in situazioni diverse e di non servire a tutti per le stesse cose. In altre parole, nella comunicazione sociale cambiando i fattori il risultato cambia. Eccome. In questo senso l aspetto fondamentale di una comunicazione sociale è il fatto di essere una dinamica locale e contestuale ossia di dipendere imprescindibilmente dalle pratiche sociali e relazionali che la attivano. Per definirla occorre conoscere le premesse culturali e le condizioni sociali in cui si realizza, ossia chi fa comunicazione sociale e come, quando, con chi, per chi o per cosa. Nella comunicazione sociale è utile non tanto la definizione quanto il creare insieme una definizione comune e locale per poi realizzarla in maniera coerente e integrata. La cosa importante è condividere la consapevolezza di fare una comunicazione che deve essere sociale negli obiettivi e nei modi. 8

9 Esercizio 1 Descrivere la comunicazione della propria organizzazione Quali sono gli obiettivi che la tua organizzazione intende raggiungere facendo comunicazione sociale? Quali sono gli strumenti principali che la tua organizzazione usa per fare comunicazione sociale? In base a quello che hai scritto nelle risposte precedenti, sei in grado di dare una definizione della comunicazione sociale che la tua organizzazione promuove e pratica? In base a quello che hai scritto nelle risposte precedenti, la tua organizzazione cosa dovrebbe mantenere e cosa dovrebbe cambiare per una comunicazione che sia sociale nei modi e negli obiettivi? 9

10 1.1) L informazione sul sociale non sempre è comunicazione sociale Una comunicazione si qualifica e distingue in base al tipo di fonte, codice, canale, messaggio e destinatario. Così dovrebbe succedere anche nel nostro caso, la comunicazione sociale si dovrebbe riconoscere per il tipo di attore sociale che la fa, per il linguaggio che usa, per il messaggio che veicola, per i canali che privilegia e per il destinatario a cui è rivolta. Questo è vero nella teoria così come nella pratica? Spesso diversi tipi di comunicazione si servono degli stessi canali e quasi sempre dello stesso codice; o ancora, diversi soggetti e operatori della comunicazione, occasionalmente o strategicamente, fanno uso di informazione sociale; e soprattutto, i pubblici di qualsivoglia comunicazione sono spesso sovrapponibili ai pubblici di qualsiasi altra rendendo estremamente alta la concorrenza per ottenere attenzione sul proprio messaggio, sulle proprie intenzioni e sulla propria identità di fonte credibile e autorevole. Come uscirne? Come riconoscere la comunicazione sociale in mezzo a tante comunicazioni simili l una all altra? In un sistema complesso e omologo come quello della comunicazione per trovare definizioni, analogie e differenze occorre fare attenzione ai modi e agli obiettivi della comunicazione piuttosto che ai contenuti che veicola. In altre parole, dove c è informazione sul sociale non sempre c è comunicazione sociale. Facciamo qualche esempio: il Comune X promuove una campagna di informazione contro il degrado urbano che prevede spot radiofonici e manifesti; l operatore di telefonia radiomobile Y attraverso il servizio di messaggistica promuove la raccolta fondi a favore del paese Z colpito da calamità naturali; la sezione di partito K distribuisce in tutta la città manifesti a favore del voto ai cittadini immigrati. Siamo in presenza di casi in cui la comunicazione sociale si confonde rispettivamente con la comunicazione istituzionale, con il marketing aziendale, con la comunicazione politica. Le tre forme di comunicazione condividono con la comunicazione sociale il codice, i canali e almeno a livello superficiale ed esplicito - il messaggio e i rispettivi pubblici di riferimento 1. C è scambio di informazione sul sociale ma secondo modi e obiettivi non sociali. D altra parte pensiamo a uno spot televisivo e radiofonico contro il razzismo promosso da una rete di associazioni che fanno cittadinanza attiva; uno stand di una Organizzazione di Volontariato alla fiera del non profit; un pieghevole di presentazione dei servizi di una Cooperativa Sociale; un sito di presentazione di una Organizzazione Non Profit; una conferenza stampa di una associazione di promozione sociale per la presentazione del calendario degli eventi della stagione. In questo caso è la comunicazione sociale ad utilizzare gli strumenti della comunicazione di massa, del marketing comunicativo, delle relazioni pubbliche. C è scambio di informazione sociale secondo obiettivi e modi non sociali o almeno non in prima istanza sociali. 1 I messaggi veicolati a livello indiretto e implicito è meno probabile che appartengano alla comunicazione sociale. Ad esempio la comunicazione istituzionale parla ai cittadini del posizionamento dell amministrazione rispetto a problemi locali e del modello di città che garantiscono, il marketing di impresa parla ai possibili acquirenti dell immagine di azienda e del servizio di sms, la comunicazione politica parla ai possibili elettori chiedendo loro il voto 10

11 Esercizio riconoscere la comunicazione sociale Su una scala che va da 1 (non è comunicazione sociale) a 5 (è comunicazione sociale), indica quale dei seguenti eventi comunicativi si avvicina di più a ciò che la tua organizzazione considera comunicazione sociale : campagna di informazione sull HIV promossa dalla ASL di Bologna e realizzata dall agenzia pubblicitaria X che comprende uno spot televisivo, uno spot radiofonico e un manifesto indirizzati alla cittadinanza manifesto sul degrado urbano realizzato e distribuito dalle sezioni di partito X del quartiere Y di Bologna indirizzato ai residenti adesivi per la campagna di tesseramento al circolo XYZ di Bologna distribuiti alla cittadinanza nei locali pubblici della città comunicato stampa della ONP XYZ di Bologna su un prossimo convegno pubblico riguardo la violenza domestica sulle donne indirizzato ai mass media locali documentario dell ONG (Organizzazione Non Governativa) XYZ di Bologna sui propri progetti di cooperazione internazionale rivolto alle istituzioni e alla cittadinanza laboratorio giornalistico nel campo di accoglienza di sinti e rom della città condotto dalla ONG XYZ per la pubblicazione di una rivista del campo di accoglienza rivolta ai residenti del quartiere

12 1.2) Elementi di comunicazione sociale Come abbiamo visto le dinamiche comunicative sono fluide, sovrapponibili e intercambiabili. Per definire una comunicazione che sia sociale nei modi e negli obiettivi occorre dare delle priorità nella scelta e nell uso delle possibili dinamiche comunicative attivabili. E, soprattutto, occorre che queste priorità siano consapevoli, condivise e integrate nel contesto in cui si realizzerà l azione comunicativa. Fatte queste riflessioni, ripartiamo dall inizio ossia dagli elementi costitutivi una qualsiasi comunicazione: fonte, codice, canale, messaggio, destinatario. Come agire su questi elementi per fare una comunicazione sociale? Per fare comunicazione sociale la priorità da stabilire nella scelta degli elementi della comunicazione deve essere la prossimità al contesto. Ogni elemento della comunicazione deve essere definito dal contesto in cui si attiva in modo integrato, condiviso e plurale. Su ogni elemento che la costituisce occorre lavorare con - in - per relazioni di prossimità al territorio in cui si agisce. I soggetti, i messaggi, le pratiche, gli strumenti e gli obiettivi della comunicazione devono avere un identità che rifletta la mappa e il profilo sociale del contesto in cui opera. Chi fa comunicazione sociale deve conoscere e attivare i soggetti più significativi rispetto agli obiettivi nonché le loro rappresentazioni e pratiche sociali di inclusione\esclusione. è la prossimità al contesto che rende sociali i modi e gli obiettivi della comunicazione. è la prossimità che fa la differenza tra informazione sul sociale e comunicazione sociale. è la prossimità che rende la comunicazione il più simile e integrata alle esigenze di coesione e di qualità di vita della società in cui si interviene. La prossimità può essere declinata in modi diversi quanto diversi sono i contesti in cui si vuole attivare. Il modello progettuale e operativo che facilita la realizzazione della comunicazione in prossimità è quello della rete. Un esempio attuale e chiarificatore del concetto di rete sociale per una comunicazione di prossimità possono essere l agenzia di stampa Redattore Sociale e la rivista on line di informazione sociale BandieraGialla.it. Entrambe - la prima a livello nazionale e la seconda a livello locale - lavorano secondo il modello della redazione diffusa. Hanno costruito, cioè, una rete di soggetti che lavorano, da diversi punti di vista, nel sociale e nella comunicazione con i quali hanno stabilito collaborazioni formali e informali per la raccolta e la redazione delle notizie e delle inchieste. Un altra forma di prossimità creata dalla messa in rete di competenze sociali e di comunicazione sociale sono i laboratori di Unità di Cooperazione Creativa che costruisce prodotti di videodocumentazione su tematiche sociali - in collaborazione con Enti locali. Organizzazioni Non Governative, Associazioni Non Profit - coinvolgendo nei processi di produzione soggetti da diversi punti di vista a rischio di esclusione sociale. Questi diversi interventi di comunicazione sociale hanno in comune il fatto di mobilitare soggetti che sono, sotto diversi aspetti, competenti e rappresentativi della realtà a cui e di cui si va a parlare in modo tale da coinvolgerli, più o meno direttamente, nella realizzazione del prodotto finale nella veste di fonte primaria o, in alcuni casi, di comunicatori veri e propri. Il modello attuale che consente di mettere in contatto e condividere le competenze, le pratiche e le informazioni necessarie a questo tipo di mobilitazione è appunto quello della rete. 12

