TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE"

Transcript

1 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING E PER L ORGANIZZAZIONE DELLE VENDITE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

2 DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE Il tecnico superiore commerciale, per il marketing e per l organizzazione delle vendite, in quanto figura professionale a banda larga, cura l attuazione delle strategie relative ai prodotti ed ai mercati, nonché l attuazione delle politiche commerciali e promozionali. Collabora nell organizzazione e nel coordinamento delle vendite e della distribuzione. ATTIVITA PROFESSIONALI FONDAMENTALI 1 organizzare le attività inerenti alla distribuzione dei prodotti/servizi aziendali; 2 coordinare ed integrare le competenze e le risorse presenti in azienda negli ambiti: commerciale, marketing, comunicazione e distribuzione; 3 operare e collaborare nel campo della comunicazione aziendale, in alcuni casi organizzando in prima persona, sia eventi e manifestazioni volte a dare visibilità all immagine ed ai prodotti/ e/o servizi aziendali, sia la predisposizione di materiale pubblicitario (cataloghi e campionari), a supporto delle attività aziendali; 4 operare e collaborare nel campo del marketing e del commercio, nell implementazione del sistema informativo di marketing, svolgendo ricerche mirate, e/o nella gestione dei processi di customer satisfaction e di mercato, in una data area geografica, intrattenendo rapporti con la clientela, rilevando le loro esigenze, collaborando per individuare i prodotti e i servizi più adeguati;

3 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 1 1 Utilizzare la lingua inglese commerciale Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. interagire nella comunicazione aziendale; 2. attivare rapporti comunicativi commerciali, sia a livello formale che informale; 3. comunicare con esperti del settore e trattare rapporti giuridico-commerciali. 1. Per interagire nella comunicazione aziendale, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare il linguaggio tecnico commerciale adeguato alle esigenze dell azienda; gestire situazioni comunicative significative nell ambito professionale. 2. Per attivare rapporti comunicativi commerciali, sia a livello formale che informale, il soggetto ha bisogno di sapere come: effettuare attività di relazione con il cliente; svolgere i compiti di segreteria necessari a promuovere e mantenere relazioni con il cliente. 3. Per comunicare con esperti del settore e trattare rapporti di tipo giuridico-commerciale, il soggetto ha bisogno di sapere come: stendere lettere commerciali; redigere relazioni a carattere tecnico.

4 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. interagire nella comunicazione aziendale; 2. attivare rapporti comunicativi commerciali, sia a livello formale che informale; 3. comunicare con esperti del settore e trattare rapporti giuridico-commerciali. 1 saper presentare l azienda ed il ciclo produttivo; aver compreso il linguaggio tecnico specifico del settore. La presentazione in lingua inglese dell azienda e di un prodotto; la gestione di rapporti con la clientela straniera, nei quali sia necessario l uso dell inglese tecnico. 2 saper gestire significative situazioni comunicative. la gestione in lingua delle telefonate e dell agenda degli appuntamenti. 3 saper comunicare tramite lettere, relazioni ed e- mail, usando con proprietà il linguaggio tecnico; La stesura e la comprensione di lettere e mail commerciali ; la traduzione dei documenti ricevuti la partecipazione ad eventi nei quali sia necessario l uso dell inglese tecnico; saper discutere su temi tratti da giornali e riviste economici e/o di attualità. la comprensione, traduzione, sintesi e argomentazione sui contenuti di un articolo di economia e/o attualità.

5 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 2 2 Leggere l economia del territorio Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. comprendere le tipicità del modello imprenditoriale; 2. analizzare le principali strategie adottate dalle aziende locali; 3. comprendere i diversi approcci nei rapporti di scambio con i mercati. 1. Per comprendere le tipicità del modello imprenditoriale, il soggetto ha bisogno di sapere come: leggere i principali indicatori economici; trasporre gli indicatori economici nazionali nella realtà economica locale. 2. Per analizzare le principali strategie adottate dalle aziende locali, il soggetto ha bisogno di sapere come: redigere modelli del sistema imprenditoriale locale rappresentativi delle sue peculiarità; sviluppare le relazioni causa-effetto nell economia locale; inquadrare, in un ottica prospettica, le dinamiche del modello imprenditoriale locale. 3. Per comprendere i diversi approcci nei rapporti di scambio con i mercati, il soggetto ha bisogno di sapere come: inquadrare genesi e prospettive della proiezione delle aziende locali verso i mercati nazionale ed estero; concettualizzare i modelli di impresa maggiormente significativi.

6 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. comprendere le tipicità del modello imprenditoriale; 2. analizzare le principali strategie adottate dalle aziende locali; 3. comprendere i diversi approcci nei rapporti di scambio con i mercati. 1 conoscere i principali indicatori di sintesi dell economia di un Paese. saper inquadrare le principali tappe dello sviluppo del proprio territorio. 2 saper individuare i modelli organizzativi aziendali prevalenti nel territorio; aver compreso i punti di forza e di debolezza del modello locale. 3 saper inquadrare genesi e prospettive della proiezione delle aziende locali verso i mercati nazionale ed estero; aver compreso le principali forme di accordi collaborativi. L interpretazione di semplici dati e di indici legati al flusso produzione-consumo ed ai prevedibili trend; l individuazione delle caratteristiche dell economia, industriale e post industriale, e dei relativi rapporti con i fattori di contesto. La comprensione e la descrizione delle caratteristiche salienti dei distretti industriali; l'uso corretto di concetti chiave quali: flessibilità, elasticità, modello a rete, lean organisation, sottocapitalizzazione, capitale umano. l'individuazione corretta delle problematiche connesse al mercato nazionale; l individuazione degli stadi del processo di internazionalizzazione, in relazione alle caratteristiche del territorio; l individuazione e la descrizione dei concetti di collaborazione produttiva e distributiva, in relazione alle principali tipologie aziendali.

7 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 3 3 Organizzare le attività di un ufficio commerciale Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. elaborare una proposta/preventivo commerciale al cliente; 2. assistere il responsabile nella presentazione della proposta apportando eventuali variazioni; 3. acquisire l ordine del cliente; 4. seguire e assicurare l evasione dell ordine; 5. organizzare il trasporto della fornitura e predisporne la documentazione necessaria; 6. gestire il sollecito di pagamento ed eventuali reclami. 1. Per elaborare una proposta/preventivo commerciale al cliente, il soggetto ha bisogno di sapere come: acquisire i bisogni del cliente; individuare i punti di forza e i benefici dell'offerta; individuare l'elemento chiave dell'offerta; strutturare le modalità di realizzazione di quanto promesso nell'offerta; dettagliare le specifiche economiche, gli allegati tecnici e di sintesi. 2. Per assistere il responsabile nella presentazione della proposta, apportando eventuali variazioni, il soggetto ha bisogno di sapere come: redigere una presentazione accattivante dell offerta; modificare le clausole e le condizioni commerciali inizialmente proposte. 3. Per acquisire l ordine del cliente, il soggetto ha bisogno di sapere come: interloquire con il cliente per perfezionare i dettagli commerciali o tecnici; utilizzare opportune tecniche di recalling; utilizzare la modulistica aziendale in uso.

8 4. Per seguire e assicurare l evasione dell ordine, il soggetto ha bisogno di sapere come: controllare la disponibilità della merce in magazzino, e, in caso di mancanza, (far) provvedere alla produzione/acquisto; monitorare il rispetto dei tempi previsti. 5. Per organizzare il trasporto della fornitura e predisporne la documentazione necessaria, il soggetto ha bisogno di sapere come: contattare il trasportatore e negoziare le migliori condizioni; (far) compilare la modulistica fiscale e di trasporto in uso; interloquire con il cliente durante la fase. 6. Per gestire il sollecito di pagamento ed eventuali reclami, il soggetto ha bisogno di sapere come: trovare soluzioni a problemi; rispondere efficacemente ad obiezioni; aprire e portare a termine l istruttoria di reclamo.

9 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. elaborare una proposta/preventivo commerciale al cliente; 2. assistere il responsabile nella presentazione della proposta apportando eventuali variazioni; 3. acquisire l ordine del cliente; 4. seguire e assicurare l evasione dell ordine; 5. organizzare il trasporto della fornitura e predisporne la documentazione necessaria; 6. gestire il sollecito di pagamento ed eventuali reclami, 1 saper rilevare quali sono le priorità, le caratteristiche richieste dai destinatari dell'offerta; l individuazione dei clienti a cui rivolgere l offerta commerciale; l individuazione delle caratteristiche dei clienti; saper personalizzare l'offerta e renderla convincente, sulla base di ciò che si è compreso essere il punto di forza nei confronti del cliente; saper scegliere un elemento chiave su cui puntare, per rendere riconoscibile la propria offerta e distinguerla da quella dei concorrenti; saper assicurare il rispetto delle promesse effettuate; saper definire nel dettaglio gli elementi essenziali ed accessori dell offerta; la struttura gerarchica dei principali bisogni che i clienti esprimono; la corrispondenza fra i bisogni del cliente e punti di forza del prodotto/servizio; la corrispondenza fra i punti di forza e gli elementi chiave dell offerta; la corrispondenza fra le promesse effettuate con le specifiche modalità di realizzazione; la corretta definizione di: prezzo unitario, prezzo totale, modalità di fatturazione, modalità di pagamento, termine di validità dell offerta; l indicazione delle caratteristiche e funzionalità, materiali utilizzati, processi di lavorazione/erogazione, tempi di lavorazione/consegna, garanzie previste;

10 segue punto 1 saper inserire allegati tecnici e di sintesi la strutturazione di tabelle o schemi riassuntivi dei vantaggi e delle condizioni d'offerta. 2 saper costruire una presentazione accattivante del prodotto/servizio, con l utilizzo delle nuove tecnologie; saper adattare la proposta iniziale ai bisogni espressi dal cliente. La strutturazione di una presentazione, anche con l utilizzo delle tecnologie informatiche; l assertività della reazione alle richieste di spiegazioni e alle obiezioni del cliente; la modifica delle clausole che salvaguardando la redditività del prodotto/servizio. 3 padroneggiare gli elementi del contratto; La conoscenza e l uso delle principali clausole essenziali (prezzo, quantità, qualità) e accessorie (tempo, luogo, modalità di consegna e pagamento); saper utilizzare strategicamente tecniche di recalling; la composizione di uno script telefonico, rispettandone la sequenza nella trattativa commerciale; saper utilizzare la modulistica aziendale in uso; l utilizzo di schemi uniformi e di condizioni generali, nel rispetto del ruolo assegnato; saper seguire l iter dell esecuzione del contratto con particolare attenzione per il cliente. 4 saper coordinare vendita con produzione/approvvigionamento. 5 aver compreso il ruolo del trasporto nell insieme delle strategie commerciali dell azienda; l individuazione dei punti critici e dei colli di bottiglia, evitando, per quanto possibile, momenti di frizione con il cliente. La garanzia del rispetto dei termini di consegna stabiliti nel contratto. l individuazione, a seconda del tipo di materiale trasportato, della soluzione di trasporto globalmente più conveniente.

11 segue punto 5 saper individuare le tipicità del trasporto e della spedizione; La trattativa con gli interlocutori più adatti, suddividendoli per specializzazione e potenzialità nell area di interesse; la precisione dei calcoli, per il maggior contenimento dei costi; la prevenzione e la soluzione degli inconvenienti e delle controversie, con la pianificazione adeguata dei rischi delle merci che viaggiano; la comprensione delle problematiche connesse: con le assicurazioni delle merci e dei crediti, con l individuazione dei soggetti ai quali fare riferimento e le procedure attivabili; padroneggiare i termini di resa; saper utilizzare in modo appropriato la documentazione di trasporto. la padronanza dei termini di resa della merce, secondo le clausole incoterms, per poter confrontare quotazioni e rischi; la conoscenza degli elementi essenziali della documentazione dei trasporti: marittimo, terrestre, aereo e ferroviario; e la capacità di compilazione dei medesimi. 6 saper gestire un sollecito di pagamento; L adozione di comportamenti professionali in caso di controversie; l individuazione delle cause di mancato pagamento, con la proposta di soluzioni accettabili; saper gestire una pratica di reclamo; l apertura di una pratica di reclamo, istruendo l iter del reclamo e proponendo soluzioni accettabili.

12 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 4 4 Comunicare e promuovere prodotti, servizi ed eventi Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. organizzare la comunicazione interna di eventi aziendali; 2. comunicare l immagine e i prodotti/servizi aziendali verso l esterno; 3. interloquire con clienti potenziali ed attuali. 1. Per organizzare la comunicazione interna di eventi aziendali, il soggetto ha bisogno di sapere come: redigere newsletter e house-organ; collaborare nella realizzazione della comunicazione istituzionale. 2. Per comunicare l immagine e i prodotti/servizi aziendali verso l esterno, il soggetto ha bisogno di sapere come: supportare la realizzazione di eventi. 3. Per interloquire con clienti potenziali ed attuali, il soggetto ha bisogno di sapere come: realizzare lettere, telefonate e mail di primo contatto e promozionali, nel rispetto delle norme vigenti.

13 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. organizzare la comunicazione interna di eventi aziendali; 2. comunicare l immagine e i prodotti/servizi aziendali verso l esterno; 3. interloquire con clienti potenziali ed attuali, 1 saper redigere semplici strumenti di comunicazione interna; La struttura dell indice e i contenuti di newsletter e house organ, anche attraverso le tecnologie di rete; saper organizzare riunioni. i criteri del supporto fornito al responsabile nell organizzazione e nella conduzione delle riunioni di funzione. 2 padroneggiare il portafoglio prodotti/servizi attuale e allo studio; saper individuare gli elementi per promuovere l immagine coordinata dell azienda; saper coadiuvare il responsabile nella pianificazione della campagna di comunicazione; saper sviluppare contenuti in coordinamento con i content writer; essere in grado di supportare il responsabile nell organizzazione di eventi. L individuazione delle caratteristiche salienti dei prodotti/servizi, commercializzati e in fase di sviluppo, consultando listini e schede tecniche; la qualità del supporto al responsabile, nell applicazione degli standard di immagine coordinata stabiliti dalla direzione aziendale; la redazione di un piano annuale di attività, tenendo presenti i periodi più significativi per l azienda e il mercato in cui opera, nel rispetto dei budget assegnati; la guida fornita agli specialisti di comunicazione, nell approfondimento e nello sviluppo dei contenuti da comunicare verso l esterno; l efficacia dell organizzazione di eventi: fiere, convegni, seminari, presentazioni, presenze istituzionali e altre attività di pubbliche relazioni e di promozione aziendale. 3 saper redigere i principali documenti di primo contatto; saper strutturare una promozione rivolta a clienti già acquisiti. La distinzione e l applicazione di stili comunicativi adatti per lettere, mail e telefonate; la struttura dei punti essenziali connessi ad una promozione; l individuazione di modalità, tipologie e layout grafici più opportuni per una determinata promozione.

14 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 5 5 Utilizzare le tecniche di marketing strategico ed operativo Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. orientarsi al mercato, focalizzando la strategia aziendale sui bisogni dei consumatori; 2. strutturare elementari ricerche di mercati, rivolte all Italia e all estero, attraverso l analisi sommaria del mercato e del comportamento del consumatore e della concorrenza; 3. comprendere le linee di sviluppo del rapporto azienda mercato, nel medio e lungo termine, ed attivare strategie di customer satisfaction e customer retention, con un ottica di qualità del servizio; 4. utilizzare le leve del marketing mix; 5. applicare gli strumenti fondamentali di marketing operativo. 1. Per orientarsi al mercato, focalizzando la strategia aziendale sui bisogni dei consumatori, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere gli orientamenti d impresa, contestualizzandoli con i settori ed i periodi storici di riferimento; inquadrare le principali caratterizzazioni dei nuovi marketing, in base alle possibili direttrici di sviluppo; distinguere l analisi, per fasi e per livelli. 2. Per strutturare elementari ricerche di mercati, rivolte all Italia e all estero, attraverso l analisi sommaria del mercato e del comportamento del consumatore e della concorrenza, il soggetto ha bisogno di sapere come: definire il mercato e le sue diverse accezioni; costruire i principali indicatori fondamentali relativi al mercato; schematizzare il comportamento dell acquirente in un modello causa-effetto; individuare le fasi d acquisto; costruire semplici ricerche di marketing ; individuare i soggetti e le forze appartenenti al sistema competitivo.

15 3. Per comprendere le linee di sviluppo del rapporto azienda mercato, nel medio e lungo termine, ed attivare strategie di customer satisfaction e customer retention, con un ottica di qualità del servizio, il soggetto ha bisogno di sapere come: comprendere i diversi approcci di marketing strategico succedutisi nel tempo; segmentare il mercato; posizionare i prodotti nel mercato. 4. Per utilizzare le leve del marketing mix, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare le variabili del marketing; riconoscere e contestualizzare le principali decisioni relative alle politiche di prodotto - prezzo comunicazione distribuzione; impadronirsi di un pertinente linguaggio tecnico; analizzare criticamente casi reali di successo e di insuccesso. 5. Per applicare gli strumenti fondamentali di marketing operativo, il soggetto ha bisogno di sapere come: articolare le sezioni di un piano di marketing; costruire elementari strumenti di marketing diretto; progettare semplici piani di marketing.

16 Per essere in grado di: TECNICO SUPERIORE COMMERCIALE, PER IL MARKETING B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. orientarsi al mercato, focalizzando la strategia aziendale sui bisogni dei consumatori; 2. strutturare elementari ricerche di mercati, rivolte all Italia e all estero, attraverso l analisi sommaria del mercato e del comportamento del consumatore e della concorrenza; 3. comprendere le linee di sviluppo del rapporto azienda mercato, nel medio e lungo termine, ed attivare strategie di customer satisfaction e customer retention, con un ottica di qualità del servizio; 4. utilizzare le leve del marketing mix; 5. applicare gli strumenti fondamentali di marketing operativo. 1 saper comprendere le diverse tipologie di orientamento d impresa, individuando la filosofia di approccio; saper distinguere le direttrici di sviluppo del marketing nell attuale scenario; La definizione degli orientamenti alla produzione, alle vendite, all innovazione, al mercato; la schematizzazione delle possibili direttrici geografiche di sviluppo, per oggetto e per destinatario; saper individuare i livelli e le fasi del marketing; la comprensione, l utilizzazione e la formulazione di esempi opportuni di marketing analitico, strategico operativo macro e micro; 2 saper comprendere le diverse accezioni di mercato; saper utilizzare i principali indicatori quantitativi del mercato; saper individuare ruoli, soggetti, relazioni e processi nel comportamento d acquisto; Il riconoscimento del mercato potenziale, accessibile, reale; l analisi del gap, della quota di mercato e di elasticità della domanda; l applicazione del modello stimolo-risposta a casi concreti; l individuazione di ruoli e tappe nel processo di acquisto; saper consultare e costruire semplici ricerche di mercato; l individuazione delle fasi nel processo di ricerca di marketing (desk analysis-field analysis); l applicazione delle principali tecniche di supporto alla field analysis.

17 3 conoscere e aver compreso le attività proprie del marketing strategico; La distinzione del marketing strategico da quello operativo; l individuazione dei diversi approcci succedutisi negli anni; saper riconoscere variabili, requisiti, fasi e strategie connesse all attività di segmentazione; la conoscenza dei criteri demografici, psicografici, geografici e comportamentali; saper strutturare semplici casi di segmentazione; la descrizione delle principali strategie di segmentazione; saper individuare variabili, fasi e strategie connesse con l attività di positioning; la distinzione delle principali variabili di posizionamento: per attributi, prezzo/qualità, modalità d uso, segmento di clientela, confronto con la concorrenza; saper costruire semplici mappe di preferenze e percezioni; la costruzione delle mappe bidimensionali delle preferenze e delle percezioni; 4 saper individuare il ruolo delle variabili del mix; la padronanza nell applicazione delle principali determinazioni per ciascuna variabile del mix ; comprendere le decisioni relative alle politiche di prodotto, prezzo comunicazione e distribuzione; l applicazione della politica di prodotto: assortimento marca, confezione etichetta, servizi, ciclo di vita l applicazione della politica del prezzo: metodi di determinazione, sconti e discriminazioni; l applicazione della politica della comunicazione: lettura critica di spot pubblicitari, analisi di un messaggio, promozioni, pubbliche relazioni eccetera; l applicazione della politica della distribuzione: politiche di canale e organizzazione della rete di vendita;

18 5 distinguere le sezioni che costituiscono un piano di marketing; saper schematizzare piani di marketing elementari; saper utilizzare strumenti di marketing diretto: telefonate, lettere ed di primo contatto; La costruzione di una check-list dei macro argomenti costituenti il piano; la coerenza dell analisi nella compilazione di ciascuna sezione del piano; la costruzione di lettere ed di primo contatto; la strutturazione di uno script di telefonata; conoscere le tecniche di fidelizzazione del cliente. l individuazione delle dimensioni della qualità del servizio e l assunzione di comportamenti coerenti; l individuazione di strategie per la riconquista dei clienti perduti.

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris

Analisi del mercato e stesura del piano di marketing. Dr.ssa Michela Floris Analisi del mercato e stesura del piano di marketing Dr.ssa Michela Floris L analisi del mercato L analisi della concorrenza L analisi della domanda Dr.ssa Michela Floris 2 L analisi della concorrenza

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

per l Azienda Turistica

per l Azienda Turistica Marketing Comunicazione e Internet per l Azienda Turistica Rurale GATEWAY TO LEARNING Il corso è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it Titolo del corso: Marketing,

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

TECNICO DELLE VENDITE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

TECNICO DELLE VENDITE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA TECNICO DELLE VENDITE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA Corso GRATUITO per giovani e adulti disoccupati già in possesso di conoscenze e capacità nel settore Rif. PA n 2015-4133/RER Finanziato dalla

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

TECNICHE DI COMUNICAZIONE

TECNICHE DI COMUNICAZIONE TECNICHE DI COMUNICAZIONE Terzo Anno TEMPI COMPETENZE S.1. L1,2. Acquisire consapevolezza e padronanza dei meccanismi che regolano i processi di comunicazione. ABILITA Riconoscere l efficacia della comunicazione

Dettagli

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO Gestire la relazione di vendita con efficacia 1 Corso base in commercio estero 2 L efficacia commerciale: corso per operatori al servizio vendita 3

Dettagli

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI Analisi di settore e internazionalizzazione (Mip) 2 Formazione

Dettagli

Come sviluppare un marketing plan

Come sviluppare un marketing plan Come sviluppare un marketing plan Fasi del marketing plan 1. analisi della situazione; 2. definizione degli obiettivi; 3. individuazione del target; 4. sviluppo strategia di posizionamento 5. definizione

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

TECNICO DI SALA E BAR

TECNICO DI SALA E BAR PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI SALA E BAR 113 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in grado

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY

ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY TECNICO SUPERIORE RETAIL E MARKET INTELLIGENCE SETTORE MODA-CALZATURA OBIETTIVO DEL PERCORSO Il progetto intende formare una figura

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO

DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO DESCRIZIONE PROGETTI NEL DETTAGLIO Sviluppo di un modello organizzativo DESCRIZIONE CLIENTE: società toscana specializzata nell edilizia con una forte focalizzazione su innovazione e investimenti in ricerca

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

CORSI INTERAZIENDALI GRATUITI

CORSI INTERAZIENDALI GRATUITI CORSI INTERAZIENDALI GRATUITI per DATORI DI LAVORO, DIPENDENTI DI IMPRESE CON SEDE NELLA PROVINCIA DI RIMINI e LIBERI PROFESSIONISTI Progetti approvati dalla Provincia di Rimini SCHEDA DI ADESIONE DA INVIARE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Automobili

Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Automobili Elenco di obiettivi di valutazione, ramo Automobili Avvertenze - Per facilitarne la leggibilità il presente documento è stato redatto utilizzando la forma maschile. - Per cliente si intendono tutte le

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di viaggio e accompagnamento Sequenza di processo Composizione

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup)

Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup) Alcuni spunti relativi ad un nuovo Progetto D impresa (Startup) L'idea Imprenditoriale e Le Persone Il Prodotto/Servizio Il Piano Di Marketing Il Piano Di Produzione Gli Aspetti Economico-Finanziari L'

Dettagli

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche legale: Corso Mazzini 151, Ascoli Piceno operativa: C.da S. Giovanni Scafa, San Benedetto del Tronto (centro

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Referenziazioni della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Referenziazioni della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 13. TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 5. Professioni qualificate

Dettagli

ENGLISH STUDIONLINE. INGLESE E GIAPPONESE prezzo. lingua di erogazione del corso. durata abbonamen to. durata corso. azienda erogatrice

ENGLISH STUDIONLINE. INGLESE E GIAPPONESE prezzo. lingua di erogazione del corso. durata abbonamen to. durata corso. azienda erogatrice ENGLISH STUDIONLINE INGLESE E GIAPPONESE prezzo durata corso lingua di erogazione del corso durata abbonamen to azienda erogatrice Corso preparazione al TOEFL 60,00 20 ore inglese English Studio Corso

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing Il Business Game di Conform Il Piano di Marketing 2 Indice -- Premessa -- Business game - marketing plan -- La struttura del gioco -- Un caso concreto -- Le modalità di gioco -- L inizio del percorso --

Dettagli

informazioni generali

informazioni generali Catalogo corsi 1 semestre 2016 informazioni generali I corsi indicati nel presente catalogo possono essere soggetti a variazione nei contenuti e nei titoli, in relazione all'interesse dei destinatari.

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE 105 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. BRACCINI MARUSCA DISCIPLINA: MARKETING. Classe 5 Sezione CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. BRACCINI MARUSCA DISCIPLINA: MARKETING. Classe 5 Sezione CLM PIANO DI LAVORO Prof. BRACCINI MARUSCA DISCIPLINA: MARKETING Classe 5 Sezione CLM MODULI DURATA (IN ORE) L ambiente economico competitivo dell impresa 25 Il marketing operativo 30 Il piano di marketing

Dettagli

Tecnico commerciale delle vendite. Standard della Figura nazionale

Tecnico commerciale delle vendite. Standard della Figura nazionale Tecnico commerciale delle vendite Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi

Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi MA.VE.CO. Consulting Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi Marketing Vendita Comunicazione Marketing Operativo e Strategico (Analisi delle Risorse,

Dettagli

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in

Dettagli

Plurimpresa/e-commerce. soluzione di commercio elettronico

Plurimpresa/e-commerce. soluzione di commercio elettronico Plurimpresa/e-commerce soluzione di commercio elettronico Plurimpresa/e-commerce Plurimpresa/e commerce è la soluzione di Commercio Elettronico di Plurima Software utilizzabile, sia dal cliente consumer

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA - Indirizzo TURISTICO

PROGRAMMAZIONE di DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA - Indirizzo TURISTICO PROGRAMMAZIONE di DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI CLASSE TERZA - Indirizzo TURISTICO Modulo 1 Categorie di viaggiatori. Tipologie di turismo; i prodotti e i servizi. Il turismo nel tempo: turismi di ieri

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali L indirizzo Produzioni industriali e artigianali, nel secondo biennio e nell ultimo anno, attraverso un insieme omogeneo e

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 EUGENIO VANDA General Manager Un'organizzazione è un gruppo di persone formalmente unite per raggiungere uno o più obiettivi comuni che

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

strategie d impresa e rapporto con il mercato L E-Business e il consumatore: il nuovo paradigma

strategie d impresa e rapporto con il mercato L E-Business e il consumatore: il nuovo paradigma Gli Strumenti del Commercio Internazionale: Internet, contratti, agevolazioni Struttura congressi Hotel Solara Conca Specchiulla (Otranto) 12-13 giugno 2003 D&L Studio Strategie di Internazionalizzazione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008

L offerta per il mondo Automotive. gennaio 2008 L offerta per il mondo Automotive gennaio 2008 Chi siamo :: Una knowledge company, specializzata in strategie, marketing e organizzazione, che in partnership con i suoi clienti e fornitori, realizza progetti

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Geprim per il Settore Immobiliare

Geprim per il Settore Immobiliare Geprim per il Settore Immobiliare Strumenti, tecniche, competenze, per superare le criticità e raggiungere i propri obiettivi Geprim per il Settore Immobiliare Il settore immobiliare è caratterizzato da

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli