Piano Strategico e Studio di Fattibilità per il Marketing e lo Sviluppo Turistico in Puglia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Strategico e Studio di Fattibilità per il Marketing e lo Sviluppo Turistico in Puglia"

Transcript

1 Piano Strategico e Studio di Fattibilità per il Marketing e lo Sviluppo Turistico in Puglia Aprile 2008

2 SOMMARIO 1 PERCHÉ UN PIANO STRATEGICO IL PERCORSO DI COSTRUZIONE DEL PIANO GLI INTERVENTI REGIONALI NEGLI ULTIMI DUE ANNI IL QUADRO LEGISLATIVO LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Scenario internazionale: le previsioni di sviluppo del mercato internazionale L andamento negli anni duemila L apporto economico del turismo internazionale Alcuni altri indicatori Il trend demografico ed i mutamenti dell atteggiamento del turista 29 6 IL MERCATO TURISTICO REGIONALE L andamento della domanda nel medio lungo termine La dinamica delle presenze Gli italiani Motivazioni degli italiani per il turismo in Puglia Identikit dei turisti italiani Gli stranieri Profilo turistico dei mercati Le tipologie ricettive La stagionalità della domanda La stagionalità nelle province pugliesi La spesa dei turisti L offerta L offerta ricettiva: l evoluzione negli anni duemila L offerta alberghiera nel

3 6.2.3 L offerta extralberghiera nel Le seconde case: una stima Focus provinciale: domanda, offerta, risorse I COMPETITOR Lo scenario L offerta La domanda AREE DI PRODOTTO: EVOLUZIONE, STATO ATTUALE E POTENZIALITÀ Turismo balneare Turismo natura Turismo culturale Turismo termale e della salute Turismo sportivo Turismo MICE Turismo religioso Conclusioni SWOT analysis IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO E LA NUOVA IDENTITÀ TURISTICA Richiamo storico

4 9.2 L appeal del Mezzogiorno e delle sue regioni Il posizionamento della Puglia fra le regioni italiane Il posizionamento fra le regioni italiane con riferimento ad alcuni servizi Il posizionamento con riferimento ad alcuni indici di sintesi Le valutazioni degli stranieri La valutazione degli stakeholder Mobilità e infrastrutture I driver di scelta per gli investimenti turistici. Un analisi sulle potenzialità del territorio pugliese Metodologia Risultati Elementi di criticità Considerazioni di sintesi Trasformare i deficit in valore aggiunto: Puglia slow DALL IDENTITY PROPOSITION ALLE STRATEGIE ED AI RISULTATI La governance del mass-market Le linee di azione La formazione: dall ospitalità alla professionalità

5 11 I MACROPRODOTTI STRATEGICI Le categorie di riferimento I target individuati I viaggiatori I vacanzieri I mercati di riferimento Turismi culturali Turismi balneari Lo scenario competitivo Turismi culturali I turismi balneari OBIETTIVI AL E RISULTATI ATTESI Presupposti dell analisi utili ad identificare gli obiettivi ed i risultati attesi I due macro prodotti Le Puglie Il Mare LINEE DI SVILUPPO E AZIONI Key concept

6 Key concept: il territorio Key Concept: le Persone Le linee di intervento a valenza comune Le linee di azione specifiche e prioritarie Azioni per le Puglie Azioni per il Mare Comunicazione: viral e visual VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI/IMPATTO SULL ATTIVITÀ ECONOMICA DELLA REGIONE PUGLIA DELLE INIZIATIVE DI SVILUPPO TURISTICO PROMOSSE DALL ASSESSORATO REGIONALE AL TURISMO Analisi descrittiva delle principali variabili economiche (Italia, Puglia) Stima del modello SVAR per l ITALIA, costruzione grafica delle funzioni IR e calcolo delle elasticità di risposta alla spesa turistica delle variabili economiche considerate (PIL, IFL, OCCUPAZIONE) e dei flussi turistici Stima del modello SVAR per la regione PUGLIA, costruzione grafica delle funzioni IR e calcolo delle elasticità di risposta alla spesa turistica delle variabili economiche considerate (PIL, IFL, OCCUPAZIONE) e dei flussi turistici Valutazione dell effetto dell aumento della spesa pubblica per turismo della regione Puglia sul sistema economico e sui flussi turistici della Puglia

7 14.5 Confronto tra i moltiplicatori della spesa della SPA per il settore turistico e quelli di altri settori economici (Industria e Artigianato; Agricoltura) in Puglia CONSIDERAZIONI STRATEGICHE FINALI Come rendere funzionale ed integrata l attività delle istituzioni con quella degli operatori e del mercato La competizione interna ed internazionale I piani di comparto Piano turismi del mare Piano nautica da diporto Piano dei litorali (Piano delle Coste) Piano degli eventi regionali Piano arte e cultura Piano identità e tradizioni immateriali Piano risorse umane Piano seconde case Piano aeroporti Piano Turismo per tutte le stagioni Piano Appeal Internazionale Piano appeal mercato domestico Piano turismo ambientale e sportivo Piano fiere e workshop Piani di filiera e di prodotto Piano qualità Piano programmazione comunitaria Il brand sotteso: Apuliae slow tourism Per una strategia di promozione e comarketing

8 INDICE ALLEGATI 1. Dossier turistico economico della regione Puglia per il Piano di Marketing Strategico e di Fattibilità per lo Sviluppo Turistico della Regione Puglia 2. Rapporto conclusivo del progetto di ricerca itinerante e di posizionamento per il Piano di Marketing Strategico e di Fattibilità per lo Sviluppo Turistico della Regione Puglia 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova Legge Quadro del settore 4. Il Piano della Qualità 5. Il Piano Formazione 6. Executive Summary presentazione 8

9 1 Perché un Piano strategico Cosa è un Piano Strategico ed a cosa serve? È un documento volontario di lungo periodo, non obbligatorio (come ad esempio i Piani paesaggistici o quelli urbanistici) e condiviso che le Amministrazioni pubbliche attivano per capire ed anticipare le tendenze future e per integrare in modo migliore la loro attività con quella dei diversi stakeholders, degli operatori e anche dei residenti sul territorio. Il Piano strategico per il marketing e lo sviluppo turistico innesta un nuovo processo snello e flessibile di governance, che mette in rete attori e politiche, interessi e obiettivi per individuare e dare contenuti operativi ad una visione condivisa del futuro, promuovendo nuove alleanze a livello di territori e di prodotti. Con riferimento specifico al caso della Puglia il Piano rappresenta una evoluzione ed una innovazione rispetto alla precedente programmazione individuando una vision di lungo periodo e definendo un insieme organico di linee strategiche per le politiche di settore, in un contesto internazionale di largo respiro. Il Piano si propone di fornire adeguate ed efficaci risposte alle criticità rilevate nelle principali dinamiche settoriale e dal conseguente assetto normativo regionale, per questi motivi parallelamente in via di ridefinizione, partendo da una analisi quali-quantativa del mercato attuale e delle sue prospettive future. Il Piano fa riferimento a diverse analisi di base che sono state condotte negli ultimi tre anni da esperti del comparto, sia in modo specifico con riferimento alle attività turistiche, sia in modo indiretto con oggetto attività che comunque si intersecano e sono determinanti per il turismo. PERCIÒ Un Piano strategico: individua le chiavi di volta che consentono lo sviluppo del turismo di una destinazione; 9

10 opziona le alternative che anticipano i trend in atto secondo una prospettiva di lungo periodo; sceglie gli obiettivi: individua le linee strategiche; verifica le compatibilità fra le opzioni proposte; predispone gli strumenti per conseguire gli obiettivi previsti si caratterizza per un paradigma di innovazione e di creatività parte dal mercato per arrivare al prodotto e tornare al mercato integra (coordina) l attività delle istituzioni con quella degli operatori QUINDI pensa con occhio lungo (programmazione di lungo periodo) al futuro decide in modo integrato e/o consapevole coordina i diversi attori del mercato e intorno a mercato aumenta la razionalità dei comportamenti instaura meccanismi di feedback individua le infrastrutture materiali coerenti capisce le componente immateriali che caratterizzano prodotti e mercati intuisce le chiavi ambientali della competitività Seguendo tali principi, l Assessorato al Turismo ed Industria Alberghiera della Regione Puglia, nell ambito della programmazione strategica per il rilancio dello sviluppo turistico su base regionale, si è posto sin dalla fase di avvio l obiettivo di sciogliere positivamente i nodi emersi negli ultimi anni, anche ridefinendo le scelte precedentemente adottate e le iniziative avviate, secondo una innovativa politica sia dell offerta turistica, e del più generale sistema di ospitalità, sia relativamente all immagine ed alla promozione della domanda. L obiettivo è quello di aumentare la quantità e la qualità del turismo locale, recuperando i gap esistenti rispetto alle altre regioni mediterranee, italiane ed estere ed individuando proprie linee di sviluppo. 10

11 QUINDI La strategia scelta si articola in otto punti essenziali: 1. favorire il turismo internazionale; 2. favorire la destagionalizzazione delle attività; 3. favorire il turismo domestico di media e lunga distanza; 4. passare dalla concezione di turismo balneare a quella di turismi del mare; 5. valorizzare gli altri turismi presenti, come opzioni autonome ed integrate al soggiorno balneare; 6. realizzare un piano qualità globale che coinvolge tutte le componenti e mira ad innalzare l immagine della regione; 7. fare emergere il turismo che non appare; 8. in subordine, favorire, secondo parametri diversi, la fedeltà della clientela, secondo una ottica pluriennale, più che annuale;. Ognuno dei punti indicati risponde a precise esigenze per essere competitivi nel mercato, non in modo riduttivo per resistere ai cambiamenti, ma per anticiparli e provocarli, mentre si affacciano nuove concorrenze. Infatti la Puglia 1. è una delle regioni con la minore incidenza di presenze straniere in Italia; 2. è una delle regioni con maggiore contrazione di presenze nel periodo estivo (giugno-settembre) e segnatamente nei due mesi centrali (luglio-agosto); 3. è fortemente caratterizzata dal turismo di prossimità dei nazionali; 4. è percepita, sia per la realtà dei dati che sul piano dell immagine, essenzialmente come area balneare; 5. è caratterizzata da un turismo balneare in netta prevalenza monolitico, poco articolato nelle sue diverse segmentazioni che rappresentano altrettanti prodotti; 6. è orientata ed è percepita come mass-market; 11

12 7. è una delle regioni con la più alta quota di abitazioni per vacanza (seconde case); 8. vede una scarsa fidelizzazione dei clienti di lungo (e medio) raggio. Il prodotto turistico, inteso come destinazione, è costituito dall insieme di attività e servizi realizzati ed offerti dal territorio di riferimento, attraverso i soggetti pubblici e quelli privati che hanno responsabilità e competenza sull argomento. Compito delle istituzioni, e segnatamente di una Regione, in questa fase evolutiva, è quello di offrire agli operatori la strumentazione più idonea per assistere e favorire l attività degli operatori, secondo un approccio soft che porta ad una integrazione sistemica dei diversi ruoli, senza prevaricazioni, e nel pieno rispetto dei principi di sostenibilità ambientale. 12

13 2 Il percorso di costruzione del Piano Secondo questa ottica è stato firmato un Protocollo d Intesa sul Turismo tra la Regione e i rappresentati degli EE.LL., delle parti sociali e delle associazioni di categoria (settembre 2005), con i quali è stato verificato e condiviso un programma organico di azioni e iniziative specifiche, a cui hanno aderito più di 60 soggetti. La Regione si è impegnata, con questo atto, ad istituzionalizzare e calendarizzare periodicamente incontri tematici, secondo una metodologia fondata su una costante attività di ascolto e confronto dell Amministrazione con i diversi attori del settore. Conseguentemente alla firma del Protocollo d intesa, sono state elaborate ed approvate in Giunta regionale le Linee guida di politica turistica regionale, uno specifico Atto d indirizzo (novembre 2005), per individuare scenari, programmi, priorità ed iniziative da realizzare nel breve e medio periodo. La Regione, con un concreto cambiamento rispetto al passato, ha così predisposto uno strumento di programmazione/attuazione delle attività finalizzate allo sviluppo del settore. Si è inteso, in tal modo, favorire la più ampia cooperazione e collaborazione, attraverso ogni diversa forma di partnerariato istituzionale e sociale, per programmare e realizzare, di comune intesa, idonee azioni di sviluppo integrato, tra le quali assumono particolare rilievo la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico-architettonico, naturalistico-paesaggistico, rurale, etno - antropologico, nonchè delle risorse enogastronomiche regionali. Nel febbraio 2007 l Assessorato al Turismo ha ritenuto necessario elaborare il documento di programmazione settoriale Programma Triennale di Promozione Turistica a valere per gli anni 2007, 2008 e 2009 ed il connesso Piano di attuazione Tali Piani hanno l obiettivo di valorizzare ulteriormente la Puglia quale destinazione turistica, consentendo una migliore e più ampia conoscenza del nostro territorio e della gamma diversificata di prodotti disponibili, 13

14 incrementando l appeal e l attenzione dei mercati italiano ed internazionale e, conseguentemente, i flussi turistici in arrivo. Contemporaneamente, attraverso azioni ed attività innovative, si ha l intento di promuovere ed affermare il carattere di Terra dell accoglienza anche attraverso il lancio di Puglia per tutte le stagioni quale tratto distintivo del nuovo brand della Puglia. 3 Gli interventi regionali negli ultimi due anni Il complesso degli interventi promossi dall Amministrazione Regionale, in materia turistica, negli ultimi 2 anni, può essere così sintetizzato: Finanziamenti in favore di iniziative imprenditoriali a valenza turistica o Emessi 3 bandi per finanziamenti (circa 180 milioni/euro complessivi) in favore di iniziative imprenditoriali a valenza turistica, quali: ristrutturazione, riconversione e realizzazione di nuove strutture ricettive, incentivazione microimprese promosse da giovani e inoccupati. Sono attualmente in corso le procedure di erogazione dei fondi. Riorganizzazione del Sistema turistico regionale o Commissariate per un anno le Aziende di promozione turistica, sentite le Camere di Commercio e le associazioni di categoria, allo scopo di avviare la riorganizzazione del Sistema turistico regionale. Realizzazione del Portale Turismo e dell OSSERVATORIO TURISTICO della Puglia o Realizzato il Portale Turismo Puglia, ricomprendendo nel lavoro di progettazione/attuazione anche le basi dell Osservatorio turistico regionale. Di tali strumenti la Regione, tra le ultime in Italia, ad oggi ancora non disponeva. 14

15 Campagna di promozione in collaborazione con Aeroporti di Puglia o Avviata una campagna di promozione in collaborazione con Aeroporti di Puglia orientata ai mercati esteri, con particolare riferimento alla incentivazione delle tratte aeree low cost. In tal modo, sono state favorite le destinazioni turistiche pugliesi e fidelizzati i flussi e i vettori Borsa Internazionale del Turismo o Coordinata e realizzata la presenza congiunta della Regione e delle Province alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano del 2006, 2007 e del 2008, oltre che alle altre manifestazioni nazionali ed internazionali. Bando per la selezione dei direttori tecnici di agenzie di viaggio o Riaperto (dopo otto anni) il bando per la selezione dei direttori tecnici di agenzie di viaggio, offrendo così nuove e interessanti prospettive in un settore trainante dell economia regionale. Progetti interregionali, finanziati dal Ministero Attività produttive o Deliberata la partecipazione della Puglia ad alcuni importanti Progetti interregionali, finanziati dal Ministero Attività produttive, tra cui la incentivazione del turismo congressuale (capofila la Toscana), il percorso federiciano in collaborazione con la Regione Basilicata, ed iniziative per la promozione del turismo scolastico. 15

16 Programma di iniziative promozionali turistiche relativo all anno 2004 o Modificate e riavviate le procedure di finanziamento (per 2 milioni di euro) del programma di iniziative promozionali turistiche relativo all anno 2004, consentendo così il completamento dell esame delle oltre 130 domande sospese e la formazione della relativa graduatoria per l accesso ai fondi. Disegno di legge di decentramento delle competenze in materia di direttori tecnici d agenzia di viaggio o Presentato in Giunta regionale il Disegno di legge di decentramento delle competenze in materia di direttori tecnici d agenzia di viaggio (ora all esame della quarta commissione del Consiglio Regionale). Sistemi Turistici Locali o Avviate le procedure di regolamentazione e riconoscimento dei Sistemi Turistici Locali, d intesa con il Ministero Attività produttive, con un approccio innovativo che porta a distinguere fra Sistemi Turistici Territoriale e Sistemi Turistici di Filiera o di Prodotto. Bando 488 Turismo, o Stabiliti requisiti fortemente innovativi per l accesso al Bando 488 Turismo d intesa con il MAP (Ministero Attività Produttive), ai fini dell erogazione di circa 23 milioni di euro, privilegiando il recupero delle architetture tradizionali (masserie, trulli, lamie, torri, ecc.) e l adeguamento delle strutture alberghiere agli standard internazionali di qualità. 16

17 Campagna di promozione nei punti di ristoro lungo la rete autostradale o Realizzata una campagna di promozione nei punti di ristoro lungo la rete autostradale, con degustazioni e viaggi premio, in collaborazione con l Assessorato alle Risorse Agroalimentari. Comitato consultivo sul turismo o Istituito il Comitato consultivo sul turismo (ai sensi della L.R. 1/2002) per le attività di programmazione, indirizzo e coordinamento delle iniziative regionali in materia di turismo. Progetto Città aperte o Promosso e realizzato il Progetto Città aperte, per garantire l apertura prolungata nella stagione estiva a fini turistici di tutti i siti rilevanti, pubblici (di proprietà dello Stato e degli Enti locali), di privati e delle Diocesi, nonché degli esercizi commerciali nelle città ad alta valenza turistica. Gara europea ad evidenza pubblica o Attivata e conclusa la procedura di gara europea ad evidenza pubblica per: 1. Partecipazione a fiere, mostre ed eventi a carattere nazionale ed internazionale, con servizio stampa, a supporto delle politiche promozionali turistiche della Puglia, anno 2007; 2. Educational tour ed altre iniziative a valenza turistica, realizzate mediante ospitalità ed altri strumenti a favore degli opinion leader, compreso supporto stampa, anno

18 Rapporti tra Regione Puglia e i beneficiari dei finanziamenti delle Misure 4.15 e 4.16 o Approvate le procedure regolanti i rapporti tra Regione Puglia e i beneficiari dei finanziamenti delle Misure 4.15 e 4.16, relative agli Interventi di promozione e marketing, nonché di potenziamento di infrastrutture specifiche, di supporto al settore turistico. Misure POR 4.15, 4.16 e 6.2 o Avviato, d intesa con i PIS, il finanziamento (sinora bloccato) degli interventi relativi alle Misure POR 4.15, 4.16 e 6.2, per circa 80 milioni di euro. Turismo accessibile o Avviato il progetto RoadMap per il Turismo Accessibile, in collaborazione con l Assessorato alla Solidarietà Sociale. Uno strumento per rendere veramente accessibile il turismo regionale, a cominciare dall informazione. Portualità turistica o Realizzata, nell ambito del Programma Operativo di Sviluppo Italia Advisoring agli studi di fattibilità, Delibera CIPE 130/03, un analisi di pre-fattibilità per la costituzione di una rete di porti turistici in Puglia. APQ in materia di Sviluppo Locale o Nell ambito dell APQ in materia di Sviluppo Locale, è stato realizzato il Piano di Marketing Strategico e di Fattibilità per lo Sviluppo Turistico, oggetto del presente documento; è in fase di conclusione, lo Studio del Sistema regionale della Portualità turistica. 18

19 Programma di recupero ed utilizzazione a fini turistici delle Masserie di proprietà della Regione facenti parte del patrimonio ex ERSAP o Sono state avviate le procedure per la realizzazione di una Rete ricettiva rurale di qualità, consentendo così la valorizzazione dell asset ed il suo utilizzo a vantaggio dello sviluppo economico del territorio regionale. Campagna di sensibilizzazione dell imprenditoria turistica regionale e per la diffusione della cultura dell accoglienza o Avviata in collaborazione con Unioncamere la Campagna di sensibilizzazione dell imprenditoria turistica regionale e per la diffusione della cultura dell accoglienza, con lo svolgimento della prima sessione del Forum regionale del Turismo in Puglia (2006). Un percorso della durata di un anno circa, che procede per tappe ed attraverso sessioni di lavoro per promuovere un circuito virtuoso, partecipativo e di ascolto tra soggetti pubblici, Enti territoriali, operatori turistici e cittadini, attraverso il quale valutare, individuare e raggiungere risultati certi a vantaggio di un settore così trainante per l economia locale. Linee guida per la definizione del sistema regionale di portualità turistica o Presentato l Atto di indirizzo sulle Linee guida per la definizione del sistema regionale di portualità turistica realizzate nell ambito dell APQ in materia di Sviluppo Locale, con l obiettivo di delineare un progetto organico di sviluppo della portualità turistica definendo in modo puntuale le opere da eseguire con i relativi finanziamenti, tempi e modalità di attuazione. 19

20 Sistema di comunicazione ed informazione turistico-culturale per la promozione del territorio regionale o È stato predisposto un progetto per la realizzazione di un Sistema di comunicazione ed informazione turistico-culturale per la promozione del territorio regionale attraverso l implementazione della segnaletica per migliorare la fruibilità e la conoscenza degli attrattori turistici, in sinergia con la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Puglia. Piano di comunicazione integrata per la creazione e valorizzazione del brand Puglia Rifinanziamento per 10 milioni di euro della Mis al fine di attivare una procedura di gara europea ad evidenza pubblica per la progettazione e realizzazione del: Piano di comunicazione integrata per la creazione e valorizzazione del brand Puglia, ai fini della promozione turistica. In particolare, come già prima anticipato, nell ambito della programmazione delle risorse del FAS ripartite dal CIPE con la Delibera 20/04 e, così come previsto dalle Linee guida degli interventi di politica turistica regionale redatte nel 2005 dall Assessorato al Turismo, la Regione Puglia ha determinato di realizzare un Piano Strategico e Studio di Fattibilità per il marketing e lo Sviluppo Turistico in Puglia. In data 9 novembre 2005 è stato sottoscritto l Accordo di Programma Quadro in materia di Sviluppo Locale (II atto integrativo) tra il Ministero dell Economia e Finanze, il Ministero delle Attività Produttive e la Regione Puglia. L APQ affida a Sviluppo Italia, quale soggetto attuatore, la redazione dello studio di Marketing strategico e di fattibilità per lo sviluppo 20

21 turistico. Il Piano ha l obiettivo di delineare un progetto quale modello di riferimento per la definizione di una politica turistica regionale che possa, riconoscendo la complessità del sistema turistico locale, valorizzarne le specificità territoriali e le linee di prodotto. Alla redazione del presente elaborato, hanno collaborato un Comitato di Indirizzo Strategico composto da: Prof. Emilio Becheri, Arch. Claudio Cipollini, Prof.ssa Mara Manente, Prof. Gavino Maresu, Prof. Federico Pirro e da un Team Operativo costituito da: GH srl, l Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, e l Associazione Mecenate 90. L Agenzia regionale per la tecnologia e l innovazione, presieduta dal Prof. Gianfranco Viesti ha elaborato la valutazione degli effetti sull attività economica della regione Puglia delle iniziative di sviluppo turistico promosse dal Piano strategico. 4 Il quadro legislativo Il quadro di riferimento e le linee di indirizzo per le politiche di promozione del settore turistico della Regione Puglia vengono definite preminentemente dalle Linee guida degli interventi di politica turistica regionale del Come ricordato nel suddetto documento, l attuale quadro normativo, che regolamenta l organizzazione turistica pubblica della Regione e le attività di promozione in materia, si basa principalmente su: L.R. 28/1978 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese, da ultimo modificata e integrata nell agosto 2005 con la L.R. Seconda variazione al Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2005, che ha introdotto la predisposizione di Programmi tecnico-finanziari di promozione turistica su base triennale e Piani annuali di attuazione. D.G.R. 200 del 2 marzo 2005 (Oggetto: L. 135/2001 POR Puglia Misura 4.15 Direttive generali e piano di 21

22 promozione turistica in attuazione della L.R. 28/78 e successive modifiche ) che ha approvato il documento programmatorio pluriennale, prevedendo anche parziali modifiche a precedenti delibere. L.R. 1/2002 Organizzazione turistica regionale, che assegna alla Giunta il compito di approvare periodicamente le direttive regionali ed il piano regionale di promozione turistica (art.3, comma 1) ai sensi della L.R. 13/2000 di attuazione dei POR, nonchè di redigere un Regolamento - ad oggi non ancora predisposto (art.5) - per definire le modalità e la misura dei finanziamenti dei progetti di sviluppo degli STL (Sistemi Turistici Locali). Più in dettaglio, la normativa regionale in materia turistica si articola nelle seguenti leggi. Strutture ricettive Le norme che disciplinano l attività ricettiva sono contenute innanzitutto nella L.R. 11 febbraio 1999 n. 11, Disciplina delle strutture ricettive ex att. 5, 6 e 10 della legge 17 maggio 1983, n, 217, delle attività turistiche ad uso pubblico gestite in regime di concessione e delle associazioni senza scopo di lucro". Tra le aziende ricettive alberghiere, la norma fa le seguenti distinzioni: Alberghi; Motels; Villaggi albergo; Residenze turistico alberghiere; Alberghi dimora storica residenza d epoca; Alberghi centro benessere. Tra le strutture ricettive all aria aperta, vi sono i villaggi turistici ed i campeggi. Sono invece considerate strutture extralberghiere non soggette a classificazione le case per ferie e gli esercizi di affittacamere. Inoltre la L.R. 24 luglio 2001 n. 17 disciplina l attività ricettiva di bed&breakfast (affittacamere). L attività agrituristica è disciplinata dalla Legge 20 febbraio 2006 n. 96. Si segnala infine la L.R. 5 settembre 1994 n. 29, Liberalizzazione dei prezzi dei servizi e delle strutture ricettive nonché delle attività turistiche ad uso pubblico gestite in regime di concessione. 22

23 Agenzie di viaggi e turismo Per quanto riguarda le agenzie di viaggio, la norma di riferimento è la L.R. 14 giugno 1996 n. 8 e successive modifiche. Organizzazione della promozione turistica L organizzazione della promozione turistica regionale si basa sulla L.R. 23 ottobre 1996 n. 23, Riordinamento dell amministrazione turistica regionale in attuazione dell art. 4 della legge 17 maggio 1983, n. 217 e la L.R. 11 febbraio 2002 n. 1, Norme di prima applicazione dell art. 5 della legge 29 marzo 2001, n. 135 riguardante il riordino del sistema turistico pugliese. I soggetti deputati alla promozione turistica sulla base della normativa del 1996 sono: Regione; APT; IAT. Con la normativa risalente al 2002 è stato stabilito lo scioglimento delle 5 Apt (art. 13 e ss.); oltre a ciò, è stata prevista l istituzione dell Aret (Agenzia Regionale del Turismo, art. 6 e ss.), quale organismo tecnico operativo e strumentale della Regione, dell Osservatorio Regionale per il Turismo e di un Comitato Consultivo con compiti di programmazione, indirizzo e coordinamento. Viene inoltre accolto il principio della legge 135/01 che prevede il riconoscimento dei Sistemi Turistici Locali (art. 5) al fine di favorire l integrazione armonica e compatibile tra le politiche del turismo, quelle del Governo per il territorio e quelle dello sviluppo economico. Ad oggi, però, questo nuovo assetto organizzativo è rimasto ancora inattuato. A questi soggetti si aggiungono inoltre le Associazioni pro loco (L.R. 11 maggio 1990 n. 27). Professioni turistiche In ambito di professioni turistiche non esiste ancora una normativa specifica a riguardo, anche se gli organi preposti hanno realizzato un disegno di legge per disciplinare, in futuro, anche questa materia. Infrastrutture accessorie al turismo L.R. 30 gennaio 1982 n. 6, Ordinamento dei porti e degli approdi 23

24 turistici della Puglia nel contesto del sistema portuale della Regione Puglia. L.R. 11 settembre 1987 n. 27, Modifica art. 4 della L.R. 8 giugno 1985, n Interventi per la tutela dei litorali e delle acque di balneazione. La già citata L.R. 11/99 (art. 48 e ss.) disciplina tra l altro le strutture ad uso pubblico gestite in regime di concessione, ovvero:stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, darsene e approdi turistici. L.R. 25 agosto 2003 n. 21, Disciplina delle attività escursionistiche e reti escursionistiche della Puglia. L.R. 23 giugno 2006 n. 17, Disciplina della tutela e dell'uso della costa. Incentivi Legge regionale 30 gennaio 1982 n. 6, Ordinamento dei porti e degli approdi turistici della Puglia nel contesto del sistema portuale della Regione Puglia. Legge regionale 12 marzo 1985 n. 8, Norme per l'utilizzazione del finanziamento di cui al titolo II della legge , n Legge Quadro per il turismo - e interventi per il potenziamento e la qualificazione della offerta turistica. Legge regionale 22 maggio 1985 n. 34, Interventi a favore dell agriturismo. Legge regionale 22 agosto 1989 n. 12, Incentivazione regionale della ricettività turistica e delle strutture turistiche complementari (come modificata da L.R. 23 gennaio 1992 n. 6). Legge regionale 29 giugno 2004 n. 10, Disciplina dei regimi regionale di aiuto. Si segnala inoltre il P.O.R. (Programma Operativo Regionale) che prevede 58 misure specifiche di intervento, ripartite fra sei assi prioritari individuati attraverso dettagliate analisi sullo stato socio-economico della regione. I sei assi riguardano: le risorse naturali, le risorse culturali, le risorse umane, le imprese, la qualità della vita nelle città, le reti e i nodi di servizio. Grazie al P.O.R. la Regione Puglia dispone di ingenti risorse che sta utilizzando insieme agli enti locali, alle imprese e ai cittadini per la crescita costante del territorio. 24

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

SENARIO INTERNAZIONALE Tendenze nel mercato del turismo del Southern Italy

SENARIO INTERNAZIONALE Tendenze nel mercato del turismo del Southern Italy SENARIO INTERNAZIONALE Tendenze nel mercato del turismo del Southern Italy (maggio 2007) (codice prodotto OSAP02-R02-D01) Copyright 2007 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera Bari, 23 maggio 2008 LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE CLAUDIO CIPOLLINI Direttore Generale Retecamere LA PUGLIA IERI 2 LA

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Euro P.A. Turismo cercasi dati L ANNUARIO del TURISMO e della CULTURA 2009 Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Fabrizio Lucci, Centro Studi Rimini, 2 aprile 2009 INDICE DELL ANNUARIO

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 Misurare in tempo reale la competitività della destinazione Puglia e monitorare le variazioni quali/quantitative dei flussi turistici

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

Il turismo in Puglia nel 2011

Il turismo in Puglia nel 2011 Il turismo in Puglia nel 2011 Key words Internazionalizzazione Consolidamento Innovazione A cura di: Osservatorio del Turismo della Regione Puglia PUGLIA 2011: INTERNAZIONALIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO La

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese

Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese Turismo rurale in Veneto: il ruolo degli enti, delle associazioni, delle imprese Stefan Marchioro Direttore Turismo Padova Terme Euganee Docente a contratto di Economia e Marketing del Turismo presso l

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

Programmazione 2016. Alberto Peruzzini - Direttore

Programmazione 2016. Alberto Peruzzini - Direttore Programmazione 2016 Alberto Peruzzini - Direttore Firenze, 19 Aprile 2016 2 Agenda Considerazioni introduttive Lo scenario: congiuntura e tendenze dei mercati La strategia complessiva Gli strumenti Linee

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Seconda indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2007 a cura

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA DOMANDA TURISTICA E IMPATTO SULL INDUSTRIA IMMOBILIARE

EVOLUZIONE DELLA DOMANDA TURISTICA E IMPATTO SULL INDUSTRIA IMMOBILIARE EVOLUZIONE DELLA DOMANDA TURISTICA E IMPATTO SULL INDUSTRIA IMMOBILIARE Milano, 12 giugno 2013 Prof.ssa Maria Antonella Ferri UNIVERSITAS MERCATORUM ASSOIMMOBILIARE INDICE ü Il turismo in Italia: Ø Lo

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Terza indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2008 a cura della

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2004: GERMOGLI DI RIPRESA 1 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati COME FARE SISTEMA Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati IL TURISMO ALCUNI DATI I viaggi contribuiscono per il 10% al prodotto interno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005

IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005 CENTRO STUDI UNIONCAMERE BASILICATA OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA BASILICATA IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005 IN BASILICATA OTTOBRE 2005 ANCORA UN ESTATE DELUDENTE PER IL TURISMO ITALIANO In base

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Turismo italiano: un'industria senza governo

Turismo italiano: un'industria senza governo Turismo italiano: un'industria senza governo «In Italia dichiara il Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell Eurispes è tutto maledettamente più complicato che altrove, non solo perché siamo il paese leader

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO Disegno di Legge di Iniziativa della Giunta Regionale PUNTI SALIENTI E NOVITA Venezia, 18 maggio 2011 Quanto perderebbe l economia del Veneto senza il turismo?

Dettagli

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%)

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%) Il monitoraggio dei dati per la formulazione dell offerta turistica regionale a cura dell Osservatorio turistico Dipartimento regionale turismo, sport e spettacolo 1. Lo scenario e le macrodinamiche Nel

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Prof. Gianfranco Viesti Presidente dell ARTI (in collaborazione con Prof. Pierfelice Rosato, Un. Salento) Forum Regionale del Turismo Bari 24 maggio

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012 Il Turismo 1 Nel 2012 la provincia di Brindisi ha migliorato la propria offerta ricettiva ed ha registrato un incremento degli indicatori quali-quantitativi della ricettività locale (densità degli esercizi

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Genova, 23 novembre 2011 A Analisi B Diagnosi C Possibili evoluzioni

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2005: 2 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE 2009

ANALISI CONGIUNTURALE 2009 ANALISI CONGIUNTURALE 2009 COMUNICATO Gennaio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA di Brindisi Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: dicembre

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Provincia di Bergamo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DATI STATISTICI ANNO 2005 Introduzione...pag. 3 1. MOVIMENTI DEI CLIENTI NELLE STRUTTURE RICETTIVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO, COMPRESO

Dettagli

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015 Anche nei campeggi Toscani il vento delle ripresa del turismo: il ritorno di italiani e stranieri così l'evoluzione della domanda di turismo all'aria aperta nel 2015 secondo gli operatori toscani www.osservatorioturismoariaaperta.it

Dettagli

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo

INDICE. Prefazione Presentazione 1. PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo XVIII Rapporto sul Turismo Italiano I INDICE Prefazione Presentazione 1 PARTE PRIMA: STATISTICHE ED ECONOMIA Introduzione 5 1. 1 L Italia nel contesto mondiale ed europeo 1 Il turismo nel mondo secondo

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - BASILICATA CONGIUNTURA 1/2013 IL CONSUNTIVO DEL TURISMO LUCANO NEL 2012 * ם IL QUADRO GENERALE SFAVOREVOLE IL BILANCIO PER IL TURISMO ITALIANO Il 2012 è stato un

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici

Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici Intervento Presidente della Provincia Olbia Tempio Fedele Sanciu Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici Olbia Expò, 25/11/2011

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR I TOUR OPERATOR Riforma della legislazione nazionale del turismo 135/2001 (art. 2 e ss.) Le imprese che svolgono attività

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

IV Conferenza Italiana per il Turismo

IV Conferenza Italiana per il Turismo IV Conferenza Italiana per il Turismo I fattori di competitività turistica del territorio e l orientamento al prodotto L organizzazione del territorio per rispondere alle sfide del turismo montano gianfranco

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays Andrea Mazzanti Agriturismo Villa Tombolina Montemaggiore al Metauro (PU) 19 Novembre 2008 Agriturismo in Italia

Dettagli

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori.

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori. !! " 1 L indagine nazionale 2008, sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane rappresenta il proseguimento del percorso di analisi avviato

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

La valenza strategica del turismo. Economia, immagine e promozione della regione Lazio

La valenza strategica del turismo. Economia, immagine e promozione della regione Lazio La valenza strategica del turismo Economia, immagine e promozione della regione Lazio Giugno 2009 Direzione del Rapporto Fabio Piacenti Coordinamento Viviana Vassura Hanno collaborato Daniela De Francesco

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

Il turismo nello scenario internazionale

Il turismo nello scenario internazionale Il turismo nello scenario internazionale 1 INDICE Il turismo internazionale nel mondo Partenze mondiali Partenze per Paese Primi 20 Paesi per spesa ed entrate Il turismo internazionale in Italia Arrivi

Dettagli

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia Presentazione dei risultati della ricerca Palermo, 11 luglio 2014 Obiettivi

Dettagli