13 Esercizio Riconoscere la prossimità Su una scala che va da 1 (non c è prossimità) a 5 (c è prossimità), indica quale dei seguenti prodotti si avvicina di più a un prodotto di comunicazione realizzato in prossimità al territorio: spot sulla violenza negli stadi realizzato dall agenzia pubblicitaria K su commissione del Ministero degli Interni e distribuito su scala nazionale news scritta dall agenzia di stampa locale X e rivolta ai mass media locali su un convegno sull esclusione sociale organizzato dalla APS Y di Bologna conferenza stampa sul calendario di eventi culturali di una APS patrocinato dal Quartiere W di Bologna un inchiesta sull immigrazione a Bologna pubblicata sulla prima pagina del quotidiano locale Y scritta dal redattore di cronaca dello stesso giornale un inchiesta multimediale sull immigrazione a Bologna scritta da una OdV (Organizzazione di Volontariato) di cittadini immigrati e pubblicata sul sito web della stessa associazione e in sintesi nelle pagine dei principali quotidiani locali rivista on line di informazione sul sociale realizzata da una APS formata da giornalisti pubblicisti e operatori sociali in collaborazione con una rete di 50 organizzazioni sociali locali che attraverso un software di pubblicazione su internet riescono a pubblicare notizie autonomamente dal proprio computer film-documentario sulla precarietà lavorativa realizzato da una APS di atipici e finanziato da una rete nazionale di organizzazioni sociali un mensile scritto da senza fissa dimora che hanno costituito una Cooperativa Sociale a questo fine con il sostegno del Consorzio di Cooperativa Sociale XYZ di Bologna

14 1.3) La comunicazione sociale e il marketing sociale Non siamo quindi giunti ad una definizione di comunicazione sociale ma stiamo gradualmente individuando premesse culturali e operative che consentiranno agli operatori di progettarne modelli, strategie e strumenti in maniera locale e integrata. Da queste brevi riflessioni emerge con evidenza il fatto che la comunicazione sociale così intesa va oltre le più diffuse e radicate forme di marketing sociale. è interessante notare d altra parte che la stragrande maggioranza delle organizzazioni sociali non si servono di un modello di comunicazione sociale come quello descritto ma piuttosto di un modello di marketing mix più tradizionale (tab. 1) 2. Questa distorsione nasce principalmente da tre fattori di ordine storico e culturale: la comunicazione sociale nasce originariamente come attività inerente il settore amministrativo delle organizzazioni sociali e in particolare come attività inerente le relazioni esterne, tarda quindi a trovare un autonomia da questa prima impostazione e continua a mutuarne strategie e strumenti la concorrenza nella sfera comunicativa pubblica costringe gli operatori di comunicazione sociale ad adeguarsi ai modelli imposti da fonti comunicative più potenti e radicate (es. la comunicazione di massa dei media e il marketing mix delle grandi imprese) nel settore sociale non si riconosce alla comunicazione lo status di elemento costitutivo dell intervento sociale ma piuttosto quello di elemento decorativo e residuale a cui dedicarsi se rimane qualche soldo e se troviamo qualche volontario che è disposto a farlo gratuitamente. Con questo non intendiamo assolutamente negare la necessità di pianificare e ottimizzare le azioni di marketing delle organizzazioni del Terzo Settore. Riteniamo infatti che buona parte della comunicazione sociale attuale si debba effettivamente risolvere in azioni di marketing mix mirate e differenziate per avere un buon esito e una buona incidenza. è infatti opportuno promuovere il marketing sociale per garantire il posizionamento, l immagine, la visibilità degli operatori di settore nonché per realizzare campagne di informazione, promozione e sensibilizzazione efficaci e di impatto in una sfera pubblica che abbiamo visto essere altamente competitiva. Semplicemente si ritiene sia importante aumentare la consapevolezza sui punti di forza e debolezza dell attuale modello comunicativo adottato e sulle possibili prospettive di sviluppo a favore di un salto di qualità della comunicazione sociale e dell impatto sociale dei singoli interventi comunicativi. 2 La differenza tra comunicazione sociale e marketing sociale qui sintetizzata è stata elaborata dagli studenti e dalle studentesse del laboratorio formativo PUBLAB ( ) del Corso di Laurea Specialistica in Comunicazione Pubblica Sociale e Politica dell Università di Bologna coordinato da Diego Botta e Michela De Falco. 14

15 Tabella 1 Premesse Culturali Obiettivi Target Strategie Azioni Tempi Comunicazione Sociale Integrata La comunicazione è ritenuta capace di intervenire sulla realtà modificandola Lo scopo è ottenere il cambiamento di un atteggiamento o di un comportamento I soggetti che in base all argomento e all obiettivo della comunicazione sono portatori e facilitatori di interesse e competenze Progetti di medio-lungo periodo che creano nuove rappresentazioni e relazioni sociali ossia nuove prospettive e forme di coesione sociale mobilitando più o meno direttamente i diversi soggetti interessati Azioni complete, a più livelli e continuative, che privilegiano il modello partecipato e di rete e che prevedono necessariamente monitoraggi sulla qualità delle pratiche avviate Si agisce nel medio-lungo periodo Marketing Sociale La comunicazione serve a suscitare interesse su un determinato tema Far conoscere un problema e sensibilizzare le persone a questo riguardo Le istituzioni, gli operatori sociali, i mass media, gli utenti e la cittadinanza; comunque categorie sociali per lo più standard, indifferenziate e generiche Si devono usare strumenti in grado di catturare l attenzione del pubblico adeguandoli non tanto ai temi trattati e ai soggetti interessati quanto alle pratiche comunicative dei principali target (es. mass media) Marketing mix per raggiungere la comunità nel suo insieme o precisi segmenti di questa. Si agisce nel breve periodo. Costi Variabili Fissi 15

16 Esercizio Costruire il profilo della propria comunicazione Facendo riferimento alla tabella 1, descrivi brevemente premesse, obiettivi, target, strategie, azioni, tempi e costi della comunicazione che abitualmente fa la tua organizzazione. Premesse Culturali Obiettivi Target Strategie 16

17 Azione Tempi Costi Esercizio Capire che tipo di comunicazione fa la propria organizzazione Sulla base della descrizione che hai appena fatto e con riferimento alla Tabella 1, indica con una crocetta se la tua organizzazione fa principalmente: comunicazione sociale marketing sociale entrambe le cose sulla base degli obiettivi che si prefigge azioni comunicative sporadiche e occasionali senza un piano né un modello di riferimento 17

18 1.4) Il piano di comunicazione sociale Si è stabilito quindi che non è opportuno cercare una definizione di comunicazione sociale quanto piuttosto condividere un metodo di lavoro che possa favorire e promuovere azioni comunicative integrate che siano sociali nei modi e negli obiettivi. A questo scopo proponiamo qui un modello per la progettazione della comunicazione di un organizzazione sociale (Tab. 2). Rimane vero che il piano di comunicazione è imprescindibile dalle condizioni di contesto in cui la stessa organizzazione si muove. Abbiamo per questo scelto di proporre una griglia di progettazione standard che possa essere sviluppata in maniera diversa da organizzazioni diverse e che gradualmente possa essere rivista secondo le rispettive esperienze e i rispettivi risultati attesi e disattesi. L intento principale in questa sede non è quello di costruire il piano di comunicazione di un organizzazione sociale ma quello di far riflettere, ancora una volta, sulla necessità di trovare un metodo di lavoro che consenta ad un organizzazione di realizzare interventi comunicativi integrati e partecipati. La progettazione, in questo senso, facilita il percorso di consapevolezza e condivisione dei modi e degli obbiettivi della nostra comunicazione nonché la valutazione del suo impatto sul contesto in cui si attiva. Progettare il proprio intervento comunicativo infatti garantisce la consapevolezza dell organizzazione sull opportunità dell intervento la condivisione di premesse culturali e obiettivi finali l integrazione e la prossimità al contesto delle strategie e degli strumenti la coerenza tra obiettivi e strumenti il monitoraggio dell azione attraverso indicatori di qualità plurali e condivisi l individuazione di prospettive di sviluppo la definizione di un modello di comunicazione sociale per la propria organizzazione in maniera partecipata, reticolare e integrata. La griglia di progettazione presentata nella Tabella 2 prevede una riflessione condivisa e partecipata sulle principali linee di realizzazione e sviluppo dell intervento comunicativo. Nella definizione del piano di comunicazione è importante, infatti, che siano resi partecipi, in maniera diretta o indiretta, tutti i soggetti che da diversi punti di vista sono interessati e\o coinvolti dall azione comunicativa dell organizzazione sociale: responsabili, dipendenti, collaboratori, volontari, utenti, soci, finanziatori, simpatizzanti, cittadinanza Ed è altrettanto importante che ogni sezione del piano rispetti e veicoli i valori che questi stessi soggetti propongono. 18

19 Tabella 2 Piano di comunicazione sociale Premesse Culturali Analisi di contesto in cui si intende intervenire. Perché fare comunicazione in questo contesto? Obiettivi Target A cosa deve servire l azione comunicativa? A chi serve l azione comunicativa? L azione comunicativa chi prevede di mobilitare e perché? Strategie Come intervenire nel contesto in maniera integrata? Come realizzare gli obiettivi in un modo sociale? Come mobilitare i differenti target? Azione Strumenti di comunicazione conformi alle conclusioni delle precedenti sezioni risultati attesi Indicatori di risultato conformi agli obiettivi dichiarati Valutazione Strumenti di monitoraggio e valutazione dei risultati Tempi Quanto tempo servirà e quanto tempo abbiamo? Costi Quanti soldi serviranno e quanti soldi abbiamo? 19

20 BLOC NOTES Esercizio Scrivere il piano di comunicazione della propria organizzazione Facendo riferimento alla Tabella 2, prova a redigere una bozza del piano di comunicazione sociale della tua organizzazione. Prima di farlo prova a intervistare i diversi portatori di interesse della tua organizzazione (responsabili dipendenti, collaboratori, volontari, utenti, soci, finanziatori, ) oppure prova a conoscere il livello di informazione della cittadinanza sugli argomenti su cui lavora la tua organizzazione. Una breve analisi di contesto ti servirà ad individuare i punti di forza e i punti di debolezza della comunicazione interna ed esterna attuale su cui poi potrai impostare la tua proposta. 20

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

Ideare e gestire una newsletter

Ideare e gestire una newsletter Ideare e gestire una newsletter Se correttamente gestita, una newsletter può diventare uno strumento davvero utile per tenere informati i visitatori di un sito e conquistare la fiducia e la fedeltà, dei

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Corso di Specializzazione In Comunicazione d Impresa Efficace messa a sistema perché l Intelligenza di

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di formazione avanzata L ADDETTO STAMPA NELL ERA CROSSMEDIALE Programma formativo 2012 Indice 1. Obiettivi 2.

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

VERSO UN NUOVO RAPPORTO FRA TERZO SETTORE E SISTEMA DEI MEDIA

VERSO UN NUOVO RAPPORTO FRA TERZO SETTORE E SISTEMA DEI MEDIA VERSO UN NUOVO RAPPORTO FRA TERZO SETTORE E SISTEMA DEI MEDIA Alcune riflessioni derivate dalla mia esperienza double face: quella professionale e quella di volontario,come dirigente delle Acli e del Forum

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

Facendo ricorso a terminologia tipica del marketing credo che qualche considerazione a riguardo possa svilupparsi a partire da key words quali:

Facendo ricorso a terminologia tipica del marketing credo che qualche considerazione a riguardo possa svilupparsi a partire da key words quali: Strategie per il superamento della crisi di redditività del diritto ecclesiastico italiano. L esperienza dell Osservatorio delle Libertà ed Istituzioni Religiose OLIR. Antonio G. Chizzoniti Ho letto con

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse

Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse UNCONVENTIONAL. LE NUOVE FRONTIERE DELLE CAMPAGNE SOCIALI Interessano anche al volontariato, perché possono aprire nuove prospettive Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse più di

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

n LA RACCOLTA FONDI n E n LA COMUNICAZIONE n per le piccole associazioni 15-16 maggio 2010 Per un fundraising efficace, la comunicazione è necessaria per far conoscere la Buona Causa dell associazione

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

SLEST. Modello standardizzato. delle qualifiche linguistiche da raggiungere. livello 1 (A2) reception d albergo

SLEST. Modello standardizzato. delle qualifiche linguistiche da raggiungere. livello 1 (A2) reception d albergo SLEST Modello standardizzato delle qualifiche linguistiche da raggiungere livello 1 (A2) reception d albergo Questo progetto è stato finanziato con l aiuto della Commissione Europea. Responsabile per il

Dettagli

Il cappello, l attacco 8

Il cappello, l attacco 8 50 TRENTA RIGHE PER SESSANTA BATTUTE LEZIONE Il cappello, l attacco 8 CAPPELLO Periodo iniziale di un articolo, generalmente ispirato alla regola delle 5W; fa comunque parte della notizia ed è composto

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

www.editaformazione.com

www.editaformazione.com Corso on line COMUNICAZIONE E UFFICIO STAMPA Obiettivi del corso Non ha senso fare le cose se nessuno le viene a sapere, è come non farle. Questa è la prima regola della comunicazione e di un ufficio stampa.

Dettagli

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA

COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA INTRODUZIONE COME NASCE IL PROGETTO GIOVANE CITTADINANZA 1.1. ORGANIZZAZIONE E FASI DEL PROGETTO Giovane Cittadinanza (GC) è un progetto finanziato dal fondo nazionale di intervento per la lotta alla droga

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE

FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE FORMAZIONE AVANZATA IL COMUNICATORE NELL ERA CROSSMEDIALE INDICE Obiettivi Destinatari Metodologia didattica Coordinamento scientifico Programma Regolamento Obiettivi Valorizzare la comunicazione scritta,

Dettagli

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti 2. DESTINATARI DEL MASTER 2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta Il Master è rivolto alle Amministrazioni dello Stato, anche a ordinamento autonomo, agli Enti pubblici non economici, alle

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

Questionario di valutazione e analisi delle attività di comunicazione online nell ambito del lavoro docente

Questionario di valutazione e analisi delle attività di comunicazione online nell ambito del lavoro docente Questionario di valutazione e analisi delle attività di comunicazione online nell ambito del lavoro docente A cura di Chiara Cipolli, Stefania Donadio, 24 Maggio 2013 Ai docenti della don Milani - Progetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione COM-PA Bologna, 21 settembre 2000 Salone della Comunicazione Pubblica e dei servizi al cittadino Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione Appunti per una Carta di riferimento su Comunicazione

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 CRISI ECONOMICA + CRISI DEI MEDIA CARTACEI I dati sulla stampa quotidiana e periodica e sulle imprese editrici di giornali fotografano con nitidezza il quadro di un settore

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

Soluzioni per la città che cambia

Soluzioni per la città che cambia Soluzioni per la città che cambia piano di comunicazione I bilancio di mandato I carta dei servizi I vetrine interattive I ufficio stampa e organizzazione eventi I web design I graphic design I multimedia

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Comunicazione d Impresa Efficace messa a sistema

Comunicazione d Impresa Efficace messa a sistema La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso di Specializzazione in Comunicazione d Impresa Efficace messa a sistema perché l Intelligenza

Dettagli

PuntoSicuro: Leader in Italia nell informazione sulla sicurezza sul lavoro. Formati pubblicitari disponibili in PuntoSicuro

PuntoSicuro: Leader in Italia nell informazione sulla sicurezza sul lavoro. Formati pubblicitari disponibili in PuntoSicuro PuntoSicuro: Leader in Italia nell informazione sulla sicurezza sul lavoro Dal 1999, PuntoSicuro è il quotidiano leader in Italia nell informazione approfondita sulla sicurezza sul lavoro per RSPP, RLS,

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

COMUNICARE SULLA STAMPA E ONLINE

COMUNICARE SULLA STAMPA E ONLINE COMUNICARE SULLA STAMPA E ONLINE Dare visibilità alla campagna significa PORTARE GENTE IN PIAZZA Attività di ufficio stampa 1 Pubblicazione e condivisione online 2 Qual è il nostro obiettivo? Far sì che

Dettagli

PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PIANIFICARE LA CAMPAGNA 5XMILLE PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Con la pubblicazione dei materiali tratti dalle esperienze formative realizzate in questi anni, il Centro Servizi per il Volontariato-VOLABO

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

www.notiziedalcomune.com

www.notiziedalcomune.com La comunicazione pubblica Appunti dal libro di Alessandro Rovinetti Diritto di Parola. Strategie, professioni, tecnologie della comunicazione pubblica - (Il Sole 24 Ore), 2002 Nel 2000, con la legge 150,

Dettagli

A chi inviare un messaggio

A chi inviare un messaggio A chi inviare un messaggio Danilo Ruocco Bologna, 24 maggio 2007 Quando si può parlare di comunicazione? Quando un mittente comunica un messaggio a un destinatario. Praticamente non è possibile non comunicare,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale

PROTOCOLLO D INTESA. sulla comunicazione interculturale PROTOCOLLO D INTESA sulla comunicazione interculturale tra Regione Emilia-Romagna, Ordine dei Giornalisti dell Emilia-Romagna, Co.Re.Com dell Emilia-Romagna, Consulta regionale per l integrazione sociale

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ 1. Premessa generale sulla comunicazione in Sanità 1.1 I diritti di salute e informazione La salute è un diritto fondamentale della persona

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. di Santo Fabiano. Modulo I Unità didattica IV LE RELAZIONI E LA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. di Santo Fabiano. Modulo I Unità didattica IV LE RELAZIONI E LA COMUNICAZIONE GIORNATE FORMATIVE PER AMMINISTRATORI NEO-ELETTI DEL LAZIO LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI di Santo Fabiano Modulo I Unità didattica IV LE RELAZIONI E LA COMUNICAZIONE 18

Dettagli

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV

PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV SONDALO SONDRIO MORBEGNO CHIAVENNA PIANO AZIENDALE DI COMUNICAZIONE AOVV DETERIMAZIONI IN ORDINE AGLI OBIETTIVI DI INTERESSE REGIONALE DEI DIRETTORI GENERALI DELLE AZIENDE OSPEDALIERE PER L ANNO 2008,

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole elementari e medie alla lettura e alla comprensione del

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro Progetto per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA Denominazione del progetto UN TUFFO NELLA MULTIMEDIALITÀ Responsabile di progetto D Angelo Matilde Analisi

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE Obiettivi Ascoltare Parlare Leggere 1. individuare gli elementi essenziali della situazione; 2. individuare le intenzioni comunicative; 3. capire il significato globale

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE ISTITUTO COMPRENSIVO DI RONCADE via Vivaldi 24-31056 Roncade (TV) PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE INGLESE-FRANCESE Traguardi di sviluppo delle competenze relative

Dettagli

Marketing. Per realizzare la pubblicità outdoor le PMI hanno a disposizione numerose agenzie di comunicazione

Marketing. Per realizzare la pubblicità outdoor le PMI hanno a disposizione numerose agenzie di comunicazione Outdoor: quando e perché realizzarla Per outdoor, ossia fuori casa si intendono tutte quelle attività promozionali e pubblicitarie che sono visibili all esterno delle pareti domestiche. Si tratta in sintesi

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE

L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE L ACQUISTO DI MACCHINE SICURE E di difficile interpretazione la complessa normativa nazionale ed internazionale che dovrebbe regolamentare il tema della sicurezza delle macchine e degli impianti destinati

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA

STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA dal 1980 NE NW W SW SE S E Lo scopo principale di una strategia di comunicazione è quello di consentire alla tua azienda di raggiungere in modo più efficiente

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Il rapporto tra le PMI del nord-italia e le organizzazioni non profit. (aprile 2003)

Il rapporto tra le PMI del nord-italia e le organizzazioni non profit. (aprile 2003) Il rapporto tra le PMI del nord-italia e le organizzazioni non profit (aprile 2003) Questa ricerca COMMISSIONATA DALLA FONDAZIONE UMANA MENTE AD ASTRA NEL MARZO 2003 REALIZZATA, IN COLLABORAZIONE CON LA

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, SOCIALI e della GRAFICA PUBBLICITARIA EUROPA POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO E DIDATTICA FRANCESE ANNO SCOLASTICO 2007-2008

Dettagli

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli