Piano di Studio del Corso in Gestione di Impresa (L18)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Studio del Corso in Gestione di Impresa (L18)"

Transcript

1 1 Piano di Studio del Corso in Gestione di Impresa (L18) Piano di studio per annualità e semestre. Schede operative dei moduli didattici in cui si struttura il percorso formativo.

2 2 ANNO SEMESTRE ATTIVITA' SSD INSEGNAMENTO CFU PRIMO BASE SECS-P/01 ECONOMIA POLITICA 8 PRIMO BASE SECS-P/07 ECONOMIA AZIENDALE 12 ANNO 1 ANNO 2 PRIMO BASE SECS-P/08 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 8 SECONDO BASE SECS-S/01 STATISTICA 8 SECONDO BASE IUS/01 DIRITTO PRIVATO 10 SECONDO CARATTERIZZANTE SECS-P/01 ECONOMIA POLITICA II 8 SECONDO AFFINE SECS-S/06 METODI MATEMATICI (SECS-S/06) 8 PRIMO CARATTERIZZANTE SECS-P/07 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 12 PRIMO Altre attività L-LIN/12 LINGUA INGLESE 4 PRIMO CARATTERIZZANTE IUS/04 DIRITTO COMMERCIALE 10 SECONDO CARATTERIZZANTE SECS-P/08 STRATEGIE D'IMPRESA E MARKETING 10 SECONDO CARATTERIZZANTE SECS-S/01 STATISTICA II 10 SECONDO AFFINE IUS/10 DIRITTO AMMINISTRATIVO 10 PRIMO CARATTERIZZANTE SECS-P/09 FINANZA AZIENDALE 10 PRIMO CARATTERIZZANTE IUS/07 DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI INDUSTRIALI 12 PRIMO CARATTERIZZANTE IUS/05 DIRITTO DELL'ECONOMIA 10 ANNO 3 SECONDO Altre attività A SCELTA DELLO STUDENTE* 12 SECONDO Altre attività INF/01 ABILITÀ INFORMATICHE E TELEMATICHE 4 SECONDO Altre attività SECONDA LINGUA 4 SECONDO Altre attività PROVA FINALE 4 SECONDO Altre attività TIROCINI 6 TOTALE 180 Facoltà di Economia Denominazione Corso di Laurea Gestione di Impresa Classe L18 Il percorso di formazione complessivo è stato progettato sulla base dei requisiti previsti dal SUA-CdS.

3 La progettazione didattica di dettaglio dei singoli insegnamenti di base, caratterizzanti e affini avviene, da parte dei docenti sotto la supervisione del coordinatore del Corso di Laurea, attraverso compilazione delle scheda di progettazione. Gli insegnamenti a scelta vengono pianificati ogni entro giugno dell anno solare di inizio dell attività accademica. 3 Di seguito si presentano le schede di progettazione didattica dei singoli corsi per ordine di anno accademico e semestre Denominazione insegnamento ECONOMIA POLITICA Indicazione del docente Prof. Associato Giulio Piccirilli (II fascia) Indicazione dei requisiti specifici Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. del docente rispetto all insegnamento Settore disciplinare SECS-P/01 Anno di corso Primo Anno Primo Semestre Tipologia di attività formativa Base X Caratterizzante Affine A scelta studente Numero di crediti 8 Numero di Unità Didattiche 14 Eventuali propedeuticità Obiettivi formativi Apprendimento dei principi che governano il comportamento degli agenti economici ed il funzionamento dei mercati. Capacità di interpretare gli accadimenti economici correnti alla luce di questi principi.

4 Programma didattico Il programma didattico è articolato in 14 sezioni. Gli argomenti trattati sono i seguenti: 4 UD1: L Economia di Mercato: Nozioni di Base. UD2: Le Preferenze del Consumatore. UD3: Il Vincolo di Bilancio e la Scelta Ottima. UD4: La Curva di Domanda. UD5: L Elasticità della Domanda. UD6: L Impresa: Definizione ed Obiettivi. UD7: La Tecnologia Produttiva. UD8: I costi. UD9: L Impresa Concorrenziale. UD10: Il Mercato di Concorrenza Perfetta. UD11: L Efficienza dei Mercati Concorrenziali. UD12: Il Monopolio. UD13: I Comportamenti Monopolistici e la Perdita di Efficienza. UD14: Esternalità e Beni Pubblici. Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Non sono previsti raccordi con altri corsi. Le lezioni relative alle unità didattiche 1 e 5 saranno svolte in teledidattica. Per le altre unità sono previste lezioni registrate fruibili in qualsiasi momento dallo studente. Il docente garantisce almeno un ricevimento studenti on line alla settimana durante lo svolgimento del corso. L esame finale consisterà in una prova orale su tutti gli argomenti del programma. Durante lo svolgimento del corso sono previsti quattro test di autovalutazione (uno ogni 3-4 unità didattiche).

5 Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente e con il tutor. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. Il libro di testo consigliato è il seguente: Microeconomia 4 ed., McGraw-Hill, autori: Katz, Rosen, Morgan e Bollino. Il docente indicherà agli studenti i capitoli rilevanti in relazione al programma del corso. 5 Denominazione insegnamento ECONOMIA AZIENDALE Indicazione del docente Riccardo Tiscini (Prof. Straordinario) Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto Esperienza in materia di contabilità e bilancio Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare SECS-P/07 Anno di corso Primo anno Primo Semestre Tipologia di attività formativa Base X Caratterizzante Affine A scelta studente Numero di crediti 12 Numero di Unità Didattiche 10 Eventuali propedeuticità

6 Obiettivi formativi Obiettivo dell insegnamento è la comprensione del funzionamento del sistema azienda e delle modalità di rappresentazione dei valori economici che la sua gestione genera. Il corso, quindi, dopo aver presentato una overview sull Economia Aziendale e sulle principali operazioni di gestione, fornirà gli strumenti per la comprensione delle logiche di redazione e analisi del bilancio d impresa. Programma didattico Il programma si divide in dieci unità didattiche: UD1: Introduzione all azienda UD2: Gli assetti istituzionali (La corporate governance) UD3: L organizzazione, la strategia, la gestione aziendale UD4: La rappresentazione delle operazioni di gestione UD5: La redazione del bilancio: la stima del reddito UD6: La rappresentazione di particolari operazioni di gestione UD7: Aspetti particolari delle rettifiche per la stima del reddito UD8: La regolamentazione sul bilancio UD9: L analisi della performance: equilibrio finanziario UD10: L analisi della performance: equilibrio economico Modalità di raccordo con altri Il corso si raccorda alle altre materie a carattere aziendale insegnamenti (indicare le modalità anche afferenti ai settori SECS_P/08 e SECS-P/09. e gli insegnamenti con i quali sarà L insegnamento di economia aziendale introduce da un lato necessario raccordarsi) alla gestione d impresa, aprendo finestre tematiche sulle diverse funzioni aziendali, che troveranno sviluppo nei relativi insegnamenti (economia e gestione delle imprese, marketing e comunicazione, finanza aziendale, ecc.), e dall altro all analisi della performance aziendale, i cui strumenti sono affinati nel corso di programmazione e controllo. Il raccordo tra le materie avverrà tramite la preliminare condivisione dei programmi tra i docenti finalizzata ad evitare duplicazioni/sovrapposizioni del programma ed assicurare la completezza degli argomenti trattati. Metodologia di insegnamento In teledidattica 6

7 Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente L esame finale consisterà in una prova orale (anche con applicazioni pratiche) su tutti gli argomenti previsti dal programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente e con il tutor. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. Paolo Bastia, Principi di Economia Aziendale, Cedam, Workbook e slides del corso 7 Denominazione insegnamento ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Indicazione del docente Maria Antonella Ferri Prof. Associato Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto Esperienza in materia di economia e gestione Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare SECS-P/08 Anno di corso Primo anno Primo semestre Tipologia di attività formativa Base X Caratterizzante Affine A scelta studente Numero di crediti 8 Numero di Unità Didattiche 8 Eventuali propedeuticità

8 Obiettivi formativi Programma didattico Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Fornire ai partecipanti una conoscenza approfondita sui seguenti argomenti: le condizioni interne dell impresa da cui derivano; le scelte strategiche e le sue performance; il concetto di strategia e il processo di pianificazione strategica; le condizione esterne che influenzano le scelte strategiche delle imprese; le strategie di crescita interna ed esterna attraverso cui l impresa può competere con successo nel suo mercato di riferimento. Si intende altresì fornire le conoscenze teoriche, tecniche e metodologiche che presiedono alla formazione delle decisioni strategiche d impresa. Verranno presi in esame i principi e gli strumenti manageriali per la formulazione e l attuazione della strategia in ambiente complesso, alla ricerca di un vantaggio competitivo sostenibile. Il programma si divide in dieci unità didattiche: UD1: l impresa proattiva UD2: i compiti del manager e gli stili manageriali UD3: risorse e competenze UD4: il concetto di strategia. Le strategie competitive e quelle di gruppo UD5: il processo di pianificazione strategica UD6: la ricerca del vantaggio competitivo e la catena del valore di Porter UD7: la strategia corporate e a livello di business; UD8: l ambiente competitivo e il posizionamento strategico. Il corso si raccorda alla altre materie a carattere aziendale anche afferenti ai settori SECS-P/07 e SECS-P/09. Il raccordo tra le materie avverrà tramite la preliminare condivisione dei programmi tra i docenti finalizzata ad evitare duplicazioni/sovrapposizioni del programma ed assicurare la completezza degli argomenti trattati. In teledidattica L esame finale consisterà in una prova orale (anche con applicazioni pratiche) su tutti gli argomenti previsti dal programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. 8

9 Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente e con il tutor. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. 9 Denominazione insegnamento STATISTICA I Indicazione del docente M. Simona Andreano (Ricercatore di Ruolo) Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto Ricercatore con esperienza in statistica Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare SECS-S/01 Anno di corso Primo anno Secondo semestre Tipologia di attività formativa Base X Caratterizzante Affine A scelta studente Numero di crediti 8 Numero di Unità Didattiche 8 Eventuali propedeuticità

10 Obiettivi formativi Il corso ha come obiettivo quello di fornire agli studenti i principali strumenti di base della statistica al fine di poter effettuare analisi e interpretare i risultati delle principali tecniche statistiche. Le esercitazioni e i casi studi analizzati durante il corso permettono di avere una visione empirica delle diverse tematiche affrontate e di sviluppare la capacità di applicare le conoscenze teoriche allo studio dei fenomeni reali. 10 Programma didattico Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Le tecniche statistiche verranno applicate a problemi in campo aziendale mediante l'uso di opportuni software. Il programma si divide in otto unità didattiche: UD1 - Introduzione alla statistica: definizioni e concetti di base, rappresentazione grafica. UD2 - Indici di posizione e variabilità: moda, mediana, media, scostamento quadratico, range e concentrazione. UD3 - L'analisi della regressione: correlazione, retta di regressione. UD4 - Analisi della dipendenza: tabella doppia, chi quadrato. UD5 - Probabilità e variabili casuali: concetti di base della probabilità, distribuzioni di probabilità, v.c. binomiale, v.c. normale. UD6 - Introduzione all'inferenza: campionamento, stima per intervallo e cenni sui test statistici. UD7 - Le fonti statistiche: fonti nazionali e internazionali, le indagini statistiche dell'istat, fonti territoriali locali. UD8 - Esempi applicativi e casi studio: uso dei software per elaborazioni in campo aziendale e applicazione degli strumenti statistici studiati nelle precedenti unità didattiche. Nessuno In teledidattica

11 Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente L esame finale consisterà in una prova scritta, con lo svolgimento di alcuni esercizi applicativi e un orale su tutti gli argomenti previsti dal programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente e con il tutor. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. M.K. Pelosi, T.M. Sandifer, P. Cerchiello, P. Giudici (2009): Introduzione alla Statistica, McGraw-Hill. 11 Denominazione insegnamento DIRITTO PRIVATO Indicazione del docente Prof.ssa Rossi Carleo Indicazione dei requisiti specifici Esperienza di insegnamento di diritto privato del docente rispetto Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare IUS/01 Anno di corso Primo anno Secondo semestre Tipologia di attività formativa Base X Caratterizzante Affine A scelta studente Numero di crediti 10 Numero di Unità Didattiche 7 Eventuali propedeuticità Obiettivi formativi Illustrare i principali istituti del diritto privato: in particolare, le fonti del diritto, le istituzioni giuridiche soggettive, i soggetti dell attività giuridica, le obbligazioni, i contratti, la responsabilità, favorendo i profili applicativi degli istituti in esame.

12 Programma didattico Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Il programma si divide in 12 unità didattiche: UD1: Fonti del diritto UD2: Situazioni giuridiche soggettive UD3: Soggetti dell attività giuridica UD4: Obbligazioni UD5: Contratti UD6: Contratti del consumatore UD7: Responsabilità civile In teledidattica L esame finale consisterà in una prova orale su argomenti ricompresi nel programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. 12

13 Denominazione insegnamento ECONOMIA POLITICA II Indicazione del docente Prof. Associato Giulio Piccirilli (II fascia) Indicazione dei requisiti specifici Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. del docente rispetto all insegnamento Settore disciplinare SECS-P/01 Anno di corso Primo Anno Secondo Semestre Tipologia di attività formativa Base Caratterizzante X Affine A scelta studente Numero di crediti 8 Numero di Unità Didattiche 12 Eventuali propedeuticità Obiettivi formativi Apprendimento dei principi che governano l andamento delle principali variabili macroeconomiche (pil, disoccupazione, inflazione) nel breve e nel lungo periodo. Capacità di interpretare gli accadimenti economici correnti alla luce di questi principi. Programma didattico Il programma didattico è articolato in 12 sezioni. Gli argomenti trattati sono i seguenti: 13 UD1: Elementi di Contabilità Nazionale. UD2: Il Mercato del Beni. UD3: I Mercati Finanziari. UD4: L Interazione tra Mercato dei Beni e Mercati Finanziari nel Breve Periodo: il Modello IS-LM. UD5: Il Modello IS-LM in Economia Aperta. UD6: Il Mercato del Lavoro. UD7: Produzione e Prezzi nel Medio Periodo: il Modello AS- AD. UD8: Inflazione e Disoccupazione: la Curva di Phillips. UD9: Inflazione, Aspettative e Moneta. UD10: I Fatti Stilizzati della Crescita. UD11: Risparmio ed Accumulazione di Capitale. UD12: Crescita e Progresso Tecnologico.

14 Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente Non sono previsti raccordi con altri corsi. Le lezioni relative alle unità didattiche 1 e 6 saranno svolte in teledidattica. Per le altre unità sono previste lezioni registrate fruibili in qualsiasi momento dallo studente. Il docente garantisce almeno un ricevimento studenti on line alla settimana durante lo svolgimento del corso. L esame finale consisterà in una prova orale su tutti gli argomenti del programma. Durante lo svolgimento del corso sono previsti quattro test di autovalutazione (uno ogni 3 unità didattiche). L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente e con il tutor. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. Il libro di testo consigliato è il seguente: Scoprire la Macroeconomia (I. Quello che non si può non sapere), Il Mulino, autori: Blanchard, Amighini, Giavazzi. Il docente indicherà agli studenti i capitoli rilevanti in relazione al programma del corso. 14

15 Denominazione insegnamento METODI MATEMATICI Indicazione del docente Dr.ssa Roberta Melis Indicazione dei requisiti specifici Ricercatore a tempo determinato del docente rispetto all insegnamento Settore disciplinare SECS-S/06 Anno di corso Primo anno Secondo semestre Tipologia di attività formativa Base Caratterizzante Affine X A scelta studente Numero di crediti 8 Numero di Unità Didattiche 8 Eventuali propedeuticità Obiettivi formativi Il corso si propone di fornire gli strumenti matematici di base necessari per l analisi formale dei fenomeni economici. 15

16 Programma didattico Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Il programma si divide in 8 unità didattiche: UD1: Elementi di teoria degli insiemi: operazioni fra insiemi, relazioni e funzioni. Insiemi numerici elementari: numeri naturali, interi relativi, razionali, reali. UD2: Richiami di geometria analitica del piano: piano cartesiano, equazioni di retta, parabola, circonferenza. Equazioni e disequazioni. UD3: Funzioni reali di variabile reale. Definizione di funzione. Successioni numeriche. Dominio e codominio di una funzione. Grafico. Funzioni iniettive. Funzioni invertibili. Funzioni limitate, monotone, convesse. Funzione composta. Massimi, minimi. Funzioni elementari. UD4: Limiti di funzioni reali di variabile reale. Funzioni continue. Teoremi sulle funzioni continue. UD5: Nozione di derivata e suo significato geometrico. Regole di derivazione. Teoremi sulle funzioni derivabili. Teoremi di De L Hospital. UD6: Studio di funzioni, asintoti, massimi e minimi locali e globali, convessità e concavità, flessi. UD7: Integrali. Definizione di integrale definito e di integrale indefinito. Calcolo di aree di regioni piane. Metodi di risoluzione di un integrale (cenni). UD8: Funzioni di due variabili reali. Cenni sulla massimizzazione libera e vincolata. In teledidattica L esame finale consisterà in una prova scritta e orale (facoltativa) su argomenti ricompresi nel programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. 16

17 Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. L. Peccati, S. Salsa e A. Squellati, Matematica per l Economia e l Azienda, EGEA, Milano. U. Merlone e G. Redaelli, Matematica generale (378 esercizi commentati e risolti), ETAS, seconda edizione. 17 Denominazione insegnamento PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Indicazione del docente Dr. Mario Fabio Polidoro (Docente a contratto) Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto Esperienza di insegnamento di economia aziendale Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare Secs-P/07 Anno di corso Secondo anno Primo semestre Tipologia di attività formativa Base Caratterizzante X Affine A scelta studente Numero di crediti 12 Numero di Unità Didattiche 12 Eventuali propedeuticità Economia aziendale Obiettivi formativi Obiettivo dell insegnamento è la comprensione del funzionamento di un moderno sistema di programmazione e controllo della gestione, visto nel suo contesto organizzativo e nei diversi strumenti di rilevazione (antecedente, concomitante e susseguente) di cui si avvale.

18 Programma didattico Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente Il programma si divide in 12 unità didattiche: UD1: La contabilità direzionale UD2: Relazioni tra costi e volumi UD3: I costi pieni UD4: La rilevazione ed allocazione dei costi UD5: L Activity Based Costing UD6: Costi standard e costi congiunti UD7: Gli scostamenti di costi UD8: Costi e processi decisionali UD9: Il controllo direzionale UD10: Il budget di esercizio UD11: La misurazione della performance UD12: La progettazione del sistema di contabilità direzionale Il corso si raccorda alla altre materie a aziendale ed in particolare la corso di economia aziendale. Il raccordo tra le materie avverrà tramite la preliminare condivisione dei programmi tra i docenti finalizzata ad evitare duplicazioni/sovrapposizioni del programma ed assicurare la completezza degli argomenti trattati. In teledidattica L esame finale consisterà in una prova orale (anche con applicazioni pratiche) su tutti gli argomenti previsti dal programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. R.N. Anthony - D.F. Hawkins - D.M. Macrì - K.A. Merchant, Sistemi di controllo. Analisi economiche per le decisioni aziendali, 13 Edizione, McGraw-Hill,

19 Denominazione insegnamento LINGUA INGLESE Indicazione del docente Dr.ssa Elvira Ricci (Docente a contratto) Indicazione dei requisiti specifici Esperienza di insegnamento di lingua inglese del docente rispetto Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare Anno di corso Secondo anno Primo semestre Tipologia di attività formativa Base Caratterizzante Affine A scelta studente Altre attività X Numero di crediti 4 Numero di Unità Didattiche 9 Eventuali propedeuticità Obiettivi formativi L obiettivo del corso è quello di fare acquisire una conoscenza della lingua Inglese sufficiente da permettere di leggere, tradurre e capire testi generici e con contenuto di business.. 19

20 Programma didattico Il programma si divide in 9 unità didattiche: UD1: Alphabet and spelling/ Parts of Speech; Verb to be ; Simple Present. UD2: Present Simple. Adverbs and expressions of frequency. Infinitive and ing form. UD3: Adjectives. Present Simple; negatives and questions; conjunctions and/but ; have/ have + got. UD4: Adjectives there is/there are; Modal verb can/can t /could; Prepositions. UD5: Countable and uncountable nouns; How much/many/a lot of. UD6: Present Perfect. Past Time references; How long have for since ago. Comparatives. UD7: Past Simple and past continuous; Conjunctions because/but/so ; Present Perfect (ever / never); The Genetive (Possessive). UD8: Present Continuous; Present Continuous and present simple. UD 9: Talking about Future Plans; Simple Future will/shall ; Adverbs of Time; Present Perfect. 20 Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Nessun raccordo In teledidattica L esame finale consisterà in una prova orale su argomenti ricompresi nel programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso.

21 Testi di esame da studiare a cura dello studente 21 Denominazione insegnamento DIRITTO COMMERCIALE Indicazione del docente Meo Professore Ordinario Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto Esperienza di insegnamento della materia Inquadramento nel settore CUN corrispondente al corso. all insegnamento Settore disciplinare IUS/04 Anno di corso Secondo anno Primo semestre Tipologia di attività formativa Base Caratterizzante X Affine A scelta studente Numero di crediti 10 Numero di Unità Didattiche 6 Eventuali propedeuticità Obiettivi formativi Obiettivo dell insegnamento è fornire gli elementi di base di conoscenza in relazione alla disciplina dell'imprenditore, delle società di persone e di capitali, dei contratti commerciali e dei titoli di credito. Programma didattico Il programma si divide in sei unità didattiche: UD1: L'impresa UD2: Disciplina dell'imprenditore commerciale UD3: La rappresentanza dell'impresa e l'azienda UD4: L'impresa esercitata in forma collettiva UD5: Società in generale UD6: Società per azioni Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Il corso si raccorda alla altre materie a carattere giuridico ed aziendale. In particolare ai corsi di economia aziendale e diritto privato. Il raccordo tra le materie avverrà tramite la preliminare condivisione dei programmi tra i docenti finalizzata ad evitare duplicazioni/sovrapposizioni del programma ed assicurare la completezza degli argomenti trattati.

22 Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti In teledidattica L esame finale consisterà in una prova orale. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. 22 Denominazione insegnamento STRATEGIE DI IMPRESA E MARKETING Indicazione del docente Maria Antonella Ferri (II fascia) Indicazione dei requisiti specifici del docente rispetto all insegnamento Settore disciplinare Secs-P/08 Anno di corso Secondo anno Secondo semestre Tipologia di attività formativa Base Caratterizzante X Affine A scelta studente Numero di crediti 10 Numero di Unità Didattiche 10 Eventuali propedeuticità Si consiglia il superamento di Economia e gestione delle imprese Obiettivi formativi Gli studenti saranno in grado di mettere in pratica le teorie di marketing acquisite attraverso la proposta di un modello di piano di marketing flessibile, adattabile sia ai beni che ai servizi. Verranno inoltre analizzate ed acquisite le principali tecniche di analisi strategica, in particolare sarà proposto uno studio sia teorico che applicativo delle mappe di posizionamento.

23 Programma didattico Modalità di raccordo con altri insegnamenti (indicare le modalità e gli insegnamenti con i quali sarà necessario raccordarsi) Metodologia di insegnamento Modalità di esame ed eventuali verifiche di profitto in itinere Modalità di iscrizione e di gestione dei rapporti con gli studenti Testi di esame da studiare a cura dello studente Il programma si divide in 10 unità didattiche: UD1: La pianificazione strategica UD2: Il piano di marketing: struttura, fasi ed obiettivi UD3: L analisi SWOT UD4: Il posizionamento UD5: Le politiche operative UD6: Il prodotto e il prezzo UD7: La comunicazione e la distribuzione UD8: Le politiche operative nei servizi UD9: L e-marketing UD10: Il marketing internazionale Il corso si raccorda all economia e gestione delle imprese. Il raccordo tra le materie avverrà tramite la preliminare condivisione dei programmi tra i docenti finalizzata ad evitare duplicazioni/sovrapposizioni del programma ed assicurare la completezza degli argomenti trattati. In teledidattica L esame finale consisterà in una prova orale su argomenti ricompresi nel programma. E previsto lo svolgimento di test di autovalutazione. L iscrizione ed i rapporti con gli studenti sono gestiti mediante la piattaforma informatica che permette sia l iscrizione ai corsi sia la partecipazione a forum e tutoraggi, il download del materiale didattico, la comunicazione con il docente. E previsto un tutor che supporterà gli studenti durante il corso. In corso di adozione 23

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Corso di Studio in (Classe L-18) (Classe LM-77) Guida dello studente A.A. 2014/2015. Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale

Corso di Studio in (Classe L-18) (Classe LM-77) Guida dello studente A.A. 2014/2015. Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale Guida dello studente A.A. 2014/2015 Agli Studenti del Dipartimento di Economia Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA GUIDA DELLO STUDENTEE OFFERTA FORMATIVAA e PROGRAMMI di INSEGNAMENTO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Master universitario di II livello in ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT, INNOVAZIONE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Settima Edizione a.a. 2013-2014 1. Finalità Il master è diretto alla formazione di dirigenti,

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011 Nell A.A. 2010-2011 sarà attivato il 1 anno del Corso di Laurea in Formazione di operatori

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS

IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS IL CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELLE ATTIVITA DI APPRENDISTATO 2012-2014 A UCS Le attività formative svolte sono riconoscibili e pertanto possono essere oggetto di domanda di rimborso a condizione che: -

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli