LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione"

Transcript

1 Serie schede tematiche febbraio n cod pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia in seconda pagina le notizie flash sui dati provinciali più interessanti Sommario pagina 1. La realtà complessiva della regione Lombardia crescono invalidità civili e del lavoro 2. La provincia di Bergamo molto basso il rapporto tra invalidità-pensioni sociali e popolazione 3. La provincia di Brescia media alta per pensioni sociali e invalidità civili, basse le reversibilità 4. La provincia di Como diminuiscono le pensioni per i superstiti 5. La provincia di Cremona il rapporto più alto delle pensioni di reversibilità con la popolazione 6. La provincia di Lecco record regionale nel basso rapporto pensioni sociali/abitanti 7. La provincia di Lodi per le pensioni ai superstiti supera le percentuali regionale e nazionale 8. La provincia di Mantova la maggiore incidenza di rendite per vedove e orfani 9. La provincia di Milano i maggiori rendimenti medi mensili per invalidità, superstiti, sociali 10. La provincia di Pavia rapporti alti per rendimenti di invalidità professionali e numero reversibilità 11. La provincia di Sondrio percentuali basse di pensioni sociali e alte per invalidità del lavoro 12. La provincia di Varese molte rendite per superstiti e poche pensioni sociali 13. L aggiornamento dei dati i prossimi aggiornamenti tra marzo e maggio

2 Serie schede tematiche febbraio n cod pag. 2 notizie flash: le brevissime sui dati più interessanti brevissime Ogni 100 residenti in Lombardia, 10 ricevono pensioni e rendite assistenziali o di sostegno (pensioni sociali e per invalidi civili, invalidi del lavoro, reversibilità per vedove ed orfani). Il costo dei redditi pensionistici assistenziali o di sostegno di cui beneficia il 10% dei lombardi citati, ammonta nell anno 2005 a circa sei milioni di euro (le pensioni di vecchiaia e anzianità, nello stesso periodo, hanno comportato una spesa di 21 milioni 457 mila euro). A livello Italia sono 12 per ogni 100 abitanti i cittadini che ricevono pensioni e rendite assistenziali o di sostegno e nel 2005 hanno avuto un costo di 40 milioni di euro (per vecchiaia e anzianità il costo annuo nazionale è stato di 91 milioni di euro). Le pensioni assistenziali in Lombardia: negli ultimi tre anni presi in considera zione, diminuiscono del 4,6% i beneficiari di pensioni sociali ed aumentano del 6,9% le pensioni di invalidità civile. Le maggiori differenze percentuali a livello di province si hanno: con una diminuzione del numero di pensioni e assegni sociali nelle province di Mantova (-21%) e Sondrio (-19,2%); con un aumento del numero di pensioni di invalidità civile nelle province di Milano (+11,7%) e di Mantova (+11,2%). I redditi medi mensili regionali sono di 351,61 euro per le pensioni sociali e di 327,93 euro per gli assegni sociali. Nelle province i redditi mensili sono compresi: tra 289,83 euro di Pavia e 388,33 euro di Milano per le pensioni sociali; tra 303,48 euro di Brescia e 345,09 euro di Milano per gli assegni sociali. Gli assegni di invalidità lavorativa riguardano in Lombardia più di 160 mila lavoratori ed equivalgono all 1,78% della popolazione residente. In Italia complessivamente sono il 3,86% della popolazione. Sempre a livello regionale le maggiori percentuali di invalidi si registrano nelle province di Pavia (3,72%) e di Sondrio (2,80%). L ammontare mensile degli assegni di invalidità. In Italia 499,55, in Lombardia 577,98, nelle province lombarde da 618,27 di Milano a 481,70 di Sondrio. Diminuiscono gli assegni di invalidità. Il numero dei beneficiari, negli ultimi tre anni considerati, è calato dell 11,41% in Lombardia e dell 11,56% in Italia. Nelle province della Lombardia i maggiori ridimensionamenti percentuali si sono avuti a Mantova (-14,8%) e Sondrio (-13,1%). Le pensioni per i superstiti in Lombardia riguardano beneficiari (7,16% della popolazione), con un rapporto percentuale maggiore di quello nazionale (6,66). Le percentuali maggiori nelle province di Pavia (9,13%), Cremona (8,25%) e Mantova (8,17%). Restano sostanzialmente stabili le pensioni di reversibilità. Nei tre anni esaminati, in Lombardia i destinatari aumentano di 872 unità, nazionalmente di

3 Serie schede tematiche febbraio n cod pag. 3 Nelle province lombarde sono in controtendenza, con delle diminuzioni, anch esse molto contenute, le province di Como, Mantova, Milano e Pavia. 1. La realtà complessiva della regione Lombardia La popolazione residente in Lombardia è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001). I dati nazionali sono di cittadini, uomini e donne. Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,82% della popolazione residente. Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (- 599); n nel 2003 ( ) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+1.214); n nel 2003 ( ) 2005 sono stati, rispettivamente di 351,61 euro e di 327,93 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 344,38 euro e per gli assegni sociali di 314,67. (*) i calcoli comprendono pensioni e assegni sociali a ultra 65enni e a invalidi civili, per 13 mensilità. L ASSEGNO SOCIALE è una prestazione di natura assistenziale riservata ai cittadini italiani che abbiano: 65 anni di età; la residenza in Italia; un reddito pari a zero o di modesto importo. I redditi devono essere inferiori ai limiti stabiliti ogni anno dalla legge e variano a seconda che il pensionato sia solo o coniugato. Se è coniugato si tiene conto anche del reddito del coniuge. Per il 2007 tali limiti sono pari a 5.061,68 annui se il pensionato è solo, ,36 annui se è coniugato. LA PENSIONE AGLI INVALIDI CIVILI: è una prestazione di natura assistenziale a cui hanno diritto gli invalidi civili totali e parziali, i ciechi e i sordomuti che non hanno redditi personali o, se ne hanno, sono di modesto importo. Dal 1 gennaio 2001, il riconoscimento dell'invalidità è stato assegnato alle Regioni, che verificano i requisiti sanitari attraverso Commissioni mediche istituite presso le Aziende sanitarie locali (Asl). Fino al 31 dicembre 2000 il riconoscimento della pensione era affidato alle Prefetture. In linea generale, l'inps ha solo il compito di provvedere al pagamento mensile dell'assegno. Solo in alcuni casi, a seguito di specifici accordi, le Regioni possono demandare all'inps il riconoscimento amministrativo della prestazione di invalidità civile. Recenti modifiche legislative hanno trasferito all Inps le competenze del Ministero dell Economia e delle Finanze in tema di verifiche sanitarie dell invalidità civile successive al suo riconoscimento. Il trasferimento sarà operativo una volta emanati gli appositi decreti Coloro che percepiscono la pensione d'invalidità civile possono, a determinate condizioni, avere diritto anche alle maggiorazioni sociali. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n , pari al 1,78% della popolazione della regione. Il rapporto con la popolazione nazionale è del 4,11%. nel 2004 le invalidità nella regione erano ( ), nel 2003 n ( ). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, in Lombardia, nel 2005, è stato di 577,98 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 563,82 euro. L ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITA è un assegno che spetta ai lavoratori dipendenti e autonomi affetti da un'infermità fisica o mentale. Si può ottenere quando si verificano le seguenti condizioni: l infermità fisica o mentale, accertata dal medico dell INPS, che provochi una riduzione permanente di due terzi della capacità di lavoro, in occupazioni confacenti alle attitudini del lavoratore; un'anzianità contributiva di almeno cinque anni, di cui almeno tre versati nei cinque anni precedenti la domanda di pensione; l assicurazione presso l Inps da almeno cinque anni. L'assegno ordinario di invalidità non è una pensione definitiva: vale infatti fino ad un massimo di tre anni ed è rinnovabile su domanda del beneficiario, che viene quindi sottoposto ad una nuova visita medico-legale. Dopo due conferme consecutive l'assegno diventa definitivo. L'assegno ordinario di invalidità viene concesso anche se si continua a lavorare. In questo caso il titolare ogni anno viene sottoposto a visita medicolegale. Al compimento dell'età pensionabile l'assegno viene trasformato in pensione di vecchiaia Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n , corrispondente al 7,16% della popolazione della regione. Il rapporto con la popolazione nazionale è del 6,66%. nel 2004 le pensioni di reversibilità in Lombardia erano (+1.150), nel 2003 n (-278). Il reddito medio mensile delle pensioni per i superstiti nel 2005 è stato di 528,07 euro in regione e di 455,54 in sede nazionale. Il reddito mensile nel 2004 è stato di euro 515,61 in regione e di euro 444,53 nazionalmente. È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere:

4 Serie schede tematiche febbraio n cod pag. 4 di reversibilità: se la persona deceduta era già pensionata indiretta: se la persona, al momento del decesso, aveva accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure se era assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.se la persona, al momento del decesso, svolgeva attività lavorativa La pensione indiretta spetta solo se il deceduto aveva accumulato, in qualsiasi epoca, almeno 15 anni di contributi oppure se era assicurato da almeno 5 anni, di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte. La provincia di Bergamo La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,67% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Un rapporto percentuale ancora più basso risulta solo nella provincia di Lecco (0,60%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (- 66); n nel 2003 (- 68 ) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (- 54); n nel 2003 (+63 ) 2005 sono stati, rispettivamente di 357,15 euro e di 322,90. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 348,58 euro e per gli assegni sociali di 309,57. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,39% della I trattamenti per invalidità professionale della provincia di Bergamo, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente inferiori alla media regionale, per divenire quasi un terzo della media nazionale. In Lombardia tutte le altre province hanno incidenze percentuali di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione superiori alla provincia di Bergamo. Le percentuali più alte sono quelle di Pavia con il 3,72%, di Sondrio con il 2,80% e di Lodi con il 2%. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (- 610), nel 2003 n (+7). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 572,58 euro. Nell anno 2004 la media mensile fu di 557,55 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (6,79% della popolazione Le pensioni per superstiti di Bergamo e provincia, sempre rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente inferiori a tutte le altre province. Hanno un rapporto più alto Pavia con il 9,13%, Cremona con l 8,25% e così via. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (- 605), nel 2003 n (+380).

5 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Brescia La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 1,04% della popolazione residente. Il rapporto percentuale di pensioni sociali e per invalidi civili con la popolazione è più alto della media regionale (0,82%) ed è di poco inferiore al livello nazionale (1,34%). L unico rapporto percentuale più alto in Lombardia è solo quello della provincia di Pavia (1,15%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (+26 ); n nel 2003 (- 171) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+51 ); n nel 2003 (+213 ) 2005 sono stati, rispettivamente di 315,43 euro e di 303,48 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 307,94 euro e per gli assegni sociali di 291,13 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,89% della Nella provincia di Brescia i trattamenti per invalidità professionale, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente più alti della media regionale e - come tutte le altre province lombarde - nettamente inferiori alla media nazionale. In Lombardia le altre province che hanno incidenze percentuali di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione superiori alla provincia di Brescia sono Como con l 1,99%, Lodi con lo 2,01%, Sondrio con il 2,80% e Pavia con il 3,72% Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-1.474), nel 2003 (-1.408). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 561,91 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 549,04 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (6,88% della popolazione Le pensioni per superstiti di Brescia e provincia, rapportate alla popolazione residente, insieme a quelle di Bergamo e Milano registrano le percentuali più basse nei confronti delle altre province della regione. Brescia ha una percentuale inferiore a quella regionale, ma leggermente superiore a quella nazionale. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+267), nel 2003 n (+241).

6 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Como La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,70% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Nell ambito delle province lombarde, dei rapporti percentuali più bassi di quelli di Como risultano nelle province di Bergamo e Lecco. Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (+32); n nel 2003 (-2) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+40); n nel 2003 (+52) 2005 sono stati, rispettivamente di 364,78 euro e di 319,27 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 359,61 euro e per gli assegni sociali di 307,08 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,99% della La provincia di Como registra una incidenza dei trattamenti per invalidità professionale, in rapporto alla popolazione, superiore alla media regionale, mentre equivale a poco più della metà di quella nazionale. Le province lombarde con incidenze percentuali di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione superiori alla provincia di Como sono Lodi, Sondrio e Pavia. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-565 ), nel 2003 (-679). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 569,01 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 553,14 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (6,98% della popolazione Le pensioni per superstiti di Como e provincia, in rapporto alla popolazione residente, sono percentualmente inferiori al dato regionale e superiori a quello nazionale. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+94 ), nel 2003 n (-130).

7 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Cremona La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente all 1% della popolazione residente. Il rapporto percentuale di pensioni sociali e per invalidi civili con la popolazione, nella provincia di Cremona è più alto della media regionale (0,82%), mentre rimane inferiore al livello nazionale (1,34%). Rapporti percentuali più alti, in Lombardia, vi sono solo nelle province di Pavia e Brescia. Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (-16); n nel 2003 (+47) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (-10); n nel 2003 (-74) 2005 sono stati, rispettivamente di 325,02 euro e di 311,83 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 318,26 euro e per gli assegni sociali di 302,84 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,62% della I trattamenti per invalidità professionale della provincia di Cremona, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente inferiori alla media regionale. In Lombardia solo la provincia di Bergamo con l 1,39% e Milano con l 1,54%, hanno una incidenza percentuale minore di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-374 ), nel 2003 (-395). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 558,52 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 541,08 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (8,25% della popolazione della provincia). Il rapporto con la popolazione della regione è invece del 7,16% e Le pensioni per superstiti di Cremona e provincia, sono nettamente superiori al dato regionale ed a quello nazionale. Cremona ha il più alto rapporto percentuale fra le province lombarde, seguita da Mantova. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+75 ), nel 2003 n (+8).

8 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Lecco La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,60 % della popolazione residente. Il rapporto percentuale di pensioni sociali e per invalidi civili con la popolazione che si registra nella provincia di Lecco è, in assoluto il più basso di tutta la regione. Infatti la media regionale è 0,82% mentre quella di tutte le altre province va da 0,69% di Bergamo a 1,15% di Pavia. La media nazionale poi sale all 1,34%. Le pensioni e gli assegni sociali sono n. 602 nell anno n. 636 nel 2004 (-34); n. 666 nel 2003 (-30) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+50); n nel 2003 (+39) 2005 sono stati, rispettivamente di 338,88 euro e di 326,30 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 332,63 euro e per gli assegni sociali di 312,92 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,63% della Lecco ha una percentuale di trattamenti per invalidità professionale, in rapporto alla popolazione, inferiore alla media regionale e fa parte della fascia di dati provinciali più bassi della Lombardia. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-244 ), nel 2003 (-232). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 596,95 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 580,82 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (7,02% della popolazione Le pensioni per superstiti di Lecco e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente inferiori al dato regionale e superiori a quello nazionale. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+136 ), nel 2003 n (+107).

9 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Lodi La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,73% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Rapporti percentuali più bassi risultano nelle province di Lecco, Bergamo, Como e Varese. Le pensioni e gli assegni sociali sono n. 540 nell anno n. 531 nel 2004 (+9); n. 600 nel 2003 (-69) Le pensioni per invalidità civile sono n. 912 nel n. 901 nel 2004 (+11); n. 839 nel 2003 (+62) 2005 sono stati, rispettivamente di 358,51 euro e di 327,06 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 352,71 euro e per gli assegni sociali di 314,55 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (2,01% della A Lodi i trattamenti per invalidità professionale, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente superiori alla media regionale e la provincia fa parte, insieme a Sondrio e Pavia, del gruppo di province lombarde con un maggiore peso di pensioni di invalidità professionale in rapporto alle rispettive popolazioni residenti. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-261), nel 2003 (-321). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 563,87 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 550,44 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (7,58% della popolazione Le pensioni per superstiti di Lodi e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente superiori ai dati medi regionale e nazionale. Hanno dati superiori le province di Pavia, Cremona e Mantova. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+107 ), nel 2003 n (+39).

10 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Mantova La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,83% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Un rapporto percentuale ancora più basso risulta solo nella provincia di Lecco (0,60%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (-174 ); n nel 2003 (-98) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+145); n nel 2003 (+67) 2005 sono stati, rispettivamente di 332,98 euro e di 301,26 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 328,66 euro e per gli assegni sociali di 291,60 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,65% della I trattamenti per invalidità professionale della provincia di Mantova, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente inferiori alla media regionale. Mantova fa parte della fascia di province della regione Lombardia con dati più bassi nella incidenza percentuale di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione. OK Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-499 ), nel 2003 (-586). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 506,75 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 491,53 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (8,17% della popolazione Le pensioni per superstiti di Mantova e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente superiori ai dati medi regionale e nazionale. Tutte le altre province, eccetto Cremona e Pavia, hanno un rapporto percentualmente inferiore con le rispettive popolazioni residenti. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+33 ), nel 2003 n (-219).

11 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Milano (compresa Monza) La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,81% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Un rapporto percentuale ancora più basso risulta solo nella provincia di Lecco (%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (-294); n nel 2003 (-406) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+599); n nel 2003 (+966) 2005 sono stati, rispettivamente di 388,33 euro e di 345,09 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 379,09 euro e per gli assegni sociali di 330 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,54% della Nel rapporto fra popolazione residente e trattamenti per invalidità professionale, la provincia di Milano ha una incidenza inferiore alla media regionale ed è a meno della metà della media nazionale. In Lombardia tutte le altre province, eccetto Bergamo, hanno incidenze percentuali di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione superiori. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano ( ), nel 2003 (-3.998). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 618,27 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 605,29 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (6,85% della popolazione della provincia). Il rapporto con la popolazione della regione è invece del 7,16% e Le pensioni per superstiti di Milano e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente inferiori ai dati medi della Lombardia ed a quelli nazionali. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (-31 ), nel 2003 n (-605).

12 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Pavia La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 1,15% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Un rapporto percentuale ancora più basso risulta solo nella provincia di Lecco (0,60%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (-159 ); n nel 2003 (-230) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+114 ); n nel 2003 (+137) 2005 sono stati, rispettivamente di 289,83 euro e di 315,58 euro. Nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 285,91 euro e per gli assegni sociali di 306,31 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (3,72% della I trattamenti per invalidità professionale della provincia di Pavia, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente superiori alla media regionale e quasi raggiungono diversamente dalle altre province lombarde -la media nazionale. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano ( ), nel 2003 (-1.197). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 515,45 euro. Nell anno 2004 la media mensile fu di 501,93 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (9,13% della popolazione Le pensioni per superstiti di Pavia e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente superiori a tutte le altre province. Hanno un rapporto più alto nei confronti dei dati medi regionali e nazionale. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (-108 ), nel 2003 n (-235).

13 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Sondrio La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,75% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Un rapporto percentuale ancora più basso risulta solo nella provincia di Lecco (0,60%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n. 189 nell anno n. 193 nel 2004 (-4); n. 234 nel 2003 (-41) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+33 ); n nel 2003 (+32) 2005 sono stati, rispettivamente di 297,68 euro e di 310,91 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 289,39 euro e per gli assegni sociali di 302,04 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (2,80% della I trattamenti per invalidità professionale della provincia di Sondrio, in rapporto alla popolazione, sono percentualmente nettamente superiori alla media regionale. In Lombardia solo la provincia di Pavia ha una incidenza percentuale di pensioni per invalidità in rapporto alla popolazione superiore. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-383 ), nel 2003 (-363). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 481,70 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 470,11 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (7,53% della popolazione Le pensioni per superstiti di Sondrio e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente nella media delle altre province. A Sondrio il rapporto è più alto dei dati regionali e nazionale. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (+39 ), nel 2003 n (-31).

14 Serie schede tematiche febbraio n cod pag La provincia di Varese La popolazione residente è di n cittadini maschi, femmine (dati Istat 2001) Le pensioni sociali e per invalidi civili: nel 2005 sono n , equivalente allo 0,69% della popolazione residente. (0,82%) ed ancora di più a livello nazionale (1,34%). Un rapporto percentuale ancora più basso risulta solo nella provincia di Lecco (0,60%). Le pensioni e gli assegni sociali sono n nell anno n nel 2004 (-51); n nel 2003 (-12) Le pensioni per invalidità civile sono n nel n nel 2004 (+127); n nel 2003 (-12) 2005 sono stati, rispettivamente di 339,42 euro e di 332,07 euro. nell anno 2004 furono, per le pensioni sociali di 334,66 euro e per gli assegni sociali di 317,89 euro. Gli assegni per invalidi del lavoro: nel 2005 sono n (1,77% della Nella provincia di Varese i trattamenti per invalidità professionale, rapportati alla popolazione, sono percentualmente pressoché equivalenti alla media regionale. In Lombardia, nei confronti delle altre province ha una posizione mediana. Nel 2004 le invalidità nella provincia erano (-666 ), nel 2003 (-906). Il reddito medio mensile delle pensioni di invalidità, nel 2005, è stato di 601,83 euro. nell anno 2004 la media mensile fu di 584,59 euro. Le rendite per vedove e orfani: nel 2005 sono n (7,25% della popolazione Le pensioni per superstiti di Varese e provincia, rapportate alla popolazione residente, sono percentualmente superiori ai dati regionali e nazionali. Nel 2004 le pensioni di reversibilità erano (-67), nel 2003 n (+167).

15 Serie schede tematiche febbraio n cod pag L aggiornamento dei dati Invalidi civili: fonti > Inps e Regione Lombardia periodicità dei dati di origine: annuale data ultimo aggiornamento: maggio 2006 data prevista prossimo aggiornamento: maggio 2007 Gestioni assistenziali: fonti > Inps e Regione Lombardia periodicità dei dati di origine: annuale data ultimo aggiornamento: marzo 2006 data prevista prossimo aggiornamento: marzo 2007 Popolazione residente: fonte > Istat periodicità dei dati di origine: decennale data ultimo aggiornamento: settembre 2004 data prevista prossimo aggiornamento: settembre 2014 Invalidità lavoro, Superstiti, Pensioni assegni sociali: fonti > Inps e Regione Lombardia periodicità dei dati di origine: annuale data ultimo aggiornamento: marzo 2006 data prevista prossimo aggiornamento: marzo 2007 =======================================

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 29 maggio 2012 Il Rapporto annuale dell Inps viene presentato, nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati, per la quarta volta. Questa edizione restituisce l

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2

Le pensioni nel 2013. Le pensioni da lavoro. Allegato n. 2 Le pensioni nel 2013 Le pensioni da lavoro Allegato n. 2 Integrazione al minimo Le pensioni liquidate col sistema retributivo o col sistema misto, in presenza di determinate condizioni di reddito, vengono

Dettagli

Informazioni Sommario

Informazioni Sommario Informazioni Sommario LA VECCHIAIA... 2 L'INVALIDITA'... 2 LA RENDITA Inail E LA REVERSIBILITA'... 3 L'ANZIANITA'... 3 IL PART TIME... 5 AZIENDA O Inps... 5 PENSIONE CONTRIBUTIVA... 5 LA VECCHIAIA Quando

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

PENSIONI IN ESSERE AL 1 GENNAIO 2013 IN PROVINCIA DI MODENA EROGATE DALL'INPS (*)

PENSIONI IN ESSERE AL 1 GENNAIO 2013 IN PROVINCIA DI MODENA EROGATE DALL'INPS (*) PENSIONI IN ESSERE AL 1 GENNAIO 2013 IN PROVINCIA DI MODENA EROGATE DALL'INPS (*) Si riporta, in diverse tabelle, il numero delle pensioni erogate dall'inps in Provincia di Modena, numero che comprende

Dettagli

SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012

SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 16 luglio 2013 SINTESI RAPPORTO ANNUALE INPS 2012 Il nuovo Inps L Inps presenta quest anno la quinta edizione del Rapporto annuale, la prima dopo l incorporazione

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

3.03 Stato al 1 gennaio 2011

3.03 Stato al 1 gennaio 2011 3.03 Stato al 1 gennaio 2011 Rendite per superstiti dell AVS Rendite per superstiti 1 Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, del padre o della madre, i superstiti

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2016 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2013) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2013) Luglio 2015 Capo Area Programmazione, Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente dell U.I. Ufficio Comunale di Statistica:

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Rinnovo 2006 - Tabelle

Rinnovo 2006 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Prestazioni Rinnovo 2006 - Tabelle Decreto 18 novembre 2005 G.U. n. 278 del 29 novembre 2005 A cura della Direzione Centrale per le Pensioni

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROGETTO DI LEGGE NAZIONALE N. 8 Presentato dai consiglieri Ferone, Battellino

Dettagli

Fondo speciale dirigenti ex-inpdai. Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali

Fondo speciale dirigenti ex-inpdai. Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali Fondo speciale dirigenti ex-inpdai Istituto Nazionale Previdenza per i Dirigenti di Aziende Industriali L Inps prosegue la sua operazione porte aperte pubblicando una scheda sul fondo speciale dirigenti

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

TuttoInps. Le pensioni. La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti. Sommario

TuttoInps. Le pensioni. La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti. Sommario TuttoInps Le pensioni La pensione di vecchiaia per i lavoratori dipendenti Sommario NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO... 2 NEL SISTEMA RETRIBUTIVO... 3 NEL SISTEMA MISTO... 4 LA DOMANDA... 4 LA DECORRENZA... 4

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2012) Febbraio 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

La situazione del sistema pensionistico in Friuli Venezia Giulia

La situazione del sistema pensionistico in Friuli Venezia Giulia La situazione del sistema pensionistico in Friuli Venezia Giulia Le prestazioni pensionistiche nella Regione Friuli Venezia Giulia: il quadro Circa 500.000 pensioni ( su 1.223.000 abitanti) Un importo

Dettagli

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Maggio 2015 Più si va avanti e più si allontana l accesso alla pensione degli italiani. Col passare degli anni, infatti, aumenta l età

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015

DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 DOCUMENTO SULLE RENDITE Aggiornato al 23/06/2015 Per l erogazione della rendita COMETA ha stipulato, al termine della selezione prevista dalla normativa, una convenzione assicurativa, in vigore fino al

Dettagli

Prospettive per il 2015. Vittorio Boccaletti Area Programmazione Risorse Finanziarie e di Bilancio

Prospettive per il 2015. Vittorio Boccaletti Area Programmazione Risorse Finanziarie e di Bilancio Prospettive per il 2015 Vittorio Boccaletti Area Programmazione Risorse Finanziarie e di Bilancio 26 febbraio 2015 L impatto della manovra finanziaria Comparto province 2012 2013 2014 2015 2016 2017 D.L.78/2010

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI 5 dicembre 2014 Anno 2013 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Nel 2013 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 272.746 1 milioni di euro, è aumentata dello 0,7 rispetto all anno

Dettagli

PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA

PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA PER L ASSEGNO SOCIALE, CRESCE DAL 2013 IL REQUISITO DELL ETA Dal 1 gennaio 2013 il requisito dell età, 65 anni per le donne e gli uomini, per ottenere l assegno sociale è soggetto all incremento della

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

Le pensioni pagano l'irpef

Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni pagano l'irpef Le pensioni sono equiparate ai redditi da lavoro dipendente e quindi sono soggette a tassazione. L'Inps si sostituisce al fisco ed effettua sulle pensioni una ritenuta alla fonte

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

TuttoInps. Fondi speciali di previdenza. Il fondo volo. Sommario

TuttoInps. Fondi speciali di previdenza. Il fondo volo. Sommario TuttoInps Fondi speciali di previdenza Il fondo volo Sommario PENSIONE DI VECCHIAIA... 2 PENSIONE DI ANZIANITÀ... 2 LA PENSIONE DI INVALIDITÀ SPECIFICA... 3 LA PENSIONE DI INVALIDITÀ GENERICA... 3 LA PENSIONE

Dettagli

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995

La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 La pensione per i lavoratori in servizio al 31.12.1995 Pensione di vecchiaia La pensione di vecchiaia viene riconosciuta a condizione che ricorrono le seguenti condizioni: compimento dell età pensionabile

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale - Allegato alla Nota informativa - Documento sul regime fiscale Allegato alla Nota informativa Pagina 1

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Rinnovo 2011 - Tabelle

Rinnovo 2011 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2011 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,4% Limiti di reddito INVCIV totali 1,0% Indennità

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

Libero Domani. Documento sul regime fiscale

Libero Domani. Documento sul regime fiscale Società del Gruppo Sara Libero Domani Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5092 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del

Dettagli

PIANO DI PREVIDENZA F10

PIANO DI PREVIDENZA F10 REGOLAMENTO 1 a PARTE PIANO DI PREVIDENZA F10 A partire dal 1 gennaio 2012, per tutte le persone assicurate nel piano di previdenza F10 entra in vigore l ordinamento per la previdenza professionale ai

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2012

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2012 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2012 2 aprile 2014 Nel 2012 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 270.720 milioni di euro, è aumentata dell 1,8% rispetto all anno precedente,

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

FONDO DI PREVIDENZA PER IL PERSONALE ADDETTO AI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO

FONDO DI PREVIDENZA PER IL PERSONALE ADDETTO AI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento dei maggiori fondi speciali gestiti dall Istituto. Questo vuole essere un

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

ATA, UN LAVORO IMPORTANTE. Corso di formazione Le pensioni: il ruolo della segreteria. Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia

ATA, UN LAVORO IMPORTANTE. Corso di formazione Le pensioni: il ruolo della segreteria. Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia ATA, UN LAVORO IMPORTANTE Lavori e professionalità per la scuola dell autonomia. Gestire le risorse, conoscere la normativa, partecipare ai progetti Corso

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di risparmio supplementare valido dal 0 gennaio 05 Indice DISPOSIZIONI GENERALI... 3. Cerchia delle persone assicurate... 3. Scopo... 3.3

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/03/2012

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/03/2012 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 14/03/2012 Circolare n. 38 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

I REQUISITI PER LA REALIZZAZIONE DEI DIRITTI ALLA PENSIONE NELLA REPUBBLICA DI CROAZIA SECONDO LA LEGGE SULL ASSICURAZIONE PENSIONI

I REQUISITI PER LA REALIZZAZIONE DEI DIRITTI ALLA PENSIONE NELLA REPUBBLICA DI CROAZIA SECONDO LA LEGGE SULL ASSICURAZIONE PENSIONI I REQUISITI PER LA REALIZZAZIONE DEI DIRITTI ALLA PENSIONE NELLA REPUBBLICA DI CROAZIA SECONDO LA LEGGE SULL ASSICURAZIONE PENSIONI 2015. ISTITUTO CROATO ASSICURAZIONE PENSION La Legge in vigore: La Legge

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 543 29/01/2013 Identificativo Atto n. 36 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DEL FONDO CRESCO IN ATTUAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO PER I TRATTAMENTI ASSISTENZIALI E DI TUTELA SANITARIA INTEGRATIVA per l'attuazione delle

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI

DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI 10462 15/10/2009 Identificativo Atto n. 170 DIREZIONE GENERALE ARTIGIANATO E SERVIZI APPROVAZIONE DELLE GRADUATORIE DEL BANDO "CONTRIBUTI ALLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (MPMI) PER IL SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI La pensione di vecchiaia Si accede a tale prestazione al raggiungimento di una determinata età pensionabile e dopo aver maturato il requisito contributivo minimo richiesto

Dettagli

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 28 Ottobre 2002 Circolare

Dettagli

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI

Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI 17 aprile 2013 Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Nel 2011 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 265.963 milioni di euro, è aumentata del 2,9 rispetto all anno precedente,

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI

L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI Numero 19 aprile 2011 L ASSEGNO DI MATERNITA A CARICO DEI COMUNI La Gazzetta Ufficiale n. 48 del 28 febbraio 2011 ha riportato il comunicato del Dipartimento per le politiche della famiglia presso la Presidenza

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Helvetia Aequa è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5079. Helvetia Vita S.p.A.,

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2014 1

TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2014 1 3 dicembre 2015 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI Anno 2014 1 Nel 2014 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 277.067 2 milioni di euro, è aumentata dell 1,6 rispetto all anno

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE fondo pensione aperto aviva Fondo Pensione Istituito in Forma di Patrimonio Separato da AVIVA S.p.A. (Art. 12 del Decreto Legislativo 5 Dicembre 2005, n. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

PENSIONI E PENSIONATI DEL PUBBLICO IMPIEGO IN LOMBARDIA

PENSIONI E PENSIONATI DEL PUBBLICO IMPIEGO IN LOMBARDIA 90025 1 Osservatorio previdenza Spi-Cgil Lombardia scheda nr. 45 aprile 2010 PENSIONI E PENSIONATI DEL PUBBLICO IMPIEGO IN LOMBARDIA P più di 2 milioni e mezzo i pensionati pubblici, più di 300 mila in

Dettagli

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE

Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE SPECIALE/ottobre 2011 a cura di Antonio Marchini www.fpcgil.it Indice generale SINTESI DELLE NORME DEL DL 6.7.2011, N. 98, CONVERTITO IN LEGGE 15/7/2011 IN MATERIA PEVIDENZIALE...1 Coefficienti di trasformazione

Dettagli

Capitolo I Principi generali

Capitolo I Principi generali CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI ANNO 2014/2015 Indice: Capitolo I Principi generali. 1. Principi generali e finalità dell intervento.

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PER LE PENSIONI DIPARTIMENTO CENTRALE FUNZIONI MEDICO-LEGALI AREA SANITARIA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE. Circolare n.

DIREZIONE CENTRALE PER LE PENSIONI DIPARTIMENTO CENTRALE FUNZIONI MEDICO-LEGALI AREA SANITARIA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE. Circolare n. DIREZIONE CENTRALE PER LE PENSIONI DIPARTIMENTO CENTRALE FUNZIONI MEDICO-LEGALI AREA SANITARIA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE Circolare n. 82 Ai DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI Ai COORDINATORI GENERALI, CENTRALI

Dettagli

Rinnovo 2015 - Tabelle

Rinnovo 2015 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2015 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 0,3% Limiti di reddito INVCIV totali 0,5% Indennità

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Il presente decreto del Ministro dell economia e delle finanze, in attuazione di quanto disposto dall articolo 1, commi da 91 a 94, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, stabilisce

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

Sulle pensioni di vecchiaia liquidate con il sistema contributivo non spetta l'integrazione al trattamento minimo.

Sulle pensioni di vecchiaia liquidate con il sistema contributivo non spetta l'integrazione al trattamento minimo. Qualora l'importo della pensione risultante dal calcolo sia inferiore al trattamento minimo, può essere concessa una integrazione non solo considerando il reddito personale ma anche, in caso di soggetti

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI 1 Disposizioni in materia di prestazioni pensionistiche Le Le norme in in materia pensionistica

Dettagli