Innovazione, competizione ed economia della conoscenza Innovation, Competition and Knowledge based Economy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione, competizione ed economia della conoscenza Innovation, Competition and Knowledge based Economy"

Transcript

1 4 Global I profondi mutamenti del nostro tempo hanno comportato una seria trasformazione delle competenze e dei sistemi di lavoro, sempre più fondati sull economia della conoscenza. Il passaggio all economia della conoscenza richiede però investimenti coraggiosi: se l Europa vuole mantenere il suo livello di vita, il suo sviluppo sostenibile, l equilibrio regionale e vuole veramente continuare su questa strada non ha altra soluzione che investire in ricerca. L obiettivo da porsi è di migliorare il livello della conoscenza scientifica, liberalizzare le università, realizzare modelli di interazione tra ricerca e impresa. The enormous changes in working methods and skills taking place today are carrying us rapidly into the knowledge economy. Nevertheless, the transition into the knowledge economy requires bold investments: if Europe wants to maintain its living standards, its sustainable growth, its regional balance and really wants to continue on its current course, it has no choice but to invest in research. Our aim must be to raise our level of scientific knowledge, deregulate our universities, establish models for cooperation between research and business. Innovazione, competizione ed economia della conoscenza Innovation, Competition and Knowledge based Economy In occasione della cerimonia per l avvio dei lavori di realizzazione del nuovo centro di ricerca Italcementi ITCLab Innovation and Technology Central Laboratory, la Fondazione Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti ha organizzato lo scorso dicembre una tavola rotonda su Istituzioni, università, imprese: le leve per l innovazione. L incontro, a cui hanno partecipato oltre 250 invitati, ha visto la partecipazione di Luigi Nicolais, ministro per le Riforme e l Innovazione nella Pubblica Amministrazione, Adriano De Maio, delegato per l Alta Formazione, la Ricerca e l Innovazione della Regione Lombardia, Andrea Moltrasio, presidente del Comitato Tecnico Europa di Confindustria e presidente di Bergamo Scienza, Alberto Bombassei, vicepresidente di Confindustria per le Relazioni Industriali e gli Affari Sociali ed Ezio Andreta, presidente APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, moderati da Dario Di Vico, vicedirettore del Corriere della Sera. Come imprenditore ha sottolineato il presidente Italcementi Giampiero Pesenti nel saluto di apertura dei lavori ritengo che l innovazione sia il mezzo più efficace per essere protagonisti nella competizione globale: per questo la ricerca che genera innovazione nelle imprese è la leva per la competitività dell intero sistema Paese. Lo spunto per affrontare il tema della ricerca è stato offerto da Roberto Verganti, direttore dell Alta Scuola Politecnica Milano/Torino, che ha illustrato i risultati di una ricerca dell IReR condotta per la Fondazione Italcementi sui modelli virtuosi di rapporto tra istituzioni, università e imprese nella promozione delle innovazioni tecnologiche derivanti dalla ricerca scientifica. I meccanismi di interazione tra università e imprese, quali la creazione di spin-off, l acquisto di brevetti da parte delle aziende, la stipula di contratti di ricerca rileva lo studio costituiscono solo la punta di un iceberg nel complesso sistema di confronto. Sotto la superficie esistono meccanismi più informali senza i quali è impossibile attivare la collaborazione. L accogliere studenti per periodi di stage, la formazione continua, l incontro tra ricercatori producono la base per rapporti più formali in quanto creano capitale relazionale. D altro canto le imprese hanno bisogno di interagire con i centri di ricerca pubblica poiché la conoscenza necessaria per generare le innovazioni diventa sempre più elevata, multidisciplinare e complessa, mentre anche per le università e i centri di ricerca è fondamentale l interazione con le imprese, perché da queste interazioni nascono gli stimoli che possono portare a nuove scoperte. I processi di trasferimento della conoscenza sono però spesso complessi e articolati: lo studio IReR ha messo in luce che un ruolo importante in questi processi è ricoperto dalle grandi imprese, dal momento che solo queste possono contare su centri di ricerca e sviluppo e un organizzazione adatta a interagire con l università. I risultati, sul piano pratico, sono commisurati alle risorse, economiche e umane, che ogni paese mette in gioco nel suo impegno a sostenere la ricerca e l innovazione. Negli ultimi anni, sia nella comunità scientifica sia nel dibattito pubblico, è stata ampiamente evidenziata l importanza dell innovazione a base scientifica e tecnologica per lo sviluppo economico Istituzioni, università, imprese: le leve per l innovazione Government, Universities, Industry: Levers for Innovation di Roberto Verganti*, Paolo Landoni e Claudio Roveda e sociale ed è stata sottolineata la stretta relazione tra la capacità d innovazione delle imprese da un lato e i sistemi locali della ricerca pubblica dall altro. In particolare viene chiesto sempre di più alle imprese di investire in Ricerca e Sviluppo e al sistema della ricerca pubblica di trasferire conoscenze e tecnologie al mondo industriale. Nonostante tutti gli studi e i dibattiti sul tema, non è stata ancora trovata

2 On the occasion of the cornerstone ceremony in December 2006 for the new Italcementi s Innovation and Technology Central Laboratory ITCLab the Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti Foundation organized a round table on the theme Government, universities, industry: levers for innovation. The speakers at the event, attended by more than 250 guests, were Luigi Nicolais, Italy s Minister for Reform & Innovation in the Public Administration, Adriano De Maio, Lombardy s Regional Delegate for Higher Education, Research & Innovation, Andrea Moltrasio, Chairman of the Confindustria Technical Committee for Europe and Chairman of Bergamo Scienza, Alberto Bombassei, Confindustria Vice President for Industrial Relations & Social Affairs, and Ezio Andreta, Chairman of the Agency for the Promotion of European Research (APRE). The debate was moderated by Dario Di Vico, deputy editor of the Corriere della Sera newspaper. Opening the round table, Italcementi Chairman Giampiero Pesenti said: As a business man, I believe innovation is the most efficient path to leadership in global competition. This is why research that generates innovation in our business organizations is the lever for the competitiveness of the entire country-system. The research debate was introduced by Roberto Verganti, Principal of the Alta Scuola Politecnica ASP (Milan-Turin), who illustrated the results of an IReR survey conducted for the Italcementi Foundation on virtuous models for relations between government, universities and industry to promote technological innovation based on scientific research. The survey found that the mechanisms for interaction between universities and industry the creation of spin-offs, the purchase of patents by companies, research contracts are just the tip of the iceberg in a highly complex system of relationships between the two communities. Beneath the surface more informal mechanisms operate, without which cooperation would not be possible. Student internships, on-the-job training, meetings among researchers create the relational capital that lays the foundation for ties of a more formal nature. At the same time, industry needs to interact with public research centers, since innovation depends on increasingly advanced, interdisciplinary and complex levels of knowledge; equally, interaction with the business community is essential for universities and research centers, because it generates the stimuli that may lead to new discoveries. Knowledge transfer processes, however, are often complex and elaborate: the IReR study found that an important role in these processes is played by large corporations, who alone have the R&D centers and organization structures to interact with universities. At a practical level, results are commensurate with the economic and human resources that each country invests to support its commitment to research and innovation. una soluzione al problema dello sviluppo, dell innovazione e della ricerca. Il punto di partenza di questo studio condotto per la Fondazione Italcementi è stato proprio questo: il problema è estremamente complesso, investe una moltitudine di soggetti diversi, di relazioni e di processi, di azioni politiche e di scelte manageriali che lo rendono non risolvibile se affrontato dall alto, cioè solo in termini numerici o statistici, con un ottica rivolta al passato e senza la capacità di cogliere le diverse sfumature nei comportamenti e nelle organizzazioni. Abbiamo quindi deciso di utilizzare una metodologia innovativa, di cercare una nuova chiave interpretativa per il nostro studio: abbiamo scelto di partire dal basso, di considerare i diversi soggetti coinvolti e in particolare le loro relazioni. Abbiamo deciso di cercare ed evidenziare alcuni casi eccellenti e da questi generalizzare e indicare opportunità di azione per i diversi attori singolarmente o in interventi coordinati. Inoltre abbiamo ritenuto necessario adottare un approccio originale anche per quanto riguarda la prospettiva adottata nello studio e abbiamo scelto di focalizzare l attenzione sulle imprese piuttosto che sulle istituzioni o i centri di ricerca, partendo dalla consapevolezza che è proprio nelle imprese che si sviluppano le innovazioni. Il problema Tutti i report internazionali degli ultimi anni evidenziano una situazione di difficoltà dell Italia e dell Europa in termini di indicatori per la ricerca e l innovazione. Nella tabella 1 sono stati selezionati alcuni degli indicatori più rilevanti, ma la situazione è ben nota: l Europa e in particolare l Italia sono in una situazione di difficoltà sia rispetto agli Stati Uniti e al Giappone sia, in prospettiva, rispetto ai paesi emergenti come Un momento della tavola rotonda. A highlight from the round table discussion. ad esempio la Cina. Inoltre l Italia, anche nel contesto europeo, si trova distanziata dagli altri paesi del G7 e dai paesi del Nord Europa come la Svezia. I problemi sono relativi agli investimenti in ricerca (in particolare quelli industriali), alla propensione all innovazione tecnologica (brevetti) e soprattutto al numero di ricercatori, che sono la risorsa fondamentale per la ricerca. E inoltre, come emerge dalla seconda parte della tabella, la situazione è anche in peggioramento. Nonostante che in valore assoluto sia riscontrabile una crescita, gli altri sistemi si stanno muovendo più velocemente e quindi in termini relativi il divario aumenta. In particolare, ritornando alla prospettiva delle imprese e quindi dell innovazione, è significativa la perdita di competitività sui mercati high-tech che si è registrata negli ultimi 20 anni. Infine, come comincia a essere evidenziato anche dai dati, nuovi paesi si affacciano sulla scena internazionale e, a differenza di quanto spesso si legge, non intendono competere solo sulle attività a basso valore aggiunto, ma soprattutto sulla ricerca e l innovazione. Il caso dell India e delle sue performance, in particolare sulle tecnologie dell Information e Communication Technology (ICT), inizia a essere ben noto, così come quello della Corea e delle altre cosiddette tigri asiatiche, ma anche la Cina sta volgendosi con decisione in questa direzione come dimostrano gli investimenti in ricerca in percentuale sul Pil (già oggi più alti rispetto all Italia) 5

3 6 e il tasso di crescita della quota dei mercati high-tech negli ultimi 20 anni, che è stato pari all 800% (European Union, Key-figures ). A questi dati ampiamente noti si sono accompagnati numerosi studi e dibattiti. Tra le varie considerazioni emerse sono ricorrenti in particolare tre conclusioni: in primo luogo c è un problema di risorse, in secondo luogo c è un problema di efficienza e di qualità e infine c è un problema relativo ai processi di innovazione e di trasferimento tecnologico. Sul primo punto non si può che essere d accordo: il confronto internazionale pone delle sfide evidenti e richiede maggiori sforzi orientati al futuro da parte delle imprese e delle amministrazioni pubbliche, nuovi sistemi di valutazione e incentivazione degli investimenti in ricerca e sviluppo nelle imprese, nelle università e nei centri di ricerca. Il secondo punto invece richiede una maggiore attenzione. È innegabile la necessità di attività di ricerca e sviluppo di qualità, è fondamentale che gli investimenti non vadano dispersi in organizzazioni non in grado di valorizzarli adeguatamente ed è altrettanto evidente che in Italia e in Europa siano possibili numerosi passi avanti in questo senso. Ma è altrettanto importante sottolineare che, pur in presenza di una realtà estremamente eterogenea, sono presenti diversi ottimi centri di ricerca e università così come numerose imprese innovative e di successo. In termini di produttività scientifica (rapporto tra numero di pubblicazioni e numero di ricercatori), ad esempio, l Italia è perfettamente in linea con la media dell Unione europea e ha una produttività quasi doppia rispetto agli Stati Uniti Tabella 1: INDICATORI PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE (European Commission Third European Report on S&T Indicators, 2003). Sottolineare i margini di miglioramento dei centri di ricerca e delle imprese rimane un aspetto fondamentale, ma il dibattito che vede contrapposti da un lato quelli che assegnano tutte le colpe ai centri di ricerca (sostenendone l incapacità di fare ricerca utile ) e dall altro quelli che considerano responsabili le imprese perché troppo piccole è stato finora un dibattito sterile che non coglie a nostro avviso gli aspetti prioritari. Per quanto siano effettivamente necessarie azioni volte ad affrontare le critiche sopra evidenziate per ognuno dei due attori principali del sistema dell innovazione, l attenzione maggiore deve essere posta sulle relazioni, le interazioni e i processi che vedono coinvolti entrambi. In quest ottica sono possibili diversi spazi d intervento per le amministrazioni pubbliche in termini di governance del sistema complessivo e di facilitazione dell incontro e della collaborazione tra i diversi soggetti. Riprendendo il terzo dei punti prima evidenziati, possiamo quindi rilevare che c è un problema relativo ai processi di innovazione e di trasferimento tecnologico su cui occorre ITA EU(25) Usa Giappone Svezia UK Germania Francia % Pil investito in R&S 1,16 1,93 2,59 3,15 4,27 1,89 2,51 2,15 Spesa in R&S (milioni di ) Quota investimenti R&S da industria 43 55,6 63,1 74,5 71,9 43,9 66,1 52,1 Ricercatori ogni 1000 lavoratori 2,8 5,4 9 10,1 10,1 5,5 6,3 6,8 % di ricercatori industriali 39, ,5 67,9 60,6 57,9 58,1 51,1 Brevetti (triadic) per milione di abitanti 14,8 43,3 * 57,7 92,3 91,8 36,7 90,7 40,3 ITA EU(25) Usa Giappone Svezia UK Germania Francia Tasso di crescita investimenti in R&S 2,7 4,5 4,8 3,15 8,4 2,8 3,3 2,1 Tasso di crescita ricercatori 0,7 2,8 3,2 2,1 4,6 4,1 1,5 3 Tasso di crescita ricercatori industriali -1,3 0,9 0,8-0,4 1,7 1 0,5 1,6 Crescita brevetti (triadic) per milione di abitanti (10 anni) 26% 74%* 43% 29% 102% 68% 97% 32% Nuovi PhD in S&T 0,18 0,49 0,41 0,27 1,37 0,68 0,8 0,71 Crescita quota dei mercati high tech (20 anni) -36% -22% 1% -27% n.d. -34% -54% 15% * EU 15 Fonti: EU Key-figures 2005 e EU Key-figures , US National Science Board - Science and Engineering Indicators 2004, OECD Science, Technology and Industry Scoreboard Dati 2003 o ultimi dati disponibili. intervenire. Non a caso, infatti, negli ultimi anni la cosiddetta economia evolutiva ha sottolineato l importanza per l innovazione delle imprese di quelli che sono definiti elementi di contesto e in particolare della presenza e dell interazione dei diversi attori: sono stati approfonditi i concetti di sistemi nazionali (o regionali o settoriali) dell innovazione e si è affermata la consapevolezza dell esistenza di una tripla elica di relazioni tra università, imprese e istituzioni. Il seguito di questo lavoro si concentrerà quindi su questi aspetti considerando come i diversi soggetti coinvolti interagiscono e possono interagire con gli altri attori del sistema per aumentare la capacità complessiva di fare innovazione. La prospettiva delle imprese Il soggetto da cui occorre partire, come già accennato, sono le imprese. Se il problema che stiamo affrontando riguarda l innovazione come leva per lo sviluppo economico e sociale, occorre capire innanzitutto come le imprese fanno innovazione e come possono fare parte di un sistema interconnesso. In effetti, è sempre più chiaro che le imprese sono interessate ad aprirsi, ad assorbire conoscenza dal contesto. Molti dati dimostrano come il fenomeno sia globale, cioè sempre più la ricerca delle imprese avviene in interazione con il contesto e non più solo all interno dei propri laboratori. Ad esempio le scelte di localizzazione dei centri di ricerca delle imprese sono sempre più indirizzate verso parchi scientifici e tecnologici o in generale in prossimità di altri centri di ricerca industriali o pubblici e università. Questo fenomeno di apertura si verifica per una serie di motivi, tra cui l aumentata complessità della scienza e della tecnologia e dei costi e dei rischi associati alla ricerca. Le tecnologie stesse sono sempre più complesse e trasversali e le imprese, non riuscendo a dominarle tutte e in modo completo, non possono che aprirsi all esterno. Coesistono, inoltre, diverse traiettorie tecnologiche sia in termini di input, cioè di direzioni lungo le quali orientare la ricerca più esplorativa, sia in termini di output cioè di tecnologie da sviluppare per ottenere innovazioni. In generale le attività di ricerca e sviluppo diventano sempre più rischiose (in particolare in termini di risultati raggiungibili e probabilità di successo) e costose (in termini di sforzo necessario e risorse coinvolte)

4 Figura 1. IL CASO DEL SETTORE FARMACEUTICO Investimenti totali in R&S (miliardi di $) e numero di New Chemical Entities (NCEs) Fonte: 2004 Pharma Annual Survey, 2003/2004 Parexel's Pharmaceutical Industry Sourcebook ed è quindi necessario rendere il processo più flessibile avvalendosi di input e collaborazioni esterne. Nel caso del settore farmaceutico, ad esempio come emerge dalla figura 1 gli investimenti in Ricerca e Sviluppo sono dovuti aumentare in modo quasi esponenziale per mantenere almeno costante il numero di nuovi principi attivi. In risposta a queste difficoltà le aziende farmaceutiche hanno progressivamente aumentato le loro relazioni con altri centri di ricerca e oggi quasi il 50% dei prodotti da loro commercializzati deriva da accordi di licensing con piccole imprese o centri di ricerca (Evaluate Pharma; ISO Healthcare, 2003). Questo nuovo approccio delle imprese all innovazione è stato recentemente descritto con il termine Open Innovation (Chesbrough, H., 2003) in contrapposizione al vecchio modello definito di Closed Innovation. Si è cioè passati da grandi laboratori interni alle imprese, normalmente segreti e chiusi rispetto all esterno, a imprese che considerano i propri confini permeabili sia alle ricerche e alle idee provenienti dall esterno sia in termini di commercializzazione, licensing e spin-off di proprie idee e ricerche non strettamente legate al core business dell impresa. Sono ormai disponibili numerosi esempi di questo nuovo approccio anche a livello italiano, ma due casi sono a nostro avviso particolarmente significativi per illustrare le modalità attraverso le quali è possibile mettere in pratica questi concetti. Il primo caso riguarda la Pfizer. Questa azienda, tra le più grandi del settore farmaceutico, da alcuni anni ha lanciato un programma chiamato Drug Pfinder TM che si basa sulla collaborazione dei propri grandi e attrezzati laboratori con gruppi di ricercatori accademici di tutto il mondo. L azienda permette a ricercatori selezionati di partecipare alle prime fasi dell identificazione di nuovi composti chimici, di ottenere benefici economici nel caso in cui i risultati del loro lavoro portino a nuovi farmaci e di ricevere finanziamenti per le loro ricerche e le loro collaborazioni. In questo modo, come sottolineato dalla stessa Pfizer, i ricercatori ottengono risorse per le proprie ricerche e l impresa riesce ad ampliare il proprio portafoglio di risorse, idee e creatività. Ancora più interessante è il caso Procter & Gamble che è stato anche ripreso in un recente articolo della rivista Harvard Business Review (Huston & Sakkab, 2006). Questa impresa, partendo dalla considerazione che per ognuno dei nostri ricercatori ve ne sono almeno 200 altrettanto bravi in altre parti del mondo, si è organizzata per accedere a questo enorme bacino di conoscenze. In particolare ha creato 70 technology entrepreneur, settanta professionisti che di mestiere fanno scouting, ricercano tecnologie, conoscenze e competenze, vanno in giro per il mondo a cercare opportunità e soluzioni per la loro impresa. Negli Stati Uniti, ad esempio, in questo momento sono un grande successo le patatine sviluppate da questa impresa chiamate Pringles Print e caratterizzate dall aver stampato su ogni patatina, a seconda della confezione, trivia, massime, indovinelli su vari temi. L aspetto interessante è che l implementazione di questa idea non è stata sviluppata nei laboratori di ricerca interni; l impresa ha cercato di capire se e chi avesse già sviluppato una tecnologia di inchiostri alimentari o qualcosa di simile, e alla fine ha trovato la soluzione in uno spin-off accademico dell Università di Bologna. In generale Procter & Gamble dichiara che ormai oltre il 50% dell innovazione della propria impresa proviene dall esterno e che con questo nuovo approccio e con questa nuova struttura organizzativa si è dimezzato il time-to-market, ottenuta una crescita della produttività della ricerca e sviluppo del 60%, e raddoppiato il tasso di successo dell innovazione. Non a caso Huston e Sakkab, discutendo di questo caso nel loro articolo, suggeriscono di non parlare più di ricerca e sviluppo ma di connessione e sviluppo enfatizzando quindi l aspetto del collegamento nei confronti del contesto esterno rispetto all investimento in ricerca all interno della propria impresa. La necessità di sempre maggiori connessioni è evidenziata anche dall affermarsi, in particolare a livello internazionale, di società di intermediazione e di veri e propri marketplace delle tecnologie come ad esempio Innocentive o NineSigma. Questi soggetti, che nascono sulla base delle esigenze delle imprese, hanno lo scopo di mettere in comunicazione le aziende che hanno problemi da risolvere o idee da sviluppare con i ricercatori di tutto il mondo e costituiscono un ulteriore canale attraverso il quale cercare nuove collaborazioni. I casi presentati hanno due interessanti similitudini che ci permettono di sottolineare ed esemplificare due primi risultati del nostro studio. In primo luogo emerge quanto stia diventando strategico per le imprese guardare al proprio esterno, cercare e cogliere nuove opportunità e farlo, aspetto non scontato, con un ottica internazionale. È necessario prendere coscienza che questi fenomeni di trasferimento di conoscenze e tecnologie avvengono a livello globale, le imprese che non trovano risposte ai loro problemi nel contesto locale iniziano a cercare in altri paesi, e allo stesso tempo i ricercatori che non individuano possibilità di sviluppo per i loro ritrovati o finanziamenti per le loro ricerche nel proprio territorio iniziano a rivolgersi altrove. Pur riconoscendo il valore della prossimità per questi processi e in particolare per gli aspetti relativi alla fiducia e alle conoscenze tacite, idee e conoscenze hanno una grande mobilità e la localizzazione non può costituire una scusa o un alibi. Al contrario sono presenti 7

5 L avv. Giovanni Giavazzi, presidente della Fondazione Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti, saluta i partecipanti alla tavola rotonda. The Chairman of the Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti Foundation, Giovanni Giavazzi, welcomes the round table speakers. 8 grandi opportunità per chi si organizza per coglierle. Proprio questo aspetto organizzativo costituisce la seconda significativa analogia tra i due casi e ci permette di introdurre il secondo risultato del nostro lavoro: così come è necessaria una maggiore attenzione verso l esterno dell impresa, altrettanto e anzi ancora più importante per cogliere appieno i vantaggi del nuovo approccio è una rinnovata attenzione verso l interno dell impresa. In primo luogo non è sufficiente una semplice predisposizione verso l esterno: la scoperta di nuove opportunità e nuove soluzioni non avviene naturalmente e, anche se il caso può certamente giocare un ruolo rilevante, è necessario creare le condizioni perché queste occasioni si presentino. Serve cioè essere proattivi e organizzarsi, individuare programmi e figure professionali ad hoc per queste operazioni di scouting e di selezione. E tutto ciò può non essere sufficiente se non è affiancato da un altro cambiamento interno fondamentale sempre dal punto di vista organizzativo: un nuovo assetto dei laboratori interni di ricerca e sviluppo nella direzione di una maggiore capacità d interazione con soggetti e idee esterne. Può succedere che nuove opportunità e tecnologie si manifestino alle imprese, anche senza particolari sforzi da parte loro, attraverso l intermediazione di altri soggetti o semplice fortuna, ma senza la capacità di cogliere e sviluppare queste opportunità è difficile che dall incontro si sviluppino significative innovazioni. Come sottolineato in un famoso articolo di Cohen e Levinthal (1990) le imprese hanno bisogno di capacità assorbitive per appropriarsi, rielaborare e sviluppare, al fine di ottenere delle innovazioni, le conoscenze provenienti dall esterno. Le attività innovative non possono quasi mai essere date completamente in outsourcing, è necessario che nell impresa ci siano le risorse, in primo luogo umane, in grado di trasformare le conoscenze in innovazioni apportando il contributo, l esperienza e il know-how dell impresa stessa. Nei due casi brevemente descritti si è accennato, infatti, ai grandi e attrezzati laboratori della Pfizer e ai ricercatori della Procter & Gamble. Queste imprese si aprono verso l esterno, ma senza rinunciare a fare ricerca, senza rinunciare ai ricercatori che possono tradurre in innovazioni anche le conoscenze generate all esterno. Su quest ultimo punto è necessario un approfondimento in quanto un altra evidente similitudine tra i due casi presentati è che entrambi riguardano imprese di dimensioni molto grandi che operano in mercati internazionali. Dal nostro punto di vista le considerazioni sviluppate non valgono però solo per queste tipologie di imprese: anche imprese di medie e piccole dimensioni possono seguire la strada indicata e diversi esempi lo confermano. La condizione fondamentale non è tanto la dimensione quanto la possibilità e la consapevolezza della necessità di investire in risorse umane qualificate in grado di generare innovazione, anche assorbendo conoscenze e tecnologie dall esterno. Sicuramente questo investimento è più semplice per imprese medie e grandi, ma la considerazione che spesso viene fatta, che cioè in un contesto molto significativo di piccole imprese il ruolo delle università e dei centri di ricerca pubblici sia ancora più importante come possibile sostituto della ricerca industriale, è a nostro avviso fuorviante. Diversi studi hanno ormai dimostrato che se le imprese non sono opportunamente organizzate internamente, se non dispongono di capacità assorbitive e non hanno strutture interne dedicate con ricercatori o tecnici specializzati, difficilmente riusciranno non solo ad appropriarsi della conoscenza generata al loro esterno e a tradurla in innovazione, ma anche a capire a chi rivolgersi, a porre le domande giuste e in generale a comunicare con il mondo della ricerca e delle tecnologie. Non a caso da un recente studio sulle imprese lombarde è emerso che tra le imprese con più di 50 addetti oltre l 80% ha laureati in organico e circa il 50% ha ospitato stage di studenti universitari, mentre tra le imprese con meno di 50 addetti solo il 35% ha laureati in organico e solo il 15% ha ospitato stage di studenti universitari. In conclusione per le imprese sta diventando strategico guardare al proprio esterno e devono quindi organizzarsi per cercare nuove opportunità, conoscenze e tecnologie; ma per far funzionare il processo di trasferimento di conoscenze e tecnologie tra imprese, centri di ricerca pubblici e università non è sufficiente che i diversi soggetti entrino in contatto: le imprese devono organizzarsi internamente per sviluppare capacità assorbitive che permettano loro di cogliere queste opportunità. La prospettiva delle università e dei centri di ricerca pubblici Un secondo attore fondamentale del sistema dell innovazione sono le università e i centri di ricerca pubblici. Della loro importanza come luoghi di produzione di conoscenza e di formazione di risorse umane qualificate per le imprese si è già accennato e in questa sede non è prioritario discuterne, da un lato perché sono già presenti numerosi studi al riguardo, dall altro perché su questo punto c è un sostanziale consenso sia a livello scientifico sia a livello di dibattito pubblico. Più interessante è invece il dibattito sull opportunità, sulle modalità e sulla capacità di questi attori di trasferire conoscenze e tecnologie e in generale sul loro impegno nella relazione con il mondo industriale. È ormai evidente che molti di questi attori, in particolare a livello internazionale, hanno fatto di questo punto una loro terza missione. Tra i motivi che spingono a una collaborazione con le imprese tre sono a nostro avviso particolarmente rilevanti: lo stimolo alla ricerca, l immagine e l integrazione delle risorse finanziarie. In primo luogo, molti ricercatori hanno capito i limiti di un modello lineare che consideri unicamente un passaggio unidirezionale dalla ricerca di base alla ricerca applicata, allo sviluppo industriale. Le relazioni sono molto più complesse, e per quanto la ricerca libera, di curiosità, continui a costituire un fondamento imprescindibile dello sviluppo scientifico e tecnologico, è ormai chiaro che diversi stimoli e sfide possono venire dal mondo industriale e portare a grandi scoperte, come avvenuto ad esempio per la microbiologia

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli