Relazionarsi con gli attori del sistema pubblico e privato del settore; Caratteristiche del sistema turistico domanda- offerta prodotto;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazionarsi con gli attori del sistema pubblico e privato del settore; Caratteristiche del sistema turistico domanda- offerta prodotto;"

Transcript

1 ANNO 1 I SEMESTRE TITOLO UNITA FORMATIVA ABILITA OGGETTO DI SVILUPPO Modulo introduttivo al percorso: Costruzione del gruppo e presentazione strumenti di auto sviluppo Il modulo ha l'obiettivo di avviare un processo di integrazione tra i componenti del gruppo come necessario presupposto all apprendimento collaborativo; all'interno del modulo una parte significativa è attribuita alla illustrazione degli obiettivi e modalità di utilizzo degli strumenti proposti dal percorso quali relazione, piattaforma, diari,allo scopo di far percepire il loro significato funzionale alla crescita individuale,ed alla presentazione dei ruoli organizzativi. 35 ore ( 20 doc.; 10 a.;5 couns.) UF 11 Il prodotto turistico: il rapporto tra ambiente e mercato Correlare le principali caratteristiche geografiche, storico-culturali, artistiche e logistiche del territorio di riferimento alla proposta del prodotto/servizio di benessere; Relazionarsi con gli attori del sistema pubblico e privato del settore; Caratteristiche del sistema turistico domanda- offerta prodotto; Organizzazione del sistema turistico a livello europeo, nazionale locale; La ricerca delle peculiarità del territorio per sviluppare la proposta di benessere; Attori della filiera turistica: definizione e modelli di business; 100( 24 doc.;12 doc. ; 40 uscita visite; 16 sistematizzazione esperienza.;8 studio) Mod Il target del benessere Correlare le principali caratteristiche geografiche, storico-culturali, artistiche e logistiche del territorio di riferimento alla proposta del prodotto/servizio di benessere; Scenari economici politici, sociali e geografici che hanno impatto sulla domanda di benessere; 25 ore( 16 doc.; 1 a.; 8 studio) UF 12 Legislazione del turismo Conoscere generale il quadro normativo di riferimento europeo, italiano e della provincia di Trento per svolgere le attività operative e gestionali oggetto di studio in altre unità formative Legislazione turistica Turismo sostenibile 25 ( 16 doc.;8 a.;1 studio) UF1 Principi organizzativi Disegnare le mansioni lavorative e predisporre la ripartizione dei carichi di lavoro Definire ruoli ed incarichi del personale Fornire informazioni funzionali al coordinamento dei diversi reparti della struttura Organigrammi e funzioni grammi

2 Le principali forme di flessibilità organizzativa Divisione e coordinamento del lavoro Ruoli competenze 25 ( 13 doc.; 10 a.; 2 studio) UF 16 Qualità e sicurezza nel Centro benessere Stabilire parametri di qualità e applicare i criteri di sicurezza Tipologie e caratteristiche dei servizi offerti nel centro benessere Normativa vigente delle SPA in materia di igiene sicurezza e salvaguardia ambientale Fattori esogeni ed endogeni che determinano la qualità totale 25 ( doc.; 9 aut.) Mod. D Diagnosticare problemi individuare soluzioni Rilevare di dati relativi allo svolgimento di processi lavorativi e delle tecnologie impiegate; Rilevare e risolvere anomalie che si manifestano nei processi lavorativi; Utilizzare strumenti di laboratorio per la diagnosi di guasti e anomalie; Utilizzare modelli logici, algoritmi matematici e tecniche statistiche per la diagnosi di guasti e anomalie; Individuare criticità dei processi di produzione di beni e servizi in rapporto ai diversi profili di attenzione; Prospettare soluzioni e proposte di miglioramento Principi scientifici e tecnologie dell area di riferimento; Calcolo di indicatori relativi ai processi ed al funzionamento delle tecnologie impiegate; Elementi di statistica descrittiva; Strumenti statistici per la Qualità (diagrammi causa effetto, diagrammi di Pareto, ecc) 30 (20 doc; 5 a.; 5 counseling) UF 2 Il prodotto ed i processi di base del Centro benessere Definire i protocolli relativi alle modalità, tempi, luoghi di produzione ed erogazione del servizio Processi, attività, carichi di lavoro Il funzionamento del front e del back office 35 ( 25 doc.; 5 a.; 5 counseling) UF 3 Processi del servizio ricettivo collegati al Centro benessere Definire i protocolli relativi alle modalità, tempi, luoghi di produzione ed erogazione del servizio

3 Processi, attività, carichi di lavoro Il funzionamento del front e del back office 38 (25 doc; 5 a.;5 couns.) UF 4 Prodotti e processi del servizio termale Definire i protocolli relativi alle modalità, tempi, luoghi di produzione ed erogazione del servizio Processi, attività, carichi di lavoro Il funzionamento del front e del back office 50 ( 30 d.; 10 a.; 10 studio) Mod. B Stili di relazione e comunicazione con clienti e collaboratori Comprendere le esigenze ed i punti di vista dei propri interlocutori; Gestire le relazioni in modo assertivo nella chiarezza degli impegni reciproci; Gestire le relazioni con interlocutori problematici e in situazioni conflittuali; Condurre trattative negoziali e stabilire accordi Concetti base e tecniche relative alla comunicazione assertiva; Concetti base e tecniche relative alla gestione dei conflitti Tecniche di negoziazione 25 (20 doc.; 3 a. ; 2 studio) UF 28 Praticantato: il prodotto ed i processi di base del Centro benessere (150 ore) L unità formativa ha l obiettivo di portare i partecipanti ad individuare modalità, tempi e luoghi di produzione del servizio nei centri benessere al fine di comprendere i processi operativi e le connessioni tra i servizi come presupposti per la loro organizzazione e gestione 138 in azienda ; 10 sistematizzazione in aula ; 2 counseling) UF 29 Praticantato: processi del servizio ricettivo collegati al Centro benessere ( 150 ore) Il praticantato ha l obiettivo di portare i partecipanti a conoscere e sperimentare le modalità di funzionamento del front office (per la conoscenza delle presenze, delle caratteristiche della clientela; il coordinamento della gestione delle promozioni di prodotti e servizi del centro benessere e dei rapporti con il cliente), dell housekeeping (per i rifornimenti necessari, per rispondere a particolari esigenze della clientela per allestimento delle camere), della cucina(per la conoscenza dei tempi e modalità di produzione di menu dietetici), dell economato (per la gestione degli ordini e la fatturazione dei servizi), della manutenzione(per le esigenze e segnalazioni di intervento su attrezzature e problematiche del centro benessere) 138 in azienda ; 10 sistematizzazione in aula ; 2 counseling)

4 ANNO 1 II SEMESTRE UF 303 Praticantato: prodotti e processi del servizio termale (150 ore) Mod. 2.1 Meccanismi di integrazione Il praticantato ha l'obiettivo di far identificare i protocolli relativi alle modalità di erogazione dei servizi termali a partire da una corretta comunicazione delle offerte al front-office, ai criteri di organizzazione del servizio stesso con il controllo della qualità inerente l applicazione del mezzo termale, per arrivare ad una pianificazione del lavoro giornaliero. 138 in azienda ; 10 sistematizzazione in aula ; 2 counseling) Il modulo ha l'obiettivo di mettere in evidenza i processi di integrazione tra il Centro benessere e le organizzazioni cui fa riferimento, ovvero centro termale o unità ricettiva. Processi, attività, carichi di lavoro Il funzionamento del front e del back office 25 ( 16 doc. ; 8 a.; 1 couns.) UF 26 Inglese 1 Redigere comunicazioni tecniche, commerciali e promozionali in lingua inglese Utilizzare la lingua inglese nelle conversazioni con i diversi interlocutori 75 ( 60 doc.; 10 a.; 5 couns.) UF 7 Principi di gestione economica Analizzare costi e ricavi Individuare i fattori critici e di successo Gestire il budget aziendale di competenza Predisporre rapporti, tabulati e bilanci di previsione Rilevare e analizzare i dati relativi alla situazione economico/finanziaria Elementi di economia aziendale Parametri di efficienza produttiva e vantaggio economico Indicatori per analisi di bilancio 75 ( 50 doc.; 15 a.; 10 counseling ) Mod. 7.1 Il sistema informatico per la gestione Il modulo ha l obiettivo di far acquisire abilità nell utilizzo di programmi e pacchetti applicativi informatici in uso nel settore. 50 ( 30 doc; 15 a.; 5 counseling) Mod. 6.1 Elementi di resource management Analizzare i fabbisogni professionali del Centro benessere e individuare le caratteristiche qualitative e quantitative delle risorse umane necessarie Individuare ruolo e posizionamento del dipendente all interno del team Elementi di re source management

5 25 ( 16 doc.; 5 a.; 4 couns.) Mod. 6.2 Selezione Effettuare colloqui di selezione e la scelta del personale da inquadrare Canali di ricerca per il reclutamento Criteri di lettura e valutazione dei curricula Nozioni di metodologie e tecniche di selezione del personale La gestione del colloquio 35 ( 16 doc.+4 test.;10 a.;5couns.) Mod 6.3 Formazione e sviluppo Elaborare le linee guida del piano di formazione continua Effettuare azioni di addestramento on the job del personale operativo Monitorare la qualità delle relazioni interne all azienda al fine di risolvere le criticità Motivare ed incentivare il personale valutando fabbisogni formativi Metodiche di analisi delle organizzazioni come sistemi socio-tecnici Tecniche di rappresentazione di processi e procedure di lavoro Tecniche per la valutazione dei processi e la formulazione di proposte di miglioramento Metodologie per il disegno delle procedure in materia di sicurezza del lavoro Metodologie per gestire l addestramento del personale operativo Tecniche di gestione del team 25 (16 doc.; 8 a.; 1couns.) Mod. 6.4 Principi e norme contrattuali Curare l esercizio del potere disciplinare Le norme che disciplinano il contratto di lavoro del settore di riferimento 25 (16 doc.; 8 a.;1 couns.) UF 5 Organizzazione del lavoro Creare piani di lavoro Organizzare i turni di lavoro in un ottica di massima performance nella distribuzione degli stessi Monitorare e valutare le prestazioni degli addetti Individuare gli elementi che influiscono su un efficace organizzazione del lavoro Criteri di progettazione dell organizzazione del lavoro e delle risorse umane in un unità/servizio ricettivo La micro organizzazione del lavoro L organizzazione del lavoro e la sua valutazione La S.W.O.T. analisys

6 25 (16 doc. ;8 a. ; 1 couns.) Mod. C Leadership e gestione del gruppo Partecipare alla realizzazione di progetti assumendo la responsabilità di specifiche attività nell ambito del gruppo di lavoro incaricato (team di progetto); Comprendere i propri punti di forza e debolezza rispetto a situazioni di lavoro in team; Assumere su delega il coordinamento di personale operativo facente parte del gruppo di lavoro; Contribuire alla soluzioni di problemi relazionali che possono intervenire nei gruppi di lavoro Le dinamiche psico-sociali nei gruppi di lavoro La gestione delle riunioni e la valutazione dei risultati; La leadership nei gruppi di lavoro Team building 25 (16 doc.;8 a.;1 couns.) UF 31 Praticantato: organizzazione del lavoro (150 ore) Il praticantato ha l'obiettivo di far sperimentare criteri e modalità di definizione dell'organizzazione del lavoro, attraverso la pianificazione dei turni, la verifica della qualità del servizio erogato, la produttività delle risorse impiegate 132 in azienda; 16 sistematizzazione esp.; 2 couns.) UF 13 Marketing come modalità di acquisizione dati Individuare le fonti documentali e relazionali utili a disporre di dati aggiornati Utilizzare criteri e metodi di analisi delle informazioni, delle norme, dei dati finalizzate ad individuare opportunità offerte dal territorio Adottare un metodo di raccolta dati significativo rispetto al fenomeno da valutare Utilizzare software ed archivi dedicati Marketing come processo di informazione,raccolta, trattamento ed interpretazione dei dati Marketing come processo di informazione,raccolta, trattamento ed interpretazione dei dati; Principali fonti di raccolta dati a livello europeo /locale; Elementi di statistica; 25 (16 doc.;8 a.;1 couns.) UF 14 Analisi e interpretazione dei dati di marketing Esaminare i dati relativi all andamento dei consumi turistici, dei target di interesse Rilevare il grado di competitività della struttura Utilizzare strategie di lettura ed analisi delle informazioni e dei dati, finalizzate a ideare, posizionare, riposizionare il servizio richiesto e ad individuare possibilità di sviluppo Utilizzare software ed archivi dedicati

7 I principali metodi di rilevazione ed analisi statistica Segmentazione, targeting, posizionamento 30 ( 16 doc.;10 a.; 4 couns.) UF 15 Costruzione del prodotto /servizio Scegliere linee cosmetiche adeguate ad un servizio di qualità ed in linea con il posizionamento dell azienda Attuare politiche di prezzo, di promozione e lancio, di distribuzione dell offerta Definire la struttura tariffaria dei servizi Predisporre uno SPA menu Analisi di fattibilità di un prodotto/servizio relativo al settore benessere Elementi di economia aziendale Politiche di pricing 50 ( 40 doc.; 10 a.) ANNO 2 III SEMESTRE UF 9 Criteri e tecniche di approvvigionamento Scegliere le aziende fornitrici secondo parametri di convenienza, efficienza e qualità Interagire con gli operatori di settore per avviare contratti di acquisto, manutenzione, assistenza e formazione Strumenti di diagnosi aziendale di base Tecniche di problem solving, decision taking, di controllo della conversazione e di superamento delle obiezioni Gli accordi commerciali I contratti di compravendita La redazione degli ordini di servizio e relazioni a carattere tecnico Sistemi di controllo del budget Tecniche di segmentazione e monitoraggio dei fornitori Normativa e tecniche relative alla vendita e contrattualizzazione con gli interlocutori della filiera 25 (16 doc.; 9 a.) UF 32 Praticantato: criteri e tecniche di approvvigionamento (100 ore) Il praticantato ha l obiettivo di far sperimentare criteri e tecniche di approvvigionamento secondo le procedure richieste in merito a capitolati, preventivi, ordinativi e contratti. 88 in azienda; 10 sistematizzazione; 2 couns.)

8 UF 17 Influenza del territorio sulle scelte di design Scegliere infrastrutture, arredamenti tecnici, attrezzature,forniture varie e prodotti cosmetici al fine di ottimizzare il processo operativo e la valorizzazione delle filiere produttive territoriali. Valutare il rispetto delle sequenze di percorsi di trattamento diversificati Caratteristiche standard, strumentali e di funzionalità delle principali infrastrutture della SPA Nuovi trend emergenti Ecosostenibilità La ricerca delle filiere produttive di settore presenti sul territorio locale e nazionale 25 ( 16 doc. + 4 test. ; 5 a.) UF 18 Utilizzo degli spazi come elemento di efficienza organizzativa e di comunicazione al cliente Organizzare e controllare l allestimento degli spazi di lavoro Ottimizzare il processo operativo in accordo con elevati standard qualitativi L ambiente come strumento di comunicazione Layout espositivo e visual merchandising Metodologie e sistemi di controllo della qualità 25 ( 20 doc.; 5 a. ) UF 25 Project management Contribuire ad impostare e gestire un progetto nelle sue varie fasi (avvio, pianificazione, attuazione, controllo e chiusura); Valutare i costi e i tempi di attuazione; Valutare i fattori di rischio (fattori critici di successo); Impostare il Piano di Qualità di un progetto; Monitorare e documentare lo svolgimento di un progetto Metodologie e tecniche di Project Management; Tecniche di Reporting (Dossier di progetto, verbali delle riunioni di progetto, ecc) Ruolo del Project Manager 25 ( 16 doc.; 8 a.; 1 couns.) UF 33 Praticantato: costruzione del prodotto/servizio (150 ore Il praticantato ha l obiettivo di consentire l analisi delle variabili che hanno determinato il prodotto/servizio.della realtà in cui i partecipanti sono inseriti. Ha inoltre l obiettivo di far sperimentare, in affiancamento al responsabile dell unità, modalità e criteri per innovare il prodotto/servizio in rapporto alle specificità del target. 132 in azienda; 16 sistematizzazione; 2 couns.) UF 21 Interpretare i dati quali-quantitativi relativi all andamento dei consumi turistici (occupazione presenze, tariffe, consumi dei prodotti e servizi offerti) del target di Marketing strategico e

9 operativo interesse Confrontare i dati di performances della propria struttura con quelli della concorrenza per individuare azioni correttive Individuare le leve del marketing mix utili a posizionare il prodotto Documentare le fasi del processo di valorizzazione delle risorse del territorio Utilizzare forum e social network per dialogare con le comunità professionali di riferimento Definire fonti e modalità utili per il proprio aggiornamento continuo Impostare e gestire programmi di autoaggiornamento Tecniche di analisi della concorrenza Tecniche di marketing strategico ed operativo in ambito turistico Marketing di destinazione turistica S.W.O.T analysis Problem solving come modalità per perseguire la soddisfazione del cliente Tecniche di benchmarking 25 ( 20 doc.; 4 a.; 1 couns.) UF 22 La commercializzazione del prodotto/servizio Individuare strategie competitive del valore per il cliente Individuare le specifiche azioni di vendita differenziate in base al target Promuovere strategie di incentivazione per i collaboratori volte a favorire la vendita di servizi e prodotti Valutare i risultati del processo di vendita e la redemption Criteri di individuazione ed analisi del cliente potenziale Sales marketing plan Strategie di pricing Canali di vendita dei pacchetti e servizi wellness Tecniche di gestione del portafoglio clienti 50 (40 doc.; 8 a.; 2 couns.) Mod L uso del web nella commercializzazione Utilizzare software ed archivi dedicati al settore Informatica applicata all elaborazione dei dati statistici; 25 ( 16 doc.; 9 a.) Mod Identificare modalità di vendita del servizio

10 Tecniche di vendita Le fasi del processo di vendita Le tecniche di vendita Le regole per essere un consulente di successo 25 (16 doc.;9 a.) Mod. A Tecniche di comunicazione promozionale e public speaking Preparare e gestire una esposizione orale (illustrazione di un prodotto / servizio; spiegazione ad un collaboratore, ecc) Verificare la comprensione di una comunicazione da parte dei destinatari; Preparare e stendere un documento scritto (relazione tecnica, procedura di lavoro, ecc) Linguaggio tecnico delle discipline di riferimento Public Speaking; Metodologie di Technical Writing; Strumenti Office a supporto della preparazione/di un testo 25 ( 16 doc.; 8 a.; 1 couns.) UF 23.1 Criteri e strumenti di promo comunicazione Identificare il processo e gli strumenti della comunicazione promozionale Ideare e valutare modalità di visibilità sul web del prodotto / servizio Identificare gli elementi descrittivi del prodotto servizio da inserire nella comunicazione promozionale istituzionale e specifica Valutare l efficacia dei canali di social networking per la comunicazione del proprio prodotto e servizio Sviluppare i rapporti con gli attori della filiera turistica Processo e strumenti della comunicazione promozionale: analisi del pubblico, organizzazione e stesura del messaggio gestione del feed back, valutazione della redemption Criteri che definiscono il posizionamento / visibilità dell informazione sul sito web Tecniche di analisi della concorrenza 30 ( 20 doc lab.) UF 23.2 Customer relationship management Elaborare e promuovere piani di azione volti alla fidelizzazione della clientela Utilizzare il data base di marketing per promuovere azioni di fidelizzazione del cliente Nozioni di customer care e customer satisfaction Definizione del customer profyling Strumenti di fidelizzazione della clientela Costruzione di un piano di social marketing

11 Criteri e strumenti per la fidelizzazione del cliente 25 ( 20 doc.; 5 a.) UF 34 Praticantato: marketing e commercializzazione (150 ore) Il praticantato ha l obiettivo di far analizzare i criteri e le politiche utilizzate per la commercializzazione del prodotto nelle specifiche realtà attraverso l analisi del piano di vendite, degli strumenti di comunicazione utilizzati in rapporto al target e di valutazione della redemption. 132 in azienda; 16 sist.; 2 couns.) ANNO 2 IV SEMESTRE UF 24 Costruzione delle reti Individuare i modelli di business che caratterizzano gli attori, o potenziali operatori, della filiera turistica ed i presidi organizzativi dell unità Individuare le figure funzionali allo sviluppo del progetto Criteri di lettura delle imprese e del loro business 20 (12 doc.; 8 a.) UF 27 Inglese 2 Redigere comunicazioni tecniche, commerciali e promozionali in lingua inglese Utilizzare la lingua inglese nelle conversazioni con i diversi interlocutori 75 (50 doc.; 20 a.; 5 couns.) UF 8 Pianificazione e controllo dei costi di gestione Interpretare i dati aziendali in funzione dell elaborazione di un bilancio relativo a indici e flussi Analizzare i dati relativi all andamento economico passato, presente e alle tendenze del breve/ medio periodo Applicare i sistemi di misurazione aziendale e tecniche di calcolo della produttività Applicare criteri di controllo di gestione Effettuare analisi relative al costo del servizio (direct cost, full cost) e loro implicazioni in termini di marketing Valutare possibili azioni di cost improvement Elementi di statistica Elementi di economia (calcolo dei costi ) Il sistema dei costi

12 Fondamenti di gestione economica dell impresa (l equilibrio economico e la remunerazione dei fattori produttivi, lettura del bilancio, ecc. ) Concetti base relativi al controllo di gestione Tecniche di valutazione del costo del prodotto / servizio Tecniche di valutazione costi /benefici tra alternative decisionali Concetti base relativi all analisi degli investimenti La competizione commerciale (elementi base di marketing) Le risorse soft di una azienda (immagine, reputazione e fiducia degli stakehoder, rapporti con il territorio Docenza frontale,esercitazioni sull'utilizzo di pacchetti applicativi per la gestione individuali ed in sottogruppi. 75 (50 doc.; 20 a.; 5 couns.) UF 19 Management della sicurezza Docente individuato Sovrintendere all applicazione di metodiche e tecniche di igiene e pulizia degli spazi, degli strumenti e delle attrezzature Promuovere comportamenti di prevenzione corretti e consapevoli di prevenzione Sovrintendere all applicazione di metodiche di manutenzione ordinaria degli strumenti e delle attrezzature attinenti alla produzione dei servizi Normative e dispositivi igienico-sanitari a tutela della sicurezza della persona e del ambiente D.LSG.81/2008 La manutenzione delle infrastrutture SPA: metodologie e sistemi di controllo Metodi per la rielaborazione delle situazioni di rischio Normativa ambientale e fattori di inquinamento Tecniche di rilevazione delle situazioni di rischio 25 ( 12 doc + 4 test.+ 1 couns.) UF 20 Indicatori per la pianificazione e il controllo del servizio Monitorare la qualità dei servizi erogati nel percorso benessere Rilevare le best practices e le aree critiche suscettibili di intervento e di sviluppo Monitorare statisticamente il grado di soddisfazione della clientela del centro benessere rispetto al servizio erogato Elaborare report di valutazione Identificare correttivi e possibili azioni di miglioramento Metodologie di analisi e monitoraggio dei processi produttivi dei servizi Tecniche di intervista Analisi statistica della qualità del servizio

13 Indici di produttività e redditività Il sistema qualità applicato al settore Il report di valutazione: criteri e caratteristiche compositive 25 (16 doc.; 8 a.; 1 couns.) UF 35 Praticantato: indicatori per la pianificazione e il controllo del servizio (150 ore) Il praticantato ha l'obiettivo di far sperimentare un attività di supervisione complessa prendendo in esame tutte le variabili che consentono di verificare l'efficacia /efficienza del servizio, sia dal punto di vista dei parametri economici che di soddisfazione del cliente 132 in azienda 16 sistematizzazione 2 couns. UF 10 Controllo dell efficacia/efficienza organizzativa Analizzare l organizzazione in funzione della politica di servizio e dei costi Rilevare elementi critici di funzionamento dell organizzazione interna rispetto agli obiettivi e alle strategie aziendali Valutare la produttività di ogni collaboratore in funzione del target mensile/annuale Applicare il sistema di misurazione della qualità riferita al cliente interno ed esterno Effettuare analisi costi/benefici rispetto ad alternative di organizzazione dei processo lavorativi e decisioni di investimento Individuare strategie per lo sviluppo della competitività dell impresa Metodologie di analisi e diagnosi organizzativa Fondamenti di gestione economica dell impresa (equilibrio economico e la remunerazione dei fattori produttivi, lettura del bilancio, ecc. ) Concetti base relativi al controllo di gestione Tecniche di valutazione del costo del prodotto / servizio Tecniche di valutazione costi /benefici tra alternative decisionali Concetti base relativi all analisi degli investimenti La competizione commerciale (elementi base di marketing) Le risorse soft di una azienda (immagine, reputazione e fiducia degli stakehoder, rapporti con il territorio) 25 (16 doc.; 6 a.;3 couns.) UF 36 PRATICANTATO FINALE: progettazione, organizzazione e gestione del servizio/prodotto benessere (400 ore) Il praticantato ha lo scopo di far sperimentare agli allievi il presidio gestionale/manageriale di processi di costruzione/gestione/controllo di servizi, individuati con l azienda ospite e coerenti con il profilo professionale in uscita. 380 in azienda; 16 sistematizzazione; 4 couns.)

14 LEGENDA Doc. = ore destinate alla docenza frontale in aula A. = ore destinate all autoformazione assistita ( ore studio a casa con eventuale guida a distanza del docente) Couns.= ore destinate a studio o colloquio con un tutor dell apprendimento

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